SVILUPPO ECONOMICO. Profilo del Gruppo. Vision e strategia. Principali assi strategici di Italcementi Group

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SVILUPPO ECONOMICO. Profilo del Gruppo. Vision e strategia. Principali assi strategici di Italcementi Group"

Transcript

1 SVILUPPO ECONOMICO Italcementi Group è il principale produttore di cemento del bacino del Mediterraneo e uno dei maggiori al mondo. Con oltre dipendenti, il Gruppo vanta una presenza mondiale in 19 Paesi. L attività di Gruppo è focalizzata sul cemento e si integra con la produzione di calcestruzzo e inerti. Profilo del Gruppo Riconosciuto a livello internazionale come produttore e distributore globale di cemento, calcestruzzo e inerti, Italcementi Group opera in stretta interazione con le comunità locali di riferimento. Risorse, esperienza e know-how di classe mondiale vengono costantemente impiegati per soddisfare le specifiche richieste dei mercati locali e dei singoli clienti. La leadership tecnologica è una condizione essenziale per un gruppo impegnato ad accrescere il valore delle proprie società, dei propri prodotti e servizi, a migliorare le competenze del proprio personale e a garantire il rispetto delle normative in materia ambientale, di qualità e di sicurezza. Italcementi Group è presente in 19 Paesi di 4 continenti con dipendenti, 56 cementerie, 12 centri di macinazione, 4 terminali, 561 centrali di calcestruzzo e 155 cave. Nel 2004 il Gruppo ha registrato un fatturato annuo di milioni di euro, con un incremento del 7,1% rispetto al 2003 a parità di perimetro e di tassi di cambio. All inizio del 2005 il Gruppo ha acquisito il controllo di maggioranza di Suez Cement in Egitto. Vision e strategia Italcementi Group è consapevole del proprio ruolo sociale ed è impegnato a garantire comportamenti socialmente responsabili da parte dei propri dipendenti e delle proprie filiali. Il Gruppo ritiene che lo Sviluppo Sostenibile, che rappresenta oggi una sfida di primaria importanza per la società nel suo complesso, sia l unica chiave di successo, soprattutto per un settore, come quello del cemento, ad alta intensità di capitale e con tempi lunghi di ritorno degli investimenti. Italcementi Group ha deciso di migliorare i risultati complessivi del proprio business attraverso una strategia di sostenibilità focalizzata sugli aspetti economici, ambientali e sociali della propria attività. DATI ECONOMICI CHIAVE Dipendenti Ricavi* Cash flow* Indebitameto netto* Patrimonio di competenza del Gruppo* *milioni di euro Principali assi strategici di Italcementi Group Per assicurare crescita e redditività nel lungo termine, Italcementi Group persegue una serie di obiettivi strategici all interno di quattro aree d intervento: efficienza industriale impegno continuo a favore dello Sviluppo Sostenibile Innovazione di prodotto e processo ottimizzazione e sviluppo del proprio portafoglio Paesi. La sfida è quella di trovare soluzioni per ridurre il consumo di energia e di risorse naturali nonché di abbassare il livello di emissioni inquinanti per unità di cemento prodotto, e al tempo stesso di incrementare la fornitura di cemento a un numero crescente di clienti in particolare nei Paesi in via di sviluppo. Italcementi Group si impegnerà inoltre a sostenere e ad accrescere la propria responsabilità sociale, osservandone scrupolosamente gli obblighi, e a mettere in atto avanzati programmi a tutela della salute e della sicurezza. Tutto il personale del Gruppo sarà attivamente coinvolto nel rendere operativa tale strategia. A questo riguardo, le linee guida per l industria mondiale del cemento sono state già promosse a 6

2 livello internazionale dal World Business Council for Sustainable Development, una coalizione di circa 175 gruppi industriali, a cui Italcementi Group appartiene dal Ed è in questo contesto che nel 2002 Giampiero Pesenti, allora Consigliere delegato di Gruppo, ha sottoscritto l Agenda for Action, il primo impegno formale da parte dei produttori mondiali di cemento a favore dei principi dello Sviluppo Sostenibile. Per mettere in pratica l Agenda for Action, le aziende firmatarie hanno dato vita alla Cement Sustainability Initiative (CSI) del WBCSD, con l impegno di implementare sia una serie di progetti comuni sia azioni a carattere individuale. Protezione del clima e impiego di materie prime e combustibili alternativi sono i temi principali del protocollo, con l aggiunta, tuttavia, di altre aree di intervento quali la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro, il controllo e il reporting delle emissioni, l impatto sul territorio e sulle comunità locali, nonché attività di reporting e comunicazione. La CSI si è dotata di apposite task force per poter meglio intervenire nelle varie aree individuate: Italcementi Group è attivamente presente in ognuna di esse, in qualità o di partecipante o di leader. Corporate governance All indomani dell acquisizione di Ciments Français e del miglioramento dei risultati di Gruppo, Italcementi Group ha migliorato l integrazione e il coordinamento delle proprie funzioni aziendali per aumentare l efficienza operativa, ampliare la gamma dei prodotti e dei servizi offerti, e potenziare l efficacia della propria strategia di crescita basata sulle acquisizioni. Il Gruppo è costantemente impegnato a riesaminare le proprie politiche e procedure di corporate governance alla luce delle migliori pratiche e dei nuovi regolamenti, ad esempio quelli relativi alle norme interne per il Consiglio di Amministrazione e i suoi Comitati, per gli amministratori indipendenti e non esecutivi, e per i vari codici di comportamento. Il Gruppo ha emanato un Codice di Autodisciplina (per le società quotate) che riflette e talvolta va oltre gli specifici requisiti delle leggi e dei regolamenti vigenti. Il Codice ha lo scopo di rendere esplicito il modello di corporate governance cui Italcementi Group si ispira nel perseguire l obiettivo della massimizzazione del valore per gli azionisti. Un capitolo specifico è dedicato ai principi fondamentali del Codice Etico di Gruppo (v. box pag.8) già adottato da un elevato numero di società del Gruppo. Questo codice verrà esteso anche alle altre società. Tutti i dipendenti, ciascuno nel proprio ambito lavorativo, devono attenersi al Codice Etico quanto a correttezza, imparzialità, affidabilità, tutela della persona e dell ambiente. Le norme del Codice Etico si applicano inoltre a tutti i rapporti e relazioni, diretti o indiretti, che il Gruppo instaura stabilmente o temporaneamente nel corso dello svolgimento delle proprie attività. Questi aspetti sono trattati in maggior dettaglio negli ultimi bilanci consolidati del Gruppo. La nostra politica di trasparenza e le dichiarazioni di politica ambientale e sociale sono parte del Codice Etico e guidano la strategia del Gruppo per lo Sviluppo Sostenibile. Tutti i Codici e le norme attualmente in vigore sono consultabili sul sito web di Gruppo, Fondata nel 1864, Italcementi può oggi vantare più di 140 anni di esperienza industriale ininterrotta. CONTRIBUTO AI RICAVI NETTI PER SETTORE DI ATTIVITÀ (%) 60,5% 60,6% Cemento Calcestruzzo/inerti Altre attività 34,8% 4,7% 34,9% 4,5% 7

3 UNA GUIDA PER LA NOSTRA STRATEGIA DI SOSTENIBILITÀ Il Codice Etico: i principi del Gruppo Trasparenza, tutela ambientale e responsabilità sociale sono i valori chiave del nostro Codice Etico. Il Gruppo si impegna a ottimizzare la trasparenza e l efficienza a tutti i livelli gestionali. Oltre a uno specifico sistema di autoregolamentazione definito dal Codice di Autodisciplina, le principali società del Gruppo hanno emanato un Codice Etico che è attualmente sottoposto a verifica interna e che, una volta formalizzato, si applicherà a tutti i dipendenti e a coloro che, direttamente o indirettamente, stabilmente o temporaneamente, instaurano rapporti e relazioni con Italcementi Group od operano per perseguirne gli obiettivi. Nel Codice si sancisce che il Gruppo assume come principi ispiratori il rispetto della legge e delle normative dei Paesi di riferimento nonché delle Politiche di Gruppo in un quadro di integrità, correttezza e riservatezza. Si impegna inoltre a rispettare appieno le normative sulla concorrenza e a promuovere il corretto e funzionale utilizzo delle risorse naturali. Il Gruppo, nei Paesi in cui opera, svolge le proprie attività in armonia con la legislazione vigente a tutela delle condizioni di lavoro. Tutti i destinatari del Codice, nell ambito delle loro mansioni, si impegnano a condurre le proprie attività basandosi sulla prevenzione dei rischi e sulla tutela della salute e della sicurezza personali, dei colleghi e dei terzi. Non devono essere fatte discriminazioni o ritorsioni per ragioni di nazionalità, di credo religioso, di appartenenza politica e sindacale, di lingua e di sesso. Tutti i dipendenti e tutti coloro che interagiscono con il Gruppo devono rispettare la normativa vigente in materia di tutela e protezione ambientale e promuovere una conduzione delle proprie attività centrata sul corretto utilizzo delle risorse e sul rispetto dell ambiente. Il Codice Etico richiede inoltre che ciascun destinatario, nella gestione dei rapporti con i clienti, debba favorirne la massima soddisfazione fornendo, tra l altro, informazioni esaurienti e accurate sui prodotti e sui servizi forniti, in modo da consentire scelte consapevoli. La selezione dei fornitori e la determinazione delle condizioni di acquisto devono essere effettuate sulla base di una valutazione obiettiva e trasparente che tenga conto, tra l altro, del prezzo, della capacità di fornire e garantire servizi di livello adeguato, e anche dell onestà e dell integrità del fornitore. Il Gruppo non eroga, in linea di principio, contributi a partiti, a comitati e organizzazioni politiche e sindacali. La violazione delle norme del Codice Etico può portare ad azioni disciplinari, legali o penali. Nei casi giudicati più gravi, la violazione può comportare la risoluzione del contratto di lavoro, se posta in essere dal dipendente, ovvero l interruzione del rapporto, se posta in essere da un soggetto terzo. Le politiche del Gruppo Nel corso dell ultimo decennio, Italcementi Group ha sviluppato e rafforzato il proprio sistema di politica ambientale e sociale, che comprende: la Politica Ambientale, che è parte integrante della mission del Gruppo ed è fondamentale al pari di produttività, efficienza, qualità e sviluppo tecnologico; la Politica per la Sicurezza, con particolare attenzione alla salute e alla sicurezza come parte di una più ampia strategia di responsabilità sociale del Gruppo. Il Progetto Zero Infortuni, varato nel 2000, rappresenta il fiore all occhiello della Politica per la Sicurezza; la Politica per il Subappalto, in base alla quale il Gruppo si assume la responsabilità delle condizioni di lavoro dei dipendenti dei propri subappaltatori; e infine la Politica di Non Discriminazione, introdotta dal Codice Etico, tra i principi chiave che devono ispirare l attività del Gruppo (v. box). 8

4 Gestione della sostenibilità Per assicurare l implementazione a livello di Gruppo delle politiche e delle linee guida per la sostenibilità e per promuovere progetti, interventi e programmi di formazione ad hoc, è stato creato uno specifico Comitato, il Sustainable Development Steering Committee (SDSC). Il Comitato, presieduto dal Direttore generale del Gruppo, è coordinato dal responsabile della Direzione Environmental Affairs e si compone delle principali funzioni aziendali (Direttori del Centro Tecnico di Gruppo, Risorse Umane, Amministrazione e Controllo, Comunicazione e Immagine, Ricerca e Sviluppo, Sicurezza). Il Comitato ha dato vita ad alcune task force settoriali, per proporre azioni, nuovi codici di comportamento e nuove politiche aziendali presso tutte le filiali del Gruppo. I principali obiettivi del Comitato sono: tradurre la vision di Gruppo in politiche aziendali specifiche in tutte le filiali; definire e implementare un programma di comunicazione esterna; supportare e monitorare l implementazione della strategia di sostenibilità di Gruppo nelle filiali. Fino ad oggi il Comitato ha varato progetti riguardanti l abbattimento delle emissioni di CO 2, le tecniche di controllo e le soluzioni per ridurre le emissioni inquinanti di SO x, NO X e polveri dai SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE (SGA) Impianto di Ankara, Turchia, SGA in funzione dal CONSIGLIERE DELEGATO Proposte di politiche e strategie PARTNERS ESTERNI La cementeria di Gargenville, Francia, ha ottenuto la certificazione ISO Proposte di azioni, programmi e strategie dettagliate FUNZIONI E ATTIVITÀ forni; il reporting di sostenibilità; i programmi di formazione interna; la promozione e la diffusione delle migliori pratiche di utilizzo di materiali e combustibili alternativi; l analisi di politiche e pratiche di subappalto, e infine l igiene industriale e la salute del personale. Gli obiettivi di sostenibilità sono stati formalmente recepiti dal Piano Strategico di Italcementi Group. Per integrare valori, conoscenza e comportamenti sostenibili nelle pratiche aziendali del Gruppo, nel 2004 è stato varato uno specifico programma denominato Sustainable Development Awareness Program, che prevede la formazione e la sensibilizzazione mediante seminari tenuti per ogni filiale dal Direttore di zona e rivolti a tutti i direttori generali e ai loro collaboratori (Programma CoDir). La gestione dei seminari è affidata ai responsabili delle principali funzioni aziendali e ad esperti di formazione. Uno degli scopi principali perseguiti è comunicare i risultati del SDSC a livello di filiale. La prima fase di 9

5 10 formazione del Programma CoDir sarà completata nei primi mesi del Seguirà quindi una seconda fase focalizzata sull avvio dei piani di azione relativi alla sostenibilità in ciascuna filiale sulla base della vision e delle linee guida di Gruppo. Italcementi Group sta inoltre mettendo a punto vari sistemi di gestione che tengano conto di tutti gli aspetti economici, ambientali e sociali di uno sviluppo durevole e sostenibile. Il Gruppo ha già fatto notevoli progressi nell assicurare che i sistemi di gestione verificabili, come le certificazioni ISO 9001 e ISO 14001, accompagnino l implementazione dei propri obiettivi di sostenibilità. Per maggiori informazioni si possono consultare i bilanci annuali 2003 e 2004 e la sezione ambientale di questo Rapporto. Performance economica CRESCITA CONTINUA (MILIONI DI EURO) Le cementerie e i loro impianti sono investimenti tipicamente a lungo termine, e ciò si riflette anche sulle comunità locali e più in generale sui Paesi di riferimento. Pur essendo un produttore mondiale, Italcementi Utile di Gruppo Risultato operativo Cash Flow Ricavi Group opera soprattutto su mercati locali. La produzione di cemento spesso funge da catalizzatore di sviluppo economico per le realtà vicine agli impianti e la maggior parte delle materie prime necessarie al processo produttivo è acquistata localmente. Considerando anche l effetto delle retribuzioni e gli aspetti fiscali, è chiaro che Italcementi Group esercita un influenza positiva sulle economie locali, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo. Sviluppo e crescita nel lungo termine sono oggi gli obiettivi principali di Italcementi Group e saranno perseguiti con investimenti strategici e di performance mirati soprattutto nei Paesi emergenti. Nonostante un 01 forte appesantimento dei costi di produzione, nel 2004 i ricavi consolidati del Gruppo sono stati pari a milioni di euro, in crescita del 5,7% o del 7,1% a parità di perimetro e di tassi di cambio. I proventi sono stati penalizzati da un effetto cambio negativo (-1,7%), mentre la variazione dell area di consolidamento soprattutto a seguito dell inserimento di Shymkent Cement (Kazakistan) e di nuove attività nel settore calcestruzzo - ha generato un incremento positivo pari allo 0,3%. I ricavi sono cresciuti del 5,6% nell Unione Europea, del 5,3% nel Nord America, del 17,4 % in Asia e dell 8,7% negli altri Paesi emergenti dove Italcementi Group opera. Il margine operativo lordo, sostenuto dalla crescita dei volumi e dalla favorevole evoluzione dei prezzi di vendita in quasi tutti i Paesi, ha registrato un miglioramento del 3,5% rispetto al 2003, anche se sui risultati di gestione ha influito, in misura ancora più accentuata nella seconda parte dell anno, l appesantimento dei costi operativi, in particolare di quelli variabili legati ai fattori energetici che hanno registrato una forte crescita dei costi dei combustibili. Anche i cambi del dollaro USA e di altre valute nei confronti dell euro hanno determinato un effetto negativo quantificabile in circa 18 milioni di euro. Nell ambito dell Unione Europea, la Francia ha realizzato un netto miglioramento, a fronte della stabilità registrata in Italia e Spagna e della flessione in Belgio e Grecia. Molto

6 FATTURATO NETTO PER AREA (milioni di euro) FATTURATO NETTO: ANDAMENTO 2004/2003 Unione Europea (Italia, Francia, Belgio, Spagna, Grecia) Nord America Asia (Tailandia, India, Kazakistan*) Altri Paesi emergenti (Turchia, Marocco, Bulgaria) Trading TOTALE (*) consolidato nel ,6 % 5,3 % Unione Nord Europea America 17,4 % 8,7 % Asia Altri Paesi emergenti Trading -21,3 % positivo è stato l andamento del Nord America, con un MOL in dollari in crescita del 17,5%, ma penalizzato da un importante effetto cambi negativo che ha limitato l incremento al 6,8%. Fra i Paesi emergenti, un forte miglioramento dei risultati di gestione è stato ottenuto in Bulgaria e Turchia, mentre in Tailandia e India gli incrementi dei risultati in valuta locale sono stati annullati dagli effetti negativi del cambio in euro. IL MOL del Marocco, pur confermatosi a un valore elevato, ha evidenziato un calo rispetto allo scorso esercizio per i contingenti effetti dell applicazione di una tassa di solidarietà che ha inciso sui ricavi netti. Fornitori Nel 2004 Italcementi Group ha speso in totale circa milioni di euro per l approvvigionamento di materie prime, combustibili e altri beni, e più di 1.473,5 milioni di euro per l acquisto di servizi. Le spese totali relative alle materie prime nel 2004 sono state pari a 513,7 milioni di euro e di 285,5 per i combustibili. Le spese totali per elettricità, acqua e gas hanno toccato i 297,4 milioni di euro mentre quelle relative al trasporto sono state pari a 478,5 milioni. In vari Paesi, il Gruppo ha instaurato rapporti decisamente soddisfacenti con diversi fornitori con i quali ha sviluppato una stretta collaborazione. Si sono così ottenuti notevoli miglioramenti in termini di qualità ed efficacia dei prodotti per i clienti. Personale Il costo del lavoro è aumentato a 711 milioni di euro nel 2004, rispetto ai 702,3 milioni di euro nel 2003, con un aumento dell 1,2%. Azionariato A fine 2004, il capitale sociale di Italcementi era pari a euro, suddiviso in azioni, di cui ordinarie (63%) e di risparmio (37%). Il patrimonio netto di gruppo si attesta a milioni di euro. Nel marzo 2005, il Consiglio di Amministrazione ha proposto la distribuzione di un dividendo ordinario di 0,30 euro alle azioni ordinarie (+11%) e di 0,33 euro (+10%) alle azioni risparmio. Lo scorso anno fu distribuito un dividendo ordinario di 0,27 euro alle azioni ordinarie e di 0,30 euro alle azioni di risparmio e un dividendo straordinario di 0,05 euro ad entrambe le categorie di azioni per celebrare i 140 anni di fondazione della Società. FATTURATO NETTO PER SETTORE DI ATTIVITÀ (milioni di Euro) Cemento e clinker Calcestruzzo e inerti Altre attività TOTALE

7 AZIONI ORDINARIE 1,76% 39,51% INDICATORI FINANZIARI (EURO) Quotazione (media prezzi ufficiali 2 sem.) Azione ordinaria Azione risparmio Gruppo Italmobiliare Azioni proprie Azionariato diffuso 58,73% AZIONI DI RISPARMIO (ANALISI AZIONARIATO DIFFUSO) 20% 16% 33% Persone fisiche Fondi esteri Banche estere Fondi italiani Banche italiane Assicurazioni italiane Società italiane Altro Società estere Assicurazioni estere 11% 7% 3% 3% 3% 2% 2% CEMENTERIA DI CALUSCO D ADDA Tecnologia ambientale avanzata presso la nuova cementeria di Calusco d Adda in Italia. Dividendo per azione Azione ordinaria 0, , ,270 0,240 0,180 Azione risparmio 0, , ,300 0,270 0,210 Rendimento per azione (su media prezzi ufficiali 2 sem.) Azione ordinaria 2,62% 2,64% 2,87% 2,84% 1,89% Azione risparmio 4,33% 4,97% 6,11% 6,71% 5,12% (1) Proposta del Consiglio di Amministrazione del marzo 2005 Investimenti Nel 2004 l esborso complessivo per investimenti in immobilizzazioni materiali, immateriali e finanziarie è stato pari a 373,9 milioni di euro rispetto ai 373,0 del precedente esercizio. Il Gruppo applica i medesimi standard di razionalizzazione aziendale in tutti i Paesi nei quali opera. Questi standard rappresentano una componente fondamentale nel processo globale di creazione di valore e comprendono non solo interventi di ristrutturazione aziendale e continui processi di benchmarking interno tesi a La nuova cementeria di Calusco d Adda Italcementi ha intrapreso un significativo programma di ammodernamento della cementeria di Calusco d Adda (BG), con un progetto mirato a coniugare produzione e ambiente secondo le migliori tecnologie disponibili sul mercato. Fin dalla sua acquisizione nel 1920, la cementeria di Calusco d Adda è stata oggetto di continui interventi di ammodernamento. Dopo la realizzazione dell ultimo progetto, l impianto è stato quasi interamente ridisegnato, con una linea di produzione totalmente nuova, realizzata secondo i più elevati standard tecnologici. Questo intervento colloca la cementeria di Calusco ai primi posti a livello mondiale, sia per l alto livello tecnologico sia per le performance ambientali. La nuova cementeria ha ridotto notevolmente il consumo di energia termica e di combustibili, con (2) Il dividendo è stato maggiorato di ulteriori 0.05 per azione a titolo straordinario per celebrare il 140 anniversario della Società. un abbattimento delle emissioni in atmosfera tra il 50 ed il 90% rispetto al vecchio impianto (già ampiamente sotto i limiti di legge) e una riduzione della rumorosità. Il forno, le polveri e le emissioni in atmosfera sono sottoposte a monitoraggio in continuo al camino con strumenti avanzati di controllo. A fine 2004 per la nuova cementeria erano stati investiti complessivamente 164 milioni di euro garantendo, fra gli altri, i seguenti interventi: proseguimento della realizzazione del tunnel sotterraneo che collega le cave di Col Pedrino e Monte Giglio; realizzazione di due depositi di pre-omogeneizzazione di calcare e marna in cava Monte Giglio; realizzazione di una nuova linea con una capacità produttiva di tonnellate di clinker al giorno. 12

8 migliorare l efficienza industriale, ma anche una capillare riprogettazione del processo allo scopo di massimizzare l efficienza gestionale e amministrativa. Nel biennio , la politica industriale del Gruppo è stata caratterizzata da investimenti per il trasferimento tecnologico ai Paesi emergenti e l uso delle migliori tecnologie disponibili nei Paesi maturi. Un attenzione particolare è stata prestata al miglioramento delle prestazioni ambientali e sociali delle attività produttive. Questi obiettivi continueranno ad essere perseguiti anche negli anni a venire. Programmi specifici di ammodernamento e innovazione sono previsti per la cementeria di Malaga, in Spagna, con un investimento di 73 milioni di euro, per quella di Agadir, in Marocco, con un investimento totale stimato di 91 milioni, e in infine in Nord America, con circa 320 milioni di dollari di investimenti totali previsti. Anche nel 2004 il Gruppo ha dedicato un rilevante impegno agli investimenti (328 milioni di euro, il 22% circa degli investimenti industriali) per la tutela dell ambiente, per la sicurezza e il miglioramento delle condizioni di lavoro. Nel marzo 2005, Italcementi Group, unitamente a un consorzio di investitori locali e internazionali, ha raggiunto un accordo con il governo egiziano per acquisire un ulteriore quota di circa il 33,4% di Suez Cement Company, primo operatore del settore in Egitto. Nell ambito di questa operazione, il Gruppo, che già deteneva il 39,9% del capitale di Suez Cement, è diventato azionista di controllo della società (54,2%). L investimento finanziario globale di Italcementi Group a partire dal 2001 è stato di circa 460 milioni di euro. KNOW-HOW TECNOLOGICO AVANZATO PER PRODOTTI DI ALTA QUALITÀ La leadership tecnologica è un fattore essenziale della strategia industriale di Italcementi Group. Impegno nei confronti della pubblica amministrazione Italcementi Group è particolarmente attenta al rispetto di tutti gli obblighi fiscali nei Paesi nei quali opera. I principi contabili che il Gruppo adotta sono basati sulla trasparenza e sul ricorso a metodi chiari e comprensibili. Nel 2004, il Gruppo ha versato imposte sul reddito per 250,1 milioni di euro, 25 milioni di euro in più rispetto al 2003 (225,1). Italcementi Group svolge inoltre un ruolo attivo nell ambito di programmi locali riguardanti la salute, l istruzione e la formazione e come sponsor di iniziative culturali promosse dalle istituzioni locali. Ricerca e Sviluppo per l innovazione Grazie alla vasta esperienza industriale maturata, Italcementi Group ha consolidato un eccellente know-how scientifico e tecnologico. Il CTG, Centro Tecnico di Gruppo, con 394 dipendenti, ha la sua sede principale a Bergamo e quella secondaria a Guerville, in Francia. Le principali attività che il CTG svolge per le filiali di Italcementi Group sono: ricerca e sviluppo di nuovi prodotti e tecnologie; controllo della qualità; assistenza tecnica per la progettazione e la realizzazione di nuovi impianti e per l ammodernamento di quelli esistenti oltre che per il controllo del loro rendimento. Nel corso degli ultimi anni, Italcementi Group ha ottenuto un riconoscimento importante per il suo grande impegno nel campo della Ricerca e Sviluppo. I laboratori CTG hanno infatti ottenuto l accreditamento SINAL (Sistema Nazionale per l Accreditamento dei Laboratori) in Italia e COFRAC (Comité Français d Accréditation) in Francia. Il laboratorio metrologico CTG è accreditato SIT, il centro di taratura italiano. In collaborazione con il Dipartimento di Chimica dell Università di Ferrara, il CTG ha condotto numerosi studi e ricerche sui benefici che i materiali cementizi fotocatalitici sono in grado di apportare in termini di abbattimento degli inquinanti atmosferici. In particolare, è stato studiato uno specifico formulato contenente biossido di titanio (TiO 2 ) in forma di anatasio e cemento. I risultati sperimentali hanno dimo- 13

9 HOTEL DE POLICE, BORDEAUX Il nuovo cemento Bianco TX Millenium è stato utilizzato per la costruzione dell Hotel de Police a Bourdeaux in Francia. strato che i materiali cementizi contenenti biossido di titanio, esposti alla luce naturale, hanno una pronunciata capacità di ossidazione dei composti organici che si depositano man mano sul materiale, neutralizzando così gli inquinanti (soprattutto NO X ) e garantendo la costanza di colore del manufatto nel tempo. Partendo da questa tecnologia, Italcementi Group ha lanciato il cemento TX Millennium, prodotto che è frutto di un esteso processo di ricerca che ha coinvolto simulazioni in laboratorio e prove ambientali in sito, tra le quali l applicazione del prodotto su alcune residenze private.< FLUSSI FINANZIARI ED ECONOMICI DI ITALCEMENTI GROUP DA E VERSO GLI STAKEHOLDER NEL 2004 (IN MILIONI DI EURO) FLUSSI DI GESTIONE 2004 % sui Ricavi Clienti Ricavi Fornitori Acquisti (2.682) 59 Personale Costo del lavoro (711) 16 Creditori finanziari Proventi e oneri finanziari netti (82) 2 Stato e autorità locali Imposte sul reddito e altre imposte (311) 7 Proventi vari netti 66 Variazione del capitale circolante e attività/passività (114) Totale flussi di gestione 694 IMPIEGO DEI FLUSSI 2004 % sull impiego totale dei flussi Azionisti Dividendi (124) 18 Creditori finanziari Rimborso del debito finanziario, netto (257) 37 Altre società/persone fisiche Investimenti finanziari (58) 8 Fornitori Investimenti industriali (immobilizzazioni materiali e immateriali) (316) 46 Clienti Cessioni 52 (7) Altri 9 (2) Totale impiego dei flussi (694)

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Approvato dal CdA del 27.06.12

Approvato dal CdA del 27.06.12 CODICE ETICO Approvato dal CdA del 27.06.12 1 1. INTRODUZIONE...4 1.1 La Missione di BIC Lazio SpA...4 1.2 Principi generali...4 1.3 Struttura e adeguamento del Codice Etico...5 2. DESTINATARI DEL CODICE...5

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE

IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE L INIZIATIVA COLLABORA CON NOI! Offriamo varie opportunità per prendere parte a questa grande iniziativa per il cambiamento. Solo col

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli