ICT Information and Communication Tecnologies (H2020-ICT-2015) Tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC - ICT)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ICT 2015 - Information and Communication Tecnologies (H2020-ICT-2015) Tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC - ICT)"

Transcript

1 ICT Information and Communication Tecnologies (H2020-ICT-2015) Tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC - ICT) Nell ambito del pilastro Leadership Industriale del programma HORIZON 2020 è stato aperto il bando 2015 per il settore TIC (bando H2020-ICT-2015). Budget complessivo: 561 milioni di euro Leadership in enabling and industrial technologies i. Information and Communication Technologies H2020-ICT 2015 Future Internet Negli ultimi 30 anni, Internet è diventato una grande infrastruttura per la crescita, la creazione di posti di lavoro e per il progresso sociale. Internet deve continuare a promuovere e sostenere lo sviluppo e accogliere tutti i diversi usi per i quali non è stato inizialmente previsto. L'obiettivo è quindi quello di affrontare gli aspetti tecnici e di uso più critici per adarlo a sostenere le enormi aspettative future della società in generale. I temi dell'internet del futuro saranno quindi: i) affrontare i limiti di un Internet non progettato per supportare la grande serie di requisiti imposti da un utilizzo sempre più diversificato; ii) sostenere l'avvento dei più efficienti modelli computazionali e di gestione dei dati in risposta alle sfide poste da una maggiore dispositivo / connettività, oggetti e dati di applicazioni intensivi; iii) sfruttare Internet per promuovere usi innovativi di valore sociale ed economico anche beneficiare delle funzionalità geospaziali di Internet futuro. La strategia si basa su una serie complementare di tecnologia push - azioni di utilizzo estraibili. Il punto di vista tecnologico si rivolge in primo luogo ai limiti delle reti di comunicazione e delle infrastrutture di cloud computing e dei servizi che si spostano verso un mondo iperconnesso con centinaia di miliardi di dispositivi alimentati dai servizi ambientali e pervasivi. La prospettiva di utilizzo è supportata dai primi banchi di prova per disponibilità di sperimentazioni e validazione della ricerca (FIRE +) e usi collaborativi sociali e imprenditoriali innovativi con gli utenti nel controllo e nello sfruttando delle tecnologie avanzate. Questo è completato con le azioni nei confronti degli imprenditori di Internet per sfruttare le opportunità di business a valle. - Bando ICT : Collective Awareness Platforms for Sustainability and Social Innovation (Piattaforme consapevolezza collettiva per la sostenibilità e l'innovazione sociale). - SCAD. 14/04/2015 Budget: a) 24 + b) 4 + c) 7 + d) 1 Million Sfida specifica: La sfida è quella di sfruttare la potenza collaborativa di reti ICT (reti di persone, di conoscenze, di sensori) per creare consapevolezza collettiva e individuale sui molteplici minacce di sostenibilità che la nostra società si trova ad affrontare oggi a livello sociale, ambientale e politico. L'intelligenza collettiva risultante porterà a processi decisionali più consapevoli e responsabilizzare i cittadini, attraverso la partecipazione e l'interazione, ad adottare comportamenti e stili di vita individuali e collettivi più sostenibili.

2 La sfida prevede la distribuzione a grandi scale di piattaforme sociali digitali per gruppi multidisciplinari di sviluppo di soluzioni innovative alle sfide della società. Ambiti: a. Progetti pilota per la presa di coscienza collettiva, di bottom-up, con paradigmi di innovazione partecipativa. Le proposte sono tenute a sviluppare e testare soluzioni pilota per definire in modo chiaro le sfide della sostenibilità sfruttando effetti di rete, facendo leva su combinazioni innovative di social network distribuiti, reti di sensori e reti di conoscenze co-creazione. Tali esperimenti scalabili e prototipi dovrebbero acquisire prove e una migliore comprensione dei processi sulla consapevolezza collettiva. Questi progetti pilota dovrebbero essere messi in pratica sui recenti sviluppi in open data, open source, social networking distribuiti e open hardware. I progetti devono cogliere appieno il potenziale delle comunicazioni mobili esistenti, l'integrazione di reti e collaborazione online e possono fare uso di dispositivi di rilevamento mobili integrati innovativi per creare la consapevolezza collettiva di rischi e opportunità. Possono essere contemplate soluzioni pioniere di crowdsourcing / crowdfunding e nuovi meccanismi per l'innovazione sociale il cui rendimento atteso va oltre il PIL e gli indicatori di successo tradizionale. I progetti devono essere guidati dall utente, coinvolgendo le comunità esistenti di persone e, eventualmente, affrontare una combinazione di aree di sostenibilità. I partecipanti devono includere non solo l'industria e il mondo accademico, ma anche le comunità locali, attivisti di base, gli hacker, imprenditori sociali, gli studenti, i cittadini, le industrie creative e le organizzazioni della società civile. I consorzi dovrebbero essere di natura multidisciplinare: è necessaria la partecipazione di almeno due soggetti da domini differenti rispetto alle tecnologie ICT (ad esempio scienze sociali, psicologia, economia, arte, etc.). Data la loro natura di progetto pilota, le proposte dovrebbero essere piuttosto compatte e piccole, anche se i progetti tra cui lo sviluppo tecnologico e / o integrazione possono richiedere maggiori investimenti. b. La ricerca multidisciplinare sulle piattaforme della consapevolezza collettiva (Internet Science) Proposte di ricerca e sviluppo multidisciplinari forniranno una migliore comprensione degli ostacoli e delle opportunità che sono fondamentali per lo sviluppo di piattaforme di sensibilizzazione collettiva. Le aree di ricerca comprendono, ma non sono limitati alle motivazioni e agli incentivi per la collaborazione online, l'impatto della consapevolezza estesa e la pressione dei pari nella guida verso comportamenti più sostenibili, la definizione di meccanismi di reputazione on-line, e facilitando la politica e gli sviluppi tecnologici di indirizzamento di identità, l'anonimato, l'etica, (user-centric) conservazione della privacy, il monitoraggio della neutralità della rete, l'accesso non discriminatorio, la governance collettiva (compresa la governance di Internet), nuovi modelli economici e di creazione di valore al di là del PIL, requisiti di qualità per la conoscenza generati dagli utenti, la visualizzazione delle interazioni sociali e le tendenze. L'attenzione deve essere prestata anche su come gestire comunità online in modi intelligenti, al fine di estrarre una "saggezza delle folle", che tenga adeguatamente conto della conoscibilità individuale in settori specifici. I consorzi devono comprendere almeno due soggetti da domini differenti rispetto alle tecnologie ICT. c. Piattaforme Sociali - Digitale (DSP) Piattaforme digitali sociali faciliteranno la trasposizione di soluzioni sociali esistenti o emergenti, partecipative e inclusive a scale transnazionali più grandi attraverso: coinvolgimento di ulteriori parti interessate finora escluse dal processo di innovazione (l'eliminazione delle barriere per gli utenti a rischio di esclusione e per coloro che si considerano

3 inadeguato per la partecipazione), creazione di incentivi concreti per la cooperazione tra paesi e tra domini, sensibilizzazione, a livello della società, politici e tecnologici, circa l'efficacia e le migliori pratiche di tali soluzioni. Essi possono costruire su reti multi-stakeholder e comunità stabilite ed aperte, come ad esempio i partenariati europei per l'innovazione, e applicare un ambiente cooperativo adeguato per sostenere l espansione e la governance delle TIC, accelerando la creazione di conoscenza e innovazione. Il lavoro dovrebbe affrontare attività di innovazione bottom up. Le proposte devono affrontare i fattori critici per il successo dell'innovazione sociale basato sulla domanda, inclusi i nuovi modelli di business collaborativi tra le discipline e confini stabiliti. I risultati dovrebbero essere trasferibili e scalabili ad altre comunità in diversi domini e sfide sociali. d. Coordinare progetti pilota e le attività di ricerca in CAP L'obiettivo è quello di sostenere e coordinare le attività sperimentali e scientifici in questo campo, per confrontare gli approcci e distillare le migliori pratiche, coinvolgendo le parti interessate e networking di una ricca varietà di campi di applicazione e discipline, e colmare i progetti reali di piattaforme sociali digitali guidati dalle comunità del mondo (ad esempio Internet Science). Tipologie di intervento: a. Ricerca e innovazione Azioni - La Commissione ritiene che le proposte che richiedono un contributo dell'ue tra 0,5 milioni e 2 milioni di euro consentirebbero di affrontare in modo appropriato questo problema specifico. Tuttavia, questo non preclude la presentazione e la selezione di proposte che richiedono altri importi. b. Ricerca e innovazione - si prevedono proposte che richiedono un piccolo contributo c. Ricerca e innovazione - si prevedono proposte che richiedono un piccolo contributo d. Coordinamento e supporto Azioni H2020-ICT 2015 Content technologies and information management (Tecnologie dei contenuti e gestione delle informazioni) I settori culturali e creativi rappresentano il 3,3% del PIL e danno lavoro a 6,7 milioni di persone (3% dell'occupazione totale) nell'ue. Inoltre, in tutto il mondo della tecnologia e dei servizi di dati Big sono attesi in crescita da 2,4 miliardi di euro nel 2010 a 12,7 miliardi di euro nel La sfida è quella di rafforzare la posizione dell'europa come fornitore di prodotti multilingue e servizi innovativi basati su contenuti digitali e dei dati, l indirizzamento ben identificato delle esigenze dell'industria e del mercato. Le attività di ricerca e innovazione in questa sfida forniranno professionisti e cittadini con nuovi strumenti per modellare, analizzare e visualizzare grandi quantità di dati da cui estrarre più valore, a fare un uso intelligente dei dati provenienti da fonti diverse e di creare, accedere, sfruttare e riutilizzare tutte le forme di contenuti digitali in qualsiasi lingua e con qualsiasi dispositivo. ICT : Technologies for creative industries, social media and convergence (Tecnologie per le industrie creative, social media e la convergenza) - SCAD. 14/04/2015 Budget: a) 18 + b) 20 + c) 2 Million Sfida specifica: La domanda di contenuti di alta qualità e le richieste di nuove esperienze da parte dell utente sono in crescita. Allo stesso tempo, grazie all'adozione della tecnologia onnipresente, l'uso diffuso di dispositivi mobili, a banda larga e la penetrazione di Internet stanno aumentando il consumo di contenuti ovunque, in qualsiasi momento e su qualsiasi dispositivo. Di conseguenza, gli

4 sviluppi legati alla creazione di contenuti, l'accesso, il recupero e l'interazione offrono una serie di opportunità e sfide, anche per le industrie creative e dei media. Al fine di tenere il passo con le tendenze e restare competitive, le industrie hanno bisogno di esplorare nuovi modi di creare e accedere ai contenuti. L'opportunità di creare nuove forme di contenuti e di coinvolgimento degli utenti potrebbe essere trasformativa di molte imprese nelle industrie creative e dei media. Campo di applicazione: L'obiettivo è la ricerca, lo sviluppo e lo sfruttamento di tecnologie nuove o emergenti (ad esempio in 3D e le tecnologie di realtà aumentata) per la creazione di contenuti digitali a supporto delle industrie creative e dei media e per sbloccare le informazioni e i media complessi e interagire con loro. Azioni: a. Ricerca e innovazione La ricerca di nuove tecnologie e di strumenti per sostenere le industrie nel processo creativo dal concepimento dell'idea alla loro produzione. Gli strumenti proposti dovrebbero esplorare le potenzialità della tecnologia per migliorare il processo creativo umano dell espressione di idee per sperimentare soluzioni. Ove possibile, la collaborazione e l'interazione dell'utente/comunità dovrebbe essere perfezionato sulla base di ricerche che hanno portato a una più profonda comprensione delle dinamiche dei processi di co-creazione. Gli strumenti devono essere redditizi, intuitivi, e dimostrati in ambienti reali rilevanti per le industrie creative (come la pubblicità, architettura, arte, design, moda, film, musica, editoria, videogiochi, TV e radio). b. azioni di innovazione Dimostrazione della fattibilità di nuove tecnologie e la convalida di soluzioni innovative attraverso dimostrazioni su larga scala, i progetti pilota o le prove di casi d'uso, in modo da garantire la distribuzione sostenibile che faciliti la convergenza e l'integrazione tra broadcasting, servizi basati su Internet a banda larga, audio-video e social media. Multimodale e approcci multidisciplinari per la ricerca di tecnologie che rispondono alle nuove esigenze dal lato dei contenuti (3D, generati dagli utenti, i media in tempo reale, social media...) e dal contesto utente (context-centric, semantico, comunità rilevanti feed-back,...). Questo include anche nuove forme di ambienti sperimentali (coinvolgente, circostante, multisensoriali e interattivi, in qualsiasi dispositivo, sempre connesso). c. Coordinamento e supporto Azioni sulla convergenza e Social Media facilitare la ricerca e la politica di cambio in Convergenza e Social Media: aumento della consapevolezza dei più recenti sviluppi tecnologici e risultati della ricerca tra gli attori della politica e una maggiore consapevolezza delle politiche attuali e future e quadro normativo tra i ricercatori. programmi di sostegno di R & S / attività, la diffusione dei risultati e di organizzazione di eventi scientifici e / o politiche in Convergenza e Social Media. Analisi e sviluppo di programmi di ricerca e tabelle di marcia, le iniziative pre-normazione e il coordinamento delle parti interessate in Convergenza e Social Media. Tipologie di intervento: a. Ricerca e innovazione - si prevedono proposte che richiedono un piccolo contributo b. Azioni di innovazione - ci si aspetta proposte che richiedono un piccolo contributo c. Coordinamento e supporto Azioni ICT : Technologies for better human learning and teaching (Tecnologie per migliorare l'apprendimento e l'insegnamento umano) - SCAD. 14/04/2015 Budget: a) 9 + b) 5 + c) 27 + d) 9 Million Sfida specifica: lo sviluppo e l'integrazione delle tecnologie digitali adatte all apprendimento sono fondamentali per stimolare il mercato e l'innovazione in tecnologie educative. Ciò richiede un

5 approccio guidato dal settore in stretta collaborazione con il mondo accademico, per la definizione dei quadri e dei requisiti di interoperabilità per la costruzione di un ecosistema digitale per l'apprendimento (incluso l'apprendimento informale), che sviluppa e integra strumenti e sistemi applicabili, ad esempio, all apprendimento adattivo, alle tecnologie di cognizione aumentata, all'apprendimento affettivo, microlearning, l'apprendimento basato sul gioco e / o ambienti virtuali / mondi virtuali a situazioni di apprendimento di vita reale. Questa sfida incoraggia inoltre gli appalti pubblici di soluzioni innovative per rispondere alle esigenze dell'ecosistema apprendimento digitale in un migliore utilizzo delle soluzioni educative cloud, la tecnologia mobile, analisi di apprendimento e grandi di dati, e per facilitare l'uso, il riutilizzo e la creazione di materiale didattico e nuovi modi di educare e di imparare in linea. Scopo: Le attività si concentreranno su tecnologie innovative per l'apprendimento, sugli standard di interoperabilità e sull'integrazione delle diverse componenti in ambienti di apprendimento intelligenti. Dovrebbero associare diverse tecnologie (ad esempio mobili, realtà aumentata, tecnologie di interazione naturali) e comporre, riutilizzare e distribuire contenuti e servizi educativi interattivi, con funzionalità di valutazione e feedback. Sulla base dei progressi tecnologici abilitati dalle ricerche finora svolte, attraverso attività di networking, sostenere lo sviluppo delle capacità e sperimentare metodologie e strumenti per ottenere dati guida (compresa la misurazione automatizzata di interazione uomo-sistema), approcci non lineari alle tecnologie di apprendimento e di miglioramento adattivo e artefatti cognitivi (compresi i giocattoli) per un apprendimento umano efficace ed efficiente. Negli atteggiamenti di apprendimento basati sulle TIC devono essere considerate le differenze di genere. a. Azioni di ricerca e innovazione. Sperimentazioni di ricerca su ambienti intelligenti di apprendimento che forniscono agli studenti un apprendimento personalizzato con valutazione adattiva; anche attraverso le tecnologie di interazione multi-modali / multisensoriale e interfacce avanzate. Le attività dovrebbero facilitare i collegamenti e lo sviluppo delle capacità. La ricerca deve essere intrinsecamente multidisciplinare, basate sui principi delle neuroscienze, della pedagogia e di apprendimento delle teorie, della psicologia dell'educazione e dell'intelligenza artificiale. Scenari di applicazione includono l'educazione formale e informale, compreso l'apprendimento sul luogo di lavoro. b. Azioni di ricerca e innovazione. Stabilire una piattaforma tecnologica per fornire un quadro di riferimento e una tabella di marcia per le parti interessate, guidate dall'industria in collaborazione con il mondo accademico, per sviluppare tecnologie innovative per l'apprendimento (soluzioni adattive, analisi di apprendimento, realtà aumentata, mobile learning, etc.), le norme di indirizzo per contenuti interattivi (che copre la sua composizione, riutilizzo e distribuzione) e dei suoi adattamenti in scenari di apprendimento. c. Azioni di innovazione. Sostegno ai progetti pilota di grandi dimensioni (in contesti reali) che sviluppano e integrano strumenti educativi, soluzioni e servizi digitali innovativi per l'apprendimento e l'insegnamento, e sostegno all'impegno di insegnanti, studenti e genitori. Esse dovrebbero mirare a ridurre le attuali restrizioni di tempo e di spazio fisico in apprendimento e di insegnamento. Essi dovrebbero favorire una maggiore connessione tra apprendimento formale, non formale e informale e rimuovere gli ostacoli per un apprendimento onnipresente. I progetti pilota devono collegare tutte le parti interessate sulle tecnologie didattiche. Come parte di scenari di pilotaggio, un target specifico da affrontare sono i bambini e gli adulti con disabilità mentali o fisiche che subiscono l'istruzione generale, l'apprendimento permanente o di formazione professionale. Attività per questi ultimi potrebbero includere lavori sul riconoscimento / validazione delle competenze attraverso applicazioni intelligenti e di business intelligence.

6 d. Appalti pubblici di dispositivi innovativi e software (PPI). Coordinare lo sviluppo di specifiche comuni e procurare dispositivi innovativi e software per l'applicazione della tecnologia su scenari mediati per l'apprendimento e l'insegnamento in contesti educativi. Tipologie di intervento: a. Ricerca e innovazione - si prevedono proposte che richiedono un piccolo contributo b. Ricerca e innovazione - si prevedono proposte che richiedono un piccolo contributo c. Azioni di innovazione - si prevedono proposte che richiedono un grande contributo d. Appalti pubblici per le azioni innovative soluzioni COFUND - ci si aspetta proposte che richiedono un grande contributo.

ICT 2015 - Information and Communications Technologies

ICT 2015 - Information and Communications Technologies Avviso: ICT-10-2015 Programma Horizon 2020 ICT 2015 - Information and Communications Technologies H2020-ICT-2015 Data di apertura 15-10-2014 Data di pubblicazione 23-07-2014 Data di scadenza Date 14-04-2015

Dettagli

Via Leopardi, 4 14100 ASTI 0141 532516 info@lamoro.it

Via Leopardi, 4 14100 ASTI 0141 532516 info@lamoro.it Programma GIUSTIZIA Titolo Bando: Bando Daphne: Progetti transnazionali connessi ai bambini vittime di bullismo nelle scuole, nelle strutture di affidamento o negli istituti di detenzione (JUST/2014/RDAP/AG/BULL)

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE DELL ICT. Monza, 9 Dicembre 2013 Paolo Bonardi, EURODESK Bruxelles HORIZON 2020 Azione di coordinamento e supporto: indica

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 2020 OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE DELL ICT. Monza, 9 Dicembre 2013 Paolo Bonardi, EURODESK Bruxelles HORIZON 2020 zione di coordinamento e supporto:

Dettagli

TITOLO Infoday Horizon 2020 - Future Internet. LUOGO E DATA 31 Gennaio 2014 Albert Borschette Conference Centre Rue Froissart, 36 1040 Bruxelles

TITOLO Infoday Horizon 2020 - Future Internet. LUOGO E DATA 31 Gennaio 2014 Albert Borschette Conference Centre Rue Froissart, 36 1040 Bruxelles TITOLO Infoday Horizon 2020 - Future Internet LUOGO E DATA 31 Gennaio 2014 Albert Borschette Conference Centre Rue Froissart, 36 1040 Bruxelles ORGANIZZATORE DG CONNECT RELAZIONE La giornata informativa

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL SOCIETAL CHALLENGES NEW FORMS OF INNOVATION H2020-INSO-2014-2015 H2020-INSO-2014 SCADENZA CALL 29 aprile 2014 TOPICS INSO-1-2014: ICTenabled open government

Dettagli

Il sostegno europeo alle PMI Horizon 2020 e COSME

Il sostegno europeo alle PMI Horizon 2020 e COSME Il sostegno europeo alle PMI Horizon 2020 e COSME ReACT4FUNDS 14 Febbraio 2014 Andrea Golfieri Support Programmes DG Enterprise and Industry Il contesto: Europa 2020 CRESCITA INTELLIGENTE CRESCITA SOSTENIBILE

Dettagli

Scuola Digitale Linee Strategiche Europee

Scuola Digitale Linee Strategiche Europee Scuola Digitale Linee Strategiche Europee Nadia Mana e Ornella Mich i3 - Intelligent Interfaces & Interaction Fondazione Bruno Kessler European research on technology-enhanced learning la ricerca europea

Dettagli

PROPOSTA DI RISOLUZIONE

PROPOSTA DI RISOLUZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Documento di seduta 10.4.2015 B8-0000/2015 PROPOSTA DI RISOLUZIONE presentata a seguito dell'interrogazione con richiesta di risposta orale B8-0000/2015 a norma dell'articolo

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I.

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I. PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I. ALLEGATO 2 al Bando Progetti innovativi di Creatività Digitale ideati

Dettagli

VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico

VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Nome Cognome Ente/organizzazione di appartenenza Telefono E_mail Sito Angelo Marguglio

Dettagli

CALENDARIO EVENTI 2015

CALENDARIO EVENTI 2015 CALENDARIO EVENTI 2015 Cloud Computing Summit Milano 25 Febbraio 2015 Roma 18 Marzo 2015 Mobile Summit Milano 12 Marzo 2015 Cybersecurity Summit Milano 16 Aprile 2015 Roma 20 Maggio 2015 Software Innovation

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Carlo e Nello Rosselli Aprilia (LT)

Istituto d Istruzione Superiore Carlo e Nello Rosselli Aprilia (LT) Istituto d Istruzione Superiore Carlo e Nello Rosselli Aprilia (LT) Presentazione del corso: CCNA Discovery 1: Networking for Home and Small Businesses Opportunità Internet sta cambiando la vita come noi

Dettagli

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi):

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi): Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dario Maggiorini, Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano LIKE THIS! Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Bozza di risoluzione n 3 presentata dalla Presidenza del PPE al Congresso del PPE, Madrid (Spagna), 21-22 ottobre 2015

Bozza di risoluzione n 3 presentata dalla Presidenza del PPE al Congresso del PPE, Madrid (Spagna), 21-22 ottobre 2015 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 Bozza di risoluzione n 3 presentata dalla Presidenza del PPE al Congresso del PPE, Madrid (Spagna),

Dettagli

Tavoli tematici. Contributo. Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono (+39) 095 8182326 Giovanni.trombetta@selex-es.com www.selex-es.

Tavoli tematici. Contributo. Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono (+39) 095 8182326 Giovanni.trombetta@selex-es.com www.selex-es. VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Nome Giovanni Cognome Trombetta Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono

Dettagli

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011).

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). http://www.apogeonline.com/libri/9788850329847/scheda

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Digital Manufacturing

Digital Manufacturing www.pwc.com/it Digital Manufacturing Come cambia il futuro delle imprese Digital Manufacturing Cogliere l opportunità del Rinascimento Digitale 8 Maggio 2015 Mauro Colombo Direttore Generale Confartigianato

Dettagli

DOL Diploma On Line per Esperto di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie

DOL Diploma On Line per Esperto di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie DOL Diploma On Line per Esperto di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Presentazione Il DOL Diploma On Line per Esperto di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie è un corso di perfezionamento

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP INFORMATION AND COMMUNICATIONS TECHNOLOGIE H2020-ICT-2014 - INFORMATION AND COMMUNICATIONS TECHNOLOGIE H2020-ICT-2014-1 SCADENZA CALL 23

Dettagli

POLITICA AUDIOVISIVA E DEI MEDIA

POLITICA AUDIOVISIVA E DEI MEDIA POLITICA AUDIOVISIVA E DEI MEDIA La politica audiovisiva nell'ue è disciplinata principalmente dagli articoli 167 e 173 del trattato sul funzionamento dell'unione europea (TFUE). L'atto normativo fondamentale

Dettagli

Antenna Europe Direct della Regione Lombardia. europedirect@regione.lombardia.it www.europedirect.regione.lombardia.it

Antenna Europe Direct della Regione Lombardia. europedirect@regione.lombardia.it www.europedirect.regione.lombardia.it Antenna Europe Direct della Regione Lombardia europedirect@regione.lombardia.it www.europedirect.regione.lombardia.it La rete Europe Direct Rete ufficiale dei centri di informazione della Commissione europea.

Dettagli

Simulation and Forecasting. sfide e criticità nel futuro della produzione industriale

Simulation and Forecasting. sfide e criticità nel futuro della produzione industriale Simulation and Forecasting Technologies (S&FT): sfide e criticità nel futuro della produzione industriale Matteo Cocco (Politecnico di Milano) Sergio Terzi (Università di Bergamo) u progetto pathfinder

Dettagli

Bando: Horizon 2020 dedicated SME Instrument Phase 1, 2014-2015- H2020-SMEINST-1-2015 Strumento dedicato alle PMI

Bando: Horizon 2020 dedicated SME Instrument Phase 1, 2014-2015- H2020-SMEINST-1-2015 Strumento dedicato alle PMI Bandi Pilastro Sfide della società I bandi del pilastro Sfide della società riguardano le sfide sociali identificate nella strategia Europa 2020 e concentrano i finanziamenti su tematiche come: la salute,

Dettagli

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba. Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.it Dipartimento di Informatica Università di Bari Centro di Competenza ICT:

Dettagli

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374 ABSTRACT del documento e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte 1 Gruppo di lavoro Supervisione scientifica: Maria Pia Cavalieri Coordinamento Marco Guspini

Dettagli

Anche noi, con l Europa, investiamo nel vostro futuro.

Anche noi, con l Europa, investiamo nel vostro futuro. Anche noi, con l Europa, investiamo nel vostro futuro. Il nuovo programma dell'ue per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. 2014-2020 Obiettivi Azione chiave 1 dell'apprendimento: - mobilità

Dettagli

Le attività sviluppate nell ambito dell attuazione del programma WI-PIE sono:

Le attività sviluppate nell ambito dell attuazione del programma WI-PIE sono: REGIONE PIEMONTE BU36 05/09/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 41-6244 Indirizzi per la realizzazione di attivita' ad elevato contenuto innovativo in materia di sviluppo sperimentale

Dettagli

Quadro di Riferimento delle Competenze per l'alfabetizzazione alla Cittadinanza Europea

Quadro di Riferimento delle Competenze per l'alfabetizzazione alla Cittadinanza Europea Prof.ssa Luias Marci Corona AEDE internazionale Traduzione lavori Cordoba 3 febbraio 2012 Quadro di Riferimento delle Competenze per l'alfabetizzazione alla Cittadinanza Europea Questo Quadro di Riferimento

Dettagli

Università di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Università di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica (classe 23/S: Informatica) Corso di Laurea Specialistica in Tecnologie Informatiche (classe 23/S: Informatica)

Dettagli

Social Network. Social Business

Social Network. Social Business Social Network Social Business Piero Luchesi PMP AGENDA Agenda e introduzione Parte I Overview sul Social Business Era della collaborazione Social Network Apertura al Social Business Come fare Social Business

Dettagli

le Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) rimangono un

le Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) rimangono un La ri c e rca europea nelle tecnologie dell i n f o rm a z i o n e e della comunicazione: un fattore chiave per la competitività globale di Fabio Colasanti le Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

L informal learning di Jay Cross

L informal learning di Jay Cross L informal learning di Jay Cross tratto ed adattato da Apprendimento informale e formazione aziendale: perché usare questo sistema di apprendimento? di Jay Cross e Robin Good (link) Premessa di formazione-esperienziale.it

Dettagli

Indice. 1 Ambienti virtuali di apprendimento e piattaforme per l e-learning... 3. 1.1. Che cosa è un ambiente virtuale di apprendimento...

Indice. 1 Ambienti virtuali di apprendimento e piattaforme per l e-learning... 3. 1.1. Che cosa è un ambiente virtuale di apprendimento... AMBIENTI VIRTUALI DI APPRENDIMENTO PROF.SSA ELVIRA VENTRE Indice 1 e piattaforme per l e-learning... 3 1.1. Che cosa è un ambiente virtuale di apprendimento... 4 2 Il contesto di apprendimento e insegnamento

Dettagli

Posizione comune Les CCI ALPMED ASBL. Consultazione sul piano d'azione "Imprenditorialità 2020"

Posizione comune Les CCI ALPMED ASBL. Consultazione sul piano d'azione Imprenditorialità 2020 Posizione comune Les CCI ALPMED ASBL Consultazione sul piano d'azione "Imprenditorialità 2020" È obbligatorio rispondere alle domande contrassegnate con un asterisco *. 2. Questionario Nel resto di questa

Dettagli

L EUROPA E LE IMPRESE

L EUROPA E LE IMPRESE L EUROPA E LE IMPRESE Strumenti e Programmi per il periodo 2014-2020 Pesaro, 28 ottobre 2014 Intervento: Horizon 2020 e il supporto della UE ai processi di innovazione delle PMI Europa Creativa e le nuove

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

LABORATORIO RICERCA/AZIONE Sviluppo di competenze digitali per i docenti

LABORATORIO RICERCA/AZIONE Sviluppo di competenze digitali per i docenti Partner Touch-M-E. Distributore servizio CeTICompetence Business Partner HP Edu Partner NEC Educational Partner Toshiba Acer Active Partner Philips Partner RAP Samsung Partner Microsoft: Autorized Education

Dettagli

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Executive Summary Sistema integrato di iniziative formative di innovazione per la famiglia professionale ICT Febbraio 2011

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Il concetto di Smart City sta assumendo rilevanza sempre crescente e diverse città, anche in Italia,

Dettagli

Processi di insegnamento e apprendimento in ecosistemi cross mediali

Processi di insegnamento e apprendimento in ecosistemi cross mediali Processi di insegnamento e apprendimento in ecosistemi cross mediali Alessandra Raffone Almaviva - Responsabile Progetti di Innovazione e Finanza per l'innovazione Progetto finanziato nell ambito del Cluster

Dettagli

METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE

METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE 1. LEARNING BY DOING DEFINIZIONE: apprendimento attraverso il fare, attraverso l operare, attraverso le azioni. OBIETTIVI: Gli obiettivi di apprendimento si configurano

Dettagli

E-Learning Il valore aggiunto e gli elementi di criticità nell'innovazione metodologica, organizzativa, didattica e tecnologica

E-Learning Il valore aggiunto e gli elementi di criticità nell'innovazione metodologica, organizzativa, didattica e tecnologica Bellinzona, 2007 E-Learning Il valore aggiunto e gli elementi di criticità nell'innovazione metodologica, organizzativa, didattica e tecnologica Chi progetta soluzioni per l'e-learning o soluzioni blended

Dettagli

Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico: il DistrICT Lab Flavia Marzano. Cagliari, 18/01/2010

Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico: il DistrICT Lab Flavia Marzano. Cagliari, 18/01/2010 Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico: il DistrICT Lab Flavia Marzano Cagliari, 18/01/2010 Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico Sardegna DistrICT => Lab => >Distretto Tecnologico

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE KNOWLEDGE MANAGEMENT Seminario Tematico Università di Milano-Bicocca RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE Stefania Bandini Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Università

Dettagli

Riepilogo del progetto

Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto 1. Contesto e scopo della agenda strategica Le malattie neurodegenerative (MN) sono condizioni debilitanti e in gran parte incurabili, strettamente legate all'invecchiamento. Tra

Dettagli

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull innovazione. Sostenibile per promuovere un economia più efficiente

Dettagli

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità Roma, 2 dicembre 2010 Vittorio Calaprice della Commissione europea Dal 2009 al 2010

Dettagli

Accenture Innovation Center for Broadband

Accenture Innovation Center for Broadband Accenture Innovation Center for Broadband Il nostro centro - dedicato alla convergenza e alla multicanalità nelle telecomunicazioni - ti aiuta a sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie broadband.

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE Anna Allodi Rappresentante pro tempore del Cluster Alisei e Direttore Generale CIRM Le Scienze della vita (1/2) Il settore "Scienze

Dettagli

La programmazione Europea 2014-2020

La programmazione Europea 2014-2020 La programmazione Europea 2014-2020 Mariachiara Esposito Funzionario Servizi Direzionali - Ufficio di collegamento Regione Toscana con le istituzioni comunitarie a Bruxelles I programmi europei 2014-2020

Dettagli

Il programma Europa Creativa. Perché Europa Creativa? Obiettivi generali. Obiettivi specifici

Il programma Europa Creativa. Perché Europa Creativa? Obiettivi generali. Obiettivi specifici EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EAC/S16/2013 Progetti di cooperazione europea Scadenza: 5 marzo 2014 Scadenza presentazione all URI 21 febbraio 2014 Il programma

Dettagli

HORIZON 2020. 17 settembre 2013

HORIZON 2020. 17 settembre 2013 HORIZON 2020 17 settembre 2013 I Contenuti La situazione in EUROPA FP7 Politiche industriali e EUROPA 2020 HORIZON 2020 Strategia Smart Specialization Cluster Trasporti 2020 Innovazione: la situazione

Dettagli

OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 2014-2020

OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 2014-2020 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 2014-2020 Castellammare del Golfo, 05 giugno 2015 COSME COSME è il Programma per la competitività

Dettagli

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Sostenibilitàdel Sistema Sanitario e Dispositivi Medici: obiettivi e strategie Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Dott.ssa Marcella Marletta Direttore Direzione Generale

Dettagli

INVESTIRE NEL FUTURO

INVESTIRE NEL FUTURO EUROPEAN TRADE UNION COMMITTEE FOR EDUCATION COMITATO SINDACALE EUROPEO DEGLI INSEGNANTI EFEE THE EUROPEAN FEDERATION OF EDUCATION EMPLOYERS INVESTIRE NEL FUTURO Dichiarazione congiunta sull'istruzione,

Dettagli

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology Cloud Computing...una scelta migliore Communication Technology Che cos è il cloud computing Tutti parlano del cloud. Ma cosa si intende con questo termine? Le applicazioni aziendali stanno passando al

Dettagli

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa 1 Politiche educative e iniziative di elearning in Europa Handimatica, 30 novembre 2006 2 Società della Informazione in Europa 1999 eeurope- An Information Society for all 2000 eeurope Action Plan 2002

Dettagli

Erasmus per tutti Domande ricorrenti (cfr. anche IP/11/1398)

Erasmus per tutti Domande ricorrenti (cfr. anche IP/11/1398) MEMO/11/818 Bruxelles, 23 novembre 2011 Erasmus per tutti Domande ricorrenti (cfr. anche IP/11/1398) Cos'è Erasmus per tutti? Erasmus per tutti è il nuovo programma proposto dalla Commissione europea nel

Dettagli

Le criticità nella gestione dei dati sensibili

Le criticità nella gestione dei dati sensibili Le criticità nella gestione dei dati sensibili Ing.Giovanni Gentili Resp. Agenda digitale dell Umbria Regione Umbria Questo lavoro è pubblicato sotto licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE C 463/4 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 23.12.2014 Conclusioni del Consiglio e dei Rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, su un piano di lavoro per la cultura

Dettagli

Enterprise Europe Network

Enterprise Europe Network N 2 ANNO 2012 FOCUS Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese Enterprise Europe Network Lazio HORIZON 2020 http://www.enterprise-europe-network.ec.europa.eu/index_en.htm FOCUS HORIZON

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi A. Rossi, P.L. Emiliani Seconda Parte 2012-30 anni di Ausilioteca GIORNATA DI STUDIO La proposta di tecnologie assistive: fattori di qualità

Dettagli

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015 L Agenda digitale del Piemonte 2 febbraio 2015 I punti di partenza La Digital Agenda europea è una delle sette iniziative faro della strategia Europa 2020 Nella politica di coesione 2014-2020 il miglior

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione

Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione Presentazione Attraverso questo documento si vuole offrire a una breve presentazione dei principali elementi del Programma di Cooperazione Territoriale Spazio

Dettagli

icteamt Funzionalità di valutazione Funzionalità di collaborazione Capacità di integrazione

icteamt Funzionalità di valutazione Funzionalità di collaborazione Capacità di integrazione Funzionalità di valutazione La soluzione WeLearn è stata studiata per consentire interoperabilità con software di assessment di terze parti per analizzare le competenze richieste, verificare gli skills

Dettagli

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali ForumPA - Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano flavia.marzano2@unibo.it Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano 1 Ricerca europea? Arrivare al 3% del

Dettagli

Executive summary della normativa sulle startup innovative

Executive summary della normativa sulle startup innovative Executive summary della normativa sulle startup innovative Gennaio 2014 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente

Dettagli

Presentazione progetti di tesi e tesine. Ottobre 2011

Presentazione progetti di tesi e tesine. Ottobre 2011 Presentazione progetti di tesi e tesine Ottobre 2011 Alcuni lavori di breve termine New Media & New Internet L offerta e l utilizzo dei Video in Internet e le nuove Connected TV Inizio da subito/fine 2011

Dettagli

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop Marino Cavallo Provincia di Bologna PROGETTO LOGICAL Transnational LOGistics' Improvement

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 1.6.2005 COM(2005) 229 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

Competenze chiave per l apprendimento permanente

Competenze chiave per l apprendimento permanente per l apprendimento permanente Un quadro di riferimento europeo * Contesto ed obiettivi Che cosa c è di nuovo nei piani di studio Dato che la globalizzazione europea continua a porre l Unione europea di

Dettagli

Le competenze. Esplora S.r.l. persegue la propria mission integrando due macro aree di esperienze e professionalità:

Le competenze. Esplora S.r.l. persegue la propria mission integrando due macro aree di esperienze e professionalità: La società Esplora S.r.l. è una società di diritto italiano e sedi a Roma, Siena, Milano e Catania che opera nei settori del project management internazionale, per il governo di progetti complessi e in

Dettagli

il contesto INNOVARE PER COMPETERE LE CHIAVI PER AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ www.cfmt.it

il contesto INNOVARE PER COMPETERE LE CHIAVI PER AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ www.cfmt.it il contesto www.cfmt.it Ormai abbiamo capito tutti che questa non è una crisi ma una transizione, sfidante ma al contempo fonte di opportunità. Bisogna però avere coraggio e determinazione. Occorre anticipare

Dettagli

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento,

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

Sommario IX. Indice analitico 331

Sommario IX. Indice analitico 331 Sommario Prefazione X CAPITOLO 1 Introduzione ai sistemi informativi 1 1.1 Il prodotto del secolo 1 1.2 Prodotti e servizi divenuti indispensabili 2 1.3 Orientarsi nelle definizioni 4 1.4 Informatica e

Dettagli

Progetto Cluster REGOLAMENTO. Soggetto Attuatore UNIONE EUROPEA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REPUBBLICA ITALIANA

Progetto Cluster REGOLAMENTO. Soggetto Attuatore UNIONE EUROPEA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REPUBBLICA ITALIANA P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO NELLE IMPRESE E NEL TERRITORIO Progetto Cluster Archiviazione e distribuzione

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica)

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea Magistrale in Informatica CLASSE LM18 (Informatica) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico

Dettagli

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology Virtualization Strutturare per semplificare la gestione Communication Technology Ottimizzare e consolidare Le organizzazioni tipicamente si sviluppano in maniera non strutturata e ciò può comportare la

Dettagli

ALLEGATO 2 BANDO. Servizio Sistema Integrato Servizi Sociali. Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

ALLEGATO 2 BANDO. Servizio Sistema Integrato Servizi Sociali. Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 + BANDO Servizio Sistema Integrato Servizi Sociali ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica PROCEDURA APERTA, INDETTA

Dettagli

"L autovalutazione dei bisogni espressa dai familiari assistenti, un punto di partenza per ottenere un aiuto

L autovalutazione dei bisogni espressa dai familiari assistenti, un punto di partenza per ottenere un aiuto "L autovalutazione dei bisogni espressa dai familiari assistenti, un punto di partenza per ottenere un aiuto Rapporto finale (Sintesi) Partenariato educativo Grundtvig Introduzione Tra agosto 2010 e luglio

Dettagli

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Giorgio Saio, Emanuele Roccatagliata, Roderic Molina G.I.S.I.G., Genova Sommario Il lavoro proposto presenta un caso concreto

Dettagli

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: 2020: i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA CREATIVA La cultura come elemento di competitività del

Dettagli

Metodologia formativo-didattica

Metodologia formativo-didattica Metodologia formativo-didattica L impostazione metodologica non può prescindere dalle caratteristiche e dalle esperienze e vissuti degli attori del processo di apprendimento (allievi-formatori) e tanto

Dettagli

I principi fondanti della rete si possono dividere in cinque sezioni, che identificano gli ambiti a cui tali principi afferiscono:

I principi fondanti della rete si possono dividere in cinque sezioni, che identificano gli ambiti a cui tali principi afferiscono: La posizione italiana sui principi fondamentali di Internet Preambolo Internet ha sostanzialmente trasformato, se non addirittura rivoluzionato, il nostro modo di comunicare, di scambiare informazioni

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Seminario sulle opportunità di finanziamento dell Unione Europea. Antonella Fresa Promoter srl

Seminario sulle opportunità di finanziamento dell Unione Europea. Antonella Fresa Promoter srl Seminario sulle opportunità di finanziamento dell Unione Europea I programmi di finanziamento comunitario e le opportunità di partecipazione ed accesso a progetti europei di ricerca e innovazione Antonella

Dettagli

Italia: politiche e aspetti chiave

Italia: politiche e aspetti chiave Studi dell'ocse sulle PMI e sull imprenditorialità Italia: politiche e aspetti chiave La traduzione per estratto della sintesi è stata curata dalla Sezione linguistica italiana. Titolo originale: OECD

Dettagli

White paper. APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org)

White paper. APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org) White paper APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org) APRE è un ente privato di ricerca non profit sostenuto da oltre cento Soci Sostenitori e Ordinari provenienti da Università e Organizzazioni private

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra soci effettivi e soci aggregati) 62 Sezioni Territoriali (presso le Unioni Provinciali di Confindustria) Oltre 1 milione

Dettagli