A cura di VERONICA VECCHI Area Public Management & Policy

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A cura di VERONICA VECCHI Area Public Management & Policy"

Transcript

1 I Osservatorio Leasing finanziario pubblico. Caratteristiche e modalità dell applicazione del leasing finanziario per la realizzazione di investimenti pubblici! A cura di VERONICA VECCHI Area Public Management & Policy MILANO, Luglio 2011

2 ! I CONTENUTI!!! ü Executive summary! ü Definizione e validazione di una metodologia per la raccolta e analisi delle operazioni di leasing nel Settore Pubblico! ü Il punto di vista degli stakeholders! ü Il punto di vista delle pa aggiudicatrici! ü appendice

3 Executive Summary! I vincoli di bilancio pos. dal Pa0o di Stabilità e la necessità di rispondere all obsolescenza del patrimonio pubblico hanno indo0o molte Amministrazioni, sopra0u0o a livello locale, a u.lizzare il leasing finanziario immobiliare, quale strumento di finanziamento e realizzazione delle opere e degli inves.men. pubblici. In par.colare, l u.lizzo del leasing è stato spinto dalla possibilità di contabilizzare i canoni come spesa corrente e dalla norma.va favorevole in materia di fotovoltaico (infad, come evidenziato dall analisi, la maggior parte dei bandi si riferiscono alla realizzazione di inves.men. in questo ambito, anche se il loro ammontare risulta circa un terzo rispe0o agli altri se0ori scuole, social housing, edilizia pubblica e a0rezzature sanitarie). Il leasing è stato, inoltre, par.colarmente apprezzato dalle amministrazioni locali per la realizzazione di medi inves.men. (l importo medio dei bandi è di circa 4 milioni di euro), secondo una procedura di gara basata sulle logiche conosciute dell appalto tradizionale di lavori e con la possibilità di realizzare opere chiavi in mano, con maggiori certezze sui tempi e sui cos. di realizzazione. Esso, infad, si è posto come alterna.va, da un lato, all appalto tradizionale finanziato con risorse proprie degli en. o con il ricorso al mutuo (la cui applicazione è fortemente vincolata dalle regole imposte dal Pa0o di Stabilità Interno); e, dall altro, a concessioni di costruzione e ges.one finanziate in project financing, più complesse da stru0urare e da ges.re e più onerose, sopra0u0o in riferimento alle opere di.po sociale (ovvero a tariffazione sull amministrazione). Con riferimento a quest ul.mo punto, va so0olineato come nel caso di concessioni di costruzione e ges.one finanziate in project financing, il canone di disponibilità a carico dell amministrazione concedente (a0raverso il quale si ripaga l inves.mento) sia sogge0o a una aliquota iva del 20%, generando così una diseconomia fiscale rispe0o al finanziamento tradizionale (con risorse proprie o con il mutuo) o al leasing stesso. Inoltre, nelle operazioni di project financing il costo medio ponderato del capitale può essere ben più elevato del tasso di un mutuo tradizionale s.pulato dall amministrazione o del tasso effedvo globale medio (TEGM) di un leasing, per il fa0o che la controparte è un sogge0o privato (la società di proge0o) con merito di credito inferiore rispe0o all amministrazione.

4 Se le amministrazioni hanno visto con favore questo strumento, nonostante molte preoccupazioni, rela.ve proprio ai potenziali o effedvi benefici dello strumento (rispedvamente, in relazione al trasferimento dei rischi e alla contabilizzazione); dall altro lato le società di leasing hanno cercato di comprendere le modalità per rendere compa.bile lo strumento con le esigenze delle amministrazioni e con i vincoli norma.vi e regolamentari a cui esse sono sogge0e. In questo contesto, inoltre, vanno considerate anche le posizioni dei costru0ori i quali, da un lato, vedono nel leasing finanziario la possibilità di realizzare inves.men. pubblici altrimen. difficilmente realizzabili (posizione analoga a quella delle amministrazioni) e, dall altro, risentono di un restringimento dell arena compe..va, per il fa0o che le società di leasing che operano in questo se0ore, con le quali s.pulare accordi di partecipazione alle gare, sono limitate (circa dieci dodici, con concentrazioni geografiche, specie nelle regioni del centro nord). Il leasing finanziario, inoltre, appare elemento di preoccupazione per le autorità centrali, come per esempio per la Corte dei Con., per l Autorità di Vigilanza sui Lavori Pubblici e per il Governo, sopra0u0o in relazione alle sue possibili applicazioni finalizzate a superare i vincoli pos. dal Pa0o di Stabilità, e quindi anche a inves.men. che non presentano le cara0eris.che adeguate per essere finanzia. con questo strumento (si veda per esempio la cri.cità posta dal trasferimento del diri0o superficie al sogge0o finanziatore evidenziata recentemente dai pareri della Corte dei Con.). Lo scenario è comunque in rapida evoluzione e forse con prospedve che ad oggi appaiono divergen.. Da un lato, anche in Italia come in Europa i principi contabili rela.vi al partenariato pubblico privato e al leasing tendono a seguire una logica di contabilizzazione basata sul modello del controllo piu0osto che su quello rischio rendimento, secondo l impostazione fornita dall'ed45 improvements to IPSASs , e comunque a recepire le indicazioni fornite dallo standard IPSAS Dall altro lato, il decreto sviluppo recentemente approvato 3, sembra voler s.molare ulteriormente il leasing, dando la possibilità, come nel project financing, agli operatori priva. di proporre alle amministrazioni la realizzazione di opere non inserite nella programmazione triennale. 1 L IPSAS è l International Public Sector Accounting Standard che ha recentemente avviato una iniziativa volta alla redazione di un principio contabile sulle concessioni. La bozza è contenuta nell Exposure Draft (ED) 43, comunque non ancora obbligatorio. 2 L'IPSAS 13 è lo standard contabile internazionale per il settore pubblico relativo alle operazioni di leasing; rappresenta l'omologo dello IAS 17 per il settore privato. 3 Decreto- legge 13 maggio 2011, n. 70 convertito con modificazione in legge 12 luglio 2011, n. 106, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 160 del

5 In questo contesto il Primo Osservatorio sul Leasing finanziario pubblico di Assilea e SDA Bocconi ha l obiedvo di (I) analizzare la consistenza di questo mercato e (II) raccogliere il punto di vista dei principali portatori di interesse, tra cui quello di un gruppo di amministrazioni aggiudicatrici, al fine di comprendere le possibili traie0orie di sviluppo del leasing finanziario per gli inves.men. pubblici. La ricerca è pertanto ar.colata in tre fasi: ü ü ü Definizione e validazione di una metodologia per la raccolta e analisi delle operazioni di leasing nel Se0ore Pubblico; L analisi del punto di vista degli stakeholders; L analisi del punto di vista delle amministrazioni che hanno aggiudicato almeno un operazione di leasing finanziario. Da un punto di vista metodologico, i criteri scel. per la conduzione della ricerca sono sta. rigorosi, anche al fine di creare una stru0ura di analisi di riferimento per le successive indagini. In par.colare, è stata u.lizzata una combinazione di metodologie quan.ta.ve e qualita.ve. L analisi del mercato è stata condo0a sull universo dei bandi pubblica., i cui da. sono sta. analizza. con il supporto del socware sta.s.co STATA. Da segnalare che i da. rela.vi alle aggiudicazioni scontano, a differenza di quelli sulle operazioni bandite, una debolezza dovuta alla fonte u.lizzata (le liste di aggiudicazioni fornite dalle principali società di leasing operan. sul mercato). Di matrice qualita.va è la metodologia applicata nella seconda e terza fase. In par.colare, nella seconda fase è stata u.lizzata la metodologia del focus group con esper. e nella terza fase l intervista semi stru0urata a un campione di amministrazioni aggiudicatrici (pari a circa un terzo delle aggiudicazioni rilevate dall analisi).

6 I principali risultati - Analisi del mercato!! Il leasing finanziario per la realizzazione di opere pubbliche è stato introdo0o nel nostro ordinamento nel 2006 e oggi è disciplinato dall art. 160 bis dei Codice dei ContraD Pubblici. Inoltre, l art. 3 comma 15- ter annovera questo strumento tra i contrad di Partenariato Pubblico Priva. e per tali mo.vi sogged alle indicazioni contabili indicate da Eurostat. Dal 2009 al 2011 (la rilevazione è aggiornata al 30 aprile) sono sta. pubblica. circa 340 bandi per la realizzazione di operazioni di leasing finanziario per opere pubbliche, per un valore complessivo di 1,5 miliardi di euro. Di ques., ne risultano aggiudica. ad oggi circa 150 per un valore di 900 milioni di euro, prevalentemente nelle province del Centro Nord Italia. A spingere l u.lizzo del leasing finanziario è sicuramente stata la norma.va favorevole sugli inves.men. in fotovoltaico: infad, quasi 190 bandi si riferiscono a questo.po di opere. Seguono poi gli inves.men. di.po sociale (scuole, edilizia abita.va e pubblica) con 75 inizia.ve; gli inves.men. in apparecchiature sanitarie (circa 45 bandi, anche se in questo se0ore la prevalenza degli inves.men. è realizzata a0raverso contrad di leasing opera.vo o contrad a.pici di service) e altri interven. nei se0ori dello sport e della viabilità (parcheggi e apparecchiature per il controllo della velocità). Analizzando le operazioni aggiudicate, lo scenario cambia: i tassi di aggiudicazione nel se0ore del fotovoltaico si assestano a0orno a un valore medio inferiore al 30%; mentre ben maggiori sono quelli nel se0ore sanitario e sociale (oltre il 60%). Inoltre, va evidenziato come gli inves.men. in fotovoltaico siano di valore economico inferiore a quello delle altre opere: il valore dei bandi è di circa 570 milioni di euro, contro i 630 milioni dell edilizia sociale pubblica (scuole, edilizia abita.va e pubblica) Oltre 250 bandi sono sta. pubblica. dalle Amministrazioni Comunali, seguono aziende sanitarie, università, en. provinciali e regioni. Analizzando il profilo finanziario delle operazioni, emerge che circa il 70% dei bandi prevedono canoni a tasso fisso semestrali con risca0o finale pari all 1% del valore dell inves.mento realizzato. Inoltre, circa il 30% prevede tra le prestazioni ogge0o di contra0o non solo la proge0azione, il finanziamento e la realizzazione dell opera, ma anche le manutenzioni.

7 I principali risultati - Il punto di vista degli stakeholder!! Il focus group ha messo in evidenza, da un lato, le potenzialità dello strumento per far fronte al gap infrastru0urale italiano, sopra0u0o a livello locale; dall altro, alcune contrapposizioni tra i gruppi di interesse, che sono peraltro inevitabili data la rela.va novità dello strumento. Tali contrapposizioni sono comunque fondamentali per alimentare successivi sviluppi dello strumento al fine di renderlo maggiormente coerente sia con le esigenze delle amministrazioni pubbliche, sia con quelle degli operatori priva., sopra0u0o delle società di leasing che scontano maggiori limitazioni nella loro azione per la regolamentazione a cui sono so0oposte. InfaD, l evoluzione recente dei principi contabili richiederà una chiara comprensione dei mo.vi di valore di questo strumento rispe0o a forme alterna.ve, il mutuo per finanziare appal. tradizionali e il project financing. E a tal proposito, indipendentemente dalle raccomandazioni di Eurostat, sembra essere fondamentale comprendere come allocare rischi e responsabilità tra le par.: le amministrazioni, i costru0ori e i finanziatori. Dal focus group è emerso anche un importante fa0ore comune di sintesi: la necessità di definire un vademecum condiviso che possa rappresentare la bussola per l applicazione del leasing finanziario, finalizzato a: (I) me0ere in evidenza le condizioni per una sua applicazione più sostenibile, efficiente ed efficace; (II) supportare le amministrazioni, che soffrono di un gap di conoscenze rilevante sopra0u0o in relazione alla dimensione economica e finanziaria delle operazioni di inves.mento (per esempio in riferimento alle analisi di convenienza).

8 I principali risultati - Il punto di vista delle amministrazioni!! L intervista semi stru0urata condo0a a circa un terzo delle amministrazioni aggiudicatrici ha messo in evidenza, tra le altre cose, un punto molto cri.co: 32 delle 49 intervistate hanno dichiarato che il ricorso al leasing è stato de0ato dai vincoli di finanza pubblica. Al di là della convenienza contabile dichiarata, le amministrazioni intervistate hanno evidenziato il potenziale del leasing in relazione alla sua capacità di soddisfare le esigenze di sviluppo infrastru0urale e sopra0u0o per la possibilità di realizzare opere chiavi in mano. Circa 30 hanno poi dichiarato di aver condo0o una analisi di convenienza, anche se le risposte fornite in merito alle metodologie applicate sono state per la maggior parte piu0osto generiche. Questo sembra quindi confermare le indicazioni fornite dal focus group in relazione alla necessità di creare maggiori competenze in questo ambito tra le amministrazioni, anche con il supporto dei livelli is.tuzionali intermedi e centrali e delle associazioni. Inoltre, le interviste hanno confermato la stru0ura oligopolis.ca del mercato: 30 amministrazioni hanno ricevuto una sola offerta in gara e 10 due offerte.

9 Conclusioni!! L analisi del mercato ha mostrato una rapida diffusione dello strumento, che, come messo in evidenza dal focus group con gli stakeholder e dalle interviste alle amministrazioni, rivela importan. potenzialità in termini di qualità degli inves.men. che possono essere realizza. e di tempi di risposta ai fabbisogni infrastru0urali locali. Lo strumento presenta comunque ancora molte cri.cità rela.ve alle sue modalità di applicazione. Da un punto di vista norma.vo, regolamentare e applica.vo vi sono oggi alcuni disallineamen. che richiedono una chiara posizione alla cui formulazione è importante che prendano parte anche le associazioni di riferimento dei principali operatori (ASSILEA e ANCE) e delle amministrazioni (per esempio ANCI). Inoltre, le future applicazioni dello strumento dovranno tenere in considerazioni le evoluzioni rela.ve alla contabilizzazione del leasing e più in generale dei contrad di PPP. InfaD, è fondamentale che la sua applicazione sia guidata da chiari presuppos. di convenienza e sostenibilità per evitare le situazioni cri.che, già sperimentate in passato, determinate dal ricorso a strumen. finanziari nuovi e poco regolamenta. al fine di superare i vincoli di finanza pubblica. A tal proposto, anche se riferito a contrad di servizio, è u.le richiamare il de0ato dell art. 20 comma 10 della manovra finanziaria approvata a luglio del 2011 (che introduce l art. 111 bis alla legge 220/2010, legge di stabilità 2011) che sancisce un principio importante (l annullamento del contra0o) per frenare l abuso di strumen. finanziari introdod non per mo.vi di convenienza ma piu0osto per aggirare i vincoli di finanza pubblica. Una più sostenibile applicazione dello strumento richiede comunque un processo di co- evoluzione tra operatori pubblici e priva., che non può limitarsi solo alla maturazione di maggiori competenze. Vi è, infad, la necessità di una profonda conoscenza reciproca e di un percorso di condivisione delle rispedve posizioni al fine di me0ere a punto modalità applica.ve dello strumento che creino valore per il Paese nel suo complesso, in una logica di shared value (Porter, 2011).

10 !! CONTESTO, DEFINIZIONI E OBIETTIVI DELLA RICERCA!

11 Il take off del leasing - gli elementi alla base del decollo dello strumento! Carenza di fondi e vincoli di spesa Gap infrastru0urale Sistema di contabilizzazione favorevole Maggior semplicità dello strumento e della procedura rispe0o al Project Financing Minori cos. di stru0urazione e finanziari rispe0o al Project Financing

12 Elementi di criticità che si stanno delineando Configurazione del leasing nell ambito del PPP Allocazione equilibrata dei rischi tra le par. Evoluzione degli standard contabili a livello internazionale e nazionale Quadro norma.vo, regolamentare e giurisprudenziale talvolta disallineato Cara0eris.che dell areana compe..va e rischio di oligopolio mercato delle società di leasing concentrato e dei costru0ori polverizzato

13 Il contratto di leasing finanziario - definizione Il leasing è uno schema negoziale sinallagma.co e commuta.vo, con causa mista, che consente ad un sogge0o, previo pagamento di un canone periodico, di u.lizzare un bene, mobile o immobile, strumentale all esercizio della propria advità o al perseguimento dei propri fini is.tuzionali, con possibilità di risca0arlo ad un prezzo inferiore al valore di mercato al termine del periodo di disponibilità stabilito nel contra0o Il leasing finanziario è un contra0o a.pico ( art codice civile) che coinvolge i seguen. tre sogged: ü ü ü l u.lizzatore (lessee) del bene; il concedente (lessor), cioè la società di leasing, che acquista il bene e ne man.ene la proprietà sino al momento del risca0o; il fornitore del bene Il leasing sinte.zza in sé non solo i cara0eri.pici della locazione e della vendita a rate con riserva di proprietà, connessi rispedvamente al godimento del bene e alla possibilità di risca0are la piena proprietà del medesimo alla fine del periodo di u.lizzazione, ma anche la funzione di finanziamento. Il pagamento del canone non rappresenta solo il corrispedvo per la locazione del bene, quanto piu0osto una modalità di res.tuzione del finanziamento per una somma corrispondente al valore complessivo dell operazione economica programmata, la quale comprende altresì il costo del bene, l ammortamento del capitale e dell interesse sulle somme inves.te per la realizzazione dell opera, l u.le e le spese del concedente. Fonte: Corte dei Conti Sez. Lombardia, parere 87/2008 ALTRI CONTRATTI DI LEASING IN USO IN ITALIA Leasing opera?vo assenza dell opzione di risca0o al termine del contra0o; canone di locazione corrisponde generalmente alla en.tà dei servizi offer. dal bene stesso e non è in relazione con la sua durata economica; Sale and lease- back contra0o in base al quale un sogge0o vende un bene alla società di leasing che, a sua volta concede lo stesso bene in leasing al sogge0o venditore (si vedano Corte dei Con. Sezione regionale di controllo per il Veneto n. 87/PAR/2010 e Sezione regionale di controllo per la Lombardia n. 953/2010/PAR )

14 Il leasing finanziario per le opere pubbliche! La legge finanziaria per il 2007 (L. n. 296/2006, art. 1, commi ; ) ha introdo0o nel nostro ordinamento il leasing finanziario come strumento per la realizzazione di opere pubbliche (leasing finanziario immobiliare o leasing immobiliare). Il decreto legisla.vo n. 113/2007 ha integralmente inserito nel Codice dei ContraD pubblici rela.vi a lavori, servizi e forniture (d.lgs. n. 163/2006) questo strumento all art. 160 bis Locazione finanziaria di opere pubbliche o di pubblica u?lità. L art. 160 bis prevede che per la realizzazione, l acquisizione ed il completamento di opere pubbliche o di pubblica u?lità i commihen? tenu? all applicazione del codice dei contrai pubblici possono avvalersi anche del contraho di locazione finanziaria. L art. 3 comma 15 ter del Codice dei ContraD annovera la locazione finanziaria tra i contrad di partenariato pubblico privato (PPP) a cui si applicano le decisioni Eurostat rela.ve alla contabilizzazione delle operazioni di PPP stesse

15 La terminologia della ricerca! Questa ricerca fa riferimento all applicazione del leasing finanziario per il finanziamento e realizzazione delle opere e degli inves.men. pubblici. In relazione alla realizzazione di opere pubbliche i contrad analizza. sono rela.vi a: ü ü leasing immobiliare in costruendo, per il finanziamento della costruzione di un immobile; leasing immobiliare, per il finanziamento dell acquisto di un immobile già esistente ed eventualmente da adeguare alle esigenze dell Amministrazione; Nell analisi sono state inoltre rilevate : ü ü operazioni di leasing finanziario mobiliare per il finanziamento della fornitura di a0rezzature e strumentazioni; operazioni di sale and lease back.

16 Obiettivi & struttura della ricerca! 1. Definizione e validazione di una metodologia per la raccolta e analisi delle operazioni di leasing finanziario per gli inves.men. e descrizione del fenomeno in Italia 2. Individuazione di cri.cità, best prac?ces e trend rela.vi all u.lizzo del leasing per far fronte al fabbisogno di inves.men. pubblici a0raverso il confronto con I principali stakeholder 3. Analisi del punto di vista di un campione di pubbliche amministrazioni che hanno aggiudicato operazioni di leasing

17 Osservazione dello storico Quali condizioni di sviluppo sostenibile? Punto di vista degli stakeholder

18 I FASE!! DEFINIZIONE E VALIDAZIONE DI UNA METODOLOGIA PER LA RACCOLTA E ANALISI DELLE OPERAZIONI DI LEASING NEL SETTORE PUBBLICO!

19 La metodologia di analisi dei dati 1! La base da. u.lizzata per l analisi della consistenza e delle cara0eris.che del fenomeno Leasing finanziario pubblico in Italia è il Database ASSILEA (DB) che raccoglie oltre bandi pubblica. tra i mesi di Dicembre 2008 e Aprile 2011 nel cui testo è contenuta almeno una delle seguen. parole: leasing, noleggio, locazione In prima ba0uta si è proceduto alla codificazione dei da. grezzi estraibili dal DB, a0raverso la definizione di par.colari cara0eris.che qualita.ve: ü Periodo temporale (data di pubblicazione e scadenza del bando) ü Localizzazione geografica della stazione appaltante (Regione e Provincia) ü Stazione Appaltante (Comune, Provincia, Regione, Azienda Sanitaria, Consorzio, Azienda di Servizi Pubblici, Agenzia Regionale, Ente Centrale, Università ed Ente forma.vo, Agenzia Provinciale, Camera di Commercio e Fondazione) ü Procedura di gara (aperta, ristre0a, negoziata, codmo- in economia) ü Tipologia di contra0o (leasing immobiliare in costruendo, leasing immobiliare, leasing mobiliare, sale & lease back) ü Se0ore (sanità, apparecchiature stradali, fotovoltaico, opere sociali - RSA ed edilizia pubblica, rifiu., viabilità e parcheggi, educazione, tecnologia per uffici, edilizia spor.va, telecomunicazioni). Successivamente si è pulito il DB al fine di definire il perimetro della ricerca (DB rilevante), eliminando i bandi con importo nullo e quelli riguardan. le operazioni non ogge0o della presente ricerca (i noleggi di apparecchiature, di beni consumabili, auto e flo0e e gli affid di immobili).

20 La metodologia di analisi dei dati 2! Successivamente, sono sta. analizza. i tes. di tud i bandi di gara contenu. del DB rilevante, catalogandoli sulla base dei seguen. criteri: ü Proge0o a base di gara (preliminare, defini.vo, esecu.vo) ü Durata del contra0o di locazione in anni ü Profilo temporale del canone (mensile, trimestrale, semestrale, annuale) ü Tipologia di tasso applicato (fisso o variabile) ü Valore di risca0o (in percentuale sul valore dell inves.mento) ü Peso dell offerta economica e analisi delle sue componen. (prezzo, ribasso su lavori, ribasso su proged, ammontare del canone di locazione, spread sul canone, spread sul prefinanziamento, possibilità di risca0o an.cipato, opzione di tasso fisso, riduzione tempis.ca, ricavi a favore dell appaltante, valore del risca0o, durata del contra0o di locazione, cos. di ges.one) ü Manutenzione inclusa nel bando/capitolato ü Aggiudicazione Le analisi sta.s.che sono state effe0uate u.lizzando il socware sta.s.co professionale STATA 11, il quale ha permesso, a0raverso alcune par.colari tecniche di programmazione, di ges.re in modo flessibile l elevato numero di variabili, elaborare correlazioni sta.s.che e trasferire i da. su mappe geografiche in modo da fornire una rappresentazione immediata delle realtà regionali e provinciali più adve.

21 La consistenza del leasing finanziario per le opere pubbliche! Dal 2009 ad aprile 2011 sono sta. osserva. 342 bandi pubblica. per la realizzazione di operazioni di leasing finanziario, per un valore complessivo di 1,5 miliardi di euro 151 sono le operazioni aggiudicate 1 Il valore delle operazioni aggiudicate ammonta a circa 900 milioni di euro L importo medio delle operazioni di leasing bandite risulta di circa 4,3 milioni di euro, mentre di quelle aggiudicate di circa 6 milioni di euro 1 di cui 115 rilevate dai feedback ricevu. dalle associate di Assilea e 36 dalla pubblicazione di avvisi di aggiudicazione

22 Distribuzione bandi ( ) Distribuzione aggiudicazioni ( )

23 Distribuzione bandi (n) Distribuzione aggiudicazioni (n)

24 Rapporto bandi/aggiudicazioni (n)

25 sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu. Numero bandi per se0ore viabilità e parcheggi edilizia scolas.ca e formazione socware e edilizia spor.va apparecchiature informa.che Valore medio bandi per se0ore Migliaia di euro sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu. viabilità e parcheggi edilizia scolas.ca e formazione socware e apparecchiature informa.che edilizia spor.va

26 Numerosità, impor. medi e totali dei bandi per se0ore TOTALE BANDI numero importo medio in migliaia importo totale in migliaia sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu viabilità e parcheggi edilizia scolas.ca e formazione socware e apparecchiature informa.che edilizia spor.va TOTALE 342 Per quanto riguarda i se0ori cui afferiscono le operazioni, la grande maggioranza dei bandi (187) riguarda la realizzazione di impian. fotovoltaici; seguono, di molto distacca., il se0ore sanitario, l edilizia pubblica e quella specificamente scolas.ca. Se si considera il valore medio, il panorama cambia e le opere di edilizia pubblica (spinte sopra0u0o dalla regione Piemonte con la costruzione del nuovo Palazzo della Regione) esprimono il maggiore valore.

27 60 50 Numero aggiudicazioni per se0ore sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu. viabilità e parcheggi edilizia scolas.ca e formazione socware e apparecchiature informa.che edilizia spor.va Migliaia di euro Valore medio aggiudicazioni per se0ore sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu. viabilità e parcheggi edilizia scolas.ca e formazione socware e edilizia spor.va apparecchiature informa.che Dall analisi delle operazioni aggiudicate rispe0o a quella sui bandi, la situazione non cambia di molto, se non per la riduzione della distanza numerica tra il se0ore del fotovoltaico e gli altri se0ori. Questo significa che gran parte dei proged non realizza. (fenomeno che, come osservato dalle preceden. mappe, riguarda sopra0u0o le province meridionali) ha per ogge0o impian. di generazione di energia solare.

28 Numerosità, impor. medi e totali delle aggiudicazioni per se0ore AGGIUDICATI numero importo medio in migliaia importo totale in migliaia % aggiudicazione sanità % apparecchiature stradali % fotovoltaico % edilizia pubblica e social housing % rifiu? % viabilità e parcheggi % edilizia scolas?ca e formazione % sonware e apparecchiature informa?che % edilizia spor?va % TOTALE 151 La Tabella me0e in relazione l importo medio dell aggiudicato per se0ore (colonna 3) e la percentuale di aggiudicazione (colonna 5): in par.colare, il dato più significa.vo che emerge è la posi.va correlazione tra i due fa0ori (0,509). Esso lascia intendere che all aumentare del valore dell operazione, aumenta anche la probabilità che la stessa sia aggiudicata.

29 Percentuale di aggiudicazione per se0ore 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu. viabilità e parcheggi edilizia scolas.ca e formazione socware e edilizia spor.va apparecchiature informa.che La percentuale di aggiudicazione delle operazionid di project financing è inferiore al 20% (Amatucci e Vecchi, 2009). Il leasing ha registrato un livello di aggiudicazione medio del 45%

30 Numero bandi per.pologia di contra0o Valore medio bandi per.pologia di contra0o leasing in costruendo leasing immobiliare leasing sale & lease back apparecchiature leasing in costruendo leasing immobiliare leasing apparecchiature sale & lease back 120 Numero aggiudicazioni per.pologia di contra0o Valore medio aggiudicazioni per.pologia di contra0o leasing in costruendo leasing immobiliare leasing apparecchiature leasing in costruendo leasing immobiliare leasing apparecchiature

31 Numerosità, impor. medi e totali dei bandi per.pologia di leasing e se0ore leasing in costruendo leasing immobiliare leasing apparecchiature Sale & Lease back BANDI Numero bandi Importo Medio in migliaia di euro Importo Totale in migliaia di euro Numero bandi Importo Medio in migliaia di euro Importo Totale in migliaia di euro Numero bandi Importo Medio in migliaia di euro Importo Totale in migliaia di euro Numero bandi Importo Medio in migliaia di euro Importo Totale in migliaia di euro TOTALE SETTORE sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu? viabilità e parcheggi edilizia scolas?ca e formazione sonware e apparecchiature informa?che edilizia spor?va TOTALE TIPOLOGIA LEASING

32 Numerosità, impor. medi e totali delle aggiudicazioni per.pologia di leasing e se0ore leasing in costruendo leasing immobiliare leasing apparecchiature AGGIUDICATI Numero bandi Importo Medio in migliaia di euro Importo Totale in migliaia di euro Numero bandi Importo Medio in migliaia di euro Importo Totale in migliaia di euro Numero bandi Importo Medio in migliaia di euro Importo Totale in migliaia di euro TOTALE SETTORE sanità apparecchiature stradali fotovoltaico edilizia pubblica e social housing rifiu? viabilità e parcheggi edilizia scolas?ca e formazione sonware e apparecchiature informa?che edilizia spor?va TOTALE TIPOLOGIA LEASING

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 13, 14, 27 e 28 MAGGIO 2011 FINANZA PUBBLICA FINANZA PUBBLICA E PROGRAMMAZIONE Il leasing pubblico Michelangelo Nigro mnigro@liuc.it 1 L

Dettagli

Il leasing immobiliare per la pubblica Amministrazione: il punto di vista della SOCIETA DI LEASING

Il leasing immobiliare per la pubblica Amministrazione: il punto di vista della SOCIETA DI LEASING Manuel Farina Il leasing immobiliare per la pubblica Amministrazione: il punto di vista della SOCIETA DI LEASING FUNZIONE LEASING PUBBLICO per la Pubblica Amministrazione al 31.12.15 Contratti stipulati:

Dettagli

Il Leasing in costruendo nell edilizia pubblica: nuove costruzioni e riqualificazione

Il Leasing in costruendo nell edilizia pubblica: nuove costruzioni e riqualificazione Il Leasing in costruendo nell edilizia pubblica: nuove costruzioni e riqualificazione Fabio Vidoni Gruppo di Lavoro Leasing pubblico ASSILEA Associazione Italiana Leasing Partenariato Pubblico Privato

Dettagli

ANCI Servizi-OICE-ABI

ANCI Servizi-OICE-ABI Convegno: ANCI Servizi-OICE-ABI Workshop sul Project Financing: riscaldiamo le opere fredde Trieste, 23 ottobre 2008 Relazione dell Unità Tecnica Finanza di Progetto di GABRIELE FERRANTE Il Partenariato

Dettagli

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO in pratica FISCO Antonina Giordano Il leasing operativo I edizione Definizione e caratteristiche distintive Profili civilistici e fiscali Profili contabili e di rappresentazione in bilancio Riferimenti

Dettagli

I finanziamen* agevola* eroga* da Veneto Sviluppo Spa

I finanziamen* agevola* eroga* da Veneto Sviluppo Spa a cura di I finanziamen* agevola* eroga* da Veneto Sviluppo Spa I finanziamen* agevola* per le piccole e medie imprese operan* nella Regione Veneto sono finanziamen* eroga* a condizioni agevolate in favore

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende. IAS 17 Leasing. by Marco Papa

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende. IAS 17 Leasing. by Marco Papa Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende IAS 17 Leasing by Marco Papa Outline o Definizioni o Classificazione del contratto di leasing o Contabilizzazione

Dettagli

Art. 160 bis del D.Lgs. 163/2006 Testo Unico dei Contratti Pubblici

Art. 160 bis del D.Lgs. 163/2006 Testo Unico dei Contratti Pubblici Francesco Pastore 1 Il leasing immobiliare pubblico è uno strumento messo a disposizione della Pubblica Amministrazione per la realizzazione, l acquisizione ed il completamento di opere pubbliche o di

Dettagli

Il partenariato pubblico privato per gli investimenti in fotovoltaico: dal project financing al project leasing!

Il partenariato pubblico privato per gli investimenti in fotovoltaico: dal project financing al project leasing! Il partenariato pubblico privato per gli investimenti in fotovoltaico: dal project financing al project leasing! VERONICA VECCHI, PhD! PROFESSOR at SDA BOCCONI! veronica.vecchi@unibocconi.it Le fonti di

Dettagli

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani IAS 17 : LEASING Schemi di analisi Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani INDICE SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE CLASSIFICAZIONE CONTABILIZZAZIONE VENDITA E RETROLOCAZIONE PRINCIPI CONTABILI

Dettagli

Le configurazioni di costo

Le configurazioni di costo SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Le configurazioni di costo Prof.ssa Monia Castellini Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 Obie9vi forma

Dettagli

Il trattamento civilistico e contabile del leasing

Il trattamento civilistico e contabile del leasing ? INQUADRAMEN TEMA 9 - IL TRATTAMENTO CIVILISTICO E CONTABILE DEL LEASING TEMA 9 Il trattamento civilistico e contabile del leasing Dopo aver illustrato le diverse finalità del leasing finanziario rispetto

Dettagli

Elementi per la contabilizzazione del PPP

Elementi per la contabilizzazione del PPP Elementi per la contabilizzazione del PPP Prof. Veronica Vecchi, SDA Bocconi School of Management La contabilizzazione delle concessioni di costruzione e gestione Prima di passare alla trattazione del

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

Emanuele Scarnati. Responsabile Direzione Corporate Finance. PPP: il focus dei finanziatori secondo logiche project finance Firenze, 17 aprile 2014

Emanuele Scarnati. Responsabile Direzione Corporate Finance. PPP: il focus dei finanziatori secondo logiche project finance Firenze, 17 aprile 2014 Emanuele Scarnati Responsabile Direzione Corporate Finance PPP: il focus dei finanziatori secondo logiche project finance Firenze, 17 aprile 2014 Generalità sul Project Financing Punti di attenzione e

Dettagli

18 e 19 Maggio 2011 (ore 9:30-17:30) MILANO - Novotel Milano Linate Aeroporto (Via Mecenate, 121)

18 e 19 Maggio 2011 (ore 9:30-17:30) MILANO - Novotel Milano Linate Aeroporto (Via Mecenate, 121) 18 e 19 Maggio 2011 (ore 9:30-17:30) MILANO - Novotel Milano Linate Aeroporto (Via Mecenate, 121) Obiettivo del corso sarà fornire una conoscenza di base dell universo PA, dei processi inerenti la sua

Dettagli

Emanuele Scarnati. Responsabile Direzione Corporate Finance. Piano di Sviluppo delle città e Project Financing. Palermo, 19 aprile 2013

Emanuele Scarnati. Responsabile Direzione Corporate Finance. Piano di Sviluppo delle città e Project Financing. Palermo, 19 aprile 2013 Emanuele Scarnati Responsabile Direzione Corporate Finance Piano di Sviluppo delle città e Project Financing Palermo, 19 aprile 2013 Generalità sul Project Financing Punti di attenzione e opportunità 2

Dettagli

Delibera a maggioranza del Consiglio di Amministrazione del 13 O6obre 2011

Delibera a maggioranza del Consiglio di Amministrazione del 13 O6obre 2011 Delibera a maggioranza del Consiglio di Amministrazione del 13 O6obre 2011 Riconferma la propria convinzione circa la rilevanza strategica, per l Ateneo e la ci6à, della realizzazione del Parco Scien;fico

Dettagli

LAVORARE CON LA PA: il PPP

LAVORARE CON LA PA: il PPP LAVORARE CON LA PA: il PPP Manuela Brusoni & Veronica Vecchi, Public Management and Policy Department E un mercato, ma differente dal tradizionale B2B Servono diverse STRATEGIE DI OFFERTA & MODALITA DI

Dettagli

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 Il leasing è un contratto per mezzo del quale il locatore (lessor) trasferisce al locatario (lessee), in cambio di un pagamento o di una serie

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Nuove Imprese a Tasso Zero: Promuovere e sostenere nuova imprenditorialità giovanile e femminile

Nuove Imprese a Tasso Zero: Promuovere e sostenere nuova imprenditorialità giovanile e femminile Nuove Imprese a Tasso Zero: Promuovere e sostenere nuova imprenditorialità giovanile e femminile Invitalia, Agenzia Nazionale per l a0razione degli inves4men4 e lo sviluppo d impresa, è una società per

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE TRAMITE CONTRATTO DI LOCAZIONE FINANZIARIA

REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE TRAMITE CONTRATTO DI LOCAZIONE FINANZIARIA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE TRAMITE CONTRATTO DI LOCAZIONE FINANZIARIA www.noipiccolicomuni.it PREMESSA La locazione finanziaria è un moderno ed efficace sistema di realizzazione di opere pubbliche

Dettagli

Ancona 22 ottobre 2012 Fabio Travagliati Politiche Comunitarie Autorità di Gestione FESR e FSE

Ancona 22 ottobre 2012 Fabio Travagliati Politiche Comunitarie Autorità di Gestione FESR e FSE Ancona 22 ottobre 2012 Fabio Travagliati Politiche Comunitarie Autorità di Gestione FESR e FSE implementare l iden-tà visuale del POR- FESR e la riconoscibilità della sua azione e del valore aggiunto da

Dettagli

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti Project Financing Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari Lecce 2 ottobre 2003 A cura del Dott. Massimo Leone Sommario degli argomenti 1. Introduzione al project financing 2. Il project

Dettagli

Come i sistemi di performance management possono contribuire al rafforzamento delle capacità di ges7one dei fondi europei

Come i sistemi di performance management possono contribuire al rafforzamento delle capacità di ges7one dei fondi europei Il Rafforzamento della Capacità amministra5va nella Programmazione 2014-2020 Come i sistemi di performance management possono contribuire al rafforzamento delle capacità di ges7one dei fondi europei Laura

Dettagli

BOLOGNA TO BUSINESS BENEFICI DELLA ESTERNALIZZAZIONE SUL CONTO ECONOMICO

BOLOGNA TO BUSINESS BENEFICI DELLA ESTERNALIZZAZIONE SUL CONTO ECONOMICO BOLOGNA TO BUSINESS BENEFICI DELLA ESTERNALIZZAZIONE SUL CONTO ECONOMICO Analisi economica: i prezzi ombra Quello che interessa, nell'analisi costi-benefici, è la redditività dal punto di vista della massimizzazione

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

Fattori critici per lo sviluppo di interventi di efficienza energetica attraverso ESCO

Fattori critici per lo sviluppo di interventi di efficienza energetica attraverso ESCO Fattori critici per lo sviluppo di interventi di efficienza energetica attraverso ESCO Avv. Emilio Sani, Partner Dipartimento Energia Macchi di Cellere Gangemi studio legale Via Serbelloni 4 20121, Milano

Dettagli

Project Financing - paternariato pubblico privato - nuove opportunità per la realizzazione delle opere pubbliche Milano, 19 novembre 2009

Project Financing - paternariato pubblico privato - nuove opportunità per la realizzazione delle opere pubbliche Milano, 19 novembre 2009 Project Financing - paternariato pubblico privato - nuove opportunità per la realizzazione delle opere pubbliche Milano, 19 novembre 2009 Avv. Domenico Segreti Studio Legale Radice & Cereda segreti@uninetlex.com

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013. Roadshow settembre-novembre 2013

La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013. Roadshow settembre-novembre 2013 La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013 Roadshow settembre-novembre 2013 1 Indice Pag. Scenario di riferimento Enti Locali 3 La nuova Circolare CDP n. 1280 4 Le nuove schede istruttorie 6 Cassa

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI CONTRATTO DI LOCAZIONE FINANZIARIA PER LEASING IMMOBILARE IN COSTRUENDO

CAPITOLATO D ONERI CONTRATTO DI LOCAZIONE FINANZIARIA PER LEASING IMMOBILARE IN COSTRUENDO Comune di Livorno Area Dipartimentale 3 Programmazione Economico finanziaria U.O.Va Servizi finanziari e Acquisti Ufficio Finanza e Investimenti CAPITOLATO D ONERI CONTRATTO DI LOCAZIONE FINANZIARIA PER

Dettagli

DOSSIER PPP - Partenariato Pubblico Privato

DOSSIER PPP - Partenariato Pubblico Privato DOSSIER PPP - Partenariato Pubblico Privato 13 Novembre 2003 I) TAVOLA SINOTTICA DELLE PRINCIPALI FORMULE PPP APPLICATE IN EUROPA A cura del dr. Rangone istituti giuridici Modalità di pagamento Denominazione

Dettagli

Presentazione linee guida di progetto Attività marketing per il complesso del centro natatorio del Comune di Cologno al Serio (BG) Aprile 2015

Presentazione linee guida di progetto Attività marketing per il complesso del centro natatorio del Comune di Cologno al Serio (BG) Aprile 2015 Presentazione linee guida di progetto Attività marketing per il complesso del centro natatorio del Comune di Cologno al Serio (BG) Aprile 2015 1 INDICE LE DIRETTRICI 1. Plus&Plus 2. Plus&Plus per il Centro

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

addossé: un caso pratico

addossé: un caso pratico Il caso pratico 47 di Lara Villani e Pietro Busanelli Busanelli e Associati srl - Reggio Emilia Pianificazione finanziaria L utilizzo del leasing addossé: un caso pratico Analizziamo il caso di un azienda

Dettagli

La riforma del servizio di distribuzione del

La riforma del servizio di distribuzione del CReSV Via Röntgen, 1 Centro Ricerche su Sostenibilità e Valore 20136 Milano tel +39 025836.3626 La riforma del servizio di distribuzione del 2013 gas naturale In collaborazione con ASSOGAS Gli ambiti territoriali

Dettagli

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi A13 457 Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi Potenzialità, criteri di investimento, rischi Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Le operazioni di leasing

Le operazioni di leasing www.contabilitanternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Le operazioni di leasing Oggetto della lezione framework Fair value disclosure

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

- gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata;

- gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata; REGIONE PIEMONTE BU41 09/10/2014 Codice DB0803 D.D. 13 giugno 2014, n. 379 Contributi semestrali a favore dell'istituto Bancario "Banca Popolare di Milano Scarl" a copertura dei mutui agevolati disposti

Dettagli

Ipotesi di partenariato pubblico-privato per il finanziamento degli interventi di difesa della costa Prof. Renzo Baccolini

Ipotesi di partenariato pubblico-privato per il finanziamento degli interventi di difesa della costa Prof. Renzo Baccolini Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di Area S.r.l. e del destinatario del documento. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate,

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Per gli investimenti pubblici

Cassa depositi e prestiti. Per gli investimenti pubblici Cassa depositi e prestiti Per gli investimenti pubblici CDP per lo sviluppo del territorio Oltre a finanziare gli investimenti della PA, CDP opera a favore dello sviluppo del territorio, supportando le

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

Gli investimenti comunali fra 2005 e 2013: la crescita, la crisi e la ripresa?...

Gli investimenti comunali fra 2005 e 2013: la crescita, la crisi e la ripresa?... Forum Banche e PA 2011 Servizi bancari e finanziari per le PA e per gli investimenti pubblici Roma, Palazzo Altieri Gli investimenti comunali fra 2005 e 2013: la crescita, la crisi e la ripresa?... Luciano

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

Le slides, presentate da Paolo Cefarelli, componente del Nucleo di valutazione della Regione Campania, in occasione del seminario tecnico sulla

Le slides, presentate da Paolo Cefarelli, componente del Nucleo di valutazione della Regione Campania, in occasione del seminario tecnico sulla Le slides, presentate da Paolo Cefarelli, componente del Nucleo di valutazione della Regione Campania, in occasione del seminario tecnico sulla finanza di progetto, tenutosi a Roma l 8 aprile, descrivono

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE 1 Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio- lungo termine Operazioni di prestito bancario Operazioni di smobilizzo 2 Definizione

Dettagli

Finanza di progetto e partenariato pubblico privato

Finanza di progetto e partenariato pubblico privato All. A Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Finanza di progetto e partenariato

Dettagli

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI AL SERVIZIO DI CENTRALIZZAZIONE DEI RISCHI GESTITO DALLA BANCA D ITALIA Documento per la consultazione e analisi

Dettagli

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 190/2014/R/GAS MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA Documento per la consultazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING)

FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Commercio e Finanza spa Leasing e Factoring. Sede Legale ed Amministrativa: Napoli, Via F.Crispi

Dettagli

FOGLIO COMPARATIVO DEI MUTUI FONDIARI/IPOTECARI OFFERTI PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE

FOGLIO COMPARATIVO DEI MUTUI FONDIARI/IPOTECARI OFFERTI PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE Pagina 1 di 7 FOGLIO COMPARATIVO DEI MUTUI FONDIARI/IPOTECARI OFFERTI PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE Società Cooperativa Sede Legale in Moio della Civitella (SA) Via Municipio, n.16 - Palazzo

Dettagli

Meccanismi di finanziamento delle infrastrutture idriche

Meccanismi di finanziamento delle infrastrutture idriche Meccanismi di finanziamento delle infrastrutture idriche Roma 12 luglio 2005 Gabriele Pasquini Unità tecnica Finanza di Progetto 1 Introduzione Premesse La situazione della finanza pubblica ed i vincoli

Dettagli

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012; Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza, nell ambito dell azione del Governo volta all analisi ed alla revisione della spesa pubblica, di emanare disposizioni

Dettagli

Totale 100 CRITERI DI CARATTERE GENERALE RELATIVI AGLI ISTITUTI BANCARI - ELEMENTI TECNICI INERENTI IL SERVIZIO

Totale 100 CRITERI DI CARATTERE GENERALE RELATIVI AGLI ISTITUTI BANCARI - ELEMENTI TECNICI INERENTI IL SERVIZIO ALLEGATO 1) CRITERI DI GARA 1) I macrocriteri di valutazione dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell art. 83, del D.Lgs 163/2006, si dividono in tre grosse tipologie il cui punteggio

Dettagli

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT Da alcuni anni l ISTAT e il DPS hanno avviato un attività sistematica di raffronto

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati Presentazione 1 Autonomie locali e finanza pubblica 1.1 Principi generali 1.1.1 La finanza locale nel sistema delle autonomie locali 1.1.2 Enti locali e riforma della pubblica amministrazione 1.1.3 Le

Dettagli

L esperienza del Leasing immobiliare Gianluca De Candia Direttore Generale Assilea

L esperienza del Leasing immobiliare Gianluca De Candia Direttore Generale Assilea L esperienza del Leasing immobiliare Gianluca De Candia Direttore Generale Assilea Roma, 23 novembre 2011 Ascesa o declino del Leasing immobiliare? (valore nuovi contratti stipulati in milioni di euro)

Dettagli

Le novità introdotte dai Decreti Sviluppo per il finanziamento alle imprese e le possibili evoluzioni

Le novità introdotte dai Decreti Sviluppo per il finanziamento alle imprese e le possibili evoluzioni Min!tero dello Svilu#o economico Le novità introdotte dai Decreti Sviluppo per il finanziamento alle imprese e le possibili evoluzioni Stefano Firpo Capo della Segreteria Tecnica del Ministro Roma, 28

Dettagli

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E ALLEGATO A Schema di Convenzione per la gestione del Fondo di rotazione per la realizzazione di programmi pluriennali di edilizia residenziale agevolata di cui all art. 82 della Lr n. 8/2002 e successive

Dettagli

a supporto della procedura di gara relativa alla Finanza di progetto di Sorgono e per i presidi sanitari distrettuali di Macomer e Siniscola

a supporto della procedura di gara relativa alla Finanza di progetto di Sorgono e per i presidi sanitari distrettuali di Macomer e Siniscola Progetto di assistenza tecnico scientifica e di formazione alla ASL 3 Nuoro a supporto della procedura di gara relativa alla Finanza di progetto per i presidi ospedalieri i San Francesco e Zonchello di

Dettagli

SINLOC DIMENSIONI DEL DISAGIO ABITATIVO E STRATEGIE DI INTERVENTO. Sistema Iniziative Locali S.p.A. IRES Piemonte Torino, 4 febbraio 2010

SINLOC DIMENSIONI DEL DISAGIO ABITATIVO E STRATEGIE DI INTERVENTO. Sistema Iniziative Locali S.p.A. IRES Piemonte Torino, 4 febbraio 2010 SINLOC Sistema Iniziative Locali S.p.A DIMENSIONI DEL DISAGIO ABITATIVO E STRATEGIE DI INTERVENTO IRES Piemonte Torino, 4 febbraio 2010 1 INDICE PRESENTAZIONE SINLOC SpA IL PROGETTO DI HOUSING SOCIALE

Dettagli

Il mercato del credito

Il mercato del credito Il mercato del credito 1 Gli sportelli bancari In riferimento alla distribuzione del numero di istituti bancari per sede amministrativa e del numero di sportelli per localizzazione geografica, i dati statistici

Dettagli

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444 Emendamenti 26 novembre 2015 BILANCIO AUTORIZZATORIO SOLO ANNUALE 2016 UTILIZZO AVANZO LIBERO E DESTINATO ARTICOLO 1, COMMA 389 Dopo il comma 389 è inserito

Dettagli

Indice dei contenuti. La nuova Organizzazione della CDP. I Nuovi Strumenti e Servizi per gli Enti Locali. Appendice Lista Contatti

Indice dei contenuti. La nuova Organizzazione della CDP. I Nuovi Strumenti e Servizi per gli Enti Locali. Appendice Lista Contatti Indice dei contenuti La nuova Organizzazione della CDP La gestione separata e la gestione ordinaria Le innovazioni 2005 I Nuovi Strumenti e Servizi per gli Enti Locali Prestito Flessibile di Scopo Fondo

Dettagli

IL PPP per lo sviluppo infrastrutturale. Veronica Vecchi

IL PPP per lo sviluppo infrastrutturale. Veronica Vecchi IL PPP per lo sviluppo infrastrutturale Veronica Vecchi Il contesto 2 PPP: benefici macroeconomici Sviluppo infrastrutturale senza incidere sul debito pubblico (effetto off balance) Incremento del PIL

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA

FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA 1. Premessa Il nuovo Codice dell Amministrazione Digitale, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 gennaio 2011

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

COMUNE DI CASTELLALTO

COMUNE DI CASTELLALTO COMUNE DI CASTELLALTO ACCORDI DI URBANISTICA NEGOZIATA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI TRASFORMAZIONE URBANISTICA - ALLEGATO A (BOZZA DEL 18.04.2013) Ufficio Urbanistica via Madonna degli Angeli,

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

PROGETTARE E REALIZZARE PICCOLE INFRASTRUTTURE IN PROJECT FINANCE

PROGETTARE E REALIZZARE PICCOLE INFRASTRUTTURE IN PROJECT FINANCE CORSO DI FORMAZIONE PROGETTARE E REALIZZARE PICCOLE INFRASTRUTTURE IN PROJECT FINANCE Mercoledì 15 aprile 2009 (ore 9:30 17:30) Giovedì 16 aprile 2009 (ore 9:30-14:00) ROMA Centro Congressi Conte di Cavour

Dettagli

Decorrenza dell ammortamento fissata al primo gennaio del terzo anno solare successivo a quello della data di perfezionamento;

Decorrenza dell ammortamento fissata al primo gennaio del terzo anno solare successivo a quello della data di perfezionamento; Direzione Finanza 2015 07074/024 Area Bilancio Ufficio Finanziamenti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 91 approvata il 11 dicembre 2015 DETERMINAZIONE: MUTUO DI EURO 1.999.996,00

Dettagli

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Corso di valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Docenti Collaboratori prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it

Dettagli

La valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico attraverso le energie rinnovabili

La valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico attraverso le energie rinnovabili La valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico attraverso le energie rinnovabili Forum PA Roma, 13 maggio 2009 Claudio Giannotti Direttore del Laboratorio di Finanza Immobiliare Docente Master MEGIM

Dettagli

PPP e FM: questo matrimonio s ha da fare? Per una di queste

PPP e FM: questo matrimonio s ha da fare? Per una di queste Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Economia PPP e FM: questo matrimonio s ha da fare? Per una di queste stradicciole, tornava bel bello dalla passeggiata verso casa, sulla sera del giorno

Dettagli

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL ADOZIONE DEI PRINCIPI DI REVISIONE INTERNAZIONALI Settembre

Dettagli

Chi siamo 2 Il Noleggio 3 Leasing, Factoring 4 Finanziamenti Finalizzati 5

Chi siamo 2 Il Noleggio 3 Leasing, Factoring 4 Finanziamenti Finalizzati 5 Ser ziari per i rivenditori Westcon Westcon ha costituito una Business Unit nata con l obiettivo di proporre ai propri rivenditori, innovative, così da arricchire vendita. Chi siamo Il Noleggio Leasing,

Dettagli

SCHEDA IL MERCATO TRIONFALE DI VIA ANDREA DORIA

SCHEDA IL MERCATO TRIONFALE DI VIA ANDREA DORIA SCHEDA IL MERCATO TRIONFALE DI VIA ANDREA DORIA Il mercato Trionfale di Via Andrea Doria è finalmente realtà: l 11 marzo 2009 è avvenuta l inaugurazione dell opera. Già un mese prima almeno un centinaio

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

LA BANCABILITA DEI PROGETTI DI SVILUPPO DELLE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI E LE OPPORTUNITA PER LE AZIENDE.

LA BANCABILITA DEI PROGETTI DI SVILUPPO DELLE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI E LE OPPORTUNITA PER LE AZIENDE. International Solar Energy Society FONTI RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA. LE PROSPETTIVE PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI. Roma, 10 dicembre 2010 LA BANCABILITA DEI PROGETTI DI SVILUPPO

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione finanziaria. La scelta dei progetti di investimento

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione finanziaria. La scelta dei progetti di investimento Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione finanziaria. La scelta dei progetti di investimento dott. Matteo Rossi La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso di decisioni

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale Il Piano Industriale Università degli Studi di Palermo Palermo, 9 giugno 2011 Raffaele Mazzeo Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed esperti contabili Indice FASE n. 1 - Presentazione del progetto

Dettagli

Art. 1 Oggetto e procedura dell appalto. Art. 2 Norma di salvaguardia. Art. 3 Normativa di riferimento. Art. 4 Vincolatività delle offerte

Art. 1 Oggetto e procedura dell appalto. Art. 2 Norma di salvaguardia. Art. 3 Normativa di riferimento. Art. 4 Vincolatività delle offerte Università per Stranieri di Siena CAPITOLATO D ONERI APPALTO PER LA CONTRAZIONE DI UN MUTUO IPOTECARIO TRENTENNALE A TASSO FISSO PER UN IMPORTO COMPRESO FRA UN MINIMO DI EURO 13.635.204,00 ED UN MASSIMO

Dettagli

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA CONVENZIONE CON ISTITUTI DI CREDITO Tra: Sviluppo Lazio S.p.A. (di seguito Sviluppo

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Donato Ma(urro Marke'ng & Web Communica'on Consultant

Donato Ma(urro Marke'ng & Web Communica'on Consultant Donato Ma(urro Marke'ng & Web Communica'on Consultant Presidente Associazione Joomla!lombardia Ceo & founder E-mail: presidente@joomlalombardia.org Web: www.joomlalombardia.org Premessa: Considerato che:

Dettagli