Robert Agnew e la General Strain Theory (GST)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Robert Agnew e la General Strain Theory (GST)"

Transcript

1 1 Robert Agnew e la General Strain Theory (GST) INTRODUZIONE Le origini della GST. Le teorie dello Strain La GST General Strain Theory (Teoria Generale della tensione), le sue origine attinge dalle altre teorie, specialmente da quelle che parlano dello strain 1. La Strain theory è stata sviluppata dal lavoro di Durkheim e Merton che hanno introdotto il concetto di anomia. Mentre Durkheim si concentra sulla diminuzione della moderazione della società e a livello individuale, Merton ha studiato lo squilibrio culturale che esiste tra l'obiettivo e le norme degli individui della società. Anomia può essere suddiviso in due livelli. Il primo di questi livelli è la macrosistema di anomia, che si manifesta nella incapacità della società di porre dei limiti sugli obiettivi e disciplinare la condotta individuale. Il microsistema di anomia, noto anche come teoria dello strain, si concentra sulle ragioni che incrementano la probabilità di devianza come l effetto della divisione sociale. Secondo questo microsistema di anomia, la diminuzione della normativa sociale crea un aumento di pressione a commettere atti devianti I principali autori che hanno sviluppato queste teorie sono: Albert Cohen, Richard Cloward e Lioyd Ohlin. Queste teorie si concentravano su quella tipo della tensione (strain), che riguardava la incapacità della persona di raggiungere certi obiettivi economici e sociali. La tensione nasceva secondo loro in particolar modo nelle classi sociali basse, che non erano in grado di attrezzare in maniera sufficiente i figli, per garantire loro una buona riuscita scolastica. I ragazzi di questo strato sociale vivevano in ambienti svantaggiati, non ricevevano un educazione adeguata; di conseguenza non riuscivano ad arrivare ad alti livelli economici Greenberg ha messo in fuoco che le tensioni nascono quando gli adolescenti non riescono ad avere i soldi necessari per saziare i loro bisogni sociali o non riescono emanciparsi per ottenere l autonomia e la libertà. Messerschmitd e gli altri hanno sottolineato che la fonte dello strain può essere l incapacità di alcuni maschi di realizzare la loro mascolinità in altro modo. Colvin evidenzia che le tensioni che portano al crimine prendono origine dalla paura di conseguenze spiacevoli. La GST nella differenza delle teorie sudette analizzando l arco più ampio degli strain. Robert Agnew Robert Agnew è un Professore della Delinquenza Giovanile alla Emory University di Atlanta. Ha conseguito la triennale con il massimo dei voti e la più alta distinzione da Rutgers University nel 1975, e la sua tesi di licenza e poi dottoriato in, rispettivamente, 1978 e 1980-tutti in sociologia. Nel 1980 è entrato nell Emory University, presso la quale negli anni è stato presidente del dipartimento di sociologia Il principale campo di ricerca e di insegnamento del professor Agnew è stato la delinquenza giovanile, la criminologia, in particolare la teoria criminologica. Lui è ben conosciuto per il suo sviluppo della GST 1 Strain in italiano viene tradotto tensione, nel testo però useremo il nome originale

2 2 Ha fatto parte del consiglio redazionale di riviste: Criminology, Journal of Crime and Justice, Journal of Research in Crime and Delinquency, Journal of Theoretical and Philosophical Criminology, Justice Quarterly, Social Forces, Theoretical Criminology, Turkish Journal of Criminology, and Youth and Society 2. Fin ad oggi è autore di 6 libri riguardanti la criminologia, di 7 capitoli nelle pubblicazioni più complesse, e di numerosissimi articoli riguardanti la devianza e criminologia, specialmente giovanile. La GST e altre teorie del crimine LA GST di Agnew si basa sull idea generale che quando le persone sono trattate male, provano una rabbia che porta al crimine. La teoria generale della tensione identifica le modalità di misura, i diversi tipi di deformazione, il legame tra sforzo e criminalità, e le raccomandazioni politiche basate sulla teoria. Nel centro di questa teoria è la relazione negativa con gli altri. Le relazioni nelle quali gli altri si vedono valutati in base a quello che possiedono, trattano l altro come potenziale avversario, o l altro appare loro come quello che ostacola il raggiungimento degli obiettivi. Le teorie biopsicologiche si concentrano piuttosto sui tratti individuali della personalità che sulla relazione. Le teorie del controllo sociale mettono a fuoco la mancanza di relazioni positive con gli altri. Le Social Learning sottolineano la positiva identificazione con l altro deviante. La GST spiega l atto deviante come qualcosa compiuto sotto la pressione dello strain, mentre le teorie del controllo parlano del libero coinvolgimento nel crimine e la Social Learning presenta il crimine come una forma auspicata o almeno giustificata in certe circostanze. Nello stesso momento la GST è collegata con queste teorie. La percezione dello strain sta in relazione con i tratti di personalità, la tensione riduce il controllo sociale e accelera la social learning del crimine. A livello molto concreto tanti fattori specifici che portano al crimine, si trovano sia nelle teorie dello strain, in quelle del controllo, e in quelle del social learning. 3 2 Cfr b ( ) 3 R: AGNEW, Pressured into crime, p. 201

3 3 I CAPITOLO IL CONCETTO DI STRAIN 1. Il concetto di strain Tradotto letteralmente, strain significa la tensione. In ambito psicosociale per strain si intendere un cambiamento, in un soggetto o in una situazione, dovuto alla pressione di una o più forze esterno. E un concetto molto simile a quello dello stress. Ma, mentre il primo è dovuto alla pressione di forze esterne e riguarda il collettivo, lo stress riguarda maggiormente il singolo individuo che è provato da una specifica situazione. Secondo le teorie dello strain i comportamenti delinquenziali sono la conseguenza di una discrepanza, oggettiva ma avvertita a livello individuale, tra le mete ed i mezzi disponibili per raggiungerle. Questa discrepanza da origine allo strain. La persona non può vivere nello strain, ha bisogno di trovare delle alternative, ha bisogno di adattarsi alla tensione ha bisogno di trovare gli adattamenti. Le persone meno dotate da punto di vista sociale e culturale soprattutto gli adolescenti e i giovani socialmente svantaggiati, possono avere un repertorio ridotto di comportamenti adattivi. La delinquenza la tossicodipendenza e le devianza in genere, sono degli adattamenti. L origine dello strain è sociale perché le mete ed i mezzi per raggiungere sono elaborate socialmente. 4 Il concetto dello strain dunque si riferisce agli eventi o condizioni che sono spiacevoli per l individuo. Riguarda anzitutto la situazione della relazione, dentro la quale la persona non è tratta come vorrebbe essere trattata. Ci sono 3 tipologie degli strain. Gli individui possono perdere qualcosa che ha per loro particolare valore, possono essere trattati con ostilità dagli altri, o non riescono a raggiungere i proprio obiettivi. 5 Non tutti gli strain riguardano le esperienze vissute in prima persona (experienced strain). Agnew parla anche degli strain anticipati e sostitutivi. Lo strain sostitutivo (vicarious strain) si riferisce agli strain sperimentati da altre persone vicine all individuo, in modo speciale i membri della famiglia e amici. Ad. Es. quado un membro della famiglia viene aggredito, lo strain sostitutivo può anche rendere l individuo triste o arrabbiato e portarlo al crimine. Questo tipo dello strain aumenta la probabilità del crimine in alcuni casi es. quando le persone cercano a rivendicarsi chi ha vittimizzato i loro famigliari. Il concetto dello strain anticipato (anticipated strain) riguarda gli individui che si aspettano che il loro strain in atto si prolunga nel tempo o che vengono sperimentati nuovi strain. L individuo si ingaggia in un azioni criminale per prevenire lo strain 6. E anche utile fare la distinzione tra lo strain oggettivo e soggettivo. Lo strain oggettivo si riferisce agli eventi o condizioni che sono spiacevoli per la maggioranza dei membri di un gruppo. Perciò, quando diciamo che individuo sperimenta lo strain oggettivo, significa che sta provando l esperienza che normalmente è spiacevoli per ogni membro del suo gruppo. Ci sono tanti eventi che sono spiacevoli per la maggioranza degli uomini del mondo come aggressione fisica, o mancanza di cibo e di alloggio 7. Lo strain soggettivo si riferisce invece agli eventi o condizioni che sono spiacevoli per gli uomini che li stanno sperimentando o hanno questa esperienza. Perciò quando diciamo che l individuo sta sperimentando lo strain soggettivo, diciamo che stanno provando una situazione spiacevole. Una delle scoperte delle ricerche empiriche sugli strain riguarda le differenze a livello soggettivo, nella 4 G. FROGGIO, Psicosociologia del disagio e della devianza, p AGNEW, Pressured into crime, p. 4 6 AGNEW R., Pressured into crime, p AGNEW, Building on the foundation of general Strain Theory, p. 320

4 4 percezione degli strain oggettivi. Ad es. la gente si differenzia nella valutazione soggettiva degli eventi oggettivi come la morte di un membro della famiglia, divorzio. La soggettiva valutazione dello strain oggettivo dipende da una serie dei fattori, compresi tratti individuali, le risorse personali, gli scopi, i valori, l identità e le condizioni della vita. 8 Lo strain provoca una reazione emotiva negativa, cioè la rabbia. Quella da parte sua crea una pressione per una azione correttiva. Il crimine può essere un azione correttiva, che serve a tre funzioni fondamentali: alleviare lo strain, cercare vendetta, gestire le emozioni negative, soprattutto attraverso l uso di droghe illecite. Agnew afferma che gli adolescenti e i giovani sono spinti ad un comportamento delinquenziale da stati affettivi negativi, come la rabbia e le emozioni ad essa associate. Tali stati derivano dalle relazioni negative, che stanno all origine dello strain. 9 La risposta emozionale a un evento o una condizione è strettamente collegata con gli strain soggettivi. Lo strain soggettivo mette in relazione la percezione e valutazione individuale e le condizioni nelle quali capita l evento. Due persone possono elaborare lo stesso evento nello stesso modo, cioè sono ugualmente dispiaciuti. Uno però può diventare arrabbiato mentre altro va in depressione. Loro possono differenziarsi nel grado d intensità di sperimentazione di certe emozioni perciò uno può arrabbiarsi tanto mentre altro sperimenta la rabbia abbastanza moderata. L arco dei fattori individuali e ambientali influenza la risposta emozionale allo strain soggettivo I tipi di strain che più facilmente portano al crimine Le ricerche fatta da Agnew hanno dimostrato che l impatto che lo strain ha sul crimine è non soltanto la funzione delle caratteristiche dell individuo ma anche del tipo dello strain sperimentato dalla persona. Alcuni tipi degli strain, sia quelli oggettivi che soggettivi, più volentieri inducono in crimine. 11 Agnew presenta una lista degli strain che di più spingono le persone che fanno crimine. Queste tensioni sono raggruppati in tre set. Il primo set degli strain influisce soprattutto ai giovani. Il Primo di questi strain e il rifiuto genitoriale. Si tratta dei genitori che non esprimono ai loro figli l affetto e l amore, dimostrano basse interesse di loro, forniscono basso supporto, e spesso dimostrano l ostilità verso loro. Il secondo strain e la disciplina sbagliata, eccessiva e molto rigida. Si tratta specialmente delle situazioni in cui si usa come strumento di controllo genitoriale la umiliazione, insulto, minaccia, urlo e il castigo psichico. Altro tipo di strain che induce i giovani in crimine riguarda l abuso dei bambini o abbandono. Questo strain comprende: abuso psichico, sessuale, emozionale, e la cura non adeguata dove mancano: cibo, abitazione, medicine e affetto. Altro tipo dello strain riguarda negative esperienze scolastiche. Si tratta di situazioni quando i voti a scuola sono bassi, le relazioni con gli insegnanti sono negative (specialmente quando l insegnante tratta il ragazzo in maniera non giusta, umiliante, non considerando come persona). In questo tipo di problema subentrano i problemi quando la scuola viene percepita come noiosa e come tale porta via tanto tempo. Altro tipo dello strain che fa parte di questo gruppo riguarda le relazioni tra i pari. Si tratta delle situazioni di abuso che comprendono insulti, pettegolezzi, prese in giro, minacce, violenza psichica, e tentativi di coartazione. Prima questo tipo dello strain non è stato considerato pericoloso. 8 AGNEW, Building on the foundation of General Strain Theory, p G. FROGGIO, La General Strain Theroy di Agnew, p Angew R., Idem, Agnew R., idem, 323

5 5 Il secondo gruppo degli strain che conducono al crimine sono quelli che hanno un impatto forte specialmente sulle persone adulte. Il primo di questi strain e il lavoro nel mercato secondari. Di solito questo lavoro è pagato con i compiti abbastanza spiacevoli (ad. Es. i lavori molto semplici, ripetitivi o psichicamente pesanti, o il lavoro che richiede lo status dell inserviente, subordinato), bassa autonomia e controllo coercitivo (minaccia di licenziamento), sottopaga, pochi benefici, basso prestigio, e le basse possibilità dell avanzo sociale. Il secondo strain che è considerato pericoloso per gli adulti riguarda la disoccupazione. Questa può indurre nella criminalità quando si prolunga nel tempo, e la responsabilità per lo status quo, viene scaricata sugli altri. Il terzo tipo dello strain sono i problemi aderenti ai problemi di coppia. Questi problemi includono frequenti conflitti, abusi psichici o liti screzi a livello verbale. L ultimo set dei riguarda quelli strain che hanno impatto significativo sia ai giovani che agli adulti. Il primo strain è il fallimento nel raggiungimento di certi scopi, compreso quelli affettivi, emozionali. Esempi di questi scopi falliti sono: altro livello di autonomia, status maschile o la volontà di avere, possedere tanti soldi in breve periodo del tempo. Questi obiettivi non son legati con altro controllo sociale, cioè il raggiungimento o meno di questi obiettivi non da nessun impatto sulle altre persone e alla valutazione sociale. Il secondo strain in questo gruppo riguardo il fatto di essere una vittima del crimine. Questo strain è uno dei più severi strain che prova uomo. C e una relazione tra essere vittima e aggressore. Anche essere aggredito da uno dei membri della famiglia o dai uno degli amici può incrementare la probabilità dello strain criminale. Terzo strain in questo gruppo è l abitazione nei quartieri di basso reddito economico. Questa situazione si associa con più ampio l arco degli strain, compreso gli strain economici, i problemi famigliari, alti tassi di criminalità, problemi scolastici e abusa da parte dei pari. Quarto strain in questo gruppo è la mancanza della dimora. Come nel caso precedente il fatto di mancanza del tetto espone le persone all impatto di più strain. Le persone senza tetto devono costantemente ricercare soldi, cibo, riparo. Stanno frequentemente nel conflitto con gli altri e sono spesso le vittime di violenza. L ultimo strain in questo gruppo riguarda la discriminazione e pregiudizio che si basate sull appartenenza etnica o di gender. Ci sono delle ricerche che dimostrano che c è il collegamento tra discriminazione razziale o sessuale e il crimine. 12 Riassumendo gli strain sopraelencati aumentano la probabilità del crimine. L esistenza di questi strain, nella vita delle persone è un indicatore molto importante della alta probabilità del crimine 3. Fattori che incrementano la probabilità della risposta criminale allo strain Ci sono molti adattamento allo strain, però non tutti sono disponibili per ogni individuo. Le persone sono spinte a scegliere determinati adattamenti da una serie di fattori interni ed esterni. Agnew propone un elenco di parziale di caratteristiche degli strain che facilitano il coping delinquenziale. Lo strain viene più facile mento levato in modo criminale quando è visto come non giusto, quando viene percepito come grande e severo, è legato con il basso controllo sociale, quando è più facile affrontare in via criminale che legale, o tocca le persona che sono particolarmente disposte di crimine a. Lo strain è visto come ingiusto 12 Agnew R., Pressured into Crime, 73-74

6 6 Agnew presenta ingiusto trattamento come distinta categoria degli strain, classificata come un fallimento nel perseguimento degli obiettivi positivamente valutati. In modo particolare parla della disgiunzione tra i risultati onesti/giusti e quelli che vengono raggiunti attualmente. Questo problema è applicabile a tutti i tipi degli strain, cioè vederli come non meritati. Quando ciò avviene gli strain più facilmente portano al crimine perché suscitano nella persona le emozioni criminogeni come la rabbia. La rabbia favorisce il crimine perché distorce i processi cognitivi, è ostacola la giusta valutazione di quello che avviene. Oltre questo riduce la percezione dei costi del crimine, da sensazione del potere e suscita il desiderio di rivendicarsi. Gli strain vengono percepiti come ingiusti quando vengono suscitati volontariamente e intenzionalmente. Poi altre cose che aiutano a percepire come ingiusto lo strain sono: - Convinzione che lo strain non è meritato - Lo strain non è stato provocato per raggiungere la meta elevata, alta - Quando il processo di applicazione dello strain viene percepito come ingiusto - Lo strain risulta come netto danno per loro - Lo strain viene applicato insieme con il comportamento del mancato rispetto, mancata considerazione e con l aggressività - Lo strain viola fortemente le norme sociali Sommando possiamo dire che gli strain che conducono al crimine più facilmente quando sono visti come ingiusti e non meritati 13. Lo strain è visto come ingiusto quando è provocato intenzionalmente e volontariamente. b. Lo strain viene visto come cosa che viola cose importanti, in maniera molto forte Il secondo fattore che aumenta la probabilità del coping delinquenziale e la percezione della grandezza dello strain. In altre parole Possiamo dire che lo strain quando è visto come più severo più inteso, più facilmente facilità il crimine. Questo succede per diversi motivi: - Gli strain severi, crudeli più facilmente generano le emozioni negative, che includono rabbia, depressione, paura - La severità riduce la capacità dell individuo a rispondere agli strain in maniera legale. - Gli strain severi, a lunga durata, e di altro grado contribuiscono nella formazione dei tratti negativi delle emozioni, e abbassano il livello dei legami sociali. - Gli strain grandi sono spesso collegati con basso controllo sociale, a facilitano apprendimento sociale del comportamento deviante. La percezione dell intensità dello strain dipende dal - Grado e dimensione degli strain - Duratura, frequenza, distanza del tempo, e aspettative riguardanti la duratura degli strain, - La centralità degli strain, (se tocca i valori importanti per la persona). 14 c. Basso controllo sociale. Il terzo fattore che incrementa la probabilità dell adattamento criminale è livello del controllo sociale. Alcuni strain sono associati con basso controllo sociale, come sbagliata disciplina famigliare (controllo troppo diretto), rifiuto da parte dei genitori (basso attaccamento), il lavoro non ufficiale, mancanza di casa. Quelli strain più facilmente risultano come criminogeni perché mancato controllo sociale riduce previsti costi del crimine. Mancanza del controllo riduce la capacità di rispondere allo strain in maniera legale. Gli individui percepiscono insieme con basso 13 AGNEW R., Building on the foundation of Generale Strain Theroy, p Ibid., p. 331

7 7 controllo basse interesse di loro da parte della società. Ciò fasì che non vedano le risorse per poter risolvere i loro problemi in mondo legale. Al contrario altro controllo sociale riduce il comportamento negativo, aumentando il costo sociale del crimine, e assicura più risorse per affrontare i problemi in maniera non criminale. 15 d. Gli strain che creano la pressione verso il coping criminale L ultimo fattore che aumenta la probabilità del crimine è la presenza degli strain che in se incentivano verso i comportamenti criminali. Certi tipi degli strain sono molto più facilmente risolvibili tramite un crimine che tramite le strade legali. In conseguenza, le persone più facilmente scelgono la strategia di coping criminale. Ad es. il tipo dello strain che coinvolge nel crimine è l urgente bisogno di una somma elevata del dentaro. E molto più facile rubare, che perseguire lunga strada di educazione. In questa ocasione va anche detto che alcuni strain, che rinforzano il crimine, producono le convinzioni favorevoli al crimine, o spingono e invogliano l individuo verso crimine. e. Questi fattori indicati dal Agnew, vengono allargati da Froggio, che scrive dei fattori personali che facilitano il coping delinquenziale. La GST tende a sottolineare come la disposizione a impegnarsi nel crimine sia influenzata da un insieme dei fattori tratti individuali come rabbia e l impulsività, tendenza ad attribuire le responsabilità del proprio comportamento a qualcuno altro, tendenza ad attribuire le responsabilità e la colpa delle proprie avversità a qualcun altro. La tendenza a scaricare la propria responsabilità e la colpa delle proprie avversità sua qualcosa o qualcun altro è un atteggiamento che produce risentimento e rancore. Infine, le persone sono maggiormente disposte al crimine se se posseggono delle convinzioni favorevoli al crimine, se sono state esposte a modelli criminali attraverso una forma di rinforzo vicario. Una variabile chiave che interviene n questo fattore è l associazione con pari delinquenti. Perciò gli adolescenti sono più disposti ai rinforzi per i comportamenti criminali Ibid., p FROGGIO G., Piscosociologia del disagio e della devianza, p. 200

8 8 II CAPITOLO- IL COPING COME LA RISPOSTA DELL UOMO ALLO STRAIN Ogni persona sottoposta a stresso adotta delle strategie attraverso le quali far fronte alla tensione. Tali strategie, nella letteratura sono note come coping. Il coping può essere definito come un fattore di stabilizzazione che può aiutare le persona a mantenere un adattamento psicosociale durante i periodi di stress. Esso riguarda gli sforzi cognitivi e comportamentali per ridurre le condizioni stressanti e il distress emotivo ad esse collegato. Tutte le teorie della tensione riconoscono che in risposta alla tensione possono essere scelti degli adattamenti delinquenziali, ma che solo alcuni individui sottoposti a strain possono finire nella delinquenza dipendete dal tipo di adattamento che sceglie. La GST segue questa strada, e sulla scorta della ricerca sullo stress, parla di adattamenti come strategie di coping cognitivi, comportamentali ed emotivi Strategie comportamentali di coping Esistono 2 tipi maggiori di coping comportamentale: quello che cerca di minimizzare o eliminare la causa dello strain, e quello che tenta di soddisfare un bisogno di rivalsa per il danno ricevuto. a. Minimizzare o eliminare la causa dello strain. Il coping, parallelamente ad ogni tipo di strain, può assumere diverse forme. Le persone possono cercare di realizzare le mete cha valutano positivamente, possono proteggere o recuperare gli stimoli che valutano positivamente, possono fuggire dagli stimoli negativi. I comportamenti, in queste diverse aree. Possono essere convenzionali o delinquenziali. Un adolescente che cerca di allontanarsi da un ambiente familiare avverso, ad esempio, può provare a farsi ospitare da qualche parente con il consenso dei genitori, può invece fuggire dalla propria casa senza lasciare informazioni b. Soddisfare un bisogno di rivalsa Si tratta di un comportamento vendicativo. Le ricerche di Angew dicono che quando un avversità viene attribuita agli altri, crea un desiderio di vendetta che è distinto dal desiderio di porre fine all avversità. Il comportamento vendicativo, può anche in questo caso, assumere le forme convenzionali o delinquenziali, anche se quella forma è più probabile. Il comportamento cosi, coinvolge gli sforzi per minimizzare gli effetti positivi, e incrementare i negativi, aumentando la responsabilità degli altri per un determinato comportamento. 17 FROGGIO, G., La General Strain theory di Agnew, Analisi dei concetti e delle implicazioni operative, in Rassegna italiana di criminologia 12(2001),

9 9 2. Strategie cognitive di coping Alcune ricerche suggeriscono che alcune volte gli individui reinterpretano oggettivi stressori in modo di minimizzare il loro negativo impatto. Ci sono diverse strategie per introdurre il coping cognitivo. Tutte queste strategie possiamo riassumere nelle seguenti frasi: questo non è importante, questo non è cosi male, me mo sono meritato. I ricercatori cercavano di spiegare le difficoltà nella gestione degli stress dimostrando la ampiezza delle variabili che agiscono insieme. Una certa attenzione hanno dato alle strategie del coping a. Ignorare l importanza dello strain La percezione soggettiva dello strain oggettivo dipende dalla misura con la quale lo strain colpisce valori, mete e identità dell individuo. Le persone sopportano più facilmente anche più strain che agiscono se questi strain non riguardano le aree della vita per loro importanti. La gente porre più attenzione a questi aree della loro vita, a questi obiettivi e valori, che riguardano in modo assoluto e relativo queste mete ch è in grado di perseguire. b. Ignorare aspetti negativi ed enfatizzare i positivi L altra strategia cognitiva consiste nella enfatizzazione degli effetti positivi e diminuire gli effetti negativi. Nella strategia precedente l individuo riconosceva l esistenza delle avversità ma rilegava quella avversità alle aree della vita meno importanti. In questo secondo adattamento, le persone tentano di negare l esistenza dell avversità tramite massimizzazione degli effetti positivo e riducendo gli effetti negativi. Ciò si può svolgere in 2 modi: abbassando gli standard usati nella valutazione degli effetti o distorcendo la propria stima dei correnti e aspettati effetti. Abbassamento dei propri standard di base comporta abbassamento, diminuzione dei propri obiettivi o l aumento della soglia per gli stimoli negativi. Questa azione rende la situazione attuale meno avversaria, di come potrebbe essere. Inoltre l abbassamento degli standard, può anche condurre alla distorsione della percezione degli effetti. Ad es. gli individui con il basso grado d istruzione dicono che sempre andavano bene a scuola. 2 strategie che valgono poco sono: il paragone verso basso, (gli individui dicono la loro situazione non è male rispetto quello che devono subire gli altri), e la valutazione che comunque dice che la situazione rispetto passato si è migliorata. In questo tipo di strategia subentra un altro tipo che emfasi agli aspetti positivi attribuiti alla situazione difficile. La persona ignora gli aspetti nocivi e spiacevoli, e ancoraggio la loro attenzione agli aspetti piacevoli e gratificanti. Ad es. le vittime dei crimini, spesso dicono che la loro sofferenza ha portato a loro alcuni benefici, come quello di crescita interiore come persona ecc. c. Accettazione della responsabilità per l avversità Terza strategia consiste nella minimizzazione della soggettiva percezione dello strain, autoconvincendosi se stessi the si è meritato l avversità che si sta provando. Ci sono più motivi per i quali gli strain meritati producono meno sofferenza da quelli ingiusti. Lo strain ingiusto può

10 10 scuotere l equilibrio interiore, la fede nella giustizia nel mondo, e se viene attribuita alla malignità dell altro può condurre alla convinzione e alla paura che lo strain si ripete facilmente al futuro. Ci sono 2 strategie per convincere che lo strain era meritato. La pirma consiste nella riduzione degli stimoli positivi di una relazione e ingrandimento quelli negativi. L azione che causa lo strain, viene concepita con il contributo degli di una relazione caratterizzata dagli status considerati rilevanti per questa relazione. La seconda avviene quando l individuo ingrandisce gli aspetti positivi nell altro o diminuisce (sempre nell altro) gli aspetti negativi Strategie emotive di coping Alle fine le persone sottoposte allo strain possono reagire allo strain intervenendo direttamente sulle emozioni negative che appaiono come il frutto delle avversità come percepisce una persona. Gli scienziati hanno individuato alcune strategie del coping emozionale. Tra questi si trovano sia quelli non convenzionali come questi convenzionali. Tra i primi bisognerebbe elencare: l'uso di droga come stimolatore e/o antidepressivo, Tra i secondi ci sono le esercitazioni fisiche, tecniche del profondo respiro, meditazione, biofeetbask e tecniche del rilassamento progressivo, e l'uso delle tecniche espressive gestuali, come la recitazione o i lavori espressivi. In tutti questi esempi il fulcro dell'azione mira ad alleviare le sensazioni negative piuttosto che cercare di reinterpretarle cognitivamente o cambiando gli atteggiamenti verso le realtà che producono questa sensazione fortemente negativa. Tante di queste strategie sono al di là della possibilità di coping degli adolescenti, e perciò, secondi i dati forniti dalle ricerche sugli adolescenti, spesso assumono droghe illecite per rimuovere gli strain presenti nella loro vita. Le strategie emotive del coping possono portare alla ricerca delle vendetta tramite gli altri. Lo strain crea il desiderio di rivalsa che è distinto dal desiderio di alleviare è cancellare la situazione negativa causata dallo strain. Il comportamento vendicativo può avere carattere sia criminale (vandalismo, aggressione fisica) che non criminale (cattivi pettegolezzi). Gli studi suggeriscono che questo comportamento fasi che le persone si sentano meglio. Le strategie emotive del coping vengono attivate di solito, dopo il fallimento e impossibilità di avviare le strategie cognitive e comportamentali. Spesso accade anche che le persone sottoposte agli strain avviano insieme più strategie del coping. Come una forma del coping emozionale può essere tratta la tentazione del distrazione. Comunque si assume che suddette strategie sono le principali tipi di risposte date alle situazioni dello strain. 4. Gli adattamenti delinquenziali Esistono diversi modi di far fronte allo strain, ma solo alcuni di questi riguardano la delinquenza. Tutti noi variamo nell'utilizzo delle diverse strategie di coping. La domanda che pone Agnew è la 18 AGNEW, Foundation for a General Strain Theory of Crime and delinquency, Criminolgy 1, 1992, p

11 11 seguente: perché alcune persone scelgono degli adattamenti delinquenziali, e perché queste persone si stabilizzano in questi adattamenti? Lo strain dall'ambiente esterno può causare molti sentimenti negativi per un individuo, tra cui la sconfitta, la disperazione e la paura; ma la sensazione più applicabile al crimine è la rabbia. Agnew ha affermato che gli individui si arrabbiano quando la colpa della loro situazione negativa sono le relazioni con gli altri. La rabbia serve ad incitare una persona ad agire, ad abbassare le inibizioni, e a creare desideri di vendetta. La rabbia e la frustrazione può anche consentire alla persona di giustificare il crimine. Agnew in particolare ha sottolineato che gli individui che sono soggetti a sforzi ripetitivi possono essere più inclini a commettere reati o atti delinquenziali. Ciò è dovuto al fatto che, per una determinata fascia di persone, altre strategie di coping non sono accessibili. Portato al limite, l'individuo può diventare ostile ed aggressivo, se in un momento raggiunge un alto livello di eccitazione negativa. In sostanza, la GST propone la spiegazione che un aumento di tensione porterebbe ad un aumento di rabbia, che può poi portare ad un aumento della criminalità. Come la rabbia, la depressione è nient'altro che un fattore che aumenta la probabilità del crimine. Essa crea una pressione verso azioni correttive, da quando appare la sensazione spiacevole, anche se non è cosi forte come l'incidenza della rabbia. La depressione riduce la capacità del coping convenzionale, perché le persone si sentono prive di potenza, di forza per risolvere i problemi in maniera non criminale. D'altronde la depressione fa sì che le persone sentano che hanno poco da perdere, perciò sono spinte al crimine. La terza emozione, che porta al crimine e deriva dallo strain, è la paura. Parliamo della paura quando le persone le persone vogliono anticipare le esperienze che appaiono spiacevoli per loro oppure quando ci sono delle condizioni in cui le persone si trovano particolarmente non influenti, privi di forza. In conseguenza la paura sorge come forte stimolo che sollecita a scappare o combattere. Alcune emozioni che si associano alla paura includono terrore, panico e ansia. Come rabbia e depressione la paura incrementa la probabilità del crimine. Comunque il legame tra crimine e paura non è cosi forte come tra rabbia e crimine ma può comunque suscitare le tendenze di fuga delinquenziali come abbandono scolastico, assunzione di droga, abbandono delle funzioni assunte. Le scelte che gli individui hanno a loro disposizione sono limitate da diversi fattori. Se gli obiettivi iniziali ed i valori di una persona sono alti e hanno poche alternative/obiettivi su cui ripiegare, allora la persona può essere più incline a commettere atti delinquenziali. Inoltre, gli individui possono attivare il coping attraverso caratteristiche come il temperamento, l'autostima e la creatività, che li renderà più o meno propensi a partecipare ad atti delinquenziali o criminali. Il supporto sociale ha anche un ruolo importante nel determinare se un individuo commetterà atti delinquenziali. Chi ha maggiore supporti sociali convenzionali nello stesso momento ha meno probabilità di partecipare alla delinquenza. Inoltre, gli individui con un maggior livello di controllo sociale e che non hanno i mezzi per commettere reati, possono essere meno spinti a compiere atti delinquenziali rispetto a coloro che hanno un basso livello di controllo sociale, oppure hanno maggiore disponibilità ad usare altri mezzi. L'ambiente sociale più ampio avrà anche un effetto sulla scelta di partecipazione o meno alla criminalità. La società influenza i comportamenti dell individuo, indicando l'importanza che deve essere posta su determinati obiettivi e la determinazione di ciò che è negativo e ciò che non lo

12 12 è. Inoltre, la società ritiene che in situazioni avverse l'individuo possa minimizzare cognitivamente e trovare quali altri modi di coping siano disponibili per l'individuo. Tutti questi fattori possono determinare se lo strain si tradurrà in strategie di coping delinquenziale o non delinquenziale. 19 Insieme con le strategie di coping, le disposizioni individuali verso la delinquenza, hanno anche la loro importanza il controllo e la scelta delle strategie applicate dai singoli. Le variabili di temperamento e il rafforzamento positivo del comportamento delinquenziale avuto nel passato possono avere un effetto sulla adesione o meno alla delinquenza. Un altro fattore chiave di questa teoria è l associazione con i pari delinquenziali. Questi fattori consentono di determinare l'impatto che lo strain ha sugli individui e la probabilità che si rivolgeranno al crimine per affrontare il loro strain (10 maggio 2011) 20 AGNEW, Foundation for a General Strain Theory of Crime and delinquency, Criminolgy 1, 1992, p. 71

13 13 III CAPITOLO LE FASCIE PIÙ ESPOSTE AL COPING CRIMINALE La parte significativa delle teorie del crimine si focalizza sul problema perché alcuni individui più degli altri fanno le carriere criminali. Ugualmente la GST mostra che alcuni individui sono più portati ad ingaggiarsi nel crimine perché sono esposti più alle esperienze degli strain che portano al crimine, o attivano le strategie delinquenziali del coping. Si osserva che più spesso le persone commettono crimini entrando nell età adolescenziale e finendola il tasso dei crimini si riduce notevolmente. Comunque c è un gruppo che permane su un determinato tasso di criminalità per tutta la vita. In questo capitolo si cerca di spiegare perché, secondo la GST, gli adolescenti sono più spinti verso il crimine. Nella seconda parte si prende in considerazione le differenze del sesso nel crimine, e come le spiega Agnew. Nella terza parte si presenta altre variabili sociologiche che incidono sul tasso di criminalità 1. L adolescenza come età più in pericolo La criminalità limitata al periodo dell adolescenza è una delle caratteristiche più comuni della criminalità. Maggior parte degli individui aumenta il loro livello di offensiva quando entrano nella adolescenza. Questo è un comportamento tipico per gli adolescenti. Invece questo livello si abbassa drasticamente quando entrano nell età adulta, quando arrivano all incirca a 20 anni nella vita. La GST spiega questo fenomeno in 2 modi. Il primo consiste nel fatto che gli adolescenti sono più esposti all esperienza degli strain che conducono al crimine rispetto sia agli adulti che ai bambini. Questo accade perché gli adolescenti hanno più sviluppata l emotività negativa. Con il loro comportamento provocano reazioni negative da parte degli altri (genitori, insegnanti, pari). Inoltre gli individui molto spesso si collocano in ambienti dove sono più esposti al trattamento negativo. Ad es., parecchi giovani rifiutano le amicizie convenzionali e si avvicinano ai pari delinquenti, che li attraggono coinvolgendoli in situazioni di rischio. Le persone che vivono in questi ambienti hanno anche la caratteristica di percepire maggiormente gli strain oggettivi aggravando l impatto negativo. Altro fattore che spiega l alto tasso di criminalità giovanile è il fatto che gli adolescenti hanno un basso controllo sociale. Le persone che hanno basso controllo sociale, per definizione hanno legami deboli con genitori e insegnanti; ciò a sua volta incrementa la probabilità di essere trattati male dalle figure suindicate. Il basso controllo fa sì che queste figure non svolgano il loro ruolo protettivo dagli strain. Di conseguenza i ragazzi più facilmente si agganciano ai gruppi delinquenziali di fuori, dove l ambiente familiare non può provocare esperienze di strain. Un altro fattore che incide è il fatto che gli adolescenti si ritrovano, si associano con pari delinquenti. Questo fatto accelera l apprendimento sociale del crimine, ed espone maggiormente le persone ad alcuni strain (abusi, maltrattamenti da parte di pari, ecc.). Oltre questo, esiste una certa rivalità tra gruppi adolescenziali. Se un ragazzo si trova in un gruppo con inclinazioni delinquenziali, che è in conflitto con un altro gruppo, è molto più probabile che si lasci coinvolgere in attività criminali. Inoltre va detto che gli adolescenti vivono in un mondo sociale più esteso di quello degli adulti e dei bambini. Questo è uno dei motivi per i quali gli adolescenti sono più esposti agli strain. In poche parole si tratta del fatto che gli adolescenti fanno immediatamente l esperienza delle grande dimensione e delle esigenze del loro mondo sociale. Ci sono più persone che trattano male gli

14 adolescenti. E anche vero che aumentano le esigenze e le aspettative nei riguardi degli adolescenti: ciò può diventare una nuova fonte di strain. Quando escono dall età adolescenziale il loro mondo sociale si limita. La cerchia degli amici diminuisce, rimangono con i loro partner di coppia, il numero di persone con le quali interagiscono nel lavoro di solito è più basso di quello che avevano a scuola. Oltre questo, gli adulti hanno più possibilità di scelta di adolescenti, perciò hanno più possibilità di evitare il trattamento negativo. Di conseguenza, crescendo con l età si abbassano le probabilità di manifestazione dei comportamenti criminali. Gli adolescenti spesso desiderano tanti dei privilegi dell età adulta, ma spesso non hanno i mezzi per raggiungere questi privilegi attraverso i canali legittimi. Ossia i ragazzi hanno forte desiderio di autonomia, di rispetto e di status, ma hanno seri problemi a realizzare queste mete in modo legale. I bambini non sono interessati a queste mete e gli adulti le hanno in qualche modo raggiunte. Loro mostrano alta preoccupazione per raggiungere un certo status sociale, o lo status nei gruppo dei pari. Delle volte non hanno i mezzi per arrivarci in modo legale (percorso scolastico, potenza fisica, situazione sociale), perciò tentano di accedervi in maniera criminale. Alla fine bisogna dire che gli adolescenti, subendo più strain oggettivi, li percepiscono soffrendo molto di più rispetto ad altre fasce d età: ciò significa che aumenta lo strain soggettivo. Comunque, non tutte le esperienze adolescenziali incrementano i livelli di strain. Alcuni adolescenti non subiscono gli strain, perché vivono in un ambiente che è molto protettivo. Ad es. le aspettative scolastiche non sono elevate, o hanno i limiti personali di socializzazione. La seconda strada che spiega alto tasso dei criminalità adolescenziale consiste nel fatto che gli adolescenti sono più propensi di attivare le strategie di coping criminale. Il primo fattore che incide su questa dimensione è il fatto che gli adolescenti hanno poche capacità di base per attivare il coping legittimo. Uscendo dalla preadolescenza si abbasso il livello del coping che viene svolto dai genitori nel nome dei ragazzi. I genitori hanno meno sguardo nel mondo giovanile. In conseguenza i ragazzi, non solo sono più esposti agli strain, ma devono anche affrontarli da soli. In questa situazione subentrano altri fattori, come il fatto che ai ragazzi mancano le capacita di coping, non avendo né soldi né potere, per realizzarla. I modi legali risultano troppo difficili e richiedono o soldi o capacità di influenzare gli altri. Spesso i giovani quando non hanno le risorse sufficienti per affrontare condizioni ambientali avverse, e non hanno possibilità di uscirne fuori, decidono di arrivare agli scopi in modo illegittimo. Gli adulti, al contrario, molto spesso hanno più risorse per raggiungere gli scopi, ed hanno anche più capacita di contrattare nella situazione di avversità. I bambini piccoli, pur non avendo i soldi, sono comunque protetti dai loro genitori. Gli adolescenti hanno limitato accesso alle forme convenzionali di sostegno e di supporto. Parzialmente questo avviene perché i loro ambienti sono più poveri, ma anche per il fatto che i genitori e gli insegnanti sono meno propensi a fornire dei supporti, perciò gli adolescenti devono affrontare i problemi da soli. D altronde gli adolescenti stessi fanno fatica a condividere i problemi con parenti ed insegnanti e stentano a chiedere aiuto alla società. Altri fattori che incidono notevolmente sulle situazioni di coping criminale sono: il controllo sociale, che diminuisce nell età adolescenziale, la facilità di associazione con altri criminali, il fatto di vivere in un mondo molto pubblico (incoraggiamento sociale, dei pari al coping delinquenziale) e mancanza 14

15 15 di risorse e capacità di coping legali (gli studi dimostrano che i giovani spesso fanno coping intervenendo sullo stess-coping emozionale) Le differenze del sesso nel coping criminale I dati delle ricerche suggeriscono che le femmine sperimentano livelli di strain più bassi rispetto ai maschi. Anche se, nel confronto con i ragazzi, possono subire un livello oggettivo di strain più altro, le ragazze ne sono meno disturbate. Agnew ritiene che la criminalità non possa però essere spiegata affermando che i maschi sperimentano maggiore strain, sarebbe semplicistico. Secondo l autore esistono delle differenze di genere nei modi in cui vengono sperimentati i livelli di strain. I maschi, rispetto alle femmine, sperimentano dei tipi di strain che possono condurre con maggiore probabilità al crimine. Sono più interessati al successo materiale, mentre le femmine sono in maggiore misura interessate a stabilire e mantenere delle buone e profende relazioni interpersonali. Le ragazze sono maggiormente tese alla ricerca di un significato ed uno scopo nella vita. La tendenza alla ricerca dei beni materiali da parte dei maschi può spiegare in certa misura la loro maggiore diposizione al crimine, infatti, è un modo facile e conveniente per ottenere i beni materiali e denaro. Altre differenze di genere riguardano la perdita di stimoli positivi e la presentazione di stimoli negativi. 22 Nella tabella 1 presentiamo in maniera sintetica le differenze del genere nella reazione agli strain subiti. Tab. 1. Le differenze del sesso nei tipi degli strain subiti 23. Maschi Femmine Concenrati sul sucesso materiale aumentano i tassi di criminalità che riguarda la proprieta e i crimini vilenti Sono visti come più conflittuali e perciò sono più suscettibili come le vittime dei reati Fallimento degli scopi può condurre ai reati contro la proprieta e i crimini di vilenza. Preoccupato di creare e mantenere stretti legami e rapporti con gli altri - in tal modo mentendo i tassi più bassi di proprietà e di crimini violenti Sono viste spesso in modo negativo, la discriminazione, elevate esigenze da parte della famiglia, e il comportamento più restrittivo Il fallimento degli obiettivi può condurre ai comportamenti autodistruttivi Maschi e femmine possono differire anche nella risposta emotiva che danno allo strain. I maschi rispondono con rabbia e ostilità: sentimenti, che portano alla criminalità. Le ragazze rispondono con la depressione e, anche se provano rabbia, questa rabbia sembra essere diversa da quella sperimentata dai ragazzi. La rabbia delle femmine è spesso accompagnata da emozioni quali la 21 AGNEW R., Pressured into Crime, FROGGIO G., Psicosociologia del disagio e della devianza, p (10 maggio 2011)

16 16 paura, l ansia, la vergogna e la depressione. La rabbia dei maschi invece è sposso caratterizzata da un senso di violazione morale. Le ragazze sono portate a scaricare su se stesso la colpa quando vengono trattate male da qualcuno e temono che la propria rabbia possa offendere gli altri e mettere cosi in percolo delle relazioni valide. Vedono più spesso la propria rabbia come qualcosa di inappropriato, un fallimento del proprio autocontrollo. I maschi, al contrario, se vengono maltrattati, sono portati a criticare gli altri e considerare le offese come una sfida o un insulto deliberato.sono meno preoccupati di ferire gli altri, di rompere le relazioni, e spesso vedono la loro rabbia come una affermazione della propria mascolinità. Queste differenze possono spiegare le diversità nel crimine. La giustezza morale della rabbia del maschio lo può spingere a commettere seri crimini, mentre le depressione e la paura per la propria collera possono portare la ragazza a forme di devianza autodistruttiva (uso di droghe illecite e disturbi del comportamento alimentare: anoressia, bulimia, obesità) 24. Tab. 2 Le differenze di genere nella risposta emotiva allo strain 25 Maschi Femmine Più spesso rispondono con la rabbia La rabbia è seguita dalla violenza morale (giustificazione di violenza) Sono propensi di incolpare gli altri, e mono preoccupati di poter ferire gli altri Vilenza morale conduce ai reati contro la proprietà e crimni violenti Più spesso rispndono con la depressione che con la rabbia La rabbia se c è viene accompagnata dalla paura, senso di colpa e vergogna Più spesso assumono la colpa e sono preocuppate per gli effetti della propria rabbia La depressione e senso di colpa può condurre ai comportamenti autodistruttivi Oltre alla spiegazione dell'alto tasso di criminalità maschile, la GST può essere applicata anche a spiegare perché le donne commettono reati. Agnew cerca di identificare il tipo di strain che le femmine subiscono. Gli strain come il blocco dei propri obiettivi, l interruzione delle relazioni interpersonali e la discriminazione nel raggiungimento degli obiettivi finanziari sono forte fonte di tensione per la femmina. Inoltre, come esempio di una perdita di stimoli positivi, le femmine possono incontrare ostacoli sul profilo sociale a causa di discriminazione sociale. Le femmine sono anche la vittime dell abuso sessuale, emotivo e fisico, che costituiscono una gamma degli stimoli negativi. Questi tipi di strain possono portare le femmine ad agire in maniera illegittima. Le donne criminali sembrano differire dalle donne non-criminali avendo maggiori opportunità per la criminalità, inferiore controllo sociale, i pari delinquente. Agnew sostiene che la GST può spiegare non solo l'alto tasso di criminalità maschile, ma può anche spiegare perché le donne avrebbero partecipato al delitto o meno 26. Le differenze si devono ascriver a una diversità nei processi di socializzazione tra maschi e femmine. 24 FROGGIO G., Psicosociologia del disagio e della devianza, p (10 maggio 2011) 26 (10 maggio 2011)

17 17 Concludendo la GST spiega che i ragazzi sono più portati a rispondere allo strain e alla rabbia con il crimine. Quando i maschi e femmine sperimentano la stessa reazione emotiva allo stesso tipo di strain, i primi possono essere portati a rispondere con crimine. 3. La diversificazione sociale e la presenza del coping delinquenziale I dati indicano che alcune comunità sociali hanno il tasso di criminalità più alto degli altri. I quartieri con altro tasso tendono ad avere alcune caratteristiche. La gente vive nella sua poverta, ha cambia spesso residenza, vi è una alta disgregazione famigliare ecc., Questo fatto viene spiegato e considerato da diverse teorie specialmente dell apprendimento sociale e ei disgregazione sociale. La GST aggiunge a queste teoria la propria interpretazione. La vita nei quartieri privi di risorse, aumenta la probabilità e rischio delle esperienze degli strain che conducono al crimine. Questi ambienti sono anche meno ricche nelle risorse perciò favoriscono il coping delinquenziale. I poveri sono più spinti da abitare in questo zone perché non hanno i mezzi di vivere altrove. Sono anche meno capaci di spostarsi, di andare ad abitare fuori di queste zone. La GST spiega che non solo questi ambienti attraggono gli individui esposti agli strain, ma anche questi ambienti sono forte fonte di strain. La residenza negli ambiti deprivati può diventare spesso una fonte del blocco nel raggiungimento di alcuni obiettivi, che messi insieme con le caratteristiche individuali può favorire manifestazione dei comportamenti criminali. In questi luoghi l accesso al lavoro stabile, ben pagato, produttivo è limitato. Questo zone delle volte si trovane nelle periferie che non sono bene comunicate con la comunicazione pubblica che non favorisce a sua volta la ricerca del lavoro. Perciò le presone ci mancano i modelli e capacità necessarie per avere un successo lavorativo. Anche le scuole presentano il livello dell istruzione più basso che altrove. In conseguenza le persone sono più spinte verso il coping delinquenziale. Altro fattore che aumenta la probabilità del crimine è la disuguaglianza economica. Le condizioni basse della vita possono facilmente portare al crimine, soprattutto se si è circondati dalle zone benestanti in modo che discrepanza è più evidente. I poveri che vivono in questa situazione spesso possono avere difficoltà di sopportare questa situazione valutandola come non meritata. La vita negli ambienti poveri favorisce la crescita dei problemi di natura familiare, scolastica e a livello dei pari. Stando nelle condizioni di povertà le persone con facilità divorziano e tendono di non sposarsi. I problemi economici sono la causa maggiore delle separazioni matrimoniali, ma anche contribuiscono nei conflitti dentro la famiglia, favoriscono il sistema rigido di educazione, rifiuto dei genitori da parte dei figli, abuso o negligenza. I problemi economici hanno una certa risonanza nell ambito scolastico. La mancanza dei soldi non favorisce permanenza formativa dei giovani, favorisce le relazioni negative con gli insegnanti. La scuola viene percepita come noiosa e non utile. I genitori non hanno possibilità di seguire i loro figli, dare necessario supporto, e monitorare il loro performance scolastica. Anche le scuole hanno meno fondi pergarantire il livello d istruzione adeguato. La scuola non tiene rapporti con i genitori e non prepara i ragazzi

18 18 all inserimento nell ambito lavorativo. In conseguenza i gruppi delinquenziali hanno molto più presa in queste zone che altrove. Un altro fattore che incide sul tasso di criminalità nelle zone svantaggiate è disoccupazione e lavoro nel secondo mercato. La gente che abita nelle zone con questi problemi se trova il lavoro lo trova sotto pagato, con pochi benefici rispetto le forze impegnate, con molto poche possibilità di miglioramento e di promozione professionale. Spesso lavoro nelle condizioni spiacevoli, ecc. Oltre questo nelle zone svantaggiate aumenta il numero le persone senza tetto, che sono inerenti ai problemi riguardanti lavoro. Oltre questo gli ambienti con la povertà sono più esposte alla presenza del pregiudizio e della discriminazione. Vivendo negli ambienti dove sono più comunità etniche si attivano più facilmente gli stereotipi negative, e appare la discriminazione. Ultimi 2 fattori ambientali che aumentano la criminalità sono: esposizione al contatto con le persone che subiscono degli strain e si comportano nel maniera agressiva, e altro essere le vittime di violenza. E molto più facile in queste zone di entrare nelle interazioni con le persone sottoposte agli strain. Per un semplice motivo: Questi nelle zone di povertà sono più numerosi. Le caratteristiche ambientali favoriscono la relazione con questi soggetti. Soprattutto quando non c è lavoro, c è abbandono scolastico, e la strada diventa il punto del incontro e di passare il tempo. In conseguenza ampio numero delle persone frustrate sono in contatto con le altre, ciò incrementa in maniera notevole la probabilità del crimine. Altro fattore è la violenza. Chi abita nelle zone di povertà più facilmente diventa una vittima, perché vi sono bassi livelli del controllo sociale, la residenza favorisce l apprendimento sociale del crimine, e espone le persone alle esperienze degli strain che conducono al crimine. Essre la vittima spesso diventa un motivo di giustificare il porprio crimine. Alla fine Agnew dice che le persone che vi abitano più volentieri attivano i coping delinquenziali perché hanno limitate risorse riguardanti il coping, e l ambiente specialmente al punto di vista economico non favorisce il coping convenzionali. Poi le persone non hanno i supporti sociali perché l ambiente non è in grado di crearlo, c è molto basso controllo sociale, che ammette le azioni illecite e è più indulgente. Questi ambienti favoriscono associazioni con gli altri criminali e radicano le convinzioni favorevoli al crimine, Alla fine bisogna dire che gli strain hanno la natura pubblica, cioè le persone in continuazione sono sottoposte agli strain, e gli strain sono conosciuti dagli altri AGNEW R., Pressured into Crime,

19 19 IV CAPITOLO LE IMPLICAZIONI OPERATIVE. LA PREVENZIONE Anche se sembra poco probabile diverse ricerche dimostrano che è possibile ridurre le probabilità che i giovani vengano maltrattati, se si indirizzano adeguatamente gli sforzi. Ricerche interessanti riguardano persone arrestate per la prima volta. Il fatto di essere arrestato è una fonte di strain. Si dimostra che quando sono trattati con gentilezza non aumentano in loro i sentimenti negativi. Le linee d azione vanno verso 2 direzioni: ridurre la probabilità di strain sui ragazzi, e il secondo: lì dove non si può evitare, fornire risorse per poter fare coping convenzionale. 1. Riduzione di strain che conducono al crimine I programmi di prevenzione basati sulla GST sono indirizzati verso la famiglia verso la scuola e vero i pari. Alcune ricerche hanno rilevato che le famiglie con dei figli delinquenti siano spesso caratterizzate da livelli molti alti di strain dovuti per lo più a conflitti interpersonali, ad una disciplina dura e stravagante, ad abusi, a violenze fisiche e psichiche, a bassi livelli del rinforzo e alti livelli di punizione, a modelli di comunicazione inefficaci. Un certo numero di programmi hanno tentato di risolvere questi problemi. Si tratta di programmi basati sulla negoziazione delle contingenze di rinforzo, i programmi che cercano di insegnare ai genitori come risolvere i conflitti interpersonali, quelli in cui viene insegnato ai genitori uno stile comunicativo ed educativo diretto e sano. Il problema di questi programmi è che difficilmente riescono a raggiungere le famiglie che ne hanno maggiormente bisogno I programmi centrati sulla scuola mirano ha prendere in considerazione i fattori legati all ambiente scolastico. Si tratta dei fallimenti scolastici, la noia e la ripetitività della attività scolastiche, le relazioni negative con gli insegnanti, le pratiche disciplinari ingiuste e sbagliate. Diversi programmi e strategie sono state sviluppate per ridurre l impatto negativo dalla scuola. Alcune di queste strategie tendono a far aumentare le performances scolastiche. L aumento del periodo scolastico può far incrementare il livello di controllo sociale sperimentato dal ragazzo e ridurre il senso di minaccia che esercita su di lui la scuola. Altri programmi, tendono a modificare il setting scolastico cioè ad elaborare un programma di interazione educativa tra studente e insegnante mirante alla riduzione del disagio e della delinquenza. Tale programma si basa sulla gestione proattiva della classe mediante la formazione e l implementazione di gruppi di apprendimento cooperativi. L insegnamento interattivo offre ai ragazzi specifici obiettivi, che essi debbono raggiungere: miglioramento rispetto a precedenti performance, l assenza di confronti tra gli studenti e l impegno da parte degli insegnanti ad una valutazione maggiormente obiettiva. I docenti, usando la gestione proattiva della classe, insegnano agli studenti in maniera piuttosto chiara le regole di comportamento in aula, riconoscono e rinforzano i tentativi di cooperare, fanno uso frequente dell incoraggiamento. Come detto, in questo programma di interazione educativa è previsto anche l utilizzo dei gruppi di apprendimento cooperativo formati da pochi studenti, scelti casualmente. In questi gruppi gli studenti imparano ad aiutarsi l uno con l altro nella gestione degli studi e nella

20 20 padronanza del comportamento in classe. Questi gruppi servono per ridurre l isolamento, rinforzare la cooperazione e promuovere l attaccamento fra gli studenti. Un'altra strategia finalizzata alla riduzione dello strain sono i programmi centrati sui gruppi di pari. Secondo la GST, le relazioni negative tra pari sono forse la maggiore causa di strain fra i giovani. Secondo alcune ricerche emerge che la causa della propria infelicità o felicità veniva fatta risalire al rapporto con i pari. La cosa sorpassava di gran lunga persino l importanza delle relazioni con i genitori. Molti programmi che hanno tentato di intervenire su questo strain sono stati sviluppati ed applicati nei contesti scolastici. Alcuni di questi programmi hanno riguardato l apprendimento cooperativo, altri son sono concentrati sul bullismo, oppure hanno tentato di incrementare il livello di sorveglianza da parte degli adulti. Determinati programmi hanno cercato di trattare i giovani delinquenti alimentando la loro associazione con i pari pro sociali. Ultimo gruppo degli interventi sono i programmi che sono centrati sull individuo. I programmi di questo tipo partono da presupposto che bisogna lavorare per modificare anche il comportamento di chi è sottoposto allo strain. Chi è soggetto allo strain gioca un suo ruolo ne creare il proprio ambiente sociale. Molti giovani agiscono infatti in maniera tale da provocare negli altri delle reazioni negative. Questi giovani sono quelli che, alla lunga, finiscono in gruppi di pari delinquenziali, oppure si scelgono dei cattivi lavori o fanno matrimoni sbagliati. E possibile, però, modificare il comportamento di questi giovani in maniera da ridurre le reazioni negative degli altri. A tal proposito son stati sviluppati i programmi di social skill training. Attraverso questi programmi Si cerca di permettere al giovane di realizzare in maniera più efficace le proprie mete e non incorrere al trattamento negativo da parte degli altri. Alcuni di questi programmi sono molto specifici, fanno uso di tecniche di modellamento e di desensibilizzazione: aumentare la frequenza del contatto con lo sguardo degli altri, oppure ridurre i movimenti ansiosi. Altre procedure sono piuttosto complesse e contengono la negoziazione delle abilità con gli adulti o l implementazione della capacità di resistere alla pressione Togliere le persone dagli ambienti a rischio di strain Alcune volte non è possibile di eliminare e cambiare degli strain che conducono al crimine. Ad esempio i genitori possono rifiutare a partecipare nei programmi previsti per le azioni preventive. Cosi continuano a trattare i loro figli in maniera molto rigida, ostacolando anche partecipazione dei figli nei programmi. Poi è abbastanza difficile trasformare gli ambienti di altro grado di disgregazione sociale, dove ci sono tanti fattori provocano lo strain, nonostante che non cessino i tentativi del miglioramento della loro situazione. In questi casi, sembra più ragionevole togliere le persone esposte agli strain da questi ambienti, Questa soluzione sembra di essere l ultima prova e si usa dopo esaurimento di altri modi. Accettare questa strada spesso vuol dire isolare i figli dai loro genitori, alcuni individui dalle loro scuole ecc. Sempre si corre rischio che le comunità nuove non saranno migliore di quelle lasciate ossia nuovi ambienti saranno avversive come questi 28 G. FROGGIO, Psicosociologia del disagio e della devianza, Laurus Robuffo, Roma 2002, p. 207

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE

VIOLENZA VIOLENZA DI GENERE VIOLENZA Si intende un azione che reca un danno fisico o psicologico ad uno o più soggetti. Essa, quindi, non implica necessariamente ed esclusivamente un atto fisico (indurre un certo comportamento attraverso

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza

CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza Wilma Geromella Michela Ulcigrai Associazione GOAP Trieste Definizione di violenza domestica (Londra, Regno Unito, 2001) La violenza domestica consiste nell

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO?

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? Perché cercare di prevenire il bullismo? Aggressività e passività sono condotte reattive, modalità inadeguate di rapportarsi agli altri. Nell immediato comportano

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI INFANTILI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping

STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping Scienze Umane II - Infermieristica CHE COS È UN EMOZIONE? Stato affettivo di piacere o dispiacere (EMOZIONI POSITIVE O NEGATIVE) Risposta psicologica

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

IL BULLISMO NELLA SCUOLA. Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino

IL BULLISMO NELLA SCUOLA. Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino IL BULLISMO NELLA SCUOLA Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino IL BULLISMO CHE COS È IL BULLISMO? Elementi per riconoscere un vero atto di bullismo: L INTENZIONALITA dell atto avviene quando

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è L adolescenza è una fase di sviluppo che copre approssimativamente il periodo che va dagli 11 ai 22 anni. La parola pubertà è spesso utilizzata per denotare manifestazioni fisiche dello sviluppo sessuale.

Dettagli

Il Disturbo Oppositivo-Provocatorio (DOP) è un disturbo del comportamento, riguarda cioè il modo in cui il bambino agisce,

Il Disturbo Oppositivo-Provocatorio (DOP) è un disturbo del comportamento, riguarda cioè il modo in cui il bambino agisce, DISTURBO OPPOSITIVO PROVOCATORIO; Che cos'è e quali strategie adottare? Il Disturbo Oppositivo-Provocatorio (DOP) è un disturbo del comportamento, riguarda cioè il modo in cui il bambino agisce, il suo

Dettagli

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Dott.ssa Sara Bernardelli Psicologa-Psicoterapeuta SPC-Scuola di Psicoterapia Cognitiva Cos è il disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Alessandro

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

1 - FORME DI VIOLENZA

1 - FORME DI VIOLENZA 1 - FORME DI VIOLENZA! Violenza Fisica. Tale forma di violenza è graduata dalle forme più lievi a quelle più gravi: la minaccia di essere colpita fisicamente, l essere spinta, afferrata o strattonata,

Dettagli

Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna.

Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna. Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna. Di Gabriele Prati * e Sara Nascetti ** Riassunto: esistono

Dettagli

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia Problematiche psicopatologiche dell'infanzia La fasce di età di infanzia, preadolescenza e adolescenza rappresentano un processo evolutivo molto complesso : per questo motivo è importante rivolgere un

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori porta avanti da diversi anni interventi di informazione-educazione nelle scuole di ogni ordine e grado, tenuti da un medico

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

L adozione a scuola. Come sostenere i bambini con difficoltà di. attaccamento.

L adozione a scuola. Come sostenere i bambini con difficoltà di. attaccamento. L adozione a scuola Come sostenere i bambini con difficoltà di attaccamento. 2 Bisogni..Competenze Bambini e bambine adottati sono, prima di tutto, bambini e bambine, con gli stessi bisogni degli altri

Dettagli

ELEMENTI FONDAMENTALI DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO L ADOLESCENZA

ELEMENTI FONDAMENTALI DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO L ADOLESCENZA CORSO CISL SCUOLA SALERNO ELEMENTI FONDAMENTALI DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO L ADOLESCENZA Terza parte prof.ssa Carla Romano dirigente scolastico Gli studi sull'adolescenza si sono sviluppati in Europa

Dettagli

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee?

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella ADOLESCENZA - ADOLESCENZE 1 ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? 2 1 3 ADOLESCENZA Qual è il periodo

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere LEGITTIMA DIFESA Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere Torino aprile 2013 LEGITTIMA DIFESA La legittima difesa, come disciplinata

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato?

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Innanzitutto perché l adolescenza è un periodo della vita in cui, rispetto a quello precedente dell

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

DEVIANZA E CRIMINALITA

DEVIANZA E CRIMINALITA DEVIANZA E CRIMINALITA Obiettivi di apprendimento 2 Teorie delle subculture delinquenziali Teorie interazioniste Teoria dell etichettamento Nuovo realismo di sinistra Teorie del controllo Le strategie

Dettagli

17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese

17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese 17 novembre 2014 Simona Gazzotti Psicologa Ass. EOS - Varese ! Che cosa significa violenza di genere?! Quali sono le azioni che la qualificano come violenza di genere? La violenza di genere! La Conferenza

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Dott.ssa Chiara Magatti Psicologa psicoterapeuta, specialista in psicologia della salute 1 Stare bene! Senso di padronanza e controllo sulla propria

Dettagli

Ambiente di lavoro improntato al rispetto

Ambiente di lavoro improntato al rispetto Principio: Tutti hanno diritto a un trattamento rispettoso nell ambiente di lavoro 3M. Essere rispettati significa essere trattati in maniera onesta e professionale, valorizzando il talento unico, le esperienze

Dettagli

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 La famiglia etica EDUCAZIONE AUTORITARIA 1. Comando 2. Responsabilità del padre 3. Severità 4. Esemplarità 5. Paura e senso di colpa del bambino La famiglia

Dettagli

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA La nostra Associazione Mariposa si pone come obiettivo quello di approfondire la percezione ed il grado di conoscenza del tema della violenza assistita dai minori

Dettagli

LA RABBIA: ALCUNI PASSI PER INIZIARE A GESTIRLA

LA RABBIA: ALCUNI PASSI PER INIZIARE A GESTIRLA LA RABBIA: ALCUNI PASSI PER INIZIARE A GESTIRLA Ti senti spesso arrabbiato? Ti accorgi che spesso non riesci a tenere il controllo di te stesso? Sei bloccato in un circolo di litigi e incomprensioni, che

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio*

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* Per arrivare a comprendere le cause e il contesto di una crisi coniugale, è indispensabile capire anzitutto che l equilibrio della relazione di

Dettagli

I DISTURBI ESTERNALIZZANTI A SCUOLA. Dr.ssa Susanna Acquistapace Dr. Giampaolo Ruffoni

I DISTURBI ESTERNALIZZANTI A SCUOLA. Dr.ssa Susanna Acquistapace Dr. Giampaolo Ruffoni I DISTURBI ESTERNALIZZANTI A SCUOLA Dr.ssa Susanna Acquistapace Dr. Giampaolo Ruffoni Sondrio, 28 Ottobre 2013 Programma del corso 1 Incontro I disturbi esternalizzanti: ADHD (Disturbo da deficit di attenzione

Dettagli

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato ASPP Addetto ai servizi di protezione e prevenzione ANALISI DOCUMENTALE Lettura dell organizzazione del lavoro (organigramma, flussi produttivi,

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

Adolescenti e rischio: quali i rischi più diffusi e come affrontarli

Adolescenti e rischio: quali i rischi più diffusi e come affrontarli Adolescenti e rischio: quali i rischi più diffusi e come affrontarli Albino Caldato Mira 16 maggio 2012 Servizio Educazione e Promozione della Salute GIOVANI: DI CHI STIAMO PARLANDO? PRE-ADOLESCENZA (11-14

Dettagli

Il disagio adolescenziale

Il disagio adolescenziale Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia Il disagio adolescenziale 22 gennaio 2008 Prof.ssa M.A. Zanetti, Dott.ssa S. Peruselli COS'E' IL DISAGIO ADOLESCENZIALE? COME SI PUO' DESCRIVERE

Dettagli

prof. Gaetano De Leo Università La Sapienza - Roma

prof. Gaetano De Leo Università La Sapienza - Roma Indicatori di disagio e devianza minorile: aspetti psico-giuridici prof. Gaetano De Leo Università La Sapienza - Roma Una questione centrale in quest area delicata e complessa che si rende evidente quando

Dettagli

L ASSERTIVITA PER GESTIRE I CONFLITTI E SVILUPPARE GLI APPRENDIMENTI

L ASSERTIVITA PER GESTIRE I CONFLITTI E SVILUPPARE GLI APPRENDIMENTI UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo P.O.N. Competenze per lo sviluppo Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI VERGA Via Pacini 62 95029 VIAGRANDE (CT) Tel.0957894373 Fax. 0957901476 C.F.81003650876 C.M.:

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO A cura di Dr.ssa Silvia Testi e Dr.ssa Valeria Salsi Aspetti psicologici del Bullo e della Vittima Quale

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

Il silenzio della violenza Consapevolezza e prevenzione per genitori efficaci. Dott.ssa Beatrice Roncato

Il silenzio della violenza Consapevolezza e prevenzione per genitori efficaci. Dott.ssa Beatrice Roncato Il silenzio della violenza Consapevolezza e prevenzione per genitori efficaci Dott.ssa Beatrice Roncato VIOLENZA (OMS, 2002) Oms definisce l'abuso o il maltrattamento all'infanzia come tutte le forme di

Dettagli

Le relazioni tra pari

Le relazioni tra pari Le relazioni tra pari Al di fuori della famiglia Oltre ai genitori, altre persone influenzano lo sviluppo del bambino (in modo diretto o indiretto). I bambini passano Sviluppo cognitivo molto tempo con

Dettagli

Relazione sui risultati dell indagine nelle scuole del Medio Polesine

Relazione sui risultati dell indagine nelle scuole del Medio Polesine PROGETTO BULLISMO Relazione sui risultati dell indagine nelle scuole del Medio Polesine A cura di Gianluca Gini Facoltà di Psicologia, Università degli Studi di Padova L attenzione per il fenomeno del

Dettagli

Dott. Roberto Baldini

Dott. Roberto Baldini Dott. Roberto Baldini La frenesia della vita moderna si è ormai impossessata pure dei nostri momenti di libertà, e godiamo in maniera nervosa e faticosa esattamente come quando lavoriamo. La parola d ordine

Dettagli

Lavorare sulla nonviolenza con persone che hanno ucciso di Pat Patfoort

Lavorare sulla nonviolenza con persone che hanno ucciso di Pat Patfoort Lavorare sulla nonviolenza con persone che hanno ucciso di Pat Patfoort Da sei anni lavoriamo regolarmente in 7 diverse prigioni del Belgio con gruppi di circa 10 prigionieri. Ci incontriamo con i gruppi

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

I COMPORTAMENTI PROBLEMATICI

I COMPORTAMENTI PROBLEMATICI I COMPORTAMENTI PROBLEMATICI Per comportamenti problematici si intendono pratiche quali il fumo, il bere alcoolici, il consumo di cannabinoidi e situazioni di aggressività come il bullismo. In questa sede

Dettagli

Lola Fabbri. persolog italy Emme Delta Group. Strumenti e modelli di Stress management. Managing Director

Lola Fabbri. persolog italy Emme Delta Group. Strumenti e modelli di Stress management. Managing Director Strumenti e modelli di Stress management Lola Fabbri Managing Director persolog italy Emme Delta Group Lo Stress: da nemico ad alleato Modena, 9 luglio 2013 www.persolog.it Stress e Percezione Quanto ti

Dettagli

Programma di formazione organizzato da Alternative to Violence su incarico di Daphne Progetto II:

Programma di formazione organizzato da Alternative to Violence su incarico di Daphne Progetto II: Programma di formazione organizzato da Alternative to Violence su incarico di Daphne Progetto II: Marius Råkil Psicologo clinico Direttore esecutivo Alternative to Violence (ATV), Norvegia INSERIRE I

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: VIOLENZA CONTRO LE DONNE Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

Difficoltà scolastiche

Difficoltà scolastiche Difficoltà scolastiche DSA Difficoltà Scolastiche Così come ogni individuo è diverso da un altro, differente per ciascuno sarà lo stile di apprendimento delle conoscenze. Per questo motivo quando si parla

Dettagli

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE Le famiglie di fronte alla disabilità La situazione di disabilità viene vissuta come inaccettabile o, per meglio dire, come un lutto familiare. (Dell

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

SCHERZO..LITIGIO...BULLISMO...?

SCHERZO..LITIGIO...BULLISMO...? IL BULLISMO SCHERZO..LITIGIO...BULLISMO...? M. è il più bravo della classe. Prende regolarmente in giro L. perché studia poco e rischia la bocciatura. Il primo giorno di scuola un ragazzo di quinta, nell

Dettagli

Tra il dire e il fare. Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione

Tra il dire e il fare. Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione Tra il dire e il fare Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione Cominciamo con un esempio: prevenire l Obesità è un obiettivo strategico di molte istituzioni e

Dettagli

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento.

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene L indagine Donne e l omicidio, condotta dal Centro di Ricerca per Pari Opportunità (KETHI), ha cercato di investigare

Dettagli

Giovani protagonisti del futuro

Giovani protagonisti del futuro 2011 Giovani protagonisti del futuro Indagine sul disagio giovanile e interventi di prevenzione Daniela Pavoncello Logo della Gioventu.jpg Logo ISFOL.jpg INDAGINE SUL DISAGIO GIOVANILE E INTERVENTI DI

Dettagli

Conversazioni sulla comunicazione didattica

Conversazioni sulla comunicazione didattica Conversazioni sulla comunicazione didattica 1. La comunicazione didattica Un approccio ragionato sulla questione dell autostima e dell autoefficacia L uso dei rinforzi per il miglioramento dell autoefficacia

Dettagli

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze EDUCARE LE EMOZIONI Principi ed attività per lo sviluppo delle competenze socio-emotive nella scuola CHI S I A M O Sperimentiamo e valutiamo in quale modo competenze trasversali come quelle sociali ed

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. 2012/2013 Nel corrente anno scolastico, la Scuola Media L. Pirandello ha organizzato,

Dettagli

LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING

LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING Dott.ssa Claudia Cazzaniga, Psicologa Psicoterapeuta C.A.DO.M. 25 novembre 2010 Palazzo delle Stelline, Milano IL CADOM www.cadom.it Un associazione

Dettagli

PROGETTO La Mediazione Scolastica: strategie di regolazione dei conflitti

PROGETTO La Mediazione Scolastica: strategie di regolazione dei conflitti ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE MICHEA ONLUS PROGETTO La Mediazione Scolastica: strategie di regolazione dei conflitti Presentazione dell associazione L associazione di promozione sociale Michea onlus

Dettagli

La violenza assistita: il minore come spettatore. Dott.ssa Francesca Scandroglio Psicologa

La violenza assistita: il minore come spettatore. Dott.ssa Francesca Scandroglio Psicologa La violenza assistita: il minore come spettatore Dott.ssa Francesca Scandroglio Psicologa Violenza sui minori Trascuratezza Maltrattamenti fisici Abusi sessuali Maltrattamenti psicologici Violenza domestica

Dettagli

STAR BENE A SCUOLA PROGETTO SPORTELLO DI ASCOLTO E PROMOZIONE DELLE LIFE SKILLS. Dott.ssa Margherita Zambruno Psicologa dell età evolutiva

STAR BENE A SCUOLA PROGETTO SPORTELLO DI ASCOLTO E PROMOZIONE DELLE LIFE SKILLS. Dott.ssa Margherita Zambruno Psicologa dell età evolutiva STAR BENE A SCUOLA PROGETTO SPORTELLO DI ASCOLTO E PROMOZIONE DELLE LIFE SKILLS Dott.ssa Margherita Zambruno Psicologa dell età evolutiva PREMESSA Il mondo della scuola di oggi è investito di mille nuovi

Dettagli

Sociologia Giuridica della devianza e del mutamento sociale. Indice

Sociologia Giuridica della devianza e del mutamento sociale. Indice INSEGNAMENTO DI SOCIOLOGIA GIURIDICA DELLA DEVIANZA E DEL MUTAMENTO SOCIALE LEZIONE IV LA DEVIANZA COME COSTRUZIONE SOCIALE PROF. ALFREDO GRADO Indice 1 L importanza dei paradigmi costruzionisti ---------------------------------------------------------

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PRESTO E BENE. Il sostegno nelle situazioni di Pronto Intervento. Relazione di Margherita Gallina Assistente sociale

PRESTO E BENE. Il sostegno nelle situazioni di Pronto Intervento. Relazione di Margherita Gallina Assistente sociale PRESTOEBENE. IlsostegnonellesituazionidiProntoIntervento RelazionediMargheritaGallina Assistentesociale Iltemacheabbiamosceltoperquestocorsoèdinotevoleinteressepoichépresentanotevolidifficoltà perl operatoreeperiresponsabilideiservizi:siaperlagravitàdellesituazionichesipresentanosia

Dettagli

DEVIANZA E CRIMINALITA

DEVIANZA E CRIMINALITA DEVIANZA E CRIMINALITA obiettivi di apprendimento 2 Norme e sanzioni Il concetto di devianza Subculture devianti le teorie sulla devianza Teoria biologica Lombroso Sheldon Teorie funzionaliste Durkheim

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Caserta, 10 Gennaio 2014 Psicologa/Psicoterapeuta Consultorio Istituto Toniolo Napoli

Dettagli