Prof. Maria Nicola GADALETA DISPENSA N. 18

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prof. Maria Nicola GADALETA DISPENSA N. 18"

Transcript

1 Prof. Maria Nicola GADALETA Facoltà di Scienze Biotecnologiche Corso di Laurea in Biotecnologie Sanitarie e Farmaceutiche Biochimica e Tecnologie Biochimiche DISPENSA N. 18 ENZIMI VI: Regolazione enzimatica

2 REGOLAZIONE ENZIMATICA Come viene regolato il flusso di molecole che si trasformano in altre molecole all interno di una cellula vivente, data la straordinaria complessità delle interrelazioni metaboliche? da: Berg J.M. et al. (V ed.)

3 E. coli costruisce tutte le molecole ad esso necessarie: proteine, lipidi, acidi nucleici, a partire da: glucosio, NH 3, H 2 O e sali minerali attraverso una intricata rete metabolica. Nella rete metabolica ci sono punti in cui una molecola può essere substrato di più enzimi. Per es. nell uomo il glucosio presente negli alimenti può essere convertito in: glicogeno GLUCOSIO lipidi amminoacidi non essenziali CO 2 e H 2 O attraverso 4 diverse vie metaboliche. Ogni via metabolica è caratterizzata da numerose reazioni; ogni reazione è catalizzata da un enzima specifico. Non tutte le vie metaboliche procedono al massimo della loro attività in ogni momento. Per es., dopo un pranzo, nell organismo c è notevole disponibilità di glucosio: non tutte le molecole vengono trasformate in ugual misura nei prodotti terminali delle vie metaboliche suddette; al contrario, esistono meccanismi omeostatici controllati molto accuratamente dall organismo che fanno sì che:

4 a) il tasso ematico di glucosio sia sempre costante; b) una quota appropriata di questo zucchero venga utilizzata a scopi energetici; c) esistano sempre riserve di glicogeno; d) la quantità di glucosio eventualmente residua venga trasformata in lipidi di riserva. D altra parte, quando l ambiente esterno fornisce prodotti già fatti per la cellula è altamente dispendioso sintetizzare quei prodotti e quindi lasciare attive quelle vie metaboliche; sorge la necessità di disattivarle.

5 La velocità di una via metabolica dipende dalla concentrazione dei suoi enzimi sintetizzati in quantità costanti (Enzimi costitutivi) e dalla presenza di enzimi regolatori. Il livello intracellulare degli enzimi regolatori delle vie metaboliche è generalmente molto basso. Spesso gli enzimi regolatori di vie metaboliche presentano un tempo di semivita molto breve. Per es. carbossicinasi 5h: questo permette di avere fluttuazioni della velocità di una via metabolica molto maggiori di quella ottenuta attraverso l attivazione o inibizione di enzimi sintetizzati in quantità costanti (Enzimi costitutivi).

6 La velocità con cui una via metabolica decorre può essere regolata anche per mezzo dell attivazione o inattivazione ormono-dipendente dell espressione genica di nuovi enzimi, con conseguente aumento o diminuizione della velocità della loro biosintesi. Enzimi inducibili Enzimi repressibili.

7 Il controllo di una via metabolica si attua attraverso : a) il controllo della disponibilità dei suoi enzimi b) la modulazione dell attività dei suoi enzimi

8 a)la cellula può regolare la quantità assoluta di enzima presente in un determinato momento stimolando : la sua biosintesi ( la regolazione a livello dell espressione genica prevede un processo complesso: è una regolazione di tipo lento, richiede minuti) e/o la sua degradazione o attraverso l attivazione di zimogeni (vedi chimotripsina).

9 da: Champe Gli enzimi inducibili sono quelli i cui geni sono espressi soltanto in un determinato stadio dello sviluppo o in particolari condizioni fisiologiche. Per es. in seguito a un aumento della glicemia, si ha un aumento dell insulina che induce nel fegato la espressione della glucocinasi, un enzima che indirizza il glucosio nella sua forma di deposito, che è il glicogeno, riportando la glicemia alla normalità. La glucochinasi è un isoenzima della esochinasi presente solo nel fegato le cui cinetiche rispondono alla fosforilazione del glucosio in condizioni di elevata glicemia.

10 da: Baynes

11 da: Baynes

12 b) La cellula può modulare l attività degli Enzimi attraverso specifici ligandi. Gli enzimi la cui attività oltre che essere regolata da ph, [S], [cofattori, Mg+2, K+] e [coenzimi], è modulata da specifici ligandi sono detti enzimi regolatori o regolati. L attività catalitica di un enzima è modulata grazie 1) alla flessibilità conformazionale delle proteine (per esempio stato T stato R), 2) alla loro dinamicità in risposta a ligandi o effettori (regolazione allosterica) e 3)alla loro capacità intrinseca di trasmettere modificazioni conformazionali tra siti spazialmente distanti all interno della molecola (effetto cooperativo).

13 Gli enzimi regolatori subiscono una: regolazione allosterica regolazione covalente regolazione attraverso proteine controllo

14 La regolazione allosterica prevede cambiamenti conformazionali della molecola proteica, in seguito a interazioni di ligandi in siti diversi dal sito attivo,che coinvolgono solo formazione e rottura di legami deboli: la transizione di conformazione che modula l attività dell enzima è veloce,richiede pochi secondi. La regolazione covalente prevede cambiamenti conformazionali in seguito a formazione e rottura di legami covalenti: coinvolge almeno due enzimi, lenta,richiede minuti. La regolazione mediante proteine controllo: quando ad attivare o disattivare un enzima sono non piccole molecole, ma proteine (vedi calmodulina, rapida, secondi).

15 1. REGOLAZIONE ALLOSTERICA L attività degli enzimi allosterici è regolata dal legame reversibile di uno specifico ligando detto effettore allosterico. Il ligando viene riconosciuto da uno specifico sito allosterico sull enzima diverso dal sito attivo. Un enzima può avere diversi siti allosterici ed essere regolato da più effettori allosterici. L effettore allosterico non è un interruttore che accende o spegne, cioè attiva o disattiva un enzima allosterico, ma, piuttosto, un dispositivo di regolazione della luminosità (cioè dell intensità dell attività di una enzima): è meglio detto modulatore.

16 Nella maggior parte dei casi gli enzimi allosterici sono enzimi polimerici che mostrano anche l effetto cooperativo. Allosterismo: cambiamento conformazionale che si verifica in un protomero, in risposta ad una interazione ligando-sito allosterico. Cooperatività: implica un cambiamento conformazionale di un protomero, indotto dall interazione con un effettore che, a sua volta, induce un protomero adiacente ad assumere una nuova conformazione con una diversa affinità per il ligando effettore o per un secondo ligando.

17 Allosterismo cambiamenti nella struttura terziaria Cooperatività cambiamenti nella struttura quaternaria Proteine allosteriche: proteine che subiscono una regolazione di tipo allosterico e/o che mostrano il fenomeno della cooperatività: quasi sempre i due fenomeni sono connessi anche perché quasi tutte le proteine allosteriche sono polimeriche. Può esistere un effetto allosterico in assenza di cooperatività: per es. nella alcooldeidrogenasi (ADH): in questo enzima i cambiamenti conformazionali indotti in un protomero non si trasmettono ai protomeri adiacenti. E, tuttavia, molto raro. Effettori/modulatori allosterici : positivi = attivatori negativi = inibitori

18 Il cambiamento conformazionale di un enzima può essere indotto oltre che da un effettore allosterico dalle molecole di S. In questo caso, come nel caso di Hb, il sito di legame per O 2 presente in ciascun protomero, corrisponde al sito di legame per S in un enzima allosterico. I cambiamenti conformazionali indotti su ciascun protomero dal legame del S (o di O 2 nel caso di Hb) sono meglio definiti interazioni cooperative omotropiche.

19 Effettori/modulatori omotropi ed eterotropi L influenza esercitata da molecole di S, attivatori o inibitori sul legame di altre molecole di S, attivatori o inibitori prende il nome di interazione omotropa, interazione quasi sempre positiva. L influenza esercitata da un ligando sul legame di ligandi diversi, per es. da un inibitore allosterico sul legame di S o da un inibitore allosterico sul legame di un attivatore allosterico, prende il nome di interazione eterotropa e può essere tanto positiva che negativa.

20 da: Baynes

21 Gli enzimi allosterici non seguono la cinetica di MM da: Nelson & Cox Il comportamento cinetico sigmoide riflette la presenza di interazioni cooperative tra le diverse subunità dell enzima. Il substrato S può comportarsi da modulatore omotropo positivo in quanto le subunità dell enzima agiscono in modo cooperativo. (K 0,5 )

22 EFFETTO COOPERATIVO E stato dimostrato in proteine di trasporto (Hb) proteine enzimatiche e in molte altre proteine oligomeriche. FUNZIONE:conferire alla proteina una regolabilità per meglio rispondere alle esigenze fisiologiche dell organismo. Esistono variazioni fisiologiche della concentrazione di S:secondo l equazione di Michaelis e Menten quando c è poco S l attività dell enzima è bassa, quando S aumenta, l attività dell enzima aumenta.

23 Ma le variazioni di concentrazione dei S possono essere: 1 tali da regolare la V 0 dell enzima in risposta alle esigenze metaboliche cellulari secondo la cinetica di Michaelis e Menten (curva iperbolica). Effetto cooperativo non necessario 2 molto piccole; insufficienti a regolare la V 0 secondo la cinetica di Michaelis e Menten: necessità di un effetto omotropo cooperativo positivo che amplifichi la risposta dell enzima alle variazioni di concentrazioni di S 3 troppo grandi per regolare la V 0 secondo la cinetica di Michaelis e Menten: necessità di un effetto omotropo cooperativo negativo per ammortizzare le variazioni di concentrazione di S. La sigmoidicità della curva può variare da enzima ad enzima e, quindi, varia la regolabilità. Esistono effetti cooperativi misti (prima positivi, poi negativi) che permettono una maggiore regolabilità a bassa [S] e una minore regolabilità ad alta [S].

24 A) curva iperbolica di Michaelis e Menten. Una variazione di [S] di circa 80 volte fa variare la Vo dal 10% al 90% del valore della Vmax. B) curva sigmoide con moderato EFFETTO COOPERATIVO POSITIVO. Una variazione di [S] di circa 9 volte fa variare lavo dal 10% al 90%dellaVmax. Le curve sigmoidi sono a volte così ripide che un aumento veramente piccolo di [S] provoca una accelerazione della velocità di catalisi molto maggiore che in un enzima semplice. C) curva iperbole simile dell EFFETTO COOPERATIVO NEGATIVO. Per un aumento di velocità dal 10% al 90% occorrerebbe un aumento di [S] di volte (es. Gliceraldeide 3P DH).

25 CINETICA DELLE PROTEINE ALLOSTERICHE In conseguenza dell interazione tra sito di legame per S, sito di legame per A (modulatore positivo) e/o sito di legame per I (modulatore negativo) il diagramma della velocità iniziale di reazione (v 0 ) in funzione di [S] è rappresentato da una curva sigmoide. Lo stesso dicasi per gli enzimi e per gli effetti di S,A e I da: Nelson & Cox

26 ASPARTATO TRANSCARBAMILASI (ATCasi): un enzima allosterico regolato da S con effetto omotropo cooperativo positivo e da modulatori eterotropi positivi e negativi,atp e CTP. da: Berg J.M. et al. (V Ed.) (necessarie per la biosintesi degli acidi nucleici)

27 da: Nelson & Cox (IV Ed.)

28 da: Berg J.M. et al. (V Ed.)

29 Effetto omotropo cooperativo negativo La cinetica di alcuni enzimi allosterici, sebbene simile ad una iperbole equilatera, non può essere descritta dall equazione di Michaelis e Menten (risulta più appiattita e sale molto lentamente, non è una iperbole equilatera). Il fatto che la curva di saturazione cresce così lentamente si spiega col fatto che il legame di una molecola di S rende più difficile il legame delle successive molecole di S. Esempio: Gliceraldeide 3fosfato deidrogenasi: 4 siti per NAD + Gliceraldeide 3fosfato deidrogenasi = enzima regolato da NAD + (che può essere considerato un substrato dell enzima) con effetto omotropo cooperativo negativo Effetto omotropo cooperativo negativo: il legame della prima molecola di NAD + diminuisce l affinità delle altre subunità per NAD +.

30 INIBIZIONE DA PRODOTTO TERMINALE O RETROREGOLAZIONE O REGOLAZIONE A FEEDBACK Un chiaro esempio di come operi un meccanismo di regolazione è rappresentato dalla inibizione a feedback della biosintesi della L-isoleucina nei batteri: questo processo si realizza in 5 stadi, ciascuno dei quali è legato ad una reazione enzimatica. Il prodotto finale (L-isoleucina) inibisce il primo enzima in modo tale che, quando la concentrazione dell aminoacido L-isoleucina comincia a diventare significativa, il processo di sintesi si interrompa.

31 Regolazione retroattiva nella via di biosintesi della L- isoleucina.l inibizione a feedback può essere di tipo competitivo o allosterico e, in ogni caso, porta ad un aumento della K m dell enzima che può superare quello della [S] in vivo, portando ad una diminuzione o all azzeramento della velocità della reazione catalizzata.

32 2. REGOLAZIONE COVALENTE(1) Nella regolazione covalente, modificazioni covalenti (rottura o formazione di nuovi legami) catalizzate da E convertono l una nell altra la forma attiva e inattiva degli E regolati. E una regolazione più lenta di quella allosterica (richiede alcuni minuti). Esistono diversi tipi di modificazione che hanno luogo a carico di amminoacidi specifici (vedi figura).

33 Acetilazione Lys

34 da: Berg J.M. et al. (V Ed.)

35 REGOLAZIONE COVALENTE(2) La maggior parte delle modificazioni covalenti sono reversibili per cui per ognuna di esse sono richiesti due E: una chinasi e una fosfatasi per la fosforilazione, una acetiltransferasi e una acetilasi per la acetilazione, ecc. PROTEIN CHINASI (PK) = enzimi che fosforilano altre proteine utilizzando ATP (o altri nucleosidi trifosfati) come substrato. Quaranta dei 280 residui della PKA formano un nucleo catalitico conservato, comune a quasi tutte le proteine chinasi conosciute. da: Champe Le PK costituiscono una delle più grandi famiglie di proteine: se ne conoscono più di 550 nella specie umana. Questa molteplicità di E permette di ottimizzare la regolazione secondo lo specifico tessuto, momento o substrato.

36 Serinchinasi, treoninchinasi, tirosinchinasi

37 La fosforilazione è un mezzo molto efficiente per regolare l attività delle proteine bersaglio da: Berg J.M. et al. (V Ed.)

38 La fosforilazione è un mezzo molto efficiente per regolare l attività delle proteine bersaglio da: Berg J.M. et al. (V Ed.)

39 3.Regolazione mediante proteine controllo Esistono importanti enzimi oligomerici in cui è presente un particolare protomero con attività regolatrice; queste subunità non hanno di per sé attività catalitica, ma, la loro associazione con i protomeri con funzione catalitica, permette la modulazione dell attività catalitica del complesso attraverso cambiamenti conformazionali indotti. Es. proteinchinasi A, calmodulina da: Berg J.M. et al. (V ed.) (PKA)

40 La calmodulina funge da subunità regolatrice di molte proteine complesse, per es. della glicogeno fosforilasi chinasi o glicogeno sintasi chinasi 2 e della PK Ca +2 -calmodulina dipendente La calmodulina è a sua volta modulata dal calcio (considerato un terzo messaggero nel trasferimento dell informazione metabolica) da: Champe

41 Gli enzimi regolatori sono a loro volta regolati. Per es. le proteine chinasi regolano l attività di molti enzimi attraverso la fosforilazione, ma che cosa induce l attivazione delle PK? Il camp è uno degli attivatori delle proteinchinasi (PK-cAMP dipendenti)di cui modifica la struttura quaternaria. L attivazione di una via metabolica è spesso un processo a più tappe iniziato da molecole segnale che collegano l ambiente extracellulare con l ambiente cellulare per es. gli ormoni. In generale gli ormoni proteici (insulina, glucagone) e ormoni come l adrenalina non entrano nelle cellule ma hanno recettori (molecole proteiche che le riconoscono) sulle membrane delle cellule bersaglio. Si comportano da ligandi del recettore.

42 da: Berg J.M. et al. (V Ed.)

43 da: Champe Molti recettori segnalano il riconoscimento di uno specifico ligando (ormone o primo messaggero ) innescando una serie di reazioni che hanno come risultato finale una altrettanto specifica risposta intracellulare.

44 I secondi messaggeri, es. camp, sono la prima espressione di una cascata di eventi che trasduce il legame dell ormone in una risposta cellulare. Il sistema dell adenilato ciclasi è particolarmente importante nella regolazione delle vie del metabolismo intermedio. Il camp è considerato un antico segnale di fame : nei batteri avvia l espressione di geni che portano all attivazione delle vie cataboliche. Proteine G: trasducono il messaggio del recettore legato all ormone in attivazione dell adenilato ciclasi. da: Champe

45

46 La concentrazione del camp è regolata dall adenilato ciclasi e dalla fosfodiesterasi ciclica. Quest ultima è attivata dal Ca +2 e inibita da caffeina e teofillina.

47 Adenilato ciclasi Fosfodiesterasi ciclica

48

49 Regolazione mediante attivazione di zimogeni

50 da: Berg J.M. et al. (V ed.) : Attivazione Irreversibile:è un partic0lare tipo di regolazione covalente Alcuni Il processo è detto anche di maturazione: infatti la scissione proteolitica favorisce l acquisizione della struttura tridimensionale funzionalmente attiva dell enzima, in quanto concorre alla formazione del sito attivo.

51 L attivazione degli zimogeni pancreatici ha luogo nell intestino, cioè laddove essi devono funzionare. Una maturazione precoce porterebbe all autodigestione del pancreas con esiti letali. da: Stryer

52

53

54 REGOLAZIONE mediante COMPARTIMENTAZIONE DELLE VIE METABOLICHE

55 COMPARTIMENTAZIONE DELLE VIE METABOLICHE Un altro meccanismo che ha la cellula per regolare il proprio metabolismo è la compartimentazione delle vie metaboliche. In genere, le vie anaboliche e quelle cataboliche sono localizzate in organelli o compartimenti cellulari diversi per agevolare il loro controllo ed evitare che siano attivate contemporaneamente; infatti, non avrebbe senso per la cellula che, ad es., l ossidazione degli acidi grassi avvenisse contemporaneamente alla loro biosintesi e nello stesso compartimento cellulare: se ciò si verificasse ci troveremmo di fronte ad un ciclo futile.

56 Invece, la separazione (compartimentazione) della biosintesi degli acidi grassi (citoplasma) dalla loro ossidazione (mitocondrio) permette di controllare i due processi per mezzo della regolazione del trasporto di intermedi comuni ad entrambi attraverso la membrana dei mitocondri: per es. gli acil-coa (derivati degli acidi grassi legati al CoA) non diffondono attraverso la membrana mitocondriale, che possono attraversare solo grazie all esistenza di uno specifico sistema di trasporto: il sistema navetta della carnitina (vedi fig ). Così, se la situazione metabolica richiede la biosintesi, piuttosto che l ossidazione degli acidi grassi, la cellula può controllare, attraverso segnali ormonali o di altro tipo, il sistema di trasporto degli acidi grassi in modo da adattarlo alle esigenze cellulari.

57

58 da: Champe Il malonilcoa (primo prodotto della biosintesi degli acidi grassi) blocca la carnitinapalmitoiltransferasi I (CPT I) impedendo l ingresso degli acilcoa nei mitocondri e quindi la loro degradazione.

59 REGOLAZIONE della sintesi e della demolizione del glicogeno : 1) Regolazione allosterica della glicogeno sintasi e della glicogeno fosforilasi. 2) Regolazione ormonale (glucagone, adrenalina, insulina) che si attua attraverso una regolazione covalente da parte della PKA

60 Regolazione allosterica della glicogeno sintasi e della glicogeno fosforilasi. Fegato:sensore della glicemia: un alto livello di glucosio nel sangue inibisce la demolizione del glicogeno Muscolo:l attività fisica (aumento( di Ca+2 e di AMP) ) favorisce la demolizione del glicogeno La contemporanea attivazione della glicogeno fosforilasi e inattivazione della glicogeno sintasi evita un ciclo futile da: Champe

61 da: Champe attraverso la via camp-dipendente.

62 Il camp attiva le proteinchinasi c-amp dipendenti. La concentrazione della proteina fosforilata è regolata dall azione della protein-chinasi camp dipendente (PKA) e della PKA fosfatasi. da: Champe

63 Gli enzimi regolatori modulati covalentemente possono amplificare notevolmente un segnale chimico mediante un effetto di AMPLIFICAZIONE A CASCATA. L amplificazione a cascata è dovuta al fatto che: ogni molecola di enzima agisce, in un dato tempo, su migliaia di molecole di S; quando però S è un altro enzima una serie di 3-4 passaggi possono portare a una enorme amplificazione del segnale iniziale. La fosforilasichinasi e la glicogenofosforilasi sono coinvolte in un amplificazione a cascata in due passaggi: essi fanno parte di una cascata che comprende altre due tappe e che amplifica il segnale dell adrenalina.

64 L amplificazione del segnale iniziale è pari al prodotto del numero di turnover dei diversi E coinvolti nella cascata metabolica.

65

66

67

68

69

70 ISOENZIMI Altro tipo di regolazione del metabolismo (riguarda l espressione genica). Isozimi o isoenzimi = forme multiple di un E che si trovano in un singolo organismo (es. in organi diversi) o anche in una singola cellula (es. in organuli diversi). Catalizzano la stessa reazione Hanno proprietà cinetiche diverse Rispondono diversamente ai modulatori allosterici Hanno diversa composizione in AA (sono il prodotto di geni diversi) Se il pi è diverso sono separabili elettroforeticamente

71 Gli isoenzimi hanno proprietà e caratteristiche cinetiche diverse. Esochinasi,costitutiva,ubiquitaria Km per il Glu:0,05mM Glucochinasi o EsochinasiD,indotta, solo nel fegato, da iperglicemia, Km per il Glu:10mM La distribuzione delle diverse forme isoenzimatiche risponde a)a esigenze di controllo fine delle velocità metaboliche mediate dalle risposte diverse di isozimi a modulatori allosterici diversi, nello stesso tessuto: es. l esochinasi D o glucochinasi del fegato non è inibito dal Glu-6P come la esochinasi del fegato e degli altri tessuti.

72 b)a esigenze metaboliche diverse nei differenti organi es. lattico deidrogenasi (LDH) 5 isozimi nel ratto e in altri animali acido piruvico + NADH + H + LDH acido lattico + NAD + PM = catene PM = M = muscolo H = heart = cuore (forme prevalenti) M 4, M 3 H, M 2 H 2, MH 3, H 4 I diversi isozimi della LDH differiscono per K m e V max verso l acido piruvico. Nel muscolo scheletrico e nel tessuto embrionale prevale la glicolisi anaerobia glucosio acido lattico M 4 ha bassa K m e alta V max per il piruvico trasforma rapidamente piruvico acido lattico Nel muscolo cardiaco la glicolisi è fortemente aerobia glucosio CO 2 + H 2 O senza formazione di lattico H 4 ha alta Km e bassa V max per il piruvico

73 da: Baynes LDH 1 = H 4 LDH 2 = H 3 M LDH 4 = H 3 M LDH 5 = M 4 (anche fegato) LDH 3 = H 2 M 2

74 c) metaboliche diverse nei differenti comparti cellulari: es. aspartato aminotransferasi (AAT) mitocondriale e citoplasmatico malico deidrogenasi (MDH) mitocondriale e citoplasmatico d) metaboliche diverse, durante il differenziamento e lo sviluppo,di tessuti adulti dalle loro forme embrionali e fetali: es. profilo isoenzimatico LDH fetale diverso da quello adulto profilo isoenzimatico delle cellule cancerose simili a quelli fetali piuttosto che a quelli adulti.

75 Non solo E ma molte proteine possono esistere in forme multiple. Oggi si conoscono molte isoforme di proteine ed enzimi. Il loro studio è importante nella ricerca delle basi molecolari del differenziamento. Pattern isoenzimatici in diagnostica: importanti perché gli isoenzimi caratterizzano i diversi tessuti

76 FINE

77 e) metaboliche di sincronizzazione, attraverso risposte diverse delle forme isoenzimatiche a modulatori allosterici diversi: es. biosintesi di AA diversi dall aspartato in E.coli A 3 isoenzimi modulati a feedback da affettori diversi B 2 isoenzimi C 2 isoenzimi A = aspartochinasi B = omoserina DH C = treonina deidratasi

78

79

80

81 da: Champe

82 da: Champe

83 La contemporanea attivazione della glicogeno fosforilasi e inattivazione della glicogeno sintasi evita un ciclo futile. da: Champe

84 da: Champe

85 da: Champe

86

87

88

89

90 da: Devlin (II Ed.)

91

Regolazione del metabolismo del glucosio

Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione coordinata di glicolisi e gluconeogenesi Glicolisi e gluconeogenesi sono regolate in modo reciproco La regolazione è a livello dei punti di deviazione

Dettagli

CONTROLLO ORMONALE DEL METABOLISMO GLUCIDICO DA PARTE DI GLUCAGONE, ADRENALINA E INSULINA

CONTROLLO ORMONALE DEL METABOLISMO GLUCIDICO DA PARTE DI GLUCAGONE, ADRENALINA E INSULINA CONTROLLO ORMONALE DEL METABOLISMO GLUCIDICO DA PARTE DI GLUCAGONE, ADRENALINA E INSULINA QUESTI ORMONI REGOLANO IL FLUSSO DEI METABOLITI NELLA GLICOLISI, NELLA GLICOGENO-SINTESI, NELLA GLIGENO-LISI E

Dettagli

DEGRADAZIONE di polisaccaridi (glicogeno epatico, amido o glicogeno dalla dieta) Glucosio. GLUCONEOGENESI (sintesi da precursori non glucidici)

DEGRADAZIONE di polisaccaridi (glicogeno epatico, amido o glicogeno dalla dieta) Glucosio. GLUCONEOGENESI (sintesi da precursori non glucidici) DEGRADAZIONE di polisaccaridi (glicogeno epatico, amido o glicogeno dalla dieta) Glucosio GLUCONEOGENESI (sintesi da precursori non glucidici) Metabolismo del glucosio La gluconeogenesi epatica è regolata

Dettagli

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio GLUCONEOGENESI Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio CATABOLISMO ANABOLISMO OSSIDAZIONI Produzione di ATP RIDUZIONI Consumo di ATP La GLUCONEOGENESI è un PROCESSO ANABOLICO La gluconeogenesi

Dettagli

METABOLISMO DEL GLICOGENO

METABOLISMO DEL GLICOGENO METABOLISMO DEL GLICOGENO Struttura del glicogeno DEMOLIZIONE DEL GLICOGENO: GLICOGENOLISI 1) distacco progressivo di unità glucosidiche con formazione di glucosio-1- fosfato: enzima: glicogeno fosforilasi

Dettagli

Il glicogeno (riserva di glucosio) è immagazzinato nel fegato e nei muscoli (con finalità diverse )

Il glicogeno (riserva di glucosio) è immagazzinato nel fegato e nei muscoli (con finalità diverse ) Glicogeno Glicogeno...1 Glicogenolisi...3 Glicogenosintesi...7 Regolazione ormonale della glicogenolisi e delle glicogenosintesi...13 Il recettore del glucagone e quello dell adrenalina sono 2 GPCR (G-Protein

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 26 La gluconeogenesi Concetti chiave: Il fegato e il rene possono sintetizzare glucosio da lattato, piruvato e amminoacidi.

Dettagli

METABOLISMO DEL Glucosio

METABOLISMO DEL Glucosio METABLISM DEL Glucosio Il metabolismo del glucosio può essere suddiviso nelle seguenti vie metaboliche: Glicolisi ssidazione del glucosio in acido piruvico e acido lattico. Via del pentoso fosfato Via

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Recettori a tirosina chinasi I recettori a tirosina chinasi presentano vari domini Una regione di legame (extracellulare) Una regione transmembrana Una coda intracellulare con numerose tirosine scaricato

Dettagli

Il metabolismo del glicogeno e la gluconeogenesi. Copyright 2013 Zanichelli editore S.p.A.

Il metabolismo del glicogeno e la gluconeogenesi. Copyright 2013 Zanichelli editore S.p.A. Il metabolismo del glicogeno e la gluconeogenesi Copyright 2013 Zanichelli editore S.p.A. Capitolo 16 La demolizione del glicogeno Concetti chiave 16.1 Il glicogeno, la forma di immagazzinamento del glucosio,

Dettagli

Prof. Maria Nicola GADALETA

Prof. Maria Nicola GADALETA Prof. Maria Nicola GADALETA E-mail: m.n.gadaleta@biologia.uniba.it Facoltà di Scienze Biotecnologiche Corso di Laurea in Biotecnologie Sanitarie e Farmaceutiche Biochimica e Biotecnologie Biochimiche DISPENSA

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Esempio di domande possibili alla prova orale di Biochimica AA 2011-12 Farmacia1 - FERIOTTO

Esempio di domande possibili alla prova orale di Biochimica AA 2011-12 Farmacia1 - FERIOTTO Esempio di domande possibili alla prova orale di Biochimica AA 2011-12 Farmacia1 - FERIOTTO Lo studente spieghi: - Geometria dei legami del carbonio. - Principali gruppi funzionali delle biomolecole. -

Dettagli

Esempio di domande possibili alla prova orale di Biochimica Generale ed Applicata AA 2009-10 Farmacia - FERIOTTO

Esempio di domande possibili alla prova orale di Biochimica Generale ed Applicata AA 2009-10 Farmacia - FERIOTTO Esempio di domande possibili alla prova orale di Biochimica Generale ed Applicata AA 2009-10 Farmacia - FERIOTTO Lo studente spieghi: - Geometria dei legami del carbonio. - Principali gruppi funzionali

Dettagli

Biologia Molecolare della Cellula 08 7: Regolazione ormonale del metabolismo del glicogeno e della glicolisi Desensitizzazione

Biologia Molecolare della Cellula 08 7: Regolazione ormonale del metabolismo del glicogeno e della glicolisi Desensitizzazione Biologia Molecolare della Cellula 08 7: Regolazione ormonale del metabolismo del glicogeno e della glicolisi Desensitizzazione camp Proteina-CHINASI camp DIPENDENTE (PKA) Proteine target : ε metabolici

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

Metabolismo: Introduzione

Metabolismo: Introduzione Metabolismo: Introduzione METABOLISMO Insieme delle reazioni chimiche coordinate e integrate che hanno luogo in tutte le cellule C A T A B O L I S M O Ossidazioni esoergoniche Alimenti: Carboidrati Lipidi

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE

TRASDUZIONE DEL SEGNALE TRASDUZIONE DEL SEGNALE TRASDUZIONE DEL SEGNALE Specificità (specificità riconoscimento) Amplificazione e diversificazione della risposta (cascata enzimatica) Integrazione tra segnali Spegnimento del segnale

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

GLUCONEOGENESI SINTESI DI NUOVO GLUCOSIO A PARTIRE DA FONTI NON GLUCIDICHE. L UOMO CONSUMA QUASI 160 g DI GLUCOSIO AL GIORNO

GLUCONEOGENESI SINTESI DI NUOVO GLUCOSIO A PARTIRE DA FONTI NON GLUCIDICHE. L UOMO CONSUMA QUASI 160 g DI GLUCOSIO AL GIORNO GLUCONEOGENESI SINTESI DI NUOVO GLUCOSIO A PARTIRE DA FONTI NON GLUCIDICHE L UOMO CONSUMA QUASI 160 g DI GLUCOSIO AL GIORNO 75% DI TALE GLUCOSIO E NEL CERVELLO I FLUIDI CORPOREI CONTENGONO SOLO 20 g DI

Dettagli

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale Comunicazione fra le cellule Le cellule comunicano e interagiscono tra loro tramite il fenomeno della segnalazione cellulare Una cellula segnalatrice produce

Dettagli

Gli enzimi sono catalizzatori nelle reazioni dei sistemi biologici Essi non sono gli unici catalizzatori biologici, esistono infatti:

Gli enzimi sono catalizzatori nelle reazioni dei sistemi biologici Essi non sono gli unici catalizzatori biologici, esistono infatti: Cinetica enzimatica Gli enzimi sono catalizzatori nelle reazioni dei sistemi biologici Essi non sono gli unici catalizzatori biologici, esistono infatti: ribozimi e abzimi Quasi tutti gli enzimi sono proteine

Dettagli

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo)

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) Regolazione della trascrizione Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) I geni possono essere accesi e spenti In un organismo pluricellulare adulto, vi sono molti tipi di cellule differenti,

Dettagli

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica Fondamenti di biochimica Terza edizione Donald Voet Judith G. Voet Charlotte W. Pratt La segnalazione biochimica Copyright 2013 Zanichelli editore S.p.A. Gli ormoni Conce& chiave 13.1 Gli ormoni endocrini

Dettagli

Metabolismo degli amminoacidi. Ciclo dell urea

Metabolismo degli amminoacidi. Ciclo dell urea Metabolismo degli amminoacidi Ciclo dell urea Biosintesi di amminoacidiporfirine, creatina, carnitina, ormoni, nucleotidi Gli amminoacidi possono subire una degradazione ossidativa in 3 diverse situazioni

Dettagli

forme diabetiche Diabete di tipo I o magro o giovanile (IDDM): carenza primaria di insulina, più frequente nei giovani e nei bambini. Il deficit insulinico consegue (per predisposizione ereditaria o per

Dettagli

- CINETICA ENZIMATICA

- CINETICA ENZIMATICA - CINETICA ENZIMATICA ENZIMI: - CATALIZZATORI aumenta la V di una reazione chimica senza subire trasformazioni durante l intero processo - PROTEINE gli enzimi sono proteine di struttura 3 o talora 4 -

Dettagli

Helena Curtis N. Sue Barnes

Helena Curtis N. Sue Barnes Helena Curtis N. Sue Barnes LA RESPIRAZIONE CELLULARE INDICE Demolizione del glucosio Glicolisi Fermentazione lattica Fermentazione alcolica Respirazione cellulare Ciclo di Krebs Catena di trasporto degli

Dettagli

BIOLOGIA GENERALE 22-24 ottobre 2007

BIOLOGIA GENERALE 22-24 ottobre 2007 Biologia generale Massolo Alessandro massolo@unifi.it; Tel. 347-9403330 BIOLOGIA GENERALE 22-24 ottobre 2007 Facoltà di Psicologia Tecniche di Psicologia Generale e Sperimentale Alessandro Massolo Dip.

Dettagli

Niccolò Taddei Biochimica

Niccolò Taddei Biochimica Niccolò Taddei Biochimica VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono

Dettagli

di glucosio da parte di tutte le cellule, facilitandone il trasporto transmembranario 2. aumenta l utilizzazione

di glucosio da parte di tutte le cellule, facilitandone il trasporto transmembranario 2. aumenta l utilizzazione non c Ormone ipoglicemizzante, causa un forte abbassamento della glicemia (70-100 mg/100 ml) perché esalta i processi responsabili della sottrazione di glucosio dal sangue e inibisce i processi responsabili

Dettagli

Respirazione cellulare

Respirazione cellulare Respirazione cellulare L equazione generale della respirazione C 6 H 12 O 6 + 6 O 2! 6 CO 2 + 6 H 2 O + 36 ATP 1 molec zucchero 6 molec ossigeno 6 molec anidride carbonica 6 molec acqua + = + + 36 molecole

Dettagli

Prof. Maria Nicola GADALETA

Prof. Maria Nicola GADALETA Prof. Maria Nicola GADALETA Email: m.n.gadaleta@biologia.uniba.it Facoltà di Scienze Biotecnologiche Corso di Laurea in Biotecnologie Sanitarie e Farmaceutiche Biochimica e Biotecnologie Biochimiche DISPENSA

Dettagli

glicogeno Glucosio 6-P Piruvato Acetil CoA Intermedi del ciclo di Krebs

glicogeno Glucosio 6-P Piruvato Acetil CoA Intermedi del ciclo di Krebs PIRUVAT glicogeno Glicogeno sintesi glicogenolisi Glucosio Glucosio 6-P Ribosio 5-P glicolisi Gluconeogenesi Amino acidi Piruvato Acetil CoA lattato Intermedi del ciclo di Krebs Concentrazione di glicogeno

Dettagli

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI 1 Obiettivi della lezione 1) Capire come l organismo converta il cibo che ingeriamo in ATP per fornire ai muscoli l energia che essi necessitano per contrarsi. 2) Esaminare

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

GLICOLISI e CATABOLISMO degli ESOSI

GLICOLISI e CATABOLISMO degli ESOSI GLICOLISI e CATABOLISMO degli ESOSI 1 ph= 7.0 2 Digestione dei polisaccaridi Amilasi salivare e pancreatica = endoglucosidasi 3 Digestione degli oligosaccaridi maltosio, maltotriosio, destrine, Saccarosio,

Dettagli

Il ciclo dell acido citrico

Il ciclo dell acido citrico Il ciclo dell acido citrico Il catabolismo di proteine, grassi e carboidrati avviene nelle tre fasi della respirazione cellulare Il piruvato viene ossidato ad acetil-coa e CO 2 La decarbossilazione

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACODINAMICA La farmacodinamica può essere definita come lo studio degli effetti biochimici e fisiologici dei farmaci e dei loro meccanismi d azione. Gli obiettivi dell analisi

Dettagli

GLICOGENOLISI & GLICOGENOSINTESI

GLICOGENOLISI & GLICOGENOSINTESI GLICOGENOLISI & GLICOGENOSINTESI ALIMENTARE Glucosio GLUCONEOGENESI GLICOGENOLISI (epatica) Glicemia: 70-90 mg/100ml ~ 5 mm GLICOGENO Nel fegato fino al 6-10% della massa epatica (~100 grammi) Nel muscolo

Dettagli

METABOLISMO DEL GLICOGENO

METABOLISMO DEL GLICOGENO METABOLISMO DEL GLICOGENO 1 2 DESTINI DEL GLUCOSIO 6-FOSFATO 3 RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DEL METABOLISMO DEL GLUCOSIO 4 Glucosio-6-fosfatasi Omeostasi del glicogeno Nell'organismo animale, il glicogeno

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 17

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 17 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 17 Enzimi Concetti chiave: Gli enzimi si differenziano dai catalizzatori chimici di uso comune per velocità, condizioni, specificità

Dettagli

Prof. Maria Nicola GADALETA DISPENSA N. 19

Prof. Maria Nicola GADALETA DISPENSA N. 19 Prof. Maria Nicola GADALETA E-mail: m.n.gadaleta@biologia.uniba.it Facoltà di Scienze Biotecnologiche Corso di Laurea in Biotecnologie Sanitarie e Farmaceutiche Biochimica e Tecnologie Biochimiche DISPENSA

Dettagli

Attivitá e cinetica enzimatica

Attivitá e cinetica enzimatica Attivitá e cinetica enzimatica PAS : Classe di insegnamento A60 Biologia e scienze A.A. 2013/2014 09/05/2014 Cinetica Enzimatica La cinetica enzimatica è misurata come velocità di conversione del substrato

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE LE PRINCIPALI MOLECOLE CHE PROVVEDONO ALLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI TRA LE CELLULE SONO FATTORI SOLUBILI QUALI NEUROTRASMETTITORI, ORMONI, FATTORI DI CRESCITA, CITOCHINE. UN CASO

Dettagli

ENZIMI Alcuni sono costituiti solo da a.a. Altri richiedono per la loro attività catalitica la presenza di COFATTORI

ENZIMI Alcuni sono costituiti solo da a.a. Altri richiedono per la loro attività catalitica la presenza di COFATTORI ENZIMI Tutti gli enzimi sono proteine Elevata specificità e senza la formazione di sottoprodotti Non vengono modificati o consumati durante la reazione alla fine si ritrovano inalterati Agiscono in condizioni

Dettagli

Bioenergetica e fisiologia dell esercizio 8. Risposte all allenamento: adattamenti biochimici e effetti sulla resistenza

Bioenergetica e fisiologia dell esercizio 8. Risposte all allenamento: adattamenti biochimici e effetti sulla resistenza Bioenergetica e fisiologia dell esercizio 8. Risposte all allenamento: adattamenti biochimici e effetti sulla resistenza Prof. Carlo Capelli, Fisiologia Generale e dell Esercizio, Facoltà di Scienze Motorie,

Dettagli

Biochimica Strutturale con Elementi di Enzimologia corso integrato di Struttura e Funzione delle Macromolecole Biologiche

Biochimica Strutturale con Elementi di Enzimologia corso integrato di Struttura e Funzione delle Macromolecole Biologiche Biochimica Strutturale con Elementi di Enzimologia corso integrato di Struttura e Funzione delle Macromolecole Biologiche Codice Disciplina : BT019 Settore : BIO/10 N CFU: 6 Codice Corso integrato : BT067

Dettagli

GLUCOSIO GLUCOSIO-6-FOSFATO ISOMERASI FRUTTOSIO-6-FOSFATO ATP FRUTTOSIO-1,6-DIFOSFATO ALDOLASI ISOMERASI

GLUCOSIO GLUCOSIO-6-FOSFATO ISOMERASI FRUTTOSIO-6-FOSFATO ATP FRUTTOSIO-1,6-DIFOSFATO ALDOLASI ISOMERASI GLUCOSIO ESOCHINASI (costitutivo) inibizione feed-back GLUCOCHINASI (induttivo) GLUCOSIO-6-FOSFATO ISOMERASI - 2 FRUTTOSIO-6-FOSFATO FOSFOFRUTTOCINASI allosterico reg +: e Fr-2,6-dP reg -:, citrato FRUTTOSIO-1,6-DIFOSFATO

Dettagli

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono evidenziate

Dettagli

FUNZIONI DEI MITOCONDRI

FUNZIONI DEI MITOCONDRI FUNZIONI DEI MITOCONDRI La funzione principale dei mitocondri è di compiere le trasformazioni energetiche indispensabili per le funzioni cellulari. Metabolismo energetico: insieme delle reazioni chimiche

Dettagli

Prof. Maria Nicola GADALETA

Prof. Maria Nicola GADALETA Prof. Maria Nicola GADALETA E-mail: m.n.gadaleta@biologia.uniba.it Facoltà di Scienze Biotecnologiche Corso di Laurea in Biotecnologie Sanitarie e Farmaceutiche Biochimica e Biotecnologie Biochimiche DISPENSA

Dettagli

dieta vengono convertiti in composti dei corpi chetonici.

dieta vengono convertiti in composti dei corpi chetonici. Metabolismo degli aminoacidi Metabolismo degli aminoacidi Gli aminoacidi introdotti in eccesso con la dieta vengono convertiti in composti precursori del glucosio, degli acidi grassi e dei corpi chetonici.

Dettagli

I RECETTORI ACCOPPIATI A PROTEINE G

I RECETTORI ACCOPPIATI A PROTEINE G I RECETTORI ACCOPPIATI A PROTEINE G I recettori accoppiati a proteine G sono costituiti da un unica subunità formata da un filamento di aminoacidi che attraversa 7 volte la membrana plasmatica Il sito

Dettagli

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA.

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. CORSO DI CHIMICA E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. Un enzima è una proteina capace di catalizzare una specifica reazione

Dettagli

Regolazione enzimatica Isoenzimi

Regolazione enzimatica Isoenzimi Regolazione enzimatica Isoenzimi Gli enzimi regolatori nel metabolismo gruppi di enzimi lavorano insieme per produrre una via metabolica in cui il prodotto del primo enzima diventa il substrato del secondo

Dettagli

Metabolismo degli amminoacidi

Metabolismo degli amminoacidi Metabolismo degli amminoacidi Gli amminoacidi derivati in gran parte dalla degradazione delle proteine della dieta o intracellulari possono essere ossidati per generare e energia. La quantità di energia

Dettagli

SISTEMI ENERGETICI. L ATP privato di uno dei suoi 3 radicali fosforici diventa ADP (adenosindifosfato).

SISTEMI ENERGETICI. L ATP privato di uno dei suoi 3 radicali fosforici diventa ADP (adenosindifosfato). SISTEMI ENERGETICI LE FONTI ENERGETICHE MUSCOLARI I movimenti sono resi possibili, dal punto di vista energetico, grazie alla trasformazione, da parte dei muscoli, dell energia chimica ( trasformazione

Dettagli

N 2, malgrado la sua abbondanza, è un fattore limitante la crescita della maggior parte degli organismi

N 2, malgrado la sua abbondanza, è un fattore limitante la crescita della maggior parte degli organismi Glicina (Gly) Alanina (Ala) N 2, malgrado la sua abbondanza, è un fattore limitante la crescita della maggior parte degli organismi La digestione delle proteine endopeptidasi H O R H O R R H 3+ N -C-C-NH-C-C-NH-C-C-NH-C-C-NH-C-COO

Dettagli

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo degli aminoacidi I composti azotati L azoto contenuto nella cellula è presente soprattutto negli AMINOACIDI delle proteine e nelle

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

SECREZIONE DI INSULINA:

SECREZIONE DI INSULINA: SECREZIONE DI INSULINA: O Ca ++ VGCC K-ATP GLUT2 Ca ++ K + O Ca ++ HK I P GK ATP O ADP piruvato acidi grassi corpi chetonici aminoacidi secretina glucagone incretine: colecistochinina (CCK) peptide inibitore

Dettagli

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili.

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. La sensibilita delle vie di trasduzione dipende da 3 fattori: -l affinita

Dettagli

Ogni globina ha una tasca in cui lega un gruppo EME, quindi l Hb può legare e trasportare 4 molecole di O 2

Ogni globina ha una tasca in cui lega un gruppo EME, quindi l Hb può legare e trasportare 4 molecole di O 2 Emoglobina (Hb): tetramero (le globine si associano formando due copie di dimeri αβ (α 1 β 1 e α 2 β 2 ) che si associano a formare un tetramero attraverso interazioni idrofobiche, legami H e ponti salini

Dettagli

Metabolismo degli aminoacidi

Metabolismo degli aminoacidi Metabolismo degli aminoacidi Quando gli aminoacidi provenienti dalla digestione gastrica e intestinale, non vengono utilizzati per la costruzione di nuove proteine vengono demoliti Transaminazione Per

Dettagli

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 Personale dei docenti Loredana Decarlo Mascaro Salvatore per la classe V CH. Serale 1) PREREQUISITI Conoscenza dei gruppi funzionali e dei modelli

Dettagli

Importanza degli enzimi in Medicina

Importanza degli enzimi in Medicina ENZIMI Importanza degli enzimi in Medicina 1. Chiave per capire errori del metabolismo 2. Importanti nelle reazioni di detossificazione 3. Targets di chemioterapia 4. Essenziali per formulare il razionale

Dettagli

Nel muscolo un incremento della concentrazione di Ca 2+ attiva la glicogenolisi.

Nel muscolo un incremento della concentrazione di Ca 2+ attiva la glicogenolisi. Nel muscolo un incremento della concentrazione di Ca 2+ attiva la glicogenolisi. Il Ca++ si lega alle subunità (calmodulina) della fosforilasi chinasi attivando l enzimal attiva inattiva attiva La fosforilasi

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Biochimica clinica

Domande relative alla specializzazione in: Biochimica clinica Domande relative alla specializzazione in: Biochimica clinica Domanda #1 (codice domanda: n.403) : Nell'ibridazione fluorescente in situ (Fluorescent in situ hybridization "FISH"), che tipo di sonde fluorescenti

Dettagli

Degradazione delle proteine della dieta. Catabolismo degli aminoacidi

Degradazione delle proteine della dieta. Catabolismo degli aminoacidi Degradazione delle proteine della dieta Catabolismo degli aminoacidi LE PROTEINE DELLA DIETA SONO DEGRADATE ENZIMATICAMENTE AD AMINOACIDI LIBERI L ingresso di una proteina nello stomaco stimola la mucosa

Dettagli

http://sds.coniliguria.it 1

http://sds.coniliguria.it 1 Aspetti metabolici dell esercizio fisico Genova 22 gennaio 2011 A cura di Attilio TRAVERSO http://sds.coniliguria.it 1 L allenamento produce modificazioni fisiologiche (adattamenti) in quasi tutti i sistemi

Dettagli

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici La seta della tela di ragno è un insieme di macromolecole, dette proteine. Sono le caratteristiche fisico-chimiche di queste

Dettagli

Dall RNA alle proteine. La traduzione nei procarioti e negli eucarioti

Dall RNA alle proteine. La traduzione nei procarioti e negli eucarioti Dall RNA alle proteine La traduzione nei procarioti e negli eucarioti Codice genetico La sequenza dell mrna viene decodificata a gruppi di tre nucleotidi, e tradotta in una sequenza di amminoacidi 4 x

Dettagli

La trasduzione del segnale intracellulare

La trasduzione del segnale intracellulare La trasduzione del segnale intracellulare Chemical signaling mechanisms Amplification in signal transduction pathways Un aspetto importante è il controllo temporale del comportamento cellulare: il trasferimento

Dettagli

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule unità 2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule Il trasporto nelle cellule avviene senza consumo di energia con consumo di energia trasporto passivo trasporto attivo attraverso il doppio strato fosfolipidico

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 24

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 24 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 24 Una panoramica del metabolismo Concetti chiave: Organismi diversi utilizzano strategie differenti per catturare l'energia

Dettagli

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare.

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Membrana citoplasmatica èsedediscambiodi materia, energia e informazione con l ambiente esterno TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Scaricato da www.sunhope.it

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I I TRASPORTI ATTRAVERSO MEMBRANE BIOLOGICHE Movimenti di piccoli soluti attraverso le membrane 2 categorie generali Trasporto

Dettagli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli Legami chimici Covalente Legami deboli Legame fosfodiesterico Legami deboli Legami idrogeno Interazioni idrofobiche Attrazioni di Van der Waals Legami ionici Studio delle macromolecole Lipidi

Dettagli

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo L equilibrio tra proteolisi e sintesi determina la crescita, l ipertrofia e l atrofia del muscolo L equilibrio è anche importante per l omeostasi generale

Dettagli

GENERALITA SUL METABOLISMO. DIGESTIONE e ASSORBIMENTO dei CARBOIDRATI GLICOLISI

GENERALITA SUL METABOLISMO. DIGESTIONE e ASSORBIMENTO dei CARBOIDRATI GLICOLISI GENERALITA SUL METABOLISMO DIGESTIONE e ASSORBIMENTO dei CARBOIDRATI GLICOLISI ENERGIA per Ø gradiente elettrochimico (Na + /K + ATPasi) Ø processi biosintetici (es. sintesi proteica) Ø trasporto transmembrana

Dettagli

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Le Biomolecole I parte Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti LE BIOMOLECOLE Le biomolecole, presenti in tutti gli esseri viventi, sono molecole composte principalmente da carbonio, idrogeno, azoto e ossigeno.

Dettagli

DIAGNOSTICA ENZIMATICA

DIAGNOSTICA ENZIMATICA DIAGNOSTICA ENZIMATICA GLI ENZIMI SI DOSANO SU DIVERSI LIQUIDI BIOLOGICI: - PLASMA O SIERO - Altre matrici: URINE, SALIVA, ESSUDATI, ecc. I CONTESTI DIAGNOSTICI IN CUI SI USANO QUESTI DOSAGGI SONO DUE:

Dettagli

Bioenergetica & metabolismo (1)

Bioenergetica & metabolismo (1) Bioenergetica & metabolismo (1) Tutte le vie metaboliche sono interconnesse (come le linee di una grande metropolitana) La maggior parte degli organismi viventi hanno vie metaboliche molto simili 1 Vie

Dettagli

Regolazione ormonale del metabolismo energetico. Lezione del 11 marzo 2014

Regolazione ormonale del metabolismo energetico. Lezione del 11 marzo 2014 Regolazione ormonale del metabolismo energetico Lezione del 11 marzo 2014 Effetti fisiologici e metabolici dell adrenalina: preparazione all azione EFFETTO IMMEDIATO EFFETTO COMPLESSIVO Effetto fisiologico

Dettagli

dotto di Wirsung che si riversa nella papilla maggiore del duodeno;

dotto di Wirsung che si riversa nella papilla maggiore del duodeno; Metabolismo dei lipidi Abbiamo già visto che il metabolismo energetico con produzione di ATP, avviene in seguito alla demolizione di zuccheri (glicolisi), lipidi, e in piccolissima percentuale delle proteine.

Dettagli

Fosforilazione ossidativa

Fosforilazione ossidativa Fosforilazione ossidativa La fosforilazione ossidativa rappresenta il culmine del metabolismo energetico negli organismi aerobi E costituita da due fenomeni strettamente accoppiati: 1. I coenzimi ridotti

Dettagli

Sistemi di regolazione. MICROBIOLOGIA GENERALE C. Mazzoni 05/16

Sistemi di regolazione. MICROBIOLOGIA GENERALE C. Mazzoni 05/16 Sistemi di regolazione Importanza del controllo I componenti cellulari devono essere presenti nelle giuste concentrazioni. La composizione chimica dell ambiente che circonda la cellula è in contante cambiamento

Dettagli

Attenzione : lunedì 29 aprile NON ci sarà lezione

Attenzione : lunedì 29 aprile NON ci sarà lezione Attenzione : lunedì 29 aprile NON ci sarà lezione Metabolismo dei lipidi a) Ossidazione degli acidi grassi Triacilgliceroli (90% del totale) Gruppi metilenici o metilici Richiedono molto O 2 per essere

Dettagli

Mitocondri e malattie neurodegenerative. metabolismo energetico bilancio redox sopravvivenza cellulare metabolismo del calcio

Mitocondri e malattie neurodegenerative. metabolismo energetico bilancio redox sopravvivenza cellulare metabolismo del calcio Mitocondri e malattie neurodegenerative Mitocondri metabolismo energetico bilancio redox sopravvivenza cellulare metabolismo del calcio Danno mitocondriale: dismetabolismo energetico (necrosi) stress ossidativo

Dettagli

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco.

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Svolgono funzioni biologiche di fondamentale importanza e possono

Dettagli

BIOCHIMICA APPLICATA e CLINICA

BIOCHIMICA APPLICATA e CLINICA BIOCHIMICA APPLICATA e CLINICA Regolazione Enzimatica Biosegnalazione Regolazione Ormonale Specializzazioni metaboliche (Biochimica d Organo) Integrazione del metabolismo BIOCHIMICA APPLICATA e CLINICA

Dettagli

CELLULE EUCARIOTICHE

CELLULE EUCARIOTICHE CELLULE EUCARIOTICHE Le cellule eucariotiche sono di maggiori dimensioni, rispetto a quelle procariotiche (almeno 10 volte più grandi) Oltre a: membrana plasmatica, citoplasma, DNA e ribosomi (comuni a

Dettagli

Comunicazione chimica

Comunicazione chimica Comunicazione chimica La comunicazione tra le cellule Modalità di comunicazione cellulare: Mediante messaggi elettrici Mediante messaggi chimici In ambedue le modalità il messaggio, sia esso una variazione

Dettagli

Tutte le reazioni che avvengono nelle cellule sono reazioni catalizzate I catalizzatori di tali reazioni prendono il nome di enzimi Gli enzimi sono

Tutte le reazioni che avvengono nelle cellule sono reazioni catalizzate I catalizzatori di tali reazioni prendono il nome di enzimi Gli enzimi sono Tutte le reazioni che avvengono nelle cellule sono reazioni catalizzate I catalizzatori di tali reazioni prendono il nome di enzimi Gli enzimi sono grosse molecole proteine e ribozimi (RNA) TEORIA DELLE

Dettagli

Si possono suddividere in:

Si possono suddividere in: Si possono suddividere in: LIPIDI DI DEPOSITO: si accumulano nelle cellule del tessuto adiposo, sono una riserva energetica, mantengono costante la temperatura del corpo (termogenesi) LIPIDI STRUTTURALI:

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULA ED AMBIENTE FGE AA.2015-16

COMUNICAZIONE TRA CELLULA ED AMBIENTE FGE AA.2015-16 COMUNICAZIONE TRA CELLULA ED AMBIENTE FGE AA.2015-16 OMEOSTASI Fisiologia Umana La fisiologia è la scienza che studia i meccanismi di funzionamento degli organismi viventi. E una scienza integrata che

Dettagli

Enzimi. Nomenclatura:

Enzimi. Nomenclatura: Enzimi Nelle cellule, ad una temperatura di soli 37 C, avvengono reazioni (di ossidazione, di idrolisi, di sintesi, etc,) a velocità straordinarie, che richiederebbero temperature e pressioni elevate.

Dettagli