P U L I TO I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I TO I N S I E M 100%

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P U L I TO I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I TO I N S I E M 100%"

Transcript

1 P U L I T O INSIEME PER UN MONDO PIU PULITO I N S I E M 100%

2 INDICE CHI SIAMO... 4 LE NOSTRE REGIONI... 5 STRUTTURA DEL GRUPPO... 6 IL NOSTRO MANAGEMENT... 7 LO SVILUPPO DEL SUCCESSO... 8 FATTORI DI ATTRATTIVITA PER L INVESTIMENTO... 9 UN APPROCCIO INTEGRATO UNA CHIARA STRATEGIA DI CRESCITA I PUNTI DI FORZA DEL MARCHIO IL COINVOLGIMENTO DEL CONSUMATORE IL PROGETTO DI BASE IL PROCESSO TECNOLOGICO UNA TENDENZA MONDIALE: IL RECUPERO RUSSIA CRESCITA DELLA QUOTA DEI MATERIALI DI RECUPERO LO SCENARIO DI SVILUPPO: IL CONSOLIDAMENTO ECOSISTEMA IL LEADER DEL MERCATO INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA CONTATTI I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 3

3 CHI SIAMO LE NOSTRE REGIONI ECOSISTEMA il più grande operatore russo a struttura verticale integrata Opera da più di 8 anni nel campo dei servizi e delle tecnologie per l'ambiente attraverso la gestione integrata del trattamento e dello smaltimento dei rifiuti nelle città e nelle regioni della Russia. Gestisce tutto il ciclo dei rifiuti: dalla raccolta e dal trasporto fino al trattamento e al recupero delle materie prime. siamo presenti in 6 regioni Leader nell ambito dei finanziamenti dei progetti per la realizzazione delle infrastrutture, compresi i progetti con partnership statale e privata. Costruisce degli impianti destinati a deposito, raggruppamento preliminare, recupero e messa in riserva. Implementa delle tecnologie innovative per il deposito dei rifiuti con il massimo controllo sugli aspetti ambientali connessi alla gestione della discarica. La macro regione IL CENTRO La macro regione GLI URALI d'investimento 16miliardi entro 2020 Lo staff che lavora negli stabilimenti del Gruppo è composto da oltre 1000 persone. Ogni unità operativa regionale ha proprie risorse tecniche ed industriali, un autoparco con macchine russe e straniere ed un parco contenitori, conformi alle norme europee. LA NOSTRA ATTIVITA : Membro dell'associazione internazionale ISWA, che si propone di diffondere la gestione sostenibile e professionale dei rifiuti a livello mondiale. La macro regione IL GRANDE VOLGA di abitanti 2,4milioni serviti di 6,0milioni m3 dei rifiuti per la raccolta e il recupero RACCOLTA dei rifiuti solidi urbani, dei rifiuti di grande ingombro dai luoghi di produzione e dai punti di raccolta 100% DEPOSITO del materiale nontrattabile nelle discariche TRASPORTO dei rifiuti all'impianto per selezione, raggrupamento, sanificazione e deposito e smaltimento TRATTAMENTO produzione delle materie prime e dei semilavorati Il territorio d'azione del Gruppo Il territorio dei progetti in fase di sviluppo Il territorio potenziale d'interesse il cerchio corrisponde alla quota del mercato dei rifiuti urbani nella regione SELEZIONE della materia utile dai rifiuti solidi urbani e dai rifiuti di grande ingombro COLTIVAZIONE delle discariche, e riqualificazione finale 4 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 5

4 STRUTTURA DEL GRUPPO IL NOSTRO MANAGEMENT ECOSistema S.P.A. Attività di gestione EcoSistemaA S.r.l. Astrakhan Eco Servis S.r.l. ECOSistema Europa azionista controllante Gestione aggregata ECOINVEST S.p.A. Attività d'investimento Yuzhniy center S.p.A.* Astrakhan PEK S.p.A. Abbiamo creato una delle squadre di esperti più brillanti della nostra industria Andrey Yakimchuk Direttore generale Olga Grigorieva Economia e Finanze TBO Servis S.r.l. Belgorod PEK S.p.A. Saratov Eco Servis S.r.l. Saratov PER S.r.l. EcoAltai S.r.l. Kostroma PEK S.p.A. Perm EcoServis S.r.l. Perm PEK S.p.A. Ryazan Eco Servis S.r.l. Volgograd Eco Invest S.r.l. Volgograd Eco Servis S.r.l. Gestione aggregata Gestione aggregata Ryazan PEK S.p.A. Volgograd PEK S.r.l. Oksana Agranovskaya PR GR Dmitry Krishenko Sviluppo Alexandra Berezhko Legale EcoMedServis S.r.l KLIN Servis S.r.l. Gestione aggregata Mosca PEK S.r.l. Società di trasporto (raccolta e trasporto dei rifiuti) PEK complesso industriale ambientale * Il centro di trattamento dei materiali secondari della zona sud Società di infrastruttura (selezione e recupero) Kommunalnye mashiny Leasing S.p.A. Vladimir Grishenko Investimenti Mikhail Berlizov Processo e ingegneria Stanislav Ivanov Audit 6 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 7

5 LO SVILUPPO DEL SUCCESSO FATTORI DI ATTRATTIVITA PER L INVESTIMENTO Fondazione del Gruppo. Sviluppo delle prime società operative. Contratto d investimenti con la regione di Astrakhan per la realizzazione del sistema complessivo di gestione dei rifiuti regionali Realizzazione del sistema di gestione dei rifiuti nella regione di Astrakhan: i progetti Astrakhan1 e Astrakhan2, la costruzione e l esercizio dell impiano di selezione, della discarica di Astrakhan, della rete di stazioni di trasbordo e degli impianti di trattamento dei rifiuti regionali. Sviluppo del ciclo dei rifiuti nella regione di Belgorod e dell Altai. Sviluppo del territorio industriale per la realizzazione del centro dei rifiuti a Kostroma. Servizi di raccolta e trattamento dei rifiuti provenienti dalle strutture del Ministero della Difesa della Federazione Russa nelle 15 regioni. Implementazione dei programmi d ottimizzazione dei costi delle strutture attive Esercizio delle strutturedi trattamento dei rifiuti nella regione di Astrakhan: Astrakhan1 e Astrakhan2, dell impianto di selezione e della nuova discarica, della rete di trasbordo e degli impianti di recupero. Vendita delle materie prime. Gestione del centro dei rifiuti a Kostroma seguendo le condizioni del contratto di concessione. Espansione dell attività sul territorio della regione di Ryazan. La quota del mercato di Ryazan è del 50%. Raccolta e trattamento dei rifiuti provenienti dalle strutture ospedaliere di Mosca. Contratto con la banca Sberbank per gli investimenti nei progetti del settore per il totale di 16 milliardi di rubli Sviluppo dell attività attuale sui territori di: regione di Astrakhan; regione di Ryazan; regione di Belgorod; regione di Kostroma; Mosca (le strutture mediche). Implementazione dei progetti d investimento con i meccanismi della partnership statale privata sui seguenti territori: regione di Kostroma; regione di Perm; Mosca e la regione di Mosca; regione di Altai; regione di Saratov; regione di Samara; regione di Volgograd; regione di Kurgan. Espansione tecnologica con la realizzazione delle nuove linee di trattamento delle materie secondarie e dei materiali secondari Il mercato in prospettiva: Alti volumi in crescita Settore non consolidato Irrigidimento normativo Cambio delle «regole di gioco» nelle principali regioni (Mosca, la regione di Mosca) Elevata crescita potenziale del margine di utile Un modello di business efficace: La distribuzione delle aree di responsabilità: Attività operativa Attività d investimenti Una strategia di sviluppo ben definita: Per l attività operativa: Ottimizzazione dei processi con la propria esperienza e le nuove tecnologie Ottimizzazione dei costi Brand management Ampia scelta dei meccanismi: Legali: Partnership stataleprivata Contratti M&A Accordi d investimento Il team degli esperti: L utilizzo dei casi «risolti»: Sistema complesso per la gestione dei rifiuti Esempi locali Prodotti specifici Per l attività d investimento: Espansione sui territori potenzialmente interessanti Introduzione delle nuove capacità (il trattamento) Finanziari: Finanziamenti dei progetti Finanziamenti del debito Incremento dei capitali Leasing finanziario e operativo Disponibilità delle competenze necessarie compresa la consulenza degli esperti internazionali 7 anni d esperienza nella gestione dei processi del settore Ampia rete di contatti nell industria Credibilità da parte delle autorità, dei partner e degli esperti del settore 8 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 9

6 UN APPROCCIO INTEGRATO UNA CHIARA STRATEGIA DI CRESCITA 1 principio Sistema di raccolta basato sul «del Kilometro Zero» Organizzazione del sistema della raccolta, compresa la supervisione del parco dei container specializzati 2 Sistema integrato della gestione dei rifiuti 100% 3 materiali Trasporto dei RSU e RI dai punti di raccolta alle strutture di selezione e trattamento Selezione dei RSU e RI con l estrazione delle materie utili Deposito dei rifiuti non recuperabili conforme alle norme di sicurezza Trattamento dei rifiuti e produzione dei di recupero Trattamento dei polimeri, della carta, del legno, dei metalli. Produzione dello scatolame, dell imballaggio, dei tubi polimerici, dei pellet. Generazione di energia termica ed elettrica. ESPANSIONE TECNOLOGICA Introduzione dei sistemi di trasbordo e selezione semplici Uso delle tecnologie aggiuntive per la produzione del combustibile alternativo RDF Servizi di fornitura e manutenzione integrata (dallo stesso fornitore) delle linee di produzione Uso di un unica piattaforma IT in tutte le strutture e nei processi tecnologici Transizione verso le nuove capacità: trattamento delle materie prime e produzione di nuovi materiali 6% IL VETTORE DEL RISULTATO 10% Gli obiettivi strategici: 15% del mercado 22 mln. d'abitanti 13 regioni 85 mln. di m 3 dei RSU 3% 4 e Coltivazione delle discariche loro riqualificazione finale Realizzazione dei progetti d investimento nelle strutture urbane, dei programmi regionali/municipali e degli ordini privati Situazione attuale 1,5% del mercato 2,2 mln d'abitanti 6 regioni 6 mln. m 3 dei RSU Espansione del mercato nelle regioni di presenza (dal territorio del centro regionale verso i territori dei soggetti) Sviluppo dei progetti sul territorio delle regioni in prospettiva Applicazione dei modelli della rete intermunicipale e dei meccanismi di partnership stataleprivata (accordi concessionari) Uso dei meccanismi d incentivo agli investimenti Collaborazione interregionale Schemi di finanziamento a lungo termine da parte di Sberbank con la consulenza degli esperti ESPANSIONE GEOGRAFICA 10 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 11

7 I PUNTI DI FORZA DEL MARCHIO IL COINVOLGIMENTO DEL CONSUMATORE PRODOTTI RETE DI VENDITA CONSUMATORI LA POPOLARITA' LA STORIA LA REPUTAZIONE L'immagine positiva del marchio nel settore degli esperti, dei politici e degli imprenditori Il marchio è conosciuto dalle autorità e dal pubblico Progetti completati con successo, investimenti produttivi MANCANZA DEGLI ALTRI MARCHI Pochi concorrenti conosciuti LIVELLO EMOZIONALE SERVIZIO DI PULIZIA POPOLARITA' DEL MARCHIO MASSMEDIA QUALITA' E SICUREZZA AMBIENTALE DEI SERVIZI E PRODOTTI MASSMEDIA LE AUTORITA' GLI UTENTI IL VALORE DEL MARCHIO è DI 500 MM RUB* FEDELTA' L'interesse nel marchio, la fedeltà ai prodotti e servizi del marchio a lungo termine LEALTA' Lealta ai prodotti e ai servizi del marchio raccomandazioni e referenze a partner, amici e conoscenti UNA GRANDE PRESENZA Nelle regioni della Russia con strategia d'espansione dei territori LIVELLO RAZIONALE SERVIZIO COMPLETO DI RACCOLTA, TRASPORTO E RECUPERO MATERIE PRIME E MATERIALI SECONDARI SOCIETA' CONTRATTUALI IMBALLAGGI DI CARTA CONTRATTI DI LUNGO TERMINE INTEGRAZIONE INDUSTRIALE CLIENTI PRODUTTORI DEI RIFIUTI CONSUMATORI DELLE MATERIE PRIME E DEI MATERIALI SECONDARI * dati del Centro analitico russo, novembre I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 13

8 IL PROGETTO DI BASE IL PROCESSO TECNOLOGICO Progetto di base per una città di 500 mila persone. FASE DELL'ESERCIZIO 3,5 ANNI 1 Presentazione del progetto 2 Fondazione /acquisto della rete di operatori; inizio del trasporto dei RSU / RI 3 Acquisto dei terreni 4 Preparazione del piano di produzione e d investimento 5 Preparazione della documentazione legale Startup delle nuove strutture FASE D'INVESTIMENTO 1,5 ANNI ROI L'adempimento degli obblighi (coltivazione) FASE DIRACCOLTA FASE DI TRASPORTO Carico dei RSU nei camion Produttori dei rifiuti (rifiuti solidi urbani) Trasporto dei RSU alla stazione di trasbordo Punto di raccolta (accumulo dei RSU) Trasporto dei RSU accumulati alle strutture di trattamento LA FASE PREINVESTIMENTO 1 ANNO Inizio del finanziamento FASE DI SELEZIONE E DEPOSITO 100% Selezione e raggruppamento (selezione delle materie secondarie) Deposito dei residui inerti l'approvazione DELLA TARIFFA FASEDI TRATTAMENTO Recupero delle materie prime Vendita del materiale recuperato 200 mln. rub. 950 mln. rub. 150 mln. rub. 14 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 15

9 UNA TENDENZA MONDIALE: IL RECUPERO RUSSIA CRESCITA DELLA QUOTA DEI MATERIALI DI RECUPERO Il mercato dei rifiuti mondiale. La posizione e il potenziale della Russia 27 paesi UE Austria Bulgaria UK Germania Grecia Danimaca Spagna Italia Paesi Bassi Romania Finlandia Francia Svezia Russia USA La dinamica dei volumi dei RSU e RI prodotti in Russia La crescita dei volumi nel periodo dal 1990 al 2020 in millioni di m LA RIVOLUZIONE DEI RIFIUTI* *Il termine «la rivoluzione dei rifiuti» significa il periodo di transazione dei consumi in Russia verso i prodotti con l imballaggio moderno dal 1990 al 1996 Massa e Morfologia dei rifiuti solidi urbani e dei rifiuti d ingombro prodotti in Russia Crescita della produzione in kilogrammi per 1 persona/anno Discariche Inceneritori Trattamento Compost Gli indicatori morfologici Materiali Carta Materiali d'ingombro Rifiuti organici Plastica Metalli Resina, pelle, tessuti Vetro Legno Altro USA 38,1% 12,1% 10,9% 10,5% 7,8% 6,6% 5,5% 5,3% 3,2% Europa 33,5% 12,2% 34,7% 11,6% 5,3% 2,8% 2,1% Corea 27% 23% 7% 9% 3% 5% 4% 20% Russia 35% 40% 6% 4% 1% 3% 2% 12% kg kg kg kg Carta Vetro Plastica Legno Metalli Tessuti Organico 16 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 17

10 LO SCENARIO DI SVILUPPO: IL CONSOLIDAMENTO ECOSISTEMA IL LEADER DEL MERCATO Il ciclo dei RSU e RI sul mercato russo Gli operatori più grandi del multimercato RSU RACCOLTA TRASPORTO TRATTAMENTO SELEZIONE RSU 100% 5% di spreco (in zone extraurbane) Società di gestione 30% e associazioni condominiali Trasportatori 25% locali* 30% Operatori 10% universali Società municipale unitaria Acquisizione da parte degli operatori universali 10% di scarico illegale Trasportatori 45% locali* 30% Società municipale unitaria Operatori 10% universali 10% di recupero "grigio" e "nero" 20% 45% Trasportatori locali* Società municipale unitaria Operatori 10% universali Operatori 10% universali *Società che svolge l'attivita solo in una città 65% deposito e recupero Nome dell'operatore universale ECO sistema MEKHUBORKA MKMLOGISTICA ECOline Upravlenie otkhodami ( UK LIDER) RT Invest AVTOPARK No.1 ( Spetstrans) San Pietroburgo AVTOPARK No.6 (Spetstrans) San Pietroburgo RSU, mln. d m 3 6,0 8,9 6,5 2,2 1,5 4,3 3,0 3,5 Raccolta Trasporto Selezione Operatore Upravlenie otkhodami (LIDER) Progetti attivi Progetti dichiarati ECO sistema Progetti attivi Progetti dichiarati Numero delle regioni / abitanti 6 / 2,4 millioni 7 / 3,3 millioni 2 / 2,6 millioni 1 / 0,9 millioni 2 / 0,6 millioni 3 / 3,1 millioni 1 / 1,1 millioni 1 / 1,5 millioni CAPEX mlrd rub. (infrastruttura) 5,52 1,05 4,45 5,5 1,1 4,4 Recupero/deposito Tabella comparativa dell efficienza d investimento basata sulle 6 aree del gruppo «EcoSistema» e del gruppo «Upravlenie otkhodami (UK LIDER)»* Servizi RSU, mln. di m 3 (infrastruttura) 7,85 1,3 6,55 13,5 2,7 10,8 * Investimenti in strutture analoghe (linee di selezione, discariche, stazioni di trasbordo) effettuati nel passato e nel presente 18 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 19

11 INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA Gli indicatori dell attivita degli operatori nel 2014 Struttura CAPEX in dinamica Territorio / Progetti Astrakhan Ryazan Gubkin Altai Abitanti m. persone Volume annuale dei RSU m. di m Trasporto Selezione Deposito / / / / 5 Volume, m. di m 3 / Quota del mercato, % entro il / / / 100 Ricavi mln. rub Per raggiungere gli obiettivi la società investirà nel business 9,5 mlrd. di rubli. La maggior parte degli investimenti verrà realizzata nel I progetti con il maggiore impiego di capitale sono Volgograd 2,9 mlrd. di rub., Perm 2,65 mlrd. rub. Mosca / Medicina * * di tonnellate Progetti da realizzare entro Saratov Astrakhan Ryazan Territorio / Progetti Abitanti m. persone Volume annuale dei RSU m. di m 3 Volume, m. di m 3 / Quota del mercato, % entro il 2020 Trasporto Selezione Deposito Ricavi mln. rub. Astrakhan/regione Ryazan / / / / / / CAPEX Struttura CAPEX per progetto Gubkin / / Altai Kostroma Saratov Volgograd/ regione Perm Mosca/ Medicina Samara * / / / / / / / / / / / / % 0% 30% 35% 30% 4% 1% % 31% 9% 8% 25% 18% Saratov Astrakhan Ryazan Kostroma Perm Volgograd KHMAO Yugra/regione Kurgan *di tonnellate 20 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 21

12 INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA La società aumenterà la capacità di trattamento dei rifiuti di almeno 5 volte entro il 2020 (da 3,2 mln. di m 3 del 2014 a 17 mln. di m 3 nel 2020). La società si focalizza sulla replicazione del modellobusiness realizzato ad Astrakhan in altre regioni e sull espansione nella regione di Mosca tramite il consolidamento dei legami con gli altri attori del mercato. Capacità delle discariche (mln. di m 3 ) 16,4 17,0 17,3 17,6 14,2 8,0 2,1 2,1 2,0 2,8 Dinamica dei ricavi (mlrd. rub.) 7,1 6,4 5,6 3,0 7,7 8,1 La crescita dei ricavi secondo la strategia della società cambierà da 0,9 mlrd. rub. nel 2014 a 8,1 mlrd. rub. nel Nella struttura dei ricavi si aspetta l aumento della quota proveniente dal deposito (il rendimento di questa attività è protetto attraverso il meccanismo delle tariffe). L aumento del profitto attraverso la realizzazione dei progetti potenziali è stimato nel regime minimale (alla base degli indicatori, delle tariffe e dei volumi attuali) Astrakhan Ryazan Barnaul Belgorod Kostroma Perm Volgograd Saratov 0,6 0,7 0,9 0, Raccolta ( net) Deposito Materie secondarie Altro Struttura dei ricavi Vendita delle materie secondarie (m. di tonellate.) Volume di raccolta (mln. di m 3 ) 5,8 6,7 7,4 8,0 8, ,6 2,9 3,2 2,8 7,4 14,4 16,2 16,8 17,2 17,4 0,9 2, Astrakhan Ryazan Barnaul Belgorod Kostroma Perm Volgograd Saratov Astrakhan Ryazan Barnaul Belgorod PPerm Volgograd Raccolta ( net) Deposito Materie secondarie Altro Saratov Astrakhan Ryazan 22 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 23

13 INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA Utile lordo (mlrd. rub.) EBITDA e rendimento Si attende una crescita dell'utile lordo da 0,5 mlrd. rub. nel 2014 a 5,1 mlrd. rub. nel Lo scenario dell'espansione territoriale proposto nel business plan permette alla società di differenziare le fonti di redditi e profitti. 0,3 0,4 0,4 0,5 1, ,4 3,9 4,4 4,8 Astrakhan Ryazan Barnaul Belgorod Kostroma Perm Volgograd Saratov Mosca rifiuti medici 5,1 43% 43% 41% 38% 39% 31% 31% 28% 29% 3,3 3,5 2,9 22% 2,5 2,1 0,9 0,2 0,2 0,2 0, EBITDA margine EBITDA Si attende una crescita dell utile lordo da 0,5 mlrd. rub. nel 2014 a 5,1 mlrd. rub. nel Lo scenario dell espansione territoriale proposto nel business plan permette alla società di differenziare le fonti di redditi e profitti. Struttura dell'utile lordo Astrakhan Ryazan Barnaul Belgorod Kostroma Perm Volgograd Saratov Moscarifiuti medici Dinamica EBITDA nei progetti Saratov Ryazan strakhan 24 I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 25

14 INDICATORI CRESCENTI DELLA PERFORMANCE OPERATIVA E FINANZIARIA CONTATTI Si attende una riduzione del rapporto del debito netto all EBITDA da 3,1 nel 2014 a 0,66 nel Un maggiore peso del debito secondo lo scenario proposto si applica al periodo dal 2015 al Il picco del peso del debito si attende nel 2017 con successivo decremento. La dinamica dell EBITDA è esponenziale alla dinamica del profitto Debito netto, EBITDA EBITDA Dinamica del profitto / EBITDA EBITDA 4,00 3,50 3,00 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 Debito netto / EBITDA 3,55 3,10 2,40 2,04 1,75 1,18 0, , Mosca, via Vereiskaya, 17 Business center «Vereiskaya Plaza2», ufficio 515 Tel/fax:+7 (495) I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U P U L I T O 27

15 M O N D O P I U P U L I T O I N S I E M E P E R U N M O N D O P I U

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli