Le caratteristiche del sistema organizzativo e di fornitura del servizio offerto alla Provincia di Pavia:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le caratteristiche del sistema organizzativo e di fornitura del servizio offerto alla Provincia di Pavia:"

Transcript

1 Progetto LiMIT4WeDA: OFFERTA TECNICA Le caratteristiche del sistema organizzativo e di fornitura del servizio offerto alla Provincia di Pavia: DESCRIZIONE DELLE MODALITÀ OPERATIVE DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO CHE SI INTENDE OFFRIRE ALLA PROVINCIA DI PAVIA, CON LA DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEI SINGOLI SERVIZI OFFERTI L offerta prevede la fornitura dei seguenti servizi: 1. Attività di COMUNICAZIONE Componente 1 Descrizione delle attività Attività rivolte alla implementazione di una adeguata campagna di comunicazione e stesura di un piano di comunicazione per dare ampia diffusione a livello locale dei contenuti del progetto e dei risultati raggiunti e per stadi di avanzamento. Obiettivi Verranno attuate a livello locale tutte le attività di comunicazione previste dal Piano di Comunicazione del progetto allo scopo di: dare visibilità ai problemi di mobilità nell area Oltrepo Pavese sensibilizzare i soggetti coinvolti nei processi decisionali coinvolgere il massimo numero di portatori di interessi (stakeholders) allo scopo di condividere una strategia di implementazione di sistemi innovativi di trasporto leggero informare il territorio sulle attività previste dal progetto e sui risultati raggiunti disseminare e capitalizzare i risultati di progetto diffondere buone pratiche testate dal progetto così da assicurare la trasferibilità dei risultati su altri contesti Modalità operative Verranno attuate le attività di comunicazione previste per il progetto LiMIT4WeDa e richieste dai partner che coordinano la componente 1 al fine di una più efficace attuazione della strategia di comunicazione a livello locale. Verrà inoltre realizzata, per il territorio dell Oltrepo Pavese, una adeguata campagna di comunicazione attraverso la stesura di un Piano di Comunicazione contenente: obiettivi azioni, strategie e strumenti di comunicazione destinatari della comunicazione risorse finanziarie pianificazione temporale delle attività Outcome n. 1 Piano di Comunicazione locale per il territorio Oltrepo Pavese testi per realizzazione/aggiornamento pagina web del sito dedicata al progetto con un link al sito web LiMIT4WeDA n. 1 seminario in fase di avvio in grado di coinvolgere un ampio numero di interessati allo scopo di presentare l iniziativa e informarli sulle attività di progetto n. 1 conferenza stampa per coinvolgere i media nella diffusione dei risultati del progetto (stampa, radio e TV) materiale informativo (es. brochure) in italiano/inglese/francese di presentazione del territorio e del progetto n. 1 comunicato stampa e/o acquisto spazio su stampa locale La pianificazione dettagliata delle attività di comunicazione e degli strumenti utilizzati per realizzarle verrà indicata nel Piano di Comunicazione locale, si precisa che tali attività saranno eventualmente adattate ai contenuti del Piano di Comunicazione di progetto e alle indicazioni che successivamente verranno date dai coordinatori della Componente 1. Risorse 1

2 In outsourcing: Studio, realizzazione e distribuzione di idoneo materiale informativo, pubblicitario, eventi Interne: Attività di segreteria organizzativa e partecipazione agli incontri per 180 ore Tempi Dall assegnazione dell incarico fino a fine progetto. 2. Attività di BENCHMARKING Componente 3 Descrizione delle attività Studi e analisi delle esperienze esistenti allo scopo di valutare gli impatti prodotti dall implementazione di sistemi innovativi di mobilità leggera in aree a domanda debole. Gli studi e analisi previsti dalla Componente 3 verranno forniti ai coordinatori responsabili sulla base di quanto previsto dal piano di lavoro di LiMIT4WeDA e secondo loro indicazioni, questo presuppone una importante attività di coordinamento con gli altri partner e il capofila. In particolare, la stazione appaltante dovrà effettuare una analisi sullo stato dell arte in termini di richiesta/esigenza di mobilità nelle aree a domanda debole e di soluzioni innovative di mobilità esistenti e sul relativo quadro legale ed economico-finanziario. Così come previsto dal piano di lavoro di LiMIT4WeDA, verranno inoltre indagati i seguenti temi: - biglietteria integrata, integrazione di differenti modalità di trasporto mediante l utilizzo del biglietto unico, l armonizzazione degli orari e delle tariffe, l acquisto elettronico del biglietto; - mobilità multiforme, ricorso all utilizzo di differenti forme di mobilità che combinino mezzi di trasporto leggero per il raggiungimento di mete turistiche poco servite dal trasporto pubblico ad esempio il trasporto a chiamata e il bike sharing. Tali studi e analisi andranno a tradursi nella Componente successiva Sperimentazione che per la stazione appaltante prevede la realizzazione di uno studio di fattibilità sull introduzione nel territorio dell Oltrepo Pavese della biglietteria integrata e la sperimentazione della mobilità multiforme. Obiettivi - Fornire ai responsabili dell azione lo stato dell arte in tema di mobilità e una panoramica europea delle soluzioni esistenti che potrebbero essere implementate nelle aree a domanda debole sul tema della biglietteria integrata e della mobilità multiforme. - Valutare gli impatti (specialmente sulla domanda di mobilità) prodotti implementando sistemi di trasporto innovativo nelle aree a domanda debole e individuare eventuali barriere all implementazione e le condizioni per la trasferibilità di queste soluzioni ad altre aree. - Ricercare casi selezionati per consentire l analisi dei fattori di successo. Modalità operative Verrà fatta una raccolta e analisi delle esperienze esistenti sui temi biglietteria integrata e mobilità multiforme allo scopo di valutare gli impatti prodotti dall implementazione di sistemi innovativi di trasporto in aree a domanda debole. Il team di lavoro si coordinerà con i responsabili delle varie fasi della Componente 3 e si occuperà di effettuare la ricerca nei tempi e secondo le modalità indicate, verrà seguito un approccio comune per facilitare il processo delle successive azioni della Componente 3. Con cadenza settimanale verranno informati i partner coordinatori di ciascuna fase sui progressi ed eventuali problemi sorti nelle fasi di benchmarking. L analisi, suddivisa per campioni di soluzioni innovative, verrà fatta sulle performance e gli impatti in base ad un modello standardizzato e con criteri e indicatori omogenei. Si effettuerà una analisi approfondita dei casi di successo sui temi biglietteria integrata e mobilità multiforme che prevede una descrizione dettagliata delle due tecnologie scelte, degli approcci generali adottati e delle azioni di supporto, una analisi SWOT e una breve analisi critica sui risultati del benchmarking. Outcome n. 1 benchmarking di casi di successo riguardanti la biglietteria integrata n. 1 benchmarking di casi di successo riguardanti la mobilità multiforme Risorse Le risorse interne impiegate per un totale di circa 200 ore si occuperanno di: Attività di studi ed analisi Tempi Da inizio progetto a maggio

3 3. Attività di PREPARAZIONE alla SPERIMENTAZIONE Componente 4 Descrizione delle attività Implementazione di un piano di lavoro finalizzato alla realizzazione di progetti pilota e studi di fattibilità. Attività di coordinamento ed attuazione della fase di preparazione alla sperimentazione di progetti pilota e di studi, elaborazione di un elenco di indicazioni utili per la sperimentazione allo scopo di definire, eseguire e valutare i progetti pilota e di preparare gli studi di fattibilità. Obiettivi Definire i contenuti della sperimentazione del progetto pilota sui servizi di trasporto multiforme e dello studio di fattibilità sulla biglietteria integrata. Preparare la sperimentazione di un progetto pilota sulla mobilità multiforme. Modalità operative Nell ambito della definizione del piano di lavoro comune necessario alla sperimentazione previsto dalla componente 4 si provvederà alla realizzazione della fase 4.2 che la stazione appaltante dovrà coordinare e che prevede: - la valutazione da parte di esperti e attori chiave del piano di lavoro comune attraverso la formulazione di una serie di indicazioni vincolanti per lo sviluppo dei progetti pilota; - la preparazione di indicazioni metodologiche per la progettazione, la realizzazione e la valutazione dei progetti pilota e degli studi di fattibilità. La metodologia utilizzata sarà basata sulle linee guida MAESTRO, una metodologia molto ben conosciuta, per la selezione, progettazione e valutazione di pilota e progetti dimostrativi nel settore dei trasporti e in grado di fornire anche una guida su come condurre gli studi di fattibilità. Inoltre, secondo quanto definito dal piano di lavoro comune si provvederà alla preparazione di: una sperimentazione del progetto pilota Mobilità Multiforme Treno-bus-bici, per le tratte Pavia Salice Terme/Rivanazzano Terme che prevede: - collegamento di città come Pavia e Voghera ai centri termali di Salice Terme e Rivanazzano Terme mediante l utilizzo mezzi pubblici - servizio di bike sharing (azione dimostrativa) per accedere ai servizi di cura e benessere e visitare il territorio - individuazione e segnalazione di percorsi pedonali urbani guidati (piedibus) per la visita di luoghi di interesse storico e artistico. Treno-bus-bus a chiamata-piedi/bici/cavallo, per le tratte Pavia Varzi/Via del Sale che prevede: - collegamento di città come Pavia e Voghera con la rete escursionistica della Via del Sale/Varzi e il raggiungimento dei principali sentieri escursionistici attraverso un servizio di trasporto a chiamata o il noleggio di mountain bike o a cavallo - l individuazione e la segnalazione di percorsi pedonali urbani guidati (piedibus). Con questa sperimentazione si andrà a testare il modello di gestione del servizio di trasporto multiforme ottimale e si effettuerà una comunicazione capillare del servizio e delle modalità di utilizzo attraverso incontri sul territorio, materiale informativo, stampa locale ed un evento dimostrativo. uno studio di fattibilità sulla biglietteria integrata che prevede: ricerca di soluzioni che combinino applicazioni software (biglietteria elettronica su smart card, gestione tariffe, emissione e validazione biglietti, contabilizzazione) con apparecchiature hardware distribuite sul territorio e sui mezzi di trasporto (elaboratori, validatrici, terminali di bordo autobus, PC per la vendita) valutazione di possibili strumenti avanzati per il governo delle politiche del trasporto pubblico locale per il territorio rurale/montano della Provincia di Pavia, supportati da funzioni di indirizzo, programmazione e monitoraggio del servizio, che favoriscano la mobilità integrata. Con questo studio si andrà ad elaborare un modello di gestione integrata della biglietteria per l Oltrepo Pavese e si effettuerà una comunicazione dei risultati dello studio al fine di sensibilizzare i decisori locali attraverso incontri sul territorio, materiale informativo, stampa locale. Outcome n. 1 metodologia di progettazione ed esecuzione di pilota e studi 3

4 n. 1 metodologia di valutazione dei progetti pilota n. 1 sperimentazione di un progetto pilota sulla mobilità multiforme n. 1 studio di fattibilità sulla biglietteria integrata n. 1 report di valutazione dei risultati della sperimentazione n. 1 incontro territoriale tematico con gli attori chiave e i portatori di interesse sulle questioni aperte sui principali temi considerati nel progetto allo scopo di raccogliere suggerimenti e migliorare gli obiettivi e le attività della sperimentazione n. 1 comunicato stampa e/o acquisto spazi su stampa locale n. 1 periodo dimostrativo del progetto pilota Mobilità Multiforme Risorse In outsourcing: Eventi, Esperti senior Interne: Attività di segreteria organizzativa e partecipazione agli incontri per 160 ore Attività di studi ed analisi 500 ore Tempi Dal luglio 2011 a giugno Attività di PREDISPOSIZIONE DELLE LINEE GUIDA Componente 5 Descrizione delle attività Realizzazione di linee guida per l implementazione di piani e per la trasferibilità dei risultati della sperimentazione comprensivo di eventi pubblici e collegiali alla presenza di stakeholders. Gestione e sistematizzazione dei risultati prodotti con la sperimentazione e gli studi utili alla predisposizione di linee guida per la stesura delle Linee Guida per sistemi di trasporto innovativo nelle aree a domanda debole, uno strumento concreto di supporto all implementazione di soluzioni che migliorino l accessibilità. Obiettivi Trasferire i risultati raggiunti attraverso modelli di implementazione validati da esperti e raccolti in linee guida Sensibilizzare i soggetti coinvolti nei processi decisionali Modalità operative Questa Componente deriva dalla precedente sperimentazione, raccoglie ed elabora i risultati ottenuti dagli studi svolti sui processi di implementazione (benchmarking) e dal piano di lavoro comune (sperimentazione) in uno strumento (linee guida) utile a fornire modelli di processi di sviluppo e soluzioni innovative da applicare nelle aree a domanda debole. I modelli di implementazione verranno inoltre validati attraverso l opinione di esperti. Outcome Modelli di processi di implementazione: una raccolta dei possibili processi di implementazione studiati su casi concreti esaminati nel progetto, eventi, seminari, workshop, ecc. n. 1 seminario in fase di chiusura del progetto in grado di coinvolgere un ampio numero di interessati allo scopo di informarli sui risultati raggiunti n. 1 conferenza stampa per coinvolgere i media nella diffusione dei risultati del progetto (stampa, radio e TV) n. 1 comunicato stampa e/o acquisto spazi su stampa locale Risorse In outsourcing: Eventi Interne: Attività di segreteria organizzativa e partecipazione agli incontri per 177 ore Attività di studi ed analisi 200 ore Tempi Da gennaio 2012 fino a fine progetto. 4

5 NUMERO DI ORE OFFERTE E ARTICOLAZIONE ORARIA DEL SERVIZIO Il Gal intende articolare la fornitura secondo le matrici di seguito riportate, è altresì inteso che qualora esigenze di tipo organizzativo interno alla stazione appaltante richiedessero un rimodulazione delle attività in termini di tempistica attribuita a ciascuna attività, compatibilmente con il piano dei costi, potrà essere soddisfatta previa congiunta accettazione tra le parti. Macro attività COMUNICAZIONE Componente 1 TIPO DI SERVIZI ED ORE OFFERTE Attività specifica Studio, realizzazione e distribuzione di idoneo materiale informativo, pubblicitario Attività di segreteria organizzativa e partecipazione agli incontri n. ore offerte/n. eventi Costo orario/unitario Ipotesi di Costo , h 30 /h 5.400,00 Eventi ,00 Subtotale componente ,00 BENCHMARKING Attività di studi ed analisi Componente h 50 /h ,00 Subtotale componente ,00 Attività di studi ed analisi 500 h 50 /h ,00 PREPARAZIONE ALLA Attività di segreteria organizzativa SPERIMENTAZIONE e partecipazione agli incontri 160 h 30 /h 4.800,00 Componente 4 Esperti senior 50 h 100 /h 5.000,00 Eventi ,00 Subtotale componente ,00 Attività di studi ed analisi 200 h 50 /h ,00 PREDISPOSIZIONE DELLE Attività di segreteria organizzativa LINEE GUIDA 177 h 30 /h 5.310,00 e partecipazione agli incontri Componente 5 Eventi ,00 Subtotale componente ,00 Totali ,00 ARTICOLAZIONE ORARIA DEL SERVIZIO Il monte orario offerto sarà espletato nel periodo di effettiva realizzazione delle macro attività così come nel seguito riportato ed eventualmente ridefinito sulla base delle indicazioni della stazione appaltante. Macro attività Tempistica di realizzazione Durata in mesi Totale ore Modalità di svolgimento Giornate o frazione di giorno dedicate mensili COMUNICAZIONE Componente 1 Dall assegnazione dell incarico fino a fine progetto Assistenza diretta, frontoffice, backoffice 4 BENCHMARKING Componente 3 PREPARAZIONE ALLA SPERIMENTAZIONE Componente 4 PREDISPOSIZIONE DELLE LINEE GUIDA Componente 5 Da inizio progetto a maggio 2011 Dal luglio 2011 a giugno 2012 Da gennaio 2012 fino a fine progetto Ricerca / Backoffice Ricerca / Assistenza diretta / Backoffice Assistenza diretta / Backoffice

6 DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL IMPRESA; Il Gal Alto Oltrepo è un gruppo di azione locale composto da soggetti pubblici e privati, attualmente riunito in forma di impresa a responsabilità limitata, nato allo scopo di favorire lo sviluppo locale di un'area rurale. Il GAL è, in sintesi, uno strumento di programmazione che riunisce, già tra i propri soci, tutti i potenziali attori dello sviluppo nella definizione di una politica "concertata". Esso rappresenta quindi un insieme di partner locali pubblici e privati in grado di definire ed attuare congiuntamente strategie di sviluppo del territorio, implementare interventi gestire procedure di assegnazione dei finanziamenti e interloquire con le idonee strutture sovraordinate per la rendicontazione degli interventi. Struttura La struttura organizzativa operativa del Gal Alto Oltrepo è costituita da un gruppo multidisciplinare con competenze che spaziano dal campo dell economia e delle scienze aziendali e quello territoriale, specialistico e generalista, oltre che della statistica e delle discipline giuridiche ed umanistiche. Il gruppo di lavoro è coordinato, a seconda della tipologia di progettualità affrontata, da un responsabile di progetto, project manager, di volta in volta individuato tra le figure in organico e che per competenze più si identifica alle tematiche prevalenti. La struttura è governata da un Presidente e da un Vice Presidente che relazionano al consiglio di amministrazione costituito da quindici membri. Metodologia di lavoro. Tutti i progetti realizzati dal Gal, tra i quali quelli attuati con risorse Leader, sono infatti gestiti in partenariato locale e presuppongono una profonda conoscenza della realtà territoriale e una elevata capacità di fare rete tra gli attori locali coinvolti in un progetto di sviluppo. La metodologia di lavoro basata sull approccio Leader, definita tipo bottom up, è divenuta una costante di lavoro che il Gal implementa per la realizzazione di progettualità nel proprio territorio di competenza e non solo. L approccio Leader è principalmente caratterizzato dai seguenti elementi: strategie di sviluppo locale territoriali destinate a territori rurali ben definiti, di livello subregionale partenariato pubblico-privato sul piano locale approccio dal basso verso l'alto concezione e attuazione multisettoriale della strategia basata sull'interazione tra operatori e progetti appartenenti a vari settori dell'economia locale realizzazione di approcci innovativi realizzazione di progetti di cooperazione collegamento in rete di più partenariati locali In oltre 10 anni il Gal Alto Oltrepo ha acquisito competenze e professionalità idonee per rispondere ampiamente ai requisiti di conoscenza del territorio dell Oltrepo Pavese e capacità di fare rete con gli attori locali richiesti per l implementazione delle attività previste dal progetto LiMIT4WeDA. La realizzazione di progettualità che nell arco di 10 anni ha movimentato per il territorio dell Oltrepo Pavese risorse economiche per circa 10 milioni di Euro, unitamente alla tipologia di partenariato costituente la società, ha costituito per il Gal un importante opportunità per consolidare reti di comunicazione e di relazioni in senso orizzontale e verticale. Il Gal raggiunge direttamente attraverso le proprie mailing list circa 500 contatti operanti sul territorio in tutti i settori economici, realizza direttamente attività di assistenza tecnica alle imprese del territorio, colloquia quotidianamente con le amministrazioni locali, con le associazioni di categoria con le istituzioni di ogni ordine e grado. Per il ruolo di facilitatore dello sviluppo locale, attribuitogli in sede istituzionale, partecipa ai tavoli di lavoro promossi da Regione Lombardia, dalla Provincia di Pavia e dalla Comunità Montana dell Oltrepo Pavese svolgendo un ruolo di interlocutore rilevante in materia di politiche rurali e comunitarie. In tale ambito il Gal si è fatto promotore ed ha organizzato importanti momenti di incontro (convegni anche internazionali, seminari, tavoli di lavoro ed eventi in genere) nel corso dei quali sono stati affrontati i temi di maggior interesse per le popolazione e le realtà locali oltrepadane. 6

7 Allegato - curriculum Gal Alto Oltrepo DESCRIZIONE DEL TEAM CHE VIENE ADIBITO AL SERVIZIO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE COMPETENZE, POSSEDUTE DA CIASCUN COMPONENTE, E DALL ESPERIENZA PROFESSIONALE DOCUMENTATE DAL CURRICULUM VITAE; Il team di lavoro messo a disposizione per l erogazione dei servizi offerti è composto da 5 figure professionali con esperienza e competenze qualificate in progettazione europea e gestione di piani e programmi complessi. Le figure in staff sono dotate di specifiche competenze in materia di: progettazione, realizzazione, valutazione, gestione, verifica, controllo e rendicontazione di piani e programmi complessi avendo competenze di base in campo giuridico, organizzativo, economico, urbanistico, ambientale, territoriale e statistico ed avendo inoltre maturato, nel corso del proprio continuo percorso formativo on the job, esperienza in materia di comunicazione e comunicazione strategica, analisi e valutazione di aspetti socio economico ed ambientali territoriali, progettazione, sviluppo ed implementazione di servizi innovativi per aree rurali in ambito economico, sociale, assistenziale, dei trasporti e delle comunicazioni, culturale e didattico. Tra le competenze, particolare rilevanza assume inoltre la capacità di sviluppare attività di marketing territoriale strategico e più in generale di sviluppo locale, perseguendo la valorizzazione territoriale e di prodotto attraverso una puntuale disamina dei punti di forza e debolezza, oltre che ad un attenta analisi delle opportunità e delle minacce (metodologia SWOT), il raffronto con iniziative analoghe e o similari attuate da altri soggetti (benchmarking), la sovrapposizione dei punti di contatto e lo sviluppo di soluzioni confacenti alle caratteristiche del territorio e delle opportunità di volta in volta a disposizione. Il team ha partecipato infatti ad un buon numero di progetti europei a vario titolo come progettista, project manager, ricercatore, analista, addetto alla rendicontazione ed ai controlli, addetto all organizzazione di eventi ed alla segreteria organizzativa di supporto alla gestione delle attività. A completamento delle professionalità interne verranno inseriti due esperti esterni specializzati sul tema della mobilità sostenibile e dei trasporti per parte delle attività previste nella Componente 4. Tutte le figure inserite nel team di lavoro dispongono del requisito minimo richiesto di conoscenza buona/ottima della lingua inglese parlata e scritta. Allegati curriculum vitae delle figure professionali componenti il team di lavoro DESCRIZIONE DEI SERVIZI PRECEDENTEMENTE SVOLTI IN AMBITI ANALOGHI CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE FUNZIONI ATTRIBUITE ED AL VALORE ECONOMICO DI RIFERIMENTO; Il Gal Alto Oltrepo in qualità di beneficiario delle risorse Leader si occupa della gestione/attuazione di Piani di Sviluppo Locale ovvero di progetti volti a riqualificare e a sviluppare il territorio, partendo dalle caratteristiche e dalle potenzialità proprie dello stesso. Il Piano è finalizzato a riorganizzare il sistema dell offerta territoriale favorendo lo sviluppo di partnership locali tra comunità, soggetti e progetti, al fine di attivare processi di animazione e sviluppo che valorizzino le risorse locali. L implementazione di un Piano di Sviluppo Locale richiede competenze specifiche e in particolare: - capacità di analisi dei problemi e delle esigenze del territorio e di ricerca di soluzioni innovative - capacità progettuale e di attuazione delle azioni e un approccio partecipativo nella progettazione e realizzazione di interventi complessi - diretto coinvolgimento dei principali attori del territorio come elemento essenziale per ideare interventi in grado di affrontare problemi rilevanti per i beneficiari e per la collettività, attraverso strategie che intendono fornire risposte concrete alle reali esigenze e ai problemi degli individui e dei gruppi sociali che agiscono in un determinato contesto 7

8 - capacità di valutare punti di forza e di debolezza del progetto per decidere quali sono le migliori azioni da intraprendere e se necessitano interventi correttivi che ne migliorino la qualità e quindi le probabilità di successo - conoscenza della normativa europea/nazionale/regionale in termini di rendicontazione delle spese Sul tema trasporti, nell ambito delle attività previste dal Piano di Sviluppo Locale - Leader Plus, il Gal Alto Oltrepo ha dato risposta alle esigenze di mobilità della popolazione e in particolare delle fasce deboli per far fronte ai problemi di isolamento e disagio logistico, attraverso l organizzazione di un servizio di trasporto a chiamata, Taxibus. L azione Taxibus è stata organizzata dal Gal a partire dalla sua fase di progettazione, studio e sperimentazione e a seguire con la sua attuazione attraverso l erogazione del servizio, l adozione di misure correttive in itinere, la rendicontazione delle spese per step di avanzamento lavori e per finire con la rendicontazione finale e la chiusura del progetto. Il Taxibus è stato selezionato dalla Commissione europea come best practice Leader Plus ed è stato inoltre oggetto di interesse da parte di riviste specializzate, di altri Gal italiani ed europei, della Rete Rurale Nazionale e della Regione Vallonia oltre che essere stato preso a modello per la sua trasferibilità altre aree a domanda debole di trasporto. Il valore economico dell iniziativa Taxibus, in un arco temporale di 5 anni è di circa 1 milione di euro. Nell ambito della gestione di progetti di cooperazione transnazionale e interterritoriale il Gal Alto Oltrepo ha realizzato, con risorse Leader Plus Asse II, due progetti di cooperazione in partenariato con altri Gal italiani ed europei acquisendo capacità e conoscenze anche in ambito di progetti di più ampia valenza territoriale dove gli aspetti della transnazionalità delle azioni e il coordinamento con gli altri partner di progetto sono requisiti indispensabili alla cooperazione europea. Il Gal si è occupato della progettazione, e attuazione delle attività di progetto, dell adozione di misure correttive in itinere, della rendicontazione delle spese per step di avanzamento lavori e finale e della chiusura del progetto. Il valore economico riferito alle attività di cooperazione è di circa euro. In ambito Europeo il Gal è stato partner rilevante, unitamente al Comune di Casteggio (capofila) alla Provincia di Pavia ed alla Comunità Montana del Programma di Iniziativa Comunitaria Equal Oltrepo Pavese: un territorio come risorsa, un opportunità per le persone (FSE), progettualità attuata per un valore complessivo di circa Euro ai quali il Gal ha partecipato per circa Euro. Nell ambito dell animazione economica il Gal ha partecipato al progetto Sviluppare l imprenditorialitá e l innovazione nell Oltrepó orientale e montano coordinato dalla Camera di Commercio della Provincia di Pavia a valere sull Obiettivo Misura 1.9 (FESR) per un valore complessivo di circa Euro. INDICAZIONE DELLE MODALITÀ DI SELEZIONE, FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E INSERIMENTO A RUOLO DEL PERSONALE; La selezione avviene attraverso la raccolta di curriculum e colloquio conoscitivo. Il personale reclutato, che già dispone di competenze di base medie ed elevate (diplomato, laureato, specializzato) viene di norma avviato ad un percorso formativo multidisciplinare somministrato attraverso corsi di formazione specifici e mediante affiancamento permanente a personale già qualificato. L aggiornamento avviene, come richiesto dalla tipologia della struttura organizzativa estremamente dinamica, mediante la partecipazione ad incontri e seminari oltre che on the job attraverso continuo confronto con il sistema delle relazioni del GAL. In particolare per la formazione su specifici Programmi europei quali gli INTERREG (Spazio Alpino, Programma MED, Europa Centrale, Europa Sud Orientale), programmi per i quali Regione Lombardia è area ammissibile, il personale partecipa sistematicamente alle giornate informative di preparazione della candidatura organizzati in occasione dell apertura delle call for proposal e ai seminari formativi sugli aspetti tecnici di implementazione e rendicontazione dei progetti promossi dai Contact Point Nazionali e dai JTS (segretariati tecnici di gestione) di ciascun programma. Il personale può essere inserito nella struttura organizzativa del GAL sia mediante contratto di lavoro subordinato che di consulenza. 8

9 Servizi aggiuntivi o migliorativi: DESCRIZIONE DI EVENTUALI SOLUZIONI TECNICHE O ORGANIZZATIVE VOLTE AD OTTIMIZZARE IL RAPPORTO COSTI/RISULTATI; Coordinare le attività con il capofila e gli altri partner e partecipare agli incontri di coordinamento (Steering Committee) Implementare tutte le azioni sopradescritte secondo quanto previsto dal progetto (intese come componenti e fasi del progetto di competenza) in stretto coordinamento con il capofila Regione Lazio e gli altri partner per conto della stazione appaltante Predisporre la documentazione necessaria per la rendicontazione e tenere i contatti con il soggetto incaricato ad effettuare i controlli di I livello per la certificazione delle spese Tenere costantemente informata la stazione appaltante sulle attività svolte attraverso una presenza periodica da concordare in alcune giornate al mese presso la sede del cliente Produrre gli output di progetto da trasferire al capofila Dare supporto linguistico e di interpretariato alla stazione appaltante Assistere la stazione appaltante nella rendicontazione delle spese al capofila mediante PRESAGE, software predisposto dal JTS per la rendicontazione online Supportare la partecipazione della stazione appaltante alla settimana europea della mobilità per l anno 2011, occasione per presentare il progetto, il pilota sperimentato, lo studio di fattibilità e promuovere altre iniziative sulla mobilità per il territorio provinciale. 9

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior, di Esperto di servizi e tecnologie per l egovernment

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Bilancio Partecipativo 2015 Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Il Bilancio Partecipativo

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Unione Europea Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Indice Pag. 3 La politica di sviluppo rurale 2007.2013 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

ALL APPRENDIMENTO NELLA CURA DEGLI ANZIANI

ALL APPRENDIMENTO NELLA CURA DEGLI ANZIANI IQEA: UN PROGET TO PER DARE VALORE ALL APPRENDIMENTO NELLA CURA DEGLI ANZIANI GIANFRANCO MASSA - EXFOR Alcuni temi centrali per il welfare Assicurare qualità dell assistenza basata sulle competenze delle

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 4.3.2 Titolo Azione

Dettagli

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE 1. PREMESSA Spinner 2013 è il programma per la qualificazione delle risorse umane nel settore della ricerca e

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7.1 REQUISITI DI ACCESSO La Regione Emilia-Romagna prevede di ammettere ai finanziamenti dell Iniziativa Comunitaria LEADER+ un numero massimo di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico CONTESTO L importanza crescente della programmazione comunitaria nelle politiche di sviluppo locale, sia in termini di

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 2011-2013

MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 2011-2013 PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 2011-2013 Il Contesto Istituzioni scolastiche = tipologia

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORTLIST PER SERVIZI DI PROGETTAZIONE EUROPEA

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORTLIST PER SERVIZI DI PROGETTAZIONE EUROPEA AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORTLIST PER SERVIZI DI PROGETTAZIONE EUROPEA Oggetto: Procedura di selezione per la costituzione di una short list per la fornitura di servizi di assistenza

Dettagli

Laboratorio di progettazione europea

Laboratorio di progettazione europea Laboratorio di progettazione europea Obiettivi Avere una conoscenza di base utile a orientarsi nella struttura della UE e dei Programmi attraverso i quali si distribuiscono le risorse finanziarie comunitarie

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: La rosa dei venti SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: Educazione e Promozione culturale Area di Intervento: Sportelli Informa OBIETTIVI

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Imprenditori innovativi incontrano menti creative di giovani universitari

Imprenditori innovativi incontrano menti creative di giovani universitari Imprenditori innovativi incontrano menti creative di giovani universitari Finalità dell iniziativa MImprendoItalia propone una competizione nazionale tra team multidisciplinari di studenti impegnati a

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

4. GESTIONE DELLE RISORSE

4. GESTIONE DELLE RISORSE Pagina 1 di 6 Manuale Qualità Gestione delle Risorse INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Città di Termini Imerese Provincia di Palermo Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Documento Definitivo Piano di Comunicazione e struttura di monitoraggio - art. 9, lett. f) e g) - Termini

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Lo Spazio delle idee scsarl 2) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino budget disponibile: 200.000 euro termine per la presentazione dei progetti

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

AVVISO RISERVATO AI POLISTI

AVVISO RISERVATO AI POLISTI AVVISO RISERVATO REALIZZAZIONE EVENTI E SERVIZI DI COMUNICAZIONE PREMESSO CHE a) che la Regione Abruzzo, nell ambito del POR FESR ABRUZZO 2007-2013 e a valere sull Attività I.1.2. Sostegno alla creazione

Dettagli

I SISTEMI QUALITÀ NEI RAGGRUPPAMENTI DI IMPRESE E NEI CONSORZI

I SISTEMI QUALITÀ NEI RAGGRUPPAMENTI DI IMPRESE E NEI CONSORZI I SISTEMI QUALITÀ NEI RAGGRUPPAMENTI DI IMPRESE E NEI CONSORZI DINO BOGAZZI Direttore Qualità e Organizzazione Consorzio Cooperative Costruzioni e Vicepresidente Settore Costruzioni AICQ 1. Premessa Il

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 - Sviluppo Locale 4. Descrizione della

Dettagli

LABORATORI DI CREAZIONE D IMPRESA E ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE

LABORATORI DI CREAZIONE D IMPRESA E ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE Servizio / Progetto Finalità / Obiettivi Destinatari LABORATORI DI CREAZIONE D IMPRESA E ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE Il presente progetto ha due obiettivi generali: 1) Radicare nei giovani

Dettagli

La partnership e il nucleo del team progettuale

La partnership e il nucleo del team progettuale PROGRAM DAPHNE III " Tripudium - WOMAN IN THE DANCE OF EUROPEAN CULTURE " ****** La partnership e il nucleo del team progettuale Il progetto prevede: Costruzione di una rete stabile e sinergica livello

Dettagli

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010 Via Giuseppe Caraci, 36 Palazzina D 5 piano tel. 06.41.58.45.05 fax 06.41.73.30.90 Sito web : www.alboautotrasporto.it - e-mail : segreteria@alboautotrasporto.it ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot.

Dettagli

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale)

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 5 DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 1. FINALITA Torino Social Innovation (di seguito TSI) è un programma che

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

Programma di Iniziativa Comunitaria LEADER + Progetto La rete internazionale degli show rooms nelle aree rurali

Programma di Iniziativa Comunitaria LEADER + Progetto La rete internazionale degli show rooms nelle aree rurali LEADER + REGIONE PUGLIA G.A.L. Luoghi del Mito UNIONE EUROPEA Programma di Iniziativa Comunitaria LEADER + ASSE II: Sostegno alla cooperazione tra territori rurali Misura II. Cooperazione trans-nazionale

Dettagli

PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia

PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia PROVINCIA DI SONDRIO PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia Radar dalla conoscenza allo sviluppo delle politiche attive del lavoro PROGETTAZIONE

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO. In attuazione dell art.7 del D.P.R. 7 agosto 2012 n.137 Formazione Continua

REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO. In attuazione dell art.7 del D.P.R. 7 agosto 2012 n.137 Formazione Continua INTRODUZIONE 1 Il D,P.R. 7 agosto 2012, art.7, comma 1 riporta come: Al fine di garantire la qualita' ed efficienza della prestazione professionale, nel migliore interesse dell'utente e della collettivita',

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' art. 10 d. lgs. 33/2013 Sommario Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione... 1 1. Procedimento di elaborazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani & Giovani SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale Settore E 11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 3.2.1 Titolo Azione

Dettagli

AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia Settore e Area di Intervento: Il progetto Al Servizio dei più deboli verrà realizzato in 5 città dislocate al nord e al sud Italia:

Dettagli

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma 22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma Il contributo di Leader nel migliorare la governance locale: quale ruolo e quali compiti per i GAL Slide a cura di: Raffaella Di Napoli Rete Rurale

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana UNIONE EUROPEA In Sardegna, verso l'europa POR SARDEGNA 2000/2006 Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali Allegato al Complemento di programmazione

Dettagli

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il trattato UE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Articolo 149 Contribuire allo sviluppo della qualità dell istruzione

Dettagli

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi:

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi: Azione Disabilità Num. Scheda 2 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare per disabili LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è consentire alle persone disabili la permanenza nell abituale contesto di vita

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI Comune di Modena Settore Sistemi Informativi Comunicazione e Servizi Demografici Servizio Comunicazione e Relazione con i Cittadini Allegato

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV - Programmazione e gestione dei fondi strutturali

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Approvato con determinazione Amministratore Unico n. 20 del 20/12/2013

Dettagli

Linee guida per la definizione dei progetti di Servizio Civile per l anno 2007/2008 di ANCI Lombardia

Linee guida per la definizione dei progetti di Servizio Civile per l anno 2007/2008 di ANCI Lombardia Sala Manzoni Palazzo delle Stelline Milano aprile ore 14.30.30 ATTI DEL SEMINARIO Linee guida per la definizione dei progetti di Servizio Civile per l anno 2007/2008 di ANCI Lombardia L Ufficio Servizio

Dettagli

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO PROFESSIONALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

COME RIDURRE I COSTI ED I RISCHI NEI TRASPORTI E NELLE SPEDIZIONI INTERNAZIONALI

COME RIDURRE I COSTI ED I RISCHI NEI TRASPORTI E NELLE SPEDIZIONI INTERNAZIONALI COME RIDURRE I COSTI ED I RISCHI NEI TRASPORTI E NELLE SPEDIZIONI INTERNAZIONALI Recuperare efficacia ed efficienza nelle vendite e negli acquisti AREA TRANSPORT MANAGEMENT Seminario Specialistico COME

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

Progetto INTEP Innovazione tecnologica e di processo per il Settore Manifatturiero

Progetto INTEP Innovazione tecnologica e di processo per il Settore Manifatturiero Bando Start Intep PER LA SELEZIONE DI IDEE IMPRENDITORIALI PER LA FRUIZIONE DI SERVIZI DI ASSISTENZA TECNICA FINALIZZATI ALLA COSTITUZIONE DI IMPRESE START UP Premessa La presente procedura viene bandita

Dettagli

Progetto formativo complesso per il potenziamento degli Uffici di Piano

Progetto formativo complesso per il potenziamento degli Uffici di Piano Regione Puglia F.S.E Progetto formativo complesso per il potenziamento degli Uffici di Piano (Corso di formazione ed assistenza tecnica) Progetto ammesso a finanziamento della Regione Puglia Mis. 3.10:

Dettagli

1. Premessa 2. Obiettivi Generali

1. Premessa 2. Obiettivi Generali 1. Premessa Il Progetto riguarda la creazione di un Laboratorio ambientale da realizzare sul territorio della Comunità Montana Versante Tirrenico Meridionale diffuso sul territorio montano, a partire dalle

Dettagli

A cura di Giorgio Mezzasalma

A cura di Giorgio Mezzasalma GUIDA METODOLOGICA PER IL MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE E INFORMAZIONE FSE P.O.R. 2007-2013 E DEI RELATIVI PIANI OPERATIVI DI COMUNICAZIONE ANNUALI A cura di Giorgio Mezzasalma

Dettagli

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali www.itinerari.conform.it Il corso Gli obiettivi Il percorso formativo Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Un nuovo modo di vivere la progettazione sociale... ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Diventare «progettista sociale esperto» Torino, 14 marzo 2013 Agenda Accademia di Progettazione

Dettagli

ASSESSORATO PER LA SANITA'

ASSESSORATO PER LA SANITA' R E P U B B L I C A I T A L I A N A REGIONE SICILIANA ASSESSORATO PER LA SANITA' DIPARTIMENTO OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO PREVENZIONE E FORMAZIONE PERMANENTE Allegato al punto 4B del Cronoprogramma anno

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli