Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo In funzione dell Obbligo Formativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo In funzione dell Obbligo Formativo"

Transcript

1 PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo In funzione dell Obbligo Formativo Gruppo di Lavoro Servizio Formazione Professionale Mercoledì 23 marzo Camigliatello Silano Via Forgitelle c/o Comunità Montana Silana 2005 Gruppo di Lavoro - Provincia di Cosenza Documento di presentazione per la discussione. Ne è vietato gni altro uso, inclusa la riproduzione, modifica o distribuzione, senza preventiva autorizzazione della Provincia di Cosenza.

2 Struttura della Presentazione 1. Il progetto 2. Distretto territoriale di riferimento 3. Fonti utilizzate 4. Input utilizzati per la definizione della Proposta di Profili Professional 5. Proposta di Profili Professionali 6. Conclusioni

3 Il progetto 1. Il Progetto per la rivelazione del Fabbisogno Formativo in funzione dell Obbligo Formativo, è partito dalla suddivisione del territorio provinciale in cinque distretti, aggregando aree PIT limitrofe sulla base di alcuni tratti di omogeneità territoriale e socio economica. 2. Il Progetto, partendo dall analisi del contesto socio-economico delle Aree prese in considerazione, realizzata dai PIT, dal Progetto S.L.O.CS e desunta dall analisi dei dati forniti dall ISTAT, si è posto l obiettivo di individuare i profili professionali legati allo sviluppo economico dei vari PIT, ponendo una maggiore attenzione ai Profili relativi all Obbligo Formativo.

4 Distretto Territoriale di riferimento Il distretto preso in considerazione, è identificato dalle Aree PIT 8 Serre Cosentine e PIT 9 Sila

5 Fonti utilizzate Analisi Pit 8 Serre Cosentine Luglio 2002 Analisi Pit 9 Sila Luglio 2002 Elaborazione dati progetto S.L.O. CS Ottobre 2003 Dati ISTAT 2001

6 INPUT UTILIZZATI PER LA DEFINIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROFILI PROFESSIONALI (1 DI 4) Obiettivi di Sviluppo del PIT 8 Serre Cosentine 1) Recupero e valorizzazione dei centri storici al fine di attribuire agli stessi un ruolo primario nel processo di sviluppo dell offerta turistica. 2) Potenziamento e valorizzazione dell artigianato e dei prodotti tipici (fichi, castagne, salumi, olio di oliva, funghi, formaggi ecc.). 3) Potenziamento del settore industriale che prevede l utilizzo di sistemi ad alto contenuto tecnologico.

7 INPUT UTILIZZATI PER LA DEFINIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROFILI PROFESSIONALI (2 DI 4) Obiettivi di Sviluppo del PIT 9 Sila 1) Valorizzazione e tutela delle risorse naturali e ambientali dell area. 2) Valorizzazione e salvaguardia delle risorse culturali e architettoniche. 3) Potenziamento e valorizzazione del sistema produttivo locale.

8 Input utilizzati per la definizione della Proposta di Profili Professionali (3 di 4) Analisi delle Concentrazioni dei Settori Economici Area PIT 8 "Serre Cosentine" 17% 10% 40% 10% 23% Attività Commerciali Costruzioni Servizi alle Imprese Industrie manifatturiere (specializzate principalmente nella produzione agroalimentare) Altri Settori

9 Input utilizzati per la definizione della Proposta di Profili Professionali (4 di 4) Analisi delle Concentrazioni dei Settori Economici Area PIT 9 "Sila" 5% 4% 4% 3% 4% 14% 66% Imprese Agricole Attività Commerciali Costruzioni Servizi alle Imprese Industrie manifatturiere Alberghi ed esercizi legati al turismo Altri Settori

10 Proposta di Profili Professionali (1 di 6) AREA AGROALIMENTARE: 1. Addetto al Magazzino Prodotti Ortofrutticoli 2. Addetto lavorazione castagne 3. Addetto lavorazione fichi 4. Agricoltore Biologico 5. Esperto di marketing di prodotti Agro-Alimentari 6. Esperto nella Costituzione e Gestione di Impresa nel settore Agro-Alimentare 7. Itticoltore 8. Olivicoltore 9. Operatore Agricolo-Ambientale 10.Operatore Agro-Alimentare 11.Operatore Controllo Qualità nel settore Agro-Alimentare 12.Ortifloricoltore 13.Potatore 14.Tecnico per la Qualità Olearia

11 Proposta di Profili Professionali (2 di 6) AREA TURISTICA: 1. Accompagnatore a cavallo 2. Animatore del Tempo Libero 3. Cuoco 4. Esperto di turismo integrato 5. Guida di percorsi storico-culturali e religiosi 6. Guida Naturalistica 7. Guida Turistica 8. Operatore agrituristico 9. Operatore alla Promozione e all Accoglienza Turistica 10.Organizzatore di Congressi 11.Pasticciere 12.Pizzaiolo

12 Proposta di Profili Professionali (3 di 6) AREA AMBIENTE: 1. Esperto in gestione di impianti per il trattamento delle acque 2. Esperto in Sistemi di Gestione Ambientale 3. Operatore addetto alla rimozione-smaltimento-bonifica amianto 4. Operatore del verde 5. Operatore di parco naturale 6. Operatore Faunista 7. Tecnico Progettista di spazi verdi 8. Tecnico del risparmio energetico 9. Tecnico di gestione di problemi ambientali

13 Proposta di Profili Professionali (4 di 6) SERVIZI ALLE PERSONE: 1. Assistente nei servizi tutelari 2. Operatore addetto all Assistenza Domiciliare 3. Operatore di Comunità per Anziani

14 Proposta di Profili Professionali (5 di 6) AREA ARTIGIANATO: 1. Addetto al restauro dei tessuti 2. Assistente di cantiere edile 3. Carpentiere 4. Ceramista 5. Elettricista installatore 6. Falegname 7. Ferraiolo 8. Muratore in Genere 9. Piastrellista 10.Tecnico esperto nel rimessaggio barche 11.Tecnico restauratore centri storici

15 Proposta di Profili Professionali (6 di 6) AREA INFORMATICA: 1. Addetto al telelavoro 2. Addetto alla gestione di strumenti multimediali 3. Analista programmatore 4. Esperto di database 5. Esperto di grafica e multimedialità 6. Esperto di informatica e telematica nelle PMI 7. Esperto di reti 8. Esperto per la gestione di sistemi e-learning 9. Sviluppatore di applicazioni web 10.Tecnico Hardware 11.Web Content Manager 12.Web designer

16 Conclusioni Obiettivo ultimo dell incontro odierno è quello di attivare un tavolo di concertazione permanente che definisca i Profili Professionali da formare con maggiori possibilità di occupazione.

Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo In funzione dell Obbligo Formativo

Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo In funzione dell Obbligo Formativo PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo In funzione dell Obbligo Formativo Gruppo di Lavoro Servizio Formazione Professionale Amantea Convento S.Bernardino

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo Articolo 6 Misure Innovative. PROVINCIA di COSENZA

UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo Articolo 6 Misure Innovative. PROVINCIA di COSENZA UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo Articolo 6 Misure Innovative PROVINCIA di COSENZA P r o g e tt tt o A r tt ii c o ll o 6 F S E S.. L.. O.. C S S tt rr a tt e g ii e ll o c a ll ii p e rr ll ' o c

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE

PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE P.A.F.F. Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo in funzione dell Obbligo Formativo Distretto territoriale PIT 7 - Basso Tirreno e PIT 10 - Savuto

Dettagli

DENOMINAZIONE DEL CORSO: QUALIFICA E INDIRIZZI

DENOMINAZIONE DEL CORSO: QUALIFICA E INDIRIZZI NOTE ESPLICATIVE: DENOMINAZIONE DEL CORSO: QUALIFICA E INDIRIZZI 1. La presente tabella indica i codici, le denominazioni e le durate (se definite) di ogni qualifica / specializzazione / frequenza / patente

Dettagli

L Insegnamento delle discipline geografiche nell istruzione e formazione professionale Maria Teresa di Palma

L Insegnamento delle discipline geografiche nell istruzione e formazione professionale Maria Teresa di Palma ISTITUTI PROFESSIONALI Statali Denominazione materia Abilitazione 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Insegnamenti COMUNI Scienze della Terra e biologia 60 3 3 - - - Materie di indirizzo: Settore agro-alimentare

Dettagli

2) SPECTRA S.A.S. DI RUSSO MICHELE

2) SPECTRA S.A.S. DI RUSSO MICHELE 2) SPECTRA S.A.S. DI RUSSO MICHELE 1) ADDETTO AGENZIE TURISTICHE C 1701/01 Q/A 600 I 2) ADDETTO AI SERVIZI BIBLIOTECARI C 2701/01 Q/A 600 II 3) 4) ADDETTO ALLA DIREZIONE E GESTIONE DI IMPRESA SOCIALE ADDETTO

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE

PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE P.A.F.F. Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo in funzione dell Obbligo Formativo Distretto territoriale 1 - PIT 3 e PIT 4 Risultati dell analisi

Dettagli

1. Ragioneria Indirizzo tradizionale, amministrativo e mercantile

1. Ragioneria Indirizzo tradizionale, amministrativo e mercantile 1. Ragioneria Indirizzo tradizionale, amministrativo e mercantile Fanno parte di questo gruppo i seguenti titoli: Ragioniere Ragioniere, indirizzo amministrativo- Aziende che assumono I settori coinvolti

Dettagli

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER Programma di Sviluppo Locale BASSO TIRRENO COSENTINO SCHEDA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

ACCREDITAMENTO SEDI FORMATIVE E CERTIFICAZIONE DI QUALITA UNI EN ISO 9001

ACCREDITAMENTO SEDI FORMATIVE E CERTIFICAZIONE DI QUALITA UNI EN ISO 9001 Provincia di Cosenza Assessorato alla Formazione Professionale e Mercato del Lavoro SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE (Dirigente Avv. Gaetano Pignanelli) ACCREDITAMENTO SEDI FORMATIVE E CERTIFICAZIONE DI

Dettagli

Giunta Regionale della Campania AGC 17 - Settore Formazione Professionale autorizzazioni corsi autofinanziati 2011/13 Enti accreditati 1) A. S. A. S.

Giunta Regionale della Campania AGC 17 - Settore Formazione Professionale autorizzazioni corsi autofinanziati 2011/13 Enti accreditati 1) A. S. A. S. 1) A. S. A. S. C.DA ROTOLA SNC ZONA IND.LE 82010 - CEPPALONI tel. 0824/21229 1) ACCONCIATORE L.174/2005 C 2) ACCONCIATORE - SPECIALIZZAZIONE L.174/2005 C 1601-1602/01 1601-1602/02 Q/B 1800 I Q/A 900 I

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE G. PUECHER - ERBA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCELTE E PERCORSI DOPO LA TERZA MEDIA

SCUOLA MEDIA STATALE G. PUECHER - ERBA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCELTE E PERCORSI DOPO LA TERZA MEDIA SCUOLA MEDIA STATALE G. PUECHER - ERBA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCELTE E PERCORSI DOPO LA TERZA MEDIA 1 LA SCUOLA ITALIANA 10 ANNI DI DIRITTO-DOVERE DI FORMAZIONE: dalla SCUOLA PRIMARIA fino a 17 o 18

Dettagli

Elenco Profili per Area Economico-Professionale

Elenco Profili per Area Economico-Professionale Elenco Profili per Area Economico-Professionale AEP - Agricoltura, zootecnia, silvicoltura Florovivaista Giardiniere Operatore agricolo Operatore della manutenzione dei boschi Operatore di allevamento

Dettagli

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres Contenuti del seminario 3 Modello I PFSL: un nuovo modello di intervento per contrastare la crisi a favore dello sviluppo locale Esperienze L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo Focus Area di Crisi

Dettagli

Provincia di Imperia

Provincia di Imperia FORMAZIONE PROFESSIONALE ENTE TITOLO POSTI DURATA SCADENZA INFO SEDI DESTINATARI NOTE -INSTALLATORE DI IMPIANTI ELETTRICI CIVILI aziendale -INSTALLATORE DI IMPIANTI ELETTRICI CIVILI 15 600 ore - 4 520

Dettagli

DGR 1678/10. Fase 4: Il Laboratorio delle Professioni di domani Elenco completo figure per Commissione di Concertazione e successiva DGR)

DGR 1678/10. Fase 4: Il Laboratorio delle Professioni di domani Elenco completo figure per Commissione di Concertazione e successiva DGR) DGR 1678/10 Fase 4: Il Laboratorio delle Professioni di domani Elenco completo figure per Commissione di Concertazione e successiva DGR) Gennaio 2012 Lista Completa del Repertorio delle Figure Professionali

Dettagli

architettoniche, del design e storico artistiche

architettoniche, del design e storico artistiche Codice Denominazione A 01 Arte e immagine nella scuola secondaria di primo grado Scuola secondaria di I grado Arte e immagine Allegato A A 02 Danza classica Liceo Musicale e coreutico sezione coreutica

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI. Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne»

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI. Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne» Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4645 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne» Presentata

Dettagli

Profili professionali di "addetto" del repertorio regionale. PROFILI PROFESSIONALI DEL REPERTORIO REGIONALE - ADDETTO (II livello)

Profili professionali di addetto del repertorio regionale. PROFILI PROFESSIONALI DEL REPERTORIO REGIONALE - ADDETTO (II livello) ACCONCIATURA ESTETICA Acconciatura ADDETTO PARRUCCHIERE UNISEX 1800 ACCONCIATURA ESTETICA Estetica, massaggio ESTETISTA (ADDETTO) 1800 ACCONCIATURA ESTETICA Estetica, massaggio ADDETTO AL TRUCCO CON DERMOPIGMENTAZIONE

Dettagli

1.3 - SERVIZI 1.3.1 - PERSONALE 1.3.1.1

1.3 - SERVIZI 1.3.1 - PERSONALE 1.3.1.1 1.3 - SERVIZI 1.3.1 - PERSONALE 1.3.1.1 Q.F. PREVISTI IN PIANTA IN SERVIZIO ORGANICA NUMERO 1 6 6 4 6 6 5 5 5 6 4 2 7 4 3 8 1 1 9 1 1 TOTALE 27 24 1.3.1.2 - Totale personale al 31/12/2012 dell'anno precedente

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Rilevazione del Fabbisogno Formativo del territorio Provinciale 2011

Rilevazione del Fabbisogno Formativo del territorio Provinciale 2011 Provincia di Cosenza Assessorato alla Formazione Professionale e Mercato del Lavoro SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE (Dirigente Avv. Gaetano Pignanelli) Rilevazione del Fabbisogno Formativo del territorio

Dettagli

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti:

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti: UTILIZZO della MISURA 311 del PSR MISURA 311 B ENERGIA - Azione 1 Sistemi Verdi e Biodiversita : Diversificazione delle attività agricole, realizzazione di attività con fonti di energia rinnovabili MISURA

Dettagli

S.P.M. SCUOLA PROFESSIONALE MODA

S.P.M. SCUOLA PROFESSIONALE MODA A.G.C.7 Settore Formazione Professionale autorizzazioni corsi autofinanziati 0/03 S.P.M. SCUOLA PROFESSIONALE MODA VIA VOLTURNO, 3 CASORIA 8006 TEL. 08/5403 DESIGNER DI MODA 50/0 Q/A 400 I B MODELLISTA

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

ELENCO COMPARTI / AREE PROFESSIONALI

ELENCO COMPARTI / AREE PROFESSIONALI ELENCO COMPARTI / AREE PROFESSIONALI COMPARTO LAVORI D'UFFICIO STUDI PROFESSIONALI AREA PROFESSIONALE Segreteria e area impiegatizia Impiegato d'ordine in genere Segretario Segretario cassa ed amm.ne Impiegato

Dettagli

All. 4 ELENCO COMPARTI / AREE PROFESSIONALI

All. 4 ELENCO COMPARTI / AREE PROFESSIONALI All. 4 ELENCO COMPARTI / AREE PROFESSIONALI COMPARTO LAVORI D'UFFICIO STUDI PROFESSIONALI Segreteria e area impiegatizia Addetto ai lavori di amministrazione e contabilità Addetto all'ufficio tecnico Studi

Dettagli

MULTICENTER SCHOOL s. r. l.

MULTICENTER SCHOOL s. r. l. MULTICENTER SCHOOL s. r. l. Natura giuridica: Società a Responsabilità Limitata Rappresentante Legale: Schioppo Luigi, Sede Legale: Via San Donato, 17 Città: Napoli C.a.p. 80126 Tel. 0815882125 0815262724

Dettagli

IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA

IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : il SISTEMA AGROALIMENTARE come RISORSA per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA VERSO Gennaio 2014 A cura di: Fondazione Cogeme Onlus Federazione Provinciale Coldiretti

Dettagli

Glossario delle Aree di Studio (*)

Glossario delle Aree di Studio (*) Glossario delle Aree di Studio (*) Glossario Aree di studio Istituti Tecnici AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei

Dettagli

La sede selezionata svolge corsi di formazione relativi alle seguenti aree professionali:

La sede selezionata svolge corsi di formazione relativi alle seguenti aree professionali: La sede selezionata svolge corsi di formazione relativi alle seguenti aree professionali: Settore Comparto Profilo formativo ABBIGLIAMENTO ALIMENTARE ALIMENTARE Operatore dell'abbigliamento Confezioni

Dettagli

REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI

REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI per L ATTIVAZIONE DEI TIROCINI (a seguito della direttiva del DG del Dip.Lavoro prot 43881/US1/2013 del 25/07/2013: tirocini formativi direttiva applicativa

Dettagli

IL BILANCIO DELLE EDIZIONI PRECEDENTI DI LEADER

IL BILANCIO DELLE EDIZIONI PRECEDENTI DI LEADER IL BILANCIO DELLE EDIZIONI PRECEDENTI DI LEADER INDICE 1. Il primo Leader p. 3 2. Il Leader II 3 2 1. Il primo Leader L iniziativa Leader (Liaison Entre Actions de Développement de l Economie Rurale ovvero

Dettagli

FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020. dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37

FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020. dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37 FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020 dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37 1) DOTAZIONE FINANZIARIA UE 95,3 MILIARDI EURO Italia 10,4 MILIARDI EURO + cofinanziamento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI

ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI A LLEGATO B ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI ALLEGATO B1 Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica - Opzione:

Dettagli

LABORATORIO DIDATTICO SULL INNOVAZIONE ECO-SOSTENIBILE NELLE FILIERE AGRO-ALIMENTARI IN REGIONE CALABRIA PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ

LABORATORIO DIDATTICO SULL INNOVAZIONE ECO-SOSTENIBILE NELLE FILIERE AGRO-ALIMENTARI IN REGIONE CALABRIA PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ LUNEDÌ 29 GIUGNO 2015 ORE 10:00 LABORATORIO DIDATTICO SULL INNOVAZIONE ECO-SOSTENIBILE NELLE FILIERE AGRO-ALIMENTARI IN REGIONE CALABRIA PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ www.algencal.it PROGETTO DI UN SISTEMA

Dettagli

La Cets come metodo di lavoro

La Cets come metodo di lavoro Dalla CETS al Qualità Parco : l esperienza di un rapporto positivo tra operatori privati e Pnab 1 1 La Cets come metodo di lavoro La Carta europea del turismo sostenibile 2 progetto reale e condiviso con

Dettagli

Attività di monitoraggio esiti occupazionali della formazione professionale 2000-2001 Sintesi - Giugno 2004

Attività di monitoraggio esiti occupazionali della formazione professionale 2000-2001 Sintesi - Giugno 2004 Attività di monitoraggio esiti occupazionali della formazione professionale 2-21 Sintesi - Giugno 24 1. Costruzione banca dati allievi, partendo dall archivio corsi FP 2 2. Realizzazione indagine censuaria

Dettagli

PROSPETTIVE FUTURE PER SCELTE CONSAPEVOLI. La chiave per il tuo futuro

PROSPETTIVE FUTURE PER SCELTE CONSAPEVOLI. La chiave per il tuo futuro PROSPETTIVE FUTURE PER SCELTE CONSAPEVOLI La chiave per il tuo futuro IMPEGNO INFORMAZIONE CURIOSITA RESPONSABILITA PASSIONE RICERCA RESPONSABILITA PASSIONI DA COLTIVARE COLLOCAZIONE SUL TERRITORIO SCELTE

Dettagli

Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi

Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi 01 Servizi istituzionali, generali e di gestione 01 Organi istituzionali Beni e servizi costo: 157.246,06 Beni e servizi costo: 16.519.667,82

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

BOZZA PROVVISORIA PER LA DISCUSSIONE

BOZZA PROVVISORIA PER LA DISCUSSIONE BOZZA PROVVISORIA PER LA DISCUSSIONE ISTITUTI TECNICI PROFILI DEGLI INDIRIZZI SETTORE ECONOMICO Indirizzi: 1 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING 2 - TURISMO SETTORE TECNOLOGICO Indirizzi: 3 - MECCANICA,

Dettagli

PROVINCIA DI FERRARA

PROVINCIA DI FERRARA PROVINCIA DI FERRARA Offerta formativa rivolta a persone inoccupate o disoccupate Programma Operativo Regionale Fondo sociale europeo 2014/2020 Obiettivo Tematico 8 - Priorità di investimento 8.1 Approvata

Dettagli

I NUMERI DEL SISTEMA FOOD MILANO

I NUMERI DEL SISTEMA FOOD MILANO I NUMERI DEL SISTEMA FOOD MILANO Produzione Superficie agricola nel Comune di Milano: 49,2% (8.948 ettari) nel 1955 21,9% ( 3.988 ettari) nel 1999 19% (3.448 ettari) nel 2012 Distretti agricoli: 1 distretto

Dettagli

Giunta Regionale della Campania AGC 17 - Settore Formazione Professionale autorizzazioni corsi autofinanziati 2011/13 Enti accreditati 1) A. N. S. I.

Giunta Regionale della Campania AGC 17 - Settore Formazione Professionale autorizzazioni corsi autofinanziati 2011/13 Enti accreditati 1) A. N. S. I. 1) A. N. S. I. VIA FOSCHINI, N. 33 82100 - BENEVENTO tel. 0824/31108 1) ADDETTO GESTIONE CONDOMINI A 1902/01 Q/A 400 II 2) 3) AGENTE AFFARI IN MEDIAZIONE (PROP.) - L. 39/89 ART. 3 E S.M.I. AGENTE E RAPPRESENTANTE

Dettagli

Giunta Regionale della Campania AGC 17 - Settore Formazione Professionale autorizzazioni corsi autofinanziati 2011/13 Enti accreditati

Giunta Regionale della Campania AGC 17 - Settore Formazione Professionale autorizzazioni corsi autofinanziati 2011/13 Enti accreditati 1) A.C.I.I.E.F. VIA PARRILLO 80146 - NAPOLI tel. 081/7529695 1) ACCOMPAGNATORE SUBACQUEO PER PERSONE DISABILI C 1803/4 Q/A 600 II 2) ACCONCIATORE - (FORMAZIONE TEORICA) L.174/2005 ART. 3 COMMA 1 LETT.B

Dettagli

DGR 404/2010 Progetto Regionale Laboratorio delle Professioni di domani

DGR 404/2010 Progetto Regionale Laboratorio delle Professioni di domani DGR 404/2010 Progetto Regionale Laboratorio delle Professioni di domani Repertorio Ligure delle Figure Professionali Elenco n. 188 Figure Professionali VISTO il Piano Triennale regionale dell istruzione

Dettagli

Totale* 213. In casa 140

Totale* 213. In casa 140 Firenze, 11 aprile 2015 I CONSUMI ALIMENTARI DELLE FAMIGLIE (valori in Mld. di euro correnti anno 2014) Totale* 213 In casa 140 Fuori casa 73 * escluse bevande alcoliche Fonte: elaboraz. C.S. Fipe su dati

Dettagli

Valorizzazione e tutela dell ambiente e del territorio montano

Valorizzazione e tutela dell ambiente e del territorio montano Corso di laurea triennale Scienze Agrarie e Alimentari Valorizzazione e tutela dell ambiente e del territorio montano Anno Accademico 201/201 Corso di Laurea Triennale in VALORIZZAZIONE E TUTELA DELL AMBIENTE

Dettagli

DGR N. 1290 DEL 13/09/2011 AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE CATALOGO PERCORSI FORMATIVI SETTORIALI E SPECIALISTICI

DGR N. 1290 DEL 13/09/2011 AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE CATALOGO PERCORSI FORMATIVI SETTORIALI E SPECIALISTICI DGR 1290 DEL 13/09/11 AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE CATALOGO PERCORSI FORMATIVI SETTORIALI E SPECIALISTICI Proposte di inserimento nel catalogo che hanno superato l'istruttoria di ta' e la valutazione

Dettagli

P.O. FSE Abruzzo 2007/2013 - PROGETTO SPECIALE MULTIASSE Turismo e accoglienza Piano Operativo 2011-2013 Linea di intervento 6 Asse 1 Adattabilità

P.O. FSE Abruzzo 2007/2013 - PROGETTO SPECIALE MULTIASSE Turismo e accoglienza Piano Operativo 2011-2013 Linea di intervento 6 Asse 1 Adattabilità P.O. FSE Abruzzo 2007/2013 - PROGETTO SPECIALE MULTIASSE Turismo e accoglienza Piano Operativo 2011-2013 Linea di intervento 6 Asse 1 Adattabilità Asse 2 Occupabilità - determinazione dirigenziale n. 171/DL9

Dettagli

Agroalimentare di qualità e turismo Quali modelli di integrazione per lo sviluppo?

Agroalimentare di qualità e turismo Quali modelli di integrazione per lo sviluppo? Mare, terra, filiera corta: quali opportunità per l agroalimentare costiero di qualità? Olbia, 17 giugno 2011 Agroalimentare di qualità e turismo Quali modelli di integrazione per lo sviluppo? Pietro Pulina

Dettagli

MASTERPLAN DEL CARSO Progetto per lo sviluppo rurale dell area del Carso Triestino 2012-2016

MASTERPLAN DEL CARSO Progetto per lo sviluppo rurale dell area del Carso Triestino 2012-2016 MASTERPLAN DEL CARSO Progetto per lo sviluppo rurale dell area del Carso Triestino 2012-2016 (La presentazione è su sfondo scuro per risparmio energetico) Come nasce il Masterplan del Carso? Predisposto

Dettagli

Un Repertorio delle professioni da cui ripartire per allineare domanda e offerta di lavoro

Un Repertorio delle professioni da cui ripartire per allineare domanda e offerta di lavoro www.fareapprendistato.it, 19 dicembre 2011 Un Repertorio delle professioni da cui ripartire per allineare domanda e offerta di lavoro di Francesca Fazio Uno dei principali problemi del mercato del lavoro

Dettagli

RILEVAZIONE DEI CORSI DI PROFESSIONALIZZAZIONE NEI CORSI POST-QUALIFICA DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE PROVINCIA PERUGIA ANNO SCOLASTICO 2007/2008

RILEVAZIONE DEI CORSI DI PROFESSIONALIZZAZIONE NEI CORSI POST-QUALIFICA DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE PROVINCIA PERUGIA ANNO SCOLASTICO 2007/2008 SERVIZIO ISPETTIVO RILEVAZIONE DEI CORSI DI PROFESSIONALIZZAZIONE NEI CORSI POST-QUALIFICA DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE PROVINCIA PERUGIA ANNO SCOLASTICO 2007/2008 INDIRIZZO STUDI III AREA CL.ASSI 4 N.

Dettagli

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA GRUPPO D AZIONE LOCALE SARRABUS GERREI TREXENTA CAMPIDANO DI CAGLIARI Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 Presentazione

Dettagli

Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili

Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili Classi di concorso Ore annue DISCIPLINE primo biennio secondo biennio quinto anno 1^ 2^ 3^

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 1. TECNICO EDILE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori.

Dettagli

IL Gruppo di Azione Locale COLLI ESINI - S. VICINO

IL Gruppo di Azione Locale COLLI ESINI - S. VICINO IL Gruppo di Azione Locale COLLI ESINI - S. VICINO Il GAL Colli Esini S. Vicino nasce nel 1991, per partecipare alla 1 Iniziativa Comunitaria LEADER (1991-1993). La sua costituzione è promossa da: Comuni

Dettagli

1) ASSOCIAZIONE PROFESSIONE E CULTURA

1) ASSOCIAZIONE PROFESSIONE E CULTURA 1) ASSOCIAZIONE PROFESSIONE E CULTURA Via F. Maranta 81056 - SPARANISE tel. 0823/882257 1) Acconciatore L.174/2005 C 1601-1602/01 Q/B 1800 I 2) Addetto Prevenzione e Incendi, Lotta Antincendio e Gestione

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future Roma - 25 novembre 2014 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti

Dettagli

1 Contributo a fondo perduto fino a 7.000,00 per la redazione dei Piani di Azione per l'energia sostenibile (PAES).

1 Contributo a fondo perduto fino a 7.000,00 per la redazione dei Piani di Azione per l'energia sostenibile (PAES). 1 Contributo a fondo perduto fino a 7.000,00 per la redazione dei Piani di Azione per l'energia sostenibile (PAES). BENEFICIARI: Ente pubblico SPESE FINANZIATE: Risparmio energetico/fonti rinnovabili BANDO

Dettagli

Enti con accreditamento in fase di rinnovo 1) ASTRA MODA RICERCA E FORMAZIONE S.A.S.

Enti con accreditamento in fase di rinnovo 1) ASTRA MODA RICERCA E FORMAZIONE S.A.S. 1) ASTRA MODA RICERCA E FORMAZIONE S.A.S. VIA PIETRO NENNI, 12/14 80011 - ACERRA tel. 081/5200206 1) Acconciatore L.174/2005 C 2) Acconciatore - Specializzazione L.174/2005 C 1601-1602/01 1601-1602/02

Dettagli

GARANZIA GIOVANI Corsi di formazione attivabili

GARANZIA GIOVANI Corsi di formazione attivabili GARANZIA GIOVANI Corsi di formazione attivabili Denominazione Addetto alla logistica nelle aziende nautiche e aeronautiche Disegnatore (per sistemi meccanici, nautici e aeronautici) Montatore aeronautico

Dettagli

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI NEWSLETTER n. 1 FEBBRAIO 2016 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire l idonea

Dettagli

Allegato A: Settore Economico

Allegato A: Settore Economico Allegato A: Settore Economico Codice Settore Economico 0Pesca 1Agricoltura e caccia 2Foreste 4Attività connesse con l'agricoltura 11Ind. estrazione agglomerazione di combustibili sol 12Cokerie (anche annesse

Dettagli

Regione Emilia-Romagna

Regione Emilia-Romagna Regione Emilia-Romagna ) Azione 2 - Percorsi di Formazione Superiore e di Alta Formazione Ambito Settoriale - compatibili - In attuazione della Delibera di Giunta n. 128/2010 795/RER/1 808/RER/2 553 Consorzio

Dettagli

I percorsi di formazione professionale post diploma e post laurea

I percorsi di formazione professionale post diploma e post laurea I percorsi di formazione professionale post diploma e post laurea Servizio Formazione Professionale - Provincia di Torino Giovedì 2 ottobre 2014 Salone dello Studente - Torino Sapete che dopo le scuole

Dettagli

P.R.O.F. 2003 - PROGETTI FINANZIATI COERENTI CON LA MISURA 3.03 DEL POR SICILIA 2000-2006 (Allegato E) COSTO PUBBLICO COF ENTE AMMISS.

P.R.O.F. 2003 - PROGETTI FINANZIATI COERENTI CON LA MISURA 3.03 DEL POR SICILIA 2000-2006 (Allegato E) COSTO PUBBLICO COF ENTE AMMISS. 1999/IT.16.1.PO.011/3.03/7.2.4/0051 CT 007 CT CT 1999/IT.16.1.PO.011/3.03/7.2.4/0052 AC CAP CL 008 ACI CL OPERATORE CONTABILITA' INFORMATIZZATA PER PMI 60.000,00 83 15 500 42.000,00 12.600,00 5.400,00

Dettagli

Il successo di un distretto: il caso del Parco Agro alimentare di San Daniele

Il successo di un distretto: il caso del Parco Agro alimentare di San Daniele Il successo di un distretto: il caso del Parco Agro alimentare di San Daniele Il Distretto di San Daniele è caratterizzato da PECULIARITÀ FORTI: AMBIENTE INTEGRO PRODUZIONI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE PECULIARITA

Dettagli

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 PSR 2014-2020 Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 RUOLO DEI COMUNI Ente pubblico: Comune, Ente gestore Macro aree, Provincia,... Comune: 1) Beneficiario diretto 2) Partner 3) Programmatore / facilitatore

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Provincia di Imperia

Provincia di Imperia REGIONE LIGURIA Provincia di Imperia Assessorato alla Formazione Professionale, Sviluppo occupazionale e Servizi per l impiego Settore Politiche attive per il lavoro, Formazione professionale, Servizi

Dettagli

ISFOL ORFEO - archivio Corsi Settori Isfol/Istat

ISFOL ORFEO - archivio Corsi Settori Isfol/Istat SUB-SETT 0101 AGRICOLTURA: CONDUZIONE AMMINISTRAZIONE COMMERCIALIZZAZIONE A01 AGRICOLTURA, CACCIA E RELATIVI SEVIZI 0102 AGRICOLTURA: ZOOTECNICA A01 AGRICOLTURA, CACCIA E RELATIVI SEVIZI 0103 AGRICOLTURA:

Dettagli

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Obiettivo Investimenti per la Crescita e l Occupazione Siena, 27 marzo 2015 Monica Bartolini, Ilaria Buselli Ufficio Autorità di Gestione POR FESR

Dettagli

GLI SCENARI. 3. L analisi SWOT

GLI SCENARI. 3. L analisi SWOT 3. L analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. E una tecnica sviluppata da più di 50 anni come supporto

Dettagli

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050)

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone. (ex M. 313, M. 321, M. 322, 323, artt. 19 e 20 Reg. UE 1305/2013) TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) Per le spese ammissibili

Dettagli

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Campagna finanziata dall Unione Europea e dall Italia Chi siamo AIPO è un Unione Nazionale di Associazioni provinciali

Dettagli

Rete civica Alimentare

Rete civica Alimentare per l innovazione della città CHANGE MILANO è un iniziativa del Partito Democratico: un piano di progetti d innovazione per il governo della Città Rete civica Alimentare Prodotti locali low-cost Risparmio

Dettagli

Infrastrutture verdi e greening in agricoltura: un ambito di contatto tra fondi SIE europei 2014-2020 e nuova PAC

Infrastrutture verdi e greening in agricoltura: un ambito di contatto tra fondi SIE europei 2014-2020 e nuova PAC Convegno CATAP Riflessi della nuova Politica Agricola Comune 2014-2020 sull ambiente e sul paesaggio in Italia. Roma, 19 giugno 2014 Infrastrutture verdi e greening in agricoltura: un ambito di contatto

Dettagli

Circuito turistico integrato

Circuito turistico integrato ospiti di valore Circuito turistico integrato Terre di Siena Ospiti di Valore Codice di comportamento Art. 1 - Valori delle Terre di Siena Lo sviluppo economico delle Terre di Siena dipende dalla capacità

Dettagli

QUALIFICA PAT CODICE QUALIFICA ADELINE 2008 DESCRIZIONE QUALIFICA ADELINE 2008. Agente forestale 5.5.4.2.6 GUARDIA FORESTALE

QUALIFICA PAT CODICE QUALIFICA ADELINE 2008 DESCRIZIONE QUALIFICA ADELINE 2008. Agente forestale 5.5.4.2.6 GUARDIA FORESTALE QUALIFICA PAT CODICE QUALIFICA ADELINE 2008 DESCRIZIONE QUALIFICA ADELINE 2008 ADDETTO AI SERVIZI AUSILIARI 8.1.1.1.25 USCIERE Agente forestale 5.5.4.2.6 GUARDIA FORESTALE AIUTO CUOCO AD ES. 5.2.2.1.6

Dettagli

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese Manifesto per l adesione delle aziende Il Distretto Neorurale delle tre acque di Milano

Dettagli

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Assessorato allo Sviluppo della Montagna e alle Foreste Incontro

Dettagli

Attività/ settori economici

Attività/ settori economici 1 PRIMARIO SECONDARIO Attività/ settori economici TERZIARIO 2 ATTIVITA ECONOMICHE: Servono ad organizzare le risorse disponibili per soddisfare i BISOGNI dell uomo. BISOGNO: tutto ciò di cui l uomo ha

Dettagli

Tecnico edile. Standard della Figura nazionale

Tecnico edile. Standard della Figura nazionale Tecnico edile Standard della Figura nazionale 1 Denominazione della figura TECNICO EDILE Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate 61 Artigiani e operai specializzati dell industria

Dettagli

Patto per il Biellese

Patto per il Biellese Patto per il Biellese INTEGRAZIONE TRA I PIANI DI SVILUPPO SOCIO ECONOMICO DELLE COMUNITA MONTANE DOCUMENTO REDATTO DAL GRUPPO DI LAVORO INTEGRAZIONE TRA I PSSE DELLE COMUNITÀ MONTANE (Approvato dal Tavolo

Dettagli

Progetto di Confcommercio Lombardia Meglio Insieme - Better Together. La costruzione di una Rete: l esperienza di Regione Lombardia

Progetto di Confcommercio Lombardia Meglio Insieme - Better Together. La costruzione di una Rete: l esperienza di Regione Lombardia Progetto di Confcommercio Lombardia Meglio Insieme - Better Together La costruzione di una Rete: l esperienza di Regione Lombardia Programma per la realizzazione di reti d Impresa denominato ERGON Azione

Dettagli

Provincia di Foggia DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. Formazione Professionale. n. 3797/10/MC Reg. Deter. Foggia, 22 dicembre 2011

Provincia di Foggia DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. Formazione Professionale. n. 3797/10/MC Reg. Deter. Foggia, 22 dicembre 2011 Provincia di Foggia DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Formazione Professionale n. 3797/10/MC Reg. Deter. Foggia, 22 dicembre 2011 Oggetto: Approvazione graduatoria dei progetti di cui all avviso

Dettagli

Parc Adula Progetto di parco nazionale. Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi

Parc Adula Progetto di parco nazionale. Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi Parc Adula Progetto di parco nazionale Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi 1 Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi, Associazione Parc Adula, Marzo 2011 Missione Il progetto Parc Adula si prefigge

Dettagli

Distretto Rurale. Franciacorta, Sebino e Valle Trompia GAL GÖLEM

Distretto Rurale. Franciacorta, Sebino e Valle Trompia GAL GÖLEM Distretto Rurale Franciacorta, Sebino e Valle Trompia GAL GÖLEM Introduzione I principali riferimenti normativi per l individuazione, l istituzione e la disciplina dei distretti agricoli sono: - A livello

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

I corsi di formazione professionale 2012 2013

I corsi di formazione professionale 2012 2013 Provincia di Pesaro e Urbino Assessorato Formazione Professionale e Politiche del Lavoro I corsi di formazione professionale 2012 2013 I corsi di formazione di media e lunga durata (da 36 a 600 ore) rivolti

Dettagli

ASSE I Pag Titolo Iscrizioni Selezione Periodo di Svolgimento. 1 edizione: 27 settembre 17 ottobre 2012 2 edizione: 18 ottobre 25 gennaio 2013

ASSE I Pag Titolo Iscrizioni Selezione Periodo di Svolgimento. 1 edizione: 27 settembre 17 ottobre 2012 2 edizione: 18 ottobre 25 gennaio 2013 Fiorentina Sud POR FSE 00-0 Fondo Sociale Europeo Programma Operativo Regione Toscana CENTRI FORMATIVI TERRITORIALI AREA FIRENZE SUD Inserto Informativo ASSE I Pag Titolo Iscrizioni Selezione Periodo di

Dettagli

PROVINCIA DI AREZZO U.O. PROGRAMMAZIONE SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE E OSSERVATORIO MERCATO LAVORO INDIVIDUAZIONE PRIORITA FORMATIVE

PROVINCIA DI AREZZO U.O. PROGRAMMAZIONE SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE E OSSERVATORIO MERCATO LAVORO INDIVIDUAZIONE PRIORITA FORMATIVE PROVINCIA DI AREZZO U.O. PROGRAMMAZIONE SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE E OSSERVATORIO MERCATO LAVORO INDIVIDUAZIONE PRIORITA FORMATIVE BANDO MULTIMISURA 2004 30 OTTOBRE 2003 Priorità formative Premessa

Dettagli

Nasce novità Obiettivo

Nasce novità Obiettivo Il Progetto Nasce la Cooperativa nel Giugno 2003 La novità dell iniziativa sta nel desiderio di questi ragazzi di non abbandonare il luogo in cui sono nati e cresciuti per trovare lavoro, ma di sfruttare

Dettagli