Laboratorio di reti II: Servlet

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio di reti II: Servlet"

Transcript

1 Laboratorio di reti II: Servlet Stefano Brocchi 16 marzo, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

2 Le servlet Una servlet è una classe Java eseguita lato server che genera il contenuto della risposta da inviare ad un client che ha effettuato una richiesta Sebbene il suo utilizzo possa coprire molti altri contesti, una servlet generalmente riceve delle richieste HTTP e risponde generando del codice HTML rappresentante una pagina web Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

3 Servlet HTTP Sul server deve essere presente un server web supportante servlet. Uno dei più noti è Tomcat (tomcat.apache.org/) Quando una richiesta giungerà al server, questo cercherà la servlet ad essa associata e questa genererà il codice HTML con cui rispondere Per ogni connessione, il server avvia un thread che richiamerà oppurtunamente i metodi della classe che si occupa della pagina Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

4 Servlet, CGI o PHP? Servlet e CGI L approccio Java ai webserver tramite servlet offre diversi vantaggi rispetto ai CGI I CGI (Common Gateway Interface) sono programmi scritti in altri linguaggi (es. in C) che vengono richiamati per generare pagine web in risposta a richieste HTTP La JVM resta sempre caricata ed una richiesta HTTP genera la creazione di un nuovo thread e non di un nuovo processo Questo permette un tempo di avvio ed una quantità di occupazione di risorse molto minore Essendo i vari client gestiti con diversi thread, è molto più facile realizzare interazioni che tra processi distinti Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

5 Servlet e PHP Le Servlet Servlet, CGI o PHP? L utilizzo di servlet ha dei vantaggi anche rispetto a PHP: Le servlet hanno un comportamento attivo: possono essere avviati dei thread che continuano a lavorare anche dopo che la connessione HTTP si è chiusa Grazie ai meccanismi di compilazione Java (strong-typing, gestione più rigorosa degli oggetti) è più facile creare codice robusto A disposizione tutte le librerire della JDK, e qualsiasi modulo Java può facilmente essere utilizzato dalle servlet Come rispetto ai CGI, le servlet permettono più facile interazione tra i vari client Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

6 Servlet e PHP Le Servlet Servlet, CGI o PHP? Rispetto a PHP l uso di servlet ha anche degli svantaggi: Minor supporto dei webserver: quasi tutti i servizi di hosting interpretano il PHP, mentre è più raro trovarne che supportino le Servlet Maggiore complessità di linguaggio: per chi non conosce approfonditamente i linguaggi di programmazione, probabilmente il PHP risulta di più facile apprendimento Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

7 Servlet e PHP Le Servlet Servlet, CGI o PHP? Altri svantaggi delle servlet, che tuttavia vanno a scomparire per applicazioni più complesse, sono i seguenti: Più peso computazionale per le piccole applicazioni: una JVM deve essere sempre attiva per il supporto di servlet occupando delle risorse del server. Per applicazioni più grandi tuttavia una migliore gestione delle risorse può compensare questo costo Necessario più impegno da parte del programmatore per scrivere il codice, a causa dello strong-typing. Questo viene compensato dalla robustezza del codice (e quindi dai minori costi di manutenzione ed estendibilità) per applicazioni più complesse Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

8 Tomcat: configurazione Applicazioni web di Tomcat Vediamo in breve come va configurato Tomcat per far funzionare correttamente una servlet Similmente ad Apache, in Tomcat è presente una cartella dove di default (webapps) vengono cercate le applicazioni web Se l URL richiesta non contiene un path, le richieste vengono ricercate di default nella cartella ROOT Ad esempio, se Tomcat è installato in C:\Tomcat per il sito la richiesta della homepage restituirà il file C:\Tomcat\webapps\ROOT\index.html Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

9 Tomcat: configurazione Configurazione di Tomcat: cartella WEB-INF Per ogni cartella rappresentante un applicazione web, Tomcat ricerca informazioni su questa applicazione nella sottocartella WEB-INF Per motivi di sicurezza, la cartella non viene pubblicata in rete In questa cartella deve essere presente un file web.xml che descrive l applicazione nel formato XML Per fare uso di servlet, la cartella deve inoltre contenere la sottocartella classes contenente i file class che realizzano le servlet Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

10 Tomcat: configurazione Configurazione di Tomcat: cartella web.xml Nel file di configurazione è necessario innanzitutto associare un nome alla servlet, come nella seguente sintassi <servlet> <servlet-name>servletname</servlet-name> <servlet-class>servletclass</servlet-class> </servlet>... e quindi associare il nome della servlet all URL alla quale questa deve essere associata <servlet-mapping> <servlet-name>servletname</servlet-name> <url-pattern>/servletpage.html</url-pattern> </servlet-mapping> In questo esempio, una richiesta al file servletpage.html verrà servita dalla classe ServletClass.class Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

11 Realizzare una servlet La classe HttpServlet Per realizzare una servlet HTTP, occorre estendere la classe HttpServlet nel pacchetto javax.servlet.http Questa classe, insieme ad altre che implementano funzionalità delle servlet in javax.servlet.*, non sono presenti nelle JDK ma vengono fornite solitamente con il server web In Tomcat, si trovano sotto Tomcat home directory/lib: includere questa cartella nel classpath Occorrerà quindi riscrivere i metodi di HttpServlet che vengono richiamati dal server davanti ai vari eventi Standard output ed error delle servlet vengono rediretti da Tomcat su opportuni file di log Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

12 Realizzare una servlet Gestione richieste HTTP Per realizzare una servlet, implementare il metodo doget(httpservletrequest request, HttpServletResponse response) che viene richiamato quando una richiesta GET viene fatta alla pagina Analogamente, i metodi dopost, doput, dotrace, dodelete e dooptions gestiscono gli altri tipi di richiesta HTTP L oggetto HttpServletRequest passato rappresenta la richiesta HTTP e può essere utilizzato per estrarne i vari campi L oggetto HttpServletResponse rappresenta la risposta che verrà inviata al client ed i suoi metodi permettono di impostarne il contenuto ed i vari header Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

13 Realizzare una servlet Metodi per la risposta HTTP Tramite il metodo setcontenttype(string contenttype) di HttpServletResponse si imposta il tipo di dato che verrà restituito; da utilizzare prima dell invio del contenuto della pagina Con il metodo getwriter() si ottiene il Writer sul quale si può scrivere il contenuto della risposta HTTP Alternativamente, si può usare il metodo getoutputstream() per ottenere lo stream in uscita Avere l OutputStream è necessario quando si inviano al client dati non testuali. Altrimenti l utilizzo di un Writer è solitamente più comodo Richiamare solo uno dei due metodi getwriter() e getoutputstream(). getwriter() deve inoltre essere richiamato dopo setcontenttype() per garantire una codifica corretta Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

14 Realizzare una servlet Esempio: Hello World Vediamo quindi una semplice servlet di esempio: public class HelloWorld extends HttpServlet { public void doget(httpservletrequest request, HttpServletResponse response) { try { response.setcontenttype("text/html;" + " charset=iso "); PrintWriter out = response.getwriter(); out.println("<html><head><title>hello world" + "</title></head><body><center>"); out.println("<h1> Hello World! </h1>"); out.println("</center></body></html>"); } catch (IOException e) { e.printstacktrace(); } } } Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

15 Realizzare una servlet Esempio: invio di un file Vediamo invece un esempio dove non si ritorna codice HTML: private String file = "file.pdf"; public void doget(httpservletrequest request, HttpServletResponse response) throws IOException { response.setcontenttype("application/pdf"); OutputStream out = response.getoutputstream(); InputStream in = new BufferedInputStream( new FileInputStream(file)); int read = in.read(); while (read!= -1) { out.write(read); read = in.read(); } in.close(); } Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

16 Realizzare una servlet Invio e download di un file Il precedente pùo essere utile in vari casi, come nei seguenti esempi Per far puntare una stessa URL a diversi file da scaricare a seconda di vari fattori (come l ultima versione del documento) Per inviare un file non pubblicato in rete ad un client autorizzato Come in altri linguaggio, si può avviare un download lato client specificando gli opportuni header nella risposta HTTP response.setcontenttype("application/force-download"); response.setheader("content-disposition", "filename= file.pdf"); Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

17 Realizzare una servlet Impostare il codice di risposta Si possono utilizzare i metodi di HttpServletResponse per impostare il codice di risposta HTTP I metodi che manipolano l intestazione della risposta HTTP devono essere richiamati prima dell invio di qualsiasi contenuto Il metodo setstatus(int sc) assegna un determinato valore al codice di risposta E possibile utilizzare le costanti pubbliche della classe per questi codici, come in response.setstatus(httpservletresponse.sc OK); Il metodo seterror(int sc, String msg) permette di specificare un codice ed un messaggio di errore Infine il metodo sendredirect(string location) richiede la redirezione ad un altra pagina Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

18 Realizzare una servlet Gestire l intestazione della risposta Per manipolare le intestazioni HTTP della richiesta, si possono usare i metodi getheader(string name) e getheadernames() di HttpServletRequest Analogamente, gli header della risposta possono essere impostati tramite setheader(string name, String value) e addheader(string name, String value) nella classe HttpServletResponse I due metodi differiscono per il caso dove un header con il nome specificato esista già: nel caso di setheader il vecchio valore viene sostituito da quello nuovo mentre in addheader i due valori vengono concatenati Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

19 Realizzare una servlet Gestione intestazione: esempio Un semplice esempio di manipolazione di header String lang = request.getheader("accept-language"); if (lang!= null && lang.startswith("it")) { response.setheader("content-language", "it"); out.println("ciao Mondo!"); } else { response.setheader("content-language", "en"); out.println("hello World!"); } Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

20 Gestione parametri in ingresso Gestione parametri in ingresso I parametri inviati al server in GET o POST possono essere recuperati tramite il metodo getparameter(string name) di HttpServletRequest Il metodo richiede in ingresso il nome del parametro desiderato e ne restituisce il contenuto come una stringa Nel caso il parametro con il nome richiesto non sia stato inviato, il metodo restituisce null Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

21 Sessioni HTTP Sessioni HTTP In Java una sessione HTTP viene rappresentata tramite un oggetto HttpSession Tramite le sessioni si realizza la persistenza degli oggetti tra una richiesta HTTP e l altra Java tenta di gestire le sessioni tramite cookie. Se questo non è possibile si può alternativamente passare l ID di sessione tra i parametri della pagina Per questo scopo, il metodo encodeurl(string URL) di HttpServletResponse aggiunge il parametro con l id di sessione all URL passata nel caso in cui questo sia necessario Tramite il metodo getsession() in HttpServletRequest viene restituita la sessione corrente o ne viene creata una nuova se questa non esiste Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

22 Sessioni HTTP Gestione valori di sessione Vediamo i principali metodi disponibili negli oggetti HttpSession setattribute(string name, Object value) Permette di inserire un oggetto nella sessione corrente, associandolo ad un determinato nome getattribute(string name) Estrae un oggetto associato ad una determinata chiave dalla sessione getattributenames() Ottiene tutte le chiavi relative alla sessione corrente Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

23 Sessioni HTTP Esempio: conteggio delle visite Un semplice esempio che conteggia le visite di un utente alla pagina: HttpSession ses = request.getsession(); Object o = ses.getattribute("count"); if (o == null) { o = new Integer(0); } int count = ((Integer)o).intValue() + 1; out.println("le tue visite: " + count + "<br><br>"); ses.setattribute("count", new Integer(count)); Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

24 Sessioni HTTP HttpSession: altri metodi Altri metodi utili di HttpSession per la gestione della sessione getmaxinactiveinterval(), setmaxinactiveinterval(int time) Per ottenere o impostare il tempo di inattività dopo il quale la sessione scade getid() Restituisce l identificativo di sessione Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

25 Sessioni HTTP HttpSession: rimozione associazioni e distruzione Infine, i metodi per la rimozione di attributi della sessione o per la sua distruzione removeattribute(string name) Per rimuovere un attributo dalla sessione invalidate() Per distruggere la sessione corrente, scollegando tutti gli oggetti associati ed invalidandola Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

26 Coordinazione delle servlet Oggetto ServletContext Esiste inoltre in HttpSession un metodo getservletcontext() che restituisce un oggetto ServletContext rappresentante il contesto della servlet E possibile associare ed estrarre oggetti da una ServletContext tramite i suoi metodi setattribute(), getattribute() e getattributenames() in modo del tutto uguale a come avviene per oggetti HttpSession Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

27 Coordinazione delle servlet Uso di ServletContext per interazione tra servlet Un solo oggetto di tipo ServletContext viene istanziato per ogni applicazione web. Questo oggetto può essere utilizzato quindi per condividere facilmente dati tra più servlet Questo non funzionerà quando un sito è servito da più server; in questo caso è necessario utilizzare altre tecniche (es. un database) Un semplice meccanismo di coordinazione come questo, reso possibile dalla JVM che fa da supporto unico per tutte le servlet, è uno dei vantaggi offerti dai server Java Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

28 Coordinazione delle servlet Esempio: conteggio delle visite globali Un semplice esempio che conteggia le visite effettuate da tutti gli utenti ad una determinata pagina: HttpSession ses = request.getsession(); ServletContext sc = ses.getservletcontext(); Object o = sc.getattribute("count"); if (o == null) { o = new Integer(0); } int count = ((Integer)o).intValue() + 1; out.println("visite globali: " + count + "<br><br>"); sc.setattribute("count", new Integer(count)); Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

29 Coordinazione delle servlet Gestione della concorrenza Ricordarsi sempre che, anche se non esplicitamente visibile dal codice, il server gestisce le richieste in modo concorrenziale Nel modificare risorse condivise come una ServletContext quindi tenere sempre in considerazione le problematiche di sincronizzazione Particolare attenzione va utilizzata per i problemi di deadlock, in quanto si rischia di bloccare l accesso a delle pagine del sito Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

30 Coordinazione delle servlet Gestione della concorrenza: esempio Nell esempio del conteggio delle visite qualche errore di conteggio potrebbe anche essere trascurabile, tuttavia un codice più preciso potrebbe essere strutturato come il seguente: ServletContext sc = ses.getservletcontext(); synchronized (sc) { Object o = sc.getattribute("count");... sc.setattribute("count", new Integer(count)); } Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

31 Upload di file Upload di file Per quanto riguarda l upload di file, nel pacchetto javax.servlet non viene fornito uno strumento che gestisca automaticamente questa operazione Si può realizzare una servlet per l upload ottenendo il file dallo stream in ingresso che legge dal corpo della richiesta HTTP. L oggetto relativo si può ottenere tramite il metodo getinputstream() In altri casi, questo stream è solitamente inutile perchè le richieste HTTP generalmente non hanno corpo ma solo un intestazione Altrimenti, sono a disposizione in rete numerose librerie in Java che permettono l automatizzazione dell upload di file Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

32 Esercizio Le Servlet Esercizio Realizzare tramite servlet un sistema di personalizzazione delle pagine web del forum Nel box creato appositamente, permettere ad un utente di specificare un contenuto a sua scelta formato da: Semplice testo (utilizzabile ad esempio per dei promemoria) Collegamenti a pagine web Immagini esterne al sito Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

33 Esercizio Le Servlet Esercizio Per realizzare queste funzionalità è necessario effettuare i seguenti passi Nel codice PHP, caricare diversi frammenti di HTML da inserire all interno del box a seconda dell utente attuale (es. marco -> userboxes/marco.html) Realizzare una pagina di login al servizio di personalizzazione tramite servlet Dopo l accesso, presentare all utente un form che permetta di inserire una serie di link, immagini o stringhe di testo Al momento della sottomissione, creare l apposito frammento di HTML ed inserirlo nel percorso opportuno Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

34 Esercizio Esercizio Come funzionalità aggiuntiva, dare la possibilità di immettere i vari oggetti anche a più riprese e non tutti tramite un unico form In questo caso, sarà necessario propagare i dati già inseriti dall utente tramite oggetti inseriti in una sessione Inoltre sarebbe interessante che durante l inserimento dei vari oggetti da parte dell utente venga visualizzata l anteprima del box personalizzato Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, / 34

Servlet API. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Servlet API. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Servlet API Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Servlet Interfaccia Java che modella il paradigma richiesta/elaborazione/risposta tipico delle applicazioni lato server Presuppone l esistenza

Dettagli

Tomcat & Servlet. Contenuti. Programmazione in Ambienti Distribuiti. Tomcat Applicazioni Web. Servlet JSP Uso delle sessioni

Tomcat & Servlet. Contenuti. Programmazione in Ambienti Distribuiti. Tomcat Applicazioni Web. Servlet JSP Uso delle sessioni Tomcat & Servlet Programmazione in Ambienti Distribuiti V 1.2 Marco Torchiano 2005 Contenuti Tomcat Applicazioni Web Struttura Sviluppo Deployment Servlet JSP Uso delle sessioni 1 Tomcat Tomcat è un contenitore

Dettagli

Introduzione alla programmazione Http lato server in Java

Introduzione alla programmazione Http lato server in Java Introduzione alla programmazione Http lato server in Java Tito Flagella Laboratorio Applicazioni Internet - Università di Pisa Slide API Java Titleper il Protocollo Http Programmazione Client java.net.url

Dettagli

Programmazione server-side: Java Servlet

Programmazione server-side: Java Servlet Programmazione server-side: Java Servlet Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.11 parte II Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Cos

Dettagli

Gestire le sessioni con le Servlet

Gestire le sessioni con le Servlet PROGETTO Gestire le sessioni con le Servlet Con il termine sessione si intende un insieme di attività correlate, con una o alcune di queste che sono preliminari ad altre. Si pensi, per esempio, a un qualsiasi

Dettagli

Tener traccia del client

Tener traccia del client Tener traccia del client Raramente un applicazione web è costituita da una singola pagina (risorsa). E utile quindi tener traccia dei client che si collegano per rendere più semplice lo sviluppo dell applicazione.

Dettagli

Note pratiche sullo sviluppo di servlet (I)

Note pratiche sullo sviluppo di servlet (I) Note pratiche sullo sviluppo di servlet (I) Nel caso in cui sulla macchina locale (PC in laboratorio/pc a casa/portatile) ci sia a disposizione un ambiente Java (con compilatore) e un editor/ambiente di

Dettagli

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi Applicazioni web Parte 6 Java Alberto Ferrari 1 Sommario Introduzione alle API ed esempi Tomcat Server per applicazioni web Alberto Ferrari 2 Alberto Ferrari 1 Java: da applet a servlet In origine Java

Dettagli

Laboratorio di reti II: Java Server Pages

Laboratorio di reti II: Java Server Pages Laboratorio di reti II: Java Server Pages Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 6 aprile, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Java Server Pages 6 aprile, 2009 1 / 34 JSP - Java Server Pages Le

Dettagli

Architetture Web: un ripasso

Architetture Web: un ripasso Architetture Web: un ripasso Pubblicazione dinamica di contenuti. Come si fa? CGI Java Servlet Server-side scripting e librerie di tag JSP Tag eseguiti lato server Revisione critica di HTTP HTTP non prevede

Dettagli

Server-side Programming: Java servlets Parte II

Server-side Programming: Java servlets Parte II Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2009-2010 Server-side Programming:

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE: Struttura dell Applicazione versione 2.4 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE: Java Servlet Parte a versione 3.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina) G. Mecca

Dettagli

Svantaggi delle servlet

Svantaggi delle servlet Svantaggi delle servlet Le servlet sono la tecnologia principale di J2EE per comunicare con i browser dei client. Tuttavia ci sono degli inconvenienti per gli sviluppatori di applicazioni web: le servlet

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati e Web

Laboratorio di Basi di Dati e Web Laboratorio di Basi di Dati e Web Docente: Alberto Belussi Lezione 6 Servlet Servlet: classi java che estendono le funzionalità di un server Web generando dinamicamente le pagine Web. Riferimento: http://java.sun.com/products/servlets

Dettagli

Laboratorio di Basi di dati

Laboratorio di Basi di dati Laboratorio di Basi di dati Docente: Alberto Belussi Lezione 6 Servlet Servlet: classi java che estendono le funzionalità di un server Web generando dinamicamente le pagine Web. Riferimento: http://www.oracle.com/technetwork/java/javaee/servlet/index.html

Dettagli

Session tracking Session tracking HTTP: è stateless, cioè non permette di associare una sequenza di richieste ad un dato utente. Ciò vuol dire che, in generale, se un browser richiede una specifica pagina

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB.

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB Web Server TOMCAT Ing. Marco Mamei Anno Accademico 2004-2005 M. Mamei - Tecnologie

Dettagli

SERVLET & JSP DISPENSE

SERVLET & JSP DISPENSE SERVLET & JSP DISPENSE PROGRAMMAZIONE LATO SERVER Un server deve rispondere alle richieste del client e permettere di visualizzare le pagine Web. Questo compito è svolto da un software ben definito, il

Dettagli

Database & WWW. Basi di dati Architetture e linee di evoluzione P. Atzeni, S. Ceri, P. Fraternali, S. Paraboschi, R. Torlone

Database & WWW. Basi di dati Architetture e linee di evoluzione P. Atzeni, S. Ceri, P. Fraternali, S. Paraboschi, R. Torlone Database & WWW Capitolo 4 Basi di dati Architetture e linee di evoluzione P. Atzeni, S. Ceri, P. Fraternali, S. Paraboschi, R. Torlone 1 Sommario Protocollo HTTP CGI Java Servlet Server-side scripting

Dettagli

JavaServer Pages: Introduzione

JavaServer Pages: Introduzione JavaServer Pages: Introduzione Gianluca Moro gianluca.moro@unibo.it Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università di Bologna Sistemi reali in JSP!! ofoto.com: stampa e gestisce foto

Dettagli

Basi di dati e Web (Moduli: Laboratorio e Siti Web centrati sui Dati) Prova scritta del 14 luglio 2008

Basi di dati e Web (Moduli: Laboratorio e Siti Web centrati sui Dati) Prova scritta del 14 luglio 2008 Basi di dati e Web (Moduli: Laboratorio e Siti Web centrati sui Dati) Prova scritta del 14 luglio 2008 Avvertenze: e severamente vietato consultare libri e appunti; chiunque verrà trovato in possesso di

Dettagli

Tecnologie Web L-A. Java e HTTP. Dario Bottazzi Tel. 051 2093541, E-Mail: dario.bottazzi@unibo.it, SkypeID: dariobottazzi. Java e TCP/IP in a Nutshell

Tecnologie Web L-A. Java e HTTP. Dario Bottazzi Tel. 051 2093541, E-Mail: dario.bottazzi@unibo.it, SkypeID: dariobottazzi. Java e TCP/IP in a Nutshell Tecnologie Web L-A Java e HTTP Dario Bottazzi Tel. 051 2093541, E-Mail: dario.bottazzi@unibo.it, SkypeID: dariobottazzi Java e TCP/IP in a Nutshell! java.net.inetaddress: rappresenta un indirizzo IP e

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB. Http con java, URL

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB. Http con java, URL Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB Http con java, URL Ing. Marco Mamei Anno Accademico 2004-2005 M. Mamei - Tecnologie

Dettagli

Architetture Web parte 2

Architetture Web parte 2 Architetture Web parte 2 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2004-05 Sessione Un insieme di richieste, provenienti dallo stesso browser e dirette allo stesso server, confinate in un dato lasso

Dettagli

I file WAR. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2004/05-1

I file WAR. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2004/05-1 I file WAR WAR è una contrazione di Web ARchive. I file WAR consentono di archiviare un intera applicazione web in un unico file. Tomcat fornisce (tramite il Tomcat Manager) un interfaccia grafica per

Dettagli

Servlet e JDBC. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Richieste. Servlet. Servlet:

Servlet e JDBC. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Richieste. Servlet. Servlet: e JDBC Programmazione in Rete e Laboratorio Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica Universita` degli Studi di Torino C.so Svizzera, 185 I-10149 Torino e : estensioni del Java API permettono di scrivere

Dettagli

Osservazioni. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2005/06-1

Osservazioni. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2005/06-1 Osservazioni Nell esempio della precedente lezione del contatore di accessi persistente il nome del file in cui memorizzare il numero di hit ed il valore iniziale del contatore sono codificati direttamente

Dettagli

3 ServletContext. Marco Tessarotto Programmazione dei Web Server Anno Accademico 2004-2005

3 ServletContext. Marco Tessarotto Programmazione dei Web Server Anno Accademico 2004-2005 3 ServletContext Marco Tessarotto Programmazione dei Web Server Anno Accademico 2004-2005 ServletContext I interfaccia ServletContext fornisce alla web application (ed i suoi servlet) una serie di funzionalità

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE Framework per il Modello 2 it.unibas.pinco versione 3.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima

Dettagli

Sessioni Applicative in Http. Tito Flagella tito@link.it

Sessioni Applicative in Http. Tito Flagella tito@link.it Sessioni Applicative in Http Tito Flagella tito@link.it Perché le sessioni Solitamente le transazioni http sono anonime e indipendenti Le applicazioni hanno bisogno di correlarle tra di loro User1: http://bank.com/prelievo?amount=10000$

Dettagli

Laboratorio di reti II: PHP

Laboratorio di reti II: PHP Laboratorio di reti II: PHP Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 2 marzo, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: PHP 2 marzo, 2009 1 / 55 Il PHP Il PHP è un linguaggio di scripting che si può inserire

Dettagli

APPENDICE A Servlet e Java Server Page

APPENDICE A Servlet e Java Server Page APPENDICE A Servlet e Java Server Page A.1 Cosa è una Servlet e come funziona Una servlet è un particolare tipo di applicazione Java, in grado di essere eseguita all'interno di un web server e di estenderne

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati e Web

Laboratorio di Basi di Dati e Web Laboratorio di Basi di Dati e Web Docente: Alberto Belussi Lezione 8 Java Server Pages Java Server Pages è essenzialmente un modo più comodo per il programmatore dell applicazione web di scrivere una Servlet.

Dettagli

Il Protocollo HTTP e la programmazione di estensioni Web

Il Protocollo HTTP e la programmazione di estensioni Web Il Protocollo HTTP e la programmazione di estensioni Web 1 Il protocollo HTTP È il protocollo standard inizialmente ramite il quale i server Web rispondono alle richieste dei client (prevalentemente browser);

Dettagli

Il Web Server e il protocollo HTTP

Il Web Server e il protocollo HTTP Corso PHP Parte 2 Il Web Server e il protocollo HTTP E un programma sempre attivo che ascolta su una porta le richieste HTTP. All arrivo di una richiesta la esegue e restituisce il risultato al browser,

Dettagli

Lezione di Basi di Dati 1 18/11/2008 - TECNOLOGIE PER IL WEB: CGI - AJAX SERVLETS & JSP

Lezione di Basi di Dati 1 18/11/2008 - TECNOLOGIE PER IL WEB: CGI - AJAX SERVLETS & JSP EVOLUZIONE DEL WEB: PAGINE STATICHE vs PAGINE DINAMICHE Il Web è nato a supporto dei fisici, perché potessero scambiare tra loro le informazioni inerenti le loro sperimentazioni. L HTTP è nato inizialmente

Dettagli

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 27 Marzo 2012 Architetture Architetture Web Protocolli di Comunicazione Il Client Side

Dettagli

Laboratorio di sistemi Prima Web Application JSP [Java]

Laboratorio di sistemi Prima Web Application JSP [Java] Vogliamo scrivere la nostra prima web application che legga da tastiera il nostro nome e fornisca un messaggio di saluto. Per costruire la nostra applicazione creiamo con NetBeans un nuovo progetto. File

Dettagli

Università degli studi dell Aquila. Sistemi di elaborazione delle informazioni

Università degli studi dell Aquila. Sistemi di elaborazione delle informazioni Università degli studi dell Aquila Corsi di studio: I2E, I2I Sistemi di elaborazione delle informazioni 9 C.F.U. Prof. Eliseo Clementini Ing. Gaetanino Paolone Tecnologie per lo sviluppo di Sistemi sul

Dettagli

Tomcat struttura delle directory

Tomcat struttura delle directory Tomcat struttura delle directory $CATALINA_HOME (oppure $TOMCAT_HOME): rappresenta la directory radice dell installazione di Tomcat e contiene le seguenti directory: bin common (lib nelle versioni più

Dettagli

Progetto di Gestione Documenti in Ambiente Web

Progetto di Gestione Documenti in Ambiente Web Progetto di Gestione Documenti in Ambiente Web Sessione Febbraio 2013 Marco Taddei 726523 Federico Valentini 726584 Il progetto SharesShop simula un portale web di una banca che mette a disposizione dei

Dettagli

Tomcat. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2004/05-1

Tomcat. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2004/05-1 Tomcat E uno dei servlet engine più diffusi. Può funzionare sia come prodotto standalone, sia come modulo del web server Apache. Disponibile gratuitamente (per molti sistemi operativi tra cui Linux e Windows)

Dettagli

Introduzione a Java Servlet Technology

Introduzione a Java Servlet Technology Introduzione a Java Technology SAPIENZA Università di Roma Corso di Architetture Software Orientate ai Servizi Chi ha conosciuto quella forma del principio di ragione che apparisce nel tempo puro in quanto

Dettagli

1 http://desvino.altervista.org JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages

1 http://desvino.altervista.org JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages 1 http://desvino.altervista.org JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages Le JSP DynPages sono un utile strumento, fornito da SAP Netweaver, per una gestione più evoluta di event handling e session

Dettagli

Server Web. Apache Tomcat. Modalità di funzionamento. Autore: Roberto Fabbrica rfabbrica@libero.it. Diapo 1. Diapo 2. Diapo 3

Server Web. Apache Tomcat. Modalità di funzionamento. Autore: Roberto Fabbrica rfabbrica@libero.it. Diapo 1. Diapo 2. Diapo 3 1 Server Web In questo modulo verrà analizzato Tomcat, l application server di Apache che supporta JSP. Viste le caratteristiche di stabilità, aderenza alle specifiche JSP, configurabilità e supporto,

Dettagli

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment 1.0 Ambiente di sviluppo 1.1 Web server e database MySQL Comprendere la definizione dei processi che si occupano di fornire i servizi web

Dettagli

Sviluppo di Applicazioni Web con Java 2 Enterprise Edition

Sviluppo di Applicazioni Web con Java 2 Enterprise Edition Sviluppo di Applicazioni Web con Java 2 Enterprise Edition Ivan Scagnetto Dipartimento di Matematica e Informatica http://www.dimi.uniud.it/scagnett scagnett@dimi.uniud.it Laboratorio di Tecnologie Lato

Dettagli

1 Gestione dell utente connesso in sessione con Java Server Pages, Java Beans, Servlet

1 Gestione dell utente connesso in sessione con Java Server Pages, Java Beans, Servlet 1 Gestione dell utente connesso in sessione con Java Server Pages, Java Beans, Servlet Controllo dell utente connesso al sito tramite JSP, Java Beans e Servlet. Ciò che ci proponiamo di fare è l accesso

Dettagli

Tutorial web Application

Tutorial web Application Tutorial web Application Installazione della JDK: Java viene distribuito con la jdk e il jre acronimi di Java Development Kit e Java Runtime Environment rispettivamente. La jdk è l'ambiente di sviluppo

Dettagli

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 1 Aprile 2014 Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Il Server

Dettagli

Sviluppo di Applicazioni Web con Java 2 Enterprise Edition

Sviluppo di Applicazioni Web con Java 2 Enterprise Edition Sviluppo di Applicazioni Web con Java 2 Enterprise Edition Ivan Scagnetto Dipartimento di Matematica e Informatica http://www.dimi.uniud.it/scagnett scagnett@dimi.uniud.it Laboratorio di Tecnologie Lato

Dettagli

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it 1 Il web come architettura di riferimento Architettura di una applicazione web Tecnologie lato server: Script (PHP, Pyton, Perl), Servlet/JSP, ASP Tecnologie lato

Dettagli

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine Siti interattivi e dinamici in poche pagine 1 Siti Web interattivi Pagine Web codificate esclusivamente per mezzo dell HTML non permettono alcun tipo di interazione con l utente, se non quella rappresentata

Dettagli

Laboratorio di reti II: Gestione di database lato server

Laboratorio di reti II: Gestione di database lato server Laboratorio di reti II: Gestione di database lato server Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 23 marzo, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Database 23 marzo, 2009 1 / 32 Uso di database lato

Dettagli

Corsi di Reti di Calcolatori (Docente Luca Becchetti)

Corsi di Reti di Calcolatori (Docente Luca Becchetti) Corsi di Reti di Calcolatori (Docente Luca Becchetti) NOT : le soluzioni proposte sono volutamente sintetiche. Lo studente dovrebbe fare uno sforzo per risolvere i quesiti in modo autonomo, espandendo

Dettagli

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database Corso di Informatica Modulo T3 B3 Programmazione lato server 1 Prerequisiti Architettura client/server Conoscenze generali sui database 2 1 Introduzione Lo scopo di questa Unità è descrivere gli strumenti

Dettagli

Servlet. L architettura Java J2EE

Servlet. L architettura Java J2EE Servlet 1 L architettura Java J2EE 2 Web Client I Web Client hanno sostituito, in molte situazioni, i più tradizionali fat client I Web Client: sono accessibili via browser comunicano via HTTP e HTTPS

Dettagli

SESSION TRACKING DISPENSE

SESSION TRACKING DISPENSE SESSION TRACKING DISPENSE SESSION TRACKING Sessione: In modo generico potremmo dire che una sessione consiste in tutto il tempo in cui un utente, scambiando informazioni con il server, può dire di aver

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Java Server Pages (JSP) JSP o Servlet? Java Server Pages (JSP) Java Server Pages Costituiscono un estensione della tecnologia delle servlet

Java Server Pages (JSP) JSP o Servlet? Java Server Pages (JSP) Java Server Pages Costituiscono un estensione della tecnologia delle servlet Java Server Pages (JSP) Introduzione alle JSP Linguaggio di scripting lato server HTML-embedded Una pagina JSP contiene sia HTML sia codice Il client effettua la richiesta per la pagina JSP La parte HTML

Dettagli

RMI Remote Method Invocation

RMI Remote Method Invocation RMI Remote Method Invocation [Pagina intenzionalmente vuota] (1 12 2004) slide 4:1/18 (p.106) Un applicazione RMI è un applicazione distribuita ad oggetti. Applicazione RMI tipica, strutturata in: server:

Dettagli

ProgettAzione tecnologie in movimento - V anno Unità 4 - Realizzare applicazioni per la comunicazione in rete

ProgettAzione tecnologie in movimento - V anno Unità 4 - Realizzare applicazioni per la comunicazione in rete ProgettAzione tecnologie in movimento - V anno Unità 4 - Realizzare applicazioni per la comunicazione in rete Compito in classe proposto Realizzare un applicazione C/S per trasferire al Client il contenuto

Dettagli

Spring WS Sviluppare WebService in Java

Spring WS Sviluppare WebService in Java Spring WS Sviluppare WebService in Java 1.1 Introduzione Nell ambito della programmazione Java è particolarmente utile avere una certa familiarità con i WebService e la tecnologia che li supporta. In particolare

Dettagli

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer Tecnologie per il Web Il web: architettura e tecnologie principali Una analisi delle principali tecnologie per il web Tecnologie di base http, ssl, browser, server, firewall e proxy Tecnologie lato client

Dettagli

Capitolo 7. Sviluppi futuri. 7.1 Generazione automatica di pagine WML

Capitolo 7. Sviluppi futuri. 7.1 Generazione automatica di pagine WML Capitolo 7 Sviluppi futuri 7.1 Generazione automatica di pagine WML Con l avvento della tecnologia WAP/WML abbiamo constatato la necessità di avere a disposizione uno strumento che consenta, così come

Dettagli

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER 19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER Introduciamo uno pseudocodice lato server che chiameremo Pserv che utilizzeremo come al solito per introdurre le problematiche da affrontare, indipendentemente dagli specifici

Dettagli

Protocolli e architetture per WIS

Protocolli e architetture per WIS Protocolli e architetture per WIS Web Information Systems (WIS) Un Web Information System (WIS) usa le tecnologie Web per permettere la fruizione di informazioni e servizi Le architetture moderne dei WIS

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Salerno Formazione, società operante nel settore della didattica, della formazione professionale e certificata

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2008-09 Lezione n.12 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Una Servlet è un componente software scritto in Java,

Dettagli

Server web e protocollo HTTP

Server web e protocollo HTTP Server web e protocollo HTTP Dott. Emiliano Bruni (info@ebruni.it) Argomenti del corso Cenni generali sul web IIS e Apache Il server web Micsosoft Internet Information Server 5.0 Il server web Apache 2.0

Dettagli

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Sommario Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Introduzione.................................................................................. 1 SOAP........................................................................................

Dettagli

Scaletta. Estensioni UML per il Web. Applicazioni web - 2. Applicazioni web. WAE: Web Application Extension for UML. «Client page»

Scaletta. Estensioni UML per il Web. Applicazioni web - 2. Applicazioni web. WAE: Web Application Extension for UML. «Client page» Scaletta Estensioni UML per il Web Michele Zennaro 14-05-2004 Le applicazioni web Scopo di un estensione UML per il web Due punti di vista Uno più astratto Uno più vicino ai file fisici conclusivo Commenti

Dettagli

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Corso di Gestione della Conoscenza d Impresa A. A. 2006/2007 Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari 1 Servlet e JSP: il contesto Un applicazione

Dettagli

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Web service Hello world con Visual Studio 2012 Si tratta di un semplice esempio di web service, infatti come tutti I programmi

Dettagli

Connessioni di rete. Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici - Stefano Millozzi. PdR_09010 - Stefano Millozzi

Connessioni di rete. Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici - Stefano Millozzi. PdR_09010 - Stefano Millozzi Connessioni di rete Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici - Stefano Millozzi 1 Socket orientato alla connessione o non orientato alla connessione 2 Socket in astratto 3 Socket modalità

Dettagli

31/05/2013. Sistemi Web Distribuiti (parte 2) - Indice dei Contenuti - Naming. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano

31/05/2013. Sistemi Web Distribuiti (parte 2) - Indice dei Contenuti - Naming. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano /28 Sistemi Web Distribuiti (parte 2) - Indice dei Contenuti - Naming 3 Sincronizzazione 4 Consistenza e Replica 5 Replica di sistemi

Dettagli

Tipi fondamentali di documenti web

Tipi fondamentali di documenti web Tipi fondamentali di documenti web Statici. File associati al web server il cui contenuto non cambia. Tutte le richieste di accesso conducano alla visualizzazione della stessa informazione. Dinamici. Non

Dettagli

Java Server Pages. Corso di Applicazioni Telematiche. A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico

Java Server Pages. Corso di Applicazioni Telematiche. A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico Java Server Pages Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Java Server Pages (JSP) Java Server

Dettagli

Applicazioni web. Parte 2 JSP. Michele Tomaiuolo tomamic@ce.unipr.it

Applicazioni web. Parte 2 JSP. Michele Tomaiuolo tomamic@ce.unipr.it Agent and Object Technology Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Applicazioni web Parte 2 JSP Michele Tomaiuolo tomamic@ce.unipr.it Sommario JSP: sintassi di

Dettagli

Componenti Web: client-side e server-side

Componenti Web: client-side e server-side Componenti Web: client-side e server-side side Attività di applicazioni web Applicazioni web: un insieme di componenti che interagiscono attraverso una rete (geografica) Sono applicazioni distribuite logicamente

Dettagli

INSTALLAZIONE DI JOOMLA! Guida alla installazione di Joomla!

INSTALLAZIONE DI JOOMLA! Guida alla installazione di Joomla! Guida di Virtuemart INSTALLAZIONE DI JOOMLA! Guida alla installazione di Joomla! INDICE INDICE... 1 INTRODUZIONE... 2 DONWLOAD... 2 INSTALLAZIONE... 2 REQUISITI MINIMI... 3 PASSAGGIO 1... 4 PASSAGGIO 2...

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 38 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SCARICO DEL SOFTWARE 4 2.1 AMBIENTE WINDOWS 5 2.2 AMBIENTE MACINTOSH 6 2.3 AMBIENTE

Dettagli

Messaggi volatili. Matteo Zignani. 10 gennaio 2015

Messaggi volatili. Matteo Zignani. 10 gennaio 2015 UNIVESITÁ DEGLI STUDI DI MILANO LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE PROGETTO LABORATORIO DI RETI DI CALCOLATORI Messaggi volatili Matteo Zignani 10 gennaio 2015 1 PRESENTAZIONE DEL PROBLEMA Lo studente

Dettagli

Socket & RMI Ingegneria del Software - San Pietro

Socket & RMI Ingegneria del Software - San Pietro Socket & RMI Ingegneria del Software - San Pietro Socket È possibile trattare la comunicazione di rete allo stesso modo con cui è possibile trattare la lettura da file. La classe Socket rappresenta la

Dettagli

Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E.

Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E. Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E. Università di Bologna Facoltà di Ingegneria Bologna, 08/02/2010 Outline Da applicazioni concentrate a distribuite Modello

Dettagli

Tomcat. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2006/07-1

Tomcat. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2006/07-1 Tomcat E uno dei servlet engine più diffusi. Può funzionare sia come prodotto stand-alone, sia come modulo del web server Apache. Disponibile gratuitamente (per molti sistemi operativi tra cui Linux, Windows,

Dettagli

Architettura Client-Server

Architettura Client-Server Architettura Client-Server 1. il client manda una richiesta al server 2. il server (in attesa) riceve la richiesta 3. il server esegue il servizio richiesto (generando un thread concorrente) 4. il server

Dettagli

PC/CSA. Manuale di utilizzo del PC/CSA Specifiche tecniche per lo scarico automatico dei dati dei pagamenti delle violazioni al Codice della Strada

PC/CSA. Manuale di utilizzo del PC/CSA Specifiche tecniche per lo scarico automatico dei dati dei pagamenti delle violazioni al Codice della Strada PC/CSA Manuale di utilizzo del PC/CSA Specifiche tecniche per lo scarico automatico dei dati dei pagamenti delle violazioni al Codice della Strada PC/CSA-SPF-1.0 Versione del 18.04.2001 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Programmazione Java Avanzata

Programmazione Java Avanzata Programmazione Java Avanzata Introduzione a Servlet e Struts 2 Ing. Giuseppe D'Aquì 1 Testi Consigliati Java Enterprise in a nutshell, 3 rd edition (O'Reilly) Struts 2 in Action Brown, Davis, Stanlick

Dettagli

Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici

Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici Progetto di reti di Calcolatori e Sistemi Informatici Stefano Millozzi 1 Servlet 2 Servlet Tecnologia Java per estendere le funzionalità di un server [web] indipendenti dalla piattaforma portabili senza

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Giovedì 3-04-2014 1 Reti per la distribuzione

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati

Laboratorio di Basi di Dati Laboratorio di Basi di Dati Docente: Alberto Belussi Lezione 9 Architettura Model-View-Controller (MVC) Adottando l'architettura MVC e la tecnologia Servlet-JSP, un'applicazione web può essere realizzata

Dettagli

Primi passi con Apache Tomcat. L application server dell Apache group

Primi passi con Apache Tomcat. L application server dell Apache group Primi passi con Apache Tomcat L application server dell Apache group 2 J2EE Direttive Sun Microsystem Che cos è un application server EJB Maggiori application server open source 3 Tomcat Open Source e

Dettagli

Web Programming Specifiche dei progetti

Web Programming Specifiche dei progetti Web Programming Specifiche dei progetti Paolo Milazzo Anno Accademico 2010/2011 Argomenti trattati nel corso Nel corso di Web Programming sono state descritti i seguenti linguaggi (e tecnologie): HTML

Dettagli

Corso Online. We Train Italy info@wetrainitaly.it

Corso Online. We Train Italy info@wetrainitaly.it Corso Online Programmatore Java New Edition We Train Italy info@wetrainitaly.it Programma Generale del Corso Programmatore Java New Edition 1. Introduzione al corso Java da 0 al web Presentazione del corso

Dettagli

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28 Indice 25 184 Introduzione XI Capitolo 1 Impostazione dell ambiente di sviluppo 2 1.1 Introduzione ai siti Web dinamici 2 1.2 Impostazione dell ambiente di sviluppo 4 1.3 Scaricamento di Apache 6 1.4 Installazione

Dettagli