IL SERVIZIO SOCIALE NEL DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE DI LECCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SERVIZIO SOCIALE NEL DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE DI LECCO"

Transcript

1 IL SERVIZIO SOCIALE NEL DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE DI LECCO

2 SCALETTA: CONTESTO SOCIO-SANITARIO (Riabilitazione psicosociale) NORMATIVA DI SETTORE (Piano regionale salute mentale) FINALITA DSM - QUADRO DEI SERVIZI E MODELLO ORGANIZZATIVO AREA SOCIALE DSM SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE INTEGRAZIONE TRA SSP DSM E SSB PROTOCOLLO TERRITORIALITA Puccia Donatella

3 DEFINIZIONE O.M.S 1996 La riabilitazione psicosociale è un processo che deve facilitare agli individui che abbiano un danno, una disabilità o un handicap dovuto ad una malattia mentale, tutte le opportunità per raggiungere il proprio livello ottimale di funzionamento indipendente nella comunità. Dunque la riabilitazione psicosociale implica sia un miglioramento delle competenze individuali sia la introduzione di modificazioni ambientali, in modo da creare le condizioni per la migliore qualità possibile di vita per chiunque abbia avuto l esperienza della malattia mentale o soffra di un danno delle proprie capacità mentali tale da produrre disabilità. Puccia Donatella

4 DEFINIZIONE O.M.S 1996 SOGGETTI COINVOLTI La riabilitazione psicosociale è parte essenziale e integrale della presa in carico complessiva degli individui portatori di disabilità e coinvolge numerosi soggetti: - gli utenti e gli operatori, - le famiglie, - i datori di lavoro, - i manager, - gli amministratori dei servizi comunitari, -la comunità intera. In forza di tale complessità i modi per offrire riabilitazione psicosociale variano a seconda dei luoghi, dei contesti culturali, economici, politici, sociali e organizzativi

5 AREE DI INTERVENTO il controllo della sintomatologia (farmacologicamente e/o psicologicamente) la riduzione di eventuali danni che possano derivare da altri interventi, come una prolungata istituzionalizzazione Il miglioramento delle competenze sociali, cioè all insieme delle abilità cognitive, verbali e non verbali, che consentono di gestire adeguatamente i rapporti interpersonali

6 AREE DI INTERVENTO il sostegno delle famiglie la riduzione della discriminazione e dello stigma il sostegno sociale (risposte a bisogni primari come la casa, il lavoro, le relazioni interpersonali, lo svago) l affermarsi e il rafforzarsi del potere contrattuale degli utenti e della loro autonomia e capacità di autodifendersi e determinarsi.

7 I luoghi della riabilitazione Il servizio e le strutture intermedie Il contesto sociale: casa, lavoro e servizi sociali Terzo settore: cooperazione e associazionismo

8

9 CRITICITA DEL SISTEMA: Insufficiente differenziazione della domanda e insufficiente responsabilizzazione rispetto ai percorsi di cura per i soggetti affetti da disturbi psichici gravi Pericolo di un utilizzo delle risorse non appropriato rispetto alla complessità dei bisogni presentati dagli utenti Nei disturbi psichici gravi si interviene in modo aspecifico nelle fasi più critiche della malattia (esordio) Si opera in modo massiccio nelle fasi successive per contrastare una cronicità ormai instaurata con interventi non sempre efficaci Rispetto al trattamento dei disturbi psichici comuni (ansia, depressione) l'intervento pare poco orientato a una valutazione dei bisogni specifici, alla definizione di obiettivi del progetto terapeutico in modo condiviso con l'utente e alla collaborazione con la medicina generale Puccia Donatella

10 CRITICITA' residenzialità psichiatrica: Disomogeneità della presenza delle SR e dei posti letto nel territorio regionale Scarse dimissioni Prevalenza di posti letto ad alta assistenza Scarso collegamento tra la fase residenziale di assistenza e il progetto territoriale Puccia Donatella

11 Linee di sviluppo Sviluppo di una psichiatria di comunità Integrare diversi servizi, sanitari e sociali, pubblici, privati e non profit, e di collaborazione con la rete informale presente, in apertura con la società civile Integrazione e collegamento tra i diversi soggetti istituzionali Organismo di coordinamento per la salute mentale Superare l'organizzazione del lavoro per struttura nel DSM Sviluppo di equipe funzionali che si costituiscono in funzione di programmi di cura e di attività specifiche Differenziare i percorsi di cura

12 Investire in termini organizzativi e gestionali sui percorsi territoriali per promuovere una psichiatria di comunità che operi in un territorio funzionale ampio integrando i diversi servizi e collaborando con la rete formale e informale Differenziazione dei percorsi: Consulenza (medicina generale) e Assunzione in cura (cure specialistiche); Piano di trattamento individuale per gli utenti con disturbi psichici gravi e bisogni complessi la presa in carico: responsabilità, continuità, governo clinico del percorso, PTI; Flessibilità nei modelli organizzativi per favorire l'alleanza e la valorizzazione con soggetti non istituzionali e la rete sociale

13 Obiettivi strategici Percorsi di cura per i soggetti affetti da disturbi psichici gravi e con bisogni complessi Integrazione delle cure (presa in carico) Piano di Trattamento Individuale (PTI) Ridefinire i percorsi di cura sul territorio e i modelli clinico-organizzativi della residenzialità psichiatrica Progetto terapeutico riabilitativo per gli utenti in strutture residenziali (PTR) coerente con quanto indicato nel piano di trattamento individuale Riqualificazione delle strutture residenziali psichiatriche

14 - L'intervento precoce nelle psicosi - L'inserimento lavorativo - L'intervento nei casi di doppia diagnosi - La prevenzione dei comportamenti patologici che generano allarme sociale - L'assistenza agli utenti di origine straniera

15 - OCSM a livello di ASL con la funzione di analisi dei bisogni del territorio e programmazione dell'utilizzo delle risorse disponibili; - Centralità del Progetto terapeutico Riabilitativo (PTR) basato sui bisogni e le caratteristiche specifiche del paziente e coerenza del PTR con il Piano di trattamento Individuale (PTI) elaborato a livello territoriale; - Necessità di forme differenziate e flessibili di residenzialità in ambito sanitario e non sanitario: distinzioni fra funzioni riabilitative e assistenziali (quindi delle tipologie di SR) - Applicazione di criteri di ammissione per le SR e di protocolli relativi a ammissione, trattamento, dimissione - Definizione per le nuove ammissioni di criteri di inclusione ed esclusione e limiti di età

16 OBIETTIVO DEL PIANO: Riqualificare l'offerta Differenziare le strutture residenziali sulla base di due assi: I livelli di intervento terapeutico e riabilitativo Il grado di intensità riabilitativa offerto

17 1. Attivare una funzione di coordinamento nelle macroaree territoriali che coinvolga tutti i soggetti che concorrono alla salute mentale Organismo di coordinamento per la salute mentale 2. Riorganizzare i modelli di assistenza Ridefinire i percorsi di cura Riqualificare la residenzialità Attivare i programmi innovativi

18 OBIETTIVI: Spostare l'accento dalle strutture ai programmi di cura (durata, criteri, tipologie attività Identificazione di tre principali aree funzionali a cui ricondurre i programmi individuali di cura (PTR) che necessitano di trattamento residenziale: ) AREA RIABILITATIVA AREA ASSISTENZIALE RESIDENZIALITA' LEGGERA

19 CRITERI PER L'INDIVIDUAZIONE DEL PROGRAMMA: la numerosità e l'intensità degli interventi erogati; il mix di tipologie di interventi (individuali, di gruppo, terapeutici, riabilitativi, in sede, fuori sede, ecc.) la numerosità e l'intensità di interventi che riguardano i rapporti di rete sociale

20 Programmi riabilitativi: Tipo programma durata - bassa intensità riabilitativa non prestabilita - media intensità riabilitativa 36 mesi + 36 max - alta intensità riabilitativa 18 mesi + 6 max di proroga se autorizzata OCSM - post- acuzie 3 mesi

21 AREA RIABILITATIVA Programmi di carattere specificatamente riabilitativo Alta intensità riabilitativa 18 mesi Media intensità riabilitativa 36 mesi Post-acuzie 3 mesi non rinnovabili ma ripetibili Progetto terapeutico-riabilitativo (PTR) per ogni paziente Protocolli di accoglimento, trattamento, dimissione Programmi funzionali e coerenti con PTI elaborato in sede territoriale Comunità Riabilitativa Alta assistenza (CRA) Programmi Alta, Media, post-acuzie Assistenza alto grado sulle 24 h 1 inf sulle 24 ore 1 med sulle 12 ore 1 psic 12 ore/sett 1 educ o TRP x 10 utenti 2 oltre 10 2/3 utenti post-acuzie o in alta riabilitazione Comunità Riabilitativa Media assistenza (CRM) sperimentale Programmi ad Alta e Media int riabilitativa Assistenza medio grado sulle 24 h 1 op sulle 24 ore 1 inf 7 ore/di 2 op sulle 12 ore 1 med 1 psic 12 ore/sett 1 ed ogni 5 utenti 2/3 utenti in alta riabilitazione

22 AREA ASSISTENZIALE Programmi che non necessitano di interventi riabilitativi intensivi Programmi a media intensità riabilitativa all'ingresso max 36 mesi, rinnovabili di norma a bassa intensità riabilitativa Progetto terapeutico-riabilitativi (PTR) per ogni paziente Protocolli di accoglimento, trattamento, dimissione Programmi funzionali e coerenti con PTI elaborato in sede territoriale Comunità Protetta ad Alta Assistenza (CPA) Alta assistenza 1 inf sulle 24 h 1 med 4 ore/di 1educ Comunità Protetta Media Assistenza (CPM) Media assistenza 2 op sulle 12 ore di cui 1 inf 7 ore/di 1 med 2 ore/di 1 educ

23 NUOVI ACCOGLIMENTI IN SR: utenti che non hanno precedenti trattamenti in ambito psichiatrico Diagnosi elettive: schizofrenia e sindromi correlate, sindromi affettive gravi (sindrome depressiva ricorrente grave, sindrome bipolare), gravi disturbi della personalità Diagnosi di esclusione: demenza primaria, grave ritardo mentale Età: 50 per le SR di Area riabilitativa e 65 per le RS di Area assistenziale

24 Programmi sanitari di residenzialità leggera: - che non hanno il loro fulcro nella struttura residenziale ma che per essere attuati necessitano dell'appoggio di una soluzione abitativa adeguata in strutture svincolate dall'accreditamento; - attuati da soggetti accreditati per attività di psichiatria per utenti clinicamente stabilizzati; - implementati e finanziati allo scopo di permettere il completamento del percorso riabilitativo dell'utente; - assimilabili ai programmi di media/bassa intensità riabilitativa, a sostegno dell'autonomia acquisita dal soggetto, con attenzione agli interventi di rete sociale - in soluzioni abitative reperite con il concorso degli Enti coinvolti negli OCSM (appartamenti di max 5 posti letto); Durata ampia: dalla temporaneità alla vita Convenzioni con il privato sociale per la gestione del servizio

25 1. Analisi del sistema di salute mentale della Regione Accessibilità nei servizi Incremento di risorse nel sistema, in modo netto per la residenzialità, molto meno nei servizi territoriali (CPS) Monitoraggio delle attività territoriali e della residenzialità con specifici indicatori 2. Criticità Problema di accessibilità per le fasce più giovani di popolazione Vasto problema nella popolazione riguardo al trattamento dei disturbi psichici comuni L'attività prevalente dei CPS è nella struttura (interventi domiciliari e in altro luogo circa 10% del totale) Problema del ruolo della residenzialità psichiatrica nell'ambito del modello di psichiatria di comunità

26 ...CRITICITA' Non ci sono evidenze rispetto ai rapporti con le aree di confine, riguardo la fascia infantile/adolescenziale, ai disturbi da abuso di sostanze, popolazione immigrata Difficoltà dei servizi ad intercettare comportamenti patologici che creano allarme sociale (manifestazioni antisociali) 3. OBIETTIVI DI SVILUPPO - Centralità del ruolo dell'ocsm la cui funzione di integrazione deve essere ulteriormente sviluppata; ruolo programmatorio e di garanzia dell'asl protocolli, tavoli tecnici, aree di confine - Implementare effettivamente la metodologia dei percorsi di cura nei CPS - rinforzare i modelli di collegamento consulenza ai MMG (per i disturbi psichici comuni) e di assunzione in cura per disturbi specifici con particolare incidenza

27 OBIETTIVI DI SVILUPPO - sostenere il modello della presa in carico trattamento integrato per i pazienti gravi e multiproblematici sviluppando: Lavoro di rete Funzione di case manager Idonei meccanismi di finanziamento (riconoscimento delle attività di coordinamento) - Individuazione di modelli organizzativi per rispondere ai bisogni emergenti in collaborazione con soggetti privati accreditati e con realtà di terzo settore Disturbi psichici comuni (ansia, depressione) Disturbi dell'alimentazione e della personalità Diagnosi e intervento precoce nei disturbi gravi Disturbi di confine e dell'età evolutiva

28 - Protocolli per il miglioramento della qualità dell'assistenza ospedaliera: Procedure di accettazione, trattamento e dimissione, consenso informato Misure di prevenzione/contenimento degli agiti autoeteroaggressivi Procedure ASO e TSO - Attivazione e finanziamento nelle diverse aree territoriali di Programmi Innovativi: Area della Qualità e Formazione: Ruolo di case manager Accreditamento professionale Programmi di Area educativo-informativa Area territoriale per le tematiche strategiche: Intervento precoce nelle psicosi Inserimento lavorativo Modelli di intervento integrato nei disturbi psichici gravi Lavoro di rete Disturbi emergenti

29 FINALITA : assicura la presa in carico di pazienti con patologie psichiatriche e disturbi della personalità gravi, fornendo risposte adeguate ai loro bisogni; assicura inoltre l'assunzione in cura o la consultazione per pazienti con patologie psichiatriche minori, che restano in carico al Medico di Medicina Generale. Puccia Donatella

30 2 Comunità Riabilitative ad Alta assistenza (CRA): Bosisio Parini Cernusco Lombardone Comunità Riabilitativa a Media assistenza (CRM) Casatenovo Comunità Protetta a Media assistenza (CPM): Garlate 2 Centri Diurni (CD): Merate Lecco IL SISTEMA DI OFFERTA IN PROVINCIA DI LECCO 2 Centri Psicosociali (CPS): Lecco e Merate Ambulatori: Bellano Introbio, Mandello, Oggiono Privato accreditato: CPB Casa Sara Lecco HOUSING SOCIALE: 1 Lecco : 3 persone 1 Cesana: 2 persone 2 Servizi Psichiatrici Diagnosi e Cura (SPDC) Lecco e Merate Privato accreditato: CPA IL POGGIO Rogeno Privato accreditato: CRM Villa Ratti Monticello Bz Residenzialità Leggera Appartamenti / Programmi: 2 Calolziocorte 5 p + 5 p 3 Olginate 2 p + 2p + 1p 3 Cesana 2 p + 2 p +1p 1 Lecco 3 p 1 Casatenovo 3 p 1 Cernusco 2 p 1 Merate 5 p TOT 33

31 si articola in: attività di degenza ospedaliera per l acuzie attività territoriale (ambulatoriale e domiciliare), con i seguenti percorsi di cura: consulenza, assunzione in cura e programmi integrati di presa in carico attività residenziale a diverso gradiente riabilitativo-assistenziale attività semiresidenziale con finalità riabilitativo - risocializzante Puccia Donatella

32 attività di lavoro in équipe secondo il modello dell integrazione funzionale, con il coinvolgimento e la partecipazione di tutte le figure professionali e l utilizzo delle differenti funzioni per trattare i molteplici problemi correlati alla patologia psichiatriche (sociali, familiari ) formulazione di piani di trattamento individuali e percorsi diagnostico terapeutici finalizzati a ridurre la cronicizzazione dei pazienti e uniformare la qualità delle prestazioni integrazione attraverso il lavoro di rete con le altre agenzie del territorio e con le famiglie (MMG, ASL, Volontariato ) riduzione al minimo delle istituzionalizzazioni attraverso attività di riabilitazione e risocializzazione, per mantenere il paziente con un sufficiente stato di autonomia, all interno del territorio di appartenenza

33 ACCOGLIENZA VALUTAZIONE CONSULENZA ASSUNZIONE IN CURA PRESA IN CARICO

34 L ACCESSO AI SERVIZI E I PERCORSI Medico di medicina generale Utente/famiglia Pronto Soccorso S.P.D.C. Servizi sociali C.P.S. Valutazione Percorso di cura Progetto di intervento C.P.M. C.P.A. C.R.A. C.R.M. Residenzialità Leggera C.D. Housing sociale Puccia Donatella

35 Coordinatore Sanitario Aziendale Responsabile Area Dipartimentale Direttore Dipartimento Dr. Antonio LORA Segreteria DSM S.S. D. Territoriale Dr. R. Gadaldi S.S.D. Ospedaliera Dr.ssa G.Colombo S.S.D. Riabilitazione Dr.ssa S. Martini S.S.D. Psicologia Dr. V. Rigamonti Area Sociale Dr.ssa D. Puccia Cooperativa L ARCOBALENO Resp. Area psichiatria C. Riva

36 RESIDENZIALITA LEGGERA A LECCO Iniziative sperimentali a partire dal 2004: La casetta in città appartamento per 4 persone, in affitto, pagato attraverso bando nazionale oneri per l assistenza su fondo sociale, come assistenza educativa domiciliare Il Castello Solidale 3 bilocali per 6 persone, proprietà comunale, in comodato oneri su fondo sanitario programma innovativo regionale

37 Condizioni favorevoli: 1.Forte sinergia all'interno dell'ocsm tra DSM, Comuni e privato sociale appartamenti a disposizione di proprietà COMUNI Privato sociale utenti bassi costi per gli

38 Condizioni favorevoli: 2. Programmazione all'interno dell'ocsm implementazione di 30 programmi in 3 anni ( ) 3. programmazione condivisa tra i vari soggetti istituzionali territoriali: AO, Uffici di Piano, Assemblee distrettuali, gestioni associate

39 Avvio dal 2008 da 12 programmi RL a 33 nel 2013 Uniformità di costi fra tutti gli utenti inizialmente per favorire la messa a sistema del servizio Regolamento quota sociale Residenzialità Leggera che scade il Costi quota sociale molto bassi: dal /die ad utente più vitto ( 100/mese) Contribuzione quota sociale: 4/die a carico del fondo sociale dei comuni per la psichiatria se ISEE < 9.200

40 Avvio nel 2008 di 12 programmi RL Uniformità di costi fra tutti gli utenti Avvio nel 2009 di ulteriori 12 programmi RL (di cui 6 da Programma Innovativo reg.) TOT 24 Costi quota sociale molto bassi: 7/die ad utente più vitto ( 100/mese) Quota sociale suddivisa: 5/die a carico dell'utente, 2/die come contributo a carico del fondo sociale dei comuni per la psichiatria Previsione 2010/2011: altri 7 programmi RL in appartamenti messi a disposizione da Comuni

41 Equipe multiprofessionale risorse Flessibilità (ruoli, interventi) Presa in carico integrata Continuità terapeutica tra Servizi e strutture Risorse di rete: formali e informali Puccia Donatella

42 SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE AREA LAVORO AREA INTEGRAZIONE Puccia Donatella 14 novembre 2012

43 SSD Residenzialità SSD Ospedaliera AREA SOCIALE DSM SSD Territoriale Puccia Donatella 14 novembre 2012

44 UTENTE FAMIGLIA MICRO CONTESTO ambientale/sociale ORGANIZZAZIONE / NORME PROPRIO ENTE LAVORO D EQUIPE CONTESTO TERRITORIALE: risorse formali e informali Limiti - vincoli VINCOLI - RISORSE A DISPOSIZIONE Puccia Donatella

45 Valutazione psichiatrica Se patologia Invio AS DSM Valutazione sociale INTERVENTO BREVE Consulenza / segretariato: informazioni su servizi e prestazioni Invio / coinvolgimento altri servizi PRESA IN CARICO Collaborazione nella realizzazione di progetti terapeutici e riabilitativi: Colloqui di sostegno-orientamento; Aiuto per pratiche pensionistiche e sostegno al reddito; Ricerca/sistemazione alloggio; Supporto nella gestione del denaro; Avvio percorsi di inserimento lavorativo; Inserimento in strutture residenziali riabilitative / reinserimento territoriale; Interventi per la tutela giuridica; Progetti integrati con altri servizi Attività amministrativa di supporto Puccia Donatella

46 L AS svolge una funzione intermediaria: l accompagnamento materiale la mediazione fra il paziente e l ambiente una funzione di tenere in mente

47 La gerarchia dei bisogni di Maslow

48 si muove dai bisogni biologici fondamentali verso le motivazioni psicologiche più complesse che diventano importanti dopo che i bisogni fondamentali sono stati soddisfatti la motivazione più elevata l autorealizzazione può venire soddisfatta soltanto dopo che tutti gli altri bisogni sono soddisfatti Puccia Donatella

49 Quando si rivolgono all AS persone con comportamenti disfunzionali / disadattivi non sempre è sufficiente soddisfare i bisogni primari IN ASSENZA DI PATOLOGIA PSICHIATRICA OCCORRE COMUNQUE leggere i bisogni psicologici ad es. bisogno di: sentirsi accettato/riconosciuto di non assumersi responsabilità/essere dipendente/delegare ad altri protezione/sentirsi accudito/accompagnato contenimento/strutturazione riempire il vuoto esistenziale o le carenze affettive da deprivazione trasgressione Risarcimento/rivendicazione, ecc. Il cui riconoscimento e soddisfazione permette di far accettare gli aiuti, le proposte, gli stimoli al cambiamento Puccia Donatella

50 AREA INTEGRAZIONE SVILUPPO E INCREMENTO DELLE RISORSE

51 Attivazione di risorse/miglioramento e/o incremento di servizi attraverso: 1. Integrazione socio-sanitaria (rapporti con Comuni/altri servizi/uffici di Piano) 2. Integrazione con privato sociale e Associazioni Puccia Donatella 14 novembre 2012

52 1. AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO TERRITORIALITA E MANTENIMENTO FONDO SOCIALE DEI COMUNI PER LA PSICHIATRIA 2. NUOVO CONTRATTO PER LA GESTIONE DI STRUTTURE E SERVIZI PSICHIATRICI: CPM Garlate CRM Casatenovo CD Lecco Programmi di Residenzialità Leggera Personale Programmi Innovativi Assistenza Educativo-riabilitativa territoriale Puccia Donatella 14 novembre 2012

53 IL PROTOCOLLO INTENDE RISPONDERE A PROBLEMATICHE DEGLI UTENTI IN CARICO AL DSM INERENTI: La segnalazione La valutazione della situazione Il progetto integrato L integrazione delle competenze L utilizzo delle risorse La valorizzazione delle attività dell associazionismo e del privato sociale

54 integrare le analisi, le letture, le culture operative e le modalità di intervento per concorrere a ridurre la frammentazione esistente nell offerta di servizi al cittadino

55 I processi di integrazione sono favoriti da una condivisione precoce dell analisi del problema e delle ipotesi di intervento

56 Nella fase terapeutico-riabilitativa, per rispondere ai bisogni sociali della persona con patologia psichiatrica serve una forte integrazione sociale e sanitaria: - Nella comprensione dei bisogni legati alla patologia - Nella scelta e utilizzo delle risorse in questa fase intervengono prevalentemente gli operatori della psichiatria, in un progetto più ampio e condiviso con gli operatori degli altri servizi (comuni, provincia, ecc.) che mettono a disposizione competenze e risorse

57 MODALITA SUDDIVISIONE/INTEGRAZIONE COMPETENZE VALUTAZIONE CLINICA: SE PREVALENZA BISOGNI SANITARI (necessita di progetto terapeutico-riabilitativo integrato) PREVALENZA BISOGNI SOCIALI E SOCIO-ASSISTENZIALI SERVIZI RESIDENZIALI E RIABILITATIVI DELLA PSICHIATRIA AS DSM INTERVIENE DIRETTAMENTE NELLA PRESA IN CARICO E UTILIZZA RISORSE INTERNE E RISORSE DEDICATE INTERVIENE SSB CON COMPETENZE E RISORSE COMUNALI SERVIZI PER TUTTI I CITTADINI Puccia Donatella

58 A Segnalazione da parte del CPS al Servizio sociale comunale tramite lettera Riunione e valutazione congiunta Stesura del Piano di trattamento individuale (PTI), con indicazione di obiettivi, strumenti, risorse

59 B Segnalazione da parte del Servizio sociale di base al MMG tramite lettera Valutazione da parte del MMG Eventuale invio al CPS territoriale

60 MODALITA DI SEGNALAZIONE DEL SERVIZIO SOCIALE DI BASE AL SERVIZIO SOCIALE SPECIALISTICO DEL DSM Modulo MODALITA DI SEGNALAZIONE DEL SERVIZIO SOCIALE DI BASE AL SERVIZIO SOCIALE SPECIALISTICO DEL DSM schema Puccia Donatella

61 Contributi ed interventi economici Assistenza domiciliare ed educativa Pronto intervento assistenziale Percorsi di integrazione socio-lavorativa Residenzialità Leggera Iniziative di aggregazione e di integrazione sociale Iniziative di formazione e sostegno delle famiglie Iniziative di formazione degli operatori

62 PERCHE : Situazioni di urgenza Continuità relazionale Opportunità di una gestione sovracomunale e sovradistrettuale per: Specificità Esiguità numerica Economicità Residenze poco reali per le storie individuali

63 Le novità: avvio e sviluppo housing sociale progetto Casa Madre Laura di Sartirana Merate (R.L. con servizi aggiuntivi) servizio educativo riabilitativo territoriale ricerca nuovi appartamenti per R.L. sul territorio bellanese e a Garlate Puccia Donatella 14 novembre 2012

Conferenza territoriale per la salute mentale

Conferenza territoriale per la salute mentale Conferenza territoriale per la salute mentale Lecco, 3. 12. 2007 LA RESIDENZIALITA LEGGERA IN LOMBARDIA Giorgio Cerati Residenzialità psichiatrica: i punti critici Disomogeneità della presenza delle SR

Dettagli

I percorsi riabilitativi

I percorsi riabilitativi Azienda Ospedalieria Ospedale di Lecco" Conferenza Territoriale per la Salute Mentale 20 ottobre 2005 I percorsi riabilitativi Progetti e strutture residenziali F. Rossi Dipartimento Salute Mentale - DEFINIZIONE

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DEL SISTEMA DI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA

DOCUMENTO TECNICO DEL SISTEMA DI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA ALLEGATO B1 DOCUMENTO TECNICO DEL SISTEMA DI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA Riferimenti normativi 1. Piano Sanitario Nazionale 2007-2009 adottato con DPCM del 7.4.2006. 2. Piano Socio Sanitario Regionale

Dettagli

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Congresso: La psicologia e il sistema socio-sanitario regionale L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Mauro Percudani, Dipartimento di Salute Mentale A.O. G. Salvini Garbagnate Milanese

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale OSPEDALE 88 Dipartimento di Salute Mentale Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO PSICHIATRIA CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) E AMBULATORI PERIFERICI Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della

Dettagli

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12.

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12. DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE Direttore: Dott. Antonio Lora Via dell Eremo, 9/11 23900 Lecco Tel. 0341.489171/0 - Fax. 0341.489176 e-mail : a.lora@ospedale.lecco.it PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale Dipartimento di Salute Mentale UO DI PSICHIATRIA E NEUROPSICHIATRIA Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO DI PSICHIATRIA Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della cura e della riabilitazione

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

ATTIVITÀ TERRITORIALE

ATTIVITÀ TERRITORIALE L ATTIVITA DELLA STRUTTURA COMPLESSA DI PSICHIATRIA NEL 2013 ATTIVITÀ TERRITORIALE Redazione: Dr. Romolo Gadaldi Responsabile S.S. Area Territoriale S.C. Psichiatria STRUTTURE DELL AREA TERRITORIALE CPS

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

RIORGANIZZARE I PERCORSI DI ASSISTENZA: AREE DI INTERVENTO E MODELLI OPERATIVI

RIORGANIZZARE I PERCORSI DI ASSISTENZA: AREE DI INTERVENTO E MODELLI OPERATIVI RIORGANIZZARE I PERCORSI DI ASSISTENZA: AREE DI INTERVENTO E MODELLI OPERATIVI 3.1 I PERCORSI TERRITORIALI LA SITUAZIONE ATTUALE La rilevazione delle attività delle UOP e dei DSM attraverso il Sistema

Dettagli

RIORDINO DELLA RESIDENZIALITÀ PSICHIATRICA IN ATTUAZIONE DELLA D.G.R. 17 MAGGIO 2004 N. VII/17513 "PIANO REGIONALE TRIENNALE PER LA SALUTE MENTALE"

RIORDINO DELLA RESIDENZIALITÀ PSICHIATRICA IN ATTUAZIONE DELLA D.G.R. 17 MAGGIO 2004 N. VII/17513 PIANO REGIONALE TRIENNALE PER LA SALUTE MENTALE DELIBERAZIONE N. VIII/4221 DEL 28.2.2007 Oggetto: RIORDINO DELLA RESIDENZIALITÀ PSICHIATRICA IN ATTUAZIONE DELLA D.G.R. 17 MAGGIO 2004 N. VII/17513 "PIANO REGIONALE TRIENNALE PER LA SALUTE MENTALE" LA

Dettagli

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/7 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità la promozione

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

L infermiere case manager in psichiatria

L infermiere case manager in psichiatria Studi & Esperienze 1 L introduzione di nuovi modelli organizzativi all interno dei servizi psichiatrici territoriali rappresenta un importante sfida per fornire risposte efficaci ai mutevoli bisogni di

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

Percorso formativo. mercoledì 23 aprile 2008. Sala Diego Valeri via Trieste - Padova

Percorso formativo. mercoledì 23 aprile 2008. Sala Diego Valeri via Trieste - Padova Azienda Ulss 16 CENTRO SERVIZIO Comune di Padova Padova VOLONTARIATO PROVINCIALE Ass.to alle Politiche Sociali DI PADOVA Osservatorio delle Associazioni iscritte al Registro Comunale Area Sociale e Sanitaria

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Pag. 1 /5 PROTOCOLLO OPERATIVO TRA UNITA OPERATIVA HANDICAP E UNITA OPERATIVA MATERNO INFANTILE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE

DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE Il Dipartimento di Salute Mentale (DSM) è un Dipartimento a Struttura e provvede, con le sue strutture e con strutture e associazioni private convenzionate e/o accreditate,

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA'

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA' LINEE GUIDA DEI PERCORSI ASSISTENZIALI CHE FAVORISCANO L INTEGRAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLE FUNZIONI SOCIALI, SANITARIE ED EDUCATIVE NEL SETTORE DELLA DISABILITÀ ADULTA ART. 1 OGGETTO Con il presente

Dettagli

PROTOCOLLO AREA DELLA TERRITORIALITA FRA I COMUNI DELLA PROVINCIA DI LECCO, L AZIENDA OSPEDALIERA DI LECCO, L ASL DI LECCO E LA PROVINCIA DI LECCO

PROTOCOLLO AREA DELLA TERRITORIALITA FRA I COMUNI DELLA PROVINCIA DI LECCO, L AZIENDA OSPEDALIERA DI LECCO, L ASL DI LECCO E LA PROVINCIA DI LECCO PROTOCOLLO AREA DELLA TERRITORIALITA FRA I COMUNI DELLA PROVINCIA DI LECCO, L AZIENDA OSPEDALIERA DI LECCO, L ASL DI LECCO E LA PROVINCIA DI LECCO per gli interventi di natura socio- assistenziale e di

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI Indice : 1. Scopo del protocollo 2. Invio 3. Verifiche 2.1 tipologia dell utenza 2.2 procedura segnalazione 2.3 procedura

Dettagli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale Docente: Paolo Barelli Day Hospital Centro Diurno CONTESTO Centro Salute Mentale: Ambulatori e Territorio SOCIALE Ospedale: Servizio Psichiatrico

Dettagli

ORGANISMO DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE MENTALE DELLA PROVINCIA DI LECCO

ORGANISMO DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE MENTALE DELLA PROVINCIA DI LECCO ORGANISMO DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE MENTALE DELLA PROVINCIA DI LECCO GIUGNO 2007 INDICE INTRODUZIONE I PARTE Rilevamento dati; Obiettivi strategici del triennio; priorità di intervento; Azioni di

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DI VERONA 1 SERVIZIO AUTONOMO DI PSICHIATRIA Direttore: prof.

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DI VERONA 1 SERVIZIO AUTONOMO DI PSICHIATRIA Direttore: prof. AUTONOMO DI PSICHIATRIA Servizio Psichiatrico Ospedale Civile Maggiore Piazzale Stefani n. 3726 Verona Segreteria: tel. 045-82 27 99 fax: 045-82 32 99 E-mail: psichiatrico@ulss20.verona.it Direttore: Prof.

Dettagli

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 APPARTAMENTI VERSO L AUTONOMIA ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 Le politiche Regionali di sostegno all abitare Marzia Fratti Settore Politiche per l integrazione socio-sanitaria e la salute in carcere

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

DOCUMENTO DI INTESA a cura del TAVOLO SALUTE MENTALE. del PIANO DI ZONA DELL AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE - AGGIORNAMENTO 2010 -

DOCUMENTO DI INTESA a cura del TAVOLO SALUTE MENTALE. del PIANO DI ZONA DELL AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE - AGGIORNAMENTO 2010 - DOCUMENTO DI INTESA a cura del TAVOLO SALUTE MENTALE del PIANO DI ZONA DELL AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE - AGGIORNAMENTO 2010 - COMPOSIZIONE DEL TAVOLO Coordinatore del Tavolo Sara Ambivero (Comune di

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

LIVEAS - Strutture residenziali e semiresidenziali per persone con fragilità sociali

LIVEAS - Strutture residenziali e semiresidenziali per persone con fragilità sociali CASA FAMIGLIA PER PERSONE ADULTE CON DISAGIO PSICHICO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale Disabilità Psichica

Dettagli

SALUTE EQUILIBRIO - BENESSERE FISICO PSICHICO SOCIALE

SALUTE EQUILIBRIO - BENESSERE FISICO PSICHICO SOCIALE SALUTE EQUILIBRIO - BENESSERE FISICO PSICHICO SOCIALE 1 SALUTE = POSSIBILITA SVILUPPO POTENZIALITA NON C ÈC SALUTE SENZA SALUTE MENTALE (O.M.S.) Circa il 20% della popolazione mondiale maggiore dei 18

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Conferenza Stampa Cure intermedie: attivi 6 posti all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Mercoledì 17 settembre 2014 - ore 11.30 Sala riunioni Servizio Attività Tecniche AUSL di Parma Via Spalato

Dettagli

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MILANO 3 AL S 3 MONZA Organismo di coordinamento per la salute mentale Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA I disturbi dello spettro autistico rappresentano un disordine neuropsicologico complesso biologicamente

Dettagli

1. Scenario normativo e regolamentare

1. Scenario normativo e regolamentare Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 53/8 del 29.12.2014 Programmazione nel settore della Salute mentale per gli anni 2015-2016. Assistenza residenziale e semiresidenziale: tipologie di struttura, numero di

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Il Dipartimento di Salute Mentale e l Associazionismo dell Auto-Aiuto. dott. Corrado Rossi Coordinatore DSM ASL n. 5 - Pisa 18 maggio 2007

Il Dipartimento di Salute Mentale e l Associazionismo dell Auto-Aiuto. dott. Corrado Rossi Coordinatore DSM ASL n. 5 - Pisa 18 maggio 2007 Il Dipartimento di Salute Mentale e l Associazionismo dell Auto-Aiuto dott. Corrado Rossi Coordinatore DSM ASL n. 5 - Pisa 18 maggio 2007 I Servizi per la salute mentale sono costituiti in Dipartimento:

Dettagli

Organizzazione dei servizi psichiatrici. Filippo Franconi

Organizzazione dei servizi psichiatrici. Filippo Franconi Organizzazione dei servizi psichiatrici Filippo Franconi Obiettivi di salute mentale Promozione della salute mentale a tutte le età Prevenzione primaria e secondaria dei disturbi mentali Riduzione delle

Dettagli

I problemi di salute mentale della popolazione: bisogni di salute, priorità, azioni, monitoraggio

I problemi di salute mentale della popolazione: bisogni di salute, priorità, azioni, monitoraggio I problemi di salute mentale della popolazione: bisogni di salute, priorità, azioni, monitoraggio Introduzione La tutela della salute mentale della popolazione costituisce uno degli obiettivi principali

Dettagli

SCHEDA DI PRE-SELEZIONE DEGLI ORGANISMI DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE MENTALE PER IL PROGETTO LAVORO&PSICHE

SCHEDA DI PRE-SELEZIONE DEGLI ORGANISMI DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE MENTALE PER IL PROGETTO LAVORO&PSICHE SCHEDA DI PRE-SELEZIONE DEGLI ORGANISMI DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE MENTALE PER IL PROGETTO LAVORO&PSICHE DA INVIARE COMPILATA ENTRO IL 31 OTTOBRE 2008 ALL INDIRIZZO LAVOROEPSICHE@FONDAZIONECARIPLO.IT

Dettagli

PIANO DI AZIONI NAZIONALE PER LA SALUTE MENTALE

PIANO DI AZIONI NAZIONALE PER LA SALUTE MENTALE PIANO DI AZIONI NAZIONALE PER LA SALUTE MENTALE Indice Introduzione Premessa I problemi di salute mentale della popolazione: bisogni di salute, priorità, azioni, monitoraggio Cap. 1 Le aree di bisogno

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE

R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE di R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITÀ ASSESSORATO AL WELFARE GLI INVESTIMENTI PER QUALIFICARE L OFFERTA DI STRUTTURE PER LE PERSONE

Dettagli

Il Dipartimento di Salute Mentale dell A.O. G. Salvini è composto dalle seguenti Unità Operative:

Il Dipartimento di Salute Mentale dell A.O. G. Salvini è composto dalle seguenti Unità Operative: Dipartimento di Salute Mentale. Integrazione dipartimentale per favorire l accessibilità ai servizi e l inserimento degli utenti nei percorsi di cura appropriati Organizzazione e offerta del DSM Il Dipartimento

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale di Brescia Conferenza territoriale per la salute mentale

Azienda Sanitaria Locale di Brescia Conferenza territoriale per la salute mentale Azienda Sanitaria Locale di Brescia Conferenza territoriale per la salute mentale Analisi dei consumi (1) Numero di soggetti trattati con TSO, nel tempo, residenti ASL di Brescia 140 120 100 nume ero di

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Famiglie per la salute mentale Affidi familiari di pazienti psichiatrici

Famiglie per la salute mentale Affidi familiari di pazienti psichiatrici Famiglie per la salute mentale Affidi familiari di pazienti psichiatrici Programma Innovativo TR07 La Casa Abitata Cooperativa Sociale A.E.P.E.R. Finalitàdel progetto Il progetto nasce dalla necessitàdi

Dettagli

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo vigente alla data del 22 febbraio 2013 D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l'art.

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA Provincia di Roma Dipartimento III - Servizio I Politiche del Lavoro e Servizi per l Impiego - SILD e Dipartimenti di Salute Mentale della ASL della Provincia di Roma e Associazioni

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE. (25 marzo 2013)

GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE. (25 marzo 2013) GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE (25 marzo 2013) Indice: Premessa 1. Le Strutture Residenziali Psichiatriche 2. Indicazioni sull assetto

Dettagli

Ambito Distrettuale 6.1

Ambito Distrettuale 6.1 Ambito Distrettuale 6.1 Piano di Zona 2013-2015 AREE DI INTERVENTO: OBIETTIVI STRATEGICI, PRIORITA DEL PDZ, AZIONI, TEMPI E RISORSE 4.2 AREA DISABILITA PREMESSA. Negli ultimi anni l azione progettuale

Dettagli

6 NUCLEI ABITATIVI 20 POSTI POSTI LETTO DEDICATI AL PROGETTO POST ACUTI

6 NUCLEI ABITATIVI 20 POSTI POSTI LETTO DEDICATI AL PROGETTO POST ACUTI Residenze Anni Azzurri RSA VILLA REALE: PROGETTO SOCIO-SANITARIO POST ACUZIE Relatori: Dr.ssa Cristina Colombo - Direttore Sanitario Dr.ssa Erica Rizzato - Assistente Sociale Autori: C. Colombo, E. Rizzato,

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA. Direzione Generale Sanità. Allegato A alla DGR. Piano Regionale Salute Mentale

REGIONE LOMBARDIA. Direzione Generale Sanità. Allegato A alla DGR. Piano Regionale Salute Mentale REGIONE LOMBARDIA Direzione Generale Sanità Allegato A alla DGR Piano Regionale Salute Mentale REGIONE LOMBARDIA Piano Regionale Salute Mentale Direzione Generale Sanità Via Pola 11 20100 Milano Tel. 0267651

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA. Le diverse sedi proposte sono:

CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA. Le diverse sedi proposte sono: SETTORE ENTE SEDE PRIVATO CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA Torino Le diverse sedi proposte sono: Comunità Terapeutica Residenziale Passaggio a Nord- Ovest Strada alla funicolare di Superga n. 47/6 10132

Dettagli

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC L esperienza della ASL RMC Mariella Masselli Responsabile U.O.S.D Tutela Salute Riabilitazione Disabili Adulti d. 12 - ASL RMC Roma, 11 settembre 2013 Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza U.N.A.SA.M. www.unasam.it mail: unasam@unasam.it Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza Il Bilancio di Salute, strumento per la qualità della cura: interventi personalizzati integrazionee

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Strutture di Accoglienza Terapeutico-Riabilitative Rete di Servizi per l'emergenza Psichiatrica in Età Evolutiva

PROTOCOLLO D INTESA. Strutture di Accoglienza Terapeutico-Riabilitative Rete di Servizi per l'emergenza Psichiatrica in Età Evolutiva PROTOCOLLO D INTESA Strutture di Accoglienza Terapeutico-Riabilitative Rete di Servizi per l'emergenza Psichiatrica in Età Evolutiva ASL Roma A Comune di Roma ISMA Istituti Santa Maria in Aquiro Centro

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Stellapolare Centro diurno psichiatrico. Via Montecassino, 8-20900 Monza stellapolare@novomillennio.it www.novomillennio.it

Stellapolare Centro diurno psichiatrico. Via Montecassino, 8-20900 Monza stellapolare@novomillennio.it www.novomillennio.it Stellapolare Centro diurno psichiatrico Via Montecassino, 8-20900 Monza stellapolare@novomillennio.it www.novomillennio.it Chi siamo Il centro diurno Stellapolare si configura come una struttura semiresidenziale,

Dettagli

Walter Di Munzio. Accreditamento definitivo in Sanità: Stato dell arte in Campania

Walter Di Munzio. Accreditamento definitivo in Sanità: Stato dell arte in Campania Walter Di Munzio Accreditamento definitivo in Sanità: Stato dell arte in Campania ACCREDITAMENTO /1 L accreditamento istituzionale ha l obiettivo di regolamentare l ingresso nel mercato sanitario dei soggetti

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO Edizione 2009 INSERIMENTI IN CENTRO DIURNO Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale con funzioni terapeutico riabilitative, collocata nel contesto territoriale.

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

SOSTEGNO ALL ABITARE PER PERSONE CON DISAGIO PSICHICO

SOSTEGNO ALL ABITARE PER PERSONE CON DISAGIO PSICHICO SOSTEGNO ALL ABITARE PER PERSONE CON DISAGIO PSICHICO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale Disabilità Psichica

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA 1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Nella tabella riepilogativa, per le singole tipologie erogative di carattere socio sanitario, sono evidenziate, accanto al richiamo alle prestazioni sanitarie, anche

Dettagli

Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP)

Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP) Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP) 1 Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP)... 1 Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP)... 4 1.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Fondazione Emilia Bosis

CARTA DEI SERVIZI Fondazione Emilia Bosis CARTA DEI SERVIZI Fondazione Emilia Bosis PROFILO ISTITUZIONALE La fondazione Emilia Bosis è un organismo istituzionale no-profit che, raccogliendo l eredità storica e culturale della Comunità Logos dell

Dettagli

IL LAVORO NEL CARCERE DI TRIESTE

IL LAVORO NEL CARCERE DI TRIESTE IL LAVORO NEL CARCERE DI TRIESTE Ruolo del Dipartimento di Salute Mentale nella prevenzione all invio in OPG a cura di Renata Bracco Bolzano, 30 novembre 2013 Il territorio del DSM di ASS1 Provincia di

Dettagli

Casa di Enrica Casa alloggio per adulti con disagio psichico. via Gozzano n. 9 Monza lecase@novomillennio.it

Casa di Enrica Casa alloggio per adulti con disagio psichico. via Gozzano n. 9 Monza lecase@novomillennio.it Casa di Enrica Casa alloggio per adulti con disagio psichico via Gozzano n. 9 Monza lecase@novomillennio.it Chi siamo Casa di Enrica è una casa alloggio per adulti con disagio psichico. Si configura come

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA Milano 14 giugno 2012 Giornata di studio Re.SSPO Ordine AA.SS. Lombardia Comune di Monza Settore Servizi Sociali - Ufficio Anziani Cosa abbiamoevidenziato

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI

SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI 2. Continuità dell intervento Nuovo X In continuità con servizio già attivato 3. Tipologia di servizio X LEPS Altri Servizi _ (specificare) 4. Se il servizio dà continuità

Dettagli

REGIONE PUGLIA IN BREVE

REGIONE PUGLIA IN BREVE REGIONE PUGLIA IN BREVE Nella Regione il principale riferimento normativo è costituito dal Piano regionale di salute 2008-10, che identifica nuovi obiettivi per la prevenzione e il trattamento delle disabilità,

Dettagli

LA SALUTE MENTALE. Assistente Sociale Dott.ssa Roberta Canal. Dipartimento di Salute Mentale dell ULSS n 7. Vittorio Veneto, 9 febbraio 2013

LA SALUTE MENTALE. Assistente Sociale Dott.ssa Roberta Canal. Dipartimento di Salute Mentale dell ULSS n 7. Vittorio Veneto, 9 febbraio 2013 LA SALUTE MENTALE Assistente Sociale Dott.ssa Roberta Canal Dipartimento di Salute Mentale dell ULSS n 7 n Vittorio Veneto, 9 febbraio 2013 SINTESI ARGOMENTI 1) Concetti di SALUTE/MALATTIA MENTALE 2) Principali

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 05 DEL 23 GENNAIO 205 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 202 e 203 per gli interventi finalizzati al superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

Dettagli