Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 BASILEA 2 IL CONTENUTO DEL NUOVO ACCORDO SULL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE La nuova regolamentazione sull'adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l'obiettivo di promuovere la stabilità del sistema bancario e introduce importanti cambiamenti nelle modalità di determinazione del capitale di vigilanza, cioè della riserva costituita dalle banche a fronte dei rischi assunti. Ogni attività posta in essere da un'impresa finanziaria comporta, infatti, l'assunzione di un certo grado di rischio, che deve essere quantificato e supportato da capitale. Il Nuovo Accordo risponde alla necessità di legare più strettamente il patrimonio al rischio e, come si vedrà in seguito, la novità fondamentale consiste nell'aver introdotto il rating nel processo di costituzione del patrimonio di vigilanza, modificando l'attuale metodo per il calcolo delle ponderazioni e introducendone uno del tutto nuovo, che prevede la creazione da parte delle banche di sistemi di rating interni per la valutazione del rischio. Questa novità rappresenta un cambiamento operativo importante per le banche e avrà riflessi significativi anche sulle imprese, che dovranno confrontarsi con i nuovi metodi di valutazione del rischio e, considerata l'importanza del credito per le imprese, si ritiene necessario illustrare i contenuti dell'accordo. In questa circolare verrà descritto il nuovo assetto della vigilanza bancaria e verranno illustrati i metodi per la misurazione dell'adeguatezza patrimoniale, tenendo conto anche delle ultime indicazioni contenute nel documento di consultazione pubblicato dal Comitato di Basilea il 29 aprile scorso. Al riguardo, si informa che le modifiche relative al trattamento delle imprese contenute nell'ultima versione dell'accordo erano state decise dal Comitato di Basilea nel luglio 2002 e introducono miglioramenti nel trattamento delle Pmi. Premesso che questi aspetti vengono ripresi e approfonditi nei paragrafi che seguono, le novità contenute nell'ultimo documento pubblicato possono essere così sintetizzate: nei metodi basati sui rating interni: - introduzione di coefficienti di ponderazione ridotti (riduzione media pari al 10%, con sconti fino al 20%) per le Pmi, definite come imprese con fatturato inferiore a 50 milioni di euro; - individuazione di una fascia di imprese definite "small business" - con fatturato inferiore a 5 milioni di euro e con esposizione nei confronti di una singola banca non superiore a 1 milione di euro - che ricevono lo stesso trattamento riservato al segmento "retail" (e quindi ulteriormente semplificato anche rispetto alla classe "Pmi"); nel metodo standard: - riduzione del coefficiente di ponderazione previsto per il segmento "retail" dal 100% al 75% ed estensione di questo trattamento agevolato alle "small business".

2 Indice: Dall'Accordo del 1988 a Basilea 2 Tempi di implementazione dell'accordo I tre pilastri della vigilanza I metodi per la misurazione del rischio (Metodo standard e Metodo dei rating Interni) Le garanzie 1. Dall'Accordo del 1988 a Basilea 2 Il primo Accordo di Basilea (1988) - modificato per la prima volta nel ha introdotto un sistema per la misurazione dell adeguatezza patrimoniale, che ha sancito il ruolo del capitale delle banche nella sua funzione fondamentale di copertura dei rischi assunti. L Accordo vigente prevede, infatti, la costituzione di un patrimonio di vigilanza a fronte dei rischi assunti dalla banca nello svolgimento delle sue attività, fissando un coefficiente patrimoniale dato dal rapporto tra patrimonio di vigilanza e attività ponderate per il rischio, inclusi i prestiti alle imprese e la sottoscrizione delle loro obbligazioni e azioni - pari all 8%: Patrimonio di vigilanza >= 8% Attività ponderate per il rischio L'attuale sistema di ponderazione prevede diversi coefficienti a seconda della controparte: 0% per stati membri dell'ocse e loro banche centrali 20% banche ed enti del settore pubblico dell'area OCSE, 50% mutui ipotecari per l'acquisto di immobili ad uso abitazione 100% altri soggetti (imprese non bancarie, partecipazioni azionarie, ecc.) Esempio: Per un prestito di 100 euro ad un'impresa non bancaria, l'8% verrà calcolato sull'importo totale del prestito - perché la ponderazione prevista per questa categoria di controparte è 100% - e quindi l'accantonamento sarà pari ad 8 euro, mentre per 100 euro prestati ad una banca l'8% verrà calcolato solo sul 20% dell'ammontare prestato e quindi il patrimonio vigilato sarà pari a 1,6 euro. E' evidente che la costituzione del patrimonio di vigilanza comporta un costo per la banca in termini di immobilizzazione della liquidità e, quindi, minori impieghi. La decisione di innovare la regolamentazione nasce dalla necessità di creare un sistema di vigilanza più sensibile al rischio sia per consentire alle banche una migliore gestione del proprio capitale, sia per creare un legame più stretto tra rischi e riserve, migliorando la loro solidità. L Accordo del 1988, infatti, nel tempo ha mostrato dei limiti: l accantonamento dell 8% delle attività ponderate a patrimonio di vigilanza si è rivelato insufficiente o eccessivo a seconda delle controparti;

3 dal 1988 a oggi, il panorama finanziario si è arricchito di strumenti innovativi e sofisticati, che espongono le banche ad elevati livelli di rischio non opportunamente coperto con le regole attuali. Il nuovo Accordo, quindi, risponde a queste esigenze e, pur lasciando invariato il coefficiente patrimoniale dell'8%, modifica i criteri di ponderazione, apportando modifiche al sistema attuale e proponendo l introduzione di metodi oggettivi per la misurazione del rischio. 2. Tempi di implementazione del nuovo Accordo Secondo le scadenze attualmente previste, l'accordo dovrà essere recepito dalle banche entro dicembre 2006 e di fatto verrà applicato a partire dal Il 29 aprile scorso, il Comitato di Basilea ha diffuso il terzo ed ultimo documento di consultazione e il testo definitivo dovrebbe essere approvato entro la fine del In Europa, i regolamenti emanati dal Comitato di Basilea vengono trasposti in direttive comunitarie, che poi seguono il normale iter di recepimento negli ordinamenti degli Stati Membri, assumendo quindi forza di legge. Anche il nuovo Accordo sull'adeguatezza patrimoniale seguirà questa procedura. La Commissione Europea ha presentato nel dicembre 2002 un documento di consultazione ed entro giungo 2003 verrà pubblicato il secondo documento di consultazione mentre la proposta di direttiva verrà presentata all'inizio del I tre Pilastri della vigilanza Il Nuovo Accordo innova completamente la disciplina sull adeguatezza patrimoniale delle banche, prevedendo tre principali forme di controllo, cosiddetti pilastri tra loro complementari, che dovrebbero contribuire alla sicurezza e alla solidità del sistema finanziario. Primo pilastro: requisiti patrimoniali minimi Le regole riferite al primo pilastro servono per la costituzione del patrimonio di vigilanza delle banche. Le novità introdotte dall'accordo riguardano: - la misurazione del rischio di credito: vengono proposti due metodi, il metodo standard e il metodo basato sui rating interni (IRB), che verranno esaminati successivamente; - l'introduzione del rischio operativo insito nello svolgimento della normale attività bancaria (errori informatici, difetti nei controlli interni, ecc.) tra le componenti da valutare ai fini dell adeguatezza patrimoniale. Questa componente di rischio, che deve essere valutata nella definizione del patrimonio di vigilanza, si aggiunge quindi al rischio di credito (perdite per insolvenza della controparte) e al rischio di mercato (perdite nelle posizioni commerciali quando la congiuntura è sfavorevole). Secondo pilastro: controllo prudenziale dell adeguatezza patrimoniale Il secondo pilastro riguarda l'attività di supervisione da parte delle autorità nazionali di vigilanza. Al fine di assicurare che il patrimonio di una banca sia compatibile con il profilo di rischio complessivo, le autorità di vigilanza dovrebbero verificare che ogni banca disponga di valide procedure interne per la valutazione della propria adeguatezza patrimoniale in rapporto ai rischi

4 cui sono esposte. I processi interni devono essere quindi sottoposti a revisione da parte dell autorità di vigilanza. Terzo pilastro: disciplina di mercato L'ultimo pilastro della vigilanza si basa sulla convinzione che i meccanismi del mercato possano spingere le banche a detenere un livello di capitale congruo. In quest'ottica, è previsto che le banche forniscano un insieme di informazioni sulle procedure di valutazione del rischio adottate per consentire agli operatori del mercato di comprendere la relazione tra profili di rischio e la dotazione di capitale di una banca e valutarne la sua solidità finanziaria. 4. I nuovi metodi per la misurazione del rischio di credito La parte dell'accordo che si intende esaminare è il primo pilastro, che, come già detto, indica le modalità per la misurazione del rischio di credito. Il primo pilastro prevede due metodi per la valutazione del rischio: a. il metodo standard e b. il metodo dei rating interni (IRB). L'elemento principale che distingue i due approcci è il soggetto da cui provengono le valutazioni di rischio: nel metodo standard queste saranno fornite dalle agenzie di rating esterne, mentre nel metodo dei rating interni i giudizi proverranno dalle banche stesse. a. Metodo standard Questo metodo rappresenta un'evoluzione di quello attuale. Rimangono invariate le categorie di controparti (stati OCSE, banche, mutui ipotecari, imprese non bancarie e altre attività). La novità consiste nell'introduzione di diversi livelli di ponderazione nell ambito della stessa categoria di soggetti mentre nel sistema vigente è previsto un solo coefficiente di ponderazione per ogni categoria. Le diverse ponderazioni previste dal Comitato all'interno di ogni categoria corrispondo ai diversi livelli di rischio di credito espresso in termini di rating, secondo la prassi seguita dalle agenzie specializzate. Le banche che adottano questo metodo, quindi, in presenza di un soggetto dotato di rating esterno potranno immediatamente individuare il coefficiente di ponderazione corrispondente ad un determinato livello di rischio. Nella tabella che segue sono riportate le ponderazioni stabilite per la categoria imprese. Si sottolinea come dal coefficiente unico di ponderazione pari al 100% previsto attualmente per le imprese, si passa a cinque coefficienti e che la ponderazione per le esposizioni particolarmente rischiose è stata fissata nella misura del 150%. E' da notare, inoltre, che è stata individuata una classe di piccole imprese con fatturato < 5 milioni di euro ed esposizione verso una singola banca <1 milione di euro, che verrà ricompresa nel segmento retail, per il quale il coefficiente di ponderazione è pari al 75% (informazioni più dettagliate su questo aspetto sono contenute nel paragrafo successivo). Metodo standard: esposizioni verso le imprese Valutazione Da AAA a AA- Da A+ a A- Da BBB+ a BB- Inferiore a BB- Senza rating

5 definizioni Standard Poor's Valutazione Da Aaa a Aa3 Da A1 a A3 Da Baa1 a B3 Inferiore a B3 Senza rating definizioni Moody's Ponderazioni 20% 50% 100% 150% 100% b. Metodi basati sui rating interni (IRB) Ogni banca può dotarsi di sistemi di rating interni, costruiti in funzione delle caratteristiche del mercato in cui opera, tenendo conto dei requisiti minimi di idoneità indicati dal Comitato di Basilea per assicurare l integrità e affidabilità di tali sistemi. Nei metodi IRB, i coefficienti di ponderazione non sono rigidamente definiti come nel metodo standard ma vengono calcolati attraverso specifiche funzioni di ponderazione. Si tratta di complesse formule matematiche, che comprendono le seguenti componenti di rischio: probabilità di insolvenza (PD, Probability of Default), calcolata attraverso il rating; perdita attesa (LGD, Loss Given Default) nel caso di insolvenza della controparte, che dipende da quanto la banca prevede di recuperare per unità di esposizione e dall'entità dell'esposizione a rischio, che è la terza componente di rischio; esposizione a rischio al momento dell insolvenza (EAD, Exposure At Default); scadenza residua al momento dell'insolvenza (M, Maturity). Per ogni combinazione di queste variabili (alle quali vengono attribuiti particolari pesi a seconda delle controparti e dell attività) ci sarà un differente coefficiente di ponderazione e non è quindi possibile riportare una tabella sintetica. Nell ambito dei metodi IRB è stata prevista un ulteriore distinzione tra metodi di base (foundation) e metodi avanzati (advanced). La principale differenza tra approccio di base e avanzato è che quest'ultimo è più sofisticato e consente alla banca di definire autonomamente alcune variabili nonché di avere minori restrizioni nell'utilizzo delle garanzie. In particolare, nel metodo di base le banche devono stimare internamente solo la probablità di insolvenza (PD), mentre i parametri relativi alle altre variabili vengono forniti dall'autorità di Vigilanza (Banca d'italia); nel metodo avanzato invece la stima di tutte le variabili di rischio è lasciata alla banca a condizione che vengano rispettati specifici requisiti imposti dall'autorità di Vigilanza. Per tener conto delle diverse caratteristiche delle controparti e della tipologia di attività, il Comitato di Basilea ha predisposto specifiche formule di ponderazione in relazione alle seguenti categorie: - banche - mutuatari sovrani - imprese - retail - partecipazioni azionarie.

6 Per ciò che riguarda le imprese, sono state previste diverse funzioni di ponderazione in relazione alle dimensioni, che prevedono requisiti di capitale meno stringenti in corrispondenza delle fasce dimensionali più piccole: sono state distinte dalle grandi imprese le Pmi e le small business. Per queste ultime, come già anticipato nell'introduzione, è previsto lo stesso trattamento riservato al segmento retail. Le imprese vengono classificate sulla base del fatturato, secondo lo schema seguente: grandi imprese fatturato >= 50 mln di euro pmi fatturato < 50 mln e >= 5 mln di euro small business comprese nel segmento retail fatturato < 5 mln euro ed esposizione <1 mln di euro Si ricorda che la distinzione tra grandi imprese, Pmi e piccolissime imprese, definite come small business, è una delle modifiche introdotte nell'ultima versione dell'accordo pubblicata. Infatti, da più parti era stato sollevato il problema del trattamento delle piccole imprese, che secondo la versione iniziale dell Accordo risultava fortemente penalizzante, in quando veniva riservato lo stesso trattamento a tutte le imprese indipendentemente dalla loro dimensione, creando le condizioni per lo sviluppo di fenomeni di razionamento del credito a scapito di quelle di dimensioni minori. 5. Le garanzie La disciplina delle garanzie è una parte molto importante del Nuovo Accordo. La loro funzione è quella di mitigare il rischio, riducendo la probabilità di insolvenza (PD) oppure la perdita in caso di insolvenza (LGD). Sono riconosciute tre categorie di strumenti in grado di ridurre il rischio di credito: a) garanzie reali (financial e physical collateral), b) garanzie individuali (cioè garanzie rilasciate da persone fisiche e giuridiche) e c) derivati di credito. In particolare: - le garanzie reali hanno la funzione di ridurre la perdita in caso di insolvenza (LGD) - le garanzie individuali e i derivati di credito possono essere utilizzati dalla banca per sostituire nella funzione di ponderazione il grado di rischio (PD) del garantito con quello del garante (è evidente che il garante dovrà avere un rating superiore a quello del garantito) o, come per le garanzie reali, per la riduzione della LGD. La capacità delle garanzie di mitigare il rischio è legata al rispetto di determinati requisiti e varia in relazione ai metodi di valutazione del rischio adottati dalla banca. In particolare: - metodo IRB Avanzato: le banche hanno discrezionalità nell'utilizzo delle garanzie; devono solo dimostrare all'autorità di Vigilanza la capacità delle garanzie acquisite di attuare un'effettiva mitigazione del rischio di credito, indicando il grado di copertura, gli obblighi e la tempistica del rimborso. E' inoltre necessario che la garanzia sia espressa per iscritto, incondizionatamente in vigore fino al rimborso e irrevocabile ed è comunque necessario, nel caso di garanzie individuali, che il rating del soggetto che rilascia la garanzia sia superiore a quello del soggetto garantito;

7 - metodo IRB Base e metodo Standard: i rquisiti previsti sono più restrittivi e sono indicati nella tabella che segue, distinguendo tra garanzie reali finanziarie (bonds e oro e sono quindi esclusi i beni, c.d. "physical") e garanzie individuali: Garanzie reali "financial" Certezza legale: il meccanismo giuridico sottostante deve essere solido e deve garantire i diritti del finanziatore; le banche devono periodicamente richiedere pareri legali sulla validità degli accordi di garanzia; Tempestiva liquidabilità: nei casi di inadempienza, insolvenza, fallimento e altri casi previsti nel contratto, la garanzia deve essere immediatamente liquidabile Segregabilità: ci deve essere un adeguata separazione tra le garanzie depositate e il patrimonio del garante Bassa correlazione con l esposizione sottostante: indipendenza del soggetto garante dal soggetto debitore Strumenti ammissibili denaro; oro; obbligazioni con rating pari almeno a BB- emessi da Stati ed enti pubblici; obbligazioni di imprese, banche, enti di intermediazione mobiliare con rating pari ad almeno BBB -; azioni quotate Garanzie individuali Requisiti soggettivi Saranno ritenute ammissibili le garanzie rilasciate da: Stati* Enti pubblici* Banche* Imprese: con rating almeno pari ad A- o PD equivalente ad A- * con rating superiore a quello del debitore Requisiti oggettivi Copertura diretta: la garanzia deve rappresentare un impegno diretto del garante Copertura esplicita: la copertura deve essere legata ad una specifica esposizione in modo che la sua portata sia chiara e incontrovertibile Copertura irrevocabile: la garanzia non può essere revocata unilateralmente dal garante Copertura incondizionata: non ci devono essere clausole che consentano al garante di non pagare tempestivamente quanto dovuto Requisiti operativi Escussione a prima richiesta: in caso di insolvenza il finanziatore può rivalersi immediatamente sul garante Obbligo documentato: la garanzia è un obbligo documentato in modo esplicito Validità in tutti gli ordinamenti: la garanzia deve essere giuridicamente accettata negli ordinamenti interessati A firma di: Il Direttore Firma

8 Antonio Colombo Per informazioni (massimo 5) Premere qui per selezionare dalla Rubrica Telefonica Per eventuali informazioni rivolgersi a: Nominativo: Tel.: ASI - Fisco, Finanza e Diritto d'impresa Valentina Carlini t

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto.

Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto. -omissis- 1.7 Il ruolo delle garanzie Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto. Riteniamo che queste affermazioni nascano

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI?

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? relazione di Eugenio Pavarani Dipartimento di Economia Università di Parma Collecchio,

Dettagli

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Agenda Basilea II: alcune considerazioni e conseguenze I 4 valori dell analisi dinamica I cambiamenti per la banca STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

TECNICHE DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO RICONOSCIUTE DAL COMITATO DI BASILEA GARANZIE INDIVIDUALI GARANZIE REALI - COLLATERALI FISICI - COLLATERALI FINANZIARI - SCONTO SU CREDITI COMMERCIALI CREDITI DERIVATI

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito Corso di CB & F Elementi dell Accordo di Basilea (rischio di credito) Basilea II Si tratta della revisione del complesso di norme regolamentari internazionali che dal 1988 sono imposte alle banche dalle

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI BASILEA 2 La struttura generale dell accordo Monica Malta LE TAPPE PRINCIPALI 1974 nasce il Comitato di Basilea dei Paesi del G10 1988 stipula dell accordo "Basilea 1 1996 modifica dell accordo 2001 1

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Basilea 2: banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Antonio Renzi e Katia Mastrodomenico Banca d Italiad, 1 BASILEA 2 TECNICHE DI RIDUZIONE DEL

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Roberto Di Salvo Federcasse VIII Convention ABI Roma, 29-30 novembre 2004 La filosofia di Basilea2 In linea generale, il Nuovo

Dettagli

BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE

BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE Venerdì 23 Aprile 2004 Auditorium di Palazzo Montani-Antaldi BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE MASSIMO BIANCONI DIRETTORE GENERALE DI BANCA DELLE MARCHE 1 Contenuti del documento BASILEA 2 LA

Dettagli

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali L accordo per i requisiti patrimoniali delle banche ha modificato il rapporto tra imprese e mondo finanziario. L accordo si articola in tre punti

Dettagli

NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE. The New Basel Capital Accord

NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE. The New Basel Capital Accord NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE The New Basel Capital Accord Area di applicazione Diversified financial Group HOLDING Internationally active bank (banca con operatività internazionale) Domestic bank

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Lezione 1 Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Uniformità sistema creditizio Il Comitato di Basilea fu istituito nel 1974 tra i governatori delle Banche Centrali del G10. Obiettivo

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La validità del BUSINESS PLAN per le finalità di cui all accordo di

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea 2 - PMI e Retail Il documento pubblicato nel gennaio 2001 non prevedeva un trattamento delle PMI differenziato rispetto al portafoglio

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

Basilea 2. Sistema dei rating interni

Basilea 2. Sistema dei rating interni Basilea 2 Sistema dei rating interni Banca Popolare di Novara S.p.A. Domenico De Angelis Amministratore Delegato Fabrizio Marchetti Vice Direttore Generale Bruno Pezzoni Vice Direttore Generale 22 novembre

Dettagli

L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO Juan Lopez Funzione Studi - FEDERCASSE Battipaglia, 17 maggio 2006 Indice della presentazione Il Credito Cooperativo L approccio

Dettagli

BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE

BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE L IMPORTANZA DEL CAPITALE Basilea 2 è il nuovo Accordo internazionale sui requisiti

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo I rating interni e Basilea 2 Giuseppe Squeo 1 I rating interni Il rating rappresenta un giudizio sintetico (voto) sul grado di affidabilità, ordinato su una base discreta (classi di rating), di un soggetto

Dettagli

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia Le imprese edili bresciane e la sfida del rating Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia La sfida per le imprese edili Valorizzare i punti di forza delle imprese edili

Dettagli

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Rony Hamaui Brescia 20-21 settembre 2007 Mediofactoring nel perimetro di validazione di Intesa Sanpaolo L ingresso di Mediofactoring

Dettagli

La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2

La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2 La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2 Comunicazione di Simona Caselli Direttore commerciale e sviluppo CCFS www.ccfs.it caselli@ccfs.it Il contesto di riferimento

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

www.onetimeconsulting.it www..it

www.onetimeconsulting.it www..it www.onetimeconsulting.it www..it Comune di Fossalta di Piave Basilea 2 Basilea 2 - Indice 1. Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 2. Perché Basilea? 3. I principi base di Basilea 1 e 2 4. Il

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno Lezione 2 Sistemi di rating, il rating esterno Il rating Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza (LGD) Scadenza

Dettagli

Basilea fa il bis. tra risparmiatori, e imprese sono recentemente peggiorate

Basilea fa il bis. tra risparmiatori, e imprese sono recentemente peggiorate Basilea fa il bis Entro giugno del 2004 verranno stabilite le nuove regole sul delicato rapporto tra banche e imprese Marcello Bianchi 10 Prende il via da questo numero una serie di articoli che hanno

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Conoscere il Rating. Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea

Conoscere il Rating. Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea In questa fase di difficile congiuntura economica, l accesso al credito da parte del mondo produttivo è un tema di grande attualità

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

BASILEA 2: LA NUOVA NORMATIVA SULLA CONCESSIONE DEL CREDITO

BASILEA 2: LA NUOVA NORMATIVA SULLA CONCESSIONE DEL CREDITO BASILEA 2: LA NUOVA NORMATIVA SULLA CONCESSIONE DEL CREDITO Premesse e principi generali La nuova regolamentazione sull adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l obiettivo di promuovere la stabilità

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

Estratto distribuito da Biblet

Estratto distribuito da Biblet UNGDC Estratto distribuito da Biblet C e n t r o S t u d i U N G D C GDC3 (I25) AA.VV. Basilea 2 Analisi di bilancio, rating aziendale, merito creditizio, finanza agevolata Gli strumenti finanziari nel

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA Area di interesse FINANZA Oggetto: IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2: quali parametri utilizzeranno le banche per valutare il grado di rischio delle aziende? Quali sono gli indicatori cruciali

Dettagli

Professionisti, tecnici e imprese Gruppo Editoriale Esselibri - Simone. sistemi editoriali

Professionisti, tecnici e imprese Gruppo Editoriale Esselibri - Simone. sistemi editoriali Copyright 2005 Esselibri S.p.A. Via F. Russo, 33/D 80123 Napoli Azienda con sistema qualità certificato ISO 14001: 2003 Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale e con qualsiasi

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Convegno ABI Credito alle Famiglie 2008 Mario Marangoni Banca d Italia Roma, 10 giugno 2008 1 Le regole di Basilea II per il credito immobiliare L impatto

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria In questa parte. Il rischio di credito Il rischio di liquidità Il rischio

Dettagli

1. LA PROBLEMATICA DELL ACCESSO AL CREDITO DOPO BASILEA 2

1. LA PROBLEMATICA DELL ACCESSO AL CREDITO DOPO BASILEA 2 1. LA PROBLEMATICA DELL ACCESSO AL CREDITO DOPO BASILEA 2 1.1 Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea vigila sull'attività bancaria globale, ma non è dotato di potere legislativo 3 : tutto ciò che

Dettagli

COME CALCOLA IL RATING LA BANCA

COME CALCOLA IL RATING LA BANCA COME CALCOLA IL RATING LA BANCA Chiarimenti per applicare in pratica questa monografia? Telefonate al nr. 3387400641, la consulenza telefonica è gratuita. Best Control Milano www.best-control.it Pag. 1

Dettagli

30 domande + 1 su Basilea II La nuova normativa sulla concessione del credito

30 domande + 1 su Basilea II La nuova normativa sulla concessione del credito Numero 1 InVista In questo numero: 30 domande + 1 su Basilea II La nuova normativa sulla concessione del credito Novembre 2005 n. 1 A cura di Rubboli&Associati Via Visconti di Modrone 6 20122 - Milano

Dettagli

Basilea III. Aprile 2013

Basilea III. Aprile 2013 Basilea III Aprile 2013 Basiela I, II, III,. 2 Basilea I 1988 Basilea II 2006 Basilea III 2013 Risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 3 Il

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 L attività creditizia: questioni teoriche e pratiche I prestiti costituiscono la principale voce dell

Dettagli

GUIDA PRATICA A BASILEA 2

GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 Progetto realizzato da Confcommercio Cosenza Con il contributo della Regione Calabria La gestione del progetto è stata affida al C.A.T. - Centro Assistenza

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

Basilea II, PMI e società cooperative

Basilea II, PMI e società cooperative Basilea II, PMI e società cooperative Massimiliano Marzo Dipartimento di Scienze Economiche, Facoltà di Economia-Forlì Università di Bologna Johns Hopkins Univ., SAIS-BC Barbara Luppi Dipartimento di Scienze

Dettagli

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO Fondata nel 1871, la Banca Popolare di Sondrio è una delle prime banche popolari italiane ispirate al movimento popolare cooperativo del credito. Nel tempo, grazie all

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE in collaborazione con: Promem Sud Est S.p.A. Società per la Promozione dei Mercati Mobiliari Sud Est S.p.A. GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE a cura del Dott. Aurelio Valente Amministratore

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale.

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. 1 Rischio di credito: Il Framework Logico di Riferimento Rischio

Dettagli

Rating interni e controllo del rischio di credito

Rating interni e controllo del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito La valutazione del rischio delle operazioni di project finance Stefano Gatti Newfin Bocconi Milano, 31 marzo 2004 1 Agenda Introduzione: Basilea 2 e operazioni

Dettagli

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente Dott. Antonio Muto Vice Direttore Generale Banca di Roma 23 gennaio 2007 Agenda Basilea II e la

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

BASILEA 2. Trapani 18/12/2007. Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1

BASILEA 2. Trapani 18/12/2007. Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1 BASILEA 2 Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1 CHE COSA E E BASILEA 2 BASILEA 1 E BASILEA 2 LE NOVITA DEL NUOVO ACCORDO CRONOLOGIA DELL ENTRATA ENTRATA IN VIGORE DI BASILEA 2 GLI EFFETTI DI

Dettagli

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Convegno ABI Basilea 3 Roma, 20 giugno 2011 1 Premessa - Il perimetro di gioco - Quale valore? Contabile? Commerciale? Ragioniamo

Dettagli

Modello Interno di Rating del Segmento Retail

Modello Interno di Rating del Segmento Retail Modello Interno di Rating del Segmento Retail Ricerca Newfin FITD Università Bocconi Milano, Framework Piano di lavoro Introduzione Cenni normativi Definizione del segmento Retail Trattamento del segmento

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

La disciplina relativa al trattamento degli strumenti di mitigazione del rischio prevede innanzitutto alcune regole di carattere generale:

La disciplina relativa al trattamento degli strumenti di mitigazione del rischio prevede innanzitutto alcune regole di carattere generale: GLI STRUMENTI DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO L Accordo di Basilea 2 (2004) ribadisce il ruolo di una serie di strumenti di mitigazione del rischio già affermato da Basilea 1 (1988), ma ne riconosce una gamma

Dettagli

INTRODUZIONE A BASILEA 2 -NOTA OPERATIVA E METODOLOGICA- Guida Informativa per le PMI

INTRODUZIONE A BASILEA 2 -NOTA OPERATIVA E METODOLOGICA- Guida Informativa per le PMI INTRODUZIONE A BASILEA 2 -NOTA OPERATIVA E METODOLOGICA- Guida Informativa per le PMI Novembre 2007 1 1. PREMESSA Una recente indagine commissionata dal Crif all Università Cattolica di Milano dimostra

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo La gestione del rischio di interesse e di mercato Giuseppe Squeo 1 Il rischio di interesse: modalità esposizione Le modalità di esposizione al rischio di interesse sono: rischio di riprezzamento, quando

Dettagli

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico FONDO LIBRETTO DI INFORMATIVO GARANZIA PER SUL FONDO LE PICCOLE E DI MEDIE GARANZIA IMPRESE PER LE PMI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico IL FONDO

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria Il quadro di riferimento per l entrata in vigore delle nuove disposizioni di Vigilanza per le Banche e per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Assilea, Assifact, Assofin Le nuove

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Concrete Italia s.r.l. REGISTRO REVISORI CONTABILI N. 136021 - D.M. MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DEL 12.4.2005 - G.U. N. 35 DEL 3 MAGGIO 2005

Concrete Italia s.r.l. REGISTRO REVISORI CONTABILI N. 136021 - D.M. MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DEL 12.4.2005 - G.U. N. 35 DEL 3 MAGGIO 2005 Pagina - 1 - di 17 Sommario Introduzione a Basilea 2------------------------------------------------------------------------ - 3 - Il Comitato di Basilea 2--------------------------------------------------------------------------

Dettagli