GLI INTERMEDIARI FINANZIARI IN ALBANIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI INTERMEDIARI FINANZIARI IN ALBANIA"

Transcript

1 GLI INTERMEDIARI FINANZIARI IN ALBANIA PREFAZIONE 1 Mi sono sforzato di fare un quadro generale della situazione attuale delle strutture d intermediazione finanziaria in Albania. Il materiale consultato per questo lavoro sono, i rapporti trimestrali e annuali del KLV (commissione dei titoli di valore in Albania) e la normativa della Banca Centrale della repubblica d Albania. Il seguente documento e stato strutturato nel seguente modo: in veloce sguardo al sistema finanziario albanese, la Banca Centrale del Albania, il KLV Commissione dei titoli di valore, i Fondi comuni di investimento FCI e alla fine, uno sguardo alla Borsa di Tirana. L Albania e un paese in transizione, ed e ancora nella fase del trasferimento della proprieta pubblica in propieta privata. Per questo, come ogni altro paese in questa fase, gli intermediari finanziari sono indispensabili al raggiungimento di questo fine, della privatizzazione. Un po di storia: Negli anni 90 L Albania usci dalla sistema socialista, in cui tutti i beni immobili erano proprietà pubblica. La strategia dei governi post-novanta era e continua ad essere, trasferì questi beni in mano dei privati. In un sistema finanziario l orientamento ad un mercato solido e la base per un economia in transizione e per il suo stabile sviluppo. Il sistema finanziario con la sua ristrutturazione nel 1992 e stato caratterizzato dalla creazione di nuove strutture finanziarie e la privatizzazione delle banche dello stato e l incremento del numero delle banche private. 1 Vorrei ringraziare per lo stimolo datomi il prof. Stefano Fabrizo e la sig.ra Flora Musta (direttrice del dipartimento di controllo del KLV) per la disponibilità ad aiutarmi in questa ricerca. 1

2 Negli anni cominciarono ad esistere ed a svilupparsi delle strutture finanziarie speculative. In questo periodo il mercato dei titoli di valore ebbe una forte crescita. Per questo nel 96 si penso che sarebbe stato giusto l esistenza di un ente regolatore dei titoli di valore e del mercato in cui questi titoli si possono scambiare. Cosi il legislatore con la legge n del Sui titoli di valore diede vita alla Commissione dei Titoli di Valore ( KLV Komisioni i Letrave me Vlere). Poco dopo, in data in base alla legge n deciso dal consiglio dei ministri fu ideato il Centro della Registrazione delle Azioni (QRA Qendra e Rregjistrimit te Aksioneve). In data il KLV ( Comitato dei titoli di valore) in collaborazione con la banca centrale d Albania crearono la Borsa di Tirana, come dipartamento della banca centrale. La Borsa di Tirana era pensata come l unico mercato formale per lo scambio dei titoli di valore. In poche parole lo stato creo queste strutture per un maggior controllo sul mercato dei titoli delle suddette strutture finanziarie speculative che alla fine del 1996 avevano gia raggiunto il loro colmo, offrendo dei tassi d interesse irraggionevoli per le quote versate agli investitori. E come si aspettava ad inizio 1997 queste, strutture cominciarono a fallire una dopo l altra dando un duro colpo agli investitori ed all economia domestica, che porto ad una crisi e paralizzazione dello stato. Nel 1998, dopo la bruta esperienza sofferta, e dopo dei cambiamenti sul sistema finanziario, la situazione si stabilizzo. In data KLV ( Comitato dei titoli di valore) diede la licenza alla societa QRAspa (Centro della Registrazione delle Azioni) societa questa, con unico azionario lo stato. Il QRA rappresenta l unica società licenziata per offrire il servizio di registrazione delle azioni. In data il KLV diede la licenza alla Borsa di Tirana non più come dipartimento della banca centrale ma come s.p.a. con capitale pubblico. La Borsa di Tirana s.p.a. rimane l unico mercato di titoli di valore in Albania. In ogni modo al giorno d oggi il sistema finanziario in Albania continua ad essere dominato dalle banche e nello stesso tempo le altre strutture hanno un importanza relativamente bassa nell economia. 2

3 3 GLI INTERMEDIARI FINANZIARI IN ALBANIA

4 BANCA CENTRALE DEL ALBANIA Nel 1992 il sistema bancario albanese fu ristrutturato in un sistema bancario a due livelli in cui al primo livello fu messa la banca centrale dell Albania e nel secondo facevano parte tutte le altre banche con attività dentro la repubblica dell Albania. In questa maniera la banca centrale fu messa al colmo della piramide del sistema bancario Albanese. Dal 92 la banca centrale decide sulle politiche monetare e bancarie da seguire per un corretto funzionamento del sistema bancario in Albania. Lo sviluppo del settore bancario: Lo sviluppo del settore bancario in Albania si potrebbe suddividere in tre fasi secondo le caratteristiche e gli obbiettivi delle riforme tutto il sistema bancario cambio da sistema ad unico livello ad sistema a due livelli di banche le banche dello stato ancora dominano il sistema bancario, si creano delle banche private dagli stranieri e delle banche joint-venture ed il mercato finanziario cresce velocemente in modo non ufficioso ad oggi: ce una maggiore tendenza alla privatizzazione delle banche dello stato, (obbiettivo questo ormai raggiunto con la privatizzazione dell ultima banca rimasta in mano dello stato, banca del risparmio), si rinforza l indipendenza della banca centrale, si costruisce la base normativa, cresce il numero delle banche private, ed al giorno d oggi le banche tendono maggiomente ad non avere capitale straniero. Banca dell Albania e la banca centrale della Repubblica dell Albania e funziona in base alla legge n8269 del per la banca dell Albania. La banca centrale e una persona giuridica pubblica con sede in Tirana. La BC e indipendente nella realizzazione del suo obiettivo principale e nell esercizio delle sue competenze. L unica autorità davanti alla quale risponde la banca centrale e il Parlamento. La legge 8269 del ci dice il modo in cui la banca è controllata dal legislatore. La banca presenta al legislatore dei rapporti semestrali in cui valuta la situazione economica finanziaria del paese, e fa vedere le politiche seguite o da seguire da lei. La BC e organizzata, diretta e svolge la sua attività tramite il Consiglio di Sorveglianza, GLI amministratori che sono il governatore, I due vice 4

5 governatori e il suo personale. Il Consiglio di Sorveglianza e l organo che decide e sorveglia le politiche, l amministrazione, e le operazioni della BC. Obiettivo principale della BC e conservare la stabilita dei prezzi. La banca stimola e sostiene lo sviluppo e il sistema dei cambi, il mercato finanziario interno, il sistema dei pagamenti, aiuta nel miglioramento delle condizioni monetarie e creditrice, in sostegno della stabilita e dello sviluppo economico. Per quando riguarda i rapporti con le altre banche (di secondo livello) la Banca Centrale e in modo esclusivo responsabile per le licenze date a loro e per la loro sorveglianza. L unita monetaria in Albania e il LEK. La BC ha il diritto esclusivo su di esso ed e l unica emittente di questa moneta che ha un corso legale entro il territorio dell Albania. Indirizzo web 5

6 KLV IL COMMISIONE DEI TITOLI DI VALORE ASC ALBANIAN SECURITIES COMMISION La commissione dei titoli di valore KLV (komisioni i letrave me vlere) della Repubblica dell Albania fu creata in base alla legge n del sui titoli di valore che fu succeduto dalla decisione del consiglio dei ministri n. 696 del La legge 8080 del sui titoli di valore e la base regolamentare per l attività del KLV. L obbiettivo di questa legge e assicurare l investitore in titoli, mediante la fondazione del KLV, e la regolamentazione del mercato dei titoli di valore e dei soggetti operanti in questo mercato, tramite il controllo dell emissione pubblica e dello scambio dei titoli. In figura sono rappresentati la struttura del KVL e le funzioni dei diversi dipartimenti. KLV e l unica autorità regolamentale del mercato dei titoli di valore in Albania. KLV e composto di sette commissionari approvati dal parlamento, ed e finanziato dal bilancio dello stato con sovvenzione per un periodo di tempo fino a quando potrà funzionare come un istituzione indipendente in cui le quote ricevute dagli attori del mercato saranno sufficienti al suo funzionamento. Per raggiungere i suoi obiettivi la commissione ha creato la sua amministrazione, come presentato in figura. E fornito di un potere sanzionato rio indiretto. La missione del KLV e: - Assicurare alti Standard nella difesa degli investitori in titoli di valore. - Stimolare la credibilità nell efficienza del mercato dei titoli di valore in Albania in maniera di sostenere il suo continuo sviluppo. - Controllare effettivamente le attività dei mercati dei titoli di valore, le attività dei partecipanti al mercato e le istituzioni che svolgono le attività di pulitura e sistemazione dei conti. - Evitare situazioni di market power. - Trasparenza, corretezza, concorenzialita. Il 16 settembre 1998 KLV fu acetato come membro a tutti gli effetti dallo IOSCO, l organizzazione internazionale delle commissioni dei titoli di valore. KLV e anche membro del comitato dei mercati in via di sviluppo (Emergig Markets Committee). Indirizzo web del KLV e 6

7 7 GLI INTERMEDIARI FINANZIARI IN ALBANIA

8 FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO I fondi comuni d investimento sono disciplinati dalla legge n del sui fondi d investimento. Il KLV ha preparato un progetto legge che dovrebbe sostituire la legge in vigore ed ha espresso in modo chiaro che nessun individuo e permesso di fare in modo che delle persone divengano investitrici in un fondo se non licenziato dal KLV. Questo progetto ritiene che sia indispensabile una revisione del quadro legislativo nel campo degli investimenti collettivi e lo stabilimento giusti rapporti fra la legislazione Albanese, le direttive europee ed i principi di IOSCO. Il progetto legge sui fondi comuni d investimento e stato preparato dal KLV durante il Obiettivo principale di questo progetto-legge e una maggior difesa dei risparmiatori, illegittimando i fondi comuni d investimento non licenziati dal KLV. Questo progetto legge ne prevede due metodi per la creazione dei fondi: 1 create in base ad un contratto, e chiamate fondi d investimento. 2 create come società per azioni e chiamate società d investimento. L attività dei fondi sarà basata sul principio di diversificazione del rischio, e nello sfruttamento delle economie di scala, con il principio d accumulazione d investimenti da tanti piccoli risparmiatori. QRA CENTRO DELLA REGISTRAZIONE DELLE AZIONI. QRA funziona in conformità a regole interne. Nel novembre 2002 KLV diede la licenza, come unica società di registrazione delle azioni, alla QRA s.p.a. QRA s.p.a. e una società per azioni senza offerta pubblica in cui unico detentore delle azioni e lo stato. QRA fu ideata come un istituzione indipendente e specializzata che sarebbe stata tenuta alla registrazione delle azioni delle società private create come risultato del programma per la privatizzazione in massa in Albania. I dati del QRA ci fanno vedere che in Albania esiste un mercato delle azioni, anche se non regolamentato, fuori dalla borsa. E da questi dati ne risulta che solo un piccolo numero delle società per azioni non ha mai avuto attività di scambio delle azioni, e nel frattempo la maggior parte delle altre società ha avuto un intensiva attività di scambio delle azioni fuori dai canali del mercato ufficiale. Le società per azioni con più di 50 azionisti hanno l obbligo di registrarsi presso il QRA. Oltre a questo, le suddette società hanno l obbligo di trasmettere tutte le informazioni sulle transazioni delle loro azioni e l obbligo di aggiornare queste informazioni. Queste società devono inoltre trasmettere informazioni come 1)Comunicare la data della riunione dell assemblea dei soci, 2)Calcolo del dividendo, etc. 8

9 BORSA DI TIRANA S.P.A. L economia Albanese, come un economia in crescita e con limitate fonti di finanziamento, nell attuale stato d esecuzione di un programma macroeconomico di privatizzazione dei suoi potenziali, ha bisogno dello sviluppo di un mercato dei titoli di valore. Un mercato legale e regolamentato per lo scambio dei vari strumenti finanziari, sarebbe appunto opportuno, basandoci anche nell esperienza dei paesi sviluppati. L opzione ottimale sarebbe una borsa strutturata come una piattaforma multifunzionale di scambio per gli strumenti di mercato della moneta e di capitale. La creazione di un mercato per lo scambio degli strumenti di capitale e anche un punto di partenza per la creazione d altre strutture e strumenti nel settore finanziario. La Borsa di Tirana fu creata nel dal KLV (commissione dei titoli di valore) in collaborazione con la Banca Centrale, come dipartimento della banca centrale e svolgeva la funzione di mercato dei titoli di stato. Ma siccome i titoli di stato sono strumenti della politica macroeconomica questa funzione nel 1998 fu poi passata ad un altro dipartimento (dipartimento delle operazioni monetarie) della banca centrale che si occupa della politica macroeconomica. Dal 1998 la borsa di Tirana continua a non scambiare titoli. Questo e effetto specialmente dell esistenza di un mercato secondario, per lo scambio dei titoli, diretto tra le banche, fuori dalla borsa. Mercato questo previsto dal legislatore con decisione del consiglio dei ministri n. 77 che permette lo scambio dei buoni del tesoro in un mercato OTC. Allo steso tempo il QRA (centro della registrazione delle azioni) ne registra un considerevole numero di azioni scambiati fra privati. E questo ci mostra che in verità esiste l attività di scambio delle azioni. In novembre 2002 KLV come unica autorità di controllo del mercato dei capitali in Albania diede la licenza, come ente indipendente, alla ormai società per azioni Borsa di Tirana per operare come unico mercato dei titoli di valore (azioni, obbligazioni, titoli di stato) in Albania. La società Borsa di Tirana s.p.a. ha la forma di una società per azioni senza offerta pubblica con unico proprietario lo stato (il ministero della finanza). Il mercato dei titoli in Albania e regolamentato dalla legge 8080 del sui titoli di valore cambiato con la legge 8168 del e con la legge 8745 del La legge ne determina i tipi dei titoli di valore scambiabili sul mercato, la maniera della loro emissione, l organizzazione e l attività del mercato dei titoli di valore, la licenza e l etica dei soggetti attivi nell investimento in titoli di valore. Indirizzo web 9

10 CONCLUSIONE Spero di essere stato chiaro nell informazione trasmessa. Dopo una lunga riflessione sul materiale consultato sono arrivato ad individuare una serie di cause per l attuale stato della Borsa di Tirana: - In Albania operano imprese non grandi e vale dire, che non sono molto disponibili a listarsi in borsa. - I titoli di valore sono una nuova realtà per il mercato Albanese e in pratica il piccolo investitore non essendo informato sulla materia tende a non investire. - Esistono dei canali di scambio fuori dalla borsa più convenienti ai privati. - Ce una trasparenza ridotta sui titoli di valore, causata dalle forti asimmetrie informative. - E alla fine la borsa e stata creata dallo stato per venire in contro alle esigenze dei privati. Ma se vediamo dalle esperienze d altri paesi più sviluppati la borsa e stata creata dai privati, e ciò che voglio dire e che forse la creazione della borsa potrebbe essere prematura e sforzata ad esistere. Perché pensandoci bene, il mercato dei capitali nasce come bisogno dello sviluppo economico finanziario per il continuo trasferimento del capitale, e vale a dire come processo naturale in determinati momenti e non come iniziativa di un governo oppure di qualche istituzione. Comunque ultimamente si sente un interessamento dalla parte delle società private, connesso allo sfruttamento della borsa come possibile alternativa per assorbire fondi necessari all ampliamento della loro attività economica. L esaurimento delle capacità di finanziamento da parte delle banche alle grandi imprese, inevitabilmente porterà alla considerazione di questapossibilità, di usare la borsa come alterativa di finanziamento. In ogni modo si pensa che non sarà l impresa privata la prima che si avvicinerà alla borsa. Per questo la Borsa di Tirana sta collaborando strettamente con altre strutture analoghe d altri paesi. Una stretta collaborazione e istruito fra la Borsa di Tirana ed il GMA (capital markets limited) che hanno progettato una strategia a lungo termine di sviluppo graduale dell mercato dei titoli in Albania. 10

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

La comunicazione economico-finanziaria

La comunicazione economico-finanziaria La comunicazione economico-finanziaria Università di Urbino La comunicazione economico-finanziaria E il complesso delle comunicazioni effettuate attraverso qualsiasi canale di diffusione dalla direzione

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

MINUSVALENZE PREGRESSE: COME RECUPERARLE E VIVERE (QUASI) FELICI

MINUSVALENZE PREGRESSE: COME RECUPERARLE E VIVERE (QUASI) FELICI 06/12/2013 In questo Diario di Bordo parliamo dell astruso meccanismo italiano di tassare le plusvalenze nel risparmio amministrato e di come utilizzare il proprio zainetto fiscale per ridurre la tassazione

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

AIM Italia UNA NUOVA OPPORTUNITA PER ACCELERARE LA CRESCITA DELLE PMI. Barbara Lunghi

AIM Italia UNA NUOVA OPPORTUNITA PER ACCELERARE LA CRESCITA DELLE PMI. Barbara Lunghi AIM Italia UNA NUOVA OPPORTUNITA PER ACCELERARE LA CRESCITA DELLE PMI Barbara Lunghi Perché quotarsi? RISORSE FINANZIARIE Raccogliere importanti risorse finanziare Diversificare le fonti di finanziamento,

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI IMPIEGHI DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER GLI IMPIEGHI DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER GLI IMPIEGHI DEL PATRIMONIO (approvato dalla Commissione Centrale di Beneficenza nella riunione del 28 febbraio 2005; coordinato con le modifiche deliberate il 24 luglio 2007, il 16 dicembre

Dettagli

IL FONDO IMMOBILIARE DI DIRITTO SVIZZERO

IL FONDO IMMOBILIARE DI DIRITTO SVIZZERO L&F LAW AND FINANCE IL FONDO IMMOBILIARE DI DIRITTO SVIZZERO Seminario SVIT TICINO MLaw Daniel Rempfler Lugano, 1 marzo 2012 Indice 1. Tipologie di fondi 2. Fondi aperti e chiusi 3. Fondo contrattuale

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

Zurich Invest Select Portfolio

Zurich Invest Select Portfolio Una gestione patrimoniale ottimale Zurich Invest Select Portfolio Un investimento di capitale presuppone fiducia: la fiducia in una consulenza seria e in decisioni competenti. Poiché vi potete fidare della

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 Gennaio 2012 CERCASI LIQUIDITÁ DISPERATAMENTE Mentre prosegue l azione di allentamento delle condizioni monetarie internazionali, il mercato interbancario italiano soffre

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

APPENDICE 2 Proposta di creazione di un fondo condiviso interest-free interno a Banca Etica di Giorgio Simonetti

APPENDICE 2 Proposta di creazione di un fondo condiviso interest-free interno a Banca Etica di Giorgio Simonetti APPENDICE 2 Proposta di creazione di un fondo condiviso interest-free interno a Banca Etica di Giorgio Simonetti In qualità di socio di Banca Etica vorrei lanciare la proposta di offrire un servizio simile

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana Angelo Tantazzi Presidente di Borsa Italiana Signor Presidente della Repubblica, Signor Presidente del Consiglio, Autorità, Signore e Signori, è per me un onore e un piacere porgere il benvenuto a quanti

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Cosa si intende per sistema finanziario Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Il sistema finanziario E la struttura attraverso cui si svolge l attività finanziaria; L attività finanziaria è la

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

I N V E S T I E T I C O

I N V E S T I E T I C O I N V E S T I E T I C O FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TIPO CHIUSO RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2010 AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede legale: Bastioni di Porta Nuova,

Dettagli

CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI 3 MESI. REGOLARMENTE.

CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI 3 MESI. REGOLARMENTE. CEDOLARMENTE UNA SELEZIONE DI PRODOTTI CHE PREVEDE LA DISTRIBUZIONE DI UNA CEDOLA OGNI MESI. REGOLARMENTE. PERCHÉ UN INVESTIMENTO CHE POSSA GENERARE UN FLUSSO CEDOLARE LE SOLUZIONI DI UBI SICAV Nell attuale

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO Aggiornamento: giugno 2013 1 Dalla sua origine nel 1987 e fino al 31 dicembre 2008 il Fondo ha adottato un modello di gestione basato su una convenzione assicurativa, gestita

Dettagli

Buongiorno a tutti. Vi porto l esperienza di un genitore che, insieme a sua moglie, ha deciso di iscrivere i propri figli presso una scuola con un

Buongiorno a tutti. Vi porto l esperienza di un genitore che, insieme a sua moglie, ha deciso di iscrivere i propri figli presso una scuola con un Buongiorno a tutti. Vi porto l esperienza di un genitore che, insieme a sua moglie, ha deciso di iscrivere i propri figli presso una scuola con un alta frequentazione di bambini con entrambi i genitori

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il sistema finanziario I mercati finanziari La comunicazione finanziaria L efficienza dei mercati finanziari Anomalie

Dettagli

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1 IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO Capitolo 11 MEF Lezione 5 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Nella relazione annuale di Microsoft per il 2009, si poteva

Dettagli

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario 1. SMALL TALK 2. FRASE D AGGANCIO 3. ANALISI GRAFICA 4. STRUMENTI INEFFICACI 5. NON È PER TUTTI COSÌ 6. LE CONDIZIONI OTTIMALI 7. 1 CONFERMA: 8. PRESENTAZIONE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRANDI, BENVENUTO, TOLOTTI, CRISCI, LETTIERI, NANNICINI, BELLINI, CENNAMO, OTTONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRANDI, BENVENUTO, TOLOTTI, CRISCI, LETTIERI, NANNICINI, BELLINI, CENNAMO, OTTONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5294 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GRANDI, BENVENUTO, TOLOTTI, CRISCI, LETTIERI, NANNICINI, BELLINI, CENNAMO, OTTONE Disposizioni

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future INTERGRUPPO PARLAMENTARE SUL TERZO SETTORE Roma, 31 luglio 2013 ore 10:00-13:00 Sala delle Colonne Via Poli, 19 Seminario Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future Il contributo di ASC

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese SONDAGGIO UNIONE EUROPEA Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese Introduzione Il Libro Verde cerca i punti di

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea SPEECH/03/548 Romano Prodi Presidente della Commissione europea I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea Dopo l'allargamento: conferenza sui servizi finanziari nel mercato allargato dell'unione

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE Vicenç Navarro 2/10/2014 Una

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Ufficio Studi BMPI S.p.A. BMPI - Market flash report 27 Settembre 2011. Sintesi sul recente storno della quotazione dell Oro

Ufficio Studi BMPI S.p.A. BMPI - Market flash report 27 Settembre 2011. Sintesi sul recente storno della quotazione dell Oro Ufficio Studi BMPI S.p.A. Sintesi sul recente storno della quotazione dell Oro E opinione diffusa tra gli specialisti del mercato che il recente e brusco calo nei corsi dell Oro, e di tutto il comparto

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 27 aprile 2010 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

Vacanze studio, tutto quello che c è da sapere

Vacanze studio, tutto quello che c è da sapere RASSEGNA WEB giornalettismo.com Data Pubblicazione: 07/06/2013 giornalettismo.com http://www.giornalettismo.com/archives/967721/vacanze-studio-tutto-quello-che-ce-da-sapere/comment-page1/#comment-972985

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

1 In via di pubblicazione su Mondo Bancario.

1 In via di pubblicazione su Mondo Bancario. A.B.I. XL GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 8 MARZO 2007 Banche e imprese: una storica ristrutturazione 1 (Antonio MARZANO) 1. Le grandezze macroeconomiche non sono sempre in grado di rivelare l evoluzione di

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore FORUM PERMANENTE SUL CREDITO E LA FINANZA II^ CONFERENZA REGIONALE SUL CREDITO E LA FINANZA PER LO SVILUPPO Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

LE NOVITÁ PER I FONDI IMMOBILIARI RISERVATI

LE NOVITÁ PER I FONDI IMMOBILIARI RISERVATI LE NOVITÁ PER I FONDI IMMOBILIARI RISERVATI M entre i fondi immobiliari aperti al pubblico originariamente dovevano offrire una partecipazione in un prodotto di investimento ad ampia diversificazione anche

Dettagli

Principi Guida per l Investimento Finanziario

Principi Guida per l Investimento Finanziario Principi Guida per l Investimento Finanziario Giovanna Nicodano Università di Torino e CeRP-Collegio Carlo Alberto I nostri risparmi seminario di Financial Education Biennale Democrazia, Torino, Aprile

Dettagli

Cedolarmente. Una selezione di prodotti che prevede la distribuzione di una cedola ogni 3 mesi. Regolarmente.

Cedolarmente. Una selezione di prodotti che prevede la distribuzione di una cedola ogni 3 mesi. Regolarmente. Cedolarmente Una selezione di prodotti che prevede la distribuzione di una cedola ogni 3 mesi. Regolarmente. PERCHÉ UN INVESTIMENTO CHE POSSA GENERARE UN FLUSSO CEDOLARE LE SOLUZIONI DI UBI SICAV Nell

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Figli e denaro: verso il futuro

Figli e denaro: verso il futuro Educare al futuro: il ruolo dell educazione finanziaria Francesco Saita CAREFIN, Università Bocconi Figli e denaro: verso il futuro FAES PattiChiari, Milano, 12 ottobre 2013 1 Introduzione Parlare di educazione

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Il mercato primario Le offerte di azioni

Il mercato primario Le offerte di azioni Il mercato primario Le offerte di azioni Tecnicamente le offerte di azioni sono di due tipi: OFFERTE PUBBLICHE DI SOTTOSCRIZIONE (OPS), quando oggetto di offerta sono azioni di nuova emissione provenienti

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano)

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) La Moneta e i Mercati Monetari In questa lezione: Determiniamo le funzioni e l origine della moneta Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) Data

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10. Relatori Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

L informativa obbligatoria

L informativa obbligatoria Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB L informativa obbligatoria Anno Accademico 2009-2010 1 INFORMATIVA OBBLIGATORIA Il sistema

Dettagli

Unione Inquilini - Sezione Provinciale di Roma

Unione Inquilini - Sezione Provinciale di Roma Unione Inquilini - Sezione Provinciale di Roma Via Cavour 101, Int. 4-00184 Roma - Tel. 06/47.45.711 - Fax 488.23.74 E MAIL: Unioneinquilini@virgilio.it I soggetti I FONDI IMMOBILIARI: CHI CI GUADAGNA?

Dettagli

Come e perché investire nei Minibond

Come e perché investire nei Minibond Come e perché investire nei Minibond 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Il mercato dei capitali in ITALIA 180% Capitalizzazione mercato azionario (%PIL) 35,0% Incidenza dei prestiti

Dettagli

"GLI ITALIANI E LA PROPENSIONE AL RISCHIO" 13 DICEMBRE 2012

GLI ITALIANI E LA PROPENSIONE AL RISCHIO 13 DICEMBRE 2012 TAB. 1.1 Lei o qualcuno della sua famiglia ha acquistato/possiede dei prodotti finanziari come ad esempio azioni, obbligazioni, fondi comuni di investimento, piani di accumulo, gestioni patrimoniali, etc.?

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Strategia di finanziamento della Repubblica Italiana L emissione sindacata del BTP trentennale. Direzione del Debito Pubblico Dipartimento del Tesoro

Strategia di finanziamento della Repubblica Italiana L emissione sindacata del BTP trentennale. Direzione del Debito Pubblico Dipartimento del Tesoro Strategia di finanziamento della Repubblica Italiana L emissione sindacata del BTP trentennale Direzione del Debito Pubblico Dipartimento del Tesoro Settembre 2003 2 Introduzione Rafforzamento del quadro

Dettagli

La discesa verso gli inferi

La discesa verso gli inferi IL TEMA DEL MESE La sfida della banca del futuro 2 FIDUCIA NELLE BANCHE La discesa verso gli inferi 3 4 MOTIVAZIONI DELLA SFIDUCIA Scandali e immagine negativa LUGLIO 2013 Tutti i diritti riservati. I

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia ed Amministrazione Aziendale Il Mercato finanziario Anno accademico 2012 / 2013 Valore e Prezzo delle Attività finanziarie

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

ORDINANZA NUMERO 39 DELLA COALTION PROVISIONAL AUTHORITY (AUTORITÀ PROVVISORIA DELLA COALIZIONE) INVESTIMENTI ESTERI*

ORDINANZA NUMERO 39 DELLA COALTION PROVISIONAL AUTHORITY (AUTORITÀ PROVVISORIA DELLA COALIZIONE) INVESTIMENTI ESTERI* N.B.: La traduzione della presente legge, curata dall Istituto nazionale per il Commercio Estero, ha fini esclusivamente divulgativi e non è da intendersi come traduzione ufficiale. Si esclude ogni forma

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

MG Strategic Limited cura ed affianca le aziende sviluppando, con soluzioni tecnologiche all avanguardia, le migliori strategie volte

MG Strategic Limited cura ed affianca le aziende sviluppando, con soluzioni tecnologiche all avanguardia, le migliori strategie volte Per una qualsiasi azienda che sceglie di ampliare il proprio raggio d azione, oggi diventa sempre più necessario affermarsi nei mercati internazionali attraverso l arduo percorso di un vasto processo di

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Informazioni di fase intermedia

Informazioni di fase intermedia Informazioni di fase intermedia Edizione 12 novembre 2015 Ritagli stampa ad uso esclusivo del destinatario. I contenuti degli articoli appartengono ai legittimi proprietari. Materiale selezionato ad uso

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

Aggiornamento Gennaio 2011. u n a o p p o r t u n i t à p e r i l r a f f o r z a m e n t o p a t r i m o n i a l e.

Aggiornamento Gennaio 2011. u n a o p p o r t u n i t à p e r i l r a f f o r z a m e n t o p a t r i m o n i a l e. Aggiornamento Gennaio 2011 u n a o p p o r t u n i t à p e r i l r a f f o r z a m e n t o p a t r i m o n i a l e Azioni Sviluppo Azioni Sviluppo Ringraziamenti Si ringraziano lo Studio Legale Bonelli

Dettagli

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Struttura e organizzazione del mercato mobiliare soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Circuiti diretti e circuiti indiretti Mercati finanziari SF Circuito diretto Unità in

Dettagli

LA ILLUSIONE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *** * *** La crisi dei mercati finanziari sta travolgendo anche il risparmio con finalità

LA ILLUSIONE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *** * *** La crisi dei mercati finanziari sta travolgendo anche il risparmio con finalità Avvocato PAOLO ROSA Via Milano n. 4 38122 Trento Tel. 0461.391683 Fax 0461.395288 E-mail: rosabaracetti@yahoo.it LA ILLUSIONE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *** * *** La crisi dei mercati finanziari sta

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE Via di S. Croce in Gerusalemme, 63 00185 Roma Tel. +039 06 77205055 Fax 06 77591946 www.artifond.it FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE a) GENERALITÀ SUL FONDO CHE COS È UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE?

Dettagli