Storage of red blood cell units: new technology applied to the quality procedure system

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Storage of red blood cell units: new technology applied to the quality procedure system"

Transcript

1 Storage of red blood cell units: new technology applied to the quality procedure system Diego Ardenghi, Marina Martinengo, Ennio Schiaffonati, Daniela Bisi, Gino Tripodi Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale - Istituto Giannina Gaslini Genova (Responsabile: Dott. Gino Tripodi) This paper describes the application of new technologies that were adopted in 2002 at the Service of Immunohaematology and Transfusion Medicine (SIMT) of the Giannina Gaslini Institute (in Genoa) for the control of the storage of red blood cell (RBC) units. We first describe the instrumentation used, which consists of various probes and the corresponding temperature monitoring systems. We then detail the quality control procedures that use this instrumentation. Finally, we report and analyse the results obtained at SIMT the in the first six months of Parole chiave: processo sistema qualità; concentrati eritrocitari; conservazione; controllo; registrazione Key words: quality procedure system; RBCs; storage; control; registration Introduction and aim According to current legislation, indicators of the survival of red blood cells must be assayed (recommendation R (95) 15 of the Councin of Europe 1 ) and sterility tests performed on the units 2,3 to monitor for the presence of bacterial contamination, which is often undervalued 3-7. However, these controls, carried out only on some samples, do not exclude the possibility that one or more units that have not been monitored may not be suitable for transfusion purposes. Furthermore, even if the bacterial load at the time of possible contamination of a Received: 20 August Accepted: 1 October 2003 Correspondence: Dott. Diego Ardenghi SIMT Istituto Giannina Gaslini Largo Gerolamo Gaslini Genova Introduzione e scopo Secondo la normativa vigente è necessario eseguire il dosaggio degli indicatori di sopravvivenza delle emazie (raccomandazione R (95) 15 del Consiglio d' Europa 1 ) e i controlli di sterilità sulle unità 2,3 per il monitoraggio della contaminazione batterica, spesso sottostimata 3-7. Tuttavia, tali controlli "a campione" non escludono la possibilità che una o più unità non monitorate possano essere non idonee a essere trasfuse. Infatti, anche se la carica batterica al momento di una eventuale contaminazione degli emocomponenti può essere molto bassa, la conservazione sino a 42 giorni può consentire ad alcune specie microbiche di proliferare fino a 10 9 CFU/mL 8,9. Sappiamo altresì che la conservazione sino a 42 giorni comporta una alterazione delle caratteristiche emoreologiche delle cellule che non è evidenziabile con normali test biochimici 10,11. Pertanto, una applicazione standardizzata del processo di conservazione, la registrazione delle operazioni e dei controlli e l'introduzione di nuove tecnologie, quali gli indicatori per le unità di emazie e le sonde informatizzate per temperatura, possono aumentare l'efficacia del sistema qualità sulla conservazione dei concentrati eritrocitari (CE). La conservazione dei CE effettuata presso il SIMT dell'istituto Giannina Gaslini, struttura certificata ISO 9001: , è controllata da un Processo Sistema Qualità interamente convalidato, descritto da Procedure Operative Standard (SOP) e registrato tramite specifica documentazione La puntuale applicazione del processo, garantisce l'utilizzo di prodotti rispondenti alle normative della legge trasfusionale 16 e alla politica della qualità perseguita dal SIMT. Questa ha tre obiettivi: 1- la soddisfazione del cliente/utente (in tal caso il 266

2 New technologies in RBC storage blood component may be very low, some microbial species can proliferate to reach loads of 10 9 CFU/mL in a unit stored for 42 days 8,9. We also know that storage up to 42 days causes changes in the rheological properties of the cells and that these changes are not demonstrated by normal biochemical tests 10,11. For this reason, standardised application of storage procedures, with records of the operations and their controls, as well as the introduction of new technology, such as computerised indicators for blood cell units and temperature probes, can increase the efficiency of quality system for the storage of red cell concentrates (RBC). The storage of RBC at the SIMT of the Giannina Gaslini Institute, a structure with ISO 9001:2000 certification 12, is controlled by an entirely/internally convalidated Quality System Procedure, described by Standard Operating Procedures (SOPs) and recorded using specific documentation The precise application of the procedure guarantees that the products comply with legislation on transfusion products 16 and that they fulfil the policy of quality that our SIMT pursues. This has three aims: 1- to satisfy the customer/user (in this case the recipient) by supplying a product (a transfused unit of blood) which conforms with the relevant legislation; 2- to reduce the number of complaints from wards and departments; 3- to decrease the number of episodes of non-conformity and anomalies recorded for the RBC. This report describes the application of new technology introduced in our SIMT in 2002 to control the process of RBC storage. Materials and methods There are three types of instruments used at our SIMT to control temperature: 1- the SPYT probe system with readings transferable to SPYTalk software (SPYco SA, Yverdon-les-Bains, Switzerland) to monitor the temperature of the refrigerated blood storage cabinet; 2- type 1 Hemo Control (HC) indicators (BBS, Blood Bank Service srl, San Donato Milanese, MI, Italy) with a cumulative memory to monitor the storage temperature of each RCC unit from the time of validation to expiry; 3- type 2 HC indicators (BBS) with a peak memory to monitor the temperature of each RBC unit during transfers. ricevente) tramite fornitura di un prodotto (l'unità trasfusionale di emazie) conforme alle norme legislative stesse; 2- la riduzione del numero di reclami da parte delle Unità Operative; 3- la diminuzione delle non conformità e delle anomalie registrate sui CE. Questo lavoro si propone di illustrare l'applicazione delle nuove tecnologie che sono state adottate presso il SIMT a partire dall'anno 2002 per il controllo del processo di conservazione delle unità CE. Materiali e metodi I dispositivi adottati presso il SIMT per il controllo delle temperature sono di tre tipi: 1- il sistema a sonde SPYT con letture trasferibili al software SPYTalk (SPYco SA, Yverdon-les-Bains, Svizzera) per il controllo delle emoteche; 2- gli indicatori Hemo Control (HC) di tipo 1 (BBS, Blood Bank Service srl, San Donato Milanese, MI, Italia) a memoria di accumulo per il monitoraggio della temperatura di conservazione di ogni singola unità di CE dalla validazione alla scadenza; 3- gli indicatori HC di tipo 2 (BBS) a memoria di picco per il monitoraggio della temperatura di conservazione di ogni singola unità di CE durante la movimentazione. Ciascuno di questi dispositivi viene utilizzato in una specifica fase del processo di conservazione i cui dettagli sono descritti nel seguito. Il Processo del Sistema Qualità è applicato alla conservazione durante l'intero flusso di movimentazione dei CE ed è costituito da due sottoprocessi: il controllo delle unità giacenti al SIMT e il controllo delle unità distribuite. Controllo delle unità giacenti al SIMT Questo sottoprocesso è applicato al controllo delle emoteche ed al controllo delle unità di CE conservate al SIMT. Il controllo delle emoteche è attuato secondo quanto previsto dalla norme di legge 16 e dagli standard internazionali 13 mediante la verifica della temperatura dell'emoteca sia istantanea, sull'apposito display, sia continuativa tramite termoregistratore. Inoltre è in funzione un sistema di allarme sonoro e visivo dell'emoteca.questi controlli vengono integrati da un monitoraggio informatizzato della temperatura tramite il sistema a sonde SPYco. 267

3 D Ardenghi et al. Figure 1 - A temperature/time histogram obtained from the data transferred from the SPYT probe to the SPYTalk data support: peaks of temperature outside the programmed limits can be noted Each of these devices is used in specific stage of the storage whose details are described later. The Quality System Procedure is applied to storage during the entire flow of movement of the RCC and is formed of two subprocedures: the control of the unit in the SIMT and the control of the units distributed. Control of the units in the SIMT This subprocedure is applied to the control of the refrigerated blood storage cabinets and to the control of the units of RBC stored in the SIMT. Control of the refrigerated blood storage cabinets. This is carried out as laid down by law 16 and by international standards 13 through the verification of the temperature of the refrigerated blood storage cabinet, both instantaneously on a specific display, and continuously by a temperature recorder. Furthermore, there is a system of audio-visual alarms in the refrigerators. These controls are integrated by computerised monitoring of the temperature through a SPYco probe system. This is formed of a central control unit operating on a personal 268 Questo è costituito da una unità centrale di controllo operante su PC e da sonde di temperatura programmabili. Tali sonde vengono programmate secondo parametri conformi alle norme di legge sulla temperatura di conservazione dei CE 16 e seguendo le indicazioni fornite dalla ditta produttrice dell'emoteca. Ogni emoteca viene dotata di una sonda che registra continuamente la temperatura fornendo, attraverso letture giornaliere programmate, informazioni sulla conformità dell'emoteca stessa. Il protocollo prevede il trasferimento sull'unità centrale, tramite software dedicato (SPYTalk), della temperatura registrata dalla sonda nell'arco di due mesi. Gli istogrammi Temperatura/Tempo ottenuti (Figura 1) sono archiviati nella documentazione riguardante la strumentazione. In caso di rilevazione di temperatura non conforme durante le letture giornaliere, la sonda viene collegata immediatamente al sistema informatico e può così fornire informazioni dettagliate sul periodo in cui la temperatura non è rientrata nei parametri impostati. Si possono quindi valutare le possibili azioni correttive da intraprendere e l'idoneità trasfusionale delle unità.

4 New technologies in RBC storage Figure 2 - Hemo control indicators of type 1 and 2, kinetics, conformity and programmed limits computer and temperature probes that can be programmed. These probes are programmed to meet the parameters described in the legislation on the temperature of storage of RBC 16 and also according to the indications provided by the company manufacturing the blood storage cabinet. Each refrigerated blood storage cabinet is provided with a probe that continuously records the temperature and provides programmed daily readings that show whether the storage cabinet is complying with the planned parameters. The protocol sets out that the data recorded by the probe over a period of two months are transferred, by specific software (SPYTalk), to the central unit. The temperature/time histograms obtained (Figure 1) are stored with the documentation on the instrument. If the thermometer records a temperature that does not comply with the predetermined limits, the probe is immediately connected to the computer which then provides detailed information on the period in which the temperature has been outside the set parameters. It is then possible to evaluate whether there are corrective actions that can be taken and to assess the suitability of the unit for transfusion. The control of the RBC units. The RBC are controlled through visual inspection, as laid down by Il controllo delle unità CE avviene tramite l'ispezione visiva prevista dalla legge 16 e dagli standard internazionali 13,17 (colorazione non conforme del sangue, presenza di emolisi o torbidità della frazione plasmatica residua, presenza di coaguli o fibrina). Presso il nostro SIMT è stato inoltre introdotto un ulteriore controllo che utilizza indicatori HC di tipo 1, applicati alle unità al momento della validazione che consentono di monitorare le due variabili tempo e temperatura per un corretta conservazione delle unità (Figura 2). In condizioni di conservazioni ottimali (temperatura fra +2 C e +4 C), e nel caso in cui l'unità non sia stata movimentata, l'indicatore al 42 giorno (scadenza della unità) mostrerà il viraggio completo e quindi la non conformità. Qualora la sacca sia stata movimentata, l'indicatore memorizza gli sbalzi termici subiti grazie alla memoria di accumulo e riduce il tempo di emivita dell'indicatore segnalando una eventuale conservazione inefficace. Controllo delle unità distribuite Questo sottoprocesso ottimizza il controllo delle unità 269

5 D Ardenghi et al. law 16 and by international standards 13,17 (non-conformity of the colour of the blood, evidence of haemolysis or turbidity of the residual plasma fraction, presence of clots or fibrin). Our SIMT has introduced a further control involving type 1 Hemo Control indicators, applied to the units at the moment of validation. These indicators monitor two variables - time and temperature - in order to provide a record of the correct storage of the units (Figure 2). In conditions of optimal storage (temperature between + 2 C and + 4 C), and in the case in which the units are not moved, the indicator at the 42 nd day (expiry of the unit) will have made one complete turn, thus indicating nonconformity. Whenever the bag is moved, the indicator memorises the thermal changes undergone, thanks to its cumulative memory, and reduces the half-life of the indicator, signalling any inefficient storage. Control of the units distributed This subprocedure optimises the control of the units delivered to wards and departments (UO) and the control of the units not transfused and returned to the SIMT. The SIMT has activated an information service for the UO of the Institute on the methods and times of storage and the transport of blood components. This information is provided during documented consultations and training meetings with staff. Furthermore, a site has been opened on the Institute's intranet; this can be consulted for information on the characteristics of transfusion products and their ways of being stored. Control of the units issued. HC indicators are attached to each RCC unit and and SPYCo probes are included within the transport containers. At the time of delivery a type 2 Hemo Control indicator is applied to the unit: this is calibrated to last 80 hours at 8 C. Exposure to heat sources accelerates the half-life of the indicator itself (Figure 2) and thus demonstrates inappropriate storage in the UO. The SPYCo probes included in the containers for transporting blood components are intended to monitor the internal temperature in a way analogous to that described for the refrigerated blood storage cabinets. The control of the units returned. This is done by standard visual inspection 13,17 and by evaluation of the type 1 HC indicator (applied to the unit at the time of validation) and the type 2 indicator (applied at the moment of delivery). These controls are recorded on specific form which is consegnate alle Unità Operative (UO) ed il controllo delle unità non trasfuse e rientrate al SIMT. Il SIMT ha attivato un servizio informativo ai reparti dell'istituto (UO) sui modi e sui tempi di conservazione e di trasporto degli emocomponenti attraverso consulenze documentate e incontri di addestramento con il personale. È stato inoltre attivato un sito visualizzabile sul servizio intranet dell'istituto nel quale sono descritte le caratteristiche dei prodotti trasfusionali distribuiti e le modalità di conservazione. Il controllo delle unità consegnate avviene tramite gli indicatori HC per ogni Unità CE e con sonde SPYCo inserite nel contenitori per il trasporto. Al momento della consegna viene applicato sulla unità un indicatore HC di tipo 2: questo è calibrato per durare 80 ore a 8 C. L'esposizione a fonti di calore accelera il tempo di emivita dell'indicatore stesso (Figura 2) e consente di segnalare una conservazione non idonea presso le UO. Le sonde SPYCo inserite nei contenitori per il trasporto emocomponenti hanno il compito di monitorare la temperatura interna in maniera simile a quanto già descritto per le emoteche. Il controllo delle unità rientrate avviene attraverso l'ispezione visiva standard 13,17 e tramite la valutazione degli indicatori HC di tipo 1 (applicato sull'unità al momento della validazione) e del tipo 2 (applicato al momento della consegna). Questi controlli sono registrati su apposito modulo consegnato alla UO al momento del ritiro dell'unità e che deve essere riconsegnato al SIMT contestualmente alla unità non utilizzata. Sul modulo deve inoltre essere dichiarata, da parte della UO, la corretta conservazione dell'unità, il suo eventuale trasferimento ad altre UO e se l'unità stessa deve essere tenuta a disposizione per il paziente. Registrazione e documentazione I controlli descritti nel processo devono essere integralmente registrati utilizzando la procedura di documentazione prevista dal Sistema Qualità del SIMT e in particolare: 1- i controlli effettuati sulle emoteche devono essere registrati sulle Schede di Manutenzione Contenitori Termoregolati; 2- i controlli effettuati sulle unità di emazie devono essere registrati sul Modulo Ritiro resa e Movimentazione Unità Trasfusionali; 3- le Anomalie riscontrate devono essere registrate sul Registro Rilevazione Anomalie; 4- le Non Conformità e i Reclami riscontrati devono essere segnalate all'ufficio Assicurazione Qualità che 270

6 New technologies in RBC storage given to the UO at the time of withdrawing the unit and must be returned to the SIMT with the unused unit. This form should also include a statement by the UO that the unit has been stored correctly, information on whether the unit of blood was sent to any other wards and whether the unit is to be kept available for the patient. Records and documentation The controls described in the procedure must be recorded fully using the documentation procedure laid out in the Quality System of the SIMT. In particular: 1- the controls carried out on the refrigerated blood storage cabinets must be recorded on the Forms of Maintenance of Controlled Temperature Containers; 2- the controls carried out on the units of blood must be recorded on the Form Withdrawal and Movement of Transfusion Units; 3- the Anomalies found must be recorded in the Register of Anomalous Readings; 4- non-conformity and complaints must be reported to the Quality Assurance Office which, using appropriate documentation, will start the procedure to resolve the problem. It is worth specifying that for Non-Conformity means unexpected events during the process for which corrective actions were not planned. Anomalies signify departures from the process for which there are standardised resolutive actions. The control of any transfusion reactions, laid down by the blood surveillance programme, is carried out through a computerised archive. All the documents are recorded and can be retraced immediately. Results During the first six months of 2003, there were no episodes of Non-Conformity and no Complaints concerning the storage of RBC. Some Anomalies did, however, occur. These anomalies are described below. 1- The most frequently observed anomalies were due to brief periods of storage at temperatures not within the pre-determined parameters. These events occurred during the periods of greatest movement of the RBC units. However, thanks to the Hemo Control indicators it was possible to exclude that the units were no longer suitable for transfusion. 2- During the first series of readings of the SPYCo probes it was noted that there was a clear difference between attraverso idonea documentazione avvia la procedura di risoluzione. È bene specificare che per Non Conformità intendiamo eventi inaspettati durante lo svolgimento del processo per i quali non erano state previste azioni correttive. Con Anomalie si intendono scostamenti dal processo per i quali sono attuabili soluzioni standardizzate. Il controllo delle reazioni trasfusionali previsto dal programma di emovigilanza viene effettuato tramite un archivio informatizzato. Tutti i documenti sono archiviati e sono immediatamente rintracciabili. Risultati Durante il primo semestre del 2003, nell'ambito del processo di conservazione delle Unità CE, non si sono verificati Reclami e Non Conformità. Si sono peraltro registrate le Anomalie di seguito descritte. 1- Le anomalie osservate più frequentemente sono dovute a brevi periodi di conservazione a temperatura non compresa entro i parametri impostati. Questi eventi si sono verificati in concomitanza con i momenti di più intensa movimentazione delle unità CE. Grazie al controllo degli indicatori HC si è potuta escludere la presenza di unità non idonee. 2- È stata evidenziata durante la prima serie di letture delle sonde SPYCo una sensibile discrepanza della temperatura segnalata dal display e dal termoregistratore di una emoteca rispetto alla temperatura registrata dalla sonda. Ciò ha indotto alla esecuzione di una manutenzione straordinaria di taratura dell'apparecchiatura evitando così la conservazione di Unità CE a temperatura non idonea. 3- Si sono registrate anomalie su 8 Unità CE che presentavano viraggio dell'indicatore al limite di programmazione. Tutte queste unità erano state prelevate da non più di 20 giorni ed erano state tutte precedentemente movimentate. È interessante notare che nessuna di queste presentava segni apprezzabili di non idoneità all'ispezione visiva 13,17, ma il dosaggio del potassio evidenziava valori sovrapponibili a quelli presenti in unità alla fine del periodo di validità: mediamente superiori a 35 mmo/l; nessuna di queste aveva subito irradiamento lavaggio o deleucocitazione 4- Le anomalie riferibili alla temperatura dei contenitori per trasporto emocomponenti sono state piuttosto frequenti. Questa problematica richiederà un adeguato approfondimento per la individuazione di opportune azioni correttive. 271

7 D Ardenghi et al. Table I - Transfusion reactions - Each symptoms is counted individually, but more than one could be present Tranfusion reaction Symptoms Month 2003 RBC transfused Moderate % Severe Fever Urticaria Chills Headache Vomiting Bronchospasm Cough Dysponoea Cyanosis Totale 1, the temperatures shown on the display and on the temperature recording of one of the refrigerated blood storage cabinets and the temperature recorded by the SPYCo probe. This led us to perform unscheduled maintenance of the equipment involving new calibration of the instrument, thus preventing the units of RCC from being stored at inappropriate temperatures. 3- There were anomalies in 8 units of RBC which showed that the indicator had turned completely to the limit of the programme. All these units had been collected/harvested no more than 20 days earlier but all had been moved previously. It is interesting to note that none of these units showed appreciable signs of not being suitable by visual inspection 13,17, but assay of potassium levels showed levels similar to those in units at the end of their storage life: on average above 35 mmo/l; none of these units had undergone irradiation, washing or leucodepletion. 4- Anomalies involving the temperature of the containers for transporting blood components were fairly frequent. This problem will require further investigation to identify the opportune corrective actions. It was also noted that there was a substantial decrease in the time units stayed in the UO as a result of the information and the form accompanying the units. Conclusions From an analysis of the results reported, we can state that the process of storing RBC has been qualitatively effective, a recurrent emphasis of the ISO 9001:2000 certification 12, both during the phase of issue and during that of returning units not transfused. Si è altresì evidenziata una sostanziale diminuzione dei tempi di giacenza delle unità presso le UO grazie alla informazione e alla modulistica di accompagnamento delle unità. Conclusioni Dall'analisi dei risultati riportati, possiamo affermare che il processo di conservazione dei CE, ha dimostrato una sostanziale efficacia della qualità, punto ricorrente della norma ISO 9001: , sia in fase di distribuzione che in fase di riammissione nel circuito trasfusionale delle unità non trasfuse. Dall'attività di emovigilanza effettuata in questo periodo si è anche osservato che su trasfusioni di CE effettuate nel primo trimestre 2003, le reazioni trasfusionali riferite dalle UO sono state 20, tutte di moderata entità e accompagnate dalla sintomatologia riportata in tabella I. L'entità delle reazioni e la loro tipologia suggeriscono che esse non siano dovute ad una scorretta conservazione delle unità trasfuse ma piuttosto alla risposta dei pazienti. Nello stesso periodo, non sono stati riferiti, da parte delle UO, casi di iperpotassiemia post-trasfusionale come quelli registrati precedentemente all'applicazione del processo. Pertanto, gli obiettivi della politica della qualità del SIMT, dichiarati nell'introduzione di questo lavoro e rivolti soprattutto alla soddisfazione del cliente/utente, sono stati perseguiti con procedure sicuramente più efficaci rispetto al recente passato. Riassunto Questo lavoro si propone di illustrare l'applicazione 272

8 New technologies in RBC storage The blood surveillance carried out in this period showed that for 1,730 transfusions of RBC carried out in the first quarter of 2003, the UO reported 20 transfusion reactions, all of a moderate entity and accompanied by the symptoms reported in table I. The entity and type of the reactions suggest that they were not due to incorrect storage of the units transfused, but rather due to the patients' response. In the same period, no cases of post-transfusional hyerkalaemia were reported by the UO, whereas such events had been recorded prior to the application of the procedure. Thus, the aims of the quality policy of the SIMT, declared at the start of this study and directed particularly at the customer/client satisfaction, have been pursued with procedures that are definitely more effective than those of the recent past. delle nuove tecnologie che sono state adottate presso il SIMT dell'istituto Giannina Gaslini a partire dall'anno 2002 per il controllo del processo di conservazione delle unità CE. Viene dapprima descritta la strumentazione impiegata, ovvero le sonde ed i sistemi di monitoraggio della temperatura. Quindi vengono dettagliate le procedure di controllo qualità che utilizzano tale strumentazione. Infine sono riportati e discussi i risultati ottenuti presso il SIMT nel primo semestre References 1) Consiglio d'europa. Comitato dei Ministri. Raccomandazione n R (95)15. Il Servizio Trasfusionale, XXV (supplemento al n 3), sett/ott, ) Bertola F. Approccio metodologico al controllo di qualità degli emocomponenti. La Trasf. del Sangue 1990; 36, ) Barrett BB, Andersen JW, Andersen KC. Strategies for the avoidance of bacterial contamination of blood components. Transfusion 1993; 33, ) Murphy WG. Disease transmission by blood products: past present and future. Phathophysiol Haemost Thromb 2002; 32 (Suppl 1): ) Tosti ME, Solinas S, Prati D, et al. An estimate of the current risk of transmitting blood-borne infections through blood transfusion in Italy. Br J Haematol 2002; 117, ) Hoher PG. Microbial safety of blood product. Infusionsther Trasfusionsmed 1996; 23: ) D'Antonio D, Bonfini T, Iacone A. Contaminazione microbica dei componenti ematici. La Trasf del Sangue 2002; 47: ) Blajchmann MA. Bacterial contamination and proliferation during the storage of cellular components. Vox Sang 1998; 74 (Suppl 2): ) Jacobs MR, Pavalecino E, Yomtovian R. Don't bug me: the problem of bacterial contamination of blood components-challenges and solutions. Transfusion 2001; 41: ) Martorana MC, Giuliani E. La membrana del globulo rosso: alterazioni da conservazione. Aspetti omereologici e biochimici. La Trasf del Sangue 1999; 44: ) Martorana MC, Zulli E, Mojoli G, et al. Comportamento reologico e modificazioni morfologiche nei globuli rossi conservati. La Trasf del Sangue 1993; 38: ) UNI. Ente Nazionale di Unificazione: UNI EN ISO Sistemi di gestione per la qualità. Requisiti. Dicembre ) Menitove J, editor. Standards for Blood Banks and Transfusion Services. 19 th ed. Bethesda, MD, AABB; ) Ziebell LW, Kavemeier K, editors. Quality Control: A Component of Process Control in Blood Banking and Transfusion Medicine. Bethesda, MD, AABB; ) A quality system model for health care; proposed guideline. GP26-P. Vol. 18 N 10. Wayne, PA: NCCLS, ) Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana: Decreto 25 gennaio Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue ed emocomponenti. GU, Serie generale, n ) Kim DM, Breche ME, Bland LA, et al. Visual identification of bacterially contaminated red cells. Transfusion 1992; 32:

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale Sheet nr.1 for the Italian tax authorities DOMANDA DI RIMBORSO PARZIALE-APPLICATION FOR PARTIAL REFUND * applicata sui canoni pagati da residenti dell'italia

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat

MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat with cap. 3015001 with cap. 3900001 with connector 3900200 with cable A richiesta disponibile la versione certifi- Version available on request 124

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Declaration of Performance

Declaration of Performance Roofing Edition 06.06.2013 Identification no. 02 09 15 15 100 0 000004 Version no. 02 ETAG 005 12 1219 DECLARATION OF PERFORMANCE Sikalastic -560 02 09 15 15 100 0 000004 1053 1. Product Type: Unique identification

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Kaba PAS - Pubblic Access Solution

Kaba PAS - Pubblic Access Solution Kaba PAS - Pubblic Access Solution Fondata nel 1950, Gallenschütz, oggi Kaba Pubblic Access Solution, ha sviluppato, prodotto e venduto per oltre 30 anni soluzioni per varchi di sicurezza automatici. Oggi

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual.

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual. MANUALE GRANDE PUNTO A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even those that range from same brand name

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Nome del concorrente - Competitor's name :...

Nome del concorrente - Competitor's name :... MODULO DI RICHIESTA DI MATERIALE SUPPLEMENTARE ADDITIONAL MATERIAL ORDER FORM Il materiale e i documenti compresi nella tassa di iscrizione sono elencati nell'appendice VI del 2015 FIA WRC Sporting Regulations

Dettagli

Procedura per i reclami da parte degli inquilini e imposizione delle norme sulle abitazioni (Property Standards) negli appartamenti in affitto

Procedura per i reclami da parte degli inquilini e imposizione delle norme sulle abitazioni (Property Standards) negli appartamenti in affitto Procedura per i reclami da parte degli inquilini e imposizione delle norme sulle abitazioni (Property Standards) negli appartamenti in affitto Abbiamo cura delle nostre abitazioni. Avete un reclamo da

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie Quello che devi sapere sulle opzioni binarie L ebook dà particolare risalto ai contenuti più interessanti del sito www.binaryoptionitalia.com ed in particolar modo a quelli presenti nell area membri: cosa

Dettagli

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 CLASSE I - IP20 IT Avvertenze La sicurezza elettrica di questo apparecchio è garantita con l uso appropriato di queste istruzioni. Pertanto

Dettagli

222X IT Manuale d uso

222X IT Manuale d uso 222X IT Manuale d uso INDICE 1 INTRODUZIONE 2 1.1 Benvenuto 2 1.2 Contatti per il servizio 2 1.3 Cosa fare se il vostro veicolo viene rubato 3 1.4 Autodiagnostica periodica del vostro dispositivo 4 1.5

Dettagli

BANDO 2015 ART. 1 ART. 2

BANDO 2015 ART. 1 ART. 2 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAMERINO CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 10 BORSE DI STUDIO PER IL PERFEZIONAMENTO ALL ESTERO DI NEOLAUREATI MAGISTRALI O LAUREATI ANTE DM 509/99. BANDO 2015 ART. 1 È' indetto

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Regolatori di portata 1

Regolatori di portata 1 Regolatori di portata MA Dimensioni MA da Ø 0 a Ø00 D D L Descrizione I regolatori di portata MA vengono inseriti all interno del canale e permettono di mantenere costante la portata al variare della pressione.

Dettagli

IL RISPETTO DEI REQUISITI! RELATIVI AI RECORD E FIRME ELETTRONICHE!

IL RISPETTO DEI REQUISITI! RELATIVI AI RECORD E FIRME ELETTRONICHE! !!! CFR21 PART 11! IL RISPETTO DEI REQUISITI! RELATIVI AI RECORD E FIRME ELETTRONICHE! APPLICATO AI SISTEMI! DI MONITORAGGIO IN CONTINUO Gianni Andreucci Origini CFR21 PART 11 Nel marzo del 1997 l FDA

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len;

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len; /* Date in ingresso una frase, dire se una è palindroma */ #include #define MAX 100 int main() /*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i,

Dettagli

Componenti per illuminazione LED. Components for LED lighting

Componenti per illuminazione LED. Components for LED lighting 2014 Componenti per illuminazione LED Components for LED lighting Legenda Scheda Prodotto Product sheet legend 1 6 3 7 4 10 5 2 8 9 13 11 15 14 12 16 1673/A 17 2P+T MORSETTO Corpo in poliammide Corpo serrafilo

Dettagli