Riorganizzazione della rete per le malattie rare della Regione Lazio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riorganizzazione della rete per le malattie rare della Regione Lazio"

Transcript

1 Riorganizzazione della rete per le malattie rare della Regione Lazio Ultima revisione giugno

2 Indice Premessa Gruppi omogenei di Malattie Rare Caratteristiche della rete Istituto per le MR (IMR e CMR) : requisiti e funzioni Istituto per le MR con funzioni di Coordinamento Regionale (IMR-CR): requisiti e funzioni aggiuntive Ospedale con Centro per le Malattie Rare (CMR): requisiti e funzioni Sportello Malattie Rare Il Ruolo dei Centri di Genetica Il processo di accreditamento Criteri generali Le fasi del percorso di accreditamento Monitoraggio della rete Indicatori su base annuale da produrre a livello di Istituto per gruppo di malattie o di Centro per singolo codice esenzione Allegato 1: Tabella gruppi omogenei di Malattie Rare Allegato 2: Scheda per la richiesta di riconoscimento dell ospedale nella rete assistenziale per le Malattie Rare 2

3 Premessa Attualmente nella Regione Lazio la rete assistenziale per i soggetti con Malattia Rara è collocata all interno di Dipartimenti o, più precisamente, di Unità Operative (UO) di Aziende Universitarie, Ospedaliere, IRCCS o presidi ospedalieri di ASL. A seguito dei provvedimenti deliberativi della Giunta Regionale (DGR), ciascuna UO è stata classificata come Centro o Presidio ed autorizzata ad assistere un elenco definito di malattie fra quelle presenti nel DM 279/2001. Nel 2008, con l istituzione del Registro Lazio Malattie Rare, ha preso avvio il monitoraggio dell attività dei Centri o Presidi (C/P), con il quale sono stati censiti circa soggetti in carico presso 16 Istituti ospedalieri. La disponibilità di dati più oggettivi ricavabili dall iniziativa del Registro insieme all esperienza maturata nei Centri/Presidi ha permesso di evidenziare le seguenti criticità nel modello di assistenza alla malattie rare: mancanza di condivisione fra Centri e Presidi di protocolli diagnostici, terapeutici e sperimentali anche per effetto dell elevato numero di Centri (n=40) e Presidi (33) presenti; mancanza di una reale distinzione fra Centro e Presidio, rispetto a caratteristiche e standard di tipo organizzativo, funzionali e di collocazione geografica; eccessivo numero di C/P per alcune malattie, anche con più unità nello stesso Istituto, a fronte di una carenza di centri per altre malattie; presenza C/P autorizzati per gruppi di malattie molto eterogenee; mancanza di raccordo tra i C/P nella transizione del paziente dall età pediatrica a quella adulta; mancanza di protocolli per la presa in carico della persona con malattia rara da parte dei presidi territoriali e dei medici di famiglia; scarsa attività di formazione rivolta ai professionisti dei servizi territoriali. Alla luce di tali criticità, l esperienza maturata in altre regioni può essere di riferimento per una riorganizzazione della rete nel Lazio, laddove il modello scelto si caratterizza per alcuni elementi qualificanti: rete strutturata mediante l accreditamento degli Istituti (Aziende Ospedaliere, Aziende Universitarie, IRCSS e presidi di ASL) piuttosto che delle singole Unità Operative cliniche, così da generare una assunzione diretta di responsabilità da parte della Direzione dell Ospedale in merito all adeguatezza dei servizi di diagnosi, trattamento, riabilitazione per la presa in carico della persona con malattia rara; accreditamento dell Istituto per gruppi omogenei di malattie, classificati secondo l ICD 9 CM, e non per singole patologie o afferenti; l accreditamento ha previsto l individuazione dei Centri con funzioni di coordinamento oltre che di assistenza, Centri con funzioni superiori, successivamente all identificazione dei nodi della rete. L individuazione di tali centri è stata effettuata o secondo un modello hub & spoke (Emilia Romagna) nell ambito di reti assistenziali per singole malattie o gruppi di malattie, oppure designando un unico Centro di coordinamento (Lombardia), oppure individuando per ogni gruppo di patologia un unica struttura di coordinamento (Toscana). 3

4 In considerazione dei diversi punti analizzati, il Gruppo di Lavoro istituito con Det. N. B5451 del , ha elaborato la presente proposta di riassetto organizzativo della rete del Lazio. Scopo principale della riorganizzazione è quello di ottenere in tempi brevi-medi: (1) una ridefinizione esatta della rete assistenziale; (2) un consistente progresso nella condivisione ed applicazione di protocolli diagnostico/terapeutici/assistenziali (PDTA) da parte di ogni centro della rete; (3) un collegamento funzionale fra i centri accreditati, eventualmente prevedendo un Centro di coordinamento; (4) un sistematico coinvolgimento dei servizi territoriali prossimi al domicilio delle persone con malattia rara in coerenza con l attuale organizzazione assistenziale regionale. Gruppi omogenei di Malattie Rare La rete assistenziale viene definita in base ad una nuovo raggruppamento delle Malattie Rare. Le 579 MR e/o gruppi di malattie (282* patologie, 47 gruppi, 164 afferenti e 86 sinonimi per un totale di 331 codici esenzione) indicate nel DM 279/01 sono state raggruppate in 18 Gruppi (Allegato 1) definiti in base ad un criterio di omogeneità clinica piuttosto che etiopatogenetica. Tale scelta risulta più funzionale a finalità assistenziali in quanto le malattie contenute in ciascun gruppo, indipendentemente dalla complessità e specificità del percorso diagnostico, condividono problematiche cliniche e bisogni di salute simili. 1. Malattie del Metabolismo Metaboliche Ereditarie 2. Malattie Nefrologiche 3. Malattie del Sistema Immunitario 4. Malattie Ematologiche 5. Malattie Reumatiche 6. Malattie Oculistiche 7. Displasie Osse (o Malattie muscoloschelettriche, come in Emilia Romagna???) 8. Malformazioni Cranio-Facciali 9. Malattie Dermatologiche e Anomali Vascolari 10.Malattie Cardiologiche 11.Malattie Gastrointestinali ed Epatiche 12.Sindromi Dismorfiche e Malformative 13.Malattie Oncologiche 14.Malattie Infettive 15.Malattie del Sistema Nervoso Centrale 16.Malattie Neuromuscolari 17.Malattie del Sistema Endocrino 18.Malattie BroncoPneumologiche 4

5 Caratteristiche della rete La proposta di riorganizzazione della rete è stata sviluppata in una logica di integrazione delle professionalità e costruzione di un sistema di relazioni cliniche, assistenziali ed organizzative in grado di rispondere: alla persona affetta da patologia rara nella sua complessità e unicità; ai diversi bisogni socio-assistenziali della persona e del/dei care-giver; ad una equa distribuzione dell assistenza sul territorio regionale; alla esigenza di collaborazione con le reti di altre regioni anche per rispondere alla domanda di assistenza di persone residenti o non in Lazio; Il modello organizzativo proposto definisce tre tipologie di nodi della rete i quali, per le finalità diagnostico-assistenziali e soprattutto di presa in carico, si avvalgono al loro interno di Unità Operative: Istituto per le Malattie Rare (IMR) Istituto per le Malattie Rare con funzioni di Coordinamento Regionale (IMR-CR) Ospedale con Centro per le Malattie Rare (CMR) E definito Istituto per le Malattie Rare, l Ospedale con documentata esperienza di attività diagnostica e terapeutica specifica per almeno uno dei 18 gruppi di malattie rare e di idonea dotazione di strutture di supporto e di servizi complementari per l emergenza e per la diagnostica biochimica e genetica. L Istituto per le Malattie Rare con funzioni di Coordinamento Regionale assume, con gli stessi requisiti diagnostici ed assistenziali dell IMR, il compito di coordinare altri Istituti e di promuovere attività informative, formative e di programmazione. L Ospedale con Centro per le Malattie Rare, possiede gli stessi requisiti dell IMR ma svolge le sue funzioni diagnostiche/assistenziali e di presa in carico per singole Malattie Rare così come indicate dai codici di esenzione del DM 279/ l accreditamento viene realizzato a livello di Istituto, e non di Centro/Unità, per singolo gruppo omogeneo di MR, separatamente per l età pediatrica e l età adulta.quindi è possibile che un Istituto possa essere accreditato per un numero massimo di 18 gruppi di MR per l età pediatrica e 18 per l età adulta. (Sturani) Istituto per le MR (IMR e CMR): requisiti e funzioni Requisiti Avere una o più Unità Operative (non è ammessa la presenza di più Unità Operative per lo stesso gruppo di MR) in grado di effettuare diagnosi (clinica, biochimica e genetica) e presa in carico (diagnosi, cura, bilanci di salute periodici, riabilitazione) per i soggetti che ricadono in almeno uno dei 18 gruppi di malattia. Dispone di tutte le competenze specialistiche necessarie alle patologie trattate ed applica Protocolli Diagnostici-Terapeutici-Asssistenziali (PDTA). L attività sulle MR deve essere documentata da almeno 5 anni. 5

6 Idonea dotazione di strutture di supporto e di servizi complementari per l attività di diagnosi e cura del gruppo (mettere nel questionario una domanda su idonee). Sportello di accesso per il paziente, le famiglie e le associazioni collegato con le proprie Unità Operative e con gli altri Istituti della rete ed in grado di assicurare un accesso e percorso diagnostico-assistenziale appropriato. Deve disporre dispone di una persona incaricata al coordinamento e monitoraggio dell attività delle singole Unità Operative e dello sportello. Adeguata documentazione di produzione scientifica nel settore delle MR. Dispone di un Comitato Etico Per i centri pediatrici, ha un DEA pediatrico di II livello e posti letto di terapia intensiva neonatale e pediatrica. Per i centri pediatrici, ha un DEA pediatrico di I livello o, per quelle patologie con periodiche caratteristiche di urgenza e di emergenza (ad esempio, patologie ereditarie del metabolismo), un DEA pediatrico di II livello con posti letto di terapia intensiva pediatrica e neonatale (CASTORI). Commento [mm1]: non mi pare ci sia!! Per i Centri per adulti,ha un DEA di II livello (Sturani) Funzioni L Istituto in qualità di Ente accreditato per le MR, attraverso l attività delle proprie Unità Operativa, deve essere in grado di: effettuare l approfondimento diagnostico di MR, secondo le Linee guida Nazionali ed Internazionali delle Società Scientifiche di riferimento, e, in caso di conferma produrre la relativa certificazione; Elaborazione e diffusione di linee guida e/o protocolli diagnostici e terapeutici assistenziali (PDTA) per singole malattie o gruppi di malattie, in collaborazione con l Istituto di coordinamento (se esistente) e con le Associazioni dei malati e nel caso della non esistenza del centro di coordinamento, condividendo la loro diffusione con i Medici di Medicina Generale e con i Pediatri di Libera Scelta; applicare i PDTA, accompagnando il paziente dalla diagnosi fino alla formulazione del Piano Assistenziale Individuale (PAI). Il PAI deve essere realizzato con un approccio multidisclipinare, promuovendo il rapporto con i servizi del territorio (ad esempio CAD) e con il Medico di Medicina Generale ed il Pediatra di Famiglia (relazione periodica da inviare al medico curante sulla diagnosi e percorso diagnostico intrapreso); effettuare il follow-up attivo dei soggetti in carico, con particolare attenzione alla prevenzione delle complicanze; coordinare la transizione dall età pediatrica all età adulta promuovendola ed attuandola dove non prevista; garantire la reperibilità telefonica 24 ore su 24 nelle patologie potenzialmente a rischio di sintomatologia acuta da parte di uno staff medico esperto in problemi delle malattie rare per la consulenza alla rete ospedaliera regionale; partecipare e collaborare attivamente alle attività di formazione, aggiornamento e informazione promosse dagli IMR-CR; elaborare un rapporto annuale sull attività svolta secondo indicatori definiti (vedi paragrafo monitoraggio della rete); svolgere ricerca di base e clinica, soprattutto in progetti collaborativi nazionali ed internazionali, partecipando a Registri nazionali e/o internazionali di singole Malattie Rare; collaborare al registro Malattie Rare Lazio ; attuare programmi di miglioramento della qualità dell'assistenza con adozione di sistemi di valutazione dei risultati; 6 Commento [mm2]: Nel caso non esista il CdC (???), gli Istituti devono coordinarsi tra loro per condividere il PDTA, in modo che sia garantita uguale assistenza sul tutto il territorio almeno regionale. Commento [mm3]: Deve essere individuato un Responsabile del PAI che avrà il compito di monitorare lo sviluppo del PAI e di coordinarsi con i servizi territoriali (MMG/ PLS/ case manager di territorio) per garantire la continuità delle cure in prossimità del domicilio della persona affetta da MR) Commento [mm4]: Promuovere, Commento [mm5]: per collaborazione che cosa si intende? Garantire che vengano inseriti tutti i dati relativi ai pazienti mr nel Registro regionale, attraverso una procedura operativa interna che individui a chi è in capo la responsabilità della finzione.

7 disporre di programmi di valutazione della soddisfazione dell utente e del miglioramento della qualità percepita. 7

8 Istituto per le MR con funzioni di Coordinamento Regionale (IMR-CR): requisiti e funzioni aggiuntive Requisiti aggiuntivi istituto di alta specializzazione con unità operative con competenze multidisciplinari in grado di assicurare, oltre alla diagnosi e cura per gruppi omogenei di MR, un attività scientifica, di coordinamento regionale Disponibilità di risorse diagnostiche di elevata complessità, anche in collegamento con centri internazionali. Servizio preparazione centralizzata di farmaci ad alto rischio (ad es. nutrizione parenterale totale); Biobanca, anche se funzionalmente collegata con altri Istituti). Servizio documentazione sulle Malattie Rare. Sportello di accesso per il paziente, le famiglie e le associazioni collegato con le proprie Unità Operative e con gli altri Istituti della rete ed in grado di assicurare un accesso e percorso diagnostico-assistenziale appropriato. Commento [mm6]: Come si sostanzia la funzione di coordinamento della rete regionale? Commento [mm7]: Promozione delle conoscenze nazionali ed internazionali e scambio/confronto sulle competenze specifiche acquisite tra i nodi della rete regionale individuati come riferimenti per singole patologie o gruppi di patologie Funzioni aggiuntive Elaborazione e diffusione di linee guida e/o protocolli diagnostici e terapeutici assistenziali (PDTA) per singole malattie o gruppi di malattie. Elaborazione e diffusione di linee guida e/o protocolli diagnostici e terapeutici assistenziali (PDTA) per singole malattie o gruppi di malattie, in collaborazione con l Istituto di coordinamento (se esistente) e con le Associazioni dei malati e nel caso della non esistenza del centro di coordinamento, condividendo la loro diffusione con i Medici di Medicina Generale e con i Pediatri di Libera Scelta; Formazione e aggiornamento per i professionisti sanitari ed in particolare per quelli del settore con la predisposizione di piani di formazione per il personale dell Istituto, degli altri Istituti della rete e dei servizi territoriali (ad esempio sull uso dei farmaci orfani). Attività di informazione ai cittadini e alle Associazioni dei pazienti e dei familiari con la preparazione di opuscoli informativi. Sintesi delle eventuali criticità emerse nella rete e proposta di soluzioni sostenibili, con particolare attenzione all erogazione dei farmaci da parte delle farmacie delle Aziende USL. Supporto agli altri Istituti della rete nella pianificazione di percorsi dedicati per il ricovero in emergenza e per la gestione dell emergenza stessa (rete di emergenza). Organizzazione di audit clinici negli Istituti delle rete e nei servizi del territorio. Collaborazione con LazioSanità-Agenzia di Sanità Pubblica per la diffusione dati epidemiologici del Registro. Partecipazione a Registri nazionali o internazionali su singole Malattie Rare. Promuovere la condivisione dei PDTA con le Associazioni dei malati, dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Libera Scelta. Facilitare l attività di consulenza a domicilio attraverso la telemedicina. Produrre una relazione annuale all Assessorato alla Sanità sull attività di coordinamento svolta secondo indicatori definiti (es.: numero corsi di formazione; numero di audit clinici; lavori scientifici pubblicati; numero interventi sul territorio, etc). Fornire supporto tecnico all Assessorato alla Sanità ed alle Aziende Unità Sanitarie Locali per gli interventi di qualificazione della rete assistenziale. 8 Commento [mm8]: Nel caso non esista il CdC (???), gli Istituti devono coordinarsi tra loro per condividere il PDTA, in modo che sia garantita uguale assistenza sul tutto il territorio almeno regionale. Commento [mm9]: Attività periodica di formazione finalizzata allo sviluppo delle conoscenze su singole MR o gruppi omogenei di MR (congressi internazionali) Commento [mm10]: e all integrazione ospedale / territorio

9 Ospedale con Centro per le Malattie Rare (CMR): requisiti e funzioni Requisiti e funzioni finalizzati all attività diagnostica/terapeutica/assistenziale e di presa in carico nonché a quella di ricerca e di collaborazione con il registro regionale sono quelle previste per gli Istituti per le MR. Sportello Malattie Rare Lo Sportello Malattie Rare è collocato all interno di un Istituto per le Malattie Rare. Ha lo scopo di offrire alle persone affette da malattia rara, alle famiglie ed alle Associazioni, sia nella fase di accertamento diagnostico che in quella della presa in carico, un supporto informativo e di aiuto. Esso si pone per la persona o la sua famiglia come primo punto di contatto, in caso di primo accesso del paziente alla struttura, e/o di riferimento per l accompagnamento della persona in un percorso integrato sanitario e sociale. In particolare i professionisti dedicati allo sportello, valuteranno valutati i bisogni e le risorse (individuali, familiari e sociali) dell utenza e per ogni specifica situazione, dovranno hanno il ruolo di: fornire risposte adeguate relativamente agli aspetti normativi, ai diritti del paziente e al funzionamento della rete; facilitare percorsi appropriati all interno della rete nonché nei servizi territoriali; definire promuovere piani personalizzati di sostegno psicologico e socio-assistenziale; promuovere e facilitare il contatto con le associazioni. Lo sportello dovrà avvalersi di diverse professionalità: Assistente Sociale, Infermiere, Professionista in counselling e Amministrativi. Le Associazioni, in forma volontaria, possono essere di supporto all attività dei professionisti dello sportello. Lo sportello dovrà inoltre: disporre di un numero dedicato; rilevare il grado di soddisfazione sull attività dell Istituto e su quella della singola UO, mediante questionario (elaborato con almeno un rappresentante delle associazioni di malati) rivolto alla persona e/o famiglia; produrre un report annuale di attività. La presenza di uno sportello già attivo non costituisce, all inizio, un requisito necessario per l accoglimento della domanda accreditamento. Il Ruolo dei Centri di Genetica A supporto della rete assistenziale regionale costituita da IMR, IMR-CR e CMR, è prevista la presenza di centri di genetica che svolgono esclusivamente una attività diagnostica. I servizi di genetica che nel loro organico dispongono di personale (medici specialisti in genetica medica) dedicato specificamente all attività clinica (ambulatorio e/o day hospital per patologie ereditarie) e che quindi assicurano non solo l inquadramento diagnostico ma anche le successive attività di follow-up e coordinamento del percorso assistenziale integrato, sono considerati a tutti gli effetti Unità Operative per la diagnosi/assistenza e la presa in carico. Tali servizi possono essere collocati in un Istituto per le Malattie Rare, con o senza funzione di coordinamento, o in un Ospedale che segue singole Malattie Rare (Centro). 9

10 Il processo di accreditamento Criteri generali L accreditamento delle tre tipologie di nodo della rete viene realizzato a livello di Ospedale e non di singola Unità Operativa. Sulla base della programmazione regionale sulle malattie rare, il processo autorizzativo e di accreditamento si sovrappongono, nel senso che nella rete non possono essere presenti strutture solo autorizzate. L Ospedale può essere accreditato come IMR se garantisce diagnosi-assistenza e presa in carico per tutte le malattie rare riportate in almeno uno dei 18 gruppi dell Allegato 1; se tale condizione viene soddisfatta, l Istituto può eventualmente essere riconosciuto anche per singolo codice di esenzione contenuto nel DM 279/2001, fino ad un massimo di cinque codici. L Ospedale che richiede l accreditamento solo per singolo codice di esenzione come da DM 279/2001, fino ad un massimo di cinque codici, viene riconosciuto solo come CMR. Nel caso il codice esenzione sia riferito ad un gruppo di malattie rare, l Ospedale deve garantire l assistenza a tutte le malattie afferenti al gruppo. Le fasi del percorso di accreditamento 1. La Regione Lazio, attraverso DGR/Decreto pubblica il bando per l accreditamento degli Istituti e Ospedali con Centri per le Malattie Rare rivolto a tutti gli Istituti (Aziende Universitarie, Ospedaliere, IRCSS, Ospedali Classificati e presidi ospedalieri di ASL) della Regione Lazio; 2. Ogni Istituto può presentare domanda di accreditamento per uno o più gruppi omogenei di MR e/o per singolo o più codici esenzione fino ad un massimo di cinque, mediante compilazione di una scheda nella quale sono elencate le UO afferenti (Allegato 2). 3. La Regione istituisce una apposita commissione di valutazione composta da Tecnici e rappresentanti delle Associazioni con il compito di selezionare, per ciascun gruppo di MR e/o singolo o più codici esenzione, un elenco di Ospedali in possesso dei requisiti di accreditamento. In questa attività la Commissione ha il potere di effettuare visite presso l Istituto e/o richiedere documentazione integrativa. Requisito qualificante ai fini della selezione è il numero di casi con informazioni complete (diagnosi, PAI, Bilancio di Salute) registrati nel programma MRL. 4. Gli Uffici regionali competenti, valutano l elenco fornito dalla Commissione ed in base alla programmazione regionale individuano gli Ospedali da accreditare come IMR, IMR-CR o CMR. Commento [mm11]: la domanda di accreditamento è una auto dichiarazione dei requisiti: come si esercita il controllo sul reale possesso degli stessi???? Commento [mm12]: Definisce un piano di visite ispettive a livello di Istituto e di UO, finalizzate alla verifica del possesso dei requisiti dichiarati. Monitoraggio della rete Il coordinamento, programmazione e monitoraggio regionale della rete è affidato alla Direzione competente dell Assessorato alla Sanità, con il supporto tecnico scientifico degli IMR-CR, di LazioSanità-ASP e con il contributo dei rappresentanti delle associazioni dei malati. Il funzionamento della rete è soggetta a periodica revisione (2-3 anni) ed ad eventuale aggiornamento, anche in base al livello e degli obiettivi di salute che la Regione Lazio intende perseguire. Oggetto dell attività di monitoraggio sono : l intero Istituto, la singola Unità Operativa e lo sportello Malattie Rare Alla valutazione per l accreditamento segue, quindi, la valutazione dei risultati conseguiti mediante la verifica dei seguenti indicatori di processo e di risultato. 10

11 Indicatori su base annuale da produrre a livello di Istituto per gruppo di malattie o di Centro per singola malattia e - numero di nuovi approfondimenti - numero di nuovi pazienti - numero di pazienti in carico - numero di pazienti per i quali la presa in carico viene realizzata da una equipe di almeno tre professionisti - numero di pazienti in carico per i quali è stata realizzata l integrazione con i servizi territoriali (assistenza domiciliare/medico di medicina generale/pediatra di libera scelta). - numero di Speak-up (interviste ai pazienti ed alle famiglie somministrate fuori sportello nei punti di assistenza) effettuati - numero di Counseling (monitoraggio pazienti/famiglie in difficoltà o a rischio) effettuati sia da front-line che da speak-up - numero di accoglienze alberghiere organizzate - numero di accoglienze internazionali effettuate - numero dimissioni difficili effettuate - numero l elenco delle Associazioni che partecipano collaborano, direttamente o indirettamente, all attività dello sportello - produzione di un report annuale sulla qualità percepita dal paziente e dai familiari - produzione di un report annuale - produzione di un report annuale sull attività delle rete per gruppo di MR (solo per IMR-CR) - numero di pazienti inseriti nel registro Malattie Rare Lazio con dati completi - numero di pazienti inseriti nei registri nazionali e/o internazionali su singole malattie - numero di seminari interni - numero LG/PDTA sottoscritti dalla Direzione Generale - numero LG/PDTA elaborati (necessario solo per IMR-CR) - numero di relazioni per ogni PAI eseguito inviate ai MMG e PdF - numero di personale dedicato che ha effettuato una formazione specifica/totale personale dedicato - numero di eventi formativi per il personale di altri Istituti (solo per IMR-CR) - numero di eventi di formazione/informazione per gli operatori dei CAD, Medici di Medicina Generale e PdF (solo per IMR-CR) - numero di incontri fatti con gli Istituti della rete (solo per IMR-CR) - numero protocolli di ricerca sottomessi per il finanziamento ad Enti esterni nazionali o internazionali - numero di protocolli di ricerca finanziati - numero di articolo scientifici pubblicati su riviste peer-reviewed - numero di relazioni cliniche che sono state valutate positivamente per finalità amministrative/ totale relazioni cliniche per finalità amministrative (ad es. per richiesta invalidità civile) Commento [mm13]: Qui mancano tutti i denominatori o almeno dei parametri di referimento da cui si evinca un miglioramento delle perfomance Commento [mm14]: Che cosa mi dice questo dato, se è assoluto? Commento [mm15]: / n totale pazienti presi in carico 11

12 ALLEGATO 1 Tabella gruppi omogenei di MR ALLEGATO 2 Scheda rilevazione 12

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Le Malattie Rare nella Regione Lazio

Le Malattie Rare nella Regione Lazio Corso di Formazione sul campo a cura dell Osservatorio Nazionale SIFO Le Malattie Rare nella Regione Lazio Roma, 3 giugno 2015 Agenda Malattie Rare e leggi nazionali: D.M. 279/01 La rete assistenziale

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

Organizzazione e gestione delle Malattie Rare nella Regione Emilia-Romagna: esperienza e prospettive

Organizzazione e gestione delle Malattie Rare nella Regione Emilia-Romagna: esperienza e prospettive Organizzazione e gestione delle Malattie Rare nella Regione Emilia-Romagna: esperienza e prospettive Elisa Rozzi Servizio Presidi Ospedalieri Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Assessorato Politiche

Dettagli

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il contesto normativo regionale DGR 7328 del 11 dicembre 2001 Individuazione della rete regionale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI Indice : 1. Scopo del protocollo 2. Invio 3. Verifiche 2.1 tipologia dell utenza 2.2 procedura segnalazione 2.3 procedura

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD Il bambino con malattie rare, croniche e complesse, presenta

Dettagli

Le malattie rare: il sospetto diagnostico e la comunicazione efficace LA RETE DELLA REGIONE TOSCANA PER LE MALATTIE RARE

Le malattie rare: il sospetto diagnostico e la comunicazione efficace LA RETE DELLA REGIONE TOSCANA PER LE MALATTIE RARE Le malattie rare: il sospetto diagnostico e la comunicazione efficace LA RETE DELLA REGIONE TOSCANA PER LE MALATTIE RARE Cecilia Berni Arezzo, 12 febbraio 2011 1 Diritto Diritti di cittadinanza e coesione

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo?

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Francesco Cognetti Istituto Regina Elena Camera dei Deputati 2 Dicembre 2010 Perché una rete oncologica? Integrare tutte le

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali 2/5 La Conferenza Stato Regioni il 25 marzo scorso ha approvato la proposta per la realizzazione degli

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

L Oss nell. L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto. Sede di Fermo

L Oss nell. L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto. Sede di Fermo L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto L Oss nell Sede di Fermo Antonino Longobardi Mariangela Cococcioni FERMO 20 GIUGNO 2012 L evoluzione del numero

Dettagli

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del OGGETTO: Attivazione dell applicativo regionale informatizzato per la prescrizione, la dispensazione e il monitoraggio dell ormone della crescita (GH). NOTA PER LA TRASPARENZA: il presente provvedimento

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 18-2663 Proseguimento e consolidamento a regime del percorso per la Gestione integrata del diabete di tipo 2 nell'adulto,

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012 PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE anno Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale

Dettagli

PREMESSA OBIETTIVI GENERALI

PREMESSA OBIETTIVI GENERALI Protocollo d Intesa per la somministrazione dei farmaci salvavita nei Nidi e nelle Scuole dell Infanzia comunali e statali e nelle Scuole Primarie e Scuole secondarie di primo grado del Municipio XI Arvalia

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC PIANO ANNUALE DI ATTIVITA approvato dal CC Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale 2009-

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

Daniela Riccò Direttore Sanitario AUSL RE

Daniela Riccò Direttore Sanitario AUSL RE Daniela Riccò Direttore Sanitario AUSL RE ESPANDERE PROGRESSIVAMENTE LE LOGICHE DI INTEGRAZIONE SISTEMICA UTILIZZANDO I PERCORSI ASSISTENZIALI COME METODO PER PROMUOVERE PRASSI INTEGRATA E PER RENDERE

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Con la deliberazione della Giunta regionale n. 7549 dell 8.9.1992 si definisce il primo piano per

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

Istituto Tumori Toscano ITT

Istituto Tumori Toscano ITT Istituto Tumori Toscano ITT Il percorso normativo Azione Progr. per l oncologia 1998 P.S.R. Istituzione Coordinamento Rete Oncologica 2001 P.S.R. 2002 Istituto Toscano Tumori Istituzione delle UU.OO. di

Dettagli

Assistenza ai malati oncologici. Il Dr. Vittorio Franciosi all ospedale di Vaio

Assistenza ai malati oncologici. Il Dr. Vittorio Franciosi all ospedale di Vaio Conferenza Stampa Assistenza ai malati oncologici Il Dr. Vittorio Franciosi all ospedale di Vaio Mercoledì 23 luglio 2008 - ore 11 sala A Ospedale di Fidenza Alla Conferenza Stampa intervengono: Maria

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA Art. 1 Definizione Per Attività Fisica Adattata (d ora in avanti AFA) si intendono programmi di esercizi non sanitari, svolti in gruppo, appositamente

Dettagli

IL FINE VITA APPARTIENE ALLA VITA: I PROGETTI E LE ESPERIENZE DELLE CURE PALLIATIVE

IL FINE VITA APPARTIENE ALLA VITA: I PROGETTI E LE ESPERIENZE DELLE CURE PALLIATIVE IL FINE VITA APPARTIENE ALLA VITA: I PROGETTI E LE ESPERIENZE DELLE CURE PALLIATIVE Verso l accreditamento delle cure palliative in Emilia-Romagna Antonio Brambilla Servizio assistenza territoriale Direzione

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale Area: POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Servizio: PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA TERRITORIALE E PREVENZIONE Codice

Dettagli

Il case manager del territorio nel bambino con disabilità complessa. Dr. Giorgio Conforti SAVONA 10 maggio 2008

Il case manager del territorio nel bambino con disabilità complessa. Dr. Giorgio Conforti SAVONA 10 maggio 2008 Il case manager del territorio nel bambino con disabilità complessa Dr. Giorgio Conforti SAVONA 10 maggio 2008 TRE PERPLESSITA 1. LA NORMATIVA 2. LA COMPETENZA 3. LE REALI RISORSE SUL TERRITORIO SCOPRIAMO

Dettagli

analisi della normativa formazione indicatori condivisi

analisi della normativa formazione indicatori condivisi analisi della normativa formazione indicatori condivisi Normativa Equità di accesso alle cure domiciliari in generale e palliative in particolare Qualità di prestazioni adeguata agli standard Le cure non

Dettagli

DIGNITA DELLA PERSONA evitare il dolore inutile nelle strutture socio-sanitarie accreditate per anziani e disabili

DIGNITA DELLA PERSONA evitare il dolore inutile nelle strutture socio-sanitarie accreditate per anziani e disabili DIGNITA DELLA PERSONA evitare il dolore inutile nelle strutture socio-sanitarie accreditate per anziani e disabili primo incontro formativo team interni seconda parte Servizio per l integrazione socio-sanitaria

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO 1/7 Attività L unità operativa di Psicologia Ospedaliera assicura interventi psicologici per: 1. Garantire, quando richiesto, il supporto

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili. U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini

Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili. U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini L UTENTE Si rivolge al Presidio di Rete per ottenere: -Il percorso diagnostico appropriato -La certificazione

Dettagli

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE INDICE PREMESSA ANALISI DELLE CRITICITA' TERRITORIALI AREE PRIORITARIE DI INTERVENTO NEL RISPETTO DEGLI INDIRIZZI

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Direzione Sanitaria, Dipartimento Attività Socio Sanitarie Integrate (A.S.S.I.) Dipartimento Servizi Sanitari di Base, Staff Educazione

Dettagli

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 PDTA della persona con SLA esperienza dell area bolognese Fabrizio Salvi Antonella Dallari Manuela Panìco L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 3 Da un incontro

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ASL / PEDIATRI DI FAMIGLIA / UFFICIO SCOLATICO PROVINCIALE

PROTOCOLLO D INTESA ASL / PEDIATRI DI FAMIGLIA / UFFICIO SCOLATICO PROVINCIALE Pediatri di Famiglia ASL Monza e Brianza PROTOCOLLO D INTESA ASL / PEDIATRI DI FAMIGLIA / UFFICIO SCOLATICO PROVINCIALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI IN AMBITO SCOLASTICO Monza - Luglio 2009 1. PREMESSA

Dettagli

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE COMUNE DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Distretto Sociosanitario di Carbonia ALLEGATO 1 PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE IL SISTEMA INTEGRATO PRESA IN CARICO - VALUTAZIONE

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

Indirizzi per i percorsi regionali o interregionali di assistenza per le persone affette da Malattie Emorragiche Congenite (MEC)

Indirizzi per i percorsi regionali o interregionali di assistenza per le persone affette da Malattie Emorragiche Congenite (MEC) Allegato A Indirizzi per i percorsi regionali o interregionali di assistenza per le persone affette da Malattie Emorragiche Congenite (MEC) Al fine di assicurare l'assistenza e la presa in carico dei pazienti

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE ORGANISMO DI RAPPRESENTANZA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SANITARIO ISTITUITO DALL ART. 5 della LEGGE PROVINCIALE

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Le cure a casa in uno scenario di sicurezza: dal censimento al libro bianco Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Masselli Mariella - Mete Rosario Roma 7 Luglio 2010 Il ruolo strategico

Dettagli

La rete dei servizi. Proposta di un progetto per la Regione Lazio

La rete dei servizi. Proposta di un progetto per la Regione Lazio La rete dei servizi Proposta di un progetto per la Regione Lazio Global prevalence of dementia: a Delphi consensus study Ferri CP, Prince M, Brayne C, Brodaty H, Fratiglioni L et al. Alzheimer s disease

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Giovanni Corsello, Maria Piccione Dipartimento di Promozione della Salute e Materno-Infantile

Dettagli

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO BUONGIORNO CReG: UN PROGETTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE LA GESTIONE TERRITORIALE DELLA CRONICITÀ L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO Mara Azzi, Direttore Generale ASL BERGAMO ASL BERGAMO POPOLAZIONE RESIDENTE SUDDIVISA

Dettagli

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare Centro Di Riabilitazione Vaclav Vojta Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare Pagina2 VEC Sommario UNITÀ DI RIABILITAZIONE DOMICILIARE 3 Destinatari 4 Capacità ricettiva e Prestazioni 4 Funzionamento

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

CENTRI DIALISI DIPARTIMENTO IGIENICO-ORGANIZZATIVO CARTA DEI SERVIZI CENTRI DIALISI DIPARTIMENTO IGIENICO-ORGANIZZATIVO CARTA DEI SERVIZI

CENTRI DIALISI DIPARTIMENTO IGIENICO-ORGANIZZATIVO CARTA DEI SERVIZI CENTRI DIALISI DIPARTIMENTO IGIENICO-ORGANIZZATIVO CARTA DEI SERVIZI CENTRI DIALISI DIPARTIMENTO IGIENICO-ORGANIZZATIVO CARTA DEI SERVIZI 2 0 0 7 CENTRI DIALISI DIPARTIMENTO IGIENICO-ORGANIZZATIVO CARTA DEI SERVIZI 2 0 0 7 CENTRO DIALISI DIPARTIMENTO IGIENICO ORGANIZZATIVO

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi La proposta del Ministero: un Registro Italiano delle Fratture da Fragilità (RIFF) Rossana Ugenti Direttore

Dettagli

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi Psicologia psicoterapia Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2002-2004 Psicologia Psichiatria

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale proposta approvata nella seduta del 9 agosto 2002 Oggetto: Individuazione rete dei presidi regionali per le malattie rare e adempimenti regionali

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

Innovazione organizzativa nelle cure primarie:

Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Il progetto di modernizzazione NOA dell Area Vasta Emilia Centro 2010-2012 obiettivi e risultati Maria Chiara Tassinari Convegno Nazionale AICM Riccione 25-26

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

COMITATO DI COORDINAMENTO DEL DIPO

COMITATO DI COORDINAMENTO DEL DIPO COMITATO DI COORDINAMENTO DEL DIPO VERBALE n. 2/2015 PRESENTI: v. allegato firme presenze Di seguito si riportano sinteticamente le risultanze della seduta del Comitato del 20/5/2015. stato di avanzamento

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli