ANALISI, IDENTIFICAZIONE, MISURA E CONTROLLO DEI RISCHI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI, IDENTIFICAZIONE, MISURA E CONTROLLO DEI RISCHI"

Transcript

1 Pag. 1 di 21 PROCEDURA ANALISI, IDENTIFICAZIONE, MISURA E CONTROLLO DEI RISCHI 2 Sett 11 Integrazione per norma OHSAS 18001: Giuliani Mannoni Mannoni 2007 e Documento Politica Giu 09 Revisionato a seguito emissione Documento Giuliani Mannoni Mannoni di Polica 2009 e modifica organizzativa 0 15/3/07 Prima emissione Crivaro/Giuliani Mannoni Rev. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato SGSL 03 Analisi rischi Rev2.doc

2 Pag. 2 di 21 INDICE INDICE GENERALITA RESPONSABILITA' RIFERIMENTI SCOPO Analisi dei pericoli Analisi dei rischi... 6 ALLEGATO 1 ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI... 9 A1.0 Introduzione... 9 A1.1 Esecuzione delle analisi e valutazioni dei rischi A1.2 Esempi di rischi A1.3 Esempi di misure preventive (gerarchia di controllo) A1.4 Esempi di misure mitigative A1.5 Formato Analisi dei Rischi A1.6 Formato Analisi dei Rischi A1.7 Matrice di valutazione dei rischi (1) A1.7 Matrice di valutazione dei rischi (2) A1.8 Guida sulla Probabilità che un evento accada A1.9 Utilizzo della matrice delle priorità per le raccomandazioni del management A1.10 Matrice di priorità delle raccomandazioni risultanti da Risk assessment (analisi dei rischi) (1) A1.11 Matrice di priorità delle raccomandazioni risultanti da Risk assessment (analisi dei rischi) (2) A1.12 Form di raccomandazione da analisi incidente o quasi incidente Pag. 2 di 21

3 Pag. 3 di 21 ELENCO DEI DESTINATARI N. copie Destinatari 1 Gestore 1 RSGSL 1 RSPP Responsabile Settore Tecnico Manutenzione e Sicurezza 1 Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza 1 Responsabile manutenzione 1 Capo turno Operatore Altro:Ufficio acquisti, Amministrazione Pag. 3 di 21

4 Pag. 4 di GENERALITA L obbiettivo del Risk assessment o analisi rischi è di prevenire i rischi e proteggere le persone da incidenti, infortuni o malattie professionali. Questo può essere ottenuto identificando i pericoli (fattori di rischio) e mettendo in atto le precauzioni appropriate in accordo alla gerarchia di controllo in modo da ridurre il rischio di danneggiare se stessi, o altri o l ambiente o gli asset aziendali, mentre si esegue il proprio compito lavorativo. L analisi di rischio è una parte essenziale nella definizione di ciascuna attività. Ogni processo operativo richiede che il possibile rischio connesso sia identificato e analizzato in modo da essere compiutamente compreso e adeguatamente trattato. Questo è essenziale per raggiungere un accettabile livello di performance per il sistema di protezione di salute, sicurezza e ambiente. Questa procedura descrive il processo da seguire per identificare e quantificare i rischi associati con le operazioni della SERAM, in modo da prevedere la possibilità di incidenti, valutare il loro potenziale impatto e mettere in atto le appropriate misure per ridurre il rischio a livelli accettabili. 2. RESPONSABILITA' AZIONE FUNZIONE Elaborazione procedura Distribuzione procedura Informazione e formazione Applicazione procedura Controllo applicazione, segnalazione di non conformità Audit Registrazioni Revisione e aggiornamento Direttore / Gestore X X X X X X X X RSGS X X X X X X X X RLSA X X X RSPP X X X Capo turno X X X X Responsabile manutenzione X X X Operatore X Ufficio Acquisti Ufficio Amministrazione Pag. 4 di 21

5 Pag. 5 di RIFERIMENTI Decreto Legislativo 334/99 e s.m.i. - Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose; Decreto Legislativo 238/05 - Attuazione della direttiva 2003/105/CE, che modifica la direttiva 96/82/CE, sul controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose; Decreto Legislativo 81/08 e s.m.i. - Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro; D.M. 9 Agosto 2000 Linee guida per l attuazione del Sistema di Gestione della Sicurezza BS OHSAS punto 4.3.1; 4.0 SCOPO Questa procedura descrive i passi da seguire per identificare e misurare i pericoli e i rischi associati con le attività svolte nell ambito della SERAM S.p.A,. Nell ambito delle attività operative della nostra azienda, analisi dei rischi sono richieste per: Impianti esistenti, sistemi e apparecchiature attualmente in esercizio, in modo da definire un inventario dei rischi per le operazioni attuali; Installazione di apparecchiature, sostanze, prodotti nuovi o modificati e che creino nuove condizioni di rischio. Queste situazioni dovranno essere gestite in accordo con la Procedura per le modifiche agli impianti ; Introduzione di processi di lavoro nuovi o modificati. Anche in questo caso si dovranno applicare i principi previsti dalla impianti Gestione delle modifiche SGSL 06; 4.1 Analisi dei pericoli L Analisi dei pericoli ha lo scopo di identificare e tracciare tutti i pericoli esistenti nell impianto SERAM e in modo da poterne poi quantificare i rischi ad essi collegati. I pericoli includono ciò che potenzialmente possa causare: Ferite; Effetti sulla salute dei dipendenti causati da stress chimici, fisici, biologici o ergonomici sia a breve che a lungo termine; Incendi; Esplosioni; Spandimenti di carburante o altri prodotti chimici; Emissione di vapori tossici o infiammabili; Questi sono di vario tipo, come: Pag. 5 di 21

6 Pag. 6 di 21 Tipologia d impianti; Macchinari e apparecchiature; Presenza di sostanze pericolose; In particolare poiché il Deposito SERAM rientra tra gli impianti considerati a rischio di incidente rilevante vanno ben determinate tutte le sostanze pericolose presenti e insieme i pericoli connessi ad incidenti con esse collegati. Per la definizione di sostanza pericolosa ci si rifà a quanto stabilito nell allegato A al D. Lgs. 238/05. Tutte le sostanze pericolose presenti nel deposito SERAM devono essere accuratamente registrate e tracciate in modo da verificare le quantità effettivamente presenti in deposito e le massime quantità stoccabili. Nel caso di introduzione di nuove sostanze, ovvero di aumento delle sostanze esistenti, si dovrà applicare quanto previsto dalla procedura PR SGSL 06 Gestione delle modifiche, la quale richiama le prescrizioni riportate sul D.M. 9 Agosto 2000 Individuazione delle modificazioni di impianti e di depositi, di processi industriali, della natura o dei quantitativi di sostanze pericolose che potrebbero costituire aggravio del preesistente livello di rischio. Andrà quindi verificata e documentata l effettiva variazione di pericolo conseguente alla modifica effettuata. L Analisi dei pericoli viene effettuata nel Rapporto di Sicurezza. SERAM si impegna ad emettere tale documento anche nel caso in cui non risulti tra gli impianti di cui all art. 8 del D. Lgs 334/99. Il Rapporto di sicurezza sarà revisionato con periodicità quinquennale, ovvero ogni volta ci siano fatti nuovi che ne giustifichino la revisione. Nel caso di modifiche impiantistiche che comportino aggravio di rischio, il Gestore SERAM, in conformità con quanto previsto nell Art. 10 del D. Lgs. 334/99, analizzerà e documenterà la necessità o meno di procedere ad una revisione del Rapporto di Sicurezza. Il Rapporto di Sicurezza sarà redatto / revisionato, su incarico SERAM, da un tecnico qualificato. Se l impianto SERAM rientra tra quelli di cui all Art. 8 del D. Lgs 334/99 allora il Rapporto di Sicurezza dovrà essere inviato alle Autorità competenti con le modalità stabilite dal citato Decreto legislativo. 4.2 Analisi dei rischi L analisi dei rischi parte dai pericoli evidenziati e va a definire la magnitudine dei rischi ad essi connessi, determinando: Possibili conseguenze; Probabilità di accadimento; Sulla base di quanto sopra vanno poi determinate tutte le misure preventive e mitigative necessarie per ridurre il rischio nei limiti di accettabilità. Pag. 6 di 21

7 Pag. 7 di 21 La legislazione italiana prevede che venga emesso un Documento di valutazione dei rischi che prenda in considerazione tutti i rischi previsti dalla normativa più quelli specifici della società. Tale documento deve essere revisionato ogni volta che vi siano modifiche impiantistiche, organizzative, normative o cambiamenti tecnologici, ed in ogni caso almeno una volta ogni cinque anni. La necessità per un processo di analisi dei rischi può anche essere determinata da altre attività o eventi come: Risultati di indagini su incidenti avvenuti; Esiti di Safety and Quality audits, Safety walk; in questo caso il Management potrà ritenere necessaria l esecuzione di una nuova analisi dei rischi come follow up delle attività ispettive; Esiti di ispezioni operative o manutentive; Modifiche nell utilizzo di dispositivi di protezione individuali (DPI); Modifiche legislative o degli Industry standard di riferimento; In sintesi il sistema di Analisi e misura dei rischi mette a disposizione un processo per sviluppare un inventario dei rischi attraverso le seguenti azioni sistematiche: Identificazione dei rischi; Valutazione delle potenziali conseguenze dei rischi identificati; Valutazione della probabilità che un incidente possa accadere; Identificazione e classificazione del livello di rischio - Alto; - Medio; - Basso; Rimozione dei rischi non accettabili in accordo a una gerarchia di controllo tramite: - Eliminazione; - Riduzione; - Interazione; - Controllo; - Uso di adeguati DPI; - Procedure; - Addestramento e disciplina, RSPP ha la responsabilità di identificare e implementare ogni azione immediata che risulti dal processo di analisi dei rischi. I Contractor devono eseguire le analisi di rischio per attività di loro competenza, svolte su incarico SERAM, utilizzando loro procedure e formati, purché siano coperti tutti i requisiti indicati dalle procedure di analisi rischi SERAM. In questo caso le analisi di rischio devono essere opportunamente notificate al RSGSL della SERAM che provvederà ad approvarle e ad autorizzare l attività di cui si tratta. L analisi di rischio è complementare al Permesso di lavoro. Pag. 7 di 21

8 Pag. 8 di 21 Le persone responsabili del lavoro devono eseguire la prescritta analisi di rischio durante la fase preparatoria del lavoro stesso, e devono comunicarne i risultati a tutti gli interessati. Le persone che devono effettuare il lavoro dovranno, prima di iniziare, eseguire un analisi del tipo Prendi due minuti. L analisi del tipo Prendi due minuti consiste nel prendere due minuti di tempo, prima di iniziare un attività, per analizzare i rischi che essa comporta e pensare a cosa fare per evitarli. Pag. 8 di 21

9 Pag. 9 di 21 ALLEGATO 1 ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI A1.0 Introduzione Il processo di analisi e valutazione dei rischi deve evidenziare i potenziali pericoli e rischi per: Personale; Impianti e apparecchiature; Pubblico; Ambiente; Reputazione della società; I pericoli includono ciò che potenzialmente possa causare: Ferite; Effetti sulla salute dei dipendenti causati da stress chimici, fisici, biologici o ergonomici sia a breve che a lungo termine; Incendi; Esplosioni; Spandimenti di carburante o altri prodotti chimici; Emissione di vapori tossici o infiammabili; Il processo di analisi e valutazione dei rischi si deve focalizzare su: Apparecchiature (inclusi DPI); Strumentazione; Utilities; Atti o omissioni umani; Posto di lavoro; Fattori esterni ( ambientali, salute e sicurezza); Azioni da parte di terzi; Prodotti; Interazioni tra operazioni e attività lavorative; Progetto di nuove apparecchiature; Tempi di esposizione; Le risorse per effettuare l analisi e la valutazione dei rischi devono includere: Un team di Risk Assessment composto da non più di due o tre persone; Compagnia specializzata o consulenti esperti nel campo di salute sicurezza e ambiente; RSGS; RSPP. Il criterio generale del processo di valutazione è quello di essere proattivo al cambiamento piuttosto che reattivo, in ogni caso l analisi degli incidenti, dei quasi incidenti e delle non conformità risulta fondamentale per lo svolgimento corretto del processo. Pag. 9 di 21

10 Pag. 10 di 21 A1.1 Esecuzione delle analisi e valutazioni dei rischi Per ogni parte d impianto, operazione o attività lavorativa da analizzare: Utilizzare i formati di analisi e valutazione dei rischi; Identificare i potenziali pericoli (utilizzando apposite riunioni o brainstorm, ovvero le tecniche analisi modalità di guasto e relativi effetti HAZOP ; Per ogni attività sviluppare ipotetici scenari. Usare un Formato di analisi del rischio per documentare ogni scenario; Gli scenari debbono valutare il rischio non mitigato senza misure procedurali e preventive di riduzione; Usare la matrice di rischio per misurare la categoria delle conseguenze e registrare il vostro giudizio sul Formato di analisi del rischio ; Usare la matrice di rischio per misurare la categoria delle probabilità e registrare il giudizio relativo al Formato di analisi del rischio ; La misura del rischio è determinata dalla probabilità di un evento e dalla severità delle sue conseguenze; Dalla misura di conseguenze e probabilità sulla matrice dei rischi identificare la categoria di rischio (alta, media, bassa); Per ogni scenario dove il rischio non mitigato è verificato essere alto o medio ripetere la verifica introducendo misure preventive e protettive del rischio; Se il rischio residuo è alto o medio dopo aver introdotto sia le misure preventive che quelle protettive, dovranno essere proposte delle misure di prevenzione e protezione (raccomandazioni nel seguito, secondo la gerarchia stabilita in A1.3) per ridurre il rischi ad un accettabile livello. Queste misure possono comprendere: l abbandono dell operazione; l utilizzo di una diversa metodologia di operazione l adozione di misure preventive addizionali l adozione di misure di protezione del rischio o delle conseguenze addizionali Lo scenario deve di nuovo essere verificato con l introduzione di ogni raccomandazione; Dove il rischio residuo permane alto (non accettabile) l attività deve immediatamente essere revisionata con il Settore di competenza per verificare cosa possa essere fatto per permettere di continuare l attività in sicurezza. Le raccomandazioni sono registrate ed assegnate ad una specifica persona con una data concordata per la necessaria revisione e con l assegnazione delle risorse adeguate in termini di economici, di risorse umane e di tempo a disposizione. Le stesse devono essere firmate dalle persone coinvolte. Pag. 10 di 21

11 Pag. 11 di 21 A1.2 Esempi di rischi A1.2.1 Perdita di contenimento Sovra riempimento serbatoio; Perdita da mantello / vessel; Corrosione interna / esterna; Frattura; Materiali non adeguati; Sovra pressione; Rottura per impatto; Condizioni meteo: - Gelo; - Vento; - pioggia; - inondazioni; Perdita durante carico / scarico di autobotti; Rilascio di prodotto da valvole di sicurezza; Perdita / rottura di oleodotto; A1.2.2 Fuoco ed esplosioni Serbatoi; Tubazioni; Autobotti; Valvole API / punti bassi / punti alti; Innesco; A Incidenti al personale Cadute; Incidenti stradali; Rilascio di gas tossici; Elettrocuzione; Ustioni; Asfissia; Lacerazioni; Sovra esposizione; Pag. 11 di 21

12 Pag. 12 di 21 A1.3 Esempi di misure preventive (gerarchia di controllo) L implementazione di queste misure ridurrà potenzialmente la frequenza di un evento indesiderato. Revisione dell attività lavorativa; Revisione del processo; Miglioramento nel design / sistemi di controllo ridondanti; Aumento e miglioramento delle ispezioni; Incremento della preparazione sulla sicurezza; Incremento delle motivazioni dei dipendenti; Miglioramento delle comunicazioni; Stabilire procedure, pratiche operative e verificarne l effettivo utilizzo; Miglioramento dell addestramento; Miglioramento / aumento delle verifiche sulle apparecchiature critiche di sicurezza; Limitazioni nelle operazioni (orari, tempo atmosferico, capacità); Le misure preventive devono essere in accordo con la seguente Gerarchia di Controllo basata su un approccio tecnico: Eliminazione; Riduzione; Interazione; Controllo; DPI; Disciplina; A1.4 Esempi di misure mitigative L implementazione di queste misure può potenzialmente ridurre la serietà delle conseguenze provocate da un evento indesiderato Efficace sistema di rilevamento perdite; Efficace sistema di rivelazione incendi; Pianificazione di emergenza efficace e soggetta a frequenti esercitazioni; Efficace sistema fisso di spegnimento incendi; Adeguati bacini di contenimento; Separazioni efficaci; Gestione delle interferenze; Pag. 12 di 21

13 Pag. 13 di 21 A1.5 Formato Analisi dei Rischi 1 Località: Deposito SERAM (Fiumicino) Impianto / operazione: Numero d ordine: Data: Cosa può andare male? Scenario Come può succedere? Rischio non mitigato Conseguenze: A B C D E Probabilità Misure preventive Descrizione: 1 2 Misure di mitigazione Descrizione: 1 2 Prevenz. / Mitigazione Prevenzione 1 Prevenzione 2 Mitigazione 1 Mitigazione 2 Rischio mitigato Azioni di Follow up proposte Rischio revisionato Rischio revisionato Rischio revisionato Pag. 13 di 21

14 Pag. 14 di 21 A1.6 Formato Analisi dei Rischi 2 Azioni di follow up proposte Azione n. Descrizione Azioni Responsabile Data chiusura Prevenzione 1 Prevenzione 1 Mitigazione 1 Mitigazione 2 Preparato da: Pag. 14 di 21

15 Pag. 15 di 21 A1.7 Matrice di valutazione dei rischi (1) Conseguenze Salute, Sicurezza, Ambiente e Reputazione Morte o invalidità permanente superiore al 30%; Gravi effetti sulla salute (L term) / impatto sul pubblico; Grave incendio / esplosione perdita vapori velenosi; Trattamento medico / ospedalizzazione; Significativi effetti sulla salute (L term) con invalidità permanente fino a 30%; Impatto non grave sul pubblico; Piccolo incendio / piccolo rilascio di gas velenosi; Trattamento medico; Necessità di Pronto soccorso esterno per ferite con lesioni reversibili; Piccolo impatto su pubblico; Piccolo fuoco / rilascio gas non velenosi; Pronto soccorso in impianto e lesioni comunque reversibili Spandimento minore Disturbo interno a deposito Grave incidente ambientale; Disturbo ambiente esterno (>3km); Spandimento carburante >160 l su acqua o 500 l su terreno; Impatto internazionale su reputazione aziendale; Incidente ambientale significativo; l spand. carburante su terra, l su acqua; Disturbo ambiente esterno (<3km); Impatto nazionale su reputazione aziendale; Minore incidente ambientale locale; Impatto locale su reputazione aziendale; l spand. carburante su terra, 0-5 l su acqua; C E D B E1 E2 E3 E4 E5 D1 D2 D3 D4 D5 C1 C2 C3 C4 C5 B1 B2 B3 B4 B5 Assenza di ferite / effetti Nessun impatto A A1 A2 A3 A4 A Remoto Improbabile Possibile Probabile Quasi certo Rischio elevato Probabilità Rischio medio / alto Rischio medio / basso Pag. 15 di 21

16 Pag. 16 di 21 A1.7 Matrice di valutazione dei rischi (2) Conseguenze Interruzione del business Shut down multiplo dell impianto; Mancanza di erogazione in aeroporto > 4 ore; Grave inquinamento carburante in rete; Perdita > del 2% sul carburante movimentato; Mancanza di erogazione tra 30 min e 4 ore; Perdita, non recuperabile, di carburante sino a 10 T ma <2%; Inquinamento in uno dei serbatoi principali; Indisponibilità parziale dell impianto; Inquinamento in uno dei serbatoi secondari; Perdita, non recuperabile, di carburante sino a 2 T ma <2% Inquinamento in uno dei serbatoi slop; Costi aggiuntivi superiori a 5000 Costi aggiuntivi inferori a 5000 E D C B A E1 E2 E3 E4 E5 D1 D2 D3 D4 D5 C1 C2 C3 C4 C5 B1 B2 B3 B4 B5 A1 A2 A3 A4 A Remoto Improbabile Possibile Probabile Quasi certo Rischio elevato Probabilità Rischio medio / alto Rischio medio / basso Pag. 16 di 21

17 Pag. 17 di 21 A1.8 Guida sulla Probabilità che un evento accada Probabilità Tempo base (da 1 giorno a 10 anni) 5 Quasi certo che lo scenario accadrà Quasi certo Es. visto frequentemente in applicazioni simili, errore umano, operazione 4 Probabile 3 Possibile 2 Improbabile 1 Remoto non di routine. P> Probabile che lo scenario possa accadere Es. visto in applicazioni simili >P> Possibile che lo scenario possa accadere Es. visto qualche volta in applicazioni simili, errore umano, errore in attività di routine, perdita su flange, rottura di piccole tubazioni, guasto di strumentazione >P> Improbabile che lo scenario possa accadere Es. possibile ma con scarsa probabilità, raramente visto in applicazioni simili, guasto su tubazioni principali, guasto su interblocchi >P> Remotamente possibile che lo scenario possa accadere Es. dubbio, raramente visto in ogni tipo di applicazione, concorrenza di errore umano e gusto agli interblocchi >P Ciclo di vita (da 10 anni a 30 anni) Quasi certo che lo scenario accadrà ripetutamente Probabile che lo scenario possa accadere Possibile che lo scenario possa accadere Improbabile che lo scenario possa accadere Remotamente possibile che lo scenario possa accadere Pag. 17 di 21

18 Pag. 18 di 21 A1.9 Utilizzo della matrice delle priorità per le raccomandazioni del management La matrice delle priorità assiste il management nell assegnazione di priorità e risorse ad un dato task evidenziato. I numeri che danno la priorità (più è elevato un numero maggiore è la sua priorità) vanno da in alto a destra (massima priorità) verso il basso a sinistra (minima priorità). Nella decodifica delle matrici che seguono andranno in ogni caso considerati i tempi di intervento massimi di seguito indicati: 1. i rischi rossi corrispondono sempre ad azioni che vanno intraprese nell immediato. La gestione di interventi prolungati nel tempo può richiedere l individuazione di misure compensative per la gestione del transitorio; 2. rischi gialli vanno trattati con raccomandazioni cui dare attuazione entro il termine massimo di 6 mesi; 3. rischi verdi vanno trattati con raccomandazioni cui dare attuazione entro il termine massimo di un anno. Pag. 18 di 21

19 Pag. 19 di 21 A1.10 Matrice di priorità delle raccomandazioni risultanti da Risk assessment (analisi dei rischi) (1) Conseguenze Salute, Sicurezza, Ambiente e Reputazione Morte o invalidità permanente; Gravi effetti sulla salute (L term) / impatto sul pubblico; Grave incendio / esplosione perdita vapori velenosi; Trattamento medico / ospedalizzazione; Significativi effetti sulla salute (L term); Impatto non grave sul pubblico; Piccolo incendio / piccolo rilascio di gas velenosi; Trattamento medico; Necessità di Pronto soccorso esterno per ferite; Piccolo impatto su pubblico; Piccolo fuoco / rilascio gas non velenosi; Grave incidente ambientale; Disturbo ambiente esterno (>3km); Spandimento carburante >160 l su acqua o 500 l su terreno; Impatto internazionale su reputazione aziendale; Incidente ambientale significativo; l spand. carburante su terra, l su acqua; Disturbo ambiente esterno (<3km); Impatto nazionale su reputazione aziendale; Pronto soccorso (in impianto) Spandimento minore Disturbo interno a deposito Minore incidente ambientale locale; Impatto locale su reputazione aziendale; l spand. carburante su terra, 0-5 l su acqua; C E D B E1 D1 C1 B E2 D2 C2 B E3 D3 C3 B E4 D4 C4 B E5 D5 C5 B Assenza di ferite / effetti Nessun impatto A1 A2 A3 A4 A5 A Remoto Improbabile Possibile Probabile Quasi certo Probabilità Pag. 19 di 21

20 Pag. 20 di 21 A1.11 Matrice di priorità delle raccomandazioni risultanti da Risk assessment (analisi dei rischi) (2) Conseguenze Shut down multiplo dell impianto; Mancanza di erogazione in aeroporto > 4 ore; Grave inquinamento carburante in rete; Perdita > del 2% sul carburante movimentato; Interruzione del business Mancanza di erogazione tra 30 min e 4 ore; Perdita, non recuperabile, di carburante sino a 10 T ma <2%; Inquinamento in uno dei serbatoi principali; E D E1 D E2 D E3 D E4 D E5 D Indisponibilità parziale dell impianto; Inquinamento in uno dei serbatoi secondari; Perdita, non recuperabile, di carburante sino a 2 T ma <2% C C1 6 C2 8 C3 12 C4 14 C5 18 Inquinamento in uno dei serbatoi slop; Costi aggiuntivi superiori a 5000 B B1 4 B2 5 B3 7 B4 12 B5 13 Costi aggiuntivi inferori a 5000 A1 A2 A3 A4 A5 A Remoto Improbabile Possibile Probabile Quasi certo Probabilità Pag. 20 di 21

21 Pag. 21 di 21 A1.12 Form di raccomandazione da analisi incidente o quasi incidente Titolo: Scopo: (Salute & Sicurezza, mantenimento capacità, R.O.I.) Priorità: (da matrice prior.) Quale è lo scopo del progetto: (Quale è il problema che si vuole risolvere) Quale è l incentivo del progetto: (Breve descrizione degli incentivi che porterà la soluzione del problema) Quali apparecchiature / impianti sono richiesti (Breve descrizione delle apparecchiature / impianti di cui si prevede l installazione) Quanto costerà risolvere il problema? (Ordine di grandezza del valore stimato) Redatto da: Data: Pag. 21 di 21

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 4 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3. RIFERIMENTI... 5 4. DEFINIZIONI... 5 5. RESPONSABILITA'... 6 6. 1 AUDIT INTERNI... 7 6.1.1 Audit effettuati da RSGSL sul controllo operativo

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

ANALISI SEGNALAZIONE E INDAGINI SUGLI INCIDENTI

ANALISI SEGNALAZIONE E INDAGINI SUGLI INCIDENTI . Analisi segnalazione e indagini sugli incidenti PR SGSL 10 Rev. 3 Pag. 1 di 10 PROCEDURA PR SGSL 10 ANALISI SEGNALAZIONE E INDAGINI SUGLI INCIDENTI 3 Sett 11 Integrazione per norma OHSAS 18001: Giuliani

Dettagli

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI . PR SGSL 5 Rev. 2 Pag. 1 di 9 PROCEDURA PR SGSL 05 GESTIONE DELLE MANUTENZIONI 2 Sett 11 Integrazione per norma OHSAS 18001: Giuliani Mannoni Mannoni 2007 e Documento Politica 2011 1 Giu 2009 Revisionato

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Lo scopo di questa procedura è di descrivere i criteri, le modalità operative e le responsabilità per: effettuare la valutazione

Dettagli

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di piccole che di medie e grandi dimensioni, una qualificata assistenza tecnica ed amministrativa, in ordine ai più diversi profili concernenti

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Ing. Simone Mosconi Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro 1 Obblighi del Datore di Lavoro D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 e s.m.i.: Articolo 17 Obblighi del Datore di Lavoro non

Dettagli

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI 12 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI NELLA GESTIONE AZIENDALE DELLA SICUREZZA Ing. Davide Musiani STUDIO TECNICO PROF. NERI S.r.l. Bologna, 12 Giugno 2009

Dettagli

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O 1 di 5 S O M M A R I O 1 OBBLIGHI DITTA AGGIUDICATARIA... 2 1.1 GENERALITÀ... 2 1.2 OBBLIGHI IN FASE DI GARA... 2 1.3 OBBLIGHI DOPO L AGGIUDICAZIONE... 3 2 RISCHI INTERFERENTI... 4 3 FORMAZIONE OBBLIGATORIA...

Dettagli

LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO

LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO Studio Candussi & Partners novembre 2008 Lo Studio Candussi & Partners Lo Studio opera dal 1998 con consulenti

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 FIRMA: RIS DATA DI EMISSIONE: 13/3/2015 INDICE INDICE...2 CHANGELOG...3 RIFERIMENTI...3 SCOPO E OBIETTIVI...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 POLICY...5

Dettagli

LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di

LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro".

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 Ricordiamo che tra le finalità della BS OHSAS 18001 richiede di dimostrare che: il sistema di gestione della salute e sicurezza

Dettagli

BS OHSAS 18001: 2007. Occupational. Health. Safety. Assesments. Series

BS OHSAS 18001: 2007. Occupational. Health. Safety. Assesments. Series BS OHSAS 18001: 2007 Occupational Health Safety Assesments Series Prefazione La Norma è stata sviluppata per essere compatibile con le Norme: ISO 9001:2000 (Qualità) ISO 14001:2004 (Ambiente) Dr.ssa Carlotta

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE Direzione, RSPP, RLS, preposti 2. SCOPO

1. DISTRIBUZIONE Direzione, RSPP, RLS, preposti 2. SCOPO Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Monitoraggio salute e del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE, RSPP,

Dettagli

Procedura del Sistema Qualità Ambiente

Procedura del Sistema Qualità Ambiente Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 1 di 12 Revisione Natura della modifica Prima emissione 1 Modifica criteri valutazione

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Manuale Sicurezza Duemilauno Agenzia Sociale

Manuale Sicurezza Duemilauno Agenzia Sociale Sorveglianza e misurazioni del SG S&SL Indice: 1.0 Scopo e Generalità 2.0 Identificazione delle aree/attività soggette al monitoraggio 3.0 Pianificazione ed esecuzione dei monitoraggi e delle misurazioni

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

CONCETTI E DEFINIZIONI

CONCETTI E DEFINIZIONI Contenuti del DVR CONCETTI E DEFINIZIONI Valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell organizzazione in cui essi prestano la propria

Dettagli

SERAM SpA - PROTOCOLLO N.4 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE GENNAIO 2013

SERAM SpA - PROTOCOLLO N.4 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE GENNAIO 2013 Attività sensibile: ADEMPIMENTI CONNESSI AL RISPETTO DELL AMBIENTE, DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO. Nota sul contenuto: Complesso delle attività volte a garantire il pieno rispetto

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO Studio Candussi & Partners Università di Udine 30 aprile 2009 Lo Studio Candussi

Dettagli

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE SICUREZZA: VERIFICA PERIODICA DELLE ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO Alessandro Berton Inn Med S.r.l. 30 Gennaio 2013 Parco Scientifico VEGA LEGGI E NORME DI RIFERIMENTO

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Gestione emergenze P08 Rev 02 del 14/06/2014 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

Prescrizioni. 1. rispettare i criteri igienici sanitari stabiliti dalle vigenti disposizioni di legge in materia;

Prescrizioni. 1. rispettare i criteri igienici sanitari stabiliti dalle vigenti disposizioni di legge in materia; Allegato B Prescrizioni Rinnovo dell autorizzazione in via definitiva all esercizio di un impianto mobile di recupero di rifiuti modello GCR 12.9 matr. 10900. Ditta Bartolini S.r.l. con sede legale via

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI OCCUPAZIONALI A SUPPORTO DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE DI UNO SCI CLUB - Pag. 1 di 15 - RACCOLTA INFORMAZIONI INIZIALI Realtà operativa Dati dello Sci Club, tipologia di

Dettagli

ADEMPIMENTI NORMATIVI PER STABILIMENTI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI DELL ART. 8 D.LGS. 334/99 e s.m.i.

ADEMPIMENTI NORMATIVI PER STABILIMENTI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI DELL ART. 8 D.LGS. 334/99 e s.m.i. AGLI OBBLIGHI DELL ART. 8 D.LGS. 334/99 Data ultimo aggiornamento documento: 09/11/2012 1. Adempimenti per le aziende in art. 8 2. Sanzioni 3. Principali attività della Pubblica Amministrazione I Gestori

Dettagli

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 RISCHIO ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 2 PANORAMA LEGISLATIVO NEL SETTORE ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 3 IMPIANTI E

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A.

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A. INDICE 1 GENERALITA... 2 2 RESPONSABILITA... 2 3 MODALITA DI GESTIONE DELLA... 2 3.1 DEI NEOASSUNTI... 3 3.2 MANSIONI SPECIFICHE... 4 3.3 PREPOSTI... 4 3.4 ALTRI INTERVENTI FORMATIVI... 4 3.5 DOCUMENTAZIONE

Dettagli

GESTIONE DEL PIANO DI EMERGENZA INTERNO (PEI) PROVE PERIODICHE DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA ANTINCENDIO

GESTIONE DEL PIANO DI EMERGENZA INTERNO (PEI) PROVE PERIODICHE DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA ANTINCENDIO . Gestione del Piano di Emergenza Interno (PEI) Rev. 2 Pag. 1 di 9 PROCEDURA GESTIONE DEL PIANO DI EMERGENZA INTERNO (PEI) PROVE PERIODICHE DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA ANTINCENDIO 2 Sett 11 Integrazione

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA. Vittorio Campione

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA. Vittorio Campione I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Vittorio Campione I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA OHSAS 18001:2007 Occupational Health and Safety Assessment Series (Norme per la valutazione della salute e

Dettagli

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione Pag. 1 di 9 SISTEMA DI GESTIONE QUALITA del LABORATORIO VOLANTE S.R.L. 01 12.12.2008 Seconda emissione 00 28/08/02 Prima emissione Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ Approvazione D.G. Pagina

Dettagli

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO LAVORI IN PROSSIMITÁ DI IMPIANTI ELETTRICI E LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE IN BT E FUORI TENSIONE IN AT

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

ORDINE degli AVVOCATI di VENEZIA. Corso di Formazione la sicurezza degli studi professionali d. lgs. 106/2009

ORDINE degli AVVOCATI di VENEZIA. Corso di Formazione la sicurezza degli studi professionali d. lgs. 106/2009 ORDINE degli AVVOCATI di VENEZIA favorire e promuovere la gestione della Salute, Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Corso di Formazione la sicurezza degli studi professionali d. lgs. 106/2009

Dettagli

BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 STRUTTURA D.M. 19 MARZO 2015

BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 STRUTTURA D.M. 19 MARZO 2015 BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 Sulla GU 2573/2015, n. 70 è stato pubblicato il D.M. 19 marzo 2015 recante "Aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione,

Dettagli

MODULO DI DOMANDA SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS

MODULO DI DOMANDA SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS MODULO DI DOMANDA per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (D.M. 12/12/2000) dopo il primo biennio di attività ANNO SCHEDA

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE?

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? 13 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? Dott. Ing. Massimo

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE G E S T I R E LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA E LA CERTIFICAZIONE Premessa La sicurezza sui luoghi di lavoro è un argomento che da molto tempo è all attenzione del nostro Paese. Gli incidenti sui luoghi

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.V.R. Capitolo 3 D.V.R. Capitolo 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CAPITOLO 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli

Dettagli

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 13 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data Nota: Lo sviluppo e l implementazione dell organizzazione e gestione della

Dettagli

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica nell organizzazione dell attività di Alac SpA.

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica nell organizzazione dell attività di Alac SpA. Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Audit P11 Rev 00 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE Direzione RSPP 2. SCOPO

Dettagli

è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale

è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale Siamo una società di ingegneri, consulenti, progettisti e installatori che opera in tutto il nord Italia con 5 sedi operative tra Veneto, Trentino Alto

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

Misure gestionali per la prevenzione e la protezione contro le esplosioni da polveri

Misure gestionali per la prevenzione e la protezione contro le esplosioni da polveri Misure gestionali per la prevenzione e la protezione contro le esplosioni da polveri Chiara Carpegna Misure gestionali In presenza di un rischio potenziale di esplosione negli ambienti di lavoro vanno

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ PROCEDURA SGQ PRO-AUD Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 3.1 PROCEDURE CORRELATE... 2

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

Il Sistema integrato qualità, ambiente e sicurezza

Il Sistema integrato qualità, ambiente e sicurezza Il Sistema integrato qualità, ambiente e sicurezza Riferimenti normativi Qualità UNI EN ISO 9001 Ambiente UNI EN ISO 14001 Sicurezza OHSAS 18001 Tutte e tre le normative sono compatibili ed in alcuni casi

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari Corso formazione LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari CORSO DI FORMAZIONE - Ing. Stefano Pancari DEFINIZIONI probabilità di raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di

Dettagli

AREZZO MULTISERVIZI S.R.L.

AREZZO MULTISERVIZI S.R.L. Approvato e Verificato Presidente Elaborato: Resp. Personale [Data]: 18/02/14 [Data]: 18/02/14 [Firma]: [Firma]: 1. Generalità La documentazione del Sistema o è così strutturata: l Analisi Iniziale: è

Dettagli

LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Università degli Studi-Azienda Ospedaliera di Verona Servizio di Prevenzione e Protezione Dott Claudio Soave RSPP APPROCCIO METODOLOGICO Individuare i pericoli

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. Audit Rev. 00 del 11.11.08 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Gestione degli audit interni ambientali e di salute e sicurezza sul lavoro 3. APPLICABILITÀ La presente

Dettagli

Il Sistema di Gestione

Il Sistema di Gestione 12 Convegno AIIA I Sistemi di Gestione della Sicurezza Antincendio nella Fire Safety Engineering Milano - 29 Ottobre 2009 Sui temi dell approccio prestazionale alla sicurezza contro l incendio e sull importanza

Dettagli

INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE Azioni correttive e preventive 1 10/01/08 1 9 INCIDENTI, EVENTI ACCIDENTALI, NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 4.

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I.I.S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

3. APPLICABILITÀ Personale tecnico operativo, appaltatori o lavori autonomi da adibire a lavorazioni in spazi confinati.

3. APPLICABILITÀ Personale tecnico operativo, appaltatori o lavori autonomi da adibire a lavorazioni in spazi confinati. legale in Cuneo, Corso Nizza 9 SGSL 1. DISTRIBUZIONE Tutto il personale 2. SCOPO Disciplinare le modalità di qualificazione del personale, interno o esterno all azienda, da adibire alla realizzazione di

Dettagli

Valutazione dei Rischi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni (UNI EN ISO 12100)

Valutazione dei Rischi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni (UNI EN ISO 12100) Definizione e individuazione dei fattori di rischio, individuazione delle misure di prevenzione e protezione, riunione periodica Rev. 1 del 28/11/2012 ARISSA Maggio 2015 2 Normativa e documenti di riferimento

Dettagli

Cosa è la valutazione dei rischi

Cosa è la valutazione dei rischi 1 Principali obiettivi formativi Cos è la la valutazione dei rischi Chi deve fare la la valutazione Documento della valutazione Criteri per la la valutazione Cosa è la valutazione dei rischi Secondo il

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO (Articoli 18, 28, 29 D. Lgs. 9 aprile 2008) Data: 02/07/2009 Azienda: Azienda SPA Indirizzo: Via Roma, 1 Città: Milano EDIZIONE DATA DESCRIZIONE FIRMA (datore lavoro) Principale

Dettagli

Governare il processo della sicurezza

Governare il processo della sicurezza Governare il processo della sicurezza Michele Marchini PIACENZA 20 febbraio 2014 SOMMARIO Argomenti trattati Governo del processo gestione della sicurezza I processi aziendali Il processo della sicurezza

Dettagli

Per la protezione dalle fulminazioni la corretta valutazione del rischio tra norma tecnica e legislazione

Per la protezione dalle fulminazioni la corretta valutazione del rischio tra norma tecnica e legislazione www.ambientesicurezzaweb.it N. 5-11 marzo 2014 33 Per la stima del pericolo il riferimento è la norma CEI EN 62305-2 Per la protezione dalle fulminazioni la corretta valutazione del rischio tra norma tecnica

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI PREPOSTI SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI 21.12.2011 FORMAZIONE GENERALE Lavoratori definiti secondo

Dettagli

TÜVRheinland Italia. www.tuvitalia.com. La certificazione a supporto del Modello Organizzativo 231/2001

TÜVRheinland Italia. www.tuvitalia.com. La certificazione a supporto del Modello Organizzativo 231/2001 TÜVRheinland Italia www.tuvitalia.com La certificazione a supporto del Modello Organizzativo 231/2001 TÜVRheinland - la Mission TÜVRheinland assicura innovazione combinata in perfetta armonia tra l uomo,

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ DI

MANUALE DELLA QUALITÀ DI MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 13 MANUALE DELLA QUALITÀ DI Copia master Copia in emissione controllata (il destinatario di questo documento ha l obbligo di conservarlo e di restituirlo, su richiesta della

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94

Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94 INFORMAZIONE 99 SICUREZZA. Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94 UN DOCUMENTO PRODOTTO DAL GRUPPO 3 ALL INTERNO DELLA COMMISSIONE SICUREZZA Con l'emissione della documentazione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO «DVR _ STRESS LAVORO CORRELATO» Pagina 1 di 9 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO (Art. 28 comma 1 D. Lgs. 9 aprile 2008 n.81 così come modificato dal D.Lgs. 106/09) conforme

Dettagli

PROCEDURE SGSL Versione 3.0 Edizione 2014

PROCEDURE SGSL Versione 3.0 Edizione 2014 SGSL BS OHSAS 18001:2007 PROCEDURE SGSL Versione 3.0 Edizione 2014 Kit di strumenti con manuale, procedure, modulistica e check list per l implementazione di un sistema di gestione sulla sicurezza lavoro

Dettagli

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici Con la pubblicazione della IV edizione della Norma CEI 11-27: Lavori su impianti elettrici sono state introdotte alcune sostanziali modifiche rispetto alla precedente edizione che non è più applicabile

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi

PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi DIPARTIMENTO: Direzione Sanitaria UNITA OPERATIVA: Servizio Prevenzione Protezione Preparato da: Operatori

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli