L USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALE"

Transcript

1 Azinda Ospdalira Myr - Firnz IL COMPETENCE TEAM Sicurzza sul lavoro Prsnta: L USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALE - Firnz,

2 Azinda Ospdalira Myr - Firnz Ciao, ti ti rubrò solo minuti dl tuo tmpo przioso! Lo Lo so so ch non mi mi conosci, ma s s hai voglia mttiti pur comodo/a ch ti ti guidrò all intrno dl mondo di vidotrminali! Pr qusta brv avvntura mi mi farò aiutar da da lui!

3 Azinda Ospdalira Myr - Firnz OK, allora: iniziamo subito!!! Qusti sono i contnuti da vdr insim: scgli pur t da dov iniziar facndo clic su uno dgli argomnti. S invc vuoi ch faccia tutto io fai clic sul pulsant mttiti pur comodo!!! 1. OBIETTIVI 2. IL VIDEOTERMINALE 3. I RISCHI 4. RIF. LEGISLATIVI CONTINUA

4 Azinda Ospdalira Myr - Firnz IN GENERALE Promuovr praticar la cultura dlla sicurzza global ngli opratori. 1. OBIETTIVI Essr il il primo rsponsabil invidual dlla propria sicurzza.

5 Azinda Ospdalira Myr - Firnz 1 assumr in in toto toto nlla nlla propria ara ara la la rsponsabilità dll dll norm norm in in matria dll dll procdur azindali, inviduando, proponndo adottando l l mofich organizzativ più piùopportun: sgnalar i i possibili rischi rischi anch anch fuori fuori dalla dalla propria ara; ara; 2 promuovr il il conctto ch ch la la sicurzza non non è solo solo qustion risptto normativa, ma ma consnt all all prson lavorar star star mglio ; 3 favorir la la formazion continua sui sui tmi tmi dlla dlla sicurzza monitorarn l utilizzo; 4 prvnir,, s s dl dl caso, caso, rprimr i i comportamnti pricolosi promuovndon il il cambiamnto; 5 promuovr la la ricrca ricrca di di comportamnti più piùpositivi in in fatto fatto sicurzza attravrso il il alogo, il il primo primo smpio; promuovr l l conzioni organizzativ strumntali prché prchépossano vnir vnir attuati. attuati.

6 Azinda Ospdalira Myr - Firnz IN PARTICOLARE Conoscr tutt l carattristich un vidotrminal. Conoscr i rischi connssi al suo utilizzo. Vai ai contnuti Continua

7 Azinda Ospdalira Myr - Firnz 2. IL VIDEOTERMINALE Allora, il VIDEOTERMINALE Cos è un vidotrminal? E uno schrmo alfanumrico o grafico a prscindr dal tipo procmnto visualizzazion utilizzato

8 Azinda Ospdalira Myr - Firnz Ch non sia soggtto Ch non sia soggtto utilizzazion prolungata in utilizzazion prolungata in un luogo lavoro un luogo lavoro E il portatil, la calcolatric d il rgistrator cassa?

9 Azinda Ospdalira Myr - Firnz Ah, ho capito, ad smpio il mio computr!!! Si, Bravo!!! Infatti il tuo posto lavoro posto lavoro è l insim ch comprnd l attrzzatur munit vidotrminal, vntualmnt con tastira ovvro altro sistma immission di dati, ovvro softwar pr l intrfaccia uomo-macchina, gli accssori opzionali, l apparcchiatur connss, comprndnti l unità a schi, il tlfono, il modm, la stampant, il supporto pr i documnti, la sa, il piano lavoro, nonché l ambint lavoro immatamnt circostant.

10 Azinda Ospdalira Myr - Firnz ATTREZZATURE E il mio schrmo com dv ssr? Lo Lo schrmo schrmo dv dv ssr ssr orintabil orintabil d d inclinabil inclinabil libramnt libramnt facilmnt facilmnt pr pr adguarsi adguarsi all all signz signz dll utilizzator dll utilizzator I I carattri carattri sullo sullo schrmo schrmo dvono dvono avr avr buona buona dfinizion dfinizion forma forma chiara, chiara, grandzza grandzza sufficint sufficint vi vi dv dv ssr ssr uno uno spazio spazio adguato adguato tra tra i i carattri carattri l l lin lin L immagin L immagin sullo sullo schrmo schrmo dv dv ssr ssr stabil, stabil, snt snt da da sfarfallamnto sfarfallamnto o o da da altr altr form form d instabilità d instabilità Lo Lo schrmo schrmo non non dv dv avr avr riflssi riflssi rivrbri rivrbri ch ch possono possono causar causar molstia molstia all utilizzator all utilizzator La La brillanza brillanza /o /o il il contrasto contrasto tra tra i i carattri carattri lo lo sfondo sfondo dllo dllo schrmo schrmo dvono dvono ssr ssr facilmnt facilmnt rgolabili rgolabili da da part part dll utilizzator dll utilizzator dl dl vidotrminal vidotrminal facilmnt facilmnt adattabili adattabili all all conzioni conzioni ambintali ambintali

11 Azinda Ospdalira Myr - Firnz Va Va chiarito, prliminarmnt, ch ch tutti tutti gli gli stu stu l l indagini pidmiologich sinora sinora svolti svolti portano ad ad scludr, pr pr i i vidotrminali, rischi rischi spcifici drivanti da da raazioni, ionizzanti o non non ionizzanti, sia sia a carico carico dll oprator sia sia dlla dlla prol. prol. In In particolar, ni ni posti posti lavoro lavoro con con vidotrminal l l raazioni ionizzanti si si mantngono a livlli livlli rilvabili ni ni comuni comuni ambinti vita vita lavoro. lavoro. Pr Pr quanto si si rifrisc ai ai campi campi lttromagntici, la la prsnza dlla dlla marcatura CE CE sul sul vidotrminal comporta ch ch tali tali campi campi siano siano mantnuti al al sotto sotto di di limiti limiti raccomandati riscontrabili ni ni comuni comuni ambinti vita vita ov ov sono sono ralizzat apparcchiatur lttrich tlvisiv.

12 Azinda Ospdalira Myr - Firnz ATTREZZATURE E la mia tastira com dv ssr? La La tastira tastira dv ssr dv ssr inclinabil inclinabil ssociata ssociata dallo dallo schrmo schrmo pr pr consntir consntir al al lavorator lavorator assumr assumr posizion posizion confortvol confortvol tal tal da da non non provocar provocar l affaticamnto l affaticamnto dll dll braccia braccia o o dll dll mani mani Lo Lo spazio spazio davanti davanti alla alla tastira tastira dv ssr dv ssr sufficint sufficint ond ond consntir consntir un un appoggio appoggio pr pr l l mani mani l l braccia braccia dll utilizzator dll utilizzator Disporr Disporr la la tastira tastira davanti davanti allo allo schrmo, schrmo, salvo salvo ch ch lo lo schrmo schrmo non non sia sia utilizzato utilizzato in in manira manira saltuaria, saltuaria, il il mous, mous, od od vntuali vntuali altri altri spositivi spositivi uso uso frqunt, frqunt, sullo sullo stsso stsso piano piano dlla dlla tastira tastira d d in in modo modo ch ch siano siano facilmnt facilmnt raggiungibili raggiungibili La La tastira tastira dv dv avr avr suprfici suprfici opaca opaca ond ond vitar vitar i i riflssi riflssi La La sposizion sposizion dlla dlla tastira tastira l l carattristich carattristich di di tasti tasti dvono dvono tndr tndr ad ad agvolar agvolar l uso l uso dlla dlla tastira tastira stssa stssa I I simboli simboli di di tasti tasti dvono dvono prsntar prsntar sufficint sufficint contrasto contrasto ad ad ssr ssr lggibili lggibili dalla dalla normal normal posizion posizion lavoro lavoro

13 Azinda Ospdalira Myr - Firnz ATTREZZATURE E il piano lavoro? Essr Essr stabil stabil altzza, altzza, fissa fissa o o rgolabil, rgolabil, incativamnt incativamnt fra fra cm cm Dv Dv avr avr suprfici suprfici sufficintmnt sufficintmnt ampia ampia pr pr sporr sporr i i matriali matriali ncssari ncssari l l attrzzatur attrzzatur (vido, (vido, tastira, tastira, cc ) cc ) nonché nonché consntir consntir un un appoggio appoggio pr pr gli gli avambracci avambracci dll oprator dll oprator davanti davanti alla alla tastira, tastira, nl nl corso corso dlla dlla gitazion gitazion 72 cm Dv Dv avr avr profontà profontà tal tal da da assicurar assicurar corrtta corrtta stanza stanza visiva visiva dallo dallo schrmo, schrmo, tnndo tnndo prsnt prsnt ch ch schrmi schrmi gran gran mnsioni mnsioni richidono richidono tavoli tavoli maggior maggior profontà profontà 90 cm 15 cm 70 cm Avr Avr il il color color dlla dlla suprfici suprfici chiaro, chiaro, possibilmnt possibilmnt vrso vrso dal dal bianco, bianco, d d in in ogni ogni caso caso non non riflttnt riflttnt Avr Avr uno uno spazio spazio idono idono pr pr il il comodo comodo alloggiamnto alloggiamnto la la movimntazion movimntazion dgli dgli arti arti infriori infriori pr pr infilarvi infilarvi la la sa sa

14 Azinda Ospdalira Myr - Firnz ATTREZZATURE E la sa? La La sa sa dv dv ssr ssr stabil, stabil, prmttr prmttr all utilizzator all utilizzator crta crta librtà librtà movimnto movimnto d d posizion posizion comoda comoda Lo Lo schinal schinal dv dv ssr ssr rgolabil rgolabil in in altzza altzza d d in in inclinazion inclinazion La La sa sa dv dv avr avr sostgno sostgno dlla dlla zona zona lombar lombar La La sa sa dv dv ssr ssr tipo tipo girvol, girvol, salda salda contro contro lo lo slittamnto slittamnto rovsciamnto, rovsciamnto, dotata dotata basamnto basamnto stabil stabil o o a a cinqu cinqu punti punti appoggio appoggio La sa dv ssr rgolata ad un altzza tal da consntir il mantnimnto dll gamb a 90 La La sa sa dv dv avr avr altzza altzza rgolabil rgolabil Un Un poggiapi poggiapi sarà sarà msso msso a a sposizion sposizion coloro coloro ch ch lo lo dsidrino dsidrino

15 Azinda Ospdalira Myr - Firnz E ricordati ch l l attrzzatur sono importanti, ma è è important soprattutto lo svolgimnto quotiano dl lavoro!!!

16 Azinda Ospdalira Myr - Firnz 1 Il Il lavorator, qualora svolga svolga la la sua sua attività attivitàpr almno 4 or or conscutiv, ha ritto ad intrruzion dlla sua attivit paus ovvro cambiamnto attività; conscutiv,, ha ha ritto ritto ad ad intrruzion dlla dlla sua sua attività attivitàmant 2 In In assnza sposizion contrattual riguardant l intrruzion, l il il lavorator comunqu ha ha ritto ad ad pausa minuti ogni applicazion continuativa al vidotrminal; 120 minuti (2 (2 or) applicazion continuativa al al vidotrminal; 3 E E comunqu sclusa la la cumulabilità dll dll intrruzioni all inizio d d al al trmin dll orario lavoro; lavoro; 4 Nl Nl computo di di tmpi tmpi intrruzion NON NON sono sono comprsi i i tmpi tmpi attsa attsa dlla dlla risposta da da part part dl dl sistma lttronico, ch ch sono sono considrati, a tutti tutti gli gli fftti, fftti, tmpo tmpo lavoro, lavoro, ov ov il il lavorator non non possa possa abbandonar il il posto posto lavoro; lavoro; 5 La La pausa pausa è considrata a tutti tutti gli gli fftti fftti part part intgrant dll orario lavoro lavoro,, com com tal, tal, non non è riassorbibil all intrno accor ch ch prvdono la la riduzion dll orario comprnsivo lavoro. lavoro.

17 Azinda Ospdalira Myr - Firnz AMBIENTE Fastiosi Fastiosi abbagliamnti abbagliamnti riflssi riflssi sullo sullo schrmo schrmo o su su altr altr attrzzatur attrzzatur dvono dvono ssr ssr vitati vitati strutturando strutturando l arrdamnto l arrdamnto dl dl local local dl dl posto posto lavoro lavoro in in funzion funzion dll ubicazion dll ubicazion dll dll fonti fonti luc luc artificial artificial dll dll loro loro carattristich carattristich tcnich. tcnich. SI DI FRONTE AL MONITOR NO L illuminazion L illuminazion gnral gnral ovvro ovvro l illuminazion l illuminazion spcifica spcifica (lampad (lampad lavoro) lavoro) dvono dvono garantir garantir un illuminazion un illuminazion sufficint sufficint d d un un contrasto contrasto appropriato appropriato tra tra lo lo schrmo schrmo l ambint, l ambint, tnuto tnuto conto conto dll dll carattristich carattristich dl dl lavoro lavoro dll dll signz signz visiv visiv dll utilizzator. dll utilizzator. SI LATERALE AL MONITOR L L finstr finstr dvono dvono ssr ssr munit munit un un opportuno opportuno spositivo spositivo coprtura coprtura rgolabil rgolabil pr pr attnuar attnuar la la luc luc urna urna ch ch illumina illumina il il posto posto lavoro. lavoro. NO DIETRO AL MONITOR LATERALE AL MONITOR I I posti posti lavoro lavoro dvono dvono ssr ssr sistmati sistmati in in modo modo ch ch l l fonti fonti luminos luminos quali quali l l finstr finstr l l altr altr aprtur, aprtur, l l parti parti trasparnti trasparnti o traslucid, traslucid, nonché nonchél l attrzzatur attrzzatur l l parti parti color color chiaro chiaro non non producano producano riflssi riflssi sullo sullo schrmo. schrmo.

18 Azinda Ospdalira Myr - Firnz AMBIENTE Il Il rumor msso dall attrzzatur appartnnti al/ai al/ai posto/i lavoro dv ssr prso in in considrazion al al momnto dlla sistmazion dl dl posto lavoro, in in particolar al al fin fin non non prturbar l attnzion la la comunicazion vrbal In In sd prsposizion dgli ambinti lavoro ov ov ubicar postazioni munit vidotrminali occorr prvdr l liminazion vntuali problmi rumor dtrminati in in fas fas stampa dall stampanti da da impatto procdndo alla alla loro loro sgrgazion o insonorizzazion

19 Azinda Ospdalira Myr - Firnz AMBIENTE Pr Pr qul qul ch ch riguarda il il microclima il il lavoro al al vidotrminal non non richid il il risptto paramtri vrsi da da qulli normalmnt assunti pr pr il il comun lavoro d ufficio E E ncssario ncssario ch ch nlla nlla postazion postazion lavoro lavoro la la vlocità vlocità dll aria dll aria sia sia molto molto ridotta, ridotta, vitando vitando la la prsnza prsnza corrnti corrnti d aria d aria provninti provninti da da port, port, finstr, finstr, bocchtt bocchtt conzionamnto, conzionamnto, vntilatori, vntilatori, apparcchiatur apparcchiatur post post in in vicinanza, vicinanza, cc cc L L attrzzatur attrzzatur appartnnti appartnnti al al posto posto lavoro lavoro non non dvono dvono produrr produrr un un ccsso ccsso calor calor ch ch possa possa ssr ssr font font sturbo sturbo pr pr i i lavoratori lavoratori E E important important ch ch l aria l aria non non sia sia troppo troppo scca scca pr pr vitar vitar possibili possibili irritazioni irritazioni dgli dgli occhi occhi Altrttanta Altrttanta prcauzion prcauzion andrà andrà posta posta pr pr vitar vitar fonti fonti calor calor raant raant post post nll nll immat immat vicinanz vicinanz dlla dlla postazion, postazion, quali quali impianti impianti riscaldamnto, riscaldamnto, ma ma anch anch finstr finstr ch ch possano possano ssr ssr colpit colpit da da irraggiamnto irraggiamnto solar solar rtto rtto Vai ai contnuti Continua

20 Azinda Ospdalira Myr - Firnz I RISCHI a) Fatica visiva o sindrom astnopica o astnopia b) Disturbi muscoloschltrici c) strss 3. I RISCHI

21 Azinda Ospdalira Myr - Firnz I RISCHI a) Fatica visiva o sindrom astnopica o astnopia L occhio, costrtto a guardar a lungo cos da da vicino, si si affatica La La fatica visiva o sindrom astnopica o astnopia è sindrom clinica, causata da da un un sagio nlla vision, ch ch si si manifsta con con un un insim sintomi sgni in in prvalnza oculari, ma ma anch gnrali. Tutti qusti sturbi sono rvrsibili con con il il riposo pndono dalla stanchzza muscolar, oltr oltr ch ch da da altri altri mccanismi quali la la fatica mntal, il il microclima inadguato, cc

22 Azinda Ospdalira Myr - Firnz QUINDI? 1 illuminar illuminar corrttamnt corrttamnt il il posto posto lavoro, lavoro, possibilmnt possibilmnt con con luc luc natural, natural, mant mant la la rgolazion rgolazion tnd tnd o vnzian, vnzian, ovvro ovvro con con illuminazion illuminazion artificial. artificial. L L conzioni conzioni maggior maggior comfort comfort visivo visivo sono sono raggiunt raggiunt con con illuminamnti illuminamnti non non ccssivi ccssivi ssivi con con fonti fonti luminos luminos post post al al fuori fuori dl dl campo campo visivo; visivo; 2 orintar orintar d d inclinar inclinar lo lo schrmo schrmo pr pr liminar liminar riflssi riflssi sulla sulla sua sua suprfici; suprfici; 3 assumr assumr la la postura postura corrtta corrtta front front al al vido vido in in modo modo tal tal ch ch la la stanza stanza tra tra occhi occhi schrmo schrmo sia sia pari pari a circa circa cm; cm; 4 stoglir stoglir priocamnt priocamnt lo lo sguardo sguardo dal dal vido vido pr pr guardar guardar oggtti oggtti gtti lontani; lontani; 5 durant durant l l paus paus d d i i cambiamnti cambiamnti attività attivitàprvisti, è opportuno opportuno non non dcarsi dcarsi ad ad attività attivitàch ch richidano richidano un un intnso intnso impgno impgno visivo; visivo; 6 curar curar la la pulizia pulizia prioca prioca tastira, tastira, mous mous schrmo; schrmo; 7 utilizzar utilizzar vntuali vntuali mzzi mzzi corrzion corrzion dlla dlla vista vista s s prscritti; prscritti;

23 Azinda Ospdalira Myr - Firnz I RISCHI I I sturbi all apparato muscolo-schltrico sono la la consgunza posizion fissa fissa mantnuta pr pr lunghi prio tmpo b) Disturbi muscoloschltrici I I strtti maggiormnt intrssati sono: --colonna vrtbral (crvical lombar); --spall; --polsi. Evitar: - postur scorrtt; - contorsioni; - posizioni forzat pr tmpi prolungati.

24 Azinda Ospdalira Myr - Firnz QUINDI? 1 assumr la la postura corrtta front front al al vido, vido, con con pi pi bn bn appoggiati al al pavimnto schina poggiata allo allo schinal dlla dlla sa sa nl nl tratto tratto to lombar, rgolando allo allo scopo scopo l altzza l dlla dlla sa sa l inclinazion l dllo dllo schinal; 2 posizionar lo lo schrmo dl dl vido vido in in manira ch, ch, anch anch agndo su ssu vntuali mccanismi rgolazion, lo lo spigolo dllo dllo schrmo sia sia a posto posto un un po po più piùbasso dll orizzontal ch ch passa passa pr pr gli gli occhi occhi dll oprator ad ad stanza dagli dagli occhi occhi pari pari a circa circa cm; cm; 3 sguir la la gitazion utilizzar il il mous mous vitando irrigimnti dll dll ta ta dl dl polso, polso, curando tnr tnr gli gli avambracci appoggiati sul sul piano piano lavoro lavoro in in modo modo da da allggrir la la tnsion di di muscoli dl dl collo collo dll dll spall; 4 vitar, pr pr quanto possibil, posizioni lavoro lavoro fiss fiss pr pr tmpi tmpi prolungati. Nl Nl caso caso ciò ciò foss foss invitabil si si raccomanda la la pratica pratica frqunti nti srcizi rilassamnto (collo, (collo, schina, arti arti supriori d d infriori);

25 Azinda Ospdalira Myr - Firnz I RISCHI Sono sgnalati, in in lttratura, sporaci casi casi opratori con con sintomi (sturbi psicosomatici, turb dl dl sonno, cc ) attribuibili a strss Si Si tratta, praltro, sintomi ch ch quasi smpr non nonsono lgati soltanto all uso dl dl vidotrminali ch ch compaiono prvalntmnt in in soggtti ch ch svolgono al al computr compiti riptitivi, monotoni, noiosi,, com tali, tali, scarsamnt sodsfacnti c) strss

26 Azinda Ospdalira Myr - Firnz QUINDI? 1 sguir l l incazioni la la formazion ricvuti pr pr l uso ll uso di di programmi dll dll procdur informatich; 2 sporr tmpo tmpo sufficint pr pr acquisir l l ncssari comptnz d d abilità; abilità; 3 rispttar la la corrtta stribuzion dll dll paus; paus; 4 utilizzar softwar pr pr il il qual qual si si è avuta avuta l informazion l ncssaria, ovvro ovvro facili facili da da usar; usar; 5 in in caso caso anomali dl dl softwar dll dll attrzzatur, è bn bn ch ch l oprator l sappia sappia potr potr sporr un un rfrnt pr pr la la soluzion dl dl problma; 6 conoscr il il contsto in in cui cui si si colloca il il risultato dl dl lavoro lavoroal al vidotrminal, è un un lmnto util util pr pr l attnuazion l uno uno di di possibili fattori fattori affaticamnto mntal;

27 Azinda Ospdalira Myr - Firnz IN CONCLUSIONE? Occhi a livllo dlla part alt a dllo schrmo Polsi avambraccia in lina rtta Ginocchia lggrmnt piu' alt dl sl Braccia ad angolo rtto Part bassa dl dorso sostnuta dallo schinal Pi bn apoggiati sul pavimnt o o sul poggiapi IN TEORIA

28 Azinda Ospdalira Myr - Firnz CIOE IN PRATICA

29 Azinda Ospdalira Myr - Firnz MA NON COSI

30 Azinda Ospdalira Myr - Firnz O O COSI! Vai ai contnuti Continua

31 Azinda Ospdalira Myr - Firnz 4. RIF. LEGISLATIVI Circolar 1 sttmbr 1987, n.98 dl Ministro dl Lavoro; Circolar 2 cmbr 1989, n. 113 dl Ministro dl Lavoro; Circolar 22 fbbrai 1991, n dl Ministro dlla Funzion Pubblica; Circolar 23 sttmbr 1993, n. 850 dl Ministro dll Intrno; Titolo VI d Allgato VII dl D. Lgs. 626/94 s. m. d i.; Dcrto dl 2 ottobr 2000 dl Ministro dl Lavoro dlla Prvidnza Social Lin guida d uso di vidotrminali Vai ai contnuti Finisci

32 Azinda Ospdalira Myr - Firnz That s all folks!!! Continua

33 Azinda Ospdalira Myr - Firnz S qusta visita nl mondo di vidotrminali è stata piacvol vuoi vrificar s hai rcpito il mssaggio con il qustionario auto apprnmnto? SI SI, MOLTO VOLENTIERI NO NO, GRAZIE IO NON C HO C VOGLIA DI FARE NIENTE DI TUTTO QUESTO OPPURE HO COMPILATO IL QUESTIONARIO E QUINDI CONTINUO CONTINUO!!!

34 Azinda Ospdalira Myr - Firnz IL COMPETENCE TEAM Grazi pr l attnzion FINE!!! Sicurzza sul lavoro Ha prsntato: SOLUZIONI SOLUZIONI L USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALE MANDACI UN CON COMMENTI E/O SUGGERIMENTI

35 Azinda Ospdalira Myr - Firnz Autor: Gianluca Vrdolini

COMUNE DI MONTERIGGIONI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI INTERFERENTI STANDARD PARTE II SEZIONE IDENTIFICATIVA DEI RISCHI SPECIFICI DELL AMBIENTE E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

Lampade di. emergenza MY HOME. emergenza. Lampade di

Lampade di. emergenza MY HOME. emergenza. Lampade di Lampad di Lampad di MY HOME 97 Lampad Carattristich gnrali Scopi dll illuminazion Ngli ambinti rsidnziali gli apparcchi di illuminazion non sono imposti da lggi o norm, ma divntano comunqu prziosi ausilii.

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione Committnt /o Rsponsabil di lavori Imprsa affidataria, Imprs scutrici Lavoratori autonomi 1 Committnt CHI E : soggtto pr conto dl qual l intra opra vin ralizzata, indipndntmnt da vntuali frazionamnti dlla

Dettagli

MAGAZZINO EX GUALA VIA S. GIOVANNI BOSCO, - ALESSANDRIA PROCEDURA DI CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALL INTERNO DELL AREA

MAGAZZINO EX GUALA VIA S. GIOVANNI BOSCO, - ALESSANDRIA PROCEDURA DI CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALL INTERNO DELL AREA CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ n. 1 MAGAZZINO EX VIA S. GIOVANNI BOSCO, - ALESSANDRIA PROCEDURA DI CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALL INTERNO DELL AREA FILE: procdura

Dettagli

Sicurezza al videoterminale

Sicurezza al videoterminale http://magazine.paginemediche.it/it/366/dossier/medicina-del-lavoro/detail_1917_sicurezza-al-videoter... Pagina 1 di 12 Magazine paginemediche.it: attualità e approfondimento sulla salute Medicina del

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO EUROSCUOLA ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI BIANCHI SCUOLE PARITARIE PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO CLASSI MATERIA PROF. QUARTA TURISMO Matmatica Andra Brnsco Làvor ANNO SCOLASTICO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI DI VALUTAZIONE Poiché nl nostro prcorso si darà ampio spazio all mtodologi finalizzat a sviluppar l comptnz dgli allivi ( attravrso la dattica laboratorio, l sprinz in contsti applicativi, l analisi

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali (Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali) Allegato al contratto di appalto

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali (Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali) Allegato al contratto di appalto Documnto unico valutazion di rischi intrfrnziali (Documnto Unico Valutazion di Rischi Intrfrnziali) Allgato al contratto appalto (ai snsi dll art. 3 comma 1, lttra a) dlla Lgg 123/07 art. 26 dl D.lsg.

Dettagli

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa Convgno ABI Tavola rotonda L voluzioni dl Corporat Banking intrbancario in Italia in Europa 11 cmbr 2009 Luigi Prissich DG Confindustria Srvizi innovativi Tcnologici Il Progtto Italia Digital Costruir

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

XXX SPA Stabilimento di xxx (xx) REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO.

XXX SPA Stabilimento di xxx (xx) REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO. Pag. 1/10 REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO. Pr form azion/ addst ram nt o cont inui si intnd la attività di addstramnto, vrbal / o pratico,

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale

Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale LICEO STATALE G. TURRISI COLONNA Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale Revisione: 00 Data: 29/03/2011 1 A emissione OGGETTO Indicazioni riguardanti la corretta gestione delle postazioni di lavoro

Dettagli

Task Force deleghe al territorio Secondo incontro

Task Force deleghe al territorio Secondo incontro 1 Task Forc dlgh al trritorio Scondo incontro Roma 03 novmbr 2008 2 Immobili acquisti Esignz rilvat Strumnti gstionali Stratgia intrvnto Attività di gruppi lavoro trritoriali Prossimi Ambiti Analisi: S&S

Dettagli

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n.

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n. Lcco Sp ciale congdi parntali Lgg 8 marzo2000 n. 53 Lgg sui congdi parntali La lgg rcntmnt approvata non si limita ad manar disposizioni spcifich pr il sostgno dlla matrnità dlla patrnità, pr il diritto

Dettagli

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali Dcrto Lgislativo n. 81/08 Miglioramnto sut sicurzza di lavoratori Dvrto Lgislativo N 106/09 Attuazion dll articolo 1 lgg 3 agosto 2007 n 123 in matria di tutla sut sicurzzani luoghi di lavoro Dirttiva

Dettagli

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I Comun di Forlì COMUNE DI RAVENNA Convnzion pr la promozion dlla lgalità fiscal abitativa dgli studnti dll Univrsità di Bologna Poli Romagna pr il rilascio

Dettagli

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali ing. Domenico Mannelli Come Uso di attrezzature munite di videoterminali DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato

Dettagli

La gestione della sicurezza nel settore del trattamento rifiuti dal punto di vista europeo: l esperienza INAIL nell ambito del progetto SAF RA

La gestione della sicurezza nel settore del trattamento rifiuti dal punto di vista europeo: l esperienza INAIL nell ambito del progetto SAF RA Convgno IL RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI Rimini, 4 novmbr 2015 La gstion dlla nl sttor dl trattamnto rifiuti dal punto vista uropo: l sprinza INAIL nll ambito dl progtto SAF

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 Stu sttor Pillol aggiornamnto N. 39 27.06.2014 Il prosptto Dati bilancio in Unico2014 ENC. La riconciliazion dati dllo Stato Patrimonial nl prosptto Dati bilancio. Catgoria: Dichiarazion

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Procsso Costruzion di difici di opr di inggnria civil/industrial Squnza di procsso

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Rvision n 3 25/06/2012 SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Cognom Nom Unità Oprativa Valutator Data valutazion Da compilar s noassunto: Data inizio priodo di prova Data valutazion

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città COMUNE DI BOLOGNA Dipartimnto Economia Promozion dlla Città Allgato C all Avviso pubblico pr la prsntazion di progtti di sviluppo alla Agnda Digital di Bologna Modllo di dichiarazion sul posssso di rquisiti

Dettagli

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio Argomnti Tlfonia controvrsi: rgolamnto Agcom Chiara Faracchio Controvrsi in matria di comunicazioni lttronich: l Autorità pr l garanzi nll comunicazioni ha introdotto nuovi critri di calcolo pr la dtrminazion

Dettagli

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE CADUTA NEVE-FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO Roma, 02/2015 Rv.06/annual Pagina 1 di 6 Sd lgal Circonvallazion Gianicolns 87-00152 Roma A.Orlli. Tl. 3387 PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE PIANO DIDATTICO ANNUALE A.S. 2015/2016 Matria: Tcnologi Informatich Class (docnt) 1^ACH - Prof. Musumci

Dettagli

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA il sgunt bando pr la coprtura di insgnamnti dl Dipartimnto di ECONOMIA, SCIENZE E DIRITTO mdiant contratti di diritto privato

Dettagli

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29 - Rpubblica di Malta - Rpubblika ta' Malta - Rpublic of Malta - LEGGE pr il riconoscimnto la rgistrazion dl gnr di una prsona pr rgolar gli fftti di tal cambiamnto, nonché il riconoscimnto la tutla dll

Dettagli

COMUNE DI TREVISO SETTORE BIBLIOTECHE E MUSEI. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (ART. 26, COMMA 3, DLGS. N. 81/2008 e s.m.i.

COMUNE DI TREVISO SETTORE BIBLIOTECHE E MUSEI. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (ART. 26, COMMA 3, DLGS. N. 81/2008 e s.m.i. COMUNE DI TREVISO SETTORE BIBLIOTECHE E MUSEI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (ART. 26, COMMA 3, DLGS. N. 81/2008 s.m.i.) DIRIGENTE DEL SETTORE: dr. Emilio Lippi Dirignt dl Sttor

Dettagli

Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori

Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori 32 Requisiti e Prescrizioni di Sicurezza Il D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. indica requisiti e prescrizioni per: - Luoghi di Lavoro; - Uso delle attrezzature

Dettagli

Integrazione e Integratori delle Informazioni

Integrazione e Integratori delle Informazioni SC.S.I. A.S.O. Ordin Mauriziano Workshop intrrgional sui sistmi informativi pr la gstion la valutazion dll rti oncologich Torino 24-25 maggio 2007 Intgratori dll Andra Bo - A.S.O. Ordin Mauriziano - S.C.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO M. ANZI DI BORMIO Scuola Primaria di Cepina Valdisotto PROGETTO IMPARA L ARTE E FAI DA TE

ISTITUTO COMPRENSIVO M. ANZI DI BORMIO Scuola Primaria di Cepina Valdisotto PROGETTO IMPARA L ARTE E FAI DA TE ISTITUTO COMPRENSIVO M. ANZI DI BORMIO Scuola Primaria di Cpina Valdisotto PROGETTO IMPARA L ARTE E FAI DA TE Classi coinvolt: prima A B Tmpi di ffttuazion: 19-20-21 novmbr 2015 Obittivi trasvrsali gnrali:

Dettagli

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr la Programmazion la gstion dll risors uman, finanziari strumntali Dirzion Gnral pr intrvnti in matria di dilizia scolastica, pr la gstion

Dettagli

Il Rgistro E-PRTR (Europan Pollutant Rlas and Transfr Rgistr) Attuazion dl Rgolamnto (CE) n. 166/06 LA DICHIARAZIONE PRTR Dlgs 46/2014 (rcpimnto IED), con l art. 30 introduc pr la prima volta l sanzioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza Sicurzza informativa: vrso l intgrazion di sistmi di gstion pr la sicurzza Convgno ABI Banch Sicurzza 2006 Roma, 7 Giugno 2006 Raoul Savastano, Rsponsabil Srvizi Sicurzza KPMG Irm Advisory Agnda Il problma

Dettagli

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO LICEO SCIENTIFICO BERTRAND RUSSELL CLES (Tn) CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Modulo 4: Lavoro al Video Terminale secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chilesotti. Elettronica ed Elettrotecnica-Informatica e Telecomunicazioni-Trasporti e Logistica PIANO DI MATERIA

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chilesotti. Elettronica ed Elettrotecnica-Informatica e Telecomunicazioni-Trasporti e Logistica PIANO DI MATERIA 1. Dati gnrali ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chsotti PIANO DI MATERIA Indirizzo lttronica Matria Rligion Cattolica o att. alt. Class quinta Anno scolastico: 2015/2016 2. : Sulla bas dll Indicazioni

Dettagli

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB In rlazion a quanto prvisto dall art.2120 C.C., dall norm di lgg dagli accordi collttivi vignti, convngono ch, in aggiunta alla casistica sprssamnt prvista, il dipndnt possa chidr la anticipazion dl proprio

Dettagli

(ai sensi dell art. 26, comma 3 del D. Lgs. 81/08) Fondazione Don Mozzatti D Aprili. direzione@donmozzatti.it. Dott.

(ai sensi dell art. 26, comma 3 del D. Lgs. 81/08) Fondazione Don Mozzatti D Aprili. direzione@donmozzatti.it. Dott. VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA FORNITURA PER 36 MESI DI DERRATE ALIMENTARI D.U.V.R.I. PRELIMINARE PER PROCEDURA DI AFFIDAMENTO (ai snsi dll art. 26, comma

Dettagli

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A.

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A. I SGSL il Modllo Organizzativo L lin guida INAIL la OHSAS 18001: carattristich spcificità 17 sttmbr 2008 Palazzo dlla Cultura di Congrssi di Bologna Dott. Fabrizio Zcchin SCS Azioninnova S.p.A. OBIETTIVO

Dettagli

Alcune definizioni correnti di curricolo. Umberto Margiotta

Alcune definizioni correnti di curricolo. Umberto Margiotta Alcun dfinizioni corrnti Umbrto Margiotta Di cosa è fatto intanto un? Di una squnza apparntmnt smplic linar lmnti ch, anch s vrsamnt dfiniti d splicitati, ricorrono in ogni contsto istruzion o progtto

Dettagli

Regolamento per il controllo della pubblicità

Regolamento per il controllo della pubblicità Rgolamnto pr il controllo dlla Rgolamnto pr il controllo dlla pu bbliciià. Introduzion: Qusto Rgolamnto vin applicato pr il controllo dlla pubbliciti su: Indumnti d quipaggiamnto di ginnasti, giudici diuignti;

Dettagli

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali L Rti Imprsa: asptti oprativi commrciali Stfano COCCHIERI Had of Soft Loans Contributions & Subsis Prugia, 21 Novmbr 2012 IL CONTRATTO DI RETE ll Contratto rapprsnta una forma aggrgativa ibrida aggiuntiva

Dettagli

CAT CASSONETTO 4-06-2008 10:26 Pagina 1 CATALOGO CASSONETTO A SCOMPARSA PER AVVOLGIBILI

CAT CASSONETTO 4-06-2008 10:26 Pagina 1 CATALOGO CASSONETTO A SCOMPARSA PER AVVOLGIBILI CAT CASSONETTO 4-06-2008 10:26 Pagina 1 CATALOGO CASSONETTO A SCOMPARSA PER AVVOLGIBILI CAT CASSONETTO 4-06-2008 10:26 Pagina 2 VANTAGGI DEL CASSONETTO PERCHÈ PREFERIRE IL CTS Facilità di impigo rapidità

Dettagli

1 Scheda di Adesione scaricabile sul sito www.fondazionecariplo.it/scuola21. ione relativo a una ipotetica. consapevoli.

1 Scheda di Adesione scaricabile sul sito www.fondazionecariplo.it/scuola21. ione relativo a una ipotetica. consapevoli. VERSO LA COSTRUZIONE CONDIVISA DEL PIANO DIDATTICO DI SCUOLA 21 s. Istituto Tcnico Commrcial L'obittivo dl prsnt documnto è qullo di smplificar la compilazion dl Piano Didattico di Scuola 21 ch è riportato

Dettagli

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 CANTON z j J COMUNE DI CASLANO CONFEDERAZIONE SVIZZERA - TICINO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 Modifica parzial dii art. 56 di Rgolamnto organico i dipndnti comunali (ROD) con l insrimnto di nuov funzioni

Dettagli

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO)

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) 10.11.2010 IT Gazztta ufficial dll'union uropa C 304 A/1 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) BANDO DI CONCORSI GENERALI EPSO/AST/109-110/10 CORRETTORI

Dettagli

3 Corso di Formazione per Operatori Volontari per Centri di Primo Soccorso e Centri di Recupero Animali Selvatici Feriti o in difficoltà.

3 Corso di Formazione per Operatori Volontari per Centri di Primo Soccorso e Centri di Recupero Animali Selvatici Feriti o in difficoltà. Corpo di Polizia Provincial 3 Corso di Formazion pr Opratori Volontari pr Cntri di Primo Soccorso Cntri di Rcupro Animali Slvatici Friti o in difficoltà. (Opratori da impigar prsso il Cntro di Rcupro Animali

Dettagli

Sicurezza nei luoghi di lavoro

Sicurezza nei luoghi di lavoro Sicurezza nei luoghi di lavoro Il termine ergonomia indica l insieme delle tecniche, degli strumenti e degli accorgimenti che consentono di creare un ambiente di lavoro sicuro e confortevole. Le norme

Dettagli

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO 132 13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO La prparazion complta dl calciator si ralizza sottoponndo il suo organismo, la sua prsonalità la sua potnzialità motoria, ad una gran quantità di stimoli ch

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

MODULO 01 TERMODINAMICA

MODULO 01 TERMODINAMICA Programmazion di Impianti Trmici Class V TS A.S. 2011-2012 Insgnant: ing. Cardamon Antonio MODULO 01 TERMODINAMICA Prsntazion: con il modulo in oggtto, l allivo è nll condizioni di svolgr calcoli rlativi

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A AREA PERSONALE Ufficio Prsonal tcnico amministrativo Macrata, li 30.10.2008 Prot. N. 11694 IPP/29 d Ai Magnifici Rttori dll Univrsità Ai Dirttori

Dettagli

Unità didattica: Grafici deducibili

Unità didattica: Grafici deducibili Unità didattica: Grafici dducibili Dstinatari: Allivi di una quarta lico scintifico PNI tal ud è insrita nllo studio dll funzioni rali di variabil ral. Programmi ministriali dl PNI: Dal Tma n 3 funzioni

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

MODELPAK MD 400. [Persiana interamente metallica]

MODELPAK MD 400. [Persiana interamente metallica] MODELPAK MD 400 [Prsiana intramnt mtallica] MODELPAK MD 400 Lamll disponibili in 1000 tonalità PRESTAZIONI Protzion Protzion solar Protzion contro l intmpri Protzion dagli intrusi Isolamnto acustico Comfort

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione UNITÀ FUNZINI E LR RAPPRESENTAZINE Tst di autovalutazion 0 0 0 0 0 50 60 70 80 90 00 n Il mio puntggio, in cntsimi, è n Rispondi a ogni qusito sgnando una sola dll 5 altrnativ. n Confronta l tu rispost

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA, L UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA, L UNIVERSITA CA FOSCARI E L AZIENDA REGIONALE PER

Dettagli

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Accordo quadro-oprativo ICE - Agnzia pr la promozion all stro l intrnazionalizzazion dll imprs italian RtImprsa, Agnzia Confdral pr l Rti di Imprsa L ICE - Agnzia pr la promozion all stro intrnazionalizzazion

Dettagli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INRICHI DIDATTICI NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE PER L ANNO ACDEMICO

Dettagli

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero Mrcato global dll matri prim: il caso Frrro Mauro Fontana In un priodo di fort crisi, com qullo ch attualmnt stiamo vivndo, il vincolo dl potr di acquisto di consumatori assum un importanza fondamntal

Dettagli

CHECK LIST per i Controlli di Sicurezza sul lavoro

CHECK LIST per i Controlli di Sicurezza sul lavoro AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA (D.Lgs. n. 517/1999 - Art. 3 L.R.Vnto n. 18/2009) SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Dirttor: Ing. Maurizio Lornzi Sd di Borgo Roma P.l L.A. Scuro, 10-37134

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

Distanze di sicurezza e prevenzione degli infortuni. Distanze di sicurezza secondo le norme EN 349 e EN ISO 13857

Distanze di sicurezza e prevenzione degli infortuni. Distanze di sicurezza secondo le norme EN 349 e EN ISO 13857 Distanz di sicurzza prvnzion dgli infortuni Distanz di sicurzza scondo l norm EN 349 EN ISO 13857 Suva Tutla dlla salut Caslla postal, 6002 Lucrna Informazioni Tl. 041 419 58 51 Download www.suva.ch/waswo-i/66137

Dettagli

dossier a cura di Alessandro Massari

dossier a cura di Alessandro Massari I REFERENDUM REGIONALI ABROGATIVI, CONSULTIVI, PROPOSITIVI dossir a cura di Alssandro Massari PREMESSA... 2 1. RIMBORSI SPESE... 2 2. REFERENDUM PREVISTI NELLE DISPOSIZIONI STATUTARIE DELLE REGIONI A STATUTO

Dettagli

Donare ai tempi della crisi

Donare ai tempi della crisi Argomnti Donar ai tmpi dlla crisi Domnico Chirico Non è smplic districarsi all intrno dll numros richist opportunità di donazion ch, soprattutto in tmpi di crisi, provngono da molti fronti. L articolo

Dettagli

Normative e strumenti per una Telesanità al servizio delle imprese

Normative e strumenti per una Telesanità al servizio delle imprese Normativ strumnti pr una Tlsanità al srvizio dll imprs M.Carnillo Dirzion Mrcato - PAL Cntro Nord info.lgalmail@infocamr.it lgaldoc@infocamr infocamr.it www.lgalmail lgalmail.it www.lgaldoc lgaldoc.it

Dettagli

Studio di funzione. R.Argiolas

Studio di funzione. R.Argiolas Studio di unzion R.Argiolas Introduzion Prsntiamo lo studio dl graico di alcun unzioni svolt durant l srcitazioni dl corso di analisi matmatica I assgnat nll prov scritt. Ringrazio anticipatamnt tutti

Dettagli

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

Grazie per aver scelto un telecomando Meliconi.

Grazie per aver scelto un telecomando Meliconi. IT I Grazi pr avr sclto un tlcomando Mliconi. Consrvar il prsnt librtto pr futur consultazioni. Il tlcomando Facil 1 è stato studiato pr comandar un tlvisor. Grazi alla sua ampia banca dati è in grado

Dettagli

VIDEOTERMINALI & SALUTE

VIDEOTERMINALI & SALUTE VIDEOTERMINALI & SALUTE note informative per il personale dell Istituto note informative per il personale dell Istituto Pagina 1 Il presente documento informativo è stato promosso dal Servizio di Prevenzione

Dettagli

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 1 Funzioni Indic 1 Il conctto di funzion 1 Funzion composta 4 3 Funzion invrsa 6 4 Rstrizion prolungamnto di una funzion 8 5 Soluzioni dgli srcizi

Dettagli

RIFLESSI DEL NUOVO ASSETTO NORMATIVO FISCALE SULLE SCELTE ORGANIZZATIVE E OPERATIVE DELLE SOCIETA IMMOBILIARI

RIFLESSI DEL NUOVO ASSETTO NORMATIVO FISCALE SULLE SCELTE ORGANIZZATIVE E OPERATIVE DELLE SOCIETA IMMOBILIARI RIFLESSI DEL NUOVO ASSETTO NORMATIVO FISCALE SULLE SCELTE ORGANIZZATIVE E OPERATIVE DELLE SOCIETA IMMOBILIARI Riccardo Bolla Commrcialista in Gnova Milano Stuo Profssionisti CTS Bolla Quaglia Associati

Dettagli

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI UNIVR Facoltà di Economia Corso di Matmatica finanziaria 008/09 ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI Domini di funzioni di du variabili Esrcizio a f, = log +. L unica condizion di sistnza è data dalla disquazion

Dettagli

Opuscolo sui sistemi. Totogoal

Opuscolo sui sistemi. Totogoal Opuscolo sui sistmi Totogoal Più info Conoscnz calcistich pr vincr Jackpot alti Informazioni dttagliat costantmnt aggiornat sul Totogoal, sui programmi Toto sui risultati rpribili su Tltxt, a partir dalla

Dettagli

Le 4 tappe del processo

Le 4 tappe del processo Sistma Rifrimnto Vnto pr la Sicurzza nll Scuol Il Piano vacuazion scolastico CORSO DI FORMAZIONE PER 6.1b DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI L 4 tapp dl procsso

Dettagli

Social Accountability SA 8000

Social Accountability SA 8000 Social Accountability SA 8000 1 SA 8000 La Rsponsabilità Social dll Imprs PRESENTAZIONE DELLA NORMA Modulo di formazion 1 2 di Srvizi alla Prsona Rv. 0 dl 05.08.2003 - Pagina 1/107 E vitata la riproduzion

Dettagli

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering Europan Cntr for Rsarch in Earthquak Enginring Parr sulla vntual obbligatorità di un intrvnto di adguamnto sismico nll ambito dll intrvnto di ristrutturazion, adguamnto ampliamnto dlla Casa Albrgo pr Anziani

Dettagli

Informatica. Comunicazione e multimedialità. Vibo Valentia, 24 ottobre 2005 Ercole Colonese e.colonese@virgilio.it. Testo

Informatica. Comunicazione e multimedialità. Vibo Valentia, 24 ottobre 2005 Ercole Colonese e.colonese@virgilio.it. Testo Tsto Informatica Suono, tsto, immagin, filmato Comunicazion multimalità Vibo Valntia, 24 ottobr 2005 Ercol Colons.colons@virgilio.it Comunicazion Multimalità Tsto Comunicazion Multimalità 2 Comunicazion

Dettagli

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Univrsità dgli Studi di Firnz Dipartimnto di Inggnria Civil d Ambintal TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI IN CONTO TERZI (Approvato dal Consiglio di Dipartimnto dl 24/01/2002) ATTIVITÀ E SERVIZI OFFERTI PROVE

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA EXPO 2015 S.p.A. Rgion Lombardia il Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Ufficio Scolastico Rgional pr la Lombardia in accordo con ANCI Lombardia Rgion Ecclsiastica

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO SOTTO IL MONTE OBIETTIVI FORMATIVI OSA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO SOTTO IL MONTE OBIETTIVI FORMATIVI OSA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO SOTTO IL MONTE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARVICO CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE CLASSI SECONDE E TERZE OBIETTIVI FORMATIVI OSA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE corpo l funzioni snsoprcttiv

Dettagli

L 309/56 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 19.11.2013

L 309/56 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 19.11.2013 L 309/56 Gazztta ufficial dll Union uropa 19.11.2013 Rttifica dl rgolamnto (UE) n. 10/2011 dlla Commission, dl 14 gnnaio 2011, riguardant i matriali gli oggtti di matria plastica dstinati a vnir a contatto

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

Si comunica che verrà attivato un corso coni figc, al raggiungimento del numero minimo di 35 iscritti, presso la delegazione di Milano.

Si comunica che verrà attivato un corso coni figc, al raggiungimento del numero minimo di 35 iscritti, presso la delegazione di Milano. 1) CORSI CONI FIGC STAGIONE 2011 2012 Bando Corso CONI FIGC MILANO Si comunica ch vrrà attivato un corso coni figc, al raggiungimnto dl numro minimo di 35 iscritti, prsso la dlgazion di Milano. Potranno

Dettagli

L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO. Redatto da Dott.Guido Perina- Medico Competente

L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO. Redatto da Dott.Guido Perina- Medico Competente L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO PATOLOGIA DA INDOOR: NON SOLO IL VIDEOTERMINALE 1) Problemi legati all'affaticamento fisico e mentale: lo stress 2) Disturbi al Sistema Muscolo-Scheletrico 3)

Dettagli

Il paziente finalmente garantito.

Il paziente finalmente garantito. Il pazint finalmnt garantito. Dal nonato alla sala opratoria sicurzza in ospdal. Esprinz al Buzzi CTO di Milano. Gianluca Lista Gli Istituti Clinici di Prfzionamnto di Milano Azinda Ospdalira di rilivo

Dettagli

AZIONI SISMICHE TRAMITE SPETTRO DI RISPOSTA- LA NUOVA NORMA 2007

AZIONI SISMICHE TRAMITE SPETTRO DI RISPOSTA- LA NUOVA NORMA 2007 ispns orso ostr Zon ismica 2 mod _Prof amillo Nuti_ AA 2006 2007 AZIONI IMIHE RAMIE PERO I RIPOA- LA NUOVA NORMA 2007 AZIONI IMIHE L azioni sismich di protto con l quali valutar il risptto di divrsi stati

Dettagli

METODO DEGLI ELEMENTI FINITI

METODO DEGLI ELEMENTI FINITI Dal libro di tsto Zinkiwicz Taylor, Capitolo 14 pag. 398 Il mtodo dgli lmnti finiti fornisc una soluzion approssimata dl problma lastico; tal approssimazion driva non dall avr discrtizzato il dominio in

Dettagli

Regolamento per la certificazione dei Sistemi di Gestione e/o Prodotto Integrati secondo lo schema Food Expo Excellence

Regolamento per la certificazione dei Sistemi di Gestione e/o Prodotto Integrati secondo lo schema Food Expo Excellence Rgolamnto pr la crtificazion di Sistmi di Gstion /o Prodotto Intgrati scondo lo schma Food Expo Excllnc In vigor dal 04/03/2014 Agroqualità S.p.A. Vial Csar Pavs, 305-00144 Roma - Italia Tl. +39 06 54228675

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA VIDEOTERMINALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli