non profit Innovare ed investire per creare nuovo lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "non profit Innovare ed investire per creare nuovo lavoro"

Transcript

1 non profit Anno XVIII - Numero 2 - Giugno Periodico trimestrale - Reg. Trib. TV n /07/96 - Poste Italiane S.p.A. - Sped. Abb. Post % - DCB-TV Innovare ed investire per creare nuovo lavoro

2 Editoriale non profit Anno XVIII - Numero 2 - Giugno Periodico trimestrale - Reg. Trib. TV n /07/96 - Poste Italiane S.p.A. - Sped. Abb. Post % - DCB-TV GIACIMENTI INESPLORATI Sommario EDITORIALE pag. 3 LA SFIDA DELLA COOPERAZIONE SOCIALE NELLA CASTELLANA pag. 4 FONDAZIONE DI COMUNITÀ DELL'ALTA PADOVANA pag. 7 ANNO DEL PINGUINO PER LA CONCILIAZIONE LAVORO-FAMIGLIA pag. 9 UN SEMINARIO SULLA COOPERAZIONE SOCIALE pag. 11 WORK IN PROGRESS IN AREA BOLANI pag. 13 NUOVI STRUMENTI PER I SERVIZI PSICHIATRICI pag. 14 INTERVISTA A BALDO: DA MINORANZA PROFETICA A MASSA CRITICA pag. 16 RECENSIONE DEL LIBRO DI GIOVANNI MORO CONTRO IL NON PROFIT pag. 18 PESCATORI PER UN GIORNO LUNGO IL BRENTA pag. 20 In questi anni spesso si è guardato alla crisi come a un periodo da attraversare, come a una zona d ombra da superare per ritornare allo stato delle cose precedente. E se non fosse così? E se la crisi, invece, fosse una preziosa fase di cambiamento che ha messo in luce l inadeguatezza e, a volte, l inconsistenza o addirittura la pericolosità sociale dei modelli precedenti? Una cosa è evidente: la crisi ha permesso a ognuno di noi di guardare la nostra quotidianità con occhi nuovi. Di iniziare un processo di ri-pensamento di quei paradigmi che hanno guidato le nostre scelte e le nostre azioni fino a questo momento. E questo è successo anche alle nostre cooperative e al nostro Consorzio che, pur mantenendo salda la mission originaria, cioè generare lavoro, si trovano ad affrontare un importante processo di cambiamento. Questa è la sfida che il nostro tempo ci pone di fronte: riuscire a battere le strade inesplorate che gli occhi nuovi, solo ora, ci permettono di vedere. Lo sguardo nuovo ci ha permesso di prendere consapevolezza del fatto che la nostra comunità custodisce in sé un tesoro inestimabile di risorse umane, finanziarie e soprattutto relazionali: giacimenti inesplorati, potremmo definirli. Si tratta di risorse che attendono solo di essere usate e che finora sono rimaste in qualche modo nascoste. Per farle emergere servono, ora, importanti progetti sociali, serve tutta la creatività di cui saremo capaci, serve ingegneria sociale. In un momento in cui spesso si sente parlare di mancanza di possibilità, dobbiamo saper vedere spazi dove nessuno li ha mai nemmeno immaginati. Da qui dobbiamo ripartire per dare risposta ai bisogni sempre più impellenti che emergono dal territorio. Il nostro compito è di escogitare soluzioni. Nella consapevolezza che ora si siano create le condizioni per un dialogo e una collaborazione tra profit e non profit. Un incontro tra due mondi, apparentemente incomunicabili, che può generare valore da ridistribuire poi alla comunità. Presidente Consorzio In Concerto Bruno Pozzobon Direttore responsabile: Raffaele Cesarano. Segretaria di redazione: Chiara Antonioli. Comitato di redazione: Chiara Antonioli, Federica Florian, Oscar Licini, Alessandro Mason, Lorenzo Massone, Armando Mattesco, Bruno Pozzobon, Germano Tonetto, Linda Torri, Giuseppe Vedovato. Graica e stampa: Vario Modo Castelfranco Veneto. Foto: Carlo Bragagnolo, Franco Faleschini, Federsolidarietà Veneto, cooperativa Montelletto. 2 3

3 LA SFIDA DELLA COOPERAZIONE SOCIALE NELLA CASTELLANA: INNOVARE ED INVESTIRE PER CREARE NUOVO LAVORO di Federica Florian e Chiara Antonioli "Le cooperative sociali, tramite l'agenzia sociale per il lavoro della Castellana, stanno rilanciando la loro proposta occupazionale." "Nella sola area della Castellana le cooperative sociali fatturano quasi 50 milioni di euro, danno lavoro a quasi lavoratori ordinari, più 204 lavoratori svantaggiati. Di fatto, rappresentano la più grande azienda del territorio." Nel 2011 le cooperative sociali dell'area di Castelfranco Veneto hanno fatturato 48 milioni e 531mila euro, con un patrimonio totale (fra capitale sociale sottoscritto e riserve cumulate) di 8 milioni di euro, dando lavoro a lavoratori ordinari, più 204 lavoratori svantaggiati e 48 lavoratori volontari. La ricerca è stata presentata dal prof. Carlo Borzaga dell'università di Trento il 15 maggio scorso, presso il Teatro Accademico di Castelfranco Veneto, in occasione del convegno Altri ingegni per nuovi congegni. La cooperazione sociale: proposte per l'economia nella Castellana promosso dal Consorzio di cooperative sociali In Concerto, Cooperativa N.O.I., con il patrocinio del Comune di Castelfranco Veneto e di Unicredit Foundation. La maggior parte di queste cooperative sociali lavora con disabili psichiatrici o isici -ha spiegato Borzaga-; si ricorre all'utilizzo di borse lavoro nella fase di inserimento iniziale, ma poi prevale l'inserimento stabile. Mediamente, un lavoratore svantaggiato inserito in una cooperativa sociale genera per la Pubblica amministrazione un risparmio netto di 6mila euro l'anno. Le cooperative castellane sociali analizzate da Borzaga operano nella metà dei casi nel settore manifatturiero e dei servizi, con buona presenza nei trasporti e nel magazzinaggio, nella manutenzione del verde e nelle pulizie, nonché nell agricoltura. In occasione del convegno del 15 maggio sono state presentate alcune esperienze di buone pratiche per gli inserimenti lavorativi, come è stato il progetto Jump into Job della cooperativa N.O.I., che ha coinvolto una quindicina di ragazzi svantaggiati e che si è aggiudicato il premio Strategie di coesione sociale per i giovani promosso da Unicredit Foundation per il sostegno di progetti di inclusione lavorativa. Durante l'incontro sono stati poi presentati due progetti innovativi elaborati con il contributo determinante delle cooperative sociali, fra le quali il Consorzio In Concerto, con l'obiettivo di favorire l occupabilità delle persone svantaggiate e di creare ed inventare nuovi posti di lavoro, generando rete e sistema nel territorio, a cominciare dalla collaborazione fra il cosiddetto mondo proit e non proit, facendo dialogare fra loro il settore pubblico e quello del privato-sociale. Nella consapevolezza che nessun soggetto è oggi in grado di fare fronte da solo, in modo eficace, ai bisogni sempre più complessi che la realtà attuale presenta. a. Agenzia sociale per il lavoro della Castellana Riguardo, un'associazione che mira a coinvolgere soggetti istituzionali, privati e del privato-sociale (Comuni, cooperative sociali, Cisl e Cgil, Confartigianato, CNA, Unindustria, Fondazione La Fornace, agenzia per il lavoro Umana), con la inalità di realizzare in modo organico e stabile azioni integrate per l inserimento o il reinserimento lavorativo delle persone svantaggiate in termini innovativi, interrompendo così la spirale viziosa dell assistenzialismo. In particolare, ci si propone di creare uno sportello che offra un servizio dedicato e personalizzato di accoglienza, di ascolto e di accompagnamento per migliorare l occupabilità delle persone deboli e svantaggiate; si tratta poi di dotare tale agenzia di competenze e strumenti capaci di svolgere un ruolo propulsivo e lungimirante di incubatore di idee e di progetti inalizzati a creare buon lavoro generando nuove imprese e/o recuperando rami di impresa in settori ancora capaci, a certe condizioni, di stare sul mercato. b. Progetto P.O.R.T.O. (promuovere opportunità per il reinserimento nel territorio e l'occupabilità), 4 5

4 approvato e coinanziato dalla Regione Veneto ed attualmente in fase di realizzazione, coinvolge 27 soggetti pubblici e privati dell'area di Castelfranco Veneto per la realizzazione di alcune azioni in ambito lavorativo. Tali attività prevedono: start up di un'impresa cooperativa per la produzione di pasta fresca; 15 percorsi di riqualiicazione o ricollocamento mediante attività di accompagnamento, ricerca attiva del lavoro e formazione professionale; attivazione di circa 40 percorsi di tirocinio di inserimento o reinserimento lavorativo di contenuto fortemente professionalizzante; 10/15 assunzioni presso le cooperative del Consorzio In Concerto; formazione di un gruppo di professionisti per strutturare un servizio alle imprese per l assolvimento dell obbligo di assunzione di lavoratori disabili e svantaggiati. TAVOLA ROTONDA: Contributi per una crescita equa e solidale del territorio Alla tavola rotonda di chiusura del convegno del 15 maggio, moderata da Nicola Saldutti (caporedattore dell'economia del Corriere della Sera), hanno partecipato Sergio Rosato (direttore di Veneto Lavoro), Oscar Bernardi (presidente Confartigianato di Castelfranco Veneto), Bruno Pozzobon (presidente del Consorzio di cooperative sociali In Concerto), Carlo Borzaga (docente di Economia all'università di Trento, nonché presidente del centro di ricerche sulla cooperazione Euricse). Bruno Pozzobon ha spiegato come le cooperative sociali del territorio abbiano sulle loro spalle una grossa responsabilità. Se solo ino a qualche anno fa ha commentato l'ospedale rappresentava la più grande azienda di Castelfranco Veneto, attualmente questo ruolo è rivestito dalle cooperative sociali aggregate, con tutti i pro e contro che questo rappresenta. Abbiamo raggiunto una dimensione tale da non poter più tornare indietro. Ad oggi l'investimento delle cooperative sociali in opere pubbliche, nella sola Castelfranco Veneto, si aggira sui 15 milioni di euro, reperiti tramite il credito ordinario. Il presidente di In Concerto ha inine formulato un sogno ed una sida: Anche nel territorio della Castellana, come ormai succede un po' ovunque, negli ultimi anni molte aziende hanno chiuso i battenti, facendo disperdere un grande patrimonio di professionalità e competenze. Quelle fette di mercato lasciate libere, potrebbero oggi essere occupate dalle cooperative sociali. Ad esempio, la Fervet, che occupava 500 persone nel settore delle manutenzioni ferroviarie, è fallita, come è successo ad un'azienda analoga a Verona; così è capitato che i nostri treni italiani siano stati spediti in Svizzera per le riparazioni. Da queste esperienze aziendali concluse, sarebbe invece bello potesse nascere un' impresa di comunità, con la compartecipazione della città e della gente, per salvare e creare nuovi posti di lavoro. Oscar Bernardi, rappresentante della Confartigianato del mandamento di Castelfranco Veneto, ha iniziato il suo intervento parlando di crisi. In questi anni gli analisti hanno cercato di spiegarci in tanti modi differenti la crisi che stiamo vivendo, tanto da confonderci le idee. Ma la cosa più bella che questa crisi ci ha insegnato, ritengo sia l'assoluta necessità di collaborazione fra mondo proit e non proit, un tempo considerati distanti. Ecco allora la nascita di alcune esperienze di collaborazione fra gli artigiani ed il Consorzio In Concerto: dalla realizzazione della comunità di San Pietro in Gu, alla ristrutturazione dell'azienda agricola di Monfumo, ino all'ampliamento della casa di riposo di Castelfranco Veneto. Sergio Rosato di Veneto Lavoro ha elogiato il nuovo modello di welfare inclusivo promosso dall'agenzia sociale della Castellana, in quanto può davvero rappresentare il futuro dell'occupazione. In un mondo in cui le persone avranno sempre meno possibilità di trovare e mantenere un posto di lavoro stabile, a tempo indeterminato, il modello della nuova Agenzia sociale per il lavoro sposa il concetto che non ci si salva da soli, ma tutti insieme, contaminandosi a vicenda, poiché non è più possibile procedere ciascuno in una propria direzione. Borzaga ha inine sottolineato il peso e l'importanza della narrazione, che favorisce la coordinazione all'interno di un sistema a rete. Le cooperative sociali dispongono dell'esperienza e delle competenze necessarie per l'inserimento lavorativo eficace di persone svantaggiate, aspetto sul quale le imprese proit solitamente sono deboli, mancando loro il know how necessario. Ecco allora che le assunzioni obbligatorie diventano controproducenti, mentre il dialogo fra le parti, tra mondo proit e non proit, diventa essenziale per generare coordinamento e conoscenza fra realtà differenti. PUBBLICO E PRIVATO SOCIALE UN WELFARE GENERATIVO: LA FONDAZIONE DI COMUNITA DELL ALTA PADOVANA di Armando Mattesco Nel mese di maggio è stata presentata alla stampa la proposta di costituzione della Fondazione di Comunità Alta Padovana. In quell occasione erano presenti il direttore generale dell'ulss n. 15 Alta Padovana Francesco Benazzi, il direttore dei Servizi Sociali Gianfranco Pozzobon, il presidente di Etra spa (la municipalizzata dei Comuni dell Alta Padovana) Stefano Svegliado, Confcooperative con il presidente dell Unione di Padova Ugo Campagnaro, i sindaci designati dalla Conferenza dei Sindaci dell'ulss n. 15 Lorenzo Zanon e Alessandro Bolis. Diversi enti, diverse provenienze per un patto territoriale a sostegno di progetti ed iniziative per la comunità dell Alta Padovana. Dopo la costituzione, le adesioni saranno aperte alle imprese, alle cooperative, alle associazioni, ai privati, ossia a tutti coloro che vorranno contribuire nel perseguimento delle inalità istituzionali della Fondazione. Il capitale sociale di partenza è di 150mila euro. Quali sono le ragioni di tale iniziativa? La Fondazione di comunità nasce con l'intento di coinvolgere la comunità locale, nelle sue varie componenti, per sostenere interventi e servizi nei confronti della popolazione che presenta bisogni di natura sociale e socio-sanitaria. La proposta si colloca nell ottica del welfare di comunità e del welfare generativo, un approccio che mira a promuovere e valorizzare le varie forme di solidarietà presenti in un contesto comunitario deinito, coinvolgendole in un progetto di comunità che integra le doverose azioni dell'ente pubblico garantite dalla Costituzione con le risorse e le disponibilità dei cittadini singoli ed associati, in una prospettiva comune e condivisa. Sempre più il modello tradizionale di welfare, fondato su interventi che utilizzano risorse pubbliche in un'ottica spesso meramente assistenziale (si pensi all'entità dei trasferimenti monetari che lo Stato eroga), presenta non solo limiti di sostenibilità economica, ma appare anche incapace di trasformare i costi in investimenti. Proporre un welfare comunitario e generativo signiica prevedere che ogni intervento realizzato possa contenere un valore aggiunto in termini di "ritorno" alla comunità. La Fondazione, che si qualiica come onlus, è dunque uno strumento della comunità locale per alimentare ed organizzare la disponibilità alla donazione su progetti condivisi, utili e coerenti con i bisogni reali, ma costituisce anche il luogo in cui competenze e saperi, diversi da quelli tradizionalmente coinvolti nelle politiche sociali, possono produrre innovazione e generare nuove modalità per affrontare i bisogni. In tale prospettiva, la Fondazione di Comunità dell Alta Padovana intende coinvolgere i cittadini, le famiglie, l'associazionismo, il terzo settore, le aziende, le banche e le fondazioni bancarie, le pubbliche amministrazioni presenti nel territorio per: - mantenere il livello di servizi raggiunto e dare valore aggiunto a ciò che già si fa; - rispondere ad esigenze sociali emergenti; - attivare risposte per i bisogni non tutelati; - generare esperienze innovative nel welfare locale; - costruire reti fra istituzioni, servizi, volontariato; - far crescere una cultura della responsabilità; - far diventare la reciprocità un bene visibile. In sintesi, si può affermare che la Fondazione rappresenta la modalità che una comunità si dà per contribuire a rispondere ai bisogni che in essa sorgono, un "luogo" in cui tutti gli attori presenti nella comunità possano riconoscersi 6 7

5 identiicandola come strumento atto a promuovere la solidarietà e la responsabilità sociale, per una migliore qualità della vita di tutti, non solo di coloro che si trovano in condizioni di bisogno. L'idea è nata sulla spinta di attivare la comunità - con un'esperienza del privato sociale - che si fa carico della cura del territorio. E' un riconoscimento di ruolo al territorio e ai portatori di interesse che accettano di mettersi in gioco. Rappresenta un contenitore in cui tutti possono sentirsi partecipi, un contenitore di ispirazione pubblica per la trasparenza e l'accessibilità ai servizi, ma a gestione privata da parte dei protagonisti (fuori dalla burocrazia pubblica e dai bilanci pubblici). E' un modello nuovo ed innovativo di rappresentanza, sul quale vale la pena scommettere ed investire. Tra i fondatori è chiaro che le risorse che saranno reinvestite nel territorio non saranno ASSOLUTAMENTE SOSTITUTIVE degli obblighi istituzionali della pubblica amministrazione, nemmeno un pretesto per venire meno agli obblighi futuri delle parti coinvolte. Sarà un'esperienza senza eccessivi costi di gestione (è buona intenzione di tutti), tanto che le cariche sociali sono gratuite. Confcooperative, tramite Federsolidarietà, in questa esperienza in fase di avvio ha coinvolto il Consorzio La Rete Alta Padovana. Il Consorzio considera questa iniziativa un'importante opportunità, sia per la valenza politica che rappresenta sul piano dell'aggregazione, sia come strumento di strategia operativa nel territorio, rispetto al crescente aumento dei bisogni. La consideriamo altresì un polo di riferimento al di fuori degli schemi burocratici degli enti, che intende orientare e inanziare progetti, investimenti e buone prassi sia nel sociale, sia nella tutela dei diritti di cittadinanza, con trasparenza, autonomia, capacità di azione. Questa sida le cooperative dell Alta Padovana hanno deciso di coglierla e vogliono starci, sia con risorse economiche che umane e professionali, a difesa dei ini istituzionali della Fondazione che per noi, lo ribadiamo, non sono sostitutivi degli obblighi dei Servizi pubblici. ANNO DEL PINGUINO PER LA CONCILIAZIONE LAVORO-FAMIGLIA Prendendo spunto anche dalle politiche europee, all'interno del Consorzio In Concerto si è costituita recentemente una commissione ad hoc di Raffaella Munaretto Il 7 febbraio il Parlamento Europeo ha designato l anno 2014 come Anno europeo per la conciliazione tra la vita professionale e la vita familiare. Le politiche per la conciliazione, infatti, rappresentano un tema molto attuale all interno dei vari dibattiti. Ad esempio, in merito ai problemi della disoccupazione e della diminuzione della natalità, in merito alla cura delle persone in situazione di dificoltà e sulla parità di genere nei sistemi familiari delle varie culture, poiché possono fornire modelli innovativi nell affrontare i cambiamenti che stanno avvenendo sia a livello sociale che economico nei Paesi europei. Gli Stati membri dell Europa, infatti, sono impegnati nella promozione di tutte quelle iniziative utili a fornire strumenti che, rendendo compatibili sfera lavorativa e sfera familiare, consentano a ciascun individuo di vivere al meglio i molteplici ruoli interpretati all interno di una società complessa. Queste politiche coinvolgono la società nella sua interezza uomini e donne, organizzazioni, la sfera privata e quella pubblica ed hanno un impatto sul riequilibrio dei carichi di cura all interno della coppia, sull organizzazione del lavoro e dei tempi delle città. E per questo motivo che l Anno della conciliazione è stato denominato anche "Anno del Pinguino": questa specie, infatti, per condividere i carichi di cura, mette in atto lo scambio dei turni di pesca fra i due genitori. Un genitore si occupa di procurare cibo ai piccoli e l'altro di badare ai cuccioli; al ritorno dalla pesca, i genitori si scambiano i ruoli e così via. Confcooperative Nazionale ha affrontato questo tema già alcuni anni fa, dal 2009 al 2011, all interno della Commissione Dirigenti Cooperatrici che ha dato vita al progetto F.I.L. - Famiglia Impresa Lavoro. Si tratta di uno studio compiuto in quattordici regioni italiane, atto ad individuare strumenti e soluzioni supportabili dalle cooperative, buone pratiche in grado di favorire la conciliazione del lavoro con la vita familiare, per una più completa realizzazione del lavoratore e del socio, nel rispetto degli obiettivi dell impresa. L indagine svolta all interno del progetto F.I.L. ha analizzato anche i costi sostenuti dalle cooperative nell intraprendere azioni di conciliazione ed i beneici derivanti al socio e all impresa cooperativa in termini di relazione di appartenenza. Per la Regione Veneto è stato coinvolto il Consorzio In Concerto con alcune delle sue cooperative aderenti nelle quali, anche se in modo non strutturato ma con attenzione alla qualità di vita del socio, vengono attuate soluzioni organizzative che conciliano lo svolgimento dell attività lavorativa con i tempi richiesti dalla gestione della vita familiare. In continuità con tale progetto, all interno del Consorzio è nata la commissione Conciliazione, composta da circa 20 persone. 8 9

6 Il 9 maggio scorso la commissione ha svolto una prima giornata di formazione sui temi relativi alla ricomposizione dei tempi di vita, familiari e lavorativi, con l obiettivo di iniziare una rilevazione delle problematiche e delle strategie di risoluzione già presenti, individuando alcune ipotesi per un percorso di lavoro da sviluppare insieme. In particolare, sono state esplorate quattro aree di intervento: l organizzazione del lavoro (il part-time, il job sharing, la lessibilità di orario in entrata e in uscita); i servizi ed i beneit (dai campus estivi per i igli dei soci alla casa-vacanza di Padola); la formazione e la comunicazione (ovvero la cultura della conciliazione); la gestione della maternità e paternità (i permessi ed i rientri dai congedi agevolati). Per ogni ambito, all interno delle cooperative, esistono già degli strumenti messi in atto, dei quali a volte non si ha neppure conoscenza o consapevolezza, e che richiedono quindi un analisi più approfondita da sviluppare nei prossimi incontri. Il percorso individuato, infatti, dovrebbe condurre la commissione alla realizzazione di una mappatura dei bisogni nella prima fase, ad una progettazione di soluzioni nella seconda fase, ad una sperimentazione degli interventi e ad una messa a sistema degli strumenti individuati nelle fasi successive. Certamente, diventa fondamentale far conoscere ai soci il tema della conciliazione, che non riguarda solo le donne lavoratrici, ma anche gli uomini lavoratori e le loro famiglie. Non è più suficiente guardare ai modelli aziendali del Nord Europa, ritenendo possibile solo a quelle latitudini l esistenza del bilanciamento fra i tempi ed i modi del lavoro e i tempi ed i modi della vita privata. La realizzazione della persona, sia in ambito professionale che in ambito privato, è una strada perseguibile partendo proprio da casa nostra. IL SEMINARIO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE TRIVENETA SULLA COOPERAZIONE SOCIALE: UN RITORNO AL FUTURO? Organizzato dalla Conferenza Episcopale Triveneta, si è tenuto negli spazi di Campoverde a Salvarosa di Giuseppe Vedovato Sabato 31 maggio la cooperativa Campoverde ha ospitato un incontro seminariale organizzato dalla Commissione triveneta per la Pastorale sociale e del lavoro. Oggetto dell incontro, non a caso, è stato il contributo della cooperazione sociale di fronte alla crisi etica, economica e sociale delle nostre regioni, in vista del convegno nazionale convocato per il 24 ottobre prossimo dalla Conferenza episcopale italiana ed intitolato Nella precarietà, la speranza. I lavori a cui hanno partecipato una trentina di rappresentanti della Pastorale sociale e del lavoro delle diverse diocesi sono stati coordinati da Luciano Moro, direttore del centro di formazione professionale IAL Friuli Venezia Giulia, e introdotti dalle relazioni di Gianni Saonara dell Istituto Toniolo e di Lorenzo Biagi della Fondazione Lanza di Padova. Il primo relatore, basandosi sui risultati di alcune recenti ricerche, ha messo in luce la rilevanza, nel panorama economico del nostro paese, del contributo della cooperazione (pari complessivamente al 10% del Pil e all 11% dell occupazione!). Un contributo, sia quantitativo che qualitativo, che nella crisi attuale tende ad aumentare di valore, specie grazie alla cooperazione sociale, svolgendo tra l altro anche un importante funzione anticiclica. Ciò avviene non solo nel nostro paese ma anche nel resto d'europa, al punto da suscitare la crescente attenzione della Commissione europea, che ha deciso di promuovere lo sviluppo dell economia sociale mediante una serie di iniziative, volte in particolare a migliorare il contesto giuridico e l accesso ai inanziamenti. Lorenzo Biagi, dal canto suo, si è soffermato a illustrare l intensa rilessione sulla cooperazione contenuta nella Dottrina sociale della Chiesa, secondo la quale anche nei rapporti mercantili il principio di gratuità e la logica del dono come espressione della fraternità possono e devono trovare posto entro la normale attività economica. Ciò è un esigenza dell uomo nel momento attuale, ma anche un esigenza della stessa ragione economica. Si tratta di una esigenza ad un tempo della carità e della verità. (Caritas in veritate, c. 36). Citando Amartya Sen, poi, il direttore della Fondazione Lanza ha rilevato come un economia senza cooperazione sia un economia più arretrata, meno eficiente e meno pluralista. Dunque, non sono solo i paesi meno sviluppati ad aver bisogno di promuovere la cooperazione, ma anche quelli più sviluppati, come aveva previsto lo stesso John Stuart Mill. Del resto, la ricerca antropologica contemporanea più avvertita (ad esempio Levi Strauss) mostra come la cultura cooperativa abbia un impatto propulsivo nelle società che la valorizzano, al contrario della cultura individualistica, che alla lunga determina un effetto mortifero. Occorre perciò, ha concluso lo studioso, rivalutare la cooperazione come modello di fare impresa che può rispondere alle side della crisi con una capacità di innovazione ed un eficacia complessiva maggiore rispetto alle imprese proit. A patto che la cooperazione stessa non ceda alla tentazione di scimmiottare queste ultime e rimanga fedele in modo creativo ai valori e allo spirito originari, affrontando con un atteggiamento lungimirante i nodi del passaggio intergenerazionale, della reinvenzione del welfare in senso attivo e sussidiario, in generale della ricostruzione della coesione sociale, ovvero della cultura civica della società contemporanea. Monsignor Giampaolo Crepaldi, arcivescovo di Trieste e già arteice decisivo del Compendio della dottrina sociale della Chiesa, è partito dalla constatazione che oggi tale pensiero rischia di non venire opportunamente valorizzato specie nel contesto europeo ed italiano; e ha continuato esortando i laici credenti ad impegnarsi attivamente nello sforzo di intelligenza loro proprio, inalizzato a coniugare concretamente 10 11

7 e creativamente i principi fondamentali della dottrina sociale della Chiesa (primato della persona, del bene comune e della destinazione universale dei beni, solidarietà e sussidiarietà). A proposito del tema all ordine del giorno, Crepaldi ha inine sostenuto come il terzo settore possa assumere una funzione dirompente se lo si prende seriamente (distinguendo in particolare tra vero e falso non proit e superando i rapporti di collusione spesso instaurati con le istituzioni pubbliche) ai ini del necessario smagrimento del nostro Stato così invasivo. I lavori sono poi continuati con la presentazione di alcune esperienze signiicative di imprese cooperative del Triveneto, tra cui quella del Consorzio In Concerto; di quest ultimo sono state anche visitate alcune realtà nel corso del pomeriggio. A margine di questa cronaca non si può fare a meno di ricordare come il territorio della Castellana sia stato a lungo, come e persino più del resto del Veneto cosiddetto bianco, fortemente caratterizzato dall inluenza del cattolicesimo sociale, sia prima che (soprattutto) dopo la Rerum novarum di Leone XIII (1891), che segna tradizionalmente la data d inizio della dottrina sociale della Chiesa. Basti ricordare, al proposito, le leghe bianche di Giuseppe- Bepi Corazzin e il Cecat di Domenico-Menego Sartor. Quest ultimo movimento cooperativo, in particolare, si è caratterizzato in dagli anni Cinquanta dello scorso secolo per il riferimento esplicito al personalismo cristiano francese (Maritain e Mounier) e dunque ai fermenti culturali che, in almeno parziale polemica con l impostazione dottrinale classica preconciliare, si proponevano di costruire una società più partecipata, più democratica e più responsabile, ovvero assai meno verticistica e collateralista di quanto non fosse in uso nel mondo cattolico di allora. Ora le cose sono molto cambiate e la Confederazione Cooperative Italiane o Confcooperative, a cui aderisce in dalla nascita Federsolidarietà, pur continuando a ispira[re] la sua azione ai principi e alla tradizione sociale cristiana, è aperta a quanti pongono a fondamento della vita associativa i valori di solidarietà economica e sociale, di libertà e partecipazione (come recita l art. 1 dello statuto attuale), cioè è diventata giustamente un associazione pluralista, nella quale si trovano a lavorare e a impegnarsi, ianco a ianco, cattolici e non, a patto che condividano i valori di fondo (basati su una valutazione razionale e non necessariamente anche su una adesione di fede) e gli obiettivi strategici che democraticamente essa si è data. Ma ciò non signiica che il confronto (certo non acritico, come del resto aveva già cominciato a fare il Cecat di Domenico Sartor) con questo grande patrimonio culturale, che nel frattempo si è evoluto e ha prodotto testi straordinari come la Populorum progressio, la Centesimus annus e la Caritas in veritate, non sia importante e addirittura necessario. Nell attuale vuoto di riferimenti etici, infatti, anche le cooperative sociali hanno bisogno di rivisitare e rinverdire da questo punto di vista il proprio patrimonio, che non può mai essere dato per scontato, tanto meno in questa fase di crisi che, prima ancora che economica e sociale, è (appunto) etica e antropologica. La cooperazione sociale, peraltro, avendo come mission precipua quella di camminare insieme agli ultimi in un rapporto, appunto, sussidiario e non subalterno con il pubblico per creare le condizioni della loro autentica inclusione nella società, potrebbe diventare un laboratorio privilegiato di concreta applicazione dei principi della dottrina sociale della Chiesa, instaurando una relazione autenticamente circolare con quest ultima, come auspica monsignor Crepaldi. Concludendo, il seminario di cui abbiamo dato conto può rimanere un semplice episodio (come altri in passato e altri ancora forse in futuro) oppure diventare un occasione preziosa per avviare una rilessione seria e approfondita all interno del Consorzio In Concerto e magari anche in Federsolidarietà di Treviso. Intanto, la rivista L area non proit potrebbe offrire uno spazio di discussione sull argomento del rapporto con la tradizione sociale cristiana : Chi è interessato, ci invii le proprie opinioni. WORK IN PROGRESS IN AREA BOLANI A MONTEBELLUNA Lo stato dell'arte dei lavori e dei progetti promossi dalla nuova cooperativa sociale agricola Montelletto di Oscar Licini La cooperativa sociale agricola Montelletto si è costituita nel 2013 con l obiettivo di valorizzare a livello ambientale ed agrario l area Bolani di Montebelluna. Un area dell'estensione di circa 1 ettaro dove soggetti pubblici e del privatosociale si sono impegnati in un progetto di recupero edilizio, agrario e di riabilitazione di persone con disturbo psichico. Il Comune di Montebelluna, proprietario dell area, ha afidato il diritto di supericie all Azienda Ulss 8 per la durata di 30 anni. L Azienda Ulss 8, attraverso un bando pubblico, a sua volta ha afidato tramite convenzione di 9 anni alla cooperativa sociale Orchidea la costruzione di un nuovo Centro Diurno, con la sua relativa gestione. Oltre a ciò, la cooperativa si è impegnata nella ristrutturazione di un ediicio esistente, con l obiettivo di ricavarne due gruppi appartamento per ospiti con problemi psichici ed un piccolo agriturismo. La gestione di tutte le aree di pertinenza di Bolani sono afidate alla cooperativa sociale agricola Montelletto, che nella propria mission prevede l inserimento lavorativo di persone deboli. Il progetto della Montelletto (per il cui progetto agronomico è stata chiesta la consulenza specialistica dello studio Verde Servizi ) prevede anche la riqualiicazione agricola dell'area Bolani attraverso la coltivazione di piccoli frutti, di ulivi e di alberi da frutto, l insediamento di un agriturismo, la realizzazione di un punto vendita, l apicoltura e la produzione del miele e di derivati dell alveare, la produzione di confetture e marmellate, elaborati di produzioni agricole. Nei primi mesi del 2014 è stato avviato a Valdobbiadene il nuovo laboratorio per le Piccole Produzioni locali, per la trasformazione dei prodotti agricoli ed un punto vendita. Presso l'area Bolani è stato invece completato il lavoro di pulizia dei rovi e sono stati piantumati mirtilli e lamponi, che hanno già iniziato a dare frutto

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali di Giosué Pasqua L appromento Le cooperative sociali, protagoniste nella creazione della coesione sociale e del welfare state, avvertono sempre

Dettagli

ASPETTO RITENUTO DEBOLE CRITICITA RILEVATE - CAUSE SOLUZIONI adottate..

ASPETTO RITENUTO DEBOLE CRITICITA RILEVATE - CAUSE SOLUZIONI adottate.. CONTRIBUTO CONSORZIO SOLIDARIETà SOCIALE di PARMA e delle sue cooperative sociali BOTTEGA DEL POSSIBILE RICERCA CENTRI DIURNI Alcuni elementi di premessa: Il Consorzio Solidarietà Sociale comprende 36

Dettagli

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013)

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) Dopo gli interventi di questa mattina e gli altri del pomeriggio, alcuni veramente di alto livello, devo premettere

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Dal volontariato al progetto

Dal volontariato al progetto Dal volontariato al progetto 10 anni di storia dell Auser in sintesi 9 Dagli inizi al consolidamento dell organizzazione (1989/1995) 1.a Le motivazioni di una nuova organizzazione L Auser nasce nell 89,

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

LA COOPERATIVA NEL SISTEMA COOPERATIVO

LA COOPERATIVA NEL SISTEMA COOPERATIVO LA COOPERATIVA NEL SISTEMA COOPERATIVO Guido Geninatti Presidente Federsolidarietà Confcooperative Piemonte La storia della cooperativa Il Riccio è rappresentativa del percorso che molte cooperative hanno

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

Progetto Venezia per l altraeconomia

Progetto Venezia per l altraeconomia Progetto Venezia per l altraeconomia Obiettivo del progetto è la costruzione e promozione di una Rete di Economia Solidale (RES) veneziana, che raduni intorno ad un Tavolo permanente per l altraeconomia,

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

Tecnologia Solidale per la Dignità della Persona Disabile

Tecnologia Solidale per la Dignità della Persona Disabile Tecnologia Solidale per la Dignità della Persona Disabile Nell ambito della visita pastorale del Pontificio Consiglio per la Salute della Santa Sede alle persone con disabilità della comunità veronese,

Dettagli

IL NOCE Periodico dell Associazione di Volontariato IL NOCE

IL NOCE Periodico dell Associazione di Volontariato IL NOCE IL NOCE, periodico dell Associazione di volontariato Il Noce - Dir.Resp. :Luigi Piccoli Anno XXI n. 48 - Aut.Trib. Pordenone del 6 aprile 2000 - Spediz. in abbon. Postale - art. 2 comma 20/c, legge 662/96

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

Scheda progettuale DGR 1098 del 28/6/2013 (Ambito Provincia di Rovigo)

Scheda progettuale DGR 1098 del 28/6/2013 (Ambito Provincia di Rovigo) Allegato B SOS. Dpt Consultorio Familiare, Tutela Minori ed Adolescenza Tel. 0425/393752 Fax 0425/393739 La Responsabile: Dott.ssa Silvana Milanese fam.inf.ado@azisanrovigo.it Scheda progettuale DGR 1098

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

Il volontariato per il futuro della Puglia

Il volontariato per il futuro della Puglia Il volontariato per il futuro della Puglia Il presente documento è scaturito dalla riunione del 25 giugno 2012 tra Forum regionale del Terzo Settore pugliese, Osservatorio regionale del Volontariato (

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

IL PROGETTO P.O.R.T.O: NUOVE ROTTE PER L'INCLUSIONE SOCIALE

IL PROGETTO P.O.R.T.O: NUOVE ROTTE PER L'INCLUSIONE SOCIALE NEWSLETTER IL PROGETTO P.O.R.T.O: NUOVE ROTTE PER L'INCLUSIONE SOCIALE La cooperativa NOI vuole mantenere ferma la volontà ed il coraggio di cercare nuove opportunità di sviluppo: un risultato concreto

Dettagli

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano ore Sala Consiliare del Comune di Bellano IL PERCORSO Valutazione del Piano di Zona 2009/2011 Definizione regole di partecipazione del Terzo Settore Definizione della nuova governance Definizione delle

Dettagli

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO SINTESI ORIENTAMENTI CONGRESSUALI 2016 NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO È la 25 volta che gli Aclisti si riuniscono in congresso: un occasione per ascoltarci e parlare tra noi, percorrere

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane casa di accoglienza

ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane casa di accoglienza ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane (PROTEZIONE DELLA GIOVANE) COMITATO DI PARMA casa di accoglienza L accoglienza è un modo di amare: solo chi ama sa accogliere 2 L Associazione

Dettagli

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Corso finanziato dalla Provincia di Torino SEMINARIO IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Storia e prospettive dell affidamento di bambini piccolissimi Considerazioni e questioni aperte, a partire

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

CONFERENZA REGIONALE DEL VOLONTARIATO

CONFERENZA REGIONALE DEL VOLONTARIATO REGIONE TOSCANA Assessorato alle Politiche Sociali CONFERENZA REGIONALE DEL VOLONTARIATO Volontari e comunità solidali Documento di lavoro elaborato in collaborazione con Centro Nazionale per il Volontariato

Dettagli

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa Ho accettato di svolgere il tema pensando più ad un argomento

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

L Agorà del Sociale di Torino: stato dell arte e materiali in vista dell incontro con l Arcivescovo

L Agorà del Sociale di Torino: stato dell arte e materiali in vista dell incontro con l Arcivescovo L Agorà del Sociale di Torino: stato dell arte e materiali in vista dell incontro con l Arcivescovo Lancio della proposta dell Agorà: estate 2013 27 settembre 2014: Assemblea dell Agorà: Per un nuovo patto

Dettagli

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 Animazione alla testimonianza comunitaria della Carità Mimmo Iannascoli Resp. Formazione Caritas Diocesi di Caserta Cosa: ciò di cui andremo ad

Dettagli

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Fundraising. Un altro welfare è possibile Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Premessa: il senso dell itinerario Fundraising un altro Welfare

Dettagli

Imprese e cooperative sociali in Italia. Il quadro normativo

Imprese e cooperative sociali in Italia. Il quadro normativo Imprese e cooperative sociali in Italia. Il quadro normativo La legislazione italiana in materia di impresa sociale e di inserimento lavorativo delle persone svantaggiate è quanto mai stratificata e complessa.

Dettagli

SOCIALDI 19 aprile 2013 Il Terzo Settore protagonista del cambiamento sociale

SOCIALDI 19 aprile 2013 Il Terzo Settore protagonista del cambiamento sociale SOCIALDI 19 aprile 2013 Il Terzo Settore protagonista del cambiamento sociale Relazione di apertura della Portavoce Forum Terzo Settore Piemonte Anna Di Mascio Buongiorno a tutte e tutti, un saluto caloroso

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO DELL ARCIDIOCESI DI MILANO: FRA CONTINUITÀ E NOVITÀ DARE CONTINUITÀ AL METODO DI LAVORO: VALORIZZARE L INIZIATIVA LOCALE E PROMUOVERE UNA LOGICA DI RECIPROCITÀ Lanciato

Dettagli

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 L ESPERIENZA DELL ULSS 15 DEL VENETO : 25 ANNI DI INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Gianfranco Pozzobon, direttore dei servizi sociali ULSS 15 - Padova Ho

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

UFFICIO ASSOCIAZIONISMO E VOLONTARIATO

UFFICIO ASSOCIAZIONISMO E VOLONTARIATO UFFICIO ASSOCIAZIONISMO E VOLONTARIATO Si ringrazia per la gentile concessione delle immagini tratte dal concorso fotografico Le fotografie su Internet Fotografia di copertina: Globalizzazione di Cristian

Dettagli

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti Difficoltà nel contesto culturale Conciliazione dei tempi di cura con i tempi lavorativi Debolezza e frammentazioni delle reti relazionali

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA

Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA CONSORZI E COOPERATIVE SOCIALI ESPORRANNO, IN UNO STAND DI 90MQ,

Dettagli

È possibile risolvere il problema delle povertà senza aumentare la spesa sociale?

È possibile risolvere il problema delle povertà senza aumentare la spesa sociale? È possibile risolvere il problema delle povertà senza aumentare la spesa sociale? Il rapporto 2008 di Caritas Italiana e Fondazione Zancan su povertà ed esclusione sociale in Italia onsiderando le grandi

Dettagli

Le città e l istituzione penitenziaria

Le città e l istituzione penitenziaria SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONVEGNO NAZIONALE 2 Aprile 2012 - Firenze Sala Brunelleschi - Palagio di parte Guelfa - Piazzetta di parte Guelfa Le città e l istituzione penitenziaria

Dettagli

MANIFESTO PER PARMA UNITA

MANIFESTO PER PARMA UNITA MANIFESTO PER PARMA UNITA Parma è una città piena di risorse, ricca di intelligenze vivaci, di saperi e cultura, fatta da persone intraprendenti che non possono non avvertire la responsabilità di questo

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006 Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella separazione Bologna 1 e 2 dicembre 2006 - Mediatore familiare e Avvocato: il Protocollo d intesa di Reggio Emilia

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 POLITICHE DI COMUNITA LE RETI DI RESPONSABILITA ATTIVAZIONE E GOVERNO. Responsabilità e compiti dei servizi sociali. Mauro Perino. E da tempo evidente che i servizi

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016 PROGETTO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE SCUOLA SECONDARIA SECONDO GRADO anno scolastico 2015-2016 1 PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Anno Scolastico 2015-2016 FINALITÀ GENERALI: Il riferimento alla

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

LE STRATEGIE DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ NELLA REGIONE LAZIO

LE STRATEGIE DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ NELLA REGIONE LAZIO Rita Visini Assessore alle Politiche sociali e allo sport, Regione Lazio, Italia 8 luglio 2014 La Costituzione della Repubblica italiana, all articolo 3, nella parte dedicata ai principi fondamentali sui

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

10 ANNI DI CLUB INTEGRIAMOCI

10 ANNI DI CLUB INTEGRIAMOCI 10 ANNI DI CLUB INTEGRIAMOCI Scopi, attività ed iniziative per la tutela della salute mentale Francesca Cigala Fulgosi Dipartimento di Salute Mentale Azienda USL Ferrara L' ASSOCIAZIONE DEGLI UTENTI: OBIETTIVI

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA. Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi

ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA. Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi L Associazione Veronese di Psicoterapia Psicoloanalitica è un associazione senza fini di lucro, che

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

La Casa delle Culture -Progetto-

La Casa delle Culture -Progetto- CONSULTA PROVINCIALE DELL IMMIGRAZIONE (Provincia di Modena) OGGETTO: Progetto "La Casa delle Culture". Il carattere strutturale che il fenomeno immigratorio ha assunto anche in Italia sollecita fortemente

Dettagli

Lo scopo. Finalità sociale ed efficienza economica possono camminare insieme.

Lo scopo. Finalità sociale ed efficienza economica possono camminare insieme. Èsotto gli occhi di tutti: nella realtàsociale che ci circonda il disagio e le difficoltàeconomiche stanno crescendo, coinvolgendo persone, famiglie, gruppi sociali. Cresce il bisogno ma non crescono le

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA INTRODUZIONE COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA 1.1. ORGANIZZAZIONE E FASI DEL PROGETTO Giovane Cittadinanza (GC) è un progetto finanziato dal fondo nazionale di intervento per la lotta alla droga

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Giovedì 2 luglio 2015 - ore 11.00 Politecnico di Milano - Polo territoriale di Lecco marzo 2015 febbraio 2018 BANDO WELFARE DI COMUNITÀ E INNOVAZIONE SOCIALE FONDAZIONE

Dettagli

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Cade quest anno il centenario della prima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, svoltasi a Pistoia dal 23

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani NOVEMBRE 2010 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi

Dettagli

STATUTO. Allegato B. Forum del Terzo Settore della provincia di Piacenza. Art. 3)

STATUTO. Allegato B. Forum del Terzo Settore della provincia di Piacenza. Art. 3) Allegato B Forum del Terzo Settore della provincia di Piacenza STATUTO Art. 1) Il Forum del Terzo Settore della Provincia di Piacenza è un associazione, con durata illimitata e senza fini di lucro, fra

Dettagli

Il territorio e la promozione dei servizi relazionali pubblici e privati. Verso il primo piano regionale per i bambini e gli adolescenti nel Veneto Padova il 18 dicembre Francesco Gallo 1 Premessa Con

Dettagli

PROGETTO CASCINA MONLUE

PROGETTO CASCINA MONLUE Associazione "La Nostra Comunità" TEL. e FAX +39 02 71 55 35 www.lanostracomunita.it E-mail: info@lanostracomunita.it Codice Fiscale n. 97026250155 PROGETTO CASCINA MONLUE non un nostro sogno ma un sogno

Dettagli

Piano triennale dell Offerta formativa. Piano triennale dell offerta formativa Anni scolastici 2016-19. aa.ss. 2016-19 pag. 1

Piano triennale dell Offerta formativa. Piano triennale dell offerta formativa Anni scolastici 2016-19. aa.ss. 2016-19 pag. 1 Piano triennale dell offerta formativa Anni scolastici 2016-19 aa.ss. 2016-19 pag. 1 La crescita è un cammino nel divenire, tuttavia [ ] non si cammina solo per arrivare, ma anche per vivere mentre si

Dettagli

Assemblea del Volontariato Italiano Roma 4 e 5 dicembre 2009

Assemblea del Volontariato Italiano Roma 4 e 5 dicembre 2009 Consulta Nazionale Volontariato Assemblea del Volontariato Italiano Roma 4 e 5 dicembre 2009 Documento di Lavoro 1 CONSIDERAZIONI DI CONTESTO: LA SITUAZIONE POLITICA, ECONOMICA E CULTURALE ODIERNA Il nostro

Dettagli

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS CENTRO DI ASCOLTO CARITAS PROGETTO OPERATIVO Parrocchia SS Pietro e Paolo TURATE Oggi le persone hanno più bisogno di ascolto che di parole. Soltanto quando diamo ascolto all altro con attenzione e non

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

News n 37. Dicembre 2010. Ecco i risultati della Prima Convention dell Accademia della Cura

News n 37. Dicembre 2010. Ecco i risultati della Prima Convention dell Accademia della Cura News n 37 Dicembre 2010 Oltre 120 presenze Ecco i risultati della Prima Convention dell Accademia della Cura Forte interesse e grande condivisione dei diversi momenti Presentazione del libro La leggerezza

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del ACCESSIBILITÀ a SACILE Ente proponente Referente del Città in cui ha avuto luogo il Durata del

Dettagli

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011 PEI Pagina 1 LA DOMANDA FORMATIVA La nostra scuola è consapevole di essere una risposta alle esigenze formative delle famiglie del territorio come descritto nel PEN:

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli