Global Rank: fro papalarita e qualita dei siti Web

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Global Rank: fro papalarita e qualita dei siti Web"

Transcript

1 Global Rank: fro papalarita e qualita dei siti Web di Stefano Federici, Simone Borsci, Maria Laura Mele e Gianluca Stamerra Riassunto Con il progredire del Web nascono nuovi bisogni dei navigalori connessi sia alia quantitil. e reperibililil. delle informazioni che alia crescenle necessilil. di garanzie della qualitil. delle slesse e dell'interazioni dell'ulenle con Ie tecnologie. L'alluale modello di ordinamenlo dell'informazione dei motori di ricerca, centralo su una Web Popularity (WP) quantitativa, obbliga l'ulenle ad un adauamento cognitivo complesso dovulq ai limiti di questa imposlazione "elerodirella", che Irasporta dalle lecnologie alia realtil. il fenomeno del "rich-gel-ritcher". Molti sludi in lellemlura mostrano!'esigenza di implememare gli alluali modelli di Web Rank allmverso!'introduzione di algoritmi in grado di valutare la qualitil. delle pagine e delle informazioni in esse contenute in senso qualitativo, facilitando l'adallamento cognitivo aha tecnologia da parte dell'utente. Parole chiave: distribuzione del Rank, link popularity, qualitil. dei sistemi. Summary Through the Web communication development, new users' needs are rising related 10 the amount of information and its findability, and also in relation 10 the increasing necessity to ensure quality for user-technology interaction. The current model of information ranking by search engines is based on quantitative Web Popularity (WP) and it binds the user 10 a cognitive adaptation based on an "heterodirected" rank-system restrictions which transposes the "rich-get-richer" effect from technologies 10 reality. Several wolks in literature show the need 10 implement the current Web-ranking models through the introduction of algorithms, which are able to evaluate the quality of pages and the information they contain on a qualitative level easing users' cognitive adaptation 10 the technology. Keywordv: rank distribution, link popularity, system quality. Psicolech,n.l,2008 7

2 Introduzione Lo sviluppo della Rete Internet e oggi una realta consolidata a livello mondiale, sebbene debba ancora risolvere Ie questioni inerenti il digital divide; sviluppo che eentrato in una nuova fase, quella cioe cent rata sulla relazione tra utente e tecnologia. Ogni tecnologia edescrivibile come un amplificatore che in se trasporta regole, vincoli e possibilita di conoscenza e che costringe il soggetto-utente che intende utilizzare tali strumenti, ad un adattamento cognitivo e culturale. La Web site Popularity (WP) eemersa intorno agli anni '90 come indice quantitativo, in risposta all 'esigenza dei motori di ricerca di mettere ordine all'infonnazione presente nella Rete ed organizzarla in "c1assifiche" che rispondessero aile query degli utenti (Cho, Roy, 2004). Tali c1assifiche esprimono in gradi di val ore, rank, la popolarita di un sito Web. PopolaritQ equi inteso come "ampio consenso popolare". 11 consenso e rilevato dal numero di volte in cui un sito Web evisitato. Tale impostazione, utile agli inizi dello sviluppo della tecnologia Web, via via ha assunto un implicito significato qualitativo, di qualita di contenuto e accessibilita del sito, che potrebbe essere accettabile solo nel momento in cui Ie c1assifiche contenessero, nelloro calcolo algoritmico, fattori connessi alia qualita strutturale del sito e della sua informazione, cosa che non avviene negli attuali ordinamenti dell'infonnazione dei motori di ricerca. Pertanto, quel consenso su cui emisurata la popolarita di un sito ha ben poco a che fare con un esplicito assenso degli utenti su contenenti e qualita del sito c1iccato!navigato. Tuttavia, illivello di WP veicola implicitamente un consenso di qualita per un semplice meccanismo percettivo, indotto dalla tecnologia stessa, fondato su una comune legge di mercato: I'oggetto piil venduto e I'oggetto migliore. Che in questo caso si traduce in: I'oggetto piil c1iccato ei'oggetto migliore. Infatti, i motori di ricerca ordinano i risultati di una query secondo una sequenza gerarchica, dall'alto verso il basso, partendo dal sito che possiede il maggior livello di rank in poi. Sicche, il primo risultato proposto e percepito dagli utenti anche come quello qualitativamente migliore, che meglio cioe risponde alia richiesta inserita dall'utente nel motore di ricerca. Si ediffusa cosi I'idea che i motori di ricerca e Ie liste di ranking siano strutturate per offrire il piil rapidamente possibile il prodotto migliore rispetto alia query inserita. Tale effetto, prod otto da una certa "consonanza cognitiva", per cui il primo posto in c1assifica di un sito che possiede il massimo grado di rank induce a inferire che esso possieda anche la migliore qualita rispetto al contenuto del sito medesimo (Ia risposta ha incontrato la do- 8

3 manda), non fa che produrre un processo circolare e vizioso, per cui cio che si presenta pill facilmente raggiungibile in uno spazio virtu ale, perche phi popolare, otterra sempre maggiore popolarita, perche probabilisticamente phi c1iccato dagli utenti (Cho, Roy, Adams, 2005; Fortunato, Flamini, Menczer, Vespignani, 2006). Tale probabilita, inoltre, sara pill elevata per quei siti gia popolari, in quanto si presentano primi nell'ordine sequenziale della list a dei risultati, influendo sulle scelte degli utenti e sulla fruizione dell'informazione. La qualita, cosi, diviene un mero prodotto tecnologico che informa e forma la realta dell'utente, influenzandolo nel giudizio di quei prodotti che egli sceglie, mentre diviene un mezzo del processo indotto dal prod otto tecnologico stesso. La sovrapposizione fra Ie rnisure di Web popularity e di /illk popularity L'ordinamento dell'informazione in Internet da parte dei motori di ricerca si basa, come sottolineano Brin e Page (1998) fondatori ed ideatori di Google, sui calcolo della link popularity (LP), ovvero sui numero di inbound ed outbound 0 external link che uniscono i vari siti della Rete. Maggiore eil numero di link che conducono ad un sito Internet, piil alta e la posizione di quel sito nel motore di ricerca. Sebbene sia noto che esistano nell'algoritmo di Google altre specifiche che determinano il posizionamento, come il fattore di dumping, ovvero il valore attribuito nel rank ad una singola pagina e il traffico del sito, einnegabile che attualmente la WP eprevalentemente determinata dalla LP e che si sia diffuso I'assunto che la popolarita e la qual ita siano direttamente correlate attraverso il numero di link (Pandey et ai., 2005). Se, per esempio, inseriamo nei motori di ricerca secondo Nielsen (2006) piil utilizzati, Coogle.com, Yahoo.com e Msn.com Ie parole chiave link popularity e Web site popularity (di questo risultano sinonimi Website popularity, Web popularity e popularity), si ottiene una quasi totale coincidenza dei primi 10 risultati (vedi Tabella I). II rank di popolarita ecertamente un criterio ritenuto dai motori di ricerca utilissimo per dare ordine all'informazione presente nella Rete e offrire con efficacia ed efficienza risposte adeguate aile query degli utenti (Page et ai., 1999). Tuttavia, questo criterio di ordinamento, funzionale ai search engine, dell'informazione Internet, rischia di essere travisato quando I'utente presuppone che il sito Web piu alto in c1assifica, sia anche quello che conduca ad informazioni qualitativamente migliori di altre presenti nella Rete. 9

4 Tabella 1: Risultati ottenuti inserendo Ie query link popularity e Web site popularity in 3 motori di ricerca. M!Xorr iii rima. ~u!tlu 101m JIC1 WP Risultlu wtlh JIC1 LP Primi SERP" 9/10 Google.com _000 16_ ~ fill li'i'o\l' "'10 Y:lhOO.COID JJOO.~ fra li'i'o\l' 8/10 Msn.com asllocilli!:u! fill li'i'o\l'.. SERP. Search Engine hwhs Pagt. (pagim dci mll1ul1 dellllolor di nefta) Per poter pari are di WP in termini qllalitativi, il rank dovrebbe essere elaborato anche in base ai giudizi degli utenti rispetto al sito navigato, indice assolutamente non rilevato dalla WP. Per meglio comprendere la distinzione tra un indice solo quantitativo e un indice anche qualitativo, possiamo esemplificare riferendoci all'indice dell'impact factor, prodotto dalla Thomson Scientific (http://scientific scientific.thomson.comlindex.html), che e un val ore assegnato ad ogni articolo del Citation Indexes, cioe la raccolta di riviste scientifiche intemazionali e dei relativi articoli, che rappresenta il numero di articoli (isibi source) che fanno riferimento ad esso (Garfield, 1955; 1961). Trattandosi del risultato del rapporto fra il numero di citazioni ricevllte in un certo anno da lavori pubblicati su una specifica rivista nei due anni precedenti e il numero di articoli che sono stati pubblicati su quella rivista nello stesso periodo di tempo, I'impactfactor esprime, in un valore quantitativo, I'impatto della rivista nel mondo scientifico, ossia quanto una rivista eletta e citata. In questo caso il valore quantitativo di popolarita scientifica della rivista indica un pari grado di qualita della medesima (almeno per la comunita scientifica che si riconosce nel Citation Indexes). Pertanto, nell'indice di "popolarita" espresso dall'impact factor viene indicato il riutilizzo da parte degli utenti di quel prod otto indicizzato, che costituisce una garanzia di qual ita esterna al sistema di ordinamento dell'informazione (Ia Thomson Scientific). Diversamente, la WP prodotta dai motori di ricerca non tiene conto delle valutazioni degli utenti rispetto al contenuto del 10

5 sito, limitandosi a computare il numero dei link e la quantita di traffico accumulata da un sito. Certo, entrambi i rank potrebbero subire un effetto di circolarita viziosa. Einfatti noto che la popolarita eun processo cumulativo, che segue il Mathew Effect, individuato da Merton (1968; 1988) per spiegare il successo delle produzioni scientifiche, secondo cui gli scienziati che raggiungono dei successi nei primi anni di carriera hanno in seguito molta phi facilita a pubblicare e dunque costruiscono piu facilmente una credibilita che determina il successo delle proprie teorie, a parita di ogni altro fattore. Ma, a differenza della WP, I'impact factor econseguenza di una popolarita partecipativa e intenzionale. Ovviamente, nella comunita scientifica epossibi Ie parlare di infonnazione monopolizzata dalle grandi scuole di pensiero. Tllttavia, il grado di consapevolezza del fenomeno e assai pill ampio di quello che invece sembra sfuggire agli lltenti nell'automatismo di un semplice click. I principi di ordinamento dei motori di ricerca conducono all'impossibilita per siti non popolari di emergere nella Rete. Cosi come viene descritto da Cho e collaboratori (2005) descrivendo il fenomeno del rich-getricher, per cui la popolarita delle pagine tende ad aumentare, mentre Ie pagine nuove 0 non popolari diminuiscono nella possibilita di essere II isibil. Alcuni stlldi empirici sembrano contrastare, perc., una visione del tutto passiva dell'lltente, complice inconsapevole del fenomeno indotto del rich-get-richer. Un recente studio di Fortunato e collaboratori (2006) ha dimostrato che esiste un comportamento adattivo degli utenti che, nell'utilizzo della Rete, mitigano I'incidenza della popolarita come fattore di ricerca ed ordinamento. Infatti, gli utenti nei motori di ricerca tenderebbero ad espandere la rice rca anche ai siti meno popolari generando una ridistribuzione del traffico. Inoltre, all'aumentare dei collegamenti, Ie pagine phi popolari raggiungono una certa satllrazione di WP e, indipendentemente dall'aumento dei link entranti, tali pagine non espandono la loro visibilita. Questi effetti di mitigazione e saturazione dipenderebbero dallivello di interesse dell 'utente rispetto ad un argomento che, una volta visitato i siti phi popolari, ampliera la sua ricerca orientandosi su siti meno popolari, ridistribuendo cosi il traffico Internet. Seevero, perc., che soggetti particolannente esperti riescano ad ampliare I'informazione cercata, allargando la navigazione ai siti meno popolari, Ie barriere interattive bloccano gli utenti meno esperti impedendogli di ampliare la ricerca e di ridistribuire il traffico. Per cui, se da un lato II

6 I'effetto della WP quantitativa e mitigato dal comportamento di utenti e sperti che, avendo sviluppato un adattamento ai limiti dell'ordinamento delle Search Engine Results Page (SERP), accedendo anche ad informazioni divergenti, periferiche e qualitativamente migliori, questo mantiene il suo effetto fuorviante nei non-esperti. Le possibilita di accesso alia Rete restano ineguali e tendono ad ampliare il digital devide. La Rete obbliga, come ogni tecnologia, ad un adattamento dell'utente, ma tale processo potrebbe essere notevolmente semplificato da una maggiore accortezza nell'organizzazione dell'accesso all'infonnazione, modificando gli algoritmi di ranking, introducendovi aspetti qualitativi nella WP. Un indice di qualita, inserito nel calcolo algoritmico dei motori di ricerca, potrebbe generare una ricerca piil orientata aile esigenze degli utenti, che non impedirebbe I'ordinamento dei risultati, pur permettendo a tutti gli utenti, indipendentemente dal livello di competenza tecnologica, di accedere piil facilmente ad infonnazioni qualitativamente migliori. Un primo aspetto qllalitativo che potrebbe essere introdotto nella WP e quello dell'accessibilita di un sito che, seppure non ci dice ancora nulla sulla qualita dei contenuti, tuttavia ci permette di verificare il primo fondamentale livello di accesso all'informazione: la capacita di garantire, nella misura piil ampia possibile, che Ie informazioni siano disponibili aile persone, indipendentemente dalla presenza 0 meno di disabilita, di qualsiasi natura esse siano (Berners-Lee, 1999). Un indice di popolarita che tenesse conto di cio gia garantirebbe un accesso universale, diminuendo il carico cognitivo legato alia navigazione e di conseguenza una piil facile frllizione dei contenuti. Gia con questo primo passo si supererebbe la sovrapposizione tra WP e LP. Corne superare la sovrapposizione tra \VP e LP? Molti studi a livello intemazionale hanno dimostrato che Ie c1assifiche di rank tendono a: I. non modificare la distribuzione dei siti Web nel tempo, suggerendo I'idea che la WP quantitativa sia una proprieta universale di Internet (Krashakov, Teslyuk, Shchur, 2006); 2. mantenere Ie posizioni dei siti phi popolari, incrementando il divario con i siti meno popolari (Cho et ai., 2005). 12

7 Tali studi, tesi ad implementare 0 modificare Ie metodiche di ranking, si basano su diverse riconcettualizzazioni della popolarita. Cho et at. (2005) hanno proposto una visione della WP come una qual i ta delle pagine derivata da un modello ipotetico dell'utente. Questa impostazione pennetterebbe di superare il fenomeno definito rich-get-richer. Cho propone una funzione di ranking denominata pagequality, da integrare nell'algoritmo del rank, introducendo il fattore "qualita della pagina" derivato dal modello utente, nella computazione delle c1assifiche di popolarita. Sebbene interessante, tale sollizione risliita esterna ai motori di ricerca e vincolata ai limiti del modello dell'utente. La necessita attuale e invece quella di individuare un procedimento di valutazione integrabile nelle tecniche di c1assificazione dei siti Web. Nie et at. (2005) hanno proposto di integrare la WP con la qualita dei link che hanno un cosi grande peso nell'attuale ranking dei siti. Tale impostazione propone un modello di object ranking, denominato PopRank (popularity rank), che compllti in maniera diversificata i link di ogni singola pagina trattandoli come oggetti, permettendo una diversificazione delle c1assifiche di popolarita attraverso un diverso peso dei link. Anche questa soluzione, pur essendo valida, non fomisce un indice della qualita che si possa considerare universale e dunque applicabile in ogni tipo di c1assificazione dei siti Web. Piil recentemente Yen (2007) propone di integrare la WP con il design delle pagine. In quest'ottica la WP e determinata delle possibilita di accesso al sito, 0 reperibilita di accesso, intesa come il grado di facilita con cui una pagina puo essere trovata attraverso altre pagine e link. Tale impostazione sostiene un punto di vista vincolato alia popolarita quantitativa, per cui I'accessibilita, qui intesa come reperibilita, ein stretta relazione con il numero di hyperlink. In questo senso potremmo definirla un'accessibilita quantitativa. Questo approccio e utile per creare strutture Web calibrate, in cui Ie pagine con i contenuti piu importanti dovrebbero essere quelle piu linkate, in modo da creare una connessione fra popolarita e Ie pagine con Ie infonnazioni phi rilevanti. Questo modello, sebbene utile per costmire strlltture Web facilmente raggiungibili e calibrate, non riesce tuttavia a superare la logica quantitativa e rimane legato a fattori di analisi del design, senza prendere in considerazione I'accessibilita nel suo significato phi profondo, cioe come superamento delle barriere e garanzia per Ie persone con disabilita di percepire, comprendere, navigare e interagire con il Web e offr"ire ad esso un loro contributo (http://www.w3c.itlwai/). La WP estata rivista anche come un indice calcolabile automaticamente attraverso la relazione fra aspetti qualitativi interni ed esterni al sito. Tale impostazione formulata da Signore (2005) muove dalla definizione ISO J3

8 9126 di qualita d'uso: capacita del prodotto software di essere compreso, appreso, usato e gradito dall'utente quando usato in determinate condizioni. Le scale di valutazione dei siti Web si baserebbero su cinque dimensioni: accuratezza, presentazione, contenuto, navigazione e interazione. Zeng e Pannanto (2003) ritengono che si possa verificare I'esistenza di una correlazione fra WP ed accessibilita, intesa questa come la capacita di garantire, nella misura put ampia possibile, che Ie infonnazioni siano disponibili aile persone, indipendentemente dalla presenza 0 meno di disabilita, di qualsiasi natura esse siano (Berners-Lee, 1999). Questi autori utilizzano per I'analisi dell'accessibilita un algoritmo denominato Wabscore (Web isibilita barrier score) in grado di misurare il numero di barriere presenti nelle pagine Web, la cui formulazione ela seguente: p: pagine lolali del silo Web; v: violazioni lolali della pagina; nv: numero di violazioni; Nv: numero di violazioni potenziali; Wv: peso della violazione in maniera inversamente proporzionale al WCGA; Np: numero di pagine analizzale in IotaIe. Zeng mostra, attraverso prove sperimentali su un campione rappresentativo di 108 siti Web riguardanti il tema della salute, come attraverso I'analisi dei dati del rank e dell'accessibilita del campione, si evidenzi una correlazione importante fra: qualita, accessibilita e WP. I risultati dimostrano che esiste una correlazione fra la popolarita di un sito e la sua accessibilita, riscontrabile solamente nelle c1assifiche di alcuni motori di ricerca, dando prova della possibilita di introdurre il fattore dell'accessibilita nel calcolo del rank. Questi stlldi testimoniano la necessita, opportunita e possibilita di un superamento dell'attuale impostazione del WP che, pur mantenendo la sua primaria funzione di organizzazione dell'informazione, ordini qualitativamente i SERP. La popolarita puo essere ripensata come un indice che offra realmente all'lltente la possibilita di ricevere informazioni anche sulla qual ita delle infonnazioni reperibili nella Rete ed utili alia sua ricerca; e questo gia garantendo I'accessibilita delle pagine Web, ovvero dall'assenza di barriere all'infonnazione in esse contenuta. Se un sito e popolare, dunque, deve poter essere accessibile alia maggioranza della /4

9 popolazione Internet. Accessibile deve poter allora corrispondere a "popolare". criterio d'ordine della WP. Introduzione del criterio di accessibilita nella classifica rnondiale di siti \Veb universitari AI fine di verificare empiricamente se I'introduzione di un criterio di valutazione dell'accessibilita di un sito modifichi la sua posizione in un ordinamento basato esclusivamente su di un criterio quantitativo di Web site popularity si e proceduto nell'applicazione del WabScore di Zeng e Pannanto (2003) nel Webometrics Ranking (WR) of World Universities (http://www.webometrics.info).i1wreun iniziativa condotta dal Cybermetrics Lab, un gmppo di ricerca del Centro de informacion y 00 cumentacion, parte del National Research Council spagnolo. II Cybermetries Lab e finalizzato all'analisi quantitativa di contenuti Internet e Web. II WR e una c1assificazione mondiale di siti Web universitari che c1assifica ciascun sito sommando diversi indici di c1assifiche separate basate principalmente su fattori quantitativi e inbound ed outbound link. Abbiamo scelto il WR per due ragioni: la prima, perche esso si presenta come una c1assificazione di siti basata su un calcolo del rank secondo i criteri utilizzati dai motori di ricerca; la seconda ragione e che esso intende superare un ordinamento non basato solo sui risultati della ricerca, cosi come avviene nei search engines, ma come c1assificazione che, attraverso I'integrazione di altri indicatori, sappia riflettere la qualita globale dei siti delle istituzioni universitarie mondiali presenti nel Web. Pertanto, il nostro esperimento mirava a verificare se i criteri di qualita utilizzati per I'ordinamento dei siti universitari operata dal WR correlassero con illivello di accessibilita dei medesimi. Proprieta rnetriche del \VR II WR e costruito su una sommatoria di quattro c1assifiche separate (http://www.webometrics.info/methodology.html): size (S): numero di pagine recuperate a partire da quattro motori di ricerca (Coogle, Yahoo, Live Search e Exalead); per ciascun motore, i risultati sono log-nonnalizzati ad I del valore piil alto. Poi, per ciascun dominio, sono stati esclusi i risultati massimi e minimi /5

10 e ad Og111 lslltuto e stato assegnato un rank, in accordo con la somma combinata; visibility (V): il numero totale di link unici ricevuti dall'esterno (inlinks) possono essere ricavati con sicurezza da un sito attraverso Yahoo Search, Live Search ed Exalead. Per ciascun motore, i risultati sono log-nonnalizzati ad I del val ore piil alto e quindi combinati per generare il rank; rich files (R): dopo la valutazione della loro pertinenza ad attivita accademiche e di pubblicazione e in considerazione al volume dei diversi fonnati di files, e stato selezionato quanto segue: Adobe Acrobat (.pdf), Adobe PostScript (.ps), Microsoft Word (.doc) e Microsoft Powerpoint (.ppt). questi dati sono stati estratti usando Coogle e unendo i risultati per ciascun tipo di file dopo la lognonnalizzazione nel modo gut descritto; scholar (Sc): Coogle Scholar offre il numero di articoli e citazioni per ciascun dominio accademico. Questi risultati, a part ire dal database Scholar, presentano docllmenti, reports e altri articoli accademici. Le quattro c1assifiche vanno a fonnare una scala globale, il WR, che da luogo all'ordinamento nella classifica secondo la fonnula segllente: V: Visibility rank; S Size rank; R: Rich file rank; Sc: Google scholar rank. WR ~ (4'V}+ (2'S) + R + Sc L'impostazione del WR evidenzia come il fattore visibilita, sebbene abbia un peso notevole nella sommatoria, non sia detenninante nell'ordinamento, diversamente da cio che avviene nei motori di ricerca. II WR intenderebbe offrire cosi un'infonnazione qualitativamente esaustiva agli utenti, ritenendo di superare i vincoli di una c1assifica basata soltanto sui WP. Metodologia di analisi e risultati Sulla base della c1assifica proposta dal Webometric dei primi 3000 siti delle universitft mondiali, estata operata una divisione in 20 c1assi di 150 /6

11 siti, in base aile posizioni determinate dal WR. Come campione rappresentativo per ogni c1asse estato selezionato: il sito posizionato nel valore medio, qllello sopra e qllello sotto una deviazione standard della c1asse. II campione, rappresentativo della c1assifica globale, lltilizzato nell'analisi e stato dunqlle composto da 60 siti Web (vedi Tabella 4). L'accessibilita e stata misllrata, cosi come proposto da Zeng e Pannanto (2003), lltilizzando Bobby 5.0 come crawler per identificare Ie violazioni aile WeGA 1.0., da cui si sono ottenllti i dati necessari al calcolo del WabScore per ogni sito Web universitario dei 60 selezionati. L'analisi dell'indice WabScore, che va da 0 (pienamente accessibile) a I (massima inaccessibilita), ha evidenziato che il campione era composto da siti non pienamente accessibili, con una media di 0,35 punti di inaccessibilita che indica la presenza di 35 barriere reali 0 potenziali su 100 (StdV"O, I0). L'analisi delle correlazioni non ha evidenziato alclln val ore significativo del WabScore ne con il WR, ne con ciascllna delle qllattro c1assifiche che costitlliscono gli addendi della sommatoria del WR. Chiaramente, tutti gli elementi delle 4 c1assifiche che costitlliscono il WR e 10 stesso WR sono correlati fra loro (vedi Tabella 2). Tabella 2: CO/Telazione per ranghi di Spermanfra ifattori Size rank (S), Vivibilita rank (V), Richfile rank (R), Google scholar rank (Sc), Webometric rank (WR) e WabScore. w, S 1,000,11:01'.764,6119, V,so I 1,000,674,621,927',1J5 R,764',67P 1,000,719,533'.160 S<.6119.(il],n9 1,000,S03,060 WR,909,927'.BH,B01 1,000,101 WabScou,ID,13>,160,060,107 1,000,.. Ne conseglle che il Webometrics RankingofWorld Universities, sebbene offra una c1assificazione basata Sll piu fattori di valutazione rispetto a quella offerta dai motori di ricerca, manca di un fattore determinante, qllel- /7

12 10 dell'accessibilita, che dovrebbe assumere un molo rilevante in una c1assitka che indicizza siti di enti che promllovono in massimo grado contemlti educativi, favorendo un accesso senza barriere agli utenti. Successivamente, abbiamo ipotizzato che, se avessimo inserito il fattore accessibilita nella scala globale del WR, avremmo potuto modificare I'ordinamento delle posizioni dei siti delle singole llniversita in base alia loro accessibilita. Si edunque proceduto trasfonnando it WabScore in modo da inserire anche I'accessibilita del sito tra gli addendi della sommatoria del WR. L'accessibilita, come affermato da Zeng e Parmanto (2003) deve essere correlata alia WP, che nel calcolo del WR eassimilabile alia c1assifica V (visibility rank). Abbiamo quindi deciso di creare un Accessibility Rank (AR), ottenendo cosi it numero di posizioni, approssimato per eccesso, di cui deve scendere un sito nella c1assifica V in ragione dei suoi punti di inaccessibilita, secondo la seguente formula: V: Visibility rank. V WabScore = AR La formula ci permette di ottenere un fattore che agisce direttamente sui rank V ed indirettamente sulla WR, come proposto nella seguente modifica della sommatoria denominata GlobalRank (GR): GR: GlobalRank; V: Visibility rank; S Size rank; AR: AccessibililyRank; R: Rich file rank; Sc: Google scholar rank. GR ~ (4'(V+AR))+ (2'S) + R + Sc Con un WabScore pari a zero, la posizione del sito resta invariata sia nel rank V sia nella c1assifica generale WR, poiche il sito Web e pienamente accessibile. Con WabScore pari ad I, che eqllivale al I()()O/(I di inaccessibilitft, il sito Web scende del doppio del suo valore nel rank V, influenzando indirettamente I'ordinamento WR. 11 GR rappresenta la variazione, in base all'accessibilita, dell'ordinamento della c1assifica WR rispettando Ie correlazioni con i fattori (vedi Tabella 3) che danno luogo alia sommatoria: /8

13 Tabella 3: Analisi della correlaziolle per ranghi di Spermall fra Size rank (S), Visibility rank (V), Richfile rank (R), Google scholar rank (Sc), AR, WabScore e l'ordinamento secondo il GR. V R S, AR W~bStor~ GR S 1,000,80 I 0,']~~,~89,156,113,SHo V,SOl' 1,000,6H,621',91.'i',IH,946 R, ,000.n9.6.'i4,160,:s~Oo Sc,619 t,621 0,n9 t 1,000,599 0,060,181 AR,756,935 0,654, ,000,431,901 0 WabScoft.113,135.1~0,060,432 1,000,160 GR,894',946",8~Oo,187',907'.160 1, corr.i.""o" nrn,f.cu,va a) 1" II fattore accessibilita introdotto con AR nella c1assifica GR risulta correi are sia con il WabScore che con gli altri addendi della sommatoria WR, dimostrando cosi di rispettare anche Ie proprieta di calcolo dell'ordinamento WR (vedi Tabella 4). Dccorre inoltre notare che il Wabscore, come gia nella precedente analisi rispetto al WR (vedi Tabella 2), non correia con il GR. Questo conferma che la formula del GR, pesando I'accessibilita tramite il rank AR, non snatura completamente la precedente c1assifica del WR, correlando con Ie diverse scale di questo, pur approfondendo illivello di misurazione delle caratteristiche dei siti. Questioni aperte II nostro studio lascia ancora aperti alcuni aspetti che dovrebbero essere affrontati dal futuro sviluppo di algoritmi di ranking: I'integrazione di formule di misurazione del fattore accessibilita, come il nostro GR, negli algoritmi di ranking dei motori di ricerca, tra I'altro c'e da considerare che I'adozione di un algoritmo di ranking dei siti da parte dei principali motori di ricerca che introducesse il fattore accessibilita spingerebbe gli sviluppatori di siti a prendere in maggiore considerazione Ie standard roules della W3C per favorire la visibilita del proprio sito; /9

14 I'accessibilita esoltanto la principale porta d'accesso ai contenuti di un sito Web, il passo ulteriore necessario a garantire una c1assifica in grado di fornire utili informazioni sulla qualita del sito dovra elaborare formule in grado di dare indicazioni anche sulla qualit a dei contenuti stessi; infine, sarebbe auspicabile che ulteriori sviluppi di ranking dei siti prendessero in considerazione anche I'usabilita delle interfacce Web, per fornire indicazioni sulla qualita dell'interazione utentetecnologia. Conclusioni L'analisi che abbiamo condotto sui rapporto fra WP e qualita in Internet mostra come I'attuale impostazione algoritmica dei motori di ricerca centrata sui calcolo della LP, non sia in grado di rispondere aile nuove esigenze degli utenti che sperimentano un processo di costante adattamento alia tecnologia Internet. La necessita di avere un indice di popolarita che sia in grado di informare sulla qualita dell'infonnazione eun emergenza dovllta a qllesto adattamento. L'idea che il comportamento e Ie strategie di ricerca dell'utente emergano come un fattore contrastivo dei limiti strutturali delle impostazioni di ranking dei motori di ricerca e sllggestiva e sembra confermare I'idea che la tecnologia, in quanto amplificatrice dell'agire umano, permetta alia specie di evolvere sviluppando nuovi comportamenti adattivi in sistemi complessi. Tale adattamento riproduce tuttavia nella realta il fenomeno del rich-get-richer, contrastabile solo con I'introduzione di indici qualitativi, come il WabScore, che consentono un riordinamento delle c1assifiche di rank. La modifica da noi proposta del Webometrics Ranking ofworld Universities dimostra come la connessione fra il concetto di WP e quello di accessibilita possa ristmtturare gli ordinamenti dell'informazione, senza modificare Ie proprietft e gli obiettivi delle c1assificazioni. La diffllsione e la promozione dell'accessibilita passa attraverso 10 sviluppo della relazione fra questa e la qualita delle strutture Web. Tale legame pennette non solo di contrastare il digital divide, ma anche di ridurre il carico cognitivo semplificando Ie strategie di reperimento dell'infonnazione, divenendo cosi un mezzo che estende e promuove I'adattamento cognitivo aile tecnologie da parte dell'lltente. 20

15 Tabella 4: clavsifica Global Rank e nuovo ordinamento con l'introduzione del fattorear. """', OnIN I I hltp:/lwww.msu.odu 64 0_ N~ WebSile Size Visibility Richfile S, WR GR hllpjlwww.buffalo.odu '" III ' hltp:llwww.maine.edu J hltp:/lwww.uab.es " ~ hup:!!ww",.rdg.ac.uk 442.l2li 4'" 600 "' J494 J hll :Ilww",. il-nn 2'" <6, <1, '"40 '6",, hltp:/lwww.utsa.edu 531 '" hllpjlwww.mcw.edu '" 4"'" hn ww",.f r ham. 121<; 1< <;246 <;<; hn :Ilww",.bill.ac.il H J lj lj hltpjlwww.iitb.ac.in lj , hn w"'. \', 5 R4' I 41!ill.! hn :!!ww",.iisc.ernel.in hltp:llwww.stcvens.edu hlto:/lwww.clvu.edu ' hltpjlwww.weber.edu 10(" " "'" S03 95' " " hllpjlwww.uniandes.odu.cq , l.! hup://ww",.nuhsc.cd Il 1627!.ill 15JO hn -/ ww",.i"lk.a.in lfi2 5Jj) 9ill I ill " 2J " hn :!!www.lle\ nra. I lIl '1147 IIH99 " 25 " " " hn '",",.arti '0 4'50 1UI6 I2UIII WIOO hlm:!!www.sdenccs-on.fr 1951 IIOR 223H H I2HII6 "" hllpjlwww.simmons.edu '" "''' lt 25 hu - www nii ala-.a 11 2 I"'" 2,122 I....l.l.!lli!. 1J2J2 2R hn :/lwww.lcsc.edll JllI " Jl Jl hlldjlwww.uhb.fr 'I. II hup:11w w"'.unh'-lille2.fr UIllJ 196R 15, II 'I. hnp:!!www.il sslc.edll.cn , J J4 JR hn :/lwww.llliss.il "'" hltpjiwww.bridgeport.edu )6 '" hn -/ ww"'., <; R64 llui04 J7 J7 hltpjlwww.nsu.edu Jj) 41 hup:!!ww",.a rlcen ler.cd u JII 4J J9 J9 hit :/lwww.ceu.es 294' 180' I"'" /

16 0_ N,w WebSite Size Visibility Richfile S, WR GR Qnloo OnIN hllpjlwww.hamk.fi "., '7<" not '" '" 41.u hllpj/lw ww. dgcwood. du 2612 I SlI9 2611, UI 'Ii hllp:{/www.ufs hr ,19S UII4 IJS6 IS6lI1l ' J 42 hl! :liwww.ubu.ac.lh HI S0 UII hllpjlwww.savonia-amk.fi hllpjlwww.uca.edu.ar ' h" :liwww.dusitae.l h 2821 "'".. 2JJ ' 20Rn ! hllp:llwww. nmh M.rn u, {)6S!.2.!.,HIOI 1!..!i1l hlt ",",w.m im.r "i40 "'IK "'J h" :{fwww.xznu.edu.cn "., 219S4 '5660! 49 hllpi(fwww,.ill!.l !ill 2IJOO ~ ;.. 0, x.fr a 46 hnp:!!ww",.n jusl.edu.cn lull 24, ,HIOI h" :liwww.s.edu JJJII "7'> 56'" '64119 a a hnp:!!ww",.iflkai.a c. ip, SIH9,1,115 2,1, a,:; hllp:/lwww. miem.edu.ru WII '''''0 SIl95 2H9J 2, J1I SS 53 hit :f/www."cl.ac.i1 '''' HIJJ JJJ UI,. 2 hllp:/lwww.hehau.edu.cn HilS JOO2 24J ill!!!l 277S hlt R.11 I hltp:llwww.rdc.ab.ca a 60 h ltp:!!www.en skaen.fr '640,H S 1S h" :liwww.aull S sono stall marcall I SIll coo hanno modlficalo la 10m poslziooo nspctlo al fallore acccsslblhtl. AR. Bibliografia Bemers-Lee T., FischeUi M. (1999), Weaving the Web: Origins and Future ofthe World Wide Web, Orion Business, Britain. Brin S., Page L. (1998), "The Anatomy of a Large-Scale Hypertextual Web Search Engine", Computer Networks, 30: Cho J., Roy S. (2004), "Impact of Search Engines on Page Popularity", International World Wide Web Conference, Proceedings of the 13th international conference on World Wide Web: ACM. Cho J., Roy S., Adams R.E. (2005), "Page Quality: In Search ofan Unbiased Web Ranking", SIGMOD, Fortunato S., Flamini A., Menczer F., Vespignani A. (2006), "Topical interests and the mitigation of search engine bias", PNAS, 103(34): Garofalakis J., Kappos P., Mourloukos D. (1999), "Web site optimization using page popularity", IEEE Internet Computing, Garfield E. (1955), "Citation Indexes for Science: A New Dimension in Documentation through Association of Ideas", Science, 122(3159): Garlield E. (1961), "Science Citation Index", Science Citation Index, 80( I): V-XVI. 22

17 ISO/IEC FDiS (2000), Software Engineering - Product quality - Part 1: Quality model, (ONLINE): htlp://www.usabilitynel.orgltoolsl/r_intemational.htm# Krashakov S.A., Teslyuk A.B., Shchur L.N. (2006), "On the universality of rank distributions of Website popularity", Computer Networkv, 50: Merton Robert K. (1968), "The Mallhew Effect in Science", Science, 159(38101' Merton Robert K. (1988), "The Matthew Effect in Science, II: Cumulative advantage and the symbolism of intellectual property", ISIS, 79: Nie Z., Zhang Y., Wen J., Ma W. (2005), "ObjectLevel Ranking: Bringing Order to Web Objects", International World Wide Web Conference Committee (IW3C2), ACM. Nielsen J., Loranger H. (2006), Prioritizing Web usability, USA: New Riders. Page L., Brin S., Motwani R., Winograd T. (1999), "The PageRank Citation Ranking: Bringing Order to the Web", Stanford Digital Library Technologies, Pandey S., Roy S., Olston c., Cho J., Chakrabarti S. (2005), "Shuffling a Stacked Deck: The Case for Partially Randomized Ranking of Search Engine Results", Proceedingsofthe 3/st VLDB Conference, leeexplore. Signore O. (2005), "A Comprehensive Model for Web Sites Quality", Proceedings ofthe 2005 Seventh IEEE International Symposium on Web Site Evolution (WSE'05), IEEE computer society. Yen B.P.c. (2007), "The design and evaluation of accessibility on Web navigation", Decision Support Systems, (42): Zeng X., Parmanto B. (2003), "Evaluation of Web Accessibility of Consumer Health Information Websites", AM/A 2003 Symposium Proceedings. 23

I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche. di Laura Colombo

I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche. di Laura Colombo I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche di Laura Colombo Ultimo aggiornamento: marzo 2011 Sommario L analisi bibliometrica Indicatori bibliometrici o Impact Factor o Immediacy Index o

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

Come recuperare il Citation Index di un articolo o di un autore: breve guida

Come recuperare il Citation Index di un articolo o di un autore: breve guida Come recuperare il Citation Index di un articolo o di un autore: breve guida A cura del Gruppo Informazione e comunicazione della Biblioteca Biomedica Redazione: Tessa Piazzini Premessa: Solitamente parlando

Dettagli

Come si trova l Impact Factor di una rivista?

Come si trova l Impact Factor di una rivista? Journal Citation Report ovvero: Come si trova l Impact Factor di una rivista? a cura di Francesca De Rosa Biblioteca Dermatologica dell Istituto San Gallicano Indice: Che cos è l Impact Factor? Come si

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Prodotto Isi Web Knowledge

Prodotto Isi Web Knowledge Guida pratica all uso di: Web of Science Prodotto Isi Web Knowledge acura di Liana Taverniti Biblioteca ISG INMP INMP I prodotti ISI Web of Knowledge sono basi di dati di alta qualità di ricerca alle quali

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi ENDNOTE WEB EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi EndNote Web consente di: importare informazioni

Dettagli

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Nessuna parte di questo documento può essere usata o riprodotta in alcun modo anche parzialmente senza il permesso della

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Nessuna parte di questo documento può essere usata o riprodotta in alcun modo anche parzialmente senza il permesso della www.smartplus.it www.progettorchestra.com Per informazioni: info@smartplus.it info@progettorchestra.it Tel +39 0362 1857430 Fax+39 0362 1851534 Varedo (MI) - ITALIA Siti web e motori di ricerca Avere un

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

pag. 2/9 INTERNET MARKETING (SYSCON SRL) Rev.1.2 Spett.le Ditta, giorno dopo giorno Internet sta modificando il

pag. 2/9 INTERNET MARKETING (SYSCON SRL) Rev.1.2 Spett.le Ditta, giorno dopo giorno Internet sta modificando il INTERNET MARKETING pag. 2/9 Spett.le Ditta, Rev.1.2 giorno dopo giorno Internet sta modificando il modo di essere azienda : la posta elettronica permette maggiore dinamicità nei rapporti con clienti e

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come SI) è titolare del sito PRIVACY POLICY Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito www.stonexsmart.com ( Sito ) e tratta i tuoi dati personali nel rispetto della normativa

Dettagli

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line.

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Provincia di Cosenza Dipartimento di Economia e Statistica Università della Calabria Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Il trasporto pubblico locale della Provincia di Cosenza in rete - 1 - Premessa

Dettagli

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche ISTRUZIONI PER Usare in modo consapevole i motori di ricerca Valutare un sito web ed utilizzare: Siti istituzionali

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

I link non sono tutti uguali: 10 illustrazioni sulla valutazione dei link da parte dei motori di ricerca

I link non sono tutti uguali: 10 illustrazioni sulla valutazione dei link da parte dei motori di ricerca I link non sono tutti uguali: 10 illustrazioni sulla valutazione dei link da parte dei motori di ricerca Di Articolo originale: All Links are Not Created Equal: 10 Illustrations on Search Engines' Valuation

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet 2 app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet L integrazione delle piattaforme è il concetto

Dettagli

OPER:01. Manuale dell'utente. it-it. Analisi operativa. Edizione 3. Scania CV AB 2015, Sweden

OPER:01. Manuale dell'utente. it-it. Analisi operativa. Edizione 3. Scania CV AB 2015, Sweden OPER:01 Edizione 3 it-it Manuale dell'utente Analisi operativa Scania CV AB 2015, Sweden Informazioni generali Informazioni generali Questo manuale dell'utente è stato redatto per i meccanici e i tecnici

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Web of Science. Institute for Scientific Information

Web of Science. Institute for Scientific Information Web of Science Institute for Scientific Information Web of Knowledge è la piattaforma che che permette di raggiungere le prestigiose banche dati prodotte dall'institute of Scientific Information (ISI).

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA Alberto Betella, Marco Lazzari, "Un ambiente open source per la gestione del podcasting e una sua applicazione alla didattica", Didamatica 2007, Cesena, 10-12/5/2007 Abstract UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER

Dettagli

Come scrivere un articolo scientifico La bibliografia: citare da Internet

Come scrivere un articolo scientifico La bibliografia: citare da Internet scrivere in medicina Come scrivere un articolo scientifico La bibliografia: citare da Internet L emergere di Internet come fonte preziosa di informazioni, ha reso necessaria la definizione di alcune regole

Dettagli

Potenze di 10 e il SI

Potenze di 10 e il SI Le potenze di 10 e il SI - 1 Potenze di 10 e il SI Particolare importanza assumono le potenze del numero 10, poiché permettono di semplificare la scrittura di numeri grandissimi e piccolissimi. Tradurre

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

RefWorks: un gestore di bibliografie su web

RefWorks: un gestore di bibliografie su web RefWorks: un gestore di bibliografie su web Un applicativo avanzato e innovativo per l import di citazioni da database online, la creazione di archivi personali e la generazione di bibliografie in vari

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 612 Spedito il 30/3/2010 All On.le Ministro SEDE OGGETTO: Valutazione della ricerca. Adunanza del 25.03.2010 IL CONSIGLIO UNIVERSITARIO NAZIONALE APPROVA IL SEGUENTE DOCUMENTO: Introduzione Ogni

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t),

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t), SINTESI. Una classe importante di problemi probabilistici e statistici é quella della stima di caratteristiche relative ad un certo processo aleatorio. Esistono svariate tecniche di stima dei parametri

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono I CIRCUITI ELETTRICI di CHIARA FORCELLINI Materiale Usato: 5 lampadine Mammut 4 pile da 1,5 volt (6Volt)+Portabatteria Tester (amperometro e voltmetro) I circuiti in Parallelo In un collegamento in parallelo

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli