SVILUPPO ECONOMICO. Profilo del Gruppo. Vision e strategia. Principali assi strategici di Italcementi Group

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SVILUPPO ECONOMICO. Profilo del Gruppo. Vision e strategia. Principali assi strategici di Italcementi Group"

Transcript

1 SVILUPPO ECONOMICO Italcementi Group è il principale produttore di cemento del bacino del Mediterraneo e uno dei maggiori al mondo. Con oltre dipendenti, il Gruppo vanta una presenza mondiale in 19 Paesi. L attività di Gruppo è focalizzata sul cemento e si integra con la produzione di calcestruzzo e inerti. Profilo del Gruppo Riconosciuto a livello internazionale come produttore e distributore globale di cemento, calcestruzzo e inerti, Italcementi Group opera in stretta interazione con le comunità locali di riferimento. Risorse, esperienza e know-how di classe mondiale vengono costantemente impiegati per soddisfare le specifiche richieste dei mercati locali e dei singoli clienti. La leadership tecnologica è una condizione essenziale per un gruppo impegnato ad accrescere il valore delle proprie società, dei propri prodotti e servizi, a migliorare le competenze del proprio personale e a garantire il rispetto delle normative in materia ambientale, di qualità e di sicurezza. Italcementi Group è presente in 19 Paesi di 4 continenti con dipendenti, 56 cementerie, 12 centri di macinazione, 4 terminali, 561 centrali di calcestruzzo e 155 cave. Nel 2004 il Gruppo ha registrato un fatturato annuo di milioni di euro, con un incremento del 7,1% rispetto al 2003 a parità di perimetro e di tassi di cambio. All inizio del 2005 il Gruppo ha acquisito il controllo di maggioranza di Suez Cement in Egitto. Vision e strategia Italcementi Group è consapevole del proprio ruolo sociale ed è impegnato a garantire comportamenti socialmente responsabili da parte dei propri dipendenti e delle proprie filiali. Il Gruppo ritiene che lo Sviluppo Sostenibile, che rappresenta oggi una sfida di primaria importanza per la società nel suo complesso, sia l unica chiave di successo, soprattutto per un settore, come quello del cemento, ad alta intensità di capitale e con tempi lunghi di ritorno degli investimenti. Italcementi Group ha deciso di migliorare i risultati complessivi del proprio business attraverso una strategia di sostenibilità focalizzata sugli aspetti economici, ambientali e sociali della propria attività. DATI ECONOMICI CHIAVE Dipendenti Ricavi* Cash flow* Indebitameto netto* Patrimonio di competenza del Gruppo* *milioni di euro Principali assi strategici di Italcementi Group Per assicurare crescita e redditività nel lungo termine, Italcementi Group persegue una serie di obiettivi strategici all interno di quattro aree d intervento: efficienza industriale impegno continuo a favore dello Sviluppo Sostenibile Innovazione di prodotto e processo ottimizzazione e sviluppo del proprio portafoglio Paesi. La sfida è quella di trovare soluzioni per ridurre il consumo di energia e di risorse naturali nonché di abbassare il livello di emissioni inquinanti per unità di cemento prodotto, e al tempo stesso di incrementare la fornitura di cemento a un numero crescente di clienti in particolare nei Paesi in via di sviluppo. Italcementi Group si impegnerà inoltre a sostenere e ad accrescere la propria responsabilità sociale, osservandone scrupolosamente gli obblighi, e a mettere in atto avanzati programmi a tutela della salute e della sicurezza. Tutto il personale del Gruppo sarà attivamente coinvolto nel rendere operativa tale strategia. A questo riguardo, le linee guida per l industria mondiale del cemento sono state già promosse a 6

2 livello internazionale dal World Business Council for Sustainable Development, una coalizione di circa 175 gruppi industriali, a cui Italcementi Group appartiene dal Ed è in questo contesto che nel 2002 Giampiero Pesenti, allora Consigliere delegato di Gruppo, ha sottoscritto l Agenda for Action, il primo impegno formale da parte dei produttori mondiali di cemento a favore dei principi dello Sviluppo Sostenibile. Per mettere in pratica l Agenda for Action, le aziende firmatarie hanno dato vita alla Cement Sustainability Initiative (CSI) del WBCSD, con l impegno di implementare sia una serie di progetti comuni sia azioni a carattere individuale. Protezione del clima e impiego di materie prime e combustibili alternativi sono i temi principali del protocollo, con l aggiunta, tuttavia, di altre aree di intervento quali la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro, il controllo e il reporting delle emissioni, l impatto sul territorio e sulle comunità locali, nonché attività di reporting e comunicazione. La CSI si è dotata di apposite task force per poter meglio intervenire nelle varie aree individuate: Italcementi Group è attivamente presente in ognuna di esse, in qualità o di partecipante o di leader. Corporate governance All indomani dell acquisizione di Ciments Français e del miglioramento dei risultati di Gruppo, Italcementi Group ha migliorato l integrazione e il coordinamento delle proprie funzioni aziendali per aumentare l efficienza operativa, ampliare la gamma dei prodotti e dei servizi offerti, e potenziare l efficacia della propria strategia di crescita basata sulle acquisizioni. Il Gruppo è costantemente impegnato a riesaminare le proprie politiche e procedure di corporate governance alla luce delle migliori pratiche e dei nuovi regolamenti, ad esempio quelli relativi alle norme interne per il Consiglio di Amministrazione e i suoi Comitati, per gli amministratori indipendenti e non esecutivi, e per i vari codici di comportamento. Il Gruppo ha emanato un Codice di Autodisciplina (per le società quotate) che riflette e talvolta va oltre gli specifici requisiti delle leggi e dei regolamenti vigenti. Il Codice ha lo scopo di rendere esplicito il modello di corporate governance cui Italcementi Group si ispira nel perseguire l obiettivo della massimizzazione del valore per gli azionisti. Un capitolo specifico è dedicato ai principi fondamentali del Codice Etico di Gruppo (v. box pag.8) già adottato da un elevato numero di società del Gruppo. Questo codice verrà esteso anche alle altre società. Tutti i dipendenti, ciascuno nel proprio ambito lavorativo, devono attenersi al Codice Etico quanto a correttezza, imparzialità, affidabilità, tutela della persona e dell ambiente. Le norme del Codice Etico si applicano inoltre a tutti i rapporti e relazioni, diretti o indiretti, che il Gruppo instaura stabilmente o temporaneamente nel corso dello svolgimento delle proprie attività. Questi aspetti sono trattati in maggior dettaglio negli ultimi bilanci consolidati del Gruppo. La nostra politica di trasparenza e le dichiarazioni di politica ambientale e sociale sono parte del Codice Etico e guidano la strategia del Gruppo per lo Sviluppo Sostenibile. Tutti i Codici e le norme attualmente in vigore sono consultabili sul sito web di Gruppo, Fondata nel 1864, Italcementi può oggi vantare più di 140 anni di esperienza industriale ininterrotta. CONTRIBUTO AI RICAVI NETTI PER SETTORE DI ATTIVITÀ (%) 60,5% 60,6% Cemento Calcestruzzo/inerti Altre attività 34,8% 4,7% 34,9% 4,5% 7

3 UNA GUIDA PER LA NOSTRA STRATEGIA DI SOSTENIBILITÀ Il Codice Etico: i principi del Gruppo Trasparenza, tutela ambientale e responsabilità sociale sono i valori chiave del nostro Codice Etico. Il Gruppo si impegna a ottimizzare la trasparenza e l efficienza a tutti i livelli gestionali. Oltre a uno specifico sistema di autoregolamentazione definito dal Codice di Autodisciplina, le principali società del Gruppo hanno emanato un Codice Etico che è attualmente sottoposto a verifica interna e che, una volta formalizzato, si applicherà a tutti i dipendenti e a coloro che, direttamente o indirettamente, stabilmente o temporaneamente, instaurano rapporti e relazioni con Italcementi Group od operano per perseguirne gli obiettivi. Nel Codice si sancisce che il Gruppo assume come principi ispiratori il rispetto della legge e delle normative dei Paesi di riferimento nonché delle Politiche di Gruppo in un quadro di integrità, correttezza e riservatezza. Si impegna inoltre a rispettare appieno le normative sulla concorrenza e a promuovere il corretto e funzionale utilizzo delle risorse naturali. Il Gruppo, nei Paesi in cui opera, svolge le proprie attività in armonia con la legislazione vigente a tutela delle condizioni di lavoro. Tutti i destinatari del Codice, nell ambito delle loro mansioni, si impegnano a condurre le proprie attività basandosi sulla prevenzione dei rischi e sulla tutela della salute e della sicurezza personali, dei colleghi e dei terzi. Non devono essere fatte discriminazioni o ritorsioni per ragioni di nazionalità, di credo religioso, di appartenenza politica e sindacale, di lingua e di sesso. Tutti i dipendenti e tutti coloro che interagiscono con il Gruppo devono rispettare la normativa vigente in materia di tutela e protezione ambientale e promuovere una conduzione delle proprie attività centrata sul corretto utilizzo delle risorse e sul rispetto dell ambiente. Il Codice Etico richiede inoltre che ciascun destinatario, nella gestione dei rapporti con i clienti, debba favorirne la massima soddisfazione fornendo, tra l altro, informazioni esaurienti e accurate sui prodotti e sui servizi forniti, in modo da consentire scelte consapevoli. La selezione dei fornitori e la determinazione delle condizioni di acquisto devono essere effettuate sulla base di una valutazione obiettiva e trasparente che tenga conto, tra l altro, del prezzo, della capacità di fornire e garantire servizi di livello adeguato, e anche dell onestà e dell integrità del fornitore. Il Gruppo non eroga, in linea di principio, contributi a partiti, a comitati e organizzazioni politiche e sindacali. La violazione delle norme del Codice Etico può portare ad azioni disciplinari, legali o penali. Nei casi giudicati più gravi, la violazione può comportare la risoluzione del contratto di lavoro, se posta in essere dal dipendente, ovvero l interruzione del rapporto, se posta in essere da un soggetto terzo. Le politiche del Gruppo Nel corso dell ultimo decennio, Italcementi Group ha sviluppato e rafforzato il proprio sistema di politica ambientale e sociale, che comprende: la Politica Ambientale, che è parte integrante della mission del Gruppo ed è fondamentale al pari di produttività, efficienza, qualità e sviluppo tecnologico; la Politica per la Sicurezza, con particolare attenzione alla salute e alla sicurezza come parte di una più ampia strategia di responsabilità sociale del Gruppo. Il Progetto Zero Infortuni, varato nel 2000, rappresenta il fiore all occhiello della Politica per la Sicurezza; la Politica per il Subappalto, in base alla quale il Gruppo si assume la responsabilità delle condizioni di lavoro dei dipendenti dei propri subappaltatori; e infine la Politica di Non Discriminazione, introdotta dal Codice Etico, tra i principi chiave che devono ispirare l attività del Gruppo (v. box). 8

4 Gestione della sostenibilità Per assicurare l implementazione a livello di Gruppo delle politiche e delle linee guida per la sostenibilità e per promuovere progetti, interventi e programmi di formazione ad hoc, è stato creato uno specifico Comitato, il Sustainable Development Steering Committee (SDSC). Il Comitato, presieduto dal Direttore generale del Gruppo, è coordinato dal responsabile della Direzione Environmental Affairs e si compone delle principali funzioni aziendali (Direttori del Centro Tecnico di Gruppo, Risorse Umane, Amministrazione e Controllo, Comunicazione e Immagine, Ricerca e Sviluppo, Sicurezza). Il Comitato ha dato vita ad alcune task force settoriali, per proporre azioni, nuovi codici di comportamento e nuove politiche aziendali presso tutte le filiali del Gruppo. I principali obiettivi del Comitato sono: tradurre la vision di Gruppo in politiche aziendali specifiche in tutte le filiali; definire e implementare un programma di comunicazione esterna; supportare e monitorare l implementazione della strategia di sostenibilità di Gruppo nelle filiali. Fino ad oggi il Comitato ha varato progetti riguardanti l abbattimento delle emissioni di CO 2, le tecniche di controllo e le soluzioni per ridurre le emissioni inquinanti di SO x, NO X e polveri dai SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE (SGA) Impianto di Ankara, Turchia, SGA in funzione dal CONSIGLIERE DELEGATO Proposte di politiche e strategie PARTNERS ESTERNI La cementeria di Gargenville, Francia, ha ottenuto la certificazione ISO Proposte di azioni, programmi e strategie dettagliate FUNZIONI E ATTIVITÀ forni; il reporting di sostenibilità; i programmi di formazione interna; la promozione e la diffusione delle migliori pratiche di utilizzo di materiali e combustibili alternativi; l analisi di politiche e pratiche di subappalto, e infine l igiene industriale e la salute del personale. Gli obiettivi di sostenibilità sono stati formalmente recepiti dal Piano Strategico di Italcementi Group. Per integrare valori, conoscenza e comportamenti sostenibili nelle pratiche aziendali del Gruppo, nel 2004 è stato varato uno specifico programma denominato Sustainable Development Awareness Program, che prevede la formazione e la sensibilizzazione mediante seminari tenuti per ogni filiale dal Direttore di zona e rivolti a tutti i direttori generali e ai loro collaboratori (Programma CoDir). La gestione dei seminari è affidata ai responsabili delle principali funzioni aziendali e ad esperti di formazione. Uno degli scopi principali perseguiti è comunicare i risultati del SDSC a livello di filiale. La prima fase di 9

5 10 formazione del Programma CoDir sarà completata nei primi mesi del Seguirà quindi una seconda fase focalizzata sull avvio dei piani di azione relativi alla sostenibilità in ciascuna filiale sulla base della vision e delle linee guida di Gruppo. Italcementi Group sta inoltre mettendo a punto vari sistemi di gestione che tengano conto di tutti gli aspetti economici, ambientali e sociali di uno sviluppo durevole e sostenibile. Il Gruppo ha già fatto notevoli progressi nell assicurare che i sistemi di gestione verificabili, come le certificazioni ISO 9001 e ISO 14001, accompagnino l implementazione dei propri obiettivi di sostenibilità. Per maggiori informazioni si possono consultare i bilanci annuali 2003 e 2004 e la sezione ambientale di questo Rapporto. Performance economica CRESCITA CONTINUA (MILIONI DI EURO) Le cementerie e i loro impianti sono investimenti tipicamente a lungo termine, e ciò si riflette anche sulle comunità locali e più in generale sui Paesi di riferimento. Pur essendo un produttore mondiale, Italcementi Utile di Gruppo Risultato operativo Cash Flow Ricavi Group opera soprattutto su mercati locali. La produzione di cemento spesso funge da catalizzatore di sviluppo economico per le realtà vicine agli impianti e la maggior parte delle materie prime necessarie al processo produttivo è acquistata localmente. Considerando anche l effetto delle retribuzioni e gli aspetti fiscali, è chiaro che Italcementi Group esercita un influenza positiva sulle economie locali, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo. Sviluppo e crescita nel lungo termine sono oggi gli obiettivi principali di Italcementi Group e saranno perseguiti con investimenti strategici e di performance mirati soprattutto nei Paesi emergenti. Nonostante un 01 forte appesantimento dei costi di produzione, nel 2004 i ricavi consolidati del Gruppo sono stati pari a milioni di euro, in crescita del 5,7% o del 7,1% a parità di perimetro e di tassi di cambio. I proventi sono stati penalizzati da un effetto cambio negativo (-1,7%), mentre la variazione dell area di consolidamento soprattutto a seguito dell inserimento di Shymkent Cement (Kazakistan) e di nuove attività nel settore calcestruzzo - ha generato un incremento positivo pari allo 0,3%. I ricavi sono cresciuti del 5,6% nell Unione Europea, del 5,3% nel Nord America, del 17,4 % in Asia e dell 8,7% negli altri Paesi emergenti dove Italcementi Group opera. Il margine operativo lordo, sostenuto dalla crescita dei volumi e dalla favorevole evoluzione dei prezzi di vendita in quasi tutti i Paesi, ha registrato un miglioramento del 3,5% rispetto al 2003, anche se sui risultati di gestione ha influito, in misura ancora più accentuata nella seconda parte dell anno, l appesantimento dei costi operativi, in particolare di quelli variabili legati ai fattori energetici che hanno registrato una forte crescita dei costi dei combustibili. Anche i cambi del dollaro USA e di altre valute nei confronti dell euro hanno determinato un effetto negativo quantificabile in circa 18 milioni di euro. Nell ambito dell Unione Europea, la Francia ha realizzato un netto miglioramento, a fronte della stabilità registrata in Italia e Spagna e della flessione in Belgio e Grecia. Molto

6 FATTURATO NETTO PER AREA (milioni di euro) FATTURATO NETTO: ANDAMENTO 2004/2003 Unione Europea (Italia, Francia, Belgio, Spagna, Grecia) Nord America Asia (Tailandia, India, Kazakistan*) Altri Paesi emergenti (Turchia, Marocco, Bulgaria) Trading TOTALE (*) consolidato nel ,6 % 5,3 % Unione Nord Europea America 17,4 % 8,7 % Asia Altri Paesi emergenti Trading -21,3 % positivo è stato l andamento del Nord America, con un MOL in dollari in crescita del 17,5%, ma penalizzato da un importante effetto cambi negativo che ha limitato l incremento al 6,8%. Fra i Paesi emergenti, un forte miglioramento dei risultati di gestione è stato ottenuto in Bulgaria e Turchia, mentre in Tailandia e India gli incrementi dei risultati in valuta locale sono stati annullati dagli effetti negativi del cambio in euro. IL MOL del Marocco, pur confermatosi a un valore elevato, ha evidenziato un calo rispetto allo scorso esercizio per i contingenti effetti dell applicazione di una tassa di solidarietà che ha inciso sui ricavi netti. Fornitori Nel 2004 Italcementi Group ha speso in totale circa milioni di euro per l approvvigionamento di materie prime, combustibili e altri beni, e più di 1.473,5 milioni di euro per l acquisto di servizi. Le spese totali relative alle materie prime nel 2004 sono state pari a 513,7 milioni di euro e di 285,5 per i combustibili. Le spese totali per elettricità, acqua e gas hanno toccato i 297,4 milioni di euro mentre quelle relative al trasporto sono state pari a 478,5 milioni. In vari Paesi, il Gruppo ha instaurato rapporti decisamente soddisfacenti con diversi fornitori con i quali ha sviluppato una stretta collaborazione. Si sono così ottenuti notevoli miglioramenti in termini di qualità ed efficacia dei prodotti per i clienti. Personale Il costo del lavoro è aumentato a 711 milioni di euro nel 2004, rispetto ai 702,3 milioni di euro nel 2003, con un aumento dell 1,2%. Azionariato A fine 2004, il capitale sociale di Italcementi era pari a euro, suddiviso in azioni, di cui ordinarie (63%) e di risparmio (37%). Il patrimonio netto di gruppo si attesta a milioni di euro. Nel marzo 2005, il Consiglio di Amministrazione ha proposto la distribuzione di un dividendo ordinario di 0,30 euro alle azioni ordinarie (+11%) e di 0,33 euro (+10%) alle azioni risparmio. Lo scorso anno fu distribuito un dividendo ordinario di 0,27 euro alle azioni ordinarie e di 0,30 euro alle azioni di risparmio e un dividendo straordinario di 0,05 euro ad entrambe le categorie di azioni per celebrare i 140 anni di fondazione della Società. FATTURATO NETTO PER SETTORE DI ATTIVITÀ (milioni di Euro) Cemento e clinker Calcestruzzo e inerti Altre attività TOTALE

7 AZIONI ORDINARIE 1,76% 39,51% INDICATORI FINANZIARI (EURO) Quotazione (media prezzi ufficiali 2 sem.) Azione ordinaria Azione risparmio Gruppo Italmobiliare Azioni proprie Azionariato diffuso 58,73% AZIONI DI RISPARMIO (ANALISI AZIONARIATO DIFFUSO) 20% 16% 33% Persone fisiche Fondi esteri Banche estere Fondi italiani Banche italiane Assicurazioni italiane Società italiane Altro Società estere Assicurazioni estere 11% 7% 3% 3% 3% 2% 2% CEMENTERIA DI CALUSCO D ADDA Tecnologia ambientale avanzata presso la nuova cementeria di Calusco d Adda in Italia. Dividendo per azione Azione ordinaria 0, , ,270 0,240 0,180 Azione risparmio 0, , ,300 0,270 0,210 Rendimento per azione (su media prezzi ufficiali 2 sem.) Azione ordinaria 2,62% 2,64% 2,87% 2,84% 1,89% Azione risparmio 4,33% 4,97% 6,11% 6,71% 5,12% (1) Proposta del Consiglio di Amministrazione del marzo 2005 Investimenti Nel 2004 l esborso complessivo per investimenti in immobilizzazioni materiali, immateriali e finanziarie è stato pari a 373,9 milioni di euro rispetto ai 373,0 del precedente esercizio. Il Gruppo applica i medesimi standard di razionalizzazione aziendale in tutti i Paesi nei quali opera. Questi standard rappresentano una componente fondamentale nel processo globale di creazione di valore e comprendono non solo interventi di ristrutturazione aziendale e continui processi di benchmarking interno tesi a La nuova cementeria di Calusco d Adda Italcementi ha intrapreso un significativo programma di ammodernamento della cementeria di Calusco d Adda (BG), con un progetto mirato a coniugare produzione e ambiente secondo le migliori tecnologie disponibili sul mercato. Fin dalla sua acquisizione nel 1920, la cementeria di Calusco d Adda è stata oggetto di continui interventi di ammodernamento. Dopo la realizzazione dell ultimo progetto, l impianto è stato quasi interamente ridisegnato, con una linea di produzione totalmente nuova, realizzata secondo i più elevati standard tecnologici. Questo intervento colloca la cementeria di Calusco ai primi posti a livello mondiale, sia per l alto livello tecnologico sia per le performance ambientali. La nuova cementeria ha ridotto notevolmente il consumo di energia termica e di combustibili, con (2) Il dividendo è stato maggiorato di ulteriori 0.05 per azione a titolo straordinario per celebrare il 140 anniversario della Società. un abbattimento delle emissioni in atmosfera tra il 50 ed il 90% rispetto al vecchio impianto (già ampiamente sotto i limiti di legge) e una riduzione della rumorosità. Il forno, le polveri e le emissioni in atmosfera sono sottoposte a monitoraggio in continuo al camino con strumenti avanzati di controllo. A fine 2004 per la nuova cementeria erano stati investiti complessivamente 164 milioni di euro garantendo, fra gli altri, i seguenti interventi: proseguimento della realizzazione del tunnel sotterraneo che collega le cave di Col Pedrino e Monte Giglio; realizzazione di due depositi di pre-omogeneizzazione di calcare e marna in cava Monte Giglio; realizzazione di una nuova linea con una capacità produttiva di tonnellate di clinker al giorno. 12

8 migliorare l efficienza industriale, ma anche una capillare riprogettazione del processo allo scopo di massimizzare l efficienza gestionale e amministrativa. Nel biennio , la politica industriale del Gruppo è stata caratterizzata da investimenti per il trasferimento tecnologico ai Paesi emergenti e l uso delle migliori tecnologie disponibili nei Paesi maturi. Un attenzione particolare è stata prestata al miglioramento delle prestazioni ambientali e sociali delle attività produttive. Questi obiettivi continueranno ad essere perseguiti anche negli anni a venire. Programmi specifici di ammodernamento e innovazione sono previsti per la cementeria di Malaga, in Spagna, con un investimento di 73 milioni di euro, per quella di Agadir, in Marocco, con un investimento totale stimato di 91 milioni, e in infine in Nord America, con circa 320 milioni di dollari di investimenti totali previsti. Anche nel 2004 il Gruppo ha dedicato un rilevante impegno agli investimenti (328 milioni di euro, il 22% circa degli investimenti industriali) per la tutela dell ambiente, per la sicurezza e il miglioramento delle condizioni di lavoro. Nel marzo 2005, Italcementi Group, unitamente a un consorzio di investitori locali e internazionali, ha raggiunto un accordo con il governo egiziano per acquisire un ulteriore quota di circa il 33,4% di Suez Cement Company, primo operatore del settore in Egitto. Nell ambito di questa operazione, il Gruppo, che già deteneva il 39,9% del capitale di Suez Cement, è diventato azionista di controllo della società (54,2%). L investimento finanziario globale di Italcementi Group a partire dal 2001 è stato di circa 460 milioni di euro. KNOW-HOW TECNOLOGICO AVANZATO PER PRODOTTI DI ALTA QUALITÀ La leadership tecnologica è un fattore essenziale della strategia industriale di Italcementi Group. Impegno nei confronti della pubblica amministrazione Italcementi Group è particolarmente attenta al rispetto di tutti gli obblighi fiscali nei Paesi nei quali opera. I principi contabili che il Gruppo adotta sono basati sulla trasparenza e sul ricorso a metodi chiari e comprensibili. Nel 2004, il Gruppo ha versato imposte sul reddito per 250,1 milioni di euro, 25 milioni di euro in più rispetto al 2003 (225,1). Italcementi Group svolge inoltre un ruolo attivo nell ambito di programmi locali riguardanti la salute, l istruzione e la formazione e come sponsor di iniziative culturali promosse dalle istituzioni locali. Ricerca e Sviluppo per l innovazione Grazie alla vasta esperienza industriale maturata, Italcementi Group ha consolidato un eccellente know-how scientifico e tecnologico. Il CTG, Centro Tecnico di Gruppo, con 394 dipendenti, ha la sua sede principale a Bergamo e quella secondaria a Guerville, in Francia. Le principali attività che il CTG svolge per le filiali di Italcementi Group sono: ricerca e sviluppo di nuovi prodotti e tecnologie; controllo della qualità; assistenza tecnica per la progettazione e la realizzazione di nuovi impianti e per l ammodernamento di quelli esistenti oltre che per il controllo del loro rendimento. Nel corso degli ultimi anni, Italcementi Group ha ottenuto un riconoscimento importante per il suo grande impegno nel campo della Ricerca e Sviluppo. I laboratori CTG hanno infatti ottenuto l accreditamento SINAL (Sistema Nazionale per l Accreditamento dei Laboratori) in Italia e COFRAC (Comité Français d Accréditation) in Francia. Il laboratorio metrologico CTG è accreditato SIT, il centro di taratura italiano. In collaborazione con il Dipartimento di Chimica dell Università di Ferrara, il CTG ha condotto numerosi studi e ricerche sui benefici che i materiali cementizi fotocatalitici sono in grado di apportare in termini di abbattimento degli inquinanti atmosferici. In particolare, è stato studiato uno specifico formulato contenente biossido di titanio (TiO 2 ) in forma di anatasio e cemento. I risultati sperimentali hanno dimo- 13

9 HOTEL DE POLICE, BORDEAUX Il nuovo cemento Bianco TX Millenium è stato utilizzato per la costruzione dell Hotel de Police a Bourdeaux in Francia. strato che i materiali cementizi contenenti biossido di titanio, esposti alla luce naturale, hanno una pronunciata capacità di ossidazione dei composti organici che si depositano man mano sul materiale, neutralizzando così gli inquinanti (soprattutto NO X ) e garantendo la costanza di colore del manufatto nel tempo. Partendo da questa tecnologia, Italcementi Group ha lanciato il cemento TX Millennium, prodotto che è frutto di un esteso processo di ricerca che ha coinvolto simulazioni in laboratorio e prove ambientali in sito, tra le quali l applicazione del prodotto su alcune residenze private.< FLUSSI FINANZIARI ED ECONOMICI DI ITALCEMENTI GROUP DA E VERSO GLI STAKEHOLDER NEL 2004 (IN MILIONI DI EURO) FLUSSI DI GESTIONE 2004 % sui Ricavi Clienti Ricavi Fornitori Acquisti (2.682) 59 Personale Costo del lavoro (711) 16 Creditori finanziari Proventi e oneri finanziari netti (82) 2 Stato e autorità locali Imposte sul reddito e altre imposte (311) 7 Proventi vari netti 66 Variazione del capitale circolante e attività/passività (114) Totale flussi di gestione 694 IMPIEGO DEI FLUSSI 2004 % sull impiego totale dei flussi Azionisti Dividendi (124) 18 Creditori finanziari Rimborso del debito finanziario, netto (257) 37 Altre società/persone fisiche Investimenti finanziari (58) 8 Fornitori Investimenti industriali (immobilizzazioni materiali e immateriali) (316) 46 Clienti Cessioni 52 (7) Altri 9 (2) Totale impiego dei flussi (694)

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I DATI SULLE VENDITE AL 31 DICEMBRE 2014

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I DATI SULLE VENDITE AL 31 DICEMBRE 2014 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I DATI SULLE VENDITE AL 31 DICEMBRE Nel quarto trimestre il fatturato del Gruppo Italcementi è salito del 2,3% a 1.039,9 milioni di euro, sostenuto dal buon incremento

Dettagli

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO RICAVI IN PROGRESSO, IN PARTICOLARE IN INDIA E MAROCCO SOSTANZIALE STABILITA DEI VOLUMI DI VENDITA DI CEMENTO: LA DEBOLEZZA

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015 Relazione finanziaria 1 trimestre Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 3 Osservazioni sull andamento della gestione Vendite e consumi interni 1 trimestre

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

Sviluppo Sostenibile. economia. ambiente. società

Sviluppo Sostenibile. economia. ambiente. società Sviluppo Sostenibile R e p o r t 2 0 0 6 economia ambiente società ITALCEMENTI È STATA NOMINATA BEST IN CLASS DA STOREBRAND PER LE SUE PERFORMANCE DI LEADERSHIP IN AMBITO SOCIALE E AMBIENTALE E QUINDI

Dettagli

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Comunicato Stampa SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Il Gruppo: il fatturato consolidato, pari a Euro 2.054,4 milioni,

Dettagli

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica Politiche Gruppo Biesse Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica 1 INDICE 1. INTRODUZIONE, PREMESSE E OBIETTIVI... 3 2. FINALITÀ DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO... 5 2.1 POLITICHE DELLA QUALITÀ... 6 2.3

Dettagli

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009.

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Fatturato oltre le attese e marginalità in forte miglioramento. Il quarto trimestre è in forte

Dettagli

Risultati Alstom 2014/15

Risultati Alstom 2014/15 Comunicato stampa 6 maggio 2015 Risultati Alstom 2014/15 Nuovo record di ordini (10 miliardi di euro) e del portafoglio ordini (28 miliardi di euro) Utile operativo in aumento di circa il 20% Free cash

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015.

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. COMUNICATO STAMPA Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. Fatturato consolidato a Euro 450,5 milioni, in crescita del 29,0% rispetto allo

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena Ing. Francesco Pellegrino- Energy Manager PGI Milano, 12/11/2004 INDICE 1 LA BANCA MPS 2 LA POLITICA AMBIENTALE 3 IMMOBILIARI 4 ENERGY MANAGEMENT 2 1-

Dettagli

Le soluzioni del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostegno delle imprese che investono in energia pulita

Le soluzioni del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostegno delle imprese che investono in energia pulita Le soluzioni del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostegno delle imprese che investono in energia pulita Francesco Fioretto, Responsabile Succursale Emilia Romagna Parma, 25 marzo 2010 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2003 Scenario economico La crescita dell economia

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Audizione SAIPEM Commissioni congiunte Attività Produttive della Camera dei Deputati Industria del Senato della Repubblica lunedì 16 novembre 2015

Audizione SAIPEM Commissioni congiunte Attività Produttive della Camera dei Deputati Industria del Senato della Repubblica lunedì 16 novembre 2015 Audizione SAIPEM Commissioni congiunte Attività Produttive della Camera dei Deputati e Industria del Senato della Repubblica Saipem: un'eccellenza italiana nel Mondo (1 di 2) Filmato 2 Saipem: un'eccellenza

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia ha costituito quattro Fondi

Dettagli

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS)

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS) GE Capital Interbanca Corso Venezia 56 20121 Milano T +39 02 77311 F +39 02 784321 COMUNICATO STAMPA GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili

Dettagli

COMUNICATO STAMPA SOCOTHERM: Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio Consolidato e il Bilancio d Esercizio 2006

COMUNICATO STAMPA SOCOTHERM: Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio Consolidato e il Bilancio d Esercizio 2006 COMUNICATO STAMPA SOCOTHERM: Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio Consolidato e il Bilancio d Esercizio 2006 Ricavi consolidati a 280 Mln di Euro in aumento dell 8% rispetto al 2005 nonostante

Dettagli

Cementir: il Cda approva i risultati al 31 dicembre 2006

Cementir: il Cda approva i risultati al 31 dicembre 2006 Cementir: il Cda approva i risultati al 31 dicembre Anticipati di due anni target del piano triennale /2008 Ricavi a 1,05 miliardi di euro, +23% Margine operativo lordo a 247,4 milioni di euro, +34% Reddito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA COMPLETIAMO IL TUO PROCESSO POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA Rifra Masterbatches S.p.A. Via T. Tasso, 8 25080 Molinetto di Mazzano (BS) Tel. +39 030 212171 Fax +39 030 2629757 R.I. 01006560179

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Il Gruppo conferma la leadership nella raccolta del risparmio e dei premi assicurativi. Nel settore postale incide l onere per

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*) Tecniche Turnaround Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia Italiana SpA di Massimo Lazzari (*) Prosegue la serie di 10 contributi dedicati al turnaround come

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

Fatturato e Cash flow in crescita

Fatturato e Cash flow in crescita GRUPPO SOL COMUNICATO STAMPA RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO AL 31-12- 2005 Fatturato e Cash flow in crescita Fatturato consolidato: Euro 346 milioni (+7,5%) Cash Flow: Euro 56,3 milioni (+4 %) Utile

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

Comunicato stampa. 4 maggio 2011

Comunicato stampa. 4 maggio 2011 Comunicato stampa 4 maggio 2011 Alstom realizza un utile operativo conforme alle previsioni per l esercizio 2010/2011 e registra ordini in forte aumento nel secondo semestre Tra il 1 o aprile 2010 e il

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo La gestione ha come obiettivo la crescita del capitale investito in un orizzonte temporale lungo ed è caratterizzata

Dettagli

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo Attività del Gruppo Il Gruppo Bolzoni è attivo da oltre sessanta anni nella progettazione, produzione e commercializzazione di attrezzature per carrelli elevatori e per la movimentazione industriale. Lo

Dettagli

Relazione trimestrale al 30 settembre 2005

Relazione trimestrale al 30 settembre 2005 Relazione trimestrale al 30 settembre 2005 Buzzi Unicem S.p.A. Sede: Casale Monferrato (AL) Via Luigi Buzzi 6 Capitale sociale 118.265.497,80 Registro delle Imprese di Alessandria n. 00930290044 Indice

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

Codice Etico. Gennaio 2010

Codice Etico. Gennaio 2010 Codice Etico Gennaio 2010 ( SOMMARIO ) CAPO I IL VALORE DEL CODICE ETICO Pag. 2 CAPO II DESTINATARI E AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 2 CAPO III MISSIONE Pag. 3 CAPO IV STRUMENTI DI ATTUAZIONE DELLA MISSIONE

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ESAMINA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2012

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ESAMINA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2012 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ESAMINA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2012 Nei Paesi industrializzati si conferma nel semestre la ripresa nel Nord America e il recupero dei prezzi in alcuni mercati.

Dettagli

Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro

Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro comunicato stampa Bologna, 29 marzo 2010 Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009 Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro Ricavi a 4.204,2

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

La Sostenibilità in Acea

La Sostenibilità in Acea La Sostenibilità in Acea Seminario organizzato da Rotary Club Castelli Romani e Università di Roma Tor Vergata Etica ed Economia Quale tutela per i cittadini e i risparmiatori? Monte Porzio Catone, 29

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO Roma, 31 Marzo 2005 INDICE Premessa pag. 3 Destinatari ed Ambito di applicazione pag. 4 Principi generali pag.

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

sdreport Sustainable Development Report 2007 VERSIONE ITALIANA

sdreport Sustainable Development Report 2007 VERSIONE ITALIANA sdreport Sustainable Development Report 2007 VERSIONE ITALIANA Italia Francia/Belgio Cina Nord America Egitto Axim Italcementi Group Axim Italcementi Group Grecia Spagna India Tailandia Kazakistan Bulgaria

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë=

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

Eccellenti risultati nel primo semestre 2011, il migliore di sempre. Crescono il fatturato (+8%), l Ebitda (+16%) e l Utile netto (+11%).

Eccellenti risultati nel primo semestre 2011, il migliore di sempre. Crescono il fatturato (+8%), l Ebitda (+16%) e l Utile netto (+11%). COMUNICATO STAMPA Eccellenti risultati nel primo semestre 2011, il migliore di sempre. Crescono il fatturato (+8%), l Ebitda (+16%) e l Utile netto (+11%). Fatturato: 125,2 milioni di euro (115,6 milioni

Dettagli

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 Il nuovo piano si basa su quello presentato a marzo 2015, accelerando la creazione di valore nell ambito dei quattro principi fondamentali ed aggiungendone

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

Se non diversamente segnalato, i seguenti commenti si riferiscono ai valori totali, incluse le attività cessate in Germania.

Se non diversamente segnalato, i seguenti commenti si riferiscono ai valori totali, incluse le attività cessate in Germania. Esercizio 2010 La relazione orale vale Forte redditività operativa - utile netto inferiore Relazione di Beat Grossenbacher, Direttore Finanze e Servizi, in occasione della conferenza annuale con i media

Dettagli

Gli stakeholder Fornitori

Gli stakeholder Fornitori Gli stakeholder Fornitori Fornitori Trasparenza, imparzialità, correttezza e presidio dei principi di sostenibilità sono alla base delle attività di approvvigionamento dei beni e dei servizi aziendali.

Dettagli

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 PROPOSTO DIVIDENDO DI 0,10 EURO, + 15% RISPETTO AL 2000 UTILE NETTO: +12,7% A 21,4 MILIONI DI EURO RICAVI NETTI: +3,5%

Dettagli

Padiglione Italia - Expo 2010 di Shanghai - Cina, realizzato con il nuovo cemento trasparente frutto della ricerca Italcementi

Padiglione Italia - Expo 2010 di Shanghai - Cina, realizzato con il nuovo cemento trasparente frutto della ricerca Italcementi Padiglione Italia - Expo 2010 di Shanghai - Cina, realizzato con il nuovo cemento trasparente frutto della ricerca Italcementi Italcementi Milano, 22 marzo Group 2010 Giovanni Ferrario Padiglione Italia

Dettagli

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 VENDITE NETTE: 222,6 milioni (+39,0%) - 160,2 milioni nel primo trimestre 2014 EBITDA: 43,5 milioni (+35,8%) pari al 19,5%

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 20056-30-2015

Informazione Regolamentata n. 20056-30-2015 Informazione Regolamentata n. 20056-30-2015 Data/Ora Ricezione 23 Settembre 2015 17:54:31 AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale Societa' : GO internet S.p.A. Identificativo Informazione Regolamentata

Dettagli

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Versione 2.0 PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Qualsiasi ipotesi di crescita e di sviluppo non può prescindere dal considerare il valore del capitale umano. Ormai ogni ricerca in merito, sottolinea che la

Dettagli

Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 31 marzo 2015

Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 31 marzo 2015 Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 31 marzo Ricavi a 204,7 milioni di Euro (206,6 milioni di Euro nel primo trimestre ) Margine operativo lordo a 24,2

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica In collaborazione con Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica Relatore: ing. M. Capuana Taomina,

Dettagli

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 COMUNICATO STAMPA Riunito il Consiglio di Amministrazione PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 RICAVI 1.607,4 MLN (+10,7% SU 2005) EBITDA 204 MLN, PARI AL 12,7% DEL FATTURATO (+10,4% SU 2005)

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

ABI Energia Competence Center ABI Lab su energia e ambiente. Gli ambiti di ricerca in ABI Energia

ABI Energia Competence Center ABI Lab su energia e ambiente. Gli ambiti di ricerca in ABI Energia ABI Energia Competence Center ABI Lab su energia e ambiente Gli ambiti di ricerca in ABI Energia Gli ambiti di ricerca su energia e ambiente in ABI Lab ABI Energia, Competence Center sull energia e l ambiente

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico. di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Pagina 1

Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico. di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Pagina 1 Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. 2012 Pagina 1 INDICE Sommario MISSION... 3 1. FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 2. PRINCIPI DEL CODICE

Dettagli

sdreport Sustainable Development Report 2008

sdreport Sustainable Development Report 2008 sdreport Sustainable Development Report 2008 ITALIA GRECIA KAZAKISTAN MAROCCO FRANCIA E BELGIO NORD AMERICA SPAGNA BULGARIA TAILANDIA CINA EGITTO TURCHIA sdreport Sustainable Development Report 2008 SFIDA

Dettagli

Sintesi dei risultati consolidati del Gruppo

Sintesi dei risultati consolidati del Gruppo COMUNICATO STAMPA Gruppo Coin S.P.A.: Il Consiglio di Amministrazione riunitosi oggi a Venezia ha approvato i risultati del primo trimestre dell esercizio 2011 (1 febbraio 2011 30 aprile 2011). Vendite

Dettagli

La Gestionale Ambientale in Enel

La Gestionale Ambientale in Enel La Gestionale Ambientale in Enel Il contesto della Gestione Ambientale Politiche, Regolazione e principi internazionali Corporations Impatti sugli ecosistemi locali Impatti sull ecosistema globale Movimenti

Dettagli

Ecosuntek S.p.A. - Approvazione del Progetto di Bilancio dell esercizio e del Bilancio consolidato chiuso al 31 dicembre 2013

Ecosuntek S.p.A. - Approvazione del Progetto di Bilancio dell esercizio e del Bilancio consolidato chiuso al 31 dicembre 2013 COMUNICATO STAMPA Ecosuntek S.p.A. - Approvazione del Progetto di Bilancio dell esercizio e del Bilancio consolidato chiuso al 31 dicembre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di Ecosuntek S.p.A. approva

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

Quality and Health&Safety Management Systems Summary. Rev. 15

Quality and Health&Safety Management Systems Summary. Rev. 15 Quality and Health&Safety Management Systems Summary RS è una filiale del gruppo multinazionale Electrocomponents plc. (con sede nel Regno Unito) che opera, principalmente, dal centro di distribuzione

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

ITALCEMENTI: DIECI ANNI DI IMPEGNO PER LA SOSTENIBILITÀ, IL GRUPPO GUARDA VERSO NUOVI AMBIZIOSI TRAGUARDI

ITALCEMENTI: DIECI ANNI DI IMPEGNO PER LA SOSTENIBILITÀ, IL GRUPPO GUARDA VERSO NUOVI AMBIZIOSI TRAGUARDI ITALCEMENTI: DIECI ANNI DI IMPEGNO PER LA SOSTENIBILITÀ, IL GRUPPO GUARDA VERSO NUOVI AMBIZIOSI TRAGUARDI Pubblicato il Rapporto di Sostenibilità 2010 - L'impegno per impianti più efficienti e ancor più

Dettagli

comunicato stampa PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2013 (VS ESERCIZIO 2012): IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA

comunicato stampa PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2013 (VS ESERCIZIO 2012): IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO SEPARATO AL 31 DICEMBRE 2013 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2013 (VS ESERCIZIO 2012): RICAVI NETTI:

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

First Atlantic RE SGR S.p.A. approva il rendiconto di gestione per l esercizio 1.1.2008 31.12.2008

First Atlantic RE SGR S.p.A. approva il rendiconto di gestione per l esercizio 1.1.2008 31.12.2008 COMUNICATO STAMPA First Atlantic RE SGR S.p.A. approva il rendiconto di gestione per l esercizio 1.1.2008 31.12.2008 Milano, 25 febbraio 2009 - Il Consiglio di Amministrazione di First Atlantic RE SGR

Dettagli

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Ing. Nicolò Di Gaetano Responsabile Relazioni Esterne ed Analisi di Mercato Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Responsabilità e competitività

Responsabilità e competitività Investire nella finanza sostenibile e responsabile Responsabilità e competitività R e l a t o r e : Irene Bengo P o s t D o c P o l i t e c n i c o d i M i l a n o Sommario: Responsabilità Sociale d'impresa

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Nel primo semestre 2015 il Gruppo Cairo Communication ha continuato a conseguire risultati positivi nei suoi settori tradizionali (editoria

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

Responsabilità Sociale d Impresa

Responsabilità Sociale d Impresa Responsabilità Sociale d Impresa Sessione Formativa Modulo 1 1 CSR La competitività dell impresa è molto condizionata dalla capacità di dare al mercato un immagine di eccellenza. Un buon esempio di comunicazione

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 COMUNICATO STAMPA APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 UTILE NETTO CONSOLIDATO PARI A 171,5 MILIONI DI EURO (24,9 MILIONI AL 30 GIUGNO 2012) RACCOLTA DIRETTA COMPLESSIVA A 5.333 MILIONI DI EURO

Dettagli