GLI ART FUNDS : L ECONOMIA INCONTRA IL MONDO DELL ARTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI ART FUNDS : L ECONOMIA INCONTRA IL MONDO DELL ARTE"

Transcript

1 UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI ECONOMIA GIORGIO FUÀ Corso di Laurea Triennale in ECONOMIA E FINANZA GLI ART FUNDS : L ECONOMIA INCONTRA IL MONDO DELL ARTE Relatore: Prof. Alberto Niccoli Rapporto Finale di: Margherita Di Clemente Anno Accademico 2007/2008 1

2 INDICE Introduzione L EVOLUZIONE NEL MODO DI AVVICINARSI AL MONDO DELL ARTE 6 2. LA NASCITA DEGLI ART FUNDS Struttura e modalità di funzionamento Successo ed insuccesso degli Art Funds LE CARATTERISTICHE DEL MERCATO DELL ARTE LA FIGURA DELL ART ADVISOR FONDI ED ISTITUTI CREDITIZI VALUTAZIONI DI MERCATO L arte ed il valore della contemporaneità

3 5.2. La variabilità dei prezzi ed il maggior valore dei dipinti minori L arte nell asset allocation ottimale CASO PRATICO Primi esempi di fondi d arte La Peau de l Ours British Rail Pension Fund I fondi e le gestioni patrimoniali già attivi sul marcato Pinacotheca : il primo fondo italiano dedicato all arte I fondi sulla rampa di lancio Conclusioni 37 Riferimenti bibliografici 3

4 INTRODUZIONE Qualcuno potrebbe pensare che l arte non abbia nulla a che vedere con l economia e probabilmente molti, letto il titolo della mia tesi, si chiederanno perché, per il mio Rapporto finale di un corso di Economia e Finanza, io abbia scelto il tema dell arte. Partiamo dal presupposto che i quadri, e l arte in genere, mi hanno sempre appassionata. Ritengo che l arte sia un meraviglioso strumento di estraniamento dal reale per chi voglia discostarsene ed un altrettanto straordinario mezzo per indagare sulla propria interiorità per chi si sente un ospite inquietante della sua stessa esistenza, per chi non riesce a trovare un suo spazio nella quotidianità. Credo che a molti piacerebbe riempire la propria stanza di quadri di Caravaggio, Degas, Van Gogh, ma l unica opportunità che ci viene concessa è quella di visitare mostre e musei, e per un attimo fare nostri quegli schizzi impressi sulla tela. Qualcuno ha la possibilità di dare vita ad una collezione privata e di arricchire la propria personalità di tutte quelle emozioni che un quadro può suscitare, ma a molti resta solo la platonica speranza che questo desiderio possa avverarsi. Non tutti sono, però, a conoscenza della nuova opportunità che la realtà finanziaria offre di coniugare l arte con un proficuo investimento. La nascita degli Art Funds rappresenta, per gli operatori di fascia medio-alta, una modalità di impiegare le proprie risorse in una singolare tipologia di fondo, che consente di 4

5 accedere ad opere d arte di alcuni tra i migliori artisti al mondo, realtà solitamente possibile solo per pochissimi individui o per grandi musei. Indagherò, quindi, questo nuovo prodotto finanziario, illustrandone la struttura, le modalità di funzionamento, il perché farvi fruttare o meno le proprie disponibilità economiche ed al termine della mia discussione apporterò dei casi pratici, sperando di incuriosire la vostra attenzione e di fornirvi qualche informazione in più sull arte del fare finanza. 5

6 1. L EVOLUZIONE NEL MODO DI AVVICINARSI AL MONDO DELL ARTE Il collezionismo privato si è fatto spazio in Italia circa mezzo millennio fa ed ha lasciato tracce indelebili nella coscienza e nell animo di tutti. Nel 1600 in Italia vi erano 12/15 milioni di abitanti. Di questi, l 1% era sufficientemente evoluto da creare o consumare arte. Quindi, in tutto, erano circa individui quelli che avevano un contatto più o meno diretto con la storia dell arte in quei giorni. Oggi, di 60 milioni di abitanti, il 5% ama avvicinarsi ad un mondo interessante e sempre nuovo come quello costituito dai capolavori artistici. Probabilmente la più antica tipologia di approccio all arte, di cui ancora oggi molte famiglie portano testimonianza, è quella più spontanea, legata a gusti estetici ed alla capacità che un quadro appeso alla parete abbia di suscitare emozioni. Si parla di un investimento a lunghissimo termine, anche generazionale, che lascia traccia di sé nelle residenze private di nobili e borghesi. Un primo passo in avanti lo si ha con il collezionista fai da te, l appassionato d'arte, che sceglie gli artisti, e quindi le opere, sia in base ad una propria sensibilità estetica, che ad una logica di investimento. Costruisce, quindi, nel tempo, una collezione bilanciata in termini di rischio-rendimento e di dividendo estetico. Ma è lo "speculatore" che ci fa conoscere la nuova natura che viene ad assumere l arte nel mondo moderno. L arte come business, come nuova possibilità di 6

7 conseguire un capital gain. Lo speculatore è l investitore di breve termine, che cerca di sfruttare il maggior valore legato all artista del momento. Acquista, quindi, per fare l'affare, puntando ad una crescita del valore delle opere in tempi ridotti. Diverso è l investitore "oculato", che acquista capolavori artistici per diversificare il proprio patrimonio nel lungo termine. Per avere informazioni circa le potenzialità di rivalutazione dell'opera su cui ha investito si basa su valutazioni individuali e di Art Advisor indipendenti. In tutti e quattro i casi su enunciati, l asset allocation in arte dovrebbe essere di almeno 10 milioni di euro per avere un profilo rendimento-rischio adeguato. Ultimo, ma più importante nella nostra indagine, è l investitore in un art fund, che, per ottimizzare il proprio profilo rischio-rendimento, demanda le scelte di asset allocation a gestori esperti ed indipendenti. Il fondo è ideale per investimenti in arte fino a 10 milioni di euro. 7

8 2. LA NASCITA DEGLI ART FUNDS 2.1 STRUTTURA E MODALITA DI FUNZIONAMENTO Gli Art Investment Funds rappresentano una nuova modalità per investire le proprie eccedenze finanziarie. Il funzionamento è similare a quello dei fondi comuni di investimento, ma la peculiarità è rappresentata dal settore nel quale vengono impegnate le risorse: la compravendita di opere d arte. A sottoscrivere quote di questi fondi sono operatori istituzionali e privati con patrimonio elevato (High Net Worth Individuals HNWI), alla ricerca di una rivalutazione del capitale nel lungo periodo e di una diversificazione proficua del portafoglio. Risulta, quindi, impropria l idea secondo la quale la nascita di questi fondi rappresenterebbe una forma di democratizzazione dell investimento. Certamente si ampliano le modalità di impiego delle proprie risorse, ma i soggetti cui si offre tale opportunità sono comunque investitori medio alti, che fanno parte di quella fascia della popolazione che dispone di un reddito elevato. Non si offre l opportunità di accostarsi al mondo dell arte a quei soggetti che, pur disponendo di modeste risorse finanziarie, sarebbero propensi ad investire i propri risparmi nei nuovi prodotti che offre il mercato. Attualmente, da quanto si può desumere da una ricerca de Il Sole 24 Ore, in collaborazione con il Centro Ask Bocconi, le quote minime di accesso ai fondi si aggirano intorno alle euro, ad eccezione dell Artvest Fund, che ne richiede C è, allora, da chiedersi 8

9 perché un privato dovrebbe decidere di destinare una parte della propria ricchezza ad un fondo che investe in arte, piuttosto che impegnare il capitale nei consueti mercati finanziari. Una prima motivazione è rappresentata dalla nuova possibilità che viene offerta circa le attività da inserire in portafoglio: non solo di tipo finanziario, come azioni ed obbligazioni, ma di tipo alternativo, come l arte. Si dà luogo, così, ad una diversificazione nella diversificazione. Lo stesso fondo può, infatti, costituire il proprio portafoglio con varie correnti artistiche, in modo tale da ridurre il rischio, o, al contrario, focalizzarsi in una sola categoria, favorendo il conseguimento di rendimenti elevati, ma determinando anche una maggiore concentrazione del rischio. Altra motivazione è data dalle minori spese cui un soggetto può andare incontro. Infatti un singolo individuo che compra all asta è tenuto a pagare un buyerpremium, che attualmente si aggira intorno al 20% del valore dell opera, e quando compra dai mercanti la loro commissione può arrivare intorno al 30%. A queste percentuali vanno, poi, aggiunti i costi di conservazione, di due diligence, di assicurazione e di trasporto. Il fondo invece, comprando un gran numero di opere, può negoziare commissioni di molto scontate con le case d asta e con gli altri fornitori di servizi necessari ad un collezionista. I costi somigliano a quelli degli hedge funds: 2-5% fee d ingresso più 2-3 % di commissione di gestione ed un 20% di fee di performance. 9

10 I benchmark di riferimento del fondo sono indici come il Mei Moses, Artnet, Artmarket Research ed Artprice. Il Mei Moses è un indice compilato da Jianping Mei e Michael Moses (professori alla New York University) per misurare la performance del mercato dell arte. Storicamente il valore di un opera era basato su alcune variabili, quali l artista, il soggetto, la provenienza e la cronistoria delle esposizioni. Oggi, grazie agli indici sull arte ed ai risultati storici di cui disponiamo, possiamo combinare queste variabili con misure di tipo quantitativo, per analizzare le performance ed i benefici dati dalla diversificazione: ad esempio la correlazione, l analisi del rischio, del rendimento e dello Sharpe ratio (elementi necessari per determinare il peso dell allocazione ottimale di un investimento in arte). All investitore non è richiesta una conoscenza approfondita della storia e del mercato dell arte o circa l andamento dei prezzi delle opere. A lui spetta solo la sottoscrizione delle quote. I gestori del fondo devono, invece, anzitutto costituire la collezione di beni d arte. Una volta messa insieme la collezione, e terminato il periodo di investimento (periodo di Lock-in), le opere vengono reinserite nel mercato attraverso un processo di vendita, che avviene con modi e tempi precedentemente stabiliti. Pagati, poi, i contributi per la gestione e per l amministrazione del fondo, i profitti vengono distribuiti tra gli investitori, secondo un processo di disinvestimento programmato e lungo un periodo di tempo determinato. 10

11 Attualmente le tipologie di fondi in circolazione sono due: quelli a lungo termine (10 anni), con lock-up di 3/5 anni e diversificazione su tutto il periodo della storia dell arte, e gli speculativi, a breve (5 anni), spesso lanciati da hedge fund manager che puntano sul contemporaneo, dove è più facile fare trading. Andy Warhol, per esempio, è ritenuto moneta scambiabile con gran facilità, così come Roy Lichtenstein e Keith Haring. Negli ultimi anni anche gli artisti indiani e cinesi emergenti stanno riscuotendo un enorme successo. Altra importante motivazione per cui si possa ritenere vantaggioso l investimento in arte è rappresentata dai vantaggi fiscali. La tassazione in Italia dei fondi d arte dipende dal veicolo giuridico utilizzato per gli investimenti, riconducibile ai fondi chiusi. A norma dell art. 11 della legge n. 344/1993, abrogata ad eccezione del menzionato articolo 11 riguardante i profili tributari dal Testo unico delle disposizioni in materia d intermediazione finanziaria (d.lgs. n. 58/1998), la tassazione dei fondi comuni è commisurata all andamento della gestione. Viene, infatti, applicata un imposta sostitutiva del 12,5% sul risultato maturato dalla gestione. I proventi percepiti nell esercizio di imprese commerciali concorrono a formare il reddito imponibile dei partecipanti e su di essi si riconosce un credito d imposta pari al 15% dell ammontare. Il sottoscrittore del fondo che non sia residente in Italia, ma in paesi che consentono un adeguato scambio di informazioni, ha diritto 11

12 al rimborso di una somma pari al 15% dei proventi erogati, al netto dell imposta sostitutiva del 12,5%. Il fondo sottoscritto solo da soggetti non residenti in Italia (ma in Paesi che acconsentono allo scambio d informazioni) è esente da tassazione; per quanto riguarda, invece, i fondi d arte esteri non armonizzati alle direttive europee, i proventi concorrono a formare integralmente la base imponibile del soggetto sottoscrittore residente. Fino ad ora abbiamo visto principalmente il perché si dovrebbero impegnare le proprie risorse in un art fund, ma molti sono anche i dubbi e i giudizi negativi circa questa nuova tipologia di impiego del denaro. Le grandi istituzioni decidono di non investire in fondi d arte principalmente per la scarsa trasparenza, per la mancanza di liquidità, nonché per il fatto che il capitale rimane bloccato per lunghi periodi (di solito 10 anni), senza dare alcun reddito. Le banche richiedono un fondo strutturato meticolosamente, su tutti i fronti, dal profilo organizzativo, sino a quello legale. Ma la peculiarità di questi prodotti finanziari consiste proprio nel fatto che spesso sono dislocati in paesi off shore e nella maggior parte dei casi non sono vigilati né dalla Fsa né da altra autorità. 2.2 SUCCESSO ED INSUCCESSO DEGLI ART FUNDS In teoria sottoscrivere la quota di un fondo che investe in arte dovrebbe rappresentare una attività meno onerosa e rischiosa dell investire direttamente in arte. Ma nella pratica, dei pochi casi di cui si ha notizia, gli esiti non sono dei 12

13 migliori. I casi di successo sono rari, come il fondo pensione dei ferrovieri inglesi (British Railways Pension Fund). Molte sono le esperienze non esaltanti, come in Francia il Bnp Paribas Fund, negli Stati Uniti il fondo newyorkese Fernwood Art Investments ed in Italia Gestiarte. Le problematiche comunemente riscontrate nei casi d insuccesso sono la limitata dimensione del patrimonio, l orizzonte temporale ridotto, la scarsa flessibilità nelle scelte di investimento e di disinvestimento, l inadeguata forma di governo e le elevate commissioni di vendita e di gestione. Non sempre un fondo è in grado di vendere i suoi investimenti in arte al meglio, nel momento e nei termini desiderati. Soprattutto quando i termini di scadenza del fondo si avvicinano, si riduce il campo di azione del manager sulla tempistica di vendita e spesso diventa inevitabile la vendita sottocosto delle opere. Un fondo comune che investe in un attività poco liquida e molto volatile come l arte dovrebbe puntare al capital gain di lungo periodo, operando un buon grado di diversificazione su un consistente patrimonio, in un arco temporale sufficientemente ampio da consentire di pianificare al meglio acquisti e vendite. Si potrebbero ridurre i costi di gestione, ripartendo le spese di conservazione e di assicurazione delle opere, per esempio noleggiandole a musei, gallerie e partecipanti al fondo. Di fondamentale importanza è la presenza di personale specializzato, di buyers ed art advisors indipendenti ed oggettivi. Il fondo richiede esperti in grado di 13

14 selezionare le opere da acquistare, sulla base di una stima del rendimento dell investimento, della diversificazione del rischio, della liquidità e delle condizioni del mercato, per poi rivenderle sul mercato al tempo giusto. Al momento la preoccupazione comune è che si possano generare dei conflitti d interesse. Questo perché molti degli specialisti che lavorano per gli art funds sono professionisti del mercato dell arte che, oltre a svolgere servizi di consulenza per il fondo, comprano e vendono per conto proprio. I conflitti di interesse, infatti, si determinano quando esistono incentivi ad occultare o distorcere le informazioni di cui si è in possesso, danneggiando gli investitori. Il problema cui si dà luogo è che si riduce la qualità e la quantità delle informazioni disponibili, aumenta l asimmetria informativa ed i fondi non vengono allocati nel modo migliore. 14

15 3. LE CARATTERISTICHE DEL MERCATO DELL ARTE Anche nel mercato dell arte, come in quello finanziario, l intermediazione opera attraverso il binomio dealer-broker. Il dealer si occupa della compravendita delle opere che detiene nel proprio portafoglio, al fine di possedere determinati beni o autori. Il broker, al contrario, non gestisce un proprio portafoglio, bensì è uno specialista che ha le informazioni ed opera puntando al conseguimento del maggior capital gain possibile. Al momento sul mercato si riscontra principalmente la prima tipologia di intermediario, in quanto l obiettivo sembra essere sempre più quello di invogliare il cliente all investimento, piuttosto che di offrire un servizio di consulenza specializzata. La figura del broker non trova una vera e propria collocazione sui nostri mercati, poiché non ci si è ancora organizzati a dovere su questo fronte e non si hanno, quindi, sufficienti informazioni a riguardo. 15

16 4. LA FIGURA DELL ART ADVISOR FONDI ED ISTITUTI CREDITIZI Marc Spiegler, un autorevole opinionista del mercato dell arte, spiega: Il ruolo dell art advisor si è rafforzato negli ultimi anni, in particolar modo in America ed in Inghilterra, grazie ai nuovi collezionisti, persone con più soldi che tempo a disposizione, decisi a mettere insieme, ed in fretta, raccolte di un certo prestigio. L obiettivo di questo cliente non è tanto affinare le proprie conoscenze artistiche, quanto seguire la crescita di un artista e realizzare un capital gain quando la sua curva ascendente è al massimo. L art advisor è un consulente d arte a tutti gli effetti. Questi segue l investitore sia prima dell acquisto, per informarlo, consigliarlo e tutelarlo da incauti acquisti, sia in seguito, per far crescere il valore dell investimento ed agevolarne la gestione. Inoltre è pratico nelle consulenze di carattere legale, assicurativo, ed è in grado di fornire indicazioni circa le modalità di conservazione e di trasporto dei dipinti. L advisor si occupa della ricerca delle opere, partecipa alle principali mostre ed interviene anche alle sessioni d asta per nome e per conto del cliente, cui spetta il diritto di rimanere nell anonimato. I servizi di advisory, inoltre, includono anche la valutazione delle opere di cui un soggetto è già in possesso. Tuttavia si ritiene che, data la singolarità dell investimento, non si possa prescindere dal gusto personale; si consigliano, quindi, opere che piacciono al cliente e non solo quelle per le quali si suppone vi sarà una rivalutazione nel tempo. 16

17 L art advisor è un esperto del mondo dell arte che offre servizi di consulenza sia a fondi d investimento, per i quali è fondamentale mirare all efficienza nella compravendita delle opere, sia agli intermediari che intrattengono un rapporto diretto con la clientela, e quindi gli istituti creditizi. Ai buyers ed agli advisors di un fondo viene riconosciuta l opportunità di accedere a patrimoni e collezioni private, spesso raramente apparsi sul mercato, e, quindi, la possibilità di acquistare opere direttamente dai proprietari, apportando, così, un valore aggiunto all investimento. Per quanto concerne la figura dell art advisor negli istituti del credito, dobbiamo anzitutto evidenziare l evoluzione che sta riguardando tale tipologia di intermediario. L attività primaria e necessaria perché si possa parlare di attività bancaria è la raccolta del risparmio tra il pubblico e l esercizio del credito. Tuttavia, al fine di avvicinare e soddisfare il maggior numero di clienti possibile, gli istituti bancari hanno ampliato e diversificato l offerta, in termini di servizi e di prodotti offerti. Da uno studio di Art Investments emerge che il mercato dell arte italiano negli ultimi dieci anni è cresciuto del 57%. Motivo per cui i maggiori istituti di credito hanno pensato bene di offrire un servizio di consulenza nel campo dell arte, per invogliare i clienti più benestanti e sofisticati ad investire, in un modo inconsueto, le loro disponibilità. Si tratta di una figura nuova nel panorama bancario italiano, ma in America se ne parla già dagli anni 80. Nel mondo anglosassone e svizzero 17

18 l'art banking è integrato da tempo nell'offerta delle banche, con punte di eccellenza in Citibank e Ubs. Secondo quanto si evince dal Rapporto sul commercio dei beni artistici di Nomisma, duecento sarebbero le famiglie italiane che potrebbero essere coinvolte dalle proprie banche in questa modalità di investimento. La stessa ricerca ha rilevato che gli istituti del credito hanno proposto l acquisto di opere d arte al 57% di queste famiglie, tuttavia la sfiducia è molto accentuata. E proprio per rendere i prezzi delle opere più abbordabili, ultimamente si registra un grande interesse per i giovani artisti. Cresce l attenzione del private banking verso i prodotti artistici e si rende indispensabile l'esigenza di una consulenza indipendente ed il bisogno di avere a disposizione dei professionisti del settore, in grado di semplificare l'accesso al mondo dell'arte e di saperne decodificare i codici interni. Si tratta di una scelta di marketing, che tende a consolidare il legame tra banca, territorio e tessuto sociale in cui quest ultima opera. L integrazione tra Banca Intesa e Sanpaolo IMI e la successiva aggregazione tra il gruppo Unicredit e Capitalia generano nuove speranze di sviluppo della presenza delle banche nel panorama artistico. Unicredit si sta esprimendo nel campo dell editoria d arte e sostiene, grazie alle grandi competenze in termini di gestione e di comunicazione, anche due delle più importanti istituzioni museali italiane, il Museo d arte contemporanea del Castello di Rivoli ed il MART, Museo d arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto. 18

19 Il gruppo Banca Intesa e Sanpaolo Imi, invece, detiene una delle più grandi collezioni private d Italia, con opere che spaziano in un arco temporale che va dal Duecento al XX secolo. La collezioni di Banca Intesa sono in parte visitabili dal 1999 nella sede del Palazzo Leoni Montanari di Vicenza e nella sede napoletana di Banca Intesa, Palazzo Zevallos Stigliano, che conserva il Martirio di Sant Orsola di Caravaggio, restaurato nel 2004 grazie ai fondi della banca. 19

20 5. VALUTAZIONI DI MERCATO 5.1. L ARTE ED IL VALORE DELLA CONTEMPORANEITA Il gusto e le mode sono i veri driver che hanno un ruolo guida nel mercato dell arte, più che nei mercati finanziari, dove il valore dei titoli è funzione dei fondamentali di mercato. E evidente che l arte, da un punto di vista economico, non ha un valore stabile nel corso del tempo, bensì ha un valore puramente arbitrario, spesso determinato dalle mode del momento, più che da valutazioni che hanno un qualche riscontro reale. Oggi sono in aumento clienti con ricchi portafogli, provenienti dal Medio Oriente, dalla Cina e dalla Russia: è in questi luoghi che il mercato si va allargando, è da qui che proviene la nuova ricchezza. Ed ecco che si assiste ad uno strutturale cambiamento nel mondo dell arte, uno spostamento di interesse da parte del collezionismo sull arte del presente, dettato dalla nuova tipologia di collezionisti che si fa spazio sulla scena mondiale, complici anche l attenzione dei media, delle case editrici e dei nuovi musei. I prezzi dell arte contemporanea sono in continuo aumento e molti si attendono lo scoppio della bolla speculativa, come alla fine degli anni 80 quando, però, fu lo scoppio della prima Guerra del Golfo a far crollare i prezzi. Nel 1989, invece, vi fu un rialzo dei prezzi delle opere impressioniste in seguito all introduzione di una norma che offriva ai giapponesi l opportunità di scaricare gli utili degli acquisti in arte. La crisi dei mutui subprime, che ha riguardato non solo il mercato 20

21 immobiliare statunitense, ma l economia mondiale, non ha influenzato i prezzi delle opere d arte, sia perché l arte è considerata una classe d investimento totalmente indipendente, non correlata ai mercati finanziari, sia perché lo shock immobiliare ha toccato un ceto medio, che difficilmente acquistava arte. Alcuni sostengono che la contrazione del mercato degli Old Masters sia dovuta al fatto che, date la qualità del lavoro e l attitudine a non deteriorarsi con il trascorrere del tempo, risultino particolarmente interessanti soprattutto come investimento di lungo termine. E, seguendo questo ragionamento, dovrebbe risultare ovvio che, in un contesto internazionale e di grande innovazione culturale, vi sia un aumento della domanda per artisti contemporanei, spesso molto giovani. Questo spiega perché negli ultimi anni i prezzi delle più ricercate opere contemporanee siano cresciuti in misura maggiore rispetto a quelli dell arte moderna e dell antiquariato. Nella classifica dei maestri più valutati appaiono pittori italiani del Novecento, quali Marino Marini, che con L Idea del cavaliere ha spuntato 7 milioni di dollari e Giacomo Balla, con una carta futurista del 1913, battuta a 9,3 milioni di dollari. Il Laboratorio di Nomisma segnala una crescita nel 2007 dei prezzi medi delle opere d arte moderna e contemporanea. Per le opere di minore qualità si è registrato un aumento del 4,2%, tale da raggiungere i euro, mentre il valore dei capolavori si è incrementato del 5,8% e si è arrivati ai euro. Tali dati fanno riferimento ad un periodo non proprio florido per chi aveva, invece, puntato 21

22 sulla Borsa o sull immobiliare. E con la crescita del mercato, cala l età media degli operatori, che si attesta intorno ai anni LA VARIABILITA DEI PREZZI ED IL MAGGIOR VALORE DEI DIPINTI MINORI Due ricercatori, Mei e Moses, hanno evidenziato la grande variabilità dei rendimenti delle opere d arte, suggerendo che anche l investimento in opere di artisti molto noti non necessariamente darà luogo ad un maggior valore. Jianping Mei e Michael Moses hanno creato 3 indici di valutazione del mercato: capolavori, mercato medio ed arte a basso costo di acquisto. Dal 1952 l indice di arte a basso costo di acquisto, che comprende le opere d arte vendute per somme che rientrano nel 33% dei più bassi prezzi di acquisto d asta, ha decisamente superato il mercato medio e l indice dei capolavori. Se si confrontano questi indici con la performance a lungo termine del S&P 500, si evince che i capolavori rendono meno del mercato azionario, mentre i dipinti a basso prezzo tendono a fruttare di più. Ad esempio, nel 1989 il dipinto di Marc Chagalle Le violiniste au monde renverse è stato venduto all asta per 4,2 milioni di dollari; mentre nel maggio 2001 la stessa opera è stata battuta per 2,1 milioni, cioè alla metà del suo prezzo di acquisto di 11 anni prima. Diversamente, un altro dipinto sempre di Chagalle, ma meno costoso, Orphee, è stato venduto 22

23 per dollari nel 1982 e, a maggio del 2001, rivenduto per ben dollari. Lo stesso Baumol, in uno scritto del 1986, l American Economic Review, indaga circa la variazione del rendimento fra quadri più o meno famosi. I capolavori sono ritenuti tali perché colpiscono l osservatore nel profondo, riescono a stimolare la sua sensibilità e ad emozionarlo. Ed il collezionista valuterà tale piacere estetico almeno quanto la differenza tra i rendimenti delle opere d arte e quelli dei capitali finanziari. I tassi di rendimento dell investimento in dipinti minori risulteranno, quindi, maggiori rispetto a quelli dell investimento in opere d arte più famose proprio per sanare questo gap che si viene a delineare da un punto di vista emotivo. A mio parere, invece, nell acquistare quote di un art fund, viene meno la partecipazione diretta con il mondo dell arte. E infatti concesso al sottoscrittore di prendere in prestito le opere per un breve periodo di tempo, ma c è da chiedersi quanti effettivamente eserciteranno questo loro diritto. La commistione tra investimento sociale e godimento dell opera rimane, quindi, un evento sporadico ed occasionale. Al contrario, il collezionista privato può godere in qualsiasi momento del rendimento finanziario e del piacere estetico della propria opera. 23

24 5.3. L ARTE NELL ASSET ALLOCATION OTTIMALE Un portafoglio è considerato "efficiente" se, per un dato livello di rischio, genera il più alto rendimento atteso o se comporta il minor livello di rischio, dato un certo livello di rendimento atteso. Da un analisi svolta dall Art Market Research nel 2003, risulta che il portafoglio finanziario ottimale degli ultimi 25 anni è costituto per il 35% da equity, 45% da obbligazioni e 20% dall arte. Tale portafoglio ha generato una performance superiore ai titoli di stato a 10 anni (rispettivamente l 11% contro il 9,9%) e ha mantenuto un livello di rischio pari al 7,7%, il più basso livello fra tutte le asset class del modello. (Figura 1) (figura 1) *Art 100 Index: misura del movimento dei prezzi di cento fra i principali artisti di elevato standing, sia Old Masters che contemporanei. 24

25 6. CASO PRATICO 6.1. PRIMI ESEMPI DI FONDI D ARTE La Peau de l Ours Il primo esempio di art fund, La Peau de l Ours, risale al 1904, anno in cui alcuni amici, appassionati d arte, decisero di riunire parte dei loro risparmi in un fondo per acquistare opere d arte contemporanea. Sotto la guida del finanziere francese André Level, con un investimento pari a 250 franchi l uno, poterono operare in una fascia di prezzo più alta di quella accessibile al singolo, ridurre i rischi di un investimento che sarebbe stato troppo azzardato affrontare da soli e godere delle opere d arte acquistate. In dieci anni il fondo comprò più di un centinaio di dipinti e disegni, tra cui opere di Picasso, Braque e Matisse. Allo scadere del periodo di investimento, il 2 marzo 1914, l intera collezione fu venduta nella sede dell Hotel Drouot di Parigi, in un asta che assunse rilevante importanza per l alto livello conseguito in termini di qualità e quantità delle opere battute, ma anche per i prezzi raggiunti. Alla chiusura del fondo gli investitori videro quadruplicato il loro investimento iniziale; l operazione si rivelò un assoluto successo British Rail Pension Fund Nel 1974 le ferrovie inglesi decisero di dare vita, per i loro impiegati, al British Rail Pension Fund. Investirono 40 milioni di sterline in opere d arte di diversa 25

26 tipologia: dipinti e disegni antichi, dipinti impressionisti, ceramiche cinesi, libri e manoscritti, arte medioevale e scultura. Sembra che ad indirizzare gli investitori verso questa tipologia alternativa di investimento sia stata l instabilità economica e finanziaria del momento. La crisi petrolifera di quegli anni e l andamento negativo del mercato azionario stimolarono, infatti, gli investitori a cercare una diversa opportunità di impiego del capitale. In quel periodo nel Regno Unito vi era un alta inflazione, una moneta debole, ed un mercato immobiliare instabile. Di qui la decisione del British Rail Pension Fund di investire all incirca 3 milioni di sterline all anno in una serie di collezioni d arte: fino agli anni 80 acquistò attraverso Sotheby e, sempre tramite la medesima casa d aste, qualche anno più tardi iniziò a ricollocare le opere sul mercato. La vendita della collezione, di circa pezzi, fu completata alla fine degli anni 90. I costi sostenuti ammontarono a circa il 2,3% del suo valore totale, mentre i ricavi conseguenti alle vendite raggiunsero i 168 milioni di sterline. Tra i diversi settori in cui la collezione investì, i maggiori profitti derivarono dalle opere degli impressionisti (con una performance annua del 21,3%), congiuntamente alla ceramica ed alla porcellana cinese (15,4%). Può risultare interessante notare che delle opere vendute, 60 hanno generato un terzo del profitto. Tra queste, un dipinto di Monet comprato nel 1979 per dollari, che fu rivenduto nel 1989 per 9 milioni di dollari, ed una veduta 26

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE Moderatore: Giuliano Bidoli Head of Tax, Experta Corporate and Trust Services S.A. Relatori: Massimo Contini Senior Relationship

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

L asset management di Banca Fideuram

L asset management di Banca Fideuram L asset management di Banca Fideuram 1 LA SOCIETA 2 La struttura societaria Banca Fideuram 3 Italia 99.5% Irlanda 100% Lussemburgo 99.94% Fideuram Investimenti SGR Gestioni Patrimoniali Fondi Comuni di

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli