APPUNTI DI FISICA 3. Pietro Donatis

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPUNTI DI FISICA 3. Pietro Donatis"

Transcript

1 APPUNTI DI FISICA 3 Pietro Donatis Versione 2 7 luglio 2009

2

3 i Questi Appunti di fisica sono rivolti agli studenti del quinto anno di un liceo scientifico e seguono gli analoghi appunti scritti per il quarto anno. Di questi, condividono l idea generatrice che è quella di fornire agli allievi un valido testo su cui studiare: gratuito, scaricabile dalla rete e liberamente riproducibile. Anche questa dispensa tuttavia manca di esercizi. Spero di riuscire a colmare la lacuna al piú presto anche grazie all aiuto di quanti, colleghi e studenti, vogliano dare una mano. Ho voluto cercare di sviluppare il programma inizialmente su due livelli di complessità matematica. Nella parte iniziale, quando si suppone che gli allievi ancora non abbiano familiarità con il calcolo differenziale ed integrale, gli argomenti sono svolti in modo standard. Per ogni argomento però ho fornito, in caratteri tipografici minori, la corretta riformulazione utilizzando gli strumenti dell analisi. Il percorso dovrebbe essere, quindi, quello di ritornare, in fase di ripasso, su questi argomenti utilizzando il nuovo linguaggio nel frattempo appreso. Col progredire del corso, si abbandona la doppia formulazione e vengono usati liberamente gli strumenti dell analisi. È stata aggiunta una seconda parte ove vengono riformulati alcuni rilevanti argomenti di meccanica e termodinamica con gli strumenti dell analisi. Un occasione di approfondimento e ripensamento, rivolto in particolare a quegli allievi che vogliano continuare gli studi in una facoltà scientifica. La responsabilità di quanto scritto, e di tutti gli eventuali errori, è esclusivamente di Pietro Donatis. Devo ringraziare Fabio Maria Antoniali e Carlo Càssola per le numerose discussioni, indispensabili a chiarirmi i molti punti delicati. Devo anche ricordare che Fabio Acerbi per primo ha pensato che valesse la pena di imbarcarsi in questa impresa, trasmettendomene l entusiasmo per farlo. Questo lavoro è senz altro da considerarsi in evoluzione; sarò grato a tutti coloro che vorranno essere tanto gentili da segnalare errori o fornire commenti utili al miglioramento di quanto scritto in vista di auspicabili nuove versioni. Nella seconda versione è stato fatto l indice analitico, ove, si badi, non compaiono le voci presenti nell indice generale. I simboli matematici che compaiono nelle formule e nelle figure, sono ripodotti i carattere corsivo; i vettori sono invece in stampatello grassetto. Udine, 7 luglio 2009

4 ii

5 Indice I Elettromagnetismo 1 1 Preliminari matematici Il concetto di campo Flusso di un campo vettoriale Circuitazione di un campo vettoriale Il lavoro di una forza Circuitazione di un campo di velocità lungo un vortice Elettrostatica La carica elettrica L elettroscopio Elettrizzazione per contatto Elettrizzazione per induzione La forza di Coulomb Principio di sovrapposizione Il campo elettrico Campo elettrico generato da una carica elettrica elementare Campo elettrico di un dipolo Le linee di campo La legge di Gauss Distribuzione sferica di cariche elettriche Distribuzione lineare di cariche elettriche Distribuzione piana di cariche elettriche Dal campo alla forza Dipolo in un campo elettrico uniforme Forza di repulsione fra due piani carichi Il campo elettrico in situazioni varie Il campo elettrico generato da un filo carico Il campo elettrico generato da un anello carico Il campo elettrico generato da un disco carico Energia potenziale della forza elettrica Il potenziale elettrico Relazione fra il campo elettrico ed il potenziale elettrico Il potenziale elettrico in situazioni varie Potenziale elettrico di una carica elettrica elementare Potenziale elettrico di una sfera carica elettrica Potenziale elettrico di un dipolo Approssimazione dipolare iii

6 iv INDICE Il potenziale di un filo Il potenziale elettrico di un anello Energia potenziale elettrostatica Energia elettrostatica di un dipolo elettrico in un campo elettrico costante Circuitazione del campo elettrico Circutazione del campo uniforme generato da un piano Circuitazione del campo generato da un carica elettrica sferica Discontinuità del campo elettrico attraverso una superficie carica Conduttori Capacità Capacità di un conduttore sferico Condensatori Condensatore sferico Condensatore cilindrico Energia elettrostatica accumulata in un condensatore Forza fra le armature di un condensatore Collegamento di piú condensatori Collegamento in parallelo Collegamento in serie Dielettrici Inserimento parziale di un dielettrico Inserimento di un conduttore Modello della polarizzazione atomica Corrente elettrica Intensità di corrente Le leggi di Ohm Modello classico della conduzione elettrica L effetto Volta. La pila di Volta Generatore di tensione e forza elettromotrice Collegamenti di piú resistenze Resistenze in serie Resistenze in parallelo Scarica e carica di un condensatore. Il circuito RC Il processo di scarica Il processo di carica Il passaggio di cariche elettriche nelle soluzioni Le leggi di Faraday Magnetostatica Il campo magnetico Moto di cariche elettriche in un campo magnetico Moto circolare uniforme Moto elicoidale Il selettore di velocità Lo spettrometro di massa L effetto Hall Forza magnetica su una corrente elettrica Disco di Barlow Forza magnetica su una spira rettangolare

7 INDICE v Galvanometro Le leggi del campo magnetico Campo magnetico generato da un filo indefinito Forza magnetica fra due fili rettilinei percorsi da una corrente elettrica Solenoide rettilineo Solenoide toroidale Campo magnetico generato da una corrente elettrica Campo magnetico generato da una spira circolare Campo magnetico generato da un filo rettilineo Contenuto relativistico della teoria elettromagnetica Induzione elettromagnetica Un primo esempio Legge di Faraday-Neumann-Lenz La legge di Felici Bilancio energetico Applicazioni dell induzione elettromagnetica L asta rotante Spira rotante. Generatore di tensione alternata Autoinduzione Induttanza di un solenoide Circuito induttivo in corrente continua Energia magnetica di un circuito Induzione mutua Energia magnetica di due circuiti accoppiati Relazione fra L 1, L 2 ed M Circuiti in corrente alternata Circuito resistivo Circuito capacitivo Circuito induttivo Circuito RC in serie Circuito RL in serie Circuito LC in serie Circuito RLC in serie La potenza in corrente alternata Metodo complesso Campi magnetici nella materia Diamagneti e paramagneti Ferromagneti Forze fra magneti Equazioni di Maxwell e onde elettromagnetiche Il termine mancante Le equazioni di Maxwell e la velocità della luce Onde elettromagnetiche

8 vi INDICE II Metodi matematici per la fisica Meccanica Cinematica Esempio Moto in coordinate polari Leggi della dinamica Moto uniforme Moto uniformemente accelerato Moto armonico Moto in un fluido viscoso Lavoro ed energia cinetica Energia potenziale e conservazione dell energia Esempi Forza peso Forza elastica Forza centripeta Forza gravitazionale Forza di Coulomb Relazione fra forza ed energia potenziale Dinamica del moto rotatorio di un punto materiale Forze centrali Dinamica di due punti materiali. Problema di Kepler Oscillazioni smorzate Oscillazioni forzate Termodinamica Lavoro delle forza di pressione Energia interna Trasformazioni isocore Trasformazioni isobare. Relazione di Mayer Equazione delle trasformazioni adiabatiche Disuguaglianza di Clausius e entropia Calcolo della variazione di entropia in alcuni casi importanti

9 INDICE vii

10 Elenco delle figure 1.1 Modello ideale del campo gravitazionale Flusso di un liquido attraverso una superficie perpendicolare alla velocità Flusso di un liquido attraverso una superficie non perpendicolare alla velocità Indipendenza del flusso dalla superficie scelta Circuitazione del campo vettoriale A lungo la curva γ L elettroscopio a foglie d oro Elettrizzazione per contatto Esperimento con la sferetta metallica Induzione elettrostatica Induzione elettrostatica sulla sferetta conduttrice Elettrizzazione per induzione Il vettore r Campo generato da una carica elettrica elementare; a: positiva; b: negativa Il calcolo del campo elettrico generato da una carica elettrica non elementare Il campo elettrico di un dipolo Linee di campo per una carica elettrica elementare positiva e negativa Linee di campo elettrico per due cariche elettriche uguali positive e per due opposte Linee di campo elettrico di due cariche diverse Invarianza del numero di linee che escono da una superficie sferica Il flusso attraverso una superficie chiusa S; a: carica interna; b: carica esterna Il flusso attraverso una superficie infinitesima Dimostrazione della legge di Gauss; a: carica interna a S; b: carica esterna ad S Impossibilità dell equilibrio stabile Distribuzione sferica di cariche elettriche: caso del punto esterno Distribuzione sferica di cariche elettriche: caso del punto interno Il modulo del campo elettrico generato da una sfera carica in funzione di r Distribuzione lineare di cariche elettriche; a: vista laterale, b: sezione Distribuzione piana di cariche elettriche Il dipolo elettrico in un campo elettrico uniforme Il campo generato da un filo carico Campo elettrico generato da un anello carico; componente assiale e perpendicolare La corona circolare infinitesima Il calcolo del lavoro per uno spostamento infinitesimo Le superfici equipotenziali di un dipolo Il lavoro di in un campo elettrico costante Il calcolo del potenziale elettrico di un dipolo in P L approssimazione dipolare viii

11 ELENCO DELLE FIGURE ix 2.33 Un modello per la molecola d acqua Il dipolo elettrico immerso in un campo elettrico uniforme Circuitazione del campo elettrico generato da un piano carico Circuitazione del campo elettrico generato da una sfera carica Discontinuità del campo elettrico attraverso una superficie carica La superficie chiusa S interna al conduttore Conduttore cavo privo di carica elettrica nella cavità Conduttore cavo con carica elettrica Q nella cavità La proprietà delle punte Induzione completa in un condensatore piano Il campo elettrico di un condensatore piano Il condensatore sferico Il condensatore cilindrico Collegamento di condensatori in parallelo Collegamento di condensatori in serie Il dielettrico inserito nel condensatore La formazione di un dipolo atomico Polarizzazione di un dielettrico. a: i dipoli atomici; b: gli strati carichi Polarizzazione di un dielettrico Il dielettrico parzialmente inserito nel condensatore: senza generatore e con generatore Il condensatore con lastra conduttrice inserita Grafici dell andamento di V e di E; a: senza lastra, b: con la lastra La densità di corrente La resistività in funzione della temperatura; a: un conduttore; b: un superconduttore Una pila di Volta da 3 V Un filo di resistenza R collegato ad un generatore di tensione V Generatore con resistenza interna Due resistenze in serie Due resistenze in parallelo Il processo di scarica La carica elettrica sulle armature in funzione del tempo Il processo di carica L intensità della corrente elettrica in funzione del tempo L intensità della d.d.p. ai capi di C in funzione del tempo Una cella elettrolitica Inseparabilità dei poli magnetici La forza di Lorentz Moto circolare Moto elicoidale Il selettore di velocità Lo spettrometro di massa Il dispositivo per l effetto Hall Determinazione del segno dei portatori di carica elettrica La forza magnetica su una corrente Dispositivo per la verifica sperimentale della seconda legge di Laplace Il disco di Barlow Azione di un campo magnetico uniforme su una spira rettangolare La coppia di forze agente sulla spira

12 x ELENCO DELLE FIGURE 4.14 Il galvanometro a: corrente concatenata a γ; b: correnti non concatenate a γ Determinazione del campo B generato da un filo rettilineo La curva chiusa δ I due fili percorsi da corrente elettrica Un solenoide rettilineo Un solenoide toroidale L elemento di circuito dl che genera il campo il P Il campo magnetico generato da una spira circolare nel suo centro Il campo magnetico generato da una spira circolare in un punto P dell asse di simmetria L annullamento delle componenti perpendicolari all asse Il campo generato da un filo rettilineo La situazione nel sistema S La corrente elettrica i nel sistema S Il circuito senza generatore Il circuito mobile L asta rotante in un campo magnetico perpendicolare La spira rotante in un campo magnetico perpendicolare all asse di rotazione Il circuito induttivo RL I due solenoidi coassiali Il circuito resistivo Il circuito capacitivo Il circuito induttivo Il circuito RC in serie Il ciruito RC come filtro. a: passa alto, b: passa basso Il circuito RL in serie Il circuito LC in serie Il circuito RLC in serie La rappresentazione di una funzione sinusiodale come vettore rotante nel piano complesso Il parallelepipedo magnetizzato La suddivisione della fettina nel caso di magnetizzazione non uniforme I due piccoli parallelepipedi adiacenti La curva γ Il ciclo d isteresi Il magnete a forma di parallelepipedo Forza su una spira in un campo magnetico non uniforme Il condensatore in carica La semisfera S La corrente laminare infinita e i campi E e B da essa generati Vista laterale dall asse z con la curva γ Vista laterale dall asse y con la curva γ Lo spazio percorso come area sotto la curva velocità-tempo Il problema dell automobile che decelera Le coordinate polari nel piano. a: definizione; b: relazione con le coordinate cartesiane Lo spostamento infinitesimo in coordinate polari

13 ELENCO DELLE FIGURE xi 9.5 L ellisse in coordinate polari Lavoro di una espansione infinitesima Il ciclo composto di due trasformazioni Le due trasformazioni reversibili

14 Parte I Elettromagnetismo 1

15 Capitolo 1 Preliminari matematici. In questo capitolo preliminare vengono forniti gli strumenti matematici necessari alla descrizione della teoria dell elettromagnetismo. 1.1 Il concetto di campo. Come prima cosa si introduce il concetto di campo. Si definisce campo scalare una funzione che associa ad ogni punto dello spazio fisico un numero reale (uno scalare). Un campo scalare è quindi una funzione: f : R R R R, (1.1) dove il dominio R R R = R 3 è l insieme delle terne di numeri reali che, rispetto ad un sistema di assi cartesiani, rappresenta l insieme dei punti dello spazio e il codominio R è il numero reale che rappresenta il campo scalare. Per esempio è possibile definire un campo di temperatura associando ad ogni punto di uno spazio la temperatura dell aria in quel punto; quindi la funzione T (r) risulta definita nel modo seguente: T : R 3 R, T (r) = T (x, y, z), (1.2) ove r è il vettore posizione di componenti (x, y, z). Si definisce campo vettoriale una funzione che associa ad ogni punto dello spazio fisico un vettore. Si tratta quindi di una funzione: f : R 3 R 3, (1.3) dove ad ogni punto dell insieme R 3, cioè ad ogni punto dello spazio fisico, viene associata la terna delle componenti di un vettore. Per esempio è possibile definire il campo di velocità della corrente di un fiume, associando ad ogni punto interno alla corrente il vettore velocità della goccia d acqua che passa per quel punto; si ha cosí la funzione v(r) definita nel modo seguente: v : R 3 R 3, v(r) = ( v x (r), v y (r), v z (r) ). (1.4) Il concetto di campo è particolarmente utile, come si vedrà nei prossimi capitoli, per costruire un modello dell azione a distanza. In effetti esistono in natura forze che non esercitano la loro azione a contatto con i corpi ma a distanza. Lasciando qui, doverosamente, inesplorata la questione non scientifica circa quale sia l origine di tali forze a distanza, si cerca di darne una descrizione. Si consideri l esempio dell interazione gravitazionale. È ben noto che ogni corpo dotato di massa attira ogni altro corpo dotato di massa con una forza che dipende dall inverso del quadrato della distanza, secondo la legge di Newton 1. Lo stesso 1 Isaac Newton ( ), scienziato inglese. 2

16 1.2. FLUSSO DI UN CAMPO VETTORIALE. 3 Newton, com è noto rinunciò a fornire una spiegazione dell azione a distanza (hypoteses non fingo). Il modello che viene utilizzato è di immaginare che la presenza di una massa in un punto dello spazio modifica ogni altro punto dello spazio. Per farsi un immagine pittorica dell idea si pensi ad una superficie elastica orizzontale su cui venga deposto un massiccio corpo sferico. Il corpo deforma la superficie elastica Figura 1.1: Modello ideale del campo gravitazionale. producendo un avallamento. Una seconda sferetta che si trovi ad una data distanza dal corpo massiccio si trova quindi su di un piano inclinato e si muove verso il corpo massiccio. Si osservi che piú la sferetta si trova vicina al corpo maggiore è la pendenza su cui si trova e maggiore è la velocità con cui si muove verso il corpo. Ora la sferetta si muove sotto l azione della forza peso. Ma si supponga che l esistenza di tale forza sia sconosciuta. Si osserva allora che la presenza del corpo massiccio modifica lo spazio tutto intorno e questa modificazione è tale da avere un azione sui corpi che si trovino in tale spazio circostante. Quindi, a causa della presenza di un corpo in un dato punto dello spazio (per esempio l origine di un sistema di assi coordinati), si può associare ad ogni altro punto P dello spazio circostante una grandezza in grado di agire come forza sui corpi che si dovessero trovare in P. Questa grandezza, definita per ogni punto P dello spazio, è il campo. 1.2 Flusso di un campo vettoriale. Conviene, per introdurre il concetto piuttosto astratto di flusso, partire da un esempio. Si consideri a tale scopo un liquido ideale, e quindi incomprimibile (cioè di densità ρ costante), scorrente all interno di un tubo. Si supponga di conoscere, in ogni punto, in campo di velocità del liquido e si cerchi di determinare quanto liquido scorre attraverso una data sezione, di area S, del tubo, nell unità di tempo. Si consideri, v t S v Figura 1.2: Flusso di un liquido attraverso una superficie perpendicolare alla velocità. per cominciare, il caso piú semplice in cui la sezione S sia in ogni punto perpendicolare alla velocità del liquido e che il modulo v della velocità del liquido sia costante in ogni punto di S. È facile rendersi conto del fatto che le particelle d acqua che attraversano S nell intervallo di tempo t sono quelle che si trovano nel cilindro retto di base S e altezza v t. Il volume di tale cilindro è V = vs t. Quindi il volume di liquido che attraversa la superficie S nel tempo t è V = Sv t. Quindi la massa m di liquido che attraversa S nell unità di tempo è 2 : m = ρvs. (1.5) t Si definisce allora flusso del campo vettoriale v attraverso la superficie S la quantità vs. Le cose possono essere un po piú complicate. Sia ora la superficie S non perpendicolare alla velocità; allora il volume V di liquido che fluisce attraverso la superficie S nell intervallo di tempo t è quello 2 Si noti che se la velocità varia nel tempo la seguente equazione diviene la derivata temporale di m.

17 4 CAPITOLO 1. PRELIMINARI MATEMATICI. v t n θ S v v t θ h S Figura 1.3: Flusso di un liquido attraverso una superficie non perpendicolare alla velocità. contenuto nel cilindro non retto in figura 1.3. Tale volume, com è noto dalla geometria elementare, è pari all area di base S per l altezza h. Tale altezza h è la componente perpendicolare alla superficie S della generatrice v t del cilindro, cioè, indicando con θ l angolo formato da tale generatrice e l altezza h, vale h = v t cos θ. Detto n il vettore di modulo unitario perpendicolare alla superficie, vale v n = cos θ, quindi si può scrivere h = v n t, (1.6) quindi la massa di liquido che attraversa S nel tempo t è m = ρsv n t. (1.7) Il flusso pertanto, ponendo S = Sn, diviene v S. (1.8) Ancora piú complicato. Sia ora la superficie grande abbastanza da far sí che il modulo della velocità non possa essere considerato costante in ogni suo punto. Mi aspetto che fluisca una maggiore massa di fluido dove la velocità è maggiore. In queste condizioni conviene suddividere la superficie S in N porzioni sufficientemente piccole che in esse la velocità sia costante; tali porzioni verranno indicate con il simbolo S i e i rispettivi vettori unitari perpendicolari con n i (i=1 N). Si può cosí calcolare per ogni porzione il flusso di v usando l equazione (1.8) e facendo poi la somma di tutti i singoli contributi. Pertanto il flusso del campo vettoriale v attraverso la superficie generica S, posto ancora S i = S i n i, è definito dall equazione seguente: N S i v i. (1.9) i=1 O V S 1 S 2 Figura 1.4: Indipendenza del flusso dalla superficie scelta.

18 1.3. CIRCUITAZIONE DI UN CAMPO VETTORIALE. 5 Osservazioni 1. Data una sorgente O di liquido, il flusso che attraversa una qualunque superficie chiusa che racchiuda tale sorgente non dipende dalla superficie scelta, purché non siano presenti pozzi per i quali ci possa essere una perdita di liquido. Infatti prese due qualunque superfici S 1 ed S 2 che racchiudano la sorgente (si veda la figura 1.4), essendo il liquido incompressibile, il volume V da esse racchiuso contiene sempre la stessa massa di liquido; quindi la massa di liquido che, nel tempo t, entra in V attraverso S 1 deve essere uguale al volume d acqua che, nello stesso tempo, esce da V attraverso S 2 : i due flussi sono quindi uguali. Non sarà forse inutile osservare che la superficie S attraverso la quale ho definito il flusso non è una superficie reale, materiale, ma una superficie matematica. Sulla scorta dell esempio ora visto, si può generalizzare il concetto di flusso per qualsiasi campo vettoriale. Si consideri ora il campo vettoriale A e una qualsiasi superficie S; si definisce flusso di A attraverso la superficie S la quantità N Φ S (A) = S i A i, (1.10) i=1 ove sono stati utilizzati gli stessi simboli visti sopra per il caso del flusso di un liquido. Prima di andare oltre, si osservi che nel caso particolare in cui il campo A sia in ogni punto perpendicolare a S e sia ivi uniforme assumendo il valore costante A, la precedente equazione assume la forma particolarmente semplice Φ S (A) = AS. (1.11) 1.3 Circuitazione di un campo vettoriale. Si consideri, in una zona ove sia definito un campo vettoriale A, una arbitraria curva orientata γ. Si suddivida γ in tante piccole porzioni orientate, sufficientemente piccole da far sí che siano ben approssimate da vettori spostamento l. Si consideri uno di questi vettori spostamento; esso è applicato in un A 3 γ A 2 l 3 A 1 l 2 l 1 Figura 1.5: Circuitazione del campo vettoriale A lungo la curva γ. punto di γ; in questo punto, come in ogni altro punto dello spazio che si sta qui considerando, è definito il campo vettoriale A. Si può quindi eseguire il prodotto scalare fra i vettori l e A applicati nello stesso

19 6 CAPITOLO 1. PRELIMINARI MATEMATICI. punto. Si ripete la stessa operazione per tutti i vettori spostamento in cui è stata suddivisa la curva γ (in figura 1.5 sono riportati i primi tre vettori). Infine si sommano tutti i contributi. In questo modo si ottiene una quantità che è detta circuitazione del campo vettoriale A lungo la curva γ e si indica con il simbolo: Γ γ (A) = A l. (1.12) Si osservi che, nel caso particolare in cui il campo vettoriale è in ogni punto tangente alla curva γ ed assume in tutti i punti lo stesso valore A, la precedente relazione si può scrivere nella semplice forma indicando con l la lunghezza totale della curva. Osservazioni Γ γ (A) = Al, (1.13) 1. Come detto sopra per il flusso, anche qui è opportuno far notare che la curva γ utilizzata per definire la circuitazione di A non è reale o materiale, ma un astratto oggetto matematico. 2. È possibile dimostrare, benché la dimostrazione sia fuori dai limiti di queste note, che un campo vettoriale è univocamente definito in tutti i punti dello spazio quando se ne conosca il flusso per ogni superficie chiusa e la circuitazione per ogni curva chiusa Il lavoro di una forza. Si consideri un corpo che, sotto l azione del campo di forza F, percorre la curva γ. Si vuole calcolare il lavoro compiuto dalla forza F supponendo di trovarsi nel caso generale in cui la forza F non è costante durante il moto del corpo ma può assumere in ogni punto un valore ed una direzione diversi. Allora è necessario suddividere il percorso γ in N spostamenti elementari che indico con il simbolo l i, con i = 1,..., N; questa suddivisione sia tale che gli spostamenti elementari siano abbastanza piccoli da far sí che durante ciascuno di loro la forza si possa assumere costante. In tal caso il lavoro fatto per ciascuno degli spostamenti è il prodotto scalare fra il vettore forza F i assunto costante e il corrispondente vettore spostamento l i. Il lavoro fatto percorrendo tutta la traiettoria γ è quindi la somma di tutti i lavori relativi ai singoli spostamenti elemenari l i ; vale cioè: L = N F i l i. (1.14) i=1 Il secondo membro dell equazione ora scritta non è altro che la circuitazione del vettore F lungo la curva γ. Quindi si è dimostrato in modo completamente generale che il lavoro di una forza lungo una traiettoria γ è uguale alla circuitazione di tale forza lungo γ, cioè vale: L = Γ γ (F). (1.15) Nel caso di una forza conservativa il lavoro non dipende dal percorso ma solo dalle posizioni iniziali e finali assunte dal corpo in movimento, e tale lavoro è uguale al valore assunto dalla funzione energia potenziale nel punto iniziale meno il valore assunto nel punto finale. Nel caso particolare di una traiettoria chiusa, il punto iniziale e finale sono lo stesso punto, quindi la variazione di energia potenziale è nulla, quindi il lavoro compiuto da una forza conservativa per una traiettoria chiusa è nullo, quindi la circuitazione di una forza conservativa lungo una qualunque curva chiusa è zero. È possibile anche dimostrare la proposizione inversa. Vale quindi il seguente teorema. Una forza è conservativa se e solo se la sua circuitazione lungo qualunque curva chiusa è nulla.

20 1.3. CIRCUITAZIONE DI UN CAMPO VETTORIALE. 7 Esercizio 1.1 La forza peso mg agente su di un corpo di massa m è conservativa. Dimostrare che la circuitazione di mg si annulla scegliendo come caso particolare una traiettoria quadrata di lato l avente due lati paralleli al suolo e due lati perpendicolari al suolo Circuitazione di un campo di velocità lungo un vortice. Per fornire un immagine visiva di che cosa sia la circuitazione, si mostra qui che, per un liquido che scorre, una circuitazione diversa da zero indica la presenza di vortici. Un vortice è una zona del fluido in cui tutte le particelle percorrono traiettorie circolari concentriche ciascuna con una velocità in modulo costante. Quindi il campo di velocità lungo una di queste circonferenze ha direzione tangente per modulo una costante. Per il calcolo della circuitazione del campo di velocità lungo la circonferenza di raggio r lungo la quale la velocità ha modulo v, si noti che si tratta proprio nel caso semplice per il quale la circuitazione può venire calcolata per mezzo della semplice formula (1.13). Quindi la circuitazione del campo v in questo caso è uguale alla lunghezza della traiettoria per il modulo del vettore; trovo quindi: Γ(v) = 2πrv. (1.16) Questo porta a riconoscere che la condizione per la quale un liquido scorre senza formare vortici, e si dice che il suo moto è irrotazionale, se la circuitazione del suo campo di velocità lungo qualunque curva chiusa è nulla.

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

Energia potenziale elettrica

Energia potenziale elettrica Energia potenziale elettrica La dipendenza dalle coordinate spaziali della forza elettrica è analoga a quella gravitazionale Il lavoro per andare da un punto all'altro è indipendente dal percorso fatto

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO PARTE II PIERO CALDIROLA MARCELLO FONTANESI ELIO SINDONI

ELETTROMAGNETISMO PARTE II PIERO CALDIROLA MARCELLO FONTANESI ELIO SINDONI ELETTROMAGNETISMO PARTE II PIERO CALDIROLA MARCELLO FONTANESI ELIO SINDONI MASSON Milano Parigi Barcellona Bonn 1993 PREFAZIONE È questa la seconda parte del volume di «Elettromagnetismo» che gli autori

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

APPUNTI DI ELETTROTECNICA GENERALE versione 0.0

APPUNTI DI ELETTROTECNICA GENERALE versione 0.0 APPUNTI DI ELETTROTECNICA GENERALE versione 0.0 9 settembre 2006 2 Indice 1 STRUTTURA DELLA MATERIA E FENOMENI ELETTRICI 7 1.1 Cos é l elettricità?.................................... 7 1.2 Fenomeni elettrostatici.................................

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

(2) t B = 0 (3) E t In presenza di materia, le stesse equazioni possono essere scritte E = B

(2) t B = 0 (3) E t In presenza di materia, le stesse equazioni possono essere scritte E = B Equazioni di Maxwell nei mezzi e indice di rifrazione I campi elettrici e magnetici (nel vuoto) sono descritti dalle equazioni di Maxwell (in unità MKSA) E ϱ ɛ 0 () E B (2) B 0 (3) E B µ 0 j + µ 0 ɛ 0

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Il fotone. Emanuele Pugliese, Lorenzo Santi URDF Udine

Il fotone. Emanuele Pugliese, Lorenzo Santi URDF Udine Il fotone Emanuele Pugliese, Lorenzo Santi URDF Udine Interpretazione di Einstein dell effetto fotoelettrico Esistono «particelle»* di luce: i fotoni! La luce è composta da quantità indivisibili di energia

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo L ENERGIA DAGLI ELETTRONI La struttura dell atomo Ogni materia è formata da particelle elementari dette atomi. Gli atomi sono formati da una parte centrale, il nucleo (composto da due tipi di particelle,

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli