Gambling. alle strategie di intervento. dalle evidenze scientifiche. Giovanni Serpelloni MD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gambling. alle strategie di intervento. dalle evidenze scientifiche. Giovanni Serpelloni MD"

Transcript

1 Gambling dalle evidenze scientifiche alle strategie di intervento Giovanni Serpelloni MD

2 Giovanni Serpelloni M.D.

3 GAP problema complesso con varie implicazioni: Necessità di coordinamento interdisciplinare e interistituzionale Commissione Antiusura Ministero dell Interno Procura Nazionale Antimafia Ministero della Giustizia AAMN- Monopoli Confindustria Sindacati ECONOMICI E PRODUTTIVI (Industria del gioco, posti di lavoro) SOSTENIBILITA DEGLI INTERVENTI, FONTI DI RISORSE LEGISLATIVI PREVENTIVI EDUCATIVI Aspetti del GAP CONTROLLO E REPRESSIONE ILLEGALITA E ORGANIZZAZIONI CRIMINALI INFILTRATE TERAPEUTICI E RIABILITATIVI RICERCA scientifica ASS. SOCIALE, INDEBITAMENTO, USURA MEF DPA Ministero della Salute Regioni e PA Comuni Ministero del welfare MIUR

4 Quale priorità?: bilanciamento degli interessi Interessi economici dei concessionari e dello Stato SALUTE dei cittadini vulnerabili

5 Per un decision making scientific oriented

6 G. Serpelloni 2012 Stima della Popolazione italiana interessata - Non esistono studi italiani esaustivi Popolazione totale 54% Giocatori d azzardo aa (almeno una volta ultimi 12 mesi) N ,27 3,8% Giocatori d azzardo problematici (18% nei giovani anni, indagine SPS 2011) N sul totale della popolazione 0,5 2,2 % Giocatori d azzardo patologici N sul totale della popolazione 6

7 G. Serpelloni 2012 Diversi profili del G.A. patologico in base all età Shaffer HJ, Hall MN: Estimating the prevalence of adolescent gambling disorders: a quantitative synthesis and guide toward standard gambling nomenclature. J Gambl Stud 12: , 1996 Prevalenza Principale motivazione al gioco Tipo di gioco prevalente Frequenz a di gioco Motivazione Giovani < Tempo %> Competizione Denaro Carte Gioco ON LINE < < Disponibilità di denaro Anziani %< Socializzazione Antinoia Bingo Slot Machine > > Tempo > Disponibilità di denaro 7

8 G. Serpelloni 2012 GAP rapporto M/F e differenze di genere Welte JB, Barnes GM, Wieczorek WF, et al: Gambling participation in the US results from a national survey. J Gambl Stud 17:81 100, 2001 Inizio a giocare più tardivo Fattori scatenanti: Stress Insoddisfazione Depressione Sviluppano prima la dipendenza Ricercano di più il trattamento Ricerca di aiuto più precoce (Grant e Kim 2002) Privilegiano Bingo e Slotmachine Maggior prevalenza disturbi dell umore Femmine 33% Maschi 67% Maggior tasso di suicidi (Potenza et al. 2001) Minor coinvolgimento verso attività illegali (Ladd e Petry 2002) Terapie più orientate al controllo del disturbo dell umore 8

9 Prevention Strategy and Policy Makers ADDICTION: Global and integrated approach DRUGS ALCOHOL MEDICATIONS without prescription Pathological GAMBLING TOBACCO G. Serpelloni 2012

10

11

12 G. Serpelloni 2012

13 Gambling problematico e Gambling patologico: evidenze scientifiche DEFINIZIONI G. Serpelloni

14 Definizioni 1 (DPA 2012) Il Gioco d azzardo PATOLOGICO (GAP): E una Malattia neuro-psico-biologica del cervello, spesso cronica e recidivante, che si esplicita con comportamenti patologici compulsivi e specifica sintomatologia neurovegetativa, associata a gravi conseguenze fisiche, psichiche e sociali per l individuo e la sua famiglia.

15 Definizioni 2 (DPA 2012) Il Gioco d azzardo PATOLOGICO (GAP): E conseguenza secondaria di un iniziale comportamento volontario di gioco d azzardo che diventa persistente in un individuo che presenta particolari condizioni neuropsichiche di vulnerabilità allo sviluppo di dipendenza se sottoposto a stimoli di gioco.

16 Definizioni 2 (DPA 2012) Il Gioco d azzardo PATOLOGICO (GAP): La condizione di vulnerabilità è geneticamente determinata, e comporta alterazioni di tipo neurofunzionale che riguardano i sistemi neurobiologici: 1. della gratificazione (sistema di reward dopaminergico con risposta anomala al gioco d azzardo), 2. del controllo degli impulsi (corteccia prefrontale con deficit dell autocontrollo) 3. delle funzioni cognitive correlate (presenza di credenze e distorsioni cognitive in relazione alle reali possibilità di vincita e al controllo della fortuna).

17 Definizioni - 3 (DPA 2012) Il Gioco d azzardo PATOLOGICO (GAP): È una dipendenza patologica da stimoli esogeni in grado di produrre nel cervello di questi individui effetti neuroplastici, con distorsioni cognitive persistenti, craving e astinenza. È Prevenibile, curabile e guaribile e con necessità di diagnosi precoce, cure specialistiche e supporto sociale.

18 Definizioni - 4 Organizzazione Mondiale della Sanità Il gioco d azzardo Patologico è una forma morbosa chiaramente identificata, che in assenza di misure idonee di informazione e prevenzione, può rappresentare, a causa della sua diffusione, un autentica malattia sociale.

19 G. Serpelloni 2012 Gioco d azzardo INFORMALE E RICREATIVO Gioco d azzardo PROBLEMATICO Gioco d azzardo PATOLOGICO Definizioni Comportamento fisiologico con necessità di consapevolezza dei potenziali rischi Comportamento a rischio per la salute (fisica, mentale e sociale) con necessità di diagnosi precoce e di intervento Malattia neuro-psico-biologica con conseguenze sanitarie e sociali e necessità di diagnosi, cura e riabilitazione Caratteristiche Fruizione saltuaria Motivazione prevalente: Socializzazione Competizione Costi contenuti Aumento frequenza (periodica) Aumneto del «lavoro» per fruizione Aumento tempo di gioco Aumento costi dedicati Fruizione quotidiana o intensiva Con conseguenze negative sanitarie e sociali Craving Recidivante Andamento cronico Costi con debiti 19

20 Tipologie comportamnetali/cliniche di giocatori e fattori condizionanti: Blaszczynski Addiction 2001; 97, A pathways model of problem and pathological gambling 1. Giocatori condizionati nel comportamento: - fattori ecologici/ambientali 2. Giocatori vulnerabili sul piano emozionale: - fattori ecologici/ambientali - vulnerabilità emotiva - vulnerabiltà biologica 3. Giocatori con impulsività antisociale - fattori ecologici/ambientali - vulnerabilità emotiva - vulnerabilità biologica - tratti impulsivi 20

21 Giocatori condizionati nel comportamento 1 Fattori Ecologici Aumento accessibilità Aumento disponibilità Blaszczynski Addiction 2001; 97, A pathways model of problem and pathological gambling Classico Condizionamento Operante Eccitazione: Soggettiva Fisiologica Schemi cognitivi: Credenze irrazionali Illusione del controllo Assuefazione Schema di gioco abituale stabilito Ricerca Ricerca di vittorie, perdite Perdere più del previsto Problemi e GAP 21

22 Giocatori vulnerabili sul piano emozionale 2 Fattori Ecologici Aumento accessibilità Aumento disponibilità Classico Condizionamento Operante Eccitazione: Soggettiva Fisiologica Schemi cognitivi: Credenze irrazionali Illusione del controllo Assuefazione Schema di gioco abituale stabilito Vulnerabilità Emotiva Disturbi infantili Personalità: Assunzione di rischi Propensione alla noia Alterazione dell umore: Depressione Ansia Incapacità nella risoluzione dei problemi: Vita stressata Uso di sostanze Vulnerabilità Biologica Biochimica: Serotonina Noradrenalina Dopamina Corticale: EEG differenziali Ricerca Ricerca di vittorie, perdite Perdere più del previsto Problemi e GAP Blaszczynski Addiction 2001; 97, A pathways model of problem and pathological gambling 22

23 Giocatori con impulsività antisociale 3 Fattori Ecologici Aumento accessibilità Aumento disponibilità Classico Condizionamento Operante Eccitazione: Soggettiva Fisiologica Schemi cognitivi: Credenze irrazionali Illusione del controllo Assuefazione Schema di gioco abituale stabilito Vulnerabilità Emotiva Disturbi infantili Personalità: Assunzione di rischi Propensione alla noia Alterazione dell umore: Depressione Ansia Incapacità nella risoluzione dei problemi: Vita stressata Uso di sostanze Vulnerabilità Biologica Biochimica: Serotonina Noradrenalina Dopamina Corticale: EEG differenziali Tratti impulsivi Ricerca Ricerca di vittorie, perdite Perdere più del previsto Neurofisiologici: ADHD Impulsività Comportamenti antisociali Abuso di sostanze Problemi e GAP Blaszczynski Addiction 2001; 97, A pathways model of problem and pathological gambling 23

24 Fattori incrementanti la gravità clinica e tipologia di quadri clinici differenziati (G. Serpelloni 2013) Tipo I Fattori Ambientali/Sociali ( Ecologici) Iperstimolo da gioco Tipo II Fattori Individuali congeniti (stato di vulnerabilità) Deficit controllo prefrontale Deficit sistema dopaminenrgico Tipo III Fattori Psicopatologici correlati comorbilità psichiatrica Severity Index Risposta al trattamento?

25 Gambling problematico e Gambling patologico: evidenze scientifiche NEURO-FISIOPATOLOGIA G. Serpelloni

26

27 G. Serpelloni 2012 Basi neurobiologiche del G.A.P. PRINCIPALI SISTEMI NEUROBIOLOGICI coinvolti Amigdala estesa Corteccia prefrontale Nucleo acumbens Sistema oppioide 27

28

29 ESOGENICO ENDOGENICO Sistema Neuro-psicobiologico: bilanciamento attività del drive e del controller (G. Serpelloni 2012) - Attitudine - Credenze - Arousal - Self efficacy - Autostima - Locus of control - Motivazione SISTEMA COGNITIVO E MODELING CONTROLLER: Controllo Volontario Comportamenti - Controller del Drive emotivo - Decision Making (problem analysis and solving) - Attività di Coping - Arousal REWARD: Feel Good systems (regolazione ansia, depressione, noia, aggressività, euforia, ecc.) - Es: sistema endocannabinoide - Os: sistema Oppioide - Gs: sistema GABA Effetto acuto e «post» effetto FEEDBACK CRAVING Giro Cingulato Corteccia Prefrontale Corteccia Orbitofrontale MOTIVAZIONE (bilanciamento Drive Controller) CONTROLLER Corteccia Prefrontale (serotonina) TALAMO Es Os SISTEMA di REWARD N. Acumbens, Area Ventrale tegmentale (Dopamina) Gs MEMORIA Ippocampo Memorizzazione di: - Feedback di Risultato - Decisioni Logiche/volontarie - Magnitudo e durata della ricompensa correlata allo stimolo - Magnitudo (correlata allo stimolo) e durata dell effetto su ansia, depressione, noia e aggressività - Impulsi del Drive STIMOLI Visivo Uditivo Tattile Olfattivo Gustativo Ricordi (evocazioni di memoria) INPUT DRIVE Amigdala, Insula (noradrenalina) Sistema Emozionale - Impulsività - istintività Drive activation: - Ricordi (evocazioni autogeniche di memoria) Vedi anche: Impaired Response Inhibition and Salience Attribution Model. Goldstein & Volkow (2004)

30 G. Serpelloni 2012 REWARD : «Feel Good» systems Stress response and regulation of: Es Os REWARD SYSTEM N. Acumbens, Ventral tegmental area (Dopamine) Gs Ansia Depression Boredon Aggressiveness Euforia - Es: endocannabinoid system - Os: Oppioid system - Gs: GABA system Acute reward effect and «post» 30 effect (medium term remember)

31

32 G. Serpelloni 2012 Basi neurobiologiche del G.A.P.-1 Coinvolgimento dei sistemi di produzione, alterazione e rilascio Alti livelli di Noradrenalina (amigdala estesa) Bassi livelli di serotonina 5-HT post-stimolo (Potenza 2001, Caventini et al 2002) Alti livelli dopamina post stimolo (Champer, Potenza 2003) Bassi livelli oppiodi endogeni (B-endorfine) poststimolo Amigdala estesa Corteccia prefrontale Nucleo acumbens Sistema oppioide 32

33 G.A.P. Genetica molecolare Correlazioni importanti con vari geni Geni Alterazioni neurobiologiche Conseguenze SLC64A Gene trasportatore 5-HT D2A1 Allele Faq A1 Gene recettore Dopamina D2 DRD4 Gene recettore dopamina DRD1 Gene recettore dopamina D1 DRD2 DAT1 Gene trasportatore dopamina TPM Gene triptofano ADMA2C Gene recettore NMDA1 PS1 Gene PS1 Abbassamento attività serotoninergica Alterazione sistema dopaminergico Maggior presenza = Maggior gravità del GAP (Noble 2000) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi 33

34 G. Serpelloni 2012 Alterazioni strutturali e funzionali Alterazioni neurobiologiche + alterazioni cognitive PREFRONTALE dorso laterale SX SISTEMA LIMBICO CONTROLLER VOLONTARIO DEL COMPORTAMENTO Controllo Problem Analisys Coping DRIVE EMOTIVO Gratificazione Impulsività Aggressività Deficit PFC Iperattivittà COMPORAMENTO PATOLOGICO 34

35 Prevention Strategy and Policy Makers G.A.P. e comportamenti antisociali Disturbi comportamentali Comportamenti antisociali Gioco d Azzardo patologico Abuso di Alcol Uso di droghe Evidenza fenomenica Alterazioni neuropsicobiologiche prevalenti Sistema della Gratificazione Controllo prefrontale di comportamenti volontari G. Serpelloni 2012

36

37

38 Decision-making & neural network Integration OFC/VmPFC Cognition Emotion CgA DLPFC Striatum Motor circuits Insula Amygdala Adapted from Li et al, 2010

39 Motivational system PRIMARY MOTIVATION CIRCUITRY PREFRONTAL CORTEX (PfC) Chambers, Taylor & Potenza, Am J Psychiatry, 2003 Verona Addiction Conference, June 8, 2010 SENSORY-MOTOR ASSOCIATION CORTICES THALAMUS STRIATUM NUCLEUS ACCUMBENS (NAc) VENTRAL TEGMENTAL AREA (VTA) SUBSTANIA NIGRA RAPHAE CAUDATE- PUTAMEN HYPOTHALAMUS- SEPTUM AMYGDALA HIPPOCAMPUS SECONDARY MOTIVATION CIRCUITRY NEUROTRANSMISSION GLUTAMATE GABA DOPAMINE SEROTONIN CORTICO-STRIATAL-THALAMO-CORTICAL PATHWAY 39

40 GAMBLING EFFETTI PERCEPITI DAL GIOCATORE Giovanni Serpelloni 2015

41 PRINCIPALI EFFETTI PERCEPITI Giovanni Serpelloni 2015 GIOCO 1. Effetto GRATIFICANTE Componente dopaminergica EFFETTI PERCEPITI dal giocatore 4. Effetto SOMATICO VISCERALE Componente Sist. Nervoso autonomo 2. Effetto ECCITANTE tensione da gioco, aspettativa di vincita Componente adrenergica 3. Effetto INIBENTE i pensieri negativi (focalizzazione) Componente ansiolitica

42 PRINCIPALI EFFETTI PERCEPITI 1. Effetto GRATIFICANTE Componente dopaminergica Giovanni Serpelloni 2015

43 PRINCIPALI EFFETTI PERCEPITI 2. Effetto ECCITANTE tensione da gioco, aspettativa di vincita Componente adrenergica Giovanni Serpelloni 2015

44 PRINCIPALI EFFETTI PERCEPITI 3. Effetto INIBENTE i pensieri negativi (focalizzazione) Componente cognitiva Pensieri negativi Ansia Depressione Noia Giovanni Serpelloni 2015

45 PRINCIPALI EFFETTI PERCEPITI 4. Effetto SOMATICO VISCERALE Componente Sist. Nervoso autonomo Giovanni Serpelloni 2015

46 Gambling time and different reward response ( Clark, Lawrence, Astley-Jones, Gray, 2009) (G. Serpelloni 2012) REWARD MAGNITUDO (Dopamine level) Higth reward NORMAL SUBJECT WIN PHATOLOGICAL GAMBLER heightened activity in reward system Lower activation in reward related areas WIN PREFRONTAL CORTEX CONTROL LEVEL (PCC) Medium reward PCC ANTICIPATION (addictive stimulus) LOSE Low / no reward ANTICIPATION LOSE PCC Less activation of cognitive control areas GAP: more anticipation reward, less win reward NS: less anticipation reward, more win reward GAMBLING TIME 46

47 The addictive stimulus is in the anticipation 1 2 During expectation of winning After wins heightened activity in reward system Lower activation in reward related areas This imbalance in problem gamblers may lead to continued gambling 3 During the game Less activation of cognitive control areas

48 GAP: Minor soddisfazione da ricompensa/vincita (Perty e Casarella 1999) G.A.P. Dipendenza da sostanze Più rapida risoluzione della soddisfazione da ricompensa (rispetto alla popolazione non vulnerabile) Minor durata della soddisfazione derivata dalle ricompense Effetto gratificante post vincita GAP Picco e Risoluzione normale Risoluzione GAP tempo Ricerca di nuovi e ripetuti stimoli gratificanti nell immediato 48

49 Pathological Gambling: more reward response = more clinical severity HIGH REWARD nucleus striatus LOW REWARD > Dopamine Release > PAT. GAM. severity < Dopamine Release < PAT. GAM. severity 49

50 Van Holst RJ, 2010; Conversano, 2012 Principali alterazioni dei processi cognitivocomportamentali nel G.A.P Alterato processamento della ricompensa e/o punizione Aumento rilevanza sogg. degli stimoli da G.A., diminuzione per altri stimoli Maggior impulsività e compulsività Compromissione capacità di prendere decisioni Minore stima del rischio e della reale possibilità di vincita Condizionamento comportamentale verso il G.A. Craving selettivo verso G.A. Minor capacità di autocontrollo Continuazione del G.A. nonostante effetti avversi Credenze irrazionali 51

51 Sviluppo delle Sinapsi inibitorie prefrontali Maturazione corticale

52 Behavioral and Brain Changes in Adolescence: Tx Considerations Somerville et al., 2010

53 Recettori D1 e D2 e decisioni alterate dei soggetti durante le attività di gioco Alla PET I soggetti con GAP presentano densità inferiore dei recettori striatali D1 e D2 e mostrano: alterazioni delle funzioni cognitive di valutazione (sovrastima delle basse probabilità di vincita e sottostima delle alte probabilità di perdita) difficoltà di dare peso alle decisioni durante le attività di gioco. (Takahashi H; J Neurosci. 2010, Winstanley CA, Neuropsychopharmacology. 2011) 54

54 Gambling e neuroimaging

55 Cue reactivity (reazione allo stimolo) in problem gamblers Control group Ventral route, dorsal route, Limbic: striatum, hippocampus, amygdala More craving: higher activation in limbic areas Problem Gamblers Goudriaan, De Ruiter, Veltman, Oosterlaan, van den Brink, 2009 (Addiction Biology) Very important for gambling advertising 56

56 Error Monitoring Stop Signal Task Less Activation in response to errors Controls Smokers Problem Gamblers Significantly less activation dacc following errors in gamblers compared to normal controls (figures) Finding consistent with Potenza et al (2003) using Stroop Task comparing PG with NC De Ruiter, Oosterlaan, Veltman, van den Brink, Goudriaan, 2012, Drug Alc Dep 57

57 Guadagno monetario vs Perdita monetaria MANCATA ATTIVAZIONE Corteccia prefrontale VTD ATTIVAZIONE De Ruiter et al., 2009 Mancata attivazione della corteccia prefrontale ventrolaterale destra (VLPFC) sia in condizione di guadagno monetario che di perdita. Mancata attivazione della VLPFC destra durante la condizione di perdita monetaria nei soggetti fumatori. L area nel quadrato indica invece l iperattivazione dell insula anteriore destra nei fumatori durante il guadagno monetario rispetto al gruppo di controllo 58

58 Reward Probabilistic Reversal Learning Task Less activation Ventro lateral prefrontal cortex Controls Smokers Problem Gamblers Reward associated with activation Right VLPFC, Right Occipital/Parietal Cortex, Right Frontal Operculum, Bilateral Caudate Nuclues and Subthalamic Regions Significantly less activation of VLPFC in gamblers compared to controls (figures) Findings similar to studies by Reuter (2005) and Tanabe (2007) who found reduced activation in PG in the VMPFC, a structure incompletely covered in our study. Similar finding in OCD (Remijnse, 2006)! 59

59 Punishment Probabilistic Reversal Learning Task Loss Less activation Ventro lateral prefrontal cortex Controls Smokers Problem Gamblers Loss associated with activation Right Frontal Operculum, Insula en Subthalamic Region Significantly less activation VLPFC in smokers and gamblers compared to controls (figures)

60 Prevenzione: fattori condizionanti

61 G. Serpelloni 2012 Combinazione dei fattori in grado di produrre un addiction Vulnerabilità neurobiologica Alterazione del sistema di gratificazione Disponibilità e accessibilità Frequenza uso Intensità Bassa efficacia controllo prefrontale Alti comportamentali di ricerca/ specializzazione Individuo Stimolo Farmacologico o comportamentale Effetto gratificante Sostenibilità dei costi (risorse disponibili o recuperabili) Aumento del potenziale additivo Effetto inibente su ansia, pensieri negativi, depressione, noia Uso di sostanze o comportamenti additivi Relazioni familiari problematiche Criminalità GA correlata Contesto sociale Scarsa presenza di offerte attive di prevenzione Tollerante e promuovente il GA Alta % di soggetti consumatori Scarsità di regole e leggi di controllo e deterrenza, Alta pressione pubblicitaria 62

62 G. Serpelloni 2012 Esposizione sociale allo stimolo e sviluppo delle GAP 1. Esiste un legame tra disponibilità ambientale di G.A. e lo sviluppo di G.A.P. (Mitika 2001; Paternak e Fleming 1999; Sibbald 2001; Volberg 2000) 2. Apertura di Casinò (Ladouceur et al. 1999) Giocatori d Azzardo e apertura di casinò PRIMA 14% DOPO 60% 3. La presenza di «Tossine Ambientali» (contesti di G.A.) aumenta la probabilità di disturbi associati G.A.P. (Volberg 2002) 4. Le Zone con compresenza di luoghi di G.A. presentano tassi significativamente maggiori di persone che richiedono assistenza (Shaffer 2002) 63

63 G. Serpelloni 2012 Prevenzione selettiva (scuola famiglia): Early detection delle condizioni di vulnerabilità (6-12 aa) Comportamento a rischio Early intervention: Training riconoscimento preventivo situazioni di rischio Rinforzo delle funzioni di autocontrollo e coping Correzione delle distrosioni cognitive e delle false credenze sulle propabilità e abilità di vincita Orientamento delle azioni preventive sui fattori di rischio 1 2 Individuo Pubbliccizazione Programmi di supporto alla famiglia Ridurre fortemente la pubblicità generalizzata Azioni di Prevenzione 3 Contesto socioambientale Stimoli (giochi d azzardo) Leggi di controllo, deterrenza e contrasto gioco su minori Azioni di prevenzione ambientale permanenti Diminuire la disponibilità ambientale Diminuire l accessibilità soprattutto ai minori Avvertenze esplicite per i Farmaci specifici incentivanti il gambling Dotare le slotmachine di segnali di warnig Utilizzare carte prepagate controllabili e tracciabili Disapprovazione sociale esplicità sul gioco d azzardo Non utilizzare testimonial famosi e attrattivi per i giovani Publiccizzazione punti di supporto ed aiuto 64

64 G. Serpelloni

65 Raccomandazioni EVIDENZE STRATEGIE OBIETTIVI E AZIONI

66 RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED Relazione alla XII Commissione (affari Sociali) della Camera dei Deputati 4 aprile 2012

67 FOCAL POINTS Persone su cui concentrare l attenzione Pubblicità e marketing Prevenzione Cura e riabilitazione Organizzazione Internet

68 FOCAL POINTS Criminalità e gioco d azzardo patologico Osservazione e monitoraggio Sostenibilità

69

70 DALLE EVIDENZE SCIENTIFICHE ALLE STRATEGIE DI INTEVENTO

71

72

73 PAN- GAP Strategia generale: principi 1. GAP: malattia sociale 2. Persone vulnerabili 3. Gioco e intrattenimento 4. Sviluppo di consapevolezza e diagnosi precoce 5. Offerte e incentivo al gioco 6. Prevenzione dell usura 7. Legalità del gioco 8. Informazione ed avvertenze 9. Approccio bilanciato 10. Valutazione dell efficacia della prevenzione 11. Coordinamento nazionale

74 PAN GAP: Tipi di prevenzione prevista Universale Ambientale Selettiva

75 PAN - GAP: obiettivi 1. Realizzazione di Help Line telefoniche e di orientamento 2. Realizzare e diffondere Materiali Informativi 3. Regolamentare la Pubblicità PRO-gioco e l accesso ai giochi 4. Promuovere azioni di prevenzione su internet e social network 5. Diffondere Totem interattivi per test di autovalutazione del rischio e informazioni di base 6. Riorentare sportelli psicologici su GAP e attivare programmi di early detection 7. Attivare interventi per la prevenzione dell Usura 8. Prevenire le Ricadute 9. Diffondere Spot Radio e TV 10. Attivare percorsi di formazione specialistica 11. Realizzare studi e sistemi epidemiologici sul GAP 12. Attivare studi e ricerche sul GAP

76 PAN - GAP: obiettivi 13. Realizzazione studi e ricerche internazionali 14. Prevenire il ricorso al gioco illegale

77

78 Conclusioni Evidenze scientifiche Basi neuro-psico-biologiche (deficit PFC e sist. Reward) Indicazioni strategiche Approccio basato su neuroscienze e scienze del comportamento Malattia sociale Approccio di politica sanitaria Soggetti vulnerabili, geneticamente determinati Maturazione cerebrale e senilità: minor forza PFC Prevenzione selettiva (early detection) e ambientale Target principali: giovani e anziani

79 Conclusioni Evidenze scientifiche ipersensibilità agli stimoli pubblicitari delle persone vulnerabili Aumento dell offerta = aumento delle persone con GAP Indicazioni strategiche Riduzione dei messaggi pubblicitari (minor pressione e msg non ingannevoli) Riduzione dei punti di gioco, regolamentazione gioco OnLine Basi comuni delle varie forme di addiction Approccio terapeutico globale ed integrato Fasi della malattia e efficacia delle terapie Terapie cognitivocomportamentali

80 Grazie per l attenzione Giovanni Serpelloni M.D. Former Head Antidrugs Policy Department

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

Il gambling presenta molte analogie con la addiction da sostanze, quali l eroina, l alcol, etc..

Il gambling presenta molte analogie con la addiction da sostanze, quali l eroina, l alcol, etc.. Gambling un altra faccia della dipendenza: Dipendenza senza droga Risultati di una ricerca multicentrica Contributi originali già pubblicati Concettina Varango 1, Albina Prestipino 2,Fabrizio Cheli 2 1

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI

I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI ( )Il progetto del Dott. Jay Giedd, alla divisione di psichiatria infantile del National Institute of Mental Health di Bethesda, Maryland ha lo scopo di determinare

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

Che cosa è l ansia: basi biologiche e correlazioni cliniche

Che cosa è l ansia: basi biologiche e correlazioni cliniche Serie Editoriale Società Italiana di Medicina Generale Che cosa è l ansia: basi biologiche e correlazioni cliniche Riccardo Torta, Paola Caldera Psicologia Clinica e Oncologica, Università di Torino Prefazione

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12 SOMMARIO Editoriale 5 Messaggio del Direttore Generale 10 Schema del rapporto 12 1. La salute mentale come parte della salute pubblica 17 Introduzione 17 Comprensione della salute mentale 19 I progressi

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

Bambini e ragazzi con problemi di attenzione e iperattività

Bambini e ragazzi con problemi di attenzione e iperattività 1. Introduzione Bambini e ragazzi con problemi di attenzione e iperattività di: Ivano Gagliardini - Emilia Conti Psicologo-Psicoterapeuta // Insegnante Specializzata Negli ultimi anni, con una frequenza

Dettagli

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2. manuale e protocollo manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.1 gerard schippers theo broekman angela buchholz edizione italiana giorgio nespoli emanuele

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Enrico Savelli U.O.NPI Ausl Rimini Roma, 5 Novembre 2011 Nonostante i formidabili progressi realizzati nell ultimo decennio nel campo delle Neuroscienze:

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Il gioco d azzardo patologico. Tra cura medica e cura educativa. Università degli studi di Siena Facoltà di Lettere e Filosofia di Arezzo

Il gioco d azzardo patologico. Tra cura medica e cura educativa. Università degli studi di Siena Facoltà di Lettere e Filosofia di Arezzo Università degli studi di Siena Facoltà di Lettere e Filosofia di Arezzo Corso di laurea specialistica in Programmazione e gestione dei servizi educativi e formativi Il gioco d azzardo patologico. Tra

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Gioco d azzardo: qual è la vera posta? Tecnologie che creano dipendenze

Gioco d azzardo: qual è la vera posta? Tecnologie che creano dipendenze Gioco d azzardo: qual è la vera posta? Tecnologie che creano dipendenze Marcello Esposito * Professore di International Financial Markets, Università Cattaneo di Castellanza Come è

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

Quando Studiare il DAT

Quando Studiare il DAT Quando Studiare il A.Piccardo, E.O. Ospedali Galliera F. Nobili Università di Genova 123 I-FP-CIT (SCAN ) Pre-sinaptico FP- CIT Post-sinaptico Non interazione tra farmaci dopaminergici e imaging In presenza

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

Comorbilità psicopatologica nei disturbi del comportamento in età evolutiva

Comorbilità psicopatologica nei disturbi del comportamento in età evolutiva Comorbilità psicopatologica nei disturbi del comportamento in età evolutiva Dr.ssa Marialuigia Foresta Neuropsichiatra Infantile UOC di Neuropsichiatria Infantile ASL Pescara Perché un master sui disturbi

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)?

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Si parla di disturbi specifici di apprendimento (dsa) nel caso in cui il soggetto indenne da problemi di ordine cognitivo, neurologico, sensoriale, presenti

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

Salute mentale Che cos è?

Salute mentale Che cos è? Salute mentale Che cos è? 01 Burnout 02 Depressione 03 Sindromi ansiose 04 Sindrome da deficit di attenzione e iperattività 05 Maniacalità 06 Disturbo ossessivo compulsivo 07 Sindromi schizofreniche 08

Dettagli

Brixia International Conference

Brixia International Conference Brixia International Conference OPEN ISSUES IN THE CLINICAL AND THERAPEUTIC MANAGEMENT OF MAJOR PSYCHIATRIC DISORDERS Brescia, June 11 th -13 th, 2015 Siamo lieti di invitarvi al congresso annuale Brixia

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

Educatori tra Pari : Fuori le Mura! Mónica Borile borilemonica@gmail.com, Marcela Vidal, Maria Rosa Nicolato

Educatori tra Pari : Fuori le Mura! Mónica Borile borilemonica@gmail.com, Marcela Vidal, Maria Rosa Nicolato Educatori tra Pari : Fuori le Mura! Mónica Borile borilemonica@gmail.com, Marcela Vidal, Maria Rosa Nicolato Introduzione: Riconoscendo la necessità di sviluppare un nuovo e diverso approccio alle problematiche

Dettagli

FastReset 1 a confronto con altre tecniche di integrazione e guarigione emotiva rapida

FastReset 1 a confronto con altre tecniche di integrazione e guarigione emotiva rapida Ottobre 2012 www.fastreset.it www.eupsyche.it FastReset 1 a confronto con altre tecniche di integrazione e guarigione emotiva rapida Focused Awareness Shift Technique Reprocessing Emotional Subjective

Dettagli

FUNZIONI ESECUTIVE E RIABILITAZIONE IN ETA EVOLUTIVA

FUNZIONI ESECUTIVE E RIABILITAZIONE IN ETA EVOLUTIVA FUNZIONI ESECUTIVE E RIABILITAZIONE IN ETA EVOLUTIVA 23 e 24 maggio 2014 Eva Benso Lara Masoero Caterina Pacilli ocosa sono le funzioni esecutive ocenni di neuroanatomia omodelli neuropsicologici di riferimento

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI 90 STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEI DISTURBI COGNITIVI: UTILITÀ E LIMITI DI IMPIEGO Marianna Amboni CEMAND, Università di Salerno IDC Hermitage-Capodimonte, Napoli

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Droga: ma il problema dov è?

Droga: ma il problema dov è? DROGA: MA IL PROBLEMA DOV È? 7 1 Droga: ma il problema dov è? 1.1 Un problema complesso È noto come il fenomeno dell uso e della diffusione di sostanze stupefacenti soprattutto nella fascia d età che tradizionalmente

Dettagli