CORSO A CATALOGO Corso ID: Corso di specializzazione in modellazione ed animazione 3D con CATIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO A CATALOGO - 2012 - Corso ID: 10430 - Corso di specializzazione in modellazione ed animazione 3D con CATIA"

Transcript

1 CORSO A CATALOGO 2012 Corso ID: 1040 Corso di specializzazione in modellazione ed animazione D con CATIA Dati principali ID Odf: 164 Nome organismo: Tipo organismo: ID Corso: Titolo corso: EUROLINK S.R.L. Odf accreditato o Agenzie abilitate 1040 Corso di specializzazione in modellazione ed animazione D con CATIA Tipologia corso: Link web dettaglio Master: Master di 1 livello o 2 livello: Indirizzo del Master: Area settoriale Area Tematica: Obiettivi formativi: Risultati attesi: Corsi di specializzazione TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE Gestione della progettazione e dello sviluppo/erogazione di nuovi prodotti e servizi Il corso è finalizzato all'acquisizione di tecniche pratiche, base ed avanzate, di modellazione e animazione D da impiegare nel campo della produzione e in ambito industriale. Sarà finalizzato a trattare e realizzare elaborazioni di computer graphics nel campo delle superfici in una ottica automobilistica e di beni di consumo. Si intende formare una figura professionale specializzata nell ideazione, modellazione e animazione di oggetti, ambienti ed effetti, realizzati con tecnologie digitali, capace di operare in diversi settori: produzione industriale, controllo del ciclo di vita del prodotto, sistemi multimediali e nelle strutture produttive in cui si sviluppano modelli e animazioni finalizzati alla simulazione: Industrial e Transportation Design, Architettura, medicina, applicazioni scientifiche e legali. Dall'architettura al design industriale e navale, dalla biomeccanica alla pubblicità, pensare in D è ormai necessario, è vitale. Possono essere interessati tutti coloro che: 1.lavorano nel settore e che desiderano aggiornarsi ovvero riqualificarsi professionalmente, 2.intendono trovare impiego come Modellisti prototipisti e che desiderano aumentare la possibilità di trovare un rapido inserimento lavorativo,.i laureati che desiderano completare e approfondire la loro formazione nel settore, per aumentare la possibilità di trovare impiego nel settore; 4.gli Hobbisti che desiderano fare sul serio per sviluppare al meglio in loro progetti. Al termine del corso i beneficiari formati saranno in grado di utilizzare le funzionalità del software Catia V5 e, più precisamente, avranno acquisito conoscenze e skills riguardanti: la creazione di parti D Solid Mode; la manipolazione di parti in un contesto di assieme correlato; l'integrazione tra ambiente D e 2D; la produzione di messe in tavole bidimensionali; l'interscambio dati con altri sistemi; le tecniche di creazione Sketches; le tecniche di modellazione di parti; le tecniche di creazione di assiemi; le tecniche per la realizzazione di superfici; I sistemi moderni di progettazione e produzione; La Visione integrata dei processi di gestione del ciclo di vita del prodotto ed il ruolo dei sistemi CAD. Inoltre saranno in grado di effettuare l integrazione tra sistemi CAD e CATIA V5, distinguendo le prerogative di ogni software. Fabbisogni formativi: L analisi delle competenze tecnicostrumentali individuate dalle imprese per le figure professionali che prevedono di assumere, evidenzia alcune importanti caratteristiche dell economia provinciale, rispetto agli assetti attuali e agli sviluppi futuri. Da una parte c è una richiesta di competenze necessarie per governare i processi produttivi automatizzati, dall altra una domanda altrettanto importante di specializzazione nella gestione di specifici strumenti ad elevato contenuto tecnologico. Le competenze segnalate dalle imprese sono in molti casi dettagliate e specifiche, spaziando dalla robotica al cadcam avanzato, dalla conduzione e manutenzione degli impianti automatizzati alla gestione di software specialistico. In fase di progettazione risultano cruciali i tecnici per il disegno tridimensionale e i disegnatori tecnici con conoscenze di software avanzati di supporto al disegno, alla progettazione ed alla renderizzazione. L importanza dello sviluppo di queste competenze tecniche discende dal valore aggiunto che esse possono determinare per favorire l incremento di competitività delle aziende del manifatturiero Pagina 1 di che18 intendono introdurre innovazioni di processo e di prodotto per far fronte al momento economico di crisi in cui si trovano coinvolte.

2 Spendibilità in termini di occupabilità: Innovatività: Follow up: Innovatività metodologie formative: Modalità di valutazione competenze in uscita: L importanza dello sviluppo di queste competenze tecniche discende dal valore aggiunto che esse possono determinare per favorire l incremento di competitività delle aziende del manifatturiero che intendono introdurre innovazioni di processo e di prodotto per far fronte al momento economico di crisi in cui si trovano coinvolte. I beneficiari dell intervento acquisiranno competenze e conoscenze altamente spendibili e potranno cercare una collocazione sia come liberi professionisti che come collaboratori e/o dipendenti presso studi professionali (geometri, architetti e designer), aziende manifatturiere, produttive e di commercializzazione del prodotto. Inoltre potranno trovare collocazione come collaboratori alla riproduzione e alla correzione dei disegni utilizzando il softwarecatia. Possono trovare impiego partecipando alla stesura e alla realizzazione di progetti preliminari e di progetti grafici, ovvero occupandosi della lettura dei disegni. Infine possono trovare impiego in tutte quelle realtà dove è necessario indicare soluzioni operative di gestione dei database collegati ai progetti. La figura professionale trova inserimento anche nel processo produttivo, la cui conoscenza gli permette di incrementarne la professionalità orientandola, nel tempo, verso gli aspetti progettuali. Il livello di innovatività del corso sta nella trattazione del CATIA Versione 5, una delle applicazioni software fondamentali della soluzione PLM, che costituisce la base di una vera integrazione tra persone, tool, metodologie e risorse all interno di un azienda. Il suo particolare modello Prodotto, Processo, Risorsa permette di creare un ambiente pienamente collaborativo che incoraggia la creatività, la condivisione delle conoscenze e lo scambio di definizioni D di prodotto ed aumenta le possibilità di progettazione e renderizzazione rispetto al CadD. La capacità di CATIA di catturare e riutilizzare la conoscenza facilita l implementazione di best practice aziendali di progettazione. Permette inoltre agli utenti finali di concentrarsi su una maggiore creatività ed innovazione. CATIA V5 è la soluzione leader di sviluppo prodotto per tutte le organizzazioni manifatturiere, dalle grandi imprese con le loro catene distributive fino ai piccoli produttori indipendenti. Lo spettro delle sue possibilità permette a CATIA V5 di esser applicato in una gran varietà di settori dell'industria, come quello aerospaziale, quello automobilistico, quello dei macchinari industriali, quello elettrico, quello elettronico, la cantieristica navale, la progettazione di impianti, e quello dei beni di consumo, compresa la progettazione di prodotti come i gioielli, i vestiti, le automobili, le apparecchiature elettriche ed elettroniche. L ente gestore si occuperà, in itinere, di monitorare l andamento del corso ed il livello di apprendimento degli allievi e, laddove si paleseranno scostamenti evidenti tra i livelli di conoscenze progettati e quelli rilevati, saranno effettuate delle azioni di assessment e progettati interventi mirati al superamento delle difficoltà di apprendimento eventualmente emerse. Inoltre, 6 mesi dopo la chiusura del corso, sarà effettuata un azione di followup finalizzata ad evidenziare i livelli occupazionali conseguiti dai beneficiari disoccupati e, se le conoscenze e le competenze apprese, si saranno tradotte in avanzamenti di carriera o in nuove opportunità occupazionali per tutti i beneficiari occupati. Per la rilevazione degli esiti sarà somministrato agli allievi un questionario finalizzato a rilevare la percezione della qualità dell intervento formativo e della utilità dello stesso nella ricerca attiva del lavoro successivamente alla conclusione delle attività formative. Il percorso formativo è composto di moduli didattici progettati con una logica di propedeuticità dettata dall intento di approfondire progressivamente la complessità delle argomentazioni. Accanto ai momenti di lezione tradizionale, integrati da discussioni, in modo da consentire scambi attivi, confronti, interrogazioni reciproche, ci sarà una verifica diretta sul trasferimento dei contenuti, tramite esercitazioni e lavori in sottogruppo, finalizzati ad attivare l appropriazione dei contenuti Le lezioni si svolgeranno in laboratorio informatico e l esperienza d aula vedrà presente oltre al docente anche un tutor d aula. La metodologia prescelta rispecchia l obiettivo ultimo di mantenere costantemente un equilibrio tra il sapere ed il saper fare, tra conoscenze e abilità, tra ingegno e capacità innovative, ai docenti è lasciata la facoltà di alternare le seguenti tipologie formative: Lezione frontale ed Esercitazioni pratiche con software dedicato. Il modulo finale di 70 ore vedrà gli allievi occupati impegnati in aula nella realizzazione un project work: un vero e proprio progetto tecnicoprofessionale personale. I discenti in maniera autonoma o divisi in gruppi e con il supporto del tutor potranno sviluppare la progettazione su SW Catia, applicando e collegando le tecniche, le conoscenze e le competenze acquisite in aula ed esprimendo con metodologia learning by doing le loro potenzialità e risorse. Per gli allievi disoccupati è previsto lo stage aziendale. L apprendimento sarà valutato con verifiche qualitative e quantitative (test strutturati, simulazioni ed esercitazioni) che consentiranno di avere percezione del grado di comprensione e di apprendimento delle tematiche affrontate in aula. Ai docenti è lasciata la libertà di effettuare delle verifiche in itinere e a conclusione di ogni modulo, per verificare il livello di apprendimento degli allievi. A conclusione del corso è previsto il rilascio di un Attestato frequenza in modellazione ed animazione D con CATIA. Il titolo sarà rilasciato a quanti supereranno con esito positivo una verifica finale. La verifica sarà Data ultima modifica 26/07/2012 articolata 18:44:58 in una prova scritta ed una prova orale. Inoltre, è prevista la presentazione Pagina e la 2 di 18 discussione dell elaborato realizzato in fase di project work dagli allievi occupati, mentre gli allievi disoccupati dovranno relazionare sull'esperienza di stage svolta.

3 Settori: Coordinamento interno progetto: Il titolo sarà rilasciato a quanti supereranno con esito positivo una verifica finale. La verifica sarà articolata in una prova scritta ed una prova orale. Inoltre, è prevista la presentazione e la discussione dell elaborato realizzato in fase di project work dagli allievi occupati, mentre gli allievi disoccupati dovranno relazionare sull'esperienza di stage svolta. Attività professionali, scientifiche e tecniche > Attività degli studi di architettura e d'ingegneria; collaudi ed analisi tecniche Attività manifatturiere > Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi Attività manifatturiere > Fabbricazione di macchinari e apparecchiature NCA Attività manifatturiere > Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi Attività manifatturiere > Fabbricazione di altri mezzi di trasporto Attività manifatturiere > Fabbricazione di mobili Attività manifatturiere > Altre industrie manifatturiere Nome Cognome Ruolo Dettaglio attività Telefono GIAN LUCA CAFOLLA Coordinatore Si occuperà della definizione degli aspetti operativi, coordinando le attività per identificare le modalità di lavoro più adatte al raggiungimento degli obiettivi di progetto. Si occuperà di suddividere il progetto in attività e di affidare, ciascuna attività, ad un responsabile di fase. Predisporrà la revisione della pianificazione a fronte di imprevisti sorti nella verifica periodica dell'avanzamento del progetto. Si preoccuperà di verificare il livello di raggiungimento degli obiettivi e la loro traduzione in risultati attesi. Il coordinatore sarà: il punto di riferimento per i problemi che sorgeranno all interno della classe e per le azioni da mettere in atto responsabile della corretta gestione dell aula facilitatore dei rapporti fra i docenti ed ente promotore per l assunzione di responsabilità In rapporto agli alunni: si informerà sulle situazioni a rischio e cercherà soluzioni adeguate in collaborazione con il tutor d aula accoglierà le richieste sollevate dagli allievi manterrà i rapporti con i docenti si occuperà del monitoraggio delle presenze in aula. GIOVANNA BUFALINI Tutor Il percorso sarà seguito da un tutor esperto delle dinamiche relazionali e di gruppo, in grado di presidiare la dimensione di processo della formazione, interagendo con gli uffici amministrativi delle sedi di svolgimento del percorso rispetto alla accoglienza dei partecipanti, alla gestione di esigenze, problemi e regole di eurolink.it infordata.net Pagina di 18

4 Carlo Severini Segreteria organizzativa interagendo con gli uffici amministrativi delle sedi di svolgimento del percorso rispetto alla accoglienza dei partecipanti, alla gestione di esigenze, problemi e regole di comportamento, rilevando il clima d aula, il tipo di partecipazione, il grado di interesse e soddisfazione dei partecipanti, fornendo nel corso dell attività un feedback costante. La segreteria organizzativa svolge le seguenti attività: Gestione della contabilità e degli adempimenti normativi; Controllo economico; Rendicontazione delle spese; Gestione amministrativa del personale; Gestione della qualità inerente il processo yahoo.it Informazioni titolo di studio Titolo di studio minimo in : Gruppo corsi laurea: Altri requisiti di accesso: Diploma di maturità e scuola superiore Potranno iscriversi: uomini e donne; adulti e giovani inoccupati, disoccupati e occupati in possesso di diploma quinquennale, laurea di vecchio o nuovo ordinamento. Possono iscriversi al corso sia Diplomati occupati e che laureati indipendentemente dalla condizione occupazionale. Sono richieste competenze di base di informatica (utilizzo del PC e del Pacchetto Office) oltre che la forte motivazione alla frequenza del corso stesso: tali requisiti saranno oggetto di valutazione prima di avvio delle attività di aula, al fine di valutare la necessità di azioni di assessment delle conoscenze. Tipologia destinatari: Disoccupati laureati Occupati diplomati Occupati laureati Soggetti in CIG diplomati Soggetti in CIG laureati Soggetti in mobilità diplomati Soggetti in mobilità laureati Altre informazioni Costo di iscrizione per partecipante (euro): 6.000,00 Costo orario (euro): 24,00 Durata in: Durata totale corso (in ore): Ore 250 Monte ore per calcolo % ammissibili: 250,00 Ore attività formazione in aula: 180 Attività in aula (%): 72,00 Ore attività FAD: Attività FAD (%): 0,00 Ore attività Outdoor: Attività Outdoor (%): 0,00 Pagina 4 di 18

5 Ore attività Outdoor: Attività Outdoor (%): 0,00 Ore attività stage/project work: 70 Attività stage/project work(%): Ore attività visite guidate: Ore attività visite guidate (%): Ore attività studio individuale: Contenuti FAD: Specifiche tecniche attività FAD: Presenza Tutor per l attività di FAD: Note sulle attività previste: Numero docenti junior: 0 Numero docenti middle: Numero docenti/testimoni senior: Attestazione al termine del corso: Note attestazione: Verifica delle competenze in : Prove selettive ulteriori: Parte dell attività svolta all'estero o altra regione: Tipologia attività svolta all'estero o altra regione: Durata dell attività svolta all'estero o altra regione (in ore): Di cui ore di formazione in aula: Motivazione dell'attività svolta all'estero o altra regione: Sede/i dell'attività svolta all'estero o altra regione: Durata: Ore attività studio individuale (%): 28,00 Il Project work è un progetto sviluppato dagli allievi individualmente o in gruppi su una argomentazione che viene assegnata dal docente. I contenuti vengono concordati sulla base delle competenze e degli interessi degli allievi. Lo stage permetterà agli allievi disoccupati di fare un'esperienza in azienda dove avranno la possibilità di confrontarsi con un team di lavoro, verificando l'applicazione pratica delle conoscenze apprese in aula. 0 Attestato di frequenza Alla fine del corso è previsto, per coloro i quanti abbiano frequentato almeno il 70% delle lezioni, il rilascio di un attestato di frequenza. Si Si No Moduli didattici Num. moduli: 14 Richiami di word, excel, powerpoint, database, internet e gestione della posta elettronica. Obiettivi: Acquisizione delle conoscenze e abilità indicate da AICA: Conoscenza sui concetti di base dell IT; Abilità nell utilizzo del sistema operativo; Abilità nell utilizzo dei principali applicativi del pacchetto di Office Automation: word, excel, powerpoint, access, Abilità nella navigazione e ricerca su Internet; Utilizzo della posta elettronica Ore Elementi di informatica e laboratorio 0,00 0,00 Pagina 5 di 18

6 Durata: Ore 28 Durata: Ore 4 Testimone aziendale : SERENA ANNA BAMBACARO Senior (10 anni di esperienza) GIOVANNA BUFALINI Senior (10 anni di esperienza) Il controllo del ciclo di vita del prodotto (PLM) I sistemi moderni di progettazione e produzione La Visione integrata dei processi di gestione del ciclo di vita del prodotto ed il ruolo dei sistemi CAD. Elementi fondamentali di un sistema integrato di getione del ciclo di vita del prodotto: La soluzione CATIA V5 Obiettivi: Acquisizione di concetti di organizzazione aziendale Applicazione dei criteri alla base del ciclo di vita di un prodotto Posizionamento della funzione di progettazione in un sistema di controllo del ciclo di vita. Base Progettazione (Soluzione CATIA V5) Durata: Ore 8 Testimone aziendale : Durata: Ore 8 Testimone aziendale : Concetti di base di un sistema integrato di progettazione /produzione/ simulazione (CATIA V5). Obiettivi: Fornire uno schema di correlazione tra problematiche aziendali e funzioni di un sistema CAD avanzato (il CATIA V5) e saperne utilizzare le funzioni di base Base Gestione ciclo di vita del prodotto Concetti di base di un gestore del ciclo di vita del prodotto (Product Data Manager SmarTeam) Conoscere l integrazione con sistemi CAD e CATIA V5 Obiettivi: Conoscere le funzioni fondamentali di un sistema PLM e individuarne le funzioni di base Introduzione alla computer grafica D Pagina 6 di 18

7 Durata: Ore 4 Durata: Ore 40 Testimone aziendale : Data ultima modifica 26/07/2012 Cataloghi; 18:44:58 Breve storia della computer grafica D e sue applicazioni nel cinema e nella pubblicità; Le tre fasi di modellazione, animazione, rendering e l'orientamento nello spazio D; Breve storia delle problematiche per la rappresentazione degli oggetti, e relative soluzioni. Un caso di evoluzione trentennale di un sistema CAD di successo nell industria globale: il CATIA Le origini ed il futuro di CATIA L'interfaccia utente di CATIA Gli hardware grafici. Obiettivi: Conoscere gli elementi costituenti e fondanti la storia della computer grafica D con riferimento alla sua applicazione nei contesti della moderna industria La modellazione geometrica Da punti e poligoni alle primitive geometriche, Poligoni planari e non planari; Le curve canoniche, le polinomiali, le curve di interpolazione; Le curve come base per superfici di qualità; L'approssimazione delle curve Superfici primitive, multi pezza, Net, superfici di stile; Modellazione tramite subdivision surfaces; Superfici basate su evoluzione di profili; Blending e lisciatura delle superfici; Le relimitazioni topologiche di una superficie; Reverse Engineering da cloud of point; Elementi di modellazione di carrozzerie; Elementi di modellazione per beni di consumo; Tecniche generali per ottenere superfici di qualità. Obiettivi: Conoscere e realizzare il disegno tecnico meccanico, elettrico, elettronico con strumenti tradizionali, con l utilizzo di sistemi CAD e di applicazioni informatiche evolute; rappresentare, attraverso una codifica completa, le caratteristiche sulla natura, sulla geometria e sulle dimensioni del/dei componente disegnato. Basi teoriche e Addestramento pratico sull utilizzo dei moduli della soluzione CATIA specifiche del settore GIOVANNA BUFALINI Senior (10 anni di esperienza) Tecniche di progettazione con CATIA V5 Tecniche moderne di realizzazione di un prodotto complesso; Realizzazione al computer di schizzi parametrizzati come base per la realizzazione di oggetti tridimensionali; Modellazione solida come base per la realizzazione di prodotti virtuali; La modellazione per features come paradigma delle lavorazioni meccaniche. La modellazione di dettaglio (raccordi, smussi, sformi, svuotamenti, ecc.); Le trasformazioni geometriche; Le matrici di features; Famiglie di pezzi parametrizzati; Prodotti configurati; Analisi di interferenza e di contatto. Le caratteristiche di massa e di inerzia come base per il digital mokup. La rappresentazione per superfici nel quadro della progettazione di parti; La Messa in tavola generativa dal D Le viste e le proiezioni ortogonali Le viste tridimensionali Pagina 7 di 18

8 Durata: Ore 52 Testimone aziendale : Durata: Ore 20 Durata: Ore 4 Le caratteristiche di massa e di inerzia come base per il digital mokup. Cataloghi; La rappresentazione per superfici nel quadro della progettazione di parti; La Messa in tavola generativa dal D Le viste e le proiezioni ortogonali Le viste tridimensionali Quotatura automatica e tradizionale con CATIA V5 Le tolleranze La stampa su carta dei disegni, il Cartiglio automatico; La gestione dei formati di scambio con altri software; Utilizzo di formati dxf per la ricostruzione semiautomatica di modelli D Obiettivi: Conoscere le attività per la realizzazione di prototipi e la simulazione dell evoluzione durante l interazione progettazionetestmodifica dei prototipi Conoscere e applicare le tecniche per ottimizzare il progetto durante tutte le fasi di sviluppo. Conoscenza delle tecniche tradizionali di creazione della documentazione tecnica, la messa in tavola generativa, la produzione senza disegni tecnici. GIOVANNA BUFALINI Senior (10 anni di esperienza) L industrializzazione del prodotto come finalizzazione della modellazione Il Digital Mokup come tecnica di controllo. Analisi dimensionale. Analisi strutturale e sua interazione con la progettazione. Analisi di traiettorie (cinematica). Sintesi delle catene cinematiche.analisi di montaggio e costruzione di traiettorie libere da interferenza. Elementi di lavorazioni a controllo numerico. Obiettivi: Utilizzare CATIA V5 per simulare e realizzare processi produttivi L'animazione di forme in ottica di Analisi cinematiche di montaggio e nella simulazione delle lavorazioni a controllo numerico Generalità L'animazione per fotogrammi chiave e l'interpolazione; Interpolazione lineare e spline, anticipazione ed esagerazione; Le tecniche di animazione finalizzate alla documentazione di prodotti industriali in CATIA V5 (DVIA); Rendere fluidi e naturali i movimenti; Relazioni tra oggetti e strutture gerarchiche, i pivot point; Sistemi di particelle e surface emitters, il rendering delle particelle Obiettivi: Conoscere le tecniche di animazione di forme con il supporto di CATIA V5. Pagina 8 di 18

9 Testimone aziendale : Durata: Ore 2 Testimone aziendale : Durata: Ore 4 GIOVANNA BUFALINI Senior (10 anni di esperienza) La presentazione del prodotto in una ottica di marketing. Tessiture e materiali foto realistici Proprietà dei materiali nel mondo reale e limiti della simulazione; I modelli di illuminazione; Il RayTracing e Cartesio; i modelli di illuminazione globale; Gli attributi base e avanzati delle superfici; Problemi della trasparenza, tecniche di rendering della trasparenza, la rifrazione e le caustiche (inviluppi); Le mappe riprese dal vero e le tessiture procedurali; Le proiezioni e le mappature esplicite; Il rumore frattale; Materiali usurati ed invecchiati, il bump mapping e il canale diffuso Obiettivi: Conoscere le tecniche di rendering e gli effetti della luce naturale e della illuminazione artificiale GIOVANNA BUFALINI Senior (10 anni di esperienza) La presentazione del prodotto in una ottica di marketing. Tecniche e strumenti per l'illuminazione nella computer grafica L'importanza dell'illuminazione nella ripresa tradizionale e nella computer grafica; Tecniche base di illuminazione: frontale, a tre punti, glamour; L'illuminazione di Hollywood: la scuola di John Alton; Le luci colorate; la luce come strumento per scolpire le forme; Le particolarità della luce in computer grafica; ombre portate ed autoportate; la luce d' ambiente; Tipi di luci: direzionali o infinite, puntiformi, spot, dimensionali Intensità e attenuazione delle luci volumetriche; Illuminazione HDR Obiettivi: Conoscere le tecniche di rendering e gli effetti della luce naturale e della illuminazione artificiale. Riconoscere l importanza della luce nella computer grafica. Data ultima modifica 26/07/2012 esercitazioni 18:44:58 e lavori in sottogruppo, finalizzati a verificare il livello di acquisizione dei Pagina contenuti 9 di 18

10 Testimone aziendale : Durata: Ore 2 Testimone aziendale : Durata: Ore 4 GIOVANNA BUFALINI Senior (10 anni di esperienza) Il rendering delle immagini sintetiche La macchina da presa reale e quella virtuale; La lunghezza focale; aberrazioni delle lenti e lens flares; La profondità di campo ed i cerchi di confusione; La velocità dell'otturatore ed il motion blur; L'antialiasing delle immagini e il motore di rendering di CATIA V5; Risoluzione, aspect ratio, pixel ratio Obiettivi: Conoscere le tecniche di rendering delle immagini sintetiche. Applicazione pratica con i moduli di resa foto realistica di CATIA V5 GIOVANNA BUFALINI Senior (10 anni di esperienza) L'animazione di forme in ottica di Analisi cinematiche di montaggio e nella simulazione delle lavorazioni a controllo numerico Produzione professionale di contenuti digitali Tecniche narrative finalizzate alla rappresentazione funzionale di un prodotto. Il montaggio, movimenti e rappresentazione della cinematica dei sistemi; Sintesi delle catene cinematiche. Idea, trattamento, sceneggiatura, storyboard e animatics; Tecniche pratiche di regia e montaggio; CATIA V5 per la creazione di manualistica tecnica interattiva e rappresentazione del prodotto a fini pubblicitari; Effetti speciali digitali; Bilanciamento dei colori, maschere e compositing; I canali alpha, il rendering per livelli; Composizione di ombre e riflessioni reali Obiettivi: Utilizzare il CATIA V5 nella produzione e messa in opera di contenuti di carattere digitale. Stage/project work Stage: Applicazione in contesto lavorativo e aziendale delle nozioni apprese in aula. Risoluzione di problemi operativi. Obiettivi Conoscitivi: Consolidamento delle conoscenze acquisite in aula; organizzare la propria esperienza Aziendale nei confronti di una visione generale dell organizzazione aziendale. Applicare i criteri alla base del ciclo di vita di un prodotto Pagina 10 di 18 Project work: Lavori di gruppo. Realizzazione di progetti con software dedicato. Durante tale fase i discenti in maniera autonoma o divisi in gruppi e con il supporto del docente/ e/o di un tutor sviluppano la progettazione su SW Catia, applicando e collegando le tecniche, le conoscenze e le competenze acquisite in aula ed esprimendo con metodologia learning by doing le loro potenzialità e risorse. Si prevede la realizzazione di progetti con software dedicato, secondo le ipotesi seguenti:

11 Durata: Ore 70 Applicare i criteri alla base del ciclo di vita di un prodotto Project work: Lavori di gruppo. Realizzazione di progetti con software dedicato. Durante tale fase i discenti in maniera autonoma o divisi in gruppi e con il supporto del docente/ e/o di un tutor sviluppano la progettazione su SW Catia, applicando e collegando le tecniche, le conoscenze e le competenze acquisite in aula ed esprimendo con metodologia learning by doing le loro potenzialità e risorse. Si prevede la realizzazione di progetti con software dedicato, secondo le ipotesi seguenti: Trattazione di un tema di progettazione (motore endotermico) inserendo alcuni elementi di analisi strutturale. Esperienza di progettazione di un motore endotermico, in un ambito di ciclo di vita del prodotto, considerando diverse ipotesi di sviluppo e di produzione. Realizzazione di manuali interattivi di montaggio (tramite DVIA prodotto della dassault che prende i mokup di catia e permette di montarli, smpontarli, tagliarli, ecc). Animazioni cinematiche. Visualizzazione intuitiva di stati di sforzo o deformazione. La simulazione (sempre con animazioni) di una lavorazione a controllo numerico. STAGE/PROJECT WORK Esperienza in azienda o esperienza di utilizzo del software su progetto assegnato dal docente. GIOVANNA BUFALINI Senior (10 anni di esperienza) Aree di lavoro, gruppi di competenze e competenze Area tematica Informatica e ICT (livello avanzato) Area di lavoro Tecniche del disegno e della grafica computerizzata Gruppo di competenze Disegno tecnico tridimensionale Competenza Rilevare scientificamente un oggetto,rappresentarne sul piano le proprietà e le implicazioni tecnologiche legate alla forma e simulare sul piano la tridimensionalità Liv. comp. ingr. Modalità verifica sarà valutato tramite una Tipo Non mappata Classificazione Val. somm. 5 utilizzare il disegno tecnico e le procedure grafiche per documentare efficacemente un prodotto industriale sarà valutato tramite una Non mappata 6 utilizzare in modo appropriato e consapevole programmi di disegno automatico e di grafica computerizzata relativi ad applicazioni in diversi campi sarà valutato tramite una Non mappata 6 Pagina 11 di 18

12 Informatica e ICT (livello avanzato) Il disegno industriale nella progettazione Il disegno industriale nella progettazione del prodotto Competenza Liv. comp. ingr. Modalità verifica Tipo Classificazione Val. somm. Interpretare il disegno industriale e con le tecniche del CATIA e redigere il disegno costruttivo complessivo e dei particolari del prodotto sarà valutato tramite una Non mappata 6 applicare le conoscenze teoriche e tecniche del disegno industriale nella progettazione del prodotto sarà valutato tramite una Non mappata 6 Gestione della progettazione e dello sviluppo/erogazione di nuovi prodotti e servizi Gestione delle Fasi di Progettazione e Sviluppo / Erogazione Nuovi Prodotti e Servizi Progettazione Industriale del Prodotto Competenza Liv. comp. ingr. Modalità verifica Tipo Classificazione Val. somm. Saper utilizzare gli strumenti informatici di supporto al lavoro in team (Groupware) alla gestione dei progetti sarà valutato tramite una Mappata 6 Saper utilizzare gli strumenti di supporto informatico alla progettazione (CAD, CAE, CAM etc) e alla gestione dei dati tecnici (sistemi PDM) sarà valutato tramite una Mappata 6 Conoscere le specifiche tecniche di progettazione relative alle diverse aree tecniche e disciplinari pertinenti con il tipo di prodotto progettato sarà valutato tramite una Mappata 5 Pagina 12 di 18

13 Conoscere le logiche generali di LifeCycle Design e quelle specifiche di Green LifeCycle Design (Design for Recycling, Design for Disassembling, Design for Long Life) sarà valutato tramite una Mappata 5 Conoscere i principali approcci alla progettazione industriale (Design for Manufacturing, Design for Assembly, Design for Logistic etc.) sarà valutato tramite una Mappata 5 Conoscere e saper applicare i principi generali e le tecniche di Cuncurrent Engineering e di CoDesign sarà valutato tramite una Mappata 5 Partenariato Nome azienda: Descrizione soggetto: Forma giuridica: Natura giuridica: Sede: Legale rappresentante: Società per azioni Privata Codice fiscale: Partita IVA: Settore: Dimensione: Numero addetti: INFORDATA S.P.A. Infordata S.p.A. opera da oltre vent'anni nel mercato dell'information & Communication Technology erogando servizi a valore aggiunto nel campo della progettazione, sviluppo e fornitura di soluzioni applicative ed infrastrutturali. Negli ultimi anni ha generato per i clienti un'offerta di servizi e prodotti in grado di integrare diverse piattaforme hardware e software e proporre soluzioni applicative sempre più sofisticate e complesse. piazza paolo 6, LATINA (LT) Servizi di informazione e comunicazione Media Impresa Da 50 a 249 addetti GIANNI CAPARELLI CPRGNN50L04F70J Pagina 1 di 18

14 Codice fiscale legale rappresentante: Sito web: CPRGNN50L04F70J Riferimenti per contatto: GIAN LUCA CAFOLLA Tel.: Ruolo del partner: Progettazione: Si Dettaglio progettazione: Testimoni rappresentativi: Stage: Numero previsto di voucheristi in stage: 4 Dettaglio attività di stage: Specifiche su sedi di stage: Nome: Cognome: L'azienda collabora alla progettazione di dettaglio dell'intrvento, alla definizione dei contenuti formativi e degli obiettivi didattici. Nello specifico si è occupata dell'elaborazione del piano formativo di dettaglio e della spendibilità della figura professionale formata nelle realtà aziendali coinvolte nella rete. Si LUPATTELLI SANDRO Si Esperto senior in progettazione Catia V5 Gli allievi faranno un esperienza aziendale tramite la quale potranno maturare una visione generale dell organizzazione aziendale. Si confronteranno con un gruppo di lavoro, sviluppando capacità di collaborare e lavorare in team. Infine apprenderanno capacità di analisi e risoluzione dei problemi. Gli allievi saranno ospitati presso le sedi operative dell'azienda dislocate sul territorio regionale, facendo esperienza di progettazione software. SANDRO LUPATTELLI Telefono: Nome azienda: Descrizione soggetto: Forma giuridica: Natura giuridica: Sede: Legale rappresentante: Società a responsabilità limitata Privata Codice fiscale: Partita IVA: Settore: Dimensione: Numero addetti: Codice fiscale legale rappresentante: GAV SISTEMI GAV Sistemi è al servizio dei clienti per la realizzazione di diverse tipologie di prodotti nella distribuzione e nell'automazione industriale. I prodotti che vengono realizzati possono indifferentemente essere definiti da un progetto cliente, da un progetto sviluppato in azienda o essere frutto di una coprogettazione con il cliente. Tra le esperienze più importanti: Macchine ed impianti per produzione e collaudo di Airbags. Macchine ed impianti automatici per la produzione di cateteri. VIA MARIA N. 246, 0100 FROSINONE (FR) Attività manifatturiere Piccola Impresa Da 6 a 9 addetti FRANCO VONA VNOFNC4L2D810F Sito web: Pagina 14 di 18

15 Riferimenti per contatto: FABRIZIO VONA Tel.: Ruolo del partner: Progettazione: No Dettaglio progettazione: Testimoni rappresentativi: Stage: Dettaglio attività di stage: Specifiche su sedi di stage: No Si Numero previsto di voucheristi in stage: 2 Nome: Cognome: Gli allievi faranno un esperienza aziendale tramite la quale potranno maturare una visione generale dell organizzazione aziendale. Si confronteranno con un gruppo di lavoro, sviluppando capacità di collaborare e lavorare in team. Infine apprenderanno capacità di analisi e risoluzione dei problemi. Gli allievi saranno ospitati presso lo stabilimento aziendale e faranno esperienza sia in area progettazione, che in area produzione. FABRIZIO VONA Telefono: Nome azienda: Descrizione soggetto: Forma giuridica: Natura giuridica: Sede: Legale rappresentante: Società per azioni Privata Codice fiscale: Partita IVA: Settore: Dimensione: Numero addetti: Codice fiscale legale rappresentante: IACOBUCCI HF ELECTRONICS SPA IACOBUCCI HF ELECTRONICS SPA è oggi una realtà affermata nel settore dell'aviazione commerciale. Grazie alla sua esperienza avanzata nell'ingegneria e nel design IACOBUCCI HF ELECTRONICS SPA è il leader mondiale nelle tecnologie innovative e nella produzione di inserti di qualità per le cabine dei velivoli commerciali. L alta qualità dei prodotti realizzati e la loro affidabilità accanto al supporto fornito ai clienti fanno di IACOBUCCI HF ELECTRONICS SPA il fornitore preferito tra le compagnie aeree d'elite in tutto il mondo. Loc. Colle Baiocco snc, 001 Loc. Colle Baiocco snc FERENTINO (FR) Attività manifatturiere Media Impresa Da 50 a 249 addetti LUCIO IACOBUCCI CBCLCU69P19D810Q Sito web: Riferimenti per contatto: RAFFAELLA LUZI Tel.: Ruolo del partner: Progettazione: No Dettaglio progettazione: Testimoni rappresentativi: Pagina 15 di 18

16 Testimoni rappresentativi: No Stage: Numero previsto di voucheristi in stage: Dettaglio attività di stage: Specifiche su sedi di stage: Nome: Cognome: Si Gli allievi faranno un esperienza aziendale tramite la quale potranno maturare una visione generale dell organizzazione aziendale. Si confronteranno con un gruppo di lavoro, sviluppando capacità di collaborare e lavorare in team. Infine apprenderanno capacità di analisi e risoluzione dei problemi. Gli allievi saranno ospitati presso lo stabilimento di Colle Baiocco in Ferentino (Fr) e faranno esperienza in area progettazione, manutenzione, logistica e produzione RAFFAELLA LUZI Telefono: Nome azienda: Descrizione soggetto: Forma giuridica: Natura giuridica: Sede: Legale rappresentante: Società a responsabilità limitata Privata Codice fiscale: Partita IVA: Settore: Dimensione: Numero addetti: Codice fiscale legale rappresentante: IACOBUCCI ATS S.r.l. La IACOBUCCI è sorta 40 anni fa, quando il signor Emilio Iacobucci ha acquisito il 20% dei MK Italiana SpA una azienda produttrice di carrelli sia per aereo e ferroviario. Nel 1985 il signor Emilio Iacobucci ha acquisito il 100% della società dando vita a IACOBUCCI Metalwolkers SpA. Nel 1987 La società è stata fusa con Aviotech S.r.l. Nel 1994 Lucio Iacobucci entra a far parte dell'azienda di famiglia e inizia la diversificazione con lo sviluppo della prima caffettiera per gli aerei, la HiFly Espresso. Questo passaggio segna l'inizio di una nuova strategia che porta la Iacobucci a collaborare con Nestlé, Nespresso, con BNLBNP Paribas Group e l azienda a vincere numerosi premi di spinnoff. Loc. Colle Baiocco snc, 001 Loc. Colle Baiocco snc FERENTINO (FR) Attività manifatturiere Piccola Impresa Da 16 a 49 addetti LUCIO IACOBUCCI CBCLCU69P19D810Q Sito web: Riferimenti per contatto: RAFFAELLA LUZI Tel.: Ruolo del partner: Progettazione: No Dettaglio progettazione: Testimoni rappresentativi: No Stage: Si Numero previsto di voucheristi in Data ultima stage: modifica 26/07/ :44:58 Pagina 16 di 18

17 di voucheristi in stage: Dettaglio attività di stage: Specifiche su sedi di stage: Nome: Cognome: Gli allievi faranno un esperienza aziendale tramite la quale potranno maturare una visione generale dell organizzazione aziendale. Si confronteranno con un gruppo di lavoro, sviluppando capacità di collaborare e lavorare in team. Infine apprenderanno capacità di analisi e risoluzione dei problemi. L'azienda ospiterà i ragazzi presso lo stabilimento di Ferentino (Fr), località Colle Baiocco. I ragazzi saranno ospitati sia in area progettazione che in area produzione. RAFFAELLA LUZI Telefono: N totale partner: N partner in progettazione: N partner con testimoni aziendali: N partner per stage : N partner per stage localizzati in regioni/stati differenti: Edizioni Num. edizioni: 1 ID sede: 7005 Denominazione sede: Provincia: Comune: Indirizzo: Località: CAP: Telefono: Fax: Riferimento accreditamento: Data scadenza iscrizione: Eurolink s.r.l. FROSINONE FROSINONE Via Valle Fioretta Palazzina Sif /11/2012 Data avvio: 10/12/2012 Data fine prevista: 20/12/201 Num. minimo Voucher: 5 Num. partecipanti max.: 12 Modalità svolgimento corso: Dati principali edizione ID edizione: L intervento sarà realizzato presumibilmente tre/quattro giornate a settimana con un impegno giornaliero di 4/5 ore per un impegno massimo di 12 mesi. L intervento si svolgerà in orario mattutino o pomeridiano a seconda delle necessità dei partecipanti. L organizzazione prevede la flessibilità necessaria per consentire la partecipazione degli utenti occupati o con figli. Specifiche su prove selettive: La preselezione si svolgerà in una giornata prima dell'avvio dell'attività didattica e sarà finalizzata ad indagare il livello motivazionale degli allievi, il livello delle aspettative degli stessi ed il livello Data ultima modifica 26/07/2012 delle 18:44:58 conoscenze di base degli argomenti oggetto del corso. Pagina 17 di 18

18 Specifiche su prove selettive: Accessibilità persone disabili: Specifiche accessibilità: ad indagare il livello motivazionale degli allievi, il livello delle aspettative degli stessi ed il livello delle conoscenze di base degli argomenti oggetto del corso. Si Accessibilità ID edizione: l'ente rispetta la normativa inerente l'abbattimento delle barriere architettoniche. Referente ID edizione: Nome: Cognome: GIAN LUCA CAFOLLA Telefono: Docenti e Testimoni rappresentativi ID edizione: Testimoni Docenti Nominativo Ore docenza SANDRO LUPATTELLI 50 Nominativo Ore docenza SERENA ANNA BAMBACARO 70 SANDRO LUPATTELLI 102 GIOVANNA BUFALINI 28 Pagina 18 di 18

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM Il disegno tecnico di un oggetto è in grado di spiegarne: - la forma, - le dimensioni, - la funzione, - la lavorazione necessaria per ottenerlo, - ed il materiale in cui è realizzato. attraverso l impiego

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Formula Weekend (Venerdì e Sabato) Con il patrocinio e la collaborazione

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli