Una Bergamo solidale e sicura, che cresce nella tradizione e valorizza le grandi opere e il turismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una Bergamo solidale e sicura, che cresce nella tradizione e valorizza le grandi opere e il turismo"

Transcript

1 Una Bergamo solidale e sicura, che cresce nella tradizione e valorizza le grandi opere e il turismo Il nostro è un impegno di fare, forti della coesione politica con il Governo nazionale e la Provincia e della profonda condivisione degli obiettivi amministrativi da parte delle tre forze politiche che ci sostengono: Popolo della Libertà, Lega Nord, Lista Civica Tentorio Sindaco. Bergamo è di fronte a grandi scelte e a grandi opportunità. La crisi economica ci impone di guardare con particolare attenzione a chi ha bisogno; i cambiamenti della società ci chiedono di garantire sicurezza; la tradizione propria della nostra gente ci spinge a volere la crescita ma nel rispetto delle esigenze vere e della tradizione; la volontà di diventare una città d avanguardia ci chiede il coraggio di realizzare anche grandi opere; le trasformazioni competitive ci spingono ad investire nei giovani e nella cultura, puntando a nuovi settori in crescita e a nuovi assi di sviluppo quale ad esempio il turismo. Expo 2015 sarà occasione importante di sviluppo: dipenderà anche da noi ritagliarci un ruolo fra le tante iniziative programmate che fra cinque anni animeranno la Lombardia e la porranno sotto gli occhi del mondo. Sarà anche l occasione per costruire insieme infrastrutture che resteranno nel tempo. Per affrontare situazioni nuove, ci vuole uno spirito coraggioso. Oggi non è più sufficiente una politica di pur corretta ordinaria amministrazione, come è tradizione per Bergamo. Occorrono competenze, energie, coraggio e ottimismo per conseguire risultati impegnativi. Per questo pensiamo che il Comune, molto più che in passato, debba svolgere il ruolo di coordinatore, di stimolatore, di facilitatore delle molteplici iniziative che esistono in tutti i settori: deve in una parola applicare fino in fondo il principio di sussidiarietà. C è una realtà ricchissima di imprese, di associazioni, di istituzioni laiche e religiose, che spesso esprimono i lati migliori della nostra società. Per farlo nel miglior modo possibile, con la collaborazione di queste realtà, occorre aprire, all inizio di questa amministrazione, un vero e proprio cantiere. Dobbiamo, specie con loro, promuovere continui momenti di collaborazione affinché la politica appaia meno distante. Il programma elettorale è stato il primo mattone per il nostro cantiere. Il secondo mattone è stata la presentazione delle linee programmatiche avvenuta nella prima seduta comunale del luglio scorso. Oggi, assolutamente in linea con quei documenti, portiamo all attenzione del Consiglio Comunale il programma quinquennale che deriva da un doveroso ampliamento, completamento e illustrazione in dettaglio dei principi programmatici fondamentali esposti fin da allora. Non è uno smisurato libro dei sogni, perché vogliamo subito precisare che non si tratta di un elenco tassativo di impegni che verranno tutti conseguiti, ma un elenco ampio di cose su cui riteniamo di essere in grado di impegnarci e che vorremmo realizzare nella maggiore percentuale possibile, compatibilmente con le non ampie disponibilità finanziarie e con l evolversi degli eventi esterni. Poiché il programma vuole essere un cantiere, deve essere aperto a miglioramenti ed evoluzioni; durante i vari anni dell amministrazione si potranno modificare gli obiettivi, stornare certe opere, 1

2 inserire nuovi bersagli. Il tutto peraltro nell ambito dei principi fondamentali sottoposti all elettorato nel programma e qui confermati nel piano quinquennale. La squadra degli uomini e delle donne dell amministrazione è costituita dal Sindaco e da dodici Assessori. È mia precisa volontà, alla luce dell esperienza maturata in tanti anni di attività politica e anche di lavoro professionale, cercare la massima valorizzazione di tutti i suoi componenti. Gli Assessori devono avere ampia autonomia di lavoro. Dopo la condivisione delle linee programmatiche, frutto in misura rilevante anche delle loro valutazioni e delle loro idee, ci sarà un raccordo continuo con il Sindaco e tra di essi per individuare la graduatoria degli obiettivi anche nel tempo, la loro eventuale modificazione e il loro conseguimento. Così come preziosa sarà l attività del Consiglio Comunale, maggioranza e minoranza, che - è bene ricordare - rappresenta il massimo organo di partecipazione e di democrazia della Città. La condivisione e quindi il sostegno della maggioranza sono condizioni assolutamente indispensabili per la realizzazione del programma. Desideriamo però che sia un sostegno convinto e quindi ci impegniamo alla massima trasparenza del nostro operare. Identica trasparenza dovrà ispirare i nostri rapporti con la minoranza, di cui rispetteremo totalmente il ruolo di controllo, di denuncia, di stimolo e di proposta che di volta in volta riterrà opportuno adottare. Abbiamo la fortuna che l amministrazione provinciale e il Governo nazionale siano guidati dalle stesse forze politiche che hanno vinto le elezioni amministrative a Bergamo. Ciò potrebbe accadere anche in Regione dopo le prossime elezioni di marzo. Questa è un occasione non facilmente ripetibile di facili collaborazioni data l affinità dei valori sentiti e dei programmi proposti. Sappiamo che non sempre tutto sarà idilliaco o pienamente funzionante, ma ci sforzeremo di fare prevalere l interesse comune rispetto ai pur rispettabili interessi di parte. Ogni Assessore declinerà il suo programma, da me e dai colleghi pienamente condiviso, che ci auguriamo abbia il consenso convinto anche del Consiglio Comunale. Siamo pronti ad accogliere suggerimenti da qualsiasi parte essi provengano, purché condivisibili in uno spirito costruttivo e nell interesse della città. Se posso osare una sintesi dei grandi temi che vogliamo affrontare, provo a indicare cinque punti che per noi hanno la valenza dei grandi obiettivi: 1. Bergamo solidale 2. Bergamo sicura 3. Bergamo che cresce nella tradizione 4. Bergamo delle grandi opere 5. Bergamo turistica. 2

3 Bergamo solidale Bergamo ha una lunga tradizione di assessorati ai servizi sociali che hanno lavorato bene nel succedersi delle amministrazioni. Oggi bisogna cercare di fare di più perché, anche in una città complessivamente benestante e attiva, le nuove emergenze, la crisi economica, l invecchiamento della popolazione, la frammentazione dei nuclei familiari ed il precariato generano nuovi bisogni. Abbiamo la presenza attiva di un volontariato eccezionale, forse unico in Italia, e di una solidarietà diffusa tra la gente. Ad essi il Comune deve aggiungere i propri impegni, i propri uomini, le proprie risorse. La famiglia è la nostra priorità, così come indicata dall art. 29, primo comma, della Costituzione, che ci piace rileggere: la Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Bisogna favorirne la formazione, sostenerne la crescita, identificarla come destinatario principale di solidarietà. I servizi devono privilegiare il rapporto con la famiglia per costruire una rete di offerte capace di rispondere ai bisogni più complessi ed al sostegno quotidiano. L ambizione è di riuscire a tenere conto in un crescente numero di iniziative sociali del principio del quoziente familiare. L attenzione è a un piano casa che favorisca le giovani coppie. Occorre favorire la permanenza nel proprio quartiere affinché l assistenza sociale non comporti uno sradicamento difficilmente superabile quando le condizioni di età e di salute sono particolarmente precarie. Ciò vale in modo particolare per gli anziani e per i disabili: le nuove tecnologie facilitano l assistenza a domicilio grazie all automazione della casa e la possibilità di avere grande interattività con i propri cari e gli assistenti. Ci piacerebbe infine iniziare a ragionare su un programma nonni. Il che vuol dire da un lato realizzare le forme di assistenza e di servizio presso i loro domicili con l aiuto di parenti, di commercianti, di assistenti, di dipendenti comunali. Dall altro significa, oltre ad un ulteriore rafforzamento della funzionalità dei servizi della terza età, stimolarli ad essere ancora utili alla collettività con dei servizi di controllo del territorio o con dei lavori minori che sono ora facilmente inquadrabili con il sistema dei voucher. Bergamo sicura Desideriamo fare due premesse essenziali. La prima è che la sicurezza deve essere un valore percepito, anche oltre l effettiva realtà, e quindi se un anziano o una donna si sentono non sicuri l amministrazione comunale deve farsene carico. La seconda osservazione è che il tema deve essere trattato d intesa con Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e altre forze dell ordine, che hanno un compito primario di difesa dell ordine pubblico, e comunque sempre sotto l egida del Prefetto. La collaborazione fra le varie istituzioni è essenziale. Il Comune vuole fare la sua parte dando la massima attenzione al corpo di Polizia Municipale. I militari, i volontari per la sicurezza, i vigili di quartiere, le telecamere, le colonnine SOS, le ordinanze sono momenti complementari di questo impegno. Ma se questa è la pur indispensabile fase repressiva, altrettanto importante è la fase preventiva. Una città più viva e più illuminata, in centro e nei suoi quartieri, è una città più sicura. D intesa con le associazioni di via dei commercianti e dei residenti occorre creare momenti di incontro e di festa, aventi contenuto sportivo, ricreativo, enogastronomico o culturale. Una città più viva non deve diventare toppo rumorosa, ma richiede anche una maggiore tolleranza da parte di coloro che vedono un poco alterata la loro vita tranquilla di tutti i giorni. L obiettivo è duplice: da un lato una città con meno reati (e quindi con più sicurezza reale), dall altro una città più viva e illuminata, che dia un senso di sicurezza ai suoi cittadini. 3

4 Bergamo che cresce nella tradizione Il profilo inconfondibile di Città Alta, la linea verde dei Colli che le varie amministrazioni hanno sempre difeso con sufficiente fermezza, il centro piacentiniano, le mura, i borghi storici, i nuovi quartieri formano un mix unico che i bergamaschi amano e che i non bergamaschi apprezzano quasi ancor di più. Bisogna difendere questa ricchezza, puntare ad una crescita controllata della città, preceduta sempre dalle necessarie infrastrutture, molto fredda sull ipotesi di costruire grattacieli, impegnata in una intransigente difesa della qualità di tutte le opere edili (spesso meglio garantite con il sistema del concorso). Abbiamo fortemente contestato diversi piani integrati di intervento ex Sace, ex Enel, via Autostrada, ex Gres, in particolare perché avevamo valutato con grande convinzione errata l impostazione di consentire incrementi di volumetrie e cambi di destinazione d uso in cambio di denaro o di opere di urbanizzazione. Resta forte il nostro impegno di cercare di conseguire dei miglioramenti delle relative convenzioni, pur nell inevitabile rispetto dei diritti acquisiti. Frutto di questi principi è il Piano del Governo del Territorio (Pgt) recentemente approvato. Ottocentomila metri cubi di volumetria in meno, concentrati sopratutto sulle nuove edificazioni, conferma ed ampliamento del verde, riduzione dei livelli massimi di altezza degli edifici, aperture a due nuove grandi occasioni per la città (la sala espositiva dell Accademia Carrara offerta dalla fondazione Credito Bergamasco e il Parco dello Sport, sempre che i progetti presentati siano rispettosi delle primarie esigenze urbanistiche della città). Bergamo delle grandi opere Se volgiamo indietro negli anni lo sguardo dobbiamo convenire che nel dopoguerra pochi grandi opere sono state realizzate. Pensiamo alla Tangenziale, alla strada per S. Vigilio e in tempi più recenti il Rondò delle Valli, la nuova Fiera e il Tribunale. Forse me ne sfugge qualcuna, ma il loro numero fatica a superare le dita di una mano. Il confronto con la vicina Brescia è spesso impietoso. Ma giunti ormai negli anni 2000 non possiamo più stare fermi se non vogliamo diventare una città di serie B. Abbiamo fortemente criticato due grandi rinunce del recente passato, che hanno privato la comunità bergamasca di opere interamente finanziate la prima e a costo zero per il Comune la seconda: ci riferiamo alla Tangenziale est e al Parco dello Sport. Oltre ad esse, che restano con le opportune condizioni, anche finanziarie, in tutto o in parte, nelle ambizioni dell amministrazione, tantissimi sono gli obiettivi su cui vogliamo impegnarci. Sappiamo benissimo che non tutti verranno conseguiti alla fine del quinquennio, ma se buona parte di essi lo fosse o almeno fossero aperti i cantieri, potremmo proprio dire di non avere amministrato invano. Il primo tema che resta vivo in modo ambizioso è Porta Sud, che vediamo con dimensioni più ridotte rispetto al passato e di cui non sottovalutiamo le difficoltà derivanti dagli ostacoli allo spostamento della nuova sede della Provincia. La nuova legge finanziaria apre la possibilità di donazioni di immobili storico-artistici ai comuni in caso di presentazione di progetti di loro rivitalizzazione: abbiamo presentato con entusiasmo domanda, nell ordine di importanza, per Sant Agata (da sistemare unitamente al vicino Carmine), la Torre dei Venti (che può ridiventare il benvenuto in città per chi proviene dall autostrada) e lo storico Diurno di Piazza Vittorio Veneto. Astino è quasi alla vigilia della firma dell accordo di programma. Il palazzo del Podestà vedrà quest anno la fine dei lavori necessari per ospitare il museo della città. Expo 2015 tra le sue opere necessarie, anche se non ancora finanziate, vede il prolungamento della linea ferroviaria Milano-Bergamo fino ad Orio. 4

5 La viabilità veicolare richiede un impegno particolare per quattro punti delicati: la strettoia di Ponteranica, il rondò delle Valli, il rondò di Campagnola e il rondò dell autostrada (quest ultimo peraltro non di diretta competenza comunale). Per i primi due peraltro solo la condivisione del progetto e delle spese con gli altri enti locali a partire dalla Provincia potrà consentire concrete speranze di realizzazione. L annosa questione delle caserme si è finalmente risolta: la Montelungo al Comune di Bergamo e le altre al Demanio che le porrà in vendita, in considerazione della edificabilità consentita dal recente Pgt. La viabilità di Città Alta è un problema nel problema: il parcheggio sotto l ex Parco Faunistico si fa solo se è garantita la totale sicurezza degli abitanti vicini e delle Mura; gli accessi tramite innovativi sistemi tipo Perugia sono un sogno che non deve intaccare minimamente le Mura. Infine il Donizetti: un impegno economico ciclopico di quasi 20 milioni di euro che sarà possibile provare ad affrontare dopo le opere di completamento del Teatro Sociale e quelle di insonorizzazione del Palacreberg, destinati ad una sostituzione temporanea del Donizetti stesso. Anche qui solo se si farà squadra sarà possibile ottenere risultato: enti locali e imprese private, istituti di credito e categorie, governo nazionale e singoli cittadini, tutti insieme. Bergamo turistica Bergamo è ricca di un patrimonio artistico, ambientale e culturale non ancora valorizzato per tutte le potenzialità che può esprimere. Le poche iniziative in questo settore sono state piuttosto disorganizzate ed inadeguate. Ora bisogna cambiare passo, perché il turismo, soprattutto se è di qualità, può diventare una importante fonte di sviluppo ed una risorsa economica di primaria importanza. Aeroporto, montagna, laghi, Città Alta, il Donizetti, la Carrara sono un insieme di realtà da valorizzare, anche in vista dell Expo 2015, in sinergia con le attività culturali, commerciali, gli alberghi e i ristoranti. I capitoli che seguono si soffermano analiticamente sui temi e sui programmi. Non hanno la presunzione di essere esaustivi, anche perché la natura di cantiere che può avere questo documento consentirà variazioni, aggiunte e approfondimenti, anche in base al contributo che ci perverrà dai Consiglieri comunali. Franco Tentorio Sindaco di Bergamo 5

6 Vicini a chi ha bisogno Bergamo ha una lunga tradizione di servizi sociali che hanno lavorato molto bene in tutte le Amministrazioni passate. Oggi bisogna fare ancora di più, in modo da affrontare la crisi economica, l invecchiamento della popolazione, la frammentazione dei nuclei familiari, il precariato, le nuove emergenze e i nuovi bisogni. Il tutto in sinergia con le Istituzioni religiose e le associazioni di volontariato che ringraziamo sin d ora per il loro apporto. In definitiva il Comune si impegna a stanziare grandi risorse per una politica della sussidiarietà in una dimensione comunitaria. La famiglia al centro delle politiche sociali La famiglia è la nostra priorità, di conseguenza ci impegneremo per favorirne la formazione, sostenerne la crescita, grazie ad una rete di servizi capaci di rispondere ai bisogni più complessi ma anche al sostegno nella quotidianità. Oggi più che mai si riconosce che il nucleo familiare è il centro della vita sociale, che si prende cura della persona e dei suoi bisogni dal concepimento alla conclusione della vita. Pensiamo nel corso del mandato amministrativo di operare affinché sia realizzato ogni intervento possibile per garantire il diritto al ben-essere, alla migliore condizione di vita, alla possibilità per le persone di crescere in un contesto educativo, affettivo e relazionale positivo e costruttivo. Desideriamo poter continuare ad inseguire il sogno consapevoli che si può realizzare di una società giusta, solidale, attenta ai bisogni ma capace di muoversi sul terreno del confronto con la realtà, nella più completa valorizzazione delle risorse, umane ed economiche, concretamente disponibili. Sostegno alle famiglie in difficoltà Il Comune predispone interventi di sostegno economico alle famiglie in difficoltà grazie a contributi economici "a valutazione sociale", a capo del servizio sociale che valuta le richieste o i problemi presentati dai cittadini, formula il piano di intervento e ne cura l'attuazione anche attraverso l'attivazione ed il coordinamento di risorse, servizi e strutture. Il Banco alimentare permette interventi di assistenza economica a favore di singoli o nuclei familiari indigenti residenti in Bergamo che versano in grave stato di disagio economico. Il servizio sociale del Comune si occupa di individuarli e con l ausilio di un Associazione di volontariato provvede alla distribuzione di generi alimentari. Sostegno ad iniziative anticrisi e per l occupazione Il Contributo di solidarietà è erogato in collaborazione con l ALER e l ufficio alloggi del Comune, una provvidenza economica finalizzata a sostenere nuclei in condizione di fragilità socio-economica nel pagamento del canone di locazione. Si tratta di un aiuto che intende prevenire eventuali sfratti per morosità, soprattutto in nuclei con la presenza di minori o persone non autosufficienti la cui situazione risulta aggravata dalle attuali difficoltà connesse alla crisi economica (perdita o riduzione del lavoro, cassa integrazione, mobilità, etc.). 6

7 Fondo Famiglia Lavoro Le difficoltà di cittadini e famiglie a stare al passo con il costo della vita saranno sempre al centro dell attenzione dell Amministrazione comunale. L attenzione maggiore è rivolta ad alleviare i problemi economici derivanti dai carichi di cura familiare ed a sostenere i percorsi educativi dei bambini e di tutti i ragazzi in età scolare. Fondo sostegno contro le calamità Costituire un fondo, sulla falsariga del Fondo Famiglia e Lavoro, per sostenere le famiglie cittadine che nel corso dell anno sono state vittime di calamità naturali (incendio della casa, crollo per cause imprevedibili, etc.). Si prospetta anche la costituzione di una specifica Commissione consiliare. Consulta delle Politiche familiari Le politiche familiari non possono essere ridotte ai soli interventi di sostegno, tutela e assistenza. Occorre una politica familiare a 360 gradi, attenta alle politiche tariffarie per i servizi essenziali, alle politiche abitative, alle politiche di conciliazione fra tempi di vita e tempi di lavoro, alle politiche della salute; una politica che riconosca la famiglia quale soggetto sociale e risorsa (di legami, di integrazione al welfare, di produzione economica e sociale, di educazione delle nuove generazioni, ecc). Da tempo la Consulta delle Politiche Familiari si dedica con particolare attenzione alle famiglie con figli minori, adolescenti e giovani. Conciliazione Famiglia e Lavoro In questa prima area tematica è prevista un azione di: - coinvolgimento dei titolari di impresa, dei datori di lavoro nelle varie aree imprenditoriali e professionali per discutere del tema della conciliazione Famiglia e Lavoro. In particolare, in occasione del decennale della legge 53/2000, che disciplina i congedi parentali, si intende incontrare i diversi soggetti coinvolti (Sindacati, Camera di Commercio, Università, Consigliera di Parità, Imprese, ecc) per una verifica sulla sua attuazione ed organizzare alcuni incontri collettivi aperti alla cittadinanza. Servizi socio-sanitari ed educativi In questa seconda area tematica sono previste, in collaborazione con l ASL, l Ufficio Scolastico Provinciale e le altre agenzie del territorio, azioni di: 1. Sostegno alle famiglie con figli attraverso: - la valutazione della rispondenza delle risposte di agenzie socio-sanitarie e socio-educative alle richieste delle famiglie con figli attraverso il coinvolgimento dei consultori pubblici e privati (Scarpellini), dei servizi per l infanzia (nidi, spazi gioco), delle scuole di ogni ordine e grado, delle ludoteche e degli spazi giovanili, dei centri socio-culturali, degli oratori, nonché di altri servizi socio-educativi quali quelli legati all extrascuola. - il coordinamento per l orientamento scolastico e per il contrasto della dispersione scolastica. - la presa in carico delle difficoltà di apprendimento e/o di disagio transitorio nelle scuole. 2. Rieducazione al consumo per favorire una politica che estenda e diffonda i principi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica all interno delle famiglie bergamasche. Con il proseguimento del progetto di sensibilizzazione iniziato nel dicembre 2008, in collaborazione con il gruppo di studio e ricerca Cittadinanza sostenibile dell Università di 7

8 Bergamo, continueremo a promuovere la riflessione e la diffusione di buone pratiche per un consumo critico. 3. Contrasto all aumento del costi attraverso una politica attenta al costo della vita. Casa ed Abitare In questa terza area tematica sono previste azioni di: 1. Accoglienza abitativa per le giovani coppie e le famiglie con figli da realizzare in stretto raccordo con la Divisione Politiche della Casa, tramite l individuazione di case in affitto. 2. Supporto abitativo solidale per il benessere dei minori e delle loro famiglie. La nascita di nuove famiglie Per il sostegno alle famiglie in condizione di fragilità sociale che sono impegnate ad affrontare problemi educativi e di cura dei propri figli dalla prima infanzia è nato il progetto Nascere famiglia, finalizzato ad affiancare e potenziare, con competenze pedagogiche e risorse educative appropriate, le situazioni di fragilità familiare in sinergia con i servizi (l Unità Operativa Minori e i Servizi socio-educativi del Comune, il Servizio Tutela Minori dell Ambito, il Consultorio Familiare dell ASL, i Servizi integrativi per l infanzia e la famiglia dell Ambito) attraverso interventi a domicilio o in altri contesti sia individuali che di gruppo. I progetti di assistenza a) I minori I nuovi progetti intendono operare a favore della tutela dei minori per garantire loro una crescita ed uno sviluppo sano ed armonico in un contesto socio-familiare adeguato, attraverso interventi di prevenzione e di supporto alla genitorialità. In particolare: 1. Costituzione di un Servizio Tutela minori coordinato a livello di Ambito territoriale 1 Bergamo che garantisca una gestione più omogenea degli interventi e assicuri una migliore qualità del servizio. 2. Integrazione tra le prestazioni di natura sociale erogate dai Comuni e quelle di natura sanitaria erogate dall ASL per costruire una presa in carico unitaria e condivisa dei bisogni della persona. 3. Lavoro di rete per favorire il lavoro del servizio psico-sociale nell ambito minorile nell attivazione di interventi di conoscenza e confronto con il territorio in cui il minore e la sua famiglia vivono. Convenzioni e servizi in essere: Assistenza domiciliare educativa minori: collaborazione con il soggetto convenzionato per la gestione associata a livello di Ambito del servizio che si articola in tre tipologie di intervento: assistenza educativa domiciliare rivolta a singoli nuclei familiari in situazione di difficoltà e disagio, incontri protetti tra genitori e figli in situazione di separazione altamente conflittuale e/o di grave disagio, mirati a ristabilire un adeguata relazione tra i soggetti, progetti territoriali rivolti a gruppi di minori attuati in collaborazione con le diverse agenzie del territorio (scuole, oratori, centri sportivi, associazioni culturali, ricreative, etc.), che si interfacciano con i vari progetti extrascuola attivati nelle comunità stesse. 8

9 Centro di pronto intervento: prevede l accoglienza immediata di minori in stato di abbandono o in grave situazione di disagio presso una struttura di pronto intervento, mediante apposita convenzione con un soggetto del Terzo settore. Interventi economici per l inserimento di minori in strutture d accoglienza: erogazione di contributi per la copertura delle rette di ricovero di minori e/o madri in strutture di accoglienza, in attuazione di disposizioni dell Autorità Giudiziaria a tutela di situazioni per le quali non è possibile attuare altri interventi nel proprio contesto di vita. Affido familiare: sperimentazione di una genitorialità diffusa come creazione di legami di cura e di accoglienza. Realizzazione nel mese di agosto di un Centro ricreativo estivo per minori da 6 a 15 anni, mediante la stipula di una convenzione con un ente esterno al fine offrire alle famiglie un valido luogo educativo e di aggregazione per i loro figli. b) Diversamente abili I nuovi progetti intendono promuovere l integrazione in tutti gli ambiti di vita delle persone disabili che, per la loro fragilità, rischiano l esclusione sociale. La famiglia, al cui interno è presente una persona disabile, è caratterizzata infatti da una situazione di fragilità che contraddistingue anche le relazioni tra la famiglia ed il contesto sociale, economico e lavorativo in cui è inserita e si ripercuote su tutti i componenti del nucleo familiare e che si accentua quando vi sono anche altre persone fragili al suo interno quali altri fratelli disabili, minori, anziani ed individui con necessità di cura ed assistenza. Nell attuazione della Legge 328 del 2000 si prevede in particolare di: 1. Supportare la famiglia sia nelle proprie funzioni di cura ed assistenza in ambito domiciliare che nella vita sociale e lavorativa attraverso: - l incremento della domanda di integrazione sociale che perverrà ai servizi comunali a seguito della conclusione del percorso scolastico; - il potenziamento dei servizi per le persone diversamente abili con gravi disabilità e per le loro famiglie; - il coinvolgimento della persona disabile e la sua famiglia nei processi di erogazione del servizio; - la strutturazione del terzo settore come referente essenziale per le reti di protezione sociale del territorio. Ai nuovi progetti si affiancano le convenzioni e i servizi in essere: Gestione del Centro Diurno Disabili di via Presolana (CDD) per persone disabili gravi: un servizio accreditato dalla Regione Lombardia per realizzare interventi diurni di tipo educativo, ricreativo, assistenziale e terapeutico in favore di 33 soggetti. Consente di continuare a mantenere nel nucleo familiare la persona disabile. Gestione del Centro socio educativo per l autismo. E un servizio diurno, inaugurato nel settembre 2009, che accoglie 22 persone disabili con disturbi di tipo autistico. Servizio di Formazione all autonomia. Si occupa di: - Progetti Mirati Occupazionali per valorizzare le capacità della persona disabile attraverso attività occupazionali socialmente utili svolte in normali contesti di lavoro pubblici e privati (biblioteche cittadine, centri socio culturali pubblici e privati), mense scolastiche (pubbliche e private) segreterie scolastiche (pubbliche e private), oratori, associazioni di volontariato, aziende (pubbliche, private e cooperative sociali). - Laboratorio Autonomia favorisce lo sviluppo e il mantenimento dell autonomia della persona disabile attraverso l attivazione di interventi diversificati a carattere socio-educativo in ambito parzialmente protetto. 9

10 - Assistenza Domiciliare Educativa Disabili, il cui scopo è di proporre una risposta a situazioni di bisogno particolarmente complesse, che richiedono un rapporto educativo individualizzato. - Lavoro di Comunità e Tempo Libero, la cui finalità è di favorire l inclusione e l integrazione delle persone disabili in ambiti ricreativi, sportivi, culturali ed espressivi attivati a livello cittadino. Questa proposta si articola in tre aree di intervento: 1. culturale per promuovere la conoscenza della disabilità nella comunità locale, la ricerca, l approfondimento e la documentazione delle metodologie e degli strumenti che rendono possibili esperienze di inclusione e di integrazione sociale; 2. territoriale per approfondire, promuovere, mantenere ed ampliare le connessioni con le realtà sociali presenti nel territorio cittadino potenzialmente disponibili a collaborare e a sviluppare processi di inclusione e di integrazione della persone disabili a carattere sportivo, culturale, ricreativo ed espressivo; 3. socio-educativa per promuovere, sostenere ed incrementare la partecipazione attiva della persone disabili e delle loro autonomie nella vita sociale. La realizzazione del progetto individualizzato presuppone, inoltre, un articolata e diversificata rete di servizi che attraverso la propria specializzazione ampliano l offerta che va ad integrare gli interventi previsti nel Servizio Territoriale Disabili. Interventi socio-occupazionali ed educativi. Questa tipologia di intervento, realizzato in convenzione con la Cooperativa Bergamo Lavoro, si rivolge alle persone disabili per le quali non è prevedibile un inserimento lavorativo esterno in aziende, ma che possono essere coinvolti in progetti di mantenimento e sviluppo dell autonomia personale. Si prevede in particolare: - l accoglienza nel progetto di un numero medio mensile di n. 18 soggetti disabili, con presenze giornaliere definite nel progetto individuale e distribuite nell orario di apertura del servizio; - la realizzazione di attività socio-occupazionali non finalizzate alla produzione, svolte principalmente nei laboratori-officina della cooperativa che riproducono le realtà aziendali e sono caratterizzate da un insieme di regole, di comportamenti e tempistiche ben definite, gestite in modo flessibile in relazione alle necessità della persona disabile e dell intero gruppo laboratorio. - la programmazione e realizzazione di attività socio- occupazionali differenziate svolte anche all esterno della cooperativa. Centri Ricreativi Estivi. Questa proposta d intervento -effettuata in collaborazione con diverse agenzie del territorio quali gli oratori cittadini, l associazione Giochincorso, Bergamo Infrastrutture (Sez. Bergamo Sport), lo Spazio Autismo, lo Spazio Famiglia della Provincia di Bergamo- favorisce l integrazione sociale dei giovani disabili nel periodo estivo e sostiene le famiglie degli stessi a gestire la sospensione scolastica e gli inderogabili impegni lavorativi. Servizio Integrato Inserimento Lavorativo. Il servizio, che afferisce all Ambito Territoriale 1 di Bergamo di cui fa parte il Comune di Bergamo, è finalizzato a costruire percorsi mirati di accompagnamento ed inserimento lavorativo delle persone disabili in aziende pubbliche e private e in cooperative sociali di tipo B. Gli inserimenti in strutture residenziali. L amministrazione comunale sostiene economicamente gli inserimenti in strutture residenziali sia per periodi di sollievo che per inserimenti definitivi. Progetto di assistenza domiciliare mirata a favore di minori disabili gravi e gravissimi. Un supporto assistenziale continuo sia nei momenti in cui si trova a domicilio o in quelli in cui i servizi o la scuola sono chiusi. Disabilità adulta. L invecchiamento, la malattia, in alcuni casi, e la perdita dei genitori rendono necessario accogliere la persona disabile in una struttura residenziale che si affianca o sostituisce alla famiglia d origine. L obiettivo è la realizzazione di strutture di accoglienza residenziale per disabili adulti. 10

11 c) Adulti I nuovi progetti intendono affrontare la tematica della persona adulta non solo per le condizioni di grave disagio, ma anche di vulnerabilità o fragilità affinché si possa evitare l instaurarsi di situazioni di emarginazione grave o di cronicizzazione del disagio. Pertanto, verranno attuati sia interventi di contenimento e/o riparativi che di prevenzione (mediazione educativa). In particolare: 1..Accogliere temporaneamente e/o accompagnare persone in situazione di difficoltà economica, abitativa e sociale presso strutture o appartamenti comunali. Al fine di favorire la transizione tra lo stato di disagio e una condizione di vita dignitosa verranno predisposti: - Villaggio di Accoglienza Condominio solidale Mater che si rivolge a donne sole o con figli in condizione di vulnerabilità a causa di separazione, perdita del lavoro, mancanza del coniuge, assenza di reti familiari e amicali ecc. La struttura di accoglienza per complessivi 33 posti letto comprende anche la presenza di una equipe educativa e la fornitura di servizi accessori. - Casa dei papà diretta a uomini soli o con figli in condizione di vulnerabilità a causa di separazione, perdita del lavoro, mancanza del coniuge, assenza di reti familiari e amicali etc, con monolocali di edilizia residenziale pubblica per uso temporaneo gestiti in autonomia dai beneficiari. 2. Recuperare l autonomia personale e promuovere l integrazione sociale mediante i progetti: - Brika 1 che si rivolge agli ambulanti e ai mendicanti che sempre più spesso sono sfruttati dal racket. In collaborazione con le forze dell ordine, le realtà locali come il Servizio Esodo e L Educativa di Strada, si prevedono interventi educativi di strada territoriali e congiunti. - Verosimilmente a casa! che si rivolge a persone in situazione di disagio pur vivendo in autonomia, attraverso un sostegno educativo a domicilio. 3. Reinserire i detenuti ed gli ex-detenuti nel tessuto sociale. Si cercherà, in una prospettiva di continuità con gli interventi attivati negli anni precedenti con i differenti servizi territoriali, di sostenere le persone in stato di detenzione e/o in misura alternativa a recuperare uno status sociale ed affettivo. 4. Attivare interventi per persone senza fissa dimora con gravi patologie presso strutture sociosanitarie, per esempio le Case di Riposo, in grado di garantire accoglienza e cura di persone adulte con malattie mentali o fisiche in stato di emarginazione. 5. Prevenire il disagio giovanile nelle zone a rischio della città, come l area adiacente la stazione, uno dei luoghi più noti per l uso e lo spaccio di sostanze illecite. Mediante progetti di prevenzione si proporranno, con altri servizi comunali (Servizio Giovani) interventi mirati ad accogliere e a trattare il disagio giovane in spazi diversi da quelli destinati per la persona adulta senza fissa dimora. Ai nuovi progetti si affiancano le convenzioni e i servizi in essere: Il progetto integrato a contrasto dell emarginazione grave consiste in una convenzione tra il Comune di Bergamo, l Associazione Diakonia Onlus della Caritas Diocesana Bergamasca, il Patronato S. Vincenzo e l Opera Bonomelli. Gli inserimenti educativi formativi propedeutici al lavoro, attivati alcuni anni fa dal Servizio Integrazione Sociale, in convenzione con la Cooperativa Ruah e la Cooperativa Ringhiera, per creare un ponte tra il mondo dell emarginazione grave e quello del lavoro, coinvolgono quelle persone che sono senza fissa dimora a causa di esperienze di vita fisiche e psicologiche destrutturanti. 1 Brika in marocchino significa accendino. 11

12 d) Anziani I nuovi progetti intendono ritardare l ingresso nelle strutture-protette e migliorare la qualità di vita sia nel luogo di domicilio che intorno al domicilio. In particolare: 1. Sostenere la domiciliarità con nuove forme di supporto, che mirino ad affrontare in modo più adeguato il diverso grado di difficoltà degli anziani non più completamente autonomi, attraverso i progetti: - Affido nonni: famiglie, singoli cittadini o associazioni possono proporsi di prendere in affido, per un tempo da concordare, persone anziane in condizioni di solitudine e/o di parziale autonomia. - Casa-famiglia per anziani: operatori qualificati e volontari garantiranno loro assistenza, aiuto nella cura di sé, accompagnamento nello svolgimento di tutte le attività esterne (acquisti, trasporto sociale, visite mediche, ecc), ascolto, intrattenimento e coinvolgimento nelle iniziative attive del quartiere. - Condominio solidale: i condomini con un alta presenza di persone anziane in difficoltà potranno usufruire quotidianamente, festivi compresi, di un operatore qualificato, nell area dell assistenza, per un aiuto nella cura di sé e della casa. 2. Migliorare le condizioni di sicurezza e/o della percezione della stessa attraverso: - Una campagna informativa specifica sui rischi in cui possono incorrere gli anziani. - Un osservatorio sulla violenza agli anziani composto da rappresentanti dei Servizi Sociali del Comune, del Settore Politiche Sociali della Provincia, della Questura, della Polizia locale, dell Associazione Nazionale dei Carabinieri in congedo, dell Ordine degli avvocati, dei medici e degli psicologi. Ai nuovi progetti si affiancano le convenzioni e i servizi in essere: Servizio di assistenza domiciliare in continuità con gli anni precedenti consiste nel: - mantenimento del SAD di Base che si articola in prestazioni di aiuto domestico, di lavanderia, cura della persona, ausiliarie educative e complementari. - consolidamento del SAD specialistico che si articola con i progetti Care-Giver Alzheimer e Adulti in difficoltà. Particolare attenzione verrà prestata agli interventi più innovativi quali il: - completamento dell implementazione delle azioni di custodia sociale in altre tre zone della città. - consolidamento e sviluppo degli interventi di supporto e sollievo alle famiglie impegnate nella cura, quali i gruppi di auto mutuo-aiuto e prestazioni di tutoring. Servizio di consegna-pasti a domicilio Servizio di telesoccorso Servizio trasporto dializzati Ricoveri di soccorso Accordo con l azienda ospedaliera e con l Associazione disabili bergamaschi (Adb) Contributi ricovero inabili Progetto estate anziani Centri terza età 12

13 Servizio di tutela, curatela e amministrazione di sostegno a favore di soggetti interdetti e incapaci anche lievi residenti in città, oltre che un attività di consulenza, orientamento e supporto per l attivazione di misure di protezione giuridica a favore di persone in condizione di fragilità. Centro per i bambini e i ragazzi Centro per la famiglia Centro per i bambini e i ragazzi. Si ritiene opportuno ridelineare le attività dell attuale Centro Famiglia di via S. Martino della Pigrizia e rafforzare le collaborazioni e le convergenze fra le istituzioni pubbliche e del privato sociale coinvolti (comune, asl, diocesi, provincia e Nepios) affinché si costruisca una strategia integrata di intervento. Il Centro per i bambini e i ragazzi dovrà avere una valenza curativa e di supporto per le famiglie in difficoltà, predisponendo interventi di sostegno psico-sociale e di tutela a favore sia di famiglie che attraversano fasi critiche del loro ciclo di vita che di nuclei familiari multiproblematici, ed interventi di prevenzione e/o sostegno a favore di minori in situazione di disagio. Centro per la famiglia. In fase di progettazione, il nuovo centro situato in via Legrenzi, avrà valenza preventivo-promozionale, con orientamento al benessere delle famiglie e al supporto della genitorialità per far fronte alle difficoltà proprie della vita quotidiana e alle responsabilità educative legate alla crescita dei figli, e con funzioni integrative rispetto a quelle svolte dal Centro per i Bambini e i ragazzi. Il servizio, sostenuto anche dalla Consulta delle politiche familiari, si pone in stretto collegamento con gli altri enti istituzionali che a vario titolo si occupano di famiglia e con le reti territoriali. PASS (Porta di accesso e orientamento ai Servizi Sociali) L attivazione del PASS (Porta di accesso e orientamento ai Servizi Sociali) consente di avere un centro di riferimento per il primo accesso, il filtro, l informazione e l orientamento dei cittadini, favorendo l esercizio dei diritti di cittadinanza e la fruizione delle prestazioni sociali disponibili sul territorio. L obiettivo consiste nell ottenere un raccordo con gli altri servizi interni all Amministrazione, nonché con enti e organizzazioni esterne (A.S.L., Patronati, Centri di primo ascolto, etc) e nel monitorare i bisogni espressi dalla comunità, in modo da ottenere una diagnosi sociale sulla quale programmare e realizzare al meglio gli interventi e i servizi sociali e verificare la congruità tra domanda sociale e offerta. Collaborazione Comune-Asl per la continuità assistenziale Promuovere una più forte governance territoriale sulle problematiche della non-autosufficienza attraverso non solo la valorizzazione dell accordo con l Azienda ospedaliera relativo all attivazione di una Centrale delle dimissioni protette, ma anche l estensione ad altri luoghi di cura del protocollo per evitare le dimissioni non-protette. Collaborazione Comune-Asl per un efficace politica della prevenzione Promuovere nuovi stili di vita nei confronti degli anziani attraverso: - la promozione dell attuale progetto Tartaruga realizzato presso il Centro Anziani di S. Caterina in altri Centri Anziani, potenziandone anche le attività. - l elaborazione di un nuovo progetto che, con il coinvolgimento anche di adeguate figure professionali, promuova percorsi di attività fisica specifici per la terza età nei parchi cittadini. 13

14 Forme di coinvolgimento e valorizzazione dei Giovani anziani In collaborazione con il Centro Servizi Volontariato e le associazioni che operano in questo ambito si intende sostenere il volontariato per: - la realizzazione di una capillare Campagna di promozione del volontariato con la quale si ricercano nuovi volontari da coinvolgere nel potenziamento delle diverse attività in particolare per il trasporto sociale. - l ampliamento della seconda fase del progetto Anagrafe della fragilità con il quale si cercherà di potenziare i ruoli di prossimità. Dialogo e collaborazione con comunità immigrate MIGRANTI: Nuovi progetti I nuovi progetti intendono favorire processi di interazione dei cittadini stranieri, sviluppando percorsi di supporto alla legalità e all accoglienza. In particolare: 1. Incentivare il dialogo e la collaborazione per politiche di inclusione ed emersione con le comunità immigrate con un lavoro di contatto e confronto con le associazioni dei migranti tramite l attività dell Agenzia per l Integrazione di cui il Comune di Bergamo è socio fondatore. In specifico con la comunità boliviana, molto numerosa nella nostra città, si cercherà di instaurare una stretta collaborazione con il Consolato boliviano per costruire un osservatorio istituzionale privilegiato sulla realtà boliviana a Bergamo. 2. Favorire l integrazione degli stranieri con la promozione di una campagna informativa sulla carta di soggiorno. 3. Costruire e consolidare una partnership tra enti pubblici e privati impegnati nel territorio nell integrazione dello straniero per realizzare nuovi progetti condivisi ed accedere a fonti di finanziamento esterne che limitino i costi per l amministrazione. 4. Realizzare i progetti già finanziati di cui il Comune di Bergamo è ente capofila quali: - Richiedenti asilo, rifugiati e titolari di protezione umanitaria (SPRAR): dal 2006 vengono finanziate dal Fondo Nazionale per le politiche ed i servizi dell asilo attività di accoglienza, integrazione e tutela a favore di richiedenti protezione internazionale grazie all adesione alla rete del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati del Servizio Centrale del Ministero dell Interno. - Fuori dal giogo III: la Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento per le Pari opportunità ha finanziato il progetto presentato dall Associazione Lule Onlus in favore delle vittime dei reati di riduzione o mantenimento in schiavitù e di tratta di persone, di cui il Comune di Bergamo è partner e co-finanziatore. - Mediazione culturale presso la Casa Circondariale di Bergamo mediante attività di ascolto, mediazione, interpretariato, segretariato sociale, in collegamento con i servizi interni ed esterni al carcere. 5. Monitorare il fenomeno dell immigrazione per aumentare la conoscenza e la capacità di intervento. Risulta indispensabile l attività di mappatura ed osservazione della presenza degli immigrati regolari ed irregolari in città, attraverso la collaborazione del Comune (con il suo annuale Rapporto Immigrazione), con l Osservatorio Immigrazione della Provincia, l Agenzia per l Integrazione, l Ufficio Territoriale di Governo, il Consiglio Territoriale per l Immigrazione della Prefettura e l Ufficio Stranieri della Questura. 14

15 MIGRANTI: Convenzioni e servizi in essere Il Servizio Migrazioni offre interventi di tipo informativo, di orientamento, di supporto amministrativo, di consulenza, di accompagnamento educativo, di presa in carico sociale, di accoglienza notturna. In particolare: Lo Sportello è una struttura a contatto diretto con il cittadino che garantisce: - servizi di informazione ed orientamento in favore di cittadini extracomunitari, neocomunitari ed italiani per assistenza alle procedure relative al titolo di soggiorno e all accesso ai servizi; - istruttoria delle pratiche di idoneità alloggiativa, richieste dalla Questura e dalla Prefettura per permesso di soggiorno CE, per soggiornanti di lungo periodo, coesioni familiari, ricongiungimenti familiari, nulla osta al lavoro, contratto di soggiorno; - filtro per l accesso dei richiedenti asilo, rifugiati ed umanitari ai servizi dedicati; - filtro per l accesso al servizio sociale; - appositi spazi di apertura al pubblico per la gestione della prima accoglienza presso strutture del territorio. Inoltre chi ne fa espressamente richiesta può, tramite un appuntamento, avere direttamente: - supporto nella compilazione elettronica dei kit per il rinnovo dei titoli di soggiorno; - assistenza ai cittadini stranieri nella compilazione telematica delle domande per i ricongiungimenti familiari (intervento di recente attivazione, a seguito dell approvazione di un protocollo di intesa con il Ministero dell Interno). Visto l incremento delle richieste di idoneità alloggiativa, attestazione indispensabile per il completamento della pratica del permesso di soggiorno, registrato negli ultimi mesi, è necessario stendere un protocollo operativo tra uffici comunali per una gestione più efficiente delle pratiche. I Servizi di accoglienza rispondono ai bisogni dei cittadini immigrati attraverso: - una struttura residenziale maschile che, gestita da un soggetto esterno, offre 38 posti letto, un supporto per il disbrigo di pratiche amministrative, corsi di lingua italiana, un accompagnamento degli ospiti nella ricerca di lavoro e di alloggio; - una struttura notturna maschile che, in collaborazione con un soggetto esterno, offre 50 posti letto per italiani e stranieri presso l ex convento Galgario, di proprietà comunale, per il ricovero notturno temporaneo di soggetti che vivono in strada e in situazione di emarginazione grave e/o vulnerabilità sociale; - alcune strutture comunitarie di donne sole o con minori. Negli ultimi anni la richiesta di accoglienza femminile è continuamente aumentata, probabilmente a causa di un cambiamento nell ondata migratoria che ha visto prima l arrivo di uomini ed ora di donne e bambini. I servizi sociali si trovano, pertanto, sempre più spesso a dover costruire percorsi progettuali che prevedano l inserimento di questa fascia più debole in strutture adeguate; - un appartamento per donne sole o con minori che, in collaborazione con un soggetto esterno, offre percorsi di sviluppo dell autonomia socio-abitativa all interno del progetto Casa a Colori ; - il progetto Casa del Borgo che permette ad un soggetto esterno di gestire tre appartamenti, messi a disposizione dal Comune, per donne sole o con minori in temporanea difficoltà alloggiativa e socio-economica, con il supporto di personale educativo. Per garantire la continuità dell esperienza anche nel 2010, finora finanziata da fonti esterne, si rende necessario prevedere un nuovo finanziamento, considerato che appare conveniente sia da un punto di vista di intervento sociale che economico. Il servizio sociale assicura assistenza a favore di soggetti e nuclei stranieri non residenti, ma di fatto domiciliati nel territorio cittadino, attraverso interventi di: - sostegno a soggetti adulti soli a rischio di emarginazione o vulnerabilità sociale; - accoglienza ed accompagnamento a donne sole o con minori; 15

16 - presa in carico di famiglie multiproblematiche, su richiesta delle stesse o su segnalazione dell autorità giudiziaria; - tutela di minori stranieri, non accompagnati o presso la propria famiglia in situazione di difficoltà, in stretto rapporto con l autorità giudiziaria. Si tratta per lo più di minori e donne sole con figli o in stato di gravidanza, che richiedono abitualmente una presa in carico immediata e una collocazione abitativa. L accompagnamento socio-abitativo dei rom che, a seguito della dismissione del campo Kosovo di via Rovelli 160, è diventato indispensabile per favorire soluzioni di integrazione sociale. È opportuno pertanto proseguire l accompagnamento negli alloggi ERP assegnati agli ex ospiti, incrementare le azioni di housing sociale per l integrazione negli alloggi e nelle realtà territoriali, ed instaurare un intensa collaborazione con la Divisione politiche della casa del Comune, l Aler, il Servizio sociale di base, le associazioni del territorio e gli organi competenti per i rinnovi dei permessi di soggiorno. Coesione sociale nei quartieri Progetto reti sociali intende rafforzare un ambito stabile di ricomposizione e di conoscenza trasversale dei diversi settori dell Amministrazione, al fine di capitalizzare elementi e riflessioni interessanti per il lavoro sociale sul territorio e di rilanciarli all interno del tessuto sociale cittadino. Progetto lavoro territoriale di comunità al fine di svolgere azioni di prevenzione e non solo di presa in carico, sulla scorta delle sperimentazioni, già attuate, in alcuni quartieri cittadini sulla promozione di reti sociali per questioni che interrogano la vita sociale delle micro realtà locali (bambini, ragazzi, adolescenti, disabili, migranti, famiglie, ecc ). Progetto contratto di quartiere di Grumello al Piano, di cui il capofila è la Direzione Territorio e Ambiente Divisione Politiche della Casa, intende coinvolgere diversi soggetti pubblici e del privato sociale per attivare, in sinergia, interventi diversificati in campo edilizio, sociale ed economico in favore di un benessere di quartiere (progetto triennale). Cooperazione internazionale Sviluppare maggiori misure di coesione sociale e di lotta alla violenza per una politica internazionale capace di: - rafforzare ed accrescere nuove partnership territoriali sia sul piano istituzionale (Unibg) che con le organizzazioni del sociale; - consolidare e promuovere progetti in collaborazione con agenzie ed organizzazioni nazionali e internazionali (ILO, ELSAD); - garantire il sostegno alle vittime di calamità naturali in paesi con forte svantaggio socioeconomico, in particolare ai minori, attraverso la creazione di un gruppo di coordinamento e gestione degli interventi; - formare su temi specifici e coordinare l esecuzione di nuovi progetti di prevenzione della violenza nell ambito della promozione della coesione sociale con i paesi dell America Latina (URB-AL III); - favorire laboratori e percorsi formativi sui temi della cittadinanza attiva, della solidarietà, dello sviluppo, del volontariato, ecc per comunità migranti, scuole ed operatori del sociale (Scuola di Cittadinanza, Educazione alla Solidarietà/Sviluppo) ; - pensare e rafforzare politiche di inclusione ed emersione con e per le comunità immigrate, con particolare attenzione alla comunità boliviana (gemellaggio Cochabamba); - facilitare e sostenere la cooperazione territoriale, transnazionale e/o interregionale (GECT); - partecipare a bandi europei/regionali per il finanziamento di iniziative a sostegno degli obiettivi di programma. 16

17 Politiche della casa Innovazioni per l abitare Una città degli abitanti Incentivare e sostenere le politiche abitative, attraverso l'analisi, la valutazione, la promozione ed il coordinamento delle attività sulla casa, in sinergia con altri enti operanti nel campo (ALER, Regione, etc.) cooperative, associazioni (Casamica, etc.), operatori privati, singoli cittadini è il principale obiettivo. L attenzione sulla casa risponde ad alcune questioni rilevanti: a. la forte mobilità territoriale che si è venuta a produrre anche come conseguenza del rafforzamento del mega-distretto produttivo (e dei servizi alla produzione) che lega Bergamo con Milano e Brescia; b. la presenza significativa di popolazione immigrata che, faticando a trovare percorsi ordinari di accesso alla casa, impiega modalità improprie e risulta oggetto di forme di sfruttamento che generano tensioni nella città (in particolare nelle aree in cui si registrano concentrazioni importanti); c. l incremento della forza attrattiva del capoluogo rispetto al territorio circostante associata alla presenza di funzioni strategiche (che lo stesso PGT punta a consolidare e a potenziare) che portano verso la città utenti e fruitori temporanei; d. la difficoltà vissuta dall amministrazione nel dare risposta alle numerose famiglie che domandano una casa popolare anche in relazione all assenza di una offerta in locazione a costi accessibili (la quota in affitto, pubblico e privato, è oramai inferiore al 20% del patrimonio ad uso abitativo presente nella città); e. infine la necessità di costruire relazioni più forti e strutturate con il settore dei servizi sociali che in questi anni si è trovato a confrontarsi con domande sempre più complesse rispetto alle quali la mancanza di casa costituisce una parte significativa del problema. L intervento sulla casa, quindi, assume un significato sociale e di interesse pubblico per rispondere alle problematicità con nuove forme e modelli abitativi (Social Housing). Area politiche abitative La costruzione condivisa di un progetto abitativo Le attività ordinarie L attività ordinaria sarà migliorata anche attraverso l attuazione di una prima fase di informatizzazione delle procedure della Divisione e condenserà in particolare le seguenti azioni: - l istruttoria e la verifica dei requisiti dei richiedenti con il conseguente rilascio dei provvedimenti autorizzativi per la vendita e/o l affitto di alloggi di e.r.p. in regime di convenzionamento, con determinazione dei prezzi di alienazione e/o locazione; - le assegnazioni di aree, previa stipula convenzioni, per l'attuazione del Piano di Zona 167, collaudo e presa in consegna degli interventi programmati; - il collaudo e la presa in consegna degli interventi e delle opere di urbanizzazione programmati dal Piano di Zona; - lo sviluppo e la promozione di iniziative convenzionate con il Comune per il recupero di una quota di edilizia residenziale convenzionata negli interventi urbanistici trasformativi; 17

18 - la verifica delle condizioni di agibilità e accessibilità degli alloggi privati in godimento a coloro che chiedono un alloggio pubblico; - il rilascio delle certificazioni di idoneità alloggiativa, in collaborazione con lo Sportello Migrazioni, richiesta dai cittadini extracomunitari per ottenere poi il permesso di soggiorno o il ricongiungimento familiare; - sarà data continuità al Fondo sociale affitti (F.S.A. - erogazione contributi ad inquilini) che nel 2009 ha disposto finanziamenti per ,20; - partecipazione al programma di alienazione delle aree comunali, a suo tempo concesse in diritto di superficie, nell'ambito del Piano di Zona (raccolta dei dati convenzionali, predisposizione stime delle aree), in collaborazione con la Divisione Patrimonio; - attivazione delle procedure di soppressione dei vincoli derivanti da convenzioni ex art.35 della Legge 865/71. Costruiamo nuove modalità di intervento nel campo delle politiche abitative socialmente orientate: La casa come servizio Attuazione del nuovo piano di zona L attuazione di questo importante strumento urbanistico è nevralgica al fine di fornire un adeguata risposta alla domanda di abitazioni a prezzo convenzionato e/o agevolato con conseguente calmieramento del costo delle abitazioni sul mercato libero. Ad oggi, nell anno 2009, risultano già convenzionati 13 interventi sui 18 previsti nel triennio dal PPA. Il trend registrato è stato quindi quello di un attuazione celere del Programma Triennale, nonostante il periodo di crisi del settore edilizio, rendendo evidente come la fetta di mercato immobiliare con caratteristiche anticicliche è stato appunto il settore dell edilizia convenzionata. Questa prospettiva ha reso possibile programmare una integrazione, meglio aggiornamento del Programma Triennale , che verrà proposta al Consiglio Comunale nel più breve tempo possibile e che individuerà nuovi interventi pronti ad essere attivati.. La partecipazione al programma regionale per l edilizia residenza pubblica (PRERP) Si continuerà nel percorso di gestione ed attuazione iniziato nel 2007 quando la Regione ha approvato il Piano di riparto dei finanziamenti e proseguito nel mese di gennaio 2009 quando si è sottoscritto un nuovo atto integrativo per ulteriori finanziamenti correlati: in particolare, si porterà in attuazione l intervento finanziato in prima fase e cioè l intervento di via S.Croce (Grumello) per la realizzazione di 40 alloggi di e.r.p. da concedere in affitto (concesso un finanziamento di a fronte di un costo complessivo di : è un intervento di qualità, promosso attraverso un concorso di progettazione, che adotta soluzioni costruttive a basso consumo energetico e ad alta sostenibilità ambientale che recentemente hanno ricevuto il premio come best pratics dal Ministero dell Ambiente. L Accordo prevede inoltre una serie articolata e diversificata di interventi di edilizia residenziale pubblica da attivarsi nel 2009 (14 interventi previsti per la realizzazione di alloggi di e.r.p., alloggi per la locazione temporanea, soluzioni abitative speciali, autocostruzione, etc., di cui 9 interventi nel Comune di Bergamo, 3 a Ciserano e 2 a Dalmine). Tra questi altri interventi, finanziati attraverso il succitato provvedimento regionale, si evidenzia la riqualificazione di un ambito importante in via Quarenghi, per la realizzazione di circa 50 alloggi a canone moderato attraverso il 18

19 recupero del patrimonio edilizio esistente. L'attuazione dell'intervento, in parte finanziato dalla Regione ed in parte dal Comune, è a carico di Bergamo Infrastrutture che ha acquisito la proprietà dell'immobile. In questo caso si orienterà ogni sforzo per ottenere il massimo risultato in tema di miglioramento del mix sociale e funzionale. Altro intervento finanziato con l atto integrativo all AQST e in corso di attuazione è l intervento di via Grumello al Piano che prevede la realizzazione della sede della Fondazione Casamica oltre a 10 alloggi destinati alla locazione temporanea e 11 alloggi destinati a canone moderato e vede come operatore la stessa Fondazione Casa Amica Onlus (il Comune di Bergamo come capofila è peraltro responsabile del costante monitoraggio di tutti gli interventi anche se attivati da soggetti non comunali). I lavori sono iniziati e ne è prevista la ultimazione entro l anno La realizzazione del Villaggio di accoglienza in via Tolstoj (zona Clementina) Si porterà a compimento il progetto finanziato dalla Regione e dal Comune. Il progetto è risultato primo in graduatoria regionale ed ha ricevuto un cofinanziamento di , a fronte di una spesa totale presunta di E prevista la creazione di un centro di prima accoglienza per soggetti emarginati con circa 35 posti letto, su un area di proprietà comunale a carattere temporaneo. Il progetto Emergenza dimora L Amministrazione Comunale perseguirà la promozione del cosiddetto Progetto emergenza Dimora che prevede l utilizzo di canali di finanziamento della Fondazione Cariplo per il recupero e l allestimento di forme di abitazioni temporanee da dedicare al bisogno abitativo d emergenza. Oltre al Comune di Bergamo il progetto vedrà coinvolti i seguenti soggetti partners: Curia di Milano, Caritas Ambrosiana, le parrocchie milanesi coinvolte nella gestione delle strutture di micro-accoglienza, Nuovo Albergo Popolare di Bergamo, Caritas di Bergamo, Sportello 1 del tavolo 328 di Bergamo, Cooperativa Migrantes di Bergamo, Dipartimento di Architettura e Pianificazione, Politecnico di Milano. La strutturazione in fasi è la stessa nei due territori e prevede, nell arco di tempo di 3 anni e mezzo: 1. Fase di progettazione delle strutture di accoglienza, della rete di coordinamento e di gestione delle micro-strutture di accoglienza e delle attività trasversali al progetto; 2. Fase di creazione delle strutture, della rete di accoglienza e dei soggetti gestori; 3. Fase di sperimentazione dell accoglienza; 4. Fase di valutazione e diffusione dei risultati. Il progetto di Housing sociale Nel prossimo triennio si punta a dare forte impulso al tema dell Housing sociale per Bergamo attraverso il concomitante innesco di varie azioni strategie che di seguito si elencano: La Casa come servizio per la città e per il territorio (Tema Casa / PGT). Il progetto prevede la realizzazione di iniziative di edilizia sociale dedicate a giovani coppie, anziani, studenti, che non riescono a soddisfare il proprio bisogno abitativo sul mercato, ma che non possiedono i requisiti per accedere all Erp: la cosiddetta fascia media, costantemente in aumento. Si inserisce nelle strategie del nuovo Piano di Governo del Territorio (PGT) per il quale la casa sociale diventa servizio : è il Piano dei Servizi che, assumendo il quadro descritto, provvede a disciplinare 19

20 e a regolamentare l intervento con l obiettivo di attribuire alla residenza declinazioni sociali e, di conseguenza, riconoscendo alla stessa una funzione di pubblico interesse. Ciò consentirà di recuperare almeno il 10% delle nuove abitazioni programmate dal Piano per tale servizio abitativo. In particolare si segnalano due ambiti di trasformazione ove sono previste significative quote di Housing Sociale: il recupero dell ex Ospedale di Largo Barozzi con circa 150 alloggi e il recupero del Patronato S.Vincenzo di via Gavazzeni con altri 80 alloggi circa. Il Bando Regionale Emergenza Casa: Il progetto Casa Integra a Boccaleone Anticipatore rispetto al Piano di Governo del Territorio è stato un Protocollo di Intesa sottoscritto tra Comune di Bergamo, Fondazione Casamica, un operatore privato del settore immobiliare finalizzato alla realizzazione e gestione di servizi abitativi nell ambito di un Piano Attuativo di Riqualificazione del Quartiere di Boccaleone (Area ex Flamma). Il programma si è candidato al bando Regionale Emergenza Casa ed è risultato beneficante di un contributo regionale pari a circa Grazie a questo intervento pilota si entrerà nella fase di attuazione e gestione degli interventi potendo trarre spunti per replicare anche in altri ambiti di trasformazione tale virtuosa iniziativa in sinergia con gli operatori privati. La Fondazione Casamica Un altra iniziativa che sarà importante per fornire uno strumento operativo a tale obiettivo è la costituzione della Fondazione Casa Amica, di cui il Comune è socio fondatore, recentemente deliberata dalla Giunta Comunale, che consentirà alla nuova Fondazione di operare proprio nel settore dell Housing sociale. Si ritiene che nell anno 2010 la collaborazione con la Fondazione Casamica possa ulteriormente rafforzarsi in particolare per la co-progettazione ed in futuro lo sviluppo e la gestione di azioni di housing sociale. Ci riferiamo in particolare: - al progetto di gestione immobiliare sociale previsto all interno del Contratto di Quartiere di Grumello in cui Casa Amica coadiuverà l Ufficio Assegnazione Alloggi in una serie ben definita di azioni: affiancare l inserimento di nuove famiglie con particolari difficoltà, all interno del patrimonio ERP (sociale e moderato) ad integrazione del servizio ordinario già svolto da Aler; accompagnare all uscita e al trasferimento verso offerte abitative di quasi mercato le famiglie che abitano all interno delle case ERP e che devono abbandonarle per mancanza di requisiti; verificare le condizioni per il mantenimento all interno del quartiere di famiglie di nuova formazione; - alla collaborazione che verrà ad instaurarsi in rapporto alla fase esecutiva del nuovo Pgt che oltre a declinare in forma del tutto inedita ed innovativa il concetto di alloggio sociale, prevede una serie di azioni volte a sviluppare esperienze di housing sociale diffuse su tutto il territorio all interno degli ambiti strategici. La Fondazione Cariplo Si promuoverà l attivazione di fondi di investimento immobiliari etici come il Fondo Abitare Sociale 1 promosso in particolare dalla Fondazione Cariplo. Si sono sinora valutate le Iniziative in atto in altre realtà. Nell ambito del progetto il Comune detterà i contenuti della convenzione che fisserà i canoni di locazione, i destinatari degli alloggi e la previsione di cessione in diritto di superficie per 99 anni dell area di intervento. L oggetto dell intervento è la realizzazione di un 20

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

5) La richiesta di autorizzazione al lavoro può essere. a) Nominativa o per lista; b) Competenza o per professione; c) Per professione.

5) La richiesta di autorizzazione al lavoro può essere. a) Nominativa o per lista; b) Competenza o per professione; c) Per professione. 1) Cos è il visto? a) È un permesso concesso allo straniero ad entrare nel territorio della Repubblica Italiana o in quello di altre parti contraenti per transito o per soggiorno; b) È una autorizzazione

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli