MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO HEALTH SERVICES MANAGEMENT IN COLLABORAZIONE CON MCGILL UNIVERSITY HARVARD UNIVERSITY.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO HEALTH SERVICES MANAGEMENT IN COLLABORAZIONE CON MCGILL UNIVERSITY HARVARD UNIVERSITY."

Transcript

1 MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO in HEALTH SERVICES MANAGEMENT IN COLLABORAZIONE CON MCGILL UNIVERSITY HARVARD UNIVERSITY ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Programma Pagina 1 di 17

2 1. INTRODUZIONE L Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha realizzato dal 1989 un corso internazionale per Manager di Sanità Pubblica a livello di distretto nei paesi in via di sviluppo, che si è progressivamente evoluto accogliendo modifiche che ne hanno consentito l adattamento a realtà tecniche, tecnologiche, politiche e strategiche, rendendolo un percorso formativo altamente flessibile, dinamico ed aggiornato. Attualmente, le dinamiche dello sviluppo sostenibile, la transizione demografica epidemiologica e socioeconomica rappresentano i nuovi processi evolutivi della salute pubblica da comprendere attraverso aggiornati percorsi di formazione in grado di delineare la figura professionale dell esperto di salute internazionale per metterlo nelle condizioni di comprendere ed affrontare le problematiche scaturite dalla globalizzazione. Il Master Universitario di primo livello in Health Services Management, proposto dall Università Carlo Cattaneo LIUC e dall Istituto Superiore di Sanità, si colloca in tale contesto, rivolgendosi a tutte le figure professionali che vogliono acquisire concrete e pragmatiche competenze nell ambito della gestione dei servizi sanitari. 2. OBIETTIVI E FINALITÀ Il Master si pone come obiettivo principale la diffusione di un modello tecnico e metodologico di riferimento per il miglioramento dei servizi sanitari, in linea con i principi della buona pratica organizzativa gestionale promossi ed adottati dall Assemblea Mondiale della Sanità e recepiti, tra l altro, dal sistema dell Università delle Nazioni Unite (UNU). Il primo obiettivo specifico è la formazione di dirigenti sanitari del settore pubblico o privato accreditato nelle tecniche di progettazione, programmazione, gestione e valutazione dei sistemi e servizi sanitari nazionali di Paesi sviluppati, in transizione e in fase di sviluppo. Un secondo obiettivo specifico è la trasmissione di competenze nella progettazione e realizzazione di attività formative analoghe a quelle realizzate nel contesto del Master stesso, che propone un approccio metodologico innovativo, allineato ai principi del Network internazionale coordinato dall Università di Maastricht. A tale scopo il Master favorirà lo sviluppo di una visione multidimensionale dei problemi sociosanitari ed organizzativi, che tenga conto dei diversi elementi che li compongono nell ottica di sviluppo di un sistema integrato e managerialmente evoluto dei servizi, in grado di rendere possibile l incontro modulato della domanda da parte dei cittadini utenti e dell offerta in continuo rinnovamento dei servizi stessi. Pagina 2 di 17

3 3. SBOCCHI OCCUPAZIONALI Il programma del Master è orientato principalmente all acquisizione di competenze gestionali nel campo dell organizzazione dei servizi sanitari. In particolare, al termine del percorso formativo, il partecipante sarà in grado di: comprendere ed analizzare le basi del management dei servizi sanitari e delle politiche sanitarie; programmare, gestire e valutare servizi e programmi socio-sanitari in linea con le strategie ed i piani sanitari nazionali, tenendo conto delle risorse e delle limitazioni di contesto; disegnare e realizzare attività di ricerca operativa; implementare programmi di comunicazione e marketing sociale. I diplomati Master saranno dunque in grado di svolgere attività professionali nel settore sanitario, socio-sanitario e sanitario allargato, in particolare negli enti ed organizzazioni che finanziano, programmano e controllano le politiche e le strategie sanitarie. I partecipanti potranno inoltre trovare impiego negli organismi nazionali ed internazionali di cooperazione nel settore sanitario. 4. NUMERO DI ISCRITTI Per assicurare la qualità della didattica e l interazione tra i partecipanti il numero non può essere inferiore a 30 o superiore a TIPOLOGIE DIDATTICHE Il Master prevede l erogazione di corsi secondo modalità didattiche pensate al fine di rendere accessibile il Master a figure professionali impegnate in ambito lavorativo. Le tipologie didattiche utilizzate sono le seguenti: - formazione residenziale () - formazione a distanza (). La, implica un impegno settimanale residenziale limitato alle giornate del giovedì e del venerdì, secondo il seguente schema: mattina: incontro residenziale di pianificazione (4 ore) presso la sede del Master; pomeriggio: ricerca materiale per approfondimento in residenziale (4 ore) presso la sede del Master; Pagina 3 di 17

4 : definizione del materiale didattico attraverso piattaforma web; mattina: incontro di soluzione del problema in residenziale (4 ore) presso la sede del Master; pomeriggio: l esperto risponde: seminario con domande aperte ad esperto del settore sul tema trattato nella precedente settimana in residenziale (4 ore) presso la sede del Master; La si realizza mediante l interazione a distanza dei partecipanti e del tutor di riferimento. I partecipanti saranno infatti seguiti da una figura tutoriale per ogni gruppo di lavoro di 10 persone. La si svolgerà secondo la metodologia didattica del metodo Problem Based Learning (PBL), che prevede l uso di problemi per stimolare il discente a definire i propri obiettivi di apprendimento ed a ricercare, per il perseguimento di questi, le informazioni di cui ha bisogno al fine di risolvere la problematica proposta. I partecipanti avranno a disposizione un forum di discussione, specificatamente attivato sulla piattaforma per la formazione a distanza gestita dall ISS, dove saranno pubblicati i problemi spunto di riflessione, il materiale di lettura e di supporto di ogni unità formativa. Dopo la lettura del problema assegnato per ciascun modulo, il discente sarà chiamato individualmente a ricercare su internet materiale utile per la soluzione del problema. Ogni partecipante dovrà infine esplicitare la propria traccia di riflessione, ossia gli strumenti conoscitivi metodologici ed operativi identificati per la risoluzione del problema, rendendo partecipi gli altri colleghi del modulo mediante pubblicazione della soluzione elaborata singolarmente sul forum, al fine di favorire e stimolare uno scambio di opinioni e informazioni. Le soluzioni così elaborate e pubblicate, saranno sottoposte all attenzione della figura tutoriale di riferimento, che giocando il ruolo di facilitatore, fornirà un feedback per mezzo dello stesso forum riassumendo i punti principali dell unità trattata e presentando la soluzione del problema assegnato, commentando criticamente quanto prodotto dai discenti. Il suddetto metodo favorirà l assimilazione e l appropriazione degli argomenti trattati piuttosto che la comprensione passiva e mnemonica. Pagina 4 di 17

5 6. STRUTTURA DEL MASTER Tipologia Unità Aree Moduli didattica didattiche Crediti CFU Metodologie e tecniche didattiche 1 0 Introduttiva Gestione dei gruppi di lavoro e tecniche di comunicazione Organizzazione e Politiche Politiche Sanitarie 1 2 Sanitarie Organizzazione dei sistemi e servizi 2 4 Analisi della Situazione Strumenti e metodi epidemiologici per la valutazione dei bisogni sanitari 3 6 Sociosanitaria Strumenti e metodi qualitativi per la valutazione dei bisogni sanitari 3 6 Pianificazione e Programmazione Pianificazione e programmazione economico 2 finanziaria dei servizi sanitari 4 Sistemi informativi sanitari 1 2 Sistemi informativi geografici in Sanità 1 2 Strumenti per il controllo economico 1 2 Technology Assesment 1 2 Gestione dei servizi sanitari Gestione del rischio clinico 2 4 Gestione dei gruppi di lavoro e tecniche di comunicazione Gestione delle risorse umane 1 2 Valutazione in Sanità EBM e studi di intervento 1 2 Valutazione degli interventi e dei programmi sanitari 1 2 Altre attività Project work, Stage, Tesi finale 16 Tra le attività obbligatorie e come parte integrante del Master i partecipanti dovranno svolgere una tesi finale su una tematica manageriale volta all applicazione, nei diversi contesti operativi, dei contenuti acquisiti nel corso del Master, in accordo con gli obiettivi formativi concordati singolarmente con l Università Carlo Cattaneo LIUC e l Istituto Superiore di Sanità. Il Comitato di Direzione Scientifica valuterà inoltre, caso per caso, la possibilità di realizzare attività complementari alla stesura della tesi finale, quali project work e/o tirocini nazionali e/o internazionali. In questi casi, si specifica che ogni partecipante sarà tenuto a rispettare i regolamenti degli organismi e delle strutture nazionali od internazionali ospitanti e delle leggi dei paesi Pagina 5 di 17

6 ospitanti ed a seguire un comportamento etico basato sui principi guida dell Istituzione che in tali paesi opera. Il personale dell ISS, laddove venissero concordate attività pratiche complementari, provvederà ad organizzare e gestire tali fasi dal punto di vista didattico e si farà carico dell organizzazione logistica, mentre eventuali costi di spostamento e/o assicurativi rimarranno in carico agli stessi partecipanti. La tesi finale sarà valutata da una Commissione durante un colloquio conclusivo in cui verranno esposti i principali contributi e risultati dell attività svolta. 7. EQUENZA Gli iscritti sono tenuti a seguire i corsi e a partecipare alle attività pratiche nei termini qui di seguito precisati: L area introduttiva è obbligatoria; I moduli erogati con tipologia quali: - Strumenti e metodi epidemiologici per la valutazione dei bisogni sanitari - Strumenti e metodi qualitativi per la valutazione dei bisogni sanitari - Pianificazione e programmazione economico finanziaria dei servizi sanitari - Gestione dei gruppi di lavoro e tecniche della comunicazione - Gestione delle risorse umane hanno frequenza obbligatoria per almeno il 70% del totale delle ore di lezione; I moduli erogati con tipologia quali: - Politiche sanitarie - Organizzazione dei sistemi e servizi - Sistemi informativi sanitari - Sistemi informativi geografici in Sanità - Strumenti per il controllo economico - Technology assessment - Gestione del rischio clinico costituiscono parte fondamentale per il superamento degli esami in programma e costituiscono parte integrante ai fini del rilascio del diploma di Master. E obbligatorio lo svolgimento della tesi finale. Pagina 6 di 17

7 8. PERCORSO FORMATIVO Area introduttiva Responsabile dell area: Ranieri Guerra METODOLOGIE E TECNICHE DIDATTICHE Responsabili del modulo: Alfonso Mazzaccara, Donatella Barbina, Luca Rosi Utilizzare efficacemente il sistema metodologico e la struttura tecnologica applicati al percorso formativo. GESTIONE DEI GRUPPI DI LAVORO E TECNICHE DI COMUNICAZIONE (1) Responsabili del modulo: Luana Penna, Loriana De Vita Analizzare i presupposti teorici che regolano la comunicazione interpersonale. Identificare le tecniche e le modalità appropriate di comunicazione interpersonale. Utilizzare modelli e tecniche di comunicazione efficaci nei gruppi di lavoro, anche per risolvere problemi comunicativi che possono insorgere. Analizzare la comunicazione nell organizzazione (analisi del ruolo e della posizione). Gestire i processi comunicativi e le dinamiche decisionali interne all organizzazione. Identificare gli stili di leadership e di gestione dei conflitti più adatti ai vari contesti. Organizzazione e Politiche Sanitarie Responsabili dell area: Ranieri Guerra; Davide Croce, Renato Ruffini POLITICHE SANITARIE Responsabili del modulo: Alice Fauci, Manila Bonciani Descrivere i principali indirizzi delle politiche sanitarie a livello internazionale. Individuare i principi guida di una politica sanitaria orientata alla qualità. ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI E SERVIZI SANITARI Responsabili del modulo: Alfonso Mazzaccara, Debora Guerrera Individuare i principi guida della nuova sanità pubblica. Analizzare i processi di riforma sanitaria a livello internazionale. Pagina 7 di 17

8 Descrivere i principali indirizzi della politica di decentralizzazione sanitaria sviluppati a livello internazionale. Individuare i differenti modelli di finanziamento dei sistemi sanitari presenti a livello internazionale. Analisi della Situazione Sociosanitaria Responsabili dell area: Antonello Napoletano; Rita Ferrelli; Giuseppe Banfi; Massimo Del Fabbro. STRUMENTI E METODI EPIDEMIOLOGICI PER LA VALUTAZIONE DEI BISOGNI SANITARI Responsabili del modulo: Antonello Napoletano, Daniela Coclite Descrivere le caratteristiche dei metodi e degli strumenti epidemiologici per valutare i bisogni di salute della popolazione. Descrivere le fonti e i sistemi di raccolta dei dati. Descrivere i principali indicatori sanitari per misurare lo stato di salute e i suoi determinanti. Analizzare e interpretare i dati raccolti STRUMENTI E METODI QUALITATIVI PER LA VALUTAZIONE DEI BISOGNI SANITARI Responsabili del modulo: Rita Ferrelli Utilizzare metodi e tecniche qualitativi a supporto del processo decisionale, clinico e manageriale. Descrivere le caratteristiche della ricerca qualitativa. Disegnare studi qualitativi per l'analisi di problemi nei servizi sanitari. Identificare vantaggi e svantaggi delle tecniche di ricerca qualitativa. Applicare tecniche di raccolta dati qualitativi: interviste in profondità, focus group, osservazione partecipativa e non. Analizzare dati qualitativi, anche con il supporto di software appropriati. Interpretare i risultati dell'analisi qualitativa. Pagina 8 di 17

9 Pianificazione e programmazione Responsabili dell area: Alfonso Mazzaccara; Davide Croce; Emanuele Porazzi; Giacomo Buonanno PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DEI SERVIZI SANITARI Responsabili del modulo: Alfonso Mazzaccara, Debora Guerrera Definire le metodologie per la determinazione degli obiettivi gestionali. Definire le tecniche per l'elaborazione delle linee tattiche. Analizzare le attività per la specificazione del programma. Analizzare la gestione per obiettivi. Identificare tecniche di finanziamento e remunerazione adeguate ed appropriate al contesto. SISTEMI INFORMATIVI SANITARI Responsabili del modulo: Franco Zorzet, Antonio Giorgi, Donatella Barbina Definire la struttura, la composizione e le interazioni di un Sistema Informativo Aziendale (SIA). Identificare gli aspetti fondamentali del Sistema Informativo Ospedaliero (SIO) e del Sistema Informativo Territoriale (SIT). Descrivere gli aspetti fondamentali della funzione di Data Warehousing e di business intelligence. SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI IN SANITÀ Responsabili del modulo: Franco Zorzet, Antonio Giorgi, Donatella Barbina Identificare le componenti e le funzionalità di un Sistema Informativo Geografico. Analizzare il fabbisogno informativo. Progettare il data warehouse. Utilizzare tecniche di analisi dei dati ed elaborare report informativi. Gestione dei Servizi Sanitari Responsabili dell area: Luca Rosi; Davide Croce; Emanuele Porazzi; Renata Vaiani; Antonio Sebastiano; Antonio Giangreco; Ivano Boscardini. Pagina 9 di 17

10 STRUMENTI PER IL CONTROLLO ECONOMICO Responsabili del modulo: Emanuele Porazzi Identificare gli strumenti contabili del controllo di gestione Analizzare le tecniche di determinazione dei costi delle risorse utilizzate Descrivere le caratteristiche del budget Analizzare il significato economico dell analisi degli scostamenti Definire i processi gestionali del controllo di gestione TECHNOLOGY ASSESSMENT Responsabili del modulo: Daniela Coclite, Antonello Napoletano Analizzare il ruolo della valutazione delle tecnologie sanitarie - health technology assessment (HTA) nel processo decisionale e gestionale dei servizi sanitari. Descrivere l importanza degli aspetti economici, etici e legali dell HTA. Acquisire metodi, strumenti e strategie per promuovere l uso dell HTA nella gestione dei servizi sanitari. GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Responsabili del modulo: Adele Minutillo, Francesca Filipponi Descrivere le basi teoriche del rischio clinico. Descrivere i metodi e strumenti per l analisi degli eventi avversi. Descrivere le metodologie della comunicazione. Analizzare gli aspetti organizzativi e gestionali. GESTIONE DEI GRUPPI DI LAVORO E TECNICHE DI COMUNICAZIONE (2) Responsabili del modulo: Loriana De Vita, Luana Penna Proporre soluzioni organizzativo-gestionali alle problematiche identificate all interno dei gruppi di lavoro. Identificare mezzi e tecniche della negoziazione per instaurare relazioni positive ed efficaci con tutti gli interlocutori coinvolti nella negoziazione e condurre negoziazioni di successo. Identificare le condizioni per una delega efficace, le tecniche controllo sui compiti delegati e sui relativi ostacoli, e i meccanismi di decentralizzazione dell'autorità. Pagina 10 di 17

11 GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Responsabili del modulo: Francesca Filipponi, Adele Minutillo Utilizzare strumenti di valutazione e gestione della prestazione professionale e di sviluppo del potenziale personale. Definire ruoli, compiti, obiettivi e utilizzare strumenti di informazione e di controllo. Analizzare realtà socio-organizzative e pianificare e programmare interventi socioorganizzativi. Applicare efficacemente le proprie capacità relazionali in ambiente lavorativo, ovvero intervistare e raccogliere informazioni individuali, esercitare influenza, motivare, comunicare e stabilire rapporti di fiducia con i colleghi. Valutazione in Sanità Responsabili dell area: Daniela Coclite; Davide Croce, Giuseppe Banfi EBM E STUDI DI INTERVENTO Responsabili del modulo: Antonello Napoletano, Daniela Coclite Analizzare caratteristiche e finalità degli studi di intervento. Descrivere i metodi per valutare l efficacia degli studi di intervento. Analizzare caratteristiche e finalità dell EBM. LA VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI E DEI PROGRAMMI SANITARI Responsabili del modulo: Manila Bonciani, Alice Fauci Analizzare le procedure di valutazione di struttura, processo, risultato ed impatto e identificare le modalità della loro applicazione. Valutare l'impatto dei programmi e delle politiche sulla salute (Health Impact Assessment), tenendo in considerazione le eventuali azioni di controllo per massimizzarne gli effetti positivi e minimizzarne quelli negativi. Pagina 11 di 17

12 9. CALENDARIO Area Modulo Data Attività Orari Lunedì 16/03/09 Presentazione Master 9:30-13:30 14:30-18:30 Metodologie e tecniche didattiche 17/03/09 Seminario ricerca materiali on line 14:30-18:30 Mercoledì Seminario 9:30-13:30 18/03/09 Seminario PBL e Studio individuale 14:30-18:30 Introduttiva 19/03/09 Stesura contratto pedagogico 14:30-18:30 20/03/09 Studio individuale 14:30-18:30 Gestione dei gruppi di lavoro e tecniche di comunicazione 1 Lunedì Seminario 9:30-13:30 23/03/09 Monitoring meeting 14:30-18:30 Esercitazione 9:30-13:30 24/03/09 Studio individuale 14:30-18:30 Mercoledì 25/03/09 Feedback dell esperto 14:30-18:30 Organizzazione e Politiche Sanitarie Politiche Sanitarie Organizzazione dei sistemi e servizi dal 30/03/09 al 17/04/09 dal 20/04/09 al 15/05/09 1 Unità 2 Unità Prova dell area Org. e Polit. San. 9:30-13:30 21/05/09 Seminario su Org. e Polit. San. 14:30-18:30 Analisi della situazione Strumenti e metodi epidemiologici per la 22/05/09 Studio individuale 14:30-18:30 sociosanitaria valutazione dei bisogni sanitari 26/05/09 28/05/09 Feedback dell esperto 14:30-18:30 29/05/09 Studio individuale 14:30-18:30 01/06/09 Pagina 12 di 17

13 04/06/09 Feedback dell esperto 14:30-18:30 05/06/09 Studio individuale 14:30-18:30 09/06/09 11/06/09 Feedback dell esperto 14:30-18:30 12/06/09 Studio individuale 14:30-18:30 16/06/09 Strumenti e metodi qualitativi per la valutazione dei bisogni sanitari 18/06/09 Feedback dell esperto 14:30-18:30 19/06/09 Studio individuale 14:30-18:30 23/06/09 25/06/09 Feedback dell esperto 14:30-18:30 26/06/09 Studio individuale 14:30-18:30 30/06/09 02/07/09 Feedback dell esperto 14:30-18:30 TRASVERSALE 03/07/09 Seminario 9:30-13:30 Dipartimento Protezione Civile 14:30-18:30 Prova dell area Anal. Sit. Sociosan. 9:30-13:30 09/07/09 Seminario DPC 14:30-18:30 Pianificazione e Programmazione Pianificazione e Programmazione 10/07/09 Studio individuale 14:30-18:30 economico finanziaria dei servizi 14/07/09 sanitari 16/07/09 Feedback dell esperto 14:30-18:30 17/07/09 Studio individuale 14:30-18:30 Pagina 13 di 17

14 21/07/09 23/07/09 Feedback dell esperto 14:30-18:30 Prova dell area Progr. - 9:30-13:30 24/07/09 Seminario su Programmazione 14:30-18:30 Sistemi informativi sanitari dal 27/07/09 al 07/08/09 1 Unità Sistemi informativi geografici in Sanità dal 07/09/09 al 16/09/09 1 Unità TRASVERSALE 17/09/09 Seminario Harvard 9:30-13:30 14:30-18:30 Prova dell area Progr. - 9:30-13:30 18/09/09 Seminario su Sistemi Informativi 14:30-18:30 Strumenti per il controllo economico dal 21/09/09 al 02/10/09 1 Unità Technology Assesment dal 05/10/09 al 16/10/09 1 Unità Gestione del rischio clinico dal 19/10/09 al 13/11/09 2 Unità Gestione dei Servizi Sanitari Gestione dei gruppi di lavoro e tecniche di comunicazione 2 Prova dell area Gest. Ser. San. - 9:30-13:30 19/11/09 Esercitazione 14:30-18:30 Seminario 9:30-13:30 20/11/09 Esercitazione 14:30-18:30 Seminario su Controllo economico 9:30-13:30 26/11/09 Seminario su Techn. Assessment 14:30-18:30 27/11/2009 Studio individuale 14:30-18:30 Gestione delle risorse umane 01/12/09 03/12/09 Feedback dell esperto 14:30-18:30 Prova dell area Gest. Ser. San. - 9:30-13:30 04/12/09 Seminario su Gest. del rischio clinico 14:30-18:30 Pagina 14 di 17

15 TRASVERSALE 14/01/10 Seminario Mc Gill 9:30-13:30 14:30-18:30 15/01/10 Studio individuale 14:30-18:30 EBM e studi di intervento 19/01/10 Valutazione in 21/01/10 Feedback dell esperto 14:30-18:30 Sanità Valutazione degli interventi e dei programmi sanitari 22/01/10 Studio individuale 14:30-18:30 26/01/10 28/01/10 Feedback dell esperto 14:30-18:30 TRASVERSALE Prova dell area Valutazione in san. 9:30-13:30 29/01/10 Seminario Mc Gill - Harvard 14:30-18:30 Altre Attività Pratiche Project Work, Stage da 01/02/10 a 05/03/ CALENDARIO ESAMI Al termine di ciascuna aree verrà svolto un esame relativo ai moduli erogati, da svolgersi presso la sede del Master. Per i partecipanti che avranno superato tutti gli esami di profitto, è inoltre prevista una discussione della tesi finale relativa al project work svolto. Di seguito il calendario degli esami. ESAMI Prove d esame Organizzazione e politiche sanitarie 21/05/09 Analisi della situazione sociosanitaria 09/07/09 Pianificazione e programmazione (residenziale) 24/07/09 Pianificazione e programmazione (parte 2 a distanza) 18/09/09 Gestione dei servizi sanitari (parte 1 a distanza) 19/11/09 Gestione dei servizi sanitari (residenziale) 04/12/09 Valutazione in sanità 29/01/10 Discussione project work e consegna diplomi 11/03/10 Pagina 15 di 17

16 Il Comitato di Direzione Scientifica si riserva il diritto di comunicare eventuali variazioni di carattere organizzativo mediante pubblicazione tempestiva delle comunicazioni sul sito del Master (o mediante altri canali se ritenuti maggiormente idonei). 11. COMITATO DI DIREZIONE SCIENTIFICA Il Comitato di Direzione Scientifica è composto da: Gianfranco Rebora (Presidente), Davide Croce, Emanuele Porazzi, Luca Rosi, Ranieri Guerra, Alfonso Mazzaccara. Il Comitato di Direzione Scientifica nomina un Direttore Scientifico (Ranieri Guerra) e due Coordinatori della Didattica (Alfonso Mazzaccara e Maddalena Castiglioni Rusconi). 12. IL TEAM DI DOCENZA Il Master si avvale della collaborazione di un corpo docente dell Università Carlo Cattaneo LIUC e da professionisti operanti nel settore della medicina e del management sanitario in Italia, provenienti dalle quattro Istituzioni (LIUC; ISS; McGill; Harvard), questo per assicurare oltre allo scambio di esperienze tra i partecipanti, un contributo reale e pratico, non solo dottrinale e formale, alla crescita professionale dei partecipanti. 13. SEDE DEL MASTER Sede del master sarà l Istituto Superiore di Sanità, Via Giano della Bella N 34 Roma L Istituto Superiore di Sanità è situato a circa 25,7 km dall aeroporto di Roma Fiumicino. Di seguito i percorsi per raggiungere la sede di Via Giano della Bella N 34: Ferrovie dello Stato StazioneTermini (3,4 km) + bus 492 scendere al Verano Stazione Tiburtina (mt 900) 10 minuti a piedi Metropolitana Tiburtina: (mt 900) 10 minuti a piedi Piazza Bologna (mt minuti a piedi) Automobile GRA: A24 Tangenziale: uscita Tiburtina Pagina 16 di 17

17 14. SEGRETERIE ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Segreteria Master Via Giano della Bella, Roma Tel (+39) Fax (+39) Website UNIVERSITA CARLO CATTANEO - LIUC Segreteria Master Corso Matteotti, Castellanza (VA) Tel (+39) Fax (+39) Website: Pagina 17 di 17

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli