INDICE dns & bind

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. - 1 - dns & bind"

Transcript

1 INDICE INTRODUZIONE ARCHITETTURA E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO DEL DNS DOMINI IL DNS DI INTERNET IL CONCETTO DI DELEGA NAME SERVER E ZONE DELEGA DEI SOTTODOMINI TIPI DI NAME SERVER ZONE DATA FILE RESOLVER RESOLUTION Root name server Scelta tra name server autoritativi e concetto di round trip time Mappatura da indirizzi a nomi Caching TTL (Time To Live) CREAZIONE ED IMPLEMENTAZIONE DI UN DOMINIO REGISTRY, REGISTRAR E REGISTRAZIONE LA REGISTRATION AUTORITÀ ITALIANA CONFIGURAZIONE DEL BIND DEFINIZIONE DI UNA ZONA Configurazione del TTL della zona Record SOA Record NS Address e alias Record PTR L'esempio completo Il file dei root name server Il file di configurazione del bind ABBREVIAZIONI Nomi e domini La Ripetizione dei nomi Esempio con abbreviazione CONFIGURAZIONE DEGLI HOST ALL INTERNO DI UN DOMINIO LA DIRETTIVA DOMAIN LA DIRETTIVA SEARCH LA DIRETTIVA NAMESERVER DEFINIZIONE DI UN NAME SERVER SLAVE IL RECORD SOA MASTER SERVER MULTIPLI ZONE MULTIPLE GESTIONE DEI SOTTODOMINI E DELEGHE CREAZIONE E GESTIONE DI SOTTODOMINI SENZA DELEGA CREAZIONE E GESTIONE DI SOTTODOMINI CON DELEGA Definizione di uno slave per un sottodominio dns & bind

2 Delega sul name server primario Definizione di uno slave server per il dominio principale DELEGA DI UN DOMINIO IN-ADDR.ARPA Subnetting su ottetti Subnetting su SVLM o non-ottetti IL DNS E LA POSTA ELETTRONICA GESTIONE DEL BIND ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI FILE DI ZONA Le direttive $ORIGIN e $INCLUDE Le direttive TXT, RP e HINFO IL LOGGING DEL BIND CARATTERISTICHE AVANZATE DEL BIND ROUND ROBIN LOAD DISTRIBUTION FORWARDERS dns & bind

3 Introduzione È noto che i computer presenti in una rete, per poter comunicare tra loro devono potersi riconoscere. Deve quindi esistere un identificativo univoco che ne permetta la distinzione. Nel mondo TCP/IP sappiamo che questo riconoscimento avviene tramite l'utilizzo degli IP addresses. Tuttavia, sebbene le macchine tra loro utilizzano gli indirizzi IP per comunicare, questo sistema risulta scomodo per l'utilizzo umano. Infatti sarebbe necessario ricordarsi tutti gli indirizzi delle macchine che si vogliono contattare. Per questo motivo, ad ogni macchina viene associato un nome, normalmente costituito da campi di stringhe separate da un punto. Resta a chi definisce questi nomi, il buonsenso di inventare delle stringhe che abbiano un significato e che in qualche modo individuino eventuali servizi che il computer offre. Nei casi più semplici abbiamo smtp.dominio.it, dns.dominio.it, ecc. Ogni nome viene associato ad indirizzo IP. Nella realtà pratica dei fatti, quando ad esempio un utente digita nel proprio browser un nome di un sito web, avviene un immediata traduzione del nome nel corrispettivo indirizzo IP, ed è quest ultimo che viene utilizzato per indirizzare i pacchetti, tramite meccanismi di routing, al sito che si vuole visitare. Dunque i nomi vengo solo usati dall uomo nella prima fase di connessione ad un computer, ma non vengono utilizzati da quest ultimi per stabilire la comunicazione. È necessario definire quindi un sistema di associazione tra indirizzi e nomi dei computer all interno di una rete. Nel caso di Internet, è stato addirittura necessario definire un sistema siffatto, ma che funzioni su scala mondiale, permettendo univocità di indirizzi e nomi, ed immediata reperibilità dei nuovi indirizzi e nomi appena definiti. Questo sistema prende il nome di Domain Name System (DNS). Negli anni 60, la rete ARPAnet progenitore dell attuale Internet, era costituita da un numero esiguo di host. Per questo motivo non era difficile definire un sistema di identificazione che permettesse agli host di riconoscersi tra loro tramite nomi. Ogni macchina aveva un file, contenente l'associazione tra indirizzo e nome di se stessa e delle altra macchine presenti su ARPAnet. Dunque, ogni qualvolta veniva introdotta una nuova macchina oppure ne veniva modificato il nome oppure l'indirizzo, tutti file presenti su tutte le macchine dovevano essere aggiornati tramite l utilizzo di un semplice editor di file testo. Ancora oggi, questo file è presente o definibile in tutte le macchine Unix e Windows. In particolare il file è /etc/hosts per i sistemi Unix e %SYSTEMROOT%/HOSTS.TXT (intendendo con %SYSTEMROOT% la directory del sistema che cambia da versione a versione di Windows). Più precisamente Windows prevede anche l'utilizzo del file LMHOSTS.TXT ma non discuteremo in questa sede l'utilizzo di HOSTS.TXT e LMHOSTS.TXT. L'utilizzo del file hosts, in ambienti di LAN con un piccolo numero di macchine può ancora avere senso. Naturalmente, con l'avvento di Internet, l'aggiornamento di un file per ogni singolo cambiamento non può essere proponibile. Per questo motivo è stato introdotto l'utilizzo del DNS. Tra i software più diffusi per definire un sistema DNS, c è il BIND (Berkeley Internet Name Domain), attualmente disponibile per tutte le piattaforme Unix e Windows dns & bind

4 Architettura e principi di funzionamento del DNS In modo estremamente semplificato, il DNS non è altro che un database distribuito. Il database DNS distribuito è indicizzato da nomi di dominio. Un nome di dominio è essenzialmente un percorso all interno di un enorme albero, chiamato spazio dei nomi di dominio, noto in gergo inglese come domain name space. Nella figura seguente viene rappresentato il domain name space: Figura 1 Il DNS prevede la radice di partenza dell albero che in gergo viene chiamata root. Il numero di livelli massimo (o livelli di profondità) è 127. In nomi sono separati da un punto (dot) ed ogni nome può avere al massimo 63 caratteri. La successioni di nomi separati da un punto individuano un percorso all interno dell albero. Il nome con lunghezza nulla (zero caratteri è riservato al root.). La sequenza di nomi va letta da sinistra verso destra ed individua il nome a livello più basso (sinistra) fino al root (destra). Un punto finale alla fine di un nome completo, indica il root. Ad esempio termina con un punto finale ed indica quindi che oltre al punto non c è altro, in quanto questo rappresenta il root. Se il punto non è indicato, (ad esempio non si esclude la possibilità che sia solo una parte del nome e che possa esserci un altro nome a seguire, fino al root. In altre parole è un nome relativo. Un nome con il punto finale è detto Fully Qualified Domain Name o più brevemente FQDN od ancora nome assoluto. Un FQDN non ammette ambiguità di nome per sua stessa natura mentre un nome relativo non garantisce ciò, infatti potrebbero esserci due nomi relativi uguali all interno di un DNS. Tuttavia due nomi relativi anche se uguali, sicuramente hanno a livello più elevato necessariamente delle differenze di percorso all interno dell albero DNS. In figura viene rappresentata l'impossibilità di avere ambiguità di nome: dns & bind

5 Figura 2 Come si può notare, due nomi uguali non possono coesistere. Il tentativo di introdurre due nomi hobbes.pa.ca.us è impossibile. Tuttavia è possibile ad esempio introdurre un hobbes.pa.ca.us ed un hobbes.lg.ca.us Sebbene dunque, ca.us sia due, il cammino che li precede è diverso per cui è possibile che tali nomi coesistano. Domini Un dominio è semplicemente un sottoalbero o ramo del domain name space. Il nome di un dominio coincide con il nome del nodo al livello più alto del dominio stesso. Vediamo un esempio in figura: Figura 3 Il nome del dominio purdue.edu è uguale al nodo a livello più elevato all interno del dominio stesso. Ogni dominio all interno del sottoalbero è considerato una parte del dominio ed è detto anche sottodominio. Vediamo in figura un esempio: dns & bind

6 Figura 4 In figura, il dominio pa.ca.us è un sottodominio di ca.us che a sua volta è un sottodominio di us a sua volta sottodominio di. Ovvero del dominio root. Non necessariamente un dominio deve avere dei sottodomini. In alcuni casi, un nome che appare come sottodominio non è tale ma coincide con il nome di un host. Quindi un nodo può essere un sottodominio oppure può coincidere con un nome di host. In tal caso ovviamente non può avere sottodomini. Il DNS di Internet Come già anticipato nei paragrafi precedenti, i nomi possono essere scelti a piacere. Tuttavia, relativamente ad Internet, il primo livello ha dei nomi preesistenti. Questi livelli sono detti in gergo top-level e sono dedicati a particolari organizzazioni. I nomi più noti sono: com: organizzazioni commerciali come le aziende e le industrie edu: organizzazioni relative all educazione come ad esempio le università gov: organizzazioni governative come governo di uno stato, NASA, National Science Foundation mil: organizzazioni militari net: organizzazioni che gestiscono e forniscono infrastrutture di rete come NFSNET, UUNET. Ultimamente essa è anche utilizzata dalle organizzazione commerciali in analogia al livello com. org: organizzazioni non commerciali come IEEF, organizzazioni di volontariato, ecc. int: organizzazioni internazionali, come ad esempi la NATO. arpa: dedicato all ARPA ed ad organizzazioni ad essa correlate. Essi sono noti anche come gtld o generic Top Level Domain. Nel 2001 sono stati introdotti dei nuovi domini quali info, museum, biz, name e pro dns & bind

7 I gtld sono definiti dall ente ICANN (Internet Corporetion for Assigned Numbers and Names) che può essere visitato all indirizzo Oltre ai gtld, sono stati definiti anche dei TLD per gli stati ed i governi. Alcuni brevi esempi sono: it: Dominio dedicato all Italia fr: Dominio dedicato alla Francia es: Dominio dedicato alla Spagna de: Dominio dedicato alla Germania us: Dominio dedicato agli USA e così via per tutti gli altri stati. Il concetto di delega I domini e la loro gestione possono essere delegati. Questo significa che chi definisce e crea un dominio non necessariamente lo deve gestire ma può delegare tale attività. Normalmente avviene una delega di domini ad altre organizzazioni. Un organizzazione di grande dimensioni è probabile che abbia un dominio ed un numero elevato di sottodomini. Gestire i sottodomini può diventare oneroso, soprattutto se questi sono distribuiti nel mondo. I gtld stessi non possono preoccuparsi di gestire tutti i sottodomini esistenti. Consideriamo ad esempio il gtld.edu e l'università di Standford con dominio standford.edu. È ovvio che il responsabile del dominio.edu non possa seguire le attività del dominio standford.edu relegata esclusivamente all Università omonima. Figura 5 Dalla figura, come si può vedere, c è una delega di gestione del dominio. Vediamo nel dettaglio come ciò può essere realizzato. Name server e zone I server che gestiscono i domini e contengono le tabelle di conversione tra indirizzi e nomi delle macchine sono detti name server dns & bind

8 Normalmente un name server ha le informazioni complete di un dominio o parti di dominio chiamate zone che eventualmente carica da altri name server. Un name server che gestisce una zona è detto autoritativo di quella zona. Un name server può essere autoritativo di più zone. Definiamo ora meglio la differenza tra dominio e zona. I domini possono essere spezzati in parti più piccole chiamate zone. Vediamo un esempio nella figura seguente: Figura 6 Come si può vedere, il dominio.edu è spezzato nelle zone berkeley.edu, nwu.edu e purdue.edu Si notano anche le aree di delega, nel senso che berkley.edu è delegato alla rispettiva Università, è ciò viene definito dai gestori di.edu A sua volta chi ha in delega il dominio berkeley.edu può ulteriormente dividere a proprio piacere tale dominio in ulteriori zone: dns & bind

9 Figura 7 Oltre ad aver creato nuove zone, ci sono ulteriori deleghe per i sottodomini cc, ce, cs ed me. Ognuna di queste zone può avere il relativo name server autoritativo, alcuni dei quali potrebbero coincidere con il name server autoritativo di berkeley.edu Come si vede, una zona ed un dominio possono avere lo stesso nome tuttavia, come vedremo ora hanno nodi differenti più precisamente una zona non contiene i nodi dei sottomini delegati. Consideriamo ad esempi il dominio.ca del Canada. Figura 8 Tutti i sottodomini hanno una delega e quindi un relativo name server autoritativo. Il dominio ca, contiene tutti i dati relativi al dominio ca, oltre a tutti i dati relativi ai sottodomini ab, ca, on, qc. Tuttavia, la zona.ca contiene solo informazioni relative al dominio ca, e anche le sottozone contengono ognuna i relativi dati. Qualora invece, una zona non sia stata delegata, allora il livello precedente deve necessariamente gestire anche le sue informazioni. Vediamo in figura un esempio: dns & bind

10 Figura 9 In questo caso non è stata fatta alcuna delega delle zone bc ed sk, per cui restano di competenza della zona immediatamente precedente, in questo caso di ca. Dunque un name server non gestisce un dominio ma bensì una zona un dominio potrebbe contenere molte più informazioni di quelle che dovrebbe contenere. Qualora un dominio non contenga sottodomini, ovviamente la zona coincide con il dominio stesso. Delega dei sottodomini Più volte abbiamo già accennato alla delega dei sottodomini. Ciò che avviene nella realtà, è quella di delegare ad altri name server uno specifico sottodominio. Il name server diventa autoritativo per quest ultimo. Tipi di name server Il DNS definisce due tipi di name server: primary master e secondary master. Il primary master è il name server che contiene un file con l'elenco degli host ed i rispettivi indirizzi per la zona o le zone di cui è autoritativo. Il secondary master legge le informazioni relative ad una zona da un altro name server, chiamato master server. Normalmente il master server coincide con il primary server ma non è assolutamente un requisito. Un secondary server può leggere le informazioni da un altro secondary server. Quando un secondary server viene attivato, contatta un master server e se necessario, carica le nuove zone o le modifiche apportate dall ultima volta. Si parla di zone transfer. Ultimamente, un secondary server è più comunemente detto slave. Lo scopo di uno slave, è quello di essere il backup del master server, qualora quest ultimo dovesse presentare dei problemi. In questo modo viene garantita l'esistenza e la persistenza di un dominio. La definizione di master e slave non è così rigorosa. I name server possono essere configurati in modo tale da essere master per alcune zone e slave per altre. Dunque il ruolo di master e di slave non è ben definito. La definizione delle zone e le loro modifiche avvengono solo sui master server. Gli slave non devono essere utilizzate per tali operazioni. Zone data file Tutte le informazioni relative alle zone sono contenute nei cosiddetti zone data file del master server. Questi file sono gli stessi che vengono caricati dagli slave dns & bind

11 Resolver I resolver sono i client che contattano i name server. I programmi presenti sui computer normalmente contattano un resolver per intervistare un name server. Un resolver assolve principalmente a tre compiti: Effettua la richiesta al name server Interpreta la risposta ottenuta (il quale può essere un informazione corretta od un errore) Restituisce le informazioni al programma che ne ha effettuato la richiesta iniziale. Un programma che effettua le richiesta da solo, senza contattare un resolver intermedio, è detto stub resolver. Esistono poi gli smart resolver che hanno funzioni di cache delle richieste. Questi server vengono contattati come normali name server. Tuttavia, effettuata una richiesta, mantengono le informazioni in una cache. Qualora si presentasse la stessa richiesta, utilizzano le informazioni precedentemente salvate per soddisfare la richiesta. Resolution Lo scopo dei name server è dunque quello di individuare le informazioni all interno di un domain name space e fornire le informazioni richieste. Essi non devono fornire solo informazioni relative alle zone di cui sono autoritativi ma di qualsiasi zona esistente ed ovunque essa sia. Questo processo è detto name resolution o più brevemente resolution. Poiché la struttura del DNS è ad albero, un name server per individuare una zona di cui non ha conoscenza, utilizza i name server posti a livello di root. Ogni name server ha la possibilità di contattare un name server root, il quale a sua volta può individuare un name server relativo al sottoalbero del dominio di cui è stata effettuata la richiesta. Tale riposta viene comunicata in direzione opposta, ovvero viene rigirata al name server richiedente che a sua volta la restituisce al resolver. Root name server I root name server si conoscono tra loro e conoscono i name server autoritativi di ogni top-level (essi stessi in molti casi sono autoritativi del top-level). A fronte di una richiesta, un root name server conosce almeno il name server del dominio corrispondente. A sua volta questo name server conosce il name server dei sottodomini. In questo modo è possibile scendere all interno dell albero fino ad individuare il name server del sottodominio richiesto. L'importanza dei root name server è quindi fondamentale. Per questo motivo e per il carico di lavoro a cui sono sottoposti, è stato inventato un meccanismo di caching che analizzeremo in seguito. Senza la presenza di almeno un root server, l'intera risoluzione sarebbe ferma e di conseguenza ogni nodo su Internet non sarebbe raggiungibile per nome (ma solo per indirizzo). Per questo motivo al momento i root server mondiali sono 13 (uno gestito dalla NASA, uno da PSINet, due sono in Europa, uno in Giappone, ecc.). Nella figura seguente riportiamo un esempio di risoluzione di un nome: dns & bind

12 Figura 10 In figura, si può notare un resolver che richiede l'indirizzo IP del nodo girigiri.gbrampa.gov.au (au è il dominio relativo all Australia) al name server locale. Poiché il name server non conosce l'indirizzo richiesto e non lo ha nemmeno nella propria cache, contatta un root server. Il root server naturalmente conosce il top-level name server relativo al dominio au. Contattato quindi quest ultimo, l'indirizzo viene comunicato al name server locale il quale provvede a contattare il name server relativo ad au. Quest ultimo conosce il sottodominio gov.au ed il relativo name server, il quale viene comunicato al name server locale. Questa procedura continua nei vari sottodomini, fino a contattare il name server che conosce la macchina girigiri. L'indirizzo di quest ultima viene quindi comunicata al name server locale il quale rigira l'indirizzo al resolver e dunque al programma che ora conosce l'indirizzo per raggiungere la macchina remota. Più in generale ed indipendentemente dal nome da risolvere lo schema di risoluzione può essere schematizzato con la seguente figura: dns & bind

13 Figura 11 Scelta tra name server autoritativi e concetto di round trip time Abbiamo detto che a livello di root name server, questi sono attualmente 13. È necessario capire quali di questi viene contattato qualora se ne presenti la necessità. La scelta del name server da contattare è basata sul concetto di round trip time, noto anche come RTT. I name server usano questa metrica (RTT) per contattare gli altri name server. Essa consiste nel verificare quanto tempo trascorre nel ricevere una risposta da un name serve remoto. Viene poi effettuata una comparazione dei tempi tra i vari server e viene scelto quello che risponde in tempi minori. Mappatura da indirizzi a nomi Fino ad ora abbiamo parlato della risoluzione dei nomi, ovvero, noto un nome, recuperare il relativo indirizzo. Tuttavia alcune applicazioni richiedono il processo contrario, ovvero risalire al nome, noto l'indirizzo. Questo può ad esempio essere necessario nei file di log di alcuni servizi, in cui è comodo per l'occhio umano vedere i nomi dei server contattati o che hanno contattato il nostro server, oppure possono essere utilizzati in alcune modalità di controllo di accesso, ad esempio in Unix è noto l'utilizzo (ormai remoto) del file.rhosts ed hosts.equiv. Il processo contrario a quanto analizzato fino ad ora non è banale. Per questo motivo, è stato creato un dominio di indirizzi ARPA, in cui gli indirizzi appaiono in modo inverso. Esso ha il nome inaddr.arpa e sfrutta le proprietà dell albero analizzato fino ad ora, con la differenza che in questo caso i nomi dei domini sono i numeri che costituiscono gli IP address. Vediamo in figura come esso è costituito: dns & bind

14 Figura 12 Come si può notare, l'indirizzo IP punta al nome della macchina che può così essere recuperato. L'utilizzo dell indirizzo tuttavia, viene effettuato leggendo quest ultimo in modo inverso. Infatti nel namespace dei nomi fino ad ora analizzato, la lettura di un FQDN viene effettuata dal basso verso l'alto ad esempio winnie è in basso e.com è in alto. Invece, nel namespace inaddr.arpa., effettuando questa lettura troviamo l'ip address al contrario. Dunque se winnie.corp.hp.com ha indirizzo , il relativo indirizzo nel dominio in-addr.arpa sarà in-addr.arpa Potrebbe sembrare più utile quindi definire il namespace in-addr.arpa al contrario di quanto definito in figura. Tuttavia è necessario utilizzare gli indirizzi in modo inverso per il seguente motivo. Consideriamo la seguente figura: Figura 13 Come possiamo vedere, la parte più alta di un indirizzo (che individua la classe e la rete) è inversa rispetto ai nomi degli indirizzi e l'unico modo per avere la classe a livello di Top-Level Domain è quella di invertire l'ip. Così facendo permettiamo agli amministratori di effettuare delle deleghe di subnet (proprio come visto per i nomi dei domini in sottodomini). Dunque le subnet del namespace 15.in-addr.arpa possono essere delegate ai gestori della rete in concomitanza con la definizione di sottodomini. Lasciano invece l'indirizzo IP nella versione originale, tale deleghe non sarebbero possibili dns & bind

15 Caching Abbiamo già accennato al fatto che i name server hanno anche funzionalità di caching. Sostanzialmente la prima volta che un name server deve rispondere ad una query ricorsiva, memorizza all interno della propria cache il nome del name server autoritativo per il dominio che ha risolto. Nelle ultime versioni del BIND esiste anche la cache negativa: se un name server autoritativo risponde che un dominio oppure un sottodominio non esiste, questa informazione viene inserita nella cache del name server locale per un certo periodo di tempo. Indipendentemente da una riposta negativa o positiva, la volta successiva che il name server viene interpellato, quest ultimo risponde con le informazioni contenute nella cache. Vediamo il seguente esempio: Figura 14 Nell esempio sopra riportato vediamo la richiesta dell indirizzo IP di baobab.cs.berkeley.edu, supponendo che già in passato sia stato richiesto un dominio all interno di berkeley.edu (ad esempio potrebbe essere stato contattato eecs.berkeley.edu Ora, il name server locale conosce il name server autoritativo del dominio berkeley.edu. Come da figura, il name server locale evita di andare a contattare i root name server ma contatta direttamente il name server autoritativo del dominio berkeley.edu e successivamente attraverso la ricorsività contattata la macchina ricercata. TTL (Time To Live) Come già detto, le informazioni permangono all interno di una cache del name server. È possibile configurare il TTL, ovvero il tempo di permanenza delle informazioni all interno di una cache. L'impostazione del valore del TTL spetta al name server remoto. In altre parole è il name server autoritativo di un dominio che ne imposta il TTL ovvero quanto le informazioni dovranno permanere nei name server che ne faranno richiesta. Terminato questo tempo, le informazioni vengono cancellate dalla cache ed un name server con cache, dovrà necessariamente ricontattare il name server autoritativo di una certa zona dns & bind

16 Creazione ed implementazione di un dominio Prima di procedere alla creazione di un dominio è necessario individuare un dominio (solitamente scelto a piacere e che ricordi eventuali attività a cui si dedicheranno eventuali servizi che i vorranno implementare). Individuato il dominio è necessario verificare che questo non esista già. Un modo per verificare se un dominio esiste già ed avere qualche informazioni aggiuntiva è il seguente: Digitare il comando nslookup. Al prompt digitare set type=soa, premere enter e poi il nome del dominio che vogliamo verificare. Un altro modo per effettuare verifiche è attraverso il comando whois, oppure visitando il sito Registry, registrar e registrazione Una registry è un organizzazione responsabile dei top level domain. Una registrar o registration authority (RA) è un organizzazione che funge da intermediario tra la registry ed il richiedente di un dominio. La RA effettua la registrazione del dominio richiesto e fornisce eventuali servizi aggiuntivi. La registration autorità Italiana La registration authority italiana è l'ente responsabile dell'assegnazione dei domini posti sotto ".it", opera in regime di monopolio e consente di registrare domini solo mediante antiquate procedure cartacee. La RA gestisce nomi a dominio cctld (country code Top Level Domain).it sulla base delle norme internazionali ISO I servizi forniti dalla RA sono rivolti sia ai Provider/Maintainer, cioè a quelle organizzazioni che intendono registrare domini per conto terzi, sia a quelle persone fisiche o giuridiche che intendono gestire direttamente i propri nomi a dominio. La RA scoraggia chi intende gestire direttamente i domini singoli, mediante tariffe nettamente superiori a quelle proposte ai Provider/Maintainer. La storia del dominio.it iniziò nel 1987, quando il ruolo di registro venne informalmente assegnato al CNUCE (che diventerà poi Istituto di Informatica e Telematica), un istituto del CNR, il massimo ente di ricerca pubblico nazionale. La questione di come formalizzare questa delega si pose per la prima volta nel 1993, quando UNINFO, il rappresentante italiano di ISO, ricevette dall'iso stessa il compito di coordinarsi con le istituzioni e la comunità tecnica accademica locale per individuare formalmente le modalità di gestione del dominio Internet nazionale. Fu costituito un gruppo di lavoro che giunse sostanzialmente a definire la situazione attualmente in vigore. Il compito operativo di gestire i server centrali del dominio.it e le pratiche di registrazione, appartengono alla Registration Authority. Il compito di definire le regole di registrazione è invece affidato alla Naming Authority dns & bind

17 La registration authority italiana è responsabile di oltre domini ".it". Le regole istituite dalla Naming Authority per la registrazione di un nome a dominio.it sono le seguenti: i nomi a dominio vengono assegnati dalla RA in uso ai richiedenti, seguendo l'ordine cronologico delle richieste alcuni nomi a dominio sono riservati (Nomi a Dominio Riservati), in particolare quelli di due lettere e quelli geografici un nome a dominio non è prenotabile la procedura di assegnazione di un nome a dominio si conclude quando avviene il suo caricamento nel database dei nomi a dominio sotto il cctld "it", detto anche Registro dei Nomi Assegnati (RNA). Tale caricamento viene effettuato quando la RA ha ricevuto tutta la documentazione richiesta ed è stata verificata l'effettiva funzionalità. La documentazione per la richiesta di registrazione identificata con il nome LAR (Lettera di assunzione di responsabilità), deve essere firmata dalla persona fisica (o dal rappresentante della persona giuridica) che sarà assegnataria del dominio stesso e deve essere inviata via raccomandata o fax alla Registration Authority Italiana, Via Giuseppe Moruzzi 1, PISA o via fax al numero Il provider che registra il dominio per conto di terzi dovrà inviare un modulo elettronico. In base alle regole della Naming Autorithy Italiana possono registrare un dominio con suffisso.it solo le persone fisiche e giuridiche residenti o appartenenti ad un Paese membro dell'unione europea. La documentazione e la richiesta di registrazione identificata con il nome LAR (Lettera di assunzione di responsabilità), deve essere inviata dal legale rappresentante della società che registra il dominio, specificando ragione sociale, sede legale, partita iva, ed i dati di registrazione presso tribunale e camera di commercio. In questo caso le registrazioni sono illimitate. I liberi professionisti che richiedono l'assegnazione di un dominio devono compilare un modulo specificando l'iscrizione all'albo di competenza. Possono essere registrati infiniti nomi di dominio. Le associazioni che richiedono l'assegnazione di un dominio devono compilare un modulo specificando la ragione sociale, ed indicando una persona responsabile dell'associazione. Le associazioni riconosciute possono registrare infiniti nomi di dominio, le associazioni non riconosciute possono registrare solo un dominio. Le pubbliche amministrazioni che richiedono l'assegnazione di un dominio devono compilare un modulo specifico. Possono essere registrati infiniti nomi di dominio. In caso di registrazione da parte di una persona singola, sono sufficienti i dati anagrafici, la residenza ed il codice fiscale. Un singolo può registrare un solo nome di dominio. Per maggiori informazioni sia sulla registration authority che per la naming authority, è possibile visitare l'indirizzo In particolare si consiglia di visitare la pagina La RA dipende a sua volta dall organismo internazionale ICANN già brevemente indicato all inizio del manuale. Nella richiesta di un dominio sarà naturalmente necessario indicare anche l' indirizzo IP dell eventuale name server locale che è stato assegnato alla propria infrastruttura, in modo che avvenga l'associazione tra il name server locale autoritativo del proprio dominio ed il nome del dominio dns & bind

18 È importante registrare il nostro dominio, affinché questi appaia sotto un cctld in questo modo sarà visibile su tutta internet. Qualora non avvenga la registrazione, nessun name server presente su internet sarà in grado di individuare il nostro name server locale e quindi di accedere al nostro dominio. Configurazione del BIND L'attuale BIND è giunto alla versione 9 e noi utilizzeremo quest ultimo è importante notare che in alcuni casi esistono delle profonde differenze dalle versioni attuale, soprattutto dalla versione BIND 8 a successive. Definizione di una zona Normalmente, in ambiente Unix, i file di configurazione del BIND sono nella directory /etc/bind All interno di questa directory vi sono svariati file, quelli che traducono da nome ad IP e sono detti forward mapping mentre quelli che traducono da IP a nome sono detti reverse mapping. I file iniziano con db. seguito dal nome del dominio per quanto riguarda il forward mapping mentre è seguito dalla rete IP per i reverse mapping esclusi gli zeri ed eventuali subnet dovute alla netmask. Quindi ad esempio la classe A avrà file reverse db.15, la classe B avrà file db ed infine la classe C avrà il file di nome db Dunque supponendo di avere una rete privata di classe 10, e volendo creare un dominio di nome dominio.it i file saranno rispettivamente db.dominio.it e db.10 Questi file sono comunemente noti come zone data files. Infine c è un file denominato named.conf che identifica tutti i file forward e reverse mapping presenti nella directory. Naturalmente, un name server può gestire più domini, quindi potranno apparire più file relativi a domini diversi. In particolare, sono previsti anche i domini ed i file relativi al localhost con indirizzo ed al broadcast. Questi file sono predefiniti e non richiedono modifiche. All intero dei file, i vari record sono detti Resource Record o più comunemente RR. Le informazioni i essi contenute sono case-insensitive, dunque non c è differenza tra lettere maiuscole e minuscole, anche se convenzionalmente si utilizzano le lettere minuscole. All interno degli RR, incontriamo diverse tipologie di informazioni, ed anche se l'ordine di apparizione non è importante, convenzionalmente si scrivono: SOA (Start Of Authority): RR che indica l'autorità della zona NS (Name Server): RR che indica il nome del name server della zona. Altri record (dati relativi agli hosts interni alla zona quali nomi e relativi indirizzi di rete) Esistono poi ancora altri tipi di record: A (Address):RR con conversione da nome ad indirizzo dns & bind

19 PRT (Pointer):RR con conversione da indirizzo a nome CNAME (Canonical name):rr con alias per gli hosts Esistono poi ancora altri RR di importanza minore che analizzeremo in seguito. Configurazione del TTL della zona Prima di configurare la zona, è necessario individuare la versione di BIND che stiamo utilizzando. Prima della versione 8.2, l'ultimo campo del SOA record, indicava il TTL, che come già visto indica il tempo di permanenza delle informazioni all interno delle cache dei name server che individueranno la nostra zona. Nelle versioni successive, questo campo è diventato relativo alla cache negativa già vista in precedenza. Per poter definire il TTL vero e proprio (o anche detto TTL di cache positiva) è necessario che ogni file (sia forward che reverse) inizia con lo statement $TTL. Per indicare ad esempio un tempi di permanenza i n cache di tre ore, i nostro file di dominio dovranno iniziare con la riga $TTL 3h. Record SOA Come già anticipato, questo campo identifica il name server autoritativo della zona, più alcuni altri parametri che ora analizzeremo. Il SOA deve comparire in entrambi i file di zona (forward e reverse) ed all interno di un singolo file, il SOA deve essere unico. Vediamo un esempio: Si noti che tutti i nomi delle macchine che seguiranno nelle prossime pagine terminano sempre con il punto finale indicando quindi nomi assoluti. movie.edu. IN SOA terminator.movie.edu. al.robocop.movie.edu. ( 1 Serial 3h Refresh after 3 hours 1h Retry after 1 hour 1w Expire after 1 week 1h ) Negative caching TTL of 1 day In questo caso è stato dichiarato un dominio di nome movie.edu con name server autoritativo di nome terminator. Il secondo nome (al.robocop.movie.edu) indica l'indirizzo di posta elettronica (il primo punto in realtà è da immaginarsi con il anche se non può essere utilizzato) del responsabile del dominio. Il termine IN sta ad indicare il tipo di rete (in questo caso INternet) sembrerebbe un osservazione banale ma in realtà esistono altre tipologie di rete e dunque IN specifica quella che si vuole utilizzare. Record NS Dopo il record SOA è possibile inserire i nomi dei name server che possono essere più di uno. Un esempio è il seguente: movie.edu. IN NS terminator.movie.edu. movie.edu. IN NS wormhole.movie.edu dns & bind

20 Anche i RR NS come i SOA devono comparire sia nei file forward che reverse. Address e alias Dopo i record NS si inseriscono i nomi delle macchine e relative alias. Vediamo un esempio: Host addresses localhost.movie.edu. IN A robocop.movie.edu. IN A terminator.movie.edu. IN A diehard.movie.edu. IN A misery.movie.edu. IN A shining.movie.edu. IN A carrie.movie.edu. IN A Multi-homed hosts wormhole.movie.edu. IN A wormhole.movie.edu. IN A Aliases bigt.movie.edu. IN CNAME terminator.movie.edu. dh.movie.edu. IN CNAME diehard.movie.edu. wh.movie.edu. IN CNAME wormhole.movie.edu. wh249.movie.edu. IN A wh253.movie.edu. IN A Come è possibile vedere, ogni nome di macchina ha un relativo IP associato. Inoltre un singolo computer può avere più nomi. Per definire un secondo nome si utilizza il RR CNAME come visto in esempio. Record PTR Nel file reverse, il RR SOA è diverso in alcuni punti rispetto al forward: $TTL 3h in-addr.arpa. IN SOA terminator.movie.edu. al.robocop.movie.edu.( 1 Serial 3h Refresh after 3 hours 1h Retry after 1 hour 1w Expire after 1 week 1h ) Negative caching TTL of 1 hour Name servers in-addr.arpa. IN NS terminator.movie.edu in-addr.arpa. IN NS wormhole.movie.edu. Come è possibile notare, nel SOA, al posto del dominio abbiamo inserito la classe utilizzata e scritta al contrario, privandola di eventuali zeri indicanti la rete ed eventuali subnet dovute alla netmask. Analogamente nella definizione dei RR di tipo NS. All interno dei file reverse è necessario indicare le associazione tra IP e nome della macchina. La sintassi è la seguente: in-addr.arpa. IN PTR wormhole.movie.edu dns & bind

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

I servizi GARR - LIR e GARR - NIC

I servizi GARR - LIR e GARR - NIC I servizi GARR - LIR e GARR - NIC gabriella.paolini@garr.it con il contributo di Daniele Vannozzi IAT-CNR Indice GARR-LIR Il GARR-LIR Chi gestisce gli Indirizzi IP Cos e un LIR Regole di assegnazione Assegnazione

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Internet,! i domini (.it) e! il Registro!

Internet,! i domini (.it) e! il Registro! Internet, i domini (.it) e il Registro Francesca Nicolini Stefania Fabbri La rete e il Domain Name System La rete ARPANET nel 1974 1 La rete e il Domain Name System (cont) Dalle origini a oggi: Rete sperimentale

Dettagli

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Sicurezza del DNS DNSSEC & Anycast Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Perché il DNS Fino a metà degli anni '80, la traduzione da nomi a indirizzi IP era fatta con un grande file hosts Fino ad allora non

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Livello applicazione: Protocollo DNS

Livello applicazione: Protocollo DNS Livello applicazione: Protocollo DNS Gaia Maselli Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose and

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

IP number, DNS e nomi di dominio. Lezione n. 10

IP number, DNS e nomi di dominio. Lezione n. 10 IP number, DNS e nomi di dominio Lezione n. 10 IP, Domain Name Server, nome di dominio Gli IP sono numeri che identificano una determinata macchina Poiché è difficile ricordarsi i numeri nella pratica

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus Lista di controllo per la migrazione del dominio a /IP-Plus Iter: : ufficio cantonale di coordinamento per Per la scuola: (nome, indirizzo e località) Migrazione di record DNS esistenti a IP-Plus nonché

Dettagli

Domini. Il Registro.it

Domini. Il Registro.it Domini. Il Registro.it Il contesto generale Il Registro italiano La natura del nome a dominio Le procedure alternative di risoluzione delle dispute: cenni L Istituto di Informatica e Telematica del CNR

Dettagli

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld it Versione 5.0

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld it Versione 5.0 26. Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nei cctld it del 8 novembre 2006 Il testo qui publlicato è stato adotatto dalla Registration Authority italiana il 8 novembre 2006. Regolamento

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

INTERNET - NUOVE REGOLE DI NAMING (4 AGOSTO 2000) E PROCEDURE DI RISOLUZIONE DELLE DISPUTE DINNANZI ALLA NAMING AUTHORITY ITALIANA

INTERNET - NUOVE REGOLE DI NAMING (4 AGOSTO 2000) E PROCEDURE DI RISOLUZIONE DELLE DISPUTE DINNANZI ALLA NAMING AUTHORITY ITALIANA ORDINE DEI CONSULENTI IN PROPRIETÀ INDUSTRIALE Via Donizetti 1/A - 20122 Milano - tel./fax (02) 55185144 INTERNET - NUOVE REGOLE DI NAMING (4 AGOSTO 2000) E PROCEDURE DI RISOLUZIONE DELLE DISPUTE DINNANZI

Dettagli

DNS cache poisoning e Bind

DNS cache poisoning e Bind ICT Security n. 19, Gennaio 2004 p. 1 di 5 DNS cache poisoning e Bind Il Domain Name System è fondamentale per l'accesso a internet in quanto risolve i nomi degli host nei corrispondenti numeri IP. Se

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Linee Guida per la gestione delle operazioni sui nomi a dominio nel cctld.it in modalità asincrona. Versione 1.5

Linee Guida per la gestione delle operazioni sui nomi a dominio nel cctld.it in modalità asincrona. Versione 1.5 Linee Guida per la gestione delle operazioni sui nomi a dominio nel cctld.it in modalità asincrona Versione 1.5 19 giugno 2009 Sommario 1 Introduzione...1 1.1 Premessa e scopi...1 1.2 Revisioni di questo

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Fingerprinting ed attacco ad un sistema informatico

Fingerprinting ed attacco ad un sistema informatico Fingerprinting ed attacco ad un sistema informatico Ci sono più cose tra cielo e terra... Angelo Dell Aera - Guido Bolognesi 1 Free Advertising 2 Name lookup Strumenti: nslookup, host, dig Risoluzione

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld.it. Versione 6.0 19 giugno 2009

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld.it. Versione 6.0 19 giugno 2009 Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld.it Versione 6.0 19 giugno 2009 Sommario 0 Revisioni di questo documento... 1 1 Introduzione... 2 1.1 Premessa...2 1.2 Principi di base...2

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Il sistema di registrazione dei nomi a dominio in Italia

Il sistema di registrazione dei nomi a dominio in Italia Il sistema di registrazione dei nomi a dominio in Italia Daniele Vannozzi Istituto Applicazioni Telematiche CNR Via G. Moruzzi,, 1 56124 Pisa E-mail: Daniele.Vannozzi Vannozzi@iat.cnr.it Assegnazione dei

Dettagli

Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma Information and Communication Technology Base Esercitazione di laboratorio ultima revisione in data 30 aprile 2003 esercitazione 8 maggio 2003 Questa esercitazione ha lo

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Indice. Documentazione ISPConfig

Indice. Documentazione ISPConfig Documentazione ISPConfig I Indice Generale 1 1 Cos'è ISPConfig? 1 2 Termini e struttura del manuale 1 3 Installazione/Aggiornamento/Disinstallazione 1 3.1 Installazione 1 3.2 Aggiornamento 1 3.3 Disinstallazione

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio sotto il cctld it Versione 4.0

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio sotto il cctld it Versione 4.0 Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio sotto il cctld it Versione 4.0 Il regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nell'ambito del cctld it è soggetto a modificazioni

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Presentazione ServiceControl è l evoluzione del primo programma, scritto per gestire il mio service circa 12 anni fa. Il programma

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Panoramica delle richieste

Panoramica delle richieste Panoramica delle richieste 1,293 richieste in procinto di essere approvate, il 40% delle quali é previsto aperto alle registrazioni Breakdown dei nuovi gtld per tipo 1,930 1,293 1,293 1,930 453 100% 90%

Dettagli

Regole di Naming Versione - 3.9

Regole di Naming Versione - 3.9 Regole di Naming Versione - 3.9 SEZIONE 1 Regolamento di Assegnazione 1. Scopo Il presente Regolamento contiene le norme per l'assegnazione dei Nomi a Dominio all'interno del cctld "it" (Italia), per quel

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli