BILANCIO SOCIALE. BILANCIO SA8000 ANNO 2014 Gestione 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO SOCIALE. BILANCIO SA8000 ANNO 2014 Gestione 2013"

Transcript

1 Pagina 1di 43 TKV SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE VIA DEGLI ABETI PESARO BILANCIO SA8000 ANNO 2014 Gestione 2013 Copia in distribuzione controllata N. 01 REVISIONE DATA CAUSALE Prima emissione PREPARATO (RESP SA8000 ) VERIFICATO (IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATOR PER LE SA8000 ) APPROVATO (PRES. C.D.A.) Raffaella Beccatti Rachele Millozzi Giuliano Paolucci

2 Pagina 2 di 43 INDICE 1. INTRODUZIONE IDENTIFICAZIONE DELLE PARTI INTERESSATE (STAKEHOLDER) E DELLE LORO ASPETTATIVE RAPPRESENTANTI DELLA COOPERATIVA SOCIALE ITALCAPPA IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA DI RESPONSABILITÀ SOCIALE POLITICA PER LA QUALITA LA SICUREZZA E LA RESPONSABILITÀ SOCIALE BILANCIO IN RELAZIONE AI SINGOLI REQUISITI DELLA NORMA SA8000 : Lavoro infantile Lavoro obbligato Salute e Sicurezza Libertà di associazione Discriminazione Pratiche disciplinari Orario di lavoro Retribuzione Sistema di gestione... 35

3 Pagina 3 di INTRODUZIONE TKV società cooperativa sociale (di seguito denominata TKV), nasce in data 28 novembre dal progetto di fusione per incorporazione di Italcappa cooperativa sociale con Tecnohabitat cooperativa sociale e Villaggio dell Amicizia cooperativa sociale TKV intende proseguire l impegno intrapreso da italcappa per il rispetto dei principi e obiettivi enunciati nella politica e all applicazione del sistema di gestione Nell intraprendere una strategia ed un percorso fondati su principi di responsabilità sociale, TKV ha individuato nello standard SA8000 lo strumento più idoneo ad attestare la conformità di tutti i servizi forniti al pieno rispetto dei diritti umani. TKV ha adottato volontariamente i requisiti della norma SA8000 per andare oltre il rispetto della legislazione vigente, attraverso l integrazione delle problematiche sociali, nella propria politica, nell operatività aziendale e nei rapporti con i stakeholder. Il bilancio SA8000 è uno strumento di comunicazione che ha lo scopo di diffondere a tutte le parti interessate (stakeholder) il proprio Sistema di Responsabilità Sociale, gli indicatori prestazionali identificati e gli obiettivi futuri di miglioramento, nell ottica di un rapporto di piena trasparenza e collaborazione. Come evidenziato nelle pagine che seguono, il Bilancio Sociale SA8000 fornisce informazioni qualitative e quantitative che evidenziano il rispetto dei singoli requisiti alla norma, che riguardano diversi ambiti della sfera lavorativa e precisamente: lavoro infantile lavoro obbligato libertà di associazione salute e sicurezza non discriminazione pratiche disciplinari orario di lavoro retribuzione sistemi di gestione Con la stesura e la divulgazione alle parti interessate del presente documento si propone di: comunicare agli stakeholder i valori etici che ispirano la gestione aziendale e gli impegni assunti comunicare in modo trasparente le proprie performance sociali misurare la portata delle azioni realizzate attraverso l individuazione di indicatori delle performance aziendali nel tempo fornire al management aziendale uno strumento utile per l riesame interno della politica di responsabilità sociale e la verifica del raggiungimento degli obiettivi aziendali evidenziare il miglioramento continuo della gestione aziendale attraverso i trend degli indicatori adottati assolvere al requisito normativo del riesame della Direzione sia a livello metodologico sia a livello contenutistico. In un ottica di miglioramento continuo, nonché di rispetto di requisiti e leggi nazionali TKV si impegna ed intende continuare : - a conformarsi a tutti i requisiti della norma (lavoro infantile, lavoro obbligato, salute sicurezza, libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva, discriminazione, procedure disciplinari, orario di lavoro, retribuzione, sistema di gestione) nonché a quelli sottoscritti; - a conformarsi alle leggi nazionali, alle altre leggi vigenti e a rispettare i principi delle Convenzioni ILO (International Labour Organization), la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la Convenzione ONU dei Diritti del Bambino, la Convenzione ONU per eliminare tutte le forme di discriminazione contro le donne;

4 Pagina 4 di 43 - impegnarsi al miglioramento continuo nell adozione di comportamenti socialmente responsabili; - documentare, implementare, mantenere attiva, comunicare e rendere accessibile la politica di responsabilità sociale a tutti gli stakeholder interni (personale, amministratori, dirigenti e management, organico operativo ) ed esterni (comunità, gruppi di interesse, istituzioni ). 2. IDENTIFICAZIONE DELLE PARTI INTERESSATE (STAKEHOLDER) E DELLE LORO ASPETTA- TIVE Nel pianificare il Sistema di responsabilità sociale la TKV ha coinvolto, in un processo graduale, gli stakeholder di riferimento, vale a dire tutti quei soggetti che hanno un interesse nella vita e nell azione della Cooperativa: 1) Lavoratori Al fine di facilitare la comprensione della norma ed illustrare il percorso intrapreso tutti i lavoratori hanno ricevuto una specifica comunicazione ed il testo della norma SA8000 in busta paga. Un dossier informativo sulla norma SA8000 è consultabile presso la sede della Cooperativa da parte di tutti i lavoratori soci e/o dipendenti. Vengono svolti incontri formativi annuali di approfondimento della norma SA ) Sindacati I rappresentanti sindacali dei lavoratori sono stati adeguatamente informati sul tema della responsabilità sociale e sulla norma SA8000, nonché sulla volontà della Cooperativa di avere conseguito e mantenuto la Certificazione etica SA8000. I sindacati hanno favorevolmente accolto il processo di adeguamento della Cooperativa alla norma. 3) Associazioni di settore Le associazioni di settore (Legacoop, Confcooperative, ecc ) sono state adeguatamente informate sul tema della responsabilità sociale e sulla norma SA8000, nonché sulla volontà della Cooperativa di mantenere la Certificazione etica SA8000, vengono informati annualmente sui risultati conseguiti attraverso il ricevimento del bilancio sociale. In questo contesto l iniziativa intrapresa dalla Cooperativa continua ad essere individuata come creazione di buona prassi nell adozione di strumenti finalizzati al conseguimento di specifici obiettivi di responsabilità sociale nel settore della cooperazione. 4) Pubblica Amministrazione ed Enti locali TKV continua ad individuare nei decisori della Pubblica Amministrazione e degli Enti locali i partner ideali nella diffusione dei temi legati alla responsabilità sociale; tali organismi - che rappresentano anche la categoria dei clienti della Cooperativa sono stati coinvolti in un processo di miglioramento continuo nell attendere i requisiti della norma superando le mere conformità legislative. 3. RAPPRESENTANTI Durante la fase di progettazione del Sistema di Responsabilità sociale la Cooperativa ha definito i ruoli delle persone che hanno l autorità necessaria a svolgere le attività previste dalla norma SA8000 : Il Rappresentante della Direzione La Direzione di TKV ha nominato la Sig.ra Raffaella Beccatti la quale, indipendentemente da altre responsabilità, assicura il rispetto dei requisiti della norma SA8000. Il Rappresentante dei lavoratori La Cooperativa sociale TKV ha garantito che il personale operativo scegliesse un rappresentante tra i propri membri con il compito di facilitare le relazioni con la direzione per ciò che riguarda la norma SA8000. La Sig.ra Rachele Millozzi è la Rappresentante eletta dai soci lavoratori.

5 Pagina 5 di 43 I Rappresentanti Salute e Sicurezza La Direzione ha nominato Daniela Ricci, Rachele Millozzi e Luca Papini, Monica Battistelli, Paola Franceschini Rappresentanti Salute e Sicurezza. 4. IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA DI RESPONSABILITÀ SOCIALE Al fine di garantire che la norma venga implementata correttamente si intende continuare a porre in essere un processo di adeguamento allo standard nonché effettuare un continuo monitoraggio delle attività e dei risultati per dimostrare l efficacia dei sistemi di responsabilità sociale implementati relativamente a ciascun requisito della norma, tenendo conto della pubblicazione della versione 2008 della SA8000 che vede inserite le convenzioni ILO 131 e 183 ( tutela della maternità e rispetto del salario minimo) tra i requisiti da rispettare: - Lavoro infantile: nell organizzazione aziendale sono impiegati solo lavoratori che abbiano compiuto 15 anni e non siano soggetti all obbligo scolastico. L azienda non utilizza e non ammette l utilizzo di lavoro infantile. - Lavoro obbligato: tutte le persone che l azienda impiega prestano il loro lavoro volontariamente. - Salute e sicurezza: la sicurezza è posta con forza al centro dell attività aziendale, al fine di garantire luoghi di lavoro sicuri e salubri ai lavoratori o a chiunque altro possa essere coinvolto nelle attività aziendali. Risorse adeguate sono allocate affinché sia favorita la prevenzione di incidenti o altre cause di pericolo. - Libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva: sono rispettati la libertà di ciascun lavoratore di formare o aderire a sindacati di sua scelta e il diritto alla contrattazione collettiva. - Discriminazione: sono garantite pari opportunità alle persone che lavorano in azienda e non è ammessa alcuna forma di discriminazione. L azienda adotta una politica antidiscriminatoria in tutti i momenti lavorativi, nell assunzione del personale, nella formazione del personale, nella promozione, nella nomina/creazione di figure dirigenziali o professionali. L azienda prevede uguali stipendi per mansioni di eguale livello. L azienda assicura ai lavoratori un ambiente di lavoro libero da intimidazioni sessuali. L azienda non sottopone il personale a test di gravidanza o di verginità come condizione per la loro assunzione. - Procedure disciplinari: è in vigore un regolamento interno che si propone, nel rispetto dell integrità personale, di favorire il rispetto e lo spirito di collaborazione fra i lavoratori. - Orario di lavoro: la settimana lavorativa ordinaria è di 38/40 ore, in linea con quanto previsto nei Contratti Collettivi Nazionali. Il lavoro straordinario è effettuato solo in circostanze eccezionali di necessità di garantire il servizio secondo il capitolato d appalto. - Retribuzione: ciascun lavoratore riceve una retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del proprio lavoro ed è in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla propria famiglia un esistenza dignitosa. - Predisposizione di un piano di controllo fornitori/subappaltatori e subfornitori: ai fornitori, opportunamente informati sul percorso intrapreso dalla Cooperativa sociale ITALCAPPA per ottenere la Certificazione etica SA8000, è stato chiesto di conformarsi alla norma; relativamente a quei fornitori che potrebbero presentare delle criticità si sono attivate specifiche procedure di controllo. - Definizione della modalità di realizzazione del riesame interno, quale strumento della direzione per verificare periodicamente l efficacia del sistema implementato ai requisiti della norma, valutarne l adeguatezza e l appropriatezza. - Adozione di un piano di comunicazione esterna per rendere noto alle parti interessate regolarmente i dati relativi alla performance aziendale riguardanti i requisiti della norma. - Comunicazione ai lavoratori della possibilità, da parte di ciascuno di loro, di presentare reclamo all organismo di certificazione, nel caso venissero rilevate azioni o comportamenti dell azienda non conformi alla norma SA8000.

6 Pagina 6 di 43 Il Bilancio SA8000 nasce in risposta alla volontà di integrare la documentazione relativa alle attività poste in essere per conseguire la Certificazione etica SA8000, con un documento in grado di rispondere ai requisiti sistemici della norma relativi al Riesame della Direzione (9.2) ed alla Comunicazione esterna (9.12) e che sia dunque in grado di illustrare la socialità dell azienda nei rapporti con il contesto che la ospita e con i suoi interlocutori, oggi comunemente definiti stakeholders. Il presente Bilancio SA8000 testimonia la partecipazione delle parti sociali alle scelte compiute dalla Cooperativa sociale TKV nella scelta delle strategie e delle politiche da attuare per mantenere la Certificazione etica SA8000 ed è dunque sottoscritto dal legale rappresentante della Cooperativa nonché dai rappresentanti sindacali dei lavoratori ai quali è stato consegnato in copia controllata - e dal loro rappresentante SA8000. Il documento fornisce informazioni qualitative e quantitative che evidenziano il rispetto dei singoli requisiti alla norma nel tempo e le confronta con obiettivi interni e con valori esterni di riferimento. Oltre a fornire lo strumento necessario per effettuare il riesame interno, il Bilancio SA8000 riferisce in modo efficace ed espressivo gli orientamenti e le indicazioni programmatiche sui risultati sociali dell azienda e le ipotesi di miglioramento rispetto ai requisiti della norma SA8000 focalizzando l attenzione al rapporto con gli interlocutori, e la volontà di contribuire, con responsabilità, allo sviluppo del tessuto economico locale.

7 Pagina 7 di POLITICA PER LA QUALITA, L AMBIENTE, LA SICUREZZA E LA RESPONSABILITÀ SOCIALE Si riporta di seguito il testo integrale del documento Politica per la Qualità, l Ambiente, la Salute e la Sicurezza sul lavoro e la Responsabilità Sociale POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La TKV Società Cooperativa Sociale è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente, la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e la responsabilità sociale, riconosciuto in ambito internazionale, al fine di perseguire la propria missione di impresa sociale nell area dei servizi di inserimento lavorativo di persone diversamente abili, pulizie (civili e ospedaliere), manutenzione verde, servizi cimiteriali e scolastici. A tal fine opera per creare le migliori condizioni lavorative verso i soci e gli addetti coniugando le pratiche guidate dall etica della responsabilità e socialità con la qualità dei servizi forniti e la sicurezza delle condizioni di lavoro dei propri addetti. La scelta di adottare un Sistema INTEGRATO conforme alle Norme sopra elencate, è scaturita dall esigenza di regolamentare in forma chiara ed univoca lo svolgimento del lavoro, mediante un documento di riferimento (il Manuale per la gestione integrata), in base al quale ottimizzare l organizzazione delle risorse e stabilire degli obiettivi qualitativi finalizzati a ridurre il più possibile il verificarsi di situazioni e condizioni di non conformità nei rapporti con la committenza, l utenza e con i dipendenti. Altro scopo primario della Direzione di TKV Società Cooperativa Sociale, è quello di realizzare un sistema di gestione che elimini o riduca i rischi per i dipendenti e le altre parti interessate, sistema che adeguatamente implementato e mantenuto e migliorato incrementi, attraverso la diffusione della propria Politica della sicurezza, la cultura della sicurezza, della qualità e dell ambiente alle persone che operano nell organizzazione. Non va trascurata inoltre, la potenzialità di espansione sul mercato, che si ritiene possibile proprio in virtù di un consolidamento dell attuale immagine dell organizzazione, dovuto all ottenimento della certificazione secondo la Norma UNI EN ISO 9001:2008 la Norma UNI EN ISO 14001:2004, lo standard O- HSAS 18001/2007 e la SA8000/2008. Considerando infine che il rispetto delle norme cogenti che riguardano l ambiente, la OH&S e la responsabilità sociale sono un pre-requisito essenziale ed imprescindibile per l attuazione di un Sistema di Gestione integrato e che la propria organizzazione ha già provveduto a verificare l esistenza di tale prerequisito la direzione ha delineato obiettivi specifici per la qualità,per la sicurezza e per la responsabilità sociale. POLITICA PER LA QUALITA Obiettivi per la qualità: Soddisfare i bisogni e le aspettative dei Clienti e Utenti dei servizi Garantire costantemente un adeguato grado di formazione del personale che consenta un continuo miglioramento dell erogazione del servizio. Monitorare tutti i processi al fine di individuare le eventuali azioni di miglioramento; Coinvolgere tutto il personale nei processi di miglioramento continuo della qualità Impegni per la qualità: Implementare il sistema di gestione attraverso un continuo processo di adeguamento agli standard e un continuo monitoraggio delle attività e dei risultati, adottando quale principio guida il concetto di miglioramento continuo;

8 Pagina 8 di 43 Documentare, implementare, mantenere attiva, comunicare e rendere accessibile la politica per la qualità a tutte le parti interessate interne ed esterne; Rispettare la legislazione attualmente applicabile POLITICA PER LA SICUREZZA Obiettivi per la sicurezza : Ridurre ed eliminare eventuali infortuni e malattie derivanti dalle attività lavorative; Migliorare la gestione dei rischi; Garantire costantemente un adeguato grado di formazione; Ridurre le potenziali e reali cause d infortunio tramite azioni correttive e preventive; Verificare in modo tempestivo il rispetto degli adempimenti di legge; Rendere continua ed efficace la comunicazione tra azienda e lavoratori con incontri in cui si discuta di sicurezza e salute; Migliorare il monitoraggio del livello di controllo del rischio al fine di minimizzarlo tramite azioni di miglioramento continuo. Impegni per la sicurezza: Rispettare la legislazione attualmente applicabile in tema di Sicurezza e Salute sul Lavoro e verificare il suo continuo aggiornamento; Rispettare i requisiti previsti dalla normativa OHSAS 18001: Mettere a disposizione tutte le risorse umane, materiali, finanziarie e strumentali necessarie. Richiamare tutta l organizzazione circa l importanza del rispetto dei requisiti di sicurezza e salute previsti dal sistema di gestione della sicurezza sviluppato, dei requisiti legali e regolamentativi. Stabilire obiettivi misurabili ed indicatori in grado di monitorare costantemente la capacità del sistema di raggiungere gli obiettivi iniziali previsti. Comunicare la Politica della Sicurezza e gli obiettivi annuali ai lavoratori ciascuno secondo le proprie attribuzioni e competenze mediante riunioni che coinvolgono il personale in modo che sia informato e che i contenuti siano compresi e sostenuti a tutti i livelli. Considerare il Sistema di gestione della Sicurezza parte integrante della gestione aziendale. Fare sì che i lavoratori siano sensibilizzati e formati per svolgere il loro compito in sicurezza e per assumere le loro responsabilità in materia di SSL. Coinvolgere e consultare i lavoratori anche attraverso i loro rappresentanti per la sicurezza. Riesaminare periodicamente la politica e il sistema di gestione attuato

9 Pagina 9 di 43 POLITICA PER LA RESPONSABILITA SOCIALE Obiettivi per la responsabilità sociale: Garantire la soddisfazione dei lavoratori attraverso il miglioramento continuo delle condizioni lavorative rispettando i principi della responsabilità sociale e valorizzando le proprie risorse umane attraverso la cura degli aspetti legati alla sicurezza personale e dei luoghi di lavoro in rigoroso rispetto delle norme vigenti in materia di personale, il rilevamento e la gestione costante dei suggerimenti e delle ragioni di insoddisfazione. Garantire l adozione di un efficiente Piano Antidiscriminazione. Coinvolgere tutto il personale nei processi di miglioramento continuo della sicurezza e della responsabilità sociale Garantire costantemente un adeguato grado di formazione Impegni per la Responsabilità sociale: Conformarsi alle leggi nazionali vigenti, alle leggi applicabili al proprio settore di attività, a rispettare i principi delle Convenzioni ILO (International Labour Organization), la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la Convenzione ONU dei Diritti del Bambino, la Convenzione ONU per eliminare tutte le forme di discriminazione contro le donne; Documentare, implementare, mantenere attiva, comunicare e rendere accessibile la politica di responsabilità sociale a tutte le parti interessate interne (personale, amministratori, dirigenti e management, organico operativo) ed esterne (comunità, gruppi di interesse, istituzioni, enti); Rispettare i requisiti prescrittivi della norma SA8000 riguardo il lavoro infantile, lavoro obbligato, salute e sicurezza, libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva, discriminazione, procedure disciplinari, orario di lavoro, retribuzione, sistema di gestione; L azienda si impegna ad adottare procedure antidiscriminatorie in tutti i momenti lavorativi, nell assunzione del personale, nella formazione del personale, nella promozione, nella nomina/creazione di figure dirigenziali o professionali. L azienda eroga uguali stipendi per mansioni di eguale livello. L azienda assicura ai lavoratori un ambiente di lavoro libero da intimidazioni sessuali. L azienda non sottopone il personale a test non previsti per legge Garantire il costante monitoraggio e miglioramento del proprio Sistema di gestione per la responsabilità sociale, definendo - nell ambito delle riunioni di riesame della Direzione - obiettivi specifici di miglioramento e verificandone il raggiungimento per mezzo della redazione del Bilancio Annuale SA Riesaminare annualmente i requisiti della norma SA8000:2008, fornendo un resoconto puntuale sulla propria capacità di soddisfarli; L azienda si impegna ad assicurare un ambiente di lavoro in cui i lavoratori possono liberamente esprimere critiche e commenti e ad intraprendere un dialogo aperto con i propri lavoratori al fine di risolvere in modo efficace ed efficiente i problemi emersi. Comunicare con il Bilancio annuale in modo chiaro e trasparente a tutte le parti interessate, le prestazioni dell azienda relativamente agli aspetti della Responsabilità Sociale (lavoro infantile, lavoro forzato e obbligato, salute e sicurezza sul lavoro, libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva, discriminazione, procedure disciplinari, orario di lavoro e criteri retributivi).

10 Pagina 10 di 43 POLITICA PER L AMBIENTE Obiettivi per l ambiente: Diminuire il consumo di risorse energetiche Comunicare al pubblico le informazioni necessarie per comprendere gli effetti sull ambiente delle attività dell impresa, perseguendo un dialogo aperto; Promuovere la responsabilità dei dipendenti di ogni livello verso la protezione dell ambiente e realizzare programmi di informazione e formazione del personale; Assicurare la cooperazione con le autorità pubbliche; Conoscere la gestione ambientale dei propri fornitori; Valutare l introduzione nel processo produttivo di materie prime ed ausiliarie che abbiano una migliore compatibilità ambientale rispetto a quelle attualmente in uso; Valutare in anticipo gli impatti ambientali dei nuovi processi e delle modifiche degli impianti esistenti; Controllare e ridurre la produzione di emissioni inquinanti in atmosfera; Migliorare la gestione dei rifiuti prodotti; Adottare le misure necessarie per ridurre gli impatti ambientali connessi a situazioni di emergenza; Controllare i costi ambientali Impegni per l ambiente: In relazione alla natura e alle dimensioni degli impatti ambientali derivanti dalle attività svolte dalla TKV, la Direzione si impegna a: Prevenire l inquinamento ambientale in ogni sua forma. Rispettare le prescrizioni legali applicabili che riguardano i propri aspetti ambientali. Rispettare le prescrizioni sottoscritte che riguardano i propri aspetti ambientali. Migliorare continuamente la propria performance ambientale.

11 Pagina 11 di BILANCIO IN RELAZIONE AI SINGOLI REQUISITI DELLA NORMA SA8000 : Lavoro infantile I fatti TKV è una cooperativa sociale di inserimento lavorativo che ha lo scopo di creare lavoro per persone svantaggiate. La cooperativa non utilizza né favorisce lavoro infantile e minorile e, data la specificità dei servizi erogati, esclude tale utilizzo. Qualora si riscontri in azienda la presenza di lavoro minorile, sia nell ipotesi di non funzionamento dei meccanismi di assunzione definiti, evento mai verificatosi, sia nei confronti dei fornitori, la Cooperativa ha definito una procedura di rimedio che consiste nell immediata segnalazione del fatto all Assistente sociale del Comune di appartenenza, nonché alle autorità competenti, rendendosi disponibili (qualora l Assistente sociale lo ritenga opportuno) attraverso il proprio personale qualificato, a fare dei colloqui di orientamento con il minore per verificare le sue abilità e capacità e orientare lo stesso verso adeguati corsi di formazione o tirocini formativi. Per decisione della Direzione l indagine di people satisfation nel 2013 non ha interessato tutti i servizi ma è stata riservata soltanto a un campione di lavoratori impegnati in tre settori così scelti: il settore risultato più critico nell indagine dello scorso anno, il settore di più recente acquisizione. Rispetto alla domanda siete a conoscenza dell impegno assunto dall azienda a non utilizzare lavoro infantile? i servizi indagati hanno così risposto. DISTRIBUZIONE DELLE RISPOSTE SETTORE abb no si (vuoto) Totale complessivo Informatica Facchinaggio Lavanderia 5 5 Pulizie Totale Distribuzione % 8% 13% 75% 5% 100% La distribuzione delle risposte evidenzia come il 75% del campione (contro il 52% del 2012) dichiara di essere a conoscenza dell impegno della cooperativa a non utilizzare il lavoro infantile e solo il 13% (contro il 40% del 2012) di non esserne a conoscenza. Rispetto all anno precedente si può osservare uno spiccato miglioramento della conoscenza sugli impegni della cooperativa in ordine alla norma SA Tale miglioramento è del tutto evidente nel settore informatica che passa da 29 su 54 a 6 su 91 intervistati che ancora dichiarano di non sapere. 1 I dati storici raccolti si riferiscono alle attività di Italcappa Cooperativa Sociale. La società cooperativa TKV, nasce infatti il 28 novembre 2012 dal progetto di fusione per incorporazione di Italcappa cooperativa sociale con Tecnohabitat cooperativa sociale e Villaggio dell Amicizia cooperativa sociale.

12 Pagina 12 di 43 L impegno Coerentemente con l insieme delle attività della cooperativa, TKV si occupa anche dell inserimento di ragazzi svantaggiati minori in collaborazione con gli istituti scolastici e comunità per minori che propongono e preparano tirocini a tale fine. Sono stati organizzati tirocini formativi nelle serre di Pesaro e Fano che prevedono la presenza dei ragazzi almeno due volte alla settimana, seguiti da tutor. Sono stati elaborati progetti personalizzati con monitoraggio continuo sui ragazzi inseriti, gestiti secondo la procedura certificata in accordo alla norma UNI EN ISO 9001:2008. Coerentemente con l'insieme delle attività intraprese, TKV ha continuato a mettere a disposizione n.2 posti presso le serre di Pesaro e un posto presso le serre di Fano per tirocini formativi per minori. Risultati raggiunti rispetto all obiettivo 2013 Nel corso del 2013 sono stati attivati quattro tirocini formativi per minori uno nel servizio bidelleria e tre nel servizio manutenzione verde OBIETTIVO 2013 STATO DELL AZIONE TARGET Mantenere gli impegni di assenza di lavoro minorile, di sensibilizzazione e partecipazione già assunti. Proseguire l attività formativa volta a far conoscere l impegno assunto dall azienda a non utilizzare lavoro infantile, in particolare nei nuovi servizi. Ridurre la percentuale del campione che dichiara di non essere a conoscenza dell impegno della cooperativa a non utilizzare il lavoro infantile. Conseguito Partecipare a specifici progetti per minorenni OBIETTIVO 2014 Mantenere gli impegni di assenza di lavoro minorile, di sensibilizzazione e partecipazione già assunti. Proseguire l attività formativa volta a far conoscere l impegno assunto dall azienda a non utilizzare lavoro infantile, in particolare nei nuovi servizi. Ridurre la percentuale del campione che dichiara di non essere a conoscenza dell impegno della cooperativa a non utilizzare il lavoro infantile. Garantire una percentuale di tirocini e borse lavoro accettate da TKV rispetto a quelle proposte>= del 50% vedi Piano di miglioramento Lavoro obbligato I fatti TKV in regola con la Carta Comunitaria dei diritti sociali fondamentali dei lavoratori. Non attua ne favorisce il lavoro forzato. TKV rispetta lo Statuto dei Lavoratori. Al momento dell impiego, l addetto al personale fornisce agli interessati il contratto di lavoro, la dichiarazione di effettuata assunzione, la eventuale ammissione a socio, il tesserino di riconoscimento, il modulo per la privacy e vengono consegnati al dipendente: il modulo per le detrazioni di imposta, per la destinazione del tfr e per l accredito bancario dello stipendio, lo statuto, il regolamento interno della Cooperativa e la documentazione della SA8000. In seguito a ciascun lavoratore viene somministrata la prima informazione e formazione relativa alla sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro, alla Politica della qualità e responsabilità sociale e, dove necessario, copia delle norme comportamentali. La base sociale al 31 Dicembre 2013 è composta da 1148 lavoratori (inclusi co.co.pro).

13 Pagina 13 di 43 Periodo soci lavoratori non soci lavoratori Totale 31/12/ /12/ /12/ Il rapporto tra i soci cooperatori e il totale complessivo dei lavoratori della cooperativa è pari al 62% in leggero incremento rispetto al 2012 ( 87% nel 2011 e 61% nel 2012). E prevista, per l adesione a socio, una quota societaria di euro 25,00. Nessun deposito di denaro o originali di documenti sono mai stati richiesti o lasciati presso la cooperativa. Solo per l espletamento di atti burocratici inerenti il contratto di lavoro o le domande di inserimento lavorativo vengono richieste fotocopie di documenti personali. Si riportano di seguito gli indicatori sulle risorse umane TKV. I dati sono tratti dal Data Base presente presso la cooperativa. Andamento dell occupazione (inclusi co.co.pro) Periodo Rapporti di lavoro Svantaggiati Normodotati La cooperativa ha in organico al , 291 persone assunte diversamente abili e il rapporto tra la media di diversamente abili annuale e la media dei normodotati annuale è pari al 33,96, in linea con quanto richiesto dalla vigente normativa sulle cooperative sociali e in crescita rispetto al dato 2012 (31,55%) e al 2011( 33,45%) Composizione dell occupazione per sesso Rapporti di Periodo lavoro Femmine Maschi % 26% % 19% % 19% ,40 16,60 Composizione dei dipendenti per contratto e sesso Contratto maschi femmine TOTALE CS - Cooperative sociali FV - Facchini PI - Pulizie industria METALMECCANICA INDU- STRIA COMMERCIO TERZIARIO EDILIZIA COOPERATIVA CoCoPro

14 Pagina 14 di 43 Composizione del personale svantaggiato per sesso Contratto maschi femmine TOTALE CS - Cooperative sociali FV - Facchini PI - Pulizie industria L impegno Poiché il rapporto di lavoro è regolato dalle varie forme della legge 142/01, per venire incontro alle necessità di comprensione e trasparenza dei soci, si è confermata negli anni scelta vincente la istituzione della figura del responsabile del personale che con i suoi collaboratori, sia per gli adempimenti contrattuali al momento dell'assunzione, che per chiarimenti e delucidazioni inerenti la busta paga, prestiti ai soci, gestione dei moduli per disoccupazione, erogazione assegni familiari, acconti su buste paga, erogazione di documenti e certificati su richiesta dei dipendenti è a disposizione degli stessi. La politica della cooperativa è quella di non dare anticipi superiori ai 100. Nel caso in cui i lavoratori abbiano la necessità di anticipi più cospicui per affrontare spese impreviste, è possibile rivolgersi al C.d.A, che valuta con attenzione il grado di difficoltà e gravità di ogni situazione e l eventuale intervento. Nel corso dell anno 2013 sono stati erogati prestiti per un importo pari a 8.050,00 Coerentemente con l obiettivo 2013, è stata fatta un indagine per rilevare il clima interno nei servizi di pulizie ordinarie e sanitarie, logistica e facchinaggio e call center sanitario I questionari sono stati consegnati dai coordinatori e referenti dei servizi. Come ogni anno, in coerenza con gli obiettivi fissati nel bilancio sociale consuntivo dell anno precedente e nei riesami infrannuali, è stata fatta una indagine per rilevare il clima interno dei nostri socilavoratori al fine di monitorarne l'evoluzione, individuare le criticità e programmare gli interventi da mettere in campo. Come ogni anno, in coerenza con gli obiettivi fissati nel bilancio sociale consuntivo dell anno precedente, è stata fatta un indagine per rilevare il clima interno dei nostri soci-lavoratori al fine di monitorarne l'evoluzione, individuare le criticità e programmare gli interventi da mettere in campo. Per scelta della rappresentanza della direzione, anche quest'anno, l indagine non è stata estesa a tutti i lavoratori presenti al suddivisi nei rispettivi settori lavorativi, ma è stata riservata soltanto a un campione di lavoratori impegnati in soli quattro settori così scelti: il settore risultato più critico nell indagine dello scorso anno, il settore risultato più soddisfatto nell'anno passato, con esclusione del settore "amministrativi" e altri due settori non indagatati nell anno precedente. Di conseguenza i settori indagati sono stati i seguenti: settore informatica -cup (il più critico); settore facchinaggio (il più soddisfatto); il settore servizio pulizie ed infine il settore lavanderia. La misura della criticità o della soddisfazione utilizzata per la scelta dei settori da indagare è stata quella del voto medio conseguito nel I questionari sono stati consegnati dai coordinatori e referenti dei servizi, come raccomandato nel rapporto precedente.

15 Pagina 15 di 43 La consistenza e la qualità del campione preso in considerazione in questa indagine è data dal seguente prospetto: SETTORE N ADDETTI (questionari distribuiti) N QUESTIONARI ricevuti % di restituzione Servizio pulizie % Informatica (cup) % logistica e facchinaggio % lavanderia % totale complessivo % La scarsa percentuale dei questionari restituiti dal servizio pulizie risente del fatto che questo settore è frammentato in numerosissimi cantieri sparsi in tutto il territorio nazionale ed è coordinato da 5 diversi responsabili. Il gradimento registrato nella rilevazione del 2013 è descritto con il voto complessivo che è risultato distribuito come segue: Distribuzione del voto di gradimento tra i diversi settori , Non N Voto me- VOTO voto risp. dio ponde- SETTORE rato INFORMATICA ,0 FACCHINAGGIO ,7 LAVANDERIA ,3 PULIZIE ,9 Totale VOTI ,4 Incidenza % 0,5% 0,5% 3,2% 0,5% 5,0% 14,7% 23,4% 25,7% 12,4% 11,0% 3,2% 100% Il voto medio ponderato di tutto il campione indagato è risultato 7,4, contro il 6,4 dell anno prima. I- noltre in tutti i settori il voto medio ponderato è compreso tra 7,0 e 7,9 con una oscillazione di soli 0,9 punti. Nel 2012 si registrava una oscillazione di 2,3 punti (da 6,2 a 8,5). Il settore informatica, il più critico dell anno scorso, con 91 intervistati contro i 54 dell anno prima, passa da un voto medio di 6,2 a 7,0 con un recupero di 8 decimi di punto. Il settore pulizie ottiene la migliore performance tra i settori intervistati con un voto pari a 7,9 punti. Il 3,2% delle schede pari a n. 7 schede non riporta il voto.

16 Pagina 16 di 43 Se si valuta l indice di criticità i risultati dell indagine di people satisfaction sono stati i seguenti: SERIE DI DOMANDE positivo abbastanza negativo INDICE CRITI- CITA' SI+ABB SU TOTALE SEZIONE 1: LAVORO INFANTILE ,82 86,5 SEZIONE 2: LAVORO OBBLIGATO E FORZATO ,86 89,5 SEZIONE 3: REDDITO ,78 92,3 SEZIONE 4: SICUREZZA ,78 89,2 SEZIONE 5: APPARTENENZA ,75 86,6 SEZIONE 6: DIRITTI E LIBERTA ,78 84,4 SEZIONE 7: SVILUPPO E RICONOSCIMENTO ,67 89,8 SEZIONE 8: QUALITA INTRINSECA ,84 95,9 L Indice può assumere un valore oscillante tra 0 e 1 in cui il valore 0 indica la massima insoddisfazione ed il valore 1 la massima soddisfazione. E dato dalla seguente formula ove s=sì; a=abbastanza; n=no: Rispetto al 2012 migliorano tutti gli indicatori eccetto quelli relativi alla sez. 2 relativa al lavoro obbligato e forzato. Ma crediamo che tale indicatore debba intendersi correlato alla persistente crisi economica generale, a causa della quale molti non si sentono interiormente liberi di abbandonare il posto di lavoro per la scarsa possibilità di trovarne un altro. Migliorano con particolare evidenza gli indicatori alla sezione lavoro infantile. Le ragioni sono da ricercare nella scarsa informazione di un anno fa, quando in concomitanza della considerevole crescita numerica dei lavoratori della cooperativa e del ridotto campionamento, l indice, rispetto a quello delle annualità precedenti è variato vistosamente in negativo. Con l attuale rilevazione si ristabiliscono i valori prossimi a quelli delle annualità con le migliori performance. SEZIONI ANDAMENTO INDICE DI CRITICITA NEGLI ANNI DAL 2006 al Diff. su 2012 SEZIONE 1: LAVORO INFANTILE 0,89 0,87 0,56 0,82 +0,26 SEZIONE 2: LAVORO OBBLIGATO E FORZATO 0,87 0,88 0,94 0,86-0,08 SEZIONE 3: REDDITO 0,67 0,76 0,76 0,79 0,78 0,78 0,73 0,78 +0,05 SEZIONE 4: SICUREZZA 0,67 0,77 0,82 0,83 0,81 0,77 0,69 0,78 +0,09 SEZIONE 5: APPARTENENZA 0,75 0,73 0,75 0,76 0,77 0,75 0,71 0,75 +0,04 SEZIONE 6: DIRITTI E LIBERTA 0,77 0,82 0,73 0,78 +0,05 SEZIONE 7: SVILUPPO E RICONO- SCIMENTO 0,55 0,68 0,69 0,66 0,68 0,70 0,54 0,67 +0,13 SEZIONE 8: QUALITA INTRINSECA 0,73 0,80 0,82 0,79 0,84 0,85 0,77 0,84 +0,07 Indice complessivo medio 0,67 0,75 0,77 0,77 0,80 0,80 0,70 0,78 +0,08

17 Pagina 17 di 43

18 Pagina 18 di 43 Ad inizio 2014 la Direzione ha inoltre distribuito a tutti i responsabili dei servizi un breve questionario con l obiettivo di individuare gli elementi di maggiore criticità rilevati dai coordinatori che hanno un rapporto quotidiano con i dipendenti. Sebbene il questionario non abbia una valenza statistica, le risposte fornite contribuiscono ad evidenziare alcuni punti di criticità. In particolare dalle risposte dei responsabili emergono problemi legati a difficoltà nei rapporti tra colleghi e in un caso con il coordinatore del servizio (situazione che ha portato la persona interessata a licenziarsi) diversità di trattamento tra dipendenti, inadeguatezza degli stipendi e ritardi nei pagamenti delle retribuzioni. In merito al punto della norma Lavoro forzato e obbligato, con l indagine di people satisfaction, sono stati indagati i seguenti aspetti. Domanda S2R1: Dopo aver dato un congruo preavviso al Datore di lavoro vi considerate liberi di poter lasciare il vostro posto di lavoro? Domanda S2R2: L azienda vi ha chiesto di pagare dei depositi prima della stipula del contratto di lavoro? (N.B. la quota associativa di 25 non è considerato un deposito ) Le risposte fornite sono state le seguenti Prospetto delle risposte alla seconda serie di domande: Tipo di risposta S2R1 S2R2 %S2R1 %S2R2 SI % 7% ABB % 0% NO % 89% (vuoto) non risponde 8 8 4% 4% Totale complessivo % 100% Il 70% si considera libero di sciogliere il contratto di lavoro dopo aver dato un congruo preavviso. Su questa domanda il 14% risponde abbastanza, il 4% non risponde e il 13% non si considera libero di lasciare il posto di lavoro. Rispetto al 2012 la percentuale di quanti si ritengono liberi diminuisce di 9 punti e la percentuale di chi non si considera libero aumenta di 12 punti. L 89% afferma di non essere stato oggetto di richiesta di deposito prima della stipula del contratto, mentre il 7% degli intervistati afferma il contrario. Nel 2012 le posizioni erano più decise: 97% contro 1%. Rispetto ai risultati registrati nel 2012 si constata una inversione di tendenza che si colloca a metà strada tra i ragguardevoli risultati del 2012 e quelli meno positivi del E probabile vi sia stata minore attenzione nella chiarezza della prassi su questo punto, ostacolata, riteniamo, dalle difficoltà derivanti dalla comprensione della lingua. Tale difficoltà riguarda per una percentuale di lavoratori extracomunitari che hanno avuto difficoltà a considerare la quota associativa come tale e non come deposito prima della stipula del contratto. Bisogna tuttavia tenere in conto della variazione del campione quest anno e- steso al settore pulizie che comprende una quota di lavoratori extra comunitari non trascurabile.

19 Pagina 19 di 43 Risultati raggiunti rispetto all obiettivo 2013 Nel corso del 2013 sono stati effettuati incontri per la formazione SA8000 sia ai nuovi servizi informatici, che in quelli già implementati da tempo OBIETTIVO 2013 STATO DELL AZIONE TARGET Proseguire l attività di sensibilizzazione e di informazione per tutti i punti della norma a tutti i servizi, in particolare ai quelli di recente implementazione. Sollecitare l azione dei responsabili nel cercare di ridurre le tensioni nei rapporti di lavoro. Migliorare l indice di criticità Parzialmente Conseguito Indice di criticità complessivo 0,78 Indice di criticità per lavoro obbligato 0,86 Indice di criticità complessivo > 0,70 Indice di criticità per lavoro obbligato > 0,94 OBIETTIVO 2014 Proseguire l attività di sensibilizzazione e di informazione per tutti i punti della norma a tutti i servizi, in particolare ai quelli di recente implementazione. Sollecitare l azione dei responsabili nel cercare di ridurre le tensioni nei rapporti di lavoro. Migliorare l indice di criticità per il lavoro obbligato. Migliorare il clima dell ambiente di lavoro in alcuni servizi in particolare (manutenzione del verde e servizio pulizie) Vedi Piano di miglioramento Salute e Sicurezza I fatti La Cooperativa garantisce ai propri lavoratori un luogo di lavoro sicuro e salubre e ha intrapreso adeguate misure negli ultimi periodi, con uno sforzo notevole sia economico che di impegno di risorse u- mane, per prevenire incidenti e danni alla salute che possano verificarsi in relazione al lavoro, minimizzando per quanto sia ragionevolmente praticabile, le cause di pericolo inerenti l ambiente di lavoro. TKV attua un sistema di gestione integrato ISO 9001,ISO OHSAS e SA8000 con l obiettivo di realizzare un sistema di gestione che elimini o riduca i rischi per i dipendenti e le altre parti interessate, attraverso un sistema che adeguatamente implementato, mantenuto e migliorato, ha incrementato la cultura della sicurezza e della qualità alle persone che operano nell organizzazione. Prevalentemente, la Cooperativa esegue lavori in luoghi definiti da un appalto di gara o da clienti privati. Pur ottemperando a quanto previsto dall Art.26 del D.Lgs 81/08 e s.m., in base al quale il committente comunica i rischi del proprio ambiente di lavoro, può succedere che la documentazione debba essere integrata e ritrasmessa, in ogni caso la Cooperativa si attiva per garantire la sicurezza minima ai propri lavoratori. Qualora i requisiti di sicurezza risultassero non conformi, la cooperativa, per garantire la sicurezza dei propri lavoratori, segnala all ente appaltante (committente) o al cliente le non conformità attraverso i moduli predisposti, al fine di una immediata attivazione e bonifica delle lacune emerse, da riscontrare a seguito di una dichiarazione del committente o di un sopralluogo congiunto. La Cooperativa ha comunque applicato tutte le procedure minime di sicurezza per garantire un margine di incolumità ai propri lavoratori. Tutti i prodotti utilizzati per le attività della cooperativa sono rigorosamente etichettati, conservati in appositi armadi, o ricoveri, con relative schede tecniche di sicurezza, chiusi a chiave il cui accesso è riservato agli addetti ai lavori, secondo quanto previsto dalla norma e per ogni settore di servizio sono previsti i sistemi di sicurezza adeguati, quali l uso dei Dispositivi di Protezione Individuali per il quale i lavoratori sono adeguatamente addestrati. I lavoratori della Cooperativa sono regolarmente sottoposti a visite mediche periodiche come previsto dalla D.lgs 81/08 e a corsi di formazione così come previsto dalla stessa legge.

20 Pagina 20 di 43 L impegno Per quanto riguarda le azioni pianificate nel 2012 si riporta di seguito lo stato di attuazione: - sono stati effettuati 15 sopralluoghi dell ambiente di lavoro dall ASPP - sono state distribuite ai lavoratori le istruzioni sulla sicurezza e le istruzioni operative aggiornate - il piano delle verifiche ispettive è stato interamente attuato - il 31/03/2014si è svolta la riunione annuale ai sensi dell art.35 D.Lgs.81/08 durante la quale sono stati discussi i seguenti argomenti: - aggiornamento dei documenti di valutazione dei rischi effettuato nel 2013 a seguito della fusione per incorporazione e della nomina del nuovo datore di lavoro delegato Silvia Sorisio - analisi dell andamento degli infortuni e malattie professionali - congruenza dei DPI consegnati in rapporto ai rischi individuati e valutati nel DVR - formazione dei dipendenti effettuata in attuazione dell Accordo Stato Regione e pianificazione della formazione per l anno aggiornamento del modello organizzativo attività da fare in seguito all attuazione della direttiva 2010/32/UE (Decreto legislativo 19/02/14 n.19) - pianificazione della formazione sa pianificazione dei sopralluoghi previsti per il Le attività formative in materia di sicurezza effettuate nel 2013 sono elencate nella seguente tabella. Corso Data n. dip. 22/03/ Formazione obbligatoria 26/03/ neo-assunti (D.Lgs. 81/08) 28/03/ /10/ Formazione specifica: Addetti a carrello elevatore 18/03/ Uso dpi terza categoria 20/03/ Antincendio rischio medio 27/03/ /03/ Aggiornamento RLS 27/03/ /12/ Lavoratori in ambienti conf /03/ Aprile Primo soccorso base Aprile Aprile Giugno Aprile Primo soccorso aggiorn. Aprile Aprile Formazione per preposti Aprile Uso piattaforma aerea Aprile Formazione rischi specifici pulizie Marche Nord Luglio Luglio Novembre Dicembre Addetti per lavoratori in tensione 2-3/12/ Responsabili rischio amianto 11-12/12/ Uso PLE corso base Dicembre Formazione progetto Foncoop Form. specifica agg. uso PLE Dicembre

21 Pagina 21 di 43 Totale dipendenti in formazione 201 Totale ore di formazione erogata Ore medie di formazione per dip. 6,45 Continua l azione di formazione dei neo assunti anche con riguardo particolare alla formazione pratica ad opera dell R.S.P.P. e dei Preposti al fine di divulgare costantemente le idonee procedure/istruzioni per la sicurezza. Per l area sicurezza, organizzazione e condizioni di lavoro alle domande 1- Ritieni che la Rappresentante della direzione per la SA8000 sia disponibile ad accogliere, cercando di trovare una soluzione, le comunicazioni sulle criticità lavorative poste dai lavoratori? (S4R1) 2- Ti senti protetto contro i rischi sul lavoro? (S4R2) 3- Sei stato sottoposto a visita medica di idoneità? (S4R3) 4- Ti sono stati consegnati dalla Cooperativa i dispositivi di protezione individuale (scarpe, guanti, stivali, ecc.)? (S4R4) 5- Ritieni le informazioni ricevute in merito alla sicurezza e alle mansioni da svolgere sono adeguate? (S4R5) 6- Ritieni di ricevere adeguata e continua formazione in materia di sicurezza sul lavoro? (S4R6) sono state date le seguenti risposte : Tipo di risposta S4R1 S4R2 S4R3 S4R4 S4R5 S4R6 si abb no vuoto N Risposte TOTALE si 49% 58% 92% 55% 69% 56% abb 33% 32% 2% 10% 24% 30% no 8% 8% 1% 28% 5% 11% vuoto 9% 2% 4% 8% 3% 3% Percentuale TOTALE 100% 100% 100% 100% 100% 100% I risultati ottenuti evidenziano che: - Il 49% dei lavoratori intervistati pensa che la Rappresentante della direzione per la SA8000 sia disponibile ad accogliere le osservazioni critiche da parte dei lavoratori. Il 33% sono meno convinti. L 8% negano detta disponibilità. Il 9% non risponde. Nel 2012 le risposte affermative si attestavano al 36%, quelle meno convinte al 23% e quelle negative al 29%. Il 13% non rispondeva. - Il 58% dei lavoratori si sente adeguatamente protetto contro i rischi del lavoro; Il 32% un po meno, l 8% non si sente protetto; il 2% non risponde. Le risposte dell anno precedente erano affermative per il 47%, meno convinte per il 33% negative per il 15%. Le non risposte si attestavano al 5%. -Il 92% dei lavoratori (97% nel 2012) afferma di essere stato sottoposto a visita di idoneità. Il 2% non è completamente soddisfatto della visita, il 4% non risponde alla domanda. Il 55% dei lavoratori dichiara di aver ricevuto i dispositivi di sicurezza individuale, il 28% lo nega. Il 10% non è del tutto soddisfatto e l 8% non risponde. Nel 2012 le risposte affermative si attestavano al 27%, quelle negative al 51%. Il 69% dei dipendenti intervistati ritiene di ricevere adeguata informazione in materia di sicurezza, il 24% si ritiene un po meno soddisfatto. Il 5% nega di avere ricevuto informazione allo scopo. Nel 2012 le risposte affermative erano il 57% e quelle meno convinte il 31%. L 11% dichiarava di non avere ricevuto informazione adeguata..

22 Pagina 22 di 43 Quanto alla formazione adeguata e continua in materia di sicurezza il 56% risponde affermativamente, il 30% con minore convinzione, l 11% risponde negativamente. Nel 2012 le risposte affermative erano del 49%, quelle meno convinte del 31% e quelle negative si attestavano al 15%. Tutti gli indicatori presi in esame migliorano decisamente. Anche la criticità evidenziata nel 2012 relativa alla percezione di essere destinatari di mezzi di protezione individuale, benché non del tutto risolta, registra una robusta inversione di tendenza. Per quanto riguarda l analisi degli aspetti infortunistici in cooperativa si rinvia alla tabella di comparazione dell analisi del fenomeno infortunistico, redatta annualmente dal Responsabile Gestione Qualità: - è stata innanzitutto verificata la casistica riportata dall INAIL sul sito, sia per le Marche che per il dato nazionale. L indicatore di rischio viene calcolato sulla base degli infortuni indennizzati rapportati agli addetti-anno, unità di lavoro annuo calcolato sulla base delle retribuzioni dichiarate dalle aziende. - l INAIL ha ritenuto, seguendo le linee di Eurostat (Ufficio di Statistica dell Unione Europea), di non considerare nel computo gli infortuni in itinere, in quanto non strettamente correlati al rischio della specifica attività lavorativa svolta dall infortunato, ma causa di notevole incremento e quindi di rilevanza statistica. - la realtà della cooperativa presenta una disomogeneità di situazioni che non consente di avere un dato realmente significativo su ogni tipologia di attività. - è stata infine presa in esame la norma UNI 7249 Statistiche degli infortuni sul lavoro che indica come misurare la dimensione del rischio infortunistico attraverso indici di frequenza e indici di gravità. Per produrre un indicatore del rischio infortuni la norma calcola l indice di frequenza dividendo il numero di infortuni indennizzati per le ore lavorate, moltiplicato per Viene anche utilizzato il rapporto tra infortuni indennizzati e numero lavoratori/anno, ma questa soluzione, senz altro più agevole risulta teoricamente meno accurata. Effettivamente i dati che elaborano INAIL e ISPESL sono calcolati con il secondo metodo, probabilmente per la difficoltà maggiore di reperire il dato ore lavorate. Per TKV abbiamo invece potuto elaborare tutti gli indicatori: Si è preso in considerazione il dato addetti transitati al (1523) e il numero complessivo di infortuni, detratti quelli in itinere e quelli che nelle valutazioni INAIL hanno ricevuto esito negativo ottenendo i risultati esposti in tabella. Si è fatta inoltre una valutazione in base alle ore effettivamente lavorate in rapporto agli infortuni accaduti (UNI 7249), ciò in considerazione del fatto che nella cooperativa i lavoratori hanno grande variabilità di impiego sia in termini di ore/giorno che di mesi lavorati/anno, ottenendo un indice di frequenza di 25,93 (notevolmente ridotto rispetto agli ultimi tre anni) Si è valutato l indice di gravità sia rapportando i giorni di infortunio sul totale degli addetti (INAIL), che i giorni di infortunio rispetto alle ore lavorate (UNI7249) SERVIZIO FREQUENZA FREQUENZA RAPPORTO DI RAPPORTO DI RELATIVA UNI7249 GRAVITA' (INAIL) GRAVITA' (UNI) INAIL TUTTO IL TERRITORIO ISTRU- ZIONE 8,29 0,56 ( ) BIDELLERIA 15,38 21,24 0,26 0,35 INAIL TUTTO IL TERRITORIO ATRI SERVIZI 83,10 3,93 ( ) PULIZIE 19,79 29,74 0,52 0,79 TUTTO IL TERRITORIO - TRASPORTI E COMUNICAZIONI 34,62 4,40 ( ) LOGISTICA/FACCHINAGGIO 40,65 48,76 2,41 2,89

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

BILANCIO SOCIALE TKV SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE VIA DEGLI ABETI 160 61122 PESARO. BILANCIO SA8000 ANNO 2015 Gestione 2014

BILANCIO SOCIALE TKV SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE VIA DEGLI ABETI 160 61122 PESARO. BILANCIO SA8000 ANNO 2015 Gestione 2014 Pagina 1di 43 TKV SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE VIA DEGLI ABETI 160 61122 PESARO BILANCIO SA8000 ANNO 2015 Gestione 2014 Copia in distribuzione controllata N. 01 REVISIONE DATA CAUSALE 00 07.04.2015 Prima

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000)

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) La SA8000:2008 è la certificazione rilasciata alle aziende che, dopo controllo, risultano essere conformi a parametri

Dettagli

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 Quanta ha ottenuto la certificazione in conformità allo standard internazionale SA 8000, standard che ha come punti cardini il rispetto dei diritti umani, il rispetto dei

Dettagli

BILANCIO SA8000 ANNO 2011

BILANCIO SA8000 ANNO 2011 Pagina 1di 35 ITALCAPPA COOP. SOCIALE VIA FLAMINIA 211 61122 PESARO BILANCIO SA8000 ANNO 2011 Copia in distribuzione controllata N.ro.. REVISIONE DATA CAUSALE 00 16/03/2011 Prima emissione / PREPARATO

Dettagli

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI SOMMARIO 1. Introduzione 1.1 Scopo 1.2 Riferimenti normativi 2. Informazioni di carattere generale ed economiche 2.1 Dati generali 2.2 Informazioni economiche 2.3 Informazioni commerciali 2.4 Contatti

Dettagli

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne.

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne. SA8000 IN WEBKORNER LAVORO INFANTILE Webkorner si impegna a non utilizzare né a favorire l utilizzo di manodopera infantile e minorile. L azienda, ritenendo la tutela dei minori di assoluta priorità, ha

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Tutela del lavoro. Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto

Tutela del lavoro. Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto Tutela del lavoro Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto ESTRATTO PROCEDURA _ PR PRE 10 5.1. LAVORO INFANTILE 5.1.1. Scopo Lo scopo di questo paragrafo è

Dettagli

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE REPORT SULLO STATO DI GESTIONE DEL SISTEMA DI RESPONSABILITA SOCIALE IN BASE AI REQUISITI DELLA NORMA SA 8000/08 AGGIORNATO AL 3 NOVEMBRE 2014 Doc. Riesame della Direzione

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS Oggetto: Comunicazione relativa all impegno per la Responsabilità Sociale di Sparacio Trasporti Sparacio Trasporti ha sempre dato una fondamentale importanza alla qualità

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

Documento di registrazione

Documento di registrazione /allegato B 1 / 5 Il giorno 29 aprile 2013 si è tenuta la prima visita di sorveglianza da parte dell Organismo di Certificazione ABS Quality Evaluations e sono emersi i seguenti suggerimenti: a) 3.4 -

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro di un gruppo Multistakeholder internazionale, coordinato da

Dettagli

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 5 1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO (rif. punto 4.2 BS OHSAS 18001:2007) 1.1 SCOPO La dichiarazione di politica per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro,

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ MANUALE GESTIONE QUALITÀ SEZ. 5.1 REV. 02 pagina 1/5 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale PROCEDURA PGSA 01 Gestione del personale Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 30/09/212 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 Sommario 1. Scopo...... 3 2. Campo di applicazione...3 3. Riferimenti...3

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale La spirale perversa LEGGI SOCIALI ED AMBIENTALI PIÙ RESTRITTIVE POLITICI INDUSTRIA PERCEZIONE NEGATIVA DEGLI STAKEHOLDER PRESSIONE PER UNA MIGLIORE

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione, Istruzione e Politiche Sociali Servizio Politiche della Transnazionalità, della Governance e della Qualificazione del Sistema Formativo CARTA DI QUALITÀ

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

1 La politica aziendale

1 La politica aziendale 1 La Direzione Aziendale dell Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. al livello più elevato promuove la cultura della Qualità, poiché crede che la qualità delle realizzazioni dell Impresa sia raggiungibile solo

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

L impegno de L Operosa per la responsabilità sociale Anno 2010. Cadriano (BO) 24 Maggio 2011

L impegno de L Operosa per la responsabilità sociale Anno 2010. Cadriano (BO) 24 Maggio 2011 per la responsabilità sociale Anno 2010 Cadriano (BO) 24 Maggio 2011 per la responsabilità sociale Questo documento ha lo scopo di dimostrare l impegno che la Cooperativa L Operosa ha profuso nel 2010

Dettagli

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Il presente documento riporta gli Indicatori per la Responsabilità Sociale d Impresa, individuati dal Comitato Tecnico Operativo e approvati

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività Bilancio di Sostenibilità 2012 dipendenti azionisti e investitori ambiente clienti e collettività fornitori istituzioni e comunità Sicurezza e salute dei lavoratori Per il gruppo A2A la prevenzione degli

Dettagli

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da:: Funzione

Dettagli

Rev. N Descrizione delle modifiche Data Prima emissione del documento per estensione campo applicazione

Rev. N Descrizione delle modifiche Data Prima emissione del documento per estensione campo applicazione Pagina 1 di 6 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI...2 3. SIGLE E DEFINIZIONI...2 4. RESPONSABILITÀ...2 5. PROCEDURA...3 5.1 GENERALITÀ...3 5.2 VALUTAZIONE DEI RISCHI E VERIFICA DELLA

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ REV. 00 pagina 1/4 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ SOMMARIO A Impegno della

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA Il CODICE ETICO costituisce parte integrante del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO adottato ed implementato da I valori e i principi ivi dichiarati rispecchiano

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DELLA QUALITA' E DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE - PG 016 LAVORO INFANTILE E MINORILE

PROCEDURA GESTIONALE DELLA QUALITA' E DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE - PG 016 LAVORO INFANTILE E MINORILE PROCEDURA GESTIONALE DELLA QUALITA' E DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE - PG 016 LAVORO INFANTILE E MINORILE INDICE 1 - SCOPO ED APPLICABILITÀ...2 2 - RIFERIMENTI:...2 3 - TERMINI E DEFINIZIONI...2 4 - MODALITÀ

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

SA 8000: 1997 SA 8000. Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000

SA 8000: 1997 SA 8000. Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000 SA 8000: 1997 SA 8000 Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000 Sulla Norma SAI Questa è l edizione iniziale di SA8000, una norma omogenea e verificabile attraverso un sistema di verifica

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

Codice Etico. Gennaio 2010

Codice Etico. Gennaio 2010 Codice Etico Gennaio 2010 ( SOMMARIO ) CAPO I IL VALORE DEL CODICE ETICO Pag. 2 CAPO II DESTINATARI E AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 2 CAPO III MISSIONE Pag. 3 CAPO IV STRUMENTI DI ATTUAZIONE DELLA MISSIONE

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro In vigore dal 01/04/2012 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000 Data emissione condivisione Approvazione : Rappresentante della Direzione - Responsabile

Dettagli

BILANCIO SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 ITAF srl www.itafsrl.it Pag 1 di 10 INDICE 1Introduzione... 3 2 PROFILO AZIENDALE 2.1 Company Profile.. 3 2.2 Certificazioni e Qualifiche...3 2.3 Attività realizzate.4 2.3 I valori..4

Dettagli

Questionario per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS)

Questionario per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Questionario per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Struttura del questionario Sezione I - Caratteristiche degli RLS - soggettive e professionali - e delle imprese Sezione II Risorse,

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

Allegato I al modello OT24

Allegato I al modello OT24 Allegato I al modello OT24 Questionario per la valutazione della Responsabilità Sociale delle Imprese ai fini della riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona LA CERTIFICAZIONE Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona Qualità Grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000/00) Requisito Esigenza

Dettagli

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente Pag. 1 di 5 Qualità/Ambiente L azienda Di Leo Nobile S.p.A. è nata nel 1956 a Castel San Giorgio (Sa) ed è uno stabilimento di circa m² 16.591 di cui 10.000 m² coperti, nel quale è concentrata l attività

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

RIESAME DELLA DIREZIONE E. PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015 Installazioni Impianti S.p.A. Roma, 28 Gennaio 2015

RIESAME DELLA DIREZIONE E. PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015 Installazioni Impianti S.p.A. Roma, 28 Gennaio 2015 Riunione del 28 gennaio 2015 RIESAME DELLA DIREZIONE E PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015 Installazioni Impianti S.p.A. Roma, 28 Gennaio 2015 Silvia Sforza: della Direzione per la SA8000 Emiliano Sabbatini: della

Dettagli

Indicatori Etici SA 8000

Indicatori Etici SA 8000 Da anni la Ditta Giuntoli G&G si occupa della produzione di ghiaccioli, granite e gelato artigianale. L'azienda produce una vasta gamma di prodotti tutti relativi alla gelateria e sorbetteria: ghiaccioli,

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE PER VALUTARE E PROMUOVERE L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA SICUREZZA

INDICAZIONI OPERATIVE PER VALUTARE E PROMUOVERE L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA SICUREZZA INDICAZIONI OPERATIVE PER VALUTARE E PROMUOVERE L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA SICUREZZA Con il presente documento si precisano le modalità di intervento da adottare da parte degli Spisal per valutare

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIFERIMENTI Legge 3/8/2007 n.123 (riordino disciplina) -> Introduce nel D.Lgs 231/2001

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica Politiche Gruppo Biesse Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica 1 INDICE 1. INTRODUZIONE, PREMESSE E OBIETTIVI... 3 2. FINALITÀ DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO... 5 2.1 POLITICHE DELLA QUALITÀ... 6 2.3

Dettagli

SA 8000. CERTIFICAZIONE ETICA I Sistemi di Responsabilità Sociale coinvolgono le cosiddette Parti Interessate e cioè:

SA 8000. CERTIFICAZIONE ETICA I Sistemi di Responsabilità Sociale coinvolgono le cosiddette Parti Interessate e cioè: SA 8000 La SA 8000 ha la stessa impostazione generale delle norme internazionali relative ai Sistemi di Qualità ed impegna l Azienda ad assicurare il rispetto dei principi etici delle Nazioni Unite sancite

Dettagli

BASILE PETROLI S.p.A. Dichiarazione Politica qualità, ambiente e sicurezza

BASILE PETROLI S.p.A. Dichiarazione Politica qualità, ambiente e sicurezza BASILE PETROLI S.p.A. Dichiarazione Politica qualità, ambiente e sicurezza Rev. 03 del 27 maggio 2008 La BASILE PETROLI S.p.A., nell ambito delle proprie attività di stoccaggio e commercializzazione di

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Manuale del SGSL M Rev 01 del 10/06/2013 Sistema di Gestione Sicurezza

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA...1 a) I principi di gestione della qualità evidenziati dalla Vision 2000...2 b) I principali cambiamenti introdotti dalla Vision 2000...4 c) Il processo di certificazione...5

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Carta di Qualità dell offerta formativa

Carta di Qualità dell offerta formativa Carta di Qualità dell offerta formativa Livello strategico Politica della Qualità della HOLLYWOON & FASHION SRL La HOLLYWOON & FASHION SRL definisce la propria politica della Qualità come segue: essere

Dettagli

PROCEDURA PG. A 6.1 RIMEDIO PER IL LAVORO INFANTILE PROCEDURA PG. A 6.1 TITOLO

PROCEDURA PG. A 6.1 RIMEDIO PER IL LAVORO INFANTILE PROCEDURA PG. A 6.1 TITOLO Pag 1/6 PROCEDURA PG. A 6.1 TITOLO Indice 1. Scopo 2. Campo di applicazione 3. Definizioni 4. Responsabilità 5. Modalità operative 5.1 Azioni di rimedio per il lavoro infantile 5.2 Azioni di tutela e sostegno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Sommario Premessa 0.1 Obiettivi 0.2 Adozione 0.3 Diffusione 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento Sezione I Rapporti con l esterno 1.1 Competizione

Dettagli

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza I Sistemi di Gestione per la Sicurezza OHSAS 18001, Rischi Rilevanti, Antincendio, Sistemi di Gestione Integrati Luca Fiorentini TECSA Sommario Presentazione... 9 1. INTRODUZIONE 15 2. SCOPO E CAMPO DI

Dettagli