Avv. Claudio Ghia. Il caso PARMALAT è esploso con una gravità di conseguenze sul piano nazionale e internazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Avv. Claudio Ghia. Il caso PARMALAT è esploso con una gravità di conseguenze sul piano nazionale e internazionale"

Transcript

1 Avv. Lucio Ghia Avv. Daniela Ciardo Dott. Francesco Novarina Avv. Enrica Maria Ghia Avv. Roberto Paviotti Dott. Nicola Di Giacomo Avv. Tiziano Buzzolani Avv. Livio Lamberti Bocconi Dott.ssa Gioia Padoan Avv. Carlo Staccioli Dott. Alessandro Giorgetta Avv. Antonio Di Iulio Dott. Ciro Alessio Mauro Avv. Giambattista Petrella Dott.ssa Alessandra Cassone Avv. Claudio Ghia Dott.ssa Valeria Marinzuli Avv. Antonio Labate Dott. Antonio Nicoletti Dott.ssa Paola Branciforte Il caso PARMALAT è esploso con una gravità di conseguenze sul piano nazionale e internazionale in precedenza mai registrata in Italia. E in gioco la credibilità del nostro sistema legale, finanziario, la credibilità dei nostri controlli interni alle singole società, e di quelli istituzionali. La stampa estera ha puntualmente tacciato di inaffidabilità il sistema Italia, ci ha messo alla gogna internazionale, i prestiti internazionali rischiano di verificare un innalzamento dei tassi, il risparmiatore è confuso e fugge dagli investimenti obbligazionari. La risposta del sistema Italia è, per il momento affidata alle indagini penali e sui giudici che stanno lavorando alla ricostruzione di questo immane disastro economico si concentrano le speranze dei creditori di poter essere almeno in parte soddisfatti. Dal lato strettamente produttivo l immediato intervento di un nuovo imprenditore, non proprietario ma esperto in soluzioni di crisi di impresa, ha registrato risultati incoraggianti. La produzione non ha subito arresti, il mercato dei consumatori ha reagito bene e non ha manifestato dubbi sulla bontà del prodotto che continua ad essere oggetto di consumi in crescita. Naturalmente il valore borsistico delle azioni Parmalat è crollato bruciando migliaia e migliaia di miliardi investiti. E un quadro disastroso quasi paragonabile a scenari bellici, se si pensa agli effetti di bombardamenti ed alle necessità di ricostruzione. Talune fonti autorevoli sottolineano con sempre maggiore insistenza, la necessità di riscrivere le regole, di avere nuove autorità, o comunque nuovi soggetti che muniti di più incisivi poteri ispettivi e punitivi, siano depositari di controlli tali da dare nuova fiducia ai mercati, oggi scossi profondamente e refrattari rispetto a possibilità d investimenti finanziari,, pur 1

2 necessari allo sviluppo dell impresa. E l ora delle analisi spietate e talvolta partigiane degli abusi che l attuale sistema normativo e di controlli consente; è sotto esame la verifica dei limiti della finanza d impresa intesa come mezzo di sviluppo dell industria e non come suo acceleratore distruttivo. I problemi sono molteplici e non possiamo in queste colonne pretendere di affrontarli tutti, è opportuno però soffermarci sull attuale esistenza, contenuto e portata di regole idonee a garantire la corretta gestione delle imprese, l eliminazione e la sanzione degli abusi. Luigi Einaudi soleva ricordare che le norme necessarie alla corretta gestione delle società sono quelle che si trovano nel codice civile. E vero che da allora, molta acqua è passata sotto i ponti dell economia e della finanza, ma ritengo che le regole vi siano e che possano essere tutt ora considerate valide, efficaci ed efficienti se i protagonisti e come vedremo sono numerosi, le rispettano. Le finalità dei controlli e delle loro regole sono duplici; di carattere interno, o di carattere macroeconomico ed istituzionale dirette ad assicurare la stabilità del sistema bancario, economico, d impresa attraverso i controlli esterni ed istituzionali, demandati a Banca d Italia, alla Consob e per quanto di più stretta competenza all Isvap per le assicurazioni anche finanziarie, all Ufficio Italiano dei Cambi ed alle altre autorità indipendenti. Ovvero controlli interni, affidati ad espressioni professionali designate dall assemblea dei soci e quindi dalla maggioranza del capitale di rischio impegnato nella realizzazione dell oggetto societario. Nell attuale regolamentazione dei rapporti di governance chi più investe più si accolla, infatti, il rischio d impresa, e quindi comanda, ovvero assume le responsabilità decisionali dell impresa. E questo il primo paradigma sul quale dobbiamo riflettere perché è proprio questo primo anello che ha dimostrato una straordinaria debolezza nella vicenda PARMALAT e nelle altre vicende consimili. Se l espressione di controllo, manifestazione della maggioranza, non è dotata della necessaria autonomia e indipendenza ed è asservita alla volontà della maggioranza del capitale ovvero in termini di governo, è appiattita sulla volontà dei consiglieri di amministrazione, è evidente che non vi sarà controllo, o nella migliore delle ipotesi 2

3 esso risulterà addomesticato; non risponderà più a quelle finalità che la legge ha voluto riconoscere alla funzione dei sindaci e esplicitamente riconosciute dagli art e seg. del Codice Civile. Basta scorrere questi articoli per rendersi conto che i sindaci hanno poteri particolarmente incisivi che vanno dalla possibilità di esaminare tutte le scritture contabili della società e la documentazione relativa alle singole operazioni, in qualsiasi momento, all obbligo di verificare almeno trimestralmente la consistenza di cassa ed in particolare l esistenza dei valori e dei titoli di proprietà sociale o ricevuti dalla società in pegno. Devono inoltre effettuare accertamenti sui crediti ritenuti inesigibili o di dubbia esigibilità. Importanti poteri d ispezione, quindi, ai quali si accompagnano precise responsabilità di carattere patrimoniale (art c.c.) e personale, per l omessa vigilanza. E evidente che se questo primo importantissimo anello di garanzia di buona gestione e di corretta amministrazione della società è inesistente, tutto il castello che ne consegue, sarà caratterizzato da instabilità, precarietà ed inaffidabilità. Il Collegio sindacale della PARMALAT aveva quindi poteri ed obblighi specifici per accertare, per esempio, l effettiva esistenza di importanti depositi presso banche estere, per ricordare i quasi 4 miliardi di Euro scomparsi o mai esistiti presso le casse della Bank of America, ma anche per controllare la compatibilità di un indebitamento assolutamente sproporzionato rispetto alla natura povera della produzione PARMALAT, che consente margini di utile basso, gli economisti parlano di un 4% circa del fatturato, dal quale non poteva attendersi il ripianamento dei debiti obbligazionari, ma una loro crescente rincorsa. I poteri ispettivi, di controllo e di intervento previsti dalla legge, vi sono eccome, e sono tali da funzionare per la maggior parte dei casi in modo corretto ed efficace, basta pensare alle volte in cui il Tribunale è chiamato ad intervenire su richiesta dei sindaci per far luce su determinate operazioni poste in essere dagli amministratori. Il disfavore generalizzato di chi considera i sindaci in una permanente situazione di conflitto d interessi, per essere costoro i controllori di coloro dai quali vengono nominati, ovvero i controllati, non appare nei fatti giustificato. La rottura di questo 3

4 cordone ombelicale fonda sulle caratteristiche etiche e professionali essenziali nei sindaci come in tutti coloro che vedono nella fedeltà al ruolo imposto loro dalla legge, l unica possibilità concreta di realizzare l interesse superiore dell impresa, che può anche non coincidere con quello contingente dell imprenditore. Se quindi abuso, dolo e conflitto di interessi connotano questa prima ed essenziale forma di controllo, non per questo la legge può ritenersi carente, risultando viziati i comportamenti umani. Ma per porvi rimedio la norma prevede già ulteriori controlli. Per quanto attiene alle società di revisione alle quali, come nel caso PARMALAT, viene demandata l analisi dei bilanci e delle società quotate in borsa e la certificazione degli stessi vanno svolte analoghe considerazioni. Infatti se questi ulteriori custodi della regolarità e della correttezza societaria non sono dotati di sufficiente indipendenza; se sono le stesse società di revisione per anni a certificare i bilanci di quella società, se appaiono intimamente legate a quel determinato cliente, la cui importanza in termini economici è fondamentale per la loro stessa sopravvivenza economica, anche questo secondo livello di controlli si rivelerà carente ed inadeguato. Si vuol dire cioè che di fronte all emersione di simili abnormità, quando la colpa professionale diviene dolo, le misure di prevenzione codicistiche non appaiono, da sole, più sufficienti. La patologia va quindi, studiata per enucleare interventi più incisivi e di carattere più istituzionale. Il dibattito sull opportunità di creare un Autority, modellata sull esperienza americana o inglese, sostitutiva della CONSOB, con maggiori funzioni e poteri è senz altro opportuno, ma presuppone comunque che i primi due anelli del sistema dei controlli interni delle società industriali e commerciali, funzionino correttamente. Vediamo quindi come migliorare la loro tenuta, naturalmente in contesti produttivi, la cui importanza rappresenti una significativa realtà imprenditoriale ed economica per il Paese. Delimitata la soglia di tali interventi correttivi, si potrebbe introdurre la necessità di albi speciali, tenuti dalla CONSOB, nuova o vecchia che sia, nei quali i requisiti di professionalità, ma soprattutto morali degli iscritti, siano oggetto di attente analisi, e di severi controlli. 4

5 La nomina dei sindaci operata dall assemblea dovrebbe riguardare professionisti considerati anche eticamente idonei dall Autority. La rotazione in tali incarichi potrebbe costituire un ulteriore utile paletto, è evidente che la consuetudine spesso è più vicina alla dipendenza che all autonomia critica e vigile che deve animare la funzione sindacale. Ancor più tali osservazioni valgono per le società di revisione e per i consulenti della società, che non solo non devono essere monoclienti o abitudinari, ma devono garantire all esterno autonomia critica e libertà di valutazione. Ciò esclude non solo conflitti d interesse per collegamenti professionali consolidati con i soci di maggioranza della società, o con le sue espressioni di governance o di controllo interno, ma anche con le banche che assistono quella determinata società specie se importanti creditrici. Anche le società di rating che determinano pubblicamente il grado di affidabilità che il mercato del risparmio potrà riconoscere alle obbligazioni emesse dalla società esaminata, dovrebbero fornire maggiori garanzie di attendibilità e di profondità di analisi. E giunto, infatti, il momento di avere a disposizione nuovi indicatori della salute economica delle imprese, specie in tempi di internazionalizzazione dei mercati e dei prodotti finanziari e quindi anche dei debiti. Così come negli anni 70 per misurare il volume del debito consentito dal sistema bancario alle singole imprese sul territorio nazionale, la Banca d Italia concepì la Centrale dei rischi, oggi appare necessario concepire nuovi strumenti più adeguati ai tempi. Infatti la centrale dei rischi, in questi anni è stata senz altro di grande aiuto per monitorare eventuali anomalie nell utilizzazione del credito concesso alla singola impresa e per decidere, da parte della Banca, su ulteriori richieste di affidamento o sulla riduzione del credito concesso; ma tali analisi sono limitate al mercato interno, ovvero ai rapporti di credito e di debito in essere sul territorio nazionale, il che rappresenta solo in una parte, peraltro non sempre preponderante, come il caso PARMALAT ha dimostrato, il terreno di raccolta dei mezzi finanziari da parte delle imprese. E evidente che i protagonisti 5

6 dell indebitamento estero, oggi privo di controlli accentrati, neppure in sede comunitaria, ancorchè tanto rilevante per le conseguenze delle ricadute negative sul sistema-paese, non debbano essere lasciati così sciolti, ovvero liberi di emettere carta obbligazionaria che banche estere sensibili alle elevate commissioni che percepiscono, collocano tra i propri ignari ed incauti clienti. E questo un primo, urgente compito che viene affidato, alla banca Centrale Europea affinchè assicuri all Europa, quanto la Banca d Italia, con la centrale dei rischi, ha opportunatamente realizzato trent anni fa in Italia. 6

BILANCIO. Verifiche contabili e sistema di controllo interno. Check list e fac-simili. CONTABILITÀ. di Antonio Cavaliere

BILANCIO. Verifiche contabili e sistema di controllo interno. Check list e fac-simili. CONTABILITÀ. di Antonio Cavaliere VERIFICHE PERIODICHE per il revisore legale e per i sindaci Verifiche contabili e sistema di controllo interno. Check list e fac-simili. di Antonio Cavaliere Con le modifiche introdotte al Codice civile

Dettagli

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 163 3) se non siano vincolati a proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione e non forniscano consulenze fondate

Dettagli

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale.

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale. P R E S E N TA Z I O N E AUDITA è una Società di Revisione e Organizzazione Contabile nata nel 2011 su iniziativa di sei professionisti del settore. Opera su tutto il territorio nazionale con la priorità

Dettagli

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, 101 Raccomandazione della Commissione 15 febbraio 2005, n. 2005/162/Ce, sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza delle società quotate e sui comitati

Dettagli

CORSO. Il diritto societario per le società di capitali non quotate: criticità, opportunità ed aspetti operativi. Formazione Professionale Continua

CORSO. Il diritto societario per le società di capitali non quotate: criticità, opportunità ed aspetti operativi. Formazione Professionale Continua Formazione Professionale Continua CORSO Circ. 24/144 Il diritto societario per le società di capitali non quotate: criticità, opportunità ed aspetti operativi Sala Convegni Corso Europa, 11-2 piano data

Dettagli

I controlli legali nelle società di capitali alla luce del D.L. semplificazioni : pasticcio all italiana di Fabrizio Bava Università di Torino

I controlli legali nelle società di capitali alla luce del D.L. semplificazioni : pasticcio all italiana di Fabrizio Bava Università di Torino I controlli legali nelle società di capitali alla luce del D.L. semplificazioni : pasticcio all italiana di Fabrizio Bava Università di Torino La disciplina dei controlli legali, in particolare per quanto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell articolo 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni, concernente la sottoscrizione di un accordo

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 09 Il fallimento del fondo LTCM - Long Term Capital Management (cap 2) I fallimenti societari (cap 2) Il fallimento di LTCM - 1 Il fondo di investimento

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONE DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONE DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Risanamento S.p.A. Sede legale Milano, Via Romualdo Bonfadini n. 148 Capitale sociale Euro 105.159.433,15 Codice fiscale e numero di iscrizione nel Registro delle Imprese di Milano 01916341207 Partita

Dettagli

NOTE SUL DECRETO DI ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA REVISIONE

NOTE SUL DECRETO DI ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA REVISIONE NOTE SUL DECRETO DI ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA REVISIONE febbraio 2010 AMBITO DI INTERVENTO DEL DECRETO DI ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA REVISIONE Il decreto di attuazione della direttiva revisione (2006/43/CE)

Dettagli

PREVIGEN ASSISTENZA CASSA DI ASSISTENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

PREVIGEN ASSISTENZA CASSA DI ASSISTENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE PREVIGEN ASSISTENZA CASSA DI ASSISTENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2010 PreviGen Assistenza 31021 Mogliano Veneto (TV), Via Marocchesa

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI E LE SPA

GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI E LE SPA GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI E LE SPA L art 2325 bis c.c. chiarisce l ambito di applicazione delle norme codicistiche in tema di s.p.a. asserendo, al secondo comma, che le norme del Titolo V

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

business consultants financial & tax advisors

business consultants financial & tax advisors business consultants financial & tax advisors LA NOSTRA MISSION Da tempo, accanto alle tradizionali competenze nelle materie fiscali e contabili, sta crescendo il nostro impegno nel fornire assistenza

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Le verifiche periodiche del revisore legale trovano una loro disciplina

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LA MALFA, TABACCI, PATRIA, LEO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LA MALFA, TABACCI, PATRIA, LEO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4586 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LA MALFA, TABACCI, PATRIA, LEO Modifiche al testo unico delle leggi in materia bancaria e

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. PANORAMICA SUGLI ARTICOLI DEL C.C... 2 3. IL CONTO CORRENTE CONDOMINIALE... 3 4. IL RENDICONTO CONDOMINIALE...

1. PREMESSA... 2 2. PANORAMICA SUGLI ARTICOLI DEL C.C... 2 3. IL CONTO CORRENTE CONDOMINIALE... 3 4. IL RENDICONTO CONDOMINIALE... 1. PREMESSA... 2 2. PANORAMICA SUGLI ARTICOLI DEL C.C... 2 3. IL CONTO CORRENTE CONDOMINIALE... 3 4. IL RENDICONTO CONDOMINIALE... 3 Il Registro di contabilità... 4 Il Riepilogo Finanziario... 4 La nota

Dettagli

Accertamento immobiliare: la rilevanza del fattore prezzo

Accertamento immobiliare: la rilevanza del fattore prezzo Approfondimenti e procedure Accertamento immobiliare: la rilevanza del fattore prezzo di Carlo Motta* e Luca Bilancini** La giurisprudenza più recente ha portato alla luce, ancora una volta, la problematica

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

Adempimenti societari. Spa o Srl? Un aiuto per scegliere. di Massimiliano Di Pace

Adempimenti societari. Spa o Srl? Un aiuto per scegliere. di Massimiliano Di Pace Adempimenti societari Informativa Spa o Srl? Un aiuto per scegliere di Massimiliano Di Pace Quale forma è preferibile per la costituzione di una società tra la Spa e la Srl? Questo contributo si propone

Dettagli

Corso di perfezionamento per Giuristi d impresa III edizione 26 settembre 2014 13 marzo 2015 PROGRAMMA

Corso di perfezionamento per Giuristi d impresa III edizione 26 settembre 2014 13 marzo 2015 PROGRAMMA Corso di perfezionamento per Giuristi d impresa III edizione 26 settembre 2014 13 marzo 2015 PROGRAMMA Lezione introduttiva (1 modulo): Il giurista d impresa oggi (Pier Giuseppe Biandrino - Edison) I.

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto in conformità all allegato 4 del Regolamento approvato con deliberazione Consob n. 17221 del 12 marzo 2010,

Dettagli

LOMBARDIA/16/2009/PAR

LOMBARDIA/16/2009/PAR LOMBARDIA/16/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Antonio Caruso dott. Giorgio

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE N.

SCHEDA DI ADESIONE N. SCHEDA DI ADESIONE N. Autostrade per l Italia S.p.A. OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE DELLE OBBLIGAZIONI DEL PRESTITO DENOMINATO Autostrade TF 2015-2023 (l Offerta e le Obbligazioni) Codice ISIN: IT0005108490

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 OGGETTO: contratti di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione con prestazioni direttamente collegate a fondi di investimento o ad indici azionari o altri valori

Dettagli

Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 (art. 154 ter D.Lgs. n. 58/1998)

Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 (art. 154 ter D.Lgs. n. 58/1998) Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 (art. 154 ter D.Lgs. n. 58/1998) ROSSS Resoconto intermedio di gestione al 31.03.2009 Pagina 1 Dati sulla Società ROSSS S.p.A. Sede legale: Viale Kennedy,

Dettagli

TITOLO VI CREDITO, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI CAPITOLO I. Usi bancari

TITOLO VI CREDITO, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI CAPITOLO I. Usi bancari TITOLO VI CREDITO, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI CAPITOLO I Usi bancari 1) MODALITA CONTABILI PER IL CALCOLO E MISURA DEGLI INTERESSI I rapporti di dare e avere relativi al conto, con saldo debitore o creditore,

Dettagli

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA IL NOSTRO LAVORO SI BASA SULLA FIDUCIA DEI CLIENTI. PER QUESTO FONDAMENTALE È IL RISPETTO DELLE NORME E LA TOTALE TRASPARENZA NELLO SVOLGIMENTO DELLA NOSTRA ATTIVITÀ. CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO A OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO A OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari Piazzetta Banco di Sardegna, 1 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO A OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO A OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari Piazzetta Banco di Sardegna, 1 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

INDICE. Premessa... Notizie sugli autori... Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA

INDICE. Premessa... Notizie sugli autori... Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA INDICE Premessa... Notizie sugli autori... pag. XVII XXI Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA Capitolo I PRINCIPI «COSTITUZIONALI», POTERI PUBBLICI E FONTI NORMATIVE IN TEMA DI MERCATI FINANZIARI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB Gruppo Espresso: l assemblea approva il bilancio 2005, la distribuzione del dividendo ( 0,145, +12% rispetto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Servizio di deposito a custodia e amministrazione di titoli e strumenti finanziari

Dettagli

Bilancio e Relazioni 2010

Bilancio e Relazioni 2010 Bilancio e Relazioni 2010 Bilancio e Relazioni 2010 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Lipari Maurizio Vice Presidente Iannello Mariangela Consiglieri Benanti Giuseppe Freiherr von Freyberg-Eisenberg

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo)

CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo) CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo) 1. REATI SOCIETARI 2. REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 3. REATI SOCIETARI E FALSE COMUNICAZIONI SOCIALI 4. REATI AMBIENTALI

Dettagli

Gli Assicuratori sono molto preoccupati per il crescente impatto che la Compliance sta avendo sulla attività delle Compagnie e sui loro bilanci.

Gli Assicuratori sono molto preoccupati per il crescente impatto che la Compliance sta avendo sulla attività delle Compagnie e sui loro bilanci. NEwSLETTER Del 16 marzo 2015 IL NUOVO CORSO DELL ART. 327 CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE Gli Assicuratori sono molto preoccupati per il crescente impatto che la Compliance sta avendo sulla attività

Dettagli

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA CGIL CGIL ISRF FISAC Lab Presentazione alla stampa del: MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA Le banche al servizio del paese Conferenza Stampa 03 / 07 / 2013 - ore 12:30 Cgil Nazionale - Sala Santi, Corso d

Dettagli

RESPONSABILITA' DEGLI ORGANI SOCIALI E DEI SOGGETTI COINVOLTI NELLE RISTRUTTURAZIONI IN TEMPI DI CRISI

RESPONSABILITA' DEGLI ORGANI SOCIALI E DEI SOGGETTI COINVOLTI NELLE RISTRUTTURAZIONI IN TEMPI DI CRISI RESPONSABILITA' DEGLI ORGANI SOCIALI E DEI SOGGETTI COINVOLTI NELLE RISTRUTTURAZIONI IN TEMPI DI CRISI MARTEDI 27 NOVEMBRE 2012 PROGRAMMA Ore 14.15 Registrazione partecipanti Ore 14.30 Inizio lavori La

Dettagli

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.P.A. Sede legale: Milano, Via Bernardo Quaranta n. 40. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 19.100.

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.P.A. Sede legale: Milano, Via Bernardo Quaranta n. 40. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 19.100. GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.P.A. Sede legale: Milano, Via Bernardo Quaranta n. 40 Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 19.100.389,26 Registro delle Imprese di Milano n. 81019220029 Iscritta al

Dettagli

Le somme illegittimamente addebitate dalle banche si possono recuperare

Le somme illegittimamente addebitate dalle banche si possono recuperare Le somme illegittimamente addebitate dalle banche si possono recuperare IL NOME ANTARES TRAE ORIGINE DALLA STELLA PIÙ LUMINOSA DELLA COSTELLAZIONE DELLO SCORPIONE, PARTE DELL ASSOCIAZIONE STELLARE SCORPIUS-CENTAURUS,

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

L obiettivo in materia di ricavi per il 2014 è stato indicato in circa 93 miliardi di euro, in aumento di circa il 7% rispetto al consuntivo 2013.

L obiettivo in materia di ricavi per il 2014 è stato indicato in circa 93 miliardi di euro, in aumento di circa il 7% rispetto al consuntivo 2013. Informazioni in materia di obiettivi 2014, cash flow 2014, merito di credito, accesso alle risorse finanziarie di Chrysler Group LLC e riorganizzazione societaria richieste da Consob Con lettera del 13

Dettagli

2) I TITOLI, sebbene intestati a nome della FIDUCIARIA, sono di esclusiva proprietà del FIDUCIANTE il quale ne può sempre disporre pienamente.

2) I TITOLI, sebbene intestati a nome della FIDUCIARIA, sono di esclusiva proprietà del FIDUCIANTE il quale ne può sempre disporre pienamente. [Città, data] Spettabile FIDUCIARIA CAVOUR SRL Piazza della Libertà n. 13 00192 ROMA Rapporto fiduciario n. [ ] / 200[ ] Il sottoscritto [ ] i cui dati identificativi sono sotto riportati (d ora in avanti

Dettagli

ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE

ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE GUARDIA DI FINANZA COMANDO REGIONALE MARCHE ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE a cura del T.Col. Antonio Veneziano Comandante delle Sezioni Frodi Comunitarie ed Accertamento Danni erariali del Nucleo

Dettagli

Codice di Comportamento

Codice di Comportamento Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 3 maggio 2005 e successivamente modificato con deliberazione n. 12 del 2 marzo 2009 Indice Premessa 1 Codice Etico 2 Regolamento gare

Dettagli

POSITION PAPER 01/2013

POSITION PAPER 01/2013 Risposta alla consultazione del MEF sul Regolamento ex art. 8, comma 7, lett. d), DL 13 maggio 2011,, n. 70, convertito con legge 12 luglio 2011, n. 106 gennaio 2013 POSITION PAPER 01/2013 Premessa Il

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0193-10-2015

Informazione Regolamentata n. 0193-10-2015 Informazione Regolamentata n. 0193-10-2015 Data/Ora Ricezione 15 Maggio 2015 14:27:30 MTA Societa' : MONRIF Identificativo Informazione Regolamentata : 58492 Nome utilizzatore : MONRIFN01 - NATALI Tipologia

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

Fondo patrimoniale e organo comune di rappresentanza: elementi accessori del contratto di rete

Fondo patrimoniale e organo comune di rappresentanza: elementi accessori del contratto di rete Focus di pratica professionale di Luca Miele e Valeria Russo Fondo patrimoniale e organo comune di rappresentanza: elementi accessori del contratto di rete Il contratto di rete prevede, quali elementi

Dettagli

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi A12 407 Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Gli attori che presidiano la control governance Copyright MMXII ARACNE editrice

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG)

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano Introduzione, di Francesco Capriglione... XIII EMITTENTI 1. DETERMINAZIONE DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE LISTE PER LA NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI di Andrea Zoppini 1. Il voto

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO

RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO 61 RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO Pirelli & C. aderisce al Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana 1 sin dalla sua prima emanazione e successivamente, nel marzo 2007, ha formalizzato la

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI

Dettagli

CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ

CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ Circolare informativa per la clientela n. 23/2014 del 17 luglio 2014 CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ In questa Circolare 1. Iva 2. Altre imposte In linea generale, i crediti che trovano

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2009. ICU Istituto per la Cooperazione Universitaria - Onlus ONG

BILANCIO AL 31/12/2009. ICU Istituto per la Cooperazione Universitaria - Onlus ONG BILANCIO AL 31/12/2009 ICU Istituto per la Cooperazione Universitaria - Onlus ONG STATO PATRIMONIALE ATTIVO Al 31/12/2009 Al 31/12/2008 In Euro In Euro A) CREDITI VERSO ASSOCIATI PER VERSAMENTO QUOTE 0,00

Dettagli

L attestatore: responsabilità civile e penale

L attestatore: responsabilità civile e penale Didactica Professionisti L attestatore: responsabilità civile e penale ottobre 2012 STUDIO LEGALE TRIBUTARIO ZENATI Dott. Avv. Silvia A. Zenati Contenuti della relazione di attestazione Articolo L.F. Art.

Dettagli

LA RELAZIONE DEL PROFESSIONISTA MODALITA E TECNICHE DI REDAZIONE (art. 161, secondo comma, L.F.) Dr. Aldo Campagnola

LA RELAZIONE DEL PROFESSIONISTA MODALITA E TECNICHE DI REDAZIONE (art. 161, secondo comma, L.F.) Dr. Aldo Campagnola ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI NAPOLI COMMISSIONE DI STUDIO DI DIRITTO FALLIMENTARE SEMINARIO DI STUDI DEL 21 APRILE 2010 Il concordato preventivo ed il ruolo del professionista

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Presentazione di Moody s alle Commissioni Riunite Finanza ed Industria. del Senato della Repubblica Italiana e della Camera dei Deputati

Presentazione di Moody s alle Commissioni Riunite Finanza ed Industria. del Senato della Repubblica Italiana e della Camera dei Deputati Largo Richini 6 20122, Milan, Italy Fax: 39 02 58 215 350 Tel: 39 02 58 215 719 Presentazione di Moody s alle Commissioni Riunite Finanza ed Industria del Senato della Repubblica Italiana e della Camera

Dettagli

a) adottato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati considerati;

a) adottato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati considerati; L Organismo di vigilanza (ODV) nel sistema del d.lg. n. 231 L art. 6 del d.lg. n. 231 prevede che l ente possa essere esonerato dalla responsabilità amministrativa conseguente alla commissione dei reati

Dettagli

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI Convegno «D.lgs 231/2001» - Torino, 01 dicembre 2011 Centro Congressi Villa

Dettagli

LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020

LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020 LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020 - DOCUMENTO PROGRAMMATICO - PREMESSA 1999 2011: DAL RIORDINO AL RISANAMENTO Sono trascorsi 12 anni dal riordino del CONI operato dal decreto-melandri (d.lgs. 242/99) e 9

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE Tribunale di Roma, Sez. Fallimentare, 23 gennaio 2012, decr. così composto: TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE dott. Ciro Monsurrò dott. Giuseppe Di Salvo dott.ssa Lucia Odello Presidente

Dettagli

BancAssurance Popolari S.p.A.

BancAssurance Popolari S.p.A. BancAssurance Popolari S.p.A. Sede Legale: Via Calamandrei, 255-52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via F. De Sanctis, 11 00195 ROMA Impresa autorizzata all esercizio delle assicurazioni con provvedimento

Dettagli

26. Quale governance per le PMI? convegno. febbraio 2009. Riconosciuti 9 c.f.p. agli iscritti ODCEC e 6 c.f.p. agli Avvocati

26. Quale governance per le PMI? convegno. febbraio 2009. Riconosciuti 9 c.f.p. agli iscritti ODCEC e 6 c.f.p. agli Avvocati SAF Scuola di Alta Formazione Quale governance per le PMI? 26. febbraio ore 9.30-18.30 Unione Commercianti Sala Orlando Corso Venezia, 49 convegno Prenotazione obbligatoria al sito www.odc.mi.it Riconosciuti

Dettagli

Ciascuno dei FIDUCIANTI ha diritto di chiedere l adempimento per intero delle obbligazioni nascenti dal rapporto fiduciario e l adempimento

Ciascuno dei FIDUCIANTI ha diritto di chiedere l adempimento per intero delle obbligazioni nascenti dal rapporto fiduciario e l adempimento NORME GENERALI 1) Il FIDUCIANTE ha la possibilità di modificare in ogni momento i poteri conferiti e di revocarli, nonché ha la possibilità di impartire in ogni momento istruzioni per il relativo esercizio,

Dettagli

Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari

Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari 1. NOZIONE DI GESTIONE ACCENTRATA DI STRUMENTI FINANZIARI L istituto della gestione accentrata per la custodia e l amministrazione di strumenti

Dettagli

GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000

GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000 GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 14 NOVEMBRE 2000 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 30 settembre

Dettagli

n. 928/05 A.S. TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE UFFICIO TUTELE

n. 928/05 A.S. TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE UFFICIO TUTELE n. 928/05 A.S. TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE UFFICIO TUTELE Oggetto: Istanza di nomina di Amministratore di sostegno in favore di YY, nata a -- il -.-.1913, residente in --, istanza svolta da Xx,

Dettagli

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Dossier n. 73 Ufficio Documentazione e Studi 5 marzo 2015 NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Lo scorso 24 gennaio il Governo ha emanato il decreto-legge del 24 gennaio 2015, n. 3, recante Misure

Dettagli

Avv. Salvatore Forello Avv. Salvatore Caradonna Dott. Valerio D Antoni

Avv. Salvatore Forello Avv. Salvatore Caradonna Dott. Valerio D Antoni STUDIO LEGALE Avv. Salvatore Forello Avv. Salvatore Caradonna Dott. Valerio D Antoni Via della Libertà n.197-palermo Tel.091-305978 / Fax 091-7303171 Parere pro-veritate La questione giuridica in esame

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DEL SISTEMA FINANZIARIO. Economia degli Intermediari Finanziari

REGOLAMENTAZIONE DEL SISTEMA FINANZIARIO. Economia degli Intermediari Finanziari REGOLAMENTAZIONE DEL SISTEMA FINANZIARIO Economia degli Intermediari Finanziari MOTIVAZIONI DELLA REGOLAMENTAZIONE Il fatto che il settore finanziario è, rispetto ad altri settori, fortemente regolamentato

Dettagli

MODULO B I finanziamenti e gli investimenti aziendali

MODULO B I finanziamenti e gli investimenti aziendali MODULO B I finanziamenti e gli investimenti aziendali U.D. 2 Le forme aziendali: le società di persone Paragrafo 6 L utile d esercizio e la sua destinazione pag. 103 U.D. 3 Le società di capitali Paragrafo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DEL FINANZIAMENTO IN C/C DI CORRISPONDENZA

Dettagli

Operazioni sulle azioni

Operazioni sulle azioni Protocollo 231/ 1 di 11 Protocollo per la prevenzione del reato di cui all art. 2628 c.c. Illecite operazioni sulle azioni o quote sociali o della società controllante Situazione Revisione Vers. emissione

Dettagli

ASSISTENZA N. VERDE TELECOM 800.010.750 QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151. Novità IVA contenute nel Decreto Legge

ASSISTENZA N. VERDE TELECOM 800.010.750 QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151. Novità IVA contenute nel Decreto Legge QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151 Argomenti di oggi Fare Unico, clic per rimborsi modificare IVA gli stili e attività del testo di dello schema controllo Secondo livello Novità

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA

IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA 1 IL CONTRATTO DI RETE NORMATIVA E PRASSI Articolo 3, commi 4-ter e 4-quater D.L. 10 febbraio 2009 n. 5 (convertito

Dettagli

Conferimento e persona giuridica

Conferimento e persona giuridica conferimento atto con il quale i soci provvedono all organizzazione dei loro investimenti in modo funzionale all esercizio collettivo dell attività di impresa: vedi art. 2247 c.c. (Società) MA ANCHE conferimento

Dettagli

Verbale di adunanza del Collegio sindacale

Verbale di adunanza del Collegio sindacale Verbale di adunanza del Collegio sindacale del. * * * Il giorno.. del mese di dell anno.., alle ore, presso la sede sociale, in. (PC) via.., si è riunito il sottoscritto Collegio sindacale della Società

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La responsabilità del revisore

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La responsabilità del revisore LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La responsabilità del revisore marzo 2013 1. Norme etiche I principi di revisione internazionali prevedono che i professionisti contabili osservino le norme etiche stabilite

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA;

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; - RISPETTO DELLA DIGNITÀ DELLE PERSONE; RESPONSABILITÀ DIFFUSIONE DEL CODICE RAPPORTI CON

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2015 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2015

Dettagli

Dirigenti Industria: le novità del Ccnl

Dirigenti Industria: le novità del Ccnl Dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2018 Dirigenti Industria: le novità del Ccnl Daniele Colombo - Avvocato Revisione del trattamento economico complessivo di garanzia, rafforzamento del ruolo della contrattazione

Dettagli

NOTA DI SINTESI PROGRAMMA

NOTA DI SINTESI PROGRAMMA Società cooperativa per azioni Sede sociale: Vicenza, Via Btg. Framarin n. 18 Iscritta al n. 1515 dell Albo delle Banche e dei Gruppi Bancari, codice ABI 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare di

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE. Anno 2011. Ai sensi dell art. 54 Delibera Consob n. 11971/99 (Regolamento Emittenti)

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE. Anno 2011. Ai sensi dell art. 54 Delibera Consob n. 11971/99 (Regolamento Emittenti) DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE Anno 2011 Ai sensi dell art. 54 Delibera Consob n. 11971/99 (Regolamento Emittenti) 1 DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE Ai sensi dell art. 54 Delibera Consob n. 11971/99

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli