HOSPITAL 08/11 AND COMMUNITY GUIDE FOR CARERS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HOSPITAL 08/11 AND COMMUNITY GUIDE FOR CARERS"

Transcript

1 ITALIAN 1 GUIDA AL SISTEMA OSPEDALIERO PER ACCOMPAGNATORI (A CARERS GUIDE TO THE HOSPITAL SYSTEM) Un ricovero in ospedale può avvenire in modi diversi, ad esempio passando dal pronto soccorso o a seguito di una degenza programmata. Questo articolo offre alcune importanti informazioni per gli accompagnatori (definiti carers in inglese) sul modo in cui operano gli ospedali, un aspetto che a prima vista potrebbe sembrare complesso. Per semplicità, useremo il termine paziente per indicare una persona che abbia un accompagnatore, anche se potrebbe trattarsi di un residente, di un utente o di un paziente ambulatoriale. Al pronto soccorso (ED) (In the Emergency Department - ED) Quando vi recate presso in pronto soccorso ( Emergency Department o ED in inglese) personale infermieristico di triage (triage nurse) condurrà un accertamento della persona di cui vi prendete cura e le assegnerà una categoria di triage a seconda dei suoi bisogni di carattere medico. Presso un pronto soccorso le persone che stanno più male vengono visitate per prime. Se nutrite delle apprensioni mentre siete al pronto soccorso o se vi serve un interprete, fatelo presente all infermiera o all infermiere di triage. Gli accompagnatori sono a conoscenza di preziose informazioni in merito alla persona di cui si prendono cura, ad esempio i loro precedenti medici, i farmaci che prendono, problemi comportamentali e cose che la mettono a proprio agio. È importante portare con voi tutti i farmaci che il paziente sta prendendo. Se dovete recarvi presso il pronto soccorso, fate sapere al personale infermieristico di triage che siete l accompagnatore e che il paziente presenta disturbi medici o problemi comportamentali che potrebbero causare ulteriori problemi se i tempi di attesa sono lunghi. Diritto all informazione gli accompagnatori hanno il diritto di ricevere informazioni sul paziente se quest ultimo dà il proprio consenso oppure se il suo disturbo richiede che l accompagnatore debba prendere delle decisioni in merito al benessere del paziente per conto di quest ultimo. Se nutrite delle apprensioni in merito alle cure prestate presso il pronto soccorso, parlatene al responsabile del personale infermieristico (NUM, secondo la sigla inglese). In corsia (On the ward) Se vi prendete cura di una persona ricoverata in reparto, presentatevi al personale medico e infermieristico come accompagnatore del paziente e sinceratevi che i vostri dati siano documentati nella sua cartella clinica in modo da poter essere contattati tempestivamente in caso di necessità. Vi incoraggiamo a fare domande. Non importa quanto il nostro personale possa sembrare occupato, è sempre in grado di collaborare con voi a supporto del paziente. Se vi serve un interprete, fatelo presente al personale ospedaliero. Cercate di scoprire quanto prima la durata prevista della degenza del paziente in ospedale e quale assistenza potrebbe essere necessaria dopo la dimissione (in questo caso si parla di pianificazione della dimissione ) in modo da poter iniziare a fare i vostri programmi. È importante che la pianificazione della dimissione inizi al più presto in modo che il paziente non debba rimanere in ospedale più del dovuto e che voi possiate preparare a dovere l abitazione o altro tipo di alloggio per il paziente. 08/11 1

2 ITALIAN 2 Siete pregati di comunicare al personale infermieristico se il paziente riceve già dei servizi a casa in modo che si possano prendere le misure necessarie per avvisare i servizi interessati e se ne tenga conto nella pianificazione della dimissione. SOGGETTI E RUOLI IN OSPEDALE (WHO S WHO IN THE HOSPITAL?) Vi sono varie categorie di personale clinico (operatori sanitari) che potrebbero essere coinvolte nelle cure prestate ad una persona ricoverata in ospedale (paziente ospedaliero) o trattata presso una struttura sociosanitaria (paziente ambulatoriale), tra cui personale medico (medici), infermieristico e di discipline ausiliarie quali fisioterapisti, patologi del linguaggio, assistenti sociali e dietologi. Segue una breve descrizione del ruolo di ciascuna categoria: Personale medico (Medical staff) Sono i medici ad occuparsi delle informazioni di carattere clinico riguardanti il paziente. In veste di accompagnatori, potreste parlare o meno con il medico responsabile del ricovero, tuttavia è probabile che abbiate contatti con un registrar (un medico specialista in tirocinio), un resident (un medico che lavora da più di 12 mesi in un ospedale dopo essersi laureato) e talvolta un intern (un medico che lavora da meno di 12 mesi in un ospedale dopo essersi laureato). Il registrar è a capo del team di resident e di intern e si consulta con il medico responsabile del ricovero ove necessario. È consigliabile indirizzare le vostre domande in merito ai progressi quotidiani fatti registrare dal paziente al registrar. Poiché molti dei nostri ospedali sono cliniche universitarie, al paziente potrebbe venir chiesto di acconsentire alla presenza di studenti di medicina e di discipline infermieristiche che desiderano assistere alle visite dei pazienti da parte dei medici ai fini della loro formazione. Personale infermieristico (Nursing staff) Il personale infermieristico contribuisce a soddisfare i bisogni medici e assistenziali dei pazienti. Il personale infermieristico abilitato presta terapie, farmaci e opera di vigilanza mentre Enrolled nurses (EN) o Assistants in nursing (AIN) prestano forme di assistenza quali somministrazione dei pasti o fare il bagno o la doccia ai pazienti. La Nursing Unit Manager (NUM) dirige il team infermieristico in un particolare reparto e può rispondere a domande che desiderate fare in merito al paziente. Il personale infermieristico può anche rispondere a domande, chiarire vostri quesiti oppure segnalarvi ad altro personale come quello dei servizi sanitari ausiliari. Personale dei servizi sanitari ausiliari (Allied Health staff) Assistenti sociali (Social workers) offrono preziosa assistenza e informazioni su come avvalersi di servizi di supporto o di assistenza economica dopo la dimissione. Gli ergoterapeuti (Occupational therapists) sono impegnati a migliorare le tecniche del vivere quotidiano del paziente, ad esempio per rientrare al lavoro, per seguire iniziative di riqualificazione professionale oppure per sapere scegliere ed imparare ad usare strumenti utili per le attività quotidiane. I fisioterapisti (Physiotherapists) possono accertare e trattare difficoltà del movimento. I dietologi (Dieticians) offrono consigli sui problemi legati alla dieta e all alimentazione. I patologi del linguaggio (Speech pathologists) si occupano di persone che presentano difficoltà a deglutire o a parlare. Se il personale medico/infermieristico ritiene che il paziente debba farsi visitare da uno di questi operatori sanitari, provvederà a rilasciare una apposita impegnativa (referral). 08/11 2

3 ITALIAN 3 Informazioni per accompagnatori (Information for Carers) Se la persona di cui vi prendete cura si trova in ospedale, usate questo elenco di verifica per richiedere le informazioni di cui avete bisogno: Qual è la diagnosi, le terapie o la probabile prognosi della malattia del paziente? Quali farmaci deve prendere? Sono previsti appuntamenti per visite di controllo? Quali terapie continuative servono? Chi si occuperà dell assistenza e delle terapie continuative? Qual è la data prevista per la dimissione dall ospedale e sarà messo a disposizione un mezzo di trasporto? Servono modifiche all abitazione e ausili vari? Quali servizi di supporto sono disponibili in seno alla comunità? A chi devo rivolgermi per consigli e supporto dopo la dimissione dall ospedale? Se vi serve un interprete, fatelo presente al personale ospedaliero Se la persona di cui vi prendete cura deve essere ricoverata in ospedale, siete in possesso delle seguenti informazioni per aiutare il personale sanitario?: Anamnesi (precedenti clinici) Elenco aggiornato dei farmaci Risultati di test recenti quali radiografie, TAC, ecc. Tessera sanitaria/del Medicare e/o Particolari dell assicurazione medica privata Privacy Ai sensi della Privacy Act, di norma la persona di cui vi prendete cura deve dare il proprio consenso perché il personale sanitario possa parlare con voi dei suoi disturbi e delle relative terapie. È importante che il servizio sanitario o ospedaliero abbia nel fascicolo del paziente i corretti particolari della persona da contattare. Si possono evitare incomprensioni se una determinata persona, ad esempio l accompagnatore, viene designata quale soggetto da contattare. Questi potrà poi trasmettere le informazioni ai familiari a seconda del caso. 08/11 3

4 08/11 ITALIAN 4 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALIERI E SOCIOSANITARI PER ACCOMPAGNATORI DI DIVERSA ESTRAZIONE CULTURALE E LINGUISTICA (CALD) (HOSPITAL AND COMMUNITY GUIDE FOR CULTURALLY & LINGUISTICALLY DIVERSE (CALD) CARERS) INFORMAZIONI PER ACCOMPAGNATORI DI DIVERSA ESTRAZIONE CULTURALE E LINGUISTICA CHE ABITANO NEL TERRITORIO DI COMPETENZA DELL ILLAWARRA SHOALHAVEN LOCAL HOSPITAL (INFORMATION FOR CALD CARERS LIVING IN THE ILLAWARRA SHOALHAVEN LOCAL HOSPITAL DISTRICT) Vi prendete cura di un adulto o di un minore affetto da malattia cronica, disabilità, disturbi a carico della salute mentale o in delicate condizioni di salute a causa dell età? Siete un familiare, un partner, un amico o un vicino di casa che offre tale cura? Se avete risposto SÌ a tali domande allora siete un accompagnatore, definito in inglese CARER. DI QUALE ASSISTENZA POTETE AVVALERVI? (WHAT HELP IS AVAILABLE FOR YOU?) IN OSPEDALE (IN THE HOSPITAL): Per supporto e informazioni se siete appena diventati accompagnatori o siete già accompagnatori e la persona di cui vi prendete cura è ricoverata in ospedale, chiedete di parlare con l assistente sociale (Social Worker ) o con il capoinfermiere o con la capoinfermiera (Senior Nursing Staff). Se vi serve un interprete, fatelo presente al personale sanitario in modo che ve lo possa prenotare. Potete contattare il servizio interpreti direttamente ma è meglio che chiediate al personale sanitario di farlo perché a questo verrà data priorità. Il servizio interpreti sanitari, cioè l Health Care Interpreter Service, si può contattare al numero nell Illawarra o al numero nello Shoalhaven. SUL TERRITORIO (IN THE COMMUNITY): Se vi serve assistenza linguistica per contattare i seguenti servizi, chiamate il Servizio traduzioni e interpreti (TIS) al numero verde Per informazioni sui servizi intesi ad aiutarvi a prendervi cura di una persona a domicilio comprese informazioni sull assistenza sostitutiva (respite care) e sul supporto per accompagnatori (carer support) telefonate all Illawarra Commonwealth Carelink & Respite Centre al numero Per supporto se vi prendete cura un minore affetto da disabilità, telefonate The Disability Trust al numero o all Ageing Disability & Homecare (ADHC) al numero o Per informazioni sul servizio di patrocinio (advocacy service) nel NSW previsto specificamente per le persone diversamente abili di diversa estrazione culturale e linguistica (CALD) contattate il Multicultural Disability Advocacy Association of NSW (MDAA) al numero verde Per informazioni e consigli su bambini di età compresa tra 0 e 6 anni affetti da disturbi dello sviluppo e da disabilità, contattate la Parenting Line al numero /11 4

5 08/11 ITALIAN 5 Per tutta una serie si servizi sociosanitari quali servizi per minori e familiari, team di accertamento ai fini dell assistenza geriatrica, servizi infermieristici sociosanitari e servizi di counselling, telefonate all Illawarra Shoalhaven Local Health District Access and Referral Service al numero Per informazioni sul supporto emotivo a favore degli accompagnatori, telefonate alla Carers NSW Carers Line al numero verde Per informazioni sui servizi locali tra cui gruppi di accompagnatori, centri di attività per anziani e persone affette da demenza, servizi di supporto emotivo e di patrocinio, contattate i seguenti enti che saranno in grado di fornirvi le informazioni del caso: Illawarra Commonwealth Carelink & Respite Centre Multicultural Health Service Multicultural Communities Council Illawarra o Cringila Co-operative ITSOWEL (Assistenza sociale per italiani) Per informazioni su comunità di recente arrivo, rifugiati e bambini diversamente abili, contattate l Illawarra Multicultural Services (IMS) al numero Per informazioni di natura finanziaria, tra cui il sussidio per accompagnatori (Carers Payment) e l indennità per accompagnatori (Carers Allowance) telefonate al Centrelink al numero o alla Multilingual Line al numero Per informazioni sulla demenza, telefonate alla National Dementia Helpline al numero Per informazioni sulla gestione dei comportamenti di persone affette da demenza, telefonate ai NSW Dementia Behaviour Management Advisory Services (DBMAS) al numero , 24 ore su 24 Per informazioni, interventi clinici e servizi ambulatoriali per persone di diversa estrazione culturale e linguistica (CALD) affetti da disturbi a carico della salute mentale, contattate il Transcultural Mental Health Centre (TCMH) al numero o al numero verde Per informazioni e segnalazioni in merito a problematiche in materia di salute mentale di bambini e adolescenti, contattate il Child & Adolescent Mental Health Service al numero per la zona dell Illawarra e al numero per la zona dello Shoalhaven Per problematiche in materia di salute mentale, contattate il Care Coordination Team al numero o per la zona dell Illawarra oppure il Nowra Mental Health Service al numero per la zona dello Shoalhaven In situazioni d emergenza di natura medica o relative alla salute mentale telefonate al numero /11 5

HOSPITAL AND COMMUNITY GUIDE FOR CARERS

HOSPITAL AND COMMUNITY GUIDE FOR CARERS GUIDA AL SISTEMA OSPEDALIERO PER ACCOMPAGNATORI (A CARERS GUIDE TO THE HOSPITAL SYSTEM) Un ricovero in ospedale può avvenire in modi diversi, ad esempio passando dal pronto soccorso o a seguito di una

Dettagli

Assistenza per gli accompagnatori

Assistenza per gli accompagnatori 1 Assistenza per gli accompagnatori La presente Informativa contiene informazioni sulle forme di assistenza destinate agli accompagnatori in tutto il NSW. Enti importanti in questo settore sono: il Carers

Dettagli

Assistenza comunitaria (Community Care)

Assistenza comunitaria (Community Care) Options in Aged Care Italian Scelte nell Assistenza agli anziani Esistono molti tipi di servizi d assistenza agli anziani, ma scoprire quali scelte siano messe a disposizione vostra o di un membro della

Dettagli

Servizi per gli anziani

Servizi per gli anziani Servizi per gli anziani Servizi per gli anziani Il Merri Community Health Services offre servizi individuali e assistenza comunitaria coordinata con l obiettivo di rispondere ai bisogni quotidiani degli

Dettagli

Italian. Rights and Responsibilities. Una guida per pazienti, badanti e famiglie

Italian. Rights and Responsibilities. Una guida per pazienti, badanti e famiglie Italian Rights and Responsibilities Una guida per pazienti, badanti e famiglie Contenuto L assistenza sanitaria i tuoi diritti e doveri...3 Accesso Hai il diritto di avvalerti dell assistenza sanitaria...3

Dettagli

Servizi per persone con disabilità

Servizi per persone con disabilità Servizi per persone con disabilità Servizi per persone con disabilità Il Merri Community Health Services mira a promuovere l inclusione e la partecipazione nella comunità di persone con una disabilità.

Dettagli

Assistenza presso strutture residenziali per anziani

Assistenza presso strutture residenziali per anziani 1 Assistenza presso strutture residenziali per anziani La presente Informativa spiega come organizzare assistenza presso una struttura residenziale per anziani, elenca pubblicazioni utili che trattano

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

corsi generali Istruzione per la vita:

corsi generali Istruzione per la vita: Istruzione per la vita: corsi generali 1 La presente Informativa descrive le possibilità di apprendimento messe a disposizione delle persone in età più matura da istituti didattici locali e da tutta una

Dettagli

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS)

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS) MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS) MODELLI DI ORGANIZZAZIONE Le componenti: DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA: 1. modalità di erogazione dell'assistenza (care

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Questionario per chi si prende cura di persone affette da disturbi mentali 2011-2012

Questionario per chi si prende cura di persone affette da disturbi mentali 2011-2012 Italian Questionario per chi si prende cura di persone affette da disturbi mentali 2011-2012 Se ti prendi cura di una persona affetta da disturbi mentali allora sei un cosiddetto mental health carer (accompagnatore

Dettagli

Prepariamoci, Sydney

Prepariamoci, Sydney Prepariamoci, Sydney Come prepararci per un emergenza nella City di Sydney. Informazioni essenziali per residenti, lavoratori e visitatori. 1 Formulare un piano d emergenza personale La presente guida

Dettagli

PER INIZIARE. Medicaid

PER INIZIARE. Medicaid Medicaid This is an Official U.S. Government Product PER INIZIARE Informazioni generali su Medicaid 2 INIZIAMO Medicaid (o Medical Assistance) è un programma congiunto del Governo Federale e dei diversi

Dettagli

Altri programmi Medicare Australia

Altri programmi Medicare Australia Altri programmi Piano dentistico adolescenti ( Teen Dental Plan) Che cos è il Piano dentistico adolescenti ( Teen Dental Plan)? Il Governo australiano ha introdotto il Piano dentistico adolescenti ( Teen

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

mecwacare Servizi domiciliari infermieristici e assitenziali

mecwacare Servizi domiciliari infermieristici e assitenziali Recapiti 450 Waverley Road, Malvern East VIC 3145 Chiamata gratuita 1800 163 292 www.mecwacare.org.au enquiries@mecwacare.org.au Per il servizio interpreti chiama il Ministero dell immigrazione e della

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia diritti e servizi sociali per la famiglia Cari Genitori, Questa brochure si propone di offrirvi sinteticamente informazioni utili e consigli pratici per orientarvi nel sistema dei servizi sociali e scolastici,

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

ANALISI DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE FORNITI AI PAZIENTI CON MALATTIA DI HUNTINGTON (ASADMDH)

ANALISI DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE FORNITI AI PAZIENTI CON MALATTIA DI HUNTINGTON (ASADMDH) 1 ANALISI DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE FORNITI AI PAZIENTI CON MALATTIA DI HUNTINGTON (ASADMDH) Gentile Signora/e, Gioia Jacopini*, Paola Zinzi**, Antonio Frustaci*, Dario Salmaso* *Istituto di

Dettagli

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it IL RICOVERO IN CASA DI CURA DIECI SUGGERIMENTI PER UNA MAGGIOR SICUREZZA DELLA CURA tratte ed adattate da: Guida per i cittadini è la mia salute e io ci sono e Guida per i familiari prendersi cura insieme

Dettagli

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi L Istituto Suore Cappuccine di M. Rubatto, perseguendo nel tempo il proprio carisma, ha voluto iniziare questa nuova attività sociosanitaria

Dettagli

EAST BOSTON NEIGHBORHOOD HEALTH CENTER AVVISO SULLA PRIVACY

EAST BOSTON NEIGHBORHOOD HEALTH CENTER AVVISO SULLA PRIVACY EAST BOSTON NEIGHBORHOOD HEALTH CENTER AVVISO SULLA PRIVACY Questo avviso descrive come i suoi dati medici possono essere utilizzati e divulgati, e come lei potrà accedervi. La preghiamo di leggerlo con

Dettagli

Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010. A. Zagari 1

Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010. A. Zagari 1 Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010 A. Zagari 1 Dimissione protetta Definizione È la dimissione di un utente che necessita di prestazioni sanitarie o socio-sanitarie erogabili

Dettagli

Sono i disturbi mentali parte della vostra vita?

Sono i disturbi mentali parte della vostra vita? Is mental illness a part of your life? Sono i disturbi mentali parte della vostra vita? Possiamo aiutarvi Questa è la versione in italiano. Quest opuscolo è disponibile anche in altre lingue. Interpreter

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani RUOLO E RESPONSABILITA DEGLI INFERMIERI NELL INSERIMENTO DEGLI OPERATORI DI SUPPORTO NELLE EQUIPE ASSISTENZIALI BRESCIA 7 E 8 OTTOBRE 2013 ESPERIENZA ASCSP MAGENTA SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Dettagli

I principi del Fondo del Vivere Assistito

I principi del Fondo del Vivere Assistito Italian I principi del Fondo del Vivere Assistito (The Principles of the Supported Living Fund) Dicembre 2011 Versione 1 Queste informazioni sono scritte in modo facile da capire. Si sono usate illustrazioni

Dettagli

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Nuove forme di presa in carico infermieristica per accogliere

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa National Community Education Initiative Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa Asking Questions Can Help: An aid for people seeing the palliative care team Italian

Dettagli

Reclami relativi all assistenza agli anziani DVD per gli utenti TESTO DEL VIDEO PER GLI UTENTI

Reclami relativi all assistenza agli anziani DVD per gli utenti TESTO DEL VIDEO PER GLI UTENTI Reclami relativi all assistenza agli anziani DVD per gli utenti TESTO DEL VIDEO PER GLI UTENTI C è qualcosa che mi preoccupa - Un video per le persone che usufruiscono dell assistenza agli anziani, le

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana. Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA

ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana. Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA In Italia, a differenza degli altri Paesi, il 75/60% delle cure degli anziani

Dettagli

Assistenza domiciliare e comunitaria (HACC)

Assistenza domiciliare e comunitaria (HACC) Servizi per anziani non autosufficienti, persone disabili e assistenti Assistenza domiciliare e comunitaria Italian A chi è destinata l assistenza domiciliare e comunitaria? Anziani non autosufficienti

Dettagli

Questionario conoscitivo ALSO

Questionario conoscitivo ALSO Questionario conoscitivo ALSO Nello scorso mese di giugno è stata costituita a Gravedona un organizzazione di volontariato denominata : ASSOCIAZIONE LARIANA SOSTEGNO ONCOLOGICO (ALSO) camminiamo insieme.

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

E la vostra salute Siate coinvolti

E la vostra salute Siate coinvolti E la vostra salute Siate coinvolti Il finanziamento per questo progetto e stato fornito dal Ministero della Sanita e dell Assistenza a Lungo Termine dell Ontario www.oha.com 1. Siate coinvolti nella cura

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE Ospedale di Chiavari DOVE SIAMO Presso l Ospedale di Chiavari, SECONDO, TERZO e QUARTO piano, corpo centrale. La Residenza Sanitaria Assistenziale è un presidio sanitario

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

Quali sono i servizi offerti?

Quali sono i servizi offerti? Se conoscete una persona affetta da HIV o AIDS che ha bisogno di aiuto, il Ministero della Salute dello Stato di New York ha erogato degli appositi programmi di assistenza per pazienti non assicurati colpiti

Dettagli

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY GINECOLOGIA Guida al DAY SURGERY Gentile utente, questa guida contiene le informazioni utili per accedere al Day Surgery. Le indicazioni che troverà nella guida la faciliteranno nel percorso pre e post

Dettagli

CARTA DI ACCOGLIENZA

CARTA DI ACCOGLIENZA CARTA DI ACCOGLIENZA La ASP 7 porge il benvenuto e desidera offrire alcune informazioni utili per facilitare l accoglienza ed il sereno soggiorno dei suoi ospiti. L organizzazione di tutti i servizi offerti

Dettagli

Servizio di bibliotecario a domicilio

Servizio di bibliotecario a domicilio Italian Servizio di bibliotecario a domicilio La Biblioteca provvede un servizio bibliotecario a domicilio per quelle persone che sono relegate in casa e non possono visitare la biblioteca a causa di malattia

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Associazione Pediatrica in Rete IL TUO PEDIATRA.NET Carta dei servizi

Associazione Pediatrica in Rete IL TUO PEDIATRA.NET Carta dei servizi Associazione Pediatrica in Rete IL TUO PEDIATRA.NET Carta dei servizi Cari genitori, Secondo quanto previsto dall Accordo Collettivo Nazionale per la Pediatria di Libera Scelta, i pediatri dott.ssa Isetta

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 Pag. 1 / 11 Carta Serv. CSC 05 REV 0 del 26/11/2015 CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 Pag. 2 / 11 Carta Serv. CSC 05 REV 0 del 26/11/2015 CHI SIAMO La Cooperativa AMP Paxme Domiciliare

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012

Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012 Pagina 1 di 6 Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012 Il presente documento è inteso a suggerire una allocazione ottimale dei pazienti che non

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

testamenti, procure, tutela e testamento biologico

testamenti, procure, tutela e testamento biologico 1 Pianificare il futuro: testamenti, procure, tutela e testamento biologico La presente Informativa illustra varie opzioni da considerare subito per proteggere i vostri interessi futuri nell eventualità

Dettagli

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Gentile Signora, gentile Signore, La nostra Azienda sta conducendo un indagine tra i pazienti ricoverati per valutare la qualità dei

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita:

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita: VI Congresso Nazionale AICM: Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cura. Percorso della paziente affetta da cancro della mammella :esperienza lombarda M. Gjeloshi Riccione,25-26

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

ASSICURAZIONI SEZIONE ASSISTENZA SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA BASE PER IL NUCLEO FAMILIARE SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA PLUS

ASSICURAZIONI SEZIONE ASSISTENZA SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA BASE PER IL NUCLEO FAMILIARE SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA PLUS 1036/ASS ASSICURAZIONI SEZIONE ASSISTENZA SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA BASE PER IL NUCLEO FAMILIARE SERVIZI PER LA SALUTE: GARANZIA PLUS EDIZIONE 01/05/2004 INDICE Servizi per la salute: garanzia base

Dettagli

Sai cosa fa l AIL per l Unità Operativa di Ematologia e Immunologia Clinica?

Sai cosa fa l AIL per l Unità Operativa di Ematologia e Immunologia Clinica? L A.I.L. - Sezione di Padova ONLUS e l U.O. di Ematologia e Immunologia Clinica di Padova INSIEME per la VITA Sai cosa fa l AIL per l Unità Operativa di Ematologia e Immunologia Clinica? Passato, presente,

Dettagli

Lungodegenza Castel San Pietro 1 piano Otorinolaringoiatria. Lungodegenza post-acuti Castel San Pietro 4 piano Chirurgia

Lungodegenza Castel San Pietro 1 piano Otorinolaringoiatria. Lungodegenza post-acuti Castel San Pietro 4 piano Chirurgia Il questionario serve a raccogliere il giudizio dei cittadini che hanno ricevuto cure per sé o per i propri familiari negli ospedali della Ausl di Imola. Lo scopo è individuare quali aspetti del servizio

Dettagli

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio.

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani,

Dettagli

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Capo I Articolo 2 L'assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si

Dettagli

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE TRA SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E ABITATIVE COMUNITA DELLA VAL DI NON AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DISTRETTO SANITARIO OVEST STRUTTURA OSPEDALIERA CONTESTO

Dettagli

Genera Soc. Coop. Soc. Onlus. Centro Diurno Integrato SDB REGOLAMENTO INTERNO

Genera Soc. Coop. Soc. Onlus. Centro Diurno Integrato SDB REGOLAMENTO INTERNO REGOLAMENTO INTERNO Centro Diurno Integrato SDB Edizione Novembre 2015 1 Premessa Il di Via Bicetti de Buttinoni 15 a Milano è una struttura sociosanitaria semiresidenziale che accoglie persone affette

Dettagli

La RSA come modello di cura intermedia

La RSA come modello di cura intermedia Un modello di governance sociosanitaria nel territorio: il punto unico di accesso e la presa in carico della persona La RSA come modello di cura intermedia Relatore: Maria Assunta Pintus Direttore RSA

Dettagli

C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano.

C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano. CENTRO DIURNO INTEGRATO T GRUPPO P SEGESTA E S SACCARDO C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano. Il Centro Diurno Integrato Alzheimer (C.D.I.)

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

Catalogo ECM. Attività formative e servizi

Catalogo ECM. Attività formative e servizi Catalogo ECM Attività formative e servizi Il sistema di Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) nasce con lo scopo di mantenere elevate le competenze dei professionisti della Sanità che rappresentano

Dettagli

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI La conoscenza di quelli che sono i diritti di chi è affetto da una disabilità, permette ai familiari di compiere i giusti passi per agevolare il reinserimento

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria FWA ASSISTENZA A DOMICILIO. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria FWA ASSISTENZA A DOMICILIO. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO servizi d integrazione sanitaria FWA ASSISTENZA A DOMICILIO Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto FWA ASSISTENZA A DOMICILIO FORMA DI ASSISTENZA BASE Contributo associativo

Dettagli

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO (FSE)

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO (FSE) Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA Lorenza Zullo Napoli 25 maggio 2013 Qual è il soggetto d interesse del case management? Il beneficiario

Dettagli

Riepilogo indennizzi. Una semplice tavola per aiutarvi a scegliere il tetto di copertura adatto alle vostre esigenze. Piano Sanitario Internazionale

Riepilogo indennizzi. Una semplice tavola per aiutarvi a scegliere il tetto di copertura adatto alle vostre esigenze. Piano Sanitario Internazionale Piano Sanitario Internazionale Riepilogo indennizzi Una semplice tavola per aiutarvi a scegliere il tetto di copertura adatto alle vostre esigenze healthcare Scegliete il tetto di copertura più adatto

Dettagli

L infermiere casemanager

L infermiere casemanager L infermiere casemanager Valentina Sangiorgi U.C.S.C. di Roma Policlinico Universitario A.Gemelli Firenze 29-11/1-12-2007 La riorganizzazione delle cure primarie e l integrazione del sistema L aumento

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/6 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base Prof. A. Mistretta Il medico di medicina generale (MMG) Garantisce l assistenza sanitaria Si assicura di promuovere e salvaguardare la salute in un rapporto

Dettagli

Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia. Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3

Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia. Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3 Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3 Continuità Ospedale -Territorio in Pronto Soccorso Obiettivo

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A2

Università per Stranieri di Siena Livello A2 Unità 14 La Carta sanitaria elettronica In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sulla Carta sanitaria elettronica e sul Fascicolo sanitario elettronico parole relative alle

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA SOCIO SANITARIO

Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA SOCIO SANITARIO Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA L OPERATORE SOCIO SANITARIO Per informazioni : Centro formazione sanitaria Corsi per Operatori Socio - Sanitari Via San Bortolo 85

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CONSORZIO ALLEANZA SOCIALE PROTAGONISTA in sigla A.S.P. Anno 2015

CARTA DEI SERVIZI CONSORZIO ALLEANZA SOCIALE PROTAGONISTA in sigla A.S.P. Anno 2015 Pag. 1 / 8 Carta Serv. CSC 02 REV 0 del 26/11/2015 CARTA DEI SERVIZI CONSORZIO ALLEANZA SOCIALE PROTAGONISTA in sigla A.S.P. Anno 2015 Pag. 2 / 8 Carta Serv. CSC 02 REV 0 del 26/11/2015 Chi siamo Il Consorzio

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Guida al Piano sanitario Assistenza Ospedaliera e Domiciliare

Guida al Piano sanitario Assistenza Ospedaliera e Domiciliare Guida al Piano sanitario Assistenza Ospedaliera e Domiciliare Edizione 01/01/2016 ai SOCI di MUTUA SALUTE Edizione 01/01/2016 Sede Operativa - Via Spalato, 62/A 10141 Torino tel. 011 3822729 fax 011 3824670

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

DGR 3383 DEL 10/04/2015 CURE INTERMEDIE RESIDENZIALI UNITA D OFFERTA SOCIO SANITARIA

DGR 3383 DEL 10/04/2015 CURE INTERMEDIE RESIDENZIALI UNITA D OFFERTA SOCIO SANITARIA RESIDENZA REZZATO via Sberna, 4/6 25086 Loc. Virle Treponti - Rezzato BS tel. 030.25971 fax 030.2791112 DGR 3383 DEL 10/04/2015 CURE INTERMEDIE RESIDENZIALI UNITA D OFFERTA SOCIO SANITARIA La definizione

Dettagli