Mercato Privati. Piano formazione Approfondimenti. 9 aprile Versione: 1.0. MP-RU-FCI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mercato Privati. Piano formazione 2009. Approfondimenti. 9 aprile 2009. Versione: 1.0. MP-RU-FCI"

Transcript

1 Mercato Privati Piano formazione 2009 Approfondimenti 9 aprile 2009 Versione: 1.0.

2 Crescere a 360 Incontri di aggiornamento professionale per OSP e DUP Monounità

3 Crescere a 360 : incontri di aggiornamento professionale per OSP e DUP Monounità Crescere a Gennaio -- Novembre Obiettivi Obiettivi Il programma mira a sostenere lo sviluppo prof.le di OSP e DUP Monounità attraverso incontri di aggiornamento finalizzati a: promuovere lo scambio di conoscenze/esperienze professionali su temi di carattere comm.le, operativo e normativo che incidono sulla qualità complessiva del lavoro svolto in UP e sulla qualità del servizio erogato alla clientela stimolare gli OSP e i DUP Monounità a far proprie le conoscenze apprese per riportarle nel proprio contesto quotidiano cogliendo nuovi spunti per migliorare le proprie attività creare un link tra le conoscenze acquisite/sviluppate in aula e la loro applicazione concreta nella realtà lavorativa di OSP e DUP Monounità. Target Target OSP (per il 2009 priorità sui centrali e relazionali DUP Monounità In edizioni distinte Modalità Modalità di di erogazione erogazione e e durata durata Aula 2,5 h Segue

4 Crescere a 360 : Programma degli incontri per OSP e DUP Monounità Incontri OSP Incontri OSP Crescere a 360 : descrizione del progetto La relazione con il cliente: il contributo degli Operatori Focus su Comportamenti organizzativi Sistema gestione attesa Tracciatura Pacchi Inesitati e Difettosità Assegni: negoziazione e limitazione uso contanti Sistemazioni anagrafiche Segnalazioni MEF DMS: Sistema di gestione della documentazione Focus su Conoscenza e Vendita Prodotti (caratteristiche, a chi proporli e come) Accrediti & Domiciliazioni BPF Ordinari, BPF Indicizzati, BPF ai Minori Prestito BP & Prontissimo Raccomandata 1 & Assicurata Paccocelere Internazionale Paccocelere 1 Plus & Paccocelere 3 Carnet Filatelia SIM PosteMobile Prodotti PosteShop Esercitazione: Patto di Lavoro Incontri DUP Monounità Incontri DUP Monounità Crescere a 360 : descrizione del progetto La relazione con il cliente: il contributo degli Operatori Focus su Comportamenti organizzativi Tracciatura Pacchi Inesitati e Difettosità Giacenza Banconote TSC: conformità e invio pratiche Assegni: negoziazione e limitazione uso contanti Trasparenza bancaria adempimenti UP Sistemazioni anagrafiche Segnalazioni MEF Conformità pratiche e archiviazione della documentazione in UP Deposito territoriale D.Lgs. 81/08 - Le azioni del Preposto Focus su Conoscenza e Vendita Prodotti (caratteristiche, a chi proporli e come) Accrediti & Domiciliazioni BPF Ordinari, BPF Indicizzati, BPF ai Minori PosteVita Ramo I: postafuturo certo Prestito BP & Prontissimo SIM PosteMobile Prodotti PosteShop Filatelia Assicurata Paccocelere Internazionale Paccocelere 1 Plus & Paccocelere 3 Gli strumenti: CRM/DMS/Quadro di insieme Esercitazione: Patto di Lavoro

5 Crescere a 360 : formazione DUP Trainer Una delle peculiarità del progetto è data dal fatto che la docenza degli incontri è affidata ad un pool di Direttori di Ufficio Postale, individuati in qualità di Trainer e appositamente formati sui contenuti tecnico professionali del corso per OSP e DUP Monounità e sulle modalità di gestione dell aula Crescere a Formazione DUP DUP Trainer Gennaio Febbraio Obiettivi Obiettivi presentare obiettivi e modalità di realizzazione del programma di agg.to prof.le Crescere a 360 illustrare i contenuti delle unità didattiche del corso per OSP e DUP Monounitàe le principali modalità di gestione d aula Target Target DUP (2 per Filiale) individuati sulla base dei seguenti criteri: elevata seniority prof.le precedenti esperienze in campo formativo particolare doti comunicative e di leadership Modalità Modalità di di erogazione, erogazione, durata durata Aula: lezioni teoriche, esercitazioni 7 h Segue

6 Crescere a 360 : formazione DUP Trainer - programma Crescere a 360 : finalità del progetto e linee guida processo formativo Kit formativo per OSP e DUP Monounità La relazione con il cliente: il contributo degli Operatori Focus su Comportamenti organizzativi Sistema gestione attesa Tracciatura Pacchi Inesitati e Difettosità Giacenza banconote TSC: conformità e invio pratiche Assegni: negoziazione e limitazione uso contanti Trasparenza bancaria adempimenti UP Sistemazioni anagrafiche Segnalazioni MEF Conformità pratiche e archiviazione della documentazione in UP Deposito territoriale D.Lgs. 81/08 - le azioni del Preposto Focus su Conoscenza e Vendita Prodotti (caratteristiche, a chi proporli e come) Accrediti & Domiciliazioni BPF Ordinari, BPF Indicizzati, BPF ai Minori Postevita Ramo I: postafuturo certo Prestito BP & Prontissimo Raccomandata 1 & Assicurata Paccocelere Internazionale Paccocelere 1 Plus & Paccocelere 3 Carnet Filatelia SIM PosteMobile Prodotti PosteShop Gli strumenti: CRM/DMS/Quadro di insieme Tecniche di gestione d aula Il ruolo del formatore La co-docenza (vantaggi e gestione) La gestione d aula Informare/comunicare (modalità differenti: quando usarle e come) Le tecniche di comunicazione efficaci per la gestione d aula Coinvolgere le persone (come fare) Ascolto attivo (come fare) Le domande per sollecitare le persone La gestione delle obiezioni (chi le genera, come disinnescarle) Il patto di lavoro: logiche e lancio del piano Role playing: esercitazione in aula sulla gestione dei contenuti didattici Intervento del DUP Testimonial - spunti di riflessione sulla gestione didattica dell aula e sulla relazione con i partecipanti

7 Crescere a 360 : incontri di aggiornamento professionale per OSP e DUP Monounità Un ulteriore particolarità del progetto è data dal fatto che si tratta di un iniziativa formativa che nasce in aula, ma prosegue anche al di fuori di essa per far si che le conoscenze apprese dagli operatori si traducano in esperienza concreta e applicabile al proprio lavoro quotidiano. Il legame tra le conoscenze sviluppate durante gli incontri e la loro applicazione concreta nella realtà lavorativa di tutti i giorni è rappresentato da: esercitazione Patto di Lavoro : le 3 cose da fare da domani con l obiettivo di attivare processi di riflessione sulle modalità e sui comportamenti organizzativi più efficaci per svolgere la propria attività. costituzione del Gruppo di Miglioramento nucleo di risorse a livello di Filiale (1 SO, 1 Sp. Comm.le, RUF) che supporta gli UP nel tradurre in chiave concreta le attività previste nel Pdl e finalizzarle al raggiungimento degli obiettivi assegnati all'up.

8 Piano ISVAP di qualificazione degli Addetti all intermediazione

9 Formazione in materia di assicurazione Il Regolamento ISVAP n. 5/06 entrato in vigore il 1 gennaio 2007, ha istituito per gli addetti all attività di intermediazione assicurativa precisi obblighi formativi con riferimento ai contenuti, alla durata, alle modalità di erogazione e certificazione della formazione. Nel 2007, in ottemperanza alla normativa, è stato predisposto un percorso di formazione di 60 ore (21 erogate online e 39 in aula) che ha coinvolto circa risorse tra Direttori di Ufficio Postale e Specialisti Commerciali Clientela Retail. Nel 2008, è stato predisposto un percorso formativo di aggiornamento di 30 ore che ha coinvolto circa risorse tra Direttori di Ufficio Postale e Specialisti Commerciali Clientela Retail e si è continuato ad erogare il percorso delle 60 ore ai nuovi immessi a ruolo. Nel 2009, l attività formativa in tema ISVAP sarà altrettanto intensa e proprio in funzione della stessa mole di ore da erogare, della natura normativo-tecnica dei contenuti che caratterizzano la formazione obbligatoria assicurativa, sarebbe utile introdurre un nuovo approccio contenutistico-metolologico alla formazione per l intermediazione assicurativa, attivando, un meccanismo di maggiore partecipazione nelle sessioni di aula e per sostenere la crescita della cultura assicurativa e della professionalità a completamento dei corsi sui prodotti assicurativi di Poste Italiane.

10 Programma base Aula Evoluzione dell offerta assicurativa del gruppo Poste Italiane negli anni e approfondimenti su singoli comparti: Corso 1: L assicurazione e il mercato assicurativo Corso 2: Il Risparmio Corso 3: L investimento Corso 4: La Previdenza Corso 5: La Protezione Persona e Beni/patrimonio) Corso 6: Product History E stato attivato un contratto per l aggiornamento dei corsi elearning che prevede aggiornamenti semestrali e aggiornamenti tempestivi sulla base di modifiche normative. elearning Offerta formativa su temi di normativa generale, fiscalità e consumerismo: Corso 1: L assicurazione, il mercato assicurativo e le sue regole Corso 2: Il contratto di assicurazione Corso 3: La previdenza Corso 4: L assicurazione Vita Corso 5: Le assicurazioni previdenziali Corso 6: La fiscalità delle assicurazione della previdenza Corso 7: Le regole dell intermediazione e il ruolo professionale dell intermediario Corso 8: L informazione e la tutela dei consumatori Corso 9: Le assicurazioni vita di protezione e risparmio Corso 10: I danni alle persone Corso 11: La responsabilità civile Corso 12: I danni alle cose

11 Programma di aggiornamento elearning In fase di definizione Aula PostaFuturo Certo PostaPersona Affetti Protetti PostaFuturo ad hoc Il piano di aggiornamento delle 30 ore è ancora in fase di definizione. Al momento sono stati erogati due corsi in aula per un totale di 7 ore. Inoltre, verranno inseriti all interno del percorso di aggiornamento alcuni corsi ad elevato valore aggiunto specialistico definiti a catalogo. Il 18 marzo è stato erogato il primo dei corsi a catalogo disponibili.

12 Corsi a catalogo e format innovativi Chiarezza e trasparenza nell offerta assicurativa La figura dell addetto all intermediazione assicurativa Il mercato assicurativo in Italia L impatto della riforma previdenziale sul sistema assicurativo La qualità dell offerta assicurativa Dalle garanzie al pricing: come nasce l offerta assicurativa Corsi ad elevato valore aggiunto specialistico mirati a sviluppare una cultura assicurativa, disponibili e attivabili sulla base di eventuali necessità per il raggiungimento delle delle 30 ore di aggiornamento nel corso dell anno. Ogni corso avrà la durata di 6 ore. In prima battuta verranno formati i 9 Referenti di Comparto Assicurativo. Seguirà formazione a cascata attivabile on demand. Product History: dal modello dei bisogni all offerta assicurativa Chiarezza e trasparenza nell offerta assicurativa Innovazione delle metodologie di erogazione dei corsi assicurativi attraverso l introduzione di nuovi format didattici in grado di creare un clima d aula efficace e costruttivo, di garantire un coinvolgimento maggiore dei discenti e un innalzamento degli standard qualitativi dei contenuti veicolati format innovativo base: schede filmate, commento e contestualizzazione del tema, lezione, esercitazioni collettive - televoting. format innovativo avanzato: fiction didattiche, quiz, interviste di approfondimento, lezione, esercitazionitelevoting La sperimentazione dei format innovativi verrà condotta su due titoli. I destinatari dell iniziativa saranno in prima battuta i referenti di comparto Assicurativo.

13 Specialista Commerciale Clienti Retail Programma di inserimento al ruolo

14 Premessa e obiettivi Dalla transazione alla relazione Il principio della centralità del cliente, assunto dalla nostra Azienda come cardine di tutte le attività commerciali, ha determinato una evoluzione nei tradizionali approcci di vendita. In particolare, il baricentro della nostra Azienda si è spostato dall asse della transazione (vendita immediata e su richiesta di tutti i prodotti a tutti i clienti) all asse della relazione nella consapevolezza che la natura delle relazioni che un azienda riesce ad attivare con la propria clientela assuma un ruolo decisivo nell acquisire vantaggi competitivi Per garantire l efficacia commerciale, è necessaria la diffusione di una cultura del valore del cliente e l adozione di modalità di approccio finalizzate ad aumentare l efficacia della relazione. L obiettivo del progetto formativo è quello di sviluppare le competenze e le capacità professionali necessarie per gestire al meglio la relazione con il cliente, dal contatto telefonico alla proposizione commerciale fino alla fase di post vendita. Particolare attenzione è dedicata al tema Mifid, la normativa che ha ridisegnato i confini delle modalità di proposizione commerciale alla clientela su alcuni prodotti di investimento.

15 Architettura e Metodologia La formazione tecnico professionalizzante, finalizzata non solo all acquisizione di conoscenze/competenze di tipo cognitivo, ma anche di natura comportamentale, si incentra su un unico modulo didattico di formazione in aula, della durata di tre giornate, basato su metodologie interattive (proiezione e discussione di filmati, role playing, esercitazioni e discussioni di gruppo, etc.).

16 Contenuti 1^ giornata Gli obiettivi di Poste Italiane e la gestione del processo commerciale La segmentazione dei clienti di Poste Italiane La nuova direttiva Mifid: impatti sul processo di vendita dei prodotti di investimento 2^ giornata Funzione e obiettivo del contatto telefonico nel processo di vendita e La gestione della fase di accoglienza e la prima analisi dei bisogni gli strumenti di supporto Le competenze del buon analista delle esigenze (attuali/potenziali) del cliente La vendita relazionale ed il benefit selling Le fasi del contatto telefonico: alcuni accorgimenti La conclusione della vendita relazionale 3^ giornata Il controllo dei risultati Pianificare le vendite e gestire il tempo La soddisfazione del cliente come chiave della fedeltà La gestione del disservizio

17 Tabella di sintesi Giornata Contenuti Struttura di riferimento Destinatari n destinatari n gg per edizione Tot gg/uomo durata in ore per edizione a cura di Periodo di erogazione Sedi di erogazione I II II Il contesto e gli obiettivi di Poste Italiane La vendita relazionale Pianificazione e gestione del post-vendita Mercato Privati Sp Comm.li Clienti Retail docenza esterna 2009 da individuare

18 Piano formativo sul tema MiFID

19 Premessa 1/2 La Normativa Dal primo novembre 2007, gli intermediari finanziari europei hanno dovuto conformarsi alla Direttiva 2004/39/CE, meglio nota come MIFID (acronimo per Market in Financial Instrument Directive). La Mifid è parte integrante di un progetto comunitario, il Financial Services Action Plan (FSAP), il quale comprende più di 40 direttive aventi lo scopo di: Rafforzare la protezione degli investitori Creare un ambiente finanziario competitivo e armonizzato per i mercati regolamentati, promuovendo l efficienza e l integrità dei mercati finanziari stessi.

20 Premessa 2/2 MIFID in Poste Italiane Poste Italiane ha scelto nella prima fase di applicazione della MiFID di optare per il modello di servizio in ottica di appropriatezza. Questa fase durerà solo fino ad aprile 2010 in quanto, in considerazione delle caratteristiche dell offerta di Poste (capillarità della rete distributiva, clientela tendenzialmente mass market, gamma di prodotti captive che comprende anche tipologie complesse, rilevanza della disciplina degli incentivi sul modello distributivo), la Consob ha indicato il servizio di consulenza come quello idoneo a garantire il maggior grado di tutela all investitore. Pertanto dall aprile del 2010 Poste passerà al regime di consulenza Il CdA di Poste Italiane in data 28 luglio ha deliberato il passaggio al modello di servizio in ottica consulenza, al fine di intercettare il cambiamento profondo del modello di relazione intermediario-cliente indotto dalla Mifid

21 Il piano formativo MiFID Il piano formativo MiFID si caratterizza come un percorso blended, articolato in attività in aula e online. Il piano nella sua interezza coinvolge tutte le figure professionali - manageriali e operative - coinvolte nei processi, commerciali e di relazione con la clientela, legati alla vendita dei prodotti di investimento.

22 Il percorso formativo in aula - primo semestre 2009 DESCRIZIONE Il percorso formativo in aula per il primo semestre 2009 parte con due interventi sulle risorse commerciali della funzione Mercato Privati, con lo scopo di ribadire il concetto di appropriatezza e ottimizzare i processi commerciali al fine di ridurre il numero di irregolarità rilevate. OBIETTIVI Obiettivi del progetto formativo saranno quindi quelli di approfondire i temi legati a: Il Criterio di appropriatezza La centralità del cliente Anticipazioni sul successivo passaggio alla consulenza

23 Il percorso formativo in aula - primo semestre 2009 DESTINATARI E INTERVENTI FORMATIVI Sono state individuate per la formazione in presenza due popolazioni target Responsabili di struttura: circa 600 risorse comprendenti RCR, ROC, DF, RCRF, ROSCF e Coord. D Area che parteciperanno ad un Workshop su Sviluppo consapevolezza Mifid, opportunità, impatti Specialisti e referenti: circa 400 risorse tra Specialisti e referenti di comparto e di canale appartenenti alla struttura Mercato Privati, oltre agli RPOMN e ad alcuni degli Specialisti Operation sul territorio) che saranno coinvolti in un intervento formativo loro dedicato. DURATA: 1 giorno per il workshop per responsabili di struttura su sviluppo, consapevolezza MiFID opportunità e impatti 1 giorno per il corso agli RPOMN e Specialisti Operation 2 giorni per il corso di formazione per specialisti e referenti di comparto e di canale. PERIODO DI EROGAZIONE: gli interventi formativi si terranno tra aprile e la prima metà di giugno 2009.

24 Il percorso formativo in aula - secondo semestre 2009 DESCRIZIONE Sulla base delle condizioni organizzative presenti e delle conoscenze già introdotte con le precedenti iniziative, Poste Italiane accompagnerà il piano di migrazione dal modello di servizio basato sull appropriatezza, al regime di consulenza, attraverso uno specifico piano formativo in via di definizione. Tale iniziativa coinvolgerà le figure operative, professionali e manageriali che insistono sui processi commerciali e di relazione con la clientela, finalizzati alla vendita di servizi di investimento con gli obiettivi di consolidare la conoscenza della normativa Introdurre il nuovo modello di consulenza Introdurre e sviluppare comportamenti commerciali coerenti con la trasformazione del modello adottato

25 Il percorso formativo online Il percorso formativo online 2009 prevede tre interventi formativi da erogare tenendo conto delle differenti popolazioni coinvolte. Corso di formazione dal titolo MiFID: la relazione con il cliente oggi e domani, orientato a una maggiore sensibilizzazione e consapevolezza della normativa MiFID nella relazione con il Cliente. Sono previste due versioni di questo corso: l una dedicata agli SCCR e DUP, l altra dedicata agli OSP. Entro il 2 semestre 2009, in prossimità del passaggio al regime di adeguatezza, è prevista l erogazione di un secondo corso online incentrato sul tema della consulenza. Corsi di Specializzazione su Mercati e Strumenti Finanziari* per accrescimento della cultura finanaziaria. Queste attività saranno dedicate agli SCCR e saranno accompagnate da un tutoraggio specialistico. (*) I corsi fanno riferimento a una collana dalla quale è possibile selezionare uno o più titoli. Di seguito riportiamo l elenco completo : 1) Risparmio, investimento e scelte di portafoglio; 2) I titoli di debito; 3) I titoli di capitale; 4) Gli strumenti derivati; 5) I titoli strutturati; 6) La gestione collettiva del risparmio; 7) I mercati finanziari

26 Il percorso formativo online Programma di specializzazione su Mercati e Strumenti finanziari Il Programma di specializzazione su Mercati e Risparmio, investimento e scelte di portafoglio Gli strumenti derivati strumenti finanziari si articola in 7 corsi che offrono un quadro chiaro dell evoluzione dei mercati, degli strumenti, dei servizi e dei prodotti finanziari. I corsi affrontano gli impatti della direttiva MiFID e dei La gestione collettiva del risparmio I mercati finanziari I titoli strutturati regolamenti di borsa. La collana ha una durata complessiva di ca. 11 ore. I titoli di capitale I titoli di debito In un ottica di miglioramento dell efficacia formativa dei corsi si prevede di attivare un servizio di tutoring specialistico a supporto della formazione online. Tutoring specialistico SCCR nel biennio Obiettivo: fornire le conoscenze relative ai più diffusi strumenti di investimento e di gestione del risparmio, nonché alle tecniche di costruzione e gestione di portafogli di investimento.

27 Il percorso formativo online Corso MiFID per SCCR e DUP OBIETTIVI Sottolineare l importanza attuale e prospettica della MiFID e le opportunità per Poste Italiane Definire le caratteristiche generali della norma chiarendone il significato Evidenziare i passi operativi dell applicazione della MiFID Spiegare il corretto atteggiamento da tenere nella gestione della relazione con il cliente: le logiche di servizio e la sua tutela Esporre le modalità di corretta gestione dell intervista e compilazione del questionario Fornire la conoscenza della classificazione degli strumenti finanziari e della logica di attribuzione al profilo assegnato al cliente Sensibilizzare gli operatori all attività di consulenza. DETTAGLIO UNITA DIDATTICHE UD1 MIFID: Istruzioni per l uso : breve panoramica sulle principali novità introdotte dalla normativa MiFID UD2 Le regole amiche : esempi di situazioni in cui il cliente presenta domande su conflitti di interesse, incentivi, best execution, UD3 Conosci il tuo cliente : esempi di situazioni errate di gestione della relazione per la prima fase di conoscenza UD4 L operazione di investimento : esempi di situazioni errate di gestione della relazione nel momento di vendita/collocamento. UD5: Verso la consulenza : gli aspetti salienti che caratterizzeranno il passaggio alla consulenza DURATA: circa 3 h DESTINATARI: Il corso è dedicato ai DUP e agli SCCR, per un totale di partecipanti. PERIODO DI EROGAZIONE: a partire da maggio 2009

28 Il percorso formativo online Corso MiFID per OSP La progettazione di un corso ad hoc per gli Operatori di Sportello si correla alla diversa operatività di queste figure professionali rispetto a quella dei DUP e degli SCCR. In particolare, l operatività degli OSP è incentrata su: un modello di vendita di tipo reattivo, cioè basata sull indicazione di un prodotto da parte del cliente la vendita dei soli titoli di Stato e BFP. CONTENUTI Prima parte normativa, analoga a quella presente nel corso per Specialisti e DUP; Seconda parte incentrata intorno a casi pratici, personalizzati sulla specifica operatività degli OSP. OBIETTIVI Sottolineare l importanza attuale e prospettica dell applicazione della Mifid Definire le caratteristiche generali della norma chiarendone il significato Illustrare il modello di vendita allo sportello e la corrette procedure operative da seguire nelle diverse situazioni Sottolineare il miglioramento della relazione in un ottica di servizio che ha come obiettivo la tutela del cliente Fornire la conoscenza della classificazione degli strumenti finanziari e della logica di attribuzione al profilo assegnato al cliente Sensibilizzare gli operatori all attività di consulenza. DURATA: 2 ore TARGET: Tutti gli OSP, per un totale di partecipanti EROGAZIONE: A partire da giugno 2009

Mercato Privati. Piano ISVAP di qualificazione degli Addetti all intermediazione. Aggiornamento

Mercato Privati. Piano ISVAP di qualificazione degli Addetti all intermediazione. Aggiornamento Mercato Privati Piano ISVAP di qualificazione degli Addetti all intermediazione Aggiornamento 1 Dicembre 2009 Formazione in materia di assicurazione Premessa: Il Regolamento ISVAP n. 5/06 entrato in vigore

Dettagli

Ente Bilaterale per la Formazione e la Riqualificazione Professionale

Ente Bilaterale per la Formazione e la Riqualificazione Professionale 1 Ente Bilaterale per la Formazione e la Riqualificazione Professionale Incontro del 11 gennaio 2010 RUO FCRSI Formazione Indice dei progetti 2 La gestione economica dei progetti di miglioramento Formazione

Dettagli

MiFID. Roma, 21 gennaio 2008 22/01/2008. CNS_Commerciale Retail_Prodotti Finanziari

MiFID. Roma, 21 gennaio 2008 22/01/2008. CNS_Commerciale Retail_Prodotti Finanziari 1 MiFID Roma, 21 gennaio 2008 2 Contenuti del documento: - cenni sulla normativa; - disposizioni operative; - iniziative di formazione / addestramento. MiFID: Definizione ed obiettivi 3 MiFID (Market in

Dettagli

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 1. PROGETTO FORMATIVO FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 Si tratta di un iniziativa formativa svolta in ottemperanza ai disposti del Regolamento Isvap n 5 del 16 ottobre 2006, focalizzata su: mantenimento

Dettagli

L evoluzione del Canale PMI

L evoluzione del Canale PMI Ente Bilaterale 15 maggio 2007 L evoluzione del Canale PMI Programma formativo per Responsabili Sviluppo PMI Specialisti Sviluppo PMI Premessa A seguito del cambiamento organizzativo che ha interessato

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

Progetto Semplificazione Rete avanzamento attività propedeutiche alla sperimentazione

Progetto Semplificazione Rete avanzamento attività propedeutiche alla sperimentazione Consegnato OO.SS. 19 settembre 2013 Progetto Semplificazione Rete avanzamento attività propedeutiche alla sperimentazione Settembre 2013 Avanzamento attività 2 Inviato al territorio il modello di sportelleria

Dettagli

Corso La gestione informatica dei documenti

Corso La gestione informatica dei documenti Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso La gestione informatica dei documenti

Dettagli

SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008

SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008 SISTEMA BASE DI INCENTIVAZIONE 2008 REGOLAMENTO 2 è legato ai risultati di tutto l anno sul budget complessivo e su un set di prodotti strategici che generano ricavi significativi e rappresentano una quota

Dettagli

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 Tel: 0287186784 Fax: 0287161185 info@conformisinfinance.it pec@pec.conformisinfinance.it www.conformisinfinance.it Obiettivi

Dettagli

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009. Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009. Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09 INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09 Mercato Privati Il Comportamento Etico 2 Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti

Dettagli

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 Sintesi articolazione secondo quadrimestre 01/05/09 31/08/09 Il Comportamento Etico 2 Come indicato nel Codice Etico di Poste Italiane, i rapporti ed i comportamenti,

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Il Nuovo Servizio di Consulenza in Poste Italiane

Il Nuovo Servizio di Consulenza in Poste Italiane Il Nuovo Servizio di Consulenza in Poste Italiane Luglio 2010 La Direttiva MIFID La MiFID è una direttiva introdotta dall UE che stabilisce regole più precise sul funzionamento del mercato finanziari Obiettivo

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

Advantage. Skills. European. Program. Financial Advisor

Advantage. Skills. European. Program. Financial Advisor Advantage Skills Advantage Skills European Financial Advisor Program Il Corso Advantage Skills (European Financial Advisor Program) è un corso di alta qualificazione professionale, rivolto a chi opera

Dettagli

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A.

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. sviluppiamo le competenze! Progetto Una rete per la formazione di qualità RFQ 2014 Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. Roma, 3 marzo 2014 1 I moduli aree di

Dettagli

Master in Private Banking

Master in Private Banking Master in Private Banking 2 Premessa Di fronte ai cambiamenti e alle evoluzioni del mercato che si susseguono con sempre maggiore forza, il private banker riveste un ruolo insostituibile fondato su una

Dettagli

Liberi di fare la differenza.

Liberi di fare la differenza. Liberi di fare la differenza. 4 l azienda il profilo Consulenza, a pieno titolo. Valori & Finanza Investimenti è una SIM (Società di Intermediazione Mobiliare) indipendente che opera secondo un modello

Dettagli

RETAIL MARKETING & RELAZIONE CON IL CLIENTE

RETAIL MARKETING & RELAZIONE CON IL CLIENTE RETAIL MARKETING & RELAZIONE CON IL CLIENTE La formazione e lo sviluppo ru uno strumento di cambiamento per la persona e l organizzazione Ad Meliora srl partita iva 07458521007 Tel: 06 39754305 - Fax:

Dettagli

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Roma, 26 Febbraio 2002 Sommario Strategia Gruppo MPS Situazione antecedente la costituzione di Consum.it Perché nasce

Dettagli

Formazione Obbligatoria IVASS: da necessità ad opportunità

Formazione Obbligatoria IVASS: da necessità ad opportunità Formazione Obbligatoria IVASS: da necessità ad opportunità Parliamo di noi 124 anni di storia al servizio del territorio Attenzione ai bisogni della clientela Connotazione Locale Professionalità del Personale

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

Banking & Financial Diploma Percorso base

Banking & Financial Diploma Percorso base Banking & Financial Diploma Sono oggi più di 3.000 i partecipanti che hanno conseguito l Attestato ABI di professionalità bancaria e finanziaria, con risultati eccellenti in termini di crescita personale

Dettagli

Editoria, formazione e consulenza assicurativa per gli operatori del comparto e gli utilizzatori dei servizi assicurativi.

Editoria, formazione e consulenza assicurativa per gli operatori del comparto e gli utilizzatori dei servizi assicurativi. Editoria, formazione e consulenza assicurativa per gli operatori del comparto e gli utilizzatori dei servizi assicurativi. Dal 1989 l informazione assicurativa indipendente Percorsi formativi di abilitazione

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE La certificazione manageriale 29/07/2014 PREMESSA In diverse realtà sono stati attivati corsi di

Dettagli

Excursus. Spazio di formazione partecipata LET S GOPP! Metodo e strumenti per un etica dell europrogettazione.

Excursus. Spazio di formazione partecipata LET S GOPP! Metodo e strumenti per un etica dell europrogettazione. Credits foto: Nikolas Kallmorgen Excursus. Spazio di formazione partecipata LET S GOPP! Metodo e strumenti per un etica dell europrogettazione. Corso di formazione di alto livello per professionisti della

Dettagli

La consulenza finanziaria nel private banking

La consulenza finanziaria nel private banking La consulenza finanziaria nel private banking Paolo Magnani Vice Direttore Generale Milano, 10.2.2011 Premessa 2 Il mondo è cambiato ma ancora noi non vogliamo accorgercene... Perchè il private banker

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Posteitaliane

MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE Posteitaliane INCENTIVAZIONE UP RETAIL CON AREA IMPRESA BONUS PERFORMANCE ANNUO 2010 MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE PREMESSA 2 PER GLI UP RETAIL CON AREA IMPRESA VI SONO DUE SISTEMI DI INCENTIVAZIONE DISTINTI BONUS

Dettagli

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti *

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti * Gennaio 2013, anno VII N. 1 La formazione aziendale nell ambito del benessere organizzativo Un caso di percorso integrato di formazione sulla gestione del rischio stress lavoro correlato di Renato Mastrosanti

Dettagli

Safety experience. Strumenti, metodologie ed esperienze innovative per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Safety experience. Strumenti, metodologie ed esperienze innovative per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Formare per aprire le porte Safety experience. Strumenti, metodologie ed esperienze innovative per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Safety experience nasce dal lavoro di un team di professionisti

Dettagli

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria I

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria I Resoconto degli interventi Sessione Plenaria I 1 Sessione Plenaria I L evoluzione del Sistema dei Controlli Interni: le scelte delle Autorità e le richieste alle banche 10 nov. 2011 ore 10.00 13.00 Chairman:

Dettagli

indice Blended Learning 1

indice Blended Learning 1 Blended Learning La proposta formativa IAMA Consulting si suddivide in differenti aree: Blended Learning 1 Formazione Manageriale e Comportamentale IAMA accompagna lo sviluppo delle risorse in azienda

Dettagli

Nuove iniziative di tutela della clientela bancaria

Nuove iniziative di tutela della clientela bancaria Giovanni Carosio 13 dicembre 2007 Nuove iniziative di tutela della clientela bancaria 1. L educazione finanziaria 2. La soluzione delle controversie 1 L educazione finanziaria 1. Un bisogno crescente 2.

Dettagli

Laureati o laureandi di primo o secondo livello, diplomati di laurea del vecchio ordinamento, interessati a sviluppare competenze specifiche nell

Laureati o laureandi di primo o secondo livello, diplomati di laurea del vecchio ordinamento, interessati a sviluppare competenze specifiche nell Chi? Laureati o laureandi di primo o secondo livello, diplomati di laurea del vecchio ordinamento, interessati a sviluppare competenze specifiche nell area delle Risorse Umane. Giovani professionisti che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI Roma, 22 novembre 2011 Direzione Retail Funzione C.A.E. L EVOLUZIONE DEL SETTORE Gli ultimi cinque anni hanno

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

Evoluzione Rete Commerciale

Evoluzione Rete Commerciale Evoluzione Rete Commerciale 2014 Razionali d Intervento 2 Vision L evoluzione del mercato richiede un modello di un Ufficio Postale sempre più moderno e dinamico, che da una parte sappia essere accogliente,

Dettagli

Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane

Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane Handimatica 2014 Convegno Welfare Aziendale Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane Bologna, 27 novembre 2014 Telelavoro: la dimensione sociale, economica e organizzativa Il Telelavoro consente di conciliare

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza. CONVEGNO ASCOSIM Palazzo delle Stelline 1 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

Dettagli

1) Il Programma Operativo Nazionale 2007-2013 Competenze per lo Sviluppo

1) Il Programma Operativo Nazionale 2007-2013 Competenze per lo Sviluppo Pagina1 Allegato A Monitoraggio delle formazioni docenti PON 2010/2011 e richieste specifiche per la valutazione e il monitoraggio delle azioni PON DIDATEC corso base e corso avanzato 1) Il Programma Operativo

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE. L'evoluzione strutturale e normativa. Prefazione di Roberto Caparvi. FrancoAngeii

Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE. L'evoluzione strutturale e normativa. Prefazione di Roberto Caparvi. FrancoAngeii Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE L'evoluzione strutturale e normativa Prefazione di Roberto Caparvi FrancoAngeii INDICE Prefazione di Roberto Caparvi pag. XIII I. La disciplina del mercato mobiliare

Dettagli

Campagna Commerciale. Conto Bancoposta. DR Commerciale Retail -1 - Roma 06 Aprile 2006. -Versione 1.5 26.03.04

Campagna Commerciale. Conto Bancoposta. DR Commerciale Retail -1 - Roma 06 Aprile 2006. -Versione 1.5 26.03.04 Campagna Commerciale Conto Bancoposta 1-1 - Kit 1 da Commerciale Retail a Country Manager, Direttori di Filiale e Responsabili Commerciali Retail da CM e RCR a Consulenti commerciali Transazionali 2-2

Dettagli

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE INDICE Direttore di Filiale... 3 Modulo Famiglie... 4 Coordinatore Famiglie... 4 Assistente alla Clientela... 5 Gestore Famiglie... 6 Ausiliario... 7 Modulo Personal

Dettagli

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PREMESSA Con l approvazione del Decreto legislativo n. 23 del 15 febbraio 2010 è stata varata

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Proposta High Competence per Ipssar A. Celletti Formia (LT) Area High Competence PROT. OFF. /COMM. Mod. HC 01

Proposta High Competence per Ipssar A. Celletti Formia (LT) Area High Competence PROT. OFF. /COMM. Mod. HC 01 Proposta High Competence per Ipssar A. Celletti Formia (LT) indice La Formazione di Charisma Il fabbisogno di servizio di La soluzione formativa L offerta economica Le condizioni di fatturazione e pagamento

Dettagli

SCHEMA DELLE SESSIONI

SCHEMA DELLE SESSIONI SCHEMA DELLE SESSIONI I GIORNATA MERCOLEDÌ 24 NOVEMBRE MODULO PERSONE SESSIONE A1 MATTINA SESSIONE B1 MATTINA SESSIONE C1 MATTINA Le prospettive del Mercato del Credito Immobiliare Credito ai consumatori:

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

Progetto ChORUS. Competenze, Organizzazione, Risorse Umane a Sistema

Progetto ChORUS. Competenze, Organizzazione, Risorse Umane a Sistema Progetto ChORUS Competenze, Organizzazione, Risorse Umane a Sistema PON Governance e Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 Obiettivo 1 - Convergenza Asse E Capacita istituzionale - Obiettivo specifico 5.1

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Progetto formativo complesso per il potenziamento degli Uffici di Piano

Progetto formativo complesso per il potenziamento degli Uffici di Piano Regione Puglia F.S.E Progetto formativo complesso per il potenziamento degli Uffici di Piano (Corso di formazione ed assistenza tecnica) Progetto ammesso a finanziamento della Regione Puglia Mis. 3.10:

Dettagli

Consulenza in materia di investimenti ed evoluzione del quadro normativo. Aspetti critici ed opportunità

Consulenza in materia di investimenti ed evoluzione del quadro normativo. Aspetti critici ed opportunità A S C O S I M 3 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA Consulenza in materia di investimenti ed evoluzione del quadro normativo. Aspetti critici ed opportunità Giovanni Musella CONSOB -Divisione

Dettagli

UFFICIO POSTALE Evoluzione modalità canali di offerta. Nuova figura professionale

UFFICIO POSTALE Evoluzione modalità canali di offerta. Nuova figura professionale UFFICIO POSTALE Evoluzione modalità canali di offerta Nuova figura professionale 1 agosto 2008 Indice del documento 2 Linee di contesto, principali razionali Ipotesi Organizzative Linee di contesto 3 Come

Dettagli

European Financial Advisor Program

European Financial Advisor Program European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE 2015 TESEO, da oltre dieci anni, opera quale ente di ricerca e sviluppo di didattica applicata e quale centro di cultura finanziaria indipendente,

Dettagli

Accordo SNA -CRUI- COINFO

Accordo SNA -CRUI- COINFO Accordo SNA -CRUI- COINFO Corso specialistico per Responsabili e Referenti Anticorruzione nelle Università Programma di dettaglio INDICE 1. Premessa...3 2. Obiettivi...3 3. Destinatari...4 4. Coordinamento

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti Alessandro Pagani Head of Compliance & Operational Risks Milano,

Dettagli

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO Corso di alta formazione FORMULA INTENSIVA 7 venerdì non consecutivi di lezione in aula DOPPIA EDIZIONE: TORINO 1 EDIZIONE DAL 31 GENNAIO

Dettagli

www.ilsole24ore.com/master24 Dal 23 gennaio...

www.ilsole24ore.com/master24 Dal 23 gennaio... www.ilsole24ore.com/master24 Dal 23 gennaio... ...incontra in aula gli Esperti del Sole 24 ORE. Il mercato parla una nuova lingua. Per capirla c e il nuovo Master in Marketing & Comunicazione MASTER24:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

La scelta del profilo da raggiungere presuppone da parte del partecipante:

La scelta del profilo da raggiungere presuppone da parte del partecipante: Attività per il sistema di formazione della PC Il sistema lombardo della Protezione Civile potrà professionalizzarsi e rendersi sempre più efficace ed efficiente quanto più la formazione degli operatori

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE MILANO 2014

European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE MILANO 2014 European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE MILANO 2014 TESEO, da oltre dieci anni, opera quale ente di ricerca e sviluppo di didattica applicata e quale centro di cultura finanziaria indipendente,

Dettagli

European Financial Advisor Program

European Financial Advisor Program European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE PADOVA 2014 In collaborazione con Partner 2 3 Gli obiettivi del percorso formativo Il programma proposto mira a: Elevare il grado di preparazione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

Salute, sicurezza e antirapina

Salute, sicurezza e antirapina PIANO FORMATIVO OGGETTO DI RICHIESTA DI FINANZIAMENTO Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/09 Piani aziendali e Piani individuali in materia di Salute, Sicurezza e Antirapina Salute, sicurezza e antirapina

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

CORSO IN MARKETING E TECNICHE DI COMMERCIALIZZAZIONE DEL VINO II EDIZIONE. Marketing e tecniche di commercializzazione del vino.

CORSO IN MARKETING E TECNICHE DI COMMERCIALIZZAZIONE DEL VINO II EDIZIONE. Marketing e tecniche di commercializzazione del vino. CORSO IN MARKETING E TECNICHE DI COMMERCIALIZZAZIONE DEL VINO II EDIZIONE La STRIVE Marketing e Comunicazione, in collaborazione con la Cantina Vinicola Ocone, organizza la II edizione del corso di formazione

Dettagli

Difesa del risparmio e rapporto con le banche

Difesa del risparmio e rapporto con le banche EDUCAZIONE FINANZIARIA Difesa del risparmio e rapporto con le banche CUCE Dr. Vincenzo Difesa del risparmio e rapporto con le banche Legenda: Il Risparmio, Manifesto per la tutela del risparmio Oltre la

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP CHI È ASAP ASAP Società in house della Regione Lazio Finalità Formazione del personale

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

Il mercato assicurativo: i canali

Il mercato assicurativo: i canali Il mercato assicurativo: i canali distributivi Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Dott.ssa Lara Maini 12 marzo 2012 Obiettivi della distribuzione assicurativa Ricerca della clientela Attività

Dettagli

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia MARKETING MANAGEMENT Master serale Anno Accademico 2010-2011 Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale del

Dettagli

Specialista nei processi e nei servizi di intermediazione assi- curativa e previdenziale Pagina 1

Specialista nei processi e nei servizi di intermediazione assi- curativa e previdenziale Pagina 1 Specialista nei processi e nei servizi di intermediazione assicurativa e previdenziale Pagina 1 PARTNERS DEL PROGETTO per attività di docenza ed organizzazione stage la più antica mutua assicuratrice italiana,

Dettagli

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 UNIONE EUROPEA IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 Sentirsi protagonisti per il successo del progetto MODULO II Strumenti e iniziative per lo sviluppo del progetto 16 luglio 2009 Indice Il percorso nell

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009

INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 INCENTIVAZIONE COMMERCIALE: SISTEMA BASE 2009 Mercato Privati 2 SISTEMA DI INCENTIVAZIONE COMMERCIALE 2009: SISTEMA BASE MODALITA E CONDIZIONI OPERATIVE 1. SCHEMA GENERALE 2. ARTICOLAZIONE 1 QUADRIMESTRE

Dettagli

, progettati e realizzati in loco ricorrendo alle risorse umane presenti nelle strutture d Ateneo

, progettati e realizzati in loco ricorrendo alle risorse umane presenti nelle strutture d Ateneo PROGETTO FORMATIVO COMUNICAZIONE DI QUALITA CON GLI UTENTI INTERNI ED ESTERNI PREMESSA Ormai da anni è unanimemente riconosciuta l importanza, soprattutto per i servizi di prima accoglienza e front office,

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

LA TUTELA DEI DIRITTI ALLA SALUTE. I Edizione. In collaborazione con. I Edizione. PA, Sanità e Non Profit

LA TUTELA DEI DIRITTI ALLA SALUTE. I Edizione. In collaborazione con. I Edizione. PA, Sanità e Non Profit LA TUTELA DEI DIRITTI ALLA SALUTE I Edizione 2015 PA, Sanità e Non Profit I Edizione Settembre - Novembre 2015 In collaborazione con OBIETTIVI La tutela del diritto alla salute non può fare a meno del

Dettagli