Gambling. alle strategie di intervento. dalle evidenze scientifiche. Giovanni Serpelloni MD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gambling. alle strategie di intervento. dalle evidenze scientifiche. Giovanni Serpelloni MD"

Transcript

1 Gambling dalle evidenze scientifiche alle strategie di intervento Giovanni Serpelloni MD

2 Giovanni Serpelloni M.D.

3 GAP problema complesso con varie implicazioni: Necessità di coordinamento interdisciplinare e interistituzionale Commissione Antiusura Ministero dell Interno Procura Nazionale Antimafia Ministero della Giustizia AAMN- Monopoli Confindustria Sindacati ECONOMICI E PRODUTTIVI (Industria del gioco, posti di lavoro) SOSTENIBILITA DEGLI INTERVENTI, FONTI DI RISORSE LEGISLATIVI PREVENTIVI EDUCATIVI Aspetti del GAP CONTROLLO E REPRESSIONE ILLEGALITA E ORGANIZZAZIONI CRIMINALI INFILTRATE TERAPEUTICI E RIABILITATIVI RICERCA scientifica ASS. SOCIALE, INDEBITAMENTO, USURA MEF DPA Ministero della Salute Regioni e PA Comuni Ministero del welfare MIUR

4 Quale priorità?: bilanciamento degli interessi Interessi economici dei concessionari e dello Stato SALUTE dei cittadini vulnerabili

5 Per un decision making scientific oriented

6 G. Serpelloni 2012 Stima della Popolazione italiana interessata - Non esistono studi italiani esaustivi Popolazione totale 54% Giocatori d azzardo aa (almeno una volta ultimi 12 mesi) N ,27 3,8% Giocatori d azzardo problematici (18% nei giovani anni, indagine SPS 2011) N sul totale della popolazione 0,5 2,2 % Giocatori d azzardo patologici N sul totale della popolazione 6

7 G. Serpelloni 2012 Diversi profili del G.A. patologico in base all età Shaffer HJ, Hall MN: Estimating the prevalence of adolescent gambling disorders: a quantitative synthesis and guide toward standard gambling nomenclature. J Gambl Stud 12: , 1996 Prevalenza Principale motivazione al gioco Tipo di gioco prevalente Frequenz a di gioco Motivazione Giovani < Tempo %> Competizione Denaro Carte Gioco ON LINE < < Disponibilità di denaro Anziani %< Socializzazione Antinoia Bingo Slot Machine > > Tempo > Disponibilità di denaro 7

8 G. Serpelloni 2012 GAP rapporto M/F e differenze di genere Welte JB, Barnes GM, Wieczorek WF, et al: Gambling participation in the US results from a national survey. J Gambl Stud 17:81 100, 2001 Inizio a giocare più tardivo Fattori scatenanti: Stress Insoddisfazione Depressione Sviluppano prima la dipendenza Ricercano di più il trattamento Ricerca di aiuto più precoce (Grant e Kim 2002) Privilegiano Bingo e Slotmachine Maggior prevalenza disturbi dell umore Femmine 33% Maschi 67% Maggior tasso di suicidi (Potenza et al. 2001) Minor coinvolgimento verso attività illegali (Ladd e Petry 2002) Terapie più orientate al controllo del disturbo dell umore 8

9 Prevention Strategy and Policy Makers ADDICTION: Global and integrated approach DRUGS ALCOHOL MEDICATIONS without prescription Pathological GAMBLING TOBACCO G. Serpelloni 2012

10

11

12 G. Serpelloni 2012

13 Gambling problematico e Gambling patologico: evidenze scientifiche DEFINIZIONI G. Serpelloni

14 Definizioni 1 (DPA 2012) Il Gioco d azzardo PATOLOGICO (GAP): E una Malattia neuro-psico-biologica del cervello, spesso cronica e recidivante, che si esplicita con comportamenti patologici compulsivi e specifica sintomatologia neurovegetativa, associata a gravi conseguenze fisiche, psichiche e sociali per l individuo e la sua famiglia.

15 Definizioni 2 (DPA 2012) Il Gioco d azzardo PATOLOGICO (GAP): E conseguenza secondaria di un iniziale comportamento volontario di gioco d azzardo che diventa persistente in un individuo che presenta particolari condizioni neuropsichiche di vulnerabilità allo sviluppo di dipendenza se sottoposto a stimoli di gioco.

16 Definizioni 2 (DPA 2012) Il Gioco d azzardo PATOLOGICO (GAP): La condizione di vulnerabilità è geneticamente determinata, e comporta alterazioni di tipo neurofunzionale che riguardano i sistemi neurobiologici: 1. della gratificazione (sistema di reward dopaminergico con risposta anomala al gioco d azzardo), 2. del controllo degli impulsi (corteccia prefrontale con deficit dell autocontrollo) 3. delle funzioni cognitive correlate (presenza di credenze e distorsioni cognitive in relazione alle reali possibilità di vincita e al controllo della fortuna).

17 Definizioni - 3 (DPA 2012) Il Gioco d azzardo PATOLOGICO (GAP): È una dipendenza patologica da stimoli esogeni in grado di produrre nel cervello di questi individui effetti neuroplastici, con distorsioni cognitive persistenti, craving e astinenza. È Prevenibile, curabile e guaribile e con necessità di diagnosi precoce, cure specialistiche e supporto sociale.

18 Definizioni - 4 Organizzazione Mondiale della Sanità Il gioco d azzardo Patologico è una forma morbosa chiaramente identificata, che in assenza di misure idonee di informazione e prevenzione, può rappresentare, a causa della sua diffusione, un autentica malattia sociale.

19 G. Serpelloni 2012 Gioco d azzardo INFORMALE E RICREATIVO Gioco d azzardo PROBLEMATICO Gioco d azzardo PATOLOGICO Definizioni Comportamento fisiologico con necessità di consapevolezza dei potenziali rischi Comportamento a rischio per la salute (fisica, mentale e sociale) con necessità di diagnosi precoce e di intervento Malattia neuro-psico-biologica con conseguenze sanitarie e sociali e necessità di diagnosi, cura e riabilitazione Caratteristiche Fruizione saltuaria Motivazione prevalente: Socializzazione Competizione Costi contenuti Aumento frequenza (periodica) Aumneto del «lavoro» per fruizione Aumento tempo di gioco Aumento costi dedicati Fruizione quotidiana o intensiva Con conseguenze negative sanitarie e sociali Craving Recidivante Andamento cronico Costi con debiti 19

20 Tipologie comportamnetali/cliniche di giocatori e fattori condizionanti: Blaszczynski Addiction 2001; 97, A pathways model of problem and pathological gambling 1. Giocatori condizionati nel comportamento: - fattori ecologici/ambientali 2. Giocatori vulnerabili sul piano emozionale: - fattori ecologici/ambientali - vulnerabilità emotiva - vulnerabiltà biologica 3. Giocatori con impulsività antisociale - fattori ecologici/ambientali - vulnerabilità emotiva - vulnerabilità biologica - tratti impulsivi 20

21 Giocatori condizionati nel comportamento 1 Fattori Ecologici Aumento accessibilità Aumento disponibilità Blaszczynski Addiction 2001; 97, A pathways model of problem and pathological gambling Classico Condizionamento Operante Eccitazione: Soggettiva Fisiologica Schemi cognitivi: Credenze irrazionali Illusione del controllo Assuefazione Schema di gioco abituale stabilito Ricerca Ricerca di vittorie, perdite Perdere più del previsto Problemi e GAP 21

22 Giocatori vulnerabili sul piano emozionale 2 Fattori Ecologici Aumento accessibilità Aumento disponibilità Classico Condizionamento Operante Eccitazione: Soggettiva Fisiologica Schemi cognitivi: Credenze irrazionali Illusione del controllo Assuefazione Schema di gioco abituale stabilito Vulnerabilità Emotiva Disturbi infantili Personalità: Assunzione di rischi Propensione alla noia Alterazione dell umore: Depressione Ansia Incapacità nella risoluzione dei problemi: Vita stressata Uso di sostanze Vulnerabilità Biologica Biochimica: Serotonina Noradrenalina Dopamina Corticale: EEG differenziali Ricerca Ricerca di vittorie, perdite Perdere più del previsto Problemi e GAP Blaszczynski Addiction 2001; 97, A pathways model of problem and pathological gambling 22

23 Giocatori con impulsività antisociale 3 Fattori Ecologici Aumento accessibilità Aumento disponibilità Classico Condizionamento Operante Eccitazione: Soggettiva Fisiologica Schemi cognitivi: Credenze irrazionali Illusione del controllo Assuefazione Schema di gioco abituale stabilito Vulnerabilità Emotiva Disturbi infantili Personalità: Assunzione di rischi Propensione alla noia Alterazione dell umore: Depressione Ansia Incapacità nella risoluzione dei problemi: Vita stressata Uso di sostanze Vulnerabilità Biologica Biochimica: Serotonina Noradrenalina Dopamina Corticale: EEG differenziali Tratti impulsivi Ricerca Ricerca di vittorie, perdite Perdere più del previsto Neurofisiologici: ADHD Impulsività Comportamenti antisociali Abuso di sostanze Problemi e GAP Blaszczynski Addiction 2001; 97, A pathways model of problem and pathological gambling 23

24 Fattori incrementanti la gravità clinica e tipologia di quadri clinici differenziati (G. Serpelloni 2013) Tipo I Fattori Ambientali/Sociali ( Ecologici) Iperstimolo da gioco Tipo II Fattori Individuali congeniti (stato di vulnerabilità) Deficit controllo prefrontale Deficit sistema dopaminenrgico Tipo III Fattori Psicopatologici correlati comorbilità psichiatrica Severity Index Risposta al trattamento?

25 Gambling problematico e Gambling patologico: evidenze scientifiche NEURO-FISIOPATOLOGIA G. Serpelloni

26

27 G. Serpelloni 2012 Basi neurobiologiche del G.A.P. PRINCIPALI SISTEMI NEUROBIOLOGICI coinvolti Amigdala estesa Corteccia prefrontale Nucleo acumbens Sistema oppioide 27

28

29 ESOGENICO ENDOGENICO Sistema Neuro-psicobiologico: bilanciamento attività del drive e del controller (G. Serpelloni 2012) - Attitudine - Credenze - Arousal - Self efficacy - Autostima - Locus of control - Motivazione SISTEMA COGNITIVO E MODELING CONTROLLER: Controllo Volontario Comportamenti - Controller del Drive emotivo - Decision Making (problem analysis and solving) - Attività di Coping - Arousal REWARD: Feel Good systems (regolazione ansia, depressione, noia, aggressività, euforia, ecc.) - Es: sistema endocannabinoide - Os: sistema Oppioide - Gs: sistema GABA Effetto acuto e «post» effetto FEEDBACK CRAVING Giro Cingulato Corteccia Prefrontale Corteccia Orbitofrontale MOTIVAZIONE (bilanciamento Drive Controller) CONTROLLER Corteccia Prefrontale (serotonina) TALAMO Es Os SISTEMA di REWARD N. Acumbens, Area Ventrale tegmentale (Dopamina) Gs MEMORIA Ippocampo Memorizzazione di: - Feedback di Risultato - Decisioni Logiche/volontarie - Magnitudo e durata della ricompensa correlata allo stimolo - Magnitudo (correlata allo stimolo) e durata dell effetto su ansia, depressione, noia e aggressività - Impulsi del Drive STIMOLI Visivo Uditivo Tattile Olfattivo Gustativo Ricordi (evocazioni di memoria) INPUT DRIVE Amigdala, Insula (noradrenalina) Sistema Emozionale - Impulsività - istintività Drive activation: - Ricordi (evocazioni autogeniche di memoria) Vedi anche: Impaired Response Inhibition and Salience Attribution Model. Goldstein & Volkow (2004)

30 G. Serpelloni 2012 REWARD : «Feel Good» systems Stress response and regulation of: Es Os REWARD SYSTEM N. Acumbens, Ventral tegmental area (Dopamine) Gs Ansia Depression Boredon Aggressiveness Euforia - Es: endocannabinoid system - Os: Oppioid system - Gs: GABA system Acute reward effect and «post» 30 effect (medium term remember)

31

32 G. Serpelloni 2012 Basi neurobiologiche del G.A.P.-1 Coinvolgimento dei sistemi di produzione, alterazione e rilascio Alti livelli di Noradrenalina (amigdala estesa) Bassi livelli di serotonina 5-HT post-stimolo (Potenza 2001, Caventini et al 2002) Alti livelli dopamina post stimolo (Champer, Potenza 2003) Bassi livelli oppiodi endogeni (B-endorfine) poststimolo Amigdala estesa Corteccia prefrontale Nucleo acumbens Sistema oppioide 32

33 G.A.P. Genetica molecolare Correlazioni importanti con vari geni Geni Alterazioni neurobiologiche Conseguenze SLC64A Gene trasportatore 5-HT D2A1 Allele Faq A1 Gene recettore Dopamina D2 DRD4 Gene recettore dopamina DRD1 Gene recettore dopamina D1 DRD2 DAT1 Gene trasportatore dopamina TPM Gene triptofano ADMA2C Gene recettore NMDA1 PS1 Gene PS1 Abbassamento attività serotoninergica Alterazione sistema dopaminergico Maggior presenza = Maggior gravità del GAP (Noble 2000) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Alterazioni sistema dopaminergico (Ibanez 2003) Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi Comportamenti impulsivi e compulsivi 33

34 G. Serpelloni 2012 Alterazioni strutturali e funzionali Alterazioni neurobiologiche + alterazioni cognitive PREFRONTALE dorso laterale SX SISTEMA LIMBICO CONTROLLER VOLONTARIO DEL COMPORTAMENTO Controllo Problem Analisys Coping DRIVE EMOTIVO Gratificazione Impulsività Aggressività Deficit PFC Iperattivittà COMPORAMENTO PATOLOGICO 34

35 Prevention Strategy and Policy Makers G.A.P. e comportamenti antisociali Disturbi comportamentali Comportamenti antisociali Gioco d Azzardo patologico Abuso di Alcol Uso di droghe Evidenza fenomenica Alterazioni neuropsicobiologiche prevalenti Sistema della Gratificazione Controllo prefrontale di comportamenti volontari G. Serpelloni 2012

36

37

38 Decision-making & neural network Integration OFC/VmPFC Cognition Emotion CgA DLPFC Striatum Motor circuits Insula Amygdala Adapted from Li et al, 2010

39 Motivational system PRIMARY MOTIVATION CIRCUITRY PREFRONTAL CORTEX (PfC) Chambers, Taylor & Potenza, Am J Psychiatry, 2003 Verona Addiction Conference, June 8, 2010 SENSORY-MOTOR ASSOCIATION CORTICES THALAMUS STRIATUM NUCLEUS ACCUMBENS (NAc) VENTRAL TEGMENTAL AREA (VTA) SUBSTANIA NIGRA RAPHAE CAUDATE- PUTAMEN HYPOTHALAMUS- SEPTUM AMYGDALA HIPPOCAMPUS SECONDARY MOTIVATION CIRCUITRY NEUROTRANSMISSION GLUTAMATE GABA DOPAMINE SEROTONIN CORTICO-STRIATAL-THALAMO-CORTICAL PATHWAY 39

40 GAMBLING EFFETTI PERCEPITI DAL GIOCATORE Giovanni Serpelloni 2015

41 PRINCIPALI EFFETTI PERCEPITI Giovanni Serpelloni 2015 GIOCO 1. Effetto GRATIFICANTE Componente dopaminergica EFFETTI PERCEPITI dal giocatore 4. Effetto SOMATICO VISCERALE Componente Sist. Nervoso autonomo 2. Effetto ECCITANTE tensione da gioco, aspettativa di vincita Componente adrenergica 3. Effetto INIBENTE i pensieri negativi (focalizzazione) Componente ansiolitica

42 PRINCIPALI EFFETTI PERCEPITI 1. Effetto GRATIFICANTE Componente dopaminergica Giovanni Serpelloni 2015

43 PRINCIPALI EFFETTI PERCEPITI 2. Effetto ECCITANTE tensione da gioco, aspettativa di vincita Componente adrenergica Giovanni Serpelloni 2015

44 PRINCIPALI EFFETTI PERCEPITI 3. Effetto INIBENTE i pensieri negativi (focalizzazione) Componente cognitiva Pensieri negativi Ansia Depressione Noia Giovanni Serpelloni 2015

45 PRINCIPALI EFFETTI PERCEPITI 4. Effetto SOMATICO VISCERALE Componente Sist. Nervoso autonomo Giovanni Serpelloni 2015

46 Gambling time and different reward response ( Clark, Lawrence, Astley-Jones, Gray, 2009) (G. Serpelloni 2012) REWARD MAGNITUDO (Dopamine level) Higth reward NORMAL SUBJECT WIN PHATOLOGICAL GAMBLER heightened activity in reward system Lower activation in reward related areas WIN PREFRONTAL CORTEX CONTROL LEVEL (PCC) Medium reward PCC ANTICIPATION (addictive stimulus) LOSE Low / no reward ANTICIPATION LOSE PCC Less activation of cognitive control areas GAP: more anticipation reward, less win reward NS: less anticipation reward, more win reward GAMBLING TIME 46

47 The addictive stimulus is in the anticipation 1 2 During expectation of winning After wins heightened activity in reward system Lower activation in reward related areas This imbalance in problem gamblers may lead to continued gambling 3 During the game Less activation of cognitive control areas

48 GAP: Minor soddisfazione da ricompensa/vincita (Perty e Casarella 1999) G.A.P. Dipendenza da sostanze Più rapida risoluzione della soddisfazione da ricompensa (rispetto alla popolazione non vulnerabile) Minor durata della soddisfazione derivata dalle ricompense Effetto gratificante post vincita GAP Picco e Risoluzione normale Risoluzione GAP tempo Ricerca di nuovi e ripetuti stimoli gratificanti nell immediato 48

49 Pathological Gambling: more reward response = more clinical severity HIGH REWARD nucleus striatus LOW REWARD > Dopamine Release > PAT. GAM. severity < Dopamine Release < PAT. GAM. severity 49

50 Van Holst RJ, 2010; Conversano, 2012 Principali alterazioni dei processi cognitivocomportamentali nel G.A.P Alterato processamento della ricompensa e/o punizione Aumento rilevanza sogg. degli stimoli da G.A., diminuzione per altri stimoli Maggior impulsività e compulsività Compromissione capacità di prendere decisioni Minore stima del rischio e della reale possibilità di vincita Condizionamento comportamentale verso il G.A. Craving selettivo verso G.A. Minor capacità di autocontrollo Continuazione del G.A. nonostante effetti avversi Credenze irrazionali 51

51 Sviluppo delle Sinapsi inibitorie prefrontali Maturazione corticale

52 Behavioral and Brain Changes in Adolescence: Tx Considerations Somerville et al., 2010

53 Recettori D1 e D2 e decisioni alterate dei soggetti durante le attività di gioco Alla PET I soggetti con GAP presentano densità inferiore dei recettori striatali D1 e D2 e mostrano: alterazioni delle funzioni cognitive di valutazione (sovrastima delle basse probabilità di vincita e sottostima delle alte probabilità di perdita) difficoltà di dare peso alle decisioni durante le attività di gioco. (Takahashi H; J Neurosci. 2010, Winstanley CA, Neuropsychopharmacology. 2011) 54

54 Gambling e neuroimaging

55 Cue reactivity (reazione allo stimolo) in problem gamblers Control group Ventral route, dorsal route, Limbic: striatum, hippocampus, amygdala More craving: higher activation in limbic areas Problem Gamblers Goudriaan, De Ruiter, Veltman, Oosterlaan, van den Brink, 2009 (Addiction Biology) Very important for gambling advertising 56

56 Error Monitoring Stop Signal Task Less Activation in response to errors Controls Smokers Problem Gamblers Significantly less activation dacc following errors in gamblers compared to normal controls (figures) Finding consistent with Potenza et al (2003) using Stroop Task comparing PG with NC De Ruiter, Oosterlaan, Veltman, van den Brink, Goudriaan, 2012, Drug Alc Dep 57

57 Guadagno monetario vs Perdita monetaria MANCATA ATTIVAZIONE Corteccia prefrontale VTD ATTIVAZIONE De Ruiter et al., 2009 Mancata attivazione della corteccia prefrontale ventrolaterale destra (VLPFC) sia in condizione di guadagno monetario che di perdita. Mancata attivazione della VLPFC destra durante la condizione di perdita monetaria nei soggetti fumatori. L area nel quadrato indica invece l iperattivazione dell insula anteriore destra nei fumatori durante il guadagno monetario rispetto al gruppo di controllo 58

58 Reward Probabilistic Reversal Learning Task Less activation Ventro lateral prefrontal cortex Controls Smokers Problem Gamblers Reward associated with activation Right VLPFC, Right Occipital/Parietal Cortex, Right Frontal Operculum, Bilateral Caudate Nuclues and Subthalamic Regions Significantly less activation of VLPFC in gamblers compared to controls (figures) Findings similar to studies by Reuter (2005) and Tanabe (2007) who found reduced activation in PG in the VMPFC, a structure incompletely covered in our study. Similar finding in OCD (Remijnse, 2006)! 59

59 Punishment Probabilistic Reversal Learning Task Loss Less activation Ventro lateral prefrontal cortex Controls Smokers Problem Gamblers Loss associated with activation Right Frontal Operculum, Insula en Subthalamic Region Significantly less activation VLPFC in smokers and gamblers compared to controls (figures)

60 Prevenzione: fattori condizionanti

61 G. Serpelloni 2012 Combinazione dei fattori in grado di produrre un addiction Vulnerabilità neurobiologica Alterazione del sistema di gratificazione Disponibilità e accessibilità Frequenza uso Intensità Bassa efficacia controllo prefrontale Alti comportamentali di ricerca/ specializzazione Individuo Stimolo Farmacologico o comportamentale Effetto gratificante Sostenibilità dei costi (risorse disponibili o recuperabili) Aumento del potenziale additivo Effetto inibente su ansia, pensieri negativi, depressione, noia Uso di sostanze o comportamenti additivi Relazioni familiari problematiche Criminalità GA correlata Contesto sociale Scarsa presenza di offerte attive di prevenzione Tollerante e promuovente il GA Alta % di soggetti consumatori Scarsità di regole e leggi di controllo e deterrenza, Alta pressione pubblicitaria 62

62 G. Serpelloni 2012 Esposizione sociale allo stimolo e sviluppo delle GAP 1. Esiste un legame tra disponibilità ambientale di G.A. e lo sviluppo di G.A.P. (Mitika 2001; Paternak e Fleming 1999; Sibbald 2001; Volberg 2000) 2. Apertura di Casinò (Ladouceur et al. 1999) Giocatori d Azzardo e apertura di casinò PRIMA 14% DOPO 60% 3. La presenza di «Tossine Ambientali» (contesti di G.A.) aumenta la probabilità di disturbi associati G.A.P. (Volberg 2002) 4. Le Zone con compresenza di luoghi di G.A. presentano tassi significativamente maggiori di persone che richiedono assistenza (Shaffer 2002) 63

63 G. Serpelloni 2012 Prevenzione selettiva (scuola famiglia): Early detection delle condizioni di vulnerabilità (6-12 aa) Comportamento a rischio Early intervention: Training riconoscimento preventivo situazioni di rischio Rinforzo delle funzioni di autocontrollo e coping Correzione delle distrosioni cognitive e delle false credenze sulle propabilità e abilità di vincita Orientamento delle azioni preventive sui fattori di rischio 1 2 Individuo Pubbliccizazione Programmi di supporto alla famiglia Ridurre fortemente la pubblicità generalizzata Azioni di Prevenzione 3 Contesto socioambientale Stimoli (giochi d azzardo) Leggi di controllo, deterrenza e contrasto gioco su minori Azioni di prevenzione ambientale permanenti Diminuire la disponibilità ambientale Diminuire l accessibilità soprattutto ai minori Avvertenze esplicite per i Farmaci specifici incentivanti il gambling Dotare le slotmachine di segnali di warnig Utilizzare carte prepagate controllabili e tracciabili Disapprovazione sociale esplicità sul gioco d azzardo Non utilizzare testimonial famosi e attrattivi per i giovani Publiccizzazione punti di supporto ed aiuto 64

64 G. Serpelloni

65 Raccomandazioni EVIDENZE STRATEGIE OBIETTIVI E AZIONI

66 RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED Relazione alla XII Commissione (affari Sociali) della Camera dei Deputati 4 aprile 2012

67 FOCAL POINTS Persone su cui concentrare l attenzione Pubblicità e marketing Prevenzione Cura e riabilitazione Organizzazione Internet

68 FOCAL POINTS Criminalità e gioco d azzardo patologico Osservazione e monitoraggio Sostenibilità

69

70 DALLE EVIDENZE SCIENTIFICHE ALLE STRATEGIE DI INTEVENTO

71

72

73 PAN- GAP Strategia generale: principi 1. GAP: malattia sociale 2. Persone vulnerabili 3. Gioco e intrattenimento 4. Sviluppo di consapevolezza e diagnosi precoce 5. Offerte e incentivo al gioco 6. Prevenzione dell usura 7. Legalità del gioco 8. Informazione ed avvertenze 9. Approccio bilanciato 10. Valutazione dell efficacia della prevenzione 11. Coordinamento nazionale

74 PAN GAP: Tipi di prevenzione prevista Universale Ambientale Selettiva

75 PAN - GAP: obiettivi 1. Realizzazione di Help Line telefoniche e di orientamento 2. Realizzare e diffondere Materiali Informativi 3. Regolamentare la Pubblicità PRO-gioco e l accesso ai giochi 4. Promuovere azioni di prevenzione su internet e social network 5. Diffondere Totem interattivi per test di autovalutazione del rischio e informazioni di base 6. Riorentare sportelli psicologici su GAP e attivare programmi di early detection 7. Attivare interventi per la prevenzione dell Usura 8. Prevenire le Ricadute 9. Diffondere Spot Radio e TV 10. Attivare percorsi di formazione specialistica 11. Realizzare studi e sistemi epidemiologici sul GAP 12. Attivare studi e ricerche sul GAP

76 PAN - GAP: obiettivi 13. Realizzazione studi e ricerche internazionali 14. Prevenire il ricorso al gioco illegale

77

78 Conclusioni Evidenze scientifiche Basi neuro-psico-biologiche (deficit PFC e sist. Reward) Indicazioni strategiche Approccio basato su neuroscienze e scienze del comportamento Malattia sociale Approccio di politica sanitaria Soggetti vulnerabili, geneticamente determinati Maturazione cerebrale e senilità: minor forza PFC Prevenzione selettiva (early detection) e ambientale Target principali: giovani e anziani

79 Conclusioni Evidenze scientifiche ipersensibilità agli stimoli pubblicitari delle persone vulnerabili Aumento dell offerta = aumento delle persone con GAP Indicazioni strategiche Riduzione dei messaggi pubblicitari (minor pressione e msg non ingannevoli) Riduzione dei punti di gioco, regolamentazione gioco OnLine Basi comuni delle varie forme di addiction Approccio terapeutico globale ed integrato Fasi della malattia e efficacia delle terapie Terapie cognitivocomportamentali

80 Grazie per l attenzione Giovanni Serpelloni M.D. Former Head Antidrugs Policy Department

Gambling. alle strategie di intervento. dalle evidenze scientifiche. Giovanni Serpelloni MD

Gambling. alle strategie di intervento. dalle evidenze scientifiche. Giovanni Serpelloni MD Gambling dalle evidenze scientifiche alle strategie di intervento Giovanni Serpelloni MD Giovanni Serpelloni M.D. Università di Firenze DSS - TF serpelloni@giovanniserpelloni.it GAP problema complesso

Dettagli

9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali

9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali 9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali Nel gioco d azzardo patologico sono stati descritti alcuni processi e condizioni caratteristiche che spiegano ulteriormente la patologia. Riassumendo quanto

Dettagli

2. Definizioni. I criteri che definiscono una malattia sono, nell ordine:

2. Definizioni. I criteri che definiscono una malattia sono, nell ordine: 2. Definizioni In considerazione della grande variabilità di linguaggio, anche per la presenza delle diverse discipline coinvolte nella discussione scientifica sul gioco d azzardo patologico (GAP), prima

Dettagli

8. Neuro-fisio-patologia e principi di eziopatogenesi

8. Neuro-fisio-patologia e principi di eziopatogenesi 8. Neuro-fisio-patologia e principi di eziopatogenesi Per comprendere correttamente il fenomeno del gioco d azzardo patologico è fondamentale ed irrinunciabile affrontare e chiarire le basi neurofisiologiche

Dettagli

NEUROSCIENZE E DIPENDENZE MECCANISMI D AZIONE DELLE SOSTANZE D ABUSO

NEUROSCIENZE E DIPENDENZE MECCANISMI D AZIONE DELLE SOSTANZE D ABUSO NEUROSCIENZE E DIPENDENZE MECCANISMI D AZIONE DELLE SOSTANZE D ABUSO Introduzione Studi recenti hanno messo in evidenza come le sostanze più abusate sono uguali a quelle dei decenni passati: CAFFEINA NICOTINA

Dettagli

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus I messaggi che ci arrivano Che cos è il gambling patologico È una dipendenza comportamentale ( dipendenza

Dettagli

STRATEGIE DI DIAGNOSI, SCREENING E COUNSELING DELLA DIPENDENZA ALCOLICA NELLA MEDICINA DI FAMIGLIA

STRATEGIE DI DIAGNOSI, SCREENING E COUNSELING DELLA DIPENDENZA ALCOLICA NELLA MEDICINA DI FAMIGLIA STRATEGIE DI DIAGNOSI, SCREENING E COUNSELING DELLA DIPENDENZA ALCOLICA NELLA MEDICINA DI FAMIGLIA Antonio MIGHELI Centro Reg. Malattie Prioniche DOMP ASL TO2 MMG ASL TO5 PROBLEMATICHE DELLE PATOLOGIE

Dettagli

Il Gioco d'azzardo. -dott. Lorenzo Savignano- Il Gioco d Azzardo. Aspetti di Neuroscienze

Il Gioco d'azzardo. -dott. Lorenzo Savignano- Il Gioco d Azzardo. Aspetti di Neuroscienze Il Gioco d Azzardo Aspetti di Neuroscienze Dott. Lorenzo Savignano Neuropsichiatra Infantile, SerT ASL Avellino Avellino, 18 Aprile 2015 Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-5) Il

Dettagli

Estratto del Progetto G A P

Estratto del Progetto G A P Estratto del Progetto G A P Progetto nazionale per l attivazione di strategie e per lo studio e la preparazione di linee di indirizzo tecnico-scientifiche, coordinate e finalizzate alla prevenzione, alla

Dettagli

3. Epidemiologia. 60.418.711 Popolazione totale. 54% Giocatori d azzardo 18-74 anni (almeno una volta ultimi 12 mesi) N. 23.894.

3. Epidemiologia. 60.418.711 Popolazione totale. 54% Giocatori d azzardo 18-74 anni (almeno una volta ultimi 12 mesi) N. 23.894. 3. Epidemiologia La dimensione del fenomeno in Italia è difficilmente stimabile in quanto, ad oggi, non esistono studi accreditati, esaustivi e validamente rappresentativi del fenomeno. La popolazione

Dettagli

10. Principi di prevenzione

10. Principi di prevenzione 10. Principi di prevenzione Anche per questa patologia, la prevenzione rappresenta l azione principale per evitare e ridurre i rischi e i danni alla salute correlati al gioco d azzardo. Prima di tutto,

Dettagli

Disturbo del controllo degli impulsi

Disturbo del controllo degli impulsi Disturbo del controllo degli impulsi La caratteristica fondamentale del Disturbo del Controllo degli Impulsi è l incapacità di resistere ad un impulso, un desiderio impellente o alla tentazione di compiere

Dettagli

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10)

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Clordiazepossido / LIBRIUM 50 mg p.os ogni 6 ore il 1 giorno, poi 25 mg ogni 6 ore il 2 e 3 giorno Diazepam / VALIUM 10 mg p.os o i.v. ogni 6 ore

Dettagli

La clinica del Gioco d azzardo patologico nei Dipartimenti per le Dipendenze

La clinica del Gioco d azzardo patologico nei Dipartimenti per le Dipendenze La clinica del Gioco d azzardo patologico nei Dipartimenti per le Dipendenze Giuseppe Zanda (Lucca) Convegno Giocare per vivere o vivere per giocare Torino, 21 novembre 2006 Argomenti Definizione di gioco

Dettagli

DIPENDENZE. Sex, drug (food) and rock n roll. -Droga -Affetti -Sesso -Gioco -Lavoro -Sport -Acquisti compulsivi -Internet, Computer, TV -Cibo

DIPENDENZE. Sex, drug (food) and rock n roll. -Droga -Affetti -Sesso -Gioco -Lavoro -Sport -Acquisti compulsivi -Internet, Computer, TV -Cibo FOOD ADDICTION Roberto Gradini -Dipartimento di Medicina Sperimentale, Università Sapienza, Roma -Dipartimento di Neurofarmacologia, Istituto Neuromed, Pozzilli -Master in Psiconeuroimmunologia, Università

Dettagli

NEUROSCIENZE CLINICHE COCAINA: CONSEGUENZE SULLE FUNZIONI CEREBRALI E SUL COMPORTAMENTO

NEUROSCIENZE CLINICHE COCAINA: CONSEGUENZE SULLE FUNZIONI CEREBRALI E SUL COMPORTAMENTO NEUROSCIENZE CLINICHE COCAINA: CONSEGUENZE SULLE FUNZIONI CEREBRALI E SUL COMPORTAMENTO ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Prof.ssa Barbara De Marchi Meccanismi d azione della cocaina! La cocaina agisce su re-uptake

Dettagli

Tecniche di. Outreach. per i giocatori d azzardo. G. Serpelloni

Tecniche di. Outreach. per i giocatori d azzardo. G. Serpelloni Tecniche di Outreach per i giocatori d azzardo G. Serpelloni PREMESSA Outreach Il tema dell outreach è stato valutato come l area più importante della ricerca nel prossimo futuro, in tema di gioco d azzardo

Dettagli

http://www.psicoclinica.it

http://www.psicoclinica.it Correlati neurobiologici delle nuove dipendenze: Le New addiction (dipendenze da internet, gioco d azzardo, sesso, sport, shopping compulsivo) costituiscono un insieme eterogeneo di disturbi che condividono

Dettagli

D AZZARDO I NUMERI DI UN DRAMMA

D AZZARDO I NUMERI DI UN DRAMMA G I O C O D AZZARDO I NUMERI DI UN DRAMMA La diffusione del gioco d azzardo nel nostro Paese è un fenomeno sempre più diffuso e preoccupante, dalle rilevantissime conseguenze sul piano economico, sociale

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

Neuroscienze e diagnostica

Neuroscienze e diagnostica e diagnostica Sta diventando sempre più evidente che il concetto di plasticità cerebrale e sinaptica sia alla base della possibilità dell individuo di cambiare e quindi di diventare non solo quello per

Dettagli

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra Le Dipendenze Patologiche Dott. Vincenzo Balestra C è dipendenza e dipendenza L essere umano, per sua natura, è dipendente Esiste, pertanto, una dipendenza che è naturale, fisiologica Quando la dipendenza

Dettagli

PATHOLOGICAL GAMBLING

PATHOLOGICAL GAMBLING PATHOLOGICAL GAMBLING Quando l azzardo non è un gioco GIOCO D AZZARDOà rischiare denaro o oggetti di valore sulla base di eventi controllati, almeno in parte, dal caso. Sfidare la sorte è un attività ludica

Dettagli

Uso, abuso e dipendenza da sostanze

Uso, abuso e dipendenza da sostanze Uso, abuso e dipendenza da sostanze Dipartimento Patologia delle Dipendenze ASL AL Dr. Luigi Bartoletti Paradigma di una malattia Patologia primaria Propria eziologia e fisiopatologia Presenza di sintomi

Dettagli

Il Piano sanitario regionale per la prevenzione : opportunità per migliorare la qualità della vita ed il sistema salute

Il Piano sanitario regionale per la prevenzione : opportunità per migliorare la qualità della vita ed il sistema salute Il Piano sanitario regionale per la prevenzione : opportunità per migliorare la qualità della vita ed il sistema salute PREVENIRE LE DIPENDENZE DA SOSTANTE DI ABUSO «Comprendere il fenomeno per sensibilizzare

Dettagli

Dipendenze e Sostanze d Abusod

Dipendenze e Sostanze d Abusod Dipendenze e Sostanze d Abusod L uso precoce delle droghe è un fattore di rischio che aumenta la possibilità di sviluppare la dipendenza Eta di soggetti umani sani 5 20 QuickTime and a decompressor are

Dettagli

Giuliano Vettorato INTRODUZIONE ALLA PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA

Giuliano Vettorato INTRODUZIONE ALLA PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA Giuliano Vettorato Eb1221 INTRODUZIONE ALLA PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA CAP I Approccio globale al problema (modello sistemico) Fattori sociali Fattori psicologici Fattori psicopatologici Sistema

Dettagli

BASI NEUROBIOLOGICHE DELLA DIPENDENZA DA EROINA

BASI NEUROBIOLOGICHE DELLA DIPENDENZA DA EROINA Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice 1 BASI NEUROBIOLOGICHE DELLA DIPENDENZA DA EROINA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 2 La eroinopatia o dipendenza da eroina secondo l OMS è una patologia

Dettagli

Guida e Dipendenze. Corso universitario di Educazione Stradale Luiss 15 novembre 2010

Guida e Dipendenze. Corso universitario di Educazione Stradale Luiss 15 novembre 2010 Guida e Dipendenze Corso universitario di Educazione Stradale Luiss 15 novembre 2010 Grazie agli studi neurologici oggi è possibile osservare anche i meccanismi di funzionamento del cervello Maturazione

Dettagli

LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE

LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE Pesaro, 14 ottobre 2005 LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE Marco Saettoni Università di Pisa Dipartimento di Psichiatria, FNB Scuola di Psicoterapia Cognitiva Grosseto PROGRAMMA Premesse generali:

Dettagli

Dipendenza da sostanze. a cura di G Forza (Ser.T Padova) e M Morari (Università di Ferrara)

Dipendenza da sostanze. a cura di G Forza (Ser.T Padova) e M Morari (Università di Ferrara) Dipendenza da sostanze a cura di G Forza (Ser.T Padova) e M Morari (Università di Ferrara) Classi di sostanze 1. Alcol 2. Allucinogeni 3. Amfetamine 4. Caffeina 5. Cannabis 6. Cocaina 7. Fenciclidina 8.

Dettagli

Progetto. NeuroGAP. Ente Gestore (Centro Collaborativo DPA) Istituto di Neuroscienze (Sede operativa di Cagliari)

Progetto. NeuroGAP. Ente Gestore (Centro Collaborativo DPA) Istituto di Neuroscienze (Sede operativa di Cagliari) Progetto NeuroGAP Progetto per la creazione di una rete nazionale e istituzionale di ricerca sul gioco d azzardo patologico e per l attivazione e la promozione di studi sul gioco d azzardo nell ambito

Dettagli

LE DIPENDENZE Tra clinica e neurobiologia, alla ricerca di un integrazione

LE DIPENDENZE Tra clinica e neurobiologia, alla ricerca di un integrazione LE DIPENDENZE Tra clinica e neurobiologia, alla ricerca di un integrazione PSICOTERAPIA E PSICOFARMACI 1 IV ANNO 2013 IRPPI 2 febbraio Stefano Martellotti 1 DEFINIZIONE DIPENDENZA DIPENDENZA Una modalità

Dettagli

L azione delle droghe sul cervello

L azione delle droghe sul cervello Aspettando le Olimpiadi delle Neuroscienze Trento 16 gennaio 2012 in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento L azione delle droghe sul cervello Yuri Bozzi, PhD Laboratorio di Neuropatologia

Dettagli

ADHD in tarda adolescenza Età adulta

ADHD in tarda adolescenza Età adulta ADHD in tarda adolescenza Età adulta Sintomi residui (e strategie di compenso): a)difficoltà di auto-organizazione, definizione di priorità, iniziare le attività nei tempi adeguati ( procrastinare ) b)

Dettagli

Alcol: storia, effetti e meccanismi d'azione

Alcol: storia, effetti e meccanismi d'azione Alcol: storia, effetti e meccanismi d'azione L'alcol, più propriamente l'alcol etilico o etanolo, ha un effetto bifasico. A dosi molto basse induce risposte euforizzanti che corrispondono all'attivazione

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PUO NON ESSERE PATOLOGICO. DIVENTA PATOLOGICO QUANDO CREA DIPENDENZA NEL SOGGETTO E PROCURA SOFFERENZA INDICE DI PATOLOGIA STA NEL FATTO

Dettagli

DALLA DIAGNOSI AL TRATTAMENTO

DALLA DIAGNOSI AL TRATTAMENTO DALLA DIAGNOSI AL TRATTAMENTO Classificazione Blaszczynski (1991, 2000) Tre tipologie giocatori Giocatori patologici non patologici Giocatori emotivamente disturbati Giocatori con correlati biologici Tratto

Dettagli

Farmacodipendenza. Addiction

Farmacodipendenza. Addiction Farmacodipendenza Ricerca compulsiva di una sostanza per ottenere uno stato di piacere /euforia o per alleviare uno stato di sofferenza, nonostante vi siano gravi conseguenze sociali o per la salute Addiction

Dettagli

PIANO D AZIONE NAZIONALE G.A.P 2013-2015 Area Prevenzione

PIANO D AZIONE NAZIONALE G.A.P 2013-2015 Area Prevenzione 1 PIANO D AZIONE NAZIONALE G.A.P 2013-2015 Area Prevenzione Su proposta e supervisione tecnico-scientifica del Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri; Sottoposto ai

Dettagli

Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri

Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri E noto che la principale comorbidità dell abuso/dipendenza di qualsiasi sostanza è un altro abuso/dipendenza da sostanze di una

Dettagli

12. Diagnosi e valutazione

12. Diagnosi e valutazione 12. Diagnosi e valutazione L aspetto diagnostico riveste una particolare importanza in questa patologia, non solo per gli aspetti primari, cioè quelli relativi al gioco d azzardo e al suo indice di gravità,

Dettagli

Aspetti neurobiologici delle nuove dipendenze

Aspetti neurobiologici delle nuove dipendenze Aspetti neurobiologici delle nuove dipendenze ALICE MULÈ Unità Operativa di Psichiatria, Dipartimento di Neurologia e Psichiatria, Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico A.O.U.P. P. Giaccone RIASSUNTO

Dettagli

DEFICIT D ATTENZIONE E IPERATTIVITA. ADHD o DDA/I

DEFICIT D ATTENZIONE E IPERATTIVITA. ADHD o DDA/I DEFICIT D ATTENZIONE E IPERATTIVITA ADHD o DDA/I *COSA E? *Disturbo del comportamento caratterizzato da inattenzione, impulsività e iperattività motoria *Ha un esordio precoce *È più frequente nei maschi

Dettagli

GAMBLING. Manuale per i Dipartimenti delle Dipendenze. Giovanni Serpelloni. Progetto GAP

GAMBLING. Manuale per i Dipartimenti delle Dipendenze. Giovanni Serpelloni. Progetto GAP GAMBLING Gioco d azzardo problematico e patologico: inquadramento generale, meccanismi fisio-patologici, vulnerabilità, evidenze scientifiche per la prevenzione, cura e riabilitazione Manuale per i Dipartimenti

Dettagli

Disturbo del controllo degli impulsi

Disturbo del controllo degli impulsi Disturbo del controllo degli impulsi La caratteristica fondamentale del Disturbo del Controllo degli Impulsi è l incapacità di resistere ad un impulso, un desiderio impellente o alla tentazione di compiere

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

BASI PSICO-BIOLOGICHE DELLE FUNZIONI CEREBRALI SUPERIORI

BASI PSICO-BIOLOGICHE DELLE FUNZIONI CEREBRALI SUPERIORI BASI PSICO-BIOLOGICHE DELLE FUNZIONI CEREBRALI SUPERIORI Walter Adriani & Giovanni Laviola Reparto di Neuroscienze Comportamentali, Dipartimento di Biologia Cellulare e Neuroscienze, Istituto Superiore

Dettagli

ASL RM/G. Convegno sulle Tossicodipendenze Riduzione del Danno e non solo

ASL RM/G. Convegno sulle Tossicodipendenze Riduzione del Danno e non solo ASL RM/G UOSD SER.T TIVOLI-GUIDONIA Direttore Dott. Massimo Persia Convegno sulle Tossicodipendenze Riduzione del Danno e non solo Futuro dei Ser.t Prossime Sfide Vittoria Terme Hotel (Tivoli Terme Roma),

Dettagli

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder 1 1. COS E ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder E Un disturbo evolutivo dell autoregolazione del comportamento che si manifesta soprattutto con difficoltà di mantenimento dell attenzione, gestione

Dettagli

Prevenzione dell uso di droghe e dell abuso di alcol

Prevenzione dell uso di droghe e dell abuso di alcol Protocollo di intesa Prevenzione dell uso di droghe e dell abuso di alcol Promuovere e realizzare attività finalizzate a prevenire il consumo di sostanze stupefacenti, l abuso alcolico e il gioco d azzardo

Dettagli

30/03/2012 DIPENDENZE PATOLOGICHE IL SISTEMA FAMIGLIA. Anni 80: emergenza eroina LE DIPENDENZE PATOLOGICHE. Anni 90: le politossicodipendenze

30/03/2012 DIPENDENZE PATOLOGICHE IL SISTEMA FAMIGLIA. Anni 80: emergenza eroina LE DIPENDENZE PATOLOGICHE. Anni 90: le politossicodipendenze LE DIPENDENZE PATOLOGICHE IL SISTEMA FAMIGLIA E LE DIPENDENZE PATOLOGICHE Anni 8: emergenza eroina Anni 9: le politossicodipendenze CONVEGNO: FAMIGLIA E MALATTIA 9 MARZO 212 Garbagnate Milanese Terzo millennio:

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO OSSESSIVO- COMPULSIVO Prof.ssa Lorettu DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO Caratteristica essenziale di questo disturbo

Dettagli

GAP E ALCOLISMO CONVEGNO TEMATICO NAZIONALE 2015. Interventi di accoglienza e cura, strategie innovative

GAP E ALCOLISMO CONVEGNO TEMATICO NAZIONALE 2015. Interventi di accoglienza e cura, strategie innovative + CONVEGNO TEMATICO NAZIONALE 2015 Ezio Manzato Membro Direttivo Nazionale di FeDerSerD (Federazione Italiana degli Operatori dei Dipartimenti e dei Servizi delle Dipendenze) Interventi di accoglienza

Dettagli

servizi per le dipendenze PROGETTO COCAINA Corso di aggiornamento 2009 per medici, farmacisti ed operatori sociosanitari BELLINZONA

servizi per le dipendenze PROGETTO COCAINA Corso di aggiornamento 2009 per medici, farmacisti ed operatori sociosanitari BELLINZONA Corso di aggiornamento 2009 per medici, farmacisti ed operatori sociosanitari BELLINZONA Mercoledì 28 ottobre 2009 1 Criteri per la descrizione dei diversi profili di consumatori Cocaina CARATTERISTICHE

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

CONCENTRAZIONE E MEDITAZIONE

CONCENTRAZIONE E MEDITAZIONE CONCENTRAZIONE E MEDITAZIONE Dr. Rachele Nanni - Psicoterapeuta, Neuropsicologa MINDFULNESS MEDITAZIONE COME PRATICA DI CONSAPEVOLEZZA Con il termine meditazione intendo qui un insieme di tecniche atte

Dettagli

IL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO NELLE DIPENDENZE COMPORTAMENTALI IN COMORBILITÁ CON L ABUSO DI SOSTANZE

IL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO NELLE DIPENDENZE COMPORTAMENTALI IN COMORBILITÁ CON L ABUSO DI SOSTANZE IL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO NELLE DIPENDENZE COMPORTAMENTALI IN COMORBILITÁ CON L ABUSO DI SOSTANZE Giuseppe ZANDA (Lucca) www.psichiatragiuseppezanda.com Viterbo, 16-17 novembre 2012 Premessa 2 In questa

Dettagli

Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina

Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina Cristiano Chiamulera Professore Associato di Farmacologia Sezione di Farmacologia Dipartimento

Dettagli

Psicologia e Psicopatologia delle dipendenze

Psicologia e Psicopatologia delle dipendenze PROGETT0 REGIONALE PREVENZIONE DELL'USO DI ALCOOL, FUMO E DELLE NUOVE DIPENDENZE PATOLOGICHE (D.D. 2381/30.12.2013) GENERAZIONE IN-DIPENDENTE Responsabile scientifico Prof.ssa Carla Cannizzaro Psicologia

Dettagli

Sezione 9 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO

Sezione 9 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO Sezione 9 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 2.9.1 Neuroimaging del gioco d azzardo patologico: anomalie cerebrali e alterazioni dei meccanismi neuropsicologici Elisa Bellamoli 1, Giada Zoccatelli 2, Franco Alessandrini

Dettagli

ADHD e NEUROIMAGING: aspetti epistemologici e implicazioni psico-pedagogiche. Marta Sporchia Corso di Laurea in Scienze Pedagogiche A.A.

ADHD e NEUROIMAGING: aspetti epistemologici e implicazioni psico-pedagogiche. Marta Sporchia Corso di Laurea in Scienze Pedagogiche A.A. ADHD e NEUROIMAGING: aspetti epistemologici e implicazioni psico-pedagogiche Marta Sporchia Corso di Laurea in Scienze Pedagogiche A.A. 2012-2013 OBIETTIVO Discussione di alcuni PROBLEMI EPISTEMOLOGICI

Dettagli

14. Principi di cura, riabilitazione e Livelli Essenziali di Assistenza (LEA)

14. Principi di cura, riabilitazione e Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) 14. Principi di cura, riabilitazione e Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) Nell approcciare la cura e la riabilitazione di questi pazienti, è necessario tenere in considerazione che gli interventi,

Dettagli

L approccio alla diagnosi dei disturbi del neurosviluppo. D.ssa Francesca Ragazzo Direttore SC di NPI ASL CN1 -Cuneo

L approccio alla diagnosi dei disturbi del neurosviluppo. D.ssa Francesca Ragazzo Direttore SC di NPI ASL CN1 -Cuneo L approccio alla diagnosi dei disturbi del neurosviluppo D.ssa Francesca Ragazzo Direttore SC di NPI ASL CN1 -Cuneo Fare diagnosi Necessità di porre delle etichette diagnostiche (codificare) Somministriamo

Dettagli

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Elsa Marcaccini Psicologa psicoterapeuta Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Intervento presentato al Convegno «A che gioco giochiamo», organizzato dal Forum del Volontariato,

Dettagli

Il gioco patologico: il fenomeno, la diffusione, la cura

Il gioco patologico: il fenomeno, la diffusione, la cura Il gioco patologico: il fenomeno, la diffusione, la cura Luciana Monte, Marzia Spagnolo, Pippo Dipartimento Patologia delle dipendenze ASL TO 3 Servizio Spazio Altrove Disturbo da gioco d'azzardo DSM

Dettagli

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Piano di Zona 2011/2015- Area Dipendenze Priorità Politica Azione Difficoltà delle persone con problematiche di gioco d azzardo

Dettagli

I FATTORI DI RISCHIO COMPORTAMENTALI NELL AREA METROPOLITANA DI BOLOGNA

I FATTORI DI RISCHIO COMPORTAMENTALI NELL AREA METROPOLITANA DI BOLOGNA I FATTORI DI RISCHIO COMPORTAMENTALI NELL AREA METROPOLITANA DI BOLOGNA Alcool, Tabacco, Sostanze illegali Gioco d azzardo, Internet addiction Raimondo Pavarin Osservatorio Epidemiologico metropolitano

Dettagli

dott. FABIO CAPUTO Dirigente Medico di I Livello - U.O. Medicina Interna Ospedale SS. Annunziata - Cento (Ferrara)

dott. FABIO CAPUTO Dirigente Medico di I Livello - U.O. Medicina Interna Ospedale SS. Annunziata - Cento (Ferrara) IL TRATTAMENTO MEDICO-FARMACOLOGICO dott. FABIO CAPUTO Dirigente Medico di I Livello - U.O. Medicina Interna Ospedale SS. Annunziata - Cento (Ferrara) Consulente del Centro per lo Studio ed il Trattamento

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Segni Chiara Sgherbini LA PERCEZIONE ARMONICA ISBN copyright 2011, Caosfera Edizioni www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Chiara Sgherbini

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

Gioco d'azzardo patologico

Gioco d'azzardo patologico Gioco d'azzardo patologico Massimiliano Pomponi Introduzione I disturbi da gioco d'azzardo (gambling disorders), in cui rientrano il gioco d'azzardo patologico e il gioco d'azzardo problematico, hanno

Dettagli

Quando giocare diventa un problema: alcune riflessioni per capire il fenomeno e condividere strategie di intervento

Quando giocare diventa un problema: alcune riflessioni per capire il fenomeno e condividere strategie di intervento QUANDO IL GIOCO SI FA DURO. Quando giocare diventa un problema: alcune riflessioni per capire il fenomeno e condividere strategie di intervento San Pellegrino Terme 16 ottobre 2013 GIOCO D AZZARDO: DEFINIRE

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

Analisi del contesto sociale di sviluppo. i servizi contro le dipendenze

Analisi del contesto sociale di sviluppo. i servizi contro le dipendenze Analisi del contesto sociale di sviluppo delle ludopatie e i servizi contro le dipendenze Quanto si gioca in Italia? (tempo e denaro) Rispetto al dato del 2004, nel 2012 la raccolta totale derivante dal

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

IL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO E DELLA COMORBIDITA PSICHIATRICA

IL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO E DELLA COMORBIDITA PSICHIATRICA IL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO E DELLA COMORBIDITA PSICHIATRICA Dr. Bernardo Spazzapan Dip. Dipendenze Gorizia Torino, 21 settembre 2006 DISTURBI DEL CONTROLLO DEGLI IMPULSI

Dettagli

Il processo diagnostico: aree di valutazione

Il processo diagnostico: aree di valutazione Il processo diagnostico: aree di valutazione Daniela Capitanucci, Psicologa Psicoterapeuta Associazione AND-Azzardo e Nuove Dipendenze ALEA-Associazione per lo Studio del Gioco d Azzardo e dei Comportamenti

Dettagli

DROGHE E CONDOTTE AUTOLESIVE IN ETÀ ADOLESCENZIALE

DROGHE E CONDOTTE AUTOLESIVE IN ETÀ ADOLESCENZIALE XLV CONGRESSO NAZIONALE SOCIETA' ITALIANA DI PSICHIATRIA LA PSICHIATRIA MODERNA ED IL "MONDO REALE" Bullismo, antisocialità e condotte autolesive Il ruolo dei servizi e della scuola nella crisi adolescenziale

Dettagli

Proposta per l attivazione di un network tra i Comuni Italiani

Proposta per l attivazione di un network tra i Comuni Italiani Consorzio Etico per la prevenzione dell uso di droghe e dell abuso alcolico Proposta per l attivazione di un network tra i Comuni Italiani Giovanni Serpelloni M.D. Dipartimento Politiche Antidroga, Presidenza

Dettagli

CT LORUSSO CIPPAROLI PROGETTO TAKE YOUR TIME INTRODUZIONE

CT LORUSSO CIPPAROLI PROGETTO TAKE YOUR TIME INTRODUZIONE INTRODUZIONE Le trasformazioni storico culturali che caratterizzano l evoluzione sociale producono effetti in ogni aspetto della società, organizzativo, giuridico, economico, esistenziale, di costume,

Dettagli

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Formazione sul GAP ed indirizzi regionali Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Direzione Generale per la Tutela della Salute U.O.D. «Interventi sociosanitari» 1 NORMATIVA STATALE

Dettagli

EFFETTI DELLA CANAPA DA UN PUNTO DI VISTA PSICHIATRICO

EFFETTI DELLA CANAPA DA UN PUNTO DI VISTA PSICHIATRICO EFFETTI DELLA CANAPA DA UN PUNTO DI VISTA PSICHIATRICO raffaella ada colombo Mese delle dipendenze Locarno- Lugano 20-27.11.2014 UTAH ADDICTION CENTER UNIVERSITY OF UTAH Barbara Sullivan Vie cerebrali

Dettagli

II dolore nel paziente con demenza: aspetti fisiopatologici. Dr ssa Michela Marcon CDC Neurologia Sabato 20 settembre 2014

II dolore nel paziente con demenza: aspetti fisiopatologici. Dr ssa Michela Marcon CDC Neurologia Sabato 20 settembre 2014 II dolore nel paziente con demenza: aspetti fisiopatologici Dr ssa Michela Marcon CDC Neurologia Sabato 20 settembre 2014 Secondo l International Association for the Study of Pain: Il dolore è un esperienza

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

La depressione. A cura di Roberta Longo

La depressione. A cura di Roberta Longo La depressione A cura di Roberta Longo Etimologicamente, il termine depressione proviene dal latino depressio, che indica uno stato di abbattimento o infossamento. In relazione ai disturbi dell umore,

Dettagli

RICERCHE PROMOSSE DAL DNPA Ufficio per il Monitoraggio - Servizio Osservatorio, 2005

RICERCHE PROMOSSE DAL DNPA Ufficio per il Monitoraggio - Servizio Osservatorio, 2005 RICERCHE PROMOSSE DAL DNPA Ufficio per il Monitoraggio - Servizio Osservatorio, 2005 Indagine multicentrica sulle realtà terapeutico-assistenziali per soggetti affetti da comorbilità tra disturbi da uso

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

INTERNET ADDICTION DISORDER: ASPETTI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI. Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione - UniCal

INTERNET ADDICTION DISORDER: ASPETTI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI. Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione - UniCal INTERNET ADDICTION DISORDER: ASPETTI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione - UniCal Sommario Presentazione del problema Criteri diagnostici Conseguenze

Dettagli

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche Silvia Gallozzi Indicazioni operative specificate nella Determina Regionale B 02807/2013

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

INDICE. 1. Introduzione 4. 2. La prevenzione 5 - Uso di sostanze e percorso evolutivo 6

INDICE. 1. Introduzione 4. 2. La prevenzione 5 - Uso di sostanze e percorso evolutivo 6 A cura di Giovanni Serpelloni: Dipartimento Politiche Antidroga, Presidenza Consiglio dei Ministri Franco Alessandrini: Unità Neuroradiologia, AOUI Borgo Trento, Verona Claudia Rimondo: Sistema Nazionale

Dettagli

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate Il progetto di legge regionale

Dettagli

LA DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI. Savona 10/11/12 DEPRESSIONE E DIPENDENZE DA SOSTANZE

LA DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI. Savona 10/11/12 DEPRESSIONE E DIPENDENZE DA SOSTANZE LA DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI Savona 10/11/12 DEPRESSIONE E DIPENDENZE DA SOSTANZE Dr.Franco Badii Responsabile Struttura Semplice Abuso e Dipendenza da sostanze illegali S.C.Area Dipendenze Ser.T.

Dettagli

DIPARTIMENTO DIPENDENZE

DIPARTIMENTO DIPENDENZE DIPARTIMENTO DIPENDENZE PIANO DI INTERVENTO TERRITORIALE SUL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 2014 (Misura 1- DGR n.856/2013 Sensibilizzazione e informazione della popolazione) PREMESSA Il presente Piano recepisce

Dettagli

Che cos è l addiction?

Che cos è l addiction? Che cos è l addiction? C è un dibattito sul tema? Perchè è importante? Quali sono le diverse posizioni? Quali sono le implicazioni? Il mio punto di vista Ciò che noi pensiamo dell addiction è più importante

Dettagli

Direzione: Italian Journal on Addiction. Comitato Tecnico Scientifico: Segreteria di Redazione: Direzione e Redazione: Comunicazione Istituzionale:

Direzione: Italian Journal on Addiction. Comitato Tecnico Scientifico: Segreteria di Redazione: Direzione e Redazione: Comunicazione Istituzionale: Italian Journal on Addiction Rivista Bimestrale online sulle dipendenze Volume 2, Numero 3-4, 2012 Tribunale di Roma - Registro n. 173/2011 del 26/05/2011 ISSN 2239-5652 L Italian Journal on Addiction

Dettagli