Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content"

Transcript

1 Roberto Bellini Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content Un corso e una proposta di innovazione didattica targate Aica-Itsos di Cernusco

2 Roberto Bellini Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content Un corso e una proposta di innovazione didattica targate Aica-Itsos di Cernusco

3 Indice dei contenuti Abstract 3 Capitolo 1 Il progetto di nuova didattica 4 Capitolo 2 I questionari sui nuovi strumenti digitali 5 Capitolo 3 Il corso per i docenti 7 Capitolo 4 Le questioni rimaste aperte 9 Capitolo 5 La posizione istituzionale 10 Capitolo 6 Le indicazioni per la comunità di apprendimento 11 Capitolo 7 Quattro sono i bisogni da soddisfare nella comunità dei docenti 13 Capitolo 8 A che punto ci troviamo? 15 Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content 2

4 Abstract Le caratteristiche della innovazione didattica presentata nel documento di avanzamento sono fondamentalmente 3 La scelta dei docenti di lavorare in immersione totale nel web La identificazione e selezione dei principali strumenti e metodologie di lavoro per la docenza, rispetto ai 3 ruoli che i docenti assumono nella progettazione, realizzazione e verifica dei risultati del percorso didattico La costituzione in nuce di una smart community nella scuola che coinvolge la maggioranza degli attori che giocano un ruolo nella didattica. I risultati sono due: 1. un nuovo materiale didattico, generato dall esperienza dei docenti, supportato dai materiali testuali in formato elettronico messi a disposizione dagli editori scolastici, validato con il contributo degli studenti, in una parola gestito e utilizzato realmente; 2. la disponibilità di un percorso metodologico verificato e riproponibile per una estensione della sperimentazione ad una rete di scuole. Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content 3

5 Capitolo 1 Il progetto di nuova didattica Il progetto di innovazione didattica promosso da AICA insieme all ITSOS Maria Curie di Cernusco sul Naviglio nasce dalla convergenza di più fattori: 1) il finanziamento da parte della Regione Lombardia per l acquisto nel 2012 di tablet per un certo numero di scuole, 2) la disponibilità a confrontarsi sulla nuova didattica in ambiente digitale dei docenti delle scuole finanziate, fra cui quelli dell istituto tecnico sopraindicato, 3) la volontà di AICA di supportare la sperimentazione attraverso un piccolo finanziamento e i contributi dei propri esperti di didattica delle competenze e di comunicazione, e infine, ma non meno importante, 4) una riflessione pubblica orizzontale su quanto emerso; a tale riflessione pubblica sono stati invitati a partecipare i rappresentanti della Regione Lombardia e dell Ufficio Scolastico Regionale oltre che un editore di scolastica (Zanichelli) e l associazione dei docenti di informatica ANDINF che nel frattempo avevano condotto un sondaggio sui libri di testo digitali. Il progetto, partito circa 6 mesi fa, è stato impostato come un Corso online per docenti coinvolti nel Progetto Generazione Web, lanciato dalla Regione Lombardia, Assessorato Istruzione, Formazione e Lavoro; il corso era gratuito, a partecipazione libera e spontanea, di lunga durata: i docenti hanno aderito al progetto su base volontaria, spinti dalla curiosità di verificare i cambiamenti introdotti nella didattica a partire dalla propria esperienza, dandosi l obiettivo di individuare quando e come la rete, i dispositivi mobili e gli strumenti web 2.0 avrebbero potuto facilitare e migliorare sia il lavoro del docente che i risultati di apprendimento degli studenti. Buona è stata la percentuale di corsisti che hanno concluso il percorso tenendo conto che la partecipazione era volontaria; oltre 100 sui 270 iscritti. Il gruppo di lavoro è stato costituito da 4 docenti dell ITSOS e da Pierfranco Ravotto, di AICA, che hanno lavorato con altri 270 colleghi docenti coinvolti. Mara Masseroni, docente dell ITSOS, si è fatta portavoce nel seminario Fare didattica nel web. Facciamo il punto e virgola, organizzato da AICA e ANDINF a Milano il 15 ottobre del gruppo di lavoro e ha presentato i risultati del corso sperimentale. Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content 4

6 Capitolo 2 I questionari sui nuovi strumenti digitali Una prima importante attività del progetto è stata promuovere un dibattito/confronto sui vari temi della didattica nel web. Le risposte dei docenti coinvolti, hanno messo in evidenza che non tutti hanno accettato questo tipo di tecnologia all interno dei consigli di classe: le criticità individuate sono state relative all allungamento dei tempi in classe per problemi tecnici nell uso di ebook e, più importante, la mancanza di percorsi di formazione obbligatori per gli insegnanti, l assenza della revisione del tempo scuola, l introduzione di maggiore flessibilità nella didattica e, infine, la richiesta di sganciarsi gradualmente dagli schemi didattici tradizionali per esplorare nuove vie (magari collaborando con gli studenti); l introduzione delle nuove tecnologie nella didattica dovrebbe essere accompagnata da un programma che tenga conto di quanto indicato, in modo sistematico. Alla fine del corso i docenti/corsisti sono stati chiamati a rispondere a due questionari: uno di gradimento del corso, uno di autovalutazione dei risultati conseguiti. Si riportano di seguito alcune tra le più significative domande e risposte. Le risposte alla domanda: Avete già adottato libri digitali? Cosa ne pensate?, hanno fornito indicazioni positive e negative: gli aspetti positivi: gradimento da parte degli studenti, minor peso degli zaini,possibilità di interazione (ove possibile, come aprire note nel testo, inserire appunti integrativi, commenti, eseguire esercizi a scelta multipla, aprire post-it) e viceversa scarse espansioni online di contenuti/ esercitazioni/ video. gli aspetti negativi invece: molti libri digitali non consentono la copia o la stampa di parti del testo, spesso sono solo una trasposizione in PDF del testo cartaceo, senza collegamenti ad aree laboratoriali e limitata interazione con i testi (sottolineatura, qualche nota..), abbattimento non significativo dei costi rispetto ai libri cartacei, nessuna o scarsa interattività, scarsa possibilità di impostare una classe virtuale, difficoltà di scaricare gli e-book da Scuolabook, tempi lunghi di visualizzazione, nessun indice interattivo, assenza di adeguato supporto tecnico da parte degli editori. Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content 5

7 Le risposte alla domanda Siete disponibili a condividere le risorse didattiche da voi prodotte? Con quale licenza d uso? hanno dato luogo ad un censimento di 11 risorse conosciute e considerate utili come Hotpotatoes per gli esercizi, Audacity per l audio, Geogebra per le simulazioni e i grafici interattivi, Excel per le esercitazioni, Prezi per le presentazioni, WebQuest per le attività di ricerca guidata, ecc. La terza domanda Quali strumenti/ambienti utilizzate per la produzione di risorse? ha permesso di raccogliere una lista di 8 strumenti quali Dropbox, Skydrive, GoogleDrive etwinning, Blog, Registro elettronico, You- Tube, Facebook; mentre le risposte alla domanda Quali strumenti utilizzate per la comunicazione sincrona e asincrona? hanno messo in luce Skype e Hangout per quella sincrona e gli account gmail individuali e di classe per quella asincrona. Ancora interessanti sono state le risposte alle domande sull uso di nuove tecnologie; in particolare per LIM (lavagna interattiva multimediale): sono emersi anche per questa tecnologia 12 usi diversi quali svolgere esercizi, accedere a materiale in rete o risorse preparate dal docente; inserire collegamenti ipertestuali, immagini, video, evidenziare, disegnare, registrare, mostrare presentazioni PowerPoint, riassumere e organizzare le lezioni; esportare le lezioni o nel semplice formato pdf o come un vero e proprio filmato; proiettare il libro di testo, evidenziarlo, inserire note, svolgere esercizi interattivi; mostrare spezzoni di film/documentari/mappe/cartine (anche mute su cui scrivere); cercare contenuti in Internet; svolgere gli esercizi dal CD ROM del libro; costruire favole e giochi didattici interattivi; conservare, archiviare tutto ció che si scrive sulla lavagna in vari formati (pdf, jpg ecc.); aprire una finestra di collegamento con la classe online; costruire lezioni ad hoc e condividerle; costruire lezioni sul foglio bianco (come spreadsheet) e poi salvarle Tablet/iPad/ netbook: sono emersi 12 usi diversi quali prendere appunti, sottolineare testi, inserire commenti su testi dati, rielaborare testi, catturare immagini, registrare, filmare, navigare in rete, consultare libri digitali, usare app didattiche, realizzare mappe, realizzare ebook. OGGI, dopo la fine del corso, il 100/100 dei post dichiarano di essere disponibili a condividere le risorse! Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content 6

8 Capitolo 3 Il corso per i docenti Le indicazioni raccolte hanno costituito la base per l impostazione del corso online Fare Didattica nel Web. La dizione didattica nel web è stata discussa e scelta dai docenti per sottolineare che ormai non si può fare didattica senza la tecnologia: siamo di fronte ad una immersione totale in cui la tecnologia migra naturalmente in ogni singolo atto della operatività didattica. Masseroni ha riassunto i risultati della sperimentazione riportando ciò che i corsisti hanno evidenziato come punti di forza del corso: si è sviluppata una Comunità di docenti di discipline diverse (multidisciplinarietà) con il risultato di un ampio confronto metodologico e di strategie didattiche possibili impiegando la rete e vari strumenti web 2.0 il materiale di studio è stato organizzato per un apprendimento rapido, organizzato secondo le competenze digitali da far acquisire ai docenti (come da Syllabus Unesco) si è innescato, nelle scuole dei corsisti partecipanti al corso, un effetto contagio con disseminazione dei risultati e coinvolgimento di colleghi al di fuori del corso gli strumenti web 2.0 sono stati presentati nell ottica di un utilizzo concreto nella didattica quotidiana; sono stati messi a fattor comune una molteplicità di forum tematici che hanno consentito la raccolta di idee, progetti e percorsi didattici nella tecnologia È stato possibile effettuare un costante tutoraggio che ha consentito di coinvolgere, stimolare, incoraggiare a partecipare attivamente, con conseguente creazione di un ambiente di lavoro collaborativo e stimolante fare didattica nella tecnologia ha permesso di riconoscere un potenziale interessante: maggiore attrattività della didattica con conseguente aumento della motivazione ad apprendere una risposta più efficace a stili e ritmi di apprendimento diversi- Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content 7

9 ficati (multimedialità e multicanalità delle risorse sviluppate/utilizzate; percorsi online in auto-apprendimento e apprendimento assistito) un occasione di formazione per i docenti sempre più chiamati ad un uso delle nuove tecnologie e di ambienti di apprendimento virtuali un occasione per la scuola, quale istituzione, di ideare e implementare un offerta formativa più adeguata e rispondente ai bisogni Il corso ha inoltre raccolto, attraverso i post dei colleghi corsisti, la valutazione degli studenti relativamente all suo delle tecnologie nella didattica: molti favorevoli, anche se cominciano a capire che usare i tablet vuol dire fare delle attività di gruppo, fare delle ricerche a casa per poi discutere in classe il lavoro fatto, alcuni entusiasti, che però tendono a giocare con lo strumento: ci vuole autorevolezza, minacce e pazienza, ma alla fine comprendono l utilità alcuni lamentano invece difficoltà ad usare i libri digitali: capiscono comunque che un uso in classe responsabile, non corrisponde almeno per la maggioranza ad un uso a casa che sfrutti le potenzialità dello strumento; molti studenti vedono ancora il tablet come un gioco e non come uno strumento di studio Sul versante famiglie si riportano le seguenti considerazioni: la sperimentazione con i tablet è stata ben accolta anche se ci sono state manifestazioni di scetticismo perché il progetto è piovuto dal cielo senza preavviso; comunque le famiglie hanno di buon grado accettato di condividere questa esperienza sottoscrivendo i contratti e pagando anche la cauzione per eventuali danni o furti; i genitori sono stati in questa iniziativa i grandi assenti nei feedback; non sapevano cosa dire anche se alcuni hanno dimostrato interesse percependo anche per loro la possibilità di avvicinarsi a queste nuove tecnologie. Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content 8

10 Capitolo 4 Le questioni rimaste aperte Sono rimaste aperte le seguenti questioni: in che modo misurare l efficacia di questo paradigma didattico sugli apprendimenti, anche alla luce degli scadenti risultati/livelli raggiunti nelle indagini internazionali? quali strumenti, a livello nazionale, per monitorare e verificare che vi sia un reale miglioramento nel raggiungimento delle competenze base? come gestire l incongruenza tra i testi delle prove formali nazionali e la didattica per competenze nella tecnologia attuata in corso d anno? come gestire l incongruenza fra i tempi lunghi della didattica per competenze nelle tecnologia con i tempi reali della scuola e con i programmi da svolgere? Come uscirne vivi? Privilegiare la complessità orizzontale sacrificando quella verticale? come gestire la dicotomia tra l incoraggiamento all uso dei dispositivi mobili e la rete e le direttive MIUR sul divieto di usare dispositivi mobili e la rete nei momenti di verifica formale? come coniugare la certificazione di avvenuto raggiungimento di competenze e la rigida organizzazione per classi e non per livelli? quale formazione per gli insegnanti tenuti a raggiungere le competenze digitali come da Syllabus UNESCO? quando e come le dotazioni tecnologiche delle scuole non saranno più ostacolo ad una didattica nella tecnologia? Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content 9

11 Capitolo 5 La posizione istituzionale I contributi degli attori istituzionali invitati al convegno e la successiva discussione hanno costituito a tutti gli effetti un momento di riflessione sulla sperimentazione e di arricchimento collettivo per i docenti presenti. Gli attori istituzionali coinvolti sono stati ANDINF-Associazione dei docenti di informatica: ha effettuato una prima rilevazione e un analisi dell utilizzo dei libri di testo digitali nella scuola; secondo Maria Romano, docente e Vicepresidente ANDINF, su 228 rispondenti del campione l 82% dichiara di avere adottato un libro digitale o misto e il 57% lo considera uno strumento valido per l attività didattica, anche se il 60% ne considera scarsa la interattività; studenti, docenti e famiglie invocano una Interattività sia nel testo che nelle esercitazioni, la possibilità di stampa, l accesso diretto ai contenuti on line, prezzi significativamente più bassi dei testi cartacei, la possibilità di utilizzare la dote scuola per l acquisto Regione Lombardia: Alessandro Corno, dell Amministrazione Regionale ha fornito indicazioni sul contributo che ha permesso l acquisto dei tablet in 329 scuole per un totale di circa studenti; Ufficio Scolastico Regionale: Barbero ha sottolineato l orientamento positivo dell Ufficio Scolastico a garantire le migliori condizioni di sperimentazione e diffusione dell iniziativa; Zanichelli, editore di scolastica: Giuseppe Ferrari, direttore editoriale di Zanichelli, ha sottolineato il ruolo editoriale come fornitore di contenuti e risorse culturali accreditate a livello nazionale oltre che per singola disciplina Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content 10

12 Capitolo 6 Le indicazioni per la comunità di apprendimento Possiamo a questo punto estrarre qualche indicazione di carattere più generale da quanto abbiamo imparato dal progetto ITSOS/AICA Fare didattica nel web 2.0. La prima osservazione riguarda la necessità del cambiamento: la didattica cambia perché cambiano le modalità di apprendimento degli studenti nell ambiente digitale, perchè sono cambiate le modalità di comunicazione, perchè le risorse messe a disposizione dalle rete sono pressochè illimitate; la disponibilità di tecnologie digitali abilita l accesso al sapere e alla conoscenza in tutti i settori e le discipline, quasi con un eccesso di opportunità che bisogna imparare a controllare e verificare. Nel caso specifico dell ITSOS si è sviluppata (in modo naturale) una comunità digitale di docenti come luogo di apprendimento e discussione partecipata nell ambito di un dominio quello del progetto didattico in ambiente digitale in cui si addensano argomenti di interesse condiviso fra i partecipanti alla comunità; la riflessione pubblica sui risultati della sperimentazione ha costruito le premesse per la costituzione di una smart community nella scuola che varrebbe la pena di continuare a sviluppare come luogo più istituzionale di futuri nuovi cicli di verifica, sperimentazione estesa per la produzione di nuovi materiali e nuove metodologie didattiche, nel web, come è stato giustamente messo in luce dal gruppo di lavoro. Come membri della Comunità i docenti hanno condiviso un identità e una missione, hanno cooperato alla produzione dei materiali e delle metodologie e quindi creato conoscenza, si sono riconosciuti e hanno rafforzato la propria identità di docenti. Oltre che per se stessa la Comunità dei docenti ha influito in modo determinante nel supporto alla Comunità degli studenti che a sua volta si è fatta parte attiva nelle conversazioni educative attraverso l utilizzo di supporti informativi (come testi, immagini, audio, filmati), la partecipazione a proposte di lavoro (come esercizi, case study, webquest, simulazioni e i la- Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content 11

13 boratori virtuali) e attraverso la realizzazione di artefatti, oggetti culturali pubblicati e quindi ri-immessi nel flusso della cultura. (ciò in una logica di sostenibilità nel tempodi tale didattica) La Comunità di apprendimento assistito degli studenti, sempre connessi attraverso i tablet, oltre che fra di loro, anche ai loro insegnanti e ai materiali didattici ha perseguito l obiettivo di configurare il proprio ambiente di studio secondo il proprio stile cognitivo per ottenere un adeguato livello di solidità e qualità della conoscenza. Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content 12

14 Capitolo 7 Quattro sono i bisogni da soddisfare nella comunità dei docenti Il docente in generale ha bisogno 1) di un progetto che sia innescato da identificazione degli specifici bisogni formativi che spesso il discente non è in grado di esplicitare (latenti) qualificazione e selezione delle occasioni di apprendimento, le metodologie e le tecnologie più adatte al contesto (tipologia di utenti e loro livello culturale, competenze digitali,; tempi per la formazione; risorse;); messa a fuoco delle risorse disponibili materiali didattici, ambienti in rete, laboratori, più adatte; attivazione delle modalità più adatte per interagire con altri soggetti/ organizzazioni cui chiedere di svolgere un ruolo nella formazione, siano essi esperti, aziende in cui far svolgere esperienze di stage, fornitori di tecnologia, Più specificamente, quando il docente svolge il ruolo di animatore/coordinatore in una comunità di apprendimento, dovrà anche 2) sostenere la motivazione della comunità nel suo insieme e quella dei singoli; monitorare costantemente le attività intervenendo per risolvere i problemi e superare le difficoltà individuali o collettive; fornire costanti feedback al gruppo ed ai singoli; valorizzare il lavoro dei partecipanti; modificare in itinere le proposte di lavoro e fornire nuovi materiali didattici Se invece al docente è richiesto di svolgere il ruolo 3) di produttore e adattatore di materiali didattici, gli viene richiesto di Avere specifiche competenze disciplinari come instructional designer Saper riconoscere, selezionare, qualificare e usare la molteplicità di strumenti tecnici di produzione. Chiedere agli editori che forniscano dei contenuti su cui poter lavorare Per completare il suo ruolo infine 4), il docente che orienta e i propri Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content 13

15 studenti al lavoro e svolge attività di recupero, ha bisogno di poter governare il progetto Fornendo agli studenti elementi per comprendere la realtà professionale (cosa è successo durante e dopo) Aiutandoli a costruirsi un percorso di studio/lavoro Organizzando esperienze di stage coerenti con l interesse degli studenti Misurando le competenze in uscita acquisite da parte degli studenti (certificazione) Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content 14

16 Capitolo 8 A che punto ci troviamo? Ci sembra di poter qualificare il progetto di sperimentazione didattica in ambiente digitale come un progetto innovativo in più tappe di cui sono state concluse le prime due La messa a fuoco della nuova idea didattica da parte di un primo nucleo di docenti innovatori La conclusione della verifica di questa idea con la sperimentazione concreta di un nuovo sistema didattico completamente immerso nel digitale (quella che in gergo si chiama proof of concept ) Le evidenze della costruzione del nuovo modello didattico e la sua sperimentazione presso l ITSOS Marie Curie, intorno a cui si è aggregata la Smart Community che ha preso forma nel workshop di discussione, predispone le istituzioni finanziarie e di governo della didattica locale a fare uno sforzo anche finanziario per trasformare il prototipo metodologico in metodologia didattica consolidata da replicare e diffondere presso il sistema educativo regionale, rispondendo, magari con modalità mirate anche se estese ad un più ampio campione comunque selezionato di scuole, allo stimolo che il prototipo ha delineato come fattibile e promettente. AICA in questo contesto si qualifica come attivatore della comunità e agenzia di comunicazione e promozione della smart community che innesca un percorso ricorsivo di a) analisi e riflessione, b) progettazione educativa (instructional design), c) realizzazione e sperimentazione, d) valutazione dei risultati, per alimentare un successivo ciclo. Fare didattica nel web 2.0: dall ebook al self-managed content 15

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI: PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER è una società di studio e ricerca nell ambito dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. OBIETTIVI: Supportare le istituzioni

Dettagli

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie -

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie - M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E, D E L L U N I V E R S I T A E D E L L A R I C E R C A ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE JEAN MONNET Istruzione Tecnica e Liceale Via S. Caterina 3 22066 MARIANO

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF. Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso

PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF. Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso Premessa La legge 107 prevede che dall anno 2016 tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell Offerta Formativa azioni coerenti

Dettagli

FILOSOFIA: AUTORI TESTI TEMI

FILOSOFIA: AUTORI TESTI TEMI Un libro di filosofia che legge e interpreta la realtà quotidiana FILOSOFIA: AUTORI TESTI TEMI M. Vegetti L. Fonnesu Il futuro è la nostra materia. www.mondadorieducation.it Piano dell opera M. Vegetti

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD DIREZIONE DIDATTICA LORENZINI CASERTA Sede centrale: Viale Cappiello, 23 81100 CASERTA (CE) Tel./fax 0823443641 Cod. Fiscale 93082920617 Codice Meccanografico Scuola CEEE100002 E-mail: ceee100002@istruzione.it

Dettagli

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Ministero dell' Istruzione, dell'università e della Ricerca CIRCOLO DIDATTICO STATALE "TERESA DI CALCUTTA" VIA GUGLIELMINO 49. 95030 TREMESTIERI ETNEO Codice meccanografico: ctee081004 - Mail ctee081004@istruzione.it

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019 La Scuola che cambia Proposta progettuale dell Animatore Digitale Ins. Francesca Cocchi Dirigente Scolastico Rosella Puzzuoli Allegato al POF TRIENNALE 2016/2019 PREMESSA Il Piano Nazionale per la Scuola

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA SEMINARIO NAZIONALE PER L ACCOMPAGNAMENTO DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABANO TERME 29-30 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE INS. GRILLO

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

Provider esclusivo in Puglia e Calabria di

Provider esclusivo in Puglia e Calabria di Provider esclusivo in Puglia e Calabria di Prof. Piera Schiavone 1 PER FORMARE I DOCENTI E PROGETTARE L INNOVAZIONE A SCUOLA Animatore digitale Formazione interna: stimolare la formazione interna alla

Dettagli

PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA

PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA L Animatore Digitale individuato in ogni scuola sarà formato in modo specifico affinché possa (rif.prot. n 17791

Dettagli

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri.

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri. Libr@ Verifica anno 2013/14 ASPETTI PUNTI DI FORZA LIMITI MIGLIORAMENTO Motivazione e organizzazione Interesse, motivazione e coinvolgimento da parte di tutti. Uso del web Possibilità di reperire in Internet

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Vederci Chiaro!

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Vederci Chiaro! ADM Associazione Didattica Museale Progetto Vederci Chiaro! Chi siamo? Dal 1994 l'adm, Associazione Didattica Museale, è responsabile del Dipartimento dei Servizi Educativi del Museo Civico di Storia Naturale

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

Modello di lezione con la LIM Wireless e Salute. Due classi quarte (4ISB e 4ISD) studenti di 17-18 anni

Modello di lezione con la LIM Wireless e Salute. Due classi quarte (4ISB e 4ISD) studenti di 17-18 anni SCHEDA PROGETTO LIM Dati dell istituzione scolastica Codice VETF04000T Denominazione I.T.I.S. CARLO ZUCCANTE Indirizzo TF45 - PROGETTO ABACUS -INFORMATICA Titolo di progetto Classi coinvolte Docenti conduttori

Dettagli

Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device

Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device La rete delle scuole per una didattica innovativa a.s. 2010/2011: Liceo Scientifico F.Lussana la 4L inserisce l ipad come

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

Introduzione e modello EAS

Introduzione e modello EAS Nr. modulo Titolo modulo formativo Descrizione argomenti trattati Competenze professionali in uscita 1 CORSO BASE PER 20 PERSONE DI 10 Lavorare con gli Episodi di Apprendimento Situato in classe. Progettazione,

Dettagli

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI.

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PREMESSA L utilizzo delle tecnologie didattiche nel processo d insegnamento

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

Corso EPICT Valutazione e ICT

Corso EPICT Valutazione e ICT Corso EPICT Valutazione e ICT (Certificazione EPICT Bronze Valutazione e ICT) La valutazione nella Scuola digitale evolve come evoluti rispetto alla scuola tradizionale - sono gli oggetti di valutazione.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA Mod. g 2 b - Unità di apprendimento CLASSE: 5^ A TITOLO: Appunti di viaggio: ricordi e racconti delle esperienze della classe Quinta

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet La rivoluzione tecnologica innescata dal web e dai social network, ha accentuato l uso quotidiano di nuovi strumenti informatici entrati prepotentemente

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 PRESENTAZIONE INIZIATIVA DI FORMAZIONE TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 IDENTIFICATIVO FA1-AA-PRE-TRASPARENZA-SCUOLE-1.0 VERSIONE Ed. 1 Rev. 0/23-10-2013

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

Ebook a scuola: proposte editoriali

Ebook a scuola: proposte editoriali Ebook a scuola: proposte editoriali Di Paola Ricci Proposte degli Editori: Scuolabook, ambienti web, App Gli editori italiani hanno risposto alle sollecitazioni del Ministero con: 1. adesione al portale

Dettagli

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Allegato al PTOF dell I.C. Giuseppe Scelsa Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Premessa L Animatore Digitale individuato in ogni scuola sarà (rif. Prot. n 17791 del 19/11/2015) destinatario di un

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Art. 15, comma 3, lett. a) e b) Legge 6 agosto 2008, n. 133 Caratteristiche tecniche e tecnologiche libri di testo PREMESSA Il libro di testo, nella sua versione a stampa, on line e mista, costituisce

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica di Valentina Gabusi DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica - Valentina Gabusi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.)

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.) PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.) RUOLO E COMPITI DELL ANIMATORE DIGITALE L animatore digitale è un docente a tempo indeterminato, individuato

Dettagli

Commissione Informatica/Multimedialità

Commissione Informatica/Multimedialità Quando un uomo siede un'ora in compagnia di una bella ragazza, sembra sia passato un minuto. Ma fatelo sedere su una stufa per un minuto e gli sembrerà più lungo di qualsiasi ora. Questa è la relatività.

Dettagli

Scheda Progetto. Dati generali. Nome progetto. Il mondo intorno a noi. Ordine scolastico. Professionale. Proponenti. Marco Lega

Scheda Progetto. Dati generali. Nome progetto. Il mondo intorno a noi. Ordine scolastico. Professionale. Proponenti. Marco Lega Scheda Progetto Dati generali Nome progetto Il mondo intorno a noi Ordine scolastico Professionale Proponenti Marco Lega Data Inizio 15/01/2015 Data Fine 19/03/2015 Destinatari 27 studenti classe 2N Ipia

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD FORMAZIONE INTERNA: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l organizzazione di laboratori formativi (senza essere necessariamente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PROGETTO CLASSI in RETE curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PREMESSA Da sempre la conoscenza ha rappresentato l elemento fondamentale di discriminazione sociale, politica

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

Progetto Triennale d intervento dell Animatore Digitale

Progetto Triennale d intervento dell Animatore Digitale ALLEGATO N. 4 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 6 Circolo - R. GIRONDI Via Zanardelli, 29 76121 BARLETTA Tel. 0883 349489 Fax 0883349489 E mail: baee06400r@istruzione.it Cod. Mecc. BAEE06400R Cod. Fisc. 81003590726

Dettagli

Non separare la Scuola dalla vita (C.Freinet) «Aiutiamoli a fare da soli»(m.montessori)

Non separare la Scuola dalla vita (C.Freinet) «Aiutiamoli a fare da soli»(m.montessori) insegnare non più e non solo per trasferire saperi, per cui spesso basta un clic, bensì per formare uno studente competente, avviato a essere un futuro cittadino riflessivo e responsabile, aperto al nuovo

Dettagli

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica learning nella didattica Il presente documento propone la struttura e i contenuti di un possibile documento relativo alle linee guida sull uso dell elearning nell ambito delle attività didattiche con riferimento

Dettagli

PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014

PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014 PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014 La nostra scuola è dotata di Dipartimenti Disciplinari intesi come articolazioni funzionali del Collegio dei Docenti per il sostegno alla didattica e alla progettazione

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 204-205 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Syllabus a.a. 204-205 versione.0 BREVE INTRODUZIONE AL MODULO Il Syllabus indica

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA FORMATIVE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI (PROGETTO H ).

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA FORMATIVE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI (PROGETTO H ). A I S T I T U T O M A G I S T R A L E S T A T A L E T O M M A S O S T I G L I A N I con Indirizzi: LICEO SCIENZE UMANE - LICEO SCIENZE UMANE opzione ECONOMICO SOCIALE LICEO LINGUISTICO LICEO MUSICALE Via

Dettagli

Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale

Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale Valentina Gabusi Zanichelli Editore S.p.A. vgabusi@zanichelli.it Dal 2014 a oggi sono più di 14.000 i docenti che hanno

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore Chi siamo? Dal 1994 l'adm, Associazione Didattica Museale, è responsabile dei Servizi Educativi del Museo Civico

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE Progettazione e realizzazione di percorsi di cittadinanza attiva attraverso le nuove tecnologie. PREMESSA Abbiamo scelto per semplicità di presentare in questo

Dettagli

Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto

Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto PROGETTO POLO DI MILANO PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA PROGRAMMA DI ITALIANO PER L ANNO SCOLASTICO 2014-15 Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto Responsabile del progetto: Prof.ssa

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 CF: 92082410512 - cod. MIUR: ARIC841007 - email: aric841007@istruzione.it pec:aric841007@pec.istruzione.it

Dettagli

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che

Dettagli

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria Cre@tivi Digit@li S.M.S. Don Milani - Genova Liguria S.M.S. Don Milani - Scuola sperimentale Progetto Nazionale Scuola Laboratorio don Milani, ex art.11 (iniziative finalizzate all innovazione), D.P.R.

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

Alunni della classe 2^ A - Scuola Primaria "Molino Vecchio" Gorgonzola (MI)

Alunni della classe 2^ A - Scuola Primaria Molino Vecchio Gorgonzola (MI) Scheda Progetto Dati generali Nome progetto Ecco a voi... Expo Milano 2015! Ordine scolastico Primaria Proponenti Emanuela Bramati Data Inizio 10/02/2015 Data Fine 18/03/2015 Destinatari Alunni della classe

Dettagli

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Diploma On Line secondo anno 2006/07 Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Corsista: Orazio Rapisarda classe C1 Il progetto scaturisce dall opportunità di lavorare con un gruppo di alunni che avevano

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO GIORDANO BRUNO

LICEO SCIENTIFICO GIORDANO BRUNO Allegato n 5 LICEO SCIENTIFICO GIORDANO BRUNO ARZANO - NAPOLI PNSD Il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) è il documento di indirizzo del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca per

Dettagli

ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI

ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI Il Centro Territoriale Permanente (CTP) per la formazione e l istruzione in età adulta, operativo presso il nostro istituto si pone i seguenti obiettivi: affronta il tema della

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA PREMESSA Secondo le Linee Guida per l elaborazione dei Piani di Studio Provinciali (2012) la TECNOLOGIA, intesa nel suo

Dettagli

Materia: TECNOLOGIE INFORMATICHE. Programmazione dei moduli didattici

Materia: TECNOLOGIE INFORMATICHE. Programmazione dei moduli didattici Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE e-l@boriamo Pag 2 - PROGETTO Pag 3 - OBIETTIVI/ TECNOLOGIE/METODOLOGIE DI LAVORO Pag 4 - PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Gli studenti sono immersi nelle tecnologie ma sono carenti nel loro utilizzo dal punta di vista metodologico. Tocca agli insegnanti avviare un

Gli studenti sono immersi nelle tecnologie ma sono carenti nel loro utilizzo dal punta di vista metodologico. Tocca agli insegnanti avviare un AULA 2.0 La sperimentazione aula 2.0, basata sulla didattica in rete o e_learning o FAD di III generazione, implica inevitabilmente la trasformazione della didattica che passa da una tipologia comunicativa

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corpus del corso, di durata triennale, è costituito da sapere e saper fare legati al mondo del web, delle nuove tecnologie e alla gestione di quelle che definiamo esperienze

Dettagli

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi b PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione

Dettagli

Laborastoria edi+ G. B. PALUMBO EDITORE

Laborastoria edi+ G. B. PALUMBO EDITORE Roberto Siboni, Michele Pastorino, Italo Rosato Laborastoria edi+ G. B. PALUMBO EDITORE Destinazione Ordine e indirizzo di scuola Scuola secondaria di primo grado Materia Storia La proposta culturale e

Dettagli

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza www.lecito.org info@lecito.org Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza Il Convegno A scuola di Competenze del 29 ottobre 2013 ha avuto una partecipazione

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ENRICO FORZATI Via Casa Aniello, 34 80057 SANT ANTONIO ABATE (NA) Tel. 0818796349 http://www.icforzati.gov.it e-mail naic8b7001@istruzione.it pec naic8b7001@pec.istruzione.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019. Team per l Innovazione dell ISC Nardi

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019. Team per l Innovazione dell ISC Nardi PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019 Team per l Innovazione dell ISC Nardi PREMESSA L animatore digitale individuato in ogni scuola sarà formato in modo specifico affinché possa (rif. Prot. N 17791

Dettagli

Tablet in spalla. Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci»

Tablet in spalla. Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci» Tablet in spalla Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci» Progetto pilota su tre scuole secondarie di 1 grado di Lucca Scuola G. Carducci IC Lucca 1 Scuola D. Chelini

Dettagli

Associazione Nazionale Docenti

Associazione Nazionale Docenti www.associazionedocenti.it and@associazionedocenti.it Didattica digitale Le nuove tecnologie nella didattica Presentazione del Percorso Formativo Il percorso formativo intende garantire ai Docenti il raggiungimento

Dettagli

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico I. C. I. NIEVO CAPRI Scuola secondaria di I grado Classe Coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO: Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Cognome e nome Data e luogo di nascita

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO dell Animatore Digitale per il PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO dell Animatore Digitale per il PNSD ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SOGLIANO AL RUBICONE Scuole dell Infanzia, Primarie, Secondarie dei Comuni di Sogliano, Borghi, Roncofreddo Via Aldo Moro, 6-47030 Sogliano al Rubicone (FC) - TEL. 0541-948631

Dettagli

AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: SPERIMENTAZIONE DI WebCeM COME STRUMENTO DI SUPPORTO ALLO STUDIO E ALLA CREAZIONE DI MATERIALE DIDATTICO

AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: SPERIMENTAZIONE DI WebCeM COME STRUMENTO DI SUPPORTO ALLO STUDIO E ALLA CREAZIONE DI MATERIALE DIDATTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TESI DI LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: SPERIMENTAZIONE DI WebCeM COME STRUMENTO DI SUPPORTO ALLO STUDIO E ALLA CREAZIONE DI MATERIALE

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli