RACCORDO FERROVIARIO FRA LA LINEA PARMA- BRESCIA E LE AREE INDUSTRIALI DI CASALMAGGIORE E VIADANA. Sistema di Valutazione delle Offerte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RACCORDO FERROVIARIO FRA LA LINEA PARMA- BRESCIA E LE AREE INDUSTRIALI DI CASALMAGGIORE E VIADANA. Sistema di Valutazione delle Offerte"

Transcript

1 Provincia di Mantova Settore Pianificazione Territoriale, Programmazione, Assetto del Territorio RACCORDO FERROVIARIO FRA LA LINEA PARMA- BRESCIA E LE AREE INDUSTRIALI DI CASALMAGGIORE E VIADANA Sistema di Valutazione delle Offerte Mantova, Luglio 2007

2 ALLEGATO A SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE CONTENUTO Il presente Allegato riporta la descrizione completa del sistema di valutazione delle offerte presentate dai Concorrenti ai sensi dell'art. 81, comma 1 e art. 83 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. e dell art. 91 del Regolamento approvato con D.P.R. n.554/99 e, con l'esplicitazione degli indicatori utilizzati, delle relative modalità di calcolo e dei criteri e metodi di attribuzione dei punteggi. FATTORI DI VALUTAZIONE ED INDICATORI Il sistema di Valutazione delle Offerte e di attribuzione dei punteggi è articolato in due distinti ambiti di merito, Tecnico-Qualitativo ed Economico, ciascuno ulteriormente articolato in fattori, a loro volta correlati a uno o più specifici elementi/indicatori di riferimento per la formulazione dell offerta e di valutazione della medesima. MERITO TECNICO-QUALITATIVO 1. Valore tecnico ed estetico dell'opera progettata 2. Tempo di esecuzione dei lavori 3. Modalità di gestione 4. Ulteriori servizi aggiuntivi o attività con funzioni integrabili o riconducibili a quelle previste della presente concessione, offerti come migliorie MERITO ECONOMICO 5. Durata della concessione 6. Fattibilità economica 7. Livello e i criteri di aggiornamento delle tariffe da praticare all'utenza 8. Piano degli investimenti e canone di concessione 9. Costi di compensazione ambientale Il punteggio massimo secondo il quale ciascun fattore di valutazione concorre alla formazione del punteggio è riportato in tabella: 2

3 AMBITI DI MERITO FATTORE DI VALUTAZIONE VALORE TECNICO ED ESTETICO DELL'OPERA DERIVANTE DALLE LINEE GUIDA DEL PROGETTO DEFINITIVO TEMPO DI ESECUZIONE DEI LAVORI 10 TECNICO- MODALITÀ DI GESTIONE 30 QUALITATIVO ULTERIORI SERVIZI AGGIUNTIVI O ATTIVITÀ CON FUNZIONI INTEGRABILI O RICONDUCIBILI A QUELLE PREVISTE 10 DELLA PRESENTE CONCESSIONE, OFFERTI COME MIGLIORIE PUNTEGGIO MASSIMO ECONOMICO DURATA DELLA CONCESSIONE 4 FATTIBILITÀ ECONOMICA 10 LIVELLO DELLE TARIFFE DA PRATICARE ALL'UTENZA PIANO DEGLI INVESTIMENTI E CANONE DI CONCESSIONE 4 COMPENSAZIONE AMBIENTALE 2 TOTALE L ulteriore articolazione dei fattori in indicatori di valutazione, i metodi di assegnazione e le unità di misura/criteri di riferimento sono illustrati in apposite tabelle che riportano, inoltre, il richiamo a note esplicative (allegate a corredo). Tali note forniscono chiarimenti sui contenuti della documentazione di offerta oggetto di valutazione e sui criteri di calcolo delle prestazioni ai fini della attribuzione dei relativi punteggi. 3

4 DEL PUNTEGGIO La determinazione dei punteggi attribuibili alle prestazioni di offerta in corrispondenza di ogni singolo indicatore preso a riferimento nel sistema di valutazione è effettuata, alternativamente, in base a una delle seguenti due modalità: a. metodo di calcolo, in funzione della applicazione alle singole prestazioni offerte di uno specifico algoritmo definito, con riferimento a ciascun indicatore, nelle tabelle allegate; b. criterio valutativo che, in presenza di indicatori non misurabili, consente alla Commissione giudicatrice di valutare le offerte con un sistema che, pur nella discrezionalità di giudizio, valorizza gli elementi di trasparenza e di oggettività. Ciascun fattore di valutazione viene scomposto in un certo numero di indicatori, a ciascuno dei quali viene assegnato un punteggio massimo. Quando è prevista l applicazione del metodo di calcolo, l algoritmo indicato prevede, alternativamente, la comparazione tra l offerta del concorrente i-esimo e la migliore offerta o una valutazione di tipo assoluto, disgiunta dalle offerte degli altri concorrenti. Quando è prevista l applicazione del criterio valutativo, per ogni fattore la Commissione giudicatrice procede alla valutazione dei singoli indicatori, attribuendo un voto da 0 a 5 in relazione all adeguatezza dell offerta ed alla coerenza della stessa con gli obiettivi del Concedente. I voti attribuiti secondo le modalità indicate saranno moltiplicati per il punteggio massimo previsto per ciascun indicatore. Per tutti gli indicatori di valutazione non misurabili, oggetto di attribuzione del punteggio con criterio valutativo, il concorrente è tenuto alla presentazione di una BREVE RELAZIONE che riporti il titolo assegnato all indicatore (es. 1.1 Aspetti tipologici funzionali) redatta per un massimo di 10 pagine - formato UNI A4 carattere Times New Roman 12 interlinea singola ritenute congruenti con una esposizione esaustiva e sintetica. Nell ambito delle 10 pagine sono compresi grafici, fotografie, tabelle. Sono ammesse in aggiunta rappresentazioni cartografiche e tavole tecniche in scala appropriata. Le relazioni costituiranno parte integrante della proposta progettuale e della proposta economica. Ogni punteggio, quale che sia il metodo, di valutazione seguito, è espresso con TRE DECIMALI dopo la virgola, con arrotondamento al decimale più vicino secondo le seguenti modalità: - quando la quarta cifra decimale è uguale a 1, 2, 3, 4 o 5 deve avvenire alla terza cifra decimale inferiore; - quando la quarta cifra decimale è uguale a 6, 7, 8 o 9 deve avvenire alla terza cifra decimale superiore. 4

5 AMBITO MERITO TECNICO QUALITATIVO 5

6 TABELLA 1 AMBITO TECNICO QUALITATIVO (1/3) ARTICOLAZIONE INDICATORE CRITERIO UNITÀ DI MISURA/METODO PUNTEGGIO 1. VALORE TECNICO ED ESTETICO DELL'OPERA DERIVANTE DALLE LINEE GUIDA DEL PROGETTO DEFINITIVO 1.1 Aspetti tipologici funzionali VALUTAZIONE 1.2 Soluzioni tecnologiche ed impiantistiche 1.3 Mitigazione dell'impatto ambientale ed estetico YI= (VI/5)*P dove: YI = punteggio dell offerta i-esima VI = voto assegnato all offerta i-esima P = punteggio massimo attribuito all indicatore VALUTAZIONE YI= (VI/5)*P 3 VALUTAZIONE YI= (VI/5)*P 3 9 PUNTEGGIO MAX 2. TEMPO DI ESECUZIONE LAVORI 10 METODO LINEARE: Tempo di realizzazione del raccordo YI = -5*VI/ YI = punteggio dell offerta i-esima VI = numero di mesi previsto dall offerta i- esima per la realizzazione del raccordo 10 6

7 1.1 ASPETTI TIPOLOGICI - FUNZIONALI Valutazione degli aspetti tipologici e funzionali dell offerta (linee guida del progetto definitivo) con particolare attenzione, tra gli altri, ai seguenti temi: a) risoluzione delle interferenze con viabilità stradale; b) risoluzione dei singoli punti di intersezione con la rete idraulica; c) risoluzione delle interferenze con viabilità arginale nel rispetto delle prescrizioni del Magistrato per il Po nel parere preventivo richiesto dall Amministrazione Provinciale di Mantova in data 24 dicembre 1999 e riportate nel progetto preliminare; d) numero, ampiezza e posizionamento dei fasci binari di appoggio; e) numero stabilimenti serviti, raccordi derivati; f) varianti progettuali migliorative, che non snaturino il progetto preliminare posto a base di gara e comunque in coerenza con i vincoli urbanistici vigenti e limitatamente alle fasce di rispetto individuate per l opera nel progetto preliminare. 1.2 SOLUZIONI TECNOLOGICHE ED IMPIANTISTICHE Valutazione delle soluzioni tecnologiche ed impiantistiche, dell offerta (linee guida del progetto definitivo) con particolare attenzione, tra gli altri, ai seguenti temi: a) programma di esecuzione dei lavori; b) soluzioni per l armamento ferroviario; c) sistema di segnalamento e sicurezza della circolazione; d) tecnologia, metodi, attrezzature a supporto. 1.3 MITIGAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE ED ESTETICO Valutazione delle soluzioni adottate per la mitigazione dell impatto ambientale del raccordo con particolare attenzione, tra gli altri, ai seguenti temi: a) soluzioni per la mitigazione dell impatto ambientale (es. barriere antirumore); b) attivazione di procedure per il monitoraggio ambientale e parametri monitorati (qualità dell aria, incidentalità, rumore, etc).; c) estensione delle opere di mitigazione. 7

8 2.1 TEMPO DI REALIZZAZIONE DEL RACCORDO Il punteggio massimo è attribuito al concessionario che si impegna a garantire il minor tempo di realizzazione del raccordo (espresso in mesi 1 e dalla data di validazione del progetto esecutivo da parte degli uffici tecnici dell Amministrazione concedente). La funzione di attribuzione del punteggio varia con criterio lineare per tempi di realizzazione compresi tra 12 e 36 mesi. Il completamento del raccordo per l intera lunghezza prevista nel progetto preliminare (incluse opere accessorie per la viabilità locale) dovrà comunque avvenire entro 4 anni (48 MESI) dalla data di validazione del progetto esecutivo da parte degli uffici tecnici dell Amministrazione concedent) P = PUNTEGGIO P = - 5X/ Funzione per l attribuzione del punteggio X = TEMPO DI REALIZZAZIONE (MESI) 1 Tempi di realizzazione espressi in giorni verranno tradotti in mesi equivalenti dividendo il numero di giorni per 30 ed arrotondando all intero inferiore. 8

9 TABELLA 2 AMBITO TECNICO QUALITATIVO (2/3) INDICATORE CRITERIO UNITÀ DI MISURA/METODO ARTICOLAZIONE PUNTEGGIO PUNTEGGIO MAX 3. MODALITÀ DI GESTIONE Piano di gestione della manutenzione VALUTAZIONE YI= (VI/5)*P dove: YI = punteggio dell offerta i-esima VI = voto assegnato all offerta i-esima P = punteggio massimo attribuito all indicatore 3.2 Piano di gestione del traffico VALUTAZIONE YI= (VI/5)*P Capacità offerta dal raccordo in condizioni di sicurezza 3.4 Sistema di monitoraggio della domanda e della qualità YI= (VI/ VMAX)*P dove: YI = punteggio dell offerta i-esima VI = prestazione dell offerta i-esima VMAX = prestazione della migliore offerta P = punteggio massimo attribuito all indicatore VALUTAZIONE YI= (VI/5)*P Piano di promozione del raccordo VALUTAZIONE YI= (VI/5)*P 6 9

10 3.1 PIANO DI GESTIONE DELLA MANUTENZIONE Valutazione del piano di gestione della manutenzione presentato nell offerta con particolare attenzione, tra gli altri, ai seguenti temi: a) interventi previsti e cadenze manutentive; b) tecnologia, metodi, attrezzature a supporto; c) struttura organizzativa interna (disponibilità di personale e strutture dedicati); d) lavorazioni appoggiate a terzi e modalità di controllo delle prestazioni erogate; e) esperienza maturata nel settore. 3.2 PIANO DI GESTIONE DEL TRAFFICO Valutazione del piano di gestione del traffico ferroviario presentato nell offerta con particolare attenzione, tra gli altri, ai seguenti temi: a) tecnologia, metodi, attrezzature a supporto; b) struttura organizzativa interna (disponibilità di personale e strutture dedicati); c) criteri adottati per la pianificazione e programmazione del traffico; d) criteri adottati per la ripartizione della capacità tra i soggetti richiedenti il trasporto; e) esperienza maturata nel settore. 3.3 CAPACITÀ OFFERTA DAL RACCORDO IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Il punteggio massimo è attribuito al concessionario che si impegna, con la soluzione funzionale e tecnologica adottata, a garantire la massima capacità del raccordo in condizioni di sicurezza entro 2 (due) anni dall avvio dell attività di gestione. La capacità è espressa in numero di treni/giorno circolabili nel raccordo entro 2 (due) anni dall avvio dell attività di gestione (Vi) = numero di treni/giorno 10

11 3.4 SISTEMA DI MONITORAGGIO DELLA DOMANDA E DELLA QUALITÀ Valutazione del sistema di monitoraggio della domanda e della qualità presentato con particolare attenzione, tra gli altri, ai seguenti temi: a) tempi e modalità di attivazione; b) monitoraggio e miglioramento di tutti gli standard qualitativi del servizio (con riferimento tra gli altri ai tempi di servizio) nei singoli anni di vigenza della concessione ed identificazione delle azioni correttive per il pronto riallineamento agli stessi; c) monitoraggio della domanda soddisfatta (tonnellate*km trasportate, carri movimentati, treni prodotti): procedure, strumenti, periodicità e formato di restituzione dei dati rilevati; d) modalità e frequenza di effettuazione, procedure e strumenti proposti per la rilevazione della qualità attesa e percepita, finalizzata a garantire un costante miglioramento del servizio in sintonia con le preferenze e le esigenze della clientela; e) accesso alle informazioni di pertinenza da parte dell Ente concedente, tempestività e trasparenza (in questa sezione il concorrente potrà proporre il progetto di un sistema di monitoraggio integrato tra Gestore e Ente concedente, descrivendo le informazioni rilevate, gli strumenti e le procedure di rilevazione in grado di garantire un sistema oggettivo, riconosciuto da entrambe le controparti). 3.5 PIANO DI PROMOZIONE DEL RACCORDO Valutazione del piano di promozione del raccordo presentato nell offerta con particolare attenzione, tra gli altri, ai seguenti temi: a) tempi e modalità di attivazione; a) politiche commerciali, di marketing e di promozione del servizio: descrizione delle iniziative volte a promuovere l utilizzo dei servizi offerti e l incremento del traffico; b) struttura organizzativa interna, eventuali supporti esterni (outsourcing), strumentazione tecnica utilizzata; c) e-commerce: attivazione apposito sito internet con informazioni sui servizi offerti, tariffe applicate, aree riservate ai clienti, etc. 11

12 TABELLA 3 AMBITO TECNICO QUALITATIVO (3/3) ARTICOLAZIONE INDICATORE CRITERIO UNITÀ DI MISURA/METODO PUNTEGGIO 4. ULTERIORI SERVIZI AGGIUNTIVI O ATTIVITÀ CON FUNZIONI INTEGRABILI O RICONDUCIBILI A QUELLE PREVISTE DELLA PRESENTE CONCESSIONE, OFFERTI COME MIGLIORIE 4.1 Numero di Carri messi a disposizione della clientela 4.2 Piano per lo sviluppo del raccordo VALUTAZIONE YI= (VI/ VMAX)*P dove: YI = punteggio dell offerta i-esima VI = prestazione dell offerta i-esima VMAX = prestazione della migliore offerta P = punteggio massimo attribuito all indicatore YI= (VI/5)*P dove: YI = punteggio dell offerta i-esima VI = voto assegnato all offerta i-esima P = punteggio massimo attribuito all indicatore 6 4 PUNTEGGIO MAX 10 12

13 4.1 NUMERO DI CARRI MESSI A DISPOSIZIONE DELLA CLIENTELA Il punteggio massimo è attribuito al concessionario che si impegna a garantire, all attivazione del servizio, il massimo numero di carri a disposizione della clientela. Prestazione dell offerta i-esima: (Vi) = numero di carri a disposizione all attivazione del servizio 4.2 PIANO PER LO SVILUPPO DEL RACCORDO Valutazione del piano di sviluppo del raccordo presentato nell offerta con particolare attenzione, tra gli altri, ai seguenti temi: a) descrizione degli elementi essenziali e distintivi del piano; b) modalità e tempi di attivazione; c) estensione del tracciato, nuovi stabilimenti serviti; d) estensione dei servizi offerti per il trasporto merci (eventuale attivazione di servizi aggiuntivi al trasporto: es. stoccaggio). e) piano per l eventuale estensione al traffico passeggeri presentato nell offerta con riguardo a: modalità e tempi di attivazione; fermate proposte per il traffico passeggeri; adeguamento dell infrastruttura e del sistema di segnalamento; materiale rotabile proposto per l effettuazione del servizio; programma di esercizio di massima; servizi offerti (treni*km) in assenza di contributo, sulla base delle tariffe ferroviarie regionali vigenti; contributo chilometrico richiesto per lo svolgimento del servizio sulla base delle tariffe ferroviarie regionali vigenti. (Per lo sviluppo di tale piano sarà a cura del soggetto proponente la raccolta dei dati relativi alla domanda potenziale di traffico passeggeri nell area e disponibili presso Enti pubblici, aziende TPL ed associazioni.) 13

14 TABELLA 4 AMBITO ECONOMICO (1/2) INDICATORE CRITERIO UNITÀ DI MISURA/METODO ARTICOLAZIONE PUNTEGGIO PUNTEGGIO MAX 5. DURATA DELLA CONCESSIONE Durata della concessione YI= (VMIN /VI)*P dove: YI = punteggio dell offerta i-esima VI = prestazione dell offerta i-esima VMIN = prestazione della migliore offerta P = punteggio massimo attribuito all indicatore 6. FATTIBILITÀ ECONOMICA Tasso interno di rendimento (TIR) 6.2 Accuratezza delle previsioni econonicofinanziarie dell intervento VALUTAZIONE YI= (VI/ VMAX)*P dove: YI = punteggio dell offerta i-esima VI = prestazione dell offerta i-esima VMAX = prestazione della migliore offerta P = punteggio massimo attribuito all indicatore YI= (VI/5)*P dove: YI = punteggio dell offerta i-esima VI = voto assegnato all offerta i-esima P = punteggio massimo attribuito all indicatore 7. LIVELLO DELLE TARIFFE DA PRATICARE ALL'UTENZA Tariffa applicata nei primi 3 anni di esercizio del raccordo (FASE START UP) YI= (VMIN /VI)*P

15 5.1 DURATA DELLA CONCESSIONE Il punteggio massimo è attribuito al concessionario che si impegna a garantire la minor durata della concessione, espressa in mesi, nel rispetto dei limiti previsti dal Capitolato prestazionale. Prestazione dell offerta i-esima: (Vi) = mesi di durata della concessione. 6.1 TASSO INTERNO DI RENDIMENTO Il punteggio massimo è attribuito al concessionario che si impegna a garantire il miglior (più alto) tasso di rendimento interno dell investimento nel periodo di durata della concessione. Prestazione dell offerta i-esima: (Vi) = tasso interno di rendimento TIR (tasso di sconto che annulla il Valore Attuale Netto - VAN - dell investimento, ovvero in corrispondenza del quale la convenienza economica di un progetto si annulla). Il tasso interno di rendimento TIR è espresso in formato percentuale con due decimali dopo la virgola. 6.2 ACCURATEZZA DELLE PREVISIONI ECONONICO-FINANZIARIE DELL INTERVENTO VALUTAZIONE Il concorrente è tenuto a presentare una relazione contenente il Piano economico-finanziario, dimostrativo dell evoluzione dei costi e dei ricavi della gestione e dei tempi di rientro dell investimento, nonché descrittivo dei criteri gestionali. Il Piano economico-finanziario di massima posto a base di gara è, pertanto, puramente indicativo e non è impegnativo per l offerente il quale obbligatoriamente si deve munire di un proprio Piano economico-finanziario. Qualora il Piano Economico Finanziario facente parte dell offerta evidenzi l esistenza di un contributo pubblico a carico dell Amministrazione Concedente, l offerta medesima sarà esclusa. La valutazione del piano riguarderà l accuratezza delle previsioni econonico-finanziarie dell azione, con particolare attenzione ai seguenti temi: 15

16 a) coerenza degli investimenti con gli obiettivi e le indicazioni del progetto preliminare; b) costi di gestione, introiti, redditività del progetto; c) stima dell utenza potenziale e dei ricavi attesi; d) tariffe applicate; e) criterio di determinazione della quota tariffaria imputabile alla copertura dei costi di investimento e di gestione funzionale del raccordo, al netto dei costi di movimentazione dei carri, che costituirà riferimento per il calcolo del pedaggio applicabile ad imprese ferroviarie che facciano richiesta di utilizzo della capacità del raccordo qualora l opera dovesse essere inserita, dalla Regione Lombardia, nell elenco delle reti ferroviarie non isolate ai sensi dell art. 3 comma 2 del Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 5 agosto 2005; f) fonti di finanziamento attivate o attivabili; g) indici sintetici (tra cui: Rapporto ricavi da trasporto/costi di esercizio, costi per unità di carico trasportata, etc.); h) analisi di sensitività per la verifica della variazione della redditività in funzione di alcune variabili chiave, al fine di identificare le aree di maggior rischio e verificare la solidità dei risultati ottenuti ed eventuali alternative sui prezzi applicati ai clienti del servizio; i) analisi di sensitività relative ai costi di investimento ed esercizio, traffico generato/attratto. 7.1 TARIFFA APPLICATA NEI PRIMI 3 ANNI DI ESERCIZIO DEL RACCORDO (FASE START-UP) I valori economici si intendono al netto di IVA. Al fine di una politica dei prezzi improntata alla massima trasparenza, l'offerta dovrà comprendere il livello delle tariffe (a carro/ a tonnellata) da praticare all utenza nel periodo di durata della concessione a copertura degli investimenti, dei costi di gestione e manutenzione dell infrastruttura, della movimentazione dei treni. Il punteggio massimo è attribuito al concessionario che si impegna a garantire, in fase di start-up del raccordo (primi tre anni di esercizio), la minor tariffa pesata (Vi) per singolo carro trasportato (si intendono i prezzi minimi di trasporto applicati per singolo carro). Valore espresso in euro con due decimali dopo la virgola. Prestazione dell offerta i-esima: (Vi) = tariffa applicata nei primi 3 anni di esercizio = 1/3 * (TM1 + TM2 + TM3) Dove TM1= Tariffa media 1 anno di esercizio = 1/3*(Prezzo minimo per carro a 2 assi + 0,6 * Prezzo minimo per carro a 3/4 assi + 0,5 * Prezzo minimo per carro a più di 4 assi) TM2= Tariffa media 2 anno di esercizio = 1/3* (Prezzo minimo per carro a 2 assi + 0,6 * Prezzo minimo per carro a 3/4 assi + 0,5 * Prezzo minimo per carro a più di 4 assi) 16

17 TM3= Tariffa media 3 anno di esercizio = 1/3* (Prezzo minimo per carro a 2 assi + 0,6 * Prezzo minimo per carro a 3/4 assi + 0,5 * Prezzo minimo per carro a più di 4 assi) TABELLA 5 AMBITO ECONOMICO (2/2) INDICATORE CRITERIO UNITÀ DI MISURA/METODO ARTICOLAZIONE PUNTEGGIO PUNTEGGIO MAX 8. PIANO DEGLI INVESTIMENTI E CANONE DI CONCESSIONE Fondi messi a disposizione nei primi 10 anni di durata della concessione YI= (VI/ VMAX)*P dove: YI = punteggio dell offerta i-esima VI = prestazione dell offerta i-esima VMAX = prestazione della migliore offerta P = punteggio massimo attribuito all indicatore 8.2 Canone offerto al concedente YI= (VI/ VMAX)*P 2 9. COMPENSAZIONE AMBIENTALE Costi di compensazione ambientale YI= (VI/ VMAX)*P

18 8.1 FONDI MESSI A DISPOSIZIONE NEI PRIMI 10 ANNI DI DURATA DELLA CONCESSIONE I valori economici si intendono al netto di IVA. Il punteggio massimo è attribuito al concessionario che si impegna a garantire il massimo Valore Attuale Netto relativamente ai fondi messi a disposizione dell Ente concedente nei primi 10 anni di durata della concessione per il finanziamento di investimenti aggiuntivi alla realizzazione del raccordo (estensioni del raccordo, nuovi fasci di binari, nuovi binari di connessone con gli stabilimenti, etc.) Prestazione dell offerta i-esima: (Vi) = VAN dei fondi messi a disposizione ad un tasso di sconto convenzionale del 2% = (Vi) = t=1 10 Vt * 1/(1+ s ) t Dove: Vt = Somma a disposizione per l anno t s = tasso di sconto convenzionale 2% t = anno di riferimento Per l attualizzazione convenzionale si considerano gli importi Vt concentrati al termine dell anno in cui si verificano (annualità posticipate). Valore espresso in euro con due decimali dopo la virgola. 8.2 CANONE OFFERTO AL CONCEDENTE I valori economici si intendono al netto di IVA. Il concessionario ha la facoltà di impegnarsi al pagamento di un canone annuo da corrispondere all Amministrazione Concedente nel periodo di durata della gestione del raccordo. L ammontare di detto canone è oggetto di valutazione dell offerta. Il punteggio massimo è attribuito al concessionario che si impegna a garantire il massimo Valore Attuale Netto del canone annuo di concessione nel periodo di durata della concessione. 18

19 Prestazione dell offerta i-esima: (Vi) = VAN canone annuo di concessione ad un tasso di sconto convenzionale del 2% = (Vi) = t=1 n Vt * 1/(1+ s ) t Dove: Vt = Canone di concessione per l anno t n= periodo di durata della concessione (anni) s = tasso di sconto convenzionale 2% t = anno di riferimento Per l attualizzazione convenzionale si considerano gli importi Vt concentrati al termine dell anno in cui si verificano (annualità posticipate). Valore espresso in euro con due decimali dopo la virgola. 9.1 COSTI DI COMPENSAZIONE AMBIENTALE I valori economici si intendono al netto di IVA. Per costi di compensazione (CC) si intendono, in riferimento al protocollo di Kyoto e agli atti conseguenti, le spese sostenute (o previste) nel periodo di durata della concessione relative agli interventi finalizzati ad una ricostruzione e valorizzazione degli ambienti naturali (es. creazione di aree boscate). Il punteggio massimo è attribuito al progetto che si impegna a garantire il più alto Valore attuale netto dei costi di compensazione. Prestazione dell offerta i-esima: (Vi) = VAN costi di compensazione ad un tasso convenzionale del 2% = (Vi) = t=1 n CCt * 1/(1+ s ) t Dove: CCt = costi di compensazione per l anno t 19

20 n= periodo di durata della concessione (anni) s = tasso di sconto convenzionale 2% t = anno di riferimento Per l attualizzazione convenzionale si considerano gli importi Vt concentrati al termine dell anno in cui si verificano (annualità posticipate). Valore espresso in euro con due decimali dopo la virgola. 20

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE SCHEDA Roma Capitale, Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana, il 10 settembre 2012, un anno dopo la pubblicazione del bando di gara, ha assegnato il contratto di concessione del servizio

Dettagli

ALLEGATO B SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE

ALLEGATO B SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE ALLEGATO B SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE CONTENUTO Il presente allegato riporta la descrizione completa del sistema di valutazione delle offerte presentate dai Concorrenti, con l'esplicitazione

Dettagli

Modalità di formulazione dell offerta

Modalità di formulazione dell offerta ALLEGATO - PARAMETRI E CRITERI DI VALUTAZIONE DELL OFFERTA PROCEDURA APERTA SOPRA SOGLIA COMUNITARIA CON IL CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE DELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA PER L AFFIDAMENTO DEL

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto. per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI

Condizioni Generali di Contratto. per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI Condizioni Generali di Contratto per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI Divisione Cargo EDIZIONE IN VIGORE DAL ORDINE DI SERVIZIO REGISTRAZIONE 1 01/03/2010 n. 3 del 28/01/2010 Serie 3 n.4633

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA REGIONE LAZIO ASSOCIAZIONE REGIONALE COMUNI DEL LAZIO (ANCI LAZIO) UNIONE DELLE PROVINCE DEL LAZIO (UPI LAZIO)

PROTOCOLLO DI INTESA REGIONE LAZIO ASSOCIAZIONE REGIONALE COMUNI DEL LAZIO (ANCI LAZIO) UNIONE DELLE PROVINCE DEL LAZIO (UPI LAZIO) PROTOCOLLO DI INTESA PER IL MIGLIORAMENTO DELL EFFICACIA DEGLI INVESTIMENTI IN SICUREZZA STRADALE TRA REGIONE LAZIO ASSOCIAZIONE REGIONALE COMUNI DEL LAZIO (ANCI LAZIO) E UNIONE DELLE PROVINCE DEL LAZIO

Dettagli

CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DIRETTI ALL INCREMENTO DEL LIVELLO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI RSU PRODOTTI SUL TERRITORIO DI ATO

CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DIRETTI ALL INCREMENTO DEL LIVELLO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI RSU PRODOTTI SUL TERRITORIO DI ATO BANDO RISERVATO AI GESTORI DEL SERVIZIO DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI ATO 5, 6, 10 CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DIRETTI ALL INCREMENTO DEL LIVELLO DI RACCOLTA

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

Allegato I) al disciplinare di gara CIG 6091270305

Allegato I) al disciplinare di gara CIG 6091270305 Allegato I) al disciplinare di gara COMUNE DI MARTINENGO Piazza Maggiore, 1 2407 - MARTINENGO AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE MEDIANTE PROJECT FINANCING PER LA PROGETTAZIONE COSTRUZIONE E GESTIONE ECONOMICO

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06 Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera 1 Le novità introdotte dal terzo decreto correttivo Project Financing Il

Dettagli

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori stranieri non accompagnati e di giovani migranti MODALITA DI ATTUAZIONE Art. 1 NORME REGOLATRICI La partecipazione

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO COORDINAMENTO ATTIVITA'FERROVIA DEL BRENNERO E INTERMODALITA' Prot. n. 19 P306 08 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 36 DI DATA 11 Dicembre 2008 O G G E T T O: Legge

Dettagli

ART. 1. PRINCIPI CARATTERE GENERALE. NORMATIVA.

ART. 1. PRINCIPI CARATTERE GENERALE. NORMATIVA. ART. 1. PRINCIPI CARATTERE GENERALE. NORMATIVA. L Amministrazione Comunale nel rispetto della normativa vigente, intende determinare con il presente regolamento le modalità ed i criteri di conferimento

Dettagli

PROGETTO PER IL COMPLETAMENTO DELLA ZONA C DEL CIMITERO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE SEPOLTURE

PROGETTO PER IL COMPLETAMENTO DELLA ZONA C DEL CIMITERO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE SEPOLTURE PROPOSTA DI PROJECT FINANCING COMUNE DI ACICATENA (CT) PROGETTO PER IL COMPLETAMENTO DELLA ZONA C DEL CIMITERO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE SEPOLTURE Affidamento di opere in Concessione di progettazione,

Dettagli

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO ALL. A REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO Criteri e modalità per la presentazione e verifica di ammissibilità

Dettagli

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA [CONFERENZA STAMPA] Udine - 27 Ottobre 2014 Assessorato Infrastrutture, Mobilità, Pianificazione

Dettagli

Totale 100 CRITERI DI CARATTERE GENERALE RELATIVI AGLI ISTITUTI BANCARI - ELEMENTI TECNICI INERENTI IL SERVIZIO

Totale 100 CRITERI DI CARATTERE GENERALE RELATIVI AGLI ISTITUTI BANCARI - ELEMENTI TECNICI INERENTI IL SERVIZIO ALLEGATO 1) CRITERI DI GARA 1) I macrocriteri di valutazione dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell art. 83, del D.Lgs 163/2006, si dividono in tre grosse tipologie il cui punteggio

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti 30.X.2013 La metodologia estimativa La metodologia estimativa rappresenta l insieme delle tecniche e degli strumenti attraverso cui si formula

Dettagli

Avviso pubblico per la concessione degli immobili di proprietà comunale: mulino e gualchiera

Avviso pubblico per la concessione degli immobili di proprietà comunale: mulino e gualchiera COMUNE DI SANTU LUSSURGIU Provincia di Oristano C.A.P. 09075 0783/55191 0783/5519227 e-mail: segreteria.santulussurgiu@pec.comunas.it Area amministrativa Allegato alla determinazione n. 136/A in data 02/04/2015

Dettagli

Delibera n. 08/2013. VISTO il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001;

Delibera n. 08/2013. VISTO il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001; 1 Delibera n. 08/2013 Il Comitato Centrale per l Albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l autotrasporto di cose per conto terzi, riunitosi nella seduta del 31 luglio 2013; VISTA

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1 SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER GLI ENTI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO ART. 1 - FINALITÀ... 2 ART. 2

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento PAT/RFD330-16/12/2015-0647654 - Allegato Utente 3 (A03) BANDO PER L AFFIDAMENTO DI UN CONTRIBUTO PUBBLICO Provincia Autonoma di Trento Bando per l affidamento di un contributo pubblico per un progetto

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

Allegato B- Piano di gestione Relazione economico-finanziaria ai sensi dell'art. 55 Regolamento CE 1083/2006

Allegato B- Piano di gestione Relazione economico-finanziaria ai sensi dell'art. 55 Regolamento CE 1083/2006 Provincia di Bari PO FESR Puglia 2007-2013 Asse VI- Linea di intervento 6.2 Azione 6.2.1 Iniziative per le infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi Bando Regione Puglia BURP n. 117 del

Dettagli

ALLEGATO A Atto di indirizzo

ALLEGATO A Atto di indirizzo ALLEGATO A Atto di indirizzo Programma di finanziamento degli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo degli immobili destinati ad asilo nido e/o micro-nido comunali

Dettagli

La metodologia di misurazione e valutazione della performance del personale e delle posizioni organizzative Comune di Pinerolo

La metodologia di misurazione e valutazione della performance del personale e delle posizioni organizzative Comune di Pinerolo La metodologia di misurazione e valutazione della performance del personale e delle posizioni organizzative Comune di Pinerolo Deliberazione della Giunta Comunale n. 150 del 22/05/2013 1 1.1.1.- Le modalità

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL FILE EXCEL Modello_dati_PEF_RSD_finale

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL FILE EXCEL Modello_dati_PEF_RSD_finale Città di Corbetta Provincia di Milano PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RESIDENZA SANITARIA PER DISABILI (RSD) CODICE IDENTIFICATIVO GARA CIG 63460237D7 CODICE UNIVOCO

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS 65 REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS. 163/06 PER LE OPERE, I LAVORI E GLI ATTI DI PIANIFICAZIONE DI COMPETENZA

Dettagli

IMPIANTO DI PIEVE TORINA

IMPIANTO DI PIEVE TORINA IMPIANTI IDROELETTRICI SUL CORSO DEL FIUME CHIENTI DI PIEVE TORINA IMPIANTO DI PIEVE TORINA PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 1 1. PREMESSA Per la migliore valutazione della proposta

Dettagli

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DEL GIOCO DEL LOTTO AUTOMATIZZATO E DEGLI ALTRI GIOCHI NUMERICI A QUOTA FISSA Allegato D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE

Dettagli

Il progetto e la sua fattibilità: gli strumenti

Il progetto e la sua fattibilità: gli strumenti Il progetto e la sua fattibilità: gli strumenti 17.XII.2008 Scopo della comunicazione Abbiamo sino a qui analizzato i principali attori che entrano in gioco in un operazione di sviluppo immobiliare, le

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 21/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 96

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 21/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 96 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 19 novembre 2013, n. 385 Approvazione dei criteri e modalità per l'utilizzo del Fondo per prevenire e combattere il fenomeno dell'usura,

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

Valutazione Ambientale e Fattibilità dei Piani e dei Progetti (CdL VALGESTA)

Valutazione Ambientale e Fattibilità dei Piani e dei Progetti (CdL VALGESTA) Valutazione Ambientale e Fattibilità dei Piani e dei Progetti (CdL VALGESTA) POLITICHE REGIONALI POLITICHE REGIONALI SCHEDA PROGETTO 4 5 6 7 8 1. Caratteristiche e obiettivi dell intervento In questo paragrafo

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELL OFFERTA

MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELL OFFERTA MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELL OFFERTA L offerta dovrà essere redatta in conformità alle prescrizioni del presente documento. Essa dovrà essere composta da un offerta tecnica e da un offerta economica in

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 1579 del 17/06/2008 pag. 1/7 L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE Modalità per la concessione e la liquidazione delle agevolazioni

Dettagli

CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA. Provincia di Firenze

CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA. Provincia di Firenze CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA Provincia di Firenze CONVENZIONE TRA COMUNI E CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DEL LOTTO UNICO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE

Dettagli

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 Norme in materia di opere e lavori pubblici (1). TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI Capo I PROGRAMMAZIONE Art. 1 (Ambito di applicazione della legge) I programmi

Dettagli

PARAMETRI E CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE

PARAMETRI E CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE ALLEGATO D) PARAMETRI E CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE 1) MODALITA DI FORMULAZIONE DELL OFFERTA L offerta dovrà essere redatta in conformità alle prescrizioni del presente documento e alla vigente

Dettagli

ALLEGATO 7A CRITERI VALUTAZIONE

ALLEGATO 7A CRITERI VALUTAZIONE ALLEGATO 7A CRITERI VALUTAZIONE A) VALUTAZIONE OFFERTA TECNICA CRITERI. In sintesi, i punteggi attribuibili sono i seguenti: PUNTEGGIO MASSIMO 100 PUNTI Valutazione dell Offerta Tecnica 80/100 Valutazione

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO

CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO DCO 19/11 CRITERI PER IL CONGUAGLIO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DI STOCCAGGIO Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del procedimento avviato con deliberazione

Dettagli

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA informa www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA FOGLIO INFORMATIVO STAMPATO IN PROPRIO - ANNO 3, N. 048 - FEBBRAIO 2010 CARGO DIISPOSIIZIIONE ORGANIIZZATIIVA 952//10 FAST FerroVie

Dettagli

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA COMUNE DI MELICUCCA Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it Sommario STUDIO DI FATTIBILITA PROJECT FINANCING INTERVENTO INSERITO NEL BILANCIO 2010-2012 REALIZZAZIONE DELL AMPLIAMENTO DEL

Dettagli

REGIONE TOSCANA PRSE 2007 2010 Linea di intervento 1.5 Infrastrutture per il trasferimento tecnologico

REGIONE TOSCANA PRSE 2007 2010 Linea di intervento 1.5 Infrastrutture per il trasferimento tecnologico REGIONE TOSCANA PRSE 2007 2010 Linea di intervento 1.5 Infrastrutture per il trasferimento tecnologico PAR FAS 2007 2013 P.I.R. 1.3 - Linea di azione 1 infrastrutture per i settori produttivi Fondo per

Dettagli

RELAZIONE ARTICOLATA

RELAZIONE ARTICOLATA Il presente DDL persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di accessibilità e di mobilità nelle aree urbane del territorio ligure e a tal fine, detta disposizioni per la definizione e il finanziamento

Dettagli

MODALITA DI RENDICONTAZIONE PROGETTI

MODALITA DI RENDICONTAZIONE PROGETTI AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DELLE CAMERE DI COMMERCIO, DEI PATLIB (PATENT LIBRARY), DEI PIP (PATENT INFORMATION POINT) E DELLE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PER ATTIVITA DI SUPPORTO

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA. Procedura aperta per l affidamento dei servizi di sviluppo e manutenzione applicativa del Sistema CCM per il Gruppo Equitalia

DISCIPLINARE DI GARA. Procedura aperta per l affidamento dei servizi di sviluppo e manutenzione applicativa del Sistema CCM per il Gruppo Equitalia Procedura aperta per l dei servizi di sviluppo e manutenzione applicativa del Sistema CCM per il Gruppo Equitalia DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l dei servizi di sviluppo e manutenzione applicativa

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE DISCIPLINA DEI REQUISITI E DELLE PROCEDURE DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI E MODALITA DI RIMBORSO DELLE SOMME ANTICIPATE Fondo rotativo per la progettazione a favore degli Enti Pubblici della Regione Basilicata

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

Schema metodologico per la valutazione del personale del comparto addetto agli uffici di diretta collaborazione

Schema metodologico per la valutazione del personale del comparto addetto agli uffici di diretta collaborazione Schema metodologico per la valutazione del personale del comparto addetto agli uffici di diretta collaborazione Sommario Premessa... 2 1. Introduzione... 3 2. Criteri generali della metodologia di valutazione...

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

COMUNE DI FAENZA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI FAENZA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FAENZA PROVINCIA DI RAVENNA PROGRAMMA PROVINCIALE RAVENNA GREEN ENERGY PROGETTO PRELIMINARE VALORIZZAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI (2) ENERGIA DAI TETTI DI EDIFICI PUBBLICI Il responsabile per

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA P.zza dell Ateneo Nuovo, 1-20126, Milano Tel. 02/6448.1 - Fax 02/6448.6105 e-mail: protocollo@unimib.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA P.zza dell Ateneo Nuovo, 1-20126, Milano Tel. 02/6448.1 - Fax 02/6448.6105 e-mail: protocollo@unimib. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA P.zza dell Ateneo Nuovo, 1-20126, Milano Tel. 02/6448.1 - Fax 02/6448.6105 e-mail: protocollo@unimib.it AVVISO PUBBLICO Per la FORMAZIONE DI ELENCHI DI PROFESSIONISTI

Dettagli

COMUNE DI BORGO SAN GIOVANNI PROVINCIA DI LODI TEL (0371) 97004 FAX (0371) 97191

COMUNE DI BORGO SAN GIOVANNI PROVINCIA DI LODI TEL (0371) 97004 FAX (0371) 97191 COMUNE DI BORGO SAN GIOVANNI PROVINCIA DI LODI TEL (0371) 97004 FAX (0371) 97191 AVVISO PER LA CONCESSIONE IN GESTIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO Il Responsabile Ai sensi della D.Lgs. n. 163/2006; APPROVA

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO COMUNE DI NOICÀTTARO (Provincia di Bari) C.A.P. 70016 Tel. 080.4781313 Fax 080.4781298 C.F./P.Iva 05165930727 AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO AVVISO

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget Regolamento di Budget 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Preliminarmente qui di seguito si richiamano i principali riferimenti normativi che costituiscono fonte principale del presente regolamento: D.L.vo n. 502/92

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani BANDO DI CONCORSO CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani INDICE: Art. 1 Finalità Art. 2 Indirizzi di programma ed obiettivi Art. 3 Procedure e termini di presentazione delle domande Art. 4 Requisiti

Dettagli

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 190/2014/R/GAS MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA Documento per la consultazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

BANDO FAQ Aggiornate al 01-07-2013 1

BANDO FAQ Aggiornate al 01-07-2013 1 BANDO FAQ Aggiornate al 01-07-2013 1 INDICE 1. POSSO PRESENTARE LA DOMANDA SOLTANTO CON FIRMA DIGITALE?... 3 2. QUALI IMPRESE POSSONO PRESENTARE DOMANDA?... 3 3. POSSONO PARTECIPARE AL BANDO ANCHE AGGREGAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA AVVISO DI SELEZIONE PER CONFERIMENTO INCARICO DI SERVIZI ATTINENTI L INGEGNERIA E L ARCHITETTURA DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00 EURO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA COMUNE DI BRESCIA SETTORE SICUREZZA URBANA E PROTEZIONE CIVILE BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

Tributi, Catasto e Suolo Pubblico 2015 02820/013 Servizio Pubblicità e O.S.P. CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Tributi, Catasto e Suolo Pubblico 2015 02820/013 Servizio Pubblicità e O.S.P. CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Tributi, Catasto e Suolo Pubblico 2015 02820/013 Servizio Pubblicità e O.S.P. CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 253 approvata il 30 giugno 2015 DETERMINAZIONE: PROCEDURA APERTA

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

Dato atto allegato 1- Verbali di pre- accordo con gli enti)

Dato atto allegato 1- Verbali di pre- accordo con gli enti) ALLEGATO A) INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA E GLI ENTI LOCALI PER LA DEFINIZIONE DELLA RETE DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE, DELL ATTRIBUZIONE DELLE RISORSE E DEI CRITERI DI PREMIALITA PER GLI ENTI

Dettagli

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Giovani agricoltori: per l avvio delle attività contributi fino a 70.000 euro per l acquisto dei terreni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

SIA s.r.l. Servizi Intercomunali per l Ambiente

SIA s.r.l. Servizi Intercomunali per l Ambiente INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO DI CREDITO AI FINI DELL EROGAZIONE DI MUTUO A TASSO FISSO PER LA REALIZZAZIONE DEI LAVORI DI AMPLIAMENTO DELLA DISCARICA PER R.S.U. IN GROSSO LOCALITA VAUDA GRANDE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti Deliberazione del 10 febbraio 1999 Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti LA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Visto il decreto legislativo 21

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI

MINISTERO DEI TRASPORTI MINISTERO DEI TRASPORTI BANDO PER IL FINANZIAMENTO A FAVORE DEI COMUNI PER L ADEGUAMENTO DEGLI ATTRAVERSAMENTI SEMAFORIZZATI ALLE ESIGENZE DEI NON VEDENTI Il Ministero dei Trasporti, Dipartimento Trasporti

Dettagli

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E ALLEGATO A Schema di Convenzione per la gestione del Fondo di rotazione per la realizzazione di programmi pluriennali di edilizia residenziale agevolata di cui all art. 82 della Lr n. 8/2002 e successive

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Valutazione degli investimenti aziendali

Valutazione degli investimenti aziendali Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Valutazione degli investimenti aziendali Capitolo 18 Indice degli argomenti 1. Definizione e classificazione degli investimenti 2. I profili

Dettagli

Sono ammessi a contributo i progetti e/o attività della durata massima annuale.

Sono ammessi a contributo i progetti e/o attività della durata massima annuale. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE E AI GRUPPI COMUNALI ED INTERCOMUNALI DI VOLONTARIATO. Art.1 Requisiti ammissibilità dei soggetti Sono

Dettagli

Programma di sostegno a Enti Banditori di concorsi di Architettura BANDO

Programma di sostegno a Enti Banditori di concorsi di Architettura BANDO Programma di sostegno a Enti Banditori di concorsi di Architettura BANDO Programma di sostegno a Enti Banditori di concorsi di Architettura Indice Articolo 1 - Premessa... 2 Articolo 2 - Finalità e obiettivi

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente mod. perm. 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività

Dettagli

PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL ESERCIZIO E DELLO SVILUPPO DEI GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE NAZIONALE.

PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL ESERCIZIO E DELLO SVILUPPO DEI GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE NAZIONALE. PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL ESERCIZIO E DELLO SVILUPPO DEI GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE NAZIONALE Allegato E ISTRUZIONI PER LA FORMULAZIONE DELL OFFERTA ECONOMICA, CRITERI

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli