Libro bianco sul degrado edilizio e sociale delle città calabresi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Libro bianco sul degrado edilizio e sociale delle città calabresi"

Transcript

1 Libro bianco sul degrado edilizio e sociale delle città calabresi a cura del consigliere regionale Carlo Guccione

2 INDICE 1. Premessa 2. Le città calabresi 2.1 Catanzaro 2.2 Cosenza 2.3 Reggio Calabria 2.4 Crotone 2.5 Vibo Valentia 3. Dati di sintesi: Indicatori di degrado Sociale ed Edilizio

3 Il Libro Bianco sul degrado edilizio e sociale delle città calabresi capoluogo di provincia, con un focus dettagliato sui quartieri di Cosenza, utilizza dati e parametri che il Consiglio dei Ministri ha usato per elaborare i criteri del bando Interventi per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate. Uno studio statistico che si è avvalso degli ultimi aggiornamenti forniti dall Istat. Una fonte autorevole in grado di fotografare lo stato del degrado sociale e urbanistico delle città capoluogo di provincia e mostrare le disparità e le differenze sostanziali tra i vari quartieri di Cosenza. L analisi dei dati selezionati delle cinque città capoluogo di provincia è solo la prima tappa di un programma che costituisce la base per una serie di interventi e azioni innovative e concrete, mirate a un utilizzazione virtuosa dei fondi comunitari, nazionali e regionali. La strategia della Commissione Europea (Europa 2020) si concentra sulla lotta alla povertà e alla esclusione sociale, fissando l obiettivo ambizioso di ridurre di 20 milioni, entro il 2020, il numero di persone in condizioni di disagio sociale ed economico. L UE ha stabilito che il 20% delle risorse del Fondo sociale europeo per ogni Stato membro venga destinato a questo obiettivo prioritario e strategico: inclusione sociale; riduzione del numero di persone che vivono sotto la soglia della povertà; realizzazione di una rete di inclusione sociale facilmente accessibile; misure di contrasto alla marginalità sociale e al disagio abitativo attraverso interventi di social housing; coesione e integrazione per i soggetti fruitori di edilizia sociale e di politiche del lavoro; politiche di inclusione sociale e nuove politiche dell abitare emerse dopo l esplosione della crisi finanziaria che ha determinato, per una larga fetta della società, l impossibilità di accedere al mercato immobiliare tradizionale; sviluppo dell impresa sociale per implementare la promozione e la gestione di attività di contrasto alla segregazione sociale, favorendo l aggregazione giovanile, il contrasto all abbandono scolastico, servizi di co-working, servizi per il lavoro, creazione di imprese per l accesso al credito, spazi (nonno-nipote) per l infanzia, centri per la terza età e servizi socio-sanitari e ambulatoriali di prossimità. E necessario elaborare una strategia che favorisca la riqualificazione dei quartieri periferici attraverso l utilizzo di risorse pubbliche e private, recuperando non solo la qualità urbanistica dell abitare ma, contestualmente, mettendo in atto politiche di inclusione sociale e del lavoro al fine di migliorare i servizi per anziani, giovani e le categorie sociali più deboli. A tal fine occorre elaborare un modello operativo (nel rispetto del principio del consumo zero di suolo) in grado di prevedere lo sviluppo di progetti innovativi, sperimentali e dimostrativi almeno in un quartiere per ognuna delle cinque città capoluogo calabresi. Le nostre città hanno bisogno di una Governance and social investment pubblico-privato utilizzando gli investimenti previsti dal POR , dal PON Inclusione (Programma operativo nazionale), dai programmi di edilizia sociale esistente (legge regionale 36/2008), dai fondi del Patto per la Calabria, dai fondi nazionali per la riqualificazione delle periferie delle città capoluogo di provincia e dalle risorse nazionali destinate alle politiche della casa.

4 2.1 Catanzaro Vista prospettica

5 Comune di catanzaro Dati Elementari Variabile Codice variabile Comune di catanzaro ITALIA Popolazione residente - totale P P appartenente alle forze di lavoro totale P occupata (FL) Popolazione residente - totale fino a 24 anni P P Popolazione residente - totale di 25 anni e più P Popolazione residente con laurea vecchio e nuovo P ordinamento + diplomi universitari + diplomi terziari di tipo non universitario vecchio e nuovo ordinamento Popolazione residente con diploma di scuola P secondaria superiore (maturità + qualifica) Edifici ad uso residenziale E conservazione mediocre conservazione pessimo E E Indicatori Comune di catanzaro Italia Tasso di disoccupazione Tasso di occupazione Tasso di concentrazione giovanile Tasso di scolarizzazione Indice di degrado edilizio 16,3 16,3 11,4 39,0 39,0 45,0 25,5 25,5 24,0 66,4 66,4 51,4 0,25 0,25 0,17 IDS IDE Intero comune di catanzaro 1,76 1,76 1,48 1,48

6 2.2 Cosenza Vista prospettica

7 Comune di cosenza Dati Elementari Variabile Codice variabile Comune di cosenza ITALIA Popolazione residente - totale P P appartenente alle forze di lavoro totale P occupata (FL) Popolazione residente - totale fino a 24 anni P P Popolazione residente - totale di 25 anni e più P Popolazione residente con laurea vecchio e nuovo P ordinamento + diplomi universitari + diplomi terziari di tipo non universitario vecchio e nuovo ordinamento Popolazione residente con diploma di scuola P secondaria superiore (maturità + qualifica) Edifici ad uso residenziale E conservazione mediocre conservazione pessimo E E Indicatori Comune di cosenza Italia Tasso di disoccupazione Tasso di occupazione Tasso di concentrazione giovanile Tasso di scolarizzazione Indice di degrado edilizio 19,3 19,3 11,4 37,1 37,1 45,0 22,0 22,0 24,0 64,4 64,4 51,4 0,42 0,42 0,17 IDS IDE Intero comune di cosenza 3,27 3,27 2,48 2,48

8 2.3 Reggio Calabria Vista prospettica

9 Comune di reggio di calabria Dati Elementari Variabile Codice variabile Comune di reggio di calabria ITALIA Popolazione residente - totale P P appartenente alle forze di lavoro totale P occupata (FL) Popolazione residente - totale fino a 24 anni P P Popolazione residente - totale di 25 anni e più P Popolazione residente con laurea vecchio e nuovo P ordinamento + diplomi universitari + diplomi terziari di tipo non universitario vecchio e nuovo ordinamento Popolazione residente con diploma di scuola P secondaria superiore (maturità + qualifica) Edifici ad uso residenziale E conservazione mediocre conservazione pessimo E E Indicatori Tasso di disoccupazione Tasso di occupazione Tasso di concentrazione giovanile Tasso di scolarizzazione Indice di degrado edilizio Comune di reggio di calabria Italia 22,4 22,4 11,4 36,6 36,6 45,0 25,9 25,9 24,0 67,1 67,1 51,4 0,40 0,40 0,17 IDS IDE Intero comune di reggio di calabria 4,85 4,85 2,37 2,37

10 2.4 Crotone Vista prospettica

11 Comune di crotone Dati Elementari Variabile Codice variabile Comune di crotone ITALIA Popolazione residente - totale P P appartenente alle forze di lavoro totale P occupata (FL) Popolazione residente - totale fino a 24 anni P P Popolazione residente - totale di 25 anni e più P Popolazione residente con laurea vecchio e nuovo P ordinamento + diplomi universitari + diplomi terziari di tipo non universitario vecchio e nuovo ordinamento Popolazione residente con diploma di scuola P secondaria superiore (maturità + qualifica) Edifici ad uso residenziale E conservazione mediocre conservazione pessimo E E Indicatori Comune di crotone Italia Tasso di disoccupazione Tasso di occupazione Tasso di concentrazione giovanile Tasso di scolarizzazione Indice di degrado edilizio 23,2 23,2 11,4 36,0 36,0 45,0 29,6 29,6 24,0 59,0 59,0 51,4 0,18 0,18 0,17 IDS IDE Intero comune di crotone 7,12 7,12 1,05 1,05

12 2.5 Vibo Valentia Vista prospettica

13 Comune di vibo valentia Dati Elementari Variabile Codice variabile Comune di vibo valentia ITALIA Popolazione residente - totale P P appartenente alle forze di lavoro totale P occupata (FL) Popolazione residente - totale fino a 24 anni P P Popolazione residente - totale di 25 anni e più P Popolazione residente con laurea vecchio e nuovo P ordinamento + diplomi universitari + diplomi terziari di tipo non universitario vecchio e nuovo ordinamento Popolazione residente con diploma di scuola P secondaria superiore (maturità + qualifica) Edifici ad uso residenziale E conservazione mediocre conservazione pessimo E E Indicatori Tasso di disoccupazione Tasso di occupazione Tasso di concentrazione giovanile Tasso di scolarizzazione Indice di degrado edilizio Comune di vibo valentia Italia 15,3 15,3 11,4 38,5 38,5 45,0 26,8 26,8 24,0 65,5 65,5 51,4 0,32 0,32 0,17 IDS IDE Intero comune di vibo valentia 1,83 1,83 1,89 1,89

14 3. ANALISI DEGLI INDICATORI EDILIZI E SOCIALI NELLE CINQUE CITTA CAPOLUOGO DI REGIONE (fonte ISTAT) Parametri utilizzati nel bando pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 249 del 26 ottobre Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 15 ottobre 2015: "Interventi per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate". TASSO DI DISOCCUPAZIONE In economia e statistica il tasso di disoccupazione è un indicatore del mercato del lavoro e tra i principali indicatori di congiuntura economica. La media nazionale è pari a 11. Emergono variazioni sostanziali tra il tasso di disoccupazione delle città calabresi capoluogo di provincia: Crotone (23.20); Reggio Calabria (22.4); Cosenza (19.3) Catanzaro (16.3) e Vibo Valentia (15.3). TASSO DI OCCUPAZIONE La media nazionale è pari a 45. In Calabria Crotone si ferma a 36; Reggio Calabria a 36.6; Cosenza a 37.1; Catanzaro e 39 e Vibo Valentia a TASSO DI CONCENTRAZIONE GIOVANILE Il tasso di concentrazione giovanile a Crotone raggiunge il 29.6; a Vibo Valentia il 26.8; a Reggio Calabria il 25.90; a Catanzaro il 25.5, a Cosenza il TASSO DI SCOLARIZZAZIONE Il tasso di scolarizzazione delle cinque città calabresi capoluogo di provincia: Crotone (59); Vibo Valentia (65.5); Reggio Calabria (67.1); Catanzaro (66.4); Cosenza (64.4). INDICE DI DEGRADO EDILIZIO L'indice di degrado edilizio delle cinque città calabresi capoluogo di provincia: Cosenza (42%); Reggio Calabria (40%); Vibo Valentia (32%), Catanzaro (25%) e Crotone (18%).

15 INDICE DI DEGRADO SOCIALE L'indice di degrado sociale delle cinque città calabresi capoluogo di provincia: Crotone (7.12); Reggio Calabria (4.85); Cosenza (3.27); Vibo Valentia (1.83); Catanzaro (1.76).

16 Città Tasso di disoccupazione Tabella di Sintesi degli indicatori sociali ed edilizi tasso di occupazione tasso di concentrazione giovanile tasso di scolarizzazione indice di degrado edilizio Cosenza 19,3 37, ,4 0,42 3,27 2,48 Catanzaro 16, ,5 66,4 0,25 1,76 1,48 Reggio calabria 22,4 36,6 25,9 67,1 0,4 4,85 2,37 Crotone 23, ,6 59 0,18 7,12 1,05 Vibo Valentia 15,3 38,5 26,8 65,5 0,32 1,83 1,89 Italia ,4 0,17 (fonte censimento ISTAT ) parametri utilizati anche nel bando pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 249 del 26 ottobre Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 15 ottobre 2015 recante "Interventi per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate". IDS IDE

17 75 INDICI DI CONDIZIONE SOCIALE - CITTA' CALABRESI Cosenza Catanzaro Reggio calabria Crotone Vibo Valentia Italia Tasso di disoccupazione tasso di occupazione tasso di concentrazione giovanile tasso di scolarizzazione

18 0,45 Città Calabresi - indice di degrado edilizio 0,4 0,35 0,3 0,25 0,2 0,15 0,1 0,05 0 Cosenza Catanzaro Reggio calabria Crotone Vibo Valentia Italia indice di degrado edilizio

19 8 7 IDS IDE IDS indice di degrado sociale e IDE indice di degrado edilizio Città calabresi Cosenza Catanzaro Reggio calabria Crotone Vibo Valentia

PIANO NAZIONALE PER LA RIQUALIFICAZIONE SOCIALE E CULTURALE DELLE AREE URBANE DEGRADATE. COMUNE DI CORIGLIANO CALABRO Scheda Progetto

PIANO NAZIONALE PER LA RIQUALIFICAZIONE SOCIALE E CULTURALE DELLE AREE URBANE DEGRADATE. COMUNE DI CORIGLIANO CALABRO Scheda Progetto PIANO NAZIONALE PER LA RIQUALIFICAZIONE SOCIALE E CULTURALE DELLE AREE URBANE DEGRADATE COMUNE DI CORIGLIANO CALABRO Scheda Progetto Piano Nazionale per la Riqualificazione sociale e culturale delle aree

Dettagli

XXXVI CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI

XXXVI CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI XXXVI CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI MISURE DI CONTRASTO AL FENOMENO DELLA SEGREGAZIONE SOCIALE IN AREA URBANA: ANALISI DEI PRIMI RISULTATI DI UN PROGETTO PILOTA IN CALABRIA Sergio Bruni, Mariatiziana

Dettagli

Politica di Coesione dell UE Francesca Michielin Commissione Europea, Direzione Politiche Regionali

Politica di Coesione dell UE Francesca Michielin Commissione Europea, Direzione Politiche Regionali di Coesione dell UE 2014 2020 Francesca Michielin Commissione Europea, Direzione Politiche Regionali 1 PIL/procapite* < 75% media UE 75-90% > 90% *index EU27=100 Canarias Guyane Réunion Guadeloupe/ Martinique

Dettagli

Rapporto Urbes 2015 Il Benessere equo e sostenibile nelle città Adolfo Morrone, Marco Ricci, Miria Savioli

Rapporto Urbes 2015 Il Benessere equo e sostenibile nelle città Adolfo Morrone, Marco Ricci, Miria Savioli Rapporto Urbes 2015 Il Benessere equo e sostenibile nelle città Adolfo Morrone, Marco Ricci, Miria Savioli www.misuredelbenessere.it Forum PA 2015 Seminario su «La misurazione del benessere e della smartness:

Dettagli

17. Le province della Calabria

17. Le province della Calabria 17. Le province della Calabria Assemblea Annuale Upi 2014 Pag. 127 di 157 17 Le province della Calabria 17.1 Analisi generale della regione Calabria L andamento della popolazione residente in Calabria

Dettagli

ELEZIONE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA

ELEZIONE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA DELLA PROvINCIA DI CATANZARO Catanzaro, addì 12 marzo 2013 (Reppucci) DELLA PROvINCIA DI REGGIO CALABRIA Reggio Calabria, addì 12 marzo 2013 (Piscitelli) DELLA PROvINCIA DI CROTONE Crotone, addì 12 marzo

Dettagli

PILASTRI DELLA POLITICA

PILASTRI DELLA POLITICA PILASTRI DELLA POLITICA DI SOSTEGNO EUROPEA STRATEGIA DI LISBONA 13.12.2007 firma del Trattato di Lisbona 1.12.2009 entrata in vigore del Trattato che modifica il Trattato sull UE e del Trattato che istituisce

Dettagli

EDILIZIA SOCIALE ED EFFICIENZA ENERGETICA. 7 aprile 2016 Urban Center Bologna

EDILIZIA SOCIALE ED EFFICIENZA ENERGETICA. 7 aprile 2016 Urban Center Bologna EDILIZIA SOCIALE ED EFFICIENZA ENERGETICA 7 aprile 2016 Urban Center Bologna EDILIZIA SOCIALE ED EFFICIENZA ENERGETICA 2 à EFFICIENTAMENTO PATRIMONIO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Epoca di costruzione (anni)

Dettagli

L area metropolitana di Firenze Statistiche territoriali, demografiche, economiche

L area metropolitana di Firenze Statistiche territoriali, demografiche, economiche L area metropolitana di Firenze Statistiche territoriali, demografiche, economiche Analisi territoriale Elisa Bacci e Tiziana Scatena Palazzo Medici Riccardi - Sala di Luca Giordano 25 gennaio 2017 INDICE

Dettagli

Giovani e crisi in provincia di Cuneo

Giovani e crisi in provincia di Cuneo IRES PIEMONTE SEMINARIO GIOVANI E CRISI ECONOMICA IN PIEMONTE Giovani e crisi in provincia di Cuneo Torino, 15 dicembre 2011 Fondazione CRC e crisi: quali informazioni Dossier periodici sulla situazione

Dettagli

I dati dell occupazione e della disoccupazione per la Provincia di Monza e della Brianza

I dati dell occupazione e della disoccupazione per la Provincia di Monza e della Brianza 2013 11 I dati dell occupazione e della disoccupazione per la Provincia di Monza e della Brianza 2010-2012 2012 L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una

Dettagli

Programma di formazione per i docenti dei Licei delle Scienze Umane Le principali statistiche sul mercato del lavo

Programma di formazione per i docenti dei Licei delle Scienze Umane Le principali statistiche sul mercato del lavo Programma di formazione per i docenti dei Licei delle Scienze Umane Le principali statistiche sul mercato del lavo Maurizio Sorcioni Staff di statistica studi e ricerche - Italia Lavoro Argomenti trattati

Dettagli

Servizi integrati per l abitare sostenibile e solidale

Servizi integrati per l abitare sostenibile e solidale Servizi integrati per l abitare sostenibile e solidale Perché un agenzia per la casa? Obiettivo di mandato: un piano straordinario contro il disagio abitativo da realizzarsi con la collaborazione di tutte

Dettagli

Regione Calabria - D.M. 10 aprile 2013

Regione Calabria - D.M. 10 aprile 2013 Regione Calabria - D.M. 10 aprile 2013 Zone Franche Urbane (ZFU) Codici Sezioni Censuarie 2001 Corigliano Calabro 1 Corigliano Calabro 2 Corigliano Calabro 3 Corigliano Calabro 4 Corigliano Calabro 5 Corigliano

Dettagli

L IMPORTANZA DI ESSERE EUROPA 28 STATI, UNA REALTÀ

L IMPORTANZA DI ESSERE EUROPA 28 STATI, UNA REALTÀ L IMPORTANZA DI ESSERE EUROPA 28 STATI, UNA REALTÀ POLITICA DI COESIONE STORIA L Unione europea (UE) comprende 28 Stati membri che costituiscono una comunità e un mercato unico di 503 milioni di cittadini.

Dettagli

SPAZIO, TEMPO, GENERI PER LA QUALITA DELLA VITA. Bergamo: esperienza di pianificazione integrata degli spazi e dei tempi della città

SPAZIO, TEMPO, GENERI PER LA QUALITA DELLA VITA. Bergamo: esperienza di pianificazione integrata degli spazi e dei tempi della città SPAZIO, TEMPO, GENERI PER LA QUALITA DELLA VITA Bergamo: esperienza di pianificazione integrata degli spazi e dei tempi della città Teatro Margherita di Bari 18 marzo 2013 Bergamo: nodo di un sistema urbano

Dettagli

La nuova programmazione

La nuova programmazione Programmazione Fondi Europei Quadro Strategico Comunitario 2014- La nuova programmazione 2014- Percorso di Confronto Partenariale Lunedì 5 maggio 2014 Sala Belli 1 Strategia Europa Verso nuove opportunità

Dettagli

Statistiche sul Lavoro nelle Aree Metropolitane

Statistiche sul Lavoro nelle Aree Metropolitane 8 Conferenza Nazionale di Statistica 28-29/11/06 Statistiche sul Lavoro nelle Aree Metropolitane Presentazione a cura di: Clementina Villani PERCHE IL PROGETTO SLAM? Per realizzare un analisi comparata

Dettagli

«AbilityAmo» Roma, Città Metropolitana

«AbilityAmo» Roma, Città Metropolitana «AbilityAmo» Roma, Città Metropolitana Un idea di collaborazione per un turismo accessibile, ma non solo turismo. Dr. Vladimyr Martelli La Commissione Europea ha adottato il 14 luglio 2015 il Programma

Dettagli

INDICATORI DI FABBISOGNO

INDICATORI DI FABBISOGNO Ragioneria Generale I Direzione Sistemi informativi di pianificazione e controllo finanziario U.O. Statistica INDICATORI DI FABBISOGNO Valutazione delle condizioni esterne nei municipi Indice Asili nido...

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri FAQ del 23 giugno 2016 In riferimento all Art. 3 comma 2) del bando ed all art. 7: l attuazione di progetti infrastrutturali anche da parte di soggetti privati e la loro eventuale partecipazione al finanziamento

Dettagli

ENERGIA, SOCIAL HOUSING, RIQUALIFICAZIONE:

ENERGIA, SOCIAL HOUSING, RIQUALIFICAZIONE: ENERGIA, SOCIAL HOUSING, RIQUALIFICAZIONE: LE BUONE PRATICHE DI FOSSANO Francesco Balocco Sindaco TELERISCALDAMENTO CENTRALE DI COGENERAZIONE PRESSO STABILIMENTO MICHELIN VANTAGGIO PER L AZIENDA (CONSERVAZIONE

Dettagli

Bando Distretti dell Attrattività

Bando Distretti dell Attrattività Bando Distretti dell Attrattività MISURA B per la realizzazione! di iniziative di area vasta! www.confcommerciolombardia.it @confcommerciolo Facebook.com/confcommerciolombardia Cosa sono i Distretti dell

Dettagli

SETTORE ISTRUZIONE, SPORT, POLITICHE GIOVANILI E COMUNICAZIONE

SETTORE ISTRUZIONE, SPORT, POLITICHE GIOVANILI E COMUNICAZIONE SETTORE ISTRUZIONE, SPORT, POLITICHE GIOVANILI E COMUNICAZIONE Asili nido Scuola materna 12.860,00 11.034,04 85 11.034,04 5.285,10 47 tempestivi Istruzione elementare 20.400,00 18.323,63 89 18.323,63 8.488,24

Dettagli

CGIL SPI FILLEA SUNIA LEGAMBIENTE PIU CASE IN AFFITTO: UN PROGRAMMA POSSIBILE

CGIL SPI FILLEA SUNIA LEGAMBIENTE PIU CASE IN AFFITTO: UN PROGRAMMA POSSIBILE CGIL SPI FILLEA SUNIA LEGAMBIENTE PIU CASE IN AFFITTO: UN PROGRAMMA POSSIBILE PREMESSA IL PROGRAMMA PIU CASE IN AFFITTO VUOLE RISPONDERE: AD UN PROBLEMA SOCIALE PRIMARIO AL BISOGNO DI CITTA SOSTENIBILI

Dettagli

Occupazione - Disoccupazione

Occupazione - Disoccupazione Occupazione - Disoccupazione I dati sugli ultimi 10 anni (fonte ISTAT) Elaborazione grafica a cura Paolo Peluso Segretario Organizzativo CGIL Taranto con delega al Mercato del Lavoro TARANTO Tasso di disoccupazione

Dettagli

Popolazione

Popolazione Popolazione 2011 109.193 Maschi 51.292 Rispetto al 2001 la popolazione ternana è cresciuta del 4%. Femmine 57.901 Densità/Km 2 515,3 Italia 51,6 % 48,4 % Maschi 2001 53,0% 47,0% Femmine 47,5% 52,5% Popolazione

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITA CONVEGNO E PROCEDURE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE: Conto termico, Fondi Kyoto e CAM Edilizia

NUOVE OPPORTUNITA CONVEGNO E PROCEDURE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE: Conto termico, Fondi Kyoto e CAM Edilizia NUOVE OPPORTUNITA E PROCEDURE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE: Conto termico, Fondi Kyoto e CAM Edilizia 16 GIUGNO 2016 l SALA DELLE GRIDA I GENOVA La riqualificazione degli edifici esistenti quale opportunità

Dettagli

Osservatorio sul Sommerso. Terzo Rapporto su Economia Sommersa e Lavoro non Regolare in Calabria

Osservatorio sul Sommerso. Terzo Rapporto su Economia Sommersa e Lavoro non Regolare in Calabria Osservatorio sul Sommerso Terzo Rapporto su Economia Sommersa e Lavoro non Regolare in Calabria Il Rapporto è: Un analisi multidimensionale del sommerso calabrese Nuovo approccio teorico al sommerso Risorsa

Dettagli

Scheda di Sintesi Intervento

Scheda di Sintesi Intervento COMUNE DI CASERTA DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO ALLEGATO 5) Scheda di Sintesi Intervento Codice dell intervento : HS 2.4 SEZIONE I: IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO TITOLO PROGETTO: PROGRAMMA REGIONALE

Dettagli

I risultati del 15 censimento nella provincia di della popolazione e delle abitazioni nella provincia di Catania

I risultati del 15 censimento nella provincia di della popolazione e delle abitazioni nella provincia di Catania I risultati del 15 censimento nella provincia di della popolazione e delle abitazioni nella provincia di Catania Rosario Milazzo Catania, 22 ottobre 2014 Indice 1. La struttura demografica 2. Gli stranieri

Dettagli

IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE:

IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE: IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNALI ED INTERVENTI AMMISSIBILI BARI 22 FEBBRAIO 2013 Arch. Giacomo Losapio Dirigente Ripartizione Tecnica

Dettagli

NUOVI TRATTI DELLA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: LA FASCIA GRIGIA. ATTORI E STRUMENTI OPERATIVI. Torino, 4 febbraio 2010

NUOVI TRATTI DELLA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: LA FASCIA GRIGIA. ATTORI E STRUMENTI OPERATIVI. Torino, 4 febbraio 2010 NUOVI TRATTI DELLA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: LA FASCIA GRIGIA. ATTORI E STRUMENTI OPERATIVI Torino, 4 febbraio 2010 LA QUESTIONE ABITATIVA IN ITALIA: FRENO ALLO SVILUPPO DISTORSIONE DEL MERCATO DELLE

Dettagli

Fondi di sostegno ai genitori

Fondi di sostegno ai genitori Bari 7 maggio 2015 Fondi di sostegno ai genitori Francesca Zampano Servizio Politiche di Benessere sociale e pari opportunità Regione Puglia Programma Introduce e coordina i lavori Serenella Molendini,

Dettagli

Smart Pisa. BUILDING Ridurre i consumi e riqualificare il costruito Obiettivi, strategie e piani del Comune di Pisa

Smart Pisa. BUILDING Ridurre i consumi e riqualificare il costruito Obiettivi, strategie e piani del Comune di Pisa Smart Pisa BUILDING Ridurre i consumi e riqualificare il costruito Obiettivi, strategie e piani del Comune di Pisa Ylenia Zambito Assessore all'urbanistica Recupero e Riuso del Patrimonio Edilizio Esistente

Dettagli

Il riutilizzo dei beni confiscati

Il riutilizzo dei beni confiscati Progetto PON Sicurezza 2007-2013 I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento della criminalità all impiego di

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT FEBBRAIO 2012 LIVELLO EUROPEO

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT FEBBRAIO 2012 LIVELLO EUROPEO NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT FEBBRAIO LIVELLO EUROPEO BENEFICIARI DESCRIZIONE SINTETICA DEL BANDO TERMINI DI PRESENTAZIONE Tutti i soggetti giuridici stabiliti negli Stati membri

Dettagli

Modena 21 e 22 maggio Dati di sintesi sul collocamento mirato. Aggiornamento al 31/12/2007 Asse inclusione sociale

Modena 21 e 22 maggio Dati di sintesi sul collocamento mirato. Aggiornamento al 31/12/2007 Asse inclusione sociale Modena 21 e 22 maggio 2008 Dati di sintesi sul collocamento mirato Aggiornamento al 31/12/2007 Asse inclusione sociale DATI DI SINTESI SUL COLLOCAMENTO MIRATO AGGIORNAMENTO AL 31/12/2007 Nelle tavole che

Dettagli

Revisione degli indicatori di realizzazione e di risultato approvata dal CdS. PON FESR Ambienti per l apprendimento

Revisione degli indicatori di realizzazione e di risultato approvata dal CdS. PON FESR Ambienti per l apprendimento Revisione degli indicatori di realizzazione e di risultato approvata dal CdS Nota apertura procedura scritta: Prot./AOODGAI/3694 del 20 marzo 2012 Nota chiusura procedura scritta: Prot./AOODGAI/6117 dell

Dettagli

PREMIO NAZIONALE COMUNI VIRTUOSI

PREMIO NAZIONALE COMUNI VIRTUOSI ENTE LOCALEPROMOTORE: COMUNE DI CASTEL DEL GIUDICE (IS) Castel del Giudice è un comune dell Alto Molise e teatro di un laboratorio sociale ed economico dove si sperimentano pratiche innovative di gestione

Dettagli

DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE POLITICHE DI WELFARE REGIONALE, PER LA FAMIGLIA E CULTURA DELLA LEGALITA' GARVIN PAOLA

DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE POLITICHE DI WELFARE REGIONALE, PER LA FAMIGLIA E CULTURA DELLA LEGALITA' GARVIN PAOLA REGIONE TOSCANA DIREZIONE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE POLITICHE DI WELFARE REGIONALE, PER LA FAMIGLIA E CULTURA DELLA LEGALITA' Il Dirigente Responsabile: GARVIN PAOLA Decreto soggetto

Dettagli

Programma Operativo Regionale Campania FESR Carlo Neri

Programma Operativo Regionale Campania FESR Carlo Neri Programma Operativo Regionale Campania FESR 2007-2013 Carlo Neri Il Programma Operativo FESR si articola in: 7 Assi di intervento (di cui 5 settoriali, 1 territoriale e 1 di assistenza tecnica) 17 Obiettivi

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL POR FSE

LA VALUTAZIONE DEL POR FSE LA VALUTAZIONE DEL POR FSE 2014-2020 Presentazione al Comitato di Sorveglianza FSE Trieste, 25 maggio 2016 La Valutazione La Valutazione si inserisce a pieno titolo nel ciclo della programmazione Finalità

Dettagli

GLI OBIETTIVI DEL GENDER AUDIT

GLI OBIETTIVI DEL GENDER AUDIT DEFINIZIONI L analisi di genere dei bilanci pubblici è un insieme di processi e di metodologie che valuta l impatto delle politiche economiche su uomini e donne, in un ottica di genere. Le politiche economiche

Dettagli

Indice delle tavole e dei grafici

Indice delle tavole e dei grafici INDICI DELLE TAVOLE E DEI GRAFICI Indice delle tavole 1. DEMOGRAFIA Tav.1 - TASSI DI NATALITA' E DI MORTALITA' NELLA PROVINCIA DI BIELLA, IN PIEMONTE ED IN ITALIA 2 Tav.2 - POPOLAZIONE RESIDENTE NELLA

Dettagli

Presentazione del proprio curriculum vitae.

Presentazione del proprio curriculum vitae. Luciano Raso Obiettivi Presentazione del proprio curriculum vitae. Esperienze professionali e Titoli 2014 Nomina di componente del Gruppo di lavoro per individuare un gruppo di esperti di Settore da estrarre

Dettagli

Incontri con gli studenti sulle principali funzioni della Banca d Italia

Incontri con gli studenti sulle principali funzioni della Banca d Italia Incontri con gli studenti sulle principali funzioni della Banca d Italia Università Kore Enna, aprile - maggio 2016 L economia siciliana e la lunga crisi Giuseppe Ciaccio Divisione Analisi e ricerca economica

Dettagli

CAMERA DEL LAVORO MACROAREA LUCERA-MONTI DAUNI OSSERVAZIONI AL P.U.G. DI LUCERA

CAMERA DEL LAVORO MACROAREA LUCERA-MONTI DAUNI OSSERVAZIONI AL P.U.G. DI LUCERA OSSERVAZIONI AL P.U.G. DI LUCERA La Camera del Lavoro CGIL Macro Area Lucera Monti Dauni, allo scopo di favorire un ampio e costruttivo dibattito e, per il tramite dello stesso, il perseguimento dell interesse

Dettagli

Sistema Informativo Demografico. Scenari e previsioni per il territorio italiano

Sistema Informativo Demografico. Scenari e previsioni per il territorio italiano Sistema Informativo Demografico Scenari e previsioni per il territorio italiano Il risultato di quindici anni di esperienza nella definizione di scenari socio-demografici a supporto della pianificazione

Dettagli

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Novembre 2014 INDICE della MAPPA INDICATORI 1 Contesto... 2 1.1 Popolazione scolastica... 2 1.2 Territorio e capitale sociale... 3 1.3 Risorse economiche

Dettagli

Piano degli indicatori di bilancio

Piano degli indicatori di bilancio Bilancio di previsione esercizi: 27, 28 e 29, approvato il null Indicatori analitici concernenti la composizione delle spese per e programmi e la capacità dell'amministrazione di pagare i debiti negli

Dettagli

Programmazione 2014-2020

Programmazione 2014-2020 Centro di Iniziativa per l Europa del Piemonte, Via G. B. La Salle 17, Torino. Programmazione 2014-2020 1 Possibilità di finanziamento Autofinanziamento Fund raising Crowd funding Fondazioni bancarie,

Dettagli

Allegato e) al Rendiconto - Spese per macroaggregati REGIONE BASILICATA N BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA Parte I

Allegato e) al Rendiconto - Spese per macroaggregati REGIONE BASILICATA N BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA Parte I 6000 N. 30 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA - 5-8-24 Parte I 11 MISSIONE Servizi istituzionali e generali, di gestione e di controllo Gestione economica, finanziaria, programmazione e provveditorato Gestione

Dettagli

Trattato di Lisbona 2009: Nasce il Metodo Comunitario

Trattato di Lisbona 2009: Nasce il Metodo Comunitario Trattato di Lisbona 2009: Nasce il Metodo Comunitario Dà per la prima volta la caratteristica di organizzazione sovranazionale ( e non più solo internazionale) all Europa Si fonda sull'interazione fra

Dettagli

S.p.A. di trasformazione urbana (Stu)

S.p.A. di trasformazione urbana (Stu) Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio novembre 2005 S.p.A. di trasformazione urbana (Stu) le Società di trasformazione urbana (STU) sono SpA, costituite

Dettagli

della provincia di Padova Sintesi anno 2013 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2014

della provincia di Padova Sintesi anno 2013 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2014 Indicatori del mercato del lavoro della provincia di Padova Sintesi anno 2013 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2014 Principali indicatori del mercato del lavoro provinciale Fonti disponibili Inps

Dettagli

Ricerca Firb Milena De Matteis

Ricerca Firb Milena De Matteis Ricerca Firb 2008 LA RICERCA Living Urban Scape abitare lo spazio urbano La riconfigurazione degli spazi aperti, la densificazione e i sistemi naturali come strumenti per la riqualificazione delle periferie

Dettagli

FAQ Aree Urbane Degradate

FAQ Aree Urbane Degradate FAQ Aree Urbane Degradate Art. 2 Chi può presentare i Progetti? Esistono limiti dimensionali o territoriali? Possono presentare progetti tutti i Comuni, senza alcun limite dimensionale o territoriale.

Dettagli

LA NUOVA STAGIONE DEL FONDO SOCIALE 2014-2020. Lea Battistoni Napoli,16 novembre 2011

LA NUOVA STAGIONE DEL FONDO SOCIALE 2014-2020. Lea Battistoni Napoli,16 novembre 2011 LA NUOVA STAGIONE DEL FONDO SOCIALE 2014-2020 Lea Battistoni Napoli,16 novembre 2011 Dalla Strategia di Lisbona alla crisi perfetta Strategia di Lisbona dopo crisi 94, sviluppo di una Europa dell euro

Dettagli

FONDI EUROPEI IN POLONIA,

FONDI EUROPEI IN POLONIA, FONDI EUROPEI IN POLONIA, 2007-2013 ICE: attività del Desk Fondi UE Milano, 1 luglio 2008 1 Polonia: indicatori macro PIL pro capite 2007 Zloty ( ) 30.602 (8.090) livello PIL 2007 mld Zloty (mld ) 1.167

Dettagli

Oltre il Pil 2013: la nuova geografia del benessere in Italia

Oltre il Pil 2013: la nuova geografia del benessere in Italia Oltre il Pil 2013: la nuova geografia del benessere in Italia Rapporto Oltre il Pil 2013, 3 luglio 2013 Serafino Pitingaro Responsabile Area Studi e Ricerche Unioncamere 1 Pilastri Domini Sottodomini (fondo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri FAQ del 6 luglio 2016 I progetti di riqualificazione urbana proponibili nell ambito del bando possono avere ad oggetto ambiti urbani non contigui, se accumunati da medesime finalità di recupero e rifunzionalizzazione?

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LE COOPERATIVE EDILIZIE GLI ALTRI INTERVENTI

GLI INTERVENTI PER LE COOPERATIVE EDILIZIE GLI ALTRI INTERVENTI IL FONDO DI HOUSING SOCIALE TRENTINO GLI INTERVENTI PER LE COOPERATIVE EDILIZIE GLI ALTRI INTERVENTI Il Fondo di Housing Sociale Trentino è un patrimonio autonomo raccolto, mediante una o più emissioni

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI EUROPEI Le opportunità per il settore delle costruzioni

LA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI EUROPEI Le opportunità per il settore delle costruzioni LA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI EUROPEI 214-22 - Le opportunità per il settore delle costruzioni A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Seminario Ance sulla nuova programmazione

Dettagli

Politica di coesione dell'ue Politica di coesione dell'unione europea

Politica di coesione dell'ue Politica di coesione dell'unione europea dell'ue 2014 2020 Struttura della presentazione 1. Qual è l'impatto della politica di coesione dell'ue? 2. Qual è la ragione delle proposte della Commissione per il periodo 2014-2020? 3. Quali sono le

Dettagli

Lavoro e famiglia: strumenti e opportunità

Lavoro e famiglia: strumenti e opportunità Lavoro e famiglia: strumenti e opportunità Comunità delle Giudicarie Tione di Trento, 2 ottobre 2012 Provincia Autonoma di Trento CONSIGLIERA DI PARITÀ 1 Il mercato del lavoro in Trentino: alcuni dati

Dettagli

POR CAMPANIA FESR Obiettivo Operativo 5.1: E-GOVERNMENT ED E-INCLUSION

POR CAMPANIA FESR Obiettivo Operativo 5.1: E-GOVERNMENT ED E-INCLUSION POR CAMPANIA FESR 27-213 Obiettivo Operativo 5.1: E-GOVERNMENT ED E-INCLUSION SERVIZI COMPLESSI RELATIVI ALL ATTUAZIONE DELL INTERVENTO AGENZIA DI INNOVAZIONE E RICERCA TERRITORIALE FOCUS GROUP PROPOSTA

Dettagli

3 Tavolo di Lavoro Nazionale ROMA, 29 MAGGIO Politiche attive e passive del lavoro e FSE Vittorio Martone

3 Tavolo di Lavoro Nazionale ROMA, 29 MAGGIO Politiche attive e passive del lavoro e FSE Vittorio Martone 3 Tavolo di Lavoro Nazionale ROMA, 29 MAGGIO 2014 Politiche attive e passive del lavoro e FSE 2014-2020 Vittorio Martone www.speslab.it Verso il settennio 2014-2020 - Le politiche del lavoro nel quadro

Dettagli

STRUMENTI PER L'EFFICIENTAMENTO ENERGETICO A SUPPORTO DEGLI ENTI LOCALI

STRUMENTI PER L'EFFICIENTAMENTO ENERGETICO A SUPPORTO DEGLI ENTI LOCALI 10 GIUGNO 2015 STRUMENTI PER L'EFFICIENTAMENTO ENERGETICO A SUPPORTO DEGLI ENTI LOCALI DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Mauro Fabrizio Fasano U.O. Energia e Reti Tecnologiche

Dettagli

PROSPETTO DELLE SPESE DI BILANCIO PER MISSIONI, PROGRAMMI E MACROAGGREGATI

PROSPETTO DELLE SPESE DI BILANCIO PER MISSIONI, PROGRAMMI E MACROAGGREGATI E lungo 01 MISSIONE 1 - Servizi istituzionali e generali, di gestione e di controllo 01 Organi istituzionali - - - - - - 02 Segreteria generale e organizzazione - - - - - - Gestione economica, finanziaria,

Dettagli

Il lavoro a Milano Milano, 16 febbraio

Il lavoro a Milano Milano, 16 febbraio Il lavoro a Milano Milano, 16 febbraio 2009 PRIMA PARTE Gli indicatori del mercato del lavoro DATI DI FONTI ESTERNE Tasso di occupazione Tasso di disoccupazione Tasso di attività Occupazione per dimensioni

Dettagli

«Calabria 2020» Consorzio Regionale di Alta Formazione Un partenariato pubblico-privato efficace per una Calabria migliore

«Calabria 2020» Consorzio Regionale di Alta Formazione Un partenariato pubblico-privato efficace per una Calabria migliore «Calabria 2020» Consorzio Regionale di Alta Formazione Un partenariato pubblico-privato efficace per una Calabria migliore In Progress Calabria (Capofila del Consorzio) è un'associazione che opera nel

Dettagli

DECRETO N Del 15/10/2015

DECRETO N Del 15/10/2015 DECRETO N. 8488 Del 15/10/2015 Identificativo Atto n. 939 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto SELEZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER LA COSTRUZIONE DI SCUOLE INNOVATIVE, AI

Dettagli

Sistemi di welfare. IL MERCATO DEL LAVORO. Strumenti di base per l analisi.

Sistemi di welfare. IL MERCATO DEL LAVORO. Strumenti di base per l analisi. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare IL MERCATO DEL LAVORO. Strumenti di base per l analisi Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici

Dettagli

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO TURISMO, COMMERCIO E TERZIARIO

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO TURISMO, COMMERCIO E TERZIARIO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO TURISMO, COMMERCIO E TERZIARIO SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO

Dettagli

Economia sociale e crescita condivisa L esperienza di Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo

Economia sociale e crescita condivisa L esperienza di Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo Economia sociale e crescita condivisa L esperienza di Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo Renato Galliano Direttore Generale Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo LA MISSIONE Marketing territoriale promozione

Dettagli

DECRETO N Del 28/11/2016

DECRETO N Del 28/11/2016 DECRETO N. 12408 Del 28/11/2016 Identificativo Atto n. 294 DIREZIONE GENERALE REDDITO DI AUTONOMIA E INCLUSIONE SOCIALE Oggetto APPROVAZIONE AVVISO PUBBLICO RELATIVO A IMPLEMENTAZIONE DI INTERVENTI PER

Dettagli

Fondi UE per infrastrutture, rigenerazione urbana ed efficienza energetica

Fondi UE per infrastrutture, rigenerazione urbana ed efficienza energetica Fondi UE 2014-2020 per infrastrutture, rigenerazione urbana ed efficienza energetica La programmazione finanziaria 2014-2020 per il settore delle costruzioni Andrea Gallo Dottore Commercialista Editore

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2016/2018 EMENDATO

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2016/2018 EMENDATO COMUNE DI BRESCIA BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2016/2018 EMENDATO BILANCIO DI PREVISIONE 2016 Bilancio di Previsione Entrata pag. 5 Bilancio di Previsione Spesa pag. 12 Bilancio di Previsione Riepilogo

Dettagli

INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE FRAGILITA SOCIALI: L ESPERIENZA OLMEDESE FAMIGLIA E POVERTÀ ESTREME: INTERVENTI DI INCLUSIONE SOCIALE

INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE FRAGILITA SOCIALI: L ESPERIENZA OLMEDESE FAMIGLIA E POVERTÀ ESTREME: INTERVENTI DI INCLUSIONE SOCIALE ALLE FRAGILITA SOCIALI: L ESPERIENZA OLMEDESE FAMIGLIA E POVERTÀ ESTREME: INTERVENTI DI INCLUSIONE SOCIALE ANNO 1861 (al 31.12) 1901 (al 31.12) 1951 (al 31.12) 1971 (al 31.12) 1981 (al 31.12) 1991 (al

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Introduzione alle lezioni frontali. Prof. Ignazio Vinci

Laboratorio di Urbanistica. Introduzione alle lezioni frontali. Prof. Ignazio Vinci Università di Palermo - Scuola Politecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura Anno accademico 2013-2014 Laboratorio di Urbanistica Prof. Ignazio Vinci Introduzione alle lezioni frontali Il

Dettagli

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Indicatori del mercato del lavoro della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Principali indicatori del mercato del lavoro provinciale Fonti disponibili Inps

Dettagli

Unione Europea. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana

Unione Europea. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Il Dirigente Generale / Servizio 1 DDG N. 2722 del _17_/10 /2016 OGGETTO. PO FSE 2014-2020, Azione 9.2.2. Avviso 10/2016 per la presentazione di operazioni per l inserimento socio-lavorativo dei soggetti

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE SPESE

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE SPESE 2014 DISAVANZO DI AMMINISTRAZIONE 0,00 01 Servizi istituzionali e generali, di gestione e di controllo 0101 Programma 01 Organi istituzionali Titolo 1 Spese correnti 1.039.291,42 previsione di competenza

Dettagli

Decreto Sblocca Italia: sgravi fiscali per gli investimenti in reti a banda larga

Decreto Sblocca Italia: sgravi fiscali per gli investimenti in reti a banda larga Decreto Sblocca Italia: sgravi fiscali per gli investimenti in reti a banda larga Art. 6. Agevolazioni per la realizzazione di reti di comunicazione elettronica a banda ultralarga e norme di semplificazione

Dettagli

Allegato IV. DOCUP obiettivo /6. Misura 4.1a PARTE SECONDA: NORME SPECIALI. Riqualificazione edifici ed aree a funzione sociale plurima

Allegato IV. DOCUP obiettivo /6. Misura 4.1a PARTE SECONDA: NORME SPECIALI. Riqualificazione edifici ed aree a funzione sociale plurima Unione Europea Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Ministero dell Economia e delle Finanze DOCUP obiettivo 2 2000/6 Allegato IV Misura 4.1a Riqualificazione edifici ed aree a funzione sociale plurima PARTE

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ALLEGATO N. 9 al D. Lgs. 118/2011. (art. 11, c. 1 lett. a) e c. 3)

BILANCIO DI PREVISIONE ALLEGATO N. 9 al D. Lgs. 118/2011. (art. 11, c. 1 lett. a) e c. 3) DI PREVISIONE 2016-2018 ALLEGATO N. 9 al D. Lgs. 118/2011 (art. 11, c. 1 lett. a) e c. 3) ELENCO DEI PRO PETTI CONTENUTI NELL ALLEGATO 9 AL D. LG. 118/2011 9/1 - DI PREVISIONE - PROSPETTO DELLE ENTRATE

Dettagli

Idee in cammino: quali interventi innovativi in ambito povertà Le trasformazioni del modello di welfare in tempo di crisi economica

Idee in cammino: quali interventi innovativi in ambito povertà Le trasformazioni del modello di welfare in tempo di crisi economica Idee in cammino: quali interventi innovativi in ambito povertà Le trasformazioni del modello di welfare in tempo di crisi economica Flavia Franzoni Comitato Scientifico Iress L Emilia Romagna è una delle

Dettagli

SPESE PER MISSIONI, PROGRAMMI E MACROAGGREGATI

SPESE PER MISSIONI, PROGRAMMI E MACROAGGREGATI E Esercizio finanziario 2014 1 Missione 1 Servizi istituzionali, generali e di gestione 1.01 Organi istituzionali 1.02 Segreteria generale 1.930,65 1.930,65 1.03 Gestione economica, finanziaria, programmazione

Dettagli

La disoccupazione (soprattutto giovanile) in Italia: le modalità dell istruzione corresponsabili del fenomeno?

La disoccupazione (soprattutto giovanile) in Italia: le modalità dell istruzione corresponsabili del fenomeno? La disoccupazione (soprattutto giovanile) in Italia: le modalità dell istruzione corresponsabili del fenomeno? Emilio Reyneri Università di Milano Bicocca Éupolis Lombardia 11 dicembre 2014 1 La disoccupazione

Dettagli

Politica del suolo tra mitigazione e adattamento

Politica del suolo tra mitigazione e adattamento Piattaforma di dialogo italiana del Patto dei Sindaci VERSO LA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO Responsabilità di Governo e competenze dei territori Politica del suolo tra mitigazione e adattamento Ing.

Dettagli

6. ECONOMIA e MERCATO DEL LAVORO

6. ECONOMIA e MERCATO DEL LAVORO Tav. 6.35 - Variazioni medie annue dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati (FOI) al netto dei consumi di tabacco nelle principali città - Anni 1999-2003 Fonte: Istat Graf.

Dettagli

Rilevazione sulle forze di lavoro

Rilevazione sulle forze di lavoro 28 aprile 2010 Rilevazione sulle forze di lavoro Media 2009 Sul sito www.istat.it sono da oggi disponibili i dati della media 2009 della rilevazione sulle forze di lavoro. In questa statistica in breve

Dettagli

IMPERIA: REPORT MERCATO DEL LAVORO E OCCUPAZIONE 2006 24 APRILE 2006

IMPERIA: REPORT MERCATO DEL LAVORO E OCCUPAZIONE 2006 24 APRILE 2006 IMPERIA: REPORT MERCATO DEL LAVORO E OCCUPAZIONE 26 24 APRILE 26 BRUNO SPAGNOLETTI RESPONSABILE UFFICIO CGIL LA CONGIUNTURA IN SINTESI CAMBIO DI FASE AGGANCIO CRESCITA MEDIA SISTEMA PAESE IN FRENATA (,6%)

Dettagli

Di quali territori parliamo: Una mappa delle Aree Interne

Di quali territori parliamo: Una mappa delle Aree Interne Di quali territori parliamo: Una mappa delle Aree Interne Sabrina Lucatelli DPS-UVAL Gruppo tecnico Aree Interne* * DPS, ISTAT, BANCA D ITALIA, MINISTERO DELLA SALUTE, MINISTERO DELL ISTRUZIONE, MINISTERO

Dettagli

L agricoltura sociale nelle nuove politiche di sviluppo rurale: le ipotesi di intervento

L agricoltura sociale nelle nuove politiche di sviluppo rurale: le ipotesi di intervento L agricoltura sociale nelle nuove politiche di sviluppo rurale: le ipotesi di intervento Roberto Pagni Regione Toscana Seminario su Agricoltura sociale in Toscana. Sostenibilità e Innovazione Sociale Firenze,

Dettagli

DUE NUOVE CITTÀ DI BOLOGNA DA COSTRUIRE IN EMILIA-ROMAGNA

DUE NUOVE CITTÀ DI BOLOGNA DA COSTRUIRE IN EMILIA-ROMAGNA 10% utilizzo urbano di suolo (2.280 km 2 ) 23% dispersione urbanistica (Insediamenti situati al di fuori di contesti urbani) Previsti 250 km 2 di espansione urbanistica DUE NUOVE CITTÀ DI BOLOGNA DA COSTRUIRE

Dettagli

AREA PRIMA INFANZIA - SERVIZI EDUCATIVI

AREA PRIMA INFANZIA - SERVIZI EDUCATIVI 50 3.2 I Fattori Positivi e Critici emergenti dall analisi di domanda e offerta e dalle informazioni più significative AREA PRIMA INFANZIA - SERVIZI EDUCATIVI Domanda educativa di servizi 0 3 anni in costante

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO. primo livello. TECNICHE DI PROGETTAZIONE E FUND RAISING IN AMBITO UE II Edizione

MASTER UNIVERSITARIO. primo livello. TECNICHE DI PROGETTAZIONE E FUND RAISING IN AMBITO UE II Edizione MASTER UNIVERSITARIO primo livello TECNICHE DI PROGETTAZIONE E FUND RAISING IN AMBITO UE II Edizione FUND RAISING IN AMBITO UE II Edizione L Università per Stranieri Dante Alighieri di Reggio Calabria,

Dettagli

Le opportunità occupazionali dell edilizia sostenibile

Le opportunità occupazionali dell edilizia sostenibile Workshop Politiche e strumenti per la promozione dei green jobs 9 luglio 2013 Lamezia Terme Le opportunità occupazionali dell edilizia sostenibile Uwe Staffler Agenzia CasaClima, Responsabile Pubbliche

Dettagli