INDICE dns & bind

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. - 1 - dns & bind"

Transcript

1 INDICE INTRODUZIONE ARCHITETTURA E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO DEL DNS DOMINI IL DNS DI INTERNET IL CONCETTO DI DELEGA NAME SERVER E ZONE DELEGA DEI SOTTODOMINI TIPI DI NAME SERVER ZONE DATA FILE RESOLVER RESOLUTION Root name server Scelta tra name server autoritativi e concetto di round trip time Mappatura da indirizzi a nomi Caching TTL (Time To Live) CREAZIONE ED IMPLEMENTAZIONE DI UN DOMINIO REGISTRY, REGISTRAR E REGISTRAZIONE LA REGISTRATION AUTORITÀ ITALIANA CONFIGURAZIONE DEL BIND DEFINIZIONE DI UNA ZONA Configurazione del TTL della zona Record SOA Record NS Address e alias Record PTR L'esempio completo Il file dei root name server Il file di configurazione del bind ABBREVIAZIONI Nomi e domini La Ripetizione dei nomi Esempio con abbreviazione CONFIGURAZIONE DEGLI HOST ALL INTERNO DI UN DOMINIO LA DIRETTIVA DOMAIN LA DIRETTIVA SEARCH LA DIRETTIVA NAMESERVER DEFINIZIONE DI UN NAME SERVER SLAVE IL RECORD SOA MASTER SERVER MULTIPLI ZONE MULTIPLE GESTIONE DEI SOTTODOMINI E DELEGHE CREAZIONE E GESTIONE DI SOTTODOMINI SENZA DELEGA CREAZIONE E GESTIONE DI SOTTODOMINI CON DELEGA Definizione di uno slave per un sottodominio dns & bind

2 Delega sul name server primario Definizione di uno slave server per il dominio principale DELEGA DI UN DOMINIO IN-ADDR.ARPA Subnetting su ottetti Subnetting su SVLM o non-ottetti IL DNS E LA POSTA ELETTRONICA GESTIONE DEL BIND ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI FILE DI ZONA Le direttive $ORIGIN e $INCLUDE Le direttive TXT, RP e HINFO IL LOGGING DEL BIND CARATTERISTICHE AVANZATE DEL BIND ROUND ROBIN LOAD DISTRIBUTION FORWARDERS dns & bind

3 Introduzione È noto che i computer presenti in una rete, per poter comunicare tra loro devono potersi riconoscere. Deve quindi esistere un identificativo univoco che ne permetta la distinzione. Nel mondo TCP/IP sappiamo che questo riconoscimento avviene tramite l'utilizzo degli IP addresses. Tuttavia, sebbene le macchine tra loro utilizzano gli indirizzi IP per comunicare, questo sistema risulta scomodo per l'utilizzo umano. Infatti sarebbe necessario ricordarsi tutti gli indirizzi delle macchine che si vogliono contattare. Per questo motivo, ad ogni macchina viene associato un nome, normalmente costituito da campi di stringhe separate da un punto. Resta a chi definisce questi nomi, il buonsenso di inventare delle stringhe che abbiano un significato e che in qualche modo individuino eventuali servizi che il computer offre. Nei casi più semplici abbiamo smtp.dominio.it, dns.dominio.it, ecc. Ogni nome viene associato ad indirizzo IP. Nella realtà pratica dei fatti, quando ad esempio un utente digita nel proprio browser un nome di un sito web, avviene un immediata traduzione del nome nel corrispettivo indirizzo IP, ed è quest ultimo che viene utilizzato per indirizzare i pacchetti, tramite meccanismi di routing, al sito che si vuole visitare. Dunque i nomi vengo solo usati dall uomo nella prima fase di connessione ad un computer, ma non vengono utilizzati da quest ultimi per stabilire la comunicazione. È necessario definire quindi un sistema di associazione tra indirizzi e nomi dei computer all interno di una rete. Nel caso di Internet, è stato addirittura necessario definire un sistema siffatto, ma che funzioni su scala mondiale, permettendo univocità di indirizzi e nomi, ed immediata reperibilità dei nuovi indirizzi e nomi appena definiti. Questo sistema prende il nome di Domain Name System (DNS). Negli anni 60, la rete ARPAnet progenitore dell attuale Internet, era costituita da un numero esiguo di host. Per questo motivo non era difficile definire un sistema di identificazione che permettesse agli host di riconoscersi tra loro tramite nomi. Ogni macchina aveva un file, contenente l'associazione tra indirizzo e nome di se stessa e delle altra macchine presenti su ARPAnet. Dunque, ogni qualvolta veniva introdotta una nuova macchina oppure ne veniva modificato il nome oppure l'indirizzo, tutti file presenti su tutte le macchine dovevano essere aggiornati tramite l utilizzo di un semplice editor di file testo. Ancora oggi, questo file è presente o definibile in tutte le macchine Unix e Windows. In particolare il file è /etc/hosts per i sistemi Unix e %SYSTEMROOT%/HOSTS.TXT (intendendo con %SYSTEMROOT% la directory del sistema che cambia da versione a versione di Windows). Più precisamente Windows prevede anche l'utilizzo del file LMHOSTS.TXT ma non discuteremo in questa sede l'utilizzo di HOSTS.TXT e LMHOSTS.TXT. L'utilizzo del file hosts, in ambienti di LAN con un piccolo numero di macchine può ancora avere senso. Naturalmente, con l'avvento di Internet, l'aggiornamento di un file per ogni singolo cambiamento non può essere proponibile. Per questo motivo è stato introdotto l'utilizzo del DNS. Tra i software più diffusi per definire un sistema DNS, c è il BIND (Berkeley Internet Name Domain), attualmente disponibile per tutte le piattaforme Unix e Windows dns & bind

4 Architettura e principi di funzionamento del DNS In modo estremamente semplificato, il DNS non è altro che un database distribuito. Il database DNS distribuito è indicizzato da nomi di dominio. Un nome di dominio è essenzialmente un percorso all interno di un enorme albero, chiamato spazio dei nomi di dominio, noto in gergo inglese come domain name space. Nella figura seguente viene rappresentato il domain name space: Figura 1 Il DNS prevede la radice di partenza dell albero che in gergo viene chiamata root. Il numero di livelli massimo (o livelli di profondità) è 127. In nomi sono separati da un punto (dot) ed ogni nome può avere al massimo 63 caratteri. La successioni di nomi separati da un punto individuano un percorso all interno dell albero. Il nome con lunghezza nulla (zero caratteri è riservato al root.). La sequenza di nomi va letta da sinistra verso destra ed individua il nome a livello più basso (sinistra) fino al root (destra). Un punto finale alla fine di un nome completo, indica il root. Ad esempio termina con un punto finale ed indica quindi che oltre al punto non c è altro, in quanto questo rappresenta il root. Se il punto non è indicato, (ad esempio non si esclude la possibilità che sia solo una parte del nome e che possa esserci un altro nome a seguire, fino al root. In altre parole è un nome relativo. Un nome con il punto finale è detto Fully Qualified Domain Name o più brevemente FQDN od ancora nome assoluto. Un FQDN non ammette ambiguità di nome per sua stessa natura mentre un nome relativo non garantisce ciò, infatti potrebbero esserci due nomi relativi uguali all interno di un DNS. Tuttavia due nomi relativi anche se uguali, sicuramente hanno a livello più elevato necessariamente delle differenze di percorso all interno dell albero DNS. In figura viene rappresentata l'impossibilità di avere ambiguità di nome: dns & bind

5 Figura 2 Come si può notare, due nomi uguali non possono coesistere. Il tentativo di introdurre due nomi hobbes.pa.ca.us è impossibile. Tuttavia è possibile ad esempio introdurre un hobbes.pa.ca.us ed un hobbes.lg.ca.us Sebbene dunque, ca.us sia due, il cammino che li precede è diverso per cui è possibile che tali nomi coesistano. Domini Un dominio è semplicemente un sottoalbero o ramo del domain name space. Il nome di un dominio coincide con il nome del nodo al livello più alto del dominio stesso. Vediamo un esempio in figura: Figura 3 Il nome del dominio purdue.edu è uguale al nodo a livello più elevato all interno del dominio stesso. Ogni dominio all interno del sottoalbero è considerato una parte del dominio ed è detto anche sottodominio. Vediamo in figura un esempio: dns & bind

6 Figura 4 In figura, il dominio pa.ca.us è un sottodominio di ca.us che a sua volta è un sottodominio di us a sua volta sottodominio di. Ovvero del dominio root. Non necessariamente un dominio deve avere dei sottodomini. In alcuni casi, un nome che appare come sottodominio non è tale ma coincide con il nome di un host. Quindi un nodo può essere un sottodominio oppure può coincidere con un nome di host. In tal caso ovviamente non può avere sottodomini. Il DNS di Internet Come già anticipato nei paragrafi precedenti, i nomi possono essere scelti a piacere. Tuttavia, relativamente ad Internet, il primo livello ha dei nomi preesistenti. Questi livelli sono detti in gergo top-level e sono dedicati a particolari organizzazioni. I nomi più noti sono: com: organizzazioni commerciali come le aziende e le industrie edu: organizzazioni relative all educazione come ad esempio le università gov: organizzazioni governative come governo di uno stato, NASA, National Science Foundation mil: organizzazioni militari net: organizzazioni che gestiscono e forniscono infrastrutture di rete come NFSNET, UUNET. Ultimamente essa è anche utilizzata dalle organizzazione commerciali in analogia al livello com. org: organizzazioni non commerciali come IEEF, organizzazioni di volontariato, ecc. int: organizzazioni internazionali, come ad esempi la NATO. arpa: dedicato all ARPA ed ad organizzazioni ad essa correlate. Essi sono noti anche come gtld o generic Top Level Domain. Nel 2001 sono stati introdotti dei nuovi domini quali info, museum, biz, name e pro dns & bind

7 I gtld sono definiti dall ente ICANN (Internet Corporetion for Assigned Numbers and Names) che può essere visitato all indirizzo Oltre ai gtld, sono stati definiti anche dei TLD per gli stati ed i governi. Alcuni brevi esempi sono: it: Dominio dedicato all Italia fr: Dominio dedicato alla Francia es: Dominio dedicato alla Spagna de: Dominio dedicato alla Germania us: Dominio dedicato agli USA e così via per tutti gli altri stati. Il concetto di delega I domini e la loro gestione possono essere delegati. Questo significa che chi definisce e crea un dominio non necessariamente lo deve gestire ma può delegare tale attività. Normalmente avviene una delega di domini ad altre organizzazioni. Un organizzazione di grande dimensioni è probabile che abbia un dominio ed un numero elevato di sottodomini. Gestire i sottodomini può diventare oneroso, soprattutto se questi sono distribuiti nel mondo. I gtld stessi non possono preoccuparsi di gestire tutti i sottodomini esistenti. Consideriamo ad esempio il gtld.edu e l'università di Standford con dominio standford.edu. È ovvio che il responsabile del dominio.edu non possa seguire le attività del dominio standford.edu relegata esclusivamente all Università omonima. Figura 5 Dalla figura, come si può vedere, c è una delega di gestione del dominio. Vediamo nel dettaglio come ciò può essere realizzato. Name server e zone I server che gestiscono i domini e contengono le tabelle di conversione tra indirizzi e nomi delle macchine sono detti name server dns & bind

8 Normalmente un name server ha le informazioni complete di un dominio o parti di dominio chiamate zone che eventualmente carica da altri name server. Un name server che gestisce una zona è detto autoritativo di quella zona. Un name server può essere autoritativo di più zone. Definiamo ora meglio la differenza tra dominio e zona. I domini possono essere spezzati in parti più piccole chiamate zone. Vediamo un esempio nella figura seguente: Figura 6 Come si può vedere, il dominio.edu è spezzato nelle zone berkeley.edu, nwu.edu e purdue.edu Si notano anche le aree di delega, nel senso che berkley.edu è delegato alla rispettiva Università, è ciò viene definito dai gestori di.edu A sua volta chi ha in delega il dominio berkeley.edu può ulteriormente dividere a proprio piacere tale dominio in ulteriori zone: dns & bind

9 Figura 7 Oltre ad aver creato nuove zone, ci sono ulteriori deleghe per i sottodomini cc, ce, cs ed me. Ognuna di queste zone può avere il relativo name server autoritativo, alcuni dei quali potrebbero coincidere con il name server autoritativo di berkeley.edu Come si vede, una zona ed un dominio possono avere lo stesso nome tuttavia, come vedremo ora hanno nodi differenti più precisamente una zona non contiene i nodi dei sottomini delegati. Consideriamo ad esempi il dominio.ca del Canada. Figura 8 Tutti i sottodomini hanno una delega e quindi un relativo name server autoritativo. Il dominio ca, contiene tutti i dati relativi al dominio ca, oltre a tutti i dati relativi ai sottodomini ab, ca, on, qc. Tuttavia, la zona.ca contiene solo informazioni relative al dominio ca, e anche le sottozone contengono ognuna i relativi dati. Qualora invece, una zona non sia stata delegata, allora il livello precedente deve necessariamente gestire anche le sue informazioni. Vediamo in figura un esempio: dns & bind

10 Figura 9 In questo caso non è stata fatta alcuna delega delle zone bc ed sk, per cui restano di competenza della zona immediatamente precedente, in questo caso di ca. Dunque un name server non gestisce un dominio ma bensì una zona un dominio potrebbe contenere molte più informazioni di quelle che dovrebbe contenere. Qualora un dominio non contenga sottodomini, ovviamente la zona coincide con il dominio stesso. Delega dei sottodomini Più volte abbiamo già accennato alla delega dei sottodomini. Ciò che avviene nella realtà, è quella di delegare ad altri name server uno specifico sottodominio. Il name server diventa autoritativo per quest ultimo. Tipi di name server Il DNS definisce due tipi di name server: primary master e secondary master. Il primary master è il name server che contiene un file con l'elenco degli host ed i rispettivi indirizzi per la zona o le zone di cui è autoritativo. Il secondary master legge le informazioni relative ad una zona da un altro name server, chiamato master server. Normalmente il master server coincide con il primary server ma non è assolutamente un requisito. Un secondary server può leggere le informazioni da un altro secondary server. Quando un secondary server viene attivato, contatta un master server e se necessario, carica le nuove zone o le modifiche apportate dall ultima volta. Si parla di zone transfer. Ultimamente, un secondary server è più comunemente detto slave. Lo scopo di uno slave, è quello di essere il backup del master server, qualora quest ultimo dovesse presentare dei problemi. In questo modo viene garantita l'esistenza e la persistenza di un dominio. La definizione di master e slave non è così rigorosa. I name server possono essere configurati in modo tale da essere master per alcune zone e slave per altre. Dunque il ruolo di master e di slave non è ben definito. La definizione delle zone e le loro modifiche avvengono solo sui master server. Gli slave non devono essere utilizzate per tali operazioni. Zone data file Tutte le informazioni relative alle zone sono contenute nei cosiddetti zone data file del master server. Questi file sono gli stessi che vengono caricati dagli slave dns & bind

11 Resolver I resolver sono i client che contattano i name server. I programmi presenti sui computer normalmente contattano un resolver per intervistare un name server. Un resolver assolve principalmente a tre compiti: Effettua la richiesta al name server Interpreta la risposta ottenuta (il quale può essere un informazione corretta od un errore) Restituisce le informazioni al programma che ne ha effettuato la richiesta iniziale. Un programma che effettua le richiesta da solo, senza contattare un resolver intermedio, è detto stub resolver. Esistono poi gli smart resolver che hanno funzioni di cache delle richieste. Questi server vengono contattati come normali name server. Tuttavia, effettuata una richiesta, mantengono le informazioni in una cache. Qualora si presentasse la stessa richiesta, utilizzano le informazioni precedentemente salvate per soddisfare la richiesta. Resolution Lo scopo dei name server è dunque quello di individuare le informazioni all interno di un domain name space e fornire le informazioni richieste. Essi non devono fornire solo informazioni relative alle zone di cui sono autoritativi ma di qualsiasi zona esistente ed ovunque essa sia. Questo processo è detto name resolution o più brevemente resolution. Poiché la struttura del DNS è ad albero, un name server per individuare una zona di cui non ha conoscenza, utilizza i name server posti a livello di root. Ogni name server ha la possibilità di contattare un name server root, il quale a sua volta può individuare un name server relativo al sottoalbero del dominio di cui è stata effettuata la richiesta. Tale riposta viene comunicata in direzione opposta, ovvero viene rigirata al name server richiedente che a sua volta la restituisce al resolver. Root name server I root name server si conoscono tra loro e conoscono i name server autoritativi di ogni top-level (essi stessi in molti casi sono autoritativi del top-level). A fronte di una richiesta, un root name server conosce almeno il name server del dominio corrispondente. A sua volta questo name server conosce il name server dei sottodomini. In questo modo è possibile scendere all interno dell albero fino ad individuare il name server del sottodominio richiesto. L'importanza dei root name server è quindi fondamentale. Per questo motivo e per il carico di lavoro a cui sono sottoposti, è stato inventato un meccanismo di caching che analizzeremo in seguito. Senza la presenza di almeno un root server, l'intera risoluzione sarebbe ferma e di conseguenza ogni nodo su Internet non sarebbe raggiungibile per nome (ma solo per indirizzo). Per questo motivo al momento i root server mondiali sono 13 (uno gestito dalla NASA, uno da PSINet, due sono in Europa, uno in Giappone, ecc.). Nella figura seguente riportiamo un esempio di risoluzione di un nome: dns & bind

12 Figura 10 In figura, si può notare un resolver che richiede l'indirizzo IP del nodo girigiri.gbrampa.gov.au (au è il dominio relativo all Australia) al name server locale. Poiché il name server non conosce l'indirizzo richiesto e non lo ha nemmeno nella propria cache, contatta un root server. Il root server naturalmente conosce il top-level name server relativo al dominio au. Contattato quindi quest ultimo, l'indirizzo viene comunicato al name server locale il quale provvede a contattare il name server relativo ad au. Quest ultimo conosce il sottodominio gov.au ed il relativo name server, il quale viene comunicato al name server locale. Questa procedura continua nei vari sottodomini, fino a contattare il name server che conosce la macchina girigiri. L'indirizzo di quest ultima viene quindi comunicata al name server locale il quale rigira l'indirizzo al resolver e dunque al programma che ora conosce l'indirizzo per raggiungere la macchina remota. Più in generale ed indipendentemente dal nome da risolvere lo schema di risoluzione può essere schematizzato con la seguente figura: dns & bind

13 Figura 11 Scelta tra name server autoritativi e concetto di round trip time Abbiamo detto che a livello di root name server, questi sono attualmente 13. È necessario capire quali di questi viene contattato qualora se ne presenti la necessità. La scelta del name server da contattare è basata sul concetto di round trip time, noto anche come RTT. I name server usano questa metrica (RTT) per contattare gli altri name server. Essa consiste nel verificare quanto tempo trascorre nel ricevere una risposta da un name serve remoto. Viene poi effettuata una comparazione dei tempi tra i vari server e viene scelto quello che risponde in tempi minori. Mappatura da indirizzi a nomi Fino ad ora abbiamo parlato della risoluzione dei nomi, ovvero, noto un nome, recuperare il relativo indirizzo. Tuttavia alcune applicazioni richiedono il processo contrario, ovvero risalire al nome, noto l'indirizzo. Questo può ad esempio essere necessario nei file di log di alcuni servizi, in cui è comodo per l'occhio umano vedere i nomi dei server contattati o che hanno contattato il nostro server, oppure possono essere utilizzati in alcune modalità di controllo di accesso, ad esempio in Unix è noto l'utilizzo (ormai remoto) del file.rhosts ed hosts.equiv. Il processo contrario a quanto analizzato fino ad ora non è banale. Per questo motivo, è stato creato un dominio di indirizzi ARPA, in cui gli indirizzi appaiono in modo inverso. Esso ha il nome inaddr.arpa e sfrutta le proprietà dell albero analizzato fino ad ora, con la differenza che in questo caso i nomi dei domini sono i numeri che costituiscono gli IP address. Vediamo in figura come esso è costituito: dns & bind

14 Figura 12 Come si può notare, l'indirizzo IP punta al nome della macchina che può così essere recuperato. L'utilizzo dell indirizzo tuttavia, viene effettuato leggendo quest ultimo in modo inverso. Infatti nel namespace dei nomi fino ad ora analizzato, la lettura di un FQDN viene effettuata dal basso verso l'alto ad esempio winnie è in basso e.com è in alto. Invece, nel namespace inaddr.arpa., effettuando questa lettura troviamo l'ip address al contrario. Dunque se winnie.corp.hp.com ha indirizzo , il relativo indirizzo nel dominio in-addr.arpa sarà in-addr.arpa Potrebbe sembrare più utile quindi definire il namespace in-addr.arpa al contrario di quanto definito in figura. Tuttavia è necessario utilizzare gli indirizzi in modo inverso per il seguente motivo. Consideriamo la seguente figura: Figura 13 Come possiamo vedere, la parte più alta di un indirizzo (che individua la classe e la rete) è inversa rispetto ai nomi degli indirizzi e l'unico modo per avere la classe a livello di Top-Level Domain è quella di invertire l'ip. Così facendo permettiamo agli amministratori di effettuare delle deleghe di subnet (proprio come visto per i nomi dei domini in sottodomini). Dunque le subnet del namespace 15.in-addr.arpa possono essere delegate ai gestori della rete in concomitanza con la definizione di sottodomini. Lasciano invece l'indirizzo IP nella versione originale, tale deleghe non sarebbero possibili dns & bind

15 Caching Abbiamo già accennato al fatto che i name server hanno anche funzionalità di caching. Sostanzialmente la prima volta che un name server deve rispondere ad una query ricorsiva, memorizza all interno della propria cache il nome del name server autoritativo per il dominio che ha risolto. Nelle ultime versioni del BIND esiste anche la cache negativa: se un name server autoritativo risponde che un dominio oppure un sottodominio non esiste, questa informazione viene inserita nella cache del name server locale per un certo periodo di tempo. Indipendentemente da una riposta negativa o positiva, la volta successiva che il name server viene interpellato, quest ultimo risponde con le informazioni contenute nella cache. Vediamo il seguente esempio: Figura 14 Nell esempio sopra riportato vediamo la richiesta dell indirizzo IP di baobab.cs.berkeley.edu, supponendo che già in passato sia stato richiesto un dominio all interno di berkeley.edu (ad esempio potrebbe essere stato contattato eecs.berkeley.edu Ora, il name server locale conosce il name server autoritativo del dominio berkeley.edu. Come da figura, il name server locale evita di andare a contattare i root name server ma contatta direttamente il name server autoritativo del dominio berkeley.edu e successivamente attraverso la ricorsività contattata la macchina ricercata. TTL (Time To Live) Come già detto, le informazioni permangono all interno di una cache del name server. È possibile configurare il TTL, ovvero il tempo di permanenza delle informazioni all interno di una cache. L'impostazione del valore del TTL spetta al name server remoto. In altre parole è il name server autoritativo di un dominio che ne imposta il TTL ovvero quanto le informazioni dovranno permanere nei name server che ne faranno richiesta. Terminato questo tempo, le informazioni vengono cancellate dalla cache ed un name server con cache, dovrà necessariamente ricontattare il name server autoritativo di una certa zona dns & bind

16 Creazione ed implementazione di un dominio Prima di procedere alla creazione di un dominio è necessario individuare un dominio (solitamente scelto a piacere e che ricordi eventuali attività a cui si dedicheranno eventuali servizi che i vorranno implementare). Individuato il dominio è necessario verificare che questo non esista già. Un modo per verificare se un dominio esiste già ed avere qualche informazioni aggiuntiva è il seguente: Digitare il comando nslookup. Al prompt digitare set type=soa, premere enter e poi il nome del dominio che vogliamo verificare. Un altro modo per effettuare verifiche è attraverso il comando whois, oppure visitando il sito Registry, registrar e registrazione Una registry è un organizzazione responsabile dei top level domain. Una registrar o registration authority (RA) è un organizzazione che funge da intermediario tra la registry ed il richiedente di un dominio. La RA effettua la registrazione del dominio richiesto e fornisce eventuali servizi aggiuntivi. La registration autorità Italiana La registration authority italiana è l'ente responsabile dell'assegnazione dei domini posti sotto ".it", opera in regime di monopolio e consente di registrare domini solo mediante antiquate procedure cartacee. La RA gestisce nomi a dominio cctld (country code Top Level Domain).it sulla base delle norme internazionali ISO I servizi forniti dalla RA sono rivolti sia ai Provider/Maintainer, cioè a quelle organizzazioni che intendono registrare domini per conto terzi, sia a quelle persone fisiche o giuridiche che intendono gestire direttamente i propri nomi a dominio. La RA scoraggia chi intende gestire direttamente i domini singoli, mediante tariffe nettamente superiori a quelle proposte ai Provider/Maintainer. La storia del dominio.it iniziò nel 1987, quando il ruolo di registro venne informalmente assegnato al CNUCE (che diventerà poi Istituto di Informatica e Telematica), un istituto del CNR, il massimo ente di ricerca pubblico nazionale. La questione di come formalizzare questa delega si pose per la prima volta nel 1993, quando UNINFO, il rappresentante italiano di ISO, ricevette dall'iso stessa il compito di coordinarsi con le istituzioni e la comunità tecnica accademica locale per individuare formalmente le modalità di gestione del dominio Internet nazionale. Fu costituito un gruppo di lavoro che giunse sostanzialmente a definire la situazione attualmente in vigore. Il compito operativo di gestire i server centrali del dominio.it e le pratiche di registrazione, appartengono alla Registration Authority. Il compito di definire le regole di registrazione è invece affidato alla Naming Authority dns & bind

17 La registration authority italiana è responsabile di oltre domini ".it". Le regole istituite dalla Naming Authority per la registrazione di un nome a dominio.it sono le seguenti: i nomi a dominio vengono assegnati dalla RA in uso ai richiedenti, seguendo l'ordine cronologico delle richieste alcuni nomi a dominio sono riservati (Nomi a Dominio Riservati), in particolare quelli di due lettere e quelli geografici un nome a dominio non è prenotabile la procedura di assegnazione di un nome a dominio si conclude quando avviene il suo caricamento nel database dei nomi a dominio sotto il cctld "it", detto anche Registro dei Nomi Assegnati (RNA). Tale caricamento viene effettuato quando la RA ha ricevuto tutta la documentazione richiesta ed è stata verificata l'effettiva funzionalità. La documentazione per la richiesta di registrazione identificata con il nome LAR (Lettera di assunzione di responsabilità), deve essere firmata dalla persona fisica (o dal rappresentante della persona giuridica) che sarà assegnataria del dominio stesso e deve essere inviata via raccomandata o fax alla Registration Authority Italiana, Via Giuseppe Moruzzi 1, PISA o via fax al numero Il provider che registra il dominio per conto di terzi dovrà inviare un modulo elettronico. In base alle regole della Naming Autorithy Italiana possono registrare un dominio con suffisso.it solo le persone fisiche e giuridiche residenti o appartenenti ad un Paese membro dell'unione europea. La documentazione e la richiesta di registrazione identificata con il nome LAR (Lettera di assunzione di responsabilità), deve essere inviata dal legale rappresentante della società che registra il dominio, specificando ragione sociale, sede legale, partita iva, ed i dati di registrazione presso tribunale e camera di commercio. In questo caso le registrazioni sono illimitate. I liberi professionisti che richiedono l'assegnazione di un dominio devono compilare un modulo specificando l'iscrizione all'albo di competenza. Possono essere registrati infiniti nomi di dominio. Le associazioni che richiedono l'assegnazione di un dominio devono compilare un modulo specificando la ragione sociale, ed indicando una persona responsabile dell'associazione. Le associazioni riconosciute possono registrare infiniti nomi di dominio, le associazioni non riconosciute possono registrare solo un dominio. Le pubbliche amministrazioni che richiedono l'assegnazione di un dominio devono compilare un modulo specifico. Possono essere registrati infiniti nomi di dominio. In caso di registrazione da parte di una persona singola, sono sufficienti i dati anagrafici, la residenza ed il codice fiscale. Un singolo può registrare un solo nome di dominio. Per maggiori informazioni sia sulla registration authority che per la naming authority, è possibile visitare l'indirizzo In particolare si consiglia di visitare la pagina La RA dipende a sua volta dall organismo internazionale ICANN già brevemente indicato all inizio del manuale. Nella richiesta di un dominio sarà naturalmente necessario indicare anche l' indirizzo IP dell eventuale name server locale che è stato assegnato alla propria infrastruttura, in modo che avvenga l'associazione tra il name server locale autoritativo del proprio dominio ed il nome del dominio dns & bind

18 È importante registrare il nostro dominio, affinché questi appaia sotto un cctld in questo modo sarà visibile su tutta internet. Qualora non avvenga la registrazione, nessun name server presente su internet sarà in grado di individuare il nostro name server locale e quindi di accedere al nostro dominio. Configurazione del BIND L'attuale BIND è giunto alla versione 9 e noi utilizzeremo quest ultimo è importante notare che in alcuni casi esistono delle profonde differenze dalle versioni attuale, soprattutto dalla versione BIND 8 a successive. Definizione di una zona Normalmente, in ambiente Unix, i file di configurazione del BIND sono nella directory /etc/bind All interno di questa directory vi sono svariati file, quelli che traducono da nome ad IP e sono detti forward mapping mentre quelli che traducono da IP a nome sono detti reverse mapping. I file iniziano con db. seguito dal nome del dominio per quanto riguarda il forward mapping mentre è seguito dalla rete IP per i reverse mapping esclusi gli zeri ed eventuali subnet dovute alla netmask. Quindi ad esempio la classe A avrà file reverse db.15, la classe B avrà file db ed infine la classe C avrà il file di nome db Dunque supponendo di avere una rete privata di classe 10, e volendo creare un dominio di nome dominio.it i file saranno rispettivamente db.dominio.it e db.10 Questi file sono comunemente noti come zone data files. Infine c è un file denominato named.conf che identifica tutti i file forward e reverse mapping presenti nella directory. Naturalmente, un name server può gestire più domini, quindi potranno apparire più file relativi a domini diversi. In particolare, sono previsti anche i domini ed i file relativi al localhost con indirizzo ed al broadcast. Questi file sono predefiniti e non richiedono modifiche. All intero dei file, i vari record sono detti Resource Record o più comunemente RR. Le informazioni i essi contenute sono case-insensitive, dunque non c è differenza tra lettere maiuscole e minuscole, anche se convenzionalmente si utilizzano le lettere minuscole. All interno degli RR, incontriamo diverse tipologie di informazioni, ed anche se l'ordine di apparizione non è importante, convenzionalmente si scrivono: SOA (Start Of Authority): RR che indica l'autorità della zona NS (Name Server): RR che indica il nome del name server della zona. Altri record (dati relativi agli hosts interni alla zona quali nomi e relativi indirizzi di rete) Esistono poi ancora altri tipi di record: A (Address):RR con conversione da nome ad indirizzo dns & bind

19 PRT (Pointer):RR con conversione da indirizzo a nome CNAME (Canonical name):rr con alias per gli hosts Esistono poi ancora altri RR di importanza minore che analizzeremo in seguito. Configurazione del TTL della zona Prima di configurare la zona, è necessario individuare la versione di BIND che stiamo utilizzando. Prima della versione 8.2, l'ultimo campo del SOA record, indicava il TTL, che come già visto indica il tempo di permanenza delle informazioni all interno delle cache dei name server che individueranno la nostra zona. Nelle versioni successive, questo campo è diventato relativo alla cache negativa già vista in precedenza. Per poter definire il TTL vero e proprio (o anche detto TTL di cache positiva) è necessario che ogni file (sia forward che reverse) inizia con lo statement $TTL. Per indicare ad esempio un tempi di permanenza i n cache di tre ore, i nostro file di dominio dovranno iniziare con la riga $TTL 3h. Record SOA Come già anticipato, questo campo identifica il name server autoritativo della zona, più alcuni altri parametri che ora analizzeremo. Il SOA deve comparire in entrambi i file di zona (forward e reverse) ed all interno di un singolo file, il SOA deve essere unico. Vediamo un esempio: Si noti che tutti i nomi delle macchine che seguiranno nelle prossime pagine terminano sempre con il punto finale indicando quindi nomi assoluti. movie.edu. IN SOA terminator.movie.edu. al.robocop.movie.edu. ( 1 Serial 3h Refresh after 3 hours 1h Retry after 1 hour 1w Expire after 1 week 1h ) Negative caching TTL of 1 day In questo caso è stato dichiarato un dominio di nome movie.edu con name server autoritativo di nome terminator. Il secondo nome (al.robocop.movie.edu) indica l'indirizzo di posta elettronica (il primo punto in realtà è da immaginarsi con il anche se non può essere utilizzato) del responsabile del dominio. Il termine IN sta ad indicare il tipo di rete (in questo caso INternet) sembrerebbe un osservazione banale ma in realtà esistono altre tipologie di rete e dunque IN specifica quella che si vuole utilizzare. Record NS Dopo il record SOA è possibile inserire i nomi dei name server che possono essere più di uno. Un esempio è il seguente: movie.edu. IN NS terminator.movie.edu. movie.edu. IN NS wormhole.movie.edu dns & bind

20 Anche i RR NS come i SOA devono comparire sia nei file forward che reverse. Address e alias Dopo i record NS si inseriscono i nomi delle macchine e relative alias. Vediamo un esempio: Host addresses localhost.movie.edu. IN A robocop.movie.edu. IN A terminator.movie.edu. IN A diehard.movie.edu. IN A misery.movie.edu. IN A shining.movie.edu. IN A carrie.movie.edu. IN A Multi-homed hosts wormhole.movie.edu. IN A wormhole.movie.edu. IN A Aliases bigt.movie.edu. IN CNAME terminator.movie.edu. dh.movie.edu. IN CNAME diehard.movie.edu. wh.movie.edu. IN CNAME wormhole.movie.edu. wh249.movie.edu. IN A wh253.movie.edu. IN A Come è possibile vedere, ogni nome di macchina ha un relativo IP associato. Inoltre un singolo computer può avere più nomi. Per definire un secondo nome si utilizza il RR CNAME come visto in esempio. Record PTR Nel file reverse, il RR SOA è diverso in alcuni punti rispetto al forward: $TTL 3h in-addr.arpa. IN SOA terminator.movie.edu. al.robocop.movie.edu.( 1 Serial 3h Refresh after 3 hours 1h Retry after 1 hour 1w Expire after 1 week 1h ) Negative caching TTL of 1 hour Name servers in-addr.arpa. IN NS terminator.movie.edu in-addr.arpa. IN NS wormhole.movie.edu. Come è possibile notare, nel SOA, al posto del dominio abbiamo inserito la classe utilizzata e scritta al contrario, privandola di eventuali zeri indicanti la rete ed eventuali subnet dovute alla netmask. Analogamente nella definizione dei RR di tipo NS. All interno dei file reverse è necessario indicare le associazione tra IP e nome della macchina. La sintassi è la seguente: in-addr.arpa. IN PTR wormhole.movie.edu dns & bind

Corso di recupero di sistemi Lezione 8

Corso di recupero di sistemi Lezione 8 Corso di recupero di sistemi Lezione 8 a.s. 2011/2012 - Prof. Fabio Ciao 24 aprile 2012 Reti TCP/IP Una rete TCP/IP è una rete locale o geografica che utilizza protocolli TCP/IP con i primi 2 livelli una

Dettagli

20. DNS: Il Domain Name System

20. DNS: Il Domain Name System 20. DNS: Il Domain Name System 20.1 Introduzione È un database distribuito usato dalle applicazioni TCP/IP che: Mappa hostname su IP address Mappa IP address su hostname Fornisce informazione di routing

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Lezione 11 Livello Applicativo bind (DNS)

Lezione 11 Livello Applicativo bind (DNS) Lezione 11 Livello Applicativo bind (DNS) Università degli Studi di Milano Insegnamento di Terminologia - 1 ISO/OSI (Open System Interconnection) Standard de iure che organizza l'architettura di una rete

Dettagli

Domain Name System: DNS

Domain Name System: DNS Domain Name System: DNS Nomi simbolici Gerarchia dei nomi Gerarchia dei DNS Risoluzione dei nomi Caching e abbreviazioni Descrittori di risorsa Nomi simbolici Tutte le applicazioni Internet usano indirizzi

Dettagli

OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!!

OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! DIRITTI DI PROPRIETA INDUSTRIALE TUTELANO ANCHE TE!!! Lezione n 8 RETE INTERNET DOMAIN NAME -Nativi digitali e Internet- Prof.ssa Cristina Daperno Prof. Aldo Ribero Prof.

Dettagli

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Funzionamento del DNS. Soluzione centralizzata

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Funzionamento del DNS. Soluzione centralizzata SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Ad ogni calcolatore collegato a Internet (host) è associato un indirizzo IP Utilizzo di nomi simbolici da parte degli utenti Necessità di una traduzione dei nomi simbolici

Dettagli

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS)

SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) SISTEMA DEI NOMI DI DOMINIO (DNS) Ad ogni calcolatore collegato a Internet (host) è associato un indirizzo IP Utilizzo di nomi simbolici da parte degli utenti Necessità di una traduzione dei nomi simbolici

Dettagli

(Domain Name System) DNS (Domain Name System) Architettura del DNS DNS. A.Lioy - Politecnico di Torino (2013) B-1. Antonio Lioy < lioy@polito.

(Domain Name System) DNS (Domain Name System) Architettura del DNS DNS. A.Lioy - Politecnico di Torino (2013) B-1. Antonio Lioy < lioy@polito. (Domain Name System) (Domain Name System) Antonio Lioy < lioy@polito.it > Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica (Domain Name System) è il sistema scelto da Internet per mantenere la corrispondenza

Dettagli

Sistemi e Servizi di TLC. Lezione N. 6. Il servizio DNS (Domain Name System)

Sistemi e Servizi di TLC. Lezione N. 6. Il servizio DNS (Domain Name System) Sistemi e Servizi di TLC Lezione N. 6 Il servizio DNS (Domain Name System) 1 Nomi logici e indirizzi IP Gli indirizzi IP utilizzati per identificare univocamente i dispositivi connessi alla rete (router

Dettagli

Domain Name System (DNS)

Domain Name System (DNS) Prof. Roberto De Prisco Domain Name System (DNS) Riferimento: Comer, Cap. 24 Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Indirizzi IP e nomi 2 Indirizzo IP identifica un host su Internet

Dettagli

Laboratorio di Reti Esercitazione N 2-DNS Gruppo 9. Laboratorio di Reti Relazione N 2. Mattia Vettorato Alberto Mesin

Laboratorio di Reti Esercitazione N 2-DNS Gruppo 9. Laboratorio di Reti Relazione N 2. Mattia Vettorato Alberto Mesin Laboratorio di Reti Relazione N 2 Gruppo N 9 Mattia Vettorato Alberto Mesin Scopo dell'esercitazione Configurare un Name Server per un dominio, in particolare il nostro dominio sarà gruppo9.labreti.it.

Dettagli

DNS Domain Name System Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.2 del 28/02/2013

DNS Domain Name System Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.2 del 28/02/2013 DNS Domain Name System Dott. Ing. Ivan Ferrazzi V1.2 del 28/02/2013 1/17 Copyright 2013 Dott.Ing. Ivan Ferrazzi Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of

Dettagli

P2-09: Domain Name System (Cap. 24)

P2-09: Domain Name System (Cap. 24) Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -09: Domain Name System (Cap. 24) Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Inidirizzi IP: nomi e numeri 09.2 Indirizzo IP: stringa di 32 bit

Dettagli

Sulla risoluzione degli indirizzi IP Parte II Domain Name System

Sulla risoluzione degli indirizzi IP Parte II Domain Name System Sulla risoluzione degli indirizzi IP Parte II Domain Name System Stefano Bonacina (*), Francesca Giuratrabocchetti (**), Davide Stefanoni (***) (*) Dottorato di Ricerca in Bioingegneria XVI ciclo Politecnico

Dettagli

Daniele Vannozzi Istituto Applicazioni Telematiche Via S. Maria, 36 56126 Pisa Daniele.Vannozzi@iat.cnr.it

Daniele Vannozzi Istituto Applicazioni Telematiche Via S. Maria, 36 56126 Pisa Daniele.Vannozzi@iat.cnr.it Daniele Vannozzi Istituto Applicazioni Telematiche Via S. Maria, 36 56126 Pisa Daniele.Vannozzi@iat.cnr.it Argomenti trattati le funzioni del lo spazio dei nomi interazioni tra nameserver e resolver configurazione

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Giovedì 9-04-2015 1 Database distribuiti e gerarchici

Dettagli

Domain Name System. Gerarchia nomi simbolici

Domain Name System. Gerarchia nomi simbolici Domain Name System ad application L., ma usato da protocolli di L7 più che da utenti accessibile via comando di shell nslookup indirizzamento a L7: nome simbolico es: www.dico.unimi.it struttura gerarchica

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Protocolli applicativi: DNS I lucidi presentati

Dettagli

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia Introduzione ad Active Directory Orazio Battaglia Introduzione al DNS Il DNS (Domain Name System) è un sistema utilizzato per la risoluzione dei nomi dei nodi della rete (host) in indirizzi IP e viceversa.

Dettagli

Il Domain Name System

Il Domain Name System Il Domain Name System Università di Parma - Appunti di Telematica A - per esclusivo uso interno A. Lazzari 2004 GENERALITÀ...1 LA GERARCHIA DEI NOMI DI DOMINIO...2 I RESOURCE RECORD (RR)...3 I PROTOCOLLI

Dettagli

Indirizzi e nomi: il DNS

Indirizzi e nomi: il DNS Indirizzi e nomi: il DNS Alla base del sistema esiste il nome di dominio, che è la forma con cui si rappresenta un indirizzo attraverso una denominazione strutturata esempio 4/29/10 1 I nomi di dominio

Dettagli

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 06

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 06 Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I Laerte Sorini laerte@uniurb.it Lezione 06 o I TLD si dividono in due gruppi principali: o cctld (country code TLD): etichetta che identifica in maniera univoca

Dettagli

Realizzazione di un servizio DNS su piattaforma Linux e Solaris con ISC BIND. 192.168.2.12 master12 192.168.2.0/24 192.168.1.0/24

Realizzazione di un servizio DNS su piattaforma Linux e Solaris con ISC BIND. 192.168.2.12 master12 192.168.2.0/24 192.168.1.0/24 Servizi DNS Esercitazione Realizzazione di un servizio DNS su piattaforma Linux e Solaris con ISC BIND. Informazioni preliminari File di configurazione: {chroot}/etc/named.conf File eseguibili: named Utente

Dettagli

Domain Name System: DNS

Domain Name System: DNS Domain Name System: DNS Nomi simbolici Gerarchia dei nomi Gerarchia dei DNS Risoluzione dei nomi Caching e abbreviazioni Descrittori risorsa Nomi simbolici Tutte le applicazioni Internet usano inrizzi

Dettagli

Introduzione al Dns. Loredana Pillitteri. Semplificazione della gestione e delega amministrativa Pisa - CNR - ISTI dicembre 2003

Introduzione al Dns. Loredana Pillitteri. Semplificazione della gestione e delega amministrativa Pisa - CNR - ISTI dicembre 2003 Introduzione al Dns Semplificazione della gestione e delega amministrativa Pisa - CNR - ISTI dicembre 2003 Cos è il DNS Lo spazio dei nomi ed indirizzi IP Tipi record migrazione nuovo dominio ISTI migrazione

Dettagli

Corso per Tutor C2 CEFRIEL Politecnico di Milano Relazione sull attività del 5 maggio 2003

Corso per Tutor C2 CEFRIEL Politecnico di Milano Relazione sull attività del 5 maggio 2003 Argomenti sviluppati: - Il protocollo DHCP e le sue applicazioni: - Configurazione e gestione del pool di indirizzi in Linux - Configurazione indirizzi statici in Linux - Il protocollo DNS e le sue implementazioni

Dettagli

Application layer. Protocolli a livello applicativo. Identificatori in Internet. Protocolli a livello applicativo, esempi. Francesco Dalla Libera

Application layer. Protocolli a livello applicativo. Identificatori in Internet. Protocolli a livello applicativo, esempi. Francesco Dalla Libera Protocolli a livello applicativo Application layer Francesco Dalla Libera! In questo livello si trovano diverse tipologie di oggetti: " protocolli di supporto a tutte le applicazioni: # DNS (Domain Name

Dettagli

dns giuseppe di battista, maurizio patrignani copyright 2012 g. di battista, m. patrignani nota di copyright

dns giuseppe di battista, maurizio patrignani copyright 2012 g. di battista, m. patrignani nota di copyright dns giuseppe di battista, maurizio patrignani nota di copyright questo insieme di slides è protetto dalle leggi sul copyright il titolo ed il copyright relativi alle slides (inclusi, ma non limitatamente,

Dettagli

TESINA DI SISTEMI. DNS (Domain Name System)

TESINA DI SISTEMI. DNS (Domain Name System) TESINA DI SISTEMI DNS (Domain Name System) Storia Di tutti i servizi Internet, il Domain Name System (DNS) è uno tra i meno compresi ma allo stesso tempo uno tra i più importanti. Definito negli RFC 1034

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

CONTRATTO Tra. la società con sede in. cod. fiscale p. IVA/VAT REA

CONTRATTO Tra. la società con sede in. cod. fiscale p. IVA/VAT REA la società con sede in CONTRATTO Tra cod. fiscale p. IVA/VAT REA telefono e-mail legalmente rappresentata da nel seguito del presente accordo denominata Provider/Maintainer e l Istituto di Informatica

Dettagli

Il DNS e la gestione degli indirizzi IP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano

Il DNS e la gestione degli indirizzi IP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano Il DNS e la gestione degli indirizzi IP Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano Indirizzi fisici e indirizzi astratti Ogni macchina all interno di una rete è identificata da un indirizzo hardware

Dettagli

I servizi GARR - LIR e GARR - NIC

I servizi GARR - LIR e GARR - NIC I servizi GARR - LIR e GARR - NIC gabriella.paolini@garr.it con il contributo di Daniele Vannozzi IAT-CNR Indice GARR-LIR Il GARR-LIR Chi gestisce gli Indirizzi IP Cos e un LIR Regole di assegnazione Assegnazione

Dettagli

DHCP-DNS Di Giuseppe Latini

DHCP-DNS Di Giuseppe Latini DHCP-DNS Di Giuseppe Latini Prima di entrare nel vivo della configurazione dei demoni, spendiamo due parole per spiegare l utilità di questi due servizi di rete. DHCP vuol dire: Dynamic Host Configuration

Dettagli

EasyDNS2. Manuale d uso L EVOLUZIONE DEI SERVIZI DOMAIN NAME SYSTEM

EasyDNS2. Manuale d uso L EVOLUZIONE DEI SERVIZI DOMAIN NAME SYSTEM EasyDNS2 L EVOLUZIONE DEI SERVIZI DOMAIN NAME SYSTEM Manuale d uso TERMINOLOGIA IL PANNELLO DI CONTROLLO ELEMENTI DELL INTERFACCIA COMUNI IL TAB CNAME IL TAB MX IL TAB SOA IL TAB TXT IL TAB CUSTOM RECORDS

Dettagli

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan

RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System. Prof. Andrea Borghesan RETI E SISTEMI INFORMATIVI Domain Name System Prof. Andrea Borghesan http://venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 10.00-11.00. Studio 34, primo piano. Dip. Statistica 1 Modalità esame:

Dettagli

Reti di Calcolatori 18-06-2013

Reti di Calcolatori 18-06-2013 1. Applicazioni di rete [3 pts] Si descrivano, relativamente al sistema DNS: Compito di Reti di Calcolatori 18-06-2013 a) i motivi per i quali viene usato; b) l architettura generale; c) le modalità di

Dettagli

CONFIGURAZIONE DNS INDICE

CONFIGURAZIONE DNS INDICE Progetto Configurazione DNS Versione 1.0 beta 2 Data 28/09/2002 16.34 Autore Julien Buratto Cliente Linkas Srl CONFIGURAZIONE DNS INDICE TEORIA...2 COSA CONVERTE...2 DOMINIO E ZONA...2 In blu sono segnalati

Dettagli

Area Clienti Tiscali Hosting e Domini

Area Clienti Tiscali Hosting e Domini Area Clienti Tiscali Hosting e Domini Manuale Utente Area Clienti Tiscali Hosting e Domini - Manuale utente Pag. 1 di 20 Sommario INFORMAZIONI GENERALI... 3 ACCESSO ALL AREA CLIENTI TISCALI HOSTING E DOMINI...

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

PROTOCOLLI APPLICATIVI PER INTERNET

PROTOCOLLI APPLICATIVI PER INTERNET PROTOCOLLI APPLICATIVI PER INTERNET IC3N 2000 N. 5 La famiglia dei protocolli TCP/IP Applicazioni e-mail,ftp,ssh,www TCP UDP ICMP IP ARP RARP IEEE 802-Ethernet-X25-Aloha ecc. Collegamento fisico 6 1 Protocolli

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci IL DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) Indirizzi IP poco adatti per essere memorizzati da utenti umani è prevista la possibiltà di associare nomi simbolici

Dettagli

DOMAIN NAME SYSTEM (DNS)

DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) PARTE 4 DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) Domain Name System (Un esempio di sistema distribuito geograficamente che funziona molto bene) Indice Identificatori degli host e alternative nel naming Organizzazione

Dettagli

Domini Virtual Server

Domini Virtual Server Domini Virtual Server Pannello di controllo Manuale Utente Pannello di controllo domini e virtual server - Manuale utente ver. 2.0 Pag. 1 di 18 Sommario INFORMAZIONI GENERALI... 3 Virtual Server... 3 ACCESSO

Dettagli

Introduzione al DHCP

Introduzione al DHCP Modulo 8: Applicativi Parte 1: DHCP, Bootp 1 Introduzione al DHCP Per comunicare via TCP/IP un host deve conoscere il proprio indirizzo IP conoscere la propria rete (netmask) conoscere l indirizzo l di

Dettagli

Comprendere cosa è Internet e sapere quali sono i suoi principali impieghi. 25/09/2011 prof. Antonio Santoro

Comprendere cosa è Internet e sapere quali sono i suoi principali impieghi. 25/09/2011 prof. Antonio Santoro Comprendere cosa è Internet e sapere quali sono i suoi principali impieghi. 1 Internet è una rete che collega centinaia di milioni di computer in tutto il mondo 2 Le connessioni sono dei tipi più disparati;

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 8

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 8 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 8 Giovedì 27-03-2014 1 Protocolli di accesso

Dettagli

PROF. Filippo CAPUANI DNS

PROF. Filippo CAPUANI DNS PROF. Filippo CAPUANI DNS Sommario Introduzione al DNS La terminologia del DNS Nomi DNS in un dominio Windows 2000 Installiamo un server DNS nella rete Configuriamo il servizio DNS Zone e file DNS DNS

Dettagli

Internet,! i domini (.it) e! il Registro!

Internet,! i domini (.it) e! il Registro! Internet, i domini (.it) e il Registro Francesca Nicolini Stefania Fabbri La rete e il Domain Name System La rete ARPANET nel 1974 1 La rete e il Domain Name System (cont) Dalle origini a oggi: Rete sperimentale

Dettagli

Indice. Introduzione... 1

Indice. Introduzione... 1 Indice Introduzione........................... 1 1 Indirizzi IP 7 1.1 Che cos è un indirizzo IP?.................... 7 1.2 Indirizzi riservati......................... 8 1.3 Le classi di reti..........................

Dettagli

Proposta di Regole per il Naming (V1.0 2001 con integrazioni CASITM 05/10/2006)

Proposta di Regole per il Naming (V1.0 2001 con integrazioni CASITM 05/10/2006) Università degli Studi di Trento Direzione Informatica e Telecomunicazioni Proposta di Regole per il Naming (V1.0 2001 con integrazioni CASITM 05/10/2006) Regolamento per l accesso alla Rete Regolamento

Dettagli

Risoluzione dei nomi. 33.1 Indirizzi e nomi...3603

Risoluzione dei nomi. 33.1 Indirizzi e nomi...3603 3601 Risoluzione dei nomi Capitolo 33 33.1 Indirizzi e nomi...................................3603 33.1.1 Configurazione del tipo di conversione: file /etc/host.conf»................................3603

Dettagli

Protocolli applicativi basati su TCP/IP

Protocolli applicativi basati su TCP/IP Protocolli applicativi basati su TCP/IP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Protocolli applicativi Sono i protocolli utilizzati dalle applicazioni per scambiarsi informazioni attraverso la rete Esempi: HTTP

Dettagli

Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it

Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it Ver. 3.0 Assegnazione dei nomi a dominio nel SLD gov.it 1 Sommario 1 GLOSSARIO 3 2 RIFERIMENTI NORMATIVI E TECNICI 3 3 ASPETTI GENERALI 4 3.1 PREMESSA

Dettagli

DNS. (con speciale attenzione all implementazione DNS di Microsoft)

DNS. (con speciale attenzione all implementazione DNS di Microsoft) DNS (con speciale attenzione all implementazione DNS di Microsoft) 1 Concetti Generali (1) Risoluzione dei Nomi in Indirizzi e viceversa Gestione gerarchica del sistema di denominazione dei computer Database

Dettagli

Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it

Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it Ver. 2.1 Assegnazione dei nomi a dominio nel SLD gov.it 1 Sommario 1 INTRODUZIONE 3 1.1 PREMESSA 3 1.2 PRINCIPI DI BASE 3 1.2.1 NOMI A DOMINIO

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Networking. Notare che le modifiche apportate attraverso ifconfig riguardano lo stato attuale del sistema e non sono persistenti.

Networking. Notare che le modifiche apportate attraverso ifconfig riguardano lo stato attuale del sistema e non sono persistenti. Networking A ogni scheda di rete e' assegnata una o piu' interfacce di rete. Su linux le interfacce di tipo ethernet sono enumerate a partire da eth0. Possiamo alterare la configurazione dell'interfaccia

Dettagli

Internet. Cos'è internet? I parte

Internet. Cos'è internet? I parte Internet Da leggere: Cap.6, in particolare par. 6.4 del Console Ribaudo (testo B) I parte Cos'è internet? Milioni di dispositivi di calcolo tra loro interconnessi: host o end-systems Pc, workstation, server

Dettagli

Gruppo Utenti Linux Cagliari h...

Gruppo Utenti Linux Cagliari h... Realizzare una piccola rete privata Marco Marongiu Gruppo Utenti Linux Cagliari Sommario Materiale occorrente Configurazione NAT Configurazione server DNS interno Configurazione server DHCP interno Configurazione

Dettagli

&&' & + $, $ $ ( $" $ + ! " # $ " % Numeric addr. tough for humans to remember Numeric addr. impossible to guess

&&' & + $, $ $ ( $ $ + !  # $  % Numeric addr. tough for humans to remember Numeric addr. impossible to guess Numeric addr. tough for humans to remember Numeric addr. impossible to guess Variable length (machines prefer fixed length) Potentially long! " # $ " % && & ( ( &( ) * & ( &( + $, $ $ ( $" $ + - - $. -.

Dettagli

Risoluzione dei nomi. 33.1 Indirizzi e nomi

Risoluzione dei nomi. 33.1 Indirizzi e nomi a2» 2013.11.11 --- Copyright Daniele Giacomini -- appunti2@gmail.com http://informaticalibera.net 1499 Risoluzione dei nomi Capitolo 33 33.1 Indirizzi e nomi...................................1499 33.1.1

Dettagli

1. Modifica alla lista dei namespace da indicare nell operazione di Login. 2. Modifica nell intestazione delle risposte inviate dal server EPP;

1. Modifica alla lista dei namespace da indicare nell operazione di Login. 2. Modifica nell intestazione delle risposte inviate dal server EPP; 5 giugno 2012 Principali modifiche apportate alle nuove versioni dei server EPP del Registro.it (disponibili sulla piattaforma di test del Registro - epp-pub-test.nic.it, epp-deletedpub-test.nic.it) e

Dettagli

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo 1 I Principali Servizi del Protocollo Applicativo Servizi offerti In questa lezione verranno esaminati i seguenti servizi: FTP DNS HTTP 2 3 File Transfer Protocol Il trasferimento di file consente la trasmissione

Dettagli

Application layer. Protocolli a livello applicativo. Identificatori in Internet. Protocolli a livello applicativo, esempi. Francesco Dalla Libera

Application layer. Protocolli a livello applicativo. Identificatori in Internet. Protocolli a livello applicativo, esempi. Francesco Dalla Libera Protocolli a livello applicativo Application layer Francesco Dalla Libera! In questo livello si trovano diverse tipologie di oggetti: " protocolli di supporto a tutte le applicazioni: # DNS (Domain Name

Dettagli

Telematica II 14. DNS Domain Name Service

Telematica II 14. DNS Domain Name Service Domain Name System () - finalità è un servizio per ottenere un altro servizio (HTTP, FTP, SMTP, ecc) Telematica II 14. Domain Name Service è un servizio che realizza una corrispondenza fra gli indirizzi

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori

Corso di Reti di Calcolatori Corso di Reti di Calcolatori IP switch uplink FDDI backbone global server porta Fddi Prof. Orazio Mirabella HUB SWITCH Ethernet SWITCH Ethernet Eth. 10Base-T SWITCH Ethernet TCP/IP Cenni Storici Internet

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO NOMI A DOMINIO E CASELLE DI POSTA

CONTRATTO DI SERVIZIO NOMI A DOMINIO E CASELLE DI POSTA CONTRATTO DI SERVIZIO NOMI A DOMINIO E CASELLE DI POSTA Il presente Contratto di Servizio ( CdS ) è parte integrante delle Condizioni Generali di Servizio ( CGS ). Le CGS e i CdS stabiliscono i termini

Dettagli

Internet: rete di reti

Internet: rete di reti Internet: rete di reti internet: rete di reti Le reti locali sono reti chiuse all interno di un area privata e consentono la condivisione di risorse solo all interno di tale area. E possibile però aprire

Dettagli

Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa

Oreste Signore, <oreste@w3.org> Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa http://www.w3c.it/education/2012/upra/basicinternet/#(1) 1 of 16 Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa Master in Comunicazione

Dettagli

DNS. I Nomi a Dominio

DNS. I Nomi a Dominio DNS I Nomi a Dominio Agenda Introduzione Organizzazione Domini Architettura DNS Registrazione Domini Propagazione dell informazione Funzionamento Client Introduzione Internet è una rete con milioni di

Dettagli

Università di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria. Lezione 6

Università di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria. Lezione 6 Università di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Corso di Progettazione di Reti e Sistemi Informatici, a.a. 2010/2011 Dott. Emiliano Casalicchio Lezione 6 19 Maggio 2011 Argomenti di questa lezione

Dettagli

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Sicurezza del DNS DNSSEC & Anycast Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Perché il DNS Fino a metà degli anni '80, la traduzione da nomi a indirizzi IP era fatta con un grande file hosts Fino ad allora non

Dettagli

La Rete. In una rete, però si può anche andare incontro ad inconvenienti:

La Rete. In una rete, però si può anche andare incontro ad inconvenienti: Una rete è una connessione tra diversi computer. Ogni computer è indipendente dagli altri, cioè può lavorare anche se "non è in rete" o se gli altri computer della rete sono spenti (in questo caso naturalmente

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

Il load balancing DNS-based coinvolge gli indirizzi IP dei server del cluster. 450710 2 6 10 450966 2 * 6 10

Il load balancing DNS-based coinvolge gli indirizzi IP dei server del cluster. 450710 2 6 10 450966 2 * 6 10 Prova intermedia del 31/10/2014 ID gruppo Rapp.te Matricola PC Valutazione Note 426748 1 * 42 9 433041 1 42 9 427803 1 42 9 450710 2 6 10 450966 2 * 6 10 415191 3 * 47 5 Sui web server della farm 1 (quella

Dettagli

Cenni sulle reti di calcolatori

Cenni sulle reti di calcolatori Cenni sulle reti di calcolatori Nel corso degli anni si è passati da sistemi centralizzati (un mainframe con tanti terminali collegati) a sistemi distribuiti (tanti piccoli calcolatori collegati in rete).

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Domain Name Service. Mario BALDI. Silvano GAI. Fulvio RISSO. http://staff.polito.it/mario.baldi. sgai[at]cisco.com. fulvio.risso[at]polito.

Domain Name Service. Mario BALDI. Silvano GAI. Fulvio RISSO. http://staff.polito.it/mario.baldi. sgai[at]cisco.com. fulvio.risso[at]polito. Domain Name Service Mario BALDI http://staff.polito.it/mario.baldi Silvano GAI sgai[at]cisco.com Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it DNS - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nomi e Indirizzi Nomi mnemonici:

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 24 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 24 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 24 giugno 2004 Il livello applicativo Nel livello 5 (ultimo livello in TCP/IP) ci sono le applicazioni utente protocolli di supporto a tutte le applicazioni, come per esempio

Dettagli

pod Guida all installazione di rete del Solstice Pod Introduzione Solstice Pod Collaborazione Visuale Wireless Solstice sulla vostra rete

pod Guida all installazione di rete del Solstice Pod Introduzione Solstice Pod Collaborazione Visuale Wireless Solstice sulla vostra rete Introduzione Solstice Pod Collaborazione Visuale Wireless Una volta installato, il Solstice Pod permette a più utenti di condividere simultaneamente il proprio schermo su un display tramite la rete Wi-Fi

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 8 DNS (cont)

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 8 DNS (cont) INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 8 DNS (cont) Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 DNS: Domain Name System Indirizzamento di una macchina (host)

Dettagli

L utente generico può saltare da un punto all altro del documento o da un documento all altro seguendo i link

L utente generico può saltare da un punto all altro del documento o da un documento all altro seguendo i link WWW: World Wide Web Definizione di ipertesto Un Ipertesto è un documento che contiene al suo interno link (collegamenti) ad altri documenti o ad altre sezioni dello stesso documento. Le informazioni non

Dettagli

Manuale Configurazione dei Servizi Web di III livello

Manuale Configurazione dei Servizi Web di III livello Manuale Configurazione dei Servizi Web di III livello Configurazione dei servizi web di III livello Pag. 1 di 18 INDICE 1 Registrazione alla piattaforma Shared Hosting...3 2 Pannello di Controllo...4 3

Dettagli

Procedure Tecniche di Registrazione Versione 4.0

Procedure Tecniche di Registrazione Versione 4.0 Procedure Tecniche di Registrazione Versione 4.0 Questo documento descrive le procedure per l'assegnazione, la modifica, la sospensione e la revoca di un nome a dominio da parte del Registro del cctld

Dettagli

Mini-guida per l installazione di una rete locale

Mini-guida per l installazione di una rete locale Mini-guida per l installazione di una rete locale Anno Accademico 2001/2002 Versione 1.13 20020509 Dott. Gianni Verduci verduci@disi.unige.it Maggio, 2002 Indice 1 Situazione di partenza 2 2 Un pó di teoria

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO DOMINIO E CASELLE DI POSTA

ORDINE DI SERVIZIO DOMINIO E CASELLE DI POSTA ORDINE DI SERVIZIO DOMINIO E CASELLE DI POSTA Il presente Ordine di Servizio ( OdS ) è parte integrante del Documento di Descrizione dei Servizi VADOINRETE ( DDS ) e delle Condizioni Generali di Servizio

Dettagli

Il Servizio GARR-NIC: cosa c e di nuovo?

Il Servizio GARR-NIC: cosa c e di nuovo? Il Servizio GARR-NIC: cosa c e di nuovo? Marco Gallo marco.gallo@garr.it Consortium GARR [WS7-Sala Conferenze APAT - Roma-16-11-2006] Parleremo di Chi puo richiedere un dominio a GARR-NIC Come registrare

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Laboratorio di Networking Operating Systems. Lezione 2 Principali strumenti di diagnostica

Laboratorio di Networking Operating Systems. Lezione 2 Principali strumenti di diagnostica Dipartimento di Informatica - Università di Verona Laboratorio di Networking Operating Systems Lezione 2 Principali strumenti di diagnostica Master in progettazione e gestione di sistemi di rete edizione

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

NOMI di DNS gerarchici Ogni nome rappresenta un dominio e può identificare sia un host sia un ulteriore insieme di nodi

NOMI di DNS gerarchici Ogni nome rappresenta un dominio e può identificare sia un host sia un ulteriore insieme di nodi DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) Insieme di gestori di tabella di nomi logici e di indirizzi IP obiettivo principale => attuare corrispondenze tra nomi di host e indirizzi IP Primo passo: /etc/hosts Non sufficiente

Dettagli

DNSMASQ HOWTO. http://en.wikipedia.org/wiki/dnsmasq

DNSMASQ HOWTO. http://en.wikipedia.org/wiki/dnsmasq DNSMASQ HOWTO Dnsmasq e' un software che eroga i servizi dhcp e dns. La presente guida non vuole essere completa, e' soltanto la somma degli appunti cui mi sono rifatto per rendere operativo il servizio.

Dettagli

Utilizzo del Modulo Datacom

Utilizzo del Modulo Datacom Utilizzo del Modulo Datacom 1. Premessa Dalla versione software V3.0x è possibile collegare un nuovo modulo di comunicazione alla gamma di centrali PX e QX. Il modulo Datacom permette la connessione di

Dettagli