Secchezza oculare e uso di lenti a contatto

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Secchezza oculare e uso di lenti a contatto"

Transcript

1 Secchezza oculare e uso di lenti a contatto Una valutazione dei sintomi della secchezza oculare fra i portatori di lenti a contatto di Robin Chalmers e Carolyn Begley Secchezza oculare e discomfort legati all uso delle lenti a contatto sono sintomi di comune osservazione, che colpiscono quasi la metà di tutti i portatori di lenti a contatto morbide. L elevato numero di persone coinvolte da tali sintomi, stimato in quasi 1 milione di soggetti soltanto nel Regno Unito, dovrebbe essere per gli ottici-optomestristi professionisti una valida e solida motivazione per riesaminare e ridefinire con maggior precisione il proprio approccio alla diagnosi e al trattamento dei problemi dei propri portatori di lenti a contatto sintomatici (Fig. 1). I portatori che utilizzano le lenti a contatto in modo non ottimale non solo hanno un esperienza negativa ma si espongono ad un rischio più elevato di ridurre i propri tempi di porto ed altresì di abbandonare l uso delle lenti. Figura 1. Aspetto al biomicroscopio di un portatore di lenti a contatto. Riuscite a vedere i sintomi della secchezza oculare legata all uso delle lenti a contatto? È stato osservato che la maggior parte dei portatori che abbandona l uso delle lenti a contatto, aveva circa venticinque anni quando aveva cominciato a portare le lenti e ne aveva sospeso l uso entro i primi due anni di porto 1. L investimento, in termini di tempo di trattamento (o chair time) con un portatore che smette presto di portare le lenti a contatto, va perduto se i problemi di comfort vengono ignorati o dissimulati. Nell ultimo decennio ci siamo dedicati alla ricerca nel campo della misurazione dei sintomi irritativi della superficie oculare ed abbiamo sviluppato metodi volti a provocarli in modo specifico in pazienti con problemi di secchezza oculare e nello stesso modo nei soggetti portatori di lenti a contatto. Una serie di nostre esperienze di ricerca ha dato nuova forma al nostro modo di pensare a come gli specialisti dovrebbero approcciarsi a un occhio affetto da secchezza, di grado da modesto, a moderatamente grave, e alla secchezza correlata all uso delle lenti a contatto con un nuovo livello di prevenzione. In questo articolo illustreremo alcuni risultati che sostengono le ragioni di una migliore diagnosi di secchezza oculare lente-correlata e puntano verso lo sviluppo di strategie di trattamento efficaci. Nel 1998, in collaborazione con un team di ricerca, abbiamo studiato oltre 1000 pazienti clinici non selezionati che si sono recati presso sei centri clinici del Nord America 2. Abbiamo distribuito a questi pazienti i nuovi questionari elaborati sull occhio secco e sull occhio secco a seguito dell uso delle lenti a contatto (DEQ e CLDEQ) che illustravano tutti i tipi di eye care allo scopo di stabilire delle regole rivolte alla popolazione per la gestione dei sintomi della superficie oculare. Analizzare pazienti non selezionati per la loro diagnosi di occhio secco costituisce il metodo più valido per afferrare l ampiezza e la gravità del problema della secchezza oculare nella popolazione in generale, oltre a stabilire i normali sintomi accusati dai portatori che non soffrono di secchezza oculare. Queste norme sui sintomi possono poi essere raffrontate ai sintomi sviluppati tra gruppi di pazienti affetti da vari tipi di secchezza oculare per vedere se i sintomi accusati, da soli, possano o meno consentire di operare una distinzione rispetto ai pazienti senza diagnosi di occhio secco. Pur non rappresentando di per sé un gruppo con diagnosi di occhio secco, abbiamo studiato i por- 18

2 Domande sulla SECCHEZZA OCULARE: a. Durante un giorno tipo della scorsa settimana, con che frequenza ha sentito di avere gli occhi secchi mentre portava le lenti? 1 Mai (saltare alla domanda 6) 2 Raramente 3 Frequentemente 4 Costantemente 5 Non sono sicuro Quando ha sentito di avere gli occhi secchi, quanto era intensa questa sensazione di secchezza mentre portava le lenti b. Entro le prime due ore dopo aver messo le lenti? Affatto Molto Non Intenso Intenso sono sicuro c. Alla fine del tempo di porto? Affatto Molto Non Intenso Intenso sono sicuro Figura 2. Esempio di domanda sui sintomi (CLDEQ, Indiana University). tatori di lenti a contatto come un gruppo distinto da mettere a confronto con i non portatori di lenti. I questionari DEQ e CLDEQ indagano approfonditamente su una serie di comuni sintomi a carico della superficie oculare, la storia d uso delle lenti a contatto e le abitudini, in concomitanza con altri fattori legati allo stile di vita che si sospetta influenzino i sintomi della secchezza oculare. La figura 2 riporta un esempio di domanda Tabella 1. Le 5 principali ragioni di abbandono dell uso delle lenti a contatto. (n = 181). % Importante o Ragione Molto importante Ho sentito gli occhi secchi 42,5% Le lenti erano fastidiose 40,3% da portare a fine giornate Ho avvertito con le lenti una sensazione di corpo estraneo e 37,6% irritazione Portare le lenti a contatto era 35,9% troppo problematico Le lenti non erano confortevoli 30,4% per tutto il giorno tipica sui sintomi. In primo luogo viene determinata la frequenza di ogni sintomo e, se quel sintomo è riportato, ne viene raccolta l intensità ad inizio e a fine giornata. Al termine dell indagine abbiamo chiesto ai portatori se come indicatore globale della loro condizione avevano avuto una diagnosi di occhio secco fatta da un professionista o se si erano fatti un autodiagnosi. Il potere di una valutazione fatta da uno specialista e di un autovalutazione di occhio secco è stato analizzato allo scopo di dimostrare che i professionisti sanitari spesso sottostimano la percezione soggettiva del paziente della condizione di occhio secco, sia nei portatori di lenti a contatto sia nei non portatori di lenti a contatto 3. Quasi il 40% in più di portatori di lenti a contatto si è autodescritto accusare disturbi legati all occhio secco (17,7%) rispetto al numero di coloro ai quali era stato detto soffrire di occhio secco da uno specialista 3. I pazienti che fanno un autodiagnosi ma non ricevono una diagnosi da parte di uno specialista sono pazienti le cui necessità non vengono soddisfatte dagli specialisti dell eye care. Fra i 1054 soggetti esaminati vi erano 367 attuali portatori di lenti a contatto e 181 ex portatori di lenti a contatto (il 26% dei quali non portava attualmente lenti a contatto). Quando sono state chieste loro le ragioni alla base dell interruzione dell uso delle lenti, gli ex portatori di lenti a contatto hanno citato secchezza e sintomi di discomfort a fine giornata come le due ragioni primarie. Come indicato nella tabella 1, 4 delle 5 ragioni principali erano correlate a sensazioni avvertite a livello di superficie oculare piuttosto che a scomodità, costo o altre ragioni non legate al comfort delle lenti. Questi risultati sono in accordo con le conclusioni alle quali sono pervenuti i ricercatori dell Università di Waterloo, Ontario, Canada, secondo le quali il 50% dei portatori aveva menzionato senso di discomfort o secchezza come la ragione dell interruzione dell uso delle lenti. Hanno anche riportato che i portatori che avevano interrotto l uso delle lenti a contatto evidenziavano un tempo di porto ridotto rispetto a coloro che le portavano con successo 4. Uno studio più recente condotto nel Regno Unito ha dato risultati concordanti che dimostrano che il 51% dei soggetti aveva citato la sensazione di discomfort come ragione principale che li aveva indotti a smettere di portare le lenti 5. 20

3 100 % DA FREQUENTE A COSTANTE From Begley et al 2001 SECCHEZZA NON PORTATORI DISCOMFORT PORTATORI Figura 3a. Grafico della frequenza dei sintomi per portatori di lenti a contatto e non portatori. In che modi i pazienti combattono contro i sintomi della secchezza Il nostro studio svolto su pazienti non selezionati ha dimostrato che, rispetto ai non portatori, i portatori di lenti a contatto hanno riferito sintomi significativamente più frequenti ed intensi, in modo particolare discomfort e secchezza a fine giornata come illustrato nelle figure 3a e 3b. In un altra sezione del questionario abbiamo fatto domande sui sintomi avvertiti quando i portatori di lenti a contatto non le portavano ed abbiamo riscontrato che i sintomi accusati da questi soggetti venivano ampiamente alleviati togliendo le lenti: nessuna sorpresa per i clinici del team. Una secchezza da frequente a costante è stata segnalata dal 26,8% dei soggetti mentre portavano le lenti e solo dal 6,2% senza le lenti applicate, il che equivale ad una riduzione di livello significativo (Fig. 4). Il cinquantacinque percento dei portatori di lenti a contatto ha riportato anche sintomi attivati da fattori ambientali quali fumo, smog, aria condizionata o riscaldamento centraliz % DA MODERATO AD INTENSO SECCHEZZA DEL MATTINO SECCHEZZA DEL POMERIGGIO DISCOMFORT DEL MATTINO DISCOMFORT DEL MATTINO From Begley et al 2001 NON PORTATORI SINTOMO PORTATORI Figura 3b. Grafico dell intensità dei sintomi per portatori di lenti a contatto e non portatori. 21

4 Mentre porto le lenti a contatto 27% Senza lenti a contatto 6% 73% 94% Figura 4. Proporzione con sintomi da frequenti a costanti, con e senza uso delle lenti. zato, in numero molto più elevato rispetto ai non portatori. I portatori di lenti a contatto evitano questi ambienti se le lenti aggravano la secchezza. Pertanto, il quadro clinico per la secchezza oculare lente-correlata comprende un ampia maggioranza di pazienti con occhi abbastanza liberi da sintomi senza le lenti, che diventano piuttosto sintomatici durante l uso delle lenti a contatto. Come indicato nella figura 5, il tipico portatore di lenti a contatto tratta i propri sintomi di secchezza oculare essenzialmente togliendo le lenti (55,8%), utilizzando gocce umettanti per lenti a contatto (47,1%) o lacrime artificiali (14,8%). I portatori che hanno riferito di togliere le lenti hanno citato la secchezza come motivo più comune di rimozione delle lenti. Il togliere le lenti ha prodotto effetti positivi che hanno portato alla risoluzione dei sintomi; questa misura è stata riferita essere completamente efficace dal 47,4% dei portatori che aveva attuato questa strategia di risposta. In alternativa, le gocce umettanti sono state valutate come in grado di offrire una completa liberazione dai sintomi dal 22,3% dei portatori e le lacrime artificiali da un trascurabile 4,9% di coloro che le usano. Questo lascia senza dubbio spazio per un miglioramento in termini di efficacia di trattamento per la secchezza oculare correlata all uso delle lenti a contatto. Come può un medico prevedere o evitare la secchezza lente-correlata nei propri pazienti che fanno uso di lenti a contatto? In primo luogo dobbiamo capire i vari fattori che possono influenzare o causare sensazioni di secchezza sulla superficie oculare, con o senza le lenti a contatto. Figura 5. Grafico dell alleviamento dei sintomi riferito di portatori di lenti a contatto che gestiscono i sintomi della secchezza con un autotrattamento. 22

5 Fattori dai quali origina la secchezza legata alle LC Caffè ed alcool Età Farmaci Sesso Palpebre Tipo di lente Uso del computer Ambiente Smog e fumo Guida Tabella 2. Fattori dai quali origina la secchezza legata alle LC. Fattori che influiscono sulla secchezza LC- correlata I portatori lenti a contatto nel nuovo millennio conducono una vita dove molteplici fattori in ambito professionale e nello stile di vita possono esercitare un impatto negativo sul comfort percepito con le lenti a contatto. Come gruppo, i portatori di lenti a contatto, rispetto ai decenni precedenti, diventano più vecchi, tengono le lenti per intere giornate, possono vivere o lavorare in ambienti particolarmente secchi e fanno un maggiore uso di farmaci da banco che hanno tra gli effetti collaterali a carico dell occhio quello di comportare secchezza. Devono sicuramente compiere tragitti più lunghi per recarsi al lavoro, bevono più caffè e altre bevande a base di caffeina, viaggiano più spesso in aereo e trascorrono molte più ore davanti allo schermo di un computer per lavoro e semplice divertimento rispetto ai portatorii degli Anni Ottanta e Novanta (Tab. 2). Tutti questi fattori possono portare chi utilizza le lenti a contatto a provare sensazioni di secchezza oculare. Se l aria esterna diventa sempre più inquinata, la qualità dell aria degli ambienti chiusi peggiora anche se è molto più condizionata. Gli occhi dei portatori subiscono una sorta di bombardamento ad opera di fattori che possono renderne la superficie tutt altro che ideale per l uso delle lenti a contatto. L uso autoriportato di farmaci tra i portatori di lenti a contatto che hanno effetti collaterali connessi alla secchezza oculare desunto dal nostro studio del 1998 è indicato nella tabella 3 2. Da quella data in poi, una vasta gamma di farmaci di largo consumo è giunta sul mercato delle prescrizioni o dei farmaci da banco, incluso la loratidina (ad es. Claritin) per il trattamento con farmaci di automedicazione delle allergie. Gli antistaminici e composti analoghi da banco sono noti per espletare effetti di secchezza sulla superficie oculare, causa di un aumento dei sintomi. Questi farmaci vengono utilizzati da milioni di portatori e secondo l IMS Health s World Review hanno rappresentato nel 2000 un mercato globale di oltre 2,9 miliardi di sterline ( ). Molto spesso i portatori non hanno altra scelta che l uso stagionale di antistaminici orali quando portano le lenti a contatto se scelgono di farne uso a tempo pieno nonostante possano aggravare i sintomi di secchezza. Anche l assunzione di antidepressivi è in aumento tra gli adulti. L IMS Health s World Review dichiara che gli antidepressivi costituiscono la terza più ampia classe di farmaci venduti, pari a 7 miliardi di sterline ( ) in totale, con una crescita del 18% rispetto all anno scorso. Inoltre, i portatori di lenti a contatto meno giovani, molti dei quali ora hanno ormai superato i quarant anni ma continuano a fare un uso continuo delle lenti a contatto, hanno maggiori probabilità di utilizzare la pletora di agenti farmacologici disponibili per trattare condizioni legate all avanzare dell età, come i farmaci per la terapia ormonale sostitutiva nelle donne, diuretici o farmaci per il trattamento dell ipertensione negli uomini. Anche la quantità di tempo che i portatori di lenti a contatto trascorrono davanti allo schermo del computer è enormemente aumentata negli ultimi anni. L uso del computer riduce la frequenza dell ammiccamento oculare (blink rate), determinando una secchezza della superficie delle lenti e la sequela di discomfort che ne consegue. Nel nostro studio svolto su portatori non selezionati, abbiamo riscontrato che il 26,4% dei porta- Tabella 3. Uso di farmaci autoriportato dai portatori di lenti a contatto. Farmaco % di portatori di LC Antistaminici orali 35,6% Contraccettivi orali 15,2% (di femmine) Antidepressivi 6,4% Farmaci per la tiroide 3,9% 25

6 1. Per quante ore al giorno porta le lenti? ore 2. Per quante ore al giorno sente le lenti confortevoli? ore 3. In una settimana tipo, con che frequenza sente il bisogno di togliere le lenti prima del momento stabilito a causa di una sensazione di secchezza? Mai Raramente Frequentemente Quasi ogni giorno 4. Domande sulla SECCHEZZA OCULARE: a. Durante un giorno tipo della scorsa settimana, con che frequenza ha sentito di avere gli occhi secchi mentre portava le lenti? 1. Mai (saltare alla domanda 4) 2. Raramente Frequentemente Costantemente Quando ha sentito di avere gli occhi secchi, quanto era intensa questa sensazione di secchezza mentre portava le lenti b. Entro le prime due ore dopo aver messo le lenti? Affatto Molto Non Intenso Intenso sono sicuro c. Alla fine del tempo di porto? Affatto Molto Non Intenso Intenso sono sicuro Le è stato detto che lei ha gli occhi secchi? Sì No 5. Lei ritiene di avere gli occhi secchi? Sì No Risposte con punteggio : di seguito sono indicate risposte che possono indicare secchezza correlata all uso delle lenti a contatto. Q1+2: Ore di porto Ore di porto confortevole < 2 ore Q3: Frequentemente o Quasi ogni giorno Q4a: Frequentemente o Costantemente Q4b,c: 4 o 5 Q5 o 6 Sì Figura 6. Domande di screening per la secchezza oculare legata all uso delle lenti a contatto. tori di lenti a contatto usava il computer per più di 6 ore al giorno per lavoro oltre all uso del computer per attività ricreative. La penetrazione di personal computer per uso domestico, dispositivi mobili di trattamento dei dati personali e telefoni cellulari con schermi per l inserimento di dati o testo ha fatto registrare una crescita esponenziale negli ultimi anni nel mercato del Regno Unito. Secondo le recenti statistiche dell Organization of Economic Cooperation and Development, ad esempio, la proporzione di famiglie nel Regno Unito con un computer per uso domestico è salita dal 38,0 al 65,3 per cento nel periodo tra il 2000 e il Il tempo trascorso utilizzando il computer per attività di svago è probabilmente salito in modo proporzionale. La migliore strategia dei professionisti A causa dei cambiamenti intervenuti in questi fattori legati allo stile di vita che possono ridurre le possibilità di utilizzare con successo le lenti a contatto di una persona, proponiamo che gli specialisti avviino una discussione esplorativa più attiva sui sintomi della superficie oculare nell ambito della loro anamnesi (case history) di routine per i portatori di lenti a contatto nuovi e attuali. Per illustrare come tracciare una storia clinica rivelatrice più orientata ai problemi, andiamo ad esaminare un problema di vision care analogo, ovvero la presbiopia. Se un paziente emmetrope di 40 anni si sottopone ad un esame della vista senza disturbi della visione, quanti professionisti si lascerebbero sfuggire l opportunità di consigliare il paziente sul cambiamento dall effetto ostacolante nella visione per vicino di una persona? La risposta è che pochissimi di noi si lascerebbero sfuggire questa opportunità. Disponendo di un ricco patrimonio di conoscenza già acquisito del processo di presbiopia e degli strumenti con i quali trattarla (anche se al momento non è richiesto alcun trattamento), il professionista discuterà solitamente della condizione perché il paziente trarrà beneficio dal sapere che cosa accadrà alla sua visione nel prossimo futuro. La conoscenza da parte del paziente ridurrà le sue preoccupazioni e lo stimolerà a ricercare il trattamento quando la riduzione della visione per vicino diventa fastidiosa. Analogamente, se i professionisti hanno acquisito familiarità con la conoscenza della secchezza oculare correlata all uso delle lenti ed hanno dimestichezza con le efficaci opzioni disponibili per il trattamento di quei portatori di lenti a contatto (ossia, materiali per le lenti a contatto con una maggiore azione lubrificante, sistemi di cura non tossici, sostituti lacrimali) con ogni probabilità saranno più propensi ad avviare una discussione guidata sui sintomi della secchezza oculare con i 26

7 loro portatori di lenti a contatto. Oggi sono già disponibili o giungeranno presto sul mercato materiali per le lenti a contatto morbide progettati con proprietà fisiche volte ad alleviare o ridurre i sintomi di secchezza in molti portatori di lenti a contatto. I sintomi che possono in passato aver posto un problema alquanto ostico possono ora venire trattati in modo efficace, rafforzando il valore dell eye care di routine del paziente. È ora giunto il momento per i professionisti di rinnovare la proprie abilità diagnostiche rispetto alla secchezza oculare correlata alle lenti a contatto. Come esaminare i portatori che accusano problemi di secchezza oculare LC-correlata? Con le orecchie! Paradossalmente, i portatori di lenti a contatto che riportano sintomi frequenti o intensi di secchezza oculare non sembrano essere pazienti con un quadro patologico da occhio secco. Molto spesso non mettono neppure in evidenza una superficie della lente che si asciuga rapidamente tra un ammiccamento e l altro come misurato dai tempi di rottura (o break up time) del film lacrimale non invasivi. Un esame di routine approfondito delle lenti a contatto rivelerà che la maggior parte dei portatori di lenti a contatto sintomatici ha un adeguata scorta di lacrime, non evidenzia infiammazioni esplicite e non mostra segni significativi di danneggiamento della superficie oculare. Situazioni che sarebbero presenti anche in pazienti con occhio secco di grado moderato e che non portano lenti a contatto. I test clinici standard che vengono utilizzati per diagnosticare un occhio secco patologico come il test Schirmer, l altezza del prisma delle lacrime, o il grado di punteggiatura (o staining) corneale con instillazione di fluoresceina non si correlano perfettamente ai sintomi accusati dai soggetti che soffrono di secchezza oculare 6. Poiché la secchezza oculare connessa all uso delle lenti a contatto è un problema che evidenzia pochi segni clinici, il medico deve fare domande ed ascoltare, anziché cercare, la secchezza associata all uso delle lenti a contatto fra i suoi attuali portatori di lenti a contatto. Quando i segni clinici rientrano nei normali limiti, i sintomi che eccedono i valori normali devono essere considerati il segno della secchezza oculare correlata alle lenti a contatto. I ricercatori che hanno studiato i test più comunemente utilizzati per la diagnosi dell occhio secco, hanno riscontrato che l anamnesi è stata in assoluto più spesso usata dagli esperti nel campo dell occhio secco e dai professionisti sanitari in un ampia gamma di contesti in ambito di health care 7,8. L anamnesi è stata utilizzata, in questo caso, per analizzare i sintomi, tuttavia, non è stata standardizzata o facilmente quantificata in relazione al fatto se i sintomi fossero normali o anomali, il che complica lo sforzo diagnostico. Proponiamo di usare una breve serie di domande per aprire la discussione sulla secchezza correlata all uso delle lenti a contatto. Le risposte fornite a tali domande aiuteranno a determinare se i portatori potrebbero o meno trarre beneficio da un piano di trattamento mirato alla riduzione dei sintomi della secchezza oculare come priorità di trattamento. La figura 6 riporta alcune domande raccomandate che aiuteranno ad individuare i portatori che Punti chiave della secchezza oculare correlata all uso delle lenti oculari 1 - Esaminare i pazienti con secchezza oculare correlata all uso delle lenti a contatto essenzialmente con le orecchie! 2 - I pazienti che accusano sintomi ma non ricevono alcun trattamento rappresentano una esigenza insoddisfatta 3 - Chiedere ai pazienti il numero di ore di porto confortevole delle lenti rispetto alle ore di porto totali 4 - Il 55% dei portatori di LC accusa sintomi attivati da cause quali fumo, riscaldamento centralizzato o aria condizionata 5 - Il 56% dei portatori di LC allevia i sintomi della secchezza oculare togliendo le lenti 6 - I portatori di lenti a contatto sono più vecchi, assumono più farmaci, trascorrono più tempo davanti al computer rispetto al passato. Nuove esigenze richiedono nuovi trattamenti! Tabella 4. Riepilogo. 28

8 potrebbero trarre vantaggio da trattamenti volti a risolvere i loro problemi di secchezza oculare correlata all uso delle lenti a contatto. Queste domande includono l interrogazione sul numero di ore tipo di uso confortevole delle lenti rispetto al numero di ore di porto effettivo delle lenti ogni giorno. Un disaccordo di oltre 2 ore (ore di porto totali meno ore di porto confortevole) indica un paziente che lotta per riuscire a portare le lenti verso la fine della giornata. Suggeriamo inoltre di sondare il grado di intensità dei sintomi percepiti alla fine della giornata dal momento che sono stati spesso riportati da portatori che hanno globalmente descritto se stessi avere occhi secchi, nonostante i loro professionisti sanitari non avessero diagnosticato loro l occhio secco. Conclusioni I punti chiave della secchezza oculare legata all uso delle lenti a contatto sono riepilogati nella tabella 4. Molti portatori di lenti a contatto sintomatici si presentano all esame eye care con occhi apparentemente normali ma che accusano sintomi di discomfort e secchezza, specialmente a fine giornata. Sintomi fastidiosi interessano circa la metà dei portatori di lenti a contatto morbide e possono essere trattati con lenti progettate per ridurre i sintomi di secchezza e scelte oculate della cura delle lenti a contatto. Con un nuovo modo di pensare e poche semplici domande, gli specialisti possono cominciare a porre in sintonia i loro esami delle lenti a contatto e produrre raccomandazioni per essere in grado di sfruttare tutti gli strumenti a loro disposizione per aiutare i loro pazienti che accusano sintomi di secchezza oculare correlata all uso delle lenti a contatto. Il portatore noterà certamente la cura extra fornita ed è probabile che rimanga un portatore di lenti a contatto per molto più tempo. Bibliografia 1. In the News: CIBA Vision study on soft contact lens dropouts. Optom Vis Sci 2004;81(11) Begley CG, Chalmers RL, Mitchell GL, Nichols KK, Caffery BA, Simpson T, DuToit R, Portello J, Davis L. Characterization of ocular surface symptoms from optometric practices in North America. Cornea 2001;20(6): Chalmers RL, Begley CG, Edrington T, Caffery B, Nelson JD, Snyder C, Simpson T. The Agreement between Self-Assessment and Clinician Assessment of Dry Eye Severity. Cornea In Press Pritchard N, Fonn D, Brazeau D. Discontinuation of contact lens wear. Int Contact Lens Clin. 1999;26: Young G, Veys J, Pritchard N, Coleman S. A multi-centre study of lapsed contact lens wearers. Ophthal Physiol Opt 2002;22: Begley, CG, Chalmers RL, Abetz L, Venkataraman K, et al. The Relationship Between Habitual Patient-Reported Symptoms and Clinical Signs Among Patients with Dry Eye of Varying Severity. Invest Ophthalmol Vis Sci 2003;44:11; Korb DR. Survey of preferred tests for diagnosis of the tear film and dry eye. Cornea 2000;19(4): Nichols KK, Nichols JJ, Zadnik K. Frequency of dry eye diagnostic test procedures used in various modes of ophthalmic practice. Cornea 2000;19(4): Prima pubblicazione su Optician: :229 31

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

Per rendere noto come questa patologia sia limitante per chi ne soffre, è stato realizzato uno studio per valutare la Qualità della Vita

Per rendere noto come questa patologia sia limitante per chi ne soffre, è stato realizzato uno studio per valutare la Qualità della Vita Epidemiologia della Disfunzione Lacrimale Per Disfunzione Lacrimale (DL) si intende una malattia multifattoriale delle lacrime e della superficie oculare che porta a sintomi di discomfort 1 oculare, disturbi

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Atrial Fibrillation Study - Italy Study conducted by Opinion Health

Atrial Fibrillation Study - Italy Study conducted by Opinion Health Atrial Fibrillation Study - Italy Study conducted by Opinion Health Obiettivi Valutare il livello di awareness della FA e dei sintomi Comprendere l impatto della FA e del trattamento sulla qualità di vita

Dettagli

Il programma si compone di due ricerche internazionali sulle valutazioni legate all assistenza degli individui affetti da tali patologie.

Il programma si compone di due ricerche internazionali sulle valutazioni legate all assistenza degli individui affetti da tali patologie. Keeping Care Complete Sintesi dei risultati internazionali Keeping Care Complete ha l obiettivo di esaminare e creare consapevolezza circa le questioni emotive e sociali associate al trattamento e all

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C ALLEGATO 5 Cod. paz.: Data compilazione / / Centro Clinico QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C Lo scopo di questa ricerca è quello di comprendere meglio i problemi legati all assunzione

Dettagli

Dry eye è il termine inglese utilizzato per indicare la Sindrome da occhio secco, ipolacrimia o cheratocongiuntivite secca.

Dry eye è il termine inglese utilizzato per indicare la Sindrome da occhio secco, ipolacrimia o cheratocongiuntivite secca. Dry eye è il termine inglese utilizzato per indicare la Sindrome da occhio secco, ipolacrimia o cheratocongiuntivite secca. È una malattia cronica della superficie oculare a origine multifattoriale caratterizzata

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

L asma non va in vacanza

L asma non va in vacanza L asma non va in vacanza Non dimenticare di controllare ASMA e RINITE allergica anche d estate A cura della Merck Sharp & Dohme (Italia) S.p.A.Via G. Fabbroni, 6-00191 Roma www.msd-italia.it www.univadis.it

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

Meglio informati sull occhio secco

Meglio informati sull occhio secco Meglio informati sull occhio secco Quelli con l arcobaleno Iride Strato lipidico Strato acquoso Strato di mucina Pellicola lacrimale Cristallino Pupilla Cornea Ghiandole di Meibomio L occhio secco I suoi

Dettagli

Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri,

Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri, 1. RESPONSABILE 1. CHE COSA È L AUTOMEDICAZIONE RESPONSABILE Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri, come tosse, raffreddore, stitichezza: disturbi che conosciamo bene,

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI Stefano Miglior Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico Concetti fondamentali E una malattia estremamente particolare caratterizzata da una progressione lenta ma continua verso la perdita della funzione

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione 106 22. Il pianto Sessione 22 IL PIANTO Introduzione Molte madri cominciano a dare aggiunte inutili perché il loro bambino piange. Tuttavia le aggiunte spesso non fanno piangere di meno un bambino, che

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Tesi di laurea La Sclerosi Multipla: disturbi cognitivi, dell'umore e d'ansia Relatore Prof.ssa

Dettagli

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore Informazioni per i pazienti Breve introduzione generale Sala di risveglio centrale Nel laboratorio di ricerca La clinica universitaria di anestesiologia

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA

Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 29 ottobre 2013 A cura di Metodologia e campione di ricerca Campione: Sono state intervistate 1.000

Dettagli

Denominazione del medicinale STILLA DECONGESTIONANTE 0,05% collirio, soluzione Tetrizolina Cloridrato

Denominazione del medicinale STILLA DECONGESTIONANTE 0,05% collirio, soluzione Tetrizolina Cloridrato PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo e un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che potete usare per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014 K N O W L E D G E F O R Waste Watcher - Knowledge for Expo Expo Milano Ottobre 2014 Waste Watcher 2014 / Knowledge for Expo L osservatorio sullo spreco domestico Waste Watcher è promosso da Last Minute

Dettagli

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana L OCCHIO SECCO

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana L OCCHIO SECCO IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana L OCCHIO SECCO CAMPAGNA DI INFORMAZIONE DI SANITA' PUBBLICA SULLE MALATTIE CHE CAUSANO CECITA' O IPOVISIONE NELL'AMBITO DI PROGRAMMI

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2

Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2 Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2 11 Indice. Piano strategico. Pag. 13 Farsi la diagnosi con gli Alberi Decisionali (Algoritmi). Pag. 15 12 Piano strategico. Alla luce di quanto esposto fino ad ora,

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana

Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana Progetto Linguaggi PASSEPARTOUT POR Toscana Ob. -Competitività regionale e occupazione FSE 007 013 Asse IV Capitale umano A.D. 174 del 30.06.010

Dettagli

Casi pratici di comunicazione per il farmacista

Casi pratici di comunicazione per il farmacista Casi pratici di comunicazione per il farmacista 1 Premessa e Punti di vista Un futuro farmacista viene addestrato, ma vuol dire la sua opinione La storia Farmacia lunedì mattina ore 8.15 Buon giorno. Si

Dettagli

AGGIORNAMENTI UROLOGICI PER IL MEDICO DI MG DATA E SEDE

AGGIORNAMENTI UROLOGICI PER IL MEDICO DI MG DATA E SEDE SEZIONE PROVINCIALE BARI AGGIORNAMENTI UROLOGICI PER IL MEDICO DI MG DATA E SEDE 09 Febbraio 2013 HOTEL SHERATON ROMA Viale del Pattinaggio, 100 00144 ROMA PROGRAMMA ORE 08,00 REGISTRAZIONE DEI PARTECIPANTI

Dettagli

La relazione presenta quanto emerso dalla prima indagine condotta sugli utenti della Biblioteca Isimbardi.

La relazione presenta quanto emerso dalla prima indagine condotta sugli utenti della Biblioteca Isimbardi. INTRODUZIONE La relazione presenta quanto emerso dalla prima indagine condotta sugli utenti della Biblioteca Isimbardi. Nel corso di alcuni mesi del 2008 sono state distribuite delle schede anonime, da

Dettagli

8 Elementi di Statistica

8 Elementi di Statistica 8 Elementi di Statistica La conoscenza di alcuni elementi di statistica e di analisi degli errori è importante quando si vogliano realizzare delle osservazioni sperimentali significative, ed anche per

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER LA LASERVITREOLISI DEI CORPI MOBILI VITREALI

CONSENSO INFORMATO PER LA LASERVITREOLISI DEI CORPI MOBILI VITREALI SIG... CONSEGNATO IL... FIRMA... Gentile Signora, Signore, Lei soffre di una affezione del vitreo responsabile dei suoi disturbi visivi. Questa scheda contiene le informazioni sul trattamento che Le è

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

La Regione Toscana contro il dolore. Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino

La Regione Toscana contro il dolore. Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino La Regione Toscana contro il dolore Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino Indice Insieme per curare il dolore inutile Misurare il dolore Controllare il dolore La morfina non è una

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG

STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG Marco Musella Italian Health Literacy Project (HLP-IT) DAOSan - Master Universitario di II Livello In Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni

Dettagli

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006)

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006) Stress sul posto di lavoro: segnali e cause Check list personale (Versione 02.2006) Questa check list la aiuterà a identificare lo stress vissuto personalmente e a deteminarne le cause. Poi, sulla base

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA Che cos è? Campagna informativa per la prevenzione delle malattie oculari che possono compromettere la visione

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Il datore di lavoro Sandra Meier La signora F. è impiegata nella nostra azienda al servizio clienti. Lavora alla Helsana da oltre 20 anni. L ho conosciuta nel 2006 al

Dettagli

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO Impatto sulla Medicina Generale SCOPI DEGLI SCREENING ONCOLOGICI Uno screening è un esame sistematico della popolazione per individuare le persone affette da una

Dettagli

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Fonte: Nancy M. Watson, Thelma J. Wells, Christopher Cox (1998) Terapia con sedia a dondolo in pazienti

Dettagli

Engagement Survey, condotta su un campione di oltre 1.000 pazienti italiani.

Engagement Survey, condotta su un campione di oltre 1.000 pazienti italiani. Insight Driven Health I pazienti affetti da malattie croniche sembrano convinti che la possibilità di poter alle proprie cartelle cliniche digitali valga più delle loro preoccupazioni sui rischi per la

Dettagli

I derivati «tossici» della Regione Veneto Jacopo Berti

I derivati «tossici» della Regione Veneto Jacopo Berti I derivati «tossici» della Regione Veneto Jacopo Berti I mutui originari Nel marzo 2006 la Regione Veneto, aveva debiti con le banche per oltre un miliardo di euro; tra gli altri, aveva due prestiti obbligazionari:

Dettagli

Sondaggio sull'esperienza dei pazienti in merito all'assistenza sanitaria di base [NAME OF OFFICE/CLINIC] SONDAGGIO SULL'ESPERIENZA DEI PAZIENTI

Sondaggio sull'esperienza dei pazienti in merito all'assistenza sanitaria di base [NAME OF OFFICE/CLINIC] SONDAGGIO SULL'ESPERIENZA DEI PAZIENTI Sondaggio sull'esperienza dei pazienti in merito all'assistenza sanitaria di base [NAME OF OFFICE/CLINIC] SONDAGGIO SULL'ESPERIENZA DEI PAZIENTI Lei è invitato a prendere parte a questo sondaggio perché

Dettagli

Esiste un legame. tra il sonno e la mia salute dentale? Nuovo sistema di diagnosi e trattamento per l'apnea del sonno e la roncopatia

Esiste un legame. tra il sonno e la mia salute dentale? Nuovo sistema di diagnosi e trattamento per l'apnea del sonno e la roncopatia Esiste un legame tra il sonno e la mia salute dentale? Nuovo sistema di diagnosi e trattamento per l'apnea del sonno e la roncopatia I disturbi del sonno Il sonno è talmente importante che gli esseri umani

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli

La Cheratocoagulazione Radiale

La Cheratocoagulazione Radiale La Cheratocoagulazione Radiale Author: Marco Abbondanza La Stampa Medica Europea, vol. 8, no. 2. 1988 RIASSUNTO L autore illustra una nuova metodica di chirurgia refrattiva, la cheratocoagulazione capace

Dettagli

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori NOVITà Indicazione pediatrica Guida per i genitori Che cos è la vaccinazione antiallergica? 3 n Rinocongiuntivite allergica: una condizione diffusa 3 n La vaccinazione antiallergica 4 Che cos è GRAZAX?

Dettagli

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare

Dettagli

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA PREVALENZA DELLE PIU COMUNI PATOLOGIE UROLOGICHE E DEL LORO IMPATTO SULLA QUALITA DI VITA IN PAZIENTI

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA PREVALENZA DELLE PIU COMUNI PATOLOGIE UROLOGICHE E DEL LORO IMPATTO SULLA QUALITA DI VITA IN PAZIENTI STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA PREVALENZA DELLE PIU COMUNI PATOLOGIE UROLOGICHE E DEL LORO IMPATTO SULLA QUALITA DI VITA IN PAZIENTI SOTTOPOSTI A DIALISI. Introduzione 2 Obiettivo dello studio 4 Materiali

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

Per Approfondire. {tab=a cosa serve} Le lac correggono gli stessi difetti di vista correggibili occhiali: Miopia; Ipermetropia; Astigmatismo;

Per Approfondire. {tab=a cosa serve} Le lac correggono gli stessi difetti di vista correggibili occhiali: Miopia; Ipermetropia; Astigmatismo; - Che cosa è: una lente a contatto (lac) è un disco di plastica sottile e trasparente capace di galleggiare sulla superficie oculare. - Che cosa aspettarsi: le lac correggono la vista al pari degli occhiali,

Dettagli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli ORIENTARE GLI ORIENTATORI di Andrea Cammelli N egli ultimi anni abbiamo cominciato ad occuparci sempre più spesso di orientamento, portando la preziosa esperienza accumulata dal Consorzio Interuniversitario

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 Direttore dott A. Scialdone INFORMAZIONE SUL TRATTAMENTO DI CROSS- LINKING CORNEALE ( TERAPIA FOTODINAMICA CORNEALE) PER IL CHERATOCONO E PATOLOGIE ECTASICHE

Dettagli

Rosacea. Nemica per la pelle. Domande e risposte sulla rosacea

Rosacea. Nemica per la pelle. Domande e risposte sulla rosacea Rosacea Nemica per la pelle Domande e risposte sulla rosacea CHE COS È LA ROSACEA? La rosacea è un infiammazione cronica della cute del volto che può manifestarsi in diverse forme più o meno acute con

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Cataratta

Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Cataratta Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Cataratta Rimini, 21-23 Novembre 2014 Agenda Obiettivi del Dipartimento L innovazione nella chirurgia della cataratta L accesso all innovazione

Dettagli

DIRITTI E DELLE RESPONSABILITÀ

DIRITTI E DELLE RESPONSABILITÀ CARTA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI E DELLE RESPONSABILITÀ DELLE PERSONE AFFETTE DA DIABETE Federazione Internazionale del Diabete INTRODUZIONE Il diabete rappresenta una vera sfida nel campo della sanità

Dettagli

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS Pag. 1/4 Cognome Nome Nato/a il N.B. Il presente modulo informativo deve essere firmato per presa visione e riconsegnato al sanitario che propone/esegue la procedura di seguito descritta. Questo modulo

Dettagli

L utilizzo del cloud nel web marketing. for

L utilizzo del cloud nel web marketing. for L utilizzo del cloud nel web marketing 2 Cos è il Cloud Computing? Web Internet Cloud Il cloud computing è una nuova concezione di infrastruttura, ovvero il complesso ambiente di server dove risiedono

Dettagli

CICLO DELLE PRENOTAZIONI

CICLO DELLE PRENOTAZIONI CICLO DELLE PRENOTAZIONI UNA SFIDA ANTICA Quando nuove tecnologie raggiungono un alto livello di diffusione, si aprono solitamente nuovi campi di applicazione. La combinazione della diffusione della Telefonia

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Tedesco Livello principiante intermedio avanzato A1 B2

Tedesco Livello principiante intermedio avanzato A1 B2 Livello principiante intermedio avanzato A1 B2 Questo foglio informativo contiene la lista dei corsi a frequenza settimanale. Per questi livelli vi proponiamo inoltre un gran numero di corsi intensivi.

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain State cercando di migliorare la gestione della supply chain della vostra organizzazione? Mappare i processi rappresenta una modalità

Dettagli

Studio di ricerca clinica sul dolore da endometriosi. Il dolore che Lei sente è reale... anche se gli altri non possono vederlo.

Studio di ricerca clinica sul dolore da endometriosi. Il dolore che Lei sente è reale... anche se gli altri non possono vederlo. Studio di ricerca clinica sul dolore da endometriosi Il dolore che Lei sente è reale... anche se gli altri non possono vederlo. A822523 Lo studio SOLSTICE verrà condotto in circa 200 centri di ricerca

Dettagli

Report - ESPERIENZA PRATICA NELL APPLICAZIONE DI DERMASILK SU BAMBINI CON DERMATITE ATOPICA

Report - ESPERIENZA PRATICA NELL APPLICAZIONE DI DERMASILK SU BAMBINI CON DERMATITE ATOPICA Report - ESPERIENZA PRATICA NELL APPLICAZIONE DI DERMASILK SU BAMBINI CON DERMATITE ATOPICA Dr. Kristin Kernland Lang, Dirigente Medico e Consulente di Dermatologia pediatrica, Clinica Dermatologica Universitaria,

Dettagli

DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: prof. Paolo Perri IL GLAUCOMA OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: prof. Paolo Perri IL GLAUCOMA OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: prof. Paolo Perri IL GLAUCOMA OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo ha lo scopo di informarla

Dettagli

FAR AVANZARE LE DONNE E LE MINORANZE SOTTORAPPRESENTATE NELLE FACOLTA -UNIVERSITA DEL MICHIGAN. Abigail J. Stewart, University of Michigan

FAR AVANZARE LE DONNE E LE MINORANZE SOTTORAPPRESENTATE NELLE FACOLTA -UNIVERSITA DEL MICHIGAN. Abigail J. Stewart, University of Michigan FAR AVANZARE LE DONNE E LE MINORANZE SOTTORAPPRESENTATE NELLE FACOLTA -UNIVERSITA DEL MICHIGAN Abigail J. Stewart, University of Michigan Aspetto centrale di ogni sforzo per un cambiamento Credere che

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari La Regione Toscana aveva previsto nel PEZ (Piano Educativo Zonale) 2013/ 2014 al Punto

Dettagli

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Marzo 2014 OrphaNews Italia Questionario di Gradimento www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Indice Introduzione... 3 Metodologia... 3 Conclusioni... 14 Ringraziamenti... 15 Questionario

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

www.moneyriskanalysis.com

www.moneyriskanalysis.com Questa settimana mi limito a riepilogare l analisi quantitativa e a commentare alcuni grafici. Del resto la trimestrali pubblicata la scorsa settimana è ricca di considerazioni e analisi utili a pianificare

Dettagli

ANALISI DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE FORNITI AI PAZIENTI CON MALATTIA DI HUNTINGTON (ASADMDH)

ANALISI DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE FORNITI AI PAZIENTI CON MALATTIA DI HUNTINGTON (ASADMDH) 1 ANALISI DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE FORNITI AI PAZIENTI CON MALATTIA DI HUNTINGTON (ASADMDH) Gentile Signora/e, Gioia Jacopini*, Paola Zinzi**, Antonio Frustaci*, Dario Salmaso* *Istituto di

Dettagli

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64.

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64. 1 PROPOSTA PROGETTUALE.. CORSO di RISPARMIO ENERGETICO PREMESSA Il presente progetto rappresenta una proposta formativa il cui obiettivo è sensibilizzare i bambini verso una nuova consapevolezza di rispetto

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica La Desensibilizzazione o Immunoterapia Allergene specifica Le allergie interessano il 25% della popolazione italiana e raggiungeranno 1 persona su 2 entro il 2010 La ragione di questo aumento è in parte

Dettagli

Il questionario è stato preparato

Il questionario è stato preparato PRIMO CONFRONTO DEGLI INDICATORI DEMOGRAFICI, FINANZIARI E DEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROFESSIONE Indagine Fve sulla professione medico veterinaria in Europa Le opinioni di oltre 13.000 veterinari provenienti

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini Vorrei ringraziare per questo invito. Sono molto lieto di essere in questa sala in cui sono stato circa quattro anni fa, presentando con altri

Dettagli

Cos è la cefalea cronica quotidiana?

Cos è la cefalea cronica quotidiana? Lifting The Burden Campagna mondiale di informazione per la lotta contro la cefalea Cos è la cefalea cronica quotidiana? Cos'è la cefalea cronica quotidiana? "Ho iniziato ad avere mal di testa che comparivano

Dettagli

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA OPUSCOLO CON INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo

Dettagli