A cura di VERONICA VECCHI Area Public Management & Policy

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A cura di VERONICA VECCHI Area Public Management & Policy"

Transcript

1 I Osservatorio Leasing finanziario pubblico. Caratteristiche e modalità dell applicazione del leasing finanziario per la realizzazione di investimenti pubblici! A cura di VERONICA VECCHI Area Public Management & Policy MILANO, Luglio 2011

2 ! I CONTENUTI!!! ü Executive summary! ü Definizione e validazione di una metodologia per la raccolta e analisi delle operazioni di leasing nel Settore Pubblico! ü Il punto di vista degli stakeholders! ü Il punto di vista delle pa aggiudicatrici! ü appendice

3 Executive Summary! I vincoli di bilancio pos. dal Pa0o di Stabilità e la necessità di rispondere all obsolescenza del patrimonio pubblico hanno indo0o molte Amministrazioni, sopra0u0o a livello locale, a u.lizzare il leasing finanziario immobiliare, quale strumento di finanziamento e realizzazione delle opere e degli inves.men. pubblici. In par.colare, l u.lizzo del leasing è stato spinto dalla possibilità di contabilizzare i canoni come spesa corrente e dalla norma.va favorevole in materia di fotovoltaico (infad, come evidenziato dall analisi, la maggior parte dei bandi si riferiscono alla realizzazione di inves.men. in questo ambito, anche se il loro ammontare risulta circa un terzo rispe0o agli altri se0ori scuole, social housing, edilizia pubblica e a0rezzature sanitarie). Il leasing è stato, inoltre, par.colarmente apprezzato dalle amministrazioni locali per la realizzazione di medi inves.men. (l importo medio dei bandi è di circa 4 milioni di euro), secondo una procedura di gara basata sulle logiche conosciute dell appalto tradizionale di lavori e con la possibilità di realizzare opere chiavi in mano, con maggiori certezze sui tempi e sui cos. di realizzazione. Esso, infad, si è posto come alterna.va, da un lato, all appalto tradizionale finanziato con risorse proprie degli en. o con il ricorso al mutuo (la cui applicazione è fortemente vincolata dalle regole imposte dal Pa0o di Stabilità Interno); e, dall altro, a concessioni di costruzione e ges.one finanziate in project financing, più complesse da stru0urare e da ges.re e più onerose, sopra0u0o in riferimento alle opere di.po sociale (ovvero a tariffazione sull amministrazione). Con riferimento a quest ul.mo punto, va so0olineato come nel caso di concessioni di costruzione e ges.one finanziate in project financing, il canone di disponibilità a carico dell amministrazione concedente (a0raverso il quale si ripaga l inves.mento) sia sogge0o a una aliquota iva del 20%, generando così una diseconomia fiscale rispe0o al finanziamento tradizionale (con risorse proprie o con il mutuo) o al leasing stesso. Inoltre, nelle operazioni di project financing il costo medio ponderato del capitale può essere ben più elevato del tasso di un mutuo tradizionale s.pulato dall amministrazione o del tasso effedvo globale medio (TEGM) di un leasing, per il fa0o che la controparte è un sogge0o privato (la società di proge0o) con merito di credito inferiore rispe0o all amministrazione.

4 Se le amministrazioni hanno visto con favore questo strumento, nonostante molte preoccupazioni, rela.ve proprio ai potenziali o effedvi benefici dello strumento (rispedvamente, in relazione al trasferimento dei rischi e alla contabilizzazione); dall altro lato le società di leasing hanno cercato di comprendere le modalità per rendere compa.bile lo strumento con le esigenze delle amministrazioni e con i vincoli norma.vi e regolamentari a cui esse sono sogge0e. In questo contesto, inoltre, vanno considerate anche le posizioni dei costru0ori i quali, da un lato, vedono nel leasing finanziario la possibilità di realizzare inves.men. pubblici altrimen. difficilmente realizzabili (posizione analoga a quella delle amministrazioni) e, dall altro, risentono di un restringimento dell arena compe..va, per il fa0o che le società di leasing che operano in questo se0ore, con le quali s.pulare accordi di partecipazione alle gare, sono limitate (circa dieci dodici, con concentrazioni geografiche, specie nelle regioni del centro nord). Il leasing finanziario, inoltre, appare elemento di preoccupazione per le autorità centrali, come per esempio per la Corte dei Con., per l Autorità di Vigilanza sui Lavori Pubblici e per il Governo, sopra0u0o in relazione alle sue possibili applicazioni finalizzate a superare i vincoli pos. dal Pa0o di Stabilità, e quindi anche a inves.men. che non presentano le cara0eris.che adeguate per essere finanzia. con questo strumento (si veda per esempio la cri.cità posta dal trasferimento del diri0o superficie al sogge0o finanziatore evidenziata recentemente dai pareri della Corte dei Con.). Lo scenario è comunque in rapida evoluzione e forse con prospedve che ad oggi appaiono divergen.. Da un lato, anche in Italia come in Europa i principi contabili rela.vi al partenariato pubblico privato e al leasing tendono a seguire una logica di contabilizzazione basata sul modello del controllo piu0osto che su quello rischio rendimento, secondo l impostazione fornita dall'ed45 improvements to IPSASs , e comunque a recepire le indicazioni fornite dallo standard IPSAS Dall altro lato, il decreto sviluppo recentemente approvato 3, sembra voler s.molare ulteriormente il leasing, dando la possibilità, come nel project financing, agli operatori priva. di proporre alle amministrazioni la realizzazione di opere non inserite nella programmazione triennale. 1 L IPSAS è l International Public Sector Accounting Standard che ha recentemente avviato una iniziativa volta alla redazione di un principio contabile sulle concessioni. La bozza è contenuta nell Exposure Draft (ED) 43, comunque non ancora obbligatorio. 2 L'IPSAS 13 è lo standard contabile internazionale per il settore pubblico relativo alle operazioni di leasing; rappresenta l'omologo dello IAS 17 per il settore privato. 3 Decreto- legge 13 maggio 2011, n. 70 convertito con modificazione in legge 12 luglio 2011, n. 106, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 160 del

5 In questo contesto il Primo Osservatorio sul Leasing finanziario pubblico di Assilea e SDA Bocconi ha l obiedvo di (I) analizzare la consistenza di questo mercato e (II) raccogliere il punto di vista dei principali portatori di interesse, tra cui quello di un gruppo di amministrazioni aggiudicatrici, al fine di comprendere le possibili traie0orie di sviluppo del leasing finanziario per gli inves.men. pubblici. La ricerca è pertanto ar.colata in tre fasi: ü ü ü Definizione e validazione di una metodologia per la raccolta e analisi delle operazioni di leasing nel Se0ore Pubblico; L analisi del punto di vista degli stakeholders; L analisi del punto di vista delle amministrazioni che hanno aggiudicato almeno un operazione di leasing finanziario. Da un punto di vista metodologico, i criteri scel. per la conduzione della ricerca sono sta. rigorosi, anche al fine di creare una stru0ura di analisi di riferimento per le successive indagini. In par.colare, è stata u.lizzata una combinazione di metodologie quan.ta.ve e qualita.ve. L analisi del mercato è stata condo0a sull universo dei bandi pubblica., i cui da. sono sta. analizza. con il supporto del socware sta.s.co STATA. Da segnalare che i da. rela.vi alle aggiudicazioni scontano, a differenza di quelli sulle operazioni bandite, una debolezza dovuta alla fonte u.lizzata (le liste di aggiudicazioni fornite dalle principali società di leasing operan. sul mercato). Di matrice qualita.va è la metodologia applicata nella seconda e terza fase. In par.colare, nella seconda fase è stata u.lizzata la metodologia del focus group con esper. e nella terza fase l intervista semi stru0urata a un campione di amministrazioni aggiudicatrici (pari a circa un terzo delle aggiudicazioni rilevate dall analisi).

6 I principali risultati - Analisi del mercato!! Il leasing finanziario per la realizzazione di opere pubbliche è stato introdo0o nel nostro ordinamento nel 2006 e oggi è disciplinato dall art. 160 bis dei Codice dei ContraD Pubblici. Inoltre, l art. 3 comma 15- ter annovera questo strumento tra i contrad di Partenariato Pubblico Priva. e per tali mo.vi sogged alle indicazioni contabili indicate da Eurostat. Dal 2009 al 2011 (la rilevazione è aggiornata al 30 aprile) sono sta. pubblica. circa 340 bandi per la realizzazione di operazioni di leasing finanziario per opere pubbliche, per un valore complessivo di 1,5 miliardi di euro. Di ques., ne risultano aggiudica. ad oggi circa 150 per un valore di 900 milioni di euro, prevalentemente nelle province del Centro Nord Italia. A spingere l u.lizzo del leasing finanziario è sicuramente stata la norma.va favorevole sugli inves.men. in fotovoltaico: infad, quasi 190 bandi si riferiscono a questo.po di opere. Seguono poi gli inves.men. di.po sociale (scuole, edilizia abita.va e pubblica) con 75 inizia.ve; gli inves.men. in apparecchiature sanitarie (circa 45 bandi, anche se in questo se0ore la prevalenza degli inves.men. è realizzata a0raverso contrad di leasing opera.vo o contrad a.pici di service) e altri interven. nei se0ori dello sport e della viabilità (parcheggi e apparecchiature per il controllo della velocità). Analizzando le operazioni aggiudicate, lo scenario cambia: i tassi di aggiudicazione nel se0ore del fotovoltaico si assestano a0orno a un valore medio inferiore al 30%; mentre ben maggiori sono quelli nel se0ore sanitario e sociale (oltre il 60%). Inoltre, va evidenziato come gli inves.men. in fotovoltaico siano di valore economico inferiore a quello delle altre opere: il valore dei bandi è di circa 570 milioni di euro, contro i 630 milioni dell edilizia sociale pubblica (scuole, edilizia abita.va e pubblica) Oltre 250 bandi sono sta. pubblica. dalle Amministrazioni Comunali, seguono aziende sanitarie, università, en. provinciali e regioni. Analizzando il profilo finanziario delle operazioni, emerge che circa il 70% dei bandi prevedono canoni a tasso fisso semestrali con risca0o finale pari all 1% del valore dell inves.mento realizzato. Inoltre, circa il 30% prevede tra le prestazioni ogge0o di contra0o non solo la proge0azione, il finanziamento e la realizzazione dell opera, ma anche le manutenzioni.

7 I principali risultati - Il punto di vista degli stakeholder!! Il focus group ha messo in evidenza, da un lato, le potenzialità dello strumento per far fronte al gap infrastru0urale italiano, sopra0u0o a livello locale; dall altro, alcune contrapposizioni tra i gruppi di interesse, che sono peraltro inevitabili data la rela.va novità dello strumento. Tali contrapposizioni sono comunque fondamentali per alimentare successivi sviluppi dello strumento al fine di renderlo maggiormente coerente sia con le esigenze delle amministrazioni pubbliche, sia con quelle degli operatori priva., sopra0u0o delle società di leasing che scontano maggiori limitazioni nella loro azione per la regolamentazione a cui sono so0oposte. InfaD, l evoluzione recente dei principi contabili richiederà una chiara comprensione dei mo.vi di valore di questo strumento rispe0o a forme alterna.ve, il mutuo per finanziare appal. tradizionali e il project financing. E a tal proposito, indipendentemente dalle raccomandazioni di Eurostat, sembra essere fondamentale comprendere come allocare rischi e responsabilità tra le par.: le amministrazioni, i costru0ori e i finanziatori. Dal focus group è emerso anche un importante fa0ore comune di sintesi: la necessità di definire un vademecum condiviso che possa rappresentare la bussola per l applicazione del leasing finanziario, finalizzato a: (I) me0ere in evidenza le condizioni per una sua applicazione più sostenibile, efficiente ed efficace; (II) supportare le amministrazioni, che soffrono di un gap di conoscenze rilevante sopra0u0o in relazione alla dimensione economica e finanziaria delle operazioni di inves.mento (per esempio in riferimento alle analisi di convenienza).

8 I principali risultati - Il punto di vista delle amministrazioni!! L intervista semi stru0urata condo0a a circa un terzo delle amministrazioni aggiudicatrici ha messo in evidenza, tra le altre cose, un punto molto cri.co: 32 delle 49 intervistate hanno dichiarato che il ricorso al leasing è stato de0ato dai vincoli di finanza pubblica. Al di là della convenienza contabile dichiarata, le amministrazioni intervistate hanno evidenziato il potenziale del leasing in relazione alla sua capacità di soddisfare le esigenze di sviluppo infrastru0urale e sopra0u0o per la possibilità di realizzare opere chiavi in mano. Circa 30 hanno poi dichiarato di aver condo0o una analisi di convenienza, anche se le risposte fornite in merito alle metodologie applicate sono state per la maggior parte piu0osto generiche. Questo sembra quindi confermare le indicazioni fornite dal focus group in relazione alla necessità di creare maggiori competenze in questo ambito tra le amministrazioni, anche con il supporto dei livelli is.tuzionali intermedi e centrali e delle associazioni. Inoltre, le interviste hanno confermato la stru0ura oligopolis.ca del mercato: 30 amministrazioni hanno ricevuto una sola offerta in gara e 10 due offerte.

9 Conclusioni!! L analisi del mercato ha mostrato una rapida diffusione dello strumento, che, come messo in evidenza dal focus group con gli stakeholder e dalle interviste alle amministrazioni, rivela importan. potenzialità in termini di qualità degli inves.men. che possono essere realizza. e di tempi di risposta ai fabbisogni infrastru0urali locali. Lo strumento presenta comunque ancora molte cri.cità rela.ve alle sue modalità di applicazione. Da un punto di vista norma.vo, regolamentare e applica.vo vi sono oggi alcuni disallineamen. che richiedono una chiara posizione alla cui formulazione è importante che prendano parte anche le associazioni di riferimento dei principali operatori (ASSILEA e ANCE) e delle amministrazioni (per esempio ANCI). Inoltre, le future applicazioni dello strumento dovranno tenere in considerazioni le evoluzioni rela.ve alla contabilizzazione del leasing e più in generale dei contrad di PPP. InfaD, è fondamentale che la sua applicazione sia guidata da chiari presuppos. di convenienza e sostenibilità per evitare le situazioni cri.che, già sperimentate in passato, determinate dal ricorso a strumen. finanziari nuovi e poco regolamenta. al fine di superare i vincoli di finanza pubblica. A tal proposto, anche se riferito a contrad di servizio, è u.le richiamare il de0ato dell art. 20 comma 10 della manovra finanziaria approvata a luglio del 2011 (che introduce l art. 111 bis alla legge 220/2010, legge di stabilità 2011) che sancisce un principio importante (l annullamento del contra0o) per frenare l abuso di strumen. finanziari introdod non per mo.vi di convenienza ma piu0osto per aggirare i vincoli di finanza pubblica. Una più sostenibile applicazione dello strumento richiede comunque un processo di co- evoluzione tra operatori pubblici e priva., che non può limitarsi solo alla maturazione di maggiori competenze. Vi è, infad, la necessità di una profonda conoscenza reciproca e di un percorso di condivisione delle rispedve posizioni al fine di me0ere a punto modalità applica.ve dello strumento che creino valore per il Paese nel suo complesso, in una logica di shared value (Porter, 2011).

10 !! CONTESTO, DEFINIZIONI E OBIETTIVI DELLA RICERCA!

11 Il take off del leasing - gli elementi alla base del decollo dello strumento! Carenza di fondi e vincoli di spesa Gap infrastru0urale Sistema di contabilizzazione favorevole Maggior semplicità dello strumento e della procedura rispe0o al Project Financing Minori cos. di stru0urazione e finanziari rispe0o al Project Financing

12 Elementi di criticità che si stanno delineando Configurazione del leasing nell ambito del PPP Allocazione equilibrata dei rischi tra le par. Evoluzione degli standard contabili a livello internazionale e nazionale Quadro norma.vo, regolamentare e giurisprudenziale talvolta disallineato Cara0eris.che dell areana compe..va e rischio di oligopolio mercato delle società di leasing concentrato e dei costru0ori polverizzato

13 Il contratto di leasing finanziario - definizione Il leasing è uno schema negoziale sinallagma.co e commuta.vo, con causa mista, che consente ad un sogge0o, previo pagamento di un canone periodico, di u.lizzare un bene, mobile o immobile, strumentale all esercizio della propria advità o al perseguimento dei propri fini is.tuzionali, con possibilità di risca0arlo ad un prezzo inferiore al valore di mercato al termine del periodo di disponibilità stabilito nel contra0o Il leasing finanziario è un contra0o a.pico ( art codice civile) che coinvolge i seguen. tre sogged: ü ü ü l u.lizzatore (lessee) del bene; il concedente (lessor), cioè la società di leasing, che acquista il bene e ne man.ene la proprietà sino al momento del risca0o; il fornitore del bene Il leasing sinte.zza in sé non solo i cara0eri.pici della locazione e della vendita a rate con riserva di proprietà, connessi rispedvamente al godimento del bene e alla possibilità di risca0are la piena proprietà del medesimo alla fine del periodo di u.lizzazione, ma anche la funzione di finanziamento. Il pagamento del canone non rappresenta solo il corrispedvo per la locazione del bene, quanto piu0osto una modalità di res.tuzione del finanziamento per una somma corrispondente al valore complessivo dell operazione economica programmata, la quale comprende altresì il costo del bene, l ammortamento del capitale e dell interesse sulle somme inves.te per la realizzazione dell opera, l u.le e le spese del concedente. Fonte: Corte dei Conti Sez. Lombardia, parere 87/2008 ALTRI CONTRATTI DI LEASING IN USO IN ITALIA Leasing opera?vo assenza dell opzione di risca0o al termine del contra0o; canone di locazione corrisponde generalmente alla en.tà dei servizi offer. dal bene stesso e non è in relazione con la sua durata economica; Sale and lease- back contra0o in base al quale un sogge0o vende un bene alla società di leasing che, a sua volta concede lo stesso bene in leasing al sogge0o venditore (si vedano Corte dei Con. Sezione regionale di controllo per il Veneto n. 87/PAR/2010 e Sezione regionale di controllo per la Lombardia n. 953/2010/PAR )

14 Il leasing finanziario per le opere pubbliche! La legge finanziaria per il 2007 (L. n. 296/2006, art. 1, commi ; ) ha introdo0o nel nostro ordinamento il leasing finanziario come strumento per la realizzazione di opere pubbliche (leasing finanziario immobiliare o leasing immobiliare). Il decreto legisla.vo n. 113/2007 ha integralmente inserito nel Codice dei ContraD pubblici rela.vi a lavori, servizi e forniture (d.lgs. n. 163/2006) questo strumento all art. 160 bis Locazione finanziaria di opere pubbliche o di pubblica u?lità. L art. 160 bis prevede che per la realizzazione, l acquisizione ed il completamento di opere pubbliche o di pubblica u?lità i commihen? tenu? all applicazione del codice dei contrai pubblici possono avvalersi anche del contraho di locazione finanziaria. L art. 3 comma 15 ter del Codice dei ContraD annovera la locazione finanziaria tra i contrad di partenariato pubblico privato (PPP) a cui si applicano le decisioni Eurostat rela.ve alla contabilizzazione delle operazioni di PPP stesse

15 La terminologia della ricerca! Questa ricerca fa riferimento all applicazione del leasing finanziario per il finanziamento e realizzazione delle opere e degli inves.men. pubblici. In relazione alla realizzazione di opere pubbliche i contrad analizza. sono rela.vi a: ü ü leasing immobiliare in costruendo, per il finanziamento della costruzione di un immobile; leasing immobiliare, per il finanziamento dell acquisto di un immobile già esistente ed eventualmente da adeguare alle esigenze dell Amministrazione; Nell analisi sono state inoltre rilevate : ü ü operazioni di leasing finanziario mobiliare per il finanziamento della fornitura di a0rezzature e strumentazioni; operazioni di sale and lease back.

16 Obiettivi & struttura della ricerca! 1. Definizione e validazione di una metodologia per la raccolta e analisi delle operazioni di leasing finanziario per gli inves.men. e descrizione del fenomeno in Italia 2. Individuazione di cri.cità, best prac?ces e trend rela.vi all u.lizzo del leasing per far fronte al fabbisogno di inves.men. pubblici a0raverso il confronto con I principali stakeholder 3. Analisi del punto di vista di un campione di pubbliche amministrazioni che hanno aggiudicato operazioni di leasing

17 Osservazione dello storico Quali condizioni di sviluppo sostenibile? Punto di vista degli stakeholder

18 I FASE!! DEFINIZIONE E VALIDAZIONE DI UNA METODOLOGIA PER LA RACCOLTA E ANALISI DELLE OPERAZIONI DI LEASING NEL SETTORE PUBBLICO!

19 La metodologia di analisi dei dati 1! La base da. u.lizzata per l analisi della consistenza e delle cara0eris.che del fenomeno Leasing finanziario pubblico in Italia è il Database ASSILEA (DB) che raccoglie oltre bandi pubblica. tra i mesi di Dicembre 2008 e Aprile 2011 nel cui testo è contenuta almeno una delle seguen. parole: leasing, noleggio, locazione In prima ba0uta si è proceduto alla codificazione dei da. grezzi estraibili dal DB, a0raverso la definizione di par.colari cara0eris.che qualita.ve: ü Periodo temporale (data di pubblicazione e scadenza del bando) ü Localizzazione geografica della stazione appaltante (Regione e Provincia) ü Stazione Appaltante (Comune, Provincia, Regione, Azienda Sanitaria, Consorzio, Azienda di Servizi Pubblici, Agenzia Regionale, Ente Centrale, Università ed Ente forma.vo, Agenzia Provinciale, Camera di Commercio e Fondazione) ü Procedura di gara (aperta, ristre0a, negoziata, codmo- in economia) ü Tipologia di contra0o (leasing immobiliare in costruendo, leasing immobiliare, leasing mobiliare, sale & lease back) ü Se0ore (sanità, apparecchiature stradali, fotovoltaico, opere sociali - RSA ed edilizia pubblica, rifiu., viabilità e parcheggi, educazione, tecnologia per uffici, edilizia spor.va, telecomunicazioni). Successivamente si è pulito il DB al fine di definire il perimetro della ricerca (DB rilevante), eliminando i bandi con importo nullo e quelli riguardan. le operazioni non ogge0o della presente ricerca (i noleggi di apparecchiature, di beni consumabili, auto e flo0e e gli affid di immobili).

20 La metodologia di analisi dei dati 2! Successivamente, sono sta. analizza. i tes. di tud i bandi di gara contenu. del DB rilevante, catalogandoli sulla base dei seguen. criteri: ü Proge0o a base di gara (preliminare, defini.vo, esecu.vo) ü Durata del contra0o di locazione in anni ü Profilo temporale del canone (mensile, trimestrale, semestrale, annuale) ü Tipologia di tasso applicato (fisso o variabile) ü Valore di risca0o (in percentuale sul valore dell inves.mento) ü Peso dell offerta economica e analisi delle sue componen. (prezzo, ribasso su lavori, ribasso su proged, ammontare del canone di locazione, spread sul canone, spread sul prefinanziamento, possibilità di risca0o an.cipato, opzione di tasso fisso, riduzione tempis.ca, ricavi a favore dell appaltante, valore del risca0o, durata del contra0o di locazione, cos. di ges.one) ü Manutenzione inclusa nel bando/capitolato ü Aggiudicazione Le analisi sta.s.che sono state effe0uate u.lizzando il socware sta.s.co professionale STATA 11, il quale ha permesso, a0raverso alcune par.colari tecniche di programmazione, di ges.re in modo flessibile l elevato numero di variabili, elaborare correlazioni sta.s.che e trasferire i da. su mappe geografiche in modo da fornire una rappresentazione immediata delle realtà regionali e provinciali più adve.

21 La consistenza del leasing finanziario per le opere pubbliche! Dal 2009 ad aprile 2011 sono sta. osserva. 342 bandi pubblica. per la realizzazione di operazioni di leasing finanziario, per un valore complessivo di 1,5 miliardi di euro 151 sono le operazioni aggiudicate 1 Il valore delle operazioni aggiudicate ammonta a circa 900 milioni di euro L importo medio delle operazioni di leasing bandite risulta di circa 4,3 milioni di euro, mentre di quelle aggiudicate di circa 6 milioni di euro 1 di cui 115 rilevate dai feedback ricevu. dalle associate di Assilea e 36 dalla pubblicazione di avvisi di aggiudicazione

22 Distribuzione bandi ( ) Distribuzione aggiudicazioni ( )

23 Distribuzione bandi (n) Distribuzione aggiudicazioni (n)

24 Rapporto bandi/aggiudicazioni (n)

25 sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu. Numero bandi per se0ore viabilità e parcheggi edilizia scolas.ca e formazione socware e edilizia spor.va apparecchiature informa.che Valore medio bandi per se0ore Migliaia di euro sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu. viabilità e parcheggi edilizia scolas.ca e formazione socware e apparecchiature informa.che edilizia spor.va

26 Numerosità, impor. medi e totali dei bandi per se0ore TOTALE BANDI numero importo medio in migliaia importo totale in migliaia sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu viabilità e parcheggi edilizia scolas.ca e formazione socware e apparecchiature informa.che edilizia spor.va TOTALE 342 Per quanto riguarda i se0ori cui afferiscono le operazioni, la grande maggioranza dei bandi (187) riguarda la realizzazione di impian. fotovoltaici; seguono, di molto distacca., il se0ore sanitario, l edilizia pubblica e quella specificamente scolas.ca. Se si considera il valore medio, il panorama cambia e le opere di edilizia pubblica (spinte sopra0u0o dalla regione Piemonte con la costruzione del nuovo Palazzo della Regione) esprimono il maggiore valore.

27 60 50 Numero aggiudicazioni per se0ore sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu. viabilità e parcheggi edilizia scolas.ca e formazione socware e apparecchiature informa.che edilizia spor.va Migliaia di euro Valore medio aggiudicazioni per se0ore sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu. viabilità e parcheggi edilizia scolas.ca e formazione socware e edilizia spor.va apparecchiature informa.che Dall analisi delle operazioni aggiudicate rispe0o a quella sui bandi, la situazione non cambia di molto, se non per la riduzione della distanza numerica tra il se0ore del fotovoltaico e gli altri se0ori. Questo significa che gran parte dei proged non realizza. (fenomeno che, come osservato dalle preceden. mappe, riguarda sopra0u0o le province meridionali) ha per ogge0o impian. di generazione di energia solare.

28 Numerosità, impor. medi e totali delle aggiudicazioni per se0ore AGGIUDICATI numero importo medio in migliaia importo totale in migliaia % aggiudicazione sanità % apparecchiature stradali % fotovoltaico % edilizia pubblica e social housing % rifiu? % viabilità e parcheggi % edilizia scolas?ca e formazione % sonware e apparecchiature informa?che % edilizia spor?va % TOTALE 151 La Tabella me0e in relazione l importo medio dell aggiudicato per se0ore (colonna 3) e la percentuale di aggiudicazione (colonna 5): in par.colare, il dato più significa.vo che emerge è la posi.va correlazione tra i due fa0ori (0,509). Esso lascia intendere che all aumentare del valore dell operazione, aumenta anche la probabilità che la stessa sia aggiudicata.

29 Percentuale di aggiudicazione per se0ore 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu. viabilità e parcheggi edilizia scolas.ca e formazione socware e edilizia spor.va apparecchiature informa.che La percentuale di aggiudicazione delle operazionid di project financing è inferiore al 20% (Amatucci e Vecchi, 2009). Il leasing ha registrato un livello di aggiudicazione medio del 45%

30 Numero bandi per.pologia di contra0o Valore medio bandi per.pologia di contra0o leasing in costruendo leasing immobiliare leasing sale & lease back apparecchiature leasing in costruendo leasing immobiliare leasing apparecchiature sale & lease back 120 Numero aggiudicazioni per.pologia di contra0o Valore medio aggiudicazioni per.pologia di contra0o leasing in costruendo leasing immobiliare leasing apparecchiature leasing in costruendo leasing immobiliare leasing apparecchiature

31 Numerosità, impor. medi e totali dei bandi per.pologia di leasing e se0ore leasing in costruendo leasing immobiliare leasing apparecchiature Sale & Lease back BANDI Numero bandi Importo Medio in migliaia di euro Importo Totale in migliaia di euro Numero bandi Importo Medio in migliaia di euro Importo Totale in migliaia di euro Numero bandi Importo Medio in migliaia di euro Importo Totale in migliaia di euro Numero bandi Importo Medio in migliaia di euro Importo Totale in migliaia di euro TOTALE SETTORE sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu? viabilità e parcheggi edilizia scolas?ca e formazione sonware e apparecchiature informa?che edilizia spor?va TOTALE TIPOLOGIA LEASING

32 Numerosità, impor. medi e totali delle aggiudicazioni per.pologia di leasing e se0ore leasing in costruendo leasing immobiliare leasing apparecchiature AGGIUDICATI Numero bandi Importo Medio in migliaia di euro Importo Totale in migliaia di euro Numero bandi Importo Medio in migliaia di euro Importo Totale in migliaia di euro Numero bandi Importo Medio in migliaia di euro Importo Totale in migliaia di euro TOTALE SETTORE sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu? viabilità e parcheggi edilizia scolas?ca e formazione sonware e apparecchiature informa?che edilizia spor?va TOTALE TIPOLOGIA LEASING

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

Finanza di Progetto 100 domande e risposte

Finanza di Progetto 100 domande e risposte Dipartimento per la Programmazione e il coordinamento della politica economica Finanza di Progetto 100 domande e risposte Edizione 2009 Dipartimento per la Programmazione e il coordinamento della politica

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

Sistemi di realizzazione delle opere pubbliche e strumenti di finanziamento: dall appalto al partenariato pubblico privato. Roberto Giovagnoli

Sistemi di realizzazione delle opere pubbliche e strumenti di finanziamento: dall appalto al partenariato pubblico privato. Roberto Giovagnoli Sistemi di realizzazione delle opere pubbliche e strumenti di finanziamento: dall appalto al partenariato pubblico privato Relazione tenuta al Convegno Appalto pubblico: chance di sviluppo efficiente,

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

Una Guida ai PPP. Manuale di buone prassi

Una Guida ai PPP. Manuale di buone prassi European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre Manuale di buone prassi rifi Unità Tecnica Finanza di Progetto Manuale di buone

Dettagli

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO 10 ANNI DI PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO IN ITALIA INDICE DEI CONTENUTI 1 INDICE Introduzione Definizioni e procedure di PPP PARTE PRIMA 1. IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE 2. IL MERCATO DEL PARTENARIATO

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione VIGILANZA CONTRATTI PUBBLICI Bozza di Determinazione Linee guida per l'affidamento delle concessioni di lavori pubblici e di servizi ai sensi dell articolo 153 del decreto

Dettagli

Relazione al CIPE sull'attività svolta nel 2012 2007 dall'unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP) dall'unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP)

Relazione al CIPE sull'attività svolta nel 2012 2007 dall'unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP) dall'unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP) Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica Relazione al CIPE sull'attività svolta nel 2012 2007 dall'unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP) dall'unità Tecnica Finanza

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

ENERGIA EOLICA E FOTOVOLTAICA. Documento di consultazione. Il ruolo degli enti locali: problematiche connesse alle operazioni poste in essere.

ENERGIA EOLICA E FOTOVOLTAICA. Documento di consultazione. Il ruolo degli enti locali: problematiche connesse alle operazioni poste in essere. ENERGIA EOLICA E FOTOVOLTAICA Documento di consultazione Il ruolo degli enti locali: problematiche connesse alle operazioni poste in essere. Sommario 1. L ente locale come soggetto autorizzatore o concedente

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto COMUNE di VIGONZA RIQUALIFICAZIONE DEL SERVIZIO CIMITERIALE mediante FINANZA di di PROGETTO Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto testo: DOSI C., Gli Studi di Fattibilitàdegli

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

La do&rina del precedente

La do&rina del precedente La do&rina del precedente I Stare Decisis Lo stare decisis è invece una tecnica decisionale elaborata dai giudici per garan6re stabilità, una sorta di «gerarchia» tra le fon6 giurisprudenziali. Esprime

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Presentazione Commerciale So1lab S.p.A.

Presentazione Commerciale So1lab S.p.A. Presentazione Commerciale So1lab S.p.A. Marzo 2013 So1lab Composta da circa 500 risorse, So#lab è da quasi 30 anni specializzata nella proge+azione, produzione e sviluppo evolu?vo di tecnologie, sistemi,

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100 Automa di TrentoUNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Fax (352) 29 29-42670 E-mail: ojs@publications.europa.eu Info

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

10 TEMI PER MIGLIORARE IL RICORSO ALLA FINANZA DI PROGETTO

10 TEMI PER MIGLIORARE IL RICORSO ALLA FINANZA DI PROGETTO UNITÀ TECNICA FINANZA DI PROGETTO 10 TEMI PER MIGLIORARE IL RICORSO ALLA FINANZA DI PROGETTO ( L accerchiamento della Merloni ) ROMA, FEBBRAIO, 2005 Documento UFP BOZZA PROVVISORIA 25 FEBBRAIO 2005 INDICE

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

LE GESTIONI INDIRETTE DEI SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI FORMULE E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO.

LE GESTIONI INDIRETTE DEI SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI FORMULE E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO. LE GESTIONI INDIRETTE DEI SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI FORMULE E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO. 1 GESTIONI INDIRETTE DI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI SISTEMI CONTRATTUALI CONCESSIONE APPALTO CONVENZIONE ( ONLUS,

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli