Mercato cambi Tasso di cambio Relazione tra tasso di cambio e bilancia dei pagamenti Definizione transazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mercato cambi Tasso di cambio Relazione tra tasso di cambio e bilancia dei pagamenti Definizione transazioni"

Transcript

1 14. MERCATI DEI CAMBI E TASSI DI CAMBIO Mercato cambi Il mercato dei cambi è dove si comprano e si vendono le valute estere. Detto anche Forex. I centri finanziari per queste operazioni sono sparsi in tutto il mondo, il che rende il mercato sempre aperto. Le funzioni sono: il trasferimento di fondi o di potere dʼacquisti da un paese allʼaltro, da una valuta allʼaltra; il credito; e fornire strumenti di copertura e di speculazione. Esiste perché serve a turismo, importazioni/esportazioni e investimenti. Ci sono 4 livelli di operatori ai mercati dei cambi: 1. Utenti tradizionali 2. Banche commerciali: operano come stanze di compensazione 3. Intermediari di cambio: dove banche commerciali nazionali pareggiano entrate e uscite di valuta estera mercato interbancario 4. Banca centrale: venditore o acquirente di ultima istanza, opera riducendo o incrementando riserva di valuta estera. Eccezione dollaro, usato anche come valuta veicolo in transazioni non riguardanti gli USA. È mezzo di pagamento, unità di conto e riserva di valuta anche a livello internazionale. Il 60% dei dollari è detenuto allʼestero. Tasso di cambio R è la quantità di valuta interna necessaria per acquistare un unità di valuta estera. È determinato, se in presenza di cambi flessibili, dallʼintersezione delle curve di domanda e offerta di moneta estera. Più basso è il tasso di cambio maggiore è la quantità di valuta estera domandata. Più alto è il tasso di cambio maggiore è lʼofferta di valuta estera domandata (infatti capitali esteri vengono a investire in nazione perché costa di meno). Se R aumenta si dice che la valuta nazionale si deprezza, infatti ce ne vuole di più per acquistare valuta estera. Se invece R diminuisce, allora avviene un apprezzamento. Per tasso di cambio indiretto si intende il calcolo del cambio di un 3 paese (P3) conoscendo il cambio tra P1 e P2 e P2 e P3. Per esempio:! $ = 2!! $!" = 0,5!!" = 4 Il tasso di cambio è tenuto a uguale livello in tutti i paesi dallʼarbitraggio. Gli arbitraggisti infatti acquistano valuta dove costa meno e la rivendono dove costa di più, così da livellare sempre i tassi. Relazione tra tasso di cambio e bilancia dei pagamenti Se si volesse mantenere costante il tasso di cambio, ad un aumento di domanda di valuta estera si verrebbe a creare un deficit interno (P1) e surplus del paese esterno (P2) perché il P1 deve soddisfare eccesso di domande e P2 deve soddisfare eccesso di offerta. Definizione transazioni 1. transazione a pronti: spot transiction. Pagamento dopo due giorni da accredito della valuta estera. Tasso a pronti o spot rate. 2. Transazione a termine: mi accordo oggi per comprare o vendere una specifica quantità di valuta in una determinato giorno nel futuro a un tasso convenuto oggi, tasso a termine o forward rate. Se R a termine è minore di R a pronti la valuta è scontata a termine, altrimenti è premiata a termine. NL 1

2 3. Swap di valuta: vendita a pronti combinata con acquisto a termine della stessa valuta. Il tutto nella stessa transazione. Tasso swap è uguale alla differenza tra tasso a pronti e quello a termine. 4. Futures: contratto a termine standardizzato per quantità e durata commerciato solo su appositi mercati organizzati. Solo poche valute. Futures, a differenza che transazioni a termine, possono essere venduti in qualsiasi momento. 5. Opzioni su valuta: contratto che dà diritto al compratore di acquistare o vendere una quantità standard di valuta commerciata ad una determinata data ad un determinato prezzo. Copertura e speculazione Rischi di cambio sono dovuti alle frequenti fluttuazioni dei tassi di cambio e comportano rischi di cambio nel tempo. Rischi valutari. I problemi di questi rischi si risolvono con copertura: misure che si mettono in atto per evitare rischi di cambio o coprire posizioni aperte. Speculazione, invece, è il contrario di copertura. Si accetta il rischio nella speranza di trarne profitto. Una particolare posizione speculativa è quella short o corta, che significa vedere valuta a termine per comprale in futuro a prezzo più basso. Ci sono due tipi di speculazione: quella stabilizzante: acquisto valuta quando R sta diminuendo nellʼaspettativa che si rialzi (o venderla quando sale nellʼaspettativa si abbassi); e quella destabilizzante: vendo quando R si abbassa facendolo ulteriormente scendere. Arbitraggio sul tasso di interesse È flusso internazionale di capitale liquido a breve termine che si verifica tra un paese e lʼaltro per ottenere più alti rendimenti allʼestero. Può essere scoperto o coperto. 1. Scoperto: converto in valuta estera perché voglio investire allʼestero dove cʼè tasso di interesse più alto. Ottengo cifra iniziale + interessi, devo riconvertirla in valuta nazionale ma nel frattempo R potrebbe essere cambiato. Se non ho copertura contro rischio di cambio potrei perdere per via di un deprezzamento della valuta estera. 2. Coperto: cambio valuta a pronti corrente + vendo a termine la quantità di valuta estera che andrò a ricavare operazione Swap. Sono così coperto contro rischio tassi di cambio. Differenza tra guadagni scoperti (maggiori) e guadagno coperto è il costo dellʼassicurazione contro il rischio. Più cʼè questa attività di arbitraggio più i tassi di interesse vanno a pareggiarsi raggiungendo la parità di arbitraggio coperto sui tassi di interesse. asse verticale: i-i*: tasso dʼinteresse nazionale tasso di interesse estero in % annua. Se > 0 è più alto quello nazionale. Asse orizzontale: sconto o premio a termine in % annua. Retta: MACI margine dʼarbitraggio coperto sui tassi dʼinteresse. Parte evidenziata in grigio (sotto MACI): flusso capitale in uscita. Sopra MACI: flusso capitale entrata.!"#$ =!!!"!" = 1 +!!" Eurovalute Le eurovalute sono depositi presso banche commerciali al di fuori del paese di emissione della valuta. Mercato delle eurovalute: questo tipo di fondi viene preso in prestito o prestato dalle principali banche internazionali, società internazionali e governi quando hanno bisogno di acquistare o investire fondi addizionali. Ora che son diffusi in tutto il mondo vengono definiti depositi offshore. Esistono perché tassi dʼinteresse sono + alti allʼestero perché evitano restrizioni NL 2

3 nazionali. Sono nati durante guerra fredda perché la Russia voleva tenere depositi di dollari al di fuori dellʼusa per paura di un eventuale congelamento. Lʼeuromoneta, bisogna specificare, non è M1, non è quindi moneta in circolazione / base monetaria. È un sostituto della moneta, detto quasi moneta. Infatti sono depositi a tempo. Lʼeuromoneta provoca difficoltà di stabilizzazione interna perché dà la possibilità di rivolgersi anche al di fuori per ottenere valuta. Gli eurotitoli sono titoli a lungo termine venduti al di fuori del paese del debitore per ottenere capitale a lungo termine in valuta diversa da quella del paese dove vengono venduti i titoli. Le euronote sono strumenti finanziari a medio termine che società, banche e paesi possono utilizzare per prendere in prestito fondi in una valuta diversa da quella del paese nel quale vengono venduti. NL 3

4 15. DETERMINAZIONE DEL TASSO DI CAMBIO Spiegazione delle moderne teorie che spiegano le fluttuazioni di cambio nel breve periodo. Teoria della parità del potere dʼaquisto (PPP) Ideata da Gustav Cassel per potere stimare i tassi di cambio dʼequilibrio necessari per tonare al gold standard dopo la prima guerra mondiale. 1. PPP assoluta: il tasso di cambio deve essere pari al rapporto tra i livelli dei prezzi esistenti nei due paesi.! =!! La PPP assoluta si basa sulla legge del prezzo unico: un bene deve avere stesso prezzo nei due paesi (a parità di valuta). Se fosse diverso interverrebbe lʼarbitraggio merci. Però ci sono molti beni non commercializzati che difficilmente entrano nel commercio internazionale (es. parrucchiere) e soprattutto la legge del prezzo unico non tiene conto dei costi di trasporto. 2. PPP relativa: variazione del tasso di cambio in un determinato periodo di tempo dovrebbe essere proporzionale al cambiamento relativo dei prezzi delle 2 nazioni nello stesso periodo di tempo.!! =!!!!!!!!!! Dato però che i prezzi dei beni e servizi non commercializzati sono più alti nei paesi sviluppati e questi non vengono livellati dal commercio internazionale PPP relativa tende a sopravvalutare tasso di cambio per paesi sviluppati e sottovalutarlo per i paesi in via di sviluppo. Frenkel, Kravis, Lipsey ha fatto studi empirici negli anni 70 trovando che PPP funziona soprattutto in alcuni decenni, per lunghi periodo di tempo e determinati merci molto commercializzate. Approccio monetario alla bilancia dei pagamenti Mondello avanzato da Mundell e Johnson a fine anni settanta come estensione allʼeconomia internazionale dei principi del monetarismo. La bilancia dei pagamenti quindi è vista come fenomeno monetario. 1. approccio monetario a cambi fissi: Innanzitutto approccio monetario definisce la domanda dei saldi nominali di moneta come positivamente correlata al livello di reddito nazionale. Infatti lʼequazione di domanda di moneta è:!! =!"# dove: Md è domanda di saldi nominali di moneta; k è rapporto desiderato tra saldi nominali e reddito nazionale (k=1/v lʼinverso di velocità di circolazione); P livello nazionale dei prezzi; Y prodotto reale, PY reddito nominale (che nel lungo periodo è livello di pieno impiego). Quindi Md è direttamente dipendente da PY e inversamente dipendente da i. Lʼequazione dellʼofferta di moneta invece è:!! =!(! +!) dove: D è componente interna della base monetaria, F è componente estera base monetaria (surplus/deficit bilancia pagamenti); D+F base monetaria cioè moneta ad alto potenziale o M0; m è moltiplicatore moneta dato da rapporto depositi e riserva obbligatoria. Partendo da Md=Ms, un aumento della domanda di moneta (ad esempio per un aumento del PIL) può essere soddisfatto da: a. aumento D base monetaria interna b. aumento F flussi riserve internazionali o surplus bilancia di pagamenti Se D rimane costante per forza deve aumentare F. Se invece la base monetaria aumenta, con Md costante, allora abbiamo deficit bilancia pagamenti. Ne consegue che un surplus nella bilancia dei pagamenti è il frutto di un eccesso di domanda di moneta non accompagnato da un aumento della componente interna della base monetaria. Mentre un deficit in bilancia dei pagamenti è frutto di un eccesso di stock di offerta di moneta non eliminato da autorità monetarie ma corretto da flussi in uscita. Quindi in un sistema a cambi fissi un paese non ha controllo di offerta di moneta, ad eccezione del dollaro perché molti altri paesi sono disposti a detenerlo come riserva. NL 4

5 2. approccio monetario a cambi flessibili: Con i cambi flessibili gli squilibri della bilancia dei pagamenti vengono subito corretti da cambiamenti automatici dei tassi di cambio senza che vi siano flussi internazionali in entrata o in uscita di moneta o riserve. Un paese quindi mantiene controllo dellʼofferta di moneta e della sua politica monetaria. Nel dettaglio, un deficit della bilancia dei pagamenti porta a un deprezzamento della valuta che a suo volta farà aumentare i prezzi e quindi un aumento della domanda di moneta. Il livello tornerà in equilibrio quando verrà assorbita lʼeccesso di offerta e verrà così eliminata il deficit della bilancia. Il valore di cambio effettivo della valuta di un paese, relativamente alle valute degli altri paesi, è determinato dal tasso di crescita dellʼofferta di moneta e del reddito reale del paese rispetto a crescita dellʼofferta di moneta e del reddito di altri paesi. Inoltre, un deprezzamento significa crescita eccessiva della moneta nel tempo. La pressione inflazionistica provoca aumento di R e deprezza valuta. 3. regime di cambi controllati: Situazione attuale. Le autorità monetarie di un paese intervengono nei mercati della valuta vendendo o acquistando riserve internazionali per prevenire eccessive fluttuazioni della valuta. E, al contrario, parte del deficit della bilancia dei pagamenti viene corretto con deprezzamento della valuta. Approccio monetario alla determinazione del tasso di cambio Ricordiamo che il tasso di cambio è il prezzo in valuta nazionale di unʼunità di valuta estera. Per la legge del prezzo unico sappiamo che: Px($)=R*Px( ) che generalizzata ci dice che! =!!, dove P è inteso come il livello generale dei prezzi. Sapendo anche che!! =!"# per il Paese 1 e!! =!!! per il paese 2 e sapendo che in condizioni di equilibrio Md=Ms e M*d=M*s possiamo sostituire M*s a M*d e Ms a Md. Otteniamo:!! che dividendo per P*/P e per M*s/Ms otteniamo! e sapendo che R=P/P* allora: =!!!!!!"#! = (!!!! ) (!!")! = (!!!! ) (!!") Questa equazione quindi deriva e dipende da PPP e legge prezzo unico e R varia in maniera proporzionale al variare di Ms e in maniera inversamente proporzionale al variare di M*s. Aspettative, differenziali dʼinteresse e tassi di cambio I tassi di cambio dipendono anche da aspettative dʼinflazione e dalle variazioni attese nei tassi di cambio. Se sale il tasso di inflazione atteso, quindi, cʼè un deprezzamento di pari misura della valuta. Anche ad un cambiamento del tasso di cambio atteso cʼè una immediata variazione del tasso di cambio. Poiché i monetaristi assumono che i titoli nazionali e esteri sono perfettamente sostituibili allora il differenziale tra i tassi dʼinteresse dei 2 paesi eguaglierà sempre la variazione attesa dei tassi di cambio. Infatti:!! =!" dove EA è lʼapprezzamento percentuale atteso per anno della valuta estera rispetto alla valuta nazionale. Se i<i* ricavi degli investimenti sono più bassi nel paese 1, cʼè quindi aspettativa di deprezzamento della valuta P2 e apprezzamento della valuta P1. Questa è definita la condizione dellʼarbitraggio scoperto dʼinteresse. Modello del mercato delle attività (o equilibrio di portafoglio) Si differenzia da approccio monetario perché assume che i titoli nazionale e quelli esteri non siano dei perfetti sostituti e il tasso di cambio è determinato dal processo che porta a equilibrare stock di NL 5

6 titoli finanziari in ogni paese. La moneta quindi è solo uno dei tanti titoli finanziari. Il modello dellʼequilibrio di portafoglio è una versione più realistica e soddisfacente dellʼapproccio monetario. Gli individui e le imprese detengono la loro ricchezza in una qualche combinazione di moneta, titoli nazionali e titoli esteri in valuta estera (lʼincentivo è dato dallʼinteresse più alto). Detenere moneta è un costo opportunità, infatti più alto è il rendimento dei titoli meno moneta sarà detenuta. Il titolo estero ha rischio di deprezzamento valuta estera, motivo per cui non è un perfetto sostituto di titoli nazionali. Il portafoglio quindi contiene: Moneta (fini transattivi), titoli nazionali (profitto) e titoli esteri (diversificazione rischio, maggior profitto). Questo portafoglio si può modificare se variano questi fattori: preferenze, ricchezza, tasso dʼinteresse estero e nazionale, aspettative. Esempio: se sale i* (tasso dʼinteresse estero) aumenta domanda di titoli esteri, riducendo domanda di moneta e titoli nazionali. Un'altra conseguenza è lʼaumento del tasso di cambio, la valuta estera infatti si apprezza. Si avrà un equilibrio su tutti i mercati finanziari quando la quantità domandata di ogni attività finanziaria eguaglia la rispettiva offerta. Modello esteso del mercato delle attività (o equilibrio di portafoglio) Sapendo che: M domanda di moneta D domanda titoli nazionali F domanda titoli esteri Che nel modello semplice dipendono solo da i e i*, nel modello esteso aggiungiamo anche: EA variazione attesa del tasso spot, nella forma di apprezzamento atteso della valuta estera RP premio di rischio richiesto per compensare i residenti per il rischio addizionale del detenere titoli esteri Y prodotto o livello di reddito P livello intero dei prezzi W ricchezza residenti Allora la condizione i-i*=ea della parità scoperta del tasso dʼinteresse deve essere estesa includendo anche il premio di rischio quindi:!! =!"!" da cui! =! +!"!" (dove RP è negativo se titolo nazionale è più rischioso di quello estero.) Questa equazione ci dice che il tasso dʼinteresse nazionale deve essere uguale al tasso dʼinteresse estero più lʼapprezzamento atteso della valuta estera meno il premio di rischio derivante dal detenere titoli esteri. Considerando anche Y, P e W allora le funzioni estese di M, D e F sono:! =!(!,!,!",!",!,!,!) (,,, +, +, +, +)! =!(!,!,!",!",!,!,!) (+,,, +,,, +)! =!(!,!,!",!",!,!,!) (, +, +,,,, +) dove il + indica relazione diretta tra variabile indipendente e variabile dipendente, mentre il indica relazione inversa. Ponendo la domanda di saldi monetari (M), di titoli nazionali (D), e di titoli esteri (F) uguali alle loro rispettive offerte (supposte esogene) otteniamo i livelli di equilibrio dei saldi monetari, titoli nazionali ed esteri e otteniamo i, i* e R di equilibrio. Aggiustamenti di portafoglio Se i sale, D sale mentre M e F scendono. Ma la minore domanda di titoli esteri riduce il loro prezzo e quindi fa si che i* si alzi. Contemporaneamente lʼafflusso di fondi esteri, nel paese di riferimento, dovuti allʼaumento di i, fa diminuire lʼaumento di i stesso. Inoltre, in un sistema di cambi flessibili, cʼè apprezzamento di valuta nazionale, perché più richiesta, e deprezzamento della valuta estera. Con cambi fissi invece cʼè un surplus nella bilancia dei pagamenti in P1. NL 6

7 Questo aumento di i e i*, così come lʼapprezzamento di valuta nazionale potrebbe portare a una maggiore futuro apprezzamento atteso della valuta estera (EA sale) e contemporaneamente si riduce il premio di rischio (RP scende). Alla fine, quando si ristabilisce equilibrio dovrà valere di nuovo la condizione della parità dʼinteresse scoperta. Questo modello ci da la possibilità quindi di simulare le variazioni di tutte le variabili, che appunto sono interconnesse. Un altro esempio di squilibrio e riequilibrio può essere un aumento PIL: aumenta M, si riduce D e F. La riduzione di F, con cambi flessibili, porta ad apprezzamento valuta P1 oppure a surplus bilancia dei pagamenti con cambi fissi. Le variazioni, in questo modello sono solo temporanee. Dinamiche del tasso di cambio Un aumento inatteso di offerta di moneta porta a ribasso del tasso dʼinteresse nazionale e quindi uno spostamento a titoli esteri. È un processo rapido, infatti gli aggiustamenti di stock di attività finanziarie sono più consistenti e rapidi di aggiustamenti nei flussi commerciali. Nel lungo periodo tasso di cambio dipende principalmente da variazione nei mercati reali ma nel breve/brevissimo periodo le variazioni dei tassi di cambio riflettono soprattutto effetti di aggiustamenti di stock di attività finanziarie e aspettative: è per questo che cʼè, nel breve periodo, un forte fenomeno di overshooting del tasso di cambio: il settore reale ritarda a rispondere e cʼè tendenza di R a deviare spesso da livello di equilibrio. NL 7

8 16. MECCANISMO AGGIUSTAMENTO PREZZI IN UN SISTEMA DI CAMBI FLESSIBILI E FISSI Meccanismo di aggiustamento dei prezzi in un sistema di cambi fissi Come le partite correnti in un paese vengono influenzate dai cambiamenti dei prezzi. Per ipotesi semplificativa non ci sono flussi internazionali autonomi di capitale privato, quindi essi avvengono solo come risposta passiva per pagare gli squilibri commerciali temporanei. Assumiamo anche che il paese voglia correggere il deficit delle sue partite correnti/bilancia dei pagamenti attraverso variazioni del tasso di cambio. Poiché il modello tradizionale de tasso di cambio è basato sui flussi commerciali e la velocità dellʼaggiustamento dipenda da elasticità risposta di importazioni/esportazioni a variazioni di prezzi viene definito approccio commerciale o delle elasticità. Modello per capire influenza flussi commerciali su tasso di cambio, eliminando flussi autonomi di capitale privato. Aggiustamento con cambi flessibili Metodo con quale deficit delle partite correnti o bilancia dei pagamenti viene corretto da deprezzamento o svalutazione valuta del paese. Per svalutazione si intende il deliberato aumento del tasso di cambio da parte delle autorità monetarie da un certo livello fissati ad un altro. Deprezzamento e svalutazione agiscono sui prezzi, sono indistintamente dei meccanismi di aggiustamento basati sui prezzi. Ipotesi: solo 2 paesi, no movimenti capitali autonomi quindi curva di domanda e offerta sterline in USA riflette solo scambio di beni e servizi. Con R=$/ -> quantità domanda è a 12milioni/anno (B), quantità offerta 8milioni/anno(A)-> deficit 4mil/anno (AB). Svalutazione o deprezzamento $ del 20% porterebbero R a 2,4 e eliminerebbe il deficit. Con S* e D* ->+ rapida quindi + inelastica allora + svalutazione. Importante conoscere elasticità curve. Derivazione della curva di valuta estera Curva domanda viene derivata dalle curve di domanda/offerta dʼimportazioni in termini di valuta estera. Curva di offerta derivata dalle curve di domanda/offerta esportazioni in termini di valuta estera. Punto dʼintersezione tra domanda e offerta importazioni trovo quantità domandata. Punto dʼintersezione tra domanda e offerta esportazioni trovo quantità offerta. Al deprezzamento della valuta nazionale: D importazioni si sposta verso giù; S importazioni invariata; S esportazioni si sposta in giù; D esportazioni rimane uguale. Viene raggiunto un nuovo punto di equilibrio. Punto dʼintersezione dà anche P importazioni/p esportazioni in. Spostamenti curve non sono paralleli ma spostamento a percentuale costante. D importazioni: ad elasticità zero Dx verticali e quantità di sterline domandata costante; Sempre pendenza negativa (salvo elasticità zero) perché svalutazione o deprezzamento dollaro porta sempre a riduzione quantità domandata; più è ripida (<elasticità) tanto minore è riduzione nella quantità sterline domandata. D esportazioni: svalutazione dollaro porta a aumento esportazioni; meno elastica Dx tanto meno elastica è la curva statunitense di offerta sterline. NL 8

9 Effetto delle variazioni dei tassi di cambio sui prezzi interni e sulle ragioni di scambio. Svalutazione o deprezzamento ha conseguenze non solo su domanda/offerta imp/exp in termini di valuta estera ma anche su prezzi nazionali in termini di valuta internazionale. Il deprezzamento, infatti, stimola la produzione di sostituti statunitensi delle importazioni e esportazioni e fa aumentare i prezzi nazionali. Da un lato quindi svalutazione/deprezzamento riduce prezzo di di imp/exp USA, dallʼaltra aumenta prezzo in $ dei sostituti USA e questo provoca effetti inflazionistici. + alta svalutazione + alta inflazione tanto meno è praticabile lʼaumento del tasso di cambio come strumento per correggere deficit USA. Inoltre: lʼaumento del prezzo in dollari dei sostituti delle importazioni e dei beni destinati allʼesportazioni è un incentivo necessario per produttori USA per spostare risorse da produzione di beni non scambiati o puramente interni alla produzione dei beni sostituti importazioni/esportazioni. Ma questo riduce anche il vantaggio di prezzo derivante agli USA da svalutazione/deprezzamento $. È anche probabile che deprezzamento/svalutazione influiscano su ragioni di scambio del paese. (Ragione di scambio: rapporto prezzo del suo bene esportato e prezzo bene importato.) Malattia olandese: situazione in cui il paese industrializzato comincia a sfruttare la risorsa naturale interna che prima importava. Il cambio del paese si apprezza e potrebbe arrivare a un punto in cui il paese perde competitività internazionale nel proprio settore industriale tanto da portare a deindustrializzazione (olanda e fiorino dopo sviluppo gas naturale). Stabilità dei mercati dei cambi Mercato dei cambi è stabile quando un disturbo che ha lʼeffetto di allontanare il tasso di cambio dal suo livello di equilibrio attiva forze automatiche che spingono il tasso di cambio a tornarvi. È stabile se: 1. Curva di offerta (S ) di valuta estera è inclinata positivamente; 2. Nel caso in cui sia inclinata negativamente è meno elastica (+ ripida) della curva di domanda di valuta estare (D ). 3. È instabile se lʼallontanamento dallʼequilibrio spinge il tasso ancora più lontano. Se R diminuisce cʼè eccesso di quantità offerta di che automaticamente porta il tasso ancora più in basso. Con mercato dei cambi instabile, un regime di cambi flessibili aggrava invece che correggere uno squilibrio della bilancia dei pagamenti. Ci vorrebbe un apprezzamento invece che una svalutazione per ridurre il deficit. Condizione di Marshall-Lerner Condizione che ci dice se il mercato dei cambi è stabile o instabile. NL 9

10 In versione semplificata: è valida quando le curve di offerta di importazioni e esportazioni (Sm, Sx) sono entrambe infinitamente elastiche (orizzontali). Allora la condizione di M-L indica un mercato di cambi stabile se la somma delle elasticità al prezzo della domanda di importazioni (Dm) e della domanda di esportazioni (Dx) prese in valore assoluto è maggiore di 1. Se<1 è instabile, se=1 la variazione del tasso di cambio lascia invariata la bilancia dei pagamenti. Più è maggiore di uno tanto maggiore è il miglioramento della bilancia dei pagamenti USA ad un deprezzamento/svalutazione del dollaro. Deve essere abbastanza maggiore di 1 per rendere praticabile e non eccessivamente inflazionistico il deprezzamento della valuta volto a correggere il deficit. Le elasticità nella realtà In un primo momento (inizio 900) si ritiene che mercati siano molto elastici. Studi successivi invece notano che la condizione di M-L <1 ma di poco quindi cʼè stabilità ma poca elasticità-> pessimismo sullʼelasticità (dopoguerra). Ma Orcutt nel 1950 introduce il problema dellʼidentificazione che ha fatto sottostimare lʼelasticità perché non venivano considerate le variazioni dei gusti o altre forze. Junz e Rhomberg individuavano 5 ritardi nella reazione delle quantità a variazione dei prezzi nel breve periodo (che causano sottostima dellʼelasticità): riorganizzazione, decisione, consegna, rimpiazzo, produzione. Curva a J È possibile che nella realtà la bilancia commerciale di un paese subisca un peggioramento immediato dopo un deprezzamento/svalutazione prima di un successivo miglioramento. Ciò è dovuto alla tendenza del prezzo in valuta interna delle importazioni ad aumentare più rapidamente dei prezzi delle esportazioni (a quantità invariate). Con il tempo la quantità importata diminuisce e quella esportata aumenta. Questo è noto come EFFETTO J. Soprattutto nel brevissimo periodo (6 mesi) perché le elasticità dʼimpatto sono molto ridotte. Aggiustamento nel sistema monetario aureo o gold standard Nel gold standard ogni paese definisce il contenuto in oro della propria valuta e implicitamente si dichiara pronto a comprare o vendere oro a quel prezzo. Tassi di cambio fissi di conseguenza parità aurea. Fluttuazioni consentite solo per valori pari al costo di trasporto. Le curve di domanda e offerta sono infinitamente elastiche. Il livello dellʼofferta è nel punto dellʼoro superiore (massima fluttuazione) e quello della domanda è nel punto dellʼoro inferiore (minima fluttuazione). Deficit saldali in oro non potevano quindi essere incrementati indefinitamente ma rapidamente corretti. Meccanismo di aggiustamento delle variazioni dei prezzi basato sul flusso dʼoro È il meccanismo automatico di aggiustamento del gold standard. Poiché in gold standard lʼofferta di moneta consiste in oro stesso o in banconote convertibili in oro. Lʼofferta diminuisce automaticamente in un paese in deficit e aumenta in un paese in surplus. Quindi i prezzi interni diminuiscono nei paesi in deficit e e aumentano in paesi in surplus. Esportazioni incoraggiate e importazioni scoraggiate in paesi in deficit. La spiegazione si trova nella teoria quantitativa della moneta: M*v=P*Q. M=quantità di moneta, V:velocità di circolazione, P:prezzi, Q:prodotto. NL 10

11 Velocità considerata costante e prodotto costante a pieno impiego. Se M cresce, V cresce proporzionalmente. Lʼaggiustamento in questo modo è automatico e porta allʼequilibrio della bilancia dei pagamenti. Lʼaggiustamento poggia sulla variazione dei prezzi interni (con cambi flessibili invece si basa su variazione del valore estero della valuta nazionale). Inoltre poggia su alte elasticità così da avere pronta risposta. Hume (1752), teorizzatore del sistema gold standard, per contrastare il mercantilismo: è del tutto vano far salire il livello dellʼacqua (oro)sopra il suo livello in un compartimento (paese) fin tanto che i compartimenti sono collegati tra loro (da commercio internazionale). NL 11

12 17. MECCANISMO DI AGGIUSTAMENTO DELLA BILANCIA DEI PAGAMENTI E SINTESI DEGLI AGGIUSTAMENTI AUTOMATICI Applicazione dellʼeconomia keynesiana alle economie aperte cioè coinvolte nelle transazioni internazionali. Si distingue da approccio classico in cui lʼaggiustamento passava per le variazioni automatiche dei prezzi. In questo modello cʼè sempre deficit o surplus nelle partite correnti ma i prezzi verranno assunti come costanti così come il tasso di cambio, tasso dʼinteresse e salari saranno fissi. Determinazione del reddito nazionale di equilibrio in economia chiusa Il reddito nazionale (Y) è pari al flusso desiderato o pianificato di consumo (C) più le spese dʼinvestimento pianificate (I). La spesa pubblica non viene per ora considerata. Lʼequazione quindi è: Y=C(Y)+I. I viene considerato esogeno, C invece dipende da Y. Allʼaumento di Y, C aumenta e I rimane costante. La variazione del consumo al variare del reddito è detta PmC, propensione marginale al consumo ed è sempre <1. Il livello di equilibrio è dove la curva della spesa totale è dove la curva spesa totale intercetta la bisettrice del quadrante (punto E). È il punto in cui la spesa è uguale al livello di reddito. Per Y>E spese sono inferiori e quindi cʼè accumulo scorte con diminuzione produzione. Per Y<E cʼè invece riduzione scorte e aumento produzione. La funzione di risparmio invece è S(Y)=Y-C(Y). Caratteristica della funzione è PmR, la propensione marginale al risparmio, che risponde allʼequazione PmC+PmR=1, da cui PmR=1- Pmc. Quindi il livello di equilibrio del reddito è solo quello in cui S=I, lʼintersezione delle due curve. Il moltiplicatore in economia chiusa Un aumento di I da luogo ad un aumento di Y più che proporzionale e questʼultimo fa aumentare anche S facendo raggiungere un nuovo più alto punto di equilibrio.! =! =!"#! da cui! = 1!"#! il moltiplicatore k sarà quindi:! =!! = 1!"# = 1 1!"# In economia chiusa il moltiplicatore quindi è il reciproco della propensione marginale al risparmio. La ragione per cui il reddito aumenta più che proporzionalmente rispetto allʼinvestimento è la seguente: Quando le spese salgono i produttori espandono produzione, assumono più lavoratori e usano più capitale. Lʼeffetto immediato è lʼaumento del reddito di una quantità pari allʼaumento della produzione. Poi però i beneficiari utilizzano nuovo reddito nella misura della loro PmC generando così ulteriore produzione. Il processo continua con cifre sempre minori fino a diventare zero. Determinazione del reddito in una piccola economia aperta Ipotesi di partenza: no spesa pubblica, no pieno impiego, economia aperta, piccola. Introduciamo la funzione delle importazioni: M(Y) che è la relazione tra importazioni e reddito nazionale. Variazione di M al variare di Y è detto PmI, propensione marginale alle importazioni ed è la pendenza della curva. È anche costante. Il rapporto tra importazioni e reddito invece PMI, proponsione media alle importazioni, che diminuisce allʼaumento del reddito. Il rapporto tra i due è NL 12

13 lʼelasticità delle importazioni al reddito (ny). ny=pmi/pmi. Più grande e sviluppato è il paese più probabile che ny sia basso, infatti paese sviluppato è meno dipendente da importazioni. funzione delle importazioni. In una piccola economia aperta le esportazione possono essere considerate esogene e come gli investimenti I hanno curva orizzontale. Quindi lʼequilibrio che collega iniezioni e dispersioni di flusso reddito in una piccola economia aperta è: I+X=S+M, che non vuol dire per forza che la bilancia dei pagamenti sia in equilibrio, è così sole quando S=I. infatti riscrivendo lʼequazione come X-M=S-I notiamo che il paese potrebbe avere un surplus nella bilancia dei pagamenti pari allʼeccedenza di risparmio sullʼinvestimento interno. Riscrivendola così I+(X-M)=S invece notiamo che lʼinvestimento interno più lʼinvestimento estero (inteso come accumulo attività estere) è uguale al risparmio interno. Moltiplicatore del commercio estero Partendo da un libello di equilibrio, un cambiamento nelle esportazioni o negli investimenti perturba il livello di equilibrio del reddito del paese quindi va a cambiare il risparmio e le importazioni finche non si trova un nuovo equilibrio. Questa situazione è descritta dallʼequazione:! +! =! +! i cambiamenti indotti sono:! =!"# (!)! =!"# (!) quindi:! +! =!"# +!"#! da cui: 1! = (! +!)!"# +!"# kʼ cioè il moltiplicatore del commercio estero è: 1! =!"# +!"# Il che vuol dire, tra lʼaltro, che un cambiamento del reddito fa aumentare importazioni ma in maniera minore che esportazioni. Un'altra caratteristica è che kʼ<k perché in economia aperta reddito è sia rispermio che spesa per peni importati. Infine si può dire che più piccolo è PmR+PmI più grande sarà il moltiplicatore e più S(Y)+(M(Y) avrà una curva piatta. Se poi aumenta I invece che X il paese si troverà di fronte a un persistente deficit commerciale. Ripercussioni estere Considerando esistenza di solo due paesi: un aumento autonomo delle esportazioni di P1 nasce ed è uguale ad un aumento delle importazioni di P2. Questo riduce il reddito P2 e anche le importazioni quindi si riducono. Questo fa si che le esportazioni di P1 si riducano dopo lʼaumento iniziale. Il moltiplicatore del commercio estero ha delle ripercussioni, sarà minore del moltiplicatore estero senza ripercussioni. Assumendo che tutto lʼaumento delle esportazioni nel P1 sostituisca la produzione interna del P2 possiamo avere le seguenti situazioni nel moltiplicatore: 1. aumento autonomo esportazioni in P1 (1 e 2 stanno a indicare i due paesi) NL 13

14 2. aumento autonomo I in P1 quindi k*>kʼ>kʼʼ 3. aumento autonomi I in P2! =!!!! =! =!!!! =! =!!!! = 1!"!! +!"!! +!"!! (!"!!!"!! ) 1 +!"!!!"!!!"!! +!"!! +!"!! (!"!!!"!! )!"!!!"!!!"!! +!"!! +!"!! (!"!!!"!! ) Approccio assorbimento Modello che integra meccanismi automatici di aggiustamento su variazioni reddito e sulle variazioni del reddito. In particolare viene esaminato lʼeffetto che i cambiamenti indotti e automatici del reddito hanno sul processo di correzione di un deficit nella bilancia dei pagamenti attraverso un deprezzamento o svalutazione della valuta nazionale. Lʼapproccio elasticitario spiega il caso in cui un paese corregge deficit deprezzando o svalutando la valuta portando allo stimolo delle esportazioni del paese e allo scoraggiamento delle importazioni. Ma se il paese in deficit è già in condizione di piena occupazione la produzione non può salire e il metodo non funziona. Solo se viene ridotto lʼassorbimento interno reale (cioè le spese) il deprezzamento/svalutazione può ridurre il deficit. Se lʼassorbimento interno non viene ridotto o automaticamente o da politiche fiscali/monetarie restrittive, il deprezzamento porterà solo ad un aumento dei prezzi interni che neutralizzerà completamente il vantaggio competitivo da esso derivante, non riducendo quindi il deficit. Lʼapproccio assorbimento è stato introdotto dallʼeconomista Alexander. Alexander parte dallʼidentità Y=C+I+(X-M) dove Y è produzione/reddito; C il consumo; I gli investimenti e X-M la bilancia commerciale. Ponendo poi: A=C+I (lʼassorbimento interno) e B=X-M (bilancia commerciale) abbiamo che: Y=A+B o anche Y- A=B. Il che vuol dire che la produzione interna meno lʼassorbimento interno è uguale alla bilancia commerciale. Perché la bilancia commerciale migliori per effetto di un deprezzamento della valuta nazionale, Y deve salire e/o A (lʼassorbimento) deve ridursi. Con piena occupazione sappiamo che Y non può salire e quindi solo A può diminuire. Lʼapproccio elasticitario assume implicitamente una situazione di ristagno economico e si concentra su domanda aggiuntiva di esportazioni; lʼapproccio assorbimento invece sottolinea ruolo dellʼofferta assumendo situazione di pieno impiego. Due approcci validi, da considerare quindi contemporaneamente. Moneta e aggiustamento automatico della bilancia dei pagamenti Se il tasso non è liberamente flessibile, un deficit nella bilancia dei pagamenti tende a ridurre offerta di moneta, perché lʼeccedenza di domanda di valuta viene soddisfatta cedendo disponibilità monetarie interne in cambio di valuta estera posseduta dalla banca centrale. In un sistema bancario in cui sia in vigore la riserva obbligatoria questa perdita di riserva riduce offerta di moneta del paese, di un valore multiplo del deficit commerciale e quindi provoca anche un aumento dei tassi dʼinteresse se non viene neutralizzata la riduzione di offerta. Lʼaumento del tasso dʼinteresse scoraggia investimenti e riduce reddito (per effetto del moltiplicatore) e questo provoca calo importazioni, che riduce infine il deficit. Inoltre attira capitale estero, riducendo ulteriormente il deficit. Infine la riduzione offerta di moneta riduce i prezzi, per la teoria quantitativa della moneta, e quindi si riduce il deficit. Tutto lʼopposto in un paese in surplus. Questi aggiustamenti sono tipici del gold standard. NL 14

15 Riassumendo: aggiustamenti automatici derivanti da variazione prezzi, reddito e moneta in un paese a livello di reddito di equilibrio ma non in piena occupazione e con deficit bilancia dei pagamenti sono: 1. con cambi flessibili e mercato cambi stabile: La valuta si deprezza fino a che deficit non viene completamente eliminato. 2. con cambi a fluttuazione manovrata: Autorità non permettono solitamente pieno deprezzamento, aggiustamento è parziale. 3. cambi fissi: deprezzamento avviene solo nei limiti consentiti, aggiustamento deve quindi avvenire in altro modo. Un deprezzamento stimola la produzione e reddito nel paese in deficit e fa aumentare le importazioni e quindi riduce deficit. Tranne che in una situazione di cambi completamente flessibili, un deficit nella bilancia dei pagamenti provoca una riduzione dellʼofferta di moneta e fa salire tassi dʼinteresse.in questo modo si investimenti nazionali e reddito facendo diminuire le importazioni, aumentando il capitale estero, riduce i prezzi e quindi riduce il deficit. Però a questo nella realtà bisogna aggiungere ripercussioni estere e conseguenti ripercussioni di ritorno. Svantaggi degli aggiustamenti automatici Oltre che ripercussioni estere e di ritorno si aggiungono altri svantaggi: in una situazione di cambi flessibili le possibili fluttuazioni erratiche interferiscono con il flusso del commercio internazionale e impongono oneri di aggiustamento; in cambi a fluttuazione manovrata possono esserci svalutazioni competitive a sfavore di paesi esteri (politiche beggar-thy-neighbor) che sono dannose; in cambi fissi costringe a soli aggiustamenti monetari. Gli aggiustamenti inoltre, possono portare a dovere accettare riduzione reddito per ridurre deficit oppure accettare inflazione per ridurre surplus. Per quanto riguardo la moneta, paese dovrebbe stare passivo ed accettare mutuazioni offerta moneta per equilibrare deficit. Per questi motivi spesso introdotte correzioni non automatiche. NL 15

16 18. MACROECONOMIA IN ECONOMIA APERTA: POLITICHE DI AGGIUSTAMENTO Per raggiungere la piena occupazione, la stabilità dei prezzi e lʼequilibrio nella bilancia dei pagamenti si devono usare politiche di aggiustamento perché i meccanismi automatici presentano gravi effetti collaterali indesiderati. Lʼeconomista che ha posto lʼaccento su questo è Meade, il quale individua i seguenti importanti obiettivi: 1. Equilibrio interno 2. Equilibrio esterno 3. Un ragionevole tasso di crescita 4. Unʼequa distribuzione del reddito. Lʼequilibrio interno con piena occupazione o al massimo con disoccupazione frizionale (max 2-3%) e inflazione sotto il 2-3%. Equilibrio esterno con equilibrio della bilancia dei pagamenti o al massimo squilibri pianificati temporanei. Per raggiungere questi obiettivi esistono i seguenti strumenti: 1. Politiche di variazione del volume della spesa: expenditure changing o politiche della domanda 2. Politiche di variazione della composizione della spesa: expenditure switching 3. Controlli diretti. Per le politiche di variazione della spesa (1) troviamo: -politiche fiscali, quindi variazioni della spesa pubblica e/o delle tasse. Espansiva se la spesa pubblica aumenta o le tasse diminuiscono-> espansione della produzione/reddito. Lʼequazione della spesa diventa: I+X+G=S+M+T. lato sinistro iniezioni, lato destro uscite. Se poi la riscriviamo come: (G-T)=(S-I)+(M-X) postuliamo che un deficit pubblico (G>T) debba essere finanziato da unʼeccedenza di S rispetto a I o da unʼeccedenza di M rispetto a X. -politica monetaria che determina le variazioni nellʼofferta di moneta del paese e incide sui tassi dʼinteresse. È espansiva se aumenta lʼofferta di moneta e vengono ridotti i tassi dʼinteresse che provocano un aumento degli investimenti e del reddito (grazie al moltiplicatore). Le politiche di variazione della composizione della spesa (2) operano attraverso le variazioni del tasso di cambio (svalutazione o rivalutazione della moneta). La svalutazione dirotta parte della spesa per le importazioni e corregge la bilancia dei pagamenti ma anche aumenta la produzione interna che a sua volta provoca un aumento del reddito e quindi delle importazioni, che neutralizza parte dellʼiniziale miglioramento. I controlli diretti consistono nellʼuso di dazi, quote o restrizioni commerciali. Anchʼesse possono essere intese come expenditure-switching ma mirate a specifici beni. Controllando anche prezzi e salari si può ridurre lʼinflazione. Secondo il Nobel Tinbergen il paese di riferimento ha bisogno di tanti strumenti dʼintervento quanti sono gli obiettivi indipendenti che si propone. Il problema poi dellʼassegnazione di uno strumento/politica appropriata per ogni particolare obiettivo può essere risolto applicando il principio di classificazione effettiva dei mercati di Mundell. Equilibrio interno ed esterno con politiche changing e switching. Come può un paese conseguire contemporaneamente equilibrio interno ed esterno attraverso politiche che mutino volume e composizione della spesa nazionale? Per ipotesi semplificatrice assumiamo un flussi internazionale di capitali pari a zero (bilancia pagamenti=bilancia commerciale) e che i prezzi siano costanti fino a che la domanda aggregata non cominci a superare il livello di pieno impiego. Diagramma Swan NL 16

17 EE: combinazioni di R e D che soddisfano lʼequilibrio esterno. Inclinata positivamente perché allʼaumentare di R la bilancia commerciale migliora (ipotizzando soddisfatta la condizione di Marshall-Lerner) e devʼessere controbilanciato da un aumento dellʼassorbimento interno. YY: combinazioni di R e D che soddisfano equilibrio interno. F è lʼunico punto in cui ci sarà equilibrio simultaneo. Sapendo che la parte sottostante la curva EE identifica il deficit e quella sottostante YY la disoccupazione, possiamo trovare 4 zone: I. Surplus esterno e disoccupazione interna II. Surplus e inflazione III. Deficit e inflazione IV. Deficit e disoccupazione. Per introdurre le giuste correzioni bisogna: nella zona I per esempio aumentare R e D. Il problema storico di questo modello è stata la poca propensione dei paesi (soprattutto prima del 1971) a svalutare o rivalutare monete perché ritenute operazioni destabilizzanti. Equilibrio nel mercato dei beni, della moneta e della bilancia dei pagamenti Per raggiungere equilibrio interno ed esterno senza dover variare R, viene utilizzato il modello Mundell-Fleming. Si basa su tre curve: 1. IS: rappresenta lʼequilibrio nel mercato dei beni 2. LM: equilibrio nel mercato della moneta 3. BP: equilibrio della bilancia dei pagamenti. Si assume però che il capitale di breve periodo non sia sensibile ai differenziali tra tassi dʼinteresse internazionali, così che nel modello si possa separare politica fiscale (per equilibrio interno) e politica monetaria (per equilibrio esterno). Nel dettaglio: IS: Y=C(Y-T) +I(r) +G+(X-M) con T,G,X esogene. IS è inclinata negativamente perché dipende dal tasso dʼinteresse, allʼaumentare del tasso dʼinteresse diminuiscono gli investimenti e di conseguenza anche il reddito sarà più basso. LM: equivalenza tra la domanda e lʼofferta di moneta. La domanda di moneta può essere: per scopi transazionali: pagamenti correnti a scadenze previste; la quantità domandata di moneta è in rapporto diretto con il reddito. per scopi speculativi: sorge dal desiderio di detenere moneta anziché titoli fruttiferi. Maggiore è il tasso dʼinteresse minore è la quantità di moneta domandata per scopi speculativi. La ragione sta nel costo-opportunità della moneta. Per questo motivo LM è inclinata positivamente. LM si basa sullʼassunzione che lʼautorità monetaria mantenga fissa lʼofferta di moneta. BP: varie combinazioni di tasso dʼinteresse e Y per cui la bilancia dei pagamenti è in equilibrio a un dato tasso di cambio. È in equilibrio se il deficit/surplus è bilanciato da un afflusso/deflusso netto di capitali. BP è inclinata positivamente perché più alto è il tasso dʼinteresse maggiore sarà lʼafflusso di capitali che devono essere controbilanciati da un aumento di Y. Una svalutazione/deprezzamento di della valuta fa spostare BP verso il basso. E è il punto di equilibrio tra il mercato dei beni, della moneta e della bilancia dei pagamenti però Y non è di pieno impiego. Bisogna trovare unʼadeguata combinazione di politiche per raggiungere il livello di Y di pieno impiego mantenendo lʼequilibrio e il tasso di cambio. Politiche fiscali e monetarie NL 17

18 Politica fiscale espansiva (aumento della spesa pubblica o riduzione delle tasse) sposta IS verso destra. Una politica monetaria espansiva invece sposta LM verso destra. BP con queste modifiche rimane invariata e R rimane costante. Per raggiungere lʼequilibrio di piena occupazione il paese deve combinare una politica fiscale espansiva (verso destra) e una monetaria restrittiva (LM verso sinistra). Lʼequilibrio passa da E a F con Y di pieno impiego. Sale anche il tasso dʼinteresse per mantenere in equilibrio la nuova situazione. Si è utilizzato quindi due politiche in conflitto (una espansiva e lʼaltra restrittiva). con deficit esterno e disoccupazione politica fiscale espansiva sposta IS a destra, politica monetaria molto restrittiva sposta LM a sinistra. Per via del deficit iniziale il tasso dʼinteresse è salito molto (rispetto al caso precedente). con flussi di capitale elastici Se la curva BP è più inclinata di LM (casi analizzati) e, nel livello di pieno impiego, si trova a sinistra di LM significa che i flussi internazionali di capitale non hanno unʼelevata risposta alle variazioni dei differenziali internazionali dʼinteresse. Nella realtà odierna però BP potrebbe essere più orizzontale e il livello di reddito di pieno impiego trovarsi a destra di LM. In questo caso quindi un paese che parte da deficit e disoccupazione potrebbe raggiungere lʼequilibrio con una politica fiscale espansiva (IS verso destra) e una politica monetaria espansiva (LM a destra). Questo è dovuto allʼelasticità dei flussi internazionali di capitali. In questo modo le due politiche non in conflitto fanno si che il tasso dʼinteresse cresca ma in maniera minore. perfetta mobilità capitali Con perfetta mobilità di capitali BP è orizzontale, quindi se non cʼè deficit della bilancia dei pagamenti si può raggiungere il pieno impiego semplicemente con unʼadeguata politica fiscale. Ma vista la perfetta mobilità in corrispondenza di uno specifico tasso dʼinteresse, lʼofferta di moneta aumenterà automaticamente spostando LM verso destra. Quindi con cambi fissi e elevata mobilità dei capitali la politica monetaria è inefficacie. NL 18

19 con tassi di cambio flessibili In un regime di tassi di cambio flessibili,bp si sposta. Se la valuta si deprezza BP verso destra. Deprezzamento causa anche lo spostamento di IS verso destra perché migliora la bilancia commerciale (se condizione di Marshall Lerner è soddisfatta) e LM verso sinistra perché lʼofferta reale diminuisce, visto lʼaumento dei prezzi. Partendo dal punto in cui i mercati sono in equilibrio con disoccupazione e equilibrio esterno, per raggiungere pieno impiego si può riccorere a politica monetaria espansiva che porta LM verso destra provocando, nella nuova intersezione con IS, un deficit che causa un deprezzamento. Il deprezzamento sposta IS e BP a destra e LM a sinistra raggiungendo un nuovo e finale equilibrio. Una simile situazione ritroviamo se governo opta per politica fiscale invece che monetaria. cambi flessibili e perfetta mobilità Situazione di disoccupazione ed equilibrio esterno. La curva BP è orizzontale. Si può raggiungere pieno equilibrio con sola politica monetaria espansiva, che sposta LM a destra, provocando (per deprezzamento) lo spostamento di IS verso destra e successivo ritorno parziale verso sinistra di LM. Modello IS-LM-BP è stato il modello di riferimento della maggioranza della maggioranza delle politiche economiche degli ultimi 30 anni. Le critiche portate però sono che mette assieme grandezze stock e grandezze flusso (LM stock e IS flussi) [per altre critiche vedi paragrafo combinazioni di politiche con variazioni prezzi] Combinazioni di politiche IB: combinazioni politiche fiscali e monetarie che portano a equilibrio interno, inclinata positivamente perché politica fiscale espansiva deve essere bilanciata da politica monetaria restrittiva. EB: combinazioni politiche fiscali e monetarie che portano a equilibrio esterno che corrisponde allʼequilibrio della bilancia dei pagamenti. Oltre al punto di equilibrio F e le due rotte possiamo individuare 4 zone: 1. Surplus e disoccupazione 2. Surplus e inflazione 3. Deficit e inflazione 4. Deficit e disoccupazione Da questo grafico e secondo il principio della classificazione effettiva dei mercati, la politica monetaria deve essere volta allʼequilibrio esterno mentre la politica fiscale per lʼequilibrio interno. Se avviene il contrario ci si allontana sempre di più da F. NL 19

20 Quanti più flussi internazionali sono reattivi a differenziali tasso dʼinteresse tanto più EB è meno inclinata rispetto a IB. Se cʼè zero reattività EB sovrapposta IB e non vi è utilità nel separare politiche. Combinazioni di politiche con variazioni dei prezzi Critiche a modello IS-LM-BP: flussi internazionali possono rispondere a breve termine in manierea imprevista al differenziale del tasso dʼinteresse. La risposta quindi potrebbe quindi essere inadeguata o una tantum (è infatti ritenuto da alcuni un errore mettere insieme, come faceva Mundell, grandezze flusso e grandezze stock). Inoltre le politiche monetarie, per alcuni, non sono altro che finanziare il debito, deficit spending, utile solo nel breve periodo. Lʼaggiustamento nel lungo periodo potrebbe quindi reddito quindi richiedere variazioni del tasso di cambio. Inoltre ritardi temporali posso mutare la situazione e rendere difficile individuare e risolvere problemi originari. Anche lʼassunzione che i prezzi siano costanti fino a che non si raggiunge il livello di pieno impiego è troppo semplificatoria. Questa affermazione è supportata dalla curva di Phillips cioè la relazione inversa, o trade-off, tra disoccupazione e inflazione. Con prezzi variabili quindi nasce un nuovo obbiettivo che sono quindi 3, per il paese di riferimento. 1. piena occupazione raggiunto da politica fiscale; 2. stabilità prezzi raggiunto da politica monetaria; 3. equilibrio bilancia dei pagamenti raggiunto introducendo variazioni tasso di cambio. In emergenza inoltre il paese ha la possibilità di introdurre i cosiddetti controlli diretti, che agiscono su determinate categorie di beni e servizi. Inoltre, paesi moderni hanno anche un quarto obbiettivo: adeguato tasso di crescita, che richiede basso tasso dʼinteresse nel lungo periodo (es: tentativo USA negli anni 70). Combinazioni di politiche nella realtà Con cambi fissi USA e altri paesi maggiormente sviluppati hanno mantenuto equilibrio interno con politica fiscale e monetaria correggendo equilibrio esterno sono in casi gravi, usando controlli diretti piuttosto che politica militare. Dopo il 1971 con cambi flessibili manovrati lasciata a tasso di cambio la funzione di equilibrio esterno, ma con casi di grande overshooting e volatilità. Controlli diretti 1. Commerciali (meno incisivi): - dazi su importazioni, favoriscono il consumo e la produzione interna; - sussidi alle esportazioni, beni per lʼestero meno costosi; - deposito previo da parte di importatori. Tariffe sulle importazioni o sussidi equivalgono a svalutazioni di pari percentuale della valuta di riferimento. Però lʼeffetto non è generale perché sono applicati a specifici beni. Queste sono politiche di switching. 2. Valutari: - restrizioni su importazioni ed esportazioni di capitali: restrizione di importazioni in caso di surplus, altrimenti restrizione esportazioni per deficit. Un esempio è lʼinterest Equalization Tax applicato dagli USA nel 63 per ridurre il deficit); - Modifica dei tassi dʼinteresse per depositi esteri per scoraggiare le importazioni di capitale; - Tassi di cambio differenziati: oggi utilizzati in PVS che applicano tassi più altri per beni di lusso; - Licenze dʼimportazione. 3. Altri controlli: - su prezzi e salari per ridurre lʼinflazione interferendo però con i meccanismo di mercato. - Cooperazione internazionale, senza accordi ci possono essere ritorsioni. NL 20

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E 1865 SARDINIA Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E Attenzione: il regolamento originale va comunque letto. Il presente sunto ha il solo scopo di fare da introduzione e veloce

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1 Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13 ESERCIZIO n. 1 [Krugman, Obstfeld e Melitz, Capitolo 3: Problemi n. 1, 2, 3, 4, 5 e 9 (pp. 66 67)] SOLUZIONE 1. Il paese H ha a disposizione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLA CONDIZIONE STUDENTESCA NEGLI ULTIMI QUINDICI ANNI

L EVOLUZIONE DELLA CONDIZIONE STUDENTESCA NEGLI ULTIMI QUINDICI ANNI Le condizioni di vita e di studio degli studenti universitari in Italia: l impatto delle riforme nazionali e delle politiche europee per la dimensione sociale. Presentazione dei risultati della Sesta Indagine

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due decenni più tardi, nel 2001, solo lo 0,98 per cento della popolazione del pianeta risiede ancora nel nostro Paese. La perdita

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli