MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 2011-2013"

Transcript

1 PON Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

2 Il Contesto Istituzioni scolastiche = tipologia di amministrazione, fra le PA, che ricorrono maggiormente all uso del CAF (sia a livello nazionale che europeo) Esistenza della versione personalizzata del modello Utilizzo del modello CAF affrontabile dalle scuole anche in presenza di un supporto limitato e fornito a distanza rispetto a veri e propri percorsi di accompagnamento Presenza di figure interne alla scuola con una formazione di base orientata alla cultura del risultato e della qualità del servizio

3 Fasi preliminari Analisi del contesto 1. Ricostruzione del quadro complessivo delle istituzioni scolastiche nelle Regioni Obiettivo Convergenza del quadro informativo e di contesto territoriale e nazionale disponibile presso il MIUR e presso gli USR dei territori Ob. convergenza del percorso metodologico di accompagnamento utilizzato presso l USR Veneto, Lombardia, Toscana e Campania nel supporto agli istituti scolastici nei processi di autovalutazione 2. Definizione del modello dei percorsi di supporto per diffondere l autovalutazione delle performance organizzative nelle istituzioni scolastiche delle Regioni Ob. Convergenza

4 Le finalità SOSTENERE i processi di miglioramento SVILUPPARE una cultura della qualità SVILUPPARE competenze ed esperienze in tema di autovalutazione e miglioramento continuo COSTITUIRE un network esperto di scuole sui temi del TQM La valorizzazione del know how e delle competenze già presenti nelle scuole per la diffusione del modello CAF come strumento di autovalutazione delle performance organizzative

5 Le attività Azioni informative Seminari informativi per informare, sensibilizzare e promuovere la partecipazione al Progetto Destinatari: tutte le scuole interessate I percorsi di autovalutazione 3 Percorsi diversificati in funzione delle differenti caratteristiche e livelli di maturità organizzativa delle istituzioni scolastiche Destinatari: tutte le scuole disponibili a realizzare un processo di autovalutazione Le visite di studio Visite presso altre istituzioni scolastiche nazionali per attività di benchlearning/benchmarking Destinatari: le amministrazioni che parteciperanno ai percorsi

6 Azioni informative Seminari informativi sul Progetto e sul modello CAF Education Gennaio marzo 2012 per presentare il modello, le esperienze di altre amministrazioni, per parlare di autovalutazione Seminario regionale a fine 2012 (eventuale) per un confronto sugli esiti della prima annualità del Progetto e per presentare le attività per il 2013

7 I 3 Percorsi Percorso SCUOLE PILOTA CAF ü Autovalutazione in autonomia (con supporto a distanza) Percorso AUTOVALUTAZIONE GUIDATA CAF ü Applicazione del CAF guidata (da una propria unità di personale, formata nell ambito del Progetto) ü Benchlearning Percorso LABORATORIO DI ACCOMPAGNO CAF ü Processo di autovalutazione guidato (con supporto di tipo tradizionale da parte di un esperto)

8 I 3 Percorsi e i requisiti per la partecipazione

9 Requisiti per la partecipazione hanno già competenze sui temi dell autovalutazione, della misurazione e valutazione della performance organizzativa dispongono di infrastrutture tecnologiche avanzate sono in grado di realizzare in autonomia e con un supporto a distanza un percorso di autovalutazione-miglioramento in tempi relativamente brevi hanno disponibilità di risorse umane da impegnare nelle attività del progetto sono interessate a partecipare alla IV edizione del premio QualitàPA (autunno 2012)

10 Percorso Scuole Pilota CAF Attività per le scuole Realizzazione processo di Autovalutazione e Miglioramento (AVM) con l utilizzo del kit di autovalutazione personalizzato per il settore scolastico (fornito nell ambito del Progetto) Partecipazione a 3 webinar (Modello CAF, Processo AV, Pianificazione Miglioramento) Partecipazione (a cadenza mensile) a un forum online monitoraggio in itinere e consulenza tecnica

11 Percorso Scuole Pilota CAF Opportunità e Vantaggi per le istituzioni scolastiche Disponibilità di un Help desk tutoraggio one to one a distanza Disponibilità di un supporto per la candidatura al Premio QualitàPA 2012 Autonomia di esecuzione del percorso e forte collegamento con la valutazione esterna per un ritorno anche in visibilità attraverso la partecipazione al premio

12 Percorso Scuole Pilota CAF Impegni per le scuole Realizzazione processo di Autovalutazione e Miglioramento in massimo 6 mesi Costituzione GdAV Somministrazione strumenti di AV Autovalutazione a cura di GdAV Condivisione dell AV Redazione RAV Elaborazione PdM

13 Requisiti per la partecipazione Auto Valutazione guidata CAF hanno limitate esperienze sui temi dell autovalutazione e del miglioramento sono disponibili ad investire in processi di autovalutazione e miglioramento impegnando risorse umane e di tempo sono dotate di personale in possesso di competenza ed esperienza e disponibile ad assumersi la responsabilità di guidare il processo di autovalutazione

14 Autovalutazione guidata CAF Attività e vantaggi Individuazione da parte della scuola di una propria unità di personale che partecipa alla formazione iniziale (4gg) e guida la realizzazione del percorso Realizzazione del processo di Autovalutazione e Miglioramento (AVM) Formazione Disponibilità di un esperto per confrontarsi e scambiare pratiche Benchlearning Partecipazione (personale formato) ad incontri di Benchlearning Networking con possibilità di partecipazione ad iniziative future sul territorio

15 Autovalutazione guidata CAF Impegni per le scuole Formazione specialistica Partecipazione (personale formato) a 4 incontri di Benchlearning Realizzazione processo di Autovalutazione e Miglioramento per acquisire le competenze e la conoscenza adeguata degli strumenti per condurre correttamente un autovalutazione della performance organizzativa Momenti di confronto con un esperto su: criticità incontrate nel processo di AV Individuazione soluzioni più efficaci Costituzione GdAV - Somministrazione strumenti di AV Autovalutazione a cura di GdAV Condivisione dell AV - Redazione RAV Elaborazione PdM

16 Autovalutazione guidata CAF La Formazione specialistica a supporto dei processi di Autovalutazione e miglioramento Finalità Favorire i processi di autovalutazione nelle istituzioni scolastiche Obiettivi Contenuto dei Moduli Far acquisire al personale dalle istituzioni scolastiche selezionate per il Percorso 2 (e dagli USR) le competenze necessarie a: promuovere e favorire l utilizzo corretto del CAF nella propria scuola guidare la progettazione e realizzazione di un processo di autovalutazione CAF Il CAF Education Il processo di autovalutazione Dalla valutazione al miglioramento

17 Autovalutazione guidata CAF La Formazione specialistica a supporto dei processi di Autovalutazione e miglioramento Edizioni e periodo di svolgimento Edizione1 marzo 2012 Edizione2 ottobre/novembre gg per edizione Numero partecipanti Max 25 per edizione

18 Requisiti per la partecipazione le scuole non hanno o hanno limitate esperienze sui temi dell autovalutazione sono disponibili ad investire in processi di autovalutazione e miglioramento impegnando risorse umane e di tempo

19 Laboratorio di accompagno CAF Attività e vantaggi Realizzazione del processo di Autovalutazione e Miglioramento (AVM) guidato e supportato da un esperto che scandisce i tempi delle attività e trasferisce know how e conoscenze in merito al modello e al processo di autovalutazione. La possibilità di effettuare l autovalutazione CAF anche in assenza di preparazione pregressa

20 Percorso Laboratorio di accompagno CAF impegni dell istituzione scolastica 1 Partecipazione ad incontri in presenza Almeno 1 al mese Max 2 unità di personale per ciascuna scuola Verranno realizzati 2 Laboratori 2 Attività di Autovalutazione guidata per step con supporto di tipo tradizionale Applicazione Linee Guida Modello CAF&Edu Supporto di un esperto e di un tutor d aula Potranno partecipare 15 scuole per ciascun Laboratorio

21 Cosa fanno le scuole Candidatura delle Istituzioni scolastiche compilano la scheda informativa (contiene le informazioni di contesto e quelle che consentono di valutarne la maturità organizzativa) Cosa fa lo staff di Progetto individua le scuole ammissibili a ciascuno dei tre percorsi (a partire dalle informazioni delle schede di candidatura) sulla base di: Livello di maturità organizzativa Dislocazione territoriale (copertura geografica) Tipologia (I ciclo, II ciclo, ecc )

22 GANTT COMPLESSIVO

23 A valle dei Percorsi messa a punto definitiva del percorso e degli strumenti per edizioni successive con il contributo Scuole Pilota CAF Il network scuole esperte CAF che verrà costituito durante lo svolgimento del progetto darà l opportunità ad alcune delle scuole partecipanti ai Percorsi Scuole Pilota CAF e Autovalutazione guidata CAF di fornire supporto ad altre scuole interessate ad effettuare l autovalutazione CAF Una giornata di formazione specifica verrà realizzata per l unità di personale che supporterà le altre scuole del proprio territorio nell autovalutazione.

LE FASI DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

LE FASI DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE DIREZIONE DIDATTICA STATALE I CIRCOLO VIA MAZZIERE 90018 TERMINI IMERESE TEL 091 8113191 TEL/FAX 091 8144600/ FAX 091/6197479 E-MAIL paee09300v@istruzione.it E-MAIL paee09300v@pec.it Sito web : www.primocircolotermini.it

Dettagli

F@CILE CAF. Modalità di partecipazione ed impegni. Claudia Migliore Webinar 26 marzo 2014

F@CILE CAF. Modalità di partecipazione ed impegni. Claudia Migliore Webinar 26 marzo 2014 PROGETTO MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE Progetto Miglioramento delle Performance delle istituzioni scolastiche ISTITUZIONI SCOLASTICHE L Autovalutazione CAF nelle scuole delle Regioni obiettivo

Dettagli

PERCORSO SCUOLE PILOTA CAF Webinar 5

PERCORSO SCUOLE PILOTA CAF Webinar 5 La predisposizione del Piano di Miglioramento 18 ottobre 2012 INTRODUZIONE AI LAVORI Sabina Bellotti Referente Nazionale CAF, Dipartimento della Funzione Pubblica Claudia Migliore Responsabile progetto

Dettagli

PON FSE - Competenze per lo sviluppo Asse II Capacità istituzionale - Obiettivo H. Progetti DFP-MIUR attuati da FormezPA Anna Gammaldi.

PON FSE - Competenze per lo sviluppo Asse II Capacità istituzionale - Obiettivo H. Progetti DFP-MIUR attuati da FormezPA Anna Gammaldi. PON FSE - Competenze per lo sviluppo Asse II Capacità istituzionale - Obiettivo H Progetti DFP-MIUR attuati da FormezPA Anna Gammaldi Luogo Data RIFERIMENTI FORMALI Programma di riferimento Programma Operativo

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione Ancor prima dell unificazione in entrambi i Plessi erano state avviate iniziative volte al

Dettagli

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE Italo Benedini Esperto del Centro Risorse CAF ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 3: STEP 1 Wf STEP 2 Wf STEP 3 Wf Decidere Come organizzare

Dettagli

DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE AL PIANO DI MIGLIORAMENTO I PARTE

DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE AL PIANO DI MIGLIORAMENTO I PARTE DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE AL PIANO DI MIGLIORAMENTO I PARTE Clara Alemani - Esperta del Centro Risorse CAF Imma Parolisi Responsabile Webinar ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 5: STEP 1 Wf STEP 2 Wf

Dettagli

PROGETTO MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE GUIDA AL PERCORSO CAF EDUCATION. Formez PA

PROGETTO MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE GUIDA AL PERCORSO CAF EDUCATION. Formez PA GUIDA AL PERCORSO CAF EDUCATION 2013 Formez PA INDICE PERCORSO CAF EDUCATION 3 COSA FANNO LE SCUOLE 9 COSA FA IL TEAM DI PROGETTO 12 Wf Webinar formativi WEBINAR FORMATIVI 13 Av Aule virtuali AULE VIRTUALI

Dettagli

PERCORSO Laboratorio CAF

PERCORSO Laboratorio CAF PERCORSO Laboratorio CAF IL KIT A SUPPORTO DELL AUTOVALUTAZIONE PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI

Dettagli

Il progetto MiglioraPA e la promozione del Customer Satisfaction Management Laura Massoli Dipartimento Funzione Pubblica

Il progetto MiglioraPA e la promozione del Customer Satisfaction Management Laura Massoli Dipartimento Funzione Pubblica Il progetto MiglioraPA e la promozione del Customer Satisfaction Management Laura Massoli Dipartimento Funzione Pubblica Promuove la cultura della qualità dei servizi pubblici attraverso l introduzione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF E TEMPI Avvio attività processo AV Processo AV Predisposizione Piano di miglioramento Periodo di riferimento 8 mesi GLI STEP DEL VIAGGIO CAF FASI PROCESSO AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* TPPPS11000A LICEO SCIENTIFICO STATALE M.CIPOLLA PIAZZALE PLACIDO RIZZOTTO - 91022 CASTELVETRANO

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO MELITO 1 TEN. L MAURIELLO via Carlo Alberto Dalla Chiesa - 80017 Melito di Napoli (NA) - Tel. 081.7113462 - Fax 081.7113462 Cod. Mecc. NAIC8FA00C - Codice fiscale 95186650636 E-mail:

Dettagli

A cura dell USR Puglia DS MANCA ANNA LENA 1

A cura dell USR Puglia DS MANCA ANNA LENA 1 U F F I C I O S C O L A S T I C O R E G I O N A L E P E R L A P U G L I A A cura dell USR Puglia DS MANCA ANNA LENA 1 LO STAFF REGIONALE E L ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE Bari GOT BAT GOT Brindisi GOT Comitato

Dettagli

Prot.n.AOODGAI/370 Roma, 15/01/2014

Prot.n.AOODGAI/370 Roma, 15/01/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

Asse di finanziamento:asse I Adattabilità - P.O. Ob. Competitività Regionale e Occupazione F.S.E. Regione Liguria 2007/2013.

Asse di finanziamento:asse I Adattabilità - P.O. Ob. Competitività Regionale e Occupazione F.S.E. Regione Liguria 2007/2013. All. A STANDARD DI RIFERIMENTO Asse di finanziamento:asse I Adattabilità - P.O. Ob. Competitività Regionale e Occupazione F.S.E. Regione Liguria 2007/2013. FASE 1 Attività di analisi e ricerca azione 1.1

Dettagli

Il Modello CAF e il Sistema Nazionale di Valutazione. Cristina Cosci - Mauro Di Grazia formatori e valutatori CAF Firenze, 21 gennaio 2014

Il Modello CAF e il Sistema Nazionale di Valutazione. Cristina Cosci - Mauro Di Grazia formatori e valutatori CAF Firenze, 21 gennaio 2014 Il Modello CAF e il Sistema Nazionale di Valutazione Cristina Cosci - Mauro Di Grazia formatori e valutatori CAF Firenze, 21 gennaio 2014 Parleremo di Valutazione di Sistema Modelli di valutazione L approccio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Ufficio II MIURAOODGOS prot. n. 10140

Dettagli

Descrizione del processo. Autovalutazione CAF

Descrizione del processo. Autovalutazione CAF Descrizione del processo Autovalutazione CAF 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DELL'AUTOVALUTAZIONE IL PROCESSO DI ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DELL'AUTOVALUTAZIONE Inizio: settembre 2013 I dieci step: 1. Decidere

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Unione Europea Fondo Sociale Europeo LICEO SCIENTIFICO- LINGUISTICO STATALE V. CUOCO - T. CAMPANELLA Via A De Gasparis n. 12 80137 NAPOLI Tel. 081.440200 fax. 081.4420331 Codice MIUR NAPS84000X - C.F.

Dettagli

IISS G.SALVEMINI ALESSANO - C.A.F. DALL AVVIO DEL PERCORSO DI AV ALLA STESURA DEL RAV

IISS G.SALVEMINI ALESSANO - C.A.F. DALL AVVIO DEL PERCORSO DI AV ALLA STESURA DEL RAV DALL AVVIO DEL PERCORSO DI AV ALLA STESURA DEL RAV ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF E TEMPI Avvio attività processo AV Processo AV Predisposizione Piano di miglioramento Periodo di riferimento 6 mesi GLI

Dettagli

DOL Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie

DOL Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie DOL Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Report di inizio anno A cura dello staff di HOC-LAB, DEI Novembre 2010 Iscrizioni a.a. 2010/2011 Nell anno accademico 2010/2011

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA*

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* CTEE06800N CIRCOLO DIDATTICO GIOVANNI XXIII PATERNÒ (CT) (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO

Dettagli

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Istituzione Scolastica P I A N O D I M I G L I O R A M E N T O Nome: Liceo Scientifico A. Genoino Codice meccanografico: SAPS09000C PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Responsabile del Piano (DS) Cognome e Nome:

Dettagli

"SERVIZI PER IL LAVORO" PER IL PATRONATO ITAL UIL

SERVIZI PER IL LAVORO PER IL PATRONATO ITAL UIL DISCIPLINA E PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO REGIONALE AI "SERVIZI PER IL LAVORO" PER IL PATRONATO ITAL UIL A cura dell Area Lavoro Ital Uil I SERVIZI PER IL LAVORO TUTTI I SERVIZI DI INCONTRO, SOMMINISTRAZIONE,

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

Azioni di sostegno all implementazione del bilancio sociale nelle amministrazioni pubbliche territoriali del Mezzogiorno

Azioni di sostegno all implementazione del bilancio sociale nelle amministrazioni pubbliche territoriali del Mezzogiorno Azioni di sostegno all implementazione del bilancio sociale nelle amministrazioni pubbliche territoriali del Mezzogiorno I risultati finali Il progetto Azioni di sostegno all implementazione del Bilancio

Dettagli

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE?

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Padova, 6 Giugno 2014 Con il patrocinio della Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO,

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

DECRETA 1. DESCRIZIONE DEL PROFILO, DELLE ATTIVITA DA SVOLGERE E DELLA TEMPISTICA

DECRETA 1. DESCRIZIONE DEL PROFILO, DELLE ATTIVITA DA SVOLGERE E DELLA TEMPISTICA LICEO SCIENTIFICO STATALE «AMEDEO AVOGADRO» 13100 VERCELLI C.so Palestro 29 Vercelli e-mail vcps01000p@pec.istruzione.it - www.liceoscientifico.vc.it tel 0161 256880 fax 0161 251983 C.F.80006440020 Vercelli,12/02/2014

Dettagli

Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno

Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno 29/10/2015 Dal RAV al PDM PER ORIENTARE IL PTOF e costruire un curricolo verticale per competenze 29/10/2015 - MA/PIROZZI DAL RAV AL PDM PER REALIZZARE

Dettagli

PROGETTO NUVAL AZIONI DI SOSTEGNO ALLE ATTIVITA DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE E DEI NUCLEI DI VALUTAZIONE

PROGETTO NUVAL AZIONI DI SOSTEGNO ALLE ATTIVITA DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE E DEI NUCLEI DI VALUTAZIONE PROGETTO NUVAL AZIONI DI SOSTEGNO ALLE ATTIVITA DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE E DEI NUCLEI DI VALUTAZIONE Programma Operativo PON GAT (FESR) 2007-2013 Obiettivo I Convergenza OB.1.3 Potenziamento

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO PROT.3695 /A40 DEL 13/11/2013 PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Istituzione Scolastica Nome LICEO SCIENTIFICO STATALE M.CIPOLLA Codice meccanografico TPPPS11000A Responsabile del Piano (DS) Cognome e Nome FIORDALISO

Dettagli

Prot. 1196/C40-B Orta Nova, 13 febbraio 2015

Prot. 1196/C40-B Orta Nova, 13 febbraio 2015 C. ALL ALBO DELLA SCUOLA AL SITO WEB DELLA SCUOLA Prot. 1196/C40-B Orta Nova, 13 febbraio 2015 L attività da porre in essere con il seguente atto è stato cofinanziato dal POR FSE Puglia Obiettivo Convergenza

Dettagli

conferenza di servizio direttori dei corsi & e-tutore Pescara, IPSIA Di Marzio 31 Marzo 2005

conferenza di servizio direttori dei corsi & e-tutore Pescara, IPSIA Di Marzio 31 Marzo 2005 conferenza di servizio direttori dei corsi & e-tutore Pescara, IPSIA Di Marzio 31 Marzo 2005 1 Puntoedu AMBIENTE DI APPRENDIMENTO PER LA FORMAZIONE IN RETE LE CARATTERISTICHE collaborativo aperto e flessibile

Dettagli

ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE

ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE La proposta sperimentale di tutoring in classe utilizza principalmente i seguenti due filoni di ricerca: - la peer review intesa come apprendimento

Dettagli

P I A N O D I A U T O V A L U T A Z I O N E

P I A N O D I A U T O V A L U T A Z I O N E P I A N O D I A U T O V A L U T A Z I O N E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA PREVISTE DAL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO La programmazione delle attività avviene mediante l assegnazione

Dettagli

INDIRE. Affidamento: Bando 7587-05/07/2013 - INDIRE - VALeS (H9) Progetto: Progetto VALES nelle Regioni Obiettivo Convergenza

INDIRE. Affidamento: Bando 7587-05/07/2013 - INDIRE - VALeS (H9) Progetto: Progetto VALES nelle Regioni Obiettivo Convergenza INDIRE Affidamento: Bando 7587-05/07/2013 - INDIRE - VALeS (H9) Progetto: Progetto VALES nelle Regioni Obiettivo Convergenza Codice Progetto: H-9-FSE-2013-1 Documento di progetto II.1 Analisi del contesto

Dettagli

IN VIAGGIO VERSO LA COMPETENZA DIGITALE a cura dal raggruppamento Touch-M.E.

IN VIAGGIO VERSO LA COMPETENZA DIGITALE a cura dal raggruppamento Touch-M.E. partner Azienda certificata UNI EN ISO 9001:2000 Certificato n 258 Partner Touch-M-E. Distributore servizio CeTICompetence Business Partner HP Edu Partner NEC Educational Partner Toshiba Acer Active Partner

Dettagli

CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE PROGETTO ASFODELO. Programma Operativo Regionale FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano Linea di attività i.3.

CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE PROGETTO ASFODELO. Programma Operativo Regionale FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano Linea di attività i.3. PROGETTO ASFODELO Programma Operativo Regionale FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano Linea di attività i.3.2 Avviso pubblico per manifestazioni di interesse a partecipare al percorso di rafforzamento delle

Dettagli

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali 4.1 Le discipline IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali Il Regolamento in materia di autonomia scolastica consente alle Istituzione scolastiche di definire i curricoli e le quote orarie

Dettagli

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA 1 PROGRAMMA: La misura

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Emanuele Indirizzo Via del Ponte di Pantano, 25e Telefono 3299310050 Fax E-mail emanuele.morello@gmail.com Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO Amministrazione, finanza e marketing Relazioni internazionali per il marketing Sistemi informativi aziendali LICEO SCIENTIFICO Viale San

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE PER LA SELEZIONE DI TUTOR INTERNI 1) 2) 3)

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE PER LA SELEZIONE DI TUTOR INTERNI 1) 2) 3) DOMANDA DI PARTECIPAZIONE PER LA SELEZIONE DI TUTOR INTERNI Cognome Nome Obiettivo.. Modulo.. REQUISITI OBBLIGATORI Essere docente della materia il cui argomento è trattato nell azione formativa per i

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE di RISORSE SE UMANE COINVOLTE IN COMPITI di COORDINAMENTO LOGISTICO-ORGANIZZATIVO ORGANIZZATIVO

BANDO PER LA SELEZIONE di RISORSE SE UMANE COINVOLTE IN COMPITI di COORDINAMENTO LOGISTICO-ORGANIZZATIVO ORGANIZZATIVO ISTITUTO PROF. LE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO F. ENRIQUES Via E. Gianturco, 7 80055 Portici (NA) Tel. 081475684-081471484 Fax 081482920 NARIO70002 www.istitutoenriques.it C.F. 80033540636

Dettagli

L esperienza del Centro sperimentale di nuova imprenditorialità di Spoleto. Aosta 11 Marzo 2005 Corrado Diotallevi

L esperienza del Centro sperimentale di nuova imprenditorialità di Spoleto. Aosta 11 Marzo 2005 Corrado Diotallevi L esperienza del Centro sperimentale di nuova imprenditorialità di Spoleto Aosta 11 Marzo 2005 Corrado Diotallevi Indice Premessa chi siamo Gli incubatori d impresa modalità di accesso Il Centro sperimentale

Dettagli

Aggiornamento RAV. Alcuni punti di attenzione. Monia Berghella - Coordinatrice AICQ Education ER

Aggiornamento RAV. Alcuni punti di attenzione. Monia Berghella - Coordinatrice AICQ Education ER Aggiornamento RAV. Alcuni punti di attenzione. Monia Berghella - Coordinatrice AICQ Education ER Prot. 7904 del 1 settembre 2015 Legge del 13 luglio 2015, n. 107 La Buona Scuola Prot. 1738 del 2 marzo

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova a cura della DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Outline I punti di forza I

Dettagli

L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2)

L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2) L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2) Nel precedente approfondimento è stata evidenziata l'importanza di definire un'architettura per un percorso di blended e-learning (bl-el): questo

Dettagli

SEMINARIO. Come cambia la formazione in materia di Sicurezza sul lavoro dopo i recenti accordi Stato-Regioni

SEMINARIO. Come cambia la formazione in materia di Sicurezza sul lavoro dopo i recenti accordi Stato-Regioni SEMINARIO Come cambia la formazione in materia di Sicurezza sul lavoro dopo i recenti accordi Stato-Regioni La formazione in materia di sicurezza obbligatoria e normata, i requisiti dei documenti e degli

Dettagli

LE SCUOLE AL CENTRO DELLA PROGETTAZIONE DI QUALITÀ: VERSO ERASMUS+ 2015. Agenzia Erasmus+, INDIRE Firenze

LE SCUOLE AL CENTRO DELLA PROGETTAZIONE DI QUALITÀ: VERSO ERASMUS+ 2015. Agenzia Erasmus+, INDIRE Firenze LE SCUOLE AL CENTRO DELLA PROGETTAZIONE DI QUALITÀ: VERSO ERASMUS+ 2015 Agenzia Erasmus+, INDIRE Firenze Alcuni dati sulla partecipazione 2014 ad Erasmus+ e prospettive future SELEZIONE 2014: BUDGET PER

Dettagli

Come chiedere il finanziamento per KA1 e KA2

Come chiedere il finanziamento per KA1 e KA2 Come chiedere il finanziamento per KA1 e KA2 KA1 Mobilità per l'apprendimento dello staff Voci di spesa 1. Supporto organizzativo 2. Contributo Viaggio 3. Supporto agli individui 4. Contributo per il corso

Dettagli

La struttura Porta Futuro della Provincia di Roma: gestire e diffondere l innovazione nei servizi per il lavoro

La struttura Porta Futuro della Provincia di Roma: gestire e diffondere l innovazione nei servizi per il lavoro Progetto Servizi innovativi per l incontro tra domanda e offerta di lavoro 2 PON Azioni di Sistema - Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013 (FSE) La struttura Porta Futuro della Provincia

Dettagli

Programma Europeo Erasmus Plus: verso l elaborazione e la presentazione di una proposta progettuale.

Programma Europeo Erasmus Plus: verso l elaborazione e la presentazione di una proposta progettuale. Seminario Provinciale di formazione/informazione Programma Europeo Erasmus Plus: verso l elaborazione e la presentazione di una proposta progettuale. Sorrento, 9 febbraio 2015 Maria Nica Tutor Erasmus+

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

Seminario La valutazione delle Performance nelle Università

Seminario La valutazione delle Performance nelle Università PON GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA ASSE E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico 5.1 Performance PA Linea 2 Seminario La valutazione delle Performance nelle Università Sede: Formez Arco Felice di Pozzuoli

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

Prot.n. AOODGAI /3764 Roma, 30 Luglio 2009

Prot.n. AOODGAI /3764 Roma, 30 Luglio 2009 UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione Direzione

Dettagli

PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF COMUNICAZIONE ESITI RAV COMUNICAZIONE PRIORITÀ DI INTERVENTO

PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF COMUNICAZIONE ESITI RAV COMUNICAZIONE PRIORITÀ DI INTERVENTO Istituto Comprensivo Alighieri- Cartiera PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF COMUNICAZIONE ESITI RAV COMUNICAZIONE PRIORITÀ DI INTERVENTO Dirigente Scolastico dott.ssa Marialba Pugliese Referente prof.ssa

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

1-Il Piano regionale di formazione: presentazione CM.n.47/10/2014 e CM. n.7677del4/12/2014

1-Il Piano regionale di formazione: presentazione CM.n.47/10/2014 e CM. n.7677del4/12/2014 INDICE DIAPOSITIVE 1. Il Piano regionale di formazione: presentazione 2. I principi ispiratori del Piano 3. La normativa: il percorso triennale di valutazione delle scuole 4. L autovalutazione: documentazione

Dettagli

Titolo. Visualizzazione dinamica per la produzione di dati demografici e sociali FORUM PA 2010. Angela Ferruzza Paola Patteri

Titolo. Visualizzazione dinamica per la produzione di dati demografici e sociali FORUM PA 2010. Angela Ferruzza Paola Patteri Titolo FORUM PA 2010 Visualizzazione dinamica per la produzione di dati demografici e sociali Angela Ferruzza Paola Patteri Istat - Direzione centrale per le statistiche e le indagini sulle istituzioni

Dettagli

Responsabile scientifico: prof.a Caterina Arcidiacono

Responsabile scientifico: prof.a Caterina Arcidiacono Beldì è un progetto realizzato con il cofinanziamento dell Unione Europea, finalizzato alla diffusione del P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse II Obiettivo Operativo: f2) Promuovere azioni di supporto,

Dettagli

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010 WP n.1 Titolo: Analisi dei bisogni e fattibilità Obiettivi: - Collegare le diverse analisi dei bisogni del gruppo target per individuare, definire e condividere le principali criticità registrate nei diversi

Dettagli

M. I. U. R. I. S. PUECHER OLIVETTI C.M. MIIS08900V - C.F.

M. I. U. R. I. S. PUECHER OLIVETTI C.M. MIIS08900V - C.F. M. I. U. R. I. S. PUECHER OLIVETTI C.M. MIIS08900V - C.F. 93545220159 Sede amministrativa: Via Bersaglio, 56 Rho 20017 Tel.: 02 9302236 Fax: 02 9307396 Sito web:www.puecherolivetti.it e-mail:puecherolivetti@puecherolivetti.it

Dettagli

icq Miglioramento SETTIMANA EUROPEA DELLA QUALITÀ

icq Miglioramento SETTIMANA EUROPEA DELLA QUALITÀ ENTE DI FORMAZIONE ACCREDITATO M.I.U.R. Progetto A icq Mi Co Mi Co icq Miglioramento Continuo NUCLEO SCUOLA AICQ ER E MARCHE I EDIZIONE SETTIMANA EUROPEA DELLA QUALITÀ Il progetto AMICO è una sfi che gli

Dettagli

PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Indicatori di risultato e impatto Proposte, fonti e note esplicative

PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Indicatori di risultato e impatto Proposte, fonti e note esplicative PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Indicatori di risultato e impatto Proposte, fonti e note esplicative Asse I: Assistenza tecnica e coordinamento delle politiche di sviluppo regionale Aprile 2002

Dettagli

Valutare gli apprendimenti per promuovere la qualità dell istruzione. Francesca Storai - Indire

Valutare gli apprendimenti per promuovere la qualità dell istruzione. Francesca Storai - Indire Valutare gli apprendimenti per promuovere la qualità dell istruzione Francesca Storai - Indire 17 e 18 novembre 2014 Centro Congressi Frentani - Roma Nel 2009 iniziammo da qui. * * Media PISA OCSE in matematica

Dettagli

Nuove imprese crescono. Saranno cooperative Bando per la promozione di startup cooperative

Nuove imprese crescono. Saranno cooperative Bando per la promozione di startup cooperative Nuove imprese crescono. Saranno cooperative Bando per la promozione di startup cooperative 1. DESCRIZIONE SINTETICA Coopstartup Unicoop Tirreno è un iniziativa che ha l obiettivo di accompagnare lo sviluppo

Dettagli

Lecce, 1 ottobre 2015 Prot.n. 4279/C24

Lecce, 1 ottobre 2015 Prot.n. 4279/C24 Lecce, 1 ottobre 2015 Prot.n. 4279/C24 Al Collegio dei Docenti e p.c. al Consiglio d Istituto ai Genitori agli Studenti al Personale ATA all ALBO DI ISTITUTO SEDI LECCE E SQUINZANO Oggetto: Atto di Indirizzo

Dettagli

TRIO Il Sistema di Web Learning della Regione Toscana

TRIO Il Sistema di Web Learning della Regione Toscana TRIO Il Sistema di Web Learning della Regione Toscana E-learning nella pubblica amministrazione: esperienze a confronto Formez - 13 dicembre 2013 2 TRIO è il Sistema di Web Learning della Regione Toscana

Dettagli

Presentazione delle attività formative. Obiettivi e contenuti del Piano

Presentazione delle attività formative. Obiettivi e contenuti del Piano Piano di formazione e informazione dei Team di Valutazione alle indagini nazionali e internazionali Conferenze di servizio per i dirigenti scolastici Presentazione delle attività formative. Obiettivi e

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i docenti neoassunti Sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i docenti neoassunti Sperimentare un modello innovativo per l anno di prova MIUR USR per le Marche Ufficio V, Ambito Territoriale di AP/FM FORMAZIONE in ingresso per i docenti neoassunti Sperimentare un modello innovativo per l anno di prova Primo Incontro 14 aprile 2015 Ufficio

Dettagli

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4)

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) 1. Progetti ammissibili e durata dei progetti MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) Per la realizzazione delle azioni previste

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

segnalazioni o ticket

segnalazioni o ticket OIL - PRINCIPALI CARATTERISTICHE è uno strumento web-based per la gestione delle attività di Help Desk è un servizio che fornisce informazioni ed assistenza ad utenti che hanno problemi nella gestione

Dettagli

CAF EXTERNAL FEEDBACK

CAF EXTERNAL FEEDBACK CAF EXTERNAL FEEDBACK La procedura europea per ottenere l attestazione CAF effective user GUIDA PER I VALUTATORI* * La presente guida è parte del kit predisposto per la fase di prima applicazione della

Dettagli

L implementazione del modello CAF nell ambito dell Autorità di Audit della Regione Puglia

L implementazione del modello CAF nell ambito dell Autorità di Audit della Regione Puglia L implementazione del modello CAF nell ambito dell Autorità di Audit della Regione Puglia L Autorità di Audit della Regione Puglia È la struttura responsabile della verifica dell efficace funzionamento

Dettagli

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica Scuola Secondaria di I grado Progetto realizzato con il contributo del Fondo Sociale Europeo - Programma Operativo Nazionale Competenze

Dettagli

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORIANO NEL CIMINO Viale Ernesto Monaci, 37-01038 SORIANO NEL CIMINO (VT) -

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE BESTA-GLORIOSI Via Generale Gonzaga n 94 Telef. e fax 0828/307483 Battipaglia (SA) Cod. meccanografico SAISO34OOP Cod. fiscale 82002030656. Indirizzo e-mail: SAIS03400P@ISTRUZIONE.IT

Dettagli

C-1-FSE04_POR_CAMPANIA-2013-25 (Bando 11547 del 08/11/2013 Por Campania) C-5-FSE02_POR_CAMPANIA-2013-21 (Bando 11547 del 08/11/2013 Por Campania)

C-1-FSE04_POR_CAMPANIA-2013-25 (Bando 11547 del 08/11/2013 Por Campania) C-5-FSE02_POR_CAMPANIA-2013-21 (Bando 11547 del 08/11/2013 Por Campania) I.P.S.I.A. Miano Napoli FONDO SOCIALE EUROPEO COMPETENZE PER LO SVILUPPO 2007 IT 05 1 PO 007 ANNUALITA 2011-12 Con l Europa investiamo nel vostro futuro Circolare interna, prot. n 2811/B14 Pon // Allegati

Dettagli

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali 4.1 Le discipline IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali Il Regolamento in materia di autonomia scolastica consente alle Istituzione scolastiche di definire i curricoli e le quote orarie

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 -

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva del piano di miglioramento gestionale presentato sinteticamente

Dettagli

Selezione pubblica per l individuazione di TUTOR

Selezione pubblica per l individuazione di TUTOR Selezione pubblica per l individuazione di TUTOR preposti alla formazione del personale docente con riguardo al progetto: Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali Firenze, 25 marzo 2009

Dettagli

Settori Stage e Placement

Settori Stage e Placement Settori Stage e Placement INDICE 1. La Carta dei Servizi (4) 2. Il Placement a Ca Foscari (5) 3. I servizi offerti a studenti e neolaureati (7) 3.1 Orientamento al lavoro 3.1.1 Accoglienza ed erogazione

Dettagli

ALLEGATO A PROVINCIA DI TORINO SCHEDE INTERVENTO

ALLEGATO A PROVINCIA DI TORINO SCHEDE INTERVENTO ALLEGATO A PROVINCIA DI TORINO SCHEDE INTERVENTO Azioni preventive e curative della disoccupazione di lunga durata nelle aree territoriali della provincia di Torino ad esclusione del Comune di Torino,

Dettagli

MINISTERO DELL' ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA FORMULARIO A.S.2014/2015

MINISTERO DELL' ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA FORMULARIO A.S.2014/2015 MINISTERO DELL' ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA FORMULARIO A.S.2014/2015 Dati della scuola che Istituto: presenta il progetto formativo Codice Mecc.: Se si tratta di un I.I.S.: specificare

Dettagli

LA PRESENZA SUL TERRITORIO L attività di formazione della Scuola viene svolta prevalentemente a livello territoriale.

LA PRESENZA SUL TERRITORIO L attività di formazione della Scuola viene svolta prevalentemente a livello territoriale. schede descrittive delle scuole e degli organismi formativi per la pa allegato i 1 0. s c u o l a s u p e r i o r e d e l l a p u B B l i c a a m m i n i s t r a Z i o n e l o c a l e La Scuola Superiore

Dettagli

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro TRAINING HUMAN OCCUPATION RESEARCH ONLUS Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro Bando Garanzia Giovani Regione Molise 2015 SEDE DI ATTUAZIONE TERMOLI NUMERO VOLONTARI 2 TITOLO PROGETTO

Dettagli

Ministero Pubblica Istruzione Affari Internazionali Ufficio IV

Ministero Pubblica Istruzione Affari Internazionali Ufficio IV 1 Con l Europa investiamo nel Vostro futuro! NOVARO-CAVOUR Via Nicolardi, 136 80131 Napoli (Na) tel./fax. 081/0176536 E-Mail: NAIC82200T@ISTRUZIONE.IT Prot. n. 6851/A22 Napoli, 10/12/2013 CIG 5494304B15

Dettagli

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF):

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF): CONVENZIONE PER L ADESIONE AL SISTEMA DI E-LEARNING FEDERATO DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L UTILIZZO DEI SERVIZI PER LA FORMAZIONE Premesso che il Sistema di e-learning federato

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova Ing. Davide D Amico MIUR- DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Dirigente Ufficio

Dettagli