Professioni & concorsi. Concorso. per funzionari all Agenzia delle Entrate. prova oggettiva attitudinale. Raccolta di prove ufficiali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Professioni & concorsi. Concorso. per funzionari all Agenzia delle Entrate. prova oggettiva attitudinale. Raccolta di prove ufficiali"

Transcript

1 p&c Professioni & concorsi Concorso per funzionari all Agenzia delle Entrate Raccolta di prove ufficiali prova oggettiva attitudinale

2

3 Concorsi per Funzionari - Agenzia delle Entrate Prove oggettive attitudinali Anno Anno Anno

4

5 Prova oggettiva attitudinale - anno 2008 Le vendite di personal computer in Europa occidentale sono cresciute del 14% nel primo trimestre del Il dato testimonia come il comparto dei PC goda di buona salu te nonostante i temuti effetti legati alla recessione economica americana. I 15,2 milioni di notebook e desktop acquistati da consumatori e aziende in Europa dicono che la do manda veleggia a buonissimi livelli, anche perché favorita dal nuovo rapporto di cambio euro-dollaro, che ha velocizzato la riduzione dei prezzi medi di vendita. La penetrazione sempre più diffusa dei PC portatili ha quindi fatto il resto. Nel Regno Unito, per esempio, è stato rilevato come la crescita delle vendite dei notebook sia stata a fine marzo del 40% rispetto a dodici mesi prima, un salto avanti che ha cambiato lo scenario del mercato oltremanica (dove Higher e Dust insieme hanno il 45% di share): oggi i portatili coprono oltre il 60% della domanda di PC e arrivano al 70% nell ambito dei prodotti consumer. Lo scenario non è troppo diverso in Francia, dove le macchine desktop non arrivano al 45% del totale lasciando ai notebook, in salita del 26,8% anno su anno, la maggioranza delle vendite. Da segnalare, sul mercato transalpino (dove a comandare sono Higher e Acron), l entrata nella top five di Aster, che grazie al suo low cost PC ha raddoppiato la propria quota di mercato portandola al 4,8%. Anche in Germania (dove sono tre i vendor a gio carsi il podio, Fukiku, Higher e Acron nell ordine), infine, gli analisti hanno registrato una decisa impennata delle richieste per i computer mobili: le consegne sono lievitate del 40% rispetto al primo trimestre del 2007 e ora i notebook assorbono il 57% dei poco meno di tre milioni di computer venduti in terra tedesca. La situazione italiana è di fatto la stessa e conferma una tendenza ormai divenuta realtà: la prima scelta di acquisto di un nuovo personal computer, per la casa come per l ufficio, cade sui notebook. 1) Sul mercato europeo dei PC, il nuovo rapporto di cambio euro-dollaro: A. ha favorito la vendita dei notebook rispetto ai desktop B. ha favorito le aziende produttrici americane C. ha reso più rapido il calo dei prezzi di vendita D. non ha avuto ripercussioni di rilievo E. nessuna delle alternative proposte 2) La situazione del mercato dei PC in Italia: A. è in controtendenza e registra ancora una prevalenza della domanda di desk top rispetto a quella di notebook B. vede una prevalente domanda di notebook per uso privato e una maggiore domanda di desktop per gli uffici C. conferma la tendenza europea della maggior richiesta di notebook rispetto ai desktop D. ha registrato la vendita di circa tre milioni di notebook nel 2007 E. nessuna delle alternative proposte 3) Nel Regno Unito: A. si è registrato un aumento del 60% della domanda di portatili negli ultimi 12 mesi B. i portatili coprono il 70% del mercato dei prodotti consumer C. il 40% del mercato dei PC è ripartito tra Higher e Dust D. nel 2007 si sono venduti più portatili che in qualsiasi altro Paese europeo E. nessuna delle alternative proposte 4) La recessione economica americana: A. ha favorito la vendita di notebook rispetto a quella dei desktop

6 6 Funzionari all Agenzia delle Entrate B. ha fatto crescere del 14% le vendite di personal computer in Europa occidentale C. non ha intaccato la buona salute di cui gode il comparto PC D. si è fatta sentire, nel mercato dei PC, soprattutto nel primo trimestre del 2008 E. nessuna delle alternative proposte 5) Il nuovo rapporto di cambio euro-dollaro, che ha velocizzato la riduzione dei prezzi medi: A. ha favorito la vendita dei desktop di produzione americana B. ha aumentato la domanda di PC da parte di consumatori privati rispetto a quella delle aziende C. non ha influito sulla domanda di notebook e desktop D. ha fatto raddoppiare la domanda di notebook e desktop sul mercato europeo E. nessuna delle alternative proposte Percentuale delle importazioni e delle esportazioni in Italia secondo le aree geografiche Importaz. Esportaz. Nord-Ovest 48% 40% Nord-Est 20% 35% Centro 18% 10% Sud 9% 13% Isole 5% 2% TOTALE 100% 100% 6) Considerando il valore totale delle esportazioni pari a 2.000, qual è il valore da attribuire all Italia del nord? A. 750 B C D E ) Considerando il valore totale delle importazioni pari a 1.600, qual è il valore da attribuire all Italia centrale? A. 260 B. 288 C. 150 D. 320 E ) Se il valore totale delle esportazioni fosse pari a e quello delle importazioni pari a 1.000, quale sarebbe, in valore assoluto, la differenza tra i due valori dell Italia del sud? A. 260 B. 170 C. 90 D. 40 E ) Se i valori di importazioni ed esportazioni fossero entrambi pari a 1.500, quale sarebbe, in valore assoluto, la differenza tra i due valori dell Italia insulare? A. 45 B. 75 C. 30

7 Prova oggettivo attitudinale - anno D. 50 E ) Se le esportazioni fossero pari a e le importazioni pari a 2.000, quale sarebbe la differenza tra importazioni ed esportazioni al Sud? A. 60 B. 80 C. 50 D. 40 E. nessuna delle alternative proposte 11) 5 3? 9 45 A. 35 B. 21 C. 111 D. 10 E ) 50? A. 39 B. 42 C. 45 D. 49 E ) ? A. 10 B. 30 C. 20 D. 31 E ) ? 49 A. 23 B. 83 C. 37 D. 61 E ) ? 95 A. 62 B. 77 C. 64 D. 70 E ) ? 94 A. 73 B. 91 C. 86 D. 88 E. 85

8 8 Funzionari all Agenzia delle Entrate 17) 33 66? A. 70 B. 66 C. 71 D. 63 E ) ? A. 50 B. 48 C. 52 D. 108 E ) ? A. 21 B. 19 C. 17 D. 20 E ) ? A. 213 B. 78 C. 313 D. 55 E ) 1 1 3? 105 A. 15 B. 9 C. 12 D. 24 E ) 15 21? A. 25 B. 32 C. 37 D. 28 E ) ? A. 43 B. 33 C. 45 D. 66 E ) ? 360 A. 240 B. 60 C. 92

9 Prova oggettivo attitudinale - anno D. 120 E. 75 Confermato: Higher compra Syncronic Data (SD) per 13,9 miliardi di dollari. È la più grande operazione nel campo dei servizi Il. Il gigante di Palo Alto va così a coprire un area dove si è avvalsa solo di società terze e amiche, come Aconsulting. Ora invece sfida ITL a tutto campo. E gli IT services sono fondamentali ora più che mai per competere con Bring UP e la sua potentissima divisione Global Services. Il matrimonio fra Higher ed SD è, come accennato, la più importante operazione mai registrata nel campo dei servizi di Information Technology ed è stata approvata all unanimità dai board dei due gruppi americani. L obiettivo di Higher non pare essere la mera colonizzazione del gruppo texano, quanto piuttosto creare una nuova, e più potente, realtà dello strategico settore dei servizi, ovvero in quell area del mercato IT dove ci sono margini di guadagno, e di erogazione di valore aggiunto ai clienti business. L hardware, e questo ITL lo sa bene, è una commodity: la differenza la fanno i servizi e ora Higher potrebbe essere in grado di competere al meglio con la storica rivale. E in mezzo tra l incudine Higher e il martello ITL sta quella Dust che ora non fa più scintille come in passato. Dalla fusione delle due multinazionali nascerà un gruppo da 310 mila dipendenti per un fatturato di circa 130 miliardi di dollari. ITL, per fare un paragone, ha 386 mila dipendenti e un giro d affari di 98,8 miliardi. 25) Dalla fusione di Higher e SD: A. nascerà un gruppo con un numero di dipendenti assai maggiore di quanti ne abbia ITL B. chi trarrà vantaggio sarà la Dust, che vedrà indebolita la sua diretta rivale ITL C. nascerà una realtà in grado di fatturare più di ITL D. uscirà un giro di affari di circa 99 miliardi di dollari E. nessuna delle alternative proposte 26) L operazione di acquisto di SD da parte di Higher: A. è la più grande operazione finanziaria mai effettuata dopo l acquisto di Global Services da parte di Bring Up B. è stata condotta in un settore poco strategico come quello dei servizi IT C. è stata approvata dopo grandi difficoltà ed estenuanti trattative D. si è chiusa nel primo semestre di quest anno E. nessuna delle alternative proposte 27) I servizi di Information Technology: A. sono stati finora di esclusivo dominio ITL B. sono di importanza vitale per la competizione con Bring Up C. sono il settore tecnologico dove c è più margine di guadagno in assoluto D. sono da sempre il settore più ambito dal colosso di Palo Alto E. nessuna delle alternative proposte 28) Con l acquisto di SD: A. Higher lancia la sfida a ITL a tutto campo B. la ITL ha compiuto la più grande operazione nel campo dei servizi IT C. la Higher mira prevalentemente a colonizzare il gruppo texano D. la Higher si potrà definitivamente svincolare da società terze o amiche, come Aconsulting E. nessuna della alternative proposte 29) La Syncronic Data: A. è detta anche il colosso di Palo Alto B. è stata acquistata dalla Higher per una cifra pari al fatturato di ITL C. è il reparto dei servizi IT della Dust D. è stata acquistata da Higher per una cifra di poco inferiore al fatturato di ITL E. nessuna delle alternative proposte

10 10 Funzionari all Agenzia delle Entrate Percentuali dei bambini stranieri iscritti alle scuole elementari italiane dal 1998 al 2002 divisi per area geografica Nord Centro Sud ,9% 2,2% 3,0% ,2% 2,5% 3,1% ,6% 3,0% 3,5% ,7% 3,3% 3,9% ,4% 3,6% 4,3% 30) Qual è la percentuale media approssimata della presenza di bambini stranieri nelle classi delle scuole elementari italiane del Centro tra il 1998 e il 2002? A. 3,0% B. 3,2% C. 2,9% D. 2,6% E. 3,5% 31) Se il totale dei bambini iscritti nelle scuole elementari del Nord nel 2001 fosse di , quanti tra questi sarebbero gli stranieri? A B C D E ) Supponendo che nel 2002 il totale dei bambini iscritti nelle scuole elementari del Nord sia superiore al totale dei bambini iscritti nelle scuole elementari del Sud, quale delle seguenti affermazioni è sicuramente vera? A. Nel 2002 le scuole del Sud hanno un numero maggiore di bambini italiani rispetto alle scuole del Nord B. Nel 2002 le scuole del Sud hanno un numero maggiore di bambini stranieri rispetto alle scuole del Nord C. Nel 2002 le scuole del Sud hanno un numero minore di bambini stranieri ri spetto alle scuole del Nord D. Nel 2002 le scuole del Nord e le scuole del Sud hanno lo stesso numero di bambini stranieri 33) In che anno e in che area geografica si registra la percentuale più alta di bambini stra nieri iscritti alle scuole elementari italiane? A Nord B Centro C Sud D Nord E Centro 34) Qual è la media nazionale (Nord, Centro, Sud) di presenza di bambini stranieri nelle classi delle scuole elementari italiane nel 2002? A. 3% B. 2,5% C. 4,3% D. 3,9% E. 4,1%

11 Prova oggettivo attitudinale - anno Kobe (Giappone) - Tante dichiarazioni di buona volontà e l adozione di direttrici programmatiche non impegnative, ma scarsi progressi sulla strada del sospirato accordo globale sulla riduzione delle emissioni nocive che superi il protocollo di Kyoto in scadenza nel Il vertice dei ministri dell ambiente del G8 - esteso a una decina di altri Paesi, tra cui Cina, India e Brasile - si è tenuto in Giappone, nella città di Kobe, con la raccomandazione ai leader politici che si riuniranno per il prossimo GB in Hokkaido affinché pongano le basi per il dimezzamento delle emissioni di anidride carbonica entro il Sono anche state adottate su proposta giapponese tre iniziative programmatiche: una sulla costituzione di un network internazionale di ricerca sulla società ecologica del futuro, una sulla tutela della biodiversità e una sulle cosiddette 3R (riduzione, riutilizzo e riciclo di materiali e rifiuti). Sulla sostanza, restano però intatte le divergenze tra Paesi industrializzati e Paesi emergenti, e anche all interno del G8 ci sono membri, a partire dagli Stati Uniti, del tutto contrari alla fissazione di obiettivi nazionali di riduzione delle emissioni, tanto più in mancanza di un parallelo impegno delle nazioni emergenti come Cina e India. 35) Il vertice dei ministri dell ambiente del G8 ha fruttato: A. molte dichiarazioni di buona volontà ma scarsi progressi circa l accordo glo bale sulla riduzione delle emissioni nocive B. un accordo definitivo sul dimezzamento delle emissioni di anidride carbonica entro il 2050 C. l adozione di direttrici programmatiche impegnative per il superamento del protocollo di Kyoto D. la conferma di quanto stabilito nel protocollo di Kyoto e la proroga della sua scadenza fino al 2050 E. nessuna delle alternative proposte 36) Il vertice tenutosi a Kobe: A. ha stabilito che il prossimo G8 si terrà in Hokkaido B. ha dato il consenso ad aprire il prossimo G8 a un altra decina di Paesi tra cui la Cina, l India e il Brasile C. non ha sanato le divergenze esistenti tra Paesi industrializzati e Paesi emergenti D. ha sanato del tutto le divergenze esistenti tra Paesi industrializzati e Paesi emergenti E. nessuna delle alternative proposte 37) Le tre iniziative programmatiche proposte dal Giappone: A. sono le cosiddette tre R (riduzione, riutilizzo e riciclo di materiali e rifiuti) B. prevedono anche la costituzione di un network internazionale di ricerca sulla società ecologica del futuro C. sono state adottate in misura ristretta in attesa di una definitiva adozione al prossimo vertice di Hokkaido D. hanno avuto come scopo il parallelo impegno, in tema di riduzione, riutilizzo e riciclo dei rifiuti, di Cina e India E. nessuna delle alternative proposte 38) I ministri dell ambiente che hanno preso parte al vertice di Kobe auspicano: A. che le divergenze tra Stati Uniti, Cina e India in materia di riduzione delle emissioni si risolvano entro il 2012 B. che si faccia di più per la tutela della biodiversità con una iniziativa programmatica da adottare entro il 2050 C. che la costituzione di un network internazionale di ricerca sulla società ecologica del futuro avvenga entro la scadenza del protocollo di Kyoto (2012) D. che i leader politici che si riuniranno nel prossimo G8 in Hokkaido pongano le basi per il dimezzamento delle emissioni di anidride carbonica entro il 2050 E. nessuna delle alternative proposte 39) All interno del G8: A. vi sono Paesi, come la Cina e l India, del tutto contrari alla fissazione di obiettivi nazionali di riduzione delle emissioni B. non vi è stata alcuna volontà di ottenere un accordo globale sulla riduzione delle emissioni nocive

12 12 Funzionari all Agenzia delle Entrate C. c è chi si è opposto fermamente a che il prossimo vertice si tenga in Hokkaido D. c è molto ottimismo sul raggiungimento, entro il 2012, di un accordo globale in tema di emissioni nocive E. nessuna delle alternative proposte Diverse tipologie di investimenti di un azienda con relativo indebitamento iniziale e pro spettive di ricavo annuale (in migliaia di euro) Indebitam. 1 Anno 2 Anno 3 Anno Tipo A Tipo B Tipo C Tipo D Tipo E ) Quale tipologia di investimento ha il più alto rapporto: Ricavo totale al 3 Anno / Indebitamento iniziale? A. Tipo A B. Tipo B C. Tipo C D. Tipo D E. Tipo E 41) Supponendo di poter investire solo in due tipologie di investimento, qual è la combinazione di investimenti più conveniente in termini di guadagno (Ricavo totale - Indebita mento iniziale) alla fine del 3 Anno? A. Tipo A + Tipo C B. Tipo B + Tipo A C. Tipo E + Tipo A D. Tipo E + Tipo B E. Tipo C + Tipo D 42) Qual è la tipologia di investimento che garantisce il maggior guadagno, inteso come Ricavo totale al 3 Anno - Indebitamento iniziale? A. Tipo A B. Tipo B C. Tipo C D. Tipo D E. Tipo E 43) Quale tipologia di investimento ha il più alto rapporto: Ricavo 1 Anno / Indebitamento iniziale? A. Tipo A B. Tipo B C. Tipo C D. Tipo D E. Tipo E 44) Se si investe sia nel progetto di Tipo C che nel progetto di Tipo E, qual è il guadagno totale (Ricavo totale - Indebitamento iniziale) in migliaia di al termine del 3 Anno? A. 43 B. 48

13 Prova oggettivo attitudinale - anno C. 40 D. 33 E. 50 Nei primi tre mesi di quest anno sono stati venduti su scala globale poco più di 294 milioni di telefonini, con una crescita del 13,6% rispetto allo stesso periodo del Le aspettative per l intero 2008 parlano di un incremento in volumi del mercato che si dovrebbe concretizzare intorno al 10-15%. La domanda di cellulari quindi non si ferma, continua a viaggiare sopra la fatidica doppia cifra ma è destinata a cambiare natura. A fare la fortuna dei produttori saranno infatti i Paesi cosiddetti emergenti (Cina, India, Russia, Brasile), che assorbiranno in toto la flessione dei mercati maturi. Il dato che fotografa l andamento del primo trimestre in Europa occidentale è in tal senso molto eloquente: le vendite sono scese del 16,4% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente e questo costituisce il primo passo indietro a partire dal Nella regione Asia/Pacifico, per contro, sono stati comprati circa 115 milioni di cellulari, con un incremento dal 2007 del 26,6%. Una crescita di pochissimo superiore a quella di Europa dell Est, Medio Oriente e Africa, le cui vendite sono lievitate del 25,8% per complessivi 56,4 milioni di unità. In America Latina, infine, il salto in avanti è stato del 28,4% grazie ai 32,5 milioni di telefonini finiti nelle tasche di semplici consumatori e uomini d affari. Le buone nuove per operatori e produttori quindi non mancano ma lo spostamento dei volumi verso i mercati più poveri avrà una logica quanto prevista ripercussione: il valore del mercato dei telefonini è in ribasso e questa tendenza andrà ad accentuarsi nel corso del 2008, perché la guerra dei prezzi per accaparrarsi share nei Paesi emergenti si acuirà ulteriormente e farà il paio con una maggiore cautela negli acquisti da parte dei consumatori che vivono nei mercati maturi. 45) La domanda di cellulari: A. ha raggiunto per la prima volta, nel primo trimestre 2008, un incremento percentuale in doppia cifra B. ha registrato, sul mercato globale, una drastica flessione nel primo trimestre del 2008 C. è aumentata notevolmente nella regione Asia/Pacifico rispetto al 2007 D. si incrementerà grazie al ribasso dei prezzi degli apparecchi e delle tariffe telefoniche E. nessuna della alternative proposte 46) I consumatori che vivono nei mercati maturi: A. hanno più cellulari, a testa, rispetto ai consumatori dei Paesi emergenti B. approfitteranno del ribasso dei prezzi per acquistare nuovi cellulari C. sono ancora quelli che fanno la fortuna dei produttori di cellulari D. sono maggiormente attratti dalle promozioni tariffarie telefoniche E. nessuna delle alternative proposte 47) Nel primo trimestre del 2008: A. l Europa occidentale ha avuto l incremento più basso della vendita di telefonini rispetto all anno precedente B. la regione Asia/Pacifico è quella in cui sono stati venduti il maggior numero di cellulari C. l America Latina è stata la regione che ha registrato la vendita del maggior numero di cellulari D. in Europa dell Est, Medio Oriente e Africa sono stati venduti più del doppio dei telefonini venduti in America Latina E. nessuna delle alternative proposte 48) La tendenza al ribasso del valore di mercato dei telefonini: A. si è registrata nel primo trimestre del 2008, ed è la prima volta che accade dal 2001 B. si fermerà nel corso del 2008 C. è dovuta alla maggiore cautela negli acquisti dei consumatori dei Paesi emergenti D. aumenterà nel corso del 2008 E. nessuna delle alternative proposte

14 14 Funzionari all Agenzia delle Entrate 49) I Paesi emergenti: A. saranno quelli che riequilibreranno il calo di domanda dei cellulari che si avrà nei mercati maturi B. produrranno almeno il 50% della domanda di cellulari nel 2008 C. hanno visto alzarsi notevolmente i prezzi medi dei cellulari e delle tariffe telefoniche D. non saranno in grado di sanare il calo della domanda di cellulari che si sta avendo a livello mondiale E. nessuna delle alternative proposte Fatturato dell azienda tessile Prato S.p.A. in milioni di Euro, per prodotto Cappelli Camicie Pantaloni Giacche Sciarpe ) Qual è stato l incremento approssimato percentuale del fatturato delle giacche nel 2003 rispetto all anno precedente? A. 9% B. 7% C. 26% D. 11% E. 8% 51) Qual è stato l incremento di fatturato complessivo del 2003 rispetto al 2000? A. 100% B. 125% C. 50% D. 75% E. 200% 52) Nel 2001 qual era la percentuale approssimata di fatturato delle camicie? A. 43% B. 38% C. 51% D. 47% E. 33% 53) Qual era la percentuale approssimata del fatturato dei cappelli sul totale nel 2001? A. 28% B. 33% C. 45% D. 17% E. 10% 54) Qual è stato l incremento approssimato percentuale del fatturato dei pantaloni nel 2002 rispetto al 2001? A. 13% B. 9% C. 18% D. 15% E. 21%

15 Prova oggettivo attitudinale - anno Appassionati, instancabili, avidi e ottimisti. Gli investitori cinesi sembrano non avere notato che la scorsa estate i mercati dell intero globo hanno inciampato clamorosamente nella crisi dei mutui statunitensi, lasciando sul terreno gli enormi guadagni dei primi mesi dell anno. Il 22 agosto la borsa cinese ha oltrepassato la soglia dei punti, ignorando il rialzo dei tassi di interesse annunciato il giorno prima dal governo centrale (tassi di prestito al 7,02% e interessi sui depositi bancari al 3,6%). L indice composito di Shanghai (CSI 300), che raccoglie le 300 principali aziende cinesi quotate a Shanghai e a Shenzhen, è aumentato negli ultimi 8 mesi dell 80%, dopo una crescita l anno scorso del 130%. Insomma, nel giro di 12 mesi è più che raddoppiato, sfiorando quota Merito anche degli oltre 200 mila conti depositi al dettaglio che i nuovi investitori cinesi aprono ogni giorno. 55) L indice composito di Shanghai: A. lo scorso anno è cresciuto di oltre il 120% B. negli ultimi 8 mesi ha aumentato dell 80% il numero delle aziende che raccoglie C. raccoglie tutte le aziende cinesi quotate a Shanghai e a Shenzhen D. nell ultimo anno è aumentato del 50% E. nessuna delle alternative proposte 56) Il superamento della soglia dei punti da parte della borsa cinese: A. è avvenuto con un aumento costante giornaliero del 3,6% durante tutto il 2006 B. è avvenuto nonostante il rialzo dei tassi di interesse annunciato dal governo centrale C. è previsto per i prossimi 8 mesi D. è avvenuto grazie alla crisi dei mutui statunitensi E. nessuna delle alternative proposte 57) Gli investitori cinesi: A. sono i più avidi del mondo B. aumentano ogni giorno di 200 mila unità C. sono appassionati e ottimisti D. stanno perdendo il loro proverbiale ottimismo E. nessuna delle alternative proposte 58) Ogni giorno: A. in tutta la Cina si aprono circa 300 nuove aziende B. solo a Shanghai si aprono circa 200 mila conti depositi al dettaglio C. a Shenzhen le nuove aziende aumentano il fatturato del 3,6% D. il governo centrale cinese è costretto a monitorare i tassi di interesse sui depositi bancari E. nessuna delle alternative proposte 59) Il governo centrale cinese: A. la scorsa estate ha portato i tassi di prestito a oltre il 7% B. ha portato i tassi di prestito al 3,6% C. non ha saputo fronteggiare, con misure adeguate, la mancanza di cautela degli investitori cinesi D. è stato più previdente dei governo americano E. nessuna delle alternative proposte

16 16 Funzionari all Agenzia delle Entrate Presenze di turisti italiani nelle principali città asiatiche negli anni (in migliaia) Bangkok Tokyo Pechino Hong Kong Singapore ) In quale città e in che anno si registra il maggior incremento percentuale di presenze di turisti italiani rispetto all anno precedente? A. Pechino nel 2002 B. Singapore nel 1999 C. Hong Kong nel 2000 D. Tokyo nel 1999 E. Bangkok nel ) Qual è la variazione percentuale approssimata di presenze di turisti italiani a Singapore nel 1999 rispetto al 1998? A. -3% B. +6% C. +2% D. -5% E. +10% 62) Qual è la media annua di presenze (in migliaia) di turisti italiani a Bangkok nel quinquennio ? A. 737 B. 721 C. 746 D. 755 E ) Qual è il numero di presenze (in migliaia) di turisti italiani nel 2002 nella città che ha fatto registrare nel 1999 il maggior incremento percentuale di presenze rispetto al 1998? A. 750 B. 810 C. 620 D. 675 E ) In quale città e in che anno si registra il calo più alto di presenze di turisti italiani, in valore assoluto, rispetto all anno precedente? A. Bangkok nel 2001 B. Bangkok nel 1999 C. Tokio nel 2001 D. Hong Kong nel 2001 E. Singapore nel 2000

17 Prova oggettivo attitudinale - anno La carta costituzionale di una società è lo statuto nel quale sono indicati l oggetto dell attività, il numero di azioni emesse e il loro valore nominale, gli organi societari e le particolari caratteristiche della propria vita associativa. Nello statuto, per esempio, deve essere indicata l esistenza di particolari azioni diverse da quelle ordinarie, l eventuale possibilità di ricorrere al voto per corrispondenza, l esistenza di limiti al possesso di azioni o vincoli all esercizio del diritto di voto. L atto costitutivo svolge una fondamentale funzione segnaletica, come una sorta di biglietto da visita dell impresa nei confronti della comunità degli investitori. È per definizione la sede dell autoregolamentazione, cioè delle regole alle quali, in aggiunta a leggi e regolamenti, la società si sottopone per migliorare la propria reputazione e attirare di conseguenza un maggior numero di investitori. 65) L autoregolamentazione di una società: A. risiede nel suo atto costitutivo B. si sostituisce alle leggi e ai regolamenti vigenti C. è vietata D. è prevista in uno statuto a parte, diverso da quello della sua costituzione E. nessuna 66) Il valore nominale delle azioni emesse da una società: A. è la voce della carta costituzionale in grado di attrarre il maggior numero di investitori B. non deve essere riportato nella sua carta costituzionale C. deve essere indicato nella carta costituzionale solo per azioni diverse da quelle ordinarie D. è riportato nello statuto di una società solo in assenza di limiti al possesso di azioni E. nessuna 67) Le indicazioni contenute nella carta costituzionale di una società: A. sono segrete e accessibili solo ai soci B. comprendono il numero delle azioni emesse ma non il loro valore nominale C. vengono aggiornate ogni 12 mesi D. comprendono la segnalazione di eventuali vincoli all esercizio di voto E. nessuna 68) L atto costitutivo di una società: A. è importante solo per i maggiori azionisti della società stessa B. è un biglietto da visita della società verso gli investitori C. è un biglietto da visita che agevola la conoscenza della società sul mercato estero D. serve ad attirare un maggior numero di investitori e ha il vantaggio di sottostare a meno vincoli rispetto ai comuni mezzi pubblicitari E. nessuna 69) La carta costituzionale di una società: A. non può essere modificata senza il consenso del 100% degli investitori B. è un atto diverso dallo statuto di una società C. è rivolta soprattutto agli investitori indecisi D. deve essere aggiornata semestralmente E. nessuna

18 18 Funzionari all Agenzia delle Entrate Raccolta differenziata di rifiuti urbani per alcune Regioni - Anno 2001 (in migliaia di tonnellate) VETRO PLASTICA CARTA ALTRO TOTALE Piemonte Lombardia Friuli Emilia-Romagna Marche Umbria TOTALE ) Qual è il peso, in percentuale approssimata, della raccolta differenziata di carta in Emilia-Romagna sul totale dei rifiuti differenziati della stessa Regione? A. 21% B. 34% C. 7% D. 43% E. 25% 71) In quale Regione le tonnellate di vetro raccolte equivalgono al totale dei rifiuti differenziati raccolti in Friuli? A. In Umbria B. Nelle Marche C. In Emilia-Romagna D. In Piemonte E. In Lombardia 72) Nella Regione in cui la percentuale di raccolta differenziata di plastica, sul totale dei rifiuti raccolti nella Regione stessa, è massima, quante tonnellate di rifiuti di plastica vengono raccolte? A B C D ) In quante Regioni la raccolta differenziata di carta è inferiore, in termini assoluti, a quella dei rifiuti della categoria altro? A. In 3 Regioni B. In 5 Regioni C. In 4 Regioni D. In una sola Regione 74) Qual è la differenza, in migliaia di tonnellate, tra i rifiuti di carta raccolti complessivamente in Piemonte, Lombardia e Friuli e quelli raccolti nelle altre Regioni riportate in tabella? A. 15,3 B. 181 C. 260 D. 325 E. 351

19 Prova oggettivo attitudinale - anno ) ? 158 A. 65 B. 42 C. 41 D. 81 E ) 5 5? A. 15 B. 60 C. 100 D. 90 E ) ? A. 292 B. 205 C. 575 D. 519 E )? A. 80 B. 94 C. 86 D. 88 E ) 22? A. 20 B. 16 C. 14 D. 26 E ) ? 81 9 A. 110 B. 90 C. 40 D. 10 E. 30

20 Prova oggettivo attitudinale - anno 2009 La quotazione del petrolio ha superato i 66 dollari al barile, il doppio rispetto al record negativo registrato poco meno di sei mesi fa. Qualche giustificazione si può anche trovare: il dollaro è debole e fa salire le quotazioni espresse in valuta americana; gli stoccaggi commerciali negli Stati Uniti sembrano in flessione, benché restino abbondanti; inoltre la posizione del ministro saudita Ali al-naimi al meeting Opec di Vienna è apparsa fortemente improntata a un ottimismo inossidabile per la prossima evoluzione della domanda e dei prezzi. A questi tre elementi il mercato ha mostrato di credere, trascurando le opposte indicazioni che vengono dalle numerose opzioni put (alla vendita) per prezzi a dollari al barile. Si può ritenere che gli investitori abbiano accentuato il principio di anticipazione: domanda e prezzi saliranno, quindi le borse devono intervenire prima, per sfruttare il momento favorevole. È una posizione rischiosa. Un simile principio di anticipazione non è invece avvertibile sui futures, perché le scadenze di luglio 2013, a quattro anni da adesso, vedono il West Texas solo una decina di dollari più in alto di quanto sia oggi. 1) Il prezzo del petrolio: A. è aumentato nell ultimo mese B. ha superato tutte le aspettative C. è influenzato dalla debolezza del dollaro D. non ha nulla a che vedere con il principio di anticipazione 2) Gli investitori: A. fanno previsioni ottimistiche circa l evoluzione di domanda e prezzi del petrolio B. difficilmente corrono dei rischi C. credono nel prossimo esaurimento delle riserve petrolifere americane D. sono preoccupati per la debolezza del dollaro 3) Per quanto riguarda i futures: A. il principio di anticipazione non è applicabile B. le previsioni sono particolarmente azzardate C. ogni previsione è subordinata al principio di anticipazione D. il West Texas suggerisce un andamento negativo per i prossimi quattro anni 4) Il principio di anticipazione: A. è del tutto irrazionale B. prima d ora non era stato mai preso in considerazione dagli investitori C. non è generalmente un parametro nella valutazione degli investitori D. induce gli investitori a voler sfruttare la possibile crescita di prezzi e domanda 5) La debolezza del dollaro: A. determina una flessione delle quotazioni espresse in valuta americana B. non ha nessuna relazione con la quotazione del petrolio C. è determinata dalla flessione degli stoccaggi commerciali statunitensi D. non ha determinato una crescita nel prezzo del petrolio

La quotazione del petrolio ha superato i 66 dollari al barile, il doppio rispetto al record negativo registrato poco meno di sei mesi fa. Qualche giustificazione si può anche trovare: il dollaro è debole

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La quindicesima conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si è svolta nel Bella Center di Copenhagen, in Danimarca,

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)»

Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)» Stato: settembre 2014 Domande e risposte Che cosa vuole l iniziativa popolare «Salvate l oro della

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

Il Mercato del reddito fisso

Il Mercato del reddito fisso S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Mercato del reddito fisso Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA Sala Convegni Corso Europa, 11 Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Dettagli

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE Per puntare sul recupero del dollaro, o per difendere investimenti in valuta da un ulteriore allungo dell euro, i risparmiatori italiani possono

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

L oro : Grafico 1: oro in $ dal 2007

L oro : Grafico 1: oro in $ dal 2007 Commentto merrccatti i Cffi i Advissorrss dell 2 lugll lio 2011,, a ccurra dii Ida I I. Pagnottttel lla IN I QUESTO NUMERO:: LL ORO :: NON SI COMPRA SE SI CREDE CHE TUTTO ANDRA BENE ALLA FINE! MOLTI INVESTITORI

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Brasile IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Tra i BRIC (Brasile Russia India Cina paesi caratterizzati da una notevole crescita del PIL), il Brasile rappresenta il paese che indubbiamente sta dando segnali

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Buongiorno Vitaminic S.p.A.

Buongiorno Vitaminic S.p.A. Buongiorno Vitaminic è una società operativa dal 16 luglio del 2003, nata dall integrazione tra le attività di Buongiorno (società operante nell ambito dei servizi alle imprese via mail e telefono) e Vitaminic

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO PREMESSA Il mercato del credito sta dando segnali di ripartenza. Le prime avvisaglie di miglioramento si erano viste già dalla

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

Risultati del primo semestre 2009 riflettono lo stato senza precedenti del mercato pubblicitario

Risultati del primo semestre 2009 riflettono lo stato senza precedenti del mercato pubblicitario Risultati del primo semestre 2009 riflettono lo stato senza precedenti del mercato pubblicitario Fatturato in diminuzione del 13,3 % portandosi a 925,4 milioni di euro e CA organico in decrescita del 13,8

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014. Parte 2 Mercati Esteri

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014. Parte 2 Mercati Esteri an event by RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014 ALIMENTAZIONE E CURA DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA Parte 2 Mercati Esteri Con la collaborazione di IL CONTESTO INTERNAZIONALE Panoramica europea del petcare Pag.

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

La globalizzazione e l economia

La globalizzazione e l economia La globalizzazione e l economia La globalizzazione Oggi nel mondo sono scomparse sia le distanze fisiche sia le distanze culturali. La cultura è diventata di massa: ovunque nel mondo abbiamo stili di vita

Dettagli

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Grafico 1 Andamento del tasso di cambio fra Euro e Dollaro Usa La situazione di instabilità politica e sociale che ha come epicentro il Medio Oriente

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO PREMESSA I segnali di ripartenza sul mercato del credito sono sempre più evidenti. Le prime avvisaglie di miglioramento si

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

BILANCIO ANNO 2014. MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%)

BILANCIO ANNO 2014. MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%) 01/2015 Mercato Mercati nazionali 5.1.11 di Cosmino Giovanni Basile BILANCIO ANNO 2014 MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%) Nel 2014, il prezzo medio dei suini da industria

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI Anna Carbone (Università della Tuscia) Antonella Finizia (Ismea) Workshop del Gruppo 2013 L agroalimentare italiano nel commercio mondiale:

Dettagli

BOLLETTA ELETTRICA: UN 2015 FAVOREVOLE ALLE IMPRESE

BOLLETTA ELETTRICA: UN 2015 FAVOREVOLE ALLE IMPRESE BOLLETTA ELETTRICA: UN 2015 FAVOREVOLE ALLE IMPRESE I trimestre 2015: forte contrazione dei prezzi dell energia Milano, marzo 2015 I primi mesi del 2015 restituiscono un quadro di timida ripresa dell attività

Dettagli

Gli Investirori Professionali stanno Spostandosi sull Euro

Gli Investirori Professionali stanno Spostandosi sull Euro Gli Investirori Professionali stanno Spostandosi sull Euro 17 Gennaio 2011 Nelle ultime settimane la crisi del debito dell Euro è esplosa. Le obbligazioni di Portogallo, Grecia e l'irlanda sono state massicciamente

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere www.dominosolutions.it - info@dominosolutions.it Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere 02 Luglio 2012 Il petrolio greggio è uno dei prodotti più utilizzati e richiesti nel

Dettagli

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane A. Alivernini, M. Gallo, E. Mattevi e F. Quintiliani Conferenza Turismo internazionale: dati e risultati Roma, Villa Huffer, 22 giugno 2012 Premessa:

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale - l Euro/Dollaro si è indebolito ed ha chiuso sotto l importante soglia psicologica di 1,35 - l Oro ha arrestato il recupero dopo i minimi del 31 dicembre

Dettagli

Comunicato stampa. 4 maggio 2011

Comunicato stampa. 4 maggio 2011 Comunicato stampa 4 maggio 2011 Alstom realizza un utile operativo conforme alle previsioni per l esercizio 2010/2011 e registra ordini in forte aumento nel secondo semestre Tra il 1 o aprile 2010 e il

Dettagli

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che economia e lavoro di Diego Motta Cina, Russia, India, ma anche Brasile, Turchia. Qui sta succedendo quello che l Occidente ha vissuto tra l inizio degli anni Novanta e la metà del primo decennio del Duemila:

Dettagli