IL COORDINAMENTO DELLA FINANZA PUBBLICA TRA VINCOLI EUROPEI E FEDERALISMO FISCALE PER GLI ANNI 2016 E SUCCESSIVI SALVATORE BILARDO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL COORDINAMENTO DELLA FINANZA PUBBLICA TRA VINCOLI EUROPEI E FEDERALISMO FISCALE PER GLI ANNI 2016 E SUCCESSIVI SALVATORE BILARDO"

Transcript

1 IL COORDINAMENTO DELLA FINANZA PUBBLICA TRA VINCOLI EUROPEI E FEDERALISMO FISCALE PER GLI ANNI 2016 E SUCCESSIVI SALVATORE BILARDO

2 IL PATTO DI STABILITÀ INTERNO E LE NUOVE REGOLE DI FINANZA PUBBLICA: IL PAREGGIO DI BILANCIO Cure del crdinament della finanza pubblica nel rispett dell autnmia cstituzinale: indica un sald biettiv per ciascun ente, lasciand libertà gestinale all ente Cnta circa enti su ltre Pubbliche Amministrazini fin al 2015 Dal 2016 riguarda circa enti su ltre Pubbliche Amministrazini

3 IL COORDINAMENTO DELLA FINANZA PUBBLICA: EVOLUZIONE DEL QUADRO COSTITUZIONALE Articl 117 Cstituzine del 1948 (ante mdifica del 2001) Art. 117, prim e terz cmma, pst rifrma del 2001 (legge cst. n. 3/2001) Art. 117, secnd e terz cmma, pst rifrma del 2012 (legge cst. n. 1/2012) Rifrma in itinere - Att Camera n.2613/d

4 LA FINANZA DEGLI ENTI TERRITORIALI La finanza degli enti territriali tra: 1. Unine eurpea 2. Federalism fiscale Maggire esigenza di crdinament della finanza pubblica

5 DALLA FINANZA DERIVATA ALLA FINANZA ORIGINARIA Avvi sistema reginale Federalism a cstituzine invariata Rifrma titl V della Cstituzine Articl 119 della Cstituzine Legge delega in materia di federalism fiscale n. 42/2009 I decreti legislativi attuativi La legge cstituzinale n. 1/2012 La nuva rifrma del titl V della Cstituzine (Att Camera n.2613/b)

6 I VINCOLI DERIVANTI DALL UNIONE EUROPEA Il rapprt debit/pil Il rapprt deficit/pil

7 I VINCOLI DERIVANTI DALL UNIONE EUROPEA INDEBITAMENTO NETTO (in percentuale del PIL) Tendenziale -3,0-2,6-1,4 0,0 0,7 1,0 Prgrammatic -3,0-2,6-2,2-1,1-0,2 0,3 DEBITO (in percentuale del PIL) Tendenziale 132,1 132,8 130,3 126,1 121,7 117,4 Prgrammatic 132,1 132,5 130,9 127,4 123,4 120,0 PIL Tendenziale Prgrammatic Fnte: Nta di aggirnamnet al DEF 2015

8 I VINCOLI DERIVANTI DALL UNIONE EUROPEA Il patt di stabilità intern, csì cme il pareggi di bilanci, hann effetti: - Diretti sull indebitament nett - Indiretti sul debit

9 GLI OBIETTIVI DI INDEBITAMENTO NETTO La finanza degli enti territriali cncrre agli biettivi cn: Le regle del patt di stabilità intern Il pareggi di bilanci previst dalla rifrma cstituzinale Le nuve regle cntenute nella legge di stabilità 2016 (legge n. 208/2015, art. 1, cmmi 707 e segg.)

10 I SALDI RICHIESTI DALLE DIVERSE REGOLE Patt di stabilità intern: il sald di cmpetenza mista Pareggi ex articl 9 della legge n. 243/2012: sald crrente e sald finale di cmpetenza e cassa Pareggi ex cmmi 707 e succ. dell articl 1 della legge di stabilità 2016 n. 208/2015: unic sald finale di cmpetenza finanziaria ptenziata

11 L EVOLUZIONE ALLA LUCE DELLA RIFORMA DELLA CONTABILITÀ DEGLI ENTI TERRITORIALI Il nuv principi di cmpetenza finanziaria ptenziata La definizine di scadenza ed esigibilità Il pareggi declinat cn riferiment alla sla cmpetenza ptenziata in quant vicin alla cmpetenza ecnmica richiesta dalle regle eurpee

12 LA CORRELAZIONE TRA LE REGOLE DELLA LEGGE N. 243/2012 E LA LEGGE N. 208/2015 PER GLI ANNI 2016 E SUCCESSIVI L Art. 21 della legge n. 243/2012 L Art. 1, cmma 2, della legge n. 243/2012 Le audizini della Crte dei cnti: - 30 giugn 2015 nell ambit dell»indagine cnscitiva sulle prspettive di rifrma degli strumenti e delle prcedure di bilanci - nvembre 2015 sul disegn di legge di stabilità 2016 Le cnclusini dell»indagine cnscitiva sulle prspettive di rifrma degli strumenti e delle prcedure di bilanci» della V Cmmissine Bilanci della Camera dei deputati del 10 nvembre 2015 L interpretazine sulla decrrenza perata dalla legge di stabilità 2016 La circlare della Ragineria Generale dell Stat n. 5 del 10 febbrai 2016

13 IL SISTEMA SANZIONATORIO Riduzine dei trasferimenti erariali Limite alla spesa crrente Limite al ricrs al debit Diviet di assunzini Riduzine indennità degli amministratri Le sanzini in cas di elusine: Agli amministratri: sanzine pecuniaria fin a dieci vlte l'indennità di carica Al respnsabile finanziari: sanzine pecuniaria fin a tre mensilità

14 I RISULTATI DEL PATTO Nn hann raggiunt l biettiv: nn hann raggiunt l'biettiv Cmuni 256 su su su su su su su su 5655 Prvince 9 su 94 2 su 94 1 su su su su su su 103

15 I RISULTATI DEL PATTO : COMUNI E PROVINCE SALDO CONSEGUITO 2013 SALDO OBIETTIVO IMPORTI IN MIGLIAIA DI EURO DIFFERENZA DAL SALDO OBIETTIVO Cmuni Prvince SALDO CONSEGUITO 2014 SALDO OBIETTIVO DIFFERENZA DAL SALDO OBIETTIVO Cmuni Prvince

16 ELEMENTI CHE HANNO CONCORSO A TALI RISULTATI Un sistema di mnitraggi via web sempre più sfisticat Un cntinu rapprt n line cn gli enti lcali ann n. Pattstab Un efficace sistema sanzinatri Le relazini degli rgani di revisine (nn più di nmina interna ) Il cntrll delle Sezini reginali della Crte dei Cnti

17 ELEMENTI CRITICI PER IL PERSEGUIMENTO DI TALI RISULTATI La fndatezza dei dati di cnsuntiv Carenze nel mnitraggi degli enti lcali delle autnmie speciali cn cmpetenza in materia di finanza lcale I patti reginali verticali e rizzntali

18 LE ESCLUSIONI DAL PATTO DI STABILITÀ INTERNO I Fndi cmunitari e il cfinanziament nazinale Spese per calamità naturali Edilizia sclastica Debiti cmmerciali Spese a valere sulle dismissini mbiliari Altre esclusini specifiche

19 LE ESCLUSIONI DAL PAREGGIO DI BILANCIO 2016 Entrate a ristr IMU TASI 390 mln Spese per sisma Emilia 15 mln Edilizia sclastica 480 mln Spese per bnifiche ambientali a seguit di attività minerarie 20 mln Spese per muse della Shah 3 mln

20 QUESTIONI APERTE Fren agli investimenti Ritard nei pagamenti alle imprese

21 Investimenti fissi lrdi - Enti lcali (dati in migliaia di eur) mesi Var. % 13% 3% 10% 13% -10% 1% 3% -5% -1% -16% -5% -1% -6% -21% 14% Fnte: Trimestrale di cassa Cnt ecnmi ND c PA Var. % 10% 5% 9% 12% -8% 0% 3% -6% 2% -15% -5% -2% -7% -18% Fnte: ISTAT

22 Questini aperte Frmazine dei residui passivi Il fenmen riguarda i residui in cnt capitale in quant il patt nn pne vincli ai pagamenti di parte crrente. Mlti residui, però, sn residui di stanziament che nn cstituiscn debiti vers terzi.

23 L ANDAMENTO DEI RESIDUI PASSIVI RILEVATI DAI CERTIFICATI DI CONTO CONSUNTIVO DEGLI ENTI LOCALI COMUNI crrenti 24,1 MLD 25,2 MLD 26,2 MLD 27,1 MLD 27,1 MLD 22,9 MLD capitale 57,7 MLD 56,2 MLD 52,9 MLD 44,8 MLD 40,5 MLD 35,4 MLD TOTALE 81,8 MLD 81,4 MLD 79,2 MLD 73,9 MLD 67,6 MLD 56,3 MLD (*) dat calclat su enti (**) dat calclat su enti PROVINCE Crrenti 5,9 MLD 6,2 MLD 5,9 MLD 5,4 MLD 4,7 MLD 3,4 MLD capitale 14 MLD 14 MLD 13 MLD 10,7 MLD 9,1 MLD 6,7 MLD TOTALE 19,9 MLD 20,2 MLD 18,9 MLD 16,1 MLD 13,8 MLD 10,1 MLD (**)

24 LE RISORSE MESSE IN CAMPO ED IL LORO UTILIZZO DL 35/2013, DL 102/2013, LS 2014, DL 66/2014 e DL 78/ Sintesi immissine liquidità e spazi finanziari nella Pubblica Amministrazine per pagament debiti arretrati Pagament debiti delle Pubbliche Amministrazini al 31/12/2014 Enti debitri Risrse stanziate Risrse assegnate agli enti debitri Risrse effettivamente rese dispnibili agli enti debitri Stat Regini e Prvince autnme Prvince e Cmuni Imprti ttali (valri assluti) Imprti ttali (in percentuale delle risrse stanziate) 97% 83%

25 I TEMI DA AFFRONTARE E RISOLVERE IN MERITO AI DEBITI COMMERCIALI DELLA PA L entità dell stck dei debiti cmmerciali Le cause della lr frmazine Le sluzini per cntrastare il fenmen

26 QUANTI SONO Quale fnte di cnscenza I residui passivi nn sn significativi: Mdalità di impegn: - art.183 del TUEL, cmmi 1 e 5 - art.1, cmma 2 art. 7del DPCM , art. 36, cmma 2, del d.lv 118/2011

27 PERCHÉ CI SONO: IL RUOLO DEL PATTO DI STABILITA INTERNO I residui attivi Cesistenza di avanzi ed anticipazini Mdalità di accertament Il patt di stabilità intern

28 AREE LEGISLATIVE DI INTERVENTO Eliminazine dell stck di debiti scaduti Sistema strutturale vlt ad impedire la frmazine di nuvi debiti

29 NUOVE MISURE STRUTTURALI FINALIZZATE AD EVITARE IL FORMARSI DI NUOVI DEBITI 1. Piattafrma elettrnica 2. Fatturazine elettrnica 3. Registr delle fatture 4. Rifrma della cntabilità 5. Obblig di attestare i tempi di pagament 6. Sistema sanzinatri 7. Ptenziament attività di vigilanza e cntrll 8. Cinvlgiment di tutti i sggetti interessati

30 ANDAMENTO INVESTIMENTI (MENSILE E TRIMESTRALE) Mese / / / /201 5 Gennai ,1% ,8% 689 1,0% ,4% Febbrai ,6% ,0% 741 0,0% Marz ,1% ,5% ,1% I TRIM ,7% ,5% ,7% Aprile ,3% ,6% 713-3,5% Maggi ,6% ,1% ,8% Giugn ,0% ,1% 815-0,4% II TRIM ,8% ,5% ,5% Lugli ,9% ,8% 947-0,4% Agst ,3% ,3% ,7% Settembre ,7% ,4% ,0% III TRIM ,9% ,0% ,1% Ottbre ,7% ,8% ,8% Nvembre ,4% ,5% ,6% Dicembre ,5% ,8% ,6% IV TRIM ,3% ,0% ,4% Ttale ,5% ,5% ,3%

31 TERMINE DI APPROVAZIONE DEI BILANCI DI PREVISIONE NEI VARI ANNI ttbre nvembre settembre lugli aprile 2016

32 LE MISURE CHE HANNO FAVORITO LA CRESCITA DEGLI INVESTIMENTI NEL alleggeriment del patt 2015 per 1 MLD - il Fnd Crediti di Dubbia Esigibilità - diversi interventi nrmativi indirizzati a liberare spazi per investimenti (edilizia sclastica per 50 mln;messa in sicurezza del territri per 10 mln;interventi di bnifica del territri per 40 mln;linee metrplitane per 50 mln; debiti della PA per 50 mln; - cnferma dei patti di slidarietà (in particlare il patt verticale incentivat per circa mln); - chiusura dei prgetti eurpei, riferiti alla prgrammazine riduzine spese legate a beni servizi ( mln) e persnale (-800 mln), anche per effett del Fnd crediti di Dubbia Esigibilità

33 L EVOLUZIONE - ALLA LUCE DELLA RIFORMA DELLA CONTABILITÀ DEGLI ENTI TERRITORIALI Il pareggi declinat cn riferiment alla sla cmpetenza ptenziata in quant vicin alla cmpetenza ecnmica richiesta dalle regle eurpee La cmpetenza ecnmica: i SAL La sluzine al tema degli investimenti

34 IL FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI ALLA LUCE DELLE NUOVE REGOLE CONTENUTE NELLA LEGGE DI STABILITÀ L utilizz dell avanz attravers il Fnd crediti di dubbia esigibilità e gli altri fndi Il fnd pluriennale vinclat (nella parte nn prveniente da accensine prestiti mutui)

Crescere rilanciando gli investimenti sul territorio Dal Patto di Stabilità alle nuove regole di Finanza pubblica per gli Enti locali

Crescere rilanciando gli investimenti sul territorio Dal Patto di Stabilità alle nuove regole di Finanza pubblica per gli Enti locali Crescere rilanciando gli investimenti sul territorio Dal Patto di Stabilità alle nuove regole di Finanza pubblica per gli Enti locali Roma, 26/05/2016 SALVATORE BILARDO ISPETTORE GENERALE CAPO -ISPETTORATO

Dettagli

Le nuove regole di finanza pubblica per gli enti territoriali

Le nuove regole di finanza pubblica per gli enti territoriali Le nuove regole di finanza pubblica per gli enti territoriali Roma, 27/04/2016 SALVATORE BILARDO ISPETTORE GENERALE CAPO-ISPETTORATO GENERALE PER LA FINANZA DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI I saldi richiesti

Dettagli

AREA SERVIZI ALLA PERSONA

AREA SERVIZI ALLA PERSONA COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Prvincia di Bergam N. 95 DATA 06-11-2012 COPIA AREA SERVIZI ALLA PERSONA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DI AREA OGGETTO: Pian Diritt all Studi 2012/13 Trasferiment fndi alle

Dettagli

AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE DI LODI

AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE DI LODI AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE DI LODI Sede: 26900 Ldi Piazza Ospitale, 10 C.F. e Partita I.V.A. 09322180960 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE USC/USS/Servizi prpnente Gestine Risrse Ecnmic-Finanziarie Numer

Dettagli

IL NUOVO PRINCIPIO CONTABILE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA NEL CONTESTO GENERALE DELLA FINANZA PUBBLICA SALVATORE BILARDO

IL NUOVO PRINCIPIO CONTABILE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA NEL CONTESTO GENERALE DELLA FINANZA PUBBLICA SALVATORE BILARDO IL NUOVO PRINCIPIO CONTABILE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA NEL CONTESTO GENERALE DELLA FINANZA PUBBLICA SALVATORE BILARDO LA RIFORMA DELLA CONTABILITA DEGLI ENTI TERRITORIALI: PERCHÉ Esigenze

Dettagli

ritenuto necessario, al fine di consentire, in analogia con il sistema scolastico, il regolare avvio delle attività:

ritenuto necessario, al fine di consentire, in analogia con il sistema scolastico, il regolare avvio delle attività: REGIONE PIEMONTE BU37S2 14/09/2017 Cdice A1503A D.D. 25 agst 2017, n. 792 POR 2014-2020. Offerta frmativa di IeFP cicl frmativ 2017/2020 di cui alla D.D. n. 576 del 29/06/2017. Apprvazine crsi ed autrizzazine

Dettagli

Decreto Ministeriale 22 ottobre 2012 n. 297 Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 22 novembre 2012 n. 273

Decreto Ministeriale 22 ottobre 2012 n. 297 Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 22 novembre 2012 n. 273 Decret Ministeriale 22 ttbre 2012 n. 297 Pubblicat nella Gazzetta Ufficiale del 22 nvembre 2012 n. 273 Decret criteri e cntingente assunzinale delle Università statali per l ann 2012 VISTA la legge 9 maggi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Milano, 28 febbraio 2013

COMUNICATO STAMPA Milano, 28 febbraio 2013 Milan, 28 febbrai 2013 IRAG 5 Infrmativa al mercat ai sensi dell art. 114, cmma 5, del D.Lgs 58/98 Milan, 28 febbrai 2013: In ttemperanza alla richiesta di Cnsb ai sensi dell art. 114, cmma 5, del D.Lgs

Dettagli

AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE DI LODI

AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE DI LODI AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE DI LODI Sede: 26900 Ldi Via Fissiraga, 15 C.F. e Partita I.V.A. 09322180960 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE USC/USS/Servizi prpnente Gestine Risrse Ecnmic-Finanziarie Numer

Dettagli

A. Relazione illustrativa

A. Relazione illustrativa Cntrattintegrativecnmicperl utilizzazinedelfnddelpersnalenn dirigenzialeann2012sttscrittil24settembre2012.relazineillustrativae tecnicfinanziaria(articl 40, cmma 3 sexies, Decret Legislativ n.165/2001;

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FINANZA PUBBLICA PER GLI ENTI TERRITORIALI ALLA LUCE:

LE NUOVE REGOLE DI FINANZA PUBBLICA PER GLI ENTI TERRITORIALI ALLA LUCE: LE NUOVE REGOLE DI FINANZA PUBBLICA PER GLI ENTI TERRITORIALI ALLA LUCE: DELLA RIFORMA DELLA CONTABILITA DELLA LEGGE N. 164/2016 SUL PAREGGIO DI BILANCIO DELLA LEGGE DI BILANCIO N. 232/2016 SALVATORE BILARDO

Dettagli

Giovanni Bocco Responsabile dell Area Bilancio e Programmazione

Giovanni Bocco Responsabile dell Area Bilancio e Programmazione CURRICULUM VITAE Givanni Bcc Respnsabile dell Area Bilanci e Prgrammazine TITOLI DI STUDIO Laurea in Scienze Ecnmiche e Bancarie cnseguita nel 1996, c/ l Università degli Studi di Lecce, cn una tesi in

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA Area Plitiche Sciali Determinazine nr. 427 Del 02/09/2015 Prpsta nr. 114 Del 02/09/2015 OGGETTO: CONCESSIONE ESENZIONI E/O RIDUZIONI RELATIVE AI SERVIZI DI MENSA - TRASPORTO SCOLASTICI E ASILI NIDO COMUNALI

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE. n del 19/06/2017

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE. n del 19/06/2017 Il Direttre Generale di questa azienda U.L.S.S. dtt. Giuseppe Dal Ben, nminat cn D.P.G.R. n. 193 del 30.12.2015, cadiuvat dai Direttri: Amministrativ Sanitari dei Servizi Sci-Sanitari - F.t: dtt. Fabi

Dettagli

Progetti Vita Indipendente (Pro.Vi.) - II Annualita` Liquidazione Spese Alla Sig.ra...OMISSIS... Codice Pratica KPOX840. IL RESPONSABILE AMBITO

Progetti Vita Indipendente (Pro.Vi.) - II Annualita` Liquidazione Spese Alla Sig.ra...OMISSIS... Codice Pratica KPOX840. IL RESPONSABILE AMBITO DETERMINAZIONE N. 370 N. Sett. 88 Data di registrazine 14/07/2017 OGGETTO: Prgetti Vita Indipendente (Pr.Vi.) - II Annualita` Liquidazine Spese Alla Sig.ra...OMISSIS... Cdice Pratica KPOX840. IL RESPONSABILE

Dettagli

SILUS Procedura aperta per l affidamento del Progetto SILUS - Sistema Informativo dei Laboratori Unici della Sardegna

SILUS Procedura aperta per l affidamento del Progetto SILUS - Sistema Informativo dei Laboratori Unici della Sardegna SILUS Prcedura aperta per l affidament del Prgett SILUS - Sistema Infrmativ dei Labratri Unici della Sardegna Si prenda visine della dcumentazine di seguit indicata che cntiene alcune precisazini e/ mdifiche:

Dettagli

FABIO MASSIMO FERRETTI

FABIO MASSIMO FERRETTI Curriculum Vitae Fabi Massim Ferretti FABIO MASSIMO FERRETTI INFORMAZIONI PERSONALI Nazinalità: italiana Data di nascita: 28.04.1964 Lug di nascita: REGGIO EMILIA Residenza: GUASTALLA (RE) tel. 0522 839718

Dettagli

2007-2013. Programma Interreg IV Italia - Austria 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera

2007-2013. Programma Interreg IV Italia - Austria 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera 2007-2013 Prgramma Interreg IV Italia - Austria 2007 2013 Cperazine transfrntaliera Base giuridica La Cmmissine eurpea ha apprvat il 18 settembre 2007 il prgramma eurpe di cperazine territriale per la

Dettagli

Il Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015

Il Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015 Il Cmmissari Unic delegat del Gvern per Exp Milan 2015 Milan, 15 maggi 2015 Prt. N. 74/U/2015 Ordinanza n. 2 del 15 maggi 2015 Oggett: Organizzazini di vlntariat di prtezine civile nelle attività cnnesse

Dettagli

Prima Lezione: 06/10/2016 Dalle ore 09:30 alle ore 13:30. Seconda Lezione: 11/10/2016 Dalle ore 09:30 alle ore 13:30

Prima Lezione: 06/10/2016 Dalle ore 09:30 alle ore 13:30. Seconda Lezione: 11/10/2016 Dalle ore 09:30 alle ore 13:30 Cnsulenti del Lavr Ordine Prvinciale di Reggi Emilia Prima Lezine: 06/10/2016 Dalle re 09:30 alle re 13:30 Secnda Lezine: 11/10/2016 Dalle re 09:30 alle re 13:30 Terza Lezine: 21/10/2016 Dalle re 09:30

Dettagli

PRATOVECCHIO STIA Prov.AR

PRATOVECCHIO STIA Prov.AR PRATOVECCHIO STIA Prv.AR SPESE MISSIONI, PROGRAMMI E E SPESE Esercizi finanziari 5 Tributi in cnt capitale a caric fissi lrdi e acquist di Cntributi agli SPESE MISSIONE - Servizi istituzinali, generali

Dettagli

PROGETTO LAVORO&SVILUPPO 4

PROGETTO LAVORO&SVILUPPO 4 Prvincia di Csenza Settre Mercat del Lavr PROGETTO LAVORO&SVILUPPO 4 OBIETTIVI E FINALITA Scp del prgett è favrire la frmazine di sggetti inccupati/disccupati residenti nelle Regini dell biettiv Cnvergenza

Dettagli

Prot. N. UMU.2469. Roma li. 16 maggio 2016 ISTRUZIONI OPERATIVE N 15 PRODUTTORI INTERESSATI ALLA REGIONE ABRUZZO VIA CATULLO 17 65126 PESCARA

Prot. N. UMU.2469. Roma li. 16 maggio 2016 ISTRUZIONI OPERATIVE N 15 PRODUTTORI INTERESSATI ALLA REGIONE ABRUZZO VIA CATULLO 17 65126 PESCARA UFFICIO MONOCRATICO Via Palestr, 81 00185 Rma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.571 Prt. N. UMU.2469 (CITARE NELLA RISPOSTA) Rma li. 16 maggi 2016 ISTRUZIONI OPERATIVE N 15 AI PRODUTTORI INTERESSATI ALLA REGIONE

Dettagli

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma giugno 2010

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma giugno 2010 CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO LEGISLATIVO OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Rma 17 18 giugn 2010 Rapprt fra fnti statali e fnti reginali: la disciplina specifica per la Regine

Dettagli

MEMORANDUM D INTESA. tra. il Comitato Nazionale per il Microcredito, in persona del Presidente On. Mario Baccini da una

MEMORANDUM D INTESA. tra. il Comitato Nazionale per il Microcredito, in persona del Presidente On. Mario Baccini da una MEMORANDUM D INTESA tra il Cmitat Nazinale per il Micrcredit, in persna del Presidente On. Mari Baccini da una 1 parte, e l Unine italiana delle camere di cmmerci, industria, artigianat e agricltura, in

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE RAGIONERIA E FINANZE Ufficio del Dirigente Generale

DIREZIONE CENTRALE RAGIONERIA E FINANZE Ufficio del Dirigente Generale Istitut Nazinale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazine Pubblica DIREZIONE CENTRALE RAGIONERIA E FINANZE Uffici del Dirigente Generale Rma, 20 maggi 2010 Ai DIRIGENTI GENERALI CENTRALI E REGIONALI

Dettagli

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2014

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2014 Minister dell'istruzine, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CALABRIA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE V. GERACE PIAZZA SAN ROCCO 89022 CITTANOVA (RC) Cdice Fiscale: 82001760808

Dettagli

SERVIZIO AUTONOMO RISORSE UMANE E FORMAZIONE PO PROGETTI SPECIALI PART TIME E ATTIVITA EXTRALAVORATIVE REG. DET. DIR. N.

SERVIZIO AUTONOMO RISORSE UMANE E FORMAZIONE PO PROGETTI SPECIALI PART TIME E ATTIVITA EXTRALAVORATIVE REG. DET. DIR. N. Pag. 1 / 7 cmune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.cmune.trieste.it partita iva 00210240321 SERVIZIO PO PROGETTI SPECIALI PART TIME E ATTIVITA EXTRALAVORATIVE REG. DET. DIR. N. 3927

Dettagli

COMUNE DI PULA PROVINCIA DI CAGLIARI. Settore Servizi alle imprese e turismo DETERMINAZIONE N. 734 DEL 07/08/2015

COMUNE DI PULA PROVINCIA DI CAGLIARI. Settore Servizi alle imprese e turismo DETERMINAZIONE N. 734 DEL 07/08/2015 COMUNE DI PULA PROVINCIA DI CAGLIARI Settre Servizi alle imprese e turism Prpsta DT1SIT-101-2015 del 04/08/2015 DETERMINAZIONE N. 734 DEL 07/08/2015 OGGETTO: Svilupp di un'azine di marketing nn cnvenzinale

Dettagli

VALORE P.A. 2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE SCHEDA SINTETICA DEL CORSO

VALORE P.A. 2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE SCHEDA SINTETICA DEL CORSO Dipartiment di Scienze Plitiche VALORE P.A. 2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE SCHEDA SINTETICA DEL CORSO 1)TEMA DEL CORSO LA NUOVA DISCIPLINA DEL LAVORO PUBBLICO

Dettagli

ATO TOSCANA CENTRO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA A REVISORE DEI CONTI PER ILTRIENNIO 2008/2011.

ATO TOSCANA CENTRO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA A REVISORE DEI CONTI PER ILTRIENNIO 2008/2011. ATO TOSCANA CENTRO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA A REVISORE DEI CONTI PER ILTRIENNIO 2008/2011 Il DIRIGENTE Vist il D. Lgs 18.8.2000 n. 267 Test unic delle leggi sull rdinament

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Att del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 8265 del 03/07/2015 Prpsta: DPG/2015/8304 del 19/06/2015 Struttura prpnente: Oggett: Autrità

Dettagli

Il nuovo accordo di confine per la gestione della mobilità sanitaria fra la Regione Marche e la Regione Emilia Romagna

Il nuovo accordo di confine per la gestione della mobilità sanitaria fra la Regione Marche e la Regione Emilia Romagna - REGIONE MARCHE Il nuv accrd 2012 2014 di cnfine per la gestine della mbilità sanitaria fra la Regine Marche e la Regine Emilia Rmagna Da alcuni anni le Regini si stann impegnand a darsi strumenti per

Dettagli

La manovra 2016 e il nuovo saldo di competenza potenziata. Milano, 1 aprile 2016

La manovra 2016 e il nuovo saldo di competenza potenziata. Milano, 1 aprile 2016 La manovra 2016 e il nuovo saldo di competenza potenziata Milano, 1 aprile 2016 Dal Patto al nuovo saldo di competenza potenziata: un anno di svolta? La Legge di Stabilità 2016 sostituisce le precedenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Milano, 30 agosto 2013

COMUNICATO STAMPA Milano, 30 agosto 2013 Milan, 30 agst 2013 IRAG 5 Infrmativa al mercat ai sensi dell art. 114, cmma 5, del D.Lgs 58/98 Milan, 30 agst 2013: In ttemperanza alla richiesta di Cnsb ai sensi dell art. 114, cmma 5, del D.Lgs 58/98

Dettagli

Dal patto di stabilit al pareggio di bilancio in costituzione

Dal patto di stabilit al pareggio di bilancio in costituzione Dal patto di stabilit al pareggio di bilancio in costituzione A cura di Onelio Pignatti Grosseto, 15 gennaio 2016 1 Equilibrio di bilancio da armonizzazione (D.Lgs. 118/2011) FPV Entrata 10 Entrate correnti

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Azienda Reginale per il Diritt all Studi Universitari della Tscana Legge Reginale 26 lugli 2002, n. 32 e ss.mm. PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N 102/17 del 28/02/2017 Oggett: FINANZIAMENTO TIROCINI CURRICULARI

Dettagli

Curriculum vitae. Eugenio Madeo

Curriculum vitae. Eugenio Madeo Curriculum vitae Eugeni Made Titli cnseguiti Diplma di Maturità Classica cnseguit nel lugli del 1999 press il Lice Classic S. Nil di Rssan (CS) cn la vtazine di 100/100. Laurea in Giurisprudenza press

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimen t o Agric o lt u ra, Sport, Tu rism o e Cult u ra Politiche Agricole e della Pesca - Settore

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimen t o Agric o lt u ra, Sport, Tu rism o e Cult u ra Politiche Agricole e della Pesca - Settore REGIONE LIGURIA - Giunta Reginale Dipartimen t Agric lt u ra, Sprt, Tu rism e Cult u ra Plitiche Agricle e della Pesca - Settre O GG E TTO : Reglament (UE) n. 1308/2013 del Parlament Eurpe e del Cnsigli

Dettagli

Immigrazione. dell'articolo 47, comma 2, della legge 6 marzo 1998, n. 40;

Immigrazione. dell'articolo 47, comma 2, della legge 6 marzo 1998, n. 40; Immigrazine - - D. Lgs. 286/1998 Decret legislativ 25 lugli 1998, n. 286, Test unic delle dispsizini cncernenti la disciplina dell immigrazine e nrme sulla cndizine dell stranier, e successive mdificazini

Dettagli

Fondo di investimento nel capitale di rischio

Fondo di investimento nel capitale di rischio Fnd di investiment nel capitale di rischi Finalità e Obiettivi Supprtare gli investimenti delle Piccle e Medie Imprese (PMI), peranti nel settre agricl, agralimentare di prima trasfrmazine, della pesca

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Milano, 29 novembre 2013

COMUNICATO STAMPA Milano, 29 novembre 2013 Milan, 29 nvembre 2013 IRAG 5 Infrmativa al mercat ai sensi dell art. 114, cmma 5, del D.Lgs 58/98 Milan, 29 nvembre 2013: In ttemperanza alla richiesta di Cnsb ai sensi dell art. 114, cmma 5, del D.Lgs

Dettagli

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 1239 IN DATA 13-05-2011

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 1239 IN DATA 13-05-2011 PROVINCIA DI BIELLA Ambiente e Agricltura - DT Impegn n. Dirigente / Resp. P.O.: SARACCO GIORGIO DETERMINAZIONE N. 1239 IN DATA 13-05-2011 Oggett: ATTIVITÀ DI STOCCAGGIO DI OLI MINERALI di cui all art.

Dettagli

AREA UFFICIO TECNICO SETTORE LAVORI PUBBLICI

AREA UFFICIO TECNICO SETTORE LAVORI PUBBLICI C O M U N E D I SABBIO CHIESE P R O V I N C I A D I B R E S C I A via Caduti 1, 25070 SABBIO CHIESE (BS) AREA UFFICIO TECNICO SETTORE LAVORI PUBBLICI ----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI PAGO VEIANO Prov. (BN)

COMUNE DI PAGO VEIANO Prov. (BN) COMUNE DI PAGO VEIANO Prov. (BN) DI PREVISIONE PROSPETTO VERIFICA RISPETTO DEI VINCOLI DI FINANZA PUBBLICA (da allegare al bilancio di previsione e alle variazioni di bilancio ) EQUILIBRIO DI DI CUI ALL'ART.

Dettagli

ORIGINALE DI DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE SERVIZI SOCIALI E CULTURALI

ORIGINALE DI DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE SERVIZI SOCIALI E CULTURALI Cmune di Palma di Mntechiar Prvincia di Agrigent Registr Generale n. 996 del 28/09/2011 ORIGINALE DI DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE SERVIZI SOCIALI E CULTURALI N. 305 del registr Data 21/09/2011 Oggett:

Dettagli

IL DIRETTORE CENTRALE

IL DIRETTORE CENTRALE Decret 3 agst 2010 Mdalità relative alle certificazini cncernenti il rendicnt al bilanci 2009 delle amministrazini prvinciali, dei cmuni unine dei cmuni e delle cmunità mntane. * * * * * I sggetti interessati

Dettagli

Bilancio e Rendiconto Armonizzato negli Enti Locali. webinar. 3 novembre 2016 Claudio Martelli

Bilancio e Rendiconto Armonizzato negli Enti Locali. webinar. 3 novembre 2016 Claudio Martelli Bilanci e Rendicnt Armnizzat negli Enti Lcali webinar 3 nvembre 2016 Claudi Martelli Bilanci e Rendicnt Armnizzat Argmenti Riferimenti nrmativi I principi cntabili L Equilibri di Bilanci L equilibri del

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE SISTEMA INFORMATIVI ASSOCIATI --- SIA Determinazine dirigenziale Registr Generale N. 527 del 11/08/2015 Registr del Settre N. 65 del 04/08/2015 Oggett: Acquist del servizi di rilasci cpie atti

Dettagli

VISTO l art. 25 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165 commi 1.2.3;

VISTO l art. 25 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165 commi 1.2.3; I.C. VIA PALMIERI TOIC88300Q -TOIC88300Q@istruzine.it Via Palmieri 58 10138 TORINO Tel. n. 011/4476070 - fax n. 011/4476164 Prt. N. 4320 A1b Trin, 10/09/2015 Agli Insegnanti del COLLEGIO DOCENTI p.c. al

Dettagli

Settore Socio-Culturale servizi manifestazioni culturali, Turismo e Sport DETERMINAZIONE DI IMPEGNO DI SPESA

Settore Socio-Culturale servizi manifestazioni culturali, Turismo e Sport DETERMINAZIONE DI IMPEGNO DI SPESA ORIGINALE Cmune di CAVALLINO-TREPORTI Settre Sci-Culturale servizi manifestazini culturali, Turism e Sprt DETERMINAZIONE DI IMPEGNO DI SPESA R.G. N. 355 del 28/02/2017 ( Bzza n. 361 del 28/02/2017 ) Oggett:

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI IL DIRIGENTE SCOLASTICO

ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI IL DIRIGENTE SCOLASTICO Unine Eurpea Repubblica Italiana Regine Sicilia Istitut Cmprensiv «Santi Bivna» REGIONE SICILIANA-DISTRETTO SCOLASTICO N. 65 ISTITUTO COMPRENSIVO «SANTI BIVONA» Cntrada Sccrs s. n. c. - 92013 Menfi - (AG)

Dettagli

Allegato G Dichiarazione aiuti De Minimis. Avviso Pubblico START AND GO. Asse III Competitività Azione 3A PACCHETTO AGEVOLATIVO CREOPPORTUNITÀ

Allegato G Dichiarazione aiuti De Minimis. Avviso Pubblico START AND GO. Asse III Competitività Azione 3A PACCHETTO AGEVOLATIVO CREOPPORTUNITÀ Asse III Cmpetitività Azine 3A.3.5.1 PACCHETTO AGEVOLATIVO CREOPPORTUNITÀ Avvis Pubblic Allegat G Dichiarazine aiuti De Minimis Regine Basilicata Dipartiment Plitiche di Svilupp, Lavr, Frmazine e Ricerca

Dettagli

Parma Strada Corte Biondi, n 54-43124 (residenza) Ugento via XXV Aprile, 6-73050 (domicilio)

Parma Strada Corte Biondi, n 54-43124 (residenza) Ugento via XXV Aprile, 6-73050 (domicilio) CONSIGLIA MURA CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nme Indirizz Parma Strada Crte Bindi, n 54-43124 (residenza) Ugent via XXV Aprile, 6-73050 (dmicili) Nazinalità Italiana Lug e data di nascita Ugent

Dettagli

2015_11_28_069_Osservazioni_Cava_CdS - Pag. 1 a 5. Senago, 28 novembre 2015

2015_11_28_069_Osservazioni_Cava_CdS - Pag. 1 a 5. Senago, 28 novembre 2015 2015_11_28_069_Osservazini_Cava_CdS - Pag. 1 a 5 Senag, 28 nvembre 2015 Città Metrplitana di Milan pec: prtcll@pec.cittametrplitana.mi.it Area Pianificazine Territriale Generale, delle Reti Infrastrutturali

Dettagli

COMUNE DI VIGGIANO PROVINCIA DI POTENZA AREA: AREA F SPORTELLO SVILUPPO

COMUNE DI VIGGIANO PROVINCIA DI POTENZA AREA: AREA F SPORTELLO SVILUPPO COMUNE DI VIGGIANO PROVINCIA DI POTENZA AREA: AREA F SPORTELLO SVILUPPO DETERMINAZIONE N DetSet 00284/2017 del 12/10/2017 Respnsabile dell'area: SIMONA AULICINO Istruttre prpnente: SIMONA AULICINO OGGETTO:

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nme RAMPINI CINZIA Data di nascita 04121960 ESPERIENZA LAVORATIVA Date dal 1 marz 2015 a tutt ggi: Respnsabile

Dettagli

Verbale di deliberazione della GIUNTA dell Unione N. 01

Verbale di deliberazione della GIUNTA dell Unione N. 01 Regine Piemnte UNIONE MONTANA DEI DUE LAGHI Sede Legale: Via Balilla 22 Fr. Svazza 28011 ARMENO (NO) Sede perativa prvvisria uffici (Via De Angeli 35/A 28887 OMEGNA (VB) COPIA Verbale di deliberazine della

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE DI NUOVE IMPRESE E DI INNOVAZIONE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE DI NUOVE IMPRESE E DI INNOVAZIONE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE Legge reginale 20 gennai 2000, n. 1 (BUR n. 8/2000) [smmari] [RTF] INTERVENTI PER LA PROMOZIONE DI NUOVE IMPRESE E DI INNOVAZIONE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE Art. 1 - Finalità. 1. La Regine del Venet

Dettagli

Piero Pelizzaro Responsabile Cooperazione Internazionale Kyoto Club Unità Politiche di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Piero Pelizzaro Responsabile Cooperazione Internazionale Kyoto Club Unità Politiche di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Rma, 22 Nvembre 2012 Vers la Strategia Nazinale di Adattament. Respnsabilità di Gvern e cmpetenze dei territri. Vers la Strategia Nazinale di Adattament Respnsabilità di Gvern e cmpetenze dei territri.

Dettagli

ELENCO NUOVI ONERI AMMINISTRATIVI

ELENCO NUOVI ONERI AMMINISTRATIVI ELENCO NUOVI ONERI AMMINISTRATIVI Direzine 15 Istruzine, Frmazine prfessinale e Lavr Oneri aggiunti dal 20.04.2013 Dichiarazini de minimis per impresa unica: ad ggi dichiarazini per l impresa richiedente

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Azienda Reginale per il Diritt all Studi Universitari della Tscana Legge Reginale 26 lugli 2002, n. 32 e ss.mm. PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N 347/13 del 13/09/2013 Oggett: INCREMENTO DELLA PERCENTUALE

Dettagli

l indebitamento netto elaborato secondo le regole previste dal Sec 2010;

l indebitamento netto elaborato secondo le regole previste dal Sec 2010; NOTA METODOLOGICA 1 Le tavle della Ntifica sn state trasmesse alla Cmmissine Eurpea 2 l scrs 30 Settembre, in applicazine del Prtcll sulla Prcedura per i Disavanzi Eccessivi (PDE), anness al Trattat di

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE (PEG) 2016/2018 Sezione 2 Schede obiettivi con indicatori di performance

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE (PEG) 2016/2018 Sezione 2 Schede obiettivi con indicatori di performance COMUNE DI PEVERAGNO Prvincia di Cune Piazza Pietr Tselli n. 15 - Tel. 0171-337711 - Fax: 0171-339085 e-mail: prtcll@cmune.peveragn.cn.it p.e.c.: cmune.peveragn@legalmail.it PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Centr Direzinale di Napli isla F9 80143 NAPOLI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 35 del 16 DIC 2014 L ann 2014, il girn 16 del mese di Dicembre, in Napli nella sede dell A.R.SAN., il Direttre Generale

Dettagli

RELAZIONE DELL'ORGANO DI REVISIONE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE

RELAZIONE DELL'ORGANO DI REVISIONE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE Prvincia di Cremna RELAZIONE DELL'ORGANO DI REVISIONE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 1 Prvincia di Cremna Relazine dell'organ di revisine sul Bilanci di previsine 2016-2018 PROVINCIA

Dettagli

Comune di Clivio PARERE DELL'ORGANO DI REVISIONE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2017/2019

Comune di Clivio PARERE DELL'ORGANO DI REVISIONE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2017/2019 Cmune di Clivi PARERE DELL'ORGANO DI REVISIONE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2017/2019 1 Cmune di Clivi (VA) Parere dell'organ di revisine sul Bilanci di previsine 2016-2018 COMUNE DI CLIVIO

Dettagli

ASP OPUS CIVIUM Castelnovo di Sotto

ASP OPUS CIVIUM Castelnovo di Sotto Metd di rilevazine adttati per le previsini ed il Cntrll L ASP Opus Civium utilizza un sistema infrmativ che cntempla la tenuta sia della cntabilità generale che della cntabilità analitica per centri di

Dettagli

PROGETTO I - CAST Integrazione delle ICT nella catena del valore delle imprese del sistema Tessile Abbigliamento AVVISO

PROGETTO I - CAST Integrazione delle ICT nella catena del valore delle imprese del sistema Tessile Abbigliamento AVVISO PROGETTO I - CAST Integrazine delle ICT nella catena del valre delle imprese del sistema Tessile Abbigliament AVVISO Dispnibilità della piattafrma tecnlgica di scambi dcumentale Pagina 1 di 7 1. PREMESSA

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE DELLA U.O. GOVERNANCE E ISTITUZIONI nr. 980 del 5/6/2012

DECRETO DEL DIRETTORE DELLA U.O. GOVERNANCE E ISTITUZIONI nr. 980 del 5/6/2012 DECRETO DEL DIRETTORE DELLA U.O. GOVERNANCE E ISTITUZIONI nr. 980 del 5/6/2012 Determina a cntrarre cn Atahtels Executive l affidament dirett per l affitt e l utilizz dei servizi necessari alla realizzazine

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

MODULO PER PRIVATI (immobili di edilizia abitativa)*

MODULO PER PRIVATI (immobili di edilizia abitativa)* Md. - Privati LOGO DEL MODULO PER PRIVATI (immbili di edilizia abitativa)* Da cnsegnare al Cmune di cmpetenza entr il termine del 0 ttbre 0 N.B. ) Il presente mdul dvrà essere cmpilat dal sggett che ha

Dettagli

COMUNE DI SPERA Provincia di Trento

COMUNE DI SPERA Provincia di Trento Prvincia di rent Pag. 1 CONO DEL BILANCIO - PARE ENRAA ANNO 2013 cnservati e Determinazini da riprtare Maggiri Minri Entrate AVANZO COMPLESSIVO tale tale al 31 dicembre 1 0 1 1 AVANZO DI AMMINISRAZIONE

Dettagli

Il bilancio 2017/2019 per gli enti locali

Il bilancio 2017/2019 per gli enti locali Il bilancio 2017/2019 per gli enti locali 2017 auguri agli enti locali! (ne hanno bisogno) quadro normativo legge 28 dicembre 2015, n. 208 decreto-legge 30 dicembre 2015, n. 210 decreto-legge 24 giugno

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Azienda Reginale per il Diritt all Studi Universitari della Tscana Legge Reginale 26 lugli 2002, n. 32 e ss.mm. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 245/16 del 21/06/2016 Oggett: FINANZIAMENTO TIROCINI CURRICULARI

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Prvincia di Csenza REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Settembre 2003 ART. 1 Istituzine e sede 1. E istituita, press la Prvincia di Csenza, la Cnsulta

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010

Anno Accademico 2009/2010 Master di 1 Livell Inserit nell Offerta Frmativa Interreginale: ID 6840 Discipline ecnmic-statistiche e giuridiche Ann Accademic 2009/2010 SCIENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE In Sigla Master 43 1 TITOLO

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E

C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nme Nazinalità FALCINI FRANCO Italiana DATE (DA A) Principali mansini e respnsabilità Dal 7 aprile 2014 in crs Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AFFARI GENERALI, SERVIZI INFORMATIVI, POLIZIA PROVINCIALE SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AFFARI GENERALI, SERVIZI INFORMATIVI, POLIZIA PROVINCIALE SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI Determinazine n. 4821 del 29 ttbre 2013 PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AFFARI GENERALI, SERVIZI INFORMATIVI, POLIZIA PROVINCIALE SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI Prt. Generale N.

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIONE A FINANZIAMENTO DELLA QUOTA RISERVATA ALLA PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI DELLE COMUNITA'

CRITERI DI AMMISSIONE A FINANZIAMENTO DELLA QUOTA RISERVATA ALLA PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI DELLE COMUNITA' Allegat parte integrante Allegat n. 2 ALLEGATO N. 2 CRITERI DI AMMISSIONE A FINANZIAMENTO DELLA QUOTA RISERVATA ALLA PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI DELLE COMUNITA' La quta di risrse riservata alle Cmunità

Dettagli

Competenze di ARGEA Sardegna Organismo Pagatore

Competenze di ARGEA Sardegna Organismo Pagatore di ARGEA Sardegna Organism Pagatre Prgett per l istituzine dell Organism Pagatre Reginale 1 Servizi Audit e cntrll strategic (n. 2 Unità Organizzative) Audit Analisi delle attività e dei prcedimenti delle

Dettagli

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2014

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2014 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI BEDONIA Pag. 1 Indice SEZIONE 1 - IL BILANCIO 2014 IN SINTESI 1.1 - Il vincolo del patto di stabilità 1.2 - Le componenti del bilancio SEZIONE

Dettagli

Assessorato Politiche Giovanili. Presentazione attività. Piano Locale Giovani Città di Palermo. Periodo attuazione:

Assessorato Politiche Giovanili. Presentazione attività. Piano Locale Giovani Città di Palermo. Periodo attuazione: Assessrat Plitiche Givanili Presentazine attività Pian Lcale Givani Città di Palerm Perid attuazine: 2010 2011 Palerm 06-05-2010 SCHEDA PIANO LOCALE GIOVANI CITTA DI PALERMO Nell ambit dell Accrd Quadr

Dettagli

COMUNE DI PULA PROVINCIA DI CAGLIARI. Settore Servizi alle imprese e turismo DETERMINAZIONE N. 743 DEL 10/08/2015

COMUNE DI PULA PROVINCIA DI CAGLIARI. Settore Servizi alle imprese e turismo DETERMINAZIONE N. 743 DEL 10/08/2015 COMUNE DI PULA PROVINCIA DI CAGLIARI Settre Servizi alle imprese e turism Prpsta DT1SIT-100-2015 del 31/07/2015 DETERMINAZIONE N. 743 DEL 10/08/2015 OGGETTO: Aggirnament dell'applicazine per smartphne

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI MARACALAGONIS COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI DECRETO DEL SINDACO DECRETO N. in data 12 15/09/2017 OGGETTO: VALUTAZIONE DEI RESPONSABILI DEI SERVIZI, TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA PER L'ANNO 2016,

Dettagli

ATTO LA GIUNTA REGIONALE. - la Legge 8 0ttobre 2010 n.170 Nuove norme in materia di Disturbi Specifici di Apprendimento in ambito scolastico ;

ATTO LA GIUNTA REGIONALE. - la Legge 8 0ttobre 2010 n.170 Nuove norme in materia di Disturbi Specifici di Apprendimento in ambito scolastico ; OGGETTO : Indicazini attuative in materia dei Disturbi Specifici di Apprendiment (DSA) (DGR 1047/2011 ss.mm.ii.) N. 395 IN 27/03/2015 del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA DATA Richiamati LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO MARIE CURIE DIRITTO ED ECONONOMIA POLITICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO MARIE CURIE DIRITTO ED ECONONOMIA POLITICA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO MARIE CURIE DIRITTO ED ECONONOMIA POLITICA TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Prim bienni tecnic Materia: Diritt

Dettagli

La manovra 2016 e il nuovo saldo di competenza potenziata

La manovra 2016 e il nuovo saldo di competenza potenziata La manovra 2016 e il nuovo saldo di competenza potenziata Aggiornamento al 16 novembre 2015 a cura di IFEL - Dipartimento Finanza Locale Dal Patto al nuovo saldo di competenza potenziata: un anno di svolta?

Dettagli

AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE DI LODI

AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE DI LODI AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE DI LODI Sede: 26900 Ldi Piazza Ospitale, 10 C.F. e Partita I.V.A. 09322180960 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE USC/USS/Servizi prpnente Gestine Servizi Tecnic Lgistici Numer

Dettagli

PROGRAMMA DI TESORERIA TxW

PROGRAMMA DI TESORERIA TxW PROGRAMMA DI TESORERIA TxW PRESENTAZIONE Tesreria per Windws (TxW) L'attuale peratività delle aziende evidenzia in frma ricrrente, l'esigenza di disprre di un strument in grad di rislvere le prblematiche

Dettagli

n. 39 del 22 Luglio 2013 DECRETO n. 80 del

n. 39 del 22 Luglio 2013 DECRETO n. 80 del Regine Campania Cmmissari ad acta per la prsecuzine del Pian di rientr del settre sanitari (Deliberazine Cnsigli dei Ministri 23/4/2010) DECRETO n. 80 del 05.07.2013 OGGETTO: Attuazine del Decret Ministeriale

Dettagli

DIRIGENTI INDUSTRIALI CONFAPI C.C.N.L. 5 dicembre 2007

DIRIGENTI INDUSTRIALI CONFAPI C.C.N.L. 5 dicembre 2007 DIRIGENTI INDUSTRIALI CONFAPI C.C.N.L. 5 dicembre 2007 Sintesi cmmentata dei principali cntenuti dell accrd 1 DECORRENZA E DURATA Il C.C.N.L 5 dicembre 2007: - decrre dal 1 gennai 2008 e scade il 31 dicembre

Dettagli

ALOT - Agenzia della Lombardia Orientale per i Trasporti e la Logistica Società Consortile a Responsabilità Limitata AVVISO PUBBLICO

ALOT - Agenzia della Lombardia Orientale per i Trasporti e la Logistica Società Consortile a Responsabilità Limitata AVVISO PUBBLICO ALOT - Agenzia della Lmbardia Orientale per i Trasprti e la Lgistica Scietà Cnsrtile a Respnsabilità Limitata AVVISO PUBBLICO ALOT - Agenzia della Lmbardia Orientale per i Trasprti e la Lgistica è una

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro. Servizio Formazione

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro. Servizio Formazione Registr generale n. 4001 del 2011 Determina senza Impegn di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzine, Frmazine e Lavr Servizi Frmazine Oggett Frmazine e Lavr Nmina Cmmissine desame

Dettagli

AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE DI LODI

AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE DI LODI AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE DI LODI Sede: 26900 Ldi Via Fissiraga, 15 C.F. e Partita I.V.A. 09322180960 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE USC/USS/Servizi prpnente Gestine Frmazine e Svilupp Risrse Umane

Dettagli

Notizie Lavoro Flash. Notiziario quindicinale a cura dell Ufficio Politiche Contrattuali e del Lavoro. Protocollo n. 467.

Notizie Lavoro Flash. Notiziario quindicinale a cura dell Ufficio Politiche Contrattuali e del Lavoro. Protocollo n. 467. Ntizie Lavr Flash Ntiziari quindicinale a cura dell Uffici Plitiche Cntrattuali e del Lavr Prtcll n. 467.11/15 EM/ac Rma, 6 febbrai 2015 Numer 3/2015 Smmari CIRCOLARE INPS N. 17 DEL 29 GENNAIO 2015 Oggett:

Dettagli

INDICE DEI PROSPETTI. Entrate da accensione prestiti - esercizio 2014 pag. 2. Spese correnti e rimborso di prestiti - esercizio 2014 pag.

INDICE DEI PROSPETTI. Entrate da accensione prestiti - esercizio 2014 pag. 2. Spese correnti e rimborso di prestiti - esercizio 2014 pag. INDICE DEI PROSPETTI ALLEGATO 1 AL BILANCIO FINANZIARIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE 2014/2016 Entrate da accensione prestiti - esercizio 2014 pag. 2 Spese correnti e rimborso di prestiti - esercizio 2014

Dettagli

DETERMINA DIRIGENZIALE N. 2 DEL 19/05/2016

DETERMINA DIRIGENZIALE N. 2 DEL 19/05/2016 COPIA Settre SERVIZIO DI STAFF E SUPPORTO Uffici: SEGRETARIO GENERALE N.Reg. Generale 759 Del 20/05/2016 DETERMINA DIRIGENZIALE N. 2 DEL 19/05/2016 OGGETTO: Deliberazine n. 136 del 25 settembre 2015 -

Dettagli

DECRETO N Del 30/09/2016

DECRETO N Del 30/09/2016 DECRETO N. 9556 Del 30/09/2016 Identificativ Att n. 5415 PRESIDENZA Oggett ATTIVAZIONE CACCIA ALLA FAUNA TIPICA ALPINA PER LA STAGIONE VENATORIA 2016/2017 UTR INSUBRIA COMO L'att si cmpne di pagine di

Dettagli

La gestione amministrativo contabile del personale

La gestione amministrativo contabile del personale La gestine amministrativ cntabile del persnale CAMERE DI COMMERCIO Blgna, Unine Reginale delle Camere di Cmmerci dell Emilia Rmagna Lunedì 13 febbrai 2012 1 LA STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE DOPO IL CCNL

Dettagli