Modelli di business e strategie di sviluppo dell impresa televisiva. Andrea Fabiano

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modelli di business e strategie di sviluppo dell impresa televisiva. Andrea Fabiano"

Transcript

1 Modelli di business e strategie di sviluppo dell impresa televisiva Andrea Fabiano

2 Definizione di modello di business Per modello di business si intendono le modalità di finanziamento dell impresa televisiva correlate alle scelte strategiche di modalità di presidio del business ( posizionamento nella catena del valore ) 2

3 I flussi economico-finanziari del mercato televisivo: schema semplificato PUBBLICO FORNITORI OPERATORE TELEVISIVO SFERA PUBBLICA INVESTITORI PUBBLICITARI 3

4 I modelli di business tradizionali dell impresa televisiva Tv ad accesso gratuito (Free-To-Air) Due tipologie di modelli di business tradizionali dell impresa televisiva Tv ad accesso condizionato (Pay) 4

5 I modelli di business tradizionali dell impresa televisiva Tv ad accesso gratuito (Free-To-Air) Due tipologie di modelli di business tradizionali dell impresa televisiva Tv ad accesso condizionato (Pay) 5

6 I modelli di business tradizionali dell impresa televisiva Due categorie di operatori della Tv ad accesso gratuito: 1. Impresa televisiva di Servizio Pubblico 2. Impresa televisiva commerciale 6

7 I modelli di business tradizionali dell impresa televisiva Impresa televisiva di Servizio Pubblico SFERA PUBBLICA Finanziamenti ad hoc OPERATORE SERVIZIO PUBBLICO Pagamento obbligatorio (Tassa = Canone) Investimenti pubblicitari INVESTITORI PUBBLICITARI PUBBLICO Risorsa primaria Risorsa secondaria 7

8 I modelli di business tradizionali dell impresa televisiva Impresa televisiva di Servizio Pubblico: il caso Rai SFERA PUBBLICA Finanziamenti ad hoc Pagamento obbligatorio (Tassa = Canone) Investimenti pubblicitari INVESTITORI PUBBLICITARI PUBBLICO Risorsa primaria Risorsa secondaria 8

9 I modelli di business tradizionali dell impresa televisiva Impresa televisiva di Servizio Pubblico: il caso BBC (INGHILT.) Finanziamenti ad hoc SFERA PUBBLICA Pagamento obbligatorio (Tassa = Canone) PUBBLICO Risorsa primaria Risorsa secondaria 9

10 I modelli di business tradizionali dell impresa televisiva Impresa televisiva di Servizio Pubblico: il caso TVE (SPAGNA) SFERA PUBBLICA Finanziamenti ad hoc Investimenti pubblicitari INVESTITORI PUBBLICITARI Risorsa primaria Risorsa secondaria 10

11 I modelli di business tradizionali dell impresa televisiva Impresa televisiva commerciale OPERATORE COMMERCIALE Investimenti pubblicitari INVESTITORI PUBBLICITARI Risorsa primaria Risorsa secondaria 11

12 I modelli di business tradizionali dell impresa televisiva Tv ad accesso gratuito (Free-To-Air) Due tipologie di modelli di business tradizionali dell impresa televisiva Tv ad accesso condizionato (Pay) 12

13 I modelli di business tradizionali dell impresa televisiva Impresa televisiva pay OPERATORE PAY Pagamento volontario (Es. abbonamento) Investimenti pubblicitari INVESTITORI PUBBLICITARI PUBBLICO Risorsa primaria Risorsa secondaria 13

14 La dinamica delle tre fonti di ricavo tradizionali del sistema televisivo 6 5 L esperienza in Italia (elaborazioni su dati Agcom e Screen Digest) Pay Canone / Fin. pubblici Pubblicità miliardi E 2008E 2009E 2010E 2011E 2012E I ricavi da spesa del pubblico per la pay tv crescono nettamente più delle altre fonti: nel 2005 hanno sorpassato i ricavi da canone/finanziamento pubblico, nel 2012 potrebbero sostanzialmente eguagliare quelli da pubblicità. 14

15 La dinamica delle tre fonti di ricavo tradizionali del sistema televisivo L esperienza in Inghilterra (elaborazioni su dati Screen Digest) miliardi Pay Canone / Fin. pubblici Pubblicità E 2008E 2009E 2010E 2011E 2012E Il sorpasso sul canone è già avvenuto nel 2001, quello sulla pubblicità nel

16 La dinamica delle tre fonti di ricavo tradizionali del sistema televisivo 6 5 L esperienza in Francia (elaborazioni su dati Screen Digest) Pay Canone / Fin. pubblici Pubblicità miliardi E 2008E 2009E 2010E 2011E 2012E Storicamente più elevata del canone / finanziamento pubblico, la spesa del pubblico per la pay tv nel 2007 avrebbe superato gli introiti pubblicitari. 16

17 I flussi economico-finanziari del mercato televisivo: schema semplificato PUBBLICO FORNITORI OPERATORE TELEVISIVO SFERA PUBBLICA INVESTITORI PUBBLICITARI 17

18 I modelli di business dei fornitori degli operatori televisivi FTA Es. Eventi sportivi, contenuti già prodotti freschi o d archivio, format, ) DETENTORE DIRITTI PUBBLICO OPERATORE TELEVISIVO FTA SFERA PUBBLICA PRODUTTORE CONTENUTI Es. Produzione di format o contenuti originali ad hoc Es. Product Placement, Embedded On Screen Advertising INVESTITORI PUBBLICITARI 18

19 I modelli di business dei fornitori degli operatori televisivi PAY DETENTORE DIRITTI PUBBLICO PRODUTTORE CONTENUTI OPERATORE TELEVISIVO PAY FORNITORE CANALI Forniscono canali televisivi che entrano a far parte dell offerta commerciale dell operatore pay INVESTITORI PUBBLICITARI 19

20 I modelli di business degli attori del mercato televisivo: sintesi generale DETENTORE DIRITTI OPERATORE TELEVISIVO FTA PUBBLICO PRODUTTORE CONTENUTI OPERATORE TELEVISIVO PAY SFERA PUBBLICA FORNITORE CANALI INVESTITORI PUBBLICITARI 20

21 La filiera interna dell operatore televisivo Operatore televisivo che edita canali IDEAZIONE INTERNA PRODUZIONE INTERNA AGGREGAZ.NE CONTENUTI (Confezion.to canale Tv) DIFFUSIONE RAPPORTI CON I FORNITORI 21

22 La filiera interna dell operatore televisivo Operatore televisivo che edita canali Le attività sempre presenti IDEAZIONE INTERNA PRODUZIONE INTERNA AGGREGAZ.NE CONTENUTI (Confezion.to canale Tv) DIFFUSIONE RAPPORTI CON I FORNITORI 22

23 La filiera interna dell operatore televisivo Operatore televisivo che edita canali Le attività opzionali IDEAZIONE INTERNA PRODUZIONE INTERNA AGGREGAZ.NE CONTENUTI (Confezion.to canale Tv) DIFFUSIONE RAPPORTI CON I FORNITORI 23

24 La filiera interna dell operatore televisivo Operatore televisivo che gestisce un bouquet di canali IDEAZIONE INTERNA PRODUZIONE INTERNA AGGREGAZ.NE CONTENUTI (Confezion.to canale Tv) AGGREGAZ.NE CANALI (Confezion.to bouquet Tv) DIFFUSIONE RAPPORTI CON I FORNITORI 24

25 La filiera interna dell operatore televisivo Operatore televisivo che gestisce un bouquet di canali Le attività sempre presenti IDEAZIONE INTERNA PRODUZIONE INTERNA AGGREGAZ.NE CONTENUTI (Confezion.to canale Tv) AGGREGAZ.NE CANALI (Confezion.to bouquet Tv) DIFFUSIONE RAPPORTI CON I FORNITORI 25

26 La filiera interna dell operatore televisivo Operatore televisivo che gestisce un bouquet di canali Le attività opzionali IDEAZIONE INTERNA PRODUZIONE INTERNA AGGREGAZ.NE CONTENUTI (Confezion.to canale Tv) AGGREGAZ.NE CANALI (Confezion.to bouquet Tv) DIFFUSIONE RAPPORTI CON I FORNITORI 26

27 I costi dell impresa televisiva Programmazione (es. acquisto diritti, produzione contenuti, trasferimento contenuti, confezionamento canale, ) Messa in onda e trasmissione (es. emissione segnale canale televisivo, diffusione terrestre o satellitare) Gestione del magazzino Marketing (es. ricerche di mercato, comunicazione, costi commerciali, gestione clienti, call-center, ) Personale Costi generali (es. affitti, direzione, funzioni di staff, consulenze, ) 27

28 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva Gli obiettivi alla base delle strategie di sviluppo del business Ampliare i ricavi e i margini Valorizzare asset del patrimonio aziendale Diversificare per ridurre i rischi 28

29 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva Le direttrici dello sviluppo del business NUOVI BUSINESS AMPLIAMENTO PRESIDIO CATENA DEL VALORE ESPANSIONE PERIMETRO D OFFERTA NUOVI MERCATI GEOGRAFICI 29

30 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva NUOVI BUSINESS AMPLIAMENTO PRESIDIO CATENA DEL VALORE ESPANSIONE PERIMETRO D OFFERTA NUOVI MERCATI GEOGRAFICI 30

31 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva NUOVI BUSINESS L impresa televisiva entra in nuovi business, correlati o meno a quello tradizionale Es.: Home Video Videogiochi Licensing & Merchandising Musica Editoria/Stampa Vendite a distanza Parchi tematici 31

32 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva NUOVI BUSINESS L impresa televisiva entra in nuovi business, correlati o meno a quello tradizionale (continua) Internet (contenuti) Telefonia mobile (contenuti e servizi) Cinema: produzione e distribuzione film, gestione sale Formazione e consulenza Eventi dal vivo Servizi di telefonia fissa e connettività Internet 32

33 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva NUOVI BUSINESS L impresa televisiva entra in nuovi business, correlati o meno a quello tradizionale Innovazione modello di business OPERATORE PAY L operatore PAY si trasforma in operatore FTA o entra anche nel segmento della televisione FTA OPERATORE FTA 33

34 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva NUOVI BUSINESS L impresa televisiva entra in nuovi business, correlati o meno a quello tradizionale Innovazione modello di business OPERATORE FTA L operatore FTA si trasforma in operatore PAY o entra anche nel segmento della televisione PAY OPERATORE PAY 34

35 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva NUOVI BUSINESS AMPLIAMENTO PRESIDIO CATENA DEL VALORE ESPANSIONE PERIMETRO D OFFERTA NUOVI MERCATI GEOGRAFICI 35

36 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva NUOVI MERCATI GEOGRAFICI L impresa televisiva esporta il suo modello di business in nuove aree geografiche 36

37 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva NUOVI MERCATI GEOGRAFICI L impresa televisiva esporta il suo modello di business in nuove aree geografiche 37

38 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva NUOVI BUSINESS AMPLIAMENTO PRESIDIO CATENA DEL VALORE ESPANSIONE PERIMETRO D OFFERTA NUOVI MERCATI GEOGRAFICI 38

39 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva ESPANSIONE PERIMETRO D OFFERTA Nell ambito dei mercati già serviti e in continuità con i modelli di business praticati, l impresa aumenta la sua offerta 39

40 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva ESPANSIONE PERIMETRO D OFFERTA o acquista un concorrente 40

41 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva NUOVI BUSINESS AMPLIAMENTO PRESIDIO CATENA DEL VALORE ESPANSIONE PERIMETRO D OFFERTA NUOVI MERCATI GEOGRAFICI 41

42 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva AMPLIAMENTO PRESIDIO CATENA DEL VALORE L impresa televisiva si muove lungo la catena del valore IDEAZIONE INTERNA PRODUZIONE INTERNA AGGREGAZ.NE CONTENUTI (Confezion.to canale Tv) DIFFUSIONE RAPPORTI CON I FORNITORI 42

43 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva AMPLIAMENTO PRESIDIO CATENA DEL VALORE a monte IDEAZIONE INTERNA PRODUZIONE INTERNA AGGREGAZ.NE CONTENUTI (Confezion.to canale Tv) DIFFUSIONE RAPPORTI CON I FORNITORI L impresa televisiva sale nella filiera televisiva avviando/rafforzando il presidio ideativo / produttivo interno e/o acquisendo il controllo di alcuni fornitori che lavorano per se e i concorrenti e/o avviando una produzione / distribuzione di contenuti per altri operatori televisivi 43

44 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva AMPLIAMENTO PRESIDIO CATENA DEL VALORE o a valle IDEAZIONE INTERNA PRODUZIONE INTERNA AGGREGAZ.NE CONTENUTI (Confezion.to canale Tv) DIFFUSIONE RAPPORTI CON I FORNITORI L impresa televisiva scende nella filiera televisiva avviando/rafforzando il presidio distributivo e diffusivo 44

45 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva AMPLIAMENTO PRESIDIO CATENA DEL VALORE Stesso percorso, obbligatoriamente a valle, può essere intrapreso da un fornitore IDEAZIONE INTERNA PRODUZIONE INTERNA FORNITORE DI DIRITTI / CONTENUTI PER TERZE PARTI AGGREGAZ.NE CONTENUTI (Confezion.to canale Tv) DIFFUSIONE 45

46 Le strategie di sviluppo dell impresa televisiva AMPLIAMENTO PRESIDIO CATENA DEL VALORE Stesso percorso, obbligatoriamente a valle, può essere intrapreso da un fornitore IDEAZIONE INTERNA PRODUZIONE INTERNA FORNITORE DI DIRITTI / CONTENUTI PER TERZE PARTI AGGREGAZ.NE CONTENUTI (Confezion.to canale Tv) DIFFUSIONE 46

47 Le tre opzioni strategiche per lo sviluppo CRESCITA INTERNA CRESCITA ESTERNA (Fusioni e acquisizioni) PARTNERSHIP 47

48 Il caso Mediaset - Endemol 48

49 Il modello di business di Endemol Endemol sviluppa idee creative per nuovi contenuti di intrattenimento, ne segue la produzione e commercializza i diritti/contenuti agli operatori televisivi 49

50 I contenuti ideati e prodotti da Endemol I contenuti ideati e prodotti da Endemol sono: Fiction, soap opera, reality-talentquiz show e contenuti/servizi per i media digitali (Internet, telefonia mobile, ) 50

51 I principali format targati Endemol 51

52 La presenza di Endemol nel mondo 52

53 I principali dati economici di Endemol 53

54 Struttura dei ricavi per mercato e tipologia di contenuti 54

55 Le priorità strategiche di Endemol per lo sviluppo 55

56 L acquisto di Endemol da parte di Mediaset 56

57 Razionali dell acquisizione Il valore dell'operazione per Mediaset e Gestevision Telecinco L'operazione ha per Mediaset e Gestevision Telecinco un doppio valore, industriale e finanziario: industriale, per la sempre maggiore centralità dei contenuti sia per la televisione generalista sia per le piattaforme digitali interattive, "free" e a pagamento; finanziario, in quanto l'acquisizione è affrontata da Mediacinco Cartera in partnership con altri acquirenti. L'operazione non avrà quindi impatti significativi sul conto economico consolidato del Gruppo Mediaset. In più, la struttura comporta la minimizzazione del capitale investito e massimizzazione degli obiettivi di ritorno sul capitale. Fonte: Comunicato stampa Mediaset, luglio

58 Razionali dell acquisizione NUOVI BUSINESS AMPLIAMENTO PRESIDIO CATENA DEL VALORE ESPANSIONE PERIMETRO D OFFERTA NUOVI MERCATI GEOGRAFICI 58

59 Razionali dell acquisizione NUOVI BUSINESS AMPLIAMENTO PRESIDIO CATENA DEL VALORE ESPANSIONE PERIMETRO D OFFERTA NUOVI MERCATI GEOGRAFICI 59

Produzione e organizzazione dello spettacolo cinematografico e televisivo. a.a. 2016/ anno di corso: 1-2 Settore L-ART/06

Produzione e organizzazione dello spettacolo cinematografico e televisivo. a.a. 2016/ anno di corso: 1-2 Settore L-ART/06 Produzione e organizzazione dello spettacolo cinematografico e televisivo a.a. 2016/2017 - anno di corso: 1-2 Settore L-ART/06 La filiera cinematografica Filiera: insieme di aziende legate fra loro da

Dettagli

Focus Sistema Integrato delle Comunicazioni Servizio Economico Statistico

Focus Sistema Integrato delle Comunicazioni Servizio Economico Statistico Focus Sistema Integrato delle Comunicazioni 2012-2015 Servizio Economico Statistico Indice Il Sistema Integrato delle Comunicazioni nel 2012-2015 1. Il quadro normativo 2. Il processo di valorizzazione

Dettagli

La Svolta Digitale Verso un ambiente multi-piattaforma

La Svolta Digitale Verso un ambiente multi-piattaforma La Svolta Digitale Verso un ambiente multi-piattaforma Augusto Preta Direttore Generale Il mercato TV in Europa TV market revenues 2005 80 60 32,5 34,2 +2.8% 35,1 bln 40 17,6 18,0 +2% 18,4 20 19,8 21,9

Dettagli

28^ Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE

28^ Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE 28^ Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE IL CONTESTO 2 Il mercato televisivo: un mercato atipico Notevoli gradi di complessità rispetto a molte altre categorie di beni di consumo:

Dettagli

Dove i club sono società di produzione (spettacolo sportivo), e la domanda proviene dai tifosi

Dove i club sono società di produzione (spettacolo sportivo), e la domanda proviene dai tifosi Dove i club sono società di produzione (spettacolo sportivo), e la domanda proviene dai tifosi Il calcio è cambiato: LO STRAPOTERE DEI MANAGER Fino a qualche tempo fa vendere il prodotto significava sostanzialmente

Dettagli

LA FILIERA CINEMATOGRAFICA E L IMPORTANZA DEGLI INVESTITORI ESTERNI

LA FILIERA CINEMATOGRAFICA E L IMPORTANZA DEGLI INVESTITORI ESTERNI LA FILIERA CINEMATOGRAFICA E L IMPORTANZA DEGLI INVESTITORI ESTERNI Lamberto Mancini Segretario Generale Banche, Imprese e Cinema Roma, 27 ottobre 2011 1 LA FILIERA CINEMATOGRAFICA SVILUPPO PROMOZIONE

Dettagli

Concentrazione delle audiences sulle diverse piattaforme

Concentrazione delle audiences sulle diverse piattaforme Presupposti : Editoriale : Concentrazione delle audiences sulle diverse piattaforme Tecnologico : Caratteristiche delle diverse piattaforme per modalità di fruizione e possibilità di interazione Linee

Dettagli

Small Cap Conference 2014 Milano, 20 novembre 2014

Small Cap Conference 2014 Milano, 20 novembre 2014 Small Cap Conference 2014 Milano, 20 novembre 2014 1 INDICE - CHI SIAMO - I PUNTI DI FORZA - BUSINESS MODEL - STRATEGIA - QUOTAZIONE ALL AIM - FINANCIALS 2 Chi siamo Notorious Pictures è una società indipendente

Dettagli

Prima Comunicazione Prima Comunicazione website

Prima Comunicazione Prima Comunicazione website In 5 anni la tv ha perso il 25% dei ricavi pubblicitari. Dati Mediobanca: per Mediaset, Sky, Rai, Discovery e La7 ricavi in crescita (+1,4%) dopo anni di sofferenza (INFOGRAFICA) L insieme dei cinque maggiori

Dettagli

CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION

CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION Progetto SCREEN Servizi e contenuti per le reti di nuova generazione CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION Gianni Celata, Enrico Menduni Università degli Studi Roma Tre Spazio Incontri

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL SETTORE RADIOTELEVISIVO

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL SETTORE RADIOTELEVISIVO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL SETTORE RADIOTELEVISIVO Televisione nazionale e locale (in qualsiasi forma e con qualsiasi tecnologia, inclusi i Servizi Media Audiovisivi) [AT] Sono tenute

Dettagli

Sottoprogramma MEDIA in sintesi

Sottoprogramma MEDIA in sintesi Sottoprogramma MEDIA in sintesi SOSTEGNO lungo tutta la filiera Pre-produzione Formazione Sviluppo Mercati Produzione Programmazione TV Fondi per la coproduzione Distribuzione Esercizio Distribuzione Agenti

Dettagli

XIV. 1978 Nel 1978 TeleMilano. DIRITTO delle COMUNICAZIONI. Dal monopolio alla concorrenza LE TELEVISIONI COMMERCIALI Dal «far west» al duopolio

XIV. 1978 Nel 1978 TeleMilano. DIRITTO delle COMUNICAZIONI. Dal monopolio alla concorrenza LE TELEVISIONI COMMERCIALI Dal «far west» al duopolio DIRITTO delle -Communication Law & Policy- Quattordicesima lezione -Televisione XIV Diritto delle comunicazioni La televisione Dal monopolio alla concorrenza -LE COMMERCIALI- Televisione 1 Dal monopolio

Dettagli

Il Digitale in Italia 2017

Il Digitale in Italia 2017 Il Digitale in Italia 2017 Anteprima dati di mercato elaborati da Giancarlo Capitani Milano, 9 Marzo 2017 L'andamento del Mercato Digitale in Italia, 2013-2016 Crescite % anno su anno Spesa GDM PIL 1,0%

Dettagli

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI ECONOMIA GIORGIO FUÀ. Corso di Laurea triennale in Economia e Commercio LA TELEVISIONE E IL FORMAT

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI ECONOMIA GIORGIO FUÀ. Corso di Laurea triennale in Economia e Commercio LA TELEVISIONE E IL FORMAT UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI ECONOMIA GIORGIO FUÀ Corso di Laurea triennale in Economia e Commercio LA TELEVISIONE E IL FORMAT Professore: MUROLO DAVID Tesina di: BARTOCCI DANIELE Anno

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL SETTORE RADIOTELEVISIVO

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL SETTORE RADIOTELEVISIVO SERIE BASE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL SETTORE RADIOTELEVISIVO Televisione nazionale (servizi di media audiovisivi/operatori di rete in ambito nazionale) La differenziazione tra impresa

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 827 del 31 maggio 2016 pag. 1/5

ALLEGATOB alla Dgr n. 827 del 31 maggio 2016 pag. 1/5 giunta regionale 10^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 827 del 31 maggio 2016 pag. 1/5 POR, parte FESR, 2014-2020 ASSE 1 RICERCA, SVILUPPO TECNOLOGICO E INNOVAZIONE OBIETTIVO SPECIFICO AUMENTO DELL INCIDENZA

Dettagli

Consiglio di Amministrazione Mediaset 29 luglio 2010 APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2010

Consiglio di Amministrazione Mediaset 29 luglio 2010 APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 Comunicato stampa Consiglio di Amministrazione Mediaset 29 luglio 2010 APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 Bilancio Consolidato Ricavi netti: 2.277,8 milioni di euro Risultato operativo: 485,2

Dettagli

Consiglio di Amministrazione Mediaset 22 marzo 2011 APPROVATO BILANCIO 2010

Consiglio di Amministrazione Mediaset 22 marzo 2011 APPROVATO BILANCIO 2010 Comunicato stampa Consiglio di Amministrazione Mediaset 22 marzo 2011 APPROVATO BILANCIO 2010 Bilancio Consolidato Ricavi netti: 4.292,5 milioni di euro Utile netto: 352,2 milioni di euro Proposta dividendo:

Dettagli

28^ Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE FOX CHANNELS ITALY

28^ Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE FOX CHANNELS ITALY 28^ Edizione PREMIO MARKETING SIM CONTENT IS KING, BRANDS ARE CASTLE FOX CHANNELS ITALY 2 1 FOX Channel Italy http://www.foxtv.it/ FOX International Channels Italy nasce nel 2003. Oggi è uno dei player

Dettagli

Eat-Commerce: l ecommerce in Italia nel Food&Grocery

Eat-Commerce: l ecommerce in Italia nel Food&Grocery Osservatorio ecommerce B2c Eat-Commerce: l ecommerce in Italia nel Food&Grocery Food For The Digital Feed Riccardo Mangiaracina riccardo.mangiaracina@polimi.it 12 Maggio 2016 L Osservatorio ecommerce B2c

Dettagli

ALLEGATOC alla Dgr n. 827 del 31 maggio 2016 pag. 1/5

ALLEGATOC alla Dgr n. 827 del 31 maggio 2016 pag. 1/5 giunta regionale 10^ legislatura ALLEGATOC alla Dgr n. 827 del 31 maggio 2016 pag. 1/5 POR, parte FESR, 2014-2020 ASSE 1 RICERCA, SVILUPPO TECNOLOGICO E INNOVAZIONE OBIETTIVO SPECIFICO AUMENTO DELL INCIDENZA

Dettagli

TESTO Maxi emendamento Articolo 2. TESTO della Commissione

TESTO Maxi emendamento Articolo 2. TESTO della Commissione terrestre). 1. Al fine di sostenere nuovi processi di realizzazione delle infrastrutture per la larga banda sul territorio nazionale, le risorse del Fondo per le aree sottoutilizzate di cui all'articolo

Dettagli

PRINCIPI DI MANAGEMENT BIBLIOGRAFIA

PRINCIPI DI MANAGEMENT BIBLIOGRAFIA PRINCIPI DI MANAGEMENT APPLICATI ALLO SPORT PROF. ANDREA QUINTILIANI Indice 1 PRINCIPI DI MANAGEMENT --------------------------------------------------------------------------------------------- 3 BIBLIOGRAFIA

Dettagli

Diritti di Immagine Sfruttamento economico dei diritti di immagine

Diritti di Immagine Sfruttamento economico dei diritti di immagine 7 Corso di perfezionamento in Università degli Studi di Milano Diritti di Immagine Sfruttamento economico dei diritti di immagine GLI EVENTI LE PIATTAFORME MEDIATICHE OBIETTIVI I DIRITTI MEDIA COME LEVA

Dettagli

LEZIONI ECONOMICO SOCIALI Programma di di aggiornamento per i docenti dei LES

LEZIONI ECONOMICO SOCIALI Programma di di aggiornamento per i docenti dei LES Il Liceo Economico Sociale LEZIONI ECONOMICO SOCIALI Programma di di aggiornamento per i docenti dei LES Elementi di economia e regolamentazione del cinema Introduzione: i temi della lezione La filiera

Dettagli

Mediaset Carta Premium Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento

Mediaset Carta Premium Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento Mediaset Carta Premium Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento CeTIF Competence Centre Milano 26 marzo 2008 MEDIASET Carta PREMIUM TV Digitale e TV Digitale Terrestre La

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL SETTORE RADIOTELEVISIVO

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL SETTORE RADIOTELEVISIVO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL SETTORE RADIOTELEVISIVO Televisione nazionale e locale (in qualsiasi forma e con qualsiasi tecnologia, inclusi i Servizi Media Audiovisivi) [AT] Sono tenute

Dettagli

3) L IMPRENDITORE O IL NUCLEO IMPRENDITORIALE

3) L IMPRENDITORE O IL NUCLEO IMPRENDITORIALE Business Plan guida al piano industriale Cominciamo dalla parte descrittiva, spesso trascurata perchè è diffusa l opinione che ritiene il Business Plan composto solo dai numeri, cioè dalle previsioni sulle

Dettagli

Economia e Organizzazione aziendale. L analisi funzionale delle attività interne all impresa. Funzioni gestionali

Economia e Organizzazione aziendale. L analisi funzionale delle attività interne all impresa. Funzioni gestionali Economia e Organizzazione aziendale L analisi funzionale delle attività interne all impresa Funzioni gestionali 1 Attività in gruppi omogenei DIREZIONALI: attuate dai componenti della direzione dell impresa.

Dettagli

IMPRESA CULTURALE. Luce per la didattica

IMPRESA CULTURALE. Luce per la didattica IMPRESA CULTURALE Luce per la didattica L IMPRESA Impresa in genere, ciò che si imprende a fare o che si ha in animo di fare: Indica per lo più azioni, individuali o collettive, di una certa importanza

Dettagli

I.I.S. VIA SALVINI, 24 ISTITUTO A. GENOVESI A.S PROGRAMMA SVOLTO DI ECONOMIA AZIENDALE. CLASSE IV A Prof.ssa Giuseppina Avolio

I.I.S. VIA SALVINI, 24 ISTITUTO A. GENOVESI A.S PROGRAMMA SVOLTO DI ECONOMIA AZIENDALE. CLASSE IV A Prof.ssa Giuseppina Avolio MODULO 0 Ripasso argomenti anni precedenti MODULO 1 I bilanci Aziendali Il patrimonio Il risultato economico della gestione Il metodo contabile (PD) sistema contabile Amaduzzi Il funzionamento dei conti

Dettagli

Pubblicazioni Ismea LE STRUTTURE PRODUTTIVE E COMMERCIALI DEL SETTORE ITTICO

Pubblicazioni Ismea LE STRUTTURE PRODUTTIVE E COMMERCIALI DEL SETTORE ITTICO Pubblicazioni Ismea LE STRUTTURE PRODUTTIVE E COMMERCIALI DEL SETTORE ITTICO I risultati dell indagine strutturale condotta presso gli operatori della filiera pesca e acquacoltura Dicembre- 2003 Pubblicazione

Dettagli

Bruno Zambardino LA (S)VOLTA BUONA DINAMICHE DELLA FICTION NAZIONALE NELL ERA DELL AUDIOVISIVO CONNESSO

Bruno Zambardino LA (S)VOLTA BUONA DINAMICHE DELLA FICTION NAZIONALE NELL ERA DELL AUDIOVISIVO CONNESSO LA (S)VOLTA BUONA DINAMICHE DELLA FICTION NAZIONALE NELL ERA DELL AUDIOVISIVO CONNESSO Bruno Zambardino Roma, 23 Ottobre 2016 MIA Market, Hotel Boscolo Temi Il peso dell audiovisivo nazionale Il nuovo

Dettagli

CREARE UNA NUOVA IMPRESA

CREARE UNA NUOVA IMPRESA CREARE UNA NUOVA IMPRESA Pianificare la gestione con il Business Plan Dott. Patron Daniele Pianificare la gestione con il Business Plan - pagina 1 IL BUSINESS PLAN DI UN IMPRESA COS E E un documento che

Dettagli

EVOLUZIONI CINQUE TENDENZE SUL MERCATO TV. TV Revolution / Roma, 20 Ottobre 2009

EVOLUZIONI CINQUE TENDENZE SUL MERCATO TV. TV Revolution / Roma, 20 Ottobre 2009 TV Revolution / Roma, 20 Ottobre 2009 DAL MERCATO TV AL MERCATO VERSO IL 2012/INTEGRATO DEGLI AUDIOVISIVI DI RETE EVOLUZIONI 1992-2002-2012 La diffusione delle piattaforme TV I ricavi del sistema TV Composizione

Dettagli

CICLO ATLANTE 2017 PRESENTAZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL MODULO

CICLO ATLANTE 2017 PRESENTAZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL MODULO MERCATI EXPORT PER IL SETTORE LAVORAZIONI MECCANICHE CICLO ATLANTE 2017 PRESENTAZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL MODULO ATLANTE : CHE COSA E E COME FUNZIONA UNA FOTOGRAFIA DI QUALI SIANO I MERCATI ESTERI

Dettagli

ZONE Collana di studi e ricerche sui media 9

ZONE Collana di studi e ricerche sui media 9 ZONE Collana di studi e ricerche sui media 9 Angelo Zaccone Teodosi, Giovanni Gangemi, Bruno Zambardino L occhio del pubblico Dieci anni di osservatorio Rai-IsICult sulla televisione europea ZONE 9 Collana

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2015

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2015 Allegato A alla delibera n. 10/17/CONS SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2015 Premessa Il presente documento illustra

Dettagli

Budget. Budget di PERIODO. di INIZIATIVA MASTER BUDGET. Simulazioni economiche. Obiettivi generali del piano operativo. Obiettivi generali del budget

Budget. Budget di PERIODO. di INIZIATIVA MASTER BUDGET. Simulazioni economiche. Obiettivi generali del piano operativo. Obiettivi generali del budget Processo di misurazione finanziario e patrimoniale Fabbisogno di capitale fisso di capitale circolante Mezzi di copertura ITER DI COSTRUZIONE DEL BUDGET Piani d azione pluriennali vendite produzione funzioni

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Struttura e comportamenti della distribuzione commerciale Obiettivi conoscitivi Analizzare il ruolo che gli intermediari e gli ausiliari di marketing svolgono nell ambito della relazione tra impresa e

Dettagli

Accordo Tim e Rai per film in anteprima esclusiva su TimVision. I titoli saranno anche sulle reti Rai un anno dopo l uscita al cinema

Accordo Tim e Rai per film in anteprima esclusiva su TimVision. I titoli saranno anche sulle reti Rai un anno dopo l uscita al cinema Accordo Tim e Rai per film in anteprima esclusiva su TimVision. I titoli saranno anche sulle reti Rai un anno dopo l uscita al cinema TIM e RAI hanno siglato un accordo strategico che permetterà a tutti

Dettagli

- Commento ai dati economici

- Commento ai dati economici terzo trimestre: fatturato in crescita del 9,37% a 22,63 milioni; ricavi pubblicitari (10,31 milioni) in aumento del 35,9%. Primi nove mesi: Ricavi +6,58% a 75,79 milioni di euro; La pubblicità aumenta

Dettagli

Marta Valsecchi. Direttore Osservatorio Internet Media della School of Management Politecnico di Milano

Marta Valsecchi. Direttore Osservatorio Internet Media della School of Management Politecnico di Milano Marta Valsecchi Direttore Osservatorio Internet Media della School of Management Politecnico di Milano Mobile Advertising e Mobile Commerce: le dinamiche in atto e i trend del mercato Marta Valsecchi Direttore

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CONCESSIONARIE DI PUBBLICITÀ

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CONCESSIONARIE DI PUBBLICITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CONCESSIONARIE DI PUBBLICITÀ Voce Istruzioni Ricavi lordi derivanti dalla raccolta pubblicitaria 100 Ricavi lordi derivanti da raccolta pubblicitaria nel settore:

Dettagli

Oggetto: gestione razionale del fattore capitale

Oggetto: gestione razionale del fattore capitale FUNZIONE FINANZIARIA Oggetto: gestione razionale del fattore capitale TEORIA DELLA FINANZA: Modelli di comportamento volti a razionalizzare le decisioni gestionali QUALI SONO I VALORI IN GIOCO? La solidita

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CONCESSIONARIE DI PUBBLICITÀ

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CONCESSIONARIE DI PUBBLICITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CONCESSIONARIE DI PUBBLICITÀ Voce Istruzioni Ricavi lordi derivanti dalla raccolta pubblicitaria Ricavi lordi derivanti da raccolta pubblicitaria nel settore:

Dettagli

Corso di MARKETING INTERNAZIONALE. Prof. Giuseppe Pedeliento

Corso di MARKETING INTERNAZIONALE. Prof. Giuseppe Pedeliento UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di MARKETING INTERNAZIONALE Prof. Giuseppe Pedeliento 14 Ottobre 2016 Agenda o Definizioni o Product management o Service o Product development The product/service

Dettagli

AREE FUNZIONALI PIANIFICAZIONE MARKETING PRODUZIONE E LOGISTICA RICERCA E SVILUPPO FINANZA ORGANIZZAZIONE E PERSONALE AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO

AREE FUNZIONALI PIANIFICAZIONE MARKETING PRODUZIONE E LOGISTICA RICERCA E SVILUPPO FINANZA ORGANIZZAZIONE E PERSONALE AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO AREE FUNZIONALI PIANIFICAZIONE MARKETING PRODUZIONE E LOGISTICA RICERCA E SVILUPPO FINANZA ORGANIZZAZIONE E PERSONALE AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO AREE FUNZIONALI AREE CARATTERISTICHE (AREE DI ATTIVITA'

Dettagli

Mercato del digitale terrestre ed evoluzione dei servizi. Guido Salerno Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni

Mercato del digitale terrestre ed evoluzione dei servizi. Guido Salerno Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Mercato del digitale terrestre ed evoluzione dei servizi Guido Salerno Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni La catena del valore DTT Contenuti TV A Contenuti TV B Servizi C Head End, Multiplazione

Dettagli

QUARTO RAPPORTO SULLA TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE IN ITALIA E IN EUROPA

QUARTO RAPPORTO SULLA TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE IN ITALIA E IN EUROPA QUARTO RAPPORTO SULLA TELEVISIONE DIGITALE TERRESTRE IN ITALIA E IN EUROPA DGTVi è l associazione italiana per lo sviluppo della TV digitale terrestre costituita da Rai, Mediaset, Telecom Italia Media,

Dettagli

Io sono cultura L Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi

Io sono cultura L Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi Io sono cultura - 2016 L Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Roma, 23 Giugno 2016 Realizzato da: Partner: Con il patrocinio

Dettagli

CHL S.p.A. Sede di Firenze, Via di Novoli n.7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro , 20. Tribunale di Firenze, REA n.

CHL S.p.A. Sede di Firenze, Via di Novoli n.7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro , 20. Tribunale di Firenze, REA n. CHL S.p.A. Sede di Firenze, Via di Novoli n.7 Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 Iscritta alla Sezione Ordinaria del Registro delle Imprese di Firenze al n. 68220/ Tribunale di

Dettagli

CRESCITA ESTERNA IL CASO: CASTELLANZA 13 OTTOBRE 2010 ANDREA TOMASCHU

CRESCITA ESTERNA IL CASO: CASTELLANZA 13 OTTOBRE 2010 ANDREA TOMASCHU CRESCITA ESTERNA IL CASO: CASTELLANZA 13 OTTOBRE 2010 ANDREA TOMASCHU LA SOCIETA ACQUIRENTE: CARATTERISTICHE GHIBLI CARATTERISTICHE Ghibli produce da più di 35 anni una linea completa di aspirapolveri/aspiraliquidi

Dettagli

Programmatic Advertising: le dinamiche del mercato

Programmatic Advertising: le dinamiche del mercato Programmatic : le dinamiche del mercato Andrea Lamperti andrea.lamperti@polimi.it Osservatori Digital Innovation 21 Aprile 2016 Il Programmatic in Italia: le dinamiche del mercato Mln 250 234 mln 200 +113%

Dettagli

Nuovi modelli di business nello scenario Industria 4.0

Nuovi modelli di business nello scenario Industria 4.0 Nuovi modelli di business nello scenario Industria 4.0 Torino 21 giugno 2017 Barbara Pralio Industria 4.0: un nuovo paradigma per diverse applicazioni Connessione e collaborazione tra le risorse persone,

Dettagli

Il Progetto Colombo e le agevolazioni per lo sviluppo d impresa. Relatrice: dott.ssa Anna Censi

Il Progetto Colombo e le agevolazioni per lo sviluppo d impresa. Relatrice: dott.ssa Anna Censi Il Progetto Colombo e le agevolazioni per lo sviluppo d impresa Relatrice: dott.ssa Anna Censi Innanzitutto chi sono.. Mi chiamo Anna Censi ed ho collaborato alle varie fasi della realizzazione del Progetto

Dettagli

Il Gruppo Giglio in Italia e nel mondo

Il Gruppo Giglio in Italia e nel mondo Il Gruppo Giglio in Italia e nel mondo Giglio Group è l'unico network globale italiano che trasmette 24 ore al giorno programmi, in 6 lingue, dedicati a sport, musica, lifestyle, offrendo agli spettatori

Dettagli

IL CASO A.S. ROMA SPA

IL CASO A.S. ROMA SPA IL CASO A.S. ROMA SPA A.S. Roma è una società di calcio in cui è significativa la correlazione tra risultati sportivi, risultati economici e valori di Borsa. Obiettivi strategici Strategie operative Mantenimento

Dettagli

XIII. 1978 Nel 1978 TeleMilano. comunicazioni. DIRITTO delle COMUNICAZIONI. Strade Posta Telegrafo Telefono

XIII. 1978 Nel 1978 TeleMilano. comunicazioni. DIRITTO delle COMUNICAZIONI. Strade Posta Telegrafo Telefono DIRITTO delle COMUNICAZIONI -Communication Law & Policy- XIII -Televisione Lezione di Giovedì 20 novembre 2014 comunicazioni Strade Posta Telegrafo Telefono Stampa Radio Televisione Internet Convergenza

Dettagli

Utile netto consolidato per 3,4 milioni di Euro (+121% rispetto a 1,5 milioni di Euro registrati al 31/03/03).

Utile netto consolidato per 3,4 milioni di Euro (+121% rispetto a 1,5 milioni di Euro registrati al 31/03/03). COMUNICATO STAMPA GRUPPO AMPLIFON: il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Trimestrale al 31 marzo 2004; risultati molto positivi con ricavi e redditività in crescita. Utile netto consolidato

Dettagli

Il CASO AUTOGRILL AGGREGAZIONI AZIENDALI SOTTO COMUNE CONTROLLO: TEORIA E PRASSI. Autogrill. Fabrizio Nardi S.A.F.

Il CASO AUTOGRILL AGGREGAZIONI AZIENDALI SOTTO COMUNE CONTROLLO: TEORIA E PRASSI. Autogrill. Fabrizio Nardi S.A.F. AGGREGAZIONI AZIENDALI SOTTO COMUNE CONTROLLO: TEORIA E PRASSI Il CASO AUTOGRILL Fabrizio Nardi Autogrill 25 febbraio 2014 - Milano 1 Il caso Autogrill - Indice Highlights Gruppo Autogrill: tappe fondamentali

Dettagli

Il Fatturato Del Primo Semestre cresce del 18,6% a Tassi di Cambio Costanti Rispetto Allo Stesso Periodo Dell anno Precedente

Il Fatturato Del Primo Semestre cresce del 18,6% a Tassi di Cambio Costanti Rispetto Allo Stesso Periodo Dell anno Precedente Il Consiglio di Amministrazione di Nice S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale 2008 Il Fatturato Del Primo Semestre cresce del 18,6 a Tassi di Cambio Costanti Rispetto Allo Stesso Periodo Dell

Dettagli

IL RUOLO DELLE DIREZIONE GENERALE EMITTENTI. 12 maggio 2016 PER IL CINEMA

IL RUOLO DELLE DIREZIONE GENERALE EMITTENTI. 12 maggio 2016 PER IL CINEMA IL RUOLO DELLE EMITTENTI DIREZIONE GENERALE PER IL CINEMA 12 maggio 2016 emittente DEFINIZIONI un fornitore di servizi di media audiovisivi lineari (art.2, comma 1, lett. l) D.Lgs. n. 177/2005); fornitore

Dettagli

Il marketing mix MODULO DI DIDATTICA DEL MARKETING 16/05/2014

Il marketing mix MODULO DI DIDATTICA DEL MARKETING 16/05/2014 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E QUANTITATIVI MODULO DI DIDATTICA DEL MARKETING 16/05/2014 Il marketing mix michele.simoni@uniparthenope.it LA GESTIONE OPERATIVA

Dettagli

Gli indicatori alternativi di performance utilizzati sono nel seguito illustrati:

Gli indicatori alternativi di performance utilizzati sono nel seguito illustrati: Allegati INDICATORI ALTERNATIVI DI PERFORMANCE Nel presente comunicato stampa riguardante la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno, in aggiunta agli indicatori finanziari convenzionali previsti

Dettagli

Guido Corbetta. Irene Dagnino. Mario Minoja. Giovanni Valentini

Guido Corbetta. Irene Dagnino. Mario Minoja. Giovanni Valentini Il settore farmaceutico in Italia: Posizionamento e fattori di crescita Guido Corbetta Irene Dagnino Mario Minoja Giovanni Valentini Centro di Ricerca Imprenditorialità e Imprenditori (EntER) Università

Dettagli

Il sistema produttivo culturale nella provincia di Roma

Il sistema produttivo culturale nella provincia di Roma Il sistema produttivo culturale nella provincia di Roma Alessandro Rinaldi, Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum Roma, 19 aprile 2013 Ricerca della Realizzata con la collaborazione di gli

Dettagli

Risultati principali dello studio condotto da Eutelsat sulle abitazioni che ricevono la televisione via satellite e via cavo.

Risultati principali dello studio condotto da Eutelsat sulle abitazioni che ricevono la televisione via satellite e via cavo. CRESCITA A DUE CIFRE DELLA TV VIA SATELLITE IN EUROPA, MEDIO ORIENTE E NORD AFRICA NELL ARCO DI 24 MESI Parigi, 15 settembre 2010 Risultati principali dello studio condotto da Eutelsat sulle abitazioni

Dettagli

Le strategie di entrata nei mercati esteri

Le strategie di entrata nei mercati esteri Le strategie di entrata nei mercati esteri Obiettivi della lezione Le opzioni disponibili per la penetrazione nei mercati esteri Analisi delle forme di esportazione indiretta e diretta Accordi di partnership

Dettagli

Dalla catena alle reti del valore

Dalla catena alle reti del valore Dalla catena alle reti del valore Strategia e valore Lo studio delle strategie d impresa consente di individuare i fattori alla base dei differenziali di performance delle imprese L analisi dei diversi

Dettagli

Principali operatori televisivi: 2008 2012

Principali operatori televisivi: 2008 2012 Principali operatori televisivi: 2008 2012 L insieme dei quattro maggiori operatori televisivi italiani (Mediaset, Rai, Sky Italia e TI Media) ha segnato nel 2012 una flessione dei ricavi pari al 7,4%,

Dettagli

PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA

PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA 1. CONCETTI ESSENZIALI 1.1. Obiettivi pag. 5 1.2. Definizione di marketing pag. 5 1.3. Definizione di strategia pag. 7 1.4. Strategia competitiva e vantaggio competitivo pag.

Dettagli

CRESCITA A DUE CIFRE DELLA TV VIA SATELLITE IN EUROPA, MEDIO ORIENTE E NORD AFRICA NELL ARCO DI 24 MESI

CRESCITA A DUE CIFRE DELLA TV VIA SATELLITE IN EUROPA, MEDIO ORIENTE E NORD AFRICA NELL ARCO DI 24 MESI CS/40/10 CRESCITA A DUE CIFRE DELLA TV VIA SATELLITE IN EUROPA, MEDIO ORIENTE E NORD AFRICA NELL ARCO DI 24 MESI Eutelsat rende noti i dati principali dell indagine sulle abitazioni che ricevono la televisione

Dettagli

Milano, 15 Maggio 2008

Milano, 15 Maggio 2008 Il Cda approva la trimestrale Ricavi totali in crescita del 18,2%, a 31,0 milioni di euro Pubblicità +9,0% Ebitda in aumento del 23,4%, a 3 milioni di euro Utile ante imposte a 1,01 milioni di euro (+87,4%)

Dettagli

Nuovi strumenti finanziari per lo sviluppo d impresa

Nuovi strumenti finanziari per lo sviluppo d impresa RICerca e Consulenza per le Istituzioni e le Organizzazioni Nuovi strumenti finanziari per lo sviluppo d impresa Prof. Andrea Paci Firenze, Palazzo dei Congressi - 21 dicembre 2006 I vincoli del modello

Dettagli

Indice. Introduzione. 13 Avvertenze generali. 15. Premessa.. 17

Indice. Introduzione. 13 Avvertenze generali. 15. Premessa.. 17 Indice Pagina Introduzione. 13 Avvertenze generali. 15 Capitolo 1 Patrimonio storico-artistico Premessa.. 17 PATRIMONIO STORICO-ARTISTICO ANNO 2005 Tavola 1.1 - Istituti statali di antichità e d'arte,

Dettagli

Allegato Start up per imprese di nuova costituzione non valutabili sulla base di due bilanci completi approvati

Allegato Start up per imprese di nuova costituzione non valutabili sulla base di due bilanci completi approvati MOD-STARTUP Rev. 02 del 19/06/2017 Pag. 1 di 5 Allegato Start up per imprese di nuova costituzione non valutabili sulla base di due bilanci completi approvati 1. RELAZIONE TECNICA Pratica n. (Riservato

Dettagli

ROADSHOW NUOVO MERCATO 30 Novembre Bruno Kraft Direttore Generale

ROADSHOW NUOVO MERCATO 30 Novembre Bruno Kraft Direttore Generale ROADSHOW NUOVO MERCATO 30 Novembre 2000 Bruno Kraft Direttore Generale SOLO UN ANNO FA GRUPPO TECNODIFFUSIONE ITALIA Tecnologie, uomini e idee che generano valore Gli stranegozi di computer in franchising

Dettagli

TESTATA: IL SOLE 24 ORE Rai e Sky guadagnano quote su Mediaset DATA:20 SETTEMBRE 2016

TESTATA: IL SOLE 24 ORE Rai e Sky guadagnano quote su Mediaset DATA:20 SETTEMBRE 2016 TESTATA: IL SOLE 24 ORE Rai e Sky guadagnano quote su Mediaset DATA:20 SETTEMBRE 2016 TESTATA: ITALIA OGGI Nielsen, pubblicità in crescita del 5% da gennaio a luglio DATA: 20 SETTEMBRE 2016 Il quotidiano

Dettagli

Le potenzialità della nuova programmazione per lo sviluppo rurale della regione Molise PIERLUIGI MILONE PERUGIA UNIVERSITY

Le potenzialità della nuova programmazione per lo sviluppo rurale della regione Molise PIERLUIGI MILONE PERUGIA UNIVERSITY Le potenzialità della nuova programmazione per lo sviluppo rurale della regione Molise PIERLUIGI MILONE PERUGIA UNIVERSITY Gli elemnti chiave per la nuova programmazione Orientamenti generali Integrazione

Dettagli

Allegati INDICATORI ALTERNATIVI DI PERFORMANCE

Allegati INDICATORI ALTERNATIVI DI PERFORMANCE Allegati INDICATORI ALTERNATIVI DI PERFORMANCE Nel presente comunicato stampa riguardante il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo, in aggiunta agli indicatori finanziari convenzionali previsti

Dettagli

Pianificazione e marketing

Pianificazione e marketing Pianificazione e marketing Prof. Amedeo Maizza Ordinario di Economia e gestione delle imprese Il successo/sopravvivenza dell impresa deriva dalla strategia adottata e da: attrattività del settore e vantaggio

Dettagli

Broadcasters, Telco, Over-the-top e le nuove forme di televisione

Broadcasters, Telco, Over-the-top e le nuove forme di televisione Progetto SCREEN Servizi e contenuti per le reti di nuova generazione Broadcasters, Telco, Over-the-top e le nuove forme di televisione Domanda e offerta di contenuti audiovisivi nell'epoca della connected

Dettagli

FORUM IAS/IFRS: Bilanci consolidati: applicazione degli IAS/IFRS e best practice L esperienza del gruppo Mediaset

FORUM IAS/IFRS: Bilanci consolidati: applicazione degli IAS/IFRS e best practice L esperienza del gruppo Mediaset FORUM IAS/IFRS: Bilanci consolidati: applicazione degli IAS/IFRS e best practice L esperienza del gruppo Mediaset Milano,14 Febbraio 2008 1. Area di consolidamento Esclusioni, in base al criterio dell

Dettagli

Audizione di Confindustria Radio Televisioni. Commissioni riunite 6ª (finanze e tesoro) e 10ª (industria, commercio, turismo) del Senato

Audizione di Confindustria Radio Televisioni. Commissioni riunite 6ª (finanze e tesoro) e 10ª (industria, commercio, turismo) del Senato Audizione di Confindustria Radio Televisioni Commissioni riunite 6ª (finanze e tesoro) e 10ª (industria, commercio, turismo) del Senato Industria Radio Televisiva in Italia: ricavi totali e occupati Milioni

Dettagli

Il processo di internazionalizzazione dell impresa

Il processo di internazionalizzazione dell impresa Il processo di internazionalizzazione dell impresa Obiettivi della lezione Le ragioni strutturali del processo di internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione come processo evolutivo I principali

Dettagli

presentazione corporate ottobre 2016

presentazione corporate ottobre 2016 presentazione corporate ottobre 2016 1 E-commerce partner Strumenti e consulenza per pianificare la tua presenza commerciale online 2 Trend del settore Un canale commerciale da sfruttare L e-commerce cresce!

Dettagli

Le strategie di entrata nei mercati esteri

Le strategie di entrata nei mercati esteri Le strategie di entrata nei mercati esteri Obiettivi della lezione Le opzioni disponibili per la penetrazione nei mercati esteri Analisi delle forme di esportazione indiretta e diretta Accordi di partnership

Dettagli

Economia Aziendale 1

Economia Aziendale 1 Economia Aziendale 1 Sistema aziendale e sottosistemi Aree funzionali caratteristiche Marketing (marketing mix politiche di prezzo, distribuzione, prodotto, promozione) Produzione Ricerca e sviluppo (innovazione

Dettagli

Analisi TV. I Semestre 2007

Analisi TV. I Semestre 2007 Analisi TV I Semestre 2007 Un mezzo sempre più bipolare, analogico (free e generalista) e satellitare (pay e tematico) Sempre più marcata la differenza tra Tv Analogica, di massa e con target trasversali,

Dettagli

Chi è CONAD? v La più grande Cooperativa di Imprenditori Associati: soci e oltre persone occupate tra soci e dipendenti

Chi è CONAD? v La più grande Cooperativa di Imprenditori Associati: soci e oltre persone occupate tra soci e dipendenti Chi è CONAD? v La più grande Cooperativa di Imprenditori Associati: 2.723 soci e oltre 50.000 persone occupate tra soci e dipendenti v La seconda Catena del Mercato Distributivo (11,7% di Quota) e leader

Dettagli

INDICE. ebook - IL LIBRO ELETTRONICO

INDICE. ebook - IL LIBRO ELETTRONICO INDICE ebook - IL LIBRO ELETTRONICO Prefazione INTRODUZIONE Cap. I. INTRODUZIONE DESCRITTIVA SUI PRODOTTI BIT E SULL'EBOOK Cap. II. ANALISI DELL'AMBIENTE ESTERNO 2.1. ANALISI DEL MACROAMBIENTE 1.1.1. Influenza

Dettagli

LA GESTIONE DEL PREZZO PER LE IMPRESE DI E-COMMERCE

LA GESTIONE DEL PREZZO PER LE IMPRESE DI E-COMMERCE LA GESTIONE DEL PREZZO PER LE IMPRESE DI E-COMMERCE La definizione del prezzo di vendita: l integrazione tra gli approcci al pricing Le opportunità di discriminare il prezzo Il dynamic pricing Il reverse

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Leone Film Group S.p.A. approva la relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2017

Il Consiglio di Amministrazione di Leone Film Group S.p.A. approva la relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2017 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Leone Film Group S.p.A. approva la relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2017 - Fatturato: Euro 35,3 milioni (Euro 31,9 milioni

Dettagli

Nuova Legge del Cinema e dell Audiovisivo. Legge 14 novembre 2016 n.220

Nuova Legge del Cinema e dell Audiovisivo. Legge 14 novembre 2016 n.220 Nuova Legge del Cinema e dell Audiovisivo Legge 14 novembre 2016 n.220 Si punta a correggere alcune debolezze strutturali ü Dimensioni del mercato complessivo ridotte rispetto ai principali competitor

Dettagli

Rassegna stampa CS TV_TIVU'SAT SUPERA I 3 MILIONI DI SMART CARD

Rassegna stampa CS TV_TIVU'SAT SUPERA I 3 MILIONI DI SMART CARD Rassegna stampa CS TV_TIVU'SAT SUPERA I 3 MILIONI DI SMART CARD Il Sole 24 Ore Radiocor Plus TIVU'SAT: SUPERATI I TRE MILIONI DI SMART CARD, ATTIVO PER 9% FAMIGLIE (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Tivu'sat

Dettagli

Disciplina dei contenuti e tutela dei minori

Disciplina dei contenuti e tutela dei minori Disciplina dei contenuti e tutela dei minori Giulio Votano Dirigente Ufficio contenuti e obblighi di programmazione Direzione Contenuti Audiovisivi e Multimediali Roma, 2 dicembre 2011 LE NORME Art. 34

Dettagli

Incontro con la comunità finanziaria 4 Aprile 2001

Incontro con la comunità finanziaria 4 Aprile 2001 Incontro con la comunità finanziaria 4 Aprile 2001 Luigi Luzzati Presidente di Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Struttura societaria Finanziaria Centrale del Latte di Torino S.p.A. COMUNE DI TORINO

Dettagli

l estate con Rai offerta commerciale digital dal 01 giugno al 31 agosto 2017

l estate con Rai offerta commerciale digital dal 01 giugno al 31 agosto 2017 offerta commerciale digital dal 01 giugno al 31 agosto 2017 L o f f e r t a d i g i t a l / i m i g l i o r i c o n t e n u t i R a i d o v e e q u a n d o v u o i t u L offerta video di Rai, con un unico

Dettagli