RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL IN VALDINIEVOLE E NEL TERRITORIO PISTOIESE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL IN VALDINIEVOLE E NEL TERRITORIO PISTOIESE"

Transcript

1 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL IN VALDINIEVOLE E NEL TERRITORIO PISTOIESE Contributo di Tina Panzone Dirigente Medico UF PISLL Azienda USL 3 Pistoia

2 OBIETTIVI DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA (attuazione del Piano Mirato Regionale 2-27) 27) Valutare lo stato di salute dei lavoratori in relazione ai rischi specifici (utilizzo di prodotti fitosanitari, posture incongrue di lavoro, movimentazione manuale carichi e movimenti ripetitivi arti superiori) Identificare le malattie professionali o correlate con il lavoro al fine di favorirne il riconoscimento da parte dell INAIL Definire un protocollo di sorveglianza sanitaria per i medici competenti

3 LAVORATORI INTERESSATI TOTALI N. 2 N. 11 FLORICOLTORI (lavorazione fiori recisi e piante ornamentali) N. 4 VIVAISTI floricoltori vivaisti 6% % 1% 49% 29% 4% 3% 71% 2% 1% % Lavoratori stagionali 7% 1 LAVORATORI IN PROPRIO SALARIATI

4 CARATTERISTICHE DEI 99 LAVORATORI SALARIATI PARTECIPANTI ALL INDAGINE Lavoratori stranieri 42,4 % (Albania, Romania, ecc.) Lavoratori avventizi o stagionali 7% Popolazione prevalentemente femminile 84,4% Età media ed anzianità lavorativa più bassa rispetto ai lavoratori in proprio

5 CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE ESAMINATA Popolazione distinta per genere e fasce di età maschi femmine 11% 1% 7% 6% % 4% 3% 2% 1% % 46,8% 1 3,2% 9% 8% 7% 6% % 4% 3% 2% 1% % 76,% 24,% maschi 68,% 32,% femmine > 3 anni < = 3 anni maschi femmine >

6 CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE ESAMINATA Popolazione distinta per età media ETA MEDIA 6 FLORICOLTORI 6 VIVAISTI 4 3 4,9 4, ,7, maschi femmine

7 CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE ESAMINATA Popolazione distinta per anzianità lavorativa media ANZIANITA LAVORATIVA MEDIA 3 FLORICOLTORI 3 VIVAISTI ,4 1 21,3 1 21, 1 1 maschi 7,4 femmine maschi femmine

8 SORVEGLIANZA SANITAIA NEL FLOROVIVAISMO PROTOCOLLO APPLICATO raccolta storia sanitaria e lavorativa compilazione di questionari specifici per raccolta di disturbi respiratori, cutanei, dell apparato osteoarticolare visita medica mirata, in particolare alla ricerca di sintomi e segni s per patologie muscolo-scheletriche scheletriche esami emato-chimici chimici: : esame emocromocitometrico completo, AST e ALT plasmatiche, creatininemia,, proteine totali e protidogramma, glicemia a digiuno, esame urine prove di funzionalità respiratoria audiometria indagini specialistiche (visita ortopedica, fisiatrica,rx Rx,, ecografia distretti articolari): solo in casi selezionati e in presenza di segni e sintomi compatibili con patologia osteoarticolare

9 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL MALATTIE PREVALENTI 12% % 2% 3% 4% 2% Disturbi muscoloscheletrici ipoacusie asma bronchiale rinocong.allergica 72% dermatiti da contatto noduli tiroidei tumori maligni Leucemia mieloide acuta Melanoma Carcinoma laringe Papillare tiroide

10 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL DISTURBI MUSCOLO SCHELETRICI (DMS) Maschi Femmine Totali RACHIDE 3,8 % 48,8 % 1,4 % ARTI SUPERIORI 27, % 33,3 % 3,3 %

11 Necessità di: Approfondire il problema dei DMS con ulteriori indagini (protocollo EPM) Questionario + Esame clinicofunzionale del Anamnestico rachide Questionario Anamnestico + Esame clinicofunzionale arti superiori Gruppi controllo: 2 maschi di una grossa impresa pubblica della città di Milano stratificati in 4 classi di età; 18 femmine non esposte a rischi lavorativi per il rachide stratificate in 4 clasi di età 17 Florovivaisti di cui 91 maschi e 84 femmine Gruppi controllo: 31 maschi addetti alla vigilanza urbana, con età media 38,1 anni; 439 femmine, educatrici di scuola materna,con età media di 36,3 anni

12 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL ALTERAZIONI DEL RACHIDE CASI ANAMNESTICI IN 91 MASCHI 7 6 percentuali cervicale dorsale lombosacrale 6, 6, 42,8 31,2 2, 12, 14,3 4,8 4,,,,,,, > CONTROLLO , 3 27, 22,1 2 16,9 11,8 16, 1 2,9 4,8 4, >

13 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL ALTERAZIONI DEL RACHIDE 7 6 CASI ANAMNESTICI IN 84 FEMMINE cervicale dorsale lombosacrale 7,1 4 42,8 46,4 7 CONTROLLO , 21,,3 4,8,,,, 18-2 anni 26-3 anni 23, anni 3,6 46- anni 18,2, > anni ,4 36,4 22,4 26,9 23, 16,3 13, 8,7 4,3 2, 7,7 9, 18-2 anni 26-3 anni 36-4 anni 46- anni > anni

14 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL ALTERAZIONI DEL RACHIDE AFFEZIONI CLINICHE RIFERITE IN 91 MASCHI 8 7 ERNIA DISCALE LOMBALGIE LOMBALGIE ULTIMO ANNO 68 CONTROLLO percentuale , 14,2 6, anni 26-3 anni 36-4 anni 46- anni > anni ,7 16,7 12,4 1,,7 1, 2,8 2,7 1, anni 26-3 anni 36-4 anni 46- anni > anni

15 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL ALTERAZIONI DEL RACHIDE AFFEZIONI CLINICHE RIFERITE IN 84 FEMMINE 6 4, 4 6 CONTROLLO percentuali ,9 23,8 18,2 14,3 1, 7,4,3 3, anni 26-3 anni 36-4 anni 46- anni > anni ,4 2 17,3 8,16 9,1 9,1 4,8 4 3, anni 26-3 anni 36-4 anni 46- anni > anni ERNIA DISCALE LOMBALGIE LOMBALGIE ULTIMO ANNO

16 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL ALTERAZIONI DEL RACHIDE MALATTIE CRONICO DEGENERATIVE DELLA COLONNA VERTEBRALE IN 91 MASCHI 7 6 6, 6, p ercentuali ,8 37, 32, 24, 18,7 19, 12, 14,3 8,,,,, 18-2 anni 26-3 anni 36-4 anni 46- anni > anni CONTROLLO, 4, 32, 28, 24, 18, 12, 12, 8, 1, 1, 6, 18-2 anni 26-3 anni 36-4 anni 46- anni > anni cervicale dorsale lombosacrale

17 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL ALTERAZIONI DEL RACHIDE percentuali MALATTIE CRONICO DEGENERTAIVE DELLA COLONNA VERTEBRALE IN 84 FEMMINE 2, 2, 6, 26,3 21, 23,8 1, 9, 19, 4,4 14,3 3,6 4, 18-2 anni 26-3 anni 36-4 anni 46- anni > anni 36,3 27,2 CONTROLLO percentuali , 3,6 4, 43,7 4,4 36,3 29,7 26,3 24,3 24,9 27,2 23,8 2, 2, 16,8 21, 19, 13,3 14,3 9,4 9,4 1, 9, 3,,2 4, 2, anni 26-3 anni 36-4 anni 46- anni > anni cervicale dorsale lombosacrale cervicale dorsale lombosacrale

18 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL Alterazioni muscolo-scheletriche degli arti superiori CASI ANAMNESTICI PER SESSO E CLASSI DI ETA percentuali < = 3 anni > 3 anni 4 2,3 12, 1 maschi femmine CONTROLLO ,3 14,2 1 4,4 4,6 maschi femmine

19 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL Alterazioni muscolo-scheletriche degli arti superiori SEDI DEI DISTURBI ARTICOLARI AGLI ARTI SUPERIORI IN 91 MASCHI 16 percentuali ,7 spalla ds,6 9,8 spalla sn gomito ds gomito sn 1,6 polso ds polso sn,6 mano ds mano sn CONTROLLO 1,4 3, spalla ds 2,4,7 spalla sn 1,2 gomito ds 3, gomito sn 1,8,7,7,71,2 polso ds polso sn mano ds,6 mano sn <= 3 anni > 3 anni

20 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL Alterazioni muscolo-scheletriche degli arti superiori SEDI DEI DISTURBI ARTICOLARI AGLI ARTI SUPERIORI IN 84 DONNE percentuali <= 3 anni > 3 anni 3 2, ,6 1 13,3 11,6 1 8,3 8,3 8,3 6,6 4,2 4,2 1,6 spalla ds spalla sn gomito ds gomito sn polso ds polso sn mano ds mano sn 16,6 CONTROLLO ,6 1,7,6,6,6 spalla ds spalla sn gomito ds gomito sn polso ds polso sn mano ds mano sn

21 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL Alterazioni muscolo-scheletriche degli arti superiori PARESTESIE NOTTURNE CONTINUE ALLA MANO IN 91 MASCHI p ercentuali <= 3 anni >3 anni 14,, 2,8, mano ds mano sn CONTROLLO,7 1,2,7 1,2 mano ds mano sn

22 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL Alterazioni muscolo-scheletriche degli arti superiori PARESTESIE NOTTURNE CONTINUE ALLA MANO IN 84 FEMMINE 3 3 <= 3 anni >3 anni 27, percentuali ,2 mano ds 1,7 mano sn CONTROLLO 3 2 8,9 9,1 1,6 1,1 mano ds mano sn

23 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL Alterazioni muscolo-scheletriche degli arti superiori p ercentuali PRINCIPALI AFFEZIONI CLINICHE OSSERVATE IN 91 MASCHI 1,4 <= 3 anni >3 anni 2,8 2,8 4,2,6 2, CONTROLLO,6,6 <= 3 anni >3 anni,6,,6,6, tend.polso ds tend.polso sn epic.ds epic.sn PSO ds PSO sn STC ds STC sn cisti T ds cisti T sn tend.polso ds tend.polso sn epic.ds epic.sn PSO ds PSO sn STC ds STC sn cisti T ds cisti T sn

24 RISULTATI DELL INDAGINE DEI SERVIZI PISLL Alterazioni muscolo-scheletriche degli arti superiori PRINCIPALI AFFEZIONI CLINICHE OSSERVATE IN 84 FEMMINE <= 3 anni >3 anni 6,6 CONTROLLO 3,3 3, 1,6 1,6 1,6 1,6 1,6 1,3 3,1 1,9 1,,6,6,6 c isti T sn tend.polso ds tend.polso sn epic.ds epic.sn PSO ds PSO sn STC ds STC sn cisti T ds cisti T sn tend.polso d te n d.p o lso s epic.d s epic.s n PSO d s PSO s n STC d s S TC s n cisti T d s percentuali

25 CONCLUSIONI Eccesso di patologia a carico del rachide, soprattutto nel tratto lombosacrale, sia nei maschi che nelle femmine; Eccesso di patologia a carico degli arti superiori (tendiniti della spalla negli uomini, patologia polso- mano nelle donne); Tali dati confermano i risultati di una precedente indagine effettuata nel 2 dal Servizio PISLL della Valdinievole nella lavorazione della crisantemina; Tali dati fanno ipotizzare un ruolo causale o concausale svolto dal lavoro nell insorgenza o aggravamento di processi degenerativi propri dell et età.

26 da qui la necessità di : valutare il rischio e individuare possibili soluzioni (tecniche, organizzative procedurali) atte a prevenire l insorgenza l dei disturbi muscolo-scheletrici; scheletrici; organizzare la sorveglianza sanitaria da parte del medico competente in modo che vengano individuati i casi sentinella ; effettuare la sorveglianza sanitaria comunque anche per le aziende a carattere familiare,senza dipendenti.

27 Per quali obiettivi? Migliorare la salute dei lavoratori Ricercare in modo mirato le malattie causate dal lavoro o con esso correlate Collaborare con l INAIL l per il riconoscimento e indennizzo delle malattie osteo-articolari professionali

28 Infine: Una particolare attenzione deve essere rivolta anche alle patologie che non sono state oggetto di studio in questa indagine.

29 GRAZIE PER L ATTENZIONE

SCHEMA DI RELAZIONE SANITARIA

SCHEMA DI RELAZIONE SANITARIA SCHEMA DI RELAZIONE SANITARIA AZIENDA : SEDE LEGALE:...... STABILIMENTO:. COMPARTO PRODUTTIVO :... LAVORAZIONE (breve descrizione del ciclo produttivo):...... MEDICO COMPETENTE:... INDIRIZZO:... TEL...

Dettagli

PATOLOGIE DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO ANDREA MONTEVERDI DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE USL5 PISA

PATOLOGIE DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO ANDREA MONTEVERDI DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE USL5 PISA PATOLOGIE DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO ANDREA MONTEVERDI DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE USL5 PISA PATOLOGIE DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO FONDAZIONE EUROPEA DI DUBLINO 21% 30% M AL DI SCHIENA STRESS DOLORI

Dettagli

Verso l analisi automatica del sovraccarico biomeccanico degli arti superiori Il progetto CCM-ERGANE

Verso l analisi automatica del sovraccarico biomeccanico degli arti superiori Il progetto CCM-ERGANE Verso l analisi automatica del sovraccarico biomeccanico degli arti superiori Il progetto CCM-ERGANE Le patologie da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori negli OSS di RSA Maurizio Mariani m.mariani@usl12.toscana.it

Dettagli

SEMINARIO RLS - 24 SETTEMBRE 2014

SEMINARIO RLS - 24 SETTEMBRE 2014 SEMINARIO RLS - 24 SETTEMBRE 2014 LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE E NELLE RSA Patologie muscolo scheletriche nella Grande Distribuzione Organizzata: indagine sanitaria ed esperienza

Dettagli

Gli strumenti informativi del medico competente

Gli strumenti informativi del medico competente Seminario di formazione per RLS Gli strumenti informativi del medico competente Dr. Davide Ferrari SPSAL Azienda USL Modena Modena, 3 dicembre 2014 GIUDIZIO DI IDONEITA Art. 41 D.Lgs.81/08 Comma 6 Sulla

Dettagli

Seminario RETE RLS. La diagnosi delle malattie professionali muscolo-scheletriche e le misure di prevenzione possibili nei luoghi di lavoro

Seminario RETE RLS. La diagnosi delle malattie professionali muscolo-scheletriche e le misure di prevenzione possibili nei luoghi di lavoro Seminario RETE RLS La diagnosi delle malattie professionali muscolo-scheletriche e le misure di prevenzione possibili nei luoghi di lavoro Maurizio MARIANI U.F. PISLL Dipartimento di Prevenzione Az. USL

Dettagli

Le posture incongrue e faticose, le posture mantenute a lungo, il lavoro ripetitivo, movimentare carichi pesanti rappresentano un sovraccarico per il

Le posture incongrue e faticose, le posture mantenute a lungo, il lavoro ripetitivo, movimentare carichi pesanti rappresentano un sovraccarico per il Le posture incongrue e faticose, le posture mantenute a lungo, il lavoro ripetitivo, movimentare carichi pesanti rappresentano un sovraccarico per il sistema muscolo scheletrico, ne provocano l affaticamento,

Dettagli

Prevenzione malattie professionali e sorveglianza sanitaria

Prevenzione malattie professionali e sorveglianza sanitaria Prevenzione malattie professionali e sorveglianza sanitaria Bologna 16 ottobre 2013 Franco Roscelli Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Parma I rischi nei cantieri Chiostro del convento di Celleno

Dettagli

Un esperienza di indagine a livello aziendale

Un esperienza di indagine a livello aziendale La Sindrome del Tunnel Carpale in Piemonte: stime di occorrenza e possibili modelli di sorveglianza. Torino settembre Un esperienza di indagine a livello aziendale Dr Carlo PROIETTI Servizio Prevenzione

Dettagli

ANCONA 6 marzo La prevenzione e la tutela integrata del lavoratore nel comparto pesca. L idoneità alla mansione specifica

ANCONA 6 marzo La prevenzione e la tutela integrata del lavoratore nel comparto pesca. L idoneità alla mansione specifica ANCONA 6 marzo 2015 La prevenzione e la tutela integrata del lavoratore nel comparto pesca L idoneità alla mansione specifica a cura di Maurizia GIAMBARTOLOMEI -ASUR Area vasta 2 Ancona SALUTE dei MARITTIMI

Dettagli

Corso di aggiornamento sul DLgs 187/05. Dimensioni del problema

Corso di aggiornamento sul DLgs 187/05. Dimensioni del problema Corso di aggiornamento sul DLgs 187/05 Esposizione professionale a vibrazioni: Effetti sulla salute e sorveglianza sanitaria Salvatore Mìnisci - SPSAL AUSL Ferrara 10.11.2006 1 Dimensioni del problema

Dettagli

Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro la Movimentazione dei Carichi

Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro la Movimentazione dei Carichi Spegnere il Telefonino!! Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro la Movimentazione dei Carichi ai sensi dell art.37 del D.Lgs. 81/08 Accordo Stato Regioni del 21.12.2011 e 22.02.2012 Ente

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA CANTIERI E MAGAZZINI

LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA CANTIERI E MAGAZZINI CORSI DI FORMAZIONE COSTRUIRE SICURAMENTE LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA CANTIERI E MAGAZZINI Giorgio Zecchi SPSAL Reggio Emilia OBIETTIVO DEL CORSO Ottenere che le varie figure siano

Dettagli

MALATTIE PROFESSIONALI

MALATTIE PROFESSIONALI MALATTIE PROFESSIONALI L Informazione aiuta la Prevenzione Il lavoro è parte della tua vita, non la tua malattia. Lavorare bene ti fa bene! Malattie Professionali Lesione dovuta a causa lenta che produce

Dettagli

A cura di Doriano Magosso e Anna Lombardo. - Luglio

A cura di Doriano Magosso e Anna Lombardo. - Luglio ANALISI DELLE SEGNALAZIONI-DENUNCE DI PATOLOGIE PROFESSIONALI DA RISCHI DI NATURA ERGONOMICA PERVENUTE AGLI SPISAL ANNO 2011 A cura di Doriano Magosso e Anna Lombardo - Luglio 2012 - INDICE 1. Distribuzione

Dettagli

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI INAIL DIREZIONE PROVINCIALE DI TRENTO LE MALATTIE PROFESSIONALI DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Trento, 24 novembre 2011 Dott.ssa Fiorella Rullo MALATTIE PROFESSIONALI occorse a lavoratori STRANIERI,

Dettagli

QUESTIONARIO PROGETTO PREVENZIONE DEI RISCHI PER L APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO NEL SETTORE DELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA

QUESTIONARIO PROGETTO PREVENZIONE DEI RISCHI PER L APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO NEL SETTORE DELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA QUESTIONARIO PROGETTO PREVENZIONE DEI RISCHI PER L APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO NEL SETTORE DELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA DATI GENERALI Azienda Centro cottura Età (anni compiuti) sesso M F Nazionalità

Dettagli

Di seguito vengono brevemente illustrati i sei fattori che concorrono alla determinazione dello Strain Index.

Di seguito vengono brevemente illustrati i sei fattori che concorrono alla determinazione dello Strain Index. STRAIN INDEX Questo metodo, proposto da Moore e Garg nel 1995, consente una valutazione semiquantitativa del rischio da sovraccarico biomeccanico nello svolgimento di attività lavorative comportanti movimenti

Dettagli

Idoneità alla mansione e ricorsi avverso il giudizio del medico competente

Idoneità alla mansione e ricorsi avverso il giudizio del medico competente Direzione Sanitaria Dipartimento di igiene e Prevenzione Sanitaria Idoneità alla mansione e ricorsi avverso il giudizio del medico competente M.Rita Aiani U.O.C. Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti

Dettagli

Progetto per la tutela della salute dei lavoratori agricoli nella viticoltura della zona fiorentina sud est

Progetto per la tutela della salute dei lavoratori agricoli nella viticoltura della zona fiorentina sud est Progetto 2013 2014 per la tutela della salute dei lavoratori agricoli nella viticoltura della zona fiorentina sud est Carla Fiumalbi UF di Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Setting sud

Dettagli

L ambulatorio per la ricerca delle patologie dell apparato locomotore

L ambulatorio per la ricerca delle patologie dell apparato locomotore L ambulatorio per la ricerca delle patologie dell apparato locomotore Viterbo 30 ottobre Università della Tuscia Lucia Bramanti Maurizio Mariani UF PISLL Azienda USL 12 Viareggio Sottotitolo: Un luogo

Dettagli

la movimentazione manuale dei carichi e i movimenti ripetuti

la movimentazione manuale dei carichi e i movimenti ripetuti la movimentazione manuale dei carichi e i movimenti ripetuti prevalenza ed incidenza delle patologie da movimenti ripetuti in Italia nella popolazione generale uno studio del 2008 ha dimostrato un tasso

Dettagli

Focus su Malattie professionali LA DIMENSIONE DEL PROBLEMA Il rapporto Eurostat 2004 ha evidenziato come nel biennio 98-99, a livello europeo, circa l

Focus su Malattie professionali LA DIMENSIONE DEL PROBLEMA Il rapporto Eurostat 2004 ha evidenziato come nel biennio 98-99, a livello europeo, circa l A cura di : ssa Angela RUSCHIONI ASUR AREA VASTA N.2 Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro 1 Focus su Malattie professionali LA DIMENSIONE DEL PROBLEMA Il rapporto Eurostat 2004 ha

Dettagli

INDAGINE SU RACHIALGIE E DISTURBI AGLI ARTI SUPERIORI DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI DELLA DITTA GARA DI (RE)

INDAGINE SU RACHIALGIE E DISTURBI AGLI ARTI SUPERIORI DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI DELLA DITTA GARA DI (RE) / Versione 14/12/2010 SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO REGGIO SUD DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA CASTENUOVO NÈ MONTI Via Boschi, 4 42035 Tel. 0522 617346 Fax 0522 617118 MONTECCHIO

Dettagli

Le problematiche osteo-articolari nel mondo del lavoro: gestione in equipe della diagnosi, trattamento e reinserimento del Lavoratore.

Le problematiche osteo-articolari nel mondo del lavoro: gestione in equipe della diagnosi, trattamento e reinserimento del Lavoratore. Le problematiche osteo-articolari nel mondo del lavoro: gestione in equipe della diagnosi, trattamento e reinserimento del Lavoratore. Sassuolo 02 aprile 2012 Gianni Gilioli spec. Reumatologia e Farmacologia

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA. Nell eventualità di obbligo della sorveglianza sanitaria (indice di rischio > 1), andranno effettuati:

SORVEGLIANZA SANITARIA. Nell eventualità di obbligo della sorveglianza sanitaria (indice di rischio > 1), andranno effettuati: SORVEGLIANZA SANITARIA Nell eventualità di obbligo della sorveglianza sanitaria (indice di rischio > 1), andranno effettuati: Accertamenti sanitari preventivi Accertamenti sanitari periodici, con una periodicità

Dettagli

Prevenzione delle patologie muscoloscheletriche

Prevenzione delle patologie muscoloscheletriche Prevenzione delle patologie muscoloscheletriche Medico competente: Difficoltà, criticità e opportunità dott. Giuseppe Giubbarelli 1 premessa Le patologie muscolo-scheletriche - patologie frequenti - invalidanti

Dettagli

OSSERVATORIO STATO DI SALUTE E MALATTIE PROFESSIONALI

OSSERVATORIO STATO DI SALUTE E MALATTIE PROFESSIONALI OSSERVATORIO STATO DI SALUTE E MALATTIE PROFESSIONALI RACCOLTA INFORMATIZZAZIONE ED ELABORAZIONE DEI RISULTATI DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA E DEI PROTOCOLLI SEGUITI DAI MEDICI COMPETENTI IN AZIENDE DELLA

Dettagli

Le malattie muscolo scheletriche nei luoghi di lavoro. Dott.ssa Maria Grazia Roselli -Azienda USL 2 - Lucca

Le malattie muscolo scheletriche nei luoghi di lavoro. Dott.ssa Maria Grazia Roselli -Azienda USL 2 - Lucca Le malattie muscolo scheletriche nei luoghi di lavoro Dott.ssa Maria Grazia Roselli -Azienda USL 2 - Lucca Disturbi Muscolo Scheletrici (DMS) cosa sono? Le patologie muscoloscheletriche comprendono una

Dettagli

Patologie da sovraccarico biomeccanico dell arto superiore -Problematiche medico-legali e principali forme cliniche-

Patologie da sovraccarico biomeccanico dell arto superiore -Problematiche medico-legali e principali forme cliniche- Patologie da sovraccarico biomeccanico dell arto superiore -Problematiche medico-legali e principali forme cliniche- Dr. Fernando Luisi Sovrintendente Medico Regionale INAIL Friuli Venezia Giulia La Tutela

Dettagli

Prevenzione dei rischi da vibrazioni I. meccaniche: il D.Lgs 187/2005

Prevenzione dei rischi da vibrazioni I. meccaniche: il D.Lgs 187/2005 Prevenzione dei rischi da vibrazioni I meccaniche: il D.Lgs 187/2005 Aspetti medico legali delle patologie da vibrazioni meccaniche La circolare Inail 25/2004 Marco Spaggiari A. P.se dei Medici del Lavoro

Dettagli

Casi con nesso Casi segnalati Classi di malattia

Casi con nesso Casi segnalati Classi di malattia Tubercolosi (010) Infezione tubercolare primaria 1 0,1 Malattie infettive (esclusa tubercolosi) (133) Acariasi 14 0,6 14 0,7 (142) Tumori maligni delle ghiandole salivari principali (146) Tumori maligni

Dettagli

Le patologie del rachide negli operatori dei Blocchi Operatori

Le patologie del rachide negli operatori dei Blocchi Operatori Le patologie del rachide negli operatori dei Blocchi Operatori Dott. Maria Adelia Rossi, Sig. Elettra Casalegno, Sig. Ammamaria Polimeri, Dott. Francesco Coppello A.O. OSPEDALE SAN MARTINO DI GENOVA Introduzione

Dettagli

Decreto legislativo n 81 del 9/04/2008

Decreto legislativo n 81 del 9/04/2008 Decreto legislativo n 81 del 9/04/2008. TITOLO VI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (artt. 167 168 169 170-171) Patologia dell apparato MUSCOLO-SCHELETRICO Per disturbi muscolo-scheletrici (DMS) si intendono,

Dettagli

La corretta postura ed il buon riposo nella prevenzione delle patologie muscoloscheletriche

La corretta postura ed il buon riposo nella prevenzione delle patologie muscoloscheletriche La corretta postura ed il buon riposo nella prevenzione delle patologie muscoloscheletriche Massofisioterapista Chinesiologo Specialista in Rieducazione Funzionale Tecnico Osteopata Sportivo Fabio Arpa

Dettagli

Il problema delle patologie da sovraccarico biomeccanico. Disturbi muscolo-scheletrici correlati al lavoro. Incontro con i RLS 16 gennaio 2015

Il problema delle patologie da sovraccarico biomeccanico. Disturbi muscolo-scheletrici correlati al lavoro. Incontro con i RLS 16 gennaio 2015 Il problema delle patologie da sovraccarico biomeccanico Disturbi muscolo-scheletrici correlati al lavoro Incontro con i RLS 16 gennaio 215 Patologie muscolo-scheletriche correlate al lavoro Le patologie

Dettagli

Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale ed alta specializzazione Garibaldi Catania

Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale ed alta specializzazione Garibaldi Catania Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale ed alta specializzazione Garibaldi Catania Medico: DOTT. FICHERA LUIGI SALVATORE TEMPO TIPOLOGIA PRESTAZIONE SEDE GIORNI E ORARIO TARIFFA PRESTAZIONE TELEFONO PAZIENTE

Dettagli

Nello stesso anno sono stati indennizzati 15 casi, di cui 10 per danno permanente liquidato in capitale e 5 in rendita.

Nello stesso anno sono stati indennizzati 15 casi, di cui 10 per danno permanente liquidato in capitale e 5 in rendita. DIREZIONE TERRITORIALE DI CATANIA Catania, 6 maggio 2015 OGGETTO: Incontro di lavoro Inail EBAT CIALA In occasione dell incontro di lavoro previsto in data odierna, l INAIL ha presentato alle parti sociali

Dettagli

Corso di aggiornamento Coordinatori per la sicurezza nei cantieri Regione Toscana Firenze maggio 2013

Corso di aggiornamento Coordinatori per la sicurezza nei cantieri Regione Toscana Firenze maggio 2013 Corso di aggiornamento Coordinatori per la sicurezza nei cantieri Regione Toscana Firenze 2-32 3 maggio 2013 Analisi dei dati statistici sugli infortuni nel settore delle costruzioni La medicina del lavoro

Dettagli

inizialmente. Solo per valutazione scheletrica prechirurgica

inizialmente. Solo per valutazione scheletrica prechirurgica CONFRONTO TRA LEA 2017 E DECRETO LORENZIN 2016 SULLE LIMITAZIONI PRESCRITTIVE DI TC E RMN SENZA MEZZO DI CONTRASTO ESAME(*) LEA 2017 Indicazioni prioritarie TC DEL RACHIDE E DELLO SPECO VERTEBRALE CERVICALE.

Dettagli

ATTIVITÀ CON ESPOSIZIONE AD AGENTI CANCEROGENI E ATTIVITÀ IN AMBIENTI CONFINATI O SOSPETTI DI INQUINAMENTO: IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE

ATTIVITÀ CON ESPOSIZIONE AD AGENTI CANCEROGENI E ATTIVITÀ IN AMBIENTI CONFINATI O SOSPETTI DI INQUINAMENTO: IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE Attività in ambienti confinati o sospetti di inquinamento: il ruolo del medico competente Ferrara giovedì 12 ottobre 2017 ***************** Il punto di vista dell organo di vigilanza dott.ssa Maria Rosa

Dettagli

Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Via Statuto, Milano. presenta

Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Via Statuto, Milano. presenta Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Via Statuto, 5-20121 Milano presenta IO LAVORO IN CASA PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE E SICUREZZA IN AMBIENTE DOMESTICO Il fenomeno dell immigrazione

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE CONDIZIONI DI EROGABILITA DI ALCUNE PRESTAZIONI DI TAC E RM

DEFINIZIONE DELLE CONDIZIONI DI EROGABILITA DI ALCUNE PRESTAZIONI DI TAC E RM DEFINIZIONE DELLE CONDIZIONI DI EROGABILITA DI ALCUNE PRESTAZIONI DI TAC E RM Dgr 704/2013 -NUOVI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA (LEA) DELIBERA 3/06/2013 GRUPPO DI LAVORO REGIONALE: MEDICI RADIOLOGI

Dettagli

Convegno Ambiente e Salute: attualità e prospettive di ricerca e di intervento nel territorio di Brindisi

Convegno Ambiente e Salute: attualità e prospettive di ricerca e di intervento nel territorio di Brindisi Convegno Ambiente e Salute: attualità e prospettive di ricerca e di intervento nel territorio di Brindisi Convegno Ambiente e Salute: attualità e prospettive di ricerca e di intervento nel territorio di

Dettagli

Indicazioni operative: sorveglianza sanitaria

Indicazioni operative: sorveglianza sanitaria Atti Attività di verniciatura: salute e sicurezza ed. CIMAL Milano (2009) 137-140 Indicazioni operative: sorveglianza sanitaria D. Dolara a*, V. Somenzi b, A.M. Firmi a, D. Cauzzi a, M. Valcarenghi a,

Dettagli

Analisi della morbosità

Analisi della morbosità Area di Milazzo I risultati delle analisi di mortalità e di morbosità dell area di Milazzo sono riportati nelle tabelle che seguono (Tabelle 21-22-23-24). Gli SMR e gli SHR sono segnalati quando il q-value

Dettagli

18/04/2014. sommario. Perché una indagine conoscitiva sulla grande distribuzione organizzata (GDO)

18/04/2014. sommario. Perché una indagine conoscitiva sulla grande distribuzione organizzata (GDO) sommario Disturbi muscoloscheletrici nella grande distribuzione. Dalla ricerca alle soluzioni Prevenzione ed Emersione di UL- WMSDs nell esperienza del Servizio PSAL ASL di Brescia Milano, 10 aprile 2014

Dettagli

LA MALATTIA PROFESSIONALE

LA MALATTIA PROFESSIONALE LA MALATTIA PROFESSIONALE La malattia professionale si differenzia dall'infortunio sul lavoro in quanto è dovuta all'azione nociva,lenta,protratta nel tempo e non a una causa violenta traumatica unica.

Dettagli

Risultati! Tabella 1 Tabella 2 Figura 1 Figura tratto cervicale dorsale arto superiore lombare Tabella Figura regressione logistica multinomiale

Risultati! Tabella 1 Tabella 2 Figura 1 Figura tratto cervicale dorsale arto superiore lombare Tabella Figura regressione logistica multinomiale Materiali e Metodi Lo studio è stato condotto presso il servizio di assistenza domiciliare (SAD) della Cooperativa Sociale Coopselios (PC) e presso i reparti di degenza della Casa di Cura San Clemente

Dettagli

U.O.C. Medicina del Lavoro Direttore: Prof. Marcello Lotti ERGONOMIA. Responsabile: Dott. Stefano Maso CARTA. Ospedale Giustinianeo 2 piano

U.O.C. Medicina del Lavoro Direttore: Prof. Marcello Lotti ERGONOMIA. Responsabile: Dott. Stefano Maso CARTA. Ospedale Giustinianeo 2 piano U.O.C. Medicina del Lavoro Direttore: Prof. Marcello Lotti ERGONOMIA Responsabile: Dott. Stefano Maso CARTA DI ACCOGLIENZA Ospedale Giustinianeo 2 piano 1 Ospedale Giustinianeo 2 piano 2 Presentazione

Dettagli

ALTERAZIONI IATROGENE DEL PARENCHIMA TIROIDEO: STUDIO RETROSPETTIVO E PROSPETTICO DI 468 PAZIENTI

ALTERAZIONI IATROGENE DEL PARENCHIMA TIROIDEO: STUDIO RETROSPETTIVO E PROSPETTICO DI 468 PAZIENTI ALTERAZIONI IATROGENE DEL PARENCHIMA TIROIDEO: STUDIO RETROSPETTIVO E PROSPETTICO DI 468 PAZIENTI Massimino M, Gandola L, Mattavelli F, Seregni E, Spreafico F, Marchianò A e Collini P Esposizione incidentale

Dettagli

SEMINARIO. ACTIVE AGEING E SORVEGLIANZA SANITARIA NELLE AZIENDE DEL SETTORE DI IGIENE AMBIENTALE Arezzo 26 novembre 2014

SEMINARIO. ACTIVE AGEING E SORVEGLIANZA SANITARIA NELLE AZIENDE DEL SETTORE DI IGIENE AMBIENTALE Arezzo 26 novembre 2014 SEMINARIO ACTIVE AGEING E SORVEGLIANZA SANITARIA NELLE AZIENDE DEL SETTORE DI IGIENE AMBIENTALE Arezzo 26 novembre 2014 PROTOCOLLO SANITARIO LAVORATORI OVER 55 Riccardo Salano e Sergio Rossi, Medici Competenti

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI

SINTESI DEI RISULTATI Nell 22 in provincia di Modena sono stati diagnosticati 4138 nuovi casi di tumore, 2335 tra gli uomini e 183 tra le donne. Sempre nello stesso periodo sono deceduti per tumore 1159 uomini e 811 donne.

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz LOMBALGIA : CARATTERI GENERALI Dolore + contrattura muscolare o rigidità fra arcata costale inferiore e pieghe glutee Lombalgia non specifica se non c è causa ben identificabile, specifica se c è causa

Dettagli

LE MALATTIE PROFESSIONALI IN PROVINCIA DI MODENA : ANALISI DELLE DENUNCE PERVENUTE ALL AZIENDA USL E ALL INAIL

LE MALATTIE PROFESSIONALI IN PROVINCIA DI MODENA : ANALISI DELLE DENUNCE PERVENUTE ALL AZIENDA USL E ALL INAIL LE MALATTIE PROFESSIONALI IN PROVINCIA DI MODENA : ANALISI DELLE DENUNCE PERVENUTE ALL AZIENDA USL E ALL INAIL L analisi delle denunce di malattia professionale che pervengono, in base ad uno specifico

Dettagli

Incontro con i Medici competenti della Provincia di Verona. 5 maggio Attualità in tema di malattie professionali

Incontro con i Medici competenti della Provincia di Verona. 5 maggio Attualità in tema di malattie professionali Incontro con i Medici competenti della Provincia di Verona 5 maggio 2010 Attualità in tema di malattie professionali Antonio Zedde SPISAL ULSS 20 Verona La malattia professionale si sviluppa a causa di

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Vibrazioni. Malattia professionale

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Vibrazioni. Malattia professionale Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Vibrazioni. Malattia professionale In questa unità didattica illustreremo le principali malattie professionali che colpiscono i lavoratori esposti a vibrazioni

Dettagli

Aumento dell eta dei lavoratori: quali implicazioni sanitarie e preventive

Aumento dell eta dei lavoratori: quali implicazioni sanitarie e preventive Aumento dell eta dei lavoratori: quali implicazioni sanitarie e preventive Pietro Apostoli Ordinario di Medicina del Lavoro,Università degli Studi di Brescia Presidente della Società Italiana di Medicina

Dettagli

Come gestire il rischio da movimentazione dei carichi: il ruolo dell RLS

Come gestire il rischio da movimentazione dei carichi: il ruolo dell RLS Come gestire il rischio da movimentazione dei carichi: il ruolo dell RLS Natale Battevi: Battevi.ergonomia@gmail.com NIOSH 1997 National Institute of Occupational Safety and Health ( dati confermati dalla

Dettagli

CARTELLA SANITARIA E DI RISCHIO (D. Lgs. 9 aprile 2008 n D.M. 12 luglio 2007 n. 155) Lavoratore sesso: M. Nato/a a:.. ( ) il..

CARTELLA SANITARIA E DI RISCHIO (D. Lgs. 9 aprile 2008 n D.M. 12 luglio 2007 n. 155) Lavoratore sesso: M. Nato/a a:.. ( ) il.. CARTELLA SANITARIA E DI RISCHIO (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 - D.M. 12 luglio 2007 n. 155) Lavoratore sesso: M F Nato/a a:.. ( ) il.. Codice fiscale Domicilio (Comune e Provincia).... ( ) Via Tel. Medico

Dettagli

IL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI, POSTURE INCONGRUE E MOVIMENTI RIPETUTI ARTI SUPERIORI: TIT. VI: D.L. 81/2008

IL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI, POSTURE INCONGRUE E MOVIMENTI RIPETUTI ARTI SUPERIORI: TIT. VI: D.L. 81/2008 IL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI, POSTURE INCONGRUE E MOVIMENTI RIPETUTI ARTI SUPERIORI: TIT. VI: D.L. 81/2008 I DISTURBI MUSCOLO-SCHELETRICI Molti di questi disturbi muscolo-scheletrici

Dettagli

RAPPORTO SULLE MALATTIE DA LAVORO PER L'ANNO 2010

RAPPORTO SULLE MALATTIE DA LAVORO PER L'ANNO 2010 RAPPORTO SULLE MALATTIE DA LAVORO PER L'ANNO 200 (comma 4 art. 26 della Legge 8 febbraio 998 n. ) UOC Sicurezza sul Lavoro UOS Medicina e Igiene del Lavoro AS. Patrizia Dragani Dr. Riccardo Guerra Dr.

Dettagli

RISCHI DI SOVRACCARICO BIOMECCANICO

RISCHI DI SOVRACCARICO BIOMECCANICO Giorgio Zecchi TdP SPSAL AUSL DI RE EPM-IES EMPOLI, 20-21 GIUGNO 2016 RISCHI DI SOVRACCARICO BIOMECCANICO l argomento Utilizzo del ISO TR 12295 ai fini di vigilanza per il primo controllo delle valutazioni

Dettagli

U.O.C. PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DIRETTORE: dott. AUGUSTO QUERCIA

U.O.C. PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DIRETTORE: dott. AUGUSTO QUERCIA U.O.C. PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DIRETTORE: dott. AUGUSTO QUERCIA Osservatorio Epidemiologico Provinciale degli Infortuni e delle Malattie Professionali DONNE E LAVORO Occupazione

Dettagli

Andamento infortuni malattie. professionali

Andamento infortuni malattie. professionali Andamento infortuni malattie INAIL dott. Carmine Cervo professionali 1 ANNI 2008-2012 Lido di Camaiore, 13/06/2014 SCOPO DELL INTERVENTO 2 1. Fornire uno scenario di sintesi sull andamento quantitativo

Dettagli

OSTEOPATIA B.F.D. BIOMECCANICA FUNZIONALE DINAMICA OSTEOPATIA BFD

OSTEOPATIA B.F.D. BIOMECCANICA FUNZIONALE DINAMICA OSTEOPATIA BFD OSTEOPATIA B.F.D. BIOMECCANICA FUNZIONALE DINAMICA OSTEOPATIA BFD INDICE Cosa è l Osteopatia BFD A chi è rivolta Come opera Cosa tratta Come si effettua un trattamento I vantaggi per il Paziente I vantaggi

Dettagli

Rischio ergonomico: : il caso del low back pain

Rischio ergonomico: : il caso del low back pain Università di Modena e Reggio Emilia Cattedra di Medicina del lavoro Rischio ergonomico: : il caso del low back pain Con la collaborazione del dott. Gianluca Corona e dott.ssa Elvira Tuccillo Problema

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 TITOLO VI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI ROBERTO SANDRINI

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 TITOLO VI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI ROBERTO SANDRINI DECRETO LEGISLATIVO 81/08 TITOLO VI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI ROBERTO SANDRINI SOVRACCARICO BIOMECCANICO E PATOLOGIE CORRELABILI SOVRACCARICO BIOMECCANICO DORSO-LOMBARE DAL PUNTO DI VISTA BIOMECCANICO

Dettagli

USL 3 PISTOIA Dipartimento della Prevenzione e USL 10 FIRENZE Laboratorio di Sanità Pubblica Area Vasta Toscana Centro Paese

USL 3 PISTOIA Dipartimento della Prevenzione e USL 10 FIRENZE Laboratorio di Sanità Pubblica Area Vasta Toscana Centro Paese Allegato B Modello di presentazione ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZONE A POLVERI DI FARINA NEL COMPARTO PANIFICATORI TITOLO DELLA SOLUZIONE MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE DEL

Dettagli

Casi con nesso causale positivo N % N % Malattie infettive (esclusa tubercolosi) (041) Infezioni batteriche in condizioni morbose classificate altr.

Casi con nesso causale positivo N % N % Malattie infettive (esclusa tubercolosi) (041) Infezioni batteriche in condizioni morbose classificate altr. Distrubuzione per classi di malattia dei casi segnalati e dei casi con nesso Malattie infettive (esclusa tubercolosi) (041) Infezioni batteriche in condizioni morbose classificate altr. Tumori maligni

Dettagli

Le malattie professionali da sovraccarico biomeccanico: i dati statistici regionali

Le malattie professionali da sovraccarico biomeccanico: i dati statistici regionali Trieste 22 settembre 2010 Le malattie professionali da sovraccarico biomeccanico: i dati statistici regionali Laura De Filippo INAIL F.V.G. - CONTARP (Consulenza Tecnica Accert. Rischi e Prevenzione) Autori:

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA IL SOVRACCARICO DEGLI ARTI SUPERIORI

LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA IL SOVRACCARICO DEGLI ARTI SUPERIORI LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA IL SOVRACCARICO DEGLI ARTI SUPERIORI Presupposti e situazione DISTURBI E PATOLOGIE SONO CAMBIATI: - 33 % mal di schiena - 28 % stress - 17 % arti superiori,

Dettagli

RLS MEDICO COMPETENTE

RLS MEDICO COMPETENTE Dott. Bruno Ricci - Medico Competente MEDOC RLS MEDICO COMPETENTE RUOLI, COMPITI E RELAZIONI SEMINARIO S.I.R.S. RIMINI 18 NOVEMBRE 2016 Esperienze pratiche in azienda di relazioni e collaborazioni fra

Dettagli

Le Malattie Professionali nella tutela INAIL Dati statistici, cenni normativi, indicazioni operative, trattazione

Le Malattie Professionali nella tutela INAIL Dati statistici, cenni normativi, indicazioni operative, trattazione Le Malattie Professionali nella tutela INAIL Dati statistici, cenni normativi, indicazioni operative, trattazione Inail sede di Treviso - dr. Ciro Tammaro 1 1 MP Italia 2006-2011 2006 2007 2008 2009 2010

Dettagli

Identificazione di misure di prevenzione in relazione ai rischi da sovraccarico Biomeccanico in Edilizia

Identificazione di misure di prevenzione in relazione ai rischi da sovraccarico Biomeccanico in Edilizia Identificazione di misure di prevenzione in relazione ai rischi da sovraccarico Biomeccanico in Edilizia Premessa Le malattie professionali riconosciute, in Europa, hanno subito nell ultimo decennio delle

Dettagli

DICHIARAZIONE STATO DI SALUTE

DICHIARAZIONE STATO DI SALUTE SEZIONE 1 : ANAGRAFICA Nome e Cogme : Luogo e Data di Nascita : Indirizzo di Redenza ( Via e Città) Telefo Cellulare : Titolo del Corso Post Lauream : Durata del Corso Post Lauream : Scolarità : Diploma

Dettagli

Le malattie muscoloscheletriche nell esperienza di Patronato (Marco Bottazzi)

Le malattie muscoloscheletriche nell esperienza di Patronato (Marco Bottazzi) Le malattie muscoloscheletriche nell esperienza di Patronato (Marco Bottazzi) 1 Impossibile visualizzare l'immagine. Impossibile visualizzare l'immagine. Malattie professionali denunciate nel 2008 Malattie

Dettagli

INDAGINI di MALATTIE PROFESSIONALI ASL MILANO - SERVIZIO PSAL - ANNO 2009

INDAGINI di MALATTIE PROFESSIONALI ASL MILANO - SERVIZIO PSAL - ANNO 2009 INDAGINI di MALATTIE PROFESSIONALI ASL MILANO - SERVIZIO PSAL - ANNO 2009 Nella seguente relazione vengono elaborati i dati raccolti dal Servizio in merito alle denunce di malattia professionale che annualmente

Dettagli

Scopo dello studio è indagare sul rischio potenziale valutato in alcuni reparti di degenza nell Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi,

Scopo dello studio è indagare sul rischio potenziale valutato in alcuni reparti di degenza nell Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi, 1) INTRODUZIONE: Le patologie muscolo-scheletriche riferite al rachide sono molto diffuse nelle realtà lavorative del settore agricolo, industriale e del terziario, perciò costituiscono uno dei principali

Dettagli

RADIOLOGIA. Prestazioni dell'attività Priorità Struttura erogante Unità erogante

RADIOLOGIA. Prestazioni dell'attività Priorità Struttura erogante Unità erogante RADIOLOGIA Prestazioni dell'attività Priorità Struttura erogante Unità erogante Clisma con doppio contrasto - 87.65.2 AOR TS Ospedale Cattinara CA_Radiologia Diagnostica 25 Tempi di attesa AOR TS Ospedale

Dettagli

4. La tutela assicurativa INAIL L infortunio sul lavoro

4. La tutela assicurativa INAIL L infortunio sul lavoro 4. La tutela assicurativa INAIL L infortunio sul lavoro Che cos è l infortunio sul lavoro: l evento lesivo che produce danno al lavoratore la cui causa, sia violenta, cioè acuta, di forza efficiente e

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie ortopediche Malattie reumatologiche Osteopatie da malattie endocrine Malattie ortopediche Patologia Accertamenti Patente A-B Patente C-D-E Idoneità Non idoneità

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE MACRO OBIETTIVO 7 Codici indicatori: 7.1.1 PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 Programma: Ricerca attiva delle neoplasie professionali e mappatura contenimento del rischio cancerogeno negli ambienti

Dettagli

"ATTIVITÀ DI CONTROLLO SULLA SORVEGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA: RICERCA ATTIVA DELLE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO"

ATTIVITÀ DI CONTROLLO SULLA SORVEGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA: RICERCA ATTIVA DELLE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO "ATTIVITÀ DI CONTROLLO SULLA SORVEGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA: RICERCA ATTIVA DELLE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO" RAZIONALE Laboratorio di Approfondimento - Settore Costruzioni,

Dettagli

Malattie professionali e ruolo del medico del lavoro nella grande distribuzione

Malattie professionali e ruolo del medico del lavoro nella grande distribuzione Corso: Incontriamo i Medici Competenti Malattie professionali e ruolo del medico del lavoro nella grande distribuzione 2 incontro 2 ottobre 2012 Intervento a cura di: Dr. Stefano Fontani Corso: Incontriamo

Dettagli

DESCRIZIONE PRESTAZIONE ASPIRAZIONE PERCUTANEA CISTI MAMMELLA ECO-GUIDATA SX 100 ASPIRAZIONE PERCUTANEA CISTI MAMMELLA ECO-GUIDATA DX 100

DESCRIZIONE PRESTAZIONE ASPIRAZIONE PERCUTANEA CISTI MAMMELLA ECO-GUIDATA SX 100 ASPIRAZIONE PERCUTANEA CISTI MAMMELLA ECO-GUIDATA DX 100 DESCRIZIONE PRESTAZIONE TARIFFA ASPIRAZIONE PERCUTANEA CISTI MAMMELLA ECO-GUIDATA SX 100 ASPIRAZIONE PERCUTANEA CISTI MAMMELLA ECO-GUIDATA DX 100 ECOGRAFIA ADDOME SUPERIORE 60 ECOGRAFIA ADDOME COMPLETO

Dettagli

Milano, 14 gennaio Pietro Gino Barbieri Servizio PSAL

Milano, 14 gennaio Pietro Gino Barbieri Servizio PSAL Verifica ed esame delle criticità insorte nel corso delle analisi delle valutazioni aziendali relative al rischio da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori e del rachide L esperienza dell ASL di

Dettagli

Capitolo 5 Le malattie professionali

Capitolo 5 Le malattie professionali Capitolo 5 Le malattie professionali Il raggiungimento della completezza delle informazioni e la qualità dei dati nel campo delle malattie professionali incontra alcuni ostacoli, legati in parte al processo

Dettagli

Gli accertamenti sanitari preventivi e periodici nella valutazione delle patologie osteoarticolari e il giudizio di idoneità

Gli accertamenti sanitari preventivi e periodici nella valutazione delle patologie osteoarticolari e il giudizio di idoneità Gli accertamenti sanitari preventivi e periodici nella valutazione delle patologie osteoarticolari e il giudizio di idoneità Luciano Romeo Medicina del Lavoro Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica

Dettagli

L'ANDAMENTO DELLE MALATTIE PROFESSIONALI (2006-2010) Gestione / Tipo di malattia 2006 2010

L'ANDAMENTO DELLE MALATTIE PROFESSIONALI (2006-2010) Gestione / Tipo di malattia 2006 2010 L'ANDAMENTO DELLE MALATTIE PROFESSIONALI (2006-2010) Fonte: archivi Banca Dati Statistica aggiornati al 30 aprile 2011 MALATTIE PROFESSIONALI manifestatesi nel periodo 2006-2010 e denunciate, per gestione

Dettagli

Barbara MIGLIETTA, Medico del Lavoro Dipartimento di prevenzione - ASS 6 Friuli Occidentale. Udine, 14 ottobre 2013

Barbara MIGLIETTA, Medico del Lavoro Dipartimento di prevenzione - ASS 6 Friuli Occidentale. Udine, 14 ottobre 2013 Il fenomeno della Sottonotifica delle sospette Malattie Professionali quale elemento critico di Sanità Pubblica: analisi, metodologia e risultati preliminari del Piano di Miglioramento in un Reparto di

Dettagli

Sorveglianza sanitaria: il ruolo del Medico Competente

Sorveglianza sanitaria: il ruolo del Medico Competente Sorveglianza sanitaria: il ruolo del Medico Competente Dott. Eugenio Carlotti Dott.ssa Maria Pia Cancellieri Compiti del MC nel D.LGS 626/94 e

Dettagli

umero 19 /2012 Campagna emersione malattie professionali

umero 19 /2012 Campagna emersione malattie professionali umero 19 /2012 Campagna emersione malattie professionali Con oggi prende avvio la campagna Campagna prevenzione Malattie Professionali dedicata alla emersione dei disturbi muscolo scheletrici e delle broncopneumopatie

Dettagli

Malattie Lavoro correlate : Esperienza di un medico Competente

Malattie Lavoro correlate : Esperienza di un medico Competente Malattie Lavoro correlate : Esperienza di un medico Competente Dott. Enrico Proto Coordinatore dei medici Competenti Comune di Milano HSR Resnati Medicina Occupazionale Milano 02/10/2012 A ) descrizione

Dettagli

UN PROGETTO ASSISTENZIALE DEL PEDIATRA DI FAMIGLIA. Dott. Valdo Flori, Pediatra di Famiglia FIMP Firenze

UN PROGETTO ASSISTENZIALE DEL PEDIATRA DI FAMIGLIA. Dott. Valdo Flori, Pediatra di Famiglia FIMP Firenze UN PROGETTO ASSISTENZIALE DEL PEDIATRA DI FAMIGLIA Dott. Valdo Flori, Pediatra di Famiglia FIMP Firenze LA VERA PANDEMIA DEL TERZO MILLENNIO intercettamento dei soggetti con eccesso ponderale ai 10 anni

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA PROGETTO: "FISIOTERAPIA IN AZIENDA PER IL BENESSERE DEI DIPENDENTI" 2017 DATA DI INIZIO: 2017 Corso Organizzato dall Unità Operativa Complessa Recupero

Dettagli

Le malattie professionali con particolare riguardo alle relazioni tra territorio e patologie

Le malattie professionali con particolare riguardo alle relazioni tra territorio e patologie Rimini, 8 novembre 2016 Adelina Brusco Attuario Consulenza Statistico Attuariale Amianto nell ultimo ventennio: evoluzione territoriale, sanitaria, tecnico-attuariale e giuridica Le malattie professionali

Dettagli

DONAZIONE DIFFERITA. dalle esperienze alle prospettive di sistema ESPERIENZA PILOTA IN TOSCANA

DONAZIONE DIFFERITA. dalle esperienze alle prospettive di sistema ESPERIENZA PILOTA IN TOSCANA DONAZIONE DIFFERITA dalle esperienze alle prospettive di sistema ESPERIENZA PILOTA IN TOSCANA U.O. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE AZIENDA USL 9 GROSSETO Dott.ssa Giuliana Bargagli Firenze 26

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI DI DIAGNOSTICA STRUMENTALE E TARIFFARIO

ELENCO PRESTAZIONI DI DIAGNOSTICA STRUMENTALE E TARIFFARIO ALL.A ELENCO PRESTAZIONI DI DIAGNOSTICA STRUMENTALE E TARIFFARIO All. 1 NOMENCLATORE TARIFFARIO RX Codice senza_punto codice descr_prestaz breve DESCR_PRESTAZ_completa 8703 87.03 TOMOGRAFIA CAPO 8722 87.22

Dettagli