Premessa la pianificazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premessa la pianificazione"

Transcript

1

2 Premessa la pianificazione Nell attuale contesto competitivo e finanziario non è più sufficiente saper gestire un operazione di sviluppo immobiliare per trarne un adeguato margine imprenditoriale: il Credit Crunch rende critico il rapporto con le banche che valutano il merito di credito sulla base di parametri sempre più oggettivi e focalizzati sul futuro, invece che sulla reputazione personale dell imprenditore. Per ottenere un adeguato finanziamento è quindi necessario sviluppare un solido piano dell operazione e comunicarlo efficacemente. Se il foglio elettronico è stata fino ad oggi la piattaforma principale sulla quale sviluppare i piani economici e finanziari, sono evidenti i suoi limiti legati a: eccessiva flessibilità e modificabilità delle formule e dei dati; rigidità della sua struttura e quindi del numero di operazioni rappresentabili. 1

3 Premessa il controllo Le società che si occupano di sviluppo immobiliare devono sempre più conciliare lo svolgimento di attività di gestione e controllo per la massimizzazione delle performance con lo svolgimento di attività di reportistica verso i fornitori di capitale di rischio e di debito, che deve concretizzarsi con l aggiornamento dei piani economico-finanziari e con il calcolo dell IRR a cadenza periodica (mese, trimestre, semestre) REFiP Consuntivo e Reforecast nasce per dare una soluzione a tali problemi: lettura delle informazioni automatica direttamente dai database, eliminando l imputazione manuale dei dati; possibilità di visualizzazione e analisi personalizzata per la verifica della qualità dei dati do consuntivo; elaborazione delle variabili secondo modelli di calcolo definiti e rigorosi, che garantiscono la coerenza, la comparabilità e la possibilità di consolidare i dati relativi a tutte le iniziative. La velocità, l accuratezza e l automazione dello strumento sono i suoi migliori punti di forza in quanto permettono un risparmio di risorse solitamente dedicate alla raccolta e al controllo dei dati; in questo modo la società può dedicare il tempo dovuto all analisi degli scostamenti, migliorando esponenzialmente la qualità del processo decisionale sia a livello di organo amministrativo sia a livello di responsabile operativo. 2

4 Le tipologie di dati La struttura del Business Plan replica esattamente i documenti di bilancio, a partire dalla rilevazioni degli Eventi Economici: Conto Economico, Stato Patrimoniale e Rendiconto Finanziario, secondo la riclassificazione definita dall utente. Il Business Plan è composto da una parte consuntiva e una parte previsionale, a sua volta costituita da proiezioni certe e proiezioni stimate. Le tre parti sono in continuo dialogo: il gestore genera una pianificazione iniziale (proiezioni stimate) di riferimento, l attività d azienda genera eventi che vengono consuntivati in contabilità e che determinano flussi finanziari futuri, ma certi in quanto contrattualizzati (proiezioni certe), la differenza tra gli eventi previsionali e quelli consuntivati genera uno scostamento che deve essere gestito da una successiva pianificazione (aggiornamento delle proiezioni stimate). PERIODI STRUTTURA Eventi CE SP RF PERIODI STRUTTURA Eventi CE SP RF PIANIFICAZIONE t-n t0 t+n Dati Consuntivi t0 t+n Proiezioni Stimate CONSUNTIVO E REFORECAST Proiezioni Certe Proiezioni Stimate 3

5 Le tipologie di dati PERIODI STRUTTURA Eventi CE SP RF t-n t0 t+n Dati Consuntivi Proiezioni Certe Proiezioni Stimate Proiezioni Certe: si riferiscono ad effetti futuri di eventi passati, quali i ricavi e i relativi incassi attesi generati da contratti preliminari o contratti di affitto già stipulati e registrati nei sistemi gestionali, ovvero i costi e i relativi esborsi attesi generati da contratti di fornitura già stipulati e registrati nei sistemi amministrativi e/o gestionali (appalti di costruzione, sevizi amministrativi, Agency, etc) Dati consuntivi: si riferiscono ai periodi passati e rappresentano gli accadimenti registrati nei sistemi amministrativi e gestionali Proiezioni Stimate: si riferiscono ad eventi futuri, basati sulle valutazioni ambientali e quindi sulle stime generate; riguardano tipicamente gli eventi economici di sigla dei contratti preliminari di vendita e contratti di locazione e lo sviluppo delle altre voci di bilancio collegate a questi eventi. 4

6 La struttura del controllo La struttura di controllo si basa su uno schema gerarchico piramidale, identificando in ogni livello la somma degli attributi specifici dei livelli sottostanti, con l aggiunta degli attributi specifici del livello stesso. Descrizione Società Iniziativa L aggregato massimo di controllo è la Società o Gruppo, per il quale vengono sviluppati conto economico, stato patrimoniale e rendiconto finanziario omnicomprensivi. L iniziativa è l aggregato di controllo a livello strategicamente omogeneo, per il quale i report di bilancio sono esaustivi delle grandezze relative all attività produttiva. Lotto La base del controllo è costituita dal lotto, che coincide con l edificio fisico, livello di massimo dettaglio per la consuntivazione dei costi Unità Immobiliare L Unità Immobiliare è l entità atomica del controllo, rilevante nella generazione dei ricavi e nella riclassificazione dei costi secondo la destinazione e la tipologia specifica. 5

7 Le dimensioni dei dati La specificità del Business Plan realizzato attraverso lo strumento dedicato REFiP risiede nella possibilità di attingere ai sistemi amministrativi e gestionali per leggere i dati consuntivi e i dati congetturati, con i quali integrare i dati stimati normalmente residenti in fogli Excel. I dati acquisiti sono poi normalizzati e classificati in modo da generare le strutture di bilancio con il dettaglio desiderato secondo tutte le dimensioni considerate. Per ogni voce di bilancio è possibile disaggregare il dato fino al massimo dettaglio. Questo permette di ricavare facilmente analisi e statistiche (es. costo dell agency) a livello di singolo lotto. Tipologia dati Struttura del rendiconto Eventi economici Conto Economico Stato Patrimoniale Rendiconto Finanziario Società - Gruppo Iniziativa Lotto 6

8 La Pianificazione: le regole di calcolo L alimentazione dei parametri del Business Plan è organizzata in maniera logica ed intuitiva, permettendo infinite fattispecie di simulazione. DATI DI BASE DETTAGLI TEMPI FINANZA ACQUISIZIONE AREA COSTRUZIONE RICAVI ALTRI PARAMETRI Calcolo e definizione dei parametri principali quali superficie/ volume e prezzo al mq/mc Specificazione di maggior dettaglio riguardante il compromesso per l area, la distribuzione dell appalto e le voci accessorie Date di riferimento per la costruzione e le vendite Parametri per lo sviluppo dei profili finanziari Parametri vari relativi agli oneri di urbanizzazione, ai costi accessori e alle imposte 7

9 REFiP Pianificazione: inserimento dati 8

10 REFiP Pianificazione: Conto Economico 9

11 REFiP Pianificazione: Stato Patrimoniale 10

12 REFiP Pianificazione: Rendiconto Finanziario 11

13 REFiP Pianificazione: grafico delle principali voci patrimoniali 12

14 Il controllo dei dati Consuntivi: gli schemi di rendiconto dei dati consuntivi La lettura diretta da parte di REFiP sui dati consuntivi dei sistemi amministrativi e gestionali mira ad acquisire i dati gestionali e i dati contabili relativi agli eventi economici registrati. In questo modo è possibile procedere ai necessari controlli di consistenza dei dati raccolti, verificandoli secondo il livello di dettaglio desiderato. Se infatti la registrazione dei dati è avvenuta correttamente, il rendiconto sarà coerente sia per la società o il gruppo complessivo, sia a livello di iniziativa, sia a livello di singolo lotto. Applicazione gestionale contratti (PIA, CPA, locazione) Voci Business Plan Consuntivo appalti Eventi Economici Vendite Costruzione Applicazione contabile saldi contabili Conto Economico Stato Patrimoniale Ricavi Costi Attivo Passivo cassa e banche Flussi di Cassa Incassi Pagamenti 13

15 Il Reforecast: l aggiornamento dei dati a vita intera L acquisizione diretta dei dati congetturati permette di rappresentare i flussi finanziari previsionali certi, che sono la spina dorsale delle attività future. Come per i dati consuntivi, è possibile procedere ad analisi puntuali secondo diversi livelli di dettaglio sulle dimensioni rilevanti dei dati. La possibilità di rappresentare i dati consuntivi coerentemente con i relativi dati di pianificazione permette la rilevazione delle varianze ai diversi livelli di analisi. Il pianificatore avrà quindi evidenza della natura degli scostamenti e sarà in grado di rettificare la pianificazione per sviluppare una stima a finire aggiornata. La storicizzazione dei dati premetterà sempre di confrontare qualsiasi versione del reforecast con versioni precedenti e con il budget di riferimento. La disponibilità dei dati a vita intera dell iniziativa permetterà di avere evidenza della redditività complessiva dell iniziativa. Applicazione gestionale contratti (PIA, CPA, locazione) flussi di cassa previsionali certi mutui Voci Consuntivo Reforecast Eventi Economici Conto Economico Stato Patrimoniale Flussi di Cassa Business Plan Vendite Costruzione Ricavi Costi Attivo Passivo Incassi Pagamenti Vendite Costruzione Ricavi Costi Attivo Passivo Incassi Pagamenti Direttore Finanziario parametri di sistema parametri per proiezioni proiezioni 14

16 REFiP Consuntivo & Reforecast 15

17 REC Group Via Mario Donati, Milano Tel Lorenzo Podini Angelo Ventura

Geniale!SGR la soluzione contabile e gestionale per fondi immobiliari

Geniale!SGR la soluzione contabile e gestionale per fondi immobiliari Geniale!SGR la soluzione contabile e gestionale per fondi immobiliari Le caratteristiche del settore I fondi immobiliari, sia a sviluppo sia a reddito, sia riservati sia pubblici, sono caratterizzati da

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

K Venture Corporate Finance. Self Control. Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

K Venture Corporate Finance. Self Control. Il futuro che vuoi. Sotto controllo! K Venture Corporate Finance Self Control K Venture Corporate Finance K Venture Corporate Finance è una società di consulenza direzionale specializzata nel controllo di gestione, nella contabilità industriale,

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

STR Real Estate/24 ORE Software

STR Real Estate/24 ORE Software STR Real Estate/24 ORE Software pianificare, promuovere e gestire le attività immobiliari STR real estate/gruppo 24 ORE Pianificare, promuovere e gestire le attività Immobiliari STR offre alle imprese

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO CLASSE 5ALA PROF.SSA LUPETTI SIMONETTA ANNO SCOLASTICO 2012/13

PIANO DI LAVORO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO CLASSE 5ALA PROF.SSA LUPETTI SIMONETTA ANNO SCOLASTICO 2012/13 PIANO DI LAVORO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO CLASSE 5ALA PROF.SSA LUPETTI SIMONETTA ANNO SCOLASTICO 2012/13 MODULI UNITA ORARIE 1. Il controllo dei risultati attraverso l analisi di bilancio per 98 indici

Dettagli

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PIANO DI LAVORO PIANIFICAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 5 AL PROF.SSA MARILINA SABA a.s 2010/2011 Moduli UNITA ORARIE 1. Il controllo della gestione

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale La riclassificazione del bilancio d esercizio Il bilancio pubblico Il Bilancio è il punto di partenza per conoscere e comprendere la dinamica della gestione aziendale Rappresenta

Dettagli

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA FINANCE CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA Come le scelte operative, commerciali, produttive impattano sugli equilibri finanziari dell azienda CORSO EXECUTIVE CUOA FINANCE 1 fondazione cuoa Da oltre 50 anni

Dettagli

Riclassificato.net per

Riclassificato.net per 1 di 11 Riclassificato.net per Programma di riclassificazione dei bilanci Funzionalità previste: Riclassificato di Bilancio.NET Programma per il Controllo di Gestione Acquisizione automatica dei dati contabili

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale Mario Fochi e Associati S.a.s. PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale Presentazione del servizio Sede: TORINO Via Pietro

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-MAIL: MAIL@ITCGFERMI.IT PIANO DI LAVORO ECONOMIA

Dettagli

Controllo di Gestione

Controllo di Gestione Pianificazione e controllo del business aziendale Controllo di Gestione In un contesto altamente complesso e competitivo quale quello moderno, il controllo di gestione ricopre un ruolo quanto mai strategico:

Dettagli

Utilizzo professionale di Excel per il controllo di gestione Moduli formativi teorico-pratici per l area amministrazione, finanza e controllo

Utilizzo professionale di Excel per il controllo di gestione Moduli formativi teorico-pratici per l area amministrazione, finanza e controllo Utilizzo professionale di Excel per il controllo di gestione Moduli formativi teorico-pratici per l area amministrazione, finanza e controllo Introduzione Tutte le aziende, anche di medie o piccole dimensioni,

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

SPORT MANAGING CONTROL IL MODELLO DI CONTROLLO DI GESTIONE PER CENTRI SPORTIVI E FITNESS

SPORT MANAGING CONTROL IL MODELLO DI CONTROLLO DI GESTIONE PER CENTRI SPORTIVI E FITNESS SPORT MANAGING CONTROL IL MODELLO DI CONTROLLO DI GESTIONE PER CENTRI SPORTIVI E FITNESS Lavoriamo insieme per il vostro business I campioni non si costruiscono in palestra. Si costruiscono dall interno,

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli

Processi di contabilità analitica

Processi di contabilità analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Processi di contabilità analitica Processi di contabilità analitica PROCEDURA AMMINISTRATIVO-CONTABILE

Dettagli

Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI

Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI Sommario Introduzione 2 Le Caratteristiche 3 Il Funzionamento 4 Budget Economico 5 Flussi di Cassa 6 Budget Commerciale 7

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

Finanza aziendale per non specialisti

Finanza aziendale per non specialisti Corso Formazione Obiettivo Finanza aziendale per non specialisti I fondamenti della finanza aziendale sono indispensabili per completare le competenze di ogni manager con responsabilità aziendali. Il corso

Dettagli

Overview. Enterprise Project Control System. Principali caratteristiche e funzionalità del Sistema. Piemme S.r.l

Overview. Enterprise Project Control System. Principali caratteristiche e funzionalità del Sistema. Piemme S.r.l Enterprise Project Control System Overview Principali caratteristiche e funzionalità del Sistema Bridge è stato realizzato da PIEMME s.r.l. di Genova Via Carducci 5/4 sn Tel. 010 4075751 «Bridge», per

Dettagli

Il sistema contabile nel modello aziendalistico. Le amministrazioni pubbliche sono aziende

Il sistema contabile nel modello aziendalistico. Le amministrazioni pubbliche sono aziende Il sistema contabile nel modello aziendalistico Le amministrazioni pubbliche sono aziende Le aziende sono sistemi finalistici di input-output caratterizzati da flussi informativi Le informazioni descrivono

Dettagli

UTILIZZO PROFESSIONALE DI MS-EXCEL PER IL CONTROLLO DI GESTIONE

UTILIZZO PROFESSIONALE DI MS-EXCEL PER IL CONTROLLO DI GESTIONE UTILIZZO PROFESSIONALE DI MS-EXCEL PER IL CONTROLLO DI GESTIONE Moduli formativi teorico-pratici per l area Amministrazione, Finanza e Controllo 7 EDIZIONE 3 giugno 25 settembre 2014 SKILLAB Torino - C.so

Dettagli

Moduli formativi teorico-pratici per l area Amministrazione, Finanza e Controllo

Moduli formativi teorico-pratici per l area Amministrazione, Finanza e Controllo Utilizza il contributo aggiuntivo FONDIMPRESA per partecipare gratuitamente ai corsi SKILLAB! Moduli formativi teorico-pratici per l area Amministrazione, Finanza e Controllo 8 EDIZIONE 6 ottobre - 17

Dettagli

ref building AREA ASSET AREA PROPERTY AREA FACILITY AREA AGENCY SCHEDA DI PRODOTTO CONSISTENZA CATASTO FISCALITA GESTIONE DOCUMENTALE CAD GIS

ref building AREA ASSET AREA PROPERTY AREA FACILITY AREA AGENCY SCHEDA DI PRODOTTO CONSISTENZA CATASTO FISCALITA GESTIONE DOCUMENTALE CAD GIS ref building SCHEDA DI PRODOTTO CONSISTENZA CATASTO AREA ASSET FISCALITA GESTIONE DOCUMENTALE CAD GIS LOCAZIONI ATTIVE LOCAZIONI PASSIVE AREA PROPERTY INCASSI MOROSITA SERVIZI AL FABBRICATO CONDOMINI FORESTERIE

Dettagli

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale Dirigere con successo un impresa del settore edile Corso executive di alta formazione in gestione aziendale ITALSOFT GROUP per la formazione degli imprenditori del settore edile Il settore dell edilizia

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLA REDAZIONE DELLE SIMULAZIONI ECONOMIC0-FINANZIARIE DEL. Business Plan

GUIDA OPERATIVA ALLA REDAZIONE DELLE SIMULAZIONI ECONOMIC0-FINANZIARIE DEL. Business Plan GUIDA OPERATIVA ALLA REDAZIONE DELLE SIMULAZIONI ECONOMIC0-FINANZIARIE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Introduzione 2. Utilizzo dell applicazione 3. Impostazioni di base 4. Copertina impresa 5. Dati

Dettagli

Il controllo di gestione negli impianti a biogas

Il controllo di gestione negli impianti a biogas Il controllo di gestione negli impianti a biogas C è bisogno del controllo di gestione? Gli impianti a biogas hanno un ciclo produttivo apparentemente semplice che sulla carta consente agevolmente di realizzare

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari Roma, marzo/maggio 2015 Finalità e ambito di applicazione Un investimento immobiliare è una proprietà immobiliare posseduta per: Percepire canoni d affitto Ottenere

Dettagli

Lo strumento indispensabile per il controllo dei flussi finanziari

Lo strumento indispensabile per il controllo dei flussi finanziari Lo strumento indispensabile per il controllo dei flussi finanziari Gli effetti della crisi che sta sconvolgendo i mercati internazionali, effetti che purtroppo dureranno anni, impongono ad ogni imprenditore

Dettagli

Sistema Integrato Contabile

Sistema Integrato Contabile Sistema Integrato Contabile DETTAGLIO FUNZIONALITA PROGETTO S.I.C. Scenario di Riferimento Scenario di riferimento Sistema contabile 17/01/08 Pagina 2 di 26 AMBIENTE ESTERNO Altri strumenti Sezionali ENTE

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

Bilancio, Finanza & Budget

Bilancio, Finanza & Budget Bilancio, Finanza & Budget Modulo 1 Analisi di bilancio Guida all analisi e alla interpretazione della struttura economica, finanziaria e patrimoniale d impresa alla luce di Basilea 2 Il corso Attraverso

Dettagli

SIGIC - Sistema Informativo Gestione Imprese di Costruzioni Un software gestionale integrato: la mossa giusta per la tua impresa

SIGIC - Sistema Informativo Gestione Imprese di Costruzioni Un software gestionale integrato: la mossa giusta per la tua impresa SIGIC - Sistema Informativo Gestione Imprese di Costruzioni Un software gestionale integrato: la mossa giusta per la tua impresa In 30 di esperienza sul campo maturata grazie alla stretta collaborazione

Dettagli

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti concretizza le potenzialità dei tuoi progetti BusinessPlanCenter è un centro di servizi specializzato, che assiste e supporta professionalmente manager, imprenditori e aspiranti imprenditori nella pianificazione/valutazione

Dettagli

Chi siamo. Curriculum

Chi siamo. Curriculum S t u d i o B o c c a s s i n i - C i o c c a Chi siamo EURO-FINANCE Studio Boccassini-Ciocca è una struttura operativa da oltre un decennio ed è composta da Dottori Commercialisti, Avvocati e Consulenti

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

Pianificazione Controllo Analisi Reporting. Progetti Srl - PCPro 1

Pianificazione Controllo Analisi Reporting. Progetti Srl - PCPro 1 Pianificazione Controllo Analisi Reporting 1 Controllo di Gestione La situazione dei mercati impone alle aziende la necessità di operare in modo più efficiente e tempestivo. L informazione sullo stato

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

L analisi finanziaria

L analisi finanziaria L analisi finanziaria Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L analisi dei flussi Profili generali 1 Le ragioni per uno studio dei flussi (1) Le riclassificazioni di dati economici e patrimoniali e lo

Dettagli

MODELLO VALUTAZIONE D AZIENDA DEMO

MODELLO VALUTAZIONE D AZIENDA DEMO MODELLO VALUTAZIONE D AZIENDA DEMO All apertura del modello, costituito da 23 schermate, l utente si troverà di fronte alla schermata d ingresso. In tale schermata l utente dovrà procedere all inserimento

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

Analisi informatizzata delle aziende italiane

Analisi informatizzata delle aziende italiane Analisi informatizzata delle aziende italiane Bureau van Dijk BvD rappresenta uno dei leader mondiali nella distribuzione dell informazione economico-finanziaria; grazie alla sua presenza internazionale

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

Win Data Analisys. Bilancio Riclassificato e analisi per indici Controllo di gestione

Win Data Analisys. Bilancio Riclassificato e analisi per indici Controllo di gestione Win Data Analisys Bilancio Riclassificato e analisi per indici Controllo di gestione Summary Acquisizione dati da bilancio di verifica Controllo Quadrature Multidivisione Rettifiche contabili per competenza

Dettagli

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Controllo di Gestione e Gestione Commesse TARGET DEL MODULO Il modulo Controllo di Gestione e Gestione Commesse di Passepartout Mexal è stato progettato

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE E

IL CONTROLLO DI GESTIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE E IL BUDGET A cura di dottor Alessandro Tullio Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Il Processo di Budgeting Docente: dottor Alessandro Tullio Corso Canalgrande 90 41100

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA Percorso di Formazione Manageriale per le PMI 2015 LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA Presentazione del percorso formativo Nell ambito delle attività necessarie alla buona conduzione

Dettagli

Analisi e Gestione dei Costi Alberghieri

Analisi e Gestione dei Costi Alberghieri Analisi e Gestione dei Costi Alberghieri Partire dall analisi dei costi alberghieri per riuscire a migliorare il vostro revenue Aziendale. My-Costpar è un servizio di consulenza specifica per l analisi

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA'

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 17.12.2001 1 CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it Via Fiume Giallo, 3-00144 Roma tel 06.52244040 - fax 06.52244427 - info@alfagroup.it La filosofia di Pitagora Fornire gli strumenti che permettono di misurare

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

IL BUSINESS PLAN E IL PIANO OPERATIVO VERSIONE PER LE SCUOLE

IL BUSINESS PLAN E IL PIANO OPERATIVO VERSIONE PER LE SCUOLE Il presente documento è stato redatto da UniCredit SpA esclusivamente con finalità educative nell ambito del Programma In-formati per la presentazione in aula dei relativi contenuti. L utilizzo ai fini

Dettagli

Business Plan Budget & Scostamenti. Analisi di Bilancio Rating Creditizio. Valutazione Aziendale SUITE DI SOFTWARE PROFESSIONALI

Business Plan Budget & Scostamenti. Analisi di Bilancio Rating Creditizio. Valutazione Aziendale SUITE DI SOFTWARE PROFESSIONALI SUITE DI SOFTWARE PROFESSIONALI Business Plan Budget & Scostamenti Analisi di Bilancio Rating Creditizio Valutazione Aziendale adatti anche per la redazione di Piani relativi a: Concordati preventivi Ristrutturazione

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

TALENTsrl. L Azienda. Riccardo Santi. TALENTsrl confidenziale

TALENTsrl. L Azienda. Riccardo Santi. TALENTsrl confidenziale TALENTsrl L Azienda Riccardo Santi TALENTsrl confidenziale TALENTsrl Fondata nel 1996 15 persone 19 clienti in Banking, Retail, Manufacturing, Health, etc.. R&D: 2 progetti finanziati dal MIUR Convenzioni

Dettagli

Verticale Microsoft dynamics Nav nel settore metalmeccanico

Verticale Microsoft dynamics Nav nel settore metalmeccanico Verticale Microsoft dynamics Nav nel settore metalmeccanico ALCUNE PERSONALIZZAZIONI 1. Controllo di Gestione: Utilizzo delle dimensioni e delle situazioni contabili per la realizzazione di un controllo

Dettagli

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali Indice Obiettivi Architettura Rendiconto economico e Budget Personale Ammortamenti Break Even Point Cruscotto aziendale χ Budget Vendite χ Costi commerciali

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

SINTESYS DRIVE YOUR BUSINESS

SINTESYS DRIVE YOUR BUSINESS SINTESYS DRIVE YOUR BUSINESS EASY 7 SUITE EASY MANAGER 7 Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. Il Bilancio di

Dettagli

13.9.2. Metodologia di controllo dei costi per centro di costo. 13.9.3. Un esempio di budget in un azienda di servizi alberghieri

13.9.2. Metodologia di controllo dei costi per centro di costo. 13.9.3. Un esempio di budget in un azienda di servizi alberghieri 1. L IMPRENDITORE E IL GOVERNO DELLA GESTIONE 1.1. L impresa e l ambiente in cui opera pag. 3 1.2. L impatto dei fattori esterni pag. 5 1.3. Il controllo dei fattori aziendali pag. 8 2. IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda.

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. EASY 7 SUITE EASY MANAGER 7 Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. Il Bilancio di un Azienda, rappresenta un potente

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DI BILANCIO CON MICROSOFT ACCESS

LA RICLASSIFICAZIONE DI BILANCIO CON MICROSOFT ACCESS LA RICLASSIFICAZIONE DI BILANCIO CON MICROSOFT ACCESS PREMESSA La fase di riclassificazione del bilancio riveste un ruolo molto importante al fine di comprendere l andamento aziendale; essa consiste, infatti,

Dettagli

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali v Evidenziare gli investimenti iniziali v Valutare economicità v Evidenziare i flussi di cassa netti v Predisporre la copertura finanziaria

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ INDICE TITOLO I -PRINCIPI... 4 Art. 1 Principi generali... 4 Art. 2 Finalità del regolamento di Ateneo per la finanza e la contabilità, richiamo alle

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina gli aspetti contabili e gestionali dell

Dettagli

DEPLOY YOUR BUSINESS

DEPLOY YOUR BUSINESS DEPLOY YOUR BUSINESS COS É ARROCCO? E uno strumento online per lo sviluppo del Piano Economico-Finanziario del Business Plan. Arrocco è uno strumento online appositamente progettato per lo sviluppo di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ Emanato con D.R. n. 159 del 22 febbraio 2016 INDICE TITOLO I NORME GENERALI... 4 Art. 1 Principi e finalità del regolamento... 4 Art. 2 Principi e

Dettagli

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a:

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a: Allegato 1 Riclassificazione della spesa per missioni e programmi Con l entrata in vigore del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 18 Introduzione della contabilità economico-patrimoniale, della contabilità

Dettagli

SIGTO - Sistema Informativo Gestione Tour Operator Un software gestionale modulare e integrato. La scelta giusta per fare viaggiare il tuo Business.

SIGTO - Sistema Informativo Gestione Tour Operator Un software gestionale modulare e integrato. La scelta giusta per fare viaggiare il tuo Business. SIGTO - Sistema Informativo Gestione Tour Operator Un software gestionale modulare e integrato. La scelta giusta per fare viaggiare il tuo Business. In un mercato sempre più competitivo e in evoluzione

Dettagli

Assistenza al Credito

Assistenza al Credito Assistenza al Credito GUIDA PRATICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 2 Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio di banche nato per semplificare l uso dei prodotti bancari e migliorare le conoscenze finanziarie

Dettagli

ELABORAZIENDA LA SOLUZIONE COMPLETA DEL COMMERCIALISTA TELEMATICO PER L ANALISI DI BILANCIO I REPORT PERIODICI LO SCORING IL BUDGET

ELABORAZIENDA LA SOLUZIONE COMPLETA DEL COMMERCIALISTA TELEMATICO PER L ANALISI DI BILANCIO I REPORT PERIODICI LO SCORING IL BUDGET ELABORAZIENDA LA SOLUZIONE COMPLETA DEL COMMERCIALISTA TELEMATICO PER L ANALISI DI BILANCIO I REPORT PERIODICI LO SCORING IL BUDGET Sommario Introduzione: questo non è il solito foglio di Excel per l Analisi

Dettagli

IL REPORTING DIREZIONALE

IL REPORTING DIREZIONALE IL REPORTING DIREZIONALE Il Reporting Direzionale è uno degli strumenti chiave necessari al management per governare l azienda e rappresenta il momento di sintesi delle rilevazioni contabili che permettono

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

GRUPPO A.M.A.G. Relazione della Società di Revisione sulle procedure di verifica concordate relative alla predisposizione della Documentazione Economico/Finanziaria Aggiornamento Plan 2012-2015 Spettabile

Dettagli

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio attraverso il quale l industria bancaria lavora per semplificare l uso dei prodotti

Dettagli

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl PMI Center -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl 1 La tecnologia ha rimodulato i rapporti fra PMI e sistema Bancario a) anno 1987 - scambio telematico flussi informativi e dispositivi monobanca b) anno

Dettagli

LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO

LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO B2corporate Maurizio Nizzola LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO La lettura e la corretta interpretazione del bilancio d esercizio è di fondamentale importanza per valutare l andamento economico

Dettagli

LEZIONE V PIANI STRATEGICI BUSINESS PLAN VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI FINANZIAMENTO DEL CAPITALE INVESTITO

LEZIONE V PIANI STRATEGICI BUSINESS PLAN VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI FINANZIAMENTO DEL CAPITALE INVESTITO LEZIONE V PIANI STRATEGICI BUSINESS PLAN VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI FINANZIAMENTO DEL CAPITALE INVESTITO APPENDICE Alcune formule di matematica finanziaria 1. I PROCESSI DECISIONALI I processi decisionali

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE E BUSINESS INTELLIGENCE. Strumenti attivi per la gestione dell impresa

CONTROLLO DI GESTIONE E BUSINESS INTELLIGENCE. Strumenti attivi per la gestione dell impresa AGENDA - Significato di Controllo di Gestione e impatto sull organizzazione aziendale - Centri di Costo, di Profitto, Costi Standard e Progetti - Il Budget Aziendale - La Business Intelligence e gli strumenti

Dettagli

Introduzione alla progettazione europea!!! - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria!!!!!

Introduzione alla progettazione europea!!! - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria!!!!! 1 Introduzione alla progettazione europea - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria Struttura tipo di un budget europeo Voce di costo Spesa stimata A Staff 100.000,00 B

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEI SALDI CONTABILI CON MICROSOFT ACCESS 2007

LA RICLASSIFICAZIONE DEI SALDI CONTABILI CON MICROSOFT ACCESS 2007 LA RICLASSIFICAZIONE DEI SALDI CONTABILI CON MICROSOFT ACCESS 2007 La fase di riclassificazione del bilancio riveste un ruolo molto importante al fine di comprendere l andamento aziendale; essa consiste,

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale di Massimo Lazzari (*) Molti settori industriali si trovano oggi a dover operare in contesti estremamente competitivi, caratterizzati, da un lato,

Dettagli

Emanato con DD 04047(308).I.3.18.11.13 Rep Albo on line 00289.I.3.18.11.13

Emanato con DD 04047(308).I.3.18.11.13 Rep Albo on line 00289.I.3.18.11.13 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITA REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITA... 1 Titolo I - FINALITA E PRINCIPI... 2 Articolo 1 - Principi Generali...

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Premessa ALLEGATO A del Capitolato Speciale d Appalto DISCIPLINARE TECNICO L Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro (di seguito anche ), con la presente procedura intende dotarsi di un Sistema

Dettagli

Ciò che ti serve Quando ti serve Ovunque tu sia

Ciò che ti serve Quando ti serve Ovunque tu sia IL GESTIONALE INTELLIGENTE La gestione della tua azienda può diventare INTELLIGENTE Da EdiSoftware una nuova generazione di GESTIONALI Ciò che ti serve Quando ti serve Ovunque tu sia Dal 1995, Soluzioni

Dettagli

Il Reporting Direzionale

Il Reporting Direzionale L offerta di consulenza di Professionisti per l Impresa www.piconsulenza.it A cosa serve il controllo individuare i fattori che determinano le performance misurare le performance informare i responsabili

Dettagli

COMUNE DI VIGNOLA VIGNOLA PATRIMONIO S.R.L. Aspetti contabili e fiscali

COMUNE DI VIGNOLA VIGNOLA PATRIMONIO S.R.L. Aspetti contabili e fiscali COMUNE DI VIGNOLA VIGNOLA PATRIMONIO S.R.L. Aspetti contabili e fiscali Vignola Patrimonio S.r.l. La società patrimoniale costituita ai sensi dell'art. 113 del TUEL ha la natura di Società a Responsabilità

Dettagli

Approccio alla logica della finanza aziendale

Approccio alla logica della finanza aziendale Corso Formazione Approccio alla logica della finanza aziendale OBIETTIVI Capire il contenuto del bilancio per creare valore. A CHI SI RIVOLGE Tutti i manager. IMPARERETE A Capire il contenuto del bilancio

Dettagli

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003 LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI ABI Consumer Credit 2003 Roma, 27 marzo 2003 Questo documento è servito da supporto ad una presentazione orale ed i relativi

Dettagli