Schemi di diritto commerciale da Manuale di diritto comm.le di Campobasso A. Cervesato PARTE PRIMA L IMPRENDITORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schemi di diritto commerciale da Manuale di diritto comm.le di Campobasso A. Cervesato PARTE PRIMA L IMPRENDITORE"

Transcript

1 < Schemi di diritto commerciale da Manuale di diritto comm.le di Campobasso A. Cervesato DIRITTO COMMERCIALE PARTE PRIMA L IMPRENDITORE Capitolo 1. L imprenditore Art. 2082: È imprenditore chi esercita professionalmente una attività economica organizzata al fine della produzione e dello scambio di beni o di servizi. La definizione distingue tra chi è soggetto alla tutela dell imprenditore e chi no (lavoratore autonomo) La definizione prevede vari requisiti:» ATTIVITÀ = serie di atti finalizzati allo scopo della produzione di beni o di servizi. Essa è l oggetto dell impresa. < Economica = deve esserci la creazione di nuova ricchezza mero godimento. NB. L attività illecita dà la qualità di imprenditore ma da essa derivano solo effetti favorevoli ai terzi e non tutelano l imprenditore illecito (es. no contrabbandiere dal giudice vs terzi).» ORGANIZZAZIONE = impiego coordinato di fattori produttivi quali il capitale e il lavoro. In teoria può essere imprenditore anche chi non utilizza lavoro di terzi o chi non crea un apparato aziendale materiale (es. impiego mezzi finanziari) --> solitamente chi organizza solo il proprio lavoro e capitale è considerato lavoratore autonomo. Oltre l autoorganizzazione si è imprenditori» ECONOMICITÀ = attività sia condotta con metodo economico = con modalità che tendono al pareggio di costi e ricavi Si può essere imprenditori anche senza scopo di lucro (es. imprese pubbliche e mutualistiche)» PROFESSIONALITÀ = esercizio abituale e non occasionale dell attività d impresa. < attività continua e senza interruzioni, basta il costante ripetersi degli atti d impresa (es. attività stagionali) attività sia l unica o la principale dell imprenditore (es. professore che gestisce negozio è imprenditore) >>> + attività d impresa da parte dello stesso soggetto Si può essere imprenditori anche per un unico affare (es. costruzione di un edificio) Inoltre la legge non prevede che l attività d impresa debba destinarsi al mercato ma possa anche riguardare un attività fatta per destinazione personale (cd impresa per conto proprio). NB. LIBERI PROFESSIONISTI Essi non sono mai imprenditori tranne che da disposizioni art. 2238: Se l esercizio della professione costit uisce elemento di una attività organizzata in forma d impresa si applicano le disposizioni sull imprendiotore. = oltre che a lavoro professionale anche un altra attività qualificabile come d impresa (es. dottore che fa le visite ma gestisce anche una clinica). = non sono imprenditori i professionisti che organizzano capitale e lavoro (es. studi commercialisti) 1

2 A. Cervesato Capitolo 2. Le categorie di imprenditori PREMESSA. Il nostro sistema giuridico prevede due grandi ambiti: 1. Statuto generale dell imprenditore Si applica a tutti gli imprenditori e riguarda azienda, segni distintivi, concorrenza, consorzi tra imprese, tutela concorrenza. 2. Statuto speciale dell imprenditore commerciale Si applica solo agli imprenditori commerciali (da art. 2195) e riguarda l iscrizione nel registro delle imprese con effetti di pubblicità legale, tenuta scritture contabili, rappresentanza commerciale e fallimento. Andiamo ora a vedere le varie categorie di imprenditori. A. IN BASE ALL OGGETTO: Imprenditore agricolo Art. 2135: É imprenditore agricolo chi esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e attività connesse. Possiamo quindi distinguere tra:» Attività essenziali = coltivazione del fondo, selvicoltura e allevamento di animali La riforma del 2001 (2135 c. 2) ha specificato la natura delle attività essenziali visto lo sviluppo dell agricoltura che poteva portare a difficoltà nell applicazione dell esatta disciplina: Per coltivazione del fondo, per selvicoltura e per allevamento di animali si intendono le attività dirette alla cura e allo sviluppo di un ciclo biologico o di una fase necessaria del ciclo stesso di carattere vegetale o animale che utilizzano o possano utilizzare il fondo, il bosco o le acque dolci, salmastre o marine. = sono attività agricole essenziali quelle che riguardano la produzione di specie vegetali e animali, anche se prescindono dallo sfruttamento della terra. Si è scelto questo orientamento per: Incentivare l attività agricola Il maggior rischio derivante dall attività agricola stessa Sono quindi attività agricole essenziali le coltivazioni fuori terra, le coltivazioni in serra, l orticoltura, la floricoltura, gli allevamenti in batteria, l allevamento di animali da cortile (animali invece di bestiame nella norma), l acquacoltura e l attività ittica.» Attività connesse (art c.3) = attività commerciali esercitate in connessione alle attività agricole essenziali. Requisito soggettivo: stesso soggetto che svolge l att. agricola e ke l att. connessa sia coerente Deroga per le cooperative di agricoltori e consorzi per chi produce (i soci) e chi evidentemente svolge l attività connessa (la società). Requisito oggettivo: prodotti ottenuti prevalentemente dall esercizio dell attività agricola essenziale. (attività connessa non deve prevalere su qll agricola essenziale) L imprenditore agricolo gode dello statuto generale + l obbligo d iscrizione nel registro delle imprese (ma senza effetti di pubblicità legale). 2

3 A. Cervesato Imprenditore commerciale Art. 2195: Sono imprenditori commerciali coloro che esercitano: 1) attività industriale diretta alla produzione di beni e servizi 2) un attività intermediaria nella circolazione dei beni 3) un attività di trasporto per terra, per acqua o per aria 4) un attività bancaria o assicurativa 5) altre attività ausiliarie delle precedenti. Comunque la giurisprudenza disciplina che ogni attività non agricola sia commerciale. L impr. commerciale gode dello statuto generale + lo statuto speciale dell impr. commerciale B. IN BASE ALLE DIMENSIONI Imprenditore non piccolo (medio-grande) Piccolo imprenditore Abbiamo due fonti che parlano del piccolo imprenditore: Art C.c.: Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività or ganizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia. >> prevalenza del lavoro proprio e familiare è il carattere distintivo di tutti i piccoli imprenditori. Il proprio lavoro: deve prevalere sugli altri fattori (capitale) deve essere qualitativo-funzionale cioè deve caratterizzare i beni (es. sarto). Lgg. fallimentare art.1 c.2: Sono piccoli imprenditori coloro che esercitano una attività commerciale dove è stato investit o un capitale inferiore a lire In nessun caso sono considerati piccoli imprenditori le società commerciali. La prima parte è stata abrogata nel 1989 >> no problemi di ccordinamento con C.c. Quindi una società titolare di una impresa commerciale sarà sempre esposta al fallimento e saranno piccoli imprenditori solo coloro che seguono le disposizioni all art Piccolo imprenditore gode dello statuto generale + iscrizione nel registro delle imprese (ma senza effetti di pubblicità legale). (favorevole per i piccoli imprenditori comm.li >> restrizione della disciplina dello stat. Speciale). [NB. Impresa artigiana] In passato l impresa artigiana (e le società artigiane) godeva della sottrazione dal fallimento. Oggi lo è solo se si qualifica come piccolo imprenditore e quindi con il proprio lavoro prevalente, indipendentemente dall attività. Le società, in base alla lgg fallimentare, non sono mai considerate piccoli imprenditori. Oggi fra i piccoli imprenditori rientra quindi anche l imprenditore artigiano. 3

4 A. Cervesato C. IN BASE ALLA NATURA DEL SOGGETTO Impresa societaria La società è la tipica forma associativa per lo svolgimento d attività d impresa. Ne esistono di due tipi:» Società semplice Solo attività agricola. Soggetta all iscrizione al registro delle imprese.» Società commerciali Hanno attività sia agricola sia commerciale. Sono tenute all iscrizione nel registro delle imprese e alla tenuta delle scritture contabili. Se l attività è commerciale anche al fallimento (se agricola no) NB. Le società non sono mai piccoli imprenditori I soci a responsabilità illimitata di SAS e SNC sono soggetti alla disciplina dell imprenditore commerciale se l attività è commerciale (fallimento soci). Impresa pubblica Anche lo Stato e gli enti territoriali possono svolgere attività d impresa. Si possono distinguere tre modalità: 1. Società private a partecipazione pubblica Stessa disciplina società 2. Enti pubblici economici Enti di diritto pubblico con oggetto l attività d impresa. Oggi quasi tutti privatizzati 1 (es. ENEL) 3. Imprese - organo Attività d impresa svolta direttamente dallo Stato o da enti territoriali (es. Az. municipalizzate) Soggetta a statuto generale + tenuta scritture contabili Associazioni e fondazioni Possono svolgere attività d impresa basta che sia rispettato il requisito dell economicità. Assumono la qualità di imprenditori commerciali a tutti gli effetti (no trattamenti favorevoli). 1 La privatizzazione può essere formale (trasformazione in SPA) o sostanziale (dismissione partecipazioni) 4

5 A. Cervesato Capitolo 3. L acquisto della qualità di imprenditore 3 A L IMPUTAZIONE DELL ATTIVITÀ D IMPRESA L individuazione del soggetto è agevole quando:» è l imprenditore stesso a svolgere gli atti d impresa» l imprenditore ha un terzo che agisce come suo rappresentante (quindi in nome e per conto). Negli altri casi prevale il principio formale della spendita del nome: = gli effetti degli atti giuridici ricadono solo sul soggetto il cui nome è stato validamente speso nel traffico giuridico. Quando vi è un rappresentante che spende il nome gli effetti ricadranno sul rappresentato il quale sarà l imprenditore soggetto alla disciplina civilistica. [L IMPRENDITORE OCCULTO] Ci può essere dissociazione tra chi è realmente interessato all attività d impresa (imprenditore occulto) e la persona alla quale è formalmente imputata la qualità d imprenditore (prestanome). In caso di fallimento i creditori potranno soddisfarsi sia sul patrimonio del prestanome. La giurisprudenza ha provato ad affermare il principio tra inscindibilità tra potere e responsabilità ma questo non ha avuto applicazione legislativa. L unica eccezione che la giurisprudenza ha affermato è quella dell impresa fiancheggiatrice: = quando il socio di maggioranza dispone della società di capitali (e quindi a responsabilità limitata) come propria. In caso di fallimento, egli, avendo dato vita di fatto ad un impresa a fianco della società, sarà soggetto a fallimento come tutti gli imprenditori commerciali. 3 B INIZIO E FINE DELL IMPRESA. Inizio La qualità di imprenditore si acquista con l effettivo inizio dell esercizio dell attività d impresa. iscrizione nel registro delle imprese senza effettività. L effettivo inizio può anche essere determinato da una serie di atti di organizzazione che per numero e significatività manifestino lo stabile orientamento all attività produttiva di beni o servizi. Per le società:» vale il principio dell effettività» basta anche un solo atto, se particolarmente significamene, a dare inizio all attività d impresa. Fine La qualità di imprenditore si perde con l effettiva cessazione dell attività. avvisi al pubblico o cancellazione dal registro delle imprese. Solitamente prima della cessazione vi è un periodo di liquidazione. In tal caso la fine dell impresa è determinata dalla chiusura della liquidazione e dalla disgregazione del complesso aziendale. È importante il giorno di fine impresa per l imprenditore commerciale che può essere dichiarato fallito entro un anno dalla cessazione dell attività.[art. 10 lgg fallimentare] (fine pagamento di tutte le passività, altrimenti la lgg sul fallimento dell impr. individuale sarebbe insensata) Per le società:» Si ha cessazione dell impresa con la cancellazione dal registro delle imprese perché questo presuppone la disgregazione dell impresa e il pagamento di tutte le passività. Se vi sono creditori ritardatari essi si rifaranno su ex soci o sui liquidatori se il mancato pagamento è dovuto a loro esposizione al fallimento fino al pagamento di tutti i debiti 2. 2 Fino al 2000 si sosteneva ke la società esisteva, e fosse soggetta al fallimento, sino al pagamento dell ultimo debito. 5

6 A. Cervesato Capitolo 4. Lo statuto dell imprenditore commerciale L imprenditore commerciale è soggetto a un particolare statuto composto da vari oneri. 4 A LA PUBBLICITÀ LEGALE Lo strumento di pubblicità legale delle imprese commerciali è costituito dal registro delle imprese. Il registro delle imprese oggi 3 :» Raccoglie i dati organizzativi di tutte le altre imprese» È tenuto dalle camere di commercio in ciascuna provincia» È tenuto con tecniche informatiche Nel registro delle imprese gli atti da registrare sono:» gli elementi di individuazione dell imprenditore e dell impresa (es. dati anagrafici)» struttura e organizzazione della società (es. atto costitutivo e sue modificazioni)» Modificazioni di tali elementi L ufficio del registro deve controllare la regolarità formale (documenti) e la regolarità sostanziale (veridicità) prima di iscrivere su domanda dell interessato o d ufficio l atto. Se non si adempie agli obblighi di pubblicità si hanno sanzioni pecuniarie amministrative, esclusione del concordato fallimentare e dall amministrazione controllata (agevolazioni da lgg fallimentare). Il registro delle imprese si divide in: Sezione ordinaria Sono tenuti all iscrizione in questa sezione:» Imprenditori commerciali individuali non piccoli» Tutte le società tranne la società semplice» Consorzi tra imprenditori» Enti pubblici con attività commerciale» Gruppi europei di interesse economico con sede in Italia» Società estere che hanno in Italia la sede della propria attività Effetti Pubblicità legale = rende conoscibili i dati pubblicati ai terzi e ha:» Efficacia dichiarativa = atti opponibili ai terzi. Senza iscrizione bisogna provare che i terzi abbiano avuto conoscenza effettiva dell atto.» Efficacia costitutiva = Iscrizione necessaria per avere effetti verso terzi» Efficacia normativa = Iscrizione necessaria per l applicazione di un determinato regime giuridico ( no applicazione di un determinato regime es. SNC) Sezione speciale Devono iscriversi in questa sezione:» Piccoli imprenditori» Società semplici» Imprenditori agricoli individuali» Imprenditori artigiani» Società tra avvocati Effetti In generale effetti di pubblicità notizia = no opponibilità ai terzi Per gli imprenditori agricoli e le società semplici (att. agricola) ha anche effetti di pubblicità legale. NB! Oggi non c è più distinzione tra sezione ordinaria e speciale. 3 È attivo come lo vediamo ora dal 1993; prima c era un regime transitorio con registri di cancelleria presso i tribunali per le sole società commerciali. 6

7 A. Cervesato 4 B LE SCRITTURE CONTABILI = documenti che contengono la rappresentazione degli atti d impresa. Art. 2214: L imprenditore che esercita un attività commerciale deve tenere il libro giornale e il libro degli inventari. Deve altresì tenere le scritture contabili che siano richiesti dalla natura e dalle dimensioni dell impresa []. (es. libro mastro, libro cassa, libro magazzino) In ogni caso devono essere tenuti:» Libro giornale (art. 2216) = deve indicare giorno per giorno le operazioni relative all esercizio d impresa.» Libro degli inventari (art. 2217) = fornisce il quadro delle attività e passività dell imprenditore. Si chiude con il bilancio e con il conto dei profitti e delle perdite dal quale devono risultare con evidenza e verità gli utili o le perdite. obbligo di redazione di SPA da art , solo stessi criteri di valutazione Regolarità delle scritture contabili Regole formali = libri obbligatori numerati progressivamente (aboliti obbligo di bollatura e vidimazione annuale) Regole sostanziali = Vanno tenute secondo le norme di una ordinata contabilità (art. 2219) e conservate per 10 anni. La non regolare tenuta delle scritture contabili comporta:» No prova a favore dell imprenditore» No agevolazioni sul fallimento (concordato preventivo e amministrazione controllata) Efficacia probatoria Terzi = possono essere usate le scritture come prova sia che siano o no regolarmente tenute Imprenditore = devono ricorrere 3 presupposti:» Regolare tenuta» Lite tra imprenditori» Lite inerente all attività d impresa. 4 C LA RAPPRESENTANZA COMMERCIALE Nel caso dell impresa commerciale si deroga alle norme di diritto comune (art e ss) e si prevede un sistema speciale di rappresentanza (art ) per alcuni ausiliari interni quali institori, procuratori e commessi. Gli institori, procuratori e commessi sono automaticamente investiti del potere di rappresentanza (no procura). >> le decisioni degli ausiliari vincolano direttamente l imprenditore da diritto comune: procura per dare rappresentanza. Per limitare i poteri bisogna fare uno specifica atto opponibile solo se portato a conoscenza di terzi nelle forme di legge. A. L institore Art È institore colui che è preposto dal titolare all esercizio d impresa (cd direttore generale) o di un ramo o di una sede secondaria. Se sono più d uno agiscono disgiuntamente salvo che la procura disponga diversamente Poteri (art. 2204) Egli compie tutti gli atti pertinenti all esercizio d impresa a cui è preposto tranne l alienazione di beni immobili e le limitazioni contenute nella procura. 7

8 A. Cervesato Inoltre è obbligato insieme all imprenditore alla tenuta delle scritture contabili e all iscrizione nel registro. < Egli può stare in giudizio sia come attore che convenuto per le obbligazioni a cui è stato preposto. Procura di limitazione o di modificazione La procura per le modificazione, ampliamento o revoca del potere può essere:» iscritta nel registro = opponibilità ai terzi» non iscritta nel registro = non opponibilità ma prova conoscenza altrui Se l institore non spende il nome dell imprenditore nel traffico giuridico inerente all attività d impresa egli è responsabile insieme all imprenditore (tutela massima del terzo) e non solo personalmente. B. I procuratori Art Sono procuratori coloro che, in base ad un rapporto continuativo, abbiano il pot ere di compiere gli atti pertinenti all esercizio d impresa pur non essendovi preposti (es. direttore acquisti). Il loro potere decisionale e la rappresentanza sono limitati nel settore operativo di cui si occupano (es. direttore acquisti opera in rappresentanza solo per gli acquisti) I procuratori:» non possono stare in giudizio nemmeno per gli atti da loro compiuti» non hanno obblighi di scritture contabili e pubblicità» sono responsabili se non spendono il nome dell imprenditore C. I commessi = coloro che eseguono attività materiali che li portano a contatto con terzi (es. salumiere) Art.2210 I commessi, salve le limit azioni della procura, possono compiere gli atti che ordinariamente comporta la specie di operazioni di cui sono incaricati. I commessi:» non possono derogare alle condizioni generali di contratto salvo autorizzazione» non possono esigere il prezzo di beni di cui non facciano consegna» non possono esigere il prezzo fuori dai locali (o all interno se c è la cassa) salvo autorizzazione. NB non vi è un sistema di pubblicità legale (= no registro) >> portare a conoscenza di terzi con mezzi idonei (bacheche) o prova della conoscenza altrui 8

9 A. Cervesato Capitolo 5. L azienda L azienda è il mezzo con il quale si svolge l attività d impresa Art L azienda è il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Complesso dei beni: non è necessario che i beni impiegati nell attività d impresa siano di proprietà dell imprenditore ma basta che ne disponga in base ad un valido titolo giuridico (es. locazione, leasing, comodato d uso) Organizzati per l esercizio d impresa: i beni hanno una destinazione unitaria, il fine produttivo. I beni dell impresa sono eterogenei ma complementari e inseriti in un contesto che attribuisce all insieme di tali beni un valore superiore a quello singolo, l avviamento. Esso può essere:» oggettivo = nn dipende dalle capacità dell imprenditore» soggettivo = dovuto all abilità operativa dell imprenditore. Trasferimento d azienda Si ha quando è trasferito (atti di disposizione come vendita, concessione di usufrutto, donazione) un insieme di beni potenzialmente idoneo all esercizio d impresa cessione dell intera azienda! Forma Art Forma per la validità = forma dettata per il trasferimento dei singoli beni che compongono l azienda oggetto del trasferimento. >> di proprietà (es. se beni immobili forma scritta a pena di nullità) Forma per la prova Imprese soggette a registrazione >> prova scritta (atto pubblico o scrittura privata autenticata) del trasferimento e dei contratti che lo riguardano entro 30 gg. Divieto di concorrenza Art Chi aliena l azienda deve astenersi per un periodo massimo di 5 anni, dall iniziare una nuova impresa che, per oggetto, ubicazione o altre circost anze sia idonea a sviare la clientela dell azienda ceduta. Per le imprese agricole tali disposizioni valgono solo per le attività connesse. Contemperamento di due interessi: Acquirente: trattenere la clientela dell impresa e godere dell avviamento acquistato Alienante: non compromettere la propria iniziativa economica. Il divieto di concorrenza può essere esteso ad altre attività ma non deve proibire ogni attività professionale all alienante. Può anche essere ridotto a 3 anni ma mai superiore ai 5 anni. Il divieto di concorrenza occorre se si vende l intera azienda no nuova impresa x l alienante. Il divieto si applica anche alla vendita coattiva (da fallimento) I casi controversi sono 3:» divisione ereditaria e successione azienda» scioglimento società con assegnazione società a uno dei soci» vendita di una partecipazione di controllo di una società. Nei 3 casi non c è vero e proprio trasferimento d azienda ma si applica il divieto di concorrenza. 9

10 A. Cervesato La successione nei contratti aziendali Naturalmente si succede nei contratti se le prestazioni non sono ancora state eseguite. Art Se non è pattuito diversamente l acquirente dell azienda subentra nei contratti stipulati per l esercizio dell azienda st essa che non abbiano carattere personale. = in cui l alienante era fondamentale. I contratti a carattere personali son soggetti al diritto comune (accordo parti + consenso del terzo) In deroga al diritto comune (necessità del consenso) qui i terzi non possono non dare il consenso ma possono recedere» per giusta causa (deve darne prova) entro 3 mesi dal trasferimento richedendo il risarcimento dei danni all alienante provando (difficile) che egli non ha osservato la normale cautela nella scelta dell acquirente. I crediti aziendali È stata eseguita la prestazione a proprio carico. Art La cessione dei crediti relativi all azienda ceduta, anche in mancanza di notifica o di accettazione del debitore, ha effetto dal momento dell iscrizione nel registro delle imprese. diritto comune: notifica obbligatoria al debitore e accettazione >> semplificazione trasferimento Se il debitore paga all alienante in buona fede è liberato. Poi l acquirente si rifarà sull alienante. Se l impresa non è soggetta all iscrizione nel registro si ritorna al diritto comune. I debiti aziendali È stata eseguita la prestazione dal terzo a proprio favore Art L alienante non è liberato dai debiti, inerenti all esercizio dell azienda ceduta anteriormente al trasferimento, se non risulta che i creditori vi hanno consentito. = diritto comune: no cambiamento debitore senza consenso del creditore. Per le aziende commerciali rispondono dei debiti in solido l acquirente e l alienante se essi risultano dai libri contabili obbligatori. Per i debiti da lavoro rispondono dei debiti in solido l acquirente e l alienante anche se essi non risultano dai libri contabili obbligatori. Nei rapporti tra acquirente e alienante è cmq necessaria una pattuizione per stabilire a chio debbano essere accollati i crediti o i debiti. Usufrutto e affitto dell azienda Art < L usufruttuario dell azienda deve esercitarla sotto la ditta che la contraddistingue. Egli deve gestire l azienda senza modificarne la destinazione e conservandone l efficienza, gli impianti e le normali dotazioni di scorte. cessazione dell usufrutto. L usufruttuario può cmq disporre dell azienda e acquistare nuovi beni tenendo conto che alla fine dell usufrutto la differenza tra il valore dei beni iniziali e quelli finali verrà compensato in denaro. L affitto d azienda ( locazione!) è rinviato alle disposizione per l usufrutto. (art. 2562) Per entrambi si applica il divieto di concorrenza, la successione nei crediti mentre i debiti sono a carico del nudo proprietario e del locatore tranne i debiti da lavoro. 10

11 A. Cervesato Capitolo 6. I segni distintivi I segni distintivi dell impresa e dell imprenditore sono: 1. Ditta (art ) 2. Insegna (art. 2568) 3. Marchio (art ) Ditta = nome commerciale dell imprenditore. Se non viene espressa essa coincide con il nome civile dell imprenditore ma l imprenditore può anche sceglierla con i limiti di :» Verità È diverso a seconda che si tratti di: o Ditta originaria = deve contenere il cognome o la sigla dell imprenditore. Può nn coincidere con il nome civile se questo ha avuto mutamenti. o Ditta derivata (cioè in seguito a cessione) = non si impone di integrarla con il cognome del nuovo acquirente (cd verità storica )» Novità La ditta non deve essere uguale o simile a quella usata da altro imprenditore tale da creare confusione per l oggetto dell impresa o per il luogo in cui questa è esercitata. Vi è l obbligo di cambiare ditta se la confusione occorre tra imprenditori concorrenti. Per le società chi registra più tardi deve cambiare, per le persone fisiche chi lo usa dopo. La ditta si trasferisce con l azienda con l assenso dell alienante ( disposizione ereditaria: auto) Insegna = contraddistingue i locali dell impresa e il più ampio complesso aziendale. Il codice rinvia al 2564 (novità v.sopra) e sono applicabili i principi base della disciplina della ditta e del marchio:» Liceità» Verità (=no indicazioni ingannevoli al pubblico)» No tutela per indicazioni generiche (es. pizzeria) Non è disposto nulla per il trasferimento dell insegna con l azienda ma si assimila alla disciplina del marchio. Marchio = segno distintivo dei prodotti o dei servizi dell impresa. Esso ha una disciplina nazionale (art ) ampia ed è tutelato anche a livello comunitario (regolamento CE n.40/94/1993) ed internazionale (convenzione di Parigi del 1883 e accordo di Madrid 1891). Tali discipline tutelano il marchio per le importanti funzioni che esso ha:» Differenziazione dei prodotti» Indicazione di provenienza e di qualità del prodotto» Forza attrattiva (soprattutto per i marchi cd celebri >> estensione tutela per questi) Esistono vari tipi di marchi:» Di fabbrica (da fabbricante) o di commercio (attività commerciale) = + marchi su un prodotto» Di servizio (per imprese di servizi) = forma pubblicitaria: sulle divise e sui materiali d uso» Generale (uno per tutti i prodotti) o speciale (ogni prodotto un marchio) --> possono anche essere contemporanei sul prodotto (es. Fiat Punto) 11

12 A. Cervesato I marchi possono essere composti in vari modi:» Marchio denominativo = con parole» Marchio figurativo = solo o con figure, cifre, musiche, suoni» Marchio di forma = con la forma del prodotto (es. bottiglia coca cola Esiste poi il marchio collettivo = marchio che viene concesso in uso a produttori consociati da un ente che garantisce l origine, la natura o la qualità di prodotti (es. Pura lana vergine)» IL MARCHIO REGISTRATO Il marchio, per essere registrato deve rispondere ad alcuni requisiti a pena di nullità: 1. Liceità No segni contrari alla legge, all ordine pubblico e al buon costume No utilizzo immagine o nome (se famoso) altrui senza consenso 2. Verità No segni idonei ad ingannare il pubblico su qualità, provenienza geografica, natura o qualità. 3. Originalità Deve avere capacità distintiva. Non sono ammesse:» Denominazioni (o figure) generiche (es. scarpa) dell attività; se sono diverse dall attività sono ammesse (es. aeroplano per un negozio di calzature) o se combinate in modo fantasioso (es. amplifon)» Indicazioni descrittive dei caratteri e della provenienza, salvo i marchi collettivi» Segni di uso comune (es. extra, lusso) 4. Novità No marchi già registrati per prodotti uguali o affini. Per i marchi celebri si estende anche ai prodotti non affini. Tutela del marchio registrato consiste nel: USO ESCLUSIVO SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE del marchio per prodotti uguali o affini. --> per i marchi celebri la tutela è estesa anche ai prodotti non affini L uso esclusivo:» decorre dalla data di presentazione della domanda all ufficio brevetti» dura dieci anni ed è rinnovabile illimitatamente a intervalli decennali (salvo decadenza requisiti)» decade con la volgarizzazione del marchio = il marchio diventa una denominazione generica (Biro) mancato utilizzo per 5 anni causa di decadenza (art l.m.) o mancanza originaria di un requisito essenziale. Se vi è stata lesione del marchio, il titolare può promuovere:» azione di contraffazione con cui si ottiene inibitoria rimozione degli effetti pubblicazione sentenza risarcitoria se sussiste dolo o colpa del contraffattore» IL MARCHIO NON REGISTRATO Vi è naturalmente una tutela minore di quella del marchio registrato. Art. 2571: Chi ha fatto uso di un marchio non registrato ha la facoltà di cont inuare ad usarne, nonostante la registrazione da altrui ottenuta, nei limiti in cui anteriormente se ne è valso. Importanza uso di fatto e notorie à. t Se notorietà locale = no impedire che altri usino sul campo nazionale per stessi prodotti 12

13 A. Cervesato» IL TRASFERIMENTO DEL MARCHIO (art. 2573) < Il marchio si può trasferire o concedere in licenza disgiuntamente dal trasferimento d azienda ( prima del 1992). La licenza di marchio può essere non esclusiva = + concessionari = + beni con stesso marchio ma provenienza diversa. Limiti ( decadenza del marchio):» dal trasferimento non deve derivare inganno nei caratteri dei prodotti o servizi che sono essenziali nell apprezzamento del pubblico.» Licenziatari devono garantire stessa qualità degli atri prodotti con stesso marchio 13

14 A. Cervesato Capitolo 7. Opere dell ingegno. Invenzioni industriali Le creazioni intellettuali si dividono in:» Opere dell ingegno = idee creative nel campo culturale. --> diritto d autore» Invenzioni industriali = idee creative nel campo della tecnica --> brevetti di vario tipo Noi tratteremo solo le invenzioni industriali. Invenzioni industriali Consistono nella soluzione originale di un problema tecnico. Esistono due tipi di brevetto:» Brevetto per invenzione industriale» Brevetto per modelli di utilità 7 A IL BREVETTO PER INVENZIONE INDUSTRIALE (art ) Hanno per oggetto le inventive di maggior significato tecnologico. Si distinguono in tre grandi categorie:» Invenzioni di prodotto = nuovo prodotto» Invenzioni di procedimento = nuovo metodo di produzione, di lavorazione o nuovi macchinari» Invenzioni derivate = derivazione di una precedente invenzione. Combinazione, modificazione o nuova utilizzazione di precedenti invenzioni. Non forma invenzione ciò che esiste in natura, una nuova teoria, i software e i metodi per il trattamento chirurgico. Le invenzioni devono poi rispondere a requisiti di:» Novità = invenzione non compresa nello stato della tecnica» Attività inventiva = l invenzione deriva da un attività creativa non conseguibile per un tecnico medio del ramo facendo ricorso alle sue ordinarie capacità.» Idonei all applicazione industriale = potenzialità di essere utilizzato in qualsiasi genere d industria, anche agricola. Cmq l inventore ha diritto ad essere riconosciuto autore dell invenzione. IL BREVETTO ITALIANO:» Viene concesso dall Ufficio brevetti sulla base di una domanda con descrizione chiara (per una persona esperta del ramo) e completa. nullità» Dura 20 anni (tranne cause di nullità o decadenza, es. no attuazione dal rilascio del brevetto) e non è rinnovabile.» Dà il diritto d esclusiva sul commercio, la fabbricazione e l importazione dei prodotti. NB se è un processo l esclusiva riguarda solo il prodotto fatto con quel determinato processo, non si possono escludere altri prodotti con diverso processo.» È trasferibile indipendentemente dal trasferimento d azienda» È soggetto alla costituzione di diritti reali e di licenza d uso con o senza esclusiva; può anche essere espropriato per motivi di pubblica utilità. Il titolare del brevetto (e il licenziatario) può esercitare azione di contraffazione con effetti:» Inbitori» Ripristinatori = eliminare prodotti violanti il brevetto dal mercato 14

15 A. Cervesato BREVETTO INTERNAZIONALE: Si può estendere l esclusiva sul territorio di altri Stati grazie a diversi trattati. >> il contenuto del diritto d esclusiva è disciplinato dalle leggi del paese in cui il brevetto è efficace BREVETTO COMUNITARIO: è un brevetto autonomo regolato dalla convenzione di Lussemburgo del Viene rilasciato dall Ufficio europeo di Monaco e ha effetti su tutto il territorio comunitario facendo cessare gli effetti dei brevetti nazionali 7 B L INVENZIONE INDUSTRIALE NON BREVETTATA Si ha la cosiddetta tutela del preuso: Chiunque ha fatto uso dell invenzione nella propria azienda, dodici mesi anteriori al deposito dell altrui domanda di brevetto, può continuare a sfruttare l invenzione nei limiti del preuso. Tale sfruttamento può essere trasferito solo tramite il trasferimento d azienda. Tale tutela opera anche nel caso di preuso segreto. Se il preutente ha divulgato l invenzione allora il brevetto non avrà il requisito di novità = nullità. 7 C I MODELLI INDUSTRIALI Si distinguono in:» Modelli d utilità Nuovi trovati che conferiscono funzionalità (=efficacia o comodità d applicazione) a macchine, strumenti e oggetti d uso. Sono tutelati da brevettazione (art. 2594) ma questa dura 10 anni ( 20 ordinari)» Disegni e modelli Nuove idee destinate a migliorare l aspetto dei prodotti industriali. (es. industrial design) Sono tutelati da una registrazione in cui devono ricorrere requisiti di: Novità = nuovo Carattere individuale = impressione diversa da quella suscitata da altri disegni o modelli Dura 5 anni ed è rinnovabile fino a un massimo di 25 anni. Per le opere dell industrial design che presentino valore artistico e carattere creativo si applicano le norme del diritto d autore (tutela fino a 70 anni dalla morte dell autore) Disegni e modelli comunitari Hanno una protezione autonoma ed unitaria; si basano anch essi sulla registrazione. Prevedono inoltre una tutela di 3 anni ai disegni e modelli non registrati. 15

16 A. Cervesato Capitolo 8. La disciplina della concorrenza Il modello ideale di mercato è la concorrenza perfetta senza eccessi ponderata alle necessità della collettività e con monopoli buoni per la collettività. La ricerca di questo equilibrio è anche ricercata dal legislatore italiano. Il fondamento normativo è l art. 41 della Costituzione: L iniziativa economica privata è libera. Il legislatore italiano ha però imposto:» Limitazioni legali (art Cost) = fini di utilità sociale e monopoli legali in settori d interesse» Limitazioni negoziali alla concorrenza ma senza sacrificio iniziativa economica libera» Repressione della concorrenza sleale. Abbiamo una netta divisione sulla legislazione in questo ambito: 1. norme antimonopolistiche = contro comportamenti contro la struttura di mercato 2. norme sulla concorrenza sleale = contro comportamenti sleali 8 A LA LEGISLAZIONE ANTIMONOPOLISTICA = contro atti e comportamenti che pregiudicano la struttura di mercato La legge italiana ha creato l autorità garante della concorrenza e del mercato (lgg. 287/1990). --> competenza solo sul territorio nazionale comunitario La legge 287/1990 disciplina queste norme e suddivide tre fattispecie: 1. Le intese restrittive della concorrenza = comportamenti e accordi tra imprese volti a limitare la propria libertà d azione sul mercato. Sono vietate quelle che hanno per oggetto o per effetto l impedire restringere o falsare in maniera consistente il gioco della concorrenza. >> principio di effettività Le intese vietate sono nulle e possono portare a sanzioni pecuniarie e sicuramente ripristinatorie della situazione di mercato. Sono previste esenzioni temporanee dall autorità per quelle intese che migliorano le condizioni di offerta e producono un beneficio per i consumatori. 2. Abuso di posizione dominante = è vietato lo sfruttamento della posizione dominante, nn la posizione dominante in sé!! Per tale impresa è vietato:» imporre prezzi o condizioni contrattuali gravose» impedire o limitare la produzione, gli sbocchi o gli accessi al mercato» applicare condizioni diverse per prestazioni equivalenti. Non sono previste esenzioni ma nullità dei patti e sanzioni pecuniarie e, se c è reiterazione, sospensione dell attività fino a un massimo di 30 gg. NB è vietato anche l abuso di dipendenza economica = situazione in cui un impresa può determinare, nei rapporti commerciali, un esagerato squilibrio di diritti e obblighi. Si applicano le stesse tutele (nullità + risarcimento) valutando anche le alternative sul mercato. 16

17 A. Cervesato 3. Concentrazioni = quando due o più imprese:» si fondono [concentrazione giuridica]» diventano un'unica entità economica pur restando separate - stesso controllo [concentrazione economica]» due o più imprese indipendenti danno luogo ad una nuova società Le concentrazioni non sono vietate in quanto tali ma solo quando danno luogo a gravi alterazioni della struttura di mercato. Per le concentrazioni che portano a determinate soglie di fatturato --> comunicazione preventiva all autorità --> autorizzazione o divieto Se con divieto la concentrazione si esegue comunque vi sono pesanti sanzioni pecuniarie. 8 B LA CONCORRENZA SLEALE È nell interesse generale che la competizione tra imprenditori avvenga in modo corretto e leale. L art.2598 prevede tre fattispecie e prevede:» sanzioni inibitorie e ripristinatorie anche senza dolo o colpa» sanzioni inibitorie e ripristinatorie anche senza realizzazione del danno >> basta potenzialità» sanzioni risarcitorie se sussiste anche dolo o colpa. Soggetti legittimati ad agire: imprenditori (o loro associazioni) + concorrenza tra i litiganti --> sono indirettamente tutelati anche i consumatori e le loro associazioni ma non possono agire. La disciplina della concorrenza sleale lascia i consumatori esposti alla possibilità di inganni pubblicitari --> codice di autodisciplina pubblicitaria delle imprese + Giurì di autodisciplina ( giudice ) --> disciplina statale della pubblicità ingannevole. Le fattispecie previste dall art sono: 1. Atti di confusione =atto idoneo a creare confusione con prodotti o l attività di un concorrente; in particolare: a. Uso di nomi o segni distintivi altrui (anche non registrati) b. L imitazione delle forme dei prodotti altrui Si aggiunge a tutela segni distintivi 2. Denigrazione = diffondere notizie o apprezzamenti su prodotti o attività dei concorrenti per discreditarli. Si manifesta con: a. Magnificazione (pubb. iperbolica) = solo il proprio prodotto ha pregi e li si nega agli altri b. Comparazione (pubb. comparativa) = quando si danno info false e non porta discredito al concorrente >> oggi disciplinata da d.lgs. 74/1992 = non sempre illecita 3. Appropriazione di pregi altrui (insieme a denigrazione nel C.c.) = appropriazione di pregi altrui o agganciamento ad altri (es. scarpe tipo Tod s) 4. Altri atti di concorrenza sleale = ogni altro mezzo non conforme alla corr ettezza professionale e idoneo a danneggiare l altrui azienda. In questa norma (di chiusura), rientrano sicuramente: a. Pubblicità menzognera = falsa attribuzione di pregi non appartenenti a nessuno b. Dumping = sistematica vendita dei prodotti sottocosto c. Concorrenza parassitaria = sistematica imitazione di altrui iniziative d. Sottrazione di dipendenti = sottrazione di dipendenti qualificati con mezzi scorretti 17

18 A. Cervesato 8 C LE LIMITAZIONI DELLA CONCORRENZA Le limitazioni della concorrenza sono di due tipi: 1. Pubblicistiche La concorrenza può essere limitata per l interesse generale e l utilità sociale attivando con legge regimi di monopoli pubblici (o legali). Essi sono comunque limitati da alcune norme quali:» Obbligo di contrarre con chiunque lo richieda» Obbligo di rispettare parità di trattamento. >> vi possono essere condizioni diverse a diversi individui se sono stati predeterminati i relativi presupposti di applicazione 2. Convenzionali << Il codice civile predispone norme per gli accordi restrittivi della concorrenza [art. 2596]: il patto che limita la concorrenza deve essere provato per iscritto.esso è valido se circoscritto ad una determinata zona o attività e non può eccedere la durata di 5 anni. Se la durata non è stabilita o e stabilità per un periodo superiore ai 5 anni, il patto è comunque valido per un quinquennio.. Tale accordo è valido se:» Provato per iscritto» Circoscritto ad un determinato ambito territoriale o attività» Durata massima 5 anni Comunque i patti sono vietati se ricadono in intese anticoncorrenziali o di abuso di posizione dominante. Esempi di tali accordi anticoncorrenziali sono cartelli o consorzi anticoncorrenziali che prevedono impegni reciproci tra imprenditori (contingentamento, zona, prezzo). 18

19 < Schemi di diritto commerciale da Manuale di diritto comm.le di Campobasso A. Cervesato Capitolo 9. I consorzi tra imprenditori I consorzi sono disciplinati dagli art del Codice civile. Definizione (art. 2602) : con il contratto di consorzio più imprenditori istituiscono una organizzazione comune per la disciplina o per lo svolgimento di determinate fasi d impresa. I consorzi possono essere di varie tipologie: 1. anticoncorrenziali = limitare la reciproca concorrenza Sollecitano spesso controlli da parte dell autorità garante per evitare che si instaurino situazioni di monopolio in contrasto con l interesse generale. 2. di coordinamento o di cooperazione aziendale = svolgimento di determinate fasi per ridurre i costi (es. acquisto materie prime) Aumentano la competitività e la concorrenza nel mercato >> ben visti dall autorità antitrust Sono comunque disciplinati in modo uguale dal C.c. che attua per entrambi una disciplina comune. Il contratto di consorzio:» Deve avere forma scritta a pena di nullità e deve contenere le indicazioni dell art » Deve essere stipulato tra imprenditori (anche da enti pubblici o privati di ricerca)» Deve prevedere una durata 10 anni (cons. anticoncorrenziali 5??)» Deve prevedere le condizioni per l ammissione di nuovi consorziati (cmq non subalterna all unanimità dei consorziati) NB! Trasferimento d azienda: acquirente di un consorziato diventa consorziato tranne che per esclusione con giusta causa.» Deve indicare le cause di recesso (scioglimento contratto per volontà del socio) o di esclusione (per decisione degli altri consorziati) cause di scioglimento anticipato dell intero contratto (giusta causa o unanimità) Nel consorzio è prevista la creazione di una organizzazione comune composta almeno da:» Assemblea = organo deliberativo (a maggioranza) composto da tutti i soci» Organo direttivo = nei consorzi con attività interna controlla attività consorziati Le norme per l elezione, revoca e esercizio delle funzioni degli organi sono da indicare nel contratto I consorzi con attività esterna Per tali consorzi è necessario che il contratto:» Sia iscritto nel registro delle imprese con regime di pubblicità legale» Indichi la presidenza, la direzione, la rappresentanza del consorzio e i relativi poteri obbligo di redigere la situazione patrimoniale e depositarla nel registro Il fondo consortile costituisce il patrimonio autonomo del consorzio con attività esterna e serve a garantire il soddisfacimento dei creditori del consorzio e solo da essi (no creditori dei consorziati). Se vi sono obbligazioni assunte» in nome del consorzio e nell interesse di tutti i consorziati risponde solo il fondo consortile» per conto dei singoli consorziati rispondono solidalmente i consorziati interessati e il fondo. Se insolventi, il debito degli interessati si ripartisce agli altri in proporzione alle quote 19

20 A. Cervesato Le società consortili Da un punto di vista dello scopo società e consorzi sono piuttosto diversi:» società = distribuire dividendi (scopo lucrativo)» consorzio = far ottenere ai consorziati minori costi o maggiori ricavi (migliorare efficienza e redditività delle singole imprese simile al mutualistico) Tuttavia è comunque possibile che tutte le società lucrative tranne le s.s. possano assumere come oggetto sociale gli scopi indicati dall art (art ter). Chi dà vita ad una società consortile può inoltre inserire nell atto costitutivo specifiche pattuizioni per adattare la struttura societaria prescelta alle finalità consortili. 20

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese 4. L azienda e la concorrenza tra le imprese Di cosa parleremo L azienda rappresenta il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Di essa, pertanto, fanno parte sia

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano L impresa...1 L azienda...2 Avviamento...2 Trasferimento di azienda...3 Usufrutto e affitto di azienda...3 Classificazione dell attività

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco AFFITTO AZIENDA a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco 1 ASPETTI CIVILISTICI } L affitto d azienda non ha una disciplina ad hoc NORME DEL CODICE CIVILE APPLICABILI : } L art. 2562

Dettagli

Diritto Commerciale I. Lezione del 04/11/2015

Diritto Commerciale I. Lezione del 04/11/2015 Diritto Commerciale I Lezione del 04/11/2015 Artt. 2555-2562 c.c. -La definizione codicistica sottolinea il carattere di strumentalità dell azienda, intesa come complesso organizzato di beni, per l esercizio

Dettagli

STRATEGIE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LE FORME GIURIDICHE DI ESERCIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA.

STRATEGIE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LE FORME GIURIDICHE DI ESERCIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA. STRATEGIE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LE FORME GIURIDICHE DI ESERCIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA. 1. I CONSORZI FRA IMPRENDITORI. 1.1. Premessa. I consorzi trovano la propria disciplina nel Libro V, Titolo

Dettagli

6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI

6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI 6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI L IMPRESA è L ATTIVITA SVOLTA DALL IMPRENDITORE IN MODO PROFESSIONALE ED ORGANIZZATO DIVERSO è IL CONCETTO DI AZIENDA AZIENDA COMPLESSO DI BENI ORGANIZZATI DALL IMPRENDITORE

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

Corso di Diritto Commerciale

Corso di Diritto Commerciale Corso di Diritto Commerciale Anno accademico 2014-2015 Powered by PROF. MASSIMO RUBINO DE RITIS Control Editing dott. Mario Passaretta Il diritto d impresa Le norme utilizzate sono reperibili, gratuitamente,

Dettagli

CAPITOLO(I( L IMPRENDITORE( ( I"criteri"per"la"distinzione"di"imprese"e"imprenditori"sono"3:" 1) Oggetto(dell impresa:"" i) Imprenditore(AGRICOLO"

CAPITOLO(I( L IMPRENDITORE( ( Icriteriperladistinzionediimpreseeimprenditorisono3: 1) Oggetto(dell impresa: i) Imprenditore(AGRICOLO CAPITOLOI L IMPRENDITORE Icriteriperladistinzionediimpreseeimprenditorisono3: 1) Oggettodell impresa: i) ImprenditoreAGRICOLO ii) ImprenditoreCOMMERCIALE 2) Dimensionedell impresa: i) PICCOLOimprenditore

Dettagli

Le vicende della quota nelle società personali

Le vicende della quota nelle società personali Le vicende della quota nelle società personali A causa dell INTUITUS PERSONAE, nelle società di persone le variazioni nella composizione soggettiva della compagine sociale sono apprezzate come vere e proprie

Dettagli

Le società. i beni in natura possono essere conferiti in proprietà o in godimento

Le società. i beni in natura possono essere conferiti in proprietà o in godimento Le società * Società sono organizzazioni di persone e di mezzi create per l'esercizio in comune di un'attività economica sono tipiche > è possibile dar vita a una società solo adottando uno dei tipi previsti

Dettagli

L imprenditore. Requisiti giuridici. Attività di godimento e impresa. Impresa illecita. L attività d impresa e scopo di lucro

L imprenditore. Requisiti giuridici. Attività di godimento e impresa. Impresa illecita. L attività d impresa e scopo di lucro L imprenditore Requisiti giuridici Attività di godimento e impresa Impresa illecita 1.1 La nozione di imprenditore Art.2082: è imprenditore colui che esercita professionalmente un attività economica organizzata

Dettagli

ELEMENTI DI DIRITTO COMMERCIALE

ELEMENTI DI DIRITTO COMMERCIALE ELEMENTI DI DIRITTO COMMERCIALE 001 Nella società in nome collettivo per le obbligazioni sociali risponde: A solamente la società F B gli amministratori in modo limitato F C solidalmente ed illimitatamente

Dettagli

Elementi fondamentali di diritto d impresa

Elementi fondamentali di diritto d impresa Elementi fondamentali di diritto d impresa La nozione giuridica di imprenditore. Il nostro ordinamento legislativo non definisce espressamente il concetto di impresa, mentre specifica che cosa si intende

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI fine XVIII inizio XIX Rivoluzione industriale Liberismo economico Libertà di accesso al mercato Regime concorrenziale GARANTISCONO LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI VALORIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA. Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Tecnica Professionale La liquidazione volontaria

LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA. Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Tecnica Professionale La liquidazione volontaria LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA 1 PROGRAMMA DEL MODULO Cercheremo di fare chiarezza su: Ø Ø Ø Ø aspetti economico-aziendali aspetti civilistico-procedurali aspetti operativo-contabili principali lineamenti

Dettagli

CESSIONE D AZIENDA ASPETTI CIVILISTICI. La nozione di azienda

CESSIONE D AZIENDA ASPETTI CIVILISTICI. La nozione di azienda CESSIONE D AZIENDA ASPETTI CIVILISTICI La nozione di azienda Art. 2555: complesso di beni organizzati dall'imprenditore per l'esercizio dell'impresa (Art. 2082: è imprenditore colui che esercita in forma

Dettagli

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.)

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) LE FORME GIURIDICHE Per Forma giuridica si intende la tipologia giuridica del soggetto cui farà capo l attività e le norme ad essa conseguenti. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) Il Codice

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

Scegliere. la forma giuridica

Scegliere. la forma giuridica Scegliere la forma giuridica 1 La scelta della forma giuridica è molto importante per chi vuole avviare un attività in proprio: una veste giuridica sbagliata può pregiudicare il successo dell iniziativa.

Dettagli

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE N O E S Le società Ripassare ed esercitarsi TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE Società di persone Società di capitali Società semplice Società in accomandita semplice Società cooperativa Società di mutua

Dettagli

Corso di Diritto Commerciale

Corso di Diritto Commerciale Corso di Diritto Commerciale Anno accademico 2014-2015 Powered by PROF. MASSIMO RUBINO DE RITIS Control Editing dott. Mario Passaretta Il diritto d impresa Le norme utilizzate sono reperibili, gratuitamente,

Dettagli

Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione)

Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione) Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione) Prof.ssa Patrizia Grosso Facoltà di Economia Università di Torino 1. Premessa. 2. La disciplina dei marchi. 3.La

Dettagli

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria Dott. Marino Mascheroni Professore a contratto di Diritto Tributario Università di Milano Il trasferimento di azienda farmacia Requisiti

Dettagli

Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA

Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA Definizione Art. 2555 c.c. È il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa AZIENDA E IMPRESA Sono concetti differenti AZIENDA è il complesso

Dettagli

Diritto Commerciale. Esplicazione e Appunti. Marco D Epifano

Diritto Commerciale. Esplicazione e Appunti. Marco D Epifano Esplicazione e Appunti Marco D Epifano Liberamente tratto Manuale di diritto commerciale, Utet, Campobasso. L acquisto del lavoro è subordinato a quello del libro dal quale è tratto. Leggi gli altri termini

Dettagli

Imprenditore e impresa

Imprenditore e impresa 1 la nozione di imprenditore 1 Imprenditore e impresa Il codice civile non fornisce una definizione di impresa, ma delinea, all art. 2082, i tratti caratterizzanti la figura dell imprenditore e fa ruotare

Dettagli

LE SOCIETA DI PERSONE

LE SOCIETA DI PERSONE DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO 1 CICLO DI SEMINARI PER CREARE NUOVE IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO EMILIA LE SOCIETA DI PERSONE PARTE SECONDA PAOLO VILLA martedi 28 ottobre 2014 SOCIETA IN ACCOMANDITA

Dettagli

Codice Civile. Libro Quinto Del lavoro. Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio

Codice Civile. Libro Quinto Del lavoro. Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio Codice Civile Libro Quinto Del lavoro Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio Art. 2569. Diritto di esclusività. Chi ha registrato nelle forme stabilite dalla legge un nuovo marchio idoneo

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

L'impresa. N.B. è imprenditore chi produce beni o servizi destinati al mercato e non all'autoconsumo

L'impresa. N.B. è imprenditore chi produce beni o servizi destinati al mercato e non all'autoconsumo L'impresa * L'art. 2082 del codice civile definisce imprenditore "chi esercita professionalmente un'attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi" * Dalla

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste... TITOLO VIII DELL AZIENDA. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

INDICE SOMMARIO. Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste... TITOLO VIII DELL AZIENDA. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXIII TITOLO VIII DELL AZIENDA Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2555. Nozione... 1 1. La nozione di azienda

Dettagli

Location Service. Informazioni giuridiche sull insediamento.

Location Service. Informazioni giuridiche sull insediamento. Location Service. Informazioni giuridiche sull insediamento. 2 Diritto di costituzione. La BLS fornisce alle imprese nazionali ed estere informazioni sulla costituzione di nuove imprese, filiali o succursali.

Dettagli

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it COME FARE PER.. ITER BUROCRATICO PER LA CREAZIONE D IMPRESA Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it . SCEGLIERE LA FORMA GIURIDICA DELL IMPRESA GUIDA PRATICA Una delle prime scelte che deve

Dettagli

Studio Campana e Associati Dottori Commercialisti

Studio Campana e Associati Dottori Commercialisti STATUTO Art. 1. - Denominazione Lo Studio Associato come sopra costituito (in appresso indicato per brevità come lo Studio ) viene denominato: Studio Associato di Consulenza e Assistenza Societaria, Tributaria,

Dettagli

6. I soggetti del procedimento di convalida.

6. I soggetti del procedimento di convalida. AMBITO OGGETTIVO E SOGGETTIVO DEL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA 229 6. I soggetti del procedimento di convalida. I soggetti del procedimento di convalida sono, ovviamente, le parti del rapporto sostanziale

Dettagli

LIQUIDAZIONE AZIENDA. scioglie vincolo dei beni al soggetto giuridico. Termina la sua vita. Conversione attività in denaro. Estinzione passività

LIQUIDAZIONE AZIENDA. scioglie vincolo dei beni al soggetto giuridico. Termina la sua vita. Conversione attività in denaro. Estinzione passività LA LIQUIDAZIONE LIQUIDAZIONE AZIENDA Termina la sua vita scioglie vincolo dei beni al soggetto giuridico Conversione attività in denaro Estinzione passività Restituzione residuo ai soci TIPOLOGIE VOLONTARIA

Dettagli

Parte Prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO

Parte Prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO Parte Prima INTRODUZIONE Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO 1. Le parole del diritto... pag. 1 2. Prescrizioni, regole, norme...» 3 3. L idea di «fonti del diritto»...» 7 4. L ordinamento giuridico...»

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Il candidato illustri il processo di liquidazione delle società di capitali soffermandosi sugli adempimenti civilistici, contabili e fiscali antecedenti

Dettagli

SPIN-OFF Aspetti legali

SPIN-OFF Aspetti legali SPIN-OFF Aspetti legali 2 Principali argomenti trattati Avviare un impresa Forme societarie Fattori di scelta della società Costituzione spin-off universitari, aspetti da considerare 3 Avviare un impresa

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti Quando più eredi acquisiscono la

Dettagli

I. Le società in generale. I.2. Perchè costituire una. società. 2. Perché costituire una società? 2.1. Le società come soggetti

I. Le società in generale. I.2. Perchè costituire una. società. 2. Perché costituire una società? 2.1. Le società come soggetti I. 2.1. Le società come soggetti 2.2. L esercizio in comune di una attività economica. A) Le società di mero godimento e di partecipazione 2.3. Segue. B) Le società di erogazione 2.4. Segue. C) Le società

Dettagli

Orientamento imprenditoriale

Orientamento imprenditoriale Orientamento imprenditoriale Tipologie di società Esistono due grandi tipologie di società a scopi di lucro. Esse sono la società di persone e la società di capitali. La differenza fra le due società consta

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIRITTO CIVILE CLASSE 3 INDIRIZZO AFM UdA n. 1 Titolo: INTRODUZIONE AL DIRITTO CIVILE Conoscere il diverso ambito di applicazione del diritto pubblico e nel diritto privato. Distinguere il diritto soggettivo

Dettagli

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nella seduta del 1 marzo 2012,

Dettagli

La concorrenza sleale

La concorrenza sleale La concorrenza sleale di Giulia Serena Paganini 12 marzo 2013 Giulia Serena Paganini 1 Profilo privatistico della disciplina sulla concorrenza Vengono disciplinate le modalità di svolgimento della gara

Dettagli

Linee Guida per la scelta della tipologia societaria

Linee Guida per la scelta della tipologia societaria Linee Guida per la scelta della tipologia societaria elaborate da Chiara Piconi- Dottore commercialista e Revisore legale Consorzio Nazionale per la Formazione, l Aggiornamento e l Orientamento Via Ludovisi,

Dettagli

LE IMPOSTE NELLA COSTITUZIONE ITALIANA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

LE IMPOSTE NELLA COSTITUZIONE ITALIANA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa LE IMPOSTE NELLA COSTITUZIONE ITALIANA GLI ADEMPIMENTI FISCALI PER L AVVIO DI UN ATTIVITÀ. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa LE IMPOSTE NELLA COSTITUZIONE ITALIANA Le imposte

Dettagli

Società di capitali. Forma giuridica

Società di capitali. Forma giuridica Società di capitali Forma giuridica Le società di capitali sono definite tali in quanto in esse prevale l'elemento oggettivo, costituito dal capitale, rispetto a quello soggettivo rappresentato dai soci.

Dettagli

SOCIETÀ DI PERSONE. Società semplice (s.s.) Società in nome collettivo (s.n.c.) Società in accomandita semplice (s.a.s.) 2251-2290 c.c. 2291-2312 c.c.

SOCIETÀ DI PERSONE. Società semplice (s.s.) Società in nome collettivo (s.n.c.) Società in accomandita semplice (s.a.s.) 2251-2290 c.c. 2291-2312 c.c. SOCIETÀ DI PERSONE Società semplice (s.s.) 2251-2290 c.c. Società in nome collettivo (s.n.c.) 2291-2312 c.c. Società in accomandita semplice (s.a.s.) 2313-2324 c.c. SOCIETÀ SEMPLICE La società semplice

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

AGEVOLAZIONI ACQUISTO PRIMA CASA La Guida 2016

AGEVOLAZIONI ACQUISTO PRIMA CASA La Guida 2016 AGEVOLAZIONI ACQUISTO PRIMA CASA La Guida 2016 Notizie e ricerche a cura del Rag.Paolo Sardi In merito alla residenza ai fini del godimento delle agevolazioni fiscali I requisiti necessari per usufruire

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA DIRITTO CLASSE 3 INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: STATO E ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI VALUTARE FATTI E ORIENTARE I PROPRI COMPORTAMENTI IN BASE AD UN SISTEMA

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative lo scopo mutualistico cioè non perseguono (o non dovrebbero perseguire) il lucro o profitto come tutte le altre società/imprese, ma hanno l obiettivo

Dettagli

LA SOCIETA PER AZIONI UNIPERSONALE

LA SOCIETA PER AZIONI UNIPERSONALE LA SOCIETA PER AZIONI UNIPERSONALE di Claudio Venturi Sommario: 1. Premessa. 2. La disciplina attuale. 2.1. Nelle società per azioni. 2.2. Nelle società a responsabilità limitata. 3. La nuova disciplina.

Dettagli

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE.

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. STUDIO TRINCHERO Lo Studio Trinchero è una società di consulenza che tratta il tema della Proprietà Intellettuale specializzata nel deposito, mantenimento,

Dettagli

Diritto commerciale l. Lezione del 4/12/2015

Diritto commerciale l. Lezione del 4/12/2015 Diritto commerciale l Lezione del 4/12/2015 Associazioni e fondazioni Altre forme di esercizio collettivo dell impresa - Consorzi con attività esterna - GEIE - Impresa coniugale - Contratto di rete - Associazioni

Dettagli

Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone

Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone Genova, 13 Gennaio 2015 Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone Corso di preparazione alla professione di dottore commercialista ed esperto contabile 1 Quali

Dettagli

Forma giuridica dell impresa

Forma giuridica dell impresa Forma giuridica dell impresa Quando una impresa si costituisce deve affrontare il problema di quale forma giuridica scegliere: Impresa individuale Società di persone (S.s., S.n.c., S.a.s.) Società di capitali

Dettagli

IL CONTRATTO DI RETE ED IL RUOLO DEL NOTAIO. Massimo Stefani Vicenza, 23 gennaio 2012

IL CONTRATTO DI RETE ED IL RUOLO DEL NOTAIO. Massimo Stefani Vicenza, 23 gennaio 2012 IL CONTRATTO DI RETE ED IL RUOLO DEL NOTAIO Massimo Stefani Vicenza, 23 gennaio 2012 CONTRATTI DI RETE Art. 3, comma 4-ter D.L. 5/2009, convertito, con modificazioni, dalla Legge 33/2009, norma successivamente

Dettagli

Le creazioni intellettuali

Le creazioni intellettuali Le creazioni intellettuali (a) Opere dell ingegno (campo culturale) (b) (campo della tecnica) Invenzioni industriali diritto d autore (art. 2575 ss. c.c.; l. 633/1941 c.d. legge autori) brevetto (art.

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo DENIGRAZIONE E APPROPRIAZIONE DI PREGI a) diffusione di notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull'attività

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 DIRITTO E NORMA

INDICE SOMMARIO. Parte prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 DIRITTO E NORMA INDICE SOMMARIO Parte prima INTRODUZIONE Capitolo 1 DIRITTO E NORMA 1. Premessa... pag. 1 2. Significato corrente di «diritto»...» 2 3. Prescrizioni e regole...» 3 4. Le regole di diritto...» 7 5. L ordinamento

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA INTRODUZIONE Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO 1. Diritto, regola, norma... Pag. 1 2. L idea di «fonti del diritto»...» 3 3. L ordinamento giuridico...» 4 4. Le fonti del diritto

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INVENZIONI CONSEGUITE NELL AMBITO DELL UNIVERSITA DI LECCE (approvato con Del. n. 155 del C.d.A.

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INVENZIONI CONSEGUITE NELL AMBITO DELL UNIVERSITA DI LECCE (approvato con Del. n. 155 del C.d.A. REGOLAMENTO IN MATERIA DI INVENZIONI CONSEGUITE NELL AMBITO DELL UNIVERSITA DI LECCE (approvato con Del. n. 155 del C.d.A. del 27/06/02) TITOLO I - AMBITO DI APPLICAZIONE Art. 1 Finalità dell Università

Dettagli

I Venerdì dell Avvocatura

I Venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano Curia Arcivescovile Avvocatura I Venerdì dell Avvocatura Le successioni e le donazioni Introduzione 3 incontro 13 dicembre 2013 SUCCESSIONI La successione mortis causa rappresenta

Dettagli

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI.

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. 1 LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. Art. 1372 c.c.: forza vincolante del contratto. Contenuto: autonomia privata + fonti di integrazione: legge (anche buona fede), usi ed equità,

Dettagli

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole Testo aggiornato al 10 dicembre 2007 Decreto legislativo 2 Agosto 2007, n. 145 Gazzetta Ufficiale 6 Settembre 2007, n. 207 Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva

Dettagli

«VISION, STRATEGY, TEAM, ACTION. WITH US.» LA NOSTRA STORIA INIZIA COSì...

«VISION, STRATEGY, TEAM, ACTION. WITH US.» LA NOSTRA STORIA INIZIA COSì... «VISION, LA NOSTRA STORIA INIZIA COSì... STRATEGY, TEAM, ACTION. WITH US.» Work Revolution è in grado di proporre soluzioni innovative per la gestione delle esigenze di Personale; nasce dall unione di

Dettagli

LA LOCAZIONE, IL CONTRATTO DI AFFITTO DI RAMO D AZIENDA E LA GESTIONE ALBERGHIERA

LA LOCAZIONE, IL CONTRATTO DI AFFITTO DI RAMO D AZIENDA E LA GESTIONE ALBERGHIERA LA LOCAZIONE, IL CONTRATTO DI AFFITTO DI RAMO D AZIENDA E LA GESTIONE ALBERGHIERA LE SOMIGLIANZE E LE DIFFERENZE TRA LE FORME NEGOZIALI DI MAGGIOR UTILIZZO NEL MERCATO DEGLI AFFITTI Avv. Riccardo Delli

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA Articolo 1 1.1 E costituita, con il vincolo della appartenenza della maggioranza del capitale ad enti pubblici una società consortile per azioni denominata: CONSORZIO

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA

LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA 1 Persone giuridiche e soggetti no profit nel sistema giuridico italiano Nel sistema giuridico italiano sono previsti enti che hanno una soggettività

Dettagli

CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO

CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO INDICE-SOMMARIO XI PREFAZIONE Capitolo Primo IL CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO 1 Presentazione 2 1.1. Diritto privato e diritto pubblico 5 1.2. Fonti del diritto privato 6 1.3. La Costituzione

Dettagli

Profili della disciplina sulle banche. Lezione 1 1

Profili della disciplina sulle banche. Lezione 1 1 Profili della disciplina sulle banche Lezione 1 1 Testo Unico Bancario (D. lgs. n. 385 del 1993). Testo Unico Finanziario (D. lgs. n. 58 del 1998) La disciplina bancaria il Testo Unico Bancario: (art.

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

L avvio di un attività

L avvio di un attività Le forme societarie e le Condizioni di Equilibrio Economico/Finanziario Le Forme Societarie L avvio di un attività Avviare un attività d impresa è un sogno di tante persone che, per proprie attitudini,

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott. STEFANO BARELLI Dott.ssa ALESSANDRA NITTI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA Avvocato

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE PROCEDURE PER L AMMISSIONE A SOCIO DEL BANCO POPOLARE E FATTISPECIE CONNESSE

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE PROCEDURE PER L AMMISSIONE A SOCIO DEL BANCO POPOLARE E FATTISPECIE CONNESSE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE PROCEDURE PER L AMMISSIONE A SOCIO DEL BANCO POPOLARE E FATTISPECIE CONNESSE Approvato dal Consiglio di Amministrazione (data ultimo aggiornamento: marzo 2014) 1 Articolo 1.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 La separazione funzionale nel trasporto del gas

Dettagli

LEZIONE 30 ottobre 2013

LEZIONE 30 ottobre 2013 1 LEZIONE 30 ottobre 2013 FACTORING NOZIONE > è il contratto in forza del quale il factor (cessionario), solitamente un impresa, si impegna ad acquistare da un imprenditore, per un certo periodo (cedente

Dettagli

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE SCHEDA MONOGRAFICA TMG SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE Data aggiornamento scheda 15 novembre 2013 Redattore Ultimi interventi normativi Davide David D.L. 78/2010 (modifica dell art.

Dettagli

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP 2 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP DLgs. 446/97 3 Prassi C.M. 4.6.98 n. 141/E; C.M. 26.7.2000 n. 148/E; Circ. Agenzia delle Entrate 6.8.2007 n. 48; Circ. Agenzia delle Entrate 19.11.2007 n. 61; Circ. Agenzia

Dettagli