NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI"

Transcript

1 Allegato a NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI AMBITO 4.1 SAN DANIELE DEL FRIULI PIANO DI ZONA

2 Parte prima - NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI DEI SERVIZI SOCIALI CODICE DENOMINAZIONE OFFERTA DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI SOGGETTO ATTUATORE AREA D'UTENZA A A1 Attività di Servizio sociale professionale Servizio sociale professionale - Area Adulti Disabili Anziani - Area Minori e famiglia Interventi di valutazione, ricerca, counseling, presa in carico, progettazione individuale e attività di supporto alle persone in difficoltà al fine di individuare e attivare possibili soluzioni ai loro problemi (interventi a favore di persone singole, di famiglie, di gruppi, di comunità, per la prevenzione, il sostegno, il recupero di situazioni di bisogno, la promozione di nuove risorse sociali e la diffusione di informazioni sui servizi e sui diritti egli utenti). A2 A3-1 A3-2 Intermediazione abitativa e/o assegnazione alloggi Servizio per l'affido minori (solo per l area famiglia e minori ) Servizio di accoglienza di adulti e anziani presso famiglie (per le aree disabili, anziani, povertà e disagio adulti ) Supporto al reperimento di alloggi a persone o nuclei familiari in stato di difficoltà, valutazione e invio all associazione e definizione dell eventuale progetto in integrazione Assegnazione di case del Comune a persone in difficoltà Attività professionale di valutazione, supporto e accompagnamento delle esperienze di affido Progetto AAA famiglie accoglienti cercasi affidi leggeri Associazione "Vicini di Casa" Comuni di: Forgaria, Comune di San Daniele + psicologo e educatore del progetto A4 Servizio per l'adozione minori Cfr. nomenclatore socio sanitario (consultorio familiare) ASS A5 Servizio di mediazione familiare Cfr. nomenclatore socio sanitario (consultorio familiare) ASS A6 Attività di sostegno alla genitorialità Area Minori e famiglia (servizio sociale professionale A1) attraverso la presa in carico dei minori e delle loro famiglie dove si ravvisa una situazione di rischio per interventi preventivi o dove sia presente una mandato dagli organi giudiziari Intervento carta famiglia e bonus bebè ( l.r. 11/2006 art. 10 e art. 8) unità minori Comuni FAMIGLIE -2 -

3 CODICE DENOMINAZIONE OFFERTA DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI SOGGETTO ATTUATORE AREA D'UTENZA B Integrazione sociale Borse lavoro (anche in C3 e F14). MINORI/ADULTI B1 B2 Interventi per l'integrazione sociale dei soggetti deboli o a rischio Attività ricreative, sociali, culturali Servizio Inserimento Lavorativo (SIL) /ASS DISABILI Corsi di lingua per stranieri Comuni ADULTI Sostegno extrascolastico Comune di Rive d Arcano MINORI Attività ricreative, sociali, culturali generiche Comuni di: Buja, Fagagna, Flaibano, Forgaria, Rive d Arcano, Treppo Grande MINORI/ADULTI/A NZIANI Soggiorni anziani di ambito e COMUNI AREA ANZIANI B3 Servizi di mediazione culturale Servizi di mediazione culturale Associazioni B4 Servizi di residenza anagrafica per persone senza dimora B5 Servizi di mediazione sociale C Interventi e servizi educativoassistenziali e per l'inserimento lavorativo C1 Sostegno socio-educativo scolastico Interventi volti a favorire l'inserimento dei minori disabili nel contesto scolastico Interventi volti a favorire sostegno assistenziale dei minori disabili nel contesto scolastico /ASS tramite affidamento a Coop sociale /ASS tramite affidamento a Coop sociale DISABILI DISABILI C2 Sostegno socio-educativo territoriale Interventi di sostegno per l'integrazione dei disabili volti al raggiungimento della massima autonomia personale e sociale. Interventi di sostegno per l'integrazione dei minori a rischio di emarginazione e delle relative famiglie, volti al raggiungimento della massima autonomia personale e sociale. /ASS tramite affidamento a Coop sociale /ASS tramite affidamento a Coop sociale DISABILI -3 -

4 C3 Sostegno all'inserimento lavorativo Interventi mirati all'inserimento dei disabili in ambito lavorativo (vedi B1) /ASS DISABILI Attività propria del CSM (Vedi momenclatore socio-sanitario Parte seconda) ASS SALUTE MENTALE C4 Interventi per persone con disagio mentale Attività di servizio sociale professionale per il sostegno e l integrazione dei soggetti in collaborazione coni servizi specialistici territoriali /ASS SALUTE MENTALE FAP articolo 8 : progetti personalizzati in integrazione con il CSM locale e sostenuti dall erogazione del contributo economico /ASS SALUTE MENTALE C6 C7 Interventi per persone senza dimora Interventi per tutte le altre categorie del disagio adulti Attività a svolta all interno delle attività generali del Servizio sociale professionale (A1) ADULTI Attività a svolta all interno delle attività generali del Servizio sociale professionale (A1) ADULTI CODICE DENOMINAZIONE OFFERTA DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI SOGGETTO ATTUATORE AREA D'UTENZA D Assistenza domiciliare D1 Assistenza domiciliare socioassistenziale Servizio di assistenza domiciliare volto a fornire prestazioni di cura e igiene della persona, monitoraggio dello stato di salute e/o assunzione dei farmaci, rimessa a letto e cambio, mobilizzazione cura e igiene della casa in particolari situazioni di isolamento sociale, consegna pasti Cooperativa sociale Universiis per i Comuni di: Buia, Colloredo di M.A., Treppo Grande, Majano, Forgaria nel Fr, Ragogna, coseano, Flaibano, Dignano, Moruzzo, Rive d Arcano, Fagagna MINORI/DISABILI/ ANZIANI Servizio di assistenza domiciliare volto a fornire prestazioni di cura e igiene della persona, monitoraggio dello stato di salute e/o assunzione dei farmaci, rimessa a letto e cambio, mobilizzazione cura e igiene della casa in particolari situazioni di isolamento sociale, consegna pasti (personale aziendale) per i Comuni di san Daniele del Fr. e San Vito di Fagagna MINORI/DISABILI/ ANZIANI D2 Assistenza Domiciliare Integrata con servizi sanitari (ADI) Prestazioni socio-assistenziali e sanitarie erogate a domicilio a persone non autosufficienti o di recente dimissione ospedaliera, per evitare ricoveri impropri e mantenere la persona nel suo ambiente di vita. /ASS + Coop DISABILI/ ANZIANI -4 -

5 Dimissioni protette Protocollo per le Dimissioni Protette Interventi di presa in carico coordinata tra i servizi territoriali e l ospedale per i garantire il rientro delle persone a domicilio in sicurezza evitando ulteriori ricoveri impropri Progetto Dimissioni Protette Interventi di presa in carico coordinata tra i servizi territoriali e l ospedale per i garantire il rientro delle persone a domicilio in sicurezza evitando ulteriori ricoveri impropri / Ospedale Santa Maria di Udine /Ospedale di rete San Daniele del FR. D3 D4 D5 Servizi di prossimità (buon vicinato) Telesoccorso e teleassistenza Voucher, assegno di cura, buono socio-sanitario Interventi di prossimità (buon vicinato) Servizio volto a garantire la permanenza al proprio domicilio per le persone anziane o fragili in condizioni di sicurezza grazie ad interventi garantiti da strumenti tecnologici e professionalitempestivi 24 ore su 24 Fondo per l'autonomia Possibile (LR 6/2006) Progetto ex Inpdap "Ti aiuto" Fondo gravi gravissimi Comuni di: Colloredo di Monte Albano, Coseano, per attivazione + Convenzione regionale Televita e Convenzioni dei singoli Comuni con "Pro Senectute" (San Daniele del Friuli, Ragogna, Maiano, Buia, Colloredo di M.A, Rive d Arcano, Moruzzo, Coseano, San Vito di Fagagna e Fagagna) /ASS valutazioni integrate e stesura progetti personalizzati, erogazione (Televita per Inpdap) ADULTI/ANZIANI Abbattimento barriere architettoniche Comuni DISABILI D6 Distribuzione pasti e/o lavanderia a domicilio E Servizi di supporto Interventi effettuati all interno del servizio SAD (Vedi D1) /Cooperativa Universiis Comuni di: Buja, Colloredo dimonte Albano, Coseano, Fagagna, Flaibano, Forgaria, Ragogna, Rive d Arcano, San Vito, Treppo Grande DISABILI/ ANZIANI E1 Mensa E2 Trasporto sociale Trasporti/accompagnamenti volti a garantire lo spostamento di persone a ridotta mobilità per una menomazione fisica o psichica e/o per persone con disagio economico. valutazione del bisogno e segnalazione e alle Associazioni locali DISABILI/ ANZIANI Trasporto scolastico per i disabili / privati convenzionati DISABILI E3 Distribuzione beni di prima necessità (pasti, medicinali, vestiario ecc.) E4 Servizi per l'igiene personale Distribuzione beni di prima necessità (pasti, medicinali, vestiario ecc.) Caritas San Daniele, Buja -5 -

6 CODICE DENOMINAZIONE OFFERTA DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI SOGGETTO ATTUATORE AREA D'UTENZA I I1 I2 Pronto intervento sociale (unità di strada, etc.) Servizi di pronto intervento per persone senza dimora Servizi di pronto intervento per le altre categorie L attività viene svolta all interno dell attività generale del Servizio sociale professionale (A1) ADULTI L attività viene svolta all interno dell attività generale del Servizio sociale professionale (A1) F Contributi economici F1 F4 Buoni spesa o buoni pasto Contributi per servizi alla persona Si effettuano acquisti di generi alimentari per nuclei bisognosi segnalai dall unità minori con acquisto e consegna da parte di personale dedicato Erogazione Fondo per l Autonomia Possibile/Fondo gravissimi/progetto ex Inpdap Ti aiuto (cfr. D5) Esenzione servizio SAD (cfr.d1) Coop Consumatori Nord Est Comuni di Buja, Majano Treppo e Colloredo) Comuni DISABILI/ ANZIANI F5 Contributi economici per cure o prestazioni sanitarie Eventuali contributi posso essere erogati dai Comuni su valutazione e progetto del rientrano nei contributi economici generici Comuni F6 Contributi e integrazioni a rette per asili nido (L.R. 20/2005 art.15) Interventi per garantire all'utente in difficoltà economica la copertura della retta per asili nido e Comuni di: Colloredo di Monte Albano, Comune di Coseano, Fagagna, Forgaria, San Daniele del Friuli Abbattimento rette per i nidi F7 Contributi e integrazioni a rette per centri diurni Eventuali contributi posso essere erogati dai Comuni su valutazione e progetto del rientrano nei contributi generici DISABILI/ ANZIANI F

7 Contributi e integrazioni a rette per servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia (solo per l area famiglia e minori ) Sez. Primavera scuola materna privata assegni 0-36 mesi abbatt. Rette "Tagesmutter" Comune di Buja Comune di Colloredo di Monte Albano Sezione Primavera scuola paritaria Maria Bambina di Fagagna Comune di Fagagna F8-2 Contributi e integrazioni a rette per altre prestazioni semiresidenziali (per tutte le aree di utenza esclusa famiglia e minori ) Servizio sociale professionale (A1) : valutazione professionale proposta formale di esonero/riduzione all amministrazione Comunale con predisposizione della documentazione economica del soggetto richiedente /COMUNI (esclusa minori e famiglia) Pagamento rette per l inserimento dei minori o madre/bambino in strutture residenziali /DISABILI F9 Contributi e integrazioni a rette per prestazioni residenziali Servizio sociale professionale (A1) : valutazione professionale e proposta formale di intervento economico all amministrazione Comunale per integrazione retta con predisposizione della documentazione economica e dell impegno al pagamento del soggetto richiedente/familiari obbligati là dove il soggetto/familiari non è autonomo al pagamento /COMUNI ADULTI/ANZIANI Contributi al pagamento delle rette per l'inserimento di adutli in stato di disagio in strutture residenziali/assistenziali /COMUNI DISABILI/ ANZIANI F10 Contributi economici per i servizi scolastici Esonero o riduzione pagamento mensa e trasporto scolastico, doposcuola, pre e post accoglienza: Servizio sociale professionale (A1) : valutazione professionale proposta formale di esonero/riduzione all amministrazione Comunale Contributi ex amnil invalidi con figli studenti /COMUNI Comuni di: Flaibano, Rive d Arcano, San Vito F11 Contributi economici per servizio trasporto e mobilità Contributo a rimborso per le spese individuali di trasporto per minori disabili presso i Centri per l handicap (ll.r. 41/1996) Rilascio titoli di viaggio agevolati, ex articolo 34 L.R. n. 23/2007 e agevolazioni di mobilità alle persone con disabilità PROVINCIA DISABILITA F12 Contributi economici erogati a titolo di prestito (prestiti d onore) -7 -

8 CARTA Bonus energia elettrica e bonus TARSU Regione FVG/Comuni F13 F14 Contributi economici per alloggio Contributi economici per l inserimento lavorativo Abbattattimento canoni locazione Quota Punto Casa Comune di Buja,Colloredo di Monte Albano, Flaibano, Forgaria, Ragogna, Rive d Arcano, Rive d Arcano, San Vito Comuni di: Colloredo di Monte Albano, di Coseano, Flaibano, Rive d Arcano Fondo Sociale ATER COMUNI Borse lavoro giovani Lavori socialmente utili Borse lavoro per l'inserimento lavorativo dei disabili (vedi B1) Comuni di: Coseano, Fagagna, Forgaria, Comuni di: Fagagna, San Vito Fondo di solidarietà regionale (LR 9/2008 D.P.Reg. 38/2099) Sostegno alle spese nei casi di adozione di minori superiori ai 12 anni o con handicap accertato e sostegno alle spese derivanti dalle procedure per l adozione internazionale (LR 11/2006) F15 Contributi economici ad integrazione del reddito familiare Sostegno economici al genitore affidatarie in casi di amancata corresponsione degli alimenti (LR 11/2006) Contributo alle gestenti e madri in difficoltà (LR 11/2006) Contributi economici generici straordinari : Servizio sociale professionale (A1) : valutazione professionale e proposta formale di intervento economico all amministrazione Comunale per erogazione di un contributo economico straordinario e predisposizione della documentazione economica del soggetto richiedente /COMUNI F16-1 F16-2 Contributi economici per l affido familiare di minori (solo per l area famiglia e minori ) Contributi economici per l accoglienza in famiglia di disabili o anziani (per le aree disabili e anziani ) Cont Contributo per l'affidamento dei minori (L 184/1983 e s.m.) -8 -

9 Contributi erogati ad associazioni operanti nel settore dei disabili /ASS/RegioneFVG/Comuni di: Buja F17 Contributi generici ad enti e associazioni sociali Albo baby sitter Progetto pannolini lavabili Comune di Colloredo di Monte Albano F19 Contributi economici per disagio mentale Contributi generici ad associazioni sociali FAP salute mentale Comuni di: Coseano, Fagagna, Forgaria, Rive d Arcano, San Vito, San Daniele /ASS valutazione professionale integrata e stesura progetto personalizzato ADULTI Eventuali contributi posso essere erogati dai Comuni su valutazione e progetto del rientrano nei contributi generici straordinari /COMUNI ADULTI/ANZIANI F20 Contributi economici per persone senza dimora Eventuali contributi posso essere erogati dai Comuni su valutazione e progetto del rientrano nei contributi generici straordinari /COMUNI DISABILI/ ANZIANI -9 -

10 CODICE DENOMINAZIONE OFFERTA DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI SOGGETTO ATTUATORE AREA D'UTENZA G Centri e strutture semiresidenziali (a ciclo diurno) Servizio rivolto alla prima infanzia 0-3 anni Comune di Flaibano, Majano, S. Daniele Servizio rivolto alla prima infanzia 0-3 anni Orizzonte Soc. Coop. Sociale e Primi Passi snc G1 Asilo Nido Servizio rivolto ai minori da 24 a 36 mesi Istituto Comprensivo Buja Servizio rivolto ai minori da 24 a 36 mesi Parrocchia Beata Vergine ad Melotum e Congregazione suore di carità Sez. Primavera scuola materna comunale Comune di Buja G2 Servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia Spazio Famiglia /ASS Attività Contatto /ASS G3 Centri diurni Vedi nomenclatore socio-sanitario - parte seconda ASS MINORI/ADULTI Centro diurno estivo per bambini primaria e 1 anno secondaria di 1^ grado Comune di Coseano G4 Centri diurni estivi Centro diurno estivo Comune di Ragogna Centro estivo (Comune di San Daniele) associazione G5 Ludoteche / laboratori -10 -

11 G6 Centri di aggregazione/sociali G7 G8 G9 Centri diurni per persone con disagio mentale Centri diurni per persone senza dimora Centri diurni per le altre categorie del disagio adulti G10 Centri per le famiglie Vedi nomenclatore socio-sanitario - parte seconda ASS CODICE DENOMINAZIONE OFFERTA DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI SOGGETTO ATTUATORE AREA D'UTENZA H Strutture comunitarie e residenziali H1 Strutture residenziali Per i Centri Disabili Ccfr. Nomenclatore) Casa di Riposo San Daniele Comune di San Daniele con delega all ASS4 ADULTI/ANZIANI Casa di Riposo di Buja Comune di Buia ADULTI/ANZIANI Case Albergo - Centro Anziani San Daniele Comunie di San Daniele ADULTI/ANZIANI Case Albergo - Centro Anziani Majano Comunie di ADULTI/ANZIANI H2 Centri estivi o invernali (con pernottamento) Case Albergo - Centro Anziani Buja Comuni di Bija ADULTI/ANZIANI Soggiorno anziani (cfr. B2) Tutti Comuni ANZIANI H3 Area attrezzata per nomadi H4 H5 H6 Dormitori per persone senza dimora Strutture di accoglienza per persone senza dimora Strutture residenziali per le altre categorie del disagio adulti -11 -

12 CODICE DENOMINAZIONE OFFERTA DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI SOGGETTO ATTUATORE AREA D'UTENZA L Segretariato sociale, informazione e consulenza per l accesso alla rete dei servizi L1 Segretariato sociale / Porta unitaria per l accesso ai servizi Segreteria Unica Funzionale Integrata (SUFI) e ASS Nei 14 Comuni è garantito settimanalmente lo sportello aperto al pubblico (per il Comune di San Daniele è attivo due volte alla settimana) L2 Centri di ascolto tematici Servizio a bassa soglia per attività di primo ascolto, informazione e orientamento CARITAS ADULTI Sportello di ascolto per immigrati Comune di Majano IMMIGRATI Sostegno e accompagnamento in relazione all offerta abitativa attraverso interventi di mediazione e consulenza Associazione Vicini di Casa L3 Sportelli sociali tematici (compreso informagiovani e sportello immigrati) Sportello di ascolto per donne in difficoltà Centro Risorsa donna" (nei Comuni di Buja, Colloredo di M. Albano, Coseano, Dignano, Fagagna, Flaibano, Forgaria, Moruzzo, Ragogna, Rive D'Arcano, San Daniele del Friuli, S. Vito di Fagagna, Trepppo Grande) Sportello di ascolto per donne in difficoltà Associazione Cerchi nell Acqua - Comune di Majano L4 Telefonia sociale per orientare e informare i cittadini sui servizi territoriali -12 -

13 CODICE DENOMINAZIONE OFFERTA DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI SOGGETTO ATTUATORE AREA D'UTENZA M Prevenzione e sensibilizzazione M1 Attività di informazione (campagne informative) Attività promosse o gestite in collaborazione con associazioni, istituti scolastici rivolte alla popolazione su tematiche specifiche /ASS/altri soggetti M2 Unità di strada per la prevenzione e l informazione M3 Altre attività di prevenzione e promozione Attività promosse o gestite in collaborazione con associazioni, istituti scolastici rivolte alla popolazione su tematiche specifiche /ASS/altri soggetti M4 Attività di formazione Interventi di supervisione e tutoraggio per tirocini professionali per assistenti sociali, OSS, educatori ed altre figure professionali Soggetti esterni in formazione professionale Formazione rivolta al personale del anche aperta ad altri soggetti (Distretto, Coop, ASS..) Operatori -13 -

14 Parte seconda - NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SANITARI E SOCIOSANITARI DISTRETTO DI SAN DANIELE DEL FRIULI Dati 2011 (flusso) (*) I dati attività sono attualmente disponibili solo nel totale aziendale OFFERTA DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI CODICE DENOMINAZIONE INTERVENTO Servizi e interventi N SOGGETTO ATTUATORE AREA DI UTENZA A-SAN Interventi del Distretto ASS Medici di Medicina Generale ADULTI/ANZIANI N. MMG 36 A1-San A2-San A3-San A4-San Medicina di base e continuità assistenziale Assistenza specialistica ambulatoriale Assistenza protesica L'assistenza farmaceutica integrativa regionale (AFIR) APD: Utenti 320 APD: Accessi ADI: Utenti 42 ADI: Accessi 454 Pediatri di Libera Scelta N. PLS 4 Continuità assistenziale (ex GUARDIA MEDICA) N sedi N. Medici 8 N. Interventi N. Ricoveri 105 Sedi poliambulatoriali nel Distretto Discipline/specialità presenti Totale prestazioni erogate (eccetto attività prelievo) N. prelievi effettuati - N. Utenti N. Autorizzazioni N Farmacie N sedi Distribuzione diretta MINORI -14 -

15 OFFERTA DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI CODICE DENOMINAZIONE INTERVENTO Servizi e interventi N A5-San A6-San A7-San Assistenza infermieristica domiciliare SID Assistenza riabilitativa domiciliare SRD Assistenza oncologica e cure palliative Giorni di apertura del servizio 7 su 7 Ore di apertura 12 N. Utenti N. Accessi Giorni di apertura del servizio Ore di apertura N. Utenti 461 N. Accessi N. Utenti SID Domiciliari Oncologici (di cui di A5) 183 N. Accessi SID Domiciliari Oncologici (di cui di A5) SOGGETTO ATTUATORE AREA DI UTENZA A8-San A9-San Infermieristica di comunità Unità di valutazione distrettuale (UVD) N. Sedi 3 Giorni e orari di apertura N. Utenti (di cui di A5) 30 N. Accessi (di cui di A5) 206 N. Utenti 381 N. Valutazioni 504 ADULTI/ANZIANI A10-San A11-San A12-San Equipe multidisciplinare territoriale per l'età evolutiva/disabilità (EMT) Consultorio familiare Neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza N. Sedi N. Utenza vista nell anno 587 N. Prestazioni Ambulatoriali N. Sedi N. Utenza N. Visite al domicilio - N. Corsi preparto / partecipanti ai corsi 24/312 Adozioni N. sedi Orari di apertura settimanale N. Utenza 107 N. Prestazioni Amb 321 MINORI MINORI B-SAN Interventi dei Dipartimenti delle dipendenze ASS B1-San Alcologia* N. sedi distrettuali Orari di apertura settimanale Alcolisti in Carico DIPENDENZE -15 -

16 OFFERTA DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI CODICE DENOMINAZIONE INTERVENTO Servizi e interventi N N. Inserimenti in Comunità Terapeutiche SOGGETTO ATTUATORE AREA DI UTENZA B2-San Servizio tossicodipendenze (Ser.T) * B3-San Servizio di prevenzione e trattamento del tabagismo * N. Inserimenti Lavorativi N. sedi nel Distretto Orari di apertura settimanale Tossicodipendenti in carico Tossicodipendenti in Comunità Terapeutica Tossicodipendenti in Centro Diurno Tossicodipendenti inserimenti Lavorativo N. sedi distrettuali Orari di apertura settimanale Tabagisti in Carico C-SAN Interventi dei Dipartimenti di salute mentale ASS C1-San Centro di salute mentale C2-San Centro per disturbi alimentari * D-SAN Orario di apertura della struttura: h 12 o h 24 H 24 Attività ambulatoriale e domiciliare: Orario lunedì venerdì Orario sabato N Utenti anno N contatti anno N. sedi nel Distretto N. Utenti N. Interventi ASS e Coop. sociale Interventi semiresidenziali e riabilitativi ASS DIPENDENZE DIPENDENZE SALUTE MENTALE SALUTE MENTALE D1-San Comunità diurna (Ser.T) 195 Centri diurni CSM D3-San Centri diurni per disabili (CSRE) N sedi Orari di apertura ASS e Coop. sociale N. Utenti 195 N. Gg. Degenza N utenti disabili in Centri diurni in carico totale ambito 72 ASS e Coop. CSRE a gestione diretta: N 2 sociale SALUTE MENTALE DISABILITA -16 -

17 OFFERTA DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI CODICE DENOMINAZIONE INTERVENTO Servizi e interventi N Capacità ricettiva Utenza in carico (tutti residenti nell ambito) CSRE in convenzione: N 3 Capacità ricettiva Utenza in carico (di cui 30 dell ambito) D4-San Centri diurni per non autosufficienti Strutture convenzionate 1 N. posti convenzionati 20 SOGGETTO ATTUATORE AREA DI UTENZA ANZIANI E-SAN Interventi residenziali ASS E1-San Residenza sanitaria assistenziale (RSA) N. Strutture 1 N. posti letto 24 N. dimissioni 296 N. Gg Degenza E2-San Ospedale di Comunità Solo Distretto 4.4 Codroipo E3-San Alcologia residenziale * E4-San Strutture residenziali e di ospitalità protetta (Salute mentale) * Unica sede aziendale: Posti letto 14 N. Dimissioni 136 N. Gg Degenza Utenti del Distretto 27 N. Strutture totale aziendale 22 N. posti letto 92 N. Utenti 154 N. Giornate di degenza N strutture/nuclei nel Distretto: 2/3 N. Posti DIPENDENZE E4.1-San CSM 24 h (ospitalità diurno/notturna) N strutture 1 SALUTE

18 OFFERTA DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI CODICE DENOMINAZIONE INTERVENTO Servizi e interventi N E4.2 -San Progetti residenziali (Salute mentale) E5-San E6-San E7-San E8-San Servizio psich. di diagnosi e cura (SOPDC) Unica struttura Aziendale c/o Ospedale di Udine * Strutture residenziali per disabili (Comunità residenziali, comunità alloggio, ecc.) Strutture residenziali per malati terminali Unica struttura Aziendale c/o Hospice Martignacco Strutture residenziali per anziani non autosufficienti SOGGETTO ATTUATORE AREA DI UTENZA N posti 9 MENTALE N. Utenti 88 N ricoveri 121 N. Giornate di degenza Progetti residenziali in strutture Aziendali: N utenti 44 N giornate Progetti residenziali in strutture extra Aziendali: N utenti 1 N giornate 365 Unica sede aziendale: Posti letto 15 N. Dimissioni 335 N. Gg Degenza Pazienti del Distretto in TSO SPDC - Pazienti del Distretto ricoverati in SPDC 1 N. strutture 3 Capacità ricettiva 31 Utenti al 31/12/ Unica sede aziendale: Posti letto 15 N. Dimissioni 112 Pazienti del Distretto 14 N. Strutture convenzionate 1 N. Posti convenzionati 12 N strutture a gestione diretta 1 N posti a gestione diretta 146 ASS E COMUNI SALUTE MENTALE SALUTE MENTALE ANZIANI -18 -

19 F-SAN Interventi dei servizi in delega alle ASS ASS Centri socio - riabilitativi ed educativi diurni per portatori di handicap di età compresa tra i 14 e i 35 anni Dettaglio nella sezione D3 F1-San Servizio delegato per l'handicap Centri socio - riabilitativi ed educativi diurni rivolti ad ultra trentacinquenni con handicap stabilizzato, attivabili anche all'interno delle strutture di cui alla lettera a) Soluzioni abitative protette alternative all'istituzionalizzazione Dettaglio nella sezione D3 Dettaglio nella sezione D ASS e Associazioni DISABILITA Centri residenziali per gravi e gravissimi 1 aziendale Servizio di trasporto attinente ai centri socio - riabilitativi ed educativi diurni e residenziali 25 giri aziendali collettivi + 3 individuali Interventi di inserimento e accompagnamento F2-San Servizio Integrazione Lavorativa (SIL) ASS lavorativo di persone disabili DISABILITA -19 -

20 Parte terza STRUTTURE SEMIRESIDENZIALI E RESIDENZIALI PER DISABILI Servizi Semi - Residenziali Ambito 4.1 San Daniele UTENTI al 31/12/2011 Comune Ente gestore (ASS /CAMPP/CSI/ altri soggetti) Denominazione servizio Tipologia (1) CAPACITA' RICETTIVA STRUTTURA/ SERVIZIO POSTI DISPONIBILI AL 31/12/2011 TOTALE UTENTI al 31/12/2011 residenti nell'ambito distrettuale della sede della struttura residenti fuori dell'ambito distrettuale ma afferenti alla stessa ASS provenienti altra azienda sanitaria FVG (specificare quale) provenienti da altra regione Altre Ass di Provenienza utenti Convenzioni NOTE Fagagna ASS 4 "Medio Friuli" Atelier (CSRE e Centro mantenimento adulti) tipo Majano Fondazione "Pontello Valentino ONLUS" Centro Diurno Pontello Valentino tipo Majano Fondazione "Pontello Valentino ONLUS" Laboratorio - Centro diurno socio occupazionale tipo Tutti utenti in convenzione ASS4 Ragogna Associazione Il Samaritan Centro diurno Cjase Anute di Taide tipo di cui 6 posti e 6 utenti convenzione ASS 4 da marzo 2012 capienza maggiorata a 16 posti San Daniele Associazione Il Samaritan Casa Elena Protocollo intesa con Ass 4 e I.S.I.S. Manzini: "Progetto Alternanza scuola/lavoro" Frequenza due volte a settimana, nei restanti giorni gli spazi vengono utlilizzati per i ragazzi del centro diurno TOTALE AMBITO 4.1 numero strutture TIPOLOGIA (1) 1) Centri socio-riabilitativi ed educativi diurni per persone handicappate di età compresa tra 14 e 35 anni art. 6 lett. e) LR 41/1996 e Centri socio-riabilitativi ed educativi diurni rivolti ad ultratrentacinquenni" art. 6 lett. f); 2) progetti alternativi/integrativi al centro diurno -20 -

21 Servizi Residenziali Ambito 4.1 San Daniele UTENTI al 31/12/2011 Comune Ente gestore (ASS /CAMPP/CSI/ altri soggetti) Denominazione struttura TIPOLOGIA SERVIZIO (2) CAPACITA' RICETTIVA STRUTTURA DI CUI Posti riservati a respiro /sollievo POSTI DISPONIBILI AL 31/12/2011 TOTALE UTENTI al 31/12/2011 residenti nell'ambito distrettuale della sede della struttura residenti fuori dell'ambito distrettuale ma afferenti alla stessa ASS provenienti altra azienda sanitaria FVG (specificare quale) provenienti da altra regione Altre Ass di Provenienza utenti Majano Fondazione "Pontello Valentino ONLUS" CENTRO RESIDENZIALE "Pontello Valentino" 1 e Ragogna ASS4 / con servizio esternalizzato COOP Itaca Comunità San Gjal Ragogna Associazione Il Samaritan onlus Cjase Anute di Taide Soluzione abitativa protetta alternativa all'istituzionalizzazione Nessuna Convenzione TOTALE AMBITO 4.1 TIPOLOGIA SERVIZIO (2) numero strutture 1 Soluzioni abitative protette alternative all istituzionalizzazione LR 41/1996, art. 6 lett. g) ore; 2 Soluzioni abitative protette alternative all istituzionalizzazione LR 41/1996, art. 6 lett. g) 24 ore; 3 Centri residenziali per gravi e gravissimi - art. 6 lett. h) ore; 4 Centri residenziali per gravi e gravissimi - art. 6 lett. h) 24 ore; 5 Altri servizi residenziali (specificare)

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella sottostante.

Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella sottostante. Dati identificativi MICRO 1. Ente Comune: Denominazione Soliera Ente Associato: Denominazione Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella

Dettagli

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PIANI DI ZONA (PDZ)

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PIANI DI ZONA (PDZ) NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PIANI DI ZONA (PDZ) REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTEGRAZIONE

Dettagli

SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI

SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI 2 MICRO 2007 1. Ente Comune: Denominazione RIMINI Ente Associato: Denominazione PREVENTIVO PER MICROAREE 2007 Dati identificativi

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 Ministero Lavoro e le Politiche sociali Conferenza le Regioni e le Province Autonome Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 SEGRETO STATISTICO, OBBLIGO DI

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

Allegato A alla Convenzione Costitutiva

Allegato A alla Convenzione Costitutiva ALLEGATO A VALDARNO INFERIORE PARTE I - convenzione della Società della Salute Art. 5, comma 1, lettera d) e art.19, comma 1- ATTIVITA DELL AREA SOCIO ASSISTENZIALE da ricomprendere nella descrizione delle

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI DELL AMBITO DISTRETTUALE 6.1

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI DELL AMBITO DISTRETTUALE 6.1 PIANO DI ZONA 2013-2015 NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI DELL AMBITO DISTRETTUALE 6.1 Documento a cura dell Ufficio Direzione e Programmazione Novembre 2014

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2012 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI DELL AMBITO DISTRETTUALE 6.1

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI DELL AMBITO DISTRETTUALE 6.1 PIANO DI ZONA 2013-2015 NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI DELL AMBITO DISTRETTUALE 6.1 Documento a cura dell Ufficio Direzione e Programmazione Documento provvisorio

Dettagli

MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale)

MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale) MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale) 1. GENERALITÁ Nel Modulo Servizi svolti Parte II, si chiede la quantificazione dei principali servizi svolti nell anno di rilevazione

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2011 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

INDICE. Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale

INDICE. Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale INDICE Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale Cod. Clas. AREA WELFARE D'ACCESSO A1 A1 Segretariato Sociale A2 D1 Servizio Sociale Professionale

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI 1 SEZ.A. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE A1. Suddivisione della popolazione per sesso e classi di età e stranieri

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

CONTRIBUTI SUSSIDI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALSIASI NATURA A PERSONE, ENTI PUBBLICI E PRIVATI

CONTRIBUTI SUSSIDI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALSIASI NATURA A PERSONE, ENTI PUBBLICI E PRIVATI Catalogo processi, tipologia dei procedimenti e valutazione del rischio area: CONTRIBUTI AREA DI RISCHIO Processi Tipologia di procedimenti Valutazione del Rischio Contributi economici per soggetti disagiati,

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Lezione del 30 novembre 2013 I Servizi Sociali nelle ASL Docente: Alessandra

Dettagli

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA 1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Nella tabella riepilogativa, per le singole tipologie erogative di carattere socio sanitario, sono evidenziate, accanto al richiamo alle prestazioni sanitarie, anche

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Rapporto sulla rilevazione delle diverse forme di sostegno offerte alle famiglie del territorio comunale nell anno 2012

Rapporto sulla rilevazione delle diverse forme di sostegno offerte alle famiglie del territorio comunale nell anno 2012 1 Rapporto sulla rilevazione delle diverse forme di sostegno offerte alle famiglie del territorio comunale nell anno 2012 1. PREMESSA I dati di seguito riportati sono stati elaborati traendo i relativi

Dettagli

PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE

PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE 61 62 PROGETTO 5.1: PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Promozione di azioni per gruppi di popolazione svantaggiati.

Dettagli

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana Allegato parte integrante Allegato 2 1. ATTIVITA SOCIO-ASSISTENZIALI DI LIVELLO LOCALE 1.1 Corrispettivi per i servizi di livello locale erogati nel 2012 Corrispettivo giornaliero o orario da applicare

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI 2. Continuità dell intervento Nuovo X In continuità con servizio già attivato 3. Tipologia di servizio X LEPS Altri Servizi _ (specificare) 4. Se

Dettagli

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA ALLEGATO N. 1 ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA 2 AREA MATERNO INFANTILE LIVELLI DI ASSISTENZA Assistenza sanitaria e sociosanitaria alle donne, ai

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2015 SCHEDE INTEGRATE

PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2015 SCHEDE INTEGRATE PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 205 SCHEDE INTEGRATE Il programma attuativo per le macro azioni integrate relativo all anno 205 adotta in modo condiviso con il Distretto sanitario e l una struttura descrittiva

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

N. procedimenti per i quali non sono stati rispettati i tempi di conclusione

N. procedimenti per i quali non sono stati rispettati i tempi di conclusione CONTRIBUTI SUSSIDI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALSIASI NATURA A PERSONE, ENTI PUBBLICI E PRIVATI AREA Processi Tipologia di N. tot dei N. per i quali non sono stati rispettati gli standard procedimentali/

Dettagli

L amministratore di sostegno e il Servizio sociale dei Comuni

L amministratore di sostegno e il Servizio sociale dei Comuni L amministratore di sostegno e il Servizio sociale dei Comuni L intervento è suddiviso in tre parti: PRIMA PARTE: Conoscere il Servizio sociale comunale: cos è, dove si colloca, come lavora, come può esservi

Dettagli

FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI. Data aggiornamento 13/05/2014 MONITORAGGIO TEMPI PROCEDIMENTALI ANNO 2014

FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI. Data aggiornamento 13/05/2014 MONITORAGGIO TEMPI PROCEDIMENTALI ANNO 2014 DIREZIONE FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI MONITORAGGIO TEMPI PROCEDIMENTALI ANNO 2014 Data aggiornamento 13/05/2014 BREVE DESCRIZIONE DEL CON INDICAZIONE DI TUTTI I RIFERIMENTI ASILI DI CASEGGIATO D.Lgs.

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

Consorzio Società della Salute Colline Metallifere. Relazione al bilancio di esercizio 2013

Consorzio Società della Salute Colline Metallifere. Relazione al bilancio di esercizio 2013 Consorzio Società della Salute Colline Metallifere Relazione al bilancio di esercizio 2013 Nella presente relazione al bilancio di esercizio 2013 si intendono evidenziare le informazioni sull'attività

Dettagli

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE SETTORE SOCIALE SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE Il Settore è preposto ad assicurare alle persone e alle famiglie un sistema

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2

Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2 Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2 Premessa Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità

Dettagli

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA UFFICIO DI DIREZIONE - la funzione di gestione del servizio sociale di comuni direzione del Servizio

Dettagli

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI RESPONSABILITA FAMILIARI Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Annamaria Neri - Giovanna Canfora - Raffaella Scotto Di Ciccariello Franco Napolitano

Dettagli

Il Distretto che vuole la Regione Veneto

Il Distretto che vuole la Regione Veneto IL NUOVO PIANO SOCIO-SANITARIO REGIONALE Il Distretto che vuole la Regione Veneto Este, 13 aprile 2012 Dott.ssa M.Cristina Ghiotto LA STORIA La DGR n.3242/2001 ha sancito l importanza del Distretto nel

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI COORDINAMENTO DISTRETTI

DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI COORDINAMENTO DISTRETTI DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI COORDINAMENTO DISTRETTI Responsabile Procedimento: Dott. Danilo Corrà - mail: danilo.corra@ulss12.ve.it; numero di telefono: 041.2608735 DESCRIZIONE PROCEDIMENTO 1 Gestione

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

CARTA DELLA SOLIDARIETA

CARTA DELLA SOLIDARIETA CARTA DELLA SOLIDARIETA REDATTO DA ROBERTA BUTERA SERVIZI DEL COMUNE Le grandi macro-aree in cui vengono ricondotte le domande dei servizi sociali del sono le seguenti: Area Minori e Famiglia Area Anziani

Dettagli

COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI-

COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI- COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI- REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013,

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

PIANO DI ZONA 2011-2013

PIANO DI ZONA 2011-2013 PIANO DI ZONA 2011-2013 NOMENCLATORE INTERREGIONALE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI In.Re.Te. C.I.S.S-AC Codice Denominazione Descrizione tot parz Non tot parz Non X X A1 Segretariato sociale/porta

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

ALLEGATO C AMBITO SOCIALE N 30 DOTAZIONE ORGANICA

ALLEGATO C AMBITO SOCIALE N 30 DOTAZIONE ORGANICA ALLEGATO C AMBITO SOCIALE N 30 Comuni di TORRE ANNUNZIATA BOSCOREALE BOSCOTRECASE TRECASE COMUNE CAPOFILA TORRE ANNUNZIATA DOTAZIONE ORGANICA UFFICIO DI PIANO COORDINAMENTO ISTITUZIONALE PRESIDENTE COORDINAMENTO

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

MacroFramiglia Tipologia servizio Denominazione Indirizzo Comune Prov ATS Telefono1 Fax Email Posti Autor.

MacroFramiglia Tipologia servizio Denominazione Indirizzo Comune Prov ATS Telefono1 Fax Email Posti Autor. 61139 Sociale Interventi Informazione, orientamento, 6114 Sociale Interventi Informazione, orientamento, 61141 Sociale Interventi Informazione, orientamento, Sportelli di Segretariato Sociale SEGRETARIATO

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi

L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi L Assistenza Domiciliare ai Disabili Gravissimi Tedaldi Laura Coordinatore Infermieristico Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata Ferrara 22 Ottobre 2011 1 Grave Disabilità articolo 3 Legge 104/1992

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

Report Piani di Zona dati web. mercoledì 23 settembre 2009 Pagina 1 di 5

Report Piani di Zona dati web. mercoledì 23 settembre 2009 Pagina 1 di 5 Report Piani di Zona dati web mercoledì 23 settembre 2009 Pagina 1 di 5 Comune San Bonifacio Cod Area Macrotipologia Microtipologia Nome precedent Nome Finalità resp gestione Soggetti erogatori D5 Disabili

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE AZIONI DA REALIZZARE INDICATORI PESO INDICATORI

DESCRIZIONE DELLE AZIONI DA REALIZZARE INDICATORI PESO INDICATORI 2.b.1 - STRUTTURE ORGANIZZATIVE - Unità Funzionale Integrazione Socio-Sanitaria - Settore Assistenza Domiciliare ed Ambulatoriale socio-sanitaria (infermieristica) Responsabile dell Area Funzionale: Dott.ssa

Dettagli

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n. Marca da bollo 10 Spett.le Ufficio del Lavoro SEDE ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.28/1991 Il sottoscritto Cod.

Dettagli

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI Allegato a) NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI, SANITARI E SOCIOSANITARI AMBITO DISTRETTUALE 4.2 - TARCENTO PIANO DI ZONA 2013-2015 Parte prima - NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI DEI SERVIZI

Dettagli

Il Nomenclatore nazionale dei servizi e degli interventi sociali

Il Nomenclatore nazionale dei servizi e degli interventi sociali 28 Sistema informativo locale 2008 3.2.7. Il Nomenclatore nazionale dei servizi e degli interventi sociali Il sistema informativo delle politiche sociali insegue da tempo una definizione esaustiva, articolata

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Area Persone con disabilità

Area Persone con disabilità Area Persone con disabilità Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Buono Rita - Samuele Guardascione Angela Ferrara Indirizzo e sede Via Vigna,

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano, Galliate, Romentino,

Dettagli

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine.

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine. Relazione, ai sensi dell art. 20 dello Statuto Comunale, sulla situazione e sullo stato di bisogno dei cittadini più in difficoltà. Anno di riferimento: 2009 Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia comunità Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia 01 Il Servizio prevede incontri di formazione rivolti ad insegnanti e genitori delle Scuole dell Infanzia di Caselle, Sommacampagna e Custoza.

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

SCHEDA DI RILEVAZIONE (allegato alla domanda di iscrizione all Albo Comunale delle Associazioni)

SCHEDA DI RILEVAZIONE (allegato alla domanda di iscrizione all Albo Comunale delle Associazioni) - COMUNE DI MIRANO - SCHEDA DI RILEVAZIONE (allegato alla domanda di iscrizione all Albo Comunale delle Associazioni) Nel compilare la scheda, Vi preghiamo di dare una sola risposta ad ogni domanda, salvo

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Versione 2 Anno 2013

NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Versione 2 Anno 2013 2013 NOMENCLATORE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Versione 2 Anno 2013 Indice 1. La struttura del Nomenclatore 2. Le voci del Nomenclatore 3. La classificazione dei presidi residenziali socio-assistenziali

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est Allegato alla delibera di C. C. n. del REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa sul piano

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

FONDO SOCIALE REGIONALE

FONDO SOCIALE REGIONALE FONDO SOCIALE REGIONALE FONDO NAZIONALE POLITICHE SOCIALI FONDO REGIONALE ASSISTENZA SOCIALE FONDO SOCIALE REGIONALE RIPARTITO AL TERRITORIO - 2013 TRASFERIMENTO ORDINARIO: 1^ RIPARTO (FRAS) Euro 18.000.000,00

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 1. SCOPO DEL REGOLAMENTO L I.S.E.E. è lo strumento di valutazione

Dettagli