P U L I TO I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I TO I N S I E M 100%

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P U L I TO I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I TO I N S I E M 100%"

Transcript

1 P U L I T O INSIEME PER UN MONDO PIU PULITO I N S I E M 100%

2 INDICE CHI SIAMO... 4 LE NOSTRE REGIONI... 5 STRUTTURA DEL GRUPPO... 6 IL NOSTRO MANAGEMENT... 7 LO SVILUPPO DEL SUCCESSO... 8 FATTORI DI ATTRATTIVITA PER L INVESTIMENTO... 9 UN APPROCCIO INTEGRATO UNA CHIARA STRATEGIA DI CRESCITA I PUNTI DI FORZA DEL MARCHIO IL COINVOLGIMENTO DEL CONSUMATORE IL PROGETTO DI BASE IL PROCESSO TECNOLOGICO UNA TENDENZA MONDIALE: IL RECUPERO RUSSIA CRESCITA DELLA QUOTA DEI MATERIALI DI RECUPERO LO SCENARIO DI SVILUPPO: IL CONSOLIDAMENTO ECOSISTEMA IL LEADER DEL MERCATO INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA CONTATTI I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 3

3 CHI SIAMO LE NOSTRE REGIONI ECOSISTEMA il più grande operatore russo a struttura verticale integrata Opera da più di 8 anni nel campo dei servizi e delle tecnologie per l'ambiente attraverso la gestione integrata del trattamento e dello smaltimento dei rifiuti nelle città e nelle regioni della Russia. Gestisce tutto il ciclo dei rifiuti: dalla raccolta e dal trasporto fino al trattamento e al recupero delle materie prime. siamo presenti in 6 regioni Leader nell ambito dei finanziamenti dei progetti per la realizzazione delle infrastrutture, compresi i progetti con partnership statale e privata. Costruisce degli impianti destinati a deposito, raggruppamento preliminare, recupero e messa in riserva. Implementa delle tecnologie innovative per il deposito dei rifiuti con il massimo controllo sugli aspetti ambientali connessi alla gestione della discarica. La macro regione IL CENTRO La macro regione GLI URALI d'investimento 16miliardi entro 2020 Lo staff che lavora negli stabilimenti del Gruppo è composto da oltre 1000 persone. Ogni unità operativa regionale ha proprie risorse tecniche ed industriali, un autoparco con macchine russe e straniere ed un parco contenitori, conformi alle norme europee. LA NOSTRA ATTIVITA : Membro dell'associazione internazionale ISWA, che si propone di diffondere la gestione sostenibile e professionale dei rifiuti a livello mondiale. La macro regione IL GRANDE VOLGA di abitanti 2,4milioni serviti di 6,0milioni m3 dei rifiuti per la raccolta e il recupero RACCOLTA dei rifiuti solidi urbani, dei rifiuti di grande ingombro dai luoghi di produzione e dai punti di raccolta 100% DEPOSITO del materiale nontrattabile nelle discariche TRASPORTO dei rifiuti all'impianto per selezione, raggrupamento, sanificazione e deposito e smaltimento TRATTAMENTO produzione delle materie prime e dei semilavorati Il territorio d'azione del Gruppo Il territorio dei progetti in fase di sviluppo Il territorio potenziale d'interesse il cerchio corrisponde alla quota del mercato dei rifiuti urbani nella regione SELEZIONE della materia utile dai rifiuti solidi urbani e dai rifiuti di grande ingombro COLTIVAZIONE delle discariche, e riqualificazione finale 4 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 5

4 STRUTTURA DEL GRUPPO IL NOSTRO MANAGEMENT ECOSistema S.P.A. Attività di gestione EcoSistemaA S.r.l. Astrakhan Eco Servis S.r.l. ECOSistema Europa azionista controllante Gestione aggregata ECOINVEST S.p.A. Attività d'investimento Yuzhniy center S.p.A.* Astrakhan PEK S.p.A. Abbiamo creato una delle squadre di esperti più brillanti della nostra industria Andrey Yakimchuk Direttore generale Olga Grigorieva Economia e Finanze TBO Servis S.r.l. Belgorod PEK S.p.A. Saratov Eco Servis S.r.l. Saratov PER S.r.l. EcoAltai S.r.l. Kostroma PEK S.p.A. Perm EcoServis S.r.l. Perm PEK S.p.A. Ryazan Eco Servis S.r.l. Volgograd Eco Invest S.r.l. Volgograd Eco Servis S.r.l. Gestione aggregata Gestione aggregata Ryazan PEK S.p.A. Volgograd PEK S.r.l. Oksana Agranovskaya PR GR Dmitry Krishenko Sviluppo Alexandra Berezhko Legale EcoMedServis S.r.l KLIN Servis S.r.l. Gestione aggregata Mosca PEK S.r.l. Società di trasporto (raccolta e trasporto dei rifiuti) PEK complesso industriale ambientale * Il centro di trattamento dei materiali secondari della zona sud Società di infrastruttura (selezione e recupero) Kommunalnye mashiny Leasing S.p.A. Vladimir Grishenko Investimenti Mikhail Berlizov Processo e ingegneria Stanislav Ivanov Audit 6 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 7

5 LO SVILUPPO DEL SUCCESSO FATTORI DI ATTRATTIVITA PER L INVESTIMENTO Fondazione del Gruppo. Sviluppo delle prime società operative. Contratto d investimenti con la regione di Astrakhan per la realizzazione del sistema complessivo di gestione dei rifiuti regionali Realizzazione del sistema di gestione dei rifiuti nella regione di Astrakhan: i progetti Astrakhan1 e Astrakhan2, la costruzione e l esercizio dell impiano di selezione, della discarica di Astrakhan, della rete di stazioni di trasbordo e degli impianti di trattamento dei rifiuti regionali. Sviluppo del ciclo dei rifiuti nella regione di Belgorod e dell Altai. Sviluppo del territorio industriale per la realizzazione del centro dei rifiuti a Kostroma. Servizi di raccolta e trattamento dei rifiuti provenienti dalle strutture del Ministero della Difesa della Federazione Russa nelle 15 regioni. Implementazione dei programmi d ottimizzazione dei costi delle strutture attive Esercizio delle strutturedi trattamento dei rifiuti nella regione di Astrakhan: Astrakhan1 e Astrakhan2, dell impianto di selezione e della nuova discarica, della rete di trasbordo e degli impianti di recupero. Vendita delle materie prime. Gestione del centro dei rifiuti a Kostroma seguendo le condizioni del contratto di concessione. Espansione dell attività sul territorio della regione di Ryazan. La quota del mercato di Ryazan è del 50%. Raccolta e trattamento dei rifiuti provenienti dalle strutture ospedaliere di Mosca. Contratto con la banca Sberbank per gli investimenti nei progetti del settore per il totale di 16 milliardi di rubli Sviluppo dell attività attuale sui territori di: regione di Astrakhan; regione di Ryazan; regione di Belgorod; regione di Kostroma; Mosca (le strutture mediche). Implementazione dei progetti d investimento con i meccanismi della partnership statale privata sui seguenti territori: regione di Kostroma; regione di Perm; Mosca e la regione di Mosca; regione di Altai; regione di Saratov; regione di Samara; regione di Volgograd; regione di Kurgan. Espansione tecnologica con la realizzazione delle nuove linee di trattamento delle materie secondarie e dei materiali secondari Il mercato in prospettiva: Alti volumi in crescita Settore non consolidato Irrigidimento normativo Cambio delle «regole di gioco» nelle principali regioni (Mosca, la regione di Mosca) Elevata crescita potenziale del margine di utile Un modello di business efficace: La distribuzione delle aree di responsabilità: Attività operativa Attività d investimenti Una strategia di sviluppo ben definita: Per l attività operativa: Ottimizzazione dei processi con la propria esperienza e le nuove tecnologie Ottimizzazione dei costi Brand management Ampia scelta dei meccanismi: Legali: Partnership stataleprivata Contratti M&A Accordi d investimento Il team degli esperti: L utilizzo dei casi «risolti»: Sistema complesso per la gestione dei rifiuti Esempi locali Prodotti specifici Per l attività d investimento: Espansione sui territori potenzialmente interessanti Introduzione delle nuove capacità (il trattamento) Finanziari: Finanziamenti dei progetti Finanziamenti del debito Incremento dei capitali Leasing finanziario e operativo Disponibilità delle competenze necessarie compresa la consulenza degli esperti internazionali 7 anni d esperienza nella gestione dei processi del settore Ampia rete di contatti nell industria Credibilità da parte delle autorità, dei partner e degli esperti del settore 8 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 9

6 UN APPROCCIO INTEGRATO UNA CHIARA STRATEGIA DI CRESCITA 1 principio Sistema di raccolta basato sul «del Kilometro Zero» Organizzazione del sistema della raccolta, compresa la supervisione del parco dei container specializzati 2 Sistema integrato della gestione dei rifiuti 100% 3 materiali Trasporto dei RSU e RI dai punti di raccolta alle strutture di selezione e trattamento Selezione dei RSU e RI con l estrazione delle materie utili Deposito dei rifiuti non recuperabili conforme alle norme di sicurezza Trattamento dei rifiuti e produzione dei di recupero Trattamento dei polimeri, della carta, del legno, dei metalli. Produzione dello scatolame, dell imballaggio, dei tubi polimerici, dei pellet. Generazione di energia termica ed elettrica. ESPANSIONE TECNOLOGICA Introduzione dei sistemi di trasbordo e selezione semplici Uso delle tecnologie aggiuntive per la produzione del combustibile alternativo RDF Servizi di fornitura e manutenzione integrata (dallo stesso fornitore) delle linee di produzione Uso di un unica piattaforma IT in tutte le strutture e nei processi tecnologici Transizione verso le nuove capacità: trattamento delle materie prime e produzione di nuovi materiali 6% IL VETTORE DEL RISULTATO 10% Gli obiettivi strategici: 15% del mercado 22 mln. d'abitanti 13 regioni 85 mln. di m 3 dei RSU 3% 4 e Coltivazione delle discariche loro riqualificazione finale Realizzazione dei progetti d investimento nelle strutture urbane, dei programmi regionali/municipali e degli ordini privati Situazione attuale 1,5% del mercato 2,2 mln d'abitanti 6 regioni 6 mln. m 3 dei RSU Espansione del mercato nelle regioni di presenza (dal territorio del centro regionale verso i territori dei soggetti) Sviluppo dei progetti sul territorio delle regioni in prospettiva Applicazione dei modelli della rete intermunicipale e dei meccanismi di partnership stataleprivata (accordi concessionari) Uso dei meccanismi d incentivo agli investimenti Collaborazione interregionale Schemi di finanziamento a lungo termine da parte di Sberbank con la consulenza degli esperti ESPANSIONE GEOGRAFICA 10 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 11

7 I PUNTI DI FORZA DEL MARCHIO IL COINVOLGIMENTO DEL CONSUMATORE PRODOTTI RETE DI VENDITA CONSUMATORI LA POPOLARITA' LA STORIA LA REPUTAZIONE L'immagine positiva del marchio nel settore degli esperti, dei politici e degli imprenditori Il marchio è conosciuto dalle autorità e dal pubblico Progetti completati con successo, investimenti produttivi MANCANZA DEGLI ALTRI MARCHI Pochi concorrenti conosciuti LIVELLO EMOZIONALE SERVIZIO DI PULIZIA POPOLARITA' DEL MARCHIO MASSMEDIA QUALITA' E SICUREZZA AMBIENTALE DEI SERVIZI E PRODOTTI MASSMEDIA LE AUTORITA' GLI UTENTI IL VALORE DEL MARCHIO è DI 500 MM RUB* FEDELTA' L'interesse nel marchio, la fedeltà ai prodotti e servizi del marchio a lungo termine LEALTA' Lealta ai prodotti e ai servizi del marchio raccomandazioni e referenze a partner, amici e conoscenti UNA GRANDE PRESENZA Nelle regioni della Russia con strategia d'espansione dei territori LIVELLO RAZIONALE SERVIZIO COMPLETO DI RACCOLTA, TRASPORTO E RECUPERO MATERIE PRIME E MATERIALI SECONDARI SOCIETA' CONTRATTUALI IMBALLAGGI DI CARTA CONTRATTI DI LUNGO TERMINE INTEGRAZIONE INDUSTRIALE CLIENTI PRODUTTORI DEI RIFIUTI CONSUMATORI DELLE MATERIE PRIME E DEI MATERIALI SECONDARI * dati del Centro analitico russo, novembre I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 13

8 IL PROGETTO DI BASE IL PROCESSO TECNOLOGICO Progetto di base per una città di 500 mila persone. FASE DELL'ESERCIZIO 3,5 ANNI 1 Presentazione del progetto 2 Fondazione /acquisto della rete di operatori; inizio del trasporto dei RSU / RI 3 Acquisto dei terreni 4 Preparazione del piano di produzione e d investimento 5 Preparazione della documentazione legale Startup delle nuove strutture FASE D'INVESTIMENTO 1,5 ANNI ROI L'adempimento degli obblighi (coltivazione) FASE DIRACCOLTA FASE DI TRASPORTO Carico dei RSU nei camion Produttori dei rifiuti (rifiuti solidi urbani) Trasporto dei RSU alla stazione di trasbordo Punto di raccolta (accumulo dei RSU) Trasporto dei RSU accumulati alle strutture di trattamento LA FASE PREINVESTIMENTO 1 ANNO Inizio del finanziamento FASE DI SELEZIONE E DEPOSITO 100% Selezione e raggruppamento (selezione delle materie secondarie) Deposito dei residui inerti l'approvazione DELLA TARIFFA FASEDI TRATTAMENTO Recupero delle materie prime Vendita del materiale recuperato 200 mln. rub. 950 mln. rub. 150 mln. rub. 14 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 15

9 UNA TENDENZA MONDIALE: IL RECUPERO RUSSIA CRESCITA DELLA QUOTA DEI MATERIALI DI RECUPERO Il mercato dei rifiuti mondiale. La posizione e il potenziale della Russia 27 paesi UE Austria Bulgaria UK Germania Grecia Danimaca Spagna Italia Paesi Bassi Romania Finlandia Francia Svezia Russia USA La dinamica dei volumi dei RSU e RI prodotti in Russia La crescita dei volumi nel periodo dal 1990 al 2020 in millioni di m LA RIVOLUZIONE DEI RIFIUTI* *Il termine «la rivoluzione dei rifiuti» significa il periodo di transazione dei consumi in Russia verso i prodotti con l imballaggio moderno dal 1990 al 1996 Massa e Morfologia dei rifiuti solidi urbani e dei rifiuti d ingombro prodotti in Russia Crescita della produzione in kilogrammi per 1 persona/anno Discariche Inceneritori Trattamento Compost Gli indicatori morfologici Materiali Carta Materiali d'ingombro Rifiuti organici Plastica Metalli Resina, pelle, tessuti Vetro Legno Altro USA 38,1% 12,1% 10,9% 10,5% 7,8% 6,6% 5,5% 5,3% 3,2% Europa 33,5% 12,2% 34,7% 11,6% 5,3% 2,8% 2,1% Corea 27% 23% 7% 9% 3% 5% 4% 20% Russia 35% 40% 6% 4% 1% 3% 2% 12% kg kg kg kg Carta Vetro Plastica Legno Metalli Tessuti Organico 16 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 17

10 LO SCENARIO DI SVILUPPO: IL CONSOLIDAMENTO ECOSISTEMA IL LEADER DEL MERCATO Il ciclo dei RSU e RI sul mercato russo Gli operatori più grandi del multimercato RSU RACCOLTA TRASPORTO TRATTAMENTO SELEZIONE RSU 100% 5% di spreco (in zone extraurbane) Società di gestione 30% e associazioni condominiali Trasportatori 25% locali* 30% Operatori 10% universali Società municipale unitaria Acquisizione da parte degli operatori universali 10% di scarico illegale Trasportatori 45% locali* 30% Società municipale unitaria Operatori 10% universali 10% di recupero "grigio" e "nero" 20% 45% Trasportatori locali* Società municipale unitaria Operatori 10% universali Operatori 10% universali *Società che svolge l'attivita solo in una città 65% deposito e recupero Nome dell'operatore universale ECO sistema MEKHUBORKA MKMLOGISTICA ECOline Upravlenie otkhodami ( UK LIDER) RT Invest AVTOPARK No.1 ( Spetstrans) San Pietroburgo AVTOPARK No.6 (Spetstrans) San Pietroburgo RSU, mln. d m 3 6,0 8,9 6,5 2,2 1,5 4,3 3,0 3,5 Raccolta Trasporto Selezione Operatore Upravlenie otkhodami (LIDER) Progetti attivi Progetti dichiarati ECO sistema Progetti attivi Progetti dichiarati Numero delle regioni / abitanti 6 / 2,4 millioni 7 / 3,3 millioni 2 / 2,6 millioni 1 / 0,9 millioni 2 / 0,6 millioni 3 / 3,1 millioni 1 / 1,1 millioni 1 / 1,5 millioni CAPEX mlrd rub. (infrastruttura) 5,52 1,05 4,45 5,5 1,1 4,4 Recupero/deposito Tabella comparativa dell efficienza d investimento basata sulle 6 aree del gruppo «EcoSistema» e del gruppo «Upravlenie otkhodami (UK LIDER)»* Servizi RSU, mln. di m 3 (infrastruttura) 7,85 1,3 6,55 13,5 2,7 10,8 * Investimenti in strutture analoghe (linee di selezione, discariche, stazioni di trasbordo) effettuati nel passato e nel presente 18 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 19

11 INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA Gli indicatori dell attivita degli operatori nel 2014 Struttura CAPEX in dinamica Territorio / Progetti Astrakhan Ryazan Gubkin Altai Abitanti m. persone Volume annuale dei RSU m. di m Trasporto Selezione Deposito / / / / 5 Volume, m. di m 3 / Quota del mercato, % entro il / / / 100 Ricavi mln. rub Per raggiungere gli obiettivi la società investirà nel business 9,5 mlrd. di rubli. La maggior parte degli investimenti verrà realizzata nel I progetti con il maggiore impiego di capitale sono Volgograd 2,9 mlrd. di rub., Perm 2,65 mlrd. rub. Mosca / Medicina * * di tonnellate Progetti da realizzare entro Saratov Astrakhan Ryazan Territorio / Progetti Abitanti m. persone Volume annuale dei RSU m. di m 3 Volume, m. di m 3 / Quota del mercato, % entro il 2020 Trasporto Selezione Deposito Ricavi mln. rub. Astrakhan/regione Ryazan / / / / / / CAPEX Struttura CAPEX per progetto Gubkin / / Altai Kostroma Saratov Volgograd/ regione Perm Mosca/ Medicina Samara * / / / / / / / / / / / / % 0% 30% 35% 30% 4% 1% % 31% 9% 8% 25% 18% Saratov Astrakhan Ryazan Kostroma Perm Volgograd KHMAO Yugra/regione Kurgan *di tonnellate 20 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 21

12 INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA La società aumenterà la capacità di trattamento dei rifiuti di almeno 5 volte entro il 2020 (da 3,2 mln. di m 3 del 2014 a 17 mln. di m 3 nel 2020). La società si focalizza sulla replicazione del modellobusiness realizzato ad Astrakhan in altre regioni e sull espansione nella regione di Mosca tramite il consolidamento dei legami con gli altri attori del mercato. Capacità delle discariche (mln. di m 3 ) 16,4 17,0 17,3 17,6 14,2 8,0 2,1 2,1 2,0 2,8 Dinamica dei ricavi (mlrd. rub.) 7,1 6,4 5,6 3,0 7,7 8,1 La crescita dei ricavi secondo la strategia della società cambierà da 0,9 mlrd. rub. nel 2014 a 8,1 mlrd. rub. nel Nella struttura dei ricavi si aspetta l aumento della quota proveniente dal deposito (il rendimento di questa attività è protetto attraverso il meccanismo delle tariffe). L aumento del profitto attraverso la realizzazione dei progetti potenziali è stimato nel regime minimale (alla base degli indicatori, delle tariffe e dei volumi attuali) Astrakhan Ryazan Barnaul Belgorod Kostroma Perm Volgograd Saratov 0,6 0,7 0,9 0, Raccolta ( net) Deposito Materie secondarie Altro Struttura dei ricavi Vendita delle materie secondarie (m. di tonellate.) Volume di raccolta (mln. di m 3 ) 5,8 6,7 7,4 8,0 8, ,6 2,9 3,2 2,8 7,4 14,4 16,2 16,8 17,2 17,4 0,9 2, Astrakhan Ryazan Barnaul Belgorod Kostroma Perm Volgograd Saratov Astrakhan Ryazan Barnaul Belgorod PPerm Volgograd Raccolta ( net) Deposito Materie secondarie Altro Saratov Astrakhan Ryazan 22 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 23

13 INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA Utile lordo (mlrd. rub.) EBITDA e rendimento Si attende una crescita dell'utile lordo da 0,5 mlrd. rub. nel 2014 a 5,1 mlrd. rub. nel Lo scenario dell'espansione territoriale proposto nel business plan permette alla società di differenziare le fonti di redditi e profitti. 0,3 0,4 0,4 0,5 1, ,4 3,9 4,4 4,8 Astrakhan Ryazan Barnaul Belgorod Kostroma Perm Volgograd Saratov Mosca rifiuti medici 5,1 43% 43% 41% 38% 39% 31% 31% 28% 29% 3,3 3,5 2,9 22% 2,5 2,1 0,9 0,2 0,2 0,2 0, EBITDA margine EBITDA Si attende una crescita dell utile lordo da 0,5 mlrd. rub. nel 2014 a 5,1 mlrd. rub. nel Lo scenario dell espansione territoriale proposto nel business plan permette alla società di differenziare le fonti di redditi e profitti. Struttura dell'utile lordo Astrakhan Ryazan Barnaul Belgorod Kostroma Perm Volgograd Saratov Moscarifiuti medici Dinamica EBITDA nei progetti Saratov Ryazan strakhan 24 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 25

14 INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA CONTATTI Si attende una riduzione del rapporto del debito netto all EBITDA da 3,1 nel 2014 a 0,66 nel Un maggiore peso del debito secondo lo scenario proposto si applica al periodo dal 2015 al Il picco del peso del debito si attende nel 2017 con successivo decremento. La dinamica dell EBITDA è esponenziale alla dinamica del profitto Debito netto, EBITDA EBITDA Dinamica del profitto / EBITDA EBITDA 4,00 3,50 3,00 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 Debito netto / EBITDA 3,55 3,10 2,40 2,04 1,75 1,18 0, , Mosca, via Vereiskaya, 17 Business center «Vereiskaya Plaza2», ufficio 515 Tel/fax:+7 (495) I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 27

15 M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA Prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili per la produzione di energia elettrica. Opportunità per il sistema industriale nazionale. Intervento di Annalisa

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Principali Aree Economiche della Russia Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 5 PRINCIPALI AREE ECONOMICHE DELLA RUSSIA Come dimostrano i grafici seguenti, l economia

Dettagli

SOSTE NIBILITÀ ECO NOMICA

SOSTE NIBILITÀ ECO NOMICA SOSTE NIBILITÀ ECO NOMICA Invio Codice di Condotta ai fornitori Ricaduta sul territorio: il 62% dei fornitori ha sede nel distretto della Concia di Arzignano 54% Circa il 54% dei fornitori è dotato di

Dettagli

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA OPPORTUNITÀ: Dato che il settore logistico in senso stretto (considerando cioè gli operatori di piattaforme o snodi di traffici merci dove vengono compiute operazioni

Dettagli

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO COMUNE DI DERUTA SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO ANALISI ECONOMICHE DEI SERVIZI REPORT PARZIALE ANNO 2013 CONFRONTO CON ANNI 2010-2011-2012 Servizi monitorati: Igiene urbana Asilo nido 1 COMUNE

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

Codice CER Quantità (Kg.) Impianto di conferimento Tipo. Codice CER Quantità (Kg.) Impianto di conferimento Tipo

Codice CER Quantità (Kg.) Impianto di conferimento Tipo. Codice CER Quantità (Kg.) Impianto di conferimento Tipo DETTAGLIO COMUNICAZIONE - Utente: Corato Anno Mese 2010 Novembre Frazione organica umida 20 01 08 44490,00 TERSAN PUGLIA S.P.A Recupero 20 03 02 0,00 Recupero Rifiuti di giardini e parchi 20 02 01 4390,00

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI INDICE

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI INDICE INDICE 3.1.1. Normativa nazionale in materia di raccolta differenziata 21 3.1.2. Normativa nazionale in materia di Centri Comunali di Raccolta 24 3.1.3. Normativa regionale 25 3.2.1. Piano Regolatore Generale

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie Federazione Nazionale Fonderie XXXI Congresso di Fonderia Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro Roma 4-5 Ottobre 2012 PRESIDENTE : Enrico Frigerio 1 La Fonderia in Italia

Dettagli

Bollegraaf Recupero dei rifiuti da C&D. Sorting your business

Bollegraaf Recupero dei rifiuti da C&D. Sorting your business Bollegraaf Recupero dei rifiuti da C&D Sorting your business Bollegraaf Soluzioni per la valorizzazione dei rifiuti Noi di Bollegraaf comprendiamo che il settore del riciclaggio, come tutte le attività

Dettagli

Servizi per l Energia Solare SunEdison. Fornitura di Servizi Completi per Centrali Solari in tutto il Mondo

Servizi per l Energia Solare SunEdison. Fornitura di Servizi Completi per Centrali Solari in tutto il Mondo Servizi per l Energia Solare SunEdison Fornitura di Servizi Completi per Centrali Solari in tutto il Mondo SOLUZIONI PER LA GESTIONE DEGLI ATTIVI 2 Con garanzie in termini di Sicurezza, Qualità e Valore

Dettagli

Iniziativa nologo: Licenza d'uso del Marchio Europeo di Solidarietà

Iniziativa nologo: Licenza d'uso del Marchio Europeo di Solidarietà Una grande opportunità per Industria e Distribuzione Iniziativa nologo: Licenza d'uso del Marchio Europeo di Solidarietà Americo Casci Magnani by Key Solution srl Obiettivo : profitto solidale Profitto

Dettagli

PIÙ ENERGIA ALL ENERGIA.

PIÙ ENERGIA ALL ENERGIA. PIÙ ENERGIA ALL ENERGIA. COFELY. Leader nell efficienza energetica e ambientale. Gestione energia e fotovoltaico Case History // Comune e Provincia di Roma Per il Comune di Roma, Cofely si occupa della

Dettagli

Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution

Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution Antonio Nodari Amministratore Delegato Pöyry Management Consulting Italia Roma, 15 marzo 2011

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

Lo scenario italiano di prevenzione e riciclo alla luce della direttiva europea Duccio Bianchi

Lo scenario italiano di prevenzione e riciclo alla luce della direttiva europea Duccio Bianchi Lo scenario italiano di prevenzione e riciclo alla luce della direttiva europea Duccio Bianchi Economia circolare al 100% Spreco Zero e Rifiuti zero da visioni utopiche e radicali si sono trasformate in

Dettagli

SOCIETÀ PER AZIONI A PARTECIPAZIONE PUBBLICA ZONA ECONOMICA SPECIALE LOTOS

SOCIETÀ PER AZIONI A PARTECIPAZIONE PUBBLICA ZONA ECONOMICA SPECIALE LOTOS SOCIETÀ PER AZIONI A PARTECIPAZIONE PUBBLICA ZONA ECONOMICA SPECIALE LOTOS Presentazione della Zona economica speciale LOTOS nella Regione di Astrakhan anno 2015 Zona economica speciale LOTOS RUSSIA ASTRAKHAN

Dettagli

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero .1 Valutazione del contesto di mercato internazionale.1.1 La gestione dei PFU nei Paesi europei Un analisi esaustiva e aggiornata dei flussi di pneumatici usati e in Europa, riferita a statistiche ufficiali

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4 COMUNE DI FOLLONICA ANNO 2013 PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARES) RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO (ex art. 8 D.P.R. 27.04.1999, n. 158) SOMMARIO PREMESSA... 3 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO

Dettagli

Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri

Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri Milano, 13 giugno 2013 Uso: Confidential Enel oggi Operatore energetico internazionale Presenza in 40 paesi Capacità installata

Dettagli

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------- www.vargroup.it Da 40 anni accompagniamo gli imprenditori. Sviluppare insieme progetti che partono dall innovazione pura per tradursi in processi più efficienti

Dettagli

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2 Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 4.2 Profilo di CheBanca! Dati di sintesi Efficace collettore di provvista: 13,3mld di depositi diretti ed 1mld di indiretti Miglior

Dettagli

Meno rifiuti a Roma. A cura di: Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome

Meno rifiuti a Roma. A cura di: Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome Meno rifiuti a Roma A cura di: Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome Marco Campagna Rachele Caracciolo Luigi De Roma Francesco Grasselli Chiara Iobbi Gianluca Pica Workshop Safe Roma,

Dettagli

8 maggio 2014, Milano. Presentazione del Gruppo. Risultati FY2013. Guidelines Strategiche. Titolo Biancamano. Maggio 2014, Milano

8 maggio 2014, Milano. Presentazione del Gruppo. Risultati FY2013. Guidelines Strategiche. Titolo Biancamano. Maggio 2014, Milano 8 maggio 2014, Milano Presentazione del Gruppo Risultati FY2013 Guidelines Strategiche Titolo 2 Presentazione del Gruppo Un core business orientato alla salvaguardia dell ambiente. BIANCAMANO, primo operatore

Dettagli

Iniziativa nologo: il consumo che fa bene al sociale

Iniziativa nologo: il consumo che fa bene al sociale aiuti il sociale doni al sociale Iniziativa nologo: il consumo che fa bene al sociale Americo Casci Magnani by Key Solution srl Obiettivo : profitto solidale Profitto Aziendale e Solidarietà Sociale Con

Dettagli

Un Core Business Sostenibile. Milano, Marzo 2012

Un Core Business Sostenibile. Milano, Marzo 2012 Un Core Business Sostenibile Un Core Business Sostenibile Un core business orientato alla salvaguardia dell ambiente. BIANCAMANO, primo operatore privato nel settore dei Servizi di Igiene Urbana, svolge

Dettagli

SOCIETÀ PER AZIONI A PARTECIPAZIONE PUBBLICA ZONA ECONOMICA SPECIALE LOTOS

SOCIETÀ PER AZIONI A PARTECIPAZIONE PUBBLICA ZONA ECONOMICA SPECIALE LOTOS SOCIETÀ PER AZIONI A PARTECIPAZIONE PUBBLICA ZONA ECONOMICA SPECIALE LOTOS Presentazione della Zona economica speciale LOTOS nella Regione di Astrakhan anno 2015 Zona economica speciale LOTOS RUSSIA ASTRAKHAN

Dettagli

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo 1 1. Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario relativo alle attività inerenti

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia Roma, 24 maggio 2010 Giovanni Sabatini Agenda 1. Scenario operativo nei mercati bancari 2. Redditività 3. Analisi comparata dei risultati economici di bilancio

Dettagli

Le opportunità economiche del riciclo

Le opportunità economiche del riciclo Le opportunità economiche del riciclo Duccio Bianchi Presidente ASM Pavia coordinatore ricerca End Waste della Fondazione Symbola L Italia, leader europeo nell economia del riciclo L Italia è uno dei leader

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby.

Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby. Il riciclo che vale Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby. chi è GARBY L obiettivo: evolvere la raccolta testata e certificata di qualità. Garby organizza, attraverso tecnologie innovative e automatiche,

Dettagli

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com .. Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com 3i chi siamo Scala internazionale e elevata reputazione Fondata nel 1946, è leader

Dettagli

Gruppo Acsm Agam Business Plan 2013-2015

Gruppo Acsm Agam Business Plan 2013-2015 Gruppo Acsm Agam Business Plan 2013-2015 17 Dicembre 2012 Indice Il Gruppo e le attività gestite Portafoglio attività Highlights Scenario, Obiettivi e Azioni di Piano Distribuzione gas Vendita gas e energia

Dettagli

impianto di selezione e trattamento rifiuti san biagio di osimo / 12 settembre 2009 gruppo astea

impianto di selezione e trattamento rifiuti san biagio di osimo / 12 settembre 2009 gruppo astea impianto di selezione e trattamento rifiuti san biagio di osimo / 12 settembre 2009 gruppo astea il gruppo astea Il Gruppo Astea è una multiutility a prevalente capitale pubblico locale, che opera nell

Dettagli

GESTIONE & EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI

GESTIONE & EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI Prof. Arch. Silvano Curcio Università di Napoli "Federico II", Terotec Analisi della situazione nazionale: Il quadro tecnico-normativo e lo stato del mercato PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO CONSISTENZA E

Dettagli

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Latina, 28 maggio 2009 Giancarlo Longhi Direttore Generale CONAI Adempimenti nella gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio 1 Prevenire la formazione

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI. Progetto Preliminare INDICE

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI. Progetto Preliminare INDICE INDICE raccolta fisso area presidiata ed allestita, senza ulteriori oneri a carico della finanza pubblica, per l'attività di raccolta mediante raggruppamento differenziato dei rifiuti per frazioni omogenee

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

edizione a cura di L Osservatorio AUB sulle aziende familiari italiane Guido Corbetta, 4 dicembre 2014

edizione a cura di L Osservatorio AUB sulle aziende familiari italiane Guido Corbetta, 4 dicembre 2014 Cattedra AldAF EY di Strategia delle Aziende Familiari in memoria di Alberto Falck 6 L Osservatorio AUB sulle aziende familiari italiane edizione a cura di Guido Corbetta, Alessandro Minichilli, Fabio

Dettagli

Le bioenergie come strumento di multifunzionalità dell azienda vitivinicola: un esempio di applicazione in Valpolicella

Le bioenergie come strumento di multifunzionalità dell azienda vitivinicola: un esempio di applicazione in Valpolicella Le bioenergie come strumento di multifunzionalità dell azienda vitivinicola: un esempio di applicazione in Valpolicella Temi La struttura del mercato energetico La questione ambientale come vincolo al

Dettagli

Sapa ha circa 13.000 dipendenti in 30 Paesi, tutti orientati al cliente.

Sapa ha circa 13.000 dipendenti in 30 Paesi, tutti orientati al cliente. Sapa in breve Sapa ha circa 13.000 dipendenti in 30 Paesi, tutti orientati al cliente. Attività in breve Estrusione di profili Calandratura Belgio Canada Cina Danimarca Francia Germania Gran Bretagna Italia

Dettagli

Quali modelli organizzativi efficaci

Quali modelli organizzativi efficaci Quali modelli organizzativi efficaci Il sistema CONAI Piero Perron Vicepresidente CONAI Intervento al VIII Forum G.I. Federalimentare 17 Settembre 2011 La gestione degli imballaggi Il sistema CONAI e i

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 16 dicembre 2011 Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel biennio 2010-2011, i principali gruppi multinazionali italiani mostrano una significativa

Dettagli

Un Partner qualificato sempre al vostro fianco

Un Partner qualificato sempre al vostro fianco Un Partner qualificato sempre al vostro fianco Un Partner qualificato sempre al vostro fianco Uffix Srl è una realtà attiva nella vendita, assistenza e noleggio di sistemi per l ufficio, a cui si aggiungono

Dettagli

Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili

Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili Marco Martorana, Energy Product Specialist Competence Center for Renewable Energies Roma, 23 Settembre 2010 UNICREDIT LEASING E LE

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

degli edifici pubblici Rovereto 3-aprile-2009

degli edifici pubblici Rovereto 3-aprile-2009 Prof. Arch. Silvano Curcio Università di Napoli Federico II GESTIONE & EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI UNI Comitato Normativo Europeo CEN TC 348 Facility Management Energy & Facility Management:

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

Università Statale di Mosca della Costruzione di Strumenti e dell'informatica

Università Statale di Mosca della Costruzione di Strumenti e dell'informatica La società russa «Vyatskiy Agrokontsen» S.r.l. (Kirov, Russia) è interessata alla cooperazione con centri scientifici ed imprese italiane nel campo d'applicazione delle nanotecnologie per conservazione

Dettagli

ENTERPRISE PARTNERSHIP TRA XCHANGING E SIA-SSB

ENTERPRISE PARTNERSHIP TRA XCHANGING E SIA-SSB ENTERPRISE PARTNERSHIP TRA XCHANGING E SIA-SSB Xchanging fa il suo ingresso nel mercato italiano - un importante pietra miliare nella strategia di crescita a livello pan-europeo FRANCOFORTE, 22 giugno

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO DANIELI RESOCONTO INTERMEDIO AL 30.09.2013. redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA GRUPPO DANIELI RESOCONTO INTERMEDIO AL 30.09.2013. redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS DANIELI & C. OFFICINE MECCANICHE S.p.A. Buttrio (UD) via Nazionale n. 41 Capitale sociale Euro 81.304.566 i.v. Numero iscrizione al Registro Imprese di Udine, codice fiscale e P.IVA: 00167460302 www.danieli.com

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE del Mercato Postale Incontro con OO.SS. 6 febbraio 2007

LIBERALIZZAZIONE del Mercato Postale Incontro con OO.SS. 6 febbraio 2007 LIBERALIZZAZIONE del Mercato Postale Incontro con OO.SS. 6 febbraio 2007 Incontro con OO.SS. 6 febbraio 2007 LO SCENARIO di RIFERIMENTO Il Piano di Impresa (2007-2009) Il nuovo CCNL (2007-2010) La piena

Dettagli

MODELLO DI ACCORDO QUADRO

MODELLO DI ACCORDO QUADRO MODELLO DI ACCORDO QUADRO a) Enti Pubblici b) Autorità di Coordinamento regionale del Distretto Bioenergetico c) Fornitori della biomassa - produttori di colture energetiche - produttori di residui agricoli

Dettagli

PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA

PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA Potenzialità di sviluppo e di investimento 1. L INDUSTRIA DEL LEGNO IN PELLET Il pellet è un combustibile densificato costituito da biomassa legnosa; il suo utilizzo

Dettagli

Servizi Energetici I VANTAGGI DELL EFFICIENZA CONTINUA

Servizi Energetici I VANTAGGI DELL EFFICIENZA CONTINUA Servizi Energetici I VANTAGGI DELL EFFICIENZA CONTINUA PERCHÉ UN PARTNER UNICO. PERCHÉ COFELY L energia che non si ferma SE L ENERGIA SOTTRAE ENERGIE UN UNICA RISPOSTA, LA MIGLIORE L uso razionale dell

Dettagli

Modena, 29 Maggio 2015

Modena, 29 Maggio 2015 Expert System: Valore della Produzione consolidata al 31 dicembre 2014, pari a Euro 17,2 milioni ed EBITDA pari a Euro 2,3 milioni (EBITDA margin 13,6%) Principali risultati consolidati al 31/12/2014 Valore

Dettagli

L Indagine Conoscitiva AGCM sul Teleriscaldamento

L Indagine Conoscitiva AGCM sul Teleriscaldamento L Indagine Conoscitiva AGCM sul Teleriscaldamento Alessandro Noce Responsabile Direzione Energia e Industria di Base Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Milano 20 maggio 2014 1 Il punto di

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI 2015

PIANO FINANZIARIO TARI 2015 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO PIANO FINANZIARIO TARI 2015 Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 38 del 30-07-20152015 COMUNU DE GUSPINI PROVINTZIA DE SU CAMPIDANU DE MESU SOMMARIO: Art.

Dettagli

Modena, 29 Maggio 2015

Modena, 29 Maggio 2015 Expert System: Valore della Produzione consolidata al 31 dicembre 2014, pari a Euro 17,2 milioni ed EBITDA pari a Euro 2,3 milioni (EBITDA margin 13,6%) Principali risultati consolidati al 31/12/2014 Valore

Dettagli

II CORSO DI FORMAZIONE NAZIONALE RIFIUTI ZERO VORNO CAPANNORI. A cura di Rossano Ercolini

II CORSO DI FORMAZIONE NAZIONALE RIFIUTI ZERO VORNO CAPANNORI. A cura di Rossano Ercolini II CORSO DI FORMAZIONE NAZIONALE RIFIUTI ZERO VORNO CAPANNORI A cura di Rossano Ercolini Raccolta Differenziata Raccolta Porta a Porta Compostaggio Riciclaggio Centro Riparazione e Riuso Iniziative Riduzione

Dettagli

LA PRODUZIONE DI AGGREGATI RICICLATI IN EUROPA, ITALIA, ROMA

LA PRODUZIONE DI AGGREGATI RICICLATI IN EUROPA, ITALIA, ROMA Seminario MATERIALI INNOVATIVI E ECOSOSTENIBILI PER LE INFRASTRUTTURE DI ROMA CAPITALE LA PRODUZIONE DI AGGREGATI RICICLATI IN EUROPA, ITALIA, ROMA Roma, 2 luglio 2014 La produzione di rifiuti inerti a

Dettagli

Integrazione ed efficienza finalizzate all ottenimento di importanti sinergie.

Integrazione ed efficienza finalizzate all ottenimento di importanti sinergie. Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva il Piano Industriale al 2020 Il piano industriale al 2020 rappresenta il ponte verso la nuova IREN che, attraverso continua innovazione, razionalizzazione

Dettagli

Marco Martorana, Energy Product Specialist Competence Center for Renewable Energies. Milano, 17 novembre 2010

Marco Martorana, Energy Product Specialist Competence Center for Renewable Energies. Milano, 17 novembre 2010 Locazione finanziaria di impianti fotovoltaici Marco Martorana, Energy Product Specialist Competence Center for Renewable Energies Milano, 17 novembre 2010 UniCredit Leasing Competence Center for Renewable

Dettagli

Allegato Tecnico: Informazioni essenziali per la selezione preliminare di potenziali opportunità di investimento

Allegato Tecnico: Informazioni essenziali per la selezione preliminare di potenziali opportunità di investimento Allegato Tecnico: Informazioni essenziali per la selezione preliminare di potenziali opportunità di investimento Settore: Dimensione: infrastrutture di vario tipo incluse quelle impiantistiche e immobiliari.

Dettagli

DANIELI & C. OFFICINE MECCANICHE S.p.A. COMUNICATO STAMPA GRUPPO DANIELI BILANCIO CONSOLIDATO AL 30.06.2012

DANIELI & C. OFFICINE MECCANICHE S.p.A. COMUNICATO STAMPA GRUPPO DANIELI BILANCIO CONSOLIDATO AL 30.06.2012 DANIELI & C. OFFICINE MECCANICHE S.p.A. Sede in Buttrio (UD) via Nazionale n. 41 Capitale sociale Euro 81.304.566 i.v. Numero iscrizione al Registro Imprese di Udine e codice fiscale: 00167460302 www.danieli.com

Dettagli

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Gennaio 2015 confidenziale Anthony Old 0 Sommario Presentazione del Gruppo ArcelorMittal Il nostro progetto per ILVA Il principale produttore

Dettagli

Comune di Torre del Greco (NA) % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile

Comune di Torre del Greco (NA) % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile Raccolta differenziata Comune di Torre del Greco (NA) Dati di produzione R.U. e percentuale di raccolta differenziata Anno 2015 % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile 50% 45% 40% 35% 30% 25%

Dettagli

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008)

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008) 1.2.1 Resource savings and CO2 reduction potential in waste management in Europe and the possible contribution to the CO2 reduction target in (Prognos, Ifeu, Infu 2008) http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf

Dettagli

Diamo spazio alle vostre esigenze di sviluppo immobiliare

Diamo spazio alle vostre esigenze di sviluppo immobiliare 2015 Diamo spazio alle vostre esigenze di sviluppo immobiliare BARBIERI SVILUPPO IMMOBILIARE S.R.L. Vi siete mai chiesti quali sono i tre fattori più importanti per chi deve aprire un punto vendita? Gli

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli

Le energie rinnovabili: il processo di investimento spiegato con un case study

Le energie rinnovabili: il processo di investimento spiegato con un case study c è una rotta fuori dai porti sicuri? Le energie rinnovabili: il processo di investimento spiegato con un case study Simone Borla, Managing Partners Quercus Investment Partners LLP INFRASTRUTTURE SULLE

Dettagli

Campagna Nazionale. www.leggerifiutizero.it

Campagna Nazionale. www.leggerifiutizero.it Campagna Nazionale www.leggerifiutizero.it Associazione di volontariato ambientale regionale zerowastelazio@gmail.com GERARCHIA EUROPEA RIFIUTI Direttiva C.E. 98 / 2008 art. 4 Decreto Legislativo n. 152/2006

Dettagli

A u m e n t o d i c a p i t a l e. M i l a n o, 2 7 M a g g i o 2 0 0 4

A u m e n t o d i c a p i t a l e. M i l a n o, 2 7 M a g g i o 2 0 0 4 A u m e n t o d i c a p i t a l e M i l a n o, 2 7 M a g g i o 2 0 0 4 Contenuti La struttura e l attività del Gruppo BasicNet Il Business System L acquisizione del marchio K-Way e della licenza del marchio

Dettagli

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L.

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. È LA SOCIETÀ DEL GRUPPO ESTRA CHE DA ANNI OPERA NEL SETTORE DEL RISPARMIO ENERGETICO, VANTANDO UNA LUNGA ESPERIENZA E NUMEROSE COMMITTENZE PUBBLICHE E PRIVATE. Il core business

Dettagli

Teleriscaldamento: stato di fatto e potenzialità di sviluppo in Provincia di Torino

Teleriscaldamento: stato di fatto e potenzialità di sviluppo in Provincia di Torino CONSUMO E PRODUZIONE DI ENERGIA IN PROVINCIA DI TORINO Torino, 7 marzo 2007 Teleriscaldamento: stato di fatto e potenzialità di sviluppo in Provincia di Torino Alberto Poggio, Joris Benninga Sommario 1

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015.

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. COMUNICATO STAMPA Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. Ebitda al 2015 di circa 670 milioni di euro, con una crescita media annua del 3,2%. Posizione finanziaria netta

Dettagli

Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys

Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys Le local italiane e il settore idrico. Gli investimenti e le performance delle imprese Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys Audizione nella 2 Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei

Dettagli

LEASEPLAN CORPORATION LEASEPLAN AUTORENTING & LEASEPLAN RENTING

LEASEPLAN CORPORATION LEASEPLAN AUTORENTING & LEASEPLAN RENTING LEASEPLAN CORPORATION LEASEPLAN AUTORENTING & LEASEPLAN RENTING INDICE LeasePlan Corporation in sintesi la storia i numeri nel mondo Il Gruppo LeasePlan in Italia le società la storia Mercato del Noleggio

Dettagli

I dati sono stati inseriti nell'archivio.

I dati sono stati inseriti nell'archivio. Comunica DATI - Utente: Corato I dati sono stati inseriti nell'archivio. Mail inviata con successo al seguente indirizzo: agricoltura,corato@tiscali.it Dati RSU del Comune di Corato - cod. 84 Anno Mese

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA

L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA Dati anno 2012 ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Comune di CASTEL MAGGIORE

Comune di CASTEL MAGGIORE Comune di CASTEL MAGGIORE PIANO ECONOMICO FINANZIARIO INTRODUZIONE Nell elaborazione del piano economico finanziario preventivo per l anno, relativo alla gestione dei rifiuti solidi urbani nel territorio

Dettagli

L Italia del Riciclo 2011

L Italia del Riciclo 2011 253 Og na di esse, in base alle proprie particolari caratteristiche, produce impatti Nell Unione europea sono stati generati, nel 2008 (ultimo dato aggregato te dal settore dell attività mineraria ed estrattiva

Dettagli

Scheda Paese Marocco. A cura di. Nadia Harbouli Ufficio Marocco

Scheda Paese Marocco. A cura di. Nadia Harbouli Ufficio Marocco Scheda Paese Marocco A cura di Nadia Harbouli Ufficio Marocco DESK ITALIA - MAROCCO MAROCCO MAROCCO Mercato prioritario per stabilità economica e politica Posizione geografica strategica Indicatori macro-economici

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Small Cap Conference 2015

Small Cap Conference 2015 Small Cap Conference 2015 Luciano Lucca Presidente Assiteca Spa ABBIAMO SOLIDE RADICI. SONO LA NOSTRA E LA VOSTRA SICUREZZA. Milano, 19 novembre 2015 Borsa Italiana La realtà Assiteca è il primo gruppo

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2016-2018

PIANO INDUSTRIALE 2016-2018 Comunicato Stampa RCS MediaGroup PIANO INDUSTRIALE 2016-2018 OBIETTIVI SOSTENIBILITÀ ECONOMICO FINANZIARIA TRASFORMAZIONE DEL BUSINESS CRESCITA E SVILUPPO AZIONI FORTE RIDUZIONE DEI COSTI OLTRE IL DIGITALE:

Dettagli

Dove c è riscaldamento. C è HERZ.

Dove c è riscaldamento. C è HERZ. Dove c è riscaldamento. C è HERZ. Il vostro PARTNER affidabile Da oltre 110 anni presente sul mercato Fornitura completa per sistemi con energie rinnovabili Impianti a pellet Impianti a cippato Caldaie

Dettagli

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti SCUOLA PRIMARIA PERCORSI PER LE CLASSI I E II MATERIALE DI APPROFONDIMENTO Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti I rifiuti vengono classificati secondo la loro origine e pericolosità. La loro

Dettagli