SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE"

Transcript

1 SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE Aula Magna I.I.S.S. O. Notarangelo-G. Rosati Foggia AIL Pazienti Mielodisplasie La trasfusione di sangue: Quando è necessaria e quali rischi comporta 22 Novembre 2013 Dott. Michele Centra Direttore di Struttura Complessa Servizio di Immunoematologia e

2 Fase di selezione Fase di selezione del donatore Raccolta del donatore della goccia Digitopuntura di Sangue pg nel capillare

3 Le altre etichette saranno adese alle sacche e alle provette Una delle etichette sarà adesa sul foglio rosa (Questionario)

4 Fase di Prelievo del donatore Raccolta del sangue nella sacca

5 Fase di Prelievo del donatore Raccolta del sangue nelle provette

6

7

8

9

10

11 Sangue Intero Emazie Plasma Pl Pi t i Buffy Coat Piastrine Emazie Filtrate Plasmaderivati PLT Filtrate Emazie Lavate Emazie Irradiat Secondo livello PLT Lavate PLT Irradiat Emazie Congel.

12 DEFINIZIONI EMOCOMPONENTE: qualsiasi sostanza terapeutica preparata a partire da sangue umano SANGUE INTERO : sangue raccolto in un adatto contenitore contenente una soluzione anticoagulante-conservante e non sottoposto a separazione EMOCOMPONENTI : costituenti del sangue preparati a partire da sangue intero Concentrati eritrocitari (CE) CE in soluzione additiva Plasma Concentrati piastrinici (CP) Plasma e Piastrine raccolte con procedure aferetiche PLASMADERIVATI: proteine ti plasmatiche tih preparate con metodologia tdl industriale id til Albumina Concentrati idi fattori della coagulazione Immunoglobuline

13 SANGUE INTERO DESCRIZIONE: unità di volume circa 510 ml. contenente 450 ml. di sangue del donatore, 63 ml. di anticoagulante-conservante, circa 12 gr/dl di Hb, Hct 35-45%, piastrine i non funzionanti, i non fattori labili della coagulazione ( V e VIII) CONSERVAZIONE: fra i +2 e +6 C, in refrigeratori approvati, muniti di registratori della temperatura e di allarmi. La trasfusione deve iniziare entro 30 minuti dall uscita della sacca dal refrigeratore INDICAZIONI: reintegro degli eritrociti in caso di emorragie massive con ipovolemia. Exsanguino-trasfusione. CONTROINDICAZIONI: rischio di sovraccarico circolatorio i in pazienti con anemia cronica o iniziale scompenso cardiaco SOMMINISTRAZIONE: assoluta compatibilità ABO ed Rh con il ricevente Non aggiungere medicamenti. Completare entro4h

14 CONCENTRATO ERITROCITARIO (CE) DESCRIZIONE: unità di volume circa ml. di eritrociti dalla quale è stata t rimossa la maggior parte di plasma, 20 gr/dl di Hb, Hct 55-75%. CONSERVAZIONE: fra i +2 e +6 C, in refrigeratori approvati, muniti di registratori della temperatura e di allarmi. La trasfusione deve iniziare entro 30 minuti dall uscita della sacca dal refrigeratore INDICAZIONI: reintegro del patrimonio eritrocitario in pazienti anemici, con soluzioni cristalloidi e colloidi per reintegro volemia nelle emorragie acute SOMMINISTRAZIONE: assoluta compatibilità ABO ed Rh con il ricevente Non aggiungere medicamenti. Per facilitare il flusso si può aggiungere con set Y sol. fisiologica

15 (CE) IN SOLUZIONE ADDITIVA DESCRIZIONE: ml. di CE, con minore quantità di plasma ml di Sag-Mannitolo, 15 gr/dl di Hb, Hct 50-70%. CONSERVAZIONE: fra i +2 e +6 C, in refrigeratori approvati, muniti di registratori della temperatura e di allarmi. La trasfusione deve iniziare entro 30 minuti dalla uscita della sacca dal refrigeratore INDICAZIONI: reintegro del patrimonio eritrocitario in pazienti anemici, con soluzioni cristalloidi e colloidi per reintegro volemia nelle emorragie acute SOMMINISTRAZIONE: assoluta compatibilità ABO ed Rh con il ricevente. Non aggiungere medicamenti.

16 (CE) LEUCODEPLETI DESCRIZIONE: ml. di CE o CE in soluzione additiva contenente 6 <5x10 6 di leucociti preparata per filtrazione CONSERVAZIONE: fra i +2 e +6 C, in refrigeratori approvati, muniti di registratori della temperatura e di allarmi. La trasfusione deve iniziare entro 30 minuti dalla uscita della sacca dal refrigeratore INDICAZIONI: minimizza l incidenza di immunizzazione verso antigeni leucocitari. Riduce il rischio di trasmissione del CMV. Da utilizzare il pazienti che hanno presentato reazioni trasfusionali febbrili non emolitiche. Se irradiati con Gys evitano la comparsa della GVHD. SOMMINISTRAZIONE: assoluta compatibilità ABO ed Rh con il SOMMINISTRAZIONE: assoluta compatibilità ABO ed Rh con il ricevente. Non aggiungere medicamenti.

17

18 CONCENTRATO PIASTRINICO (CP) DESCRIZIONE: unità di ml di plasma contenente almeno 55x10 9 PLT, <1,2x10 9 di eritrociti e <0,12x10 9 di leucociti. Si ottengono da singola unità donata o dall unione di 4-6 (pool) unità singole per ottenere una dose di 240x10 9 di PLT(> rischio infettivo). CONSERVAZIONE: da 3 a massimo 5 giorni i in continua agitazione i con una Temperatura di 22 C. INDICAZIONI: trattamento tt t delle emorragie in corso di trombocitopenia i o di trombocitopatia. Prevenzione delle emorragie in pazienti trombocitopenici per aplasia midollare. Irradiate per GVHD. CONTROINDICAZIONI: nella PTAI, PTT, CID, nelle trombocitopenie associate a setticemie o a ipersplenismo. SOMMINISTRAZIONE: nel più breve tempo possibile non oltre le 4 ore DOSAGGIO: 1 unità di CP/10 Kg PC; in un paziente di Kg l infusione di DOSAGGIO: 1 unità di CP/10 Kg PC; in un paziente di Kg l infusione di 4-6 unità di CP (240x10 9 ) incrementano la conta di 20-40x10 9 /L.

19 Dott. Michele Centra Diret del Servizio di Immunoema

20 PLASMA FRESCO CONGELATO DESCRIZIONE: unità di volume circa ml. Congelamento completo in 1 ora a -30, separazione dal sangue intero entro 6 ore dal prelievo. Emazie <6x10 9 /l; Leucociti i <0,1x /l; Plt <50x10 9 /l. Fattori labili e stabili della coagulazione. Quantità totale di proteine >50 g./l. CONSERVAZIONE: se mantenuto a T < a -30 C fino a 24 mesi; se conservato fra i -18 e -25 C per 3 mesi. INDICAZIONI: ripristino dei fattori della coagulazione deficitari nelle epato- patie; sovradosaggio anticoagulanti, diluizione i i dei fattori della coagulazione in pz trasfusi massivamente, CID, PTT. CONTROINDICAZIONI: rischio infettivo, se non inattivato, t sovraccarico circolatorio in pazienti con scompenso cardiaco SOMMINISTRAZIONE: non richiesta compatibilità ABO ed Rh. 15 ml./kg P.C. entro 6 ore dallo scongelamento.

21

22 Anche se negli ultimi anni la Terapia Trasfusionale, ha subito un processo di notevole razionalizzazione, ma per un cospicuo numero di pazienti resta ancora indispensabile, fondamentale, imprescindibile. Aree Urgenza/Emergenza Trapianti d organo Cardiochirurgia, interventi di alta chirurgia Ematologia Oncologia

23 SANGUE EMOCOMPONENTI EMODERIVATI FARMACI SALVAVITA Veicolo di trasmissione di agenti infettanti: presenti nella popolazione da cui provengono i donatori persistono per un lungo tempo nel torrente circolatorio con assenza a di sintomi nel donatore responsabili di patologia non trascurabile nel paziente sopravvivenza nei prodotti trasfusionali durante la loro conservazione

24 Agenti infettivi sicuramente responsabili di patologia nell uomo, e sicuramente trasmissibili con il sangue e suoi derivati: HIV 1/2 HBV HCV HTLV I e II CMV Parvovirus B 19 HAV Treponema Pallidum (West Nile Virus, HGV, Virus erpetici)

25 Validazione HBsAg HIVAb 1/2 HCV Ab Tests immunoenzimatici a cattura di microparticelle per la rivelazione i qualitativa, ti rispettivamente t dell antigene di superficie del virus dell epatite B, degli anticorpi contro i virus dll i dell immunodeficienza dfii umana di tipo 1 (gruppi M e O) e/o di tipo 2 (HIV-1/HIV-2), degli anticorpi contro il virus dell epatite C (anti-hcv), in campioni i di siero o plasma umano.

26 Validazione Lue Sier La diagnosi sierologica della Sifilide si effettua se ci sono nel siero anticorpi, a titolo significativo, specifici per il Treponema pallidum. Il test di elezione per uno screening può essere considerato il TPHA, in quanto in grado di rivelare la presenza di Ig anche a basso titolo. Purtroppo il risultato del test si presta ad una interpretazione soggettiva e non può essere completamente lt t automatizzato. ti t Inoltre il TPHA è insensibile nella fase primaria.

27 Riduzione del rischio di trasmissione con la trasfusione di HIV, HCV e HBV HBV HCV HIV trasfusa 1:100 e per unità 1:1000 1:10000 di infezion 1: : Rischio 1: Selezione dei donatori Screening Ab Anti HIV Test Epatite Non A- Non B Anni Screening Ab Anti HCV Test dell Ag P24 NAT HIV/HCV

28 Validazione NAT Si tratta di un test qualitativo di amplificazione degli acidi nucleici in vitro per il rilevamento di RNA del virus dell immunodeficienza umana di tipo 1 (HIV-1) RNA del virus dell epatite C (HCV) ( obbligo di legge in Italia da Giugno del 2002) DNA del virus dell epatite B (HBV) RNA del virus del West Nile (WNV)

29 Riduzione del rischio di infezione e del periodo finestra dopo l introduzione dei test NAT Periodo finestra Periodo finestra NAT Riduzione % Rischio residuo con test NAT/E6 HIV 22 gg 11 gg -50% 122 1,22 HCV 70 gg 12 gg -82% 0,79 HBV 56 gg 25 gg -44% 9,36

30 RISCHIO TRASFUSIONALE RESIDUO Donazione durante il periodo finestra Donatore che si trova in uno stato di portatore cronico immunosilente Presenza in circolo di ceppi virali mutanti Eventuali errori di laboratorio Bassi livelli di proteine virali, nelle fasi iniziali i i lidii infezioni i i

31 Indicazioni principali emocomponenti Controindicazioni Globuli Rossi Plasma F.C. PLT Emoc.Leucodepl Valore soglia di Hb paz. chirurgico 80 g/l Paz. con < ossigenazione Hb g/l Soglia più bassa nell anemia cronica Nel neonato soglia Hb 12 g/dl Deficit congeniti o acquisiti di singoli fattori della coagulazione in presenza di emorragia Fase acuta della CID Come antagonista degli anticoagulanti orali in presenza di manifestazioni emorragiche Nel trattamento della P.T.T. Trattamento e profilassi delle emorragie dovute a carenze quantitativa e qualitativa delle PLT Paz. medici in condizioni stabili e senza complicazioni valori soglia ul In corso di chemioterapia con conta di ul Paz. chirurgici: conta ul PLT particolari i condizioni i i Prevenzione reazioni febbrili da Ab antileucocitari < Immunizzazione primaria contro Ag leucocitari e prevenzione della trasmissione di CMV Per espandere il volume ematico In sostituzione di ematinici A scopo ricostituente Per espandere il volume plasmatico Come apporto nutritivo Nei deficit congeniti o acquisiti dei fattori della coagulazione senza emorragia A scopo profilattico nella circolazione extracorporea o trasfusione massiva Nelle epatopatie a scopo emostatico Nelle piastrinopenie da > distruzione Nella circolazione extracorporea Come profilassi se la conta > ul e il paziente è in condizioni stabili senza complicazioni Emoc.Irradiati Prevenzione della Graft versus host disease Emoc. Lavati Prevenzione delle reazioni allergiche

32 RISCHIO I ZERO? Attenta Donatori valutazione periodici nella e non fase occasionali di Attivita Implementazione Metodiche e Selezione del del dei sistemi Promozionali Donatore e tecnologie di Qualità sensibilizzazione sempre più Adeguata s avanzate e Certificazioni compilazione i i delle per la validazione richieste dai biologica Buon uso del Reparti Sangue e degli Emocomponenti

33

34 Il mio padrone ringrazia per l attenzione

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca Università degli studi G. D Annunzio Cattedra di Ematologia Direttore Prof. Giovanni Davì Medicina trasfusionale Corso di Laurea in Infermieristica AA 2008-20092009 Dr.ssa Francesca Santilli Fonti di sangue

Dettagli

5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica

5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica 5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica EMOCOMPONENTI: PRODUZIONE E LAVORAZIONI Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale A.O.U. San Luigi Gonzaga-Orbassano EMOCOMPONENTI Emazie concentrate

Dettagli

Il supporto trasfusionale rappresenta un presidio fondamentale nella terapia sia medica sia chirurgica di numerose patologie.

Il supporto trasfusionale rappresenta un presidio fondamentale nella terapia sia medica sia chirurgica di numerose patologie. 1 Il supporto trasfusionale rappresenta un presidio fondamentale nella terapia sia medica sia chirurgica di numerose patologie. la trasfusione di sangue è stata identificata come una delle 8 funzioni chiave

Dettagli

INDICE...1 1 DESCRIZIONE ATTIVITA'...2 2 RESPONSABILITA'...8 3 BIBLIOGRAFIA...9 4 INDICATORI...9

INDICE...1 1 DESCRIZIONE ATTIVITA'...2 2 RESPONSABILITA'...8 3 BIBLIOGRAFIA...9 4 INDICATORI...9 Prima Stesura Data: 15-02-2014 Redattori: Dott. M. Trenta SIMT POS 030 GESTIONE PAZIENTE ANEMICO PRESSO IL DH TRASFUSIONALE INDICE INDICE...1 1 DESCRIZIONE ATTIVITA'...2 2 RESPONSABILITA'...8 3 BIBLIOGRAFIA...9

Dettagli

RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI

RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI A LLEGATO V RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI PARTE A A.1 Modalità per la raccolta del sangue intero e degli emocomponenti raccolti mediante aferesi

Dettagli

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII Giancarlo Maria Liumbruno Direttore Centro Nazionale Sangue Istituto

Dettagli

La donazione di sangue

La donazione di sangue La donazione di sangue Storia della trasfusione 1616: Scoperta della circolazione del sangue da parte del medico inglese William Harvey. 1665: prima trasfusione di sangue da cane a cane documentata, effettuata

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord S.C IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE ASLTO2 1. ORARI del SERVIZIO TRASFUSIONALE...1 2. RICHIESTA di TERAPIA TRASFUSIONALE...2 3. CAMPIONI di SANGUE...3 4. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE e DEI CAMPIONI

Dettagli

Esami di qualificazione biologica su ogni donazione

Esami di qualificazione biologica su ogni donazione Esami di qualificazione biologica su ogni donazione HCV Ab, HCV-RNA (da giugno 2002) HIV 1-2 Ab, HIV1-RNA (da giugno 2008) HBsAg, HBV-DNA (da giugno 2008) Sierodiagnosi per la lue Decreto Ministro della

Dettagli

Gestione del rischio clinico AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE CATANZARO PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITA AB0

Gestione del rischio clinico AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE CATANZARO PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITA AB0 Gestione del rischio clinico AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE CATANZARO PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITA AB0 2 INDICE Premessa pag. 3 Azioni pag.3 Obiettivo pag.

Dettagli

Tecniche di preparazione e conservazione degli emocomponenti Franco Verlicchi Centro Trasfusionale Faenza/Lugo AUSL Ravenna

Tecniche di preparazione e conservazione degli emocomponenti Franco Verlicchi Centro Trasfusionale Faenza/Lugo AUSL Ravenna Tecniche di preparazione e conservazione degli emocomponenti Franco Verlicchi Centro Trasfusionale Faenza/Lugo AUSL Ravenna La Legge 21/10/2005, n 219 - Nuova disciplina delle attività trasfusionali e

Dettagli

Terapia Trasfusionale

Terapia Trasfusionale Percorso Didattico S.I.M.U.T.I.V Ordine dei medici veterinari della provincia di Ravenna Ravenna, 15 settembre 2014 Pronto Soccorso Terapia Trasfusionale Dott. Paolo Gaglio Ospedale Veterinario Gregorio

Dettagli

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO Viale Mazzini 117 28887 OMEGNA (VB) Struttura: Firma per redazione Ermanna Cotti Piccinelli Emesso il: 14-11-2014 Pagina 1 di 5 Firma per approvazione Paolo Cerutti Firma Direttore

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DI SANGUE

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DI SANGUE Ospedale IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo Opera di San Pio da Pietrelcina PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DI SANGUE a cura di: Servizio Trasfusionale e di Immunoematologia Tel.:

Dettagli

Donare il sangue è un gesto di solidarietà... Significa dire con i fatti che la vita di chi sta soffrendo mi preoccupa.

Donare il sangue è un gesto di solidarietà... Significa dire con i fatti che la vita di chi sta soffrendo mi preoccupa. Donare Perché donare Donare il sangue è un gesto di solidarietà... Significa dire con i fatti che la vita di chi sta soffrendo mi preoccupa. Il sangue non è riproducibile in laboratorio ma è indispensabile

Dettagli

A.O. S. Giovanni- Addolorata. UOC Medicina Immuno- Trasfusionale. CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI

A.O. S. Giovanni- Addolorata. UOC Medicina Immuno- Trasfusionale. CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI A.O. S. Giovanni- Addolorata UOC Medicina Immuno- Trasfusionale CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI 1. GENERALITA La presente Carta dei Servizi descrive le attività trasfusionali che costituiscono

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE LA DONAZIONE DI SANGUE Testi ed illustrazioni dal sito www.avis.it 1 Perché Donare? Perché il sangue non è riproducibile in laboratorio, ma è indispensabile alla vita. Perché tutti domani potremmo avere

Dettagli

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI A cura della Unità Operativa di Medicina Trasfusionale

Dettagli

Da che cosa è composto il sangue?

Da che cosa è composto il sangue? DONAZIONE DEL SANGUE La donazione di sangue non è solo un gesto di altruismo, ma soprattutto una necessità per l intera collettività. A tutt oggi non esiste sangue artificiale, cioè un sostituto con le

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI

INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI Informazioni sulla donazione rev. 1 del 30 settembre 2013 Pagina 1/7 Gentile donatrice, Caro donatore, vorremmo innanzitutto darle il benvenuto nel

Dettagli

L ITER DELLA SACCA DI SANGUE Dalla Raccolta alla Trasfusione. Corso Formativo AVIS Perugia 10 settembre 2011

L ITER DELLA SACCA DI SANGUE Dalla Raccolta alla Trasfusione. Corso Formativo AVIS Perugia 10 settembre 2011 L ITER DELLA SACCA DI SANGUE Dalla Raccolta alla Trasfusione Corso Formativo AVIS Perugia 10 settembre 2011 PREMESSE C è sempre bisogno di sangue per: vittime di incidenti pazienti chirurgici pazienti

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE Claudia Ferocino TSLB; Dott.ssa Francesca Tanzi Responsabile Accreditamento Servizio Immunoematologia e Dott.ssa

Dettagli

Il Processo Trasfusionale

Il Processo Trasfusionale Il Processo Trasfusionale Approvvigionamento Apparecchiature Risorse umane Sicurezza D O NA T O RE Esami di validazione e controlli Selezione del donatore Raccolta emocomponenti Preparazione emocomponenti

Dettagli

INFORMAZIONI PER I DONATORI DI SANGUE

INFORMAZIONI PER I DONATORI DI SANGUE INFORMAZIONI PER I DONATORI DI SANGUE Gentile donatrice, Caro donatore, vorremmo innanzitutto darle il benvenuto nel nostro Servizio Trasfusionale e a nome dei pazienti ringraziarla per il Suo atto di

Dettagli

Associazione ROCCHICIANI O.N.L.U.S.

Associazione ROCCHICIANI O.N.L.U.S. Associazione ROCCHICIANI O.N.L.U.S. IL GIORNO 30 AGOSTO 2009 DALLE ORE 08.00 ALLE ORE 13.00 IN ROCCA DI CAVE GIORNATA DI SENSIBILIZZAZIONE ALLA DONAZIONE DI SANGUE SARA PRESENTE PERSONALE MEDICO DEL CENTRO

Dettagli

Antonio Lodato Direttore SIMT A.O. G.Salvini di Garbagnate

Antonio Lodato Direttore SIMT A.O. G.Salvini di Garbagnate La Macroarea Trasfusionale Milano Nord- Ovest: nascita e sviluppo di un nuovo modello organizzativo territoriale lombardo per la lavorazione e validazione del sangue e degli emocomponenti Antonio Lodato

Dettagli

SIMT-IO 003 MODALITA OPERATIVA DI CQ

SIMT-IO 003 MODALITA OPERATIVA DI CQ 1 Prima Stesura Data: 15-02/2013 Redattori: Gasbarri, De Agelis, Rizzo SIMT-IO 003 MODALITA OPERATIVA DI CQ Indice 1 DESCRIZIONE ATTIVITÀ... 2 2 RESPONSABILITA... 10 3 BIBLIOGRAFIA... 10 4 INDICATORI...

Dettagli

Catalogo Prestazioni Diagnostica ST Anno 2011

Catalogo Prestazioni Diagnostica ST Anno 2011 Pagina 1 di 9 Catalogo Prestazioni Diagnostica ST Anno 2011 File CPD - ST Data applicazione 23/05/2011 Copia controllata Redazione RQAT Roberta Aonzo Verifica RQAM Angela Perata Approvazione Direttore

Dettagli

CHI DONA SANGUE HA CUORE.

CHI DONA SANGUE HA CUORE. Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax IL E I SUOI COMPONENTI. LE DIVERSE FORME DI DONAZIONE. Il sangue è un tessuto fluido che circola nei vasi sanguigni, rappresenta l 8% del peso corporeo ed è

Dettagli

LINEE GUIDA INTERNE: RACCOMANDAZIONI SULL USO CLINICO DI EMAZIE CONCENTRATE

LINEE GUIDA INTERNE: RACCOMANDAZIONI SULL USO CLINICO DI EMAZIE CONCENTRATE LINEE GUIDA INTERNE: RACCOMANDAZIONI SULL USO CLINICO DI EMAZIE CONCENTRATE SOMMARIO SCOPO CAMPO DI APPLICAZIONE INDICAZIONI GENERALI ANEMIA DA EMORRAGIA ACUTA AMBITO PERI-OPERATORIO ANEMIA CRONICA ANEMIA

Dettagli

D.M. 25 gennaio 2001. Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti IL MINISTRO DELLA SANITÀ

D.M. 25 gennaio 2001. Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti IL MINISTRO DELLA SANITÀ D.M. 25 gennaio 2001 Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti (Pubblicato nella Gazz. Uff. 3 aprile 2001, n. 78) IL MINISTRO DELLA SANITÀ Vista la legge 23 dicembre 1978,

Dettagli

C è bisogno di te: DONA IL SANGUE

C è bisogno di te: DONA IL SANGUE C è bisogno di te: DONA IL SANGUE IL NOSTRO SANGUE Il sangue, anche se liquido, è un tessuto; Esso circola all interno di arterie, vene e capillari; Rappresenta il 7% del nostro peso corporeo; È costituito

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE

INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE e r o m a d a i c c o g Una INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE Donare il sangue è un gesto di grande solidarietà e responsabilità. I requisiti di idoneità per la donazione hanno la finalità di evitare

Dettagli

MANUALE DEL BUON USO DEL SANGUE SOMMARIO. 4. Indicazioni alla trasfusione di emocomponenti ed emoderivati

MANUALE DEL BUON USO DEL SANGUE SOMMARIO. 4. Indicazioni alla trasfusione di emocomponenti ed emoderivati MANUALE DEL BUON USO DEL SANGUE A cura della U.O. di Medicina Trasfusionale e del Comitato Ospedaliero per il Buon Uso del Sangue. SOMMARIO 1. Generalità. Riferimenti normativi e legislativi 3. Modalità

Dettagli

TERAPIA TRASFUSIONALE

TERAPIA TRASFUSIONALE TERAPIA TRASFUSIONALE Somministrazione di Emocomponenti o Emoderivati ottenuti dal sangue umano Definizioni prodotti del sangue gli emocomponenti e gli emoderivati emocomponenti i prodotti ricavati dal

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-11-2004 (punto N. 37 ) Delibera N.1183 del 22-11-2004 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-11-2004 (punto N. 37 ) Delibera N.1183 del 22-11-2004 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22-11-2004 (punto N. 37 ) Delibera N.1183 del 22-11-2004 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE.

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. SI PUÒ SOLO DONARE! DIVENTA UN DONATORE ED OGNI TUA STILLA DIVENTERÀ UN PALPITO PER IL CUORE DI UN ALTRO! Misericordia di Pietrasanta Gruppo Fratres Per info

Dettagli

Avis Regionale Lombardia

Avis Regionale Lombardia Avis Regionale Lombardia Il contributo essenziale del donatore di sangue e di emocomponenti al perseguimento degli obbiettivi strategici della medicina trsfusionale: Qualità, Sicurezza e Autosufficienza

Dettagli

Immunoematologia e MedicinaTrasfusionale: qualificazione dei processi diagnostici

Immunoematologia e MedicinaTrasfusionale: qualificazione dei processi diagnostici Immunoematologia e MedicinaTrasfusionale: qualificazione dei processi diagnostici Gabriella Girelli Ordinario di Immunoematologia Sapienza Università di Roma 4 UK NEQAS USERS MEETING Servizi di Quality

Dettagli

Decreto Ministeriale 25 Gennaio 2001 Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SANITA'

Decreto Ministeriale 25 Gennaio 2001 Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SANITA' Decreto Ministeriale 25 Gennaio 2001 Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SANITA' Vista la legge 23 dicembre 1978, n. 833, istitutiva del Servizio

Dettagli

Dott. Vincenzo Pezzullo

Dott. Vincenzo Pezzullo Dott. Vincenzo Pezzullo Epatiti croniche ad eziologia virale Pozzuoli 1 ottobre 2011 HBV marcatori Antigeni Anticorpi HBsAg HBsAb o anti-hbs HBcAg HBcAb o anti-hbc IgM e IgG HBeAg HBeAb o anti-hbe HBV

Dettagli

Il Rischio Trasfusionale in neonatologia ed in pediatria Luciano Pinto *

Il Rischio Trasfusionale in neonatologia ed in pediatria Luciano Pinto * Il Rischio Trasfusionale in neonatologia ed in pediatria Luciano Pinto * La trasfusione di sangue, di emocomponenti e di emoderivati è una pratica terapeutica non esente da rischi. L Art. 11. del DM 3

Dettagli

Rev. N 4 del 06/11/2014 pag 1 di 5

Rev. N 4 del 06/11/2014 pag 1 di 5 La struttura complessa SIMT (Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale) effettua indagini di laboratorio e prestazioni di medicina trasfusionale, in regime di routine e urgenza, in conformità

Dettagli

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A LLEGATO VII PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A. Prelievi ematici per indagini immunoematologiche e pre-trasfusionali 1 I campioni di sangue destinati alla tipizzazione eritrocitaria,

Dettagli

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %.

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %. Scheda Tecnica 0123 Technical File No.: 46 Prodotto: Categoria di prodotto secondo la classificazione CE: Anti-Xga coombsreactive Policlonale, umano IgG Allegato III Autocertificazione del produttore Struttura

Dettagli

La donazione di sangue: guida per il donatore

La donazione di sangue: guida per il donatore La donazione di sangue: guida per il donatore CHE COS È IL SANGUE... pag. 3 globuli rossi globuli bianchi piastrine plasma DETERMINAZIONE DEL GRUPPO SANGUIGNO... pag. 6 DONAZIONE E TRASFUSIONE... pag.

Dettagli

Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti.

Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti. DECRETO 25 gennaio 2001 Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SANITA' Vista la legge 23 dicembre 1978, n. 833, istitutiva del Servizio sanitario nazionale,

Dettagli

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI 1 Prima Stesura Redattori : Cosenza Data: 20-01-2014 SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4 DESCRIZIONE ATTIVITÀ...

Dettagli

Decreto Ministero Sanità 25 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001)

Decreto Ministero Sanità 25 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001) Decreto Ministero Sanità 25 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001) IL MINISTRO DELLA SANITA' Vista la legge 23 dicembre 1978, n. 833, istitutiva del Servizio sanitario nazionale, con particolare riguardo

Dettagli

Decreto Ministero Sanità 25 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001)

Decreto Ministero Sanità 25 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001) Decreto Ministero Sanità 25 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001) IL MINISTRO DELLA SANITA' Vista la legge 23 dicembre 1978, n. 833, istitutiva del Servizio sanitario nazionale, con particolare riguardo

Dettagli

Traduzione in italiano del foglio illustrativo tedesco di BERINERT P (rev. 29.06.2004) ZLB Behring GmbH (Germania)

Traduzione in italiano del foglio illustrativo tedesco di BERINERT P (rev. 29.06.2004) ZLB Behring GmbH (Germania) Traduzione in italiano del foglio illustrativo tedesco di BERINERT P (rev. 29.06.2004) ZLB Behring GmbH (Germania) Gentile paziente, questo foglio illustrativo contiene informazioni importanti per lei

Dettagli

Centro Regionale Trapianti - Regione Lazio. La rete nazionale per la sicurezza della donazione di organi

Centro Regionale Trapianti - Regione Lazio. La rete nazionale per la sicurezza della donazione di organi La rete nazionale per la sicurezza della donazione di organi SICUREZZA DEL PAZIENTE (Patient safety) Dimensione della qualità dell'assistenza, che garantisce la progettazione e l'implementazione di sistemi

Dettagli

Verifica. Tutto il materiale informativo per gli studenti. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione

Verifica. Tutto il materiale informativo per gli studenti. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione Livello 1 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/5 Riferimento Tutto il materiale informativo per gli studenti Compito Gli studenti svolgono la verifica. Materiale Soluzione Forma sociale Lavoro

Dettagli

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI COINVOLGONO ENDOTELIO PIASTRINE FATTORI DELLACOAGULAZIONE Piccin Nuova

Dettagli

La donazione di sangue

La donazione di sangue La donazione di sangue Presentazione La presente guida per il donatore ha la finalità di promuovere la donazione allogenica ed autologa sensibilizzando i cittadini in merito alle seguenti peculiarità:

Dettagli

PROGETTO PER SCOPI DI CONSULTAZIONE SOLTANTO

PROGETTO PER SCOPI DI CONSULTAZIONE SOLTANTO REQUISITI TECNICI PROPOSTI PER IL SANGUE E I COMPONENTI DEL SANGUE Fascicolo 1 PROGETTO PER SCOPI DI CONSULTAZIONE SOLTANTO ALLEGATO I REQUISITI RELATIVI ALL'INFORMAZIONE A. INFORMAZIONI DA FORNIRE AI

Dettagli

MANUALE DI TERAPIA TRASFUSIONALE

MANUALE DI TERAPIA TRASFUSIONALE MANUALE DI TERAPIA TRASFUSIONALE A cura del SIMT Ospedale L. Sacco Dott.ssa L. Arrigoni Dott.ssa L. Gallo Dott.ssa S. Birindelli Dott.ssa C. Masseroni Dott. M. Ieri Dott. E. Rossi Anno 2003 Revisione Anno

Dettagli

REGIONE LAZIO. Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita. Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT)

REGIONE LAZIO. Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita. Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) La sede della Sezione di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale

Dettagli

Batteri: infezioni endogene e di percorso

Batteri: infezioni endogene e di percorso Batteri: infezioni endogene e di percorso 17 Dicembre 2010 Maddalena Loredana Zighetti Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi Infezioni trasfusione-relate

Dettagli

Manuale per il Buon Uso del Sangue ed Emoderivati

Manuale per il Buon Uso del Sangue ed Emoderivati Pagina 1 di 73 Manuale per il Buon Uso del Sangue ed Emoderivati COBUS A.S.P. PALERMO A cura del Direttore del SIMT P.O. Cefalù Barone 1 Pagina 2 di 73 1. Premessa Il sangue per uso trasfusionale è di

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

D.M. 3-3-2005 Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti. Pubblicato nella Gazz. Uff. 13 aprile 2005, n. 85.

D.M. 3-3-2005 Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti. Pubblicato nella Gazz. Uff. 13 aprile 2005, n. 85. D.M. 3-3-2005 Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti. Pubblicato nella Gazz. Uff. 13 aprile 2005, n. 85. D.M. 3 marzo 2005(1). Caratteristiche e modalità per la donazione

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 24 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 24 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 24 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1806 del 24 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano sul

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 051 Gestione del Campione di Sangue

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 051 Gestione del Campione di Sangue 1 1 2 1 SCOPO. Descrivere le caratteristiche e le modalità di invio dei campioni inviati da soli, in associazione alle richieste trasfusionali o allo scopo di eseguire esami immunoematologici anche sulla

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

Dipartimento di Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale. Servizio Trasfusionale Provinciale Ravenna. Informazioni per il donatore di sangue

Dipartimento di Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale. Servizio Trasfusionale Provinciale Ravenna. Informazioni per il donatore di sangue Dipartimento di Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale Servizio Trasfusionale Provinciale Ravenna Informazioni per il donatore di sangue Quali sono i motivi per i quali vengono effettuati: la compilazione

Dettagli

------------------------

------------------------ MINISTERO DELLA Pubblicato nella Gazz. Uff. 13 aprile 2005, n. 85. D.M. 3 marzo 2005(1). Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti. ------------------------ IL MINISTRO

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 3 marzo 2005 (GU n. 85 del 13-4-2005) Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 23 dicembre 1978,

Dettagli

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI 1 Prima Stesura Revisione 1 Redattori : Cosenza 20-01-2014 09-11-2015 SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2

Dettagli

COSTITUZIONE DELL ARCHIVIO BIOLOGICO NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLA RETE TRAPIANTOLOGICA ED ALLEGATO TECNICO.

COSTITUZIONE DELL ARCHIVIO BIOLOGICO NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLA RETE TRAPIANTOLOGICA ED ALLEGATO TECNICO. COSTITUZIONE DELL ARCHIVIO BIOLOGICO NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLA RETE TRAPIANTOLOGICA ED ALLEGATO TECNICO. (Consulta Nazionale per i Trapianti - 31 agosto 2004) 1. E costituito l Archivio Biologico

Dettagli

Verifica. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione.

Verifica. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione. Livello 2 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/6 Riferimento Tutto il quaderno di lavoro Compito Gli studenti svolgono la verifica. Materiale Soluzione Forma sociale Lavoro individuale Tempo

Dettagli

LA TRASFUSIONE DI SANGUE Emotrasfusione

LA TRASFUSIONE DI SANGUE Emotrasfusione LA TRASFUSIONE DI SANGUE Emotrasfusione Che cos'è L'emotrasfusione èla trasfusione di sangue da un donatore ad un soggetto ricevente. L'emotrasfusione può essere eterologa, quando donatore e ricevente

Dettagli

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara Valutazione iniziale del paziente con emorragia digestiva

Dettagli

TRASFUSIONE DI SANGUE E SUOI DERIVATI

TRASFUSIONE DI SANGUE E SUOI DERIVATI TRASFUSIONE DI SANGUE E SUOI DERIVATI 1 LA TRASFUSIONE La trasfusione è una somministrazione rapida per via endovenosa di sangue o di suoi derivati (plasma, emazie concentrate, piastrine), ad un soggetto

Dettagli

QUESTA LOCANDINA CON LA QUALE SI INVITANO I CITTADINI A DONARE SANGUE ANCHE D' ESTATE!

QUESTA LOCANDINA CON LA QUALE SI INVITANO I CITTADINI A DONARE SANGUE ANCHE D' ESTATE! RICEVIAMO DALLA FIDAS E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO QUESTA LOCANDINA CON LA QUALE SI INVITANO I CITTADINI A DONARE SANGUE ANCHE D' ESTATE! L estate è il periodo dell anno durante il quale aumenta notevolmente

Dettagli

Domande & Risposte. Significa mettere a disposizione della collettività, degli altri, uno strumento di insostituibile solidarietà umana.

Domande & Risposte. Significa mettere a disposizione della collettività, degli altri, uno strumento di insostituibile solidarietà umana. Domande & Risposte 1) - PER QUALE MOTIVO DOVREI DONARE IL MIO SANGUE? Donare il proprio sangue significa poter salvare vite umane. Significa mettere a disposizione della collettività, degli altri, uno

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA DONAZIONE

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA DONAZIONE AZIENDA USL 5 - ZONA VALDERA U.O. IMMUNOEMATOLOGIA E SERVIZIO TRASFUSIONALE Direttore Dr. Paolo Petrucciani Per informazioni o appuntamenti telefonare ai numeri : 0587273275 0587273439 OPUSCOLO INFORMATIVO

Dettagli

DELLA PROVINCIA DI PADOVA

DELLA PROVINCIA DI PADOVA DELLA PROVINCIA DI PADOVA 1 2 PRESENTAZIONE Milioni di vite vengono salvate ogni anno grazie alla terapia trasfusionale. Tuttavia, in molti Paesi in via di sviluppo, le persone ancora muoiono per mancanza

Dettagli

La donazione di sangue: guida per il donatore

La donazione di sangue: guida per il donatore La donazione di sangue: guida per il donatore INDICE CHE COS È IL SANGUE pag. 3 globuli rossi globuli bianchi piastrine plasma DETERMINAZIONE DEL GRUPPO SANGUIGNO pag. 7 DONAZIONE E TRASFUSIONE pag. 8

Dettagli

STATO DI AGGIORNAMENTO. Rev. Pag. Tipo di modifica data visto

STATO DI AGGIORNAMENTO. Rev. Pag. Tipo di modifica data visto DI. Unità emittente SGQ Unità destinataria DIR TAL IMM UdR CQB SGQ BSCS SGA LAB CRIO CAR X X X X X X X X X X X REDATTO Dott. P.A. Accardo 25/10/2013 REVISIONATO Dott.ssa M. Ferraro APPROVATO Dott. F. Buscemi

Dettagli

IL SISTEMA TRASFUSIONALE AZIENDALE

IL SISTEMA TRASFUSIONALE AZIENDALE IL SISTEMA TRASFUSIONALE AZIENDALE Pag. 1 a 31 Il sistema trasfusionale aziendale è costituito dalla rete dei Servizi di Immunoematologia (SIMT) dell Azienda Sanitaria Provinciale n. 8 di Siracusa, presenti

Dettagli

Co 10.7/2009 CENTRO REGIONALE DI RIFERIMENTO PER I TRAPIANTI - REGIONE PIEMONTE VALUTAZIONE DI IDONEITA' DEL DONATORE DI CORNEE

Co 10.7/2009 CENTRO REGIONALE DI RIFERIMENTO PER I TRAPIANTI - REGIONE PIEMONTE VALUTAZIONE DI IDONEITA' DEL DONATORE DI CORNEE Co 10.7/2009 VALUTAZIONE DI IDONEITA' DEL DONATORE DI CORNEE ETA' da 5 a 75 anni. Contattare il responsabile banca cornee (tel. 3351328099) per soggetti > 75 anni TEMPO MORTE-PRELIEVO 24 ore. Mantenere

Dettagli

DELLA PROVINCIA DI PADOVA

DELLA PROVINCIA DI PADOVA DELLA PROVINCIA DI PADOVA 1 PRESENTAZIONE Milioni di vite vengono salvate ogni anno grazie alla terapia trasfusionale. Tuttavia, in molti Paesi in via di sviluppo, le persone ancora muoiono per mancanza

Dettagli

SOMMARIO 3.2. SICUREZZA DELLA DONAZIONE 4. CONCLUSIONI. pag. 2 pag. 2. pag. 8 pag. 9. pag. 11. pag.15 pag.16

SOMMARIO 3.2. SICUREZZA DELLA DONAZIONE 4. CONCLUSIONI. pag. 2 pag. 2. pag. 8 pag. 9. pag. 11. pag.15 pag.16 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE 2.1. LA DONAZIONE DEL SANGUE Che cos è il sangue: la composizione e la sua funzione Perché donare sangue A chi servirà la nostra donazione Chi può donare Frequenza delle donazioni

Dettagli

Elenco dei Documenti di origine esterna

Elenco dei Documenti di origine esterna 15511 Leggi e Normative Legislazione trasfusionale italiana allo stato: Decreto Ministeriale 28 novembre 1986: inserimento nell elenco delle malattie infettive e diffusive sottoposte a notifica obbligatoria,

Dettagli

www.iss dell Istituto Superiore di Sanità ESTRATTO Sorveglianza epidemiologica dei donatori di sangue e di emocomponenti, anno 2007

www.iss dell Istituto Superiore di Sanità ESTRATTO Sorveglianza epidemiologica dei donatori di sangue e di emocomponenti, anno 2007 www.iss w.iss s.it ESTRATTO Volume 22 - Numero 10 Ottobre 2009 ISSN 0394-9303 dell Istituto Superiore di Sanità dell Istituto Superiore di Sanità Sorveglianza epidemiologica dei donatori di sangue e di

Dettagli

INDICAZIONI ALLA TRASFUSIONE

INDICAZIONI ALLA TRASFUSIONE INDICAZIONI ALLA TRASFUSIONE Pierluigi Piccoli Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata EMOCOMPONENTI PER USO TRASFUSIONALE CONCENTRATI ERITROCITARI CONCENTRATI PIASTRINICI PLASMA FRESCO CONGELATO Il

Dettagli

Manuale per il Buon Uso del Sangue ed Emoderivati

Manuale per il Buon Uso del Sangue ed Emoderivati SIMT- Cefalù Manuale per il Buon Uso del Sangue Revisione anno 2007 SIMT /EMO. Il Direttore del SIMT AUSL n 6 P.O. Cefalù Manuale per il Buon Uso del Sangue ed Emoderivati COBUS AUSL N 6 PALERMO A cura

Dettagli

Donazione di sangue Informazioni utili

Donazione di sangue Informazioni utili Programma Provinciale Sangue e Plasma Donazione di sangue Informazioni utili Associazione Donatori Volontari Sangue tel. 0544/403462 presso Presidio Ospedaliero di Ravenna Associazione Volontari Italiani

Dettagli

19-21 gennaio 2011 Cantine Ferrari -Trento

19-21 gennaio 2011 Cantine Ferrari -Trento 19-21 gennaio 2011 Cantine Ferrari -Trento Cogliati Elisa Vian Elisa Una struttura sanitaria pubblica o accreditata, senza attività di lucro, individuata dalla regione di competenza che ha il compito di

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 033 Look Back. Data: 20-01-2014

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 033 Look Back. Data: 20-01-2014 1 Prima Stesura Redattori: Cosenza Data: 20-01-2014 1 2 1 SCOPO Lo scopo della presente procedura è specificare i criteri da adottare per l effettuazione di indagini e valutazioni retrospettive relative

Dettagli

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO MODULO DI ACCETTAZIONE E CONSENSO ALLA DONAZIONE Cognome.. Nome.. Professione.. M F Nato a... (Prov.) il. Codice Fiscale Residente in. Via... N.. Cap

Dettagli

Informazioni per i Donatori di sangue POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO. www.unicampus.it

Informazioni per i Donatori di sangue POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO. www.unicampus.it Informazioni per i Donatori di sangue POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO INFORMAZIONI PER I DONATORI DI SANGUE Il sangue non può essere prodotto artificialmente. La disponibilità di questa risorsa,

Dettagli

Presentazione AVIS Istituto Giovanni Falcone. 27 Febbraio 2010

Presentazione AVIS Istituto Giovanni Falcone. 27 Febbraio 2010 Presentazione AVIS Istituto Giovanni Falcone 27 Febbraio 2010 CHI E AVIS? LA STORIA di gocce solidali e altruismo!! Antichi Egizi Furono proprio gli antichi Egizi i primi ad utilizzare il sangue nella

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 013 Validazione Emocomponenti

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 013 Validazione Emocomponenti 1 1 2 1 SCOPO Lo scopo della seguente procedura è descrivere le modalità di esecuzione della validazione finale e dell etichettatura degli emocomponenti derivanti dalla donazione di sangue intero o di

Dettagli

BUONA PRATICA DI PRODUZIONE

BUONA PRATICA DI PRODUZIONE Dipartimento Regionale Interaziendale Medicina Trasfusionale Gli Emocomponenti BUONA PRATICA DI PRODUZIONE Trait d union tra donatore e ricevente Enrico Chiurazzi Dirig.Biologo L acqua è un bene prezioso

Dettagli

Criteri di esclusione permanente e temporanea del candidato donatore ai fini della protezione della sua salute

Criteri di esclusione permanente e temporanea del candidato donatore ai fini della protezione della sua salute Allegato al Decreto del Ministero della Salute del 3 marzo 2005 Criteri di esclusione permanente e temporanea del candidato donatore ai fini della protezione della sua salute Il candidato donatore affetto

Dettagli

RAZIONALE DEL PROTOCOLLO

RAZIONALE DEL PROTOCOLLO Protocollo di studio multicentrico prospettico per valutare l efficacia del plasma virus-inattivato con solvente-detergente o con blu di metilene rispetto al PFC o al plasma decriato come liquido sostituente

Dettagli

cobas MPX Un test, 3 risultati

cobas MPX Un test, 3 risultati cobas MPX Un test, 3 risultati Il test cobas MPX, da usare con i sistemi cobas 6800/8800, è un test multiplex in Real-time, multy dye, per HIV, HCV e HBV L immediata rilevazione e identificazione in Real-time

Dettagli