Verbi sintagmatici come categoria e come costruzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verbi sintagmatici come categoria e come costruzione"

Transcript

1 Raffaele Simone Università Roma Tre, Roma Verbi sintagmatici come categoria e come costruzione 1. Preliminari Insieme a Schwarze (1985) ho dato qualche contributo alla prima definizione della nozione di verbo sintagmatico (d ora innanzi VS) in italiano e alla delimitazione di questa classe di parole (Simone 1997). Un esercizio del genere fu reso possibile dal fatto che, pur essendo pochi per numero, questi verbi sono omogenei come formula e per comportamento, sono frequentissimi nell uso e caratterizzano nettamente l italiano tra le lingue romanze dal punto di vista della tipologia lessicale. Per giustificarli come classe avevo adottato però, abbastanza sommariamente, l idea, di impronta dialettologica, che essi provenissero dal fondo delle parlate settentrionali, filtrato nella lingua generale in misura variabile da zona a zona. La spiegazione era in un certo senso superficiale e non teneva conto di una varietà di fattori di sfondo, per esempio quello diacronico. In seguito diverse cose sono cambiate. Anzitutto tracce di questi verbi si sono trovate numerose in diverse varietà dell italiano (Vicario 1997) e già in italiano antico (Masini 2007). Come questo convegno ha mostrato, altre tracce importanti percorrono addirittura tutta la storia dell italiano, scritto parlato e di tutti i registri e modalità, oltre che apparire in altre lingue anche prive di relazioni. Si è visto così che l italiano conteneva VS già prim ancora che qualsivoglia fondo settentrionale cominciasse a operare, ossia dalla più remota antichità e con speciale abbondanza in Dante. Inoltre si è visto che, pur confermandosi che è plausibile interpretare i VS come una classe omogenea, i criteri per definirla possono essere più sfumati e articolati di quanto prevedessi (Masini, in questo volume). Ciò ha suggerito un interpretazione più ricca e esplicativa, che chiamerei tipologica : l italiano si è dotato per tempo di questa classe di parole, per rientrare compiutamente in un tipo dal quale era praticamente uscito, e (da un altro punto di vista) per compensare una propria specifica debolezza semantica nella codifica di taluni tratti del movimento. Non avrei motivo di presentarmi qui se non per associarmi alla nuova interpretazione. Lo faccio invece anche perché, nei più che dieci anni passati da quando ho pubblicato l articolo sui VS, ho riflettuto ancora su quel tema e altri To appear in Cini, Monica (ed.), I verbi sintagmatici in italiano e nelle varietà dialettali. Stato dell arte e prospettive di ricerca, Frankfurt am Main, Peter Lang.

2 2 18 affini, e, se forse non sono in grado di dare come vorrebbe il titolo di questo convegno nuove acquisizioni, confido di poter offrire qualche nuova riflessione, che articoli e consolidi l interpretazione tipologica, e suggerire un interpretazione dei VS per usare la formula che piaceva a Benveniste come problema di linguistica generale. 2. Grammatica di Costruzioni e Categorie Ho infatti sviluppato nel frattempo una teoria del significato grammaticale a cui ho dato il nome di Grammatica di Costruzioni e Categorie (GCC: Simone 2006a, b; 2007). A prima vista la GCC può apparire come una variante della Construction Grammar (CG), un indirizzo molto mainstream da alcuni anni. Devo sottolineare subito che non è così. Benché esistano diverse innegabili affinità di fondamento tra i due modelli, a differenza della CG la GCC non è affatto una teoria della sintassi, cioè dei modi in cui le parole si combinano per formare unità maggiori, ma è specificamente una teoria del significato grammaticale: il suo focus è quindi sulla natura della grammatica e sul suo modo di articolarsi. Inoltre nella GCC sono centrali due elementi estranei alla Construction Grammar: la nozione di categoria (che, come si vedrà, ha un importanza teorica pari a quella di costruzione) e la componente pragmatica. Il motivo per cui sottolineo queste differenze è che, siccome la GCC è ben sensibile a fenomeni come i VS (per motivi che illustrerò subito), è interessante provare a vedere cosa si ottiene se in essa s inquadrano i VS. Prima di fare ciò, però, devo richiamare alcuni elementi fondamentali di questo modello. Le nozioni che presenterò in forma sommaria sono sviluppate nei lavori indicati prima Domini di grammaticalizzazione Come ho appena detto, la GCC è una teoria del significato grammaticale, si riferisce cioè a quelle aree di significato obbligato che si addensano sotto forma di grammatica, in quel sistema di scelte omogenee e complementari a cui ho suggerito (Simone 1990) di ricondurre la grammatica. In diversi lavori Lazard (2006) ha chiamato queste aree domini di grammaticalizzazione (domaines de grammaticalisation) e le ha rappresentate articolate in partizioni più fini, che designa come zone focali (zones focales). Tra i domini di grammaticalizzazione primari sono ad es. le informazioni sul tempo o per meglio dire sull intera area TAM (tempo/aspetto/modo), che tutte le lingue grammaticalizzano, ancorché in forme diverse e tipologicamente rilevanti. In questa prospettiva quando si parla di grammatica si postulano alcune proprietà:

3 3 18 (1) Postulati della grammatica a. ciascuna lingua adotta i domini di grammaticalizzazione; b. questi sono articolati in zone focali; c. ai significati dei domini sono attribuiti dei significanti; d. i significati grammaticali obbligati non possono perdere il significante. Alcuni di questi postulati torneranno nella discussione seguente. Il motivo per cui certe aree diventano domini di grammaticalizzazione e altre no è oscuro, e sarebbe di grande interesse indagarlo a fondo. La risposta non è semplice né è una sola. Suggerisco che stia in parte nel fatto che certi domini di grammaticalizzazione si stabilizzano proprio per permettere il funzionamento dei quadri fondamentali del linguaggio: predicare e compiere operazioni pragmatiche di varia natura (Simone 2007). In questo senso, il fatto che nei domini di grammaticalizzazione rientrino certi settori di significato (come TAM) invece che altri può esser dovuto a uno di quei vincoli naturali sull architettura del linguaggio di cui si discute (Chomsky 2005; Simone & Lombardi Vallauri, in prep.), i quali provvedono i tratti che una lingua deve avere se si vuole che sia proprio una lingua e non un artefatto qualsivoglia. Questa risposta, però, se è forse giusta, è troppo generale. Tradurla in un insieme di proposte più articolato è un impresa difficile, a cui non siamo ancora pronti. Mi basta dire per ora che secondo uno dei principi basilari della GCC il significato grammaticale si codifica in due canali che, pur essendo diversi, sono convergenti e suscettibili di sovrapporsi: Categorie e Costruzioni. 1 Categoria è però un termine con più sensi. Lo uso per designare tre entità diverse: (2) Tipi di categoria a. Categorie grammaticali, come solitamente intese in linguistica (Tempo, Modo, Aspetto, Aktionsart, ecc.); b. Categorie Nozionali; c. Classi di parole. Che cosa siano le categorie grammaticali è noto. Meno evidente è che esse hanno un tratto funzionale in comune: contribuiscono a codificare il modo in cui l evento è raffigurato nell enunciato. Categorie nozionali è termine non-standard che uso in mancanza di meglio per indicare quelle categorie che codificano talune nozioni (Partecipazione, Possesso, Concomitanza, Prossimità, etc.) che concernono la relazione tra il parlante e l ambiente extra-linguistico. 2 Quanto alla terza accezione di categoria (intese come classi di parole), vi tornerò tra un attimo, perché questo punto è strettamente pertinente ai nostri scopi. 1 Per dirla in un altro modo, categorie e costruzioni sono le due principali Tecnologie Linguistiche di cui si serve una lingua per codificare la propria grammatica (dettagli in Simone 2007). 2 Si tratta evidentemente delle nozioni studiate da Hansjakob Seiler e la sua scuola in numerosi importanti lavori. Per una rassegna, vedi Seiler (2000).

4 Aggregazioni di parole Venendo alle costruzioni, esse sono combinazioni relativamente stabili di parole, trattate (cioè depositate in memoria, recuperate, elaborate formalmente e semanticamente) come unità su qualche livello di rappresentazione. Il fatto che le parole possano combinarsi in aggregazioni è possibile perché nelle lingue opera il principio sintagmatico (Simone 1995, 1996): le parole, disponendosi in successione, non si limitano a affiancarsi l una all altra in modo markoviano ma contraggono tra loro relazioni in sintagmi di varia natura, varia forza attrattiva e varia estensione. Anche in quest ambito i punti oscuri sono numerosi. In pratica, entrando a far parte di una catena sintagmatica, le parole sono agglutinate da forze attrattive di diversa intensità e natura. Queste forze sono evidenti anche al parlante, visto che sono loro che gli permettono di distinguere con rispettabile precisione le parole-che-formano-sintagma (anche se distanti tra loro nella catena) dalle paroleche-non-formano-sintagma (anche se contigue). La consapevolezza del diverso tipo di legame è evidente in diversi aspetti del comportamento linguistico: nella lettura (ove il lettore attribuisce la giusta intonazione proprio secondo la sua percezione delle aggregazioni di parole), nella scrittura, ecc. Chiamo Forza Coesiva l effetto di questi attrattori che costituiscono un link tra le parole. Non sappiamo molto della natura e dei gradi di intensità della Forza Coesiva, ma possiamo almeno osservare che le parole si combinano in sintagmi secondo due regimi principali: (3) Regimi di connessione delle parole in sintagmi a. nella maggior parte dei casi, una volta combinate in sintagmi, le parole sciolgono i loro legami e per così dire tornano al loro posto nel lessico; si tratta in questi casi di combinazioni volatili ; b. in altri casi si combinano in modo non-volatile, cioè le parole entrano nel sintagma per così dire già legate. Il primo punto è evidente. Il secondo richiede una varietà di specificazioni e di tipi. Per esempio, alcune combinazioni si attivano solo quando le parole entrano a far parte di un ambiente sintagmatico specifico. A questo requisito rispondono le collocazioni (disco rigido, fare benzina, fare un esempio, mettere fretta) e le combinazioni preferenziali (caro amico, bella donna, buon lavoro), che sono costituite di entità lessicali indipendenti, tra le quali una Forza Coesiva si attiva solo quando l una si trova a co-occorrere con l altra. Altre combinazioni invece si stabilizzano a livello paradigmatico fino a formare lemmi unitari nel vocabolario, dei quali nessun elemento può rappresentare l insieme. A questo requisito rispondono le costruzioni in senso proprio, che come vedremo tra un istante sono di diversa natura. Rappresento la situazione con lo schema di (4), a cui aggiungo qualche osservazione in (5):

5 5 18 (4) Diagramma delle combinazioni e delle costruzioni Sintagmi Combinazioni Combinazioni Combinazioni Collocazioni volatili preferenziali Costruzioni (5) Combinazioni e costruzioni a. Combinazioni volatili: meri sintagmi, fatti di parole che si aggregano nel discorso e si disaggregano quando questo è esaurito; b. Combinazioni preferenziali: aggregazioni di parole (coppie, triple, etc.) di varia natura sintattica, che occorrono insieme frequentemente ma non sono né collocazioni né costruzioni in senso proprio; sono quindi definite solo da ragioni statistiche; c. Collocazioni: aggregazioni di parole di varia natura che rispettano le due seguenti condizioni i. CONDIZIONE SINTATTICA: formano sintagmi che incorporano sempre la propria testa; ii. CONDIZIONE LESSICALE: bloccano la sinonimia: ciò vuol dire che nella collocazione entra un solo termine di una serie sinonimica, o al massimo pochi, ma l alternanza non è libera: una sola scelta: disco rigido (*disco duro, *disco tosto), ecc.; due scelte: caffè lungo o alto (*caffè elevato), ecc. d. Costruzioni in senso proprio (rispondenti ad un insieme di requisiti specifici). Va notato anche che non tutte le aggregazioni si collocano sullo stesso piano: Combinazioni Volatili, Combinazioni Preferenziali e Collocazioni sono fenomeni sintagmatici, dato che si attivano solo quando le parole co-occorrono nella catena. Le Costruzioni, invece, tagliano di traverso l opposizione tra piano sintagmatico e piano paradigmatico: al livello massimo di Forza Coesiva, quando una costruzione diventa figée, questa passa a costituire una voce lessicale in senso lato, trasferendo sul piano paradigmatico una struttura che si è costruita sintagmaticamente. Le costruzioni rispondono a condizioni peculiari che le distinguono dalle altre aggregazioni. Ne ho presentato una lista dettagliata in Simone (2007). Qui mi limito a richiamarne qualche elemento:

6 6 18 (6) Alcune condizioni sulle Costruzioni a. Significato costruzionale: alcuni tipi di costruzione hanno un significato costruzionale, cioè un significato stabilmente incollato alla costruzione e si dissolve al di fuori di essa. b. Marche: una parte delle costruzioni sono riconoscibili da marche dedicate. c. Forza Pragmatica: alcune costruzioni portano una specifica informazione pragmatica e sono in questo peculiari. d. Specificità: le costruzioni sono language-specific, ma possono esserci somiglianze di funzione da una lingua all altra. Nella cornice definita dalle costruzioni rientrano, con varia specificità, una grande quantità di oggetti. La tabella seguente ne indica i principali: (7) Livelli di costruzioni Costruzioni Predicative Non-Predicative Con Senza Livello Livello Livello Forza Pragmatica Forza Pragmatica Classi di forme Modificatori Connettori [Parole sintagmatiche] Nomi Verbi etc. A noi interessano qui le speciali costruzioni non-predicative che costituiscono classe di parole. 3. I VS come categoria I VS sono insieme una classe di costruzioni non-predicative e una classe di parole: in altri termini sono un esempio di sovrapposizione di una costruzione con una categoria (nel senso definito in (2)c). Sono parole costruzionali, secondo uno schema che ricorre spesso nelle lingue: hanno una omogeneità formale (per questo si possono trovare criteri per definirle: Simone 1997; Masini, in questo volume), dato che rispondono a una formula; inoltre, dal punto di vista semantico codificano una zona focale anch essa stabile, dato che sono per lo più verbi di movimento (vedine la lista completa in Masini 2007).

7 Forzature di Formato e Operazioni Discorsive Forzature di formato. Per la GCC una classe di parole non è una pura e semplice lista di voci lessicali ma rappresenta un formato semantico predefinito, cioè un modo specifico e obbligato di strutturare l informazione semantica associata a una parola. Inoltre, la GCC prevede che, dato un determinato formato semantico, debba esistere una classe di parole che sia la migliore candidata a dargli codifica linguistica. Per esempio, un entità stabile, discreta e numerabile è naturalmente candidata a essere codificata da un Nome, anche se il Nome non è l unico modo di codificare quel formato. Adoperando etichette come quelle che ho appena citato ( entità stabile, discreta e numerabile e rispettivamente nome ), faccio implicito riferimento al fatto che nell analisi delle classi di parole occorre distinguere tra più livelli. Nel quadro della GCC si distinguono due livelli per quanto riguarda la transizione dal significato al significante. Il primo è il livello concettuale-cognitivo : questo è pre-linguistico (cioè privo di significante) e consiste in un pattern (che chiamo qui formato ) di organizzazione del significato che cerca una forma linguistica. Il secondo è un livello linguistico, che assegna un significante al formato in questione: (8) Relazioni tra livelli livello concettuale-cognitivo livello linguistico Formato concettualecognitivo cognitivo Nome Verbo Formato concettualecognitivo cognitivo Clausola.. Le bolle che rappresentano i formati concettuali-cognitivi pre-definiti sono topologicamente deformabili. Infatti, nella dinamica del discorso il parlante può aver bisogno di forzare il formato concettuale-cognitivo di una parola fino a convertirlo in quello proprio di una classe di parole diversa. In pratica, conserva alcuni parametri del formato concettuale-cognitivo originario e converte il resto nel formato di un altra classe di parole. Nella GCC ha un ruolo importante la nozione di operazione (che in linguistica è relativamente poco evocata, se si fa eccezione per taluni indirizzi della ricerca francese: vedi ad es., Culioli 1999). Infatti, alla funzione di compiere forzature rispondono alcune operazioni dedicate. Queste sono di due ordini: le

8 8 18 Forzature di Formato (FF), che operano sul livello concettuale-cognitivo convertendo un Formato in un altro, e le Operazioni Discorsive (OD) che agiscono al livello linguistico assegnando al Formato concettuale cognitivo una forma linguistica definita. Le FF sono in numero limitato. Ne indico alcune: (9) a. forzatura di un processo in un entità; b. forzatura di un entità in un processo; c. forzatura di un processo indefinito in un processo definito. Il ricorso a FF risponde a varie motivazioni. Alcune sono connesse con la rappresentazione del significato, altre con ragioni metadiscorsive. Ad esempio, la FF che converte Processo in Entità serve a rendere disponibile nel discorso un oggetto discreto e numerabile: (10)?il fatto che tua zia sia svenuta tre volte ci preoccupa molto (11) i tre svenimenti di tua zia ci preoccupano molto All inverso, la FF che converte Entità in Processo permette di distaccare (Simone 2008) sul nome in output alcuni parametri verbali (come la duratività) ottenendo così speciali effetti di senso: (12) la nostra passeggiata verso casa dura un ora ogni sera Dal punto di vista metadiscorsivo, la FF che converte Processo in Entità rende disponibile un Tema, e quindi permette di compiere su di esso tutte le elaborazioni conseguenti, ad esempio la focalizzazione: (13)?è del fatto che tua zia sia partita che sto parlando (14) è della partenza di tua zia che sto parlando Come si vede, la soluzione (14), pur essendo accettabile, è meno efficiente e flessibile della soluzione (13). Le FF sono processi del livello concettuale-cognitivo, che di per sé non è manifesto linguisticamente (dato che non è associato a un significante). Per avere una manifestazione superficiale, esse devono avere correlati linguistici: in altri termini, il formato che si ottiene con una FF deve essere codificato da una forma linguistica specifica. Quindi, a valle della FF occorre un operazione propriamente linguistica capace di convertire un oggetto linguistico in un altro. Ad es., se lo Stato-di-Cose (che è un oggetto del livello concettuale-cognitivo) è tipicamente rappresentato da una clausola (che è un oggetto linguistico), l Entità compatta è tipicamente rappresentata da un Nome Operazioni Discorsive. Alle FF corrispondono sul piano linguistico le Operazioni Discorsive (OD). In diversi lavori (Simone 2006a, b; 2007) ho sviluppato elementi di una teoria delle OD e non posso riprenderla qui. Ricordo

9 9 18 solo che le OD più importanti includono la Nominalizzazione, la Trasposizione di Livello e la Forzatura di Tipo, le cui funzioni sono sinteticamente le seguenti: (15) Funzioni e effetti delle OD a. Nominalizzazione: i. Al livello concettuale-cognitivo, converte uno Stato-di-Cose on un Evento in un Entità compatta; ii. Al livello linguistico converte una clausola in un nome, modificando la distribuzione degli argomenti originari e sopprimendo alcuni parametri (per es., l informazione temporale viene cancellata; l agente viene demosso); iii. Permette di disporre di un Tema; iv. Produce nuove voci lessicali. b. Trasposizione di Livello: i. Al livello concettuale-cognitivo, opera una serie di conversioni, come risulta dalla sua proprietà seguente. ii. Al livello linguistico, traspone qualunque unità linguistica, di qualunque livello, a un livello diverso da quello originario, sia conservando la categoria grammaticale originaria sia modificandola; iii. Non produce nuove voci lessicali, ma ricategorizza elementi già esistenti. c. Forzatura di tipo: i. Al livello concettuale-cognitivo, forza il significato di una voce lessicale da un tipo semantico a un altro: ho bruciato un giornale (giornale oggetto fisico ) > lavoro in un giornale (giornale organizzazione che produce il giornale ); ii. Non produce nuove voci lessicali, ma articola la semantica di voci già esistenti Parole costruzionali e verbi di movimento A questo punto possiamo tornare ai VS, che vediamo come parole costruzionali originate attraverso una Trasposizione di Livello. Dal punto di vista tipologico non è infrequente che una classe di parole (in particolare di verbi) sia costituita da costruzioni. A non menzionare la notissima classe dei phrasal verbs inglesi, molte lingue altre hanno ad esempio verbi costruzionali. in persiano moderno questo tipo di verbi è tipologicamente produttivo; in giapponese, il fenomeno riguarda in particolare i verbi di neoformazione; in lingue creole diverse, esso concerne soprattutto verbi di movimento. Ecco alcuni esempi: (16) NEOPERSIANO zendegi kardan vivere vita fare shekast dâdan sconfiggere disfatta dare pâyân yâftan finire fine trovare

10 10 18 In questi casi si tratta di VS formati da verbo leggero + nominale oggetto. Ma ci sono casi in cui i componenti del VS sono verbo pieno + altro elemento pieno, di tipo avverbiale o preposizionale, secondo la formula: (17) VERBO DI MOVIMENTO + AVVERBIO DI DIREZIONE Attraverso questa formula, si formano costruzioni che danno luogo a una singola parola, che si comporta come unità. Le analisi di Masini (2007) e già prima le mie mostrano che i VS italiani sono quasi tutti verbi di movimento: una loro forma prototipica (in quanto rappresenta nella forma migliore tutte le loro proprietà) è volare via, che contiene un verbo di movimento seguito da un avverbio che indica la direzione rispetto a un punto di partenza. È interessante notare che in varie lingue è proprio tra i verbi di movimento che i VS sono particolarmente frequenti. Il fenomeno era stato già messo in luce in Talmy (1975; 2000), dove i verbi di movimento sono distinti come è noto in due classi (verbi verb-framed e verbi satellite-framed) opposte per il modo in cui esprimono il path del movimento. I verbi di movimento sono dotati, al livello che ho chiamato concettualecognitivo, di un formato semantico predefinito, che specifica alcuni parametri (ad es., la fonte, il punto d arrivo e la maniera ) e facoltativamente altri (ad es., il path del movimento). Nei verbi verb-framed l informazione sul path è codificata dalla voce verbale, nei satellite-framed da una particella aggiunta (il satellite ) alla voce verbale. L italiano starebbe allora (insieme a inglese, tedesco, olandese, russo ) nella categoria delle lingue satellite-framed. La diversa soluzione che le lingue danno al path del movimento può essere adoperata (secondo Talmy) come tratto tipologico per caratterizzarle. Benché abbia il merito di aver posto con acume il problema, la tipologia di Talmy ha bisogno di riforma. Anzitutto concerne solo l aspetto superficiale dei verbi, e anche in questo quadro non mi pare che esaurisca le possibilità tipologiche esistenti. Ad esempio, in latino, per via del tipico fenomeno della preverbazione (Meillet & Vendryes 1924) che permette di aggiungere informazione rilevante al verbo mediante un prefisso o un prefissoide, il path del movimento è indicato dal prefisso. Ora, questo non è proprio un satellite, dato che non essendo separabile non ha autonomia sintattica rispetto al verbo: (18) LATINO ex-eo esco fuori-vado ob-eo attraverso attraverso-vado de-sum sono assente giù.da-sono ad-sum sono presente in.direzione.di-sono in-sisto sto sopra in-sto.fermo re-sisto mi oppongo ripetutamente-sto.fermo Nella serie di sisto risalta in particolare la varietà di modi per segnalare il path movimento:

11 11 18 (19) Informazione dei prefissi verbali latini as-sisto sono presente (a un evento) con-sisto de-sisto cesso di essere presente; abbandono in-sisto sono presente (in un posto stabile) per-sisto sono presente attraversando re-sisto sono presente con insistenza sub-sisto sono presente sotto (un posto determinato) Alla classificazione à la Talmy occorre associare quindi un parametro tipologico di maggior impegno semantico: il peso che ogni lingua attribuisce alla codifica del path. Infatti in alcune lingue il verbo di movimento incorpora invariabilmente informazione sul path, in altre questa informazione appare in modo intermittente e dev essere supplita con mezzi addizionali. Chiamo le prime lingue a forte mozionalità, le seconde lingue a bassa mozionalità. Il latino è una lingua del primo tipo, l italiano del secondo. Incrociando i due criteri accennati avremo allora: (20) Incrocio di criteri per la classificazione dei verbi di movimento a. Struttura superficiale lingue verb-framed lingue satellite-framed b. Livello concettuale-cognitivo lingue a bassa mozionalità lingue a alta mozionalità In questi termini, possiamo considerare il latino come una lingua (a) satellite-framed (con preverbazione) e (b) ad alta mozionalità, l italiano come una lingua (a) satellite-framed e (b) a bassa mozionalità. Per cogliere appieno il senso di questa classificazione bisogna però tenere conto anche della prospettiva diacronica. Resta infatti da spiegare come mai l italiano sia l unica tra le lingue romanze 3 che abbia scelto la strada di trasferire l informazione di movimento sull avverbio associato. 4. Verbi Sintagmatici In latino il path la freccia che collega un punto del movimento all altro è codificato in modo netto, soprattutto a carico dei prefissi verbali, come si vede dagli esempi che ho dato sopra. La codifica del path è infatti un tratto tipologicamente cruciale per caratterizzare i formati del latino. Per converso, nelle lingue romanze la leggibilità dei prefissi latini si è ridotta. La struttura morfologica originaria è bensì conservata e ancora 3 Come è noto, nelle lingue romanze che hanno VS questi costituiscono liste minime e non particolarmente caratterizzanti: in francese se ne trovano una decina, in spagnolo anche meno.

12 12 18 riconoscibile (con i dovuti adattamenti) ma il confine tra prefisso e verbo non è più leggibile. Ciò è importante, perché rende non più visibile la struttura del formato semantico sottostante. Questo fenomeno, se influenza tutto il lessico ereditato dal latino, colpisce in particolare i verbi di movimento, in cui l informazione sul path, portata in origine soprattutto dal prefisso, non è più individuabile. Si confrontino gli eredi italiani diretti delle voci della lista in (19): (21) Eredi italiani dei verbi latini di (19) assisto consisto desisto insisto persisto resisto sussisto I verbi italiani in (21) hanno del tutto (o quasi) perduto la lettura mozionale, come si vede spec. per consisto, insisto, sussisto, persisto. La distanza tra latino e italiano non potrebbe essere maggiore: se i prefissi verbali latini erano per lo più marcatori di path, quelli italiani sono prefissi solo in senso superficiale, dato che non portano alcuna peculiare informazione. Una parte degli eredi di quei prefissi ha preso in italiano una funzione aspettuale (Masini & Iacobini 2006), dato che codifica gradi diversi di Aktionsart: così per as-sisto, dove ad- > as- non dà informazione sulla direzione del movimento ma sulla sua processualità. La perdita di leggibilità della struttura di parola si presenta in gradi diversi nelle lingue romanze. In alcune la direzionalità, pur essendo codificata frammentariamente, è ancora chiara e densamente codificata: spagnolo e portoghese hanno ad es. due distinti verbi di portare secondo che il processo coinvolga o no il parlante come proprio elemento (nel primo caso llevar, nel secondo traer). Il francese occupa una posizione peculiare, perché ha attraversato (come ha suggerito Kopecka, in stampa) un cambiamento tipologico per quanto attiene ai verbi di movimento: (a) originariamente ha avuto una fase satelliteframed, (b) ne ha attraversata poi una in cui in alcuni prefissi si conserva informazione sul path (è una sorta di preverbazione: sor-saillir saltare in alto, por-aller andare in cerca, par-jeter gettare via ), (c) nella fase attuale il path è codificato indistinguibilmente in un verbo sintetico, anche se sussistono tracce delle fasi precedenti (in verbi come ap-porter portare con sè, a-mener portare verso chi parla, em-mener portare [una persona] verso, em-porter portare via, en-voler volare via, ecc.). Si ha dunque una successione interessante: (22) Successione francese nei verbi di movimento verbi satellite-framed > verbi con prefissi di movimento > verbi sintetici Nella famiglia romanza l italiano occupa la posizione di massima debolezza: i prefissi latini di path non sono più leggibili, i verbi di portare sono

13 13 18 ridotti a uno (che non dice più nulla né sulla posizione dell emittente, né sulla direzione del movimento, né sul path), i verbi di andare a due (andare e venire), la scelta di verbi di andare con maniera (alla stregua di ciò che accade con to ride in inglese, fahren in tedesco e rouler in francese) non è affatto obbligatoria, ecc. È quindi una lingua a bassa mozionalità. 5. I VS come costruzione Da un punto di vista tipologico il movimento (nella varietà dei suoi parametri: direzionalità, maniera, path) è una zona focale. Non si danno lingue in cui l area del movimento sia talmente indebolita da risultare neutralizzato. Una simile condizione è esclusa dal postulato (1d). Si può assumere allora che, se una lingua subisce un danno grammaticale che viola il livello minimo di adeguatezza semantica, questo danno dev essere riparato. Una zona focale danneggiata può essere riparata con mezzi diversi. In un lavoro di diversi anni fa (Simone 2002) ho mostrato che, in alcuni dialetti italiani (come il salentino) che hanno perduto l infinito per ragioni storiche diverse, si è recuperata la funzione infinitiva destinando a ciò una clausola completiva dedicata (quella introdotta dal complementatore cu). Il caso è istruttivo perché mette in evidenza una delle tecniche che le lingue seguono per riparare aree focali danneggiate: dedicare ad essa una nuova forma, anche se questa è di tipo diverso da quella originaria. Nel caso specifico, una clausola completava dunque una struttura sintattica prende le funzioni di un antecedente forma semplice (l infinito). Per la riparazione esistono altre risorse. Una è offerta dalle costruzioni. Dal punto di vista costruzionale i VS italiani sono formati di un lemma verbale e un elemento avverbiale che porta l informazione sul path. Il carattere avverbiale di questo secondo elemento è però instabile: esso può convertirsi in preposizione, diventando testa di argomenti e producendo cambiamenti rilevanti nella fonologia e nell intonazione (Masini, in questo volume). Il francese, che ha subito un danno di mozionalità non diverso da quello dell italiano, ha scelto un altra strada. Nel cambiamento tipologico che Kopecka (in stampa) suggerisce di vedere nella diacronia di questa lingua per quanto concerne i verbi di movimento, il francese è passato da una soluzione in termini di VS ad una a verbo sintetico: sortir è ad es. l equivalente preciso dell italiano tirare fuori e illustra in modo chiaro la situazione. Tra le lingue (tra quelle romanze in particolare) è attestata anche un altra risorsa: l aggiunta di una particella clitica originariamente locativa, che distingue i verbi normali da classi diverse di verbi marcati (di movimento, ecc.). Tracce di questa soluzione appaiono in lingue diverse in Europa. In inglese, ad esempio, up si aggiunge a verbi diversi per renderne perfettivo il significato. In salentino, la particella clitica nde (lat. inde, ital. ne) codifica il distacco dalla fonte e crea un opposizione tra la classe dei verbi di distacco e quella dei verbi non-marcati.

14 14 18 Il clitico, che specifica un significato perfettivo, ha perso la semantica locativa e indica oramai solo l aspetto: 4 (23) Verbi con clitici mozionali se nde ola volare via [in modo definitivo] vs. sta bbola volare se nde ae andare via [in modo definitivo] vs. sta bbae andare se nde bbesse esce [in modo definitivo] vs. sta bbesse esce Si può supporre che esista un ciclo di risorse per ricostruire zone focali la cui codifica sia stata danneggiata, indebolita o distrutta, che indico con una scala che può essere letta sia diacronicamente sia sincronicamente.: (24) Ciclo di ricostruzione di verbi di movimento danneggiati VS > verbi con particella clitica > risemantizzazione mozionale di verbi sintetici preesistenti Nella lettura diacronica la scala descriverebbe in parte il caso del francese, in quella sincronica rinvia alla scala tipologica seguente: (25) Scala tipologica delle risorse di ricostruzione Procedimento VS verbi con particella clitica Lingue italiano dialetti diversi francese risemantizzazione di verbi sintetici preesistenti 6. Due nodi da esplorare In conclusione vorrei segnalare alcuni nodi indagando i quali è possibile che si chiariscano alcuni ulteriori aspetti dei VS. Anzitutto, va segnalato che, mentre i dati di Masini e di Vicario (in questo volume) suggeriscono che il fenomeno dei VS sia limitato alla varietà toscana e nord-orientale dell italiano e dei dialetti retrostanti, il fenomeno sembra interessare tutta la penisola. In diverse parlate dialettali del sud d Italia e nei corrispondenti tipi di italiano regionale, ad es., si incontrano VS. In salentino, ad es., i verbi di movimento possono diventare VS con la preposizione di un avverbio di direzione, che funziona non come codifica del path ma come intensificatore di mozionalità: (26) VS di movimento intensificati in salentino iessi fore uscire fuori vs. iessi mina abbasciu gettare giù vs. mina nchiana subbra salire su vs. nchiana scinni abbasciu scendere giù vs. scinni 4 Avverto che le forme del verbo salentino sono trascritte alla persona 3, dato che questo dialetto manca dell infinito di citazione.

15 15 18 spingi nnanti spingere innanzi vs. spingi trasi intra entrare dentro vs. trasi Un indagine geolinguistica di questo fenomeno sarebbe del più alto interesse. Infine va sottolineata la produttività dei VS a livello di discorso. Pur costituendo a livello di sistema un insieme piuttosto limitato, i VS di movimento non sono infatti un insieme chiuso. Ne abbiamo prove diverse nei corpora. In una pagina di Pirandello 5 ho trovato ad esempio le linee seguenti: (27) Una pagina di Pirandello Un lieve sterzo. C è una carrozzella che corre davanti. Pò, popòòò, pòòò. Che? La tromba dell automobile la tira indietro? Ma sì! Ecco pare che la faccia proprio andare indietro, comicamente. Le tre signore dell automobile ridono, si voltano, alzano le braccia a salutare con molta vivacità, tra un confuso e gajo svolazzio di veli variopinti; e la povera carrozzella, avvolta in una nuvola alida, nauseante, di fumo e di polvere, per quanto il cavalluccio sfiancato si sforzi di tirarla col suo trotterello stracco, seguita a dare indietro, indietro, con le case, gli alberi, i rari passanti, finché non scompare in fondo al lungo viale fuor di porta. Scompare? No: che! È scomparsa l automobile. La carrozzella, invece, eccola qua, che va avanti ancora, pian piano, col trotterello stracco, uguale, del suo cavalluccio sfiancato. E tutto il viale par che rivenga avanti, pian piano, con essa. [ ] Le tre signore dell automobile sono tre attrici della Kosmograph e hanno salutato con tanta vivacità la carrozzella strappata indietro dalla loro corsa meccanica [ ] nella carrozzella ci sono io. M han veduto scomparire in un attimo, dando indietro comicamente, in fondo al viale; hanno riso di me; a quest ora sono già arrivate. Ma ecco che io rivengo avanti, care mie. Pian pianino, sì; ma che avete veduto voi? Una carrozzella dare indietro, come tirata da un filo, e tutto il viale assaettarsi avanti in uno striscio. Questo testo è evidentemente percorso da un estrema preoccupazione dinamica. Lasciando a uno specialista di dire se davvero (come si sospetterebbe) il testo è in chiave futurista, salta agli occhi come esso tenda alla rappresentazione di un movimento continuo da parte di tutti i personaggi e gli oggetti che sono in scena, in una sorta di carosello di moti a contrasto reciproco (l automobile che corre e la carrozzella che a confronto va tanto lenta che pare indietreggiare invece di avanzare). Si ha l impressione di essere dinanzi a una fase genetica del VS di movimento: per codificare la massima mozionalità, l autore inventa VS a volontà, sfruttando all estremo la formula di questa classe di parole. Alcuni dei verbi che usa sono già pronti a livelli di sistema, altri sono inventati: (28) VS inventati assaettarsi avanti, correre davanti, dare indietro, rivenire avanti, strappare indietro, tirare indietro 5 Cito da L. Pirandello, I quaderni di Severino Gubbio operatore, a c. di G. Ferroni, Giunti: Firenze 1994.

16 16 18 E difficile trovare un esempio più vistoso del fatto che in tutti i casi in cui la mozionalità del verbo è sentita come debole la si può rafforzare con invenzioni di discorso, nelle quali viene messa a frutto la formula tipica del VS.

17 17 18 Riferimenti Chomsky, Noam (2005), Three factors in language design, Linguistic Inquiry 36: Culioli, Antoine (1999), Pour une linguistique de l énonciation, voll. 2 e 3, Ophrys: Paris. Kopecka, Anette (in stampa), From a satellite- to a verb-framed pattern: a typological shift in French in Cuyckens, H et al. (eds.), Variation and change in adpositions of movement, John Benjamins: Amsterdam & Philadelphia. Lazard, Gilbert (2006), La quête des invariantes interlangues. La linguistique est-elle une science?, Honoré Champion: Paris. Masini, Francesca (2007), Parole sintagmatiche in italiano. Tesi di dottorato inedita, Università Roma Tre, Roma. Masini, Francesca (questo volume), Verbi sintagmatici e ordine delle parole. Masini, Francesca & Iacobini, Claudio (2006), The emergence of verb-particle constructions in Italian : locative and actional meanings in Morphology 16 : Meillet, Antoine & Vendryes, Joseph (1924), Traité de grammaire comparée des langues classiques, Champion : Paris (rist. ivi, 1968). Schwarze, Christoph (1985), Uscire e andare fuori : struttura sintattica e semantica lessicale in Franchi de Bellis, A. & Savoia, Leonardo M. (eds.), Sintassi e morfologia della lingua italiana d uso. Teorie e applicazioni descrittive. Atti del XXIV congresso internazionale della SLI Società di Linguistica Italiana, Bulzoni: Roma, pp Seiler, Hansjakob (2000), Language Universals Research: A Synthesis, Narr: Tübingen. Simone, Raffaele (1995), The Search for Similarity in the Linguist s Cognition, in Cacciari, Cristina (ed.), Similarity in Language, Thought and Perception, Brepols: Bruxelles, pp Simone, Raffaele (1996), Linguaggio, in Enciclopedia delle Scienze Sociali, vol. 5, Istituto della Enciclopedia Italiana: Roma, pp Simone, Raffaele (1997), Esistono verbi sintagmatici in italiano?, in De Mauro, Tullio & Lo Cascio, Vincenzo (eds.) Lessico e grammatica. Teorie linguistiche e applicazioni lessicografiche, Bulzoni: Roma, pp Simone, Raffaele (2002), Dual complementizer in a language without infinitive in Hannsen, Hanna et al. (eds.), L infinito e oltre. Omaggio a Gunver Skytte, Odense University Press: Odense, pp Simone, Raffaele (2006a), Nominales sintagmáticos y nominales nosintagmáticos, in De Miguel, Elena et al. (eds.), Estructuras léxicas y estructuras del léxico, Peter Lang: Berlin, pp Simone, Raffaele (2006b), Constructions : types, niveaux, force pragmatique in Guillot, C. et al. (eds.), A la quête du sens. Etudes littéraires, historiques et

18 18 18 linguistiques en hommage à Christiane Marchello-Nizia, ENS : Lyon, pp Simone, Raffaele (2007), Constructions and Categories in Verbal and Signed languages, in Pietrandrea, Paola et al. (eds.), Verbal and Signed Languages. Comparing Structures, Constructs and Methodologies, Mouton & De Gruyter: Berlin & New York, pp Simone, Raffaele (2008), Coefficienti verbali nei nomi in Bertinetto, Pier Marco (ed.), Il verbo. Atti del congresso internazionale della SIG, in stampa. Simone, Raffaele & Lombardi Vallauri, Edoardo (in prep.), Vincoli naturali sull architettura del linguaggio, in prep. Talmy, Leonard (1975), Semantics and the syntax of motion, in Kimball, J. (ed.), Syntax and Semantics 26, Academic Press: New York, pp Talmy, Leonard (2000), Toward a Cognitive Semantics, vol. 2: Typology and Process in Concept Stucturing, The MIT Press: Cambridge (Mass.). Vicario, Federico (1997), I verbi analitici in friulano, FrancoAngeli: Milano.

Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433.

Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433. Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433. Il volume si presenta come un manuale di introduzione alla teoria della sintassi per studenti universitari di

Dettagli

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale Esame di Diploma Professionale I riferimenti per la costruzione delle prove sono: lo Standard Formativo

Dettagli

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse.

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. LINGUISTICA GENERALE, Linguistica di base D, a.a 2010/11, Ada alentini Mat. 8 Sintassi 1 (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. A. Il livello

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

Insegnare italiano L2: la sintassi

Insegnare italiano L2: la sintassi L apprendimento dell italiano L2 Insegnare italiano L2: la sintassi Cecilia Andorno Una domanda preliminare, anzi due Che cosa bisogna insegnare? ovvero: 1. Che cosa c è da imparare? 2. Che cosa sa (già)

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

Per una lettura-ricostruzione del link

Per una lettura-ricostruzione del link Per una lettura-ricostruzione del link a cura di Teresa Magnaterra Per i ragazzi realizzare delle pagine web è sempre un impresa motivante, spesso davvero coinvolgente e assorbe le loro energie come poche

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2

MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 MAPPE CONCETTUALI E SEMANTICHE PER ORIENTARE LA LETTURA DEI DOCUMENTI IPERTESTUALI E LORO APPLICAZIONE NELL INSEGNAMENTO DI UNA L2 Abstract Mappe concettuali, semantiche, mentali, lessicali. Comunque le

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA - CLASSE TERZA NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE ASCOLTO E PARLATO Strategie essenziali dell ascolto. Processi di controllo da mettere in atto durante l ascolto

Dettagli

Sonia Cristofaro, Università di Pavia. Semantic maps and mental representation

Sonia Cristofaro, Università di Pavia. Semantic maps and mental representation Sonia Cristofaro, Università di Pavia Semantic maps and mental representation 1. Premessa Il presente articolo mira ad esaminare le implicazioni di modelli di multifunzionalità cross-linguistica, così

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale ASCOLTO E PARLATO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri. Usa la comunicazione orale per collaborare

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI I DISCORSI E LE PAROLE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni ASCOLTARE E Ascoltare brevi e semplici racconti. Capire il messaggio delle parole usate dall insegnante.

Dettagli

Fino ad un repertorio produttivo di circa 100 vocaboli il bambino fa ricorso ad enunciati costituiti da una singola parola definiti monorematici o

Fino ad un repertorio produttivo di circa 100 vocaboli il bambino fa ricorso ad enunciati costituiti da una singola parola definiti monorematici o Fino ad un repertorio produttivo di circa 100 vocaboli il bambino fa ricorso ad enunciati costituiti da una singola parola definiti monorematici o olofrasi : le prime parole hanno un significato più ampio

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

GrammatiCa per una Buona astrazione

GrammatiCa per una Buona astrazione GrammatiCa per una Buona astrazione Daniela Notarbartolo E-mail: d.notarbartolo@fastwebnet.it La grammatica comporta contemporaneamente astrazione e concretezza: astrazione, quando riconosce proprietà

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

L apprendimento dell italiano L2 nel passaggio dalla scuola dell infanzia alla scuola primaria

L apprendimento dell italiano L2 nel passaggio dalla scuola dell infanzia alla scuola primaria L apprendimento dell italiano L2 nel passaggio dalla scuola dell infanzia alla scuola primaria Maria Teresa Guasti mariateresa.guasti@unimib.it www.cladeurope.eu 1 Cosa sono i Disturbi del linguaggio del

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare:

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare: 3. Latino 129 3.1. Significato e finalità formative della disciplina Il latino, lingua del popolo romano, è stato usato per più di dieci secoli nel mondo antico e per altrettanti in quello moderno, e si

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina ITALIANO a.s. 2015/2016 Classe: 1 Sez. E INDIRIZZO: Tecnico Nautico Trasporti e Logistica Docente : Prof.ssa Pasqualina Marrosu ANNO SCOLASTICO 2015/16

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

Laboratorio sulla scrittura di sintesi nella scuola primaria. Bolzano 2 26 marzo 2015 Paola Iannacci

Laboratorio sulla scrittura di sintesi nella scuola primaria. Bolzano 2 26 marzo 2015 Paola Iannacci Laboratorio sulla scrittura di sintesi nella scuola primaria Bolzano 2 26 marzo 2015 Paola Iannacci Lo sfondo: la sintesi nelle Indicazioni nazionali del 2012 e ipotesi di curricolo Conoscenze di base

Dettagli

E il cervello? 1811, Ospedale di Bicêtre, Parigi. Paul Pierre Broca

E il cervello? 1811, Ospedale di Bicêtre, Parigi. Paul Pierre Broca E il cervello? 1811, Ospedale di Bicêtre, Parigi Paul Pierre Broca Area di Broca L ipotesi più probabile è che i limiti delle sintassi delle lingue umane siano dovuti a una matrice di stampo biologico

Dettagli

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO TRAGUARDI FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO - L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

IL LADINO PER STUDIARE LE LINGUE STRANIERE UN PROGETTO PER INSEGNARE LA GRAMMATICA

IL LADINO PER STUDIARE LE LINGUE STRANIERE UN PROGETTO PER INSEGNARE LA GRAMMATICA IL LADINO PER STUDIARE LE LINGUE STRANIERE UN PROGETTO PER INSEGNARE LA GRAMMATICA Sabrina Rasom Premessa Nel presente lavoro descrivo un progetto didattico che propone la spiegazione di una particolare

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio 178 Interviews Interviste Intervjuoj 5 luglio 2011 Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio Intervista a Maria Teresa Guasti Mauro Viganò Presentazione Maria Teresa Guasti è professore ordinario

Dettagli

Indice. 1. Esplorare un testo... 1 2. Il DBT Data Base Testuale... 19 3. Lavorare con un testo... 25 4. Lavorare con un archivio di testi...

Indice. 1. Esplorare un testo... 1 2. Il DBT Data Base Testuale... 19 3. Lavorare con un testo... 25 4. Lavorare con un archivio di testi... Indice 1. Esplorare un testo... 1 2. Il DBT Data Base Testuale... 19 3. Lavorare con un testo... 25 4. Lavorare con un archivio di testi... 49 Riferimenti bibliografici... 59 Sitografia... 63 vii La società

Dettagli

Descrivere il passato in italiano

Descrivere il passato in italiano Descrivere il passato in italiano Passato remoto e passato prossimo nell italiano contemporaneo Nella dinamica interna dell italiano contemporaneo, improntata a un generale principio di semplificazione,

Dettagli

Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi. nell anno scolastico 2011/2012

Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi. nell anno scolastico 2011/2012 METODO ANALOGICO ( metodo Bortolato) Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi nell anno scolastico 2011/2012 Durante l anno scolastico 2011/2012 le insegnanti delle CLASSI PRIME del

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata LA COMUNICAZIONE EFFICACE Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata La lingua: sistema creativo governato da regole Onnipotenza semiotica Facoltà metalinguistica

Dettagli

1. Linguistica teorica e sociolinguistica

1. Linguistica teorica e sociolinguistica 1. Linguistica teorica e sociolinguistica Sociolinguistica: lo studio della lingua in rapporto con la società la linguistica teorica si basa su «idealizzazioni» e ha come oggetto principale di studio il

Dettagli

Curricolo verticale: coordinazione e subordinazione per ASLI scuola 7.4.2014. Daniela Notarbartolo

Curricolo verticale: coordinazione e subordinazione per ASLI scuola 7.4.2014. Daniela Notarbartolo Curricolo verticale: coordinazione e subordinazione per ASLI scuola 7.4.2014 Daniela Notarbartolo Collocazione Nella pratica didattica ordinaria questo argomento si colloca o all interno della morfologia

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online)

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online) IV PRIMA UNITÀ Nuovi itinerari alla scoperta del greco antico : le strutture fondamentali della lingua greca : fonetica, morfologia, sintassi, semantica, pragmatica / Francesco Michelazzo. Firenze : Firenze

Dettagli

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza Abilità Conoscenze Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi

Dettagli

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA INDICE 1 - Prerequisiti in entrata alla Scuola Primaria 2 Scuola Primaria Classe prima

Dettagli

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA MER BE SCRE E CMPREDERE FZ PRMR SECDR D GRD scolta e comprendere brevi messaggi e consegne. scolta e comprendere brevi racconti fiabe e favole lette dagli insegnanti. Mantiene l attenzione ponendosi in

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

COME STUDIARE CON DynEd

COME STUDIARE CON DynEd COME STUDIARE CON DynEd I corsi DynEd sono progettati per consentire l acquisizione della lingua inglese in modo naturale, accelerando i tempi dell apprendimento. Rappresentano un notevole passo avanti

Dettagli

Un percorso per la scuola Primaria

Un percorso per la scuola Primaria Un percorso per la scuola Primaria 1 Il percorso descritto propone ed utilizza strategie didattiche finalizzate allo sviluppo delle diverse abilità linguistiche del bambino in modo che l'insieme delle

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

Riflettere sulla lingua dalla scuola dell infanzia. Lilia Andrea Teruggi

Riflettere sulla lingua dalla scuola dell infanzia. Lilia Andrea Teruggi Riflettere sulla lingua dalla scuola dell infanzia Lilia Andrea Teruggi Grammatica, ma quale? Scuola di Port Royal nascita (1600) Ambiti diversi Linguistica: Grammatica Teorie della grammatica Livelli

Dettagli

Articolazione delle prove. - comprensione locale del testo. - comprensione globale del testo. -competenza lessicale

Articolazione delle prove. - comprensione locale del testo. - comprensione globale del testo. -competenza lessicale Articolazione delle prove 1. La competenza TESTUALE 2. La competenza GRAMMA TICALE 3. La competenza LESSICALE - coesione testuale - coerenza testuale - inferenze - registro a. morfologia verbale, b. sistema

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

Introduzione. Motivi di un percorso per la comprensione grammaticale

Introduzione. Motivi di un percorso per la comprensione grammaticale Introduzione Motivi di un percorso per la comprensione grammaticale Questo percorso è finalizzato al recupero delle difficoltà di comprensione morfo-sintattica in bambini con disturbo specifico di linguaggio

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO

SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO Per definizione implicito è ciò che viene comunicato, senza venir asserito esplicitamente. La maggior parte della nostra comunicazione si basa su processi e contenuti

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014 Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati Lezione del 27 novembre 2014 Finora si è parlato dell uso del dialetto da parte degli italiani Ma come si pongono di fronte ai dialetti gli stranieri che

Dettagli

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo Liceo Scientifico Statale Leonardo da Vinci Vairano Scalo Programmazione didattica ed educativa A.S. 2015-16 Docente: De Sisto Annamaria Materia : Latino Classe II B 1) Profilo della classe e situazione

Dettagli

La comunicazione e il linguaggio

La comunicazione e il linguaggio Linguaggio = sistema di simboli, suoni, significati e regole per la loro combinazione che costituisce la modalita primaria di comunicazione tra gli esseri umani Caratteristiche fondamentali del linguaggio:

Dettagli

LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Primo anno ascolta, comprende ed esegue consegne precise

LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Primo anno ascolta, comprende ed esegue consegne precise LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Primo anno ascolta, comprende ed esegue consegne precise ascolta e comprende il senso di una semplice storia si esprime verbalmente usando la struttura minima della

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA RIFLESSIONE SULLA LINGUA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado ü L alunno interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostiene

Dettagli

LA RIFLESSIONE GRAMMATICALE NELL'APPRENDIMENTO LINGUISTICO PLURILINGUE AGATA GUELI 1

LA RIFLESSIONE GRAMMATICALE NELL'APPRENDIMENTO LINGUISTICO PLURILINGUE AGATA GUELI 1 LA RIFLESSIONE GRAMMATICALE NELL'APPRENDIMENTO LINGUISTICO PLURILINGUE AGATA GUELI 1 Siamo ad un bivio: decretare la morte dell insegnamento della Grammatica? O accettare la sfida che ci pongono i nostri

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

Ricerche sulla punteggiatura

Ricerche sulla punteggiatura La punteggiatura Ricerche sulla punteggiatura La punteggiatura sembra progredire dai LIMITI ESTERNI del testo verso l interno Quando compare all interno del testo si concentra: all interno o ai margini

Dettagli

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Allegato N 11 Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Finalità Le finalità generali dell insegnamento della lingua straniera comprendono: l acquisizione

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe seconda della scuola primaria...5

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

MAPPE CONCETTUALI NELLA GLOTTODIDATTICA

MAPPE CONCETTUALI NELLA GLOTTODIDATTICA MAPPE CONCETTUALI NELLA GLOTTODIDATTICA 1) Introduzione 2) Discorso preliminare sulle abilità 3) Il word processor come cognitive tool 4) Sviluppo della riflessione sulla lingua 5) Produzione orale/esposizione

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

Documentazione Demo online

Documentazione Demo online READ-IT Documentazione Demo online ILC-CNR ItaliaNLP Lab Sommario 1 MISURAZIONE DELLA LEGGIBILITÀ DI UN TESTO 2 1.1 Analisi globale della leggibilità 3 1.1.1 Valutazione globale della leggibilità del documento

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Comunicazione una premessa. Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Teoria (Dalla scuola di Palo Alto Watzlawic) Lo studio della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

Contratto Formativo Individuale

Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010 2011 Contratto Formativo Individuale Classe: 1ª Sez: F Materia: Latino Docente: Annalisa Campanaro Capacità 1.ANALISI DELLA CLASSE: sufficienti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

Dimostrare di mantenere l attenzione con differenti interlocutori ed in diversi ambiti

Dimostrare di mantenere l attenzione con differenti interlocutori ed in diversi ambiti ITALIANO PRIMARIA CLASSE I NUCLEI COMPETENZE OBIETTIVI DESCRITTORI CONOSCENZE ASCOLTO E PARLATO Mantenere l attenzione sul messaggio orale e sull interlocutore, nelle diverse situazioni comunicative Ascoltare

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

Laboratorio con le macchine matematiche Analizziamo la Pascalina!

Laboratorio con le macchine matematiche Analizziamo la Pascalina! Laboratorio con le macchine matematiche Analizziamo la Pascalina! Francesca Martignone francesca.martignone@unipmn.it Cristina Coppola ccoppola@unisa.it Laura Lombardi llombardi@unisa.it Tiziana Pacelli

Dettagli

1. La sintassi. (Basile, G. et al., 2010, Linguistica generale, Roma, Carocci)

1. La sintassi. (Basile, G. et al., 2010, Linguistica generale, Roma, Carocci) Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A. 2011 / 2012 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia (giorgio.arcodia@unimib.it) 1. La sintassi Sintassi (greco sýntaxis, syn 'insieme'

Dettagli

Tipologia Prove Venerdì 29 Gennaio 2010 10:01 - Ultimo aggiornamento Venerdì 18 Novembre 2011 10:49

Tipologia Prove Venerdì 29 Gennaio 2010 10:01 - Ultimo aggiornamento Venerdì 18 Novembre 2011 10:49 TIPOLOGIA PROVE Le prove delle eliminatorie saranno, per l edizione 2011-2012, esercizi delle tipologie rese disponibili dalla piattaforma net learning: quesiti a scelta multipla (una o più risposte da

Dettagli

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI - MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Comunicazione in italiano

Dettagli

Combinazione di parole. La Sintassi

Combinazione di parole. La Sintassi Combinazione di parole. La Sintassi Una lingua non è fatta soltanto di parole isolate, ma anche di combinazioni di queste parole Non tutte le combinazioni di parole sono possibili, non tutte suonano grammaticali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO Stefano Campostrini Ca Foscari FEBBRAIO 2011 Approcci d indagine qualitativi Strumenti qualitativi Raccolta dati / informazioni Interpretare Gruppo (interazione) singoli

Dettagli

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang.

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Incontro di aggiornamento per Genitori COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN 17 Maggio 2008 Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Università di Liegi, Belgio Professore

Dettagli

Anna Maria Lorusso Claudio Paolucci Patrizia Violi (eds.) Narratività. Problemi, analisi, prospettive

Anna Maria Lorusso Claudio Paolucci Patrizia Violi (eds.) Narratività. Problemi, analisi, prospettive Anna Maria Lorusso Claudio Paolucci Patrizia Violi (eds.) Narratività. Problemi, analisi, prospettive Bologna, Bononia University Press, 2012, 348 pp. La semiotica ha condotto la sua ricerca su forme testuali

Dettagli