Servizi a Tutela del Credito V Rapporto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizi a Tutela del Credito V Rapporto"

Transcript

1 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto (Anno 2014) CENTRO STUDI UNIREC in collaborazione con maggio 2015

2 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Annuale (Anno 2014) CENTRO STUDI UNIREC Maggio 2015

3

4 Indice Prefazione e Ringraziamenti 4 Società che hanno conferito i dati 5 Introduzione 6 Lo scenario 6 Gli effetti 6 I volumi 7 I risultati 7 Dinamiche ed Economics 8 1. Sintesi dello scenario socio-economico in Italia nel Anno 2014: Breve quadro d insieme Credito Sofferenze bancarie Credito andamento Imprese L incasso dei crediti Famiglie Tasso di disoccupazione La Ricchezza delle famiglie Italiane Reddito e consumi delle famiglie Prodotto Interno Lordo Clima di fiducia Il comparto della Tutela del Credito in Italia Quadro d insieme: Operatori, fatturato complessivo e ricavi della sola attività di recupero crediti per conto terzi Premessa Imprese operanti nel settore della Tutela del Credito (codice Ateco ) Fatturato complessivo Ricavi per la sola attività di recupero crediti per conto terzi Mercato Unirec: Trend e Performance di recupero Crediti affidati e crediti recuperati Pratiche Importi Ticket medio Crediti affidati e recuperati suddivisi per Regione Analisi di dettaglio Incidenza dei settori economici Tipologia debitore Tipologia attività di recupero Sviluppo ed andamento economico delle Imprese Associate ad Unirec Quadro d insieme: Operatori, fatturato complessivo e ricavi della sola attività di recupero crediti per conto terzi Distribuzione delle Imprese Associate ad Unirec per forma giuridica Distribuzione delle Imprese Associate Unirec per area geografica Fatturato complessivo (recupero crediti e altri servizi) Ricavi per la sola attività di recupero crediti in conto terzi Ricavi da recupero crediti per dimensione aziendale Addetti dedicati al recupero crediti La Formazione per gli addetti al recupero Trend economico delle Imprese Associate Unirec Provvigione media corrisposta alle Imprese associate Unirec Aspettative per il Le Imprese Associate Unirec nel Clima di fiducia delle Imprese Associate Unirec 75 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

5 PREFAZIONE E RINGRAZIAMENTI Siamo lieti di presentare il V Rapporto sui Servizi a Tutela del Credito - Anno , realizzato dal Centro Studi di UNIREC, l Associazione Nazionale delle Imprese a Tutela del Credito. Dal Rapporto si desume un quadro d insieme del settore Gestione, Tutela e Recupero Crediti per conto Terzi, e dei risultati di un attività sempre più strategica per il sistema finanziario italiano, e vitale per la tenuta economica e sociale del nostro Paese. Desideriamo ringraziare le Imprese associate che hanno conferito i propri dati, permettendo la realizzazione di questo studio. Ringraziamo il Segretario ed il Personale della Segreteria UNIREC e tutte le persone che hanno collaborato volontariamente alla redazione di questo rapporto, e in particolare, Cristina, Rachel e Valentina. Ringraziamo anche il vice Presidente Marcello Grimaldi, i consiglieri Gaetano Bianco, Mariano Bucciarelli, Marco Pasini e Daniele Rizzetto, il Coordinatore Nazionale delle Macroregioni Virgilio Castri, ed i Quadri direttivi che hanno contribuito alla buona riuscita di questo lavoro. Inoltre, doverosi e particolari ringraziamenti sono dovuti al Presidente Gianni Amprino anche per la passione, la saggezza e l equilibrio con cui ha guidato l Associazione nell ultimo triennio. Infine, un grande in Bocca al Lupo al nuovo Consiglio Direttivo ed in particolare al neo Presidente. Claudio Iovino Consigliere Unirec Responsabile Centro Studi 4 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

6 SOCIETÀ CHE HANNO CONFERITO I DATI A.C.M. CONSULTING SRL, ABBREVIA SRL, ADVANCING TRADE SPA, AGECREDIT SRL, AGENZIA AFI SRL, ALFA RECUPERO CREDITI SRL, ARCOBALENO MANAGEMENT SRL, ARES SRL, ARGO GE.RE.CRE. SRL, ASC SRL, ASSICOM SPA, BETA PROFESSIONAL CONSULTING SRL, C.B.I. CREDIT BASE INTERNATIONAL SRL, C.R. RECUPERO CREDITI SRL, C.R. SERVICE SRL, CALL&CTION SRL, CE.S.E.C. SRL, CENTRALE ATTIVITA FINANZIARIE SPA, CERTA CREDITA SRL, CIEFFE GESTIONE CREDITI SRL, CITY RECUPERO CREDITI SRL, CNR CREDIT SRL, COLLECTION PROJECT SERVICE SRL, COMP.GEST. SRL, CONSULFIN SRL, CONSULGEST ITALIA SRL, CONSULT SERVICE COMPANY SRL, CONSULTING CREDIT SRL, COSMOREC SRL, CREARCI SRL, CREDEN SPA, CREDIGER SRL, CREDIREC ITALIA SRL, CREDIRES SRL, CREDIT CONSULTING SRL, CREDIT SERVICE&COMPANY SPA, CREDIT2CASH SPA, CREDITECH SPA, CREDITGEST SRL, CRIBIS TELESERVICE SRL, CROMA SRL, CSS SPA, D.G. di Dore Giacomo & C. SAS, DATAFIN SRL, DB MEC SRL, DUE EFFE SRL, E.N.I. A RL - Esazione Nazionale Italiana, ECR SPA, EFFEPI CREDIT SRL, ESACONSULT SRL, EURO EXECUTIVE SRL, EURO LEGAL SERVICE SRL, EUROCOLLECTION SRL, EUROPA FACTOR SPA, EUROSERVICE SRL, EUROSTUDIO SAS, F.G. GROUP SRL, F.P. CREDIT SNC DI PARRETTI NICOLA & FROSINI MASSIMO, FIDES SPA, FINARC SRL, FINEOS SRL, Finint Revalue S.p.A., FIRE SPA, FIREC SRL, FREE CAR SRL, G.B. PARTNER SRL A SOCIO UNICO, GANDOLFI SAS, GE.O.S. SAS, GE.RE.C ITALIA SRL, GE.RI. GESTIONE RISCHI SRL, GE.RI.C.O. SRL, GENAFIN SRL, GEXTRA SRL, GI. & BI. MULTISERVICE SRL, GIANNELLA SAVINO SAS, GIO.DA SRLS, GISERVICE SRL, GLS SRL, GUBER SPA, HAMILTON SRL, HOIST ITALIA SRL, I.NA.GE.C. SRL, I.R.S. SRL, IEN SAS, INFO.REC. SRL, INTELLCREDIT SPA, INTERMED CREDIT SRL, INTRUM JUSTITIA SPA, ITALIAN CREDIT SRL, ITALY RECOVER SRL, KEY PEOPLE SRL, KREOS SRL, LINK FINANZIARIA SPA, MAGIREK SRL, MARAN CREDIT SOLUTION SPA, MCM SERVICES SAS, MG STUDIO PROFESSIONALE SRL, MIFIDO SRL, MIRO' S.R.L. NATIONAL SERVICE SAS, NATIONALCREDIT.IT SRL, NCP SRL, NEW CREDIT SOLUTIONS SRL, NEW ORVE SAS NIVI CREDIT SRL, OMNIAREC SRL, ONE SRL, ORMCA SRL, OSIRC SPA, PEGASO SERVIZI SAS, PHOENIX ITALIA SRL, PHONIKA SRL, PREMIER SRL, PRIMEFIN SRL, R.C. COLLECTION SRL, RASKA SERVICE SRL, RBS RETAIL BANKING SRL, REAL CREDIT SAS, RECREDIT SERVICE SRL, RECREFIN SERVICE SRL, RECUS SPA, RELEASE SRL, RINALDO VAIRA - STUDIO EUROPEO GESTIONE INSOLUTI SRL, RS SERVIZI SRL, S.I.R. SAS, SARDA RECUPERI SRL, SC CREDITH SRL, SE.TE.L. SERVIZI SRL, SERCOM SRL, SERFIN 97 SRL, SERVICE CREDIT SRL, SERVICE LINES SRL, SI COLLECTION SPA, SICUR CREDIT SRL, SIGGER CONSULTING SRL, SO.CA. SERVICE SRL, SOREC SRL, SORIT SPA, ST.ING. SPA, STAR CREDIT SRL, STUDIO BONDI SRL, STUDIO CO.GE.FIN. SRL, STUDIO LUZZI & Associati SRL, STUDIO PTF SRL, STUDIO SPADINI SRL, STUDIO UNO SAS, SUD CREDIT SRL, SYSTEM HOUSE SRL, TEAM COMPANY SRL, TEAM SRL, TELKOM SPA, TESEO SRL, TOTAL COLLECTION SRL, TRANSCOM WORLDWIDE SPA, UEN SRL, UNO SERVIZI SRL, VIREC MANAGEMENT SRL, WINSERVICE SNC, WORK CREDIT. Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

7 INTRODUZIONE Il V Rapporto Unirec sui Servizi a Tutela del Credito anno 2014 permette di avere contezza del contesto in cui hanno lavorato le Imprese del settore, potendo esaminare ed approfondire: lo scenario macroeconomico che ha caratterizzato il 2014; la situazione complessiva delle Famiglie e delle Imprese italiane; i volumi ed i valori del settore gestione, tutela e recupero crediti per conto terzi ; le dinamiche produttive e quelle economiche del comparto. LO SCENARIO Il Rapporto evidenzia come, anche nel 2014, la crisi ha colpito sia il Sistema imprenditoriale, sia le Famiglie ed il mondo del lavoro in genere. Infatti, dagli indicatori macro-economici si rileva che: è proseguita la contrazione di erogazione di prestiti bancari, soprattutto alle Imprese, seppur in misura minore rispetto ai periodi precedenti, e con tenui segnali positivi verso la fine dell anno; n Aziende hanno chiuso i battenti (3,5% in meno rispetto alle del 2013, ma in aumento del 12,7% le società di capitale). il tasso di disoccupazione a livello nazionale ha raggiunto il record del 13,2%, con picchi oltre il 21% nell area Sud ed Isole e del 43% per i giovani con meno di 25 anni; GLI EFFETTI In tale contesto: si è acuita la fragilità delle Famiglie e delle Imprese, che hanno visto peggiorare la loro capacità di onorare gli impegni assunti e di rimborsare i prestiti contratti; si sono intensificate le strumentalizzazioni inerenti talune tipologie d attività; si sono di conseguenza accentuati gli accertamenti delle Autorities; si è reso necessario aumentare ancor più gli investimenti in formazione ed in processi; Tutto questo in un mercato, come quello del recupero crediti, regolato pressoché esclusivamente da corrispettivi success-fee (sovente stabiliti unilateramente dalla committenza e non negoziabili), ha reso oltremodo difficoltoso per le Imprese del comparto il conseguimento di performance di recupero sufficienti a generare ricavi adeguati a coprire i costi e remunerare gli investimenti; oltre che, ovviamente, a soddisfare le attese della committenza. D altronde le Imprese di recupero sono state chiamate a conformarsi con questo nuovo scenario e hanno dovuto effettuare investimenti tesi alla creazione di maggior valore in termini di formazione, sistemi e strumenti, nonchè di maggior garanzia di Compliance per perseguire il soddisfacimento degli obiettivi richiesti. 6 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

8 IVOLUMI Nel 2014, le Imprese associate ad Unirec, per ognuno dei 248 giorni lavorativi, hanno ricevuto in gestione n pratiche per oltre 226 milioni di euro. Infatti, l ammontare complessivo dei crediti scaduti e non pagati affidati ad Unirec per il recupero - che rappresenta l 85% del Mercato -, nel 2014 è aumentato a n. 40,6 milioni di posizioni (con un incremento del 4% rispetto al 2013, pari 1,7 milioni di pratiche in più), per complessivi 56,2 miliardi di euro (7,6 miliardi in più rispetto al 2013, pari a +16%), di cui: 40,5 miliardi di euro dal settore Bancario/Finanziario/Leasing pari al 72% del totale, ovvero 17,2 milioni di pratiche pari al 43% del totale (nel 2013 erano 29,1 miliardi di euro pari al 60% del totale -, per 17,5 milioni di pratiche pari al 45% del totale ), relativi a rate di prestiti, rate per acquisto di beni di largo consumo, rate di mutui, scoperti di conti bancari, carte di credito revolving e canoni di leasing; 12,8 miliardi di euro dal settore Utility/TLC - pari al 23% del totale - ovvero 19,1 milioni di pratiche pari al 47% del totale - (nel 2013 erano 17,9 miliardi di euro pari al 37% del totale - per 19,1 milioni di pratiche, pari al 49% del totale), riguardanti bollette insolute per servizi di prima necessità quali: luce, acqua, gas e telefono; 2,9 miliardi di euro per crediti della PP. AA, Commerciali e Assicurazioni pari al 5% del totale - ovvero 4,2 milioni di pratiche pari al 10% del totale (nel 2013 erano 1,5 miliardi di euro, - pari al 3% del totale - per 2,3 milioni di pratiche, pari al 6% del totale). I RISULTATI Il tasso medio di recupero 1, proseguendo il trend negativo iniziato nel 2007, ha accusato un ulteriore calo di 2,40 punti (-12% sul 2013), scendendo dal 19,6% al 17,2%. Dal 2007 è diminuito di 14,1 punti, riducendosi complessivamente di quasi il 50%. In tale contesto in cui, come si può facilmente intuire, è risultato più complesso e soprattutto più costoso recuperare i crediti per conto terzi, le 205 Imprese associate ad Unirec, districandosi tra normative sempre più stringenti, hanno comunque dato lavoro ad oltre addetti (circa in più del 2013), riuscendo a risolvere positivamente, ed in via extra giudiziale, una pratica ogni due gestite (circa il 42% del totale). In termini d importo, in 12 mesi sono stati recuperati quasi 10 miliardi di euro. Tali risultati, frutto di impegno, professionalità ed investimenti, confermano l importanza strategica di questa attività per l economia del Paese e per la tenuta del Sistema Italia. 1 Rapporto tra crediti recuperati e crediti affidati per il recupero 7

9 DINAMICHE ED ECONOMICS Per garantire professionalità e buone prassi, a sostegno di un approccio etico e sostenibile - ovvero un attività di recupero crediti mirata a trovare soluzioni stragiudiziali, conciliative ed equilibrate, soprattutto a tutela del debitore -, nel 2014 le Imprese associate ad Unirec si sono fatte carico, finanziato ed erogato oltre ore di formazione, ai propri addetti: in media circa 21 ore per ogni addetto, il 23,6% in più rispetto alle 17 ore medie del Infine, oltre agli investimenti e ai già citati maggiori costi di formazione e di recupero sono da tenere in consideraione i costi relativi ai servizi complementari 2. Tali servizi, richiesti dalla Committenza e la cui erogazione è, quindi, vincolante per acquisire e preservare le commesse -, pur essendo essenziali per conseguire i livelli di performance attesi, solitamente non vengono remunerati, assottigliando in tal modo la già esigua redditività delle Società di Recupero Crediti. Per contro: la provvigione media è diminuita dell 1,9%, dal 5,90% del 2013 al 5,79%; i ricavi per recupero crediti stimati per il 2014 sono cresciuti appena dello 0,3% a 573 milioni (erano 571 milioni quelli del 2013 incrementatisi del 3,6% sull anno precedente); gli utili hanno subito un ulteriore erosione del 5%; le società di capitale che hanno chiuso l esercizio in perdita sono aumentate da n. 28 a n.30. Roma, 14 maggio 2015 Claudio Iovino Consigliere Unirec Responsabile Centro Studi 2 Abbinamento incassi, contabilizzazione sui sistemi contabili delle Committenti, gestione e versamento di valori, gestione effetti cambiari, supporto agli Agenti sul territorio, raccolta informazioni aggiuntive sul debitore, rintracci, etc 8 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

10 Sintesi dello scenario socio-economico in Italia nel 2014 capitolo 1

11

12 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL ANNO 2014: BREVE QUADRO D INSIEME Nel fatto salvo qualche debole segnale positivo riscontrato verso fine anno, è persistita una sfavorevole situazione generale, in cui tutti gli indicatori economici hanno registrato andamenti negativi. Il PIL (Prodotto Interno Lordo) rilevato dall Istat -0,4% sull anno precedente, è risultato in calo per il terzo anno consecutivo; nel quarto trimestre si è registrato il livello più basso da 15 anni; Il tasso di disoccupazione, dopo il 12,1% del 2013, ha toccato la punta record del 12,7%, dato mai raggiunto fin dal 1977; I consumi, ivi compresi quelli alimentari e di primaria necessità, hanno subito un ulteriore calo, che sembra testimoniare il peggioramento della capacità di spesa delle famiglie per il minor reddito disponibile. Solo nel quarto trimestre dell anno l Istat ha rilevato una lieve ripresa, con un aumento dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e dello 0,5% su base annua; Il tasso medio d inflazione rilevato dall Istat si è attestato a +0,2%, con alcuni beni di primaria importanza, quali quelli alimentari, e per la pulizia della casa e della persona, che hanno varcato la soglia della deflazione, scendendo a -0,2%; Nel settore del Credito, anche a seguito di interventi mirati della Banca Centrale per favorire la ripresa, si è registrata una maggiore liquidità ed un ulteriore diminuzione del costo del denaro; tuttavia, il Sistema Bancario che, a seguito della recessione, ha visto crescere ulteriormente le proprie sofferenze (184 miliardi di euro quelle lorde a dicembre 2014), ha in parte preferito investire in titoli di stato, il cui rendimento è risultato più conveniente rispetto alle erogazioni di prestiti, continuando a mantenere un atteggiamento prudente verso la clientela Famiglia e riflessivo verso le Imprese, in particolar modo verso quelle di dimensione più contenuta. 1.2 CREDITO - SOFFERENZE BANCARIE Nel 2014, le sofferenze bancarie lorde sono aumentate di 27,9 miliardi di euro (+17,9%) passando da 155,8 miliardi di euro registrati a dicembre 2013 a 183,7 miliardi di euro rilevati dall ABI a fine dicembre Dal Rapporto mensile ABI 3, si rileva che la relazione sofferenze lorde/impieghi, a dicembre 2014 è aumentata del 18,5%, passando dall 8,1% dell anno precedente al 9,6%; a fine 2007, lo stesso indice era pari al 2,8%. Detto rapporto, se raffrontato al periodo pre-crisi del 2007, per il segmento Imprese risulta essere aumentato di 4,5 volte; mentre per il segmento Famiglie l aumento è stato di 2,4 volte; e più precisamente: 16,2% per le Imprese; era del 13,3% un anno prima e del 3,6% a fine 2007; 6,9% per le Famiglie consumatrici; era del 6,3% a fine 2013 e del 2,9% a fine Rapporto mensile ABI febbraio 2015 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

13 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL 2014 Fig. 1: Sofferenze bancarie lorde ( /mld) dic-13 gen-14 feb-14 mar-14 apr-14 mag-14 giu-14 lug-14 ago-14 set-14 ott-14 nov-14 dic-14 Fonte: Elaborazione Ufficio Analisi Economiche ABI su dati Banca d Italia. 12,0% Fig. 2: Tasso di ingresso a sofferenza (Variazioni %) 10,0% 8,0% TOTALE ECONOMIA 6,0% IMPRESE 4,0% 2,0% FAMIGLIE CONSUMATRICI 0,0% I T '00 III T I T '00 '01 III T '01 I T '02 III T '02 I T '03 III T I T '03 '04 III T I T '04 '05 III T I T '05 '06 Fonte: Banca d Italia; segnalazioni di vigilanza e Centrale rischi III T I T '06 '07 III T '07 I T '08 III T I T '08 '09 III T '09 I T '10 III T '10 I T '11 III T '11 I T '12 III T '12 I T '13 III T I T III T '13 '14 '14 12 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

14 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL 2014 Da una suddivisione delle sofferenze bancarie 2014 (n.1,2 milioni per 180 miliardi) riportate dal Bollettino statistico di Banca d Italia 4, si rileva che il 61,7% del numero si riferisce a prestiti d importo compreso tra 250 e euro, ovvero a complessivi 6,4 miliardi, pari al 3,6% del totale; al contrario, il 4,3% del numero delle sofferenze rappresenta il 68,5% degli importi totali ( 120 miliardi) e si riferisce a prestiti d importo superiore a euro. Lo 0,04% del numero rappresenta il 13% degli importi totali delle sofferenze, pari a 23,4 miliardi. Questi dati sembrerebbero testimoniare che i problemi che sottendono le sofferenze bancarie sono di natura molto differente tra loro, infatti: numericamente, la maggior parte (61,7%) sembra riferirsi a piccole insolvenze facilmente riconducibili a Famiglie e/o piccole Imprese, che complessivamente si attestano appena a 6,4 miliardi, ovvero il 3,6% del totale; al contrario, una minima parte del numero, cioè lo 0,43%, pesa per il 35,5% sul totale delle sofferenze, ovvero 63,4 miliardi sui 180 miliardi di euro totali, e si riferisce a prestiti singolarmente superiori ad 5 milioni, facilmente riconducibili ad aziende di medie/grandi dimensioni. Fig. 3: Sofferenze per classi di grandezza - (% sul numero totale di Sofferenze) -5,00% 5,00% 15,00% 25,00% 35,00% 45,00% 55,00% 65,00% da 250 a ,65% Fasce di prestiti (in euro) da a da a da a da a da a da a da a da a oltre ,47% 7,50% 9,31% 3,73% 1,97% 1,41% 0,53% 0,39% 0,04% Fonte: Bollettino statistico IV trimestre 2014 Banca d Italia, Centrale rischi 4 Bollettino statistico IV trimestre 2014 Banca d Italia Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

15 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL 2014 Fig. 4: Indici di erogazione del credito al Settore privato non finanziario (%) -5,0% 5,0% 15,0% 25,0% 35,0% 45,0% 55,0% 65,0% da 250 a ,6% da a ,4% Fasce di prestiti in euro da a da a da a da a da a da a ,9% 10,5% 8,1% 8,5% 13,4% 11,2% da a ,5% oltre ,99% Fonte: Bollettino statistico IV trimestre 2014 Banca d Italia, Centrale rischi In quattro Regioni si concentra circa il 50% del numero delle sofferenze bancarie totali. Infatti, le Regioni dove si registra il maggior numero di sofferenze sono Lombardia: n pari al 15,3% del totale; Lazio: n pari al 11,3% del totale; Sicilia: n , pari all 11% del totale; Campania: n per al 10,3% del totale. La riclassificazione per ammontare delle sofferenze, conferma al primo posto la Lombardia: 37,8 miliardi, pari al 21% del totale, seguita dal Lazio: 23,4 miliardi, pari al 13% del totale, e a pari merito dal Veneto e dall Emilia Romagna entrambe con 16,2 miliardi, pari al 9% del totale. 14 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

16 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL 2014 Fig. 5: Sofferenze per localizzazione clientela 2014 (% sul numero totale di Sofferenze) Lombardia Lazio Sicilia Campania Emilia-Romagna Piemonte Veneto Toscana Puglia Calabria Marche Sardegna Abruzzo Liguria Umbria Friuli-Venezia Giulia Basilicata Trentino-Alto Adige Valle d' Aosta 3,6% 2,8% 2,7% 2,5% 2,3% 1,7% 1,5% 0,9% 0,8% 0,5% 0,1% 7,4% 6,7% 6,4% 6,4% 6,0% 11% 10,3% 11,3% 15,3% 0,0% 5,0% 10,0% 15,0% 20,0% Fonte: Bollettino statistico IV trimestre 2014 Banca d Italia, Centrale rischi Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

17 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL 2014 Fig. 6: Sofferenze per localizzazione della clientela - (% sull importo totale delle Sofferenze) Valle d'aosta Molise Basilicata Trentino Alto Adige Friuli-Venezia Giulia Sardegna Calabria Liguria Umbria Abruzzo Marche Puglia Sicilia Piemonte Campania Toscana Emilia-Romagna Veneto Lazio Lombardia 0% 0% 1% 1% 2% 2% 2% 2% 2% 2% 4% 4% 6% 6% 6% 8% 9% 9% 13% 21% 0% 5% 10% 15% 20% Fonte: Bollettino statistico IV trimestre 2014 Banca d Italia, Centrale rischi 16 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

18 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL CREDITO - ANDAMENTO Dal Bollettino Economico della Banca D Italia 5, si rileva che nel 2014, seppur in misura minore rispetto ai periodi precedenti, è proseguita la contrazione dei prestiti bancari. I prestiti alle Famiglie, sebbene si siano decisamente ridimensionati rispetto al periodo pre-crisi, hanno comunque registrato una contenuta ripresa rispetto all anno precedente; i mutui sono aumentati mediamente di circa il 10%, mentre il credito al consumo è aumentato di circa il 2,5%. Fig. 7: Indici di erogazione del credito al Settore privato non finanziario in Italia (Variazioni %) 8% 7% 6% PRESTITI ALLE FAMIGLIE 5% 4% 3% 2% MUTUI 1% 0% -1% gen-10 apr-10 lug-10 ott-10 gen-11 apr-11 lug-11 ott-11 gen-12 apr-12 lug-12 ott-12 gen-13 apr-13 lug-13 ott-13 gen-14 apr-14 lug-14-2% -3% -4% -5% -6% TOTALE ECONOMIA -7% -8% Fonte: Banca d Italia e Istat 5 Bollettino economico Numero 1 Gennaio 2015 Banca d Italia Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

19 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL IMPRESE Da un elaborazione della Camera di Commercio di Milano - su dati del Registro delle Imprese - si rileva che queste ultime, che nel 2013 ammontavano a circa 5,3 milioni e davano lavoro a circa 16 milioni di addetti, nel 2014 sono diminuite di circa unità, pari allo 0,7% del totale, ed hanno visto ridursi gli addetti dell 1,2% (circa persone in meno). Da notare che la struttura imprenditoriale italiana, è basata su un tessuto formato per circa l 80% da Imprese individuali e società di persone. Fig. 8: Numero di Imprese attive in Italia ( ) Società di capitale* Imprese individuali Società di persone Fonte: Rapporto Cerved PMI 2014 Il Rapporto Cerved PMI , conferma che l Italia è il Paese che vanta il maggior numero di microimprese e PMI nell Unione Europea. Si noti infatti che il 95% del totale delle società di capitale non finanziarie, pari a n , è composto da micro o piccole Imprese. 6 Rapporto Cerved PMI 2014 *Incluse Imprese che non hanno depositato alcun bilancio o che non producono bilanci 18 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

20 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL Fig. 9: Numero di Società di capitale per dimensione ( ) Micro Piccole Medie Grandi Fonte: Rapporto Cerved PMI 2014 Dall Osservatorio su fallimenti, procedure e chiusure d impresa 7 di Cerved, si rileva che nel 2014, pur rimanendo su valori elevati, si è arrestato il trend delle chiusure aziendali (fallimenti, procedure concorsuali e liquidazioni volontarie); infatti, le aziende che hanno cessato l attività sono diminuite a n circa, in calo del 3,5% rispetto alle del In questo contesto, vi è tuttavia da rilevare che il dato relativo ai fallimenti, benché con un trend altalenante, è aumentato del 10,7%; i fallimenti del 2014 risultano più che raddoppiati rispetto ai rilevati nel 2008, agli inizi della crisi. 7 Osservatorio su fallimenti, procedure e chiusure d impresa Febbraio 2015 #22 Cerved Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

21 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL 2014 Fig. 10: Andamento dei fallimenti: numero fallimenti per trimestre solare T T 3 T 4 T 1 T 2 T 3 T 4 T 1 T 2 T 3 T 4 T 1 T 2 T 3 T 4 T 1 T 2 T 3 T 4 T Fonte: Cerved, Febbraio ,0% Fig. 11: Andamento dei fallimenti (Variazione % su anno precedente) 25,0% 20,0% 21,9% 25,0% 19,6% 15,0% 10,0% 8,3% 12,9% 10,7% 5,0% 3,1% 0,0% Fonte: Cerved, Febbraio Più di tre quarti dei fallimenti registrati nel 2014 hanno riguardato società di capitale: n società hanno presentato istanza di fallimento, in aumento del 12,7% rispetto al Più contenuto l aumento osservato tra le società di persone (+2,4%) e tra quelle organizzate in altre forme giuridiche (+7,8%). 20 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

22 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL 2014 Fig. 12: Fallimenti per forma giuridica nel 2014 (Variazione % su 2013) 14% 12,7% 12% 10% 8% 7,8% 6% 4% 2% 0% 2,4% Società di persone Altre forme Società di Capitale Fonte: Cerved, Febbraio 2015 #21 Fig. 13: Andamento delle insolvenze (Variazione % su anno precedente) Spagna 14% -27% Portogallo -10% -23% Germania -8% -6% Regno Unito -15% -5% Francia +3% +1% Grecia +10% +3% Italia +12% +10% Fonte: La Repubblica Nel periodo il CAGR (tasso di crescita annuale composto) del numero dei fallimenti in Italia è dell 11%. Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

23 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL 2014 Fig. 14: Numero dei fallimenti in Italia CAGR 2009/2014: 11% * previsione * Fonte: Bloomberg, Euler Hermes 1.5 L INCASSO DEI CREDITI In un ranking stilato da Euler Hermes 8 relativo a ritardi nei pagamenti, rischi d insolvenza e tortuosità delle procedure legali, nel 2014 l Italia si posiziona al 27 posto su 44 Paesi analizzati; l Italia, con un punteggio pari a 53 9, si classifica, tra gli altri, dopo Spagna, Portogallo, Grecia, Romania e Turchia Euler Hermes: Economic-Outlook-International-Debt-Collection-1213-dec14 9 Il Colletion Complexity Index di Euler Hermes è un indicatore numerico da 0 (meno problematico) a 100 (più problematico) che consente di suddividere in quattro fasce i Paesi oggetto del monitoraggio Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

24 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL 2014 Fig.15: Collection Complexity Index Svezia Germania Austria Svizzera Spagna Belgio Netherlands Nuova Zelanda Irlanda Finlandia Norvegia Francia UK Portogallo Giappone Grecia Danimarca Romania Canada Hong Kong Singapore Australia Istraele Chile USA Turchia Italia Polonia Ungheria Brasile Repubblica Ceca India Marocco Colombia Tailandia Argentia Slovacchia Messico Indonesia Malesia Cina Russia UAE Arabia Saudita Fonte: Euler Hermes Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

25 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL FAMIGLIE Nel 2014 i disoccupati sono ammontati a oltre unità. Dai dati diffusi dall Istat, si rileva che a dicembre 2014 il tasso di disoccupazione nazionale si è attestato al 12,7%, tornando ai valori di inizio anno, dopo aver messo a segno costanti aumenti che l hanno visto raggiungere la punta record del 13,2% a novembre; a dicembre, invece, ha messo a segno un calo di 0,5 punti riportandosi sul medesimo valore di dicembre Fig. 16: Tasso di Disoccupazione totale (%) 13,4% 13,2% 13,0% 12,8% 12,6% 12,4% 12,6% 12,7% 12,5% 12,5% 12,4% 12,5% 12,4% 12,8% 12,7% 12,9% 13,0% 13,2% 12,7% 12,6% 12,2% 12,0% D 2013 G 2014 F 2014 M 2014 A 2014 M 2014 G 2014 L 2014 A 2014 S 2014 O 2014 N 2014 D 2014 G 2015 Fonte: Istat Permane molto negativo - benché in miglioramento nell ultimo periodo dell anno il dato riguardante la disoccupazione giovanile; infatti, il tasso di disoccupazione relativo alla fascia d età fino a 24 anni, nel 2014 si è attestato mediamente intorno al 43% circa. 24 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

26 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL 2014 Fig. 17: Tasso di Disoccupazione giovanile (15-24 anni) (%) 45,0% 44,0% 43,0% 42,0% 41,0% 40,0% 39,0% 38,0% 37,0% 36,0% 35,0% 34,0% Fonte: Istat 41,5% 43,2% 2013 Gen 2013 Feb 2013 Mar 2013 Apr 2013 Mag 2013 Giu 2013 Lug 2013 Ago 2013 Set 2013 Ott 2013 Nov 2013 Dic 2014 Gen 2014 Feb 2014 Mar 2014 Apr 2014 Mag 42,9% Altrettanto negativo è il dato relativo all area geografica Sud-Isole che, con un tasso di disoccupazione del 21,2%, risulta maggiore più di una volta e mezza del 12,7% di quello nazionale e più del doppio rispetto al 9,1% dell area geografica Nord. Il record del numero di disoccupati è detenuto dalla Campania con n unità. Fig. 18: Tasso di Disoccupazione per Area Geografica (%) 41,2% 2014 Giu 2014 Lug 2014 Ago 2014 Set 2014 Ott 2014 Nov 2014 Dic 2015 Gen 25% SUD + ISOLE 21,2% 20% 15% ITALIA 12,7% 10% 5% 0% I T '11 II T '11 III T '11 IV T '11 I T '12 II T '12 III T '12 IV T '12 I T '13 II T '13 III T '13 IV T '13 NORD 9,1% I T '14 II T '14 CENTRO 12,2% III T '14 IV T '14 Fonte: Istat NORD CENTRO SUD + ISOLE ITALIA Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

27 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL 2014 In cinque regioni dell area Sud e Isole, con un tasso medio di circa il 22%, si concentrano n disoccupati, pari ad oltre il 43% del totale Italia; più precisamente: Campania n , Sicilia n ; Puglia n , Calabria n , Sardegna n La Lombardia, con disoccupati, detiene il secondo posto a livello nazionale per numero totale di disoccupati, ma ha un tasso di disoccupazione dell 8%, inferiore di tre volte a quello delle regioni dell area Sud e Isole. Campania Lombardia Sicilia Lazio Puglia Piemonte Emilia-Romagna Toscana Veneto Calabria Sardegna Liguria Marche Abruzzo Umbria Friuli-Venezia Giulia Basilicata Trentino Alto Adige Molise Provincia Autonoma Trento Provincia Autonoma Bolzano Valle d'aosta Fig. 19: Anno Disoccupati a livello regionale (n./000) Fonte: Istat 26 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

28 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL 2014 Calabria Sicilia Campania Puglia Sardegna Molise Basilicata Abruzzo Lazio Umbria Piemonte Liguria Toscana Marche Valle d'aosta Emilia-Romagna Lombardia Friuli-Venezia Giulia Veneto Provincia Autonoma Trento Trentino Alto Adige Provincia Autonoma Bolzano Fonte: Istat Fig. 20: Anno Tasso di Disoccupazione regionale (%) 6% 4% 13% 13% 11% 11% 11% 10% 10% 9% 8% 8% 8% 7% 7% 15% 15% 19% 23% 22% 22% 21% 0% 5% 10% 15% 20% 25% LA RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE ITALIANE Le famiglie italiane sembrano diventate meno ricche; la loro ricchezza netta - cioè la somma di attività finanziarie (depositi, titoli, azioni, ecc.) e attività reali (abitazioni, terreni, ecc.) al netto delle passività finanziarie (mutui, prestiti personali, ecc.) -, nel 2013 è infatti diminuita dell 1,4% a miliardi, ovvero di 123 miliardi circa in meno rispetto all anno precedente. Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

29 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL 2014 Fig. 21: La ricchezza delle famiglie italiane ( /mld) RICCHEZZA NETTA ATTIVITA' FINANZIARIE FINANZIARIE ABITAZIONI I ATTIVITA' REALI PASSIVITA' Fonte: Banca d Italia Fig. 22: La ricchezza delle famiglie italiane a prezzi correnti ( /mld Prezzi al 2013*) /2013: -8% RICCHEZZA NETTA Fonte: Banca d Italia (*valori calcolati utilizzando il deflatore dei consumi della contabilità nazionale) 28 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

30 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL REDDITO E CONSUMI DELLE FAMIGLIE Dopo un trend costantemente in discesa iniziato nel , il reddito disponibile delle famiglie consumatrici 10 in valori correnti, nel terzo trimestre 2014 è aumentato dell 1,8% rispetto al trimestre precedente e dell 1,4% rispetto a pari periodo del Grazie alla stabilità dell andamento dei prezzi, il potere d acquisto delle famiglie è aumentato dell 1,9% rispetto al trimestre precedente e dell 1,5% rispetto a pari periodo del 2013; rimane comunque molto lontano dai valori pre-crisi. 290 Fig. 23: Potere d'acquisto delle famiglie italiane ( /mld) I T '08 II T '08 III T '08 IV T I T '08 '09 II T '09 III T '09 IV T I T '09 '10 II T '10 III T '10 IV T I T '10 '11 II T '11 III T '11 IV T I T '11 '12 II T '12 III T '12 IV T I T '12 '13 II T '13 III T '13 IV T I T '13 '14 II T III T '14 '14 Fonte: Istat Anche la spesa per i consumi finali rilevata dall Istat, è risultata stagnante per tutto l anno mentre ha dato qualche segno di ripresa alla fine del Valore della spesa delle famiglie per l insieme di beni e servizi acquisiti per il soddisfacimento dei propri bisogni individuali Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

31 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL 2014 Fig. 24: Spesa per consumi finali delle famiglie italiane ( /mld) I T '08 II T '08 III T '08 IV T I T '08 '09 II T '09 III T '09 IV T I T '09 '10 II T '10 III T '10 IV T I T '10 '11 II T '11 III T '11 IV T I T '11 '12 II T '12 III T '12 IV T I T '12 '13 II T '13 III T '13 IV T I T '13 '14 II T III T '14 '14 Fonte: Istat Nell ultimo anno, inoltre, il tasso di investimento delle famiglie è stato pari al 6%, in diminuzione sia rispetto al trimestre precedente (-0,2 punti percentuali), che al terzo trimestre del 2013 (-0,4 punti percentuali). Fig. 25: Investimenti fissi (acquisto di abitazioni) lordi delle famiglie italiane ( /mld) !I T '08 II T '08 III T '08!IV T '08!I T '09 II T '09 III T '09!IV T '09!I T '10 II T '10 III T '10!IV T '10!I T '11 II T '11 III T '11!IV T '11!I T '12 II T '12 III T '12!IV T '12!I T '13 II T '13 III T '13!IV T '13!I T '14 II T '14 III T '14 Fonte: Istat Dal rapporto Il reddito disponibile delle famiglie nelle regioni italiane 11, pubblicato dall Istat a Febbraio 2014 su dati relativi al 2012, si rileva che il reddito disponibile in valori correnti diminuisce, rispetto all'anno precedente, in tutte le regioni italiane. 11 Il reddito disponibile delle famiglie nelle regioni italiane 3 Febbraio Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

32 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL 2014 L Istat ha rilevato che il reddito monetario disponibile per abitante, nelle aree Nord- Est e Nord-Ovest è pari a circa euro; nell area Centro a euro e nel Mezzogiorno a euro. La graduatoria regionale del reddito disponibile per abitante ( euro il valore medio nazionale) vede al primo posto la Regione Autonoma del Trentino Alto Adige, vicina ai euro, e all ultimo posto la Campania, con poco meno di euro. Fig. 26: Reddito disponibile delle famiglie per regione Graduatoria 2012 ( /000) 22,4 22,0 21,6 21,2 20,8 20,4 20,0 19,6 19,2 18,8 18,4 18,0 17,6 17, ,8 16,4 16,0 15,6 15,2 14,8 14,4 14,0 13,6 13,2 12,8 12,4 12,0 Camp Sic Cal 12,7 12,9 12,3 13,9 13,6 14,7 15,1 15,3 17,9 18,8 18,9 18,5 Pug Bas Sard Mol Abr Umbria Marche Lazio 19,4 19,6 19,6 19,9 Tosc Trento Ven Lig 21,0 20,7 20,4 Pie Friuli Lom Emilia 21,8 22,4 Valle d. T. Alto Adige Fonte: Istat-Reddito Disponibile delle famiglie Italiane 3 Febbraio 2014 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

33 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL Prodotto Interno Lordo Nel 2014, il Prodotto Interno Lordo italiano è risultato in calo per il terzo anno consecutivo, ed è diminuito in media dello 0,4 % rispetto all anno precedente. Fig. 27: PIL (Variazione % sul trimestre anno precedente) 1,00 0,50 0,00-0,50-1,00 0,4-1,0-1,4-0,8-0,1-0,3-0,5-0,5-1,50-2,00-2,50-3,00-2,3-3,1-3,1-2,7-2,6-2,0-3,50 III T 11 IV T 11 I T 12 II T 12 III T 12 IV T 12 I T 13 II T 13 III T 13 IV T 13 I T 14 II T 14 III T 14 IV T 14 Fonte: Istat 32 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

34 SINTESI DELLO SCENARIO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA NEL Clima di Fiducia Nel 2014, soprattutto verso la fine dell anno e benché con un trend altalenante, il clima di fiducia sia delle Imprese che delle Famiglie ha registrato segnali positivi. Fig. 28: Clima di fiducia Imprese apr 2010 giu 2010 Fonte: Istat Fonte: Istat Fonte: Istat ago 2010 ott 2010 dic 2010 feb 2011 apr 2011 giu 2011 ago 2011 ott 2011 dic 2011 feb 2012 apr 2012 giu 2012 Fig.29: Clima di fiducia dei consumatori ago 2012 ott 2012 dic 2012 feb 2013 apr 2013 giu 2013 ago 2013 ott 2013 dic 2013 feb 2014 apr 2014 giu 2014 ago 2014 ott 2014 dic 2014 apr 2010 giu 2010 ago 2010 ott 2010 dic 2010 feb 2011 apr 2011 giu 2011 ago 2011 ott 2011 dic 2011 feb 2012 apr 2012 giu 2012 ago 2012 ott 2012 dic 2012 feb 2013 apr 2013 giu 2013 ago 2103 ott 2013 dic 2013 feb 2014 apr 2014 giu 2014 ago 2104 ott 2014 dic 2014 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

35

36 Il comparto della Tutela del Credito in Italia capitolo 2

37

38 IL COMPARTO DELLA TUTELA DEL CREDITO IN ITALIA 2.1 QUADRO D INSIEME: OPERATORI, FATTURATO COMPLESSIVO E RICAVI DELLA SOLA ATTIVITÀ DI RECUPERO CREDITI PER CONTO TERZI PREMESSA Nel presente studio, al fine di fornire una visione più mirata del comparto, sono stati suddivisi i dati della produzione tra: - fatturato, che è la somma di tutti i proventi delle Imprese analizzate, e comprende gli introiti anche per servizi accessori al recupero crediti nel tempo sviluppatisi; - ricavi, che sono i proventi rivenienti dalla sola attività storica di recupero crediti per conto terzi. Ciò premesso, il quadro d insieme mette in luce un comparto particolarmente frazionato, popolato da un elevato numero di operatori di medie e piccole dimensioni, che convivono con un numero limitato di realtà di dimensione più strutturata. Nel , il 2% circa degli operatori (n. 26 su n ) deteneva il 67,4% del fatturato complessivo del comparto ( 634 mln di euro su 941 mln). La medesima proporzione si riscontra anche per i ricavi per la sola attività di recupero crediti per conto terzi, dove meno del 2% degli operatori detiene il 62% del totale ( 478 mln di euro su 775 mln) IMPRESE OPERANTI NEL SETTORE DELLA TUTELA DEL CREDITO (CODICE ATECO ) Nel 2014 sono state rilevate presso la CCIAA n Imprese attive nel comparto del Tutela del Credito (codice Ateco ); ovvero, n. 83 unità in meno rispetto alle n rilevate nel 2013, con una diminuzione del 5,9%. Il maggior numero di operatori è rappresentato dalle n. 631 Srl (48% del totale), che nel 2014 sono diminuite di n. 7 unità. Seguono le Ditte Individuali con n. 445, pari al 34% del totale, diminuite di n. 34 unità (-7%), e le Sas con n. 164 Imprese pari al 12% del totale (diminuite di n. 23 unità, pari a -12%). La diminuzione percentuale maggiore, tuttavia, l hanno registrata le Società per Azioni (che rappresentano comunque meno del 2% del totale), che sono diminuite di n. 11 unità da n. 37 a n. 26, pari a -30% rispetto all anno precedente. Tab. 1: Distribuzione delle Imprese con Codice Ateco per forma giuridica (n.) 2011 Δ 2012 Δ 2013 Δ 2014 Δ SpA Srl Sas Snc Ditte Individuali Cons.zi, Coop., altro Tot. Imprese Fonte: Camera di Commercio ed elaborazione dati Centro Studi Unirec 12 Alla redazione del presente rapporto i bilanci 2014 non sono ancora tutti disponibili Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

39 IL COMPARTO DELLA TUTELA DEL CREDITO IN ITALIA FATTURATO COMPLESSIVO 13 Dai bilanci delle Imprese attive in Italia nel comparto della Tutela del Credito (CODICE ATECO ), anche a seguito dell incorporazione nelle controllanti di società captive, si rileva un fatturato complessivo in calo dell 8%, a 941 milioni di euro, dai milioni di euro del 2012 (cfr. tab. 2 pagina seguente). Seppur con dinamiche diverse - e risentendo di una differente composizione dimensionale delle Imprese associate -, anche il fatturato complessivo lordo delle Imprese Unirec, nel 2013 registra un calo del 6% circa, diminuendo da 785 milioni di euro a 734 milioni di euro (-51 milioni). Il fatturato delle Imprese non-unirec e delle captive è ammontato a complessivi 207 milioni (circa 22%) del totale del comparto. Le Imprese associate ad Unirec rappresentano l 85% del libero mercato : 734 milioni su 864 milioni totali. Per il 2014, sulla scorta dei dati di bilancio di un campione rappresentativo di Imprese associate, è stato stimato un fatturato complessivo di 965 milioni di euro, con un incremento del 2,5% sull anno precedente. Tab. 2: Fatturato complessivo delle Imprese con Codice Ateco ( /mln) 2011 % % 2012 % % Δ% 2013 % % Δ% 2014 Δ% Unirec ,5 Altri non Unirec n.d n.d Tot. Libero Mercato n.d n.d Società Captive n.d n.d Tot. complessivo ,5 Fonte: Bilanci Aziendali ed elaborazione dati Centro Studi Unirec 13 Comprende: ricavi per recupero crediti per conto terzi e ricavi per altre attività collaterali (Informazioni commerciali, acquisto crediti, etc.) 14 Alla data della redazione del Rapporto, i bilanci del 2014 non sono ancora disponibili 38 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

40 IL COMPARTO DELLA TUTELA DEL CREDITO IN ITALIA RICAVI PER LA SOLA ATTIVITÀ DI RECUPERO CREDITI PER CONTO TERZI Nel 2013, i ricavi complessivi delle Imprese attive in Italia nel comparto della Tutela del Credito (CODICE ATECO ), derivanti dalla sola attività di recupero crediti per conto terzi 15 (sia operanti sul libero mercato che sul mercato captive), pari all 82% circa del fatturato totale del comparto, sono rimasti sostanzialmente sui medesimi valori: 776 milioni di euro, contro i 784 milioni di euro precedenti (-1%). I ricavi per la sola attività di recupero crediti per conto terzi delle Imprese Associate Unirec, anche in virtù delle maggiori masse gestite, hanno registrato un aumento contenuto nel 4%, passando da 551 milioni di euro dell anno precedente a 571 milioni di euro. Per il 2014, sulla scorta dei dati di bilancio di un campione rappresentativo di Imprese associate sono attesi ricavi stabili intorno a complessivi 778 milioni di euro. Tab. 3: Ricavi derivanti dalla sola attività di Recupero Crediti delle Imprese con Codice Ateco ( /mln) 2011 % % 2012 % % Δ% 2013 % % Δ% 2014 Δ% Unirec ,3 Altri non Unirec n.d. n.d. Tot. Libero Mercato n.d. n.d. Società Captive n.d. n.d. Tot. complessivo ,3 Fonte: Bilanci Aziendali ed elaborazione dati Centro Studi Unirec 15 Sono stati esclusi i ricavi per servizi collaterali quali: informazioni commerciali, acquisto crediti, re-marketing, etc.,..) Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

41

42 Mercato Unirec: Trend e Performance di recupero capitolo 3

43

44 MERCATO UNIREC: TREND E PERFORMANCE DI RECUPERO 3.1 CREDITI AFFIDATI E CREDITI RECUPERATI PRATICHE Nel 2014, le Imprese associate Unirec hanno gestito n. 40 milioni circa di pratiche, ovvero n.1,7 milioni in più rispetto al 2013, con un incremento del 4%. Il numero totale di pratiche recuperate ha invece subito una flessione dell 1%, passando da 17,030 milioni nel 2013 a n. 16,817 milioni (n. 213 mila in meno); da rilevare che nel 2013 il numero di pratiche recuperate aveva registrato una crescita dell 11% rispetto all anno precedente. Le performance 16 di recupero si sono attestate intorno al 41%, registrando una flessione del 5,5%, ovvero 41,4% contro il 43,8% del Dal 2010, anno in cui è iniziato il trend decrescente, le performance di recupero per pratiche affidate sono diminuite di circa 12 punti, pari a -22,3%. Anno Tab. 4: Crediti affidati e recuperati numero di pratiche (n./000) Fonte: Imprese Associate Unirec, elaborazione dati Centro Studi Unirec Affidate Recuperate Performance n. Δ Δ% n. Δ Δ% n. Δ Δ% , , ,8-0,3 1, ,4-2,4-5, Fig. 30: Trend delle pratiche affidate e recuperate (n./000) e performance (%) 4% 12% 6% % 14% % % 53,3% 52,1% ,0% ,1% 43,8% 41,4% 80% 70% 60% 50% 40% % 2% % 11% 1% 30% % n. Pratiche affidate n. Pratiche recuperate Performance (%) 10% Fonte: Imprese Associate Unirec, elaborazione dati Centro Studi Unirec 16 Rapporto tra numero di pratiche recuperate e numero di pratiche affidate per il recupero Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

45 MERCATO UNIREC: TREND E PERFORMANCE DI RECUPERO IMPORTI Nel 2014, i crediti affidati per il recupero alle Imprese associate ad Unirec sono aumentati di 7,6 miliardi a quota 56,2 miliardi di euro, con un incremento del 16% rispetto ai 48,6 miliardi di euro del Nel perdurare di un contesto generale negativo e a fronte di ticket più elevati ( quello medio 2014, +11%) - sovente espressione di crediti con aging maggiore -, le performance 17 hanno registrato un ulteriore riduzione; infatti, il tasso medio di recupero è diminuito di ulteriori 2,4 punti (pari a - 12%), dal 19,6% del 2013 al 17,2% del Il totale dei crediti recuperati si è comunque attestato a circa 9,7 miliardi di euro, con un incremento del 2% circa sui 9,5 miliardi dell anno precedente. Da rilevare che negli ultimi sette anni: gli importi affidati sono quasi quadruplicati passando da 15,2 miliardi a 56,2 miliardi; gli importi recuperati sono più che raddoppiati passando da 4,7 miliardi a 9,7 miliardi; le performance medie sono diminuite di quasi il 50%, passando dal 31,3% al 17,2%. Tab. 5: Crediti affidati recuperati importi ( /mln) Anno Affidati Recuperati Performance n. Δ Δ% n. Δ Δ% n. Δ Δ% % % 21,5-2,6-11% % % 19,6-1,9-9% % % 17,2-2,4-12% Fonte: Imprese Associate Unirec, elaborazione dati Centro Studi Unirec Fig. 31: Trend degli importi affidati e di quelli recuperati ( /mln) e performance (%) 16% 60% % % 14% % % ,3% 28,6% 28% % 43% 6% % ,3% 26,1% 24,1% 21,5% 19,6% 17,2% 1% 13% 2% 2,7% 1,7% Importi Affidati Importi Recuperati Performance (%) 30% 20% 10% 0% Fonte: Imprese Associate Unirec, elaborazione dati Centro Studi Unirec 17 Rapporto tra importi recuperati ed importi affidati per il recupero 44 Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio 2015

46 MERCATO UNIREC: TREND E PERFORMANCE DI RECUPERO TICKET MEDIO Il ticket medio dei crediti affidati per il recupero, nel 2014 si è attestato ad 1.385, con un incremento dell 11% rispetto ai del Tab. 6: Ticket medio affidato ( ) Δ Δ% Δ Δ% Δ Δ% Δ Δ% Ticket medio Fonte: Imprese Associate Unirec, elaborazione dati Centro Studi Unirec Fig. 32: Trend dell importo medio affidato - n. pratiche ed importi affidati (scala di sinistra: numero di pratiche e importi; scala di destra: ticket medio) ticket medio importi affidati n. pratiche affidate Fonte: Imprese Associate Unirec, elaborazione dati Centro Studi Unirec CREDITI AFFIDATI E RECUPERATI SUDDIVISI PER REGIONE Nel 2014, come per l anno precedente, il 49% dei crediti affidati per il recupero (sia per numero di pratiche che per importi), si è concentrato in quattro regioni: Sicilia (14% delle pratiche e 14% degli importi), Campania (12% delle pratiche e 11% degli importi), Lombardia (12% delle pratiche e 15% degli importi) e Lazio (11% delle pratiche e 9% degli importi). Diverse dinamiche registrano invece le performance medie delle pratiche recuperate di queste quattro regioni dove, a quelle sopra media del Lazio (45,1%, ovvero +3,7 punti) e della Lombardia (41,7%, ovvero +0,3 punti), si contrappongono quelle sotto la media della Sicilia (40,3%, ovvero 1,1 punti) e soprattutto della Campania (37,9%, ovvero -3,5 punti). Differente andamento si rileva per gli importi recuperati; infatti, il Lazio e la Lombardia confermano performance superiori alla media rispettivamente di 3 e di 1,6 punti percentuali; la Sicilia invece, a fronte di una performance inferiore alla media per numero di pratiche recuperate, per gli importi registra una performance di 0,5 punti superiori alla media. Maglia nera la Campania, la cui performance media del 14,2% è inferiore di 3 punti di quella media nazionale. Servizi a Tutela del Credito V Rapporto Maggio

Terzo Rapporto Annuale sui Servizi a Tutela del Credito

Terzo Rapporto Annuale sui Servizi a Tutela del Credito Terzo Rapporto Annuale sui Servizi a Tutela del Credito Claudio Iovino Consigliere Unirec 24 maggio 2013 Auditorium Antonianum Roma Grazie alle Imprese Unirec che hanno inviato i dati 2 Abbrevia Srl, Acm

Dettagli

Claudio Iovino Centro Studi Unirec

Claudio Iovino Centro Studi Unirec Claudio Iovino Centro Studi Unirec Grazie a tutte le Società Associate U.N.I.R.E.C. che hanno contribuito alla realizzazione di questo Rapporto A.C.M. CONSULTING SRL, ABBREVIA SRL, ADVANCING TRADE SPA,

Dettagli

Tutela del Credito: IV Rapporto Annuale - 2013 CENTRO STUDI UNIREC. In collaborazione con

Tutela del Credito: IV Rapporto Annuale - 2013 CENTRO STUDI UNIREC. In collaborazione con Tutela del Credito: IV Rapporto Annuale - 2013 CENTRO STUDI UNIREC In collaborazione con Maggio 2014 Tutela del Credito: il ruolo economico e sociale del comparto IV Rapporto Annuale (anno 2013) CENTRO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Terzo Rapporto Annuale sui Servizi a Tutela del Credito (anno 2012)

Terzo Rapporto Annuale sui Servizi a Tutela del Credito (anno 2012) Terzo Rapporto Annuale sui Servizi a Tutela del Credito (anno 2012) Ufficio Studi In collaborazione con maggio 2013 Ringraziamenti Un doveroso ringraziamento è dovuto alle Società Associate ad Unirec

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane Indicatori di indebitamento, Dicembre 2010 n. 3 Ufficio Analisi Economiche Lista degli indicatori 2 Sommario e conclusioni Indicatori di indebitamento A.1 - Incidenza del debito A.2 - Dinamica dei mutui

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) 1. Ad agosto 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) 1. A febbraio 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.855 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 I consumi culturali: La spesa delle famiglie italiane per la cultura e lo spettacolo rappresenta il 7% della loro

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) 1. A giugno 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.833 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

Rapporto PMI Mezzogiorno 2015

Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Il Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Gli effetti della crisi sulle PMI meridionali Il rischio delle PMI meridionali Le prospettive e le misure necessarie per favorire la ripresa

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825,8 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014)

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) 1. A fine 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.820,6 miliardi di euro

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale VI Workshop UniCredit RegiosS Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali. I fattori di competitività territoriale La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) 1. A maggio 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.815 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) 1. A fine 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.830,2 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Salvio CAPASSO Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e del Territorio Napoli, 12 maggio 2015 Agenda

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare Credito I trimestre 2014 A 4 CREDITO impieghi per il settore agricolo. In particolare, tutte le circoscrizioni hanno mostrato una tendenza all aumento

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum IL REDDITO DISPONIBILE DELLE FAMIGLIE: LIVELLI, DIFFERENZIALI

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016)

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati ANIA Agenda Il contesto economico

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015 Il mercato delle case per vacanza Roma, 29 luglio 2015 Previsioni di crescita del PIL (variazioni %) 2013 2014 2015 2016 Mondo 3,3 3,3 3,1 3,8 STATI UNITI

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

LA ROTTURA DEL VINCOLO MATRIMONIALE: DIVORZIO DA MATRIMONIO CIVILE OPPURE RELIGIOSO.

LA ROTTURA DEL VINCOLO MATRIMONIALE: DIVORZIO DA MATRIMONIO CIVILE OPPURE RELIGIOSO. A000234, 1 A000234 FONDAZIONE INSIEME onlus. dati Istat e rielaborazione di Gianfranco Barrago

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI 1. Gap PIL pro-capite Italia vs. altri Paesi europei Valori %, anni 2000-2012

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2014 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.848 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 MERCATO DELLE EROGAZIONI ITALIA III trimestre 2013 Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 4.958,08 milioni

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE E quanto rilevato dall Osservatorio Mutui Casa alle Famiglie di Banca per la Casa Milano, febbraio 2007 - Il novimestre 2006 conferma la

Dettagli

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA CERNOBBIO 28 MARZO 2015 PREMESSA L esposizione universale, a due mesi dall avvio, è considerata come la grande occasione per il rilancio del turismo italiano. Non solo

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Il turismo nello scenario internazionale

Il turismo nello scenario internazionale Il turismo nello scenario internazionale 1 INDICE Il turismo internazionale nel mondo Partenze mondiali Partenze per Paese Primi 20 Paesi per spesa ed entrate Il turismo internazionale in Italia Arrivi

Dettagli

Tassi sulle nuove erogazioni a famiglie e imprese 2,5 2,6

Tassi sulle nuove erogazioni a famiglie e imprese 2,5 2,6 Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca., Tassi

Dettagli

La stagione turistica estiva 2013*

La stagione turistica estiva 2013* Novembre 2013 La stagione turistica estiva 2013* Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle turistiche della stagione estiva (1) 2013 sulla base delle informazioni trasmesse

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.)

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) dott.ssa Cinzia Bricca Direttore Centrale Accertamenti e Controlli Agenzia delle Dogane Milano 25 marzo

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale Il commercio con l estero dell Italia: I vini Doc-Docg e PREVISIONI Igt nel 2014 di PRODUZIONE Il commercio con l estero dell Italia 14 aprile 2015 L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro:

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

N 309 del 18 gennaio 2014

N 309 del 18 gennaio 2014 N 309 del 18 gennaio 2014 Il mercato nazionale dei prodotti lattiero caseari Prezzi settimanali di alcuni prodotti lattiero-caseari in Italia ( / kg) 13 dic. sett. precedente 4 sett. prima 1 anno prima

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica RELAZIONE flussi turistici /2012 STL JESOLO ED ERACLEA 1. ARRIVI / PRESENZE 2. COMPARTO alberghiero ed extraalberghiero 3. PROVENIENZE 4. RICETTIVO 5. FOCUS: SETTEMBRE 2013 1. ARRIVI / PRESENZE Nel periodo

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Gianmarco Paglietti Consorzio Camerale per il credito e la finanza Cremona, 17 giugno 2013 L economia nel 2012 PIL

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli