PROGRAMMA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE E MARKETING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE E MARKETING 2009-2012"

Transcript

1 Area Comunicazione e Marketing PROGRAMMA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE E MARKETING Bologna, 10 gennaio 2009

2 Sintesi del programma - Comprenderne la visione. - Analizzarne la struttura organica ed il suo funzionamento. - Focalizzare le migliori strategie di marketing. - Definire le aree d interesse ed i relativi obiettivi. - Pianificare il budget.

3 Sommario - Premessa. - Il ruolo della F.I.S.O.. - L area comunicazione e marketing della F.I.S.O.. - Gli obiettivi dell area comunicazione e marketing. - La struttura operativa. - Le competenze. - Il funzionamento. - Il progetto strategico. - Il piano di comunicazione. - Le strategie di marketing. - Aree d interesse ed obiettivi. - La definizione del budget.

4 Premessa Lo sport italiano, per effetto dei radicali e sostanziali cambiamenti che recentemente si sono vissuti (campo normativo e giuridico) e che attualmente si stanno vivendo (campo economico), pone sempre di più l accento sulla necessità delle Federazioni di porsi sul mercato in veste imprenditoriale, al fine di integrare ed implementare le proprie risorse economiche e umane. Ciò rende indispensabile l obbligo di effettuare studi di marketing per rendere compatibili e valide, anche per le un organizzazioni sportive no-profit, quelle tecniche di mercato attuate in gran parte dal mondo aziendale, ed avviare, nel contempo, adeguati processi di comunicazione, capaci di generare valore nell ambito della rete di relazioni.

5 Premessa In sintesi, lo sport è un prodotto che ha un proprio mercato, nel quale si crea un sistema di relazioni tra produttori, distributori e fruitori particolarmente appetibile alle esigenze delle imprese produttrici di beni e servizi ed ai mezzi di comunicazione di massa. (S. Cherubini 1997).

6 Il ruolo della F.I.S.O. Il ruolo che la F.I.S.O. dovrà assumere, sarà quello di un organizzazione sportiva che, nell ambito di determinati processi di interazione, genera valori e servizi e che vanno comunicati in maniera credibile sul territorio al fine di creare attenzione. Bisogna, quindi, sviluppare il senso di Sport Community, cioè coloro che praticano, leggono, e parlano di sport integrando l aspetto emotivo, sociale, culturale a quello di servizio.

7 L area Comunicazione e Marketing della F.I.S.O. L area Comunicazione e Marketing della F.I.S.O., in linea con le esigenze del mercato, con le finalità dello statuto federale, con gli intendimenti politici del Consiglio Federale (C.F.) è l organo operativo della F.I.S.O. incaricato di promuoverne e valorizzarne l immagine (istituzionale), dare maggiore impulso alla promozione ed alla diffusione della disciplina dell orienteering attraverso le attività istituzionali ed risultati agonistici, al fine di incrementarne la pratica attraverso un numero sempre crescente di utenti.

8 Gli obiettivi generali Gli obiettivi generali che l Area Comunicazione e Marketing della F.I.S.O. intende conseguire si classificano in: 1. Obiettivi predispositivi: a. Definizione della struttura organica; b. Definizione delle competenze; c. Modalità di funzionamento della struttura organica. 2. Obiettivi operativi: a. Elaborazione del progetto strategico; b. Gestione e controllo delle attività; c. Verifica, nel tempo, degli obiettivi.

9 1.a. La struttura organica La struttura organica è del tipo lineare-funzionale, composta da organi direttivi che hanno competenze di indirizzo, verifica e controllo delle attività (funzioni organiche F.O.) ed organi tecnici (servizi funzionali S.F.), responsabili, alla luce delle particolari conoscenze ed esperienza, del conseguimento degli obiettivi strategici.

10 1.a. L organigramma Responsabile Area Comunicazione e Marketing Archivio foto, Video, stampa Coordinatore Comunicazione Coordinatore Marketing Capo settore Comunicazione Interna Capo settore Comunicazione Esterna Capo settore Marketing Staff tecnico Responsabile del sito Responsabile dei media Sponsor Referente FISO Referente news (Naz.le e Reg.li) Stampa Radio-Tv Partners Merchandise Newsletter E-commercial Web Comitato di redazione Responsabile Azimut Coordinatore grafico Responsabile dell immagine Materiali, gadget Stampe federali

11 1.b. Le competenze Responsabile dell area Comunicazione e Marketing: Trasmette in commissione, gli indirizzi politici e gli obiettivi definiti dal C.F.; Definisce le linee guida per il conseguimento degli obiettivi; Sovrintende, coordina e controlla l intera attività dell area Comunicazione e Marketing; Inoltra proposte e richieste di carattere politico-amministrativo al C.F.; Assolve alle funzioni di addetto alle pubbliche relazioni della F.I.S.O.; E il portavoce della F.I.S.O.; E un organo permanente del Comitato di Redazione della rivista Azimut; Riferisce in C.F. in merito alle iniziative ed ai risultati conseguiti dalla commissione.

12 1.b. Le competenze Coordinatore della Comunicazione : Rispetta gli indirizzi politici definiti dal C.F. e quelli tecnici contemplati dal piano di comunicazione; Si attiene alle linee guida impartite dal responsabile d area; Costruisce, organizza, amplia e gestisce la rete dei media; Annualmente, pianifica, organizza e coordina le attività dei settori della comunicazione interna ed esterna; Assolve alle funzioni di addetto stampa della F.I.S.O.; E un organo permanente del Comitato di Redazione di Azimut; Vigila e riferisce al responsabile d area, della corretta applicazione, da parte dei Comitati o delegazioni regionali e provinciali, del piano di comunicazione; Organizza e gestisce l archivio, fotografico, video e stampa della F.I.S.O. per gli usi stabiliti dal C.F.; Rendiconta mensilmente sul lavoro svolto al responsabile d area.

13 1.b. Le competenze Capi settori della Comunicazione e Marketing: Rispettano gli indirizzi politici definiti dal C.F. e quelli tecnici contemplati dal piano di comunicazione; Si attengono alle linee guida impartite dal responsabile d area; Coaudivano, per quanto di competenza, il responsabile della Comunicazione e marketing nelle operazioni annuali di pianificazione, organizzazione e coordinamento dei propri settori; Sono organi permanenti del Comitato di Redazione della rivista Azimut; Vigilano e riferiscono al responsabile d area, del corretto operato dei propri referenti ed organi di staff; Inoltrano proposte e richieste di carattere tecnico-logisticoamministrativo al responsabile d area.

14 1.b. Le competenze Coordinatore del Marketing : Rispetta gli indirizzi politici definiti dal C.F. e quelli tecnici contemplati dal relativo piano strategico; Si attiene alle linee guida impartite dal responsabile d area; Reperisce le risorse finanziarie per il conseguimento degli obiettivi strategici della F.I.S.O.; Amplia e gestisce la rete dei partners e degli sponsor; Annualmente, pianifica, organizza e coordina le attività del settore; Organizza, in coordinazione con l addetto stampa, le attività inerenti lo svolgimento di conferenze stampa, seminari, corsi formativi ecc.; E un organo permanente del Comitato di Redazione della rivista Azimut.

15 1.b. Le competenze Responsabile del sito : Competenze di carattere istituzionale : Si adopera per la messa in opera ed il corretto funzionamento di forum, chat, news di servizio, community, report attività istituzionali, archivi vari, attività di marketing; Competenze di carattere tecnico: Organizza e provvede (anche demandando) agli inserimenti sul sito; Studia ed aggiorna il software e l hardware; Coordina ed indirizza i collaboratori dello staff tecnico; Si adopera per eventuali modifiche strutturali; Studia con il responsabile dell immagine la veste grafica;

16 1.b. Le competenze Responsabile del sito : Per le attività Istituzionali si relaziona con: Responsabile dell area; Il Coordinatore della comunicazione; Responsabili della comunicazione interna ed esterna; Responsabile dell immagine; Per le attività tecniche si relaziona con: Il Coordinatore della comunicazione; Il Referente delle news; Lo Staff tecnico;

17 1.b. Le competenze Responsabile dei media Impronta il proprio operato sulla base delle indicazioni dettate dal coordinatore della comunicazione; Studia e concorda con il coordinazione della comunicazione l utilizzo del migliore o dei migliori mezzi di comunicazione per promuovere o pubblicizzare determinate attività istituzionali; Programma annualmente gli interventi mediatici e li sottopone all approvazione del coordinatore della comunicazione; Prende i contatti e formalizza, con i media, le richieste; Provvede alla gestione diretta dei contatti con i media; Segue in prima persona gli sviluppi delle iniziative mediatiche; Provvede alla creazione ed agli aggiornamenti delle mailing list; Rendiconta mensilmente il coordinatore della comunicazione sulle attività svolte e su quelle di prossimo svolgimento; Assiste il coordinatore della comunicazione nella tenuta e nella gestione dell archivio mediatico.

18 1.b. Le competenze Responsabile di azimut Pianifica, organizza e coordina annualmente la realizzazione del numero unico di Azimut; Pianifica, organizza e coordina annualmente la realizzazione del periodico di Azimut; Si relazione con il responsabile della comunicazione, il comitato di redazione, il capo settore della comunicazione esterna per la produzione, la stampa e la distribuzione del periodico; Si avvale del coordinatore della comunicazione e del marketing per le informazioni, le foto e gli spazi pubblicitari da inserire nel periodico; Gestisce i contatti con gli esterni che collaborano alla realizzazione dei servizi; Si coordina con il responsabile dell immagine per la definizione della giusta veste grafica; Organizza la distribuzione gratuita di un tot. di numeri per i partner, sponsor, istituzioni, federazioni, enti locali ecc..

19 1.b. Le competenze Responsabile dell immagine Pianifica, coordina e gestisce la produzione, l approvvigionamento e la distribuzione del materiale di rappresentanza e di segreteria; Inoltra le richieste annuali, relativamente al sopra citato materiale, al capo settore della comunicazione esterna; Si relazione con il capo settore della comunicazione interna ed il responsabile di Azimut per la produzione del numero unico e del periodico; È responsabile del corretto utilizzo dei loghi I.OF., CONI, F.I.S.O. da parte della Segreteria, dei Comitati Regionali e delle Associazioni sportive dilettantistiche; Supporta gli organizzatori dei grandi eventi istituzionali e le attività a promozionali con la distribuzione del materiale pubblicitario, attrezzature e stampe federali in possesso della F.I.S.O.; Studia e propone al coordinatore della comunicazione esterna ed interna, rispettivamente, nuove vesti grafiche al materiale in dotazione ed al sito.

20 1.c. Il funzionamento Il funzionamento dell area Comunicazione e Marketing è contraddistinto da tre momenti fondamentali : La pianificazione; La pianificazione; La gestione delle attività; Il controllo e la verifica delle stesse.

21 1.c. La pianificazione La pianificazione : L elemento distintivo che, all interno della Federazione, può permettere di raggiungere determinati obiettivi ed evitare inconvenienti che potrebbero ripercuotersi sulla struttura, è senza dubbio rappresentato da un oculata pianificazione che possa contare su tempi medio-lunghi per l attuazione dei progetti.

22 1.c. La pianificazione La procedura : Input del Consiglio Federale al responsabile d area in merito alla policy, al budget disponibile, agli impegni ed agli obiettivi da conseguire; Definizione delle linee guida del responsabile d area ai coordinatori dei settori della Comunicazione e del Marketing; Elaborazione, da parte dei coordinatori di settore, dei propri progetti e loro inoltro al responsabile d area; Verifica dei progetti da parte del responsabile d area e dei capi settore ed inoltro al Consiglio Federale per l approvazione; Approvato il progetto, suo ritorno al responsabile d area per la trasmissione ai coordinatori di settore; Elaborazione dei coordinatori di settore delle linee guida da inoltrare, previa visione di capi settore, ai responsabili del sito, di azimut, dei media, dell immagine.

23 1.c. La pianificazione CONSIGLIO FEDERALE RESPONSABILE AREA COMUNICAZIONE E MARKETING COORDINATORE COMUNICAZIONE COORDINATORE MARKETING CAPO SETTORE COMUNICAZIONE INTERNA CAPO SETTORE COMUNICAZIONE ESTERNA CAPO SETTORE MARKETING

24 1.c. La gestione delle attività La gestione, si differenzia a seconda della tipologia dell attività: Le attività di Comunicazione: Interna; Esterna; Le attività di Marketing: Ricerca di sponsor; Ricerca di Partner; Attività commerciali.

25 1.c. La gestione delle attività La gestione si distingue a seconda della tipologia di attività a. Attività di comunicazione: Comunicazione interna: Pianificazione, gestione e controllo delle news del sito e della rivista Azimut: Comunicazioni federali attraverso la segreteria; Resoconti delle attività agonistiche e d informazione attraverso la rete regionale; Comunicazioni verso le società mediante newsletter a cura dell addetto stampa; Aggiornamento annuale del Vademecum; Progettazione, stampa e distribuzione del periodico Azimut (4 numeri annui); Comunicazione esterna: Pianificazione, gestione e controllo delle attività mediatiche e d immagine: Stampa (quotidiani, mensili, giornali vari, riviste specializzate); Radio (locali, nazionali); Televisioni (locali, nazionali); Web (community, condivisione spazi testate giornalistiche e specializzate); Stampe federali di segreteria e di rappresentanza; (carta intestata, calendari, biglietti da visita, buste,; Materiali promozionali (brochure, pieghevoli, video, merchandise, licensing ecc.).

26 1.c. La gestione delle attività b. Attività di marketing: Ricerca di sponsor: Ricerca di sponsor presso le aziende, le istituzioni pubbliche, gli Enti locali Main sponsor (istituzionale); Sponsor tecnici (di specialità, per eventi, per conferenze, per corsi ecc.); Sponsor media (per eventi agonistici); Fornitori (per eventi agonistici, conferenze, corsi); Ricerca di Partner: Ricerca di partners per il supporto alle attività formative, agonistiche, promozionali: Istituzioni pubbliche; Aziende; Enti locali; Attività commerciali: Merchandise; Licensing; Turismo.

27 1.c. La gestione RESPONSABILE AREA COMUNICAZIONE E MARKETING COORDINATORE COMUNICAZIONE COORDINATORE MARKETING CAPO SETTORE COMUNICAZIONE INTERNA CAPO SETTORE COMUNICAZIONE ESTERNA CAPO SETTORE MARKETING

28 Gli obiettivi 2. Obiettivi operativi: a. Elaborazione del progetto strategico; b. Gestione e controllo delle attività; c. Verifica, nel tempo, degli obiettivi.

29 2.a. Il progetto strategico (p.s.) L elaborazione del p.s. della F.I.S.O. prevede: Definizione di adeguate e mirate strategie di marketing; Definizione di adeguate e mirate strategie di marketing; Elaborazione del piano di comunicazione; Definizione delle aree strategiche e relativi obiettivi; Lo sviluppo del piano delle azioni; Definizione del budget.

30 Il Marketing Il marketing è un insieme di relazioni attraverso il quale i soggetti appartenenti ad una comunità attivano dei processi di interazione attraverso cui avviene la creazione e lo scambio di prodotti e/o servizi, che costituiscono il valore necessario alla soddisfazione dei bisogni di ciascuno.

31 Il Marketing quindi, essere in grado di pianificare una strategia di marketing e gestire le attività di comunicazione costituisce la competenza necessaria per operare con successo nel campo dello sport e generare valore in grado di soddisfare le esigenze del pubblico e di tutti i soggetti imprenditoriali che decidono di investire nell attività svolta dall impresa sportiva. Alessandro Prunesti Docente di Marketing delle imprese sportive all Università la Sapienza di Roma

32 Il circolo virtuoso del marketing sportivo In sintesi si potrà quindi dire, che lo sport è un prodotto che ha un proprio mercato, nel quale si crea un sistema di relazioni tra produttori, distributori e fruitori particolarmente appetibile alle esigenze delle imprese produttrici di beni e servizi ed ai mezzi di comunicazione di massa. (circolo virtuoso del marketing sportivo S Cherubini 1997).

33 Il circolo virtuoso del marketing sportivo Capacità di Spesa superiori Potenziamento dei servizi offerti Maggiore attenzione del pubblico Migliore offerta Maggiori introiti Maggiore immagine Successo Crescita interesse aziende e media (circolo virtuoso del marketing sportivo S. Cherubini 2000). Insuccesso

34 2.a. Le strategie di marketing (s.d.m.) Per il conseguimento degli obiettivi della F.I.S.O., occorre elaborare una attenta pianificazione di marketing, in grado di conferire alla Organizzazione Sportiva un preciso orientamento rispetto al mercato. In particolare occorre seguire tre fasi: Identificazione delle opportunità di marketing: Analisi dell ambiente esterno (Domanda, forze in campo); Analisi della natura dell organizzazione sportiva (Missione, obbiettivi, opportunità, minacce); Studio delle ricerche di mercato e delle informazioni di marketing; Determinazione della strategia di marketing e dei suoi obiettivi; Determinazione della strategia di marketing: Determinare il marketing mix dell offerta di sport (Promozione, processi, persone, placement ecc.) Determinare la strategia di comunicazione; Implementazione, valutazione e perfezionamento della strategia di marketing: Attuare e coordinare le funzioni del marketing mix; Verificare gli effetti della strategia di marketing (feedback, risultati).

35 2.a. Il piano di comunicazione (p.c.) Il p.c. si propone di coordinare e di integrare le attività di comunicazione ed informazione in una strategia unitaria e coerente con la policy, i valori e gli obiettivi della F.I.S.O.. Oltre a migliorare e valorizzare l immagine della Federazione, il p.c. ha la caratteristica di favorire la conoscenza delle disposizioni normative, dei temi di grande interesse pubblico, i procedimenti amministrativi e delle procedure. Si rivolge ai tesserati, alle istituzioni ed ai componenti dell organizzazione stessa. Il p.c. si articola in due settori della comunicazione interna ed esterna. Tale distinzione non deve indurre a considerare le due attività come separate, il presupposto di una buona comunicazione esterna è un ottima comunicazione interna, che coinvolga attivamente tutti gli appartenenti ad un organizzazione. Per questo motivo la F.I.S.O. deve porre particolare attenzione a ridurre al minimo le comunicazioni informali e spontanee.

36 2.a. Aree d interesse strategico Le aree d interesse strategico per la F.I.S.O., sulle quali saranno focalizzati gli obiettivi ed il relativo piano delle azioni, saranno: Valorizzazione e promozione e dell immagine della F.I.S.O.. Promozione e diffusione dello sport dell orienteering, delle attività istituzionali e dei risultati agonistici. Produzione e consolidamento di valore, di nuove risorse e di sinergie.

37 2.a. Obiettivi federali Gli obiettivi federali dovranno rispondere ai seguenti requisiti (S.M.A.R.T.) : Specifici; Misurabili; Ottenibili (achievable); Realistici; Realizzabili in un periodo di tempo definito (timebound).

38 2.a. Aree d interesse ed obiettivi Aree d interesse Promozione e valorizzazione dell immagine della F.I.S.O. Promozione e diffusione dell orienteering, delle attività istituzionali e dei risultati agonistici Produzione di valore, di nuove risorse e di sinergie Obiettivi federali Miglioramento funzionale della struttura; Valorizzazione delle risorse umane; Affermazione del ruolo istituzionale; Posizionamento del marchio; Aumento della notorietà e dell immagine; Scelta di tematiche sensibili al pubblico (ambiente, scuola ecc.) Diventare Federazione; Produzione e divulgazione della rivista istituzionale e materiale promozionale; Incremento dei tesserati e delle A.S.D.; Incremento dell attività scolastica; Incremento delle attività di studio e di confronto; Incremento delle attività promozionali; Avvio della progettualità istituzionale e periferica; Evitare l appiattimento degli eventi su bassi livelli di appeal; Utilizzo di testimonial con adeguata valorizzazione dei risultati; Avvio alle più svariate forme di relazioni e collaborazioni; Ricerca di sponsor di varia tipologia; Acquisizione di adeguati spazi sui media; Creazione ed utilizzo di database; Internet come mezzo di comunicazione;

39 2.a. Definizione del budget La definizione del budget è la traduzione del processo di pianificazione di marketing. Esso costituisce la bussola di riferimento per analizzare, verificare e capire se l attività dell organizzazione sportiva porta, nel corso del tempo, i previsti risultati. Esso si contraddistingue in costi da sostenere e possibili ricavi ottenibili attraverso sponsorizzazioni e varie altre forme di collaborazione.

40 2.a. Previsioni di spesa 2009 Riepilogo dei Costi Costi Personale: Coordinatore della Comunicazione; Coordinatore del Marketing; Capo settore del marketing; Responsabile dei media; Referente delle news; Staff gestione del sito (webmaster, sistemista, sviluppatore); Gettoni e rimborsi personale Commissione; Acquisto spazi mediatici: Giornali vari e quotidiani; Riviste specializzate sportive; Web; Televisioni; Radio; Costi stampe, foto, video: Azimut Magazine (3 numeri annui); Stampe federali (segreteria e di rappresentanza); Brochure FISO, volantini ecc.; Archivio foto; Materiale video; Altro. Importi D.D.

41 2.b. Possibili ricavi Possibili ricavi Sponsorizzazioni Corsi di formazione nella comunicazione e nel marketing Corsi di formazione per addetti stampa e pubbliche relazioni Corsi di aggiornamento Consulenze varie Attività di Merchandise

42 2.b. Gestione e controllo delle attività La gestione ed il controllo controllo delle attività si esplicano attraverso delle procedure atte, rispettivamente, a: rendere fluidi ed ordinati i rapporti tra organi gli direttivi (funzioni organici) e quelli tecnici (servizi funzionali) ed organi direttivi e Consiglio Federale; avere sempre sotto controllo la gestione delle attività istituzionali, al fine di intervenire, per tempo ed a ragion veduta, alle situazioni di routine, d emergenza o di crisi che si manifestano in un determinato momento della vita federale.

43 2.c. Verifica degli obiettivi Come già evidenziato, gli obiettivi dell area comunicazione e marketing della F.I.S.O. sono di due tipologie, vale a dire, predispositivi ed operativi. Nel primo caso, abbiamo la costituzione, l organizzazione ed il funzionamento della struttura organica, nel secondo caso l elaborazione di idonee strategie di marketing mirate al conseguimento degli obiettivi strategici. Attraverso il diagramma di Gantt, potremo fissare una loro scadenza temporale e verificarne, periodicamente, lo stato di avanzamento. Inoltre, attraverso la sottoclassificazione dei citati obiettivi sarà possibile dare adeguata collocazione temporale alle aree d interesse strategico della F.I.S.O. ed ai corrispondenti obiettivi, fissando, nel dettaglio le previste linee d azione.

44 2.c. Il diagramma di Gantt Obiettivi generali Area strategica Obiettivi strategici Mesi Mesi Mesi Mesi Promozione e valorizzazione dell immagine della F.I.S.O. Miglioramento funzionale della struttura; Valorizzazione delle risorse umane; Affermazione del ruolo istituzionale; Posizionamento del marchio; Aumento della notorietà e dell immagine; Scelta di tematiche sensibili al pubblico (ambiente, scuola ecc.) Diventare Federazione; Produzione e divulgazione della rivista istituzionale e materiale promozionale; Promozione e diffusione dell orienteering, delle attività istituzionali e dei risultati agonistici Incremento dei tesserati e delle A.S.D.; Incremento dell attività scolastica; Incremento delle attività di studio e di confronto; Incremento delle attività promozionali; Avvio della progettualità istituzionale e periferica; Evitare l appiattimento degli eventi su bassi livelli di appeal; Utilizzo di testimonial con adeguata valorizzazione dei risultati; Produzione di valore, di nuove risorse e di sinergie Avvio alle più svariate forme di relazioni e collaborazioni; Ricerca di sponsor di varia tipologia; Acquisizione di adeguati spazi sui media; Creazione ed utilizzo di database; Internet come mezzo di comunicazione;

45 Stefano Mappa

ATTIVITA 2009 E PROGRAMMA 2010 DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO

ATTIVITA 2009 E PROGRAMMA 2010 DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO ATTIVITA 2009 E PROGRAMMA 2010 DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO Roma, 16 gennaio 2010 SOMMARIO 1. Premessa 2. Attività 2009 3. Attività 2010 4. Budget 5. Allegati 2 1. PREMESSA L

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO 2010-2012. Roma, 16 gennaio 2010

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO 2010-2012. Roma, 16 gennaio 2010 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO 2010-2012 Roma, 16 gennaio 2010 1. PREMESSA Con i piani di comunicazione e marketing, la FISO si è dotato di due strumenti

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO

FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO PREMESSA Il Programma di Comunicazione 2013-2016 della Federazione Italiana Sport Orientamento, trae origine dal piano di Comunicazione istituzionale e si prefigge

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO Area Comunicazione e Marketing SOMMARIO PREMESSA.1 LA STRUTTURA DELLA PUBBLICA INFORMAZIONE DELLA FISO..

FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO Area Comunicazione e Marketing SOMMARIO PREMESSA.1 LA STRUTTURA DELLA PUBBLICA INFORMAZIONE DELLA FISO.. SOMMARIO PREMESSA.1 LA STRUTTURA DELLA PUBBLICA INFORMAZIONE DELLA FISO..4 RELAZIONI FUNZIONALI E PROCEDURE 6 COMPITI ED ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO STAMPA.7 1 PREMESSA La Pubblica Informazione è un attività

Dettagli

Progetto Leonardo ARGO. Promozione del progetto

Progetto Leonardo ARGO. Promozione del progetto Progetto Leonardo ARGO Promozione del progetto Obiettivi di Progetto Il progetto Leonardo ARGO si pone i seguenti obiettivi: Garantire il diritto all apprendimento quale condizione dell occupabilità; Favorire

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

publicrelations eventi ditoria nformazione arketing anci ediagrafica omunicazione Rivista ComuniCare Comunicazione Editoria - Anci Rivista

publicrelations eventi ditoria nformazione arketing anci ediagrafica omunicazione Rivista ComuniCare Comunicazione Editoria - Anci Rivista ComuniCare nformazione Società di comunicazione ed organizzazione eventi del mondo ANCI ditoria Comunicazione eventi publicrelations Informazione Editoria - Anci Rivista omunicazione Public Relations Congressi

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Attività federale di marketing

Attività federale di marketing Attività federale di marketing Gestione e certificazione delle sponsorizzazioni Il Feedback Web Nel piano di sviluppo della propria attività di marketing, la FIS ha adottato il sistema Feedback Web realizzato

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Regolamento per la gestione dei rapporti con sponsor, partner e media tra FISO e Comitati Organizzatori di manifestazioni sportive in Italia

Regolamento per la gestione dei rapporti con sponsor, partner e media tra FISO e Comitati Organizzatori di manifestazioni sportive in Italia Regolamento per la gestione dei rapporti con sponsor, partner e media tra FISO e Comitati Organizzatori di manifestazioni sportive in Italia PREMESSA 1. Il presente documento ha lo scopo di regolamentare

Dettagli

PROGETTO CALCIO A 5 GRANDI ORIZZONTI PER IL NOSTRO SPORT UNITI PER CRESCERE

PROGETTO CALCIO A 5 GRANDI ORIZZONTI PER IL NOSTRO SPORT UNITI PER CRESCERE PROGETTO CALCIO A 5 GRANDI ORIZZONTI PER IL NOSTRO SPORT UNITI PER CRESCERE Il calcio a 5 è fermo, bloccato, immobile. Và ricostruito, viene da un periodo troppo lungo di non scelte, di non coraggio di

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M.

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M. PREFAZIONE L associazione SMOM è un luogo, un punto d incontro di sensibilità e progettualità comuni, a sostegno della riduzione delle disparità sociali esistenti fra i popoli. Quindi per il diritto alla

Dettagli

PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM

PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM Centro Olimpico Federale Via dei Sandolini, 79 00122 Lido di Ostia/RM Tel. 06/56191513 Fax. 06/56191527 PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM IL RAPPORTO TRA SOCIETA E ISTITUTO SCOLASTICO Guida operativa per

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Città di Termini Imerese Provincia di Palermo Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Documento Definitivo Piano di Comunicazione e struttura di monitoraggio - art. 9, lett. f) e g) - Termini

Dettagli

AVVISO PER LA FORMAZIONE DI UNA SHORT LIST PER PRESTAZIONI PROFESSIONALI E PRESTAZIONI DI SERVIZI

AVVISO PER LA FORMAZIONE DI UNA SHORT LIST PER PRESTAZIONI PROFESSIONALI E PRESTAZIONI DI SERVIZI AVVISO PER LA FORMAZIONE DI UNA SHORT LIST PER PRESTAZIONI PROFESSIONALI E PRESTAZIONI DI SERVIZI 1. Finalità L Istituzione Teatro Comunale Carlo Gesualdo di Avellino, nello svolgimento delle proprie attività

Dettagli

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 Comune di Pontecagnano Faiano Ufficio di Gabinetto BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 QUADRO NORMATIVO In relazione alla legge 150 del 7 giugno 2000, Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione

Dettagli

Presentazione. www.e-development.it

Presentazione. www.e-development.it Presentazione Progetto Editoriale è un luogo d incontro e confronto tra manager e imprenditori per creare una nuova cultura d impresa. è una vetrina a disposizione delle imprese per comunicare un progetto,

Dettagli

C.I.P. COMITATO ITALIANO PARALIMPICO

C.I.P. COMITATO ITALIANO PARALIMPICO C.I.P. COMITATO ITALIANO PARALIMPICO mod. APERTURA/RINNOVO CASP DOMANDA DI APERTURA/RINNOVO DI UN CENTRO DI AVVIAMENTO ALLO SPORT PARALIMPICO (Il presente modello ha validità solo se compilato in ogni

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

Allegato C SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO

Allegato C SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO Allegato C Presentazione del progetto di realizzazione: I servizi Informagiovani PAAS hanno sede temporanea presso il Palazzo Municipale, sono servizi integrati, con finalità

Dettagli

Regolamento Interno Bambini nel Deserto (approvato dall Assemblea dei Soci 10.04.2011)

Regolamento Interno Bambini nel Deserto (approvato dall Assemblea dei Soci 10.04.2011) Regolamento Interno Bambini nel Deserto (approvato dall Assemblea dei Soci 10.04.2011) Indice 1 Premessa 1 Definizioni 2 Sostenitore 2 Volontario 2 Socio 2 Settore 2 Gruppo di Lavoro 2 Gruppo Locale 2

Dettagli

Oggetto: proposta collaborazione a manifestazione sportiva

Oggetto: proposta collaborazione a manifestazione sportiva Trento, 1 marzo 2014 Oggetto: proposta collaborazione a manifestazione sportiva La AD Trento Orienteering è una società sportiva impegnata ogni anno con la partecipazione di oltre 150 tesserati a manifestazioni

Dettagli

International Scientific And Technical Commitee For Developement Of Digital Skills STATUTO. ver. 3.0

International Scientific And Technical Commitee For Developement Of Digital Skills STATUTO. ver. 3.0 International Scientific And Technical Commitee For Developement Of Digital Skills STATUTO ver. 3.0 Pagina 1 di 4 Art. 1 Costituzione dell International Scientific And Tecnhincal Committe For Developement

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Comunicare la ricerca e i risultati dei progetti Ager Pagina 1

Comunicare la ricerca e i risultati dei progetti Ager Pagina 1 Comunicare la ricerca e i risultati dei progetti Ager Pagina 1 Perché queste linee guida I progetti di ricerca scientifica creano valore ed hanno un forte impatto sull economia, ma spesso trovano grosse

Dettagli

03. Il Modello Gestionale per Processi

03. Il Modello Gestionale per Processi 03. Il Modello Gestionale per Processi Gli aspetti strutturali (vale a dire l organigramma e la descrizione delle funzioni, ruoli e responsabilità) da soli non bastano per gestire la performance; l organigramma

Dettagli

Programmi di Attività 2012

Programmi di Attività 2012 Programmi di Attività 2012 Gabinetto di Presidenza Servizio Informazione e comunicazione istituzionale Assemblea Legislativa 1 GABINETTO DI PRESIDENZA... 4 ATTIVITÀ DI RACCORDO FRA GIUNTA E ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 4.3.2 Titolo Azione

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA

SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA REGIONE SICILIANA PRESIDENZA DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE INTERREG IIIC - ZONA SUD OPERAZIONE QUADRO REGIONALE TREND COMPOSANTE 4 - PROGETTI DIMOSTRATIVI SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA 1 Soggetto

Dettagli

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana UNIONE EUROPEA In Sardegna, verso l'europa POR SARDEGNA 2000/2006 Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali Allegato al Complemento di programmazione

Dettagli

RELAZIONE ANALITICA (da compilarsi e consegnare al termine RELAZIONE ANALITICA DI MERITO E TECNICO FINANZIARIA DEGLI INTERVENTI REALIZZATI

RELAZIONE ANALITICA (da compilarsi e consegnare al termine RELAZIONE ANALITICA DI MERITO E TECNICO FINANZIARIA DEGLI INTERVENTI REALIZZATI Regione Lazio Avviso pubblico per la concessione di contributi economici a sostegno di progetti da attuare nelle Scuole del Lazio Presentazione on demand delle proposte progettuali Procedure di rendicontazione

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

ORGANIGRAMMA E MANSIONARIO

ORGANIGRAMMA E MANSIONARIO Rev.00 del 10/01/2012 Pagina 1 di 5 Preparato da: Responsabile Gestione Aziendale Approvato da: Direzione Firma: Firma: 1. Organigramma DIREZIONE AMMINISTR. E SEG. RSSP/RGA AMMINISTR. E SEG. RLS/RGA UFFICIO

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE COMUNICAZIONE AZIENDALE CORSO BASE DI FORMAZIONE PRESENTAZIONE Il corso si propone di entrare nella pratica delle varie tecniche di comunicazione aziendale, fornendo una visione organica del sistema della

Dettagli

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo Rev.1 del 30 maggio 2013 Il modello organizzativo INDICE 1. Premessa 2. Missione 3. Sistema di responsabilità 4. Mappa dei processi 5. Mansionario 1. Premessa Un laboratorio congiunto di ricerca sui temi

Dettagli

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0 REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO Art.1 - Identità dell Ufficio tecnico L Ufficio tecnico: 1. ha la funzione di supporto e coordinamento delle attività di laboratorio e le esercitazioni previste dai Dipartimenti,

Dettagli

Roma, 14 gennaio 2010 Prot. n 20. 3691. Alla Commissione Nazionale Attività di Base

Roma, 14 gennaio 2010 Prot. n 20. 3691. Alla Commissione Nazionale Attività di Base Roma, 14 gennaio 2010 Prot. n 20. 3691 Alla Commissione Nazionale Attività di Base FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ai Coordinatori Federali Regionali per l Attività Giovanile

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre.

Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre. Servizio Mostre Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre. Coadiuva il Responsabile nel rendere attuativi e operativi i progetti messi a punto

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

grafica stampa web advertising risorse umane video marketing eventi formazione www.graficamente.com

grafica stampa web advertising risorse umane video marketing eventi formazione www.graficamente.com grafica stampa web advertising risorse umane video marketing eventi formazione www.graficamente.com dove NASCONO LE IDEE dove CRESCE La Graficamente.com nasce per rispondere alle esigenze aziendali dei

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

Presentazione della Rete Rurale Nazionale Task Force Leader. Lamezia Terme 5 marzo 2010

Presentazione della Rete Rurale Nazionale Task Force Leader. Lamezia Terme 5 marzo 2010 Presentazione della Rete Rurale Nazionale Task Force Leader mezia Terme 5 marzo 2010 1 Rete Rurale Nazionale -Organizzazione TF Rete Leader Segretariato tecnico Comitato Scientifico 2 Il contesto Gli attori

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

ATTIVITA 2010 E PROGRAMMA 2011 DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO

ATTIVITA 2010 E PROGRAMMA 2011 DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO ATTIVITA 2010 E PROGRAMMA 2011 DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO Roma, 15 gennaio 2011 SOMMARIO 1. Introduzione 2. Attività 2010-2011 3. Allegati 2 1. INTRODUZIONE Il presente documento

Dettagli

DISPOSIZIONI IN TEMA DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE SQUADRE NAZIONALI

DISPOSIZIONI IN TEMA DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE SQUADRE NAZIONALI DISPOSIZIONI IN TEMA DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE SQUADRE NAZIONALI PREMESSA Il presente Regolamento integra le disposizioni del Regolamento Federale sul Team Italia e si applica ad atleti e tecnici

Dettagli

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO PROFESSIONALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Allegato 5 CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 24 febbraio 2006, n. 1 art. 6 comma 4 lett. d) 1 Indice Introduzione...3....3 Piano di marketing strategico per l estero... 4 Organizzazione funzione

Dettagli

Ritorno alla base con modernità: nuova valorizzazione del territorio..

Ritorno alla base con modernità: nuova valorizzazione del territorio.. PRESENTAZIONE Nel costruire un nuovo progetto non potevamo che partire dai principi informatori contenuti nel programma del Presidente Malagò. Ritorno alla base con modernità: nuova valorizzazione del

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE N. 313 REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione G.C. n. mecc. 2006 00591/028 del 31 gennaio 2006) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Ambito di applicazione Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO SICOMAR Indice 1. Obiettivi del Piano di comunicazione... 4 2. Il Target della comunicazione... 6 3. La strategia di comunicazione...

Dettagli

MARKETING Il piano di marketing

MARKETING Il piano di marketing Università degli studi di Macerata Facoltà di Scienze della comunicazione MARKETING Il piano di marketing Prof. Laura Gavinelli laura.gavinelli@unimc.it Blythe, Fondamenti di marketing, cap. 10 1 Cos è,

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE COMUNE DI CORMANO PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (approvato con deliberazione C.C. n. 58 del 01/12/2003) 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 AMBITO DI

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI

BANDI E FINANZIAMENTI BANDI E FINANZIAMENTI 1. Accesso ai fondi europei Gli obiettivi strategici della proposta Lo sviluppo di progetti nel mondo non profit è ormai una funzione chiave sia a livello strategico che per la sostenibilità

Dettagli

IL MARKETING DI UNA ASSOCIAZIONE SPORTIVA

IL MARKETING DI UNA ASSOCIAZIONE SPORTIVA Il rapporto di necessità fra comunicazione e sponsorizzazioni PROGETTO MANAGER FIDAF IL MARKETING DI UNA ASSOCIAZIONE SPORTIVA a cura di EUGENIO MEINI CONCETTI DI MARKETING Il marketing è inutile quanto

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II 1. Premesse Lo scenario di riferimento Il profondo mutamento del panorama normativo posto

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1. LIVELLO STRATEGICO Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1.1 POLITICA DELLA QUALITÀ La dirigenza di Unindustria Perform Srl intende perseguire, quale mission dell Organizzazione, il miglioramento

Dettagli

P.O.R. - F.S.E. Ob. 2 - Competitività regionale e occupazione ASSE 1 ADATTABILITA ANNUALITA 2009 2010. Percorsi integrati per la creazione d impresa

P.O.R. - F.S.E. Ob. 2 - Competitività regionale e occupazione ASSE 1 ADATTABILITA ANNUALITA 2009 2010. Percorsi integrati per la creazione d impresa P.O.R. - F.S.E. Ob. 2 - Competitività regionale e occupazione ASSE 1 ADATTABILITA ANNUALITA 2009 2010 Percorsi integrati per la creazione d impresa VADEMECUM PER LA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE Azione 4

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 90 del

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 2.4.1-2.4.9 Titolo

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

COMUNE DI PALAGIANO. Provincia di Taranto. Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO

COMUNE DI PALAGIANO. Provincia di Taranto. Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO COMUNE DI PALAGIANO Provincia di Taranto Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO Approvato con Delibera di C.C. n. 12 del 19 marzo 2012 ART. 1 Denominazione e sede Il Museo Civico di Palagiano denominato

Dettagli

CAMBIAMENTO NELLA CONTINUITA INTEGRATA

CAMBIAMENTO NELLA CONTINUITA INTEGRATA CAMBIAMENTO NELLA CONTINUITA INTEGRATA E la prima volta, in questa tornata elettorale, che il Presidente Regionale CIP non sarà eletto dalle Società sportive dei disabili, ma dalle Federazioni olimpiche

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV

PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV SONDALO SONDRIO MORBEGNO CHIAVENNA PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV DETERIMAZIONI IN ORDINE AGLI OBIETTIVI DI INTERESSE REGIONALE DEI DIRETTORI GENERALI DELLE AZIENDE OSPEDALIERE PER L ANNO 2008,

Dettagli

IDEA PROGETTO I GIOVANI E LA VELA. Federazione Italiana Vela IV Zona - Lazio. Via Vitorchiano, 113 00189 Roma

IDEA PROGETTO I GIOVANI E LA VELA. Federazione Italiana Vela IV Zona - Lazio. Via Vitorchiano, 113 00189 Roma Via Vitorchiano, 113 00189 Roma Tel. +39 06 33220441 Fax +39 06 3337203 iv-zona@federvela.it www.federvela.it C.F. 95003780103 IDEA PROGETTO I GIOVANI E LA VELA INDICE SOGGETTO PROPONENTE...3 FINALITÀ

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL

RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL CODICE ETICO E DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL SISTEMA NAZIONALE BORGHI AUTENTICI D ITALIA (F.1.J) 1 1. Definizioni Le definizioni che seguono vanno così interpretate: Sistema Nazionale Borghi Autentici:

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

Procedura GESTIONE DEL POF

Procedura GESTIONE DEL POF SOMMARIO Pag 1 di 7 1. Scopo... 2 2. Applicabilità... 2 3. Termini e Definizioni... 2 4. Riferimenti... 2 5. Responsabilità ed Aggiornamento... 2 6. Modalità operative... 3 6.1 Individuazione esigenze

Dettagli

LIBERTAS. REGOLAMENTO AREA FORMATIVA UNI EN ISO 9001: 2008 Req. 7.3. File: SPEC 01 Pagina 0 di 8 Rev. 4 del 12/12/2013

LIBERTAS. REGOLAMENTO AREA FORMATIVA UNI EN ISO 9001: 2008 Req. 7.3. File: SPEC 01 Pagina 0 di 8 Rev. 4 del 12/12/2013 0 LIBERTAS AREA FORMATIVA Pagina 0 di 8 Rev. 4 del 12/12/2013 Pagina 1 di 31 2013/2016 Revisione n. 4 approvata dalla Giunta Nazionale del 12 dicembre 2013 Pagina 2 di 31 STRUTTURA DIPARTIMENTO FORMAZIONE

Dettagli

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014)

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014) Decreto Direttoriale n. 2216 del 1 luglio 2014 Regole e modalità per la presentazione delle domande finalizzate alla concessione dei contributi previsti dalla Legge 6/2000 per gli strumenti di intervento:

Dettagli

Promozione e commercializzazione

Promozione e commercializzazione Relazione per il Gruppo di lavoro: Promozione e commercializzazione Brand, strumenti, compiti del pubblico e del privato Redatto da: Elisa Capozzi 1 anni 80: Disney cerca un luogo per un parco tematico

Dettagli

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico versione 2.1. Piano d azione

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico versione 2.1. Piano d azione Pag. 1 di 6 Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico versione 2.1 Piano d azione R EV. REDAZIONE VERIFICHE ED APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE

Dettagli

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE Alessandra Damiani Managing Partner di Barbieri & Associati Dottori Commercialisti Consulente per l Organizzazione degli Studi professionali 1

Dettagli

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR?

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? ORGANIZZAZIONE Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? Lo stato dell arte della legislazione nazionale e regionale in materia. La necessità di raccordare le

Dettagli

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Istituto Galileo CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Comunale di Frosinone n. 6 del 2.3.2011 Art. 1 Costituzione e sede. Il Comune di Frosinone

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3 1 di 6 Alta Direzione (DS) DS, nell'ambito dei poteri conferitigli dalla normativa vigente, esercita un'attività di coordinamento dei servizi erogati dall Istituto, in esecuzione delle politiche e degli

Dettagli

Professionisti e strumenti per la cultura, il governo e lo sviluppo delle imprese www.ateneoweb.com

Professionisti e strumenti per la cultura, il governo e lo sviluppo delle imprese www.ateneoweb.com Professionisti e strumenti per la cultura, il governo e lo sviluppo delle imprese www.ateneoweb.com L ISCRIZIONE IN BILANCIO DEI COSTI SOSTENUTI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SITO WEB A cura di Dott. Paolo

Dettagli

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO Lucio Argano Esempio di check list nella gestione di progetti di spettacolo 1 LUCIO ARGANO Esempio di check list per la gestione di un progetto nel settore dello spettacolo dal vivo sintesi da L.Argano

Dettagli