LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE"

Transcript

1 LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

2 La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S C H E D E D I A L L E N A M E N T O E E S E R C I T A Z I O N I S P E C I F I C H E LA PROGRAMMAZIONE In generale la programmazione può essere definita come l organizzazione delle risorse disponibili, al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati, in tempi determinati e con i metodi più opportuni. Nel calcio tale descrizione può essere intesa come l ideazione di un progetto stagionale (o pluriennale) attraverso cui raggiungere gli obiettivi individuati e concordati tra società ed allenatori. Per programmare con efficacia è necessario analizzare la reale situazione di partenza tenendo conto della società (Dirigenti, Staff, Competenze, ), delle strutture (Impianti, Attrezzature, Durata e Numero allenamenti, ) e dei giocatori con le diversità che caratterizzano i singoli componenti del gruppo (Esperienze tecnico-tattiche, esperienze motorio-sportive, sviluppo biologico, attitudine). Sono proprio i giocatori la risorsa principale, quella su cui fondare la propria attenzione. Il calciatore può essere visto come sommatoria di qualità TECNICHE, TATTICHE, FISICO-ATLETICHE e MORALI che l allenatore deve essere in grado di conoscere, valutare e soprattutto sviluppare. La programmazione delle attività è chiamata periodizzazione e si basa sugli obiettivi da raggiungere distribuiti in diversi periodi detti cicli. Quest ultimi possono essere suddivisi in MEGA-CICLI, l organizzazioni su più stagioni sportive, in MACRO-CICLI, la stagione sportiva o una sua parte, MESO e MICRO-CICLI, la programmazione a breve termine, e l UNITA DI LAVORO, il singolo allenamento. Nel preparare l allenamento il mister deve sempre aver ben chiari due aspetti fondamentali: l obiettivo da raggiungere, che deve necessariamente essere adeguato alle caratteristiche psico-fisiche e tecnicotattiche dei giocatori, e la progressione dell unità di lavoro, che deve permettere un apprendimento chiaro e permanente ai giocatori. L allenamento è determinato da fasi successive e da scelte continue e progressive legate da un comune obiettivo da perseguire. Pertanto sarà connotato non solo dal tipo di esercitazione proposta, ma anche dall intensità di esecuzione e dalla quantità di lavoro, secondo una progressione basata su principi quali: Dal conosciuto al nuovo Dal facile al difficile Dal semplice al complesso Alternanza tra lavoro e pause Variazione delle esercitazioni per fornire sempre nuovo stimoli Allenare in modo simile alla gara Assenza di tempi morti Ripetizione di quanto insegnato e appreso Scomposizione dei gesti (metodo analitico) Correzione costante dell errore Alternanza tra gioco ed esercizio Grande attenzione al singolo Pagina 1

3 Fondamentale nell azione didattica dell allenatore sarà in susseguirsi delle fasi di spiegazione, dimostrazione, osservazione e correzione. Il metodo didattico sarà infine l itinerario e il modo con cui l allenatore attuerà la gestione del processo di insegnamento-apprendimento tramite metodi deduttivi, in cui il protagonista è l insegnante che codifica l attività e ricerca la precisione esecutiva attraverso la ripetizione sistematica, e metodi induttivi, nei quali il protagonista principale è l allievo, che ricerca e scopre in maniera autonoma le soluzioni ai problemi presentati. Idealmente la sequenza temporale potrebbe essere: Conoscenza dei programmi, obiettivi ed organizzazione della società Verifica dei mezzi e delle strutture a disposizione Conoscenza dei giocatori (Test di valutazione, relazioni, ) Definizione degli obiettivi e dei tempi sia a medio-lungo termine che nel breve termine Fissare i momenti di verifica durante la stagione sportiva Pagina 2

4 LA CLASSIFICAZIONE DEGLI OBIETTIVI TECNICI E TATTICI Obiettivi di Tecnica Individuale Guidare / Dominare Calciare Ricevere Contrastare Colpire di testa Rimessa laterale Tecnica del portiere Obiettivi di Tecnica Applicata (o Tattica Individuale) In fase di attacco In fase di difesa Smarcamento Controllo e difesa della palla Passaggio Finta e dribbling Tiro in porta Presa di posizione Marcamento Intercettamento Contrasto Difesa della porta Obiettivi di Tattica Collettiva In fase di attacco Scaglionamento Penetrazione Ampiezza Mobilità Improvvisazione e sorpresa In fase di difesa Scaglionamento Azione ritardatrice Concentrazione Equilibrio Controllo e limitazione del rischio Pagina 3

5 LA DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI TECNICO-TATTICI E DEI CONCETTI CORRELATI Tecnica individuale I gesti tecnici, ovvero i comportamenti, che vengono attuati dal singolo giocatore quando entra in contatto con il pallone. I fondamentali vengono così suddivisi come se il contesto di gioco non esistesse, al fine di porre in risalto esclusivamente il rapporto del giocatore con la palla Guidare / Dominare Prerequisito fondamentale che determina il nostro grado di abilità nella gestione individuale della palla in un rapporto di stretto contatto e di poco spazio. Calciare Gesto specifico che evidenzia l abilità di un giocatore di indirizzare con un piede la palla verso un obiettivo prefissato (compagno, porta avversaria). Ricevere Abilità tecnica che consente di gestire la palla in arrivo arrestandola oppure orientandola, anticipando la scelta della giocata immediatamente successiva. Contrastare Cercare di recuperare palla con un azione di contrasto diretto o indiretto. Colpire di testa Gesto tecnico che evidenzia l abilità di un giocatore di indirizzare la palla con la testa verso un obiettivo prefissato (compagno, porta avversaria). Rimessa laterale Gesto tecnico da effettuarsi con le mani, per mezzo del quale il gioco può essere ripreso a seguito di una uscita laterale della palla. Tecnica del portiere Fondamentale a se stante. Tecnica applicata o tattica individuale Tutti gli accorgimenti e tutti i movimenti, con o senza palla, che vengono eseguiti dal giocatore affinché, tenuto conto dei compagni, degli avversari e delle situazioni di gioco, la propria prestazione risulti utile, redditizia ed economica. Smarcamento Abilità tattica individuale che consiste nel liberarsi dalla marcatura avversaria finalizzata alla ricezione della palla o alla creazione di uno spazio. Controllo e difesa della palla Abilità individuale che consente di mantenere il dominio della palla in presenza di avversari. Pagina 4

6 Passaggio Abilità individuale che consente di trasmettere la palla ad un compagno sulla figura o nello spazio. Da non confondere con il fondamentale tecnico del calciare la palla ( meccanica del gesto). Finta Movimento da eseguire con la palla o senza palla che non prevede il superamento di un avversario. La si esegue in fase di conduzione, di ricezione e di smarcamento. Dribbling Abilità individuale che va eseguita in possesso di palla e che prevede il superamento di un avversario. Tiro in porta Abilità individuale che permette la conclusione a rete. Presa di posizione La presa di posizione, o piazzamento, consiste nell assumere una dislocazione che, tenendo conto della propria porta, del diretto avversario e del settore del campo in cui si trova il pallone, offre la possibilità di ritardare o di ostacolare l azione avversaria. Marcamento L azione di controllo diretto dell avversario. Intercettamento Interrompere l azione avversaria agendo direttamente sulla palla. La forma più efficace di intercettamento è dato dall anticipo dell avversario. Contrasto Può essere diretto, se effettuato sul giocatore che è in possesso palla, o indiretto, quando si cerca di mettere in zona ombra un avversario non in possesso palla. Difesa della porta Principio fondamentale per la fase difensiva. La forma tipica con cui il difendente attua questo principio consiste nell interporsi tra il pallone e lo specchio della propria porta. Ulteriori concetti e definizioni correlate agli obiettivi di tecnica applicata Blocchi e Veli Azioni individuali che tendono ad interrompere la continuità di marcamento del difensore nei confronti del proprio compagno. I blocchi vengono effettuati in situazioni pressoché statiche, pertanto prevalentemente su palle inattive. I veli vengono effettuati con palla in movimento, in qualunque momento e situazione di gioco. Aiuti verbali Messaggi codificati di aiuto per lo sviluppo in sicurezza dell azione. Zona luce e zona ombra Indicano la zona dove si può ricevere la palla o dove un avversario chiude le traiettorie di passaggio. Pagina 5

7 Palla libera e palla coperta E il concetto fondamentale su cui si basano tutti i movimenti difensivi ed offensivi di un giocatore, di un reparto e della squadra. Palla libera o scoperta quando l avversario in possesso palla può determinare una giocata pericolosa per la nostra porta. Palla chiusa o coperta quando l avversario in possesso palla non può portare pericoli alla nostra porta. Lato forte e lato debole Questa distinzione viene determinata dall assetto di scatto che assume il difendente, il cui lato forte corrisponde a quello del piede arretrato, mentre il lato debole a quello del piede avanzato. Temporeggiamento Su palla libera. Rallentare il più possibile l azione offensiva avversaria per recuperare una situazione di svantaggio o inferiorità numerica. Attacco della palla Su palla coperta. Togliere spazio di gioco all avversario. Appoggio Movimento davanti alla linea della palla. Sostegno Movimento dietro la linea della palla. Inserimento Movimento verticale o diagonale con Partenza da dietro la linea della palla. Taglio Movimento (a stringere o ad allargare) di appoggio davanti alla linea della palla Sovrapposizione Corsa (interna o esterna) con aggiramento del possessore di palla. Movimento in appoggio davanti alla linea della palla. Tattica collettiva Scaglionamento (offensivo) La squadra viene distribuita su più linee di gioco per poter attaccare in modo efficace. Penetrazione La capacità di saper entrare nella difesa avversaria. L attacco in profondità rimane l obiettivo primario del gioco offensivo. Ampiezza L allargamento del fronte di attacco. Oltre che in profondità, una manovra di attacco tatticamente efficiente deve saper sfruttare in tutta la sua larghezza il terreno di gioco. Mobilità Pagina 6

8 Favorire il movimento dei giocatori di attacco per dare aiuto al portatore palla e, contemporaneamente, creare spazi liberi per gli altri compagni. Improvvisazione e sorpresa Il successo di un azione offensiva non può prescindere dal fattore sorpresa. Questa è originata dalla tecnica, dalla velocità e dalla tattica. Scaglionamento (difensivo) Atteggiamento collettivo volto a aumentare la sicurezza della fase difensiva di squadra attraverso collaborazioni e coperture reciproche. Azione ritardatrice Il movimento di ritirata di un reparto verso la propria area di rigore, prendendo in considerazione sia la propria porta che le distanze tra ciascun giocatore, al fine di ritardare l azione degli avversari. Concentrazione Il movimento e la presa di posizione dei difendenti per limitare e restringere gli spazi di gioco agli avversari. Equilibrio Cercare di presidiare le zone pericolose o nevralgiche del campo. Controllo e limitazione del rischio I giocatori in fase difensiva devono, tutti quanti, controllare i rispettivi avversari, la propria posizione e funzione in rapporto ai compagni. Ulteriori concetti e definizioni correlate agli obiettivi di tattica collettiva Coperture L azione di sostegno portata ad un compagno intento a contrastare un avversario in possesso palla al fine di limitarne tempo e spazio qualora il compagno fosse superato. Elastico difensivo Tutti quei movimenti a salire o a scendere eseguiti dal blocco squadra con l intento di mantenere lo schieramento corto, sono da considerarsi scivolamenti verticali. In generale, i movimenti a salire vengono fatti in direzione della palla, mentre quelli a scendere vengono fatti verso la porta. Scorrimento laterale Movimenti eseguiti con l intento di stringere il campo nella sua ampiezza, in modo da creare, in combinazione agli scivolamenti verticali, la maggior densità possibile di uomini nello spazio attaccato dagli avversari. Pressing L azione collettiva e coordinata atta a togliere spazio e tempo di gioco al possessore di palla e a non concedere ai compagni vicini di riceverla. Fuorigioco L azione collettiva e coordinata atta a togliere profondità alla squadra avversaria. Pagina 7

9 LA PROGRESSIONE DIDATTICA NEL SETTORE GIOVANILE Nel percorso formativo che attraversa tutta la carriera sportiva dei giocatori, l attenzione si sposterà, progressivamente, dal comportamento individuale a quello collettivo: aumenterà in modo crescente il numero di elementi che caratterizzano il contesto di gioco (compagni ed avversari), lo spazio da utilizzare o controllare ed in generale le difficoltà da affrontare. L insegnamento delle capacità tecnico-tattiche si attua attraverso le seguenti fasi: Allenamento motorio: Lo sviluppo corretto e completo di tutte le capacità coordinative e motorie maggiormente sensibili nelle varie fasce di età aiuta un più corretto e redditizio apprendimento di tutti gli elementi della tecnica di base. Allenamento tecnico(1): Mira all ampliamento del baglio dei fondamentali ed al loro perfezionamento. Il lavoro continuo ripetitivo, organizzato secondo i principi della progressività didattica e della correzione costante dell errore permette di poter sviluppare in modo corretto e redditizio gli elementi di Tecnica Applicata. Allenamento Tecnico - Tattico(2): Ricerca lo sviluppo del pensiero tattico individuale. Allenamento Tattico di gruppo(3): Stimola la creazione e lo sviluppo del pensiero tattico collettivo. La conoscenza degli elementi caratterizzanti la tecnica applicata sviluppati secondo i principi fondamentali dell allenamento permette al giocatore di inserirsi in modo veloce ed efficace in qualsiasi sistema di gioco. Allenamento tattico di reparto e di squadra(4): Mira ad instaurare e perfezionare specifiche collaborazioni in funzione dei ruoli e delle situazioni. Non esiste uno sviluppo tattico di reparto o di squadra efficace e duraturo nel tempo se gli elementi sopradescritti non vengono sviluppati in maniera completa e corretta. Pagina 8

10 La tecnica di base nel calcio deve essere considerata come elemento di trasmissione motoria delle decisioni prese dal giocatore al fine di raggiungere l obiettivo prefissato. Pertanto rappresenta un mezzo ma non il fine. L apprendimento dei fondamentali tecnici dovrà avvenire in un contesto di gioco per poi essere corretta analiticamente. Non si può semplicemente passare dall esercizio al gioco, bensì servono degli strumenti intermedi che favoriscano il transfert. Globale situazionale Far scoprire la tecnica nel gioco Evidenziare gli errori Permettere l esperienza situazionale Creare il problema tecnico Motivare gli allievi Analitico situazionale (e non) Per la ripetizione del gesto Per la correzione degli errori Per la velocizzazione del gesto In generale si può pensare di organizzare una programmazione che preveda un lavoro di tipo analitico, come momento di studio e di conoscenza del fondamentale, ed un lavoro di tipo situazionale, come momento di verifica dell apprendimento e di esperienza per il nostro giocatore. Nell apprendimento della tattica il saper fare individuale e collettivo si integrano continuamente nel gioco e così dovrà avvenire anche in sede di allenamento. Il percorso formativo indicato per lo sviluppo delle capacità collaborative passa, quindi, attraverso la conoscenza e l applicazione delle capacità individuali nei contesti di situazioni semplificate dall 1 contro 0 al 4 contro 4. Comunque il bagaglio tecnico rimane il presupposto per lo sviluppo di qualsiasi disegno tattico. NON CI PUO ESSERE TATTICA SENZA TECNICA Una programmazione didattica dovrà evidenziare gli obiettivi tecnici e tattici dominanti per le diverse fasce d'età e i mezzi di allenamento più idonei per il loro raggiungimento. Pagina 9

11 Categoria Obiettivo dominante Mezzo di allenamento principale Piccoli amici Allenamento motorio Gioco Giochi polivalenti Esercitazioni con e senza palla Pulcini Allenamento tecnico Rapporto con la palla Esercitazioni con la palla 1 vs 1 Esordienti Allenamento tecnicotattico Situazioni di gioco semplici 1 vs 1 e 2 vs 1 Esercitazioni a tema con vincolo tecnico Giovanissimi Allenamento tattico di gruppo Situazioni di gioco complesse Dal 2 vs 2 al 4 vs 4 Esercitazioni a tema con vincolo tecnico-tattico Allievi Allenamento tattico di squadra Situazioni di gioco specifiche Esercitazioni di reparto e fra reparti Esercitazioni a tema con vincolo tattico In uno sport come il calcio, il bravo calciatore è colui che in ogni contesto di gioco sa trovare la soluzione idonea ad un determinato problema, che comunque difficilmente potrà essere codificata in maniera assoluta, perché le situazioni che si ripropongono nel gioco non sono mai esattamente uguali. Nel calcio, quindi, l aspetto determinante per chi lo pratica ad ogni livello è dato dalla capacità di adattamento tecnico e tattico alle situazioni che il gioco stesso presenta. Pagina 10

12 ESEMPIO DI SCHEDA PER LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE AREA TECNICA 1 trimestre settembre /novembre 2 trimestre dicembre / febbraio 3 trimestre marzo / maggio Ob. Primario : Ob. Primario : Ob. Primario : Ob. Secondario : Ob. Secondario : Ob. Secondario : AREA TECNICO TATTICA 1 trimestre settembre /novembre 2 trimestre dicembre / febbraio 3 trimestre marzo / maggio Ob. Primario : Ob. Primario : Ob. Primario : Ob. Secondario : Ob. Secondario : Ob. Secondario : AREA MOTORIA 1 trimestre settembre /novembre 2 trimestre dicembre / febbraio 3 trimestre marzo / maggio Ob. Primario : Ob. Primario : Ob. Primario : Ob. Secondario : Ob. Secondario : Ob. Secondario : AREA PSICOLOGICO / COMPORTAMENTALE 1 trimestre settembre /novembre 2 trimestre dicembre / febbraio 3 trimestre marzo / maggio Ob. Primario : Ob. Primario : Ob. Primario : Ob. Secondario : Ob. Secondario : Ob. Secondario : Pagina 11

13 ESEMPIO DI SCHEDA ALLENAMENTO N Allenamento Data allenamento Orario allenamento Località Condizioni Terreno Condizioni climatiche Giocatori assenti Staff Giocatori aggregati Infortuni Differenziati Valutazione allenamento Ob. Tecnico primario Ob. Tc / Tt primario Ob. Motorio primario Ob. Psi/com primario Ob. Tecnico secondario Ob. Tc / Tt secondario Ob. Motorio secondario Ob. Psi/com secondario Figura Descrizione attività Minuti Figura Descrizione attività Minuti Figura Descrizione attività Minuti Figura Descrizione attività Minuti Pagina 12

14 ESEMPIO DI UNA PROGRESSIONE DIDATTICA AREA TECNICA Sensibilità e dominio della palla Conduzione della palla AREA TC/APPL. Finta Dribbling Protezione della palla Le tappe PRIMO PERCORSO - Miglioramento delle capacità senso percettive attraverso esercitazioni e giochi di sensibilità in forma statica mantenendo la posizione di equilibrio - Miglioramento delle capacità di palleggio con vaie tecniche per alzare la palla - Esercizi e giochi basati sulle finte SECONDO PERCORSO - Miglioramento delle capacità di sensibilità in forma dinamica con l utilizzo di percorsi di conduzione della palla - Miglioramento delle capacità generali di palleggio - Esercizi e giochi di finta e dribbling con avversari fissi e mobili passivi TERZO PERCORSO - Miglioramento delle capacità di conduzione della palla nelle sue varie forme privilegiando la conduzione con cambi di direzione - Esercizi e giochi di finta e dribbling su avversari con handicap e a seguire attivi - Esercizi e giochi per l introduzione della protezione della palla QUARTO PERCORSO - Esercizi e giochi di conduzione su percorsi combinati a ritmi più elevati - Situazioni di gioco di 1vs1 specifiche - Situazione di gioco per la protezione della palla Al termine di ogni percorso va eseguita la verifica al fine della riprogrammazione Metodologia : Analitico ( momento di studio del fondamentale ) Situazione ( momento di verifica ) Pagina 13

15 Organizzazione in cicli di lavoro Settembre / Ottobre 16 allenamenti Novembre Dic/Genn 16 allenamenti Febbraio / Marzo 16 allenamenti Aprile / Maggio 16 allenamenti 1 micro ciclo da 1 a 4 5 micro ciclo da 17 a 20 9 micro ciclo da 33 a micro ciclo da 49 a 52 Miglioramento della sensibilità in forma statica Tecniche di palleggio partendo da palla in mano Miglioramento della sensibilità in forma dinamica libera Miglioramento delle capacità di palleggio introducendo scalette più complesse Miglioramento della tecnica di conduzione lineare a cambi di dir. Giochi ed esercizi di finta e dribbling con avversari ad handicap Proposte di conduzione con combinazione di movimenti di finta e dribbling Sit di gioco con avv a protezione di una linea Sit di gioco per la protezione della palla Esercizi e giochi sulle finte 2 micro ciclo da 5 a 8 6 micro ciclo da 21 a micro ciclo da 37 a micro ciclo da 53 a 56 Miglioramento della sensibilità in forma statica aumentando il grado di difficoltà Palleggio con introduzione di piccole scalette Miglioramento della sensibilità in forma dinamica abbinata a piccoli percorsi Miglioramento delle capacità di palleggio Miglioramento della tecnica di conduzione con cambi di dir e senso Giochi ed es di finta e dribbling con avversari ad handicap Proposte di conduzione con combinazione di movimenti di finta e dribbling Sit di gioco con avv a protezione di uno spazio Sit di gioco per la Esercizi e giochi di finta e dribbling con avversari fissi Intro del fondamentale di protezione della palla protezione della palla 3 micro ciclo da 9 a 12 7 micro ciclo da 25 a micro ciclo da 41 a micro ciclo da 57 a 60 Miglioramento della sensibilità in forma statica aumentando il grado di difficoltà introducendo movimenti di finta e dribbling Palleggio con introduzione piccole scalette partendo da palla a terra Esercizi e giochi sulle finte ( senza palla ) Miglioramento della sensibilità in forma dinamica abbinata a piccoli percorsi Miglioramento delle capacità di palleggio Esercizi e giochi di finta e dribbling con avversari fissi In tutte le proposte aumentare il grado di difficoltà Miglioramento della tc di cond con cambi dir senso e ritmo Giochi ed es di finta e dribbling con avversari ad handicap ed attivi Es e giochi per il fondamentale della protezione della palla Proposte di conduzione con combinazione di mov e aumento dei ritmi Sit di gioco con avversario proveniente laterale Situazione di gioco per la protezione della palla 4 micro ciclo da 13 a 16 8 micro ciclo da 29 a micro ciclo da 45 a micro ciclo da 61 a64 Miglioramento della sensibilità in forma statica aumentando il grado di difficoltà introducendo movimenti di finta e dribbling Miglioramento della sensibilità in forma dinamica abbinata a piccoli percorsi Es e giochi di finta e dribbling con avversari attivi Proposte di conduzione con combinazione di movimenti e aumento dei ritmi Palleggio con introduzione piccole scalette partendo da palla a terra Esercizi e giochi sulle finte ( senza palla ) Miglioramento delle capacità di palleggio Esercizi e giochi di finta e dribbling con mobili passivi Es e giochi per lo sviluppo del fondamentale della protezione della palla Situazioni di gioco con avversario proveniente da dietro Situazioni di gioco per la protezione della palla Pagina 14

16 ESEMPIO DI PROGRAMMAZIONE STAGIONALE Categoria pulcini OBIETTIVI TECNICI Dominio della palla attraverso lavori di contatto e rullaggio palla / piede, palla / altre parti del corpo, tecniche per alzare la palla da terra e palleggio Conduzione : lineare / con cambi di direzione su varie angolature / con cambi di senso / con cambi di velocità tutto con entrambi i piedi e con le varie superfici Calciare : da fermo, rasoterra, a mezza altezza con traiettoria tesa ed arcuata, con interno, collo, collo interno di entrambi i piedi. Con esterno rasoterra. In movimento, rasoterra, a mezza altezza con traiettoria tesa ed arcuata, con interno, collo, collo interno, di entrambi i piedi. Con esterno rasoterra. Ricevere : da fermo con suola, interno collo ed esterno di entrambi i piedi anche su palla a mezza altezza. In movimento con suola, interno, collo ed esterno di entrambi i piedi anche su palla a mezza altezza. Orientata : in funzione di, un passaggio, un tiro, una conduzione un attacco ecc.. Rimessa laterale : corretta esecuzione di una rimessa laterale da fermo ed in movimento FONDAMENTALI Difesa della porta Marcamento Contrasto Presa di posizione Intercettamento OBIETTIVI TECNICO / TATTICI Protezione della palla Passaggio Finta e dribbling Tiro in porta Smarcamento SITUAZIONI 1 > portiere ( ricerca di finta e dribbling ) 1 > 1 con portiere ( F.O. ricerca di finta e dribbling ; F.D. difesa della porta marcamento e contrasto ) 2 > 1 senza / con portiere ( F.O. finta dribbling, tiro in porta e smarcamento. F.D. marcamento difesa della porta e contrasto ) 2 > 2 senza / con portiere ( con obiettivi sia per la F.O che per la F.D dei fondamentali affrontati ) COLLETTIVI Conoscenza delle regole della partita Ricerca di una minor confusione nell occupazione degli spazi Ricerca di una occupazione degli spazi omogenea Sviluppo del concetto di ampiezza Pagina 15

17 OBIETTIVI MOTORI Capacità coordinative : equilibrio / orientamento / velocità di reazione / percezione spazio tempo / ritmo / differenziazione / fantasia motoria / anticipazione / combinazione / adattamento e trasformazione Capacità condizionali : rapidità / flessibilità / velocità Andature / propriocettività OBIETTIVI PSICOLOGICI Accettazione e rispetto delle regole Rispetto nei confronti di allenatori, dirigenti, avversari e arbitri Equilibrio nelle vittorie e accettazione delle sconfitte Ricerca di una autonomia adeguata all età relativi a tutti gli aspetti possibili Cooperazione e collaborazione Presa di coscienza del massimo impegno Ricerca della vittoria nel pieno rispetto delle regole Accettazione dell analisi dell errore del singolo di fronte al gruppo finalizzato al miglioramento di tutti. Pagina 16

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Capacità Cognitive - Parte I

Capacità Cognitive - Parte I In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo Schede operative categoria Esordienti CATEGORIA ESORDIENTI società: istruttore: stagione sportiva: RICORDATI CHE In questo mese inizia l attività didattica programmata dopo che nel periodo precedente si

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI SETTORE TECNICO FIGC COVERCIANO Corso master Uefa Pro di prima categoria 2012-2013 ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI Candidato: Mark Iuliano Relatore: Dott.ssa Maria Grazia Rubenni

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

Igiochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano quegli sport che

Igiochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano quegli sport che 3. Tra riflessione e concretezza: la tecnica e gli altri fattori del calcio giovanile Igiochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano quegli sport che rientrano nella definizione più specifica denominata

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

F.I.G.C. FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO

F.I.G.C. FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO F.I.G.C. FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Centro Tecnico Federale Coverciano Corso Allenatore dei Portieri Dilettante e di settore giovanile Intraprendenza e Partecipazione. Due possibili chiavi di lettura

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA Doug Beal, direttore generale di USA Volleyball, ex-capo Allenatore della nazionale degli Stati Uniti Prima di provare ad analizzare i sistemi, la teoria, la tattica

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Autore: Caner Açikada. Hacettepe University School of Sport Science and Technology, Ankara, Turkey Titolo Originale: Scientific Foundations of

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

Piccoli giochi con la palla

Piccoli giochi con la palla 04 2011 Tema del mese Sommario Indicazioni per la sicurezza 2 Lista di controllo 3 Raccolta di esercizi 4 Lezioni 11 Test 17 Categorie 11-15 anni Scuola media Principianti e avanzati Livello di insegnamento:

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria)

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) SPORTIVISSIMO chi è? L Associazione Sportiva Dilettantistica SPORTIVISSIMO, è un team di insegnanti di educazione

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013

World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013 World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013 Traduzione conforme al WFDF Rules of Ultimate 2013 Versione Ufficiale in vigore dal 1 gennaio 2013 Indice delle Regole Introduzione... 1 1. Spirit

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

EA SPORTS FIFA Football - Manuale di gioco 1

EA SPORTS FIFA Football - Manuale di gioco 1 EA SPORTS FIFA Football - Manuale di gioco 1 Elenco completo dei comandi 10 Configurazione del gioco 37 Come si gioca 38 Modalità di gioco 41 PlayStation Network 45 CALCIATORE VIRTUALE 46 PERSONALIZZARE

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA 1 CONCORSI Concorso individuale LIVELLO A Categorie: ALLIEVE: un attrezzo a scelta e Corpo libero obbligatorio JUNIOR: 2 attrezzi a scelta SENIOR:

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin SUFSM 30.910.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Hockey su ghiaccio. Da qualche parte, in una pista di ghiaccio in Svizzera. UFSPO & ASEF

Hockey su ghiaccio. Da qualche parte, in una pista di ghiaccio in Svizzera. UFSPO & ASEF mobile 5 09 Hockey su ghiaccio 57 UFSPO & ASEF Virile e sottile. È questa l ambivalenza che descrive al meglio l hockey su ghiaccio. Un buon giocatore deve dar prova di presenza fisica per disfarsi dei

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Il Regolamento del Giuoco del Calcio corredato dalle Decisioni Ufficiali FIGC e dalla Guida Pratica AIA Edizione 2013 FEDERATION INTERNATIONALE DE FOOTBALL ASSOCIATION (FIFA)

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine Insegnante Chiara Zanotto Istituto Comprensivo Gianni Rodari di Rossano Veneto Anno scolastico 2014/2015 Disciplina

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

La Guardia Imperiale in Star Quest

La Guardia Imperiale in Star Quest La Guardia Imperiale in Star Quest Gli squadroni della Guardia Imperiale sono composti da 10 soldati ed hanno questa composizione: 1 Sergente armato di pistola laser e spada catena: Combattimento a distanza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli