Applicazione del modello SCOR per la valutazione di progetti SCM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Applicazione del modello SCOR per la valutazione di progetti SCM"

Transcript

1 Applicazione del modello SCOR per la valutazione di progetti SCM Vittorio Cesarotti, Università di Roma Tor Vergata Paolo Paganelli Gruppo Formula Sommario L articolo affronta il tema della misurazione attraverso lo standard SCOR (Supply Chain Operations Reference Model), finalizzata a valutare, condurre e promuovere iniziative per migliorare le prestazioni della supply chain. Il metodo da noi proposto si articola su sei fasi che vanno dalla definizione degli obiettivi strategici (SCOR livello 1), alla costruzione del modello dei processi della supply chain (SCOR livello 2 e 3), fino alla valutazione degli interventi di miglioramento (leve) e dei loro impatti diretti e indiretti sugli indicatori di prestazioni a livello operativo e strategico. Il metodo e lo strumento software di supporto sono già stati applicati presso Avio Interiors, azienda di produzione a commessa con sede a Latina, nell ambito di un progetto semestrale condotto nella seconda metà del 2003 per valutare l impatto di un nuovo sistema di pianificazione. L articolo sintetizza i risultati più significativi di questa esperienza, evidenziando gli elementi innovativi e le aspettative di evoluzione della metodologia proposta. Introduzione Il termine trough of disillusionment 1 [1] descrive efficacemente l orientamento attuale di utenti e fornitori di soluzioni di Supply Chain Management, dopo l entusiasmo e le aspettative che hanno caratterizzato il periodo tra la metà degli anni 90 e la crisi della new economy. Le soluzioni più innovative segnano il passo, sia per presenza sul mercato sia per capacità di soddisfare attese gonfiate da un attenzione eccessiva. Tra le software house e i consulenti si fa strada la tendenza a fare dell SCM un simbolico e generico contenitore di applicazioni del tutto tradizionali, come la gestione del magazzino e della produzione [2]. Il tentativo di ridimensionare la visione integrata della supply chain trova sostegno, oltre che nel clima economico che non favorisce la propensione al rischio, anche in alcuni dati oggettivi: Ambiziosi progetti di SCM lanciati da imprese leader sono falliti, alcuni in modo clamoroso per il nome e la rilevanza sul mercato delle aziende coinvolte [3]. Dai progetti completati non sono emerse valutazioni convincenti dei benefici rispetto ai costi, tali da motivare pienamente le scelte strategiche effettuate. Ricaviamo questo dato da un interessante studio di CCMI, società di consulenza americana che ha analizzato un campione molto vasto di aziende utilizzatrici di soluzioni SCM [4], con risultati sorprendenti: Meno del 20% delle aziende che hanno investito in SCM dichiara di aver conseguito un apprezzabile e soddisfacente ritorno dell investimento (ROI). Ciò è avvenuto nonostante più del 90% delle aziende intervistate avesse incluso l analisi del ROI nel processo di acquisizione di soluzioni SCM. 1 Letteralmente, risacca della disillusione.

2 In più dell 80% dei casi il coinvolgimento del management aziendale è considerato scarso o di facciata, dato sorprendente se si considera il costo elevato dei progetti SCM. L impressione, condivisa da esperti del settore [5], è che l approccio alla supply chain sia stato troppo guidato dalla tecnologia e che sia rischioso affrontare il tema SCM riducendolo alla selezione e implementazione di pacchetti software. L esperienza riassunta in questo articolo, nata dalla collaborazione tra un impresa manifatturiera, Avio Interiors, Gruppo Formula e la facoltà di Ingegneria dell Università di Tor Vergata, rappresenta un esempio di come un progetto SCM possa essere impostato e valutato tramite uno standard per analizzare la supply chain: il modello SCOR. Requisiti Secondo una delle definizioni più note ed efficaci, SCM è La gestione delle relazioni a monte e a valle tra fornitori e clienti per produrre maggiore valore [6]. Da questa semplice frase si colgono due aspetti fondamentali che fanno la differenza in termini di requisiti per la gestione dei progetti SCM: La trasversalità dei processi della supply chain, per loro natura inter-funzionali ed inter-aziendali. La produzione di valore come obiettivo finale, da misurarsi sia in termini di rispondenza agli obiettivi interni (efficienza) che di soddisfazione del cliente (efficacia). Applicare questa visione alla propria realtà significa affrontare problemi nuovi in tutte le fasi del ciclo di vita del progetto: 1. Valutare le opportunità. L offerta di soluzioni, i modelli e le aree di intervento sono talmente vasti da rendere assai complessa la valutazione di interventi sulla supply chain. Errate valutazioni si traducono in investimenti sbagliati (caso Nike), in cambiamenti a macchia di leopardo per un errata valutazione delle priorità, oppure in opportunità non sfruttate con conseguente perdita di competitività. 2. Gestire la complessità. Per condurre il progetto è necessario mantenere una visione complessiva degli obiettivi di miglioramento della supply chain, e di come questi si realizzino attraverso il cambiamento delle diverse organizzazioni, funzioni aziendali e attività coinvolte. 3. Motivare scelte strategiche. Il contenuto innovativo e la complessità organizzativa richiedono una costante azione di verifica e promozione dei risultati del progetto, sia verso il management sia verso enti esterni (clienti e fornitori) coinvolti in quanto parti attive della supply chain. L obiettivo che ci siamo posti è aiutare gli utenti a valutare, condurre e promuovere iniziative per migliorare le prestazioni della supply chain, attraverso un approccio indipendente dalla tipologia produttiva e neutrale rispetto a soluzioni informatiche e modelli organizzativi. L approccio da noi proposto è incentrato sullo standard SCOR (Supply Chain Operations Reference Model). SCOR è un modello per descrivere i processi della supply chain secondo uno standard definito e aggiornato dal Supply Chain Council [7], organizzazione riconosciuta a livello mondiale che raggruppa tutti i principali utilizzatori, fornitori ed istituti di ricerca in ambito SCM. SCOR definisce lo schema dei processi e un insieme di oltre 200 metriche per l analisi e per il

3 monitoraggio continuo della supply chain. SCOR è alla base della metodologia e dello strumento software da noi sviluppati con i seguenti obiettivi: Consentire un analisi as-is, cioè la rilevazione dello stato presente dell organizzazione, ed un analisi su base revisionale dello stato futuro (What-If). L analisi What-If consiste nel valutare le conseguenze di un cambiamento sull organizzazione o sulle modalità operative della supply chain. Questo cambiamento può essere, ad esempio, l introduzione di una nuova tecnologia, nuove procedure operative, l esternalizzazione di un sevizio. In seguito a questi cambiamenti le prestazioni dell impresa e, più in generale, della supply chain varieranno; il modello dovrà fornire strumenti adeguati per valutare e misurare nel tempo le scelte effettuate. Adattarsi a diverse configurazioni della supply chain in diversi settori industriali, sempre però avendo come base la visione integrata fornita da SCOR. Il modello teorico (SCOR) deve essere ricondotto alla realtà specifica della supply chain in esame, consentendo l integrazione di dettagli non necessariamente previsti nei processi SCOR e la misurazione delle metriche al livello di dettaglio ritenuto opportuno dagli utenti. Gli strumenti utilizzati devono permettere una configurazione rapida della supply chain, allo stesso tempo consentendo agli utenti di riconoscersi nei processi e nelle misurazioni effettuate. Valutare interventi sulla supply chain a due livelli: operativo e strategico. A livello operativo devono essere presentati al management intermedio indicatori riferiti ai processi di dettaglio, mentre a livello strategico occorre fornire al top management pochi indicatori di sintesi. Il supporto ai processi decisionali lungo l intero ciclo di vita del progetto SCM si basa sulle misurazioni di prestazioni, che costituiscono il fulcro del modello. Lo stato dell arte La valutazione di iniziative SCM è un esigenza recente, rispetto alla quale gli utenti mostrano sensibilità diverse, anche in funzione dell influenza esterna di software house e consulenti. Spesso quindi si tenta di risolvere il problema applicando tecniche e metodologie nate con finalità diverse: Check-list per la valutazione e il confronto di pacchetti software, basate su elenchi di caratteristiche tecniche e funzionali [8]. In questo caso si ritiene che l SCM sia riconducibile a processi standard che non occorre analizzare caso per caso; dandone per scontati i benefici, ci si concentra sull individuare il migliore prodotto disponibile sul mercato. Modelli per il calcolo del ROI, proposti da software vendor [9] o sviluppati ad hoc riferendosi a modelli generali come EVA (Economic Value Added) [10]. In questo caso si riconosce la necessità della valutazione di costi e benefici, ma ci si concentra sui risultati economico-finanziari senza affrontare il tema dell analisi dei processi. Business Process Modelling (BPM), ovvero strumenti e metodologie general-purpose per descrivere qualsiasi tipo di processo produttivo e gestionale [11]. Simulazione, basata su motori di calcolo per valutare l evoluzione nel tempo di sistemi dei quali si sono modellati il funzionamento e le interazioni con l esterno [12]. In questo caso e nel precedente, l analisi dei processi è condotta con un estensione e un livello di dettaglio giustificabili solo per complessi progetti di Business Process Re-engineering, con l obiettivo di ridisegnare l intera organizzazione e le strategie aziendali.

4 La Tabella 1 sintetizza il posizionamento dei diversi strumenti rispetto ai requisiti da noi individuati nel paragrafo precedente. Requisiti Indipendente dalla soluzione Indipendente dal modello organizzativo Visione integrata della supply chain Metriche per la misurazione delle prestazioni Tabella 1 Confronto tra strumenti per la valutazione di progetti SCM Check-list per selezione software No, se proposta da software house o system integrator. Sì, se elaborata in proprio o da terze parti. Modelli ROI per selezione software No, se proposto da software house o system integrator. Sì, se elaborato in proprio o da terze parti. Sì BPM No No Sì Sì No No No No, solo valutazioni economiche No, da costruire con primitive general purpose. No Sì Simulazione No, da costruire. Sì, se ottenibili dall elaborazione di variabili tracciate dalla simulazione. Per essere credibile, la valutazione deve partire dall analisi della supply chain del cliente nella sua specificità, considerando tutti i processi direttamente o indirettamente coinvolti nel cambiamento. Ciò non è possibile con modelli predefiniti per il calcolo del ritorno dell investimento (ROI), vere e proprie scatole nere che producono risultati sulla base di medie di settore e di poche informazioni fornite dal cliente. Lo stesso vale per le check-list tecnicofunzionali, comunemente utilizzate dai consulenti aziendali, perché concepite per confrontare in modo asettico soluzioni tecnologiche. Gli strumenti general purpose, BPM e simulazione, offrono grande flessibilità ma richiedono un lungo e costoso lavoro a monte per costruire la visione integrata della supply chain. Questi strumenti sono stati concepiti per valutare l evoluzione futura di sistemi di cui sia possibile modellare nel dettaglio il funzionamento, e le cui relazioni con l ambiente esterno siano riconducibili a variabili d ingresso rappresentabili con serie statistiche. Nello scenario da noi affrontato il sistema, la supply chain, è troppo complesso per essere ricostruito meccanicamente, e l utente non è interessato a studiarne l evoluzione complessiva al variare delle condizioni esterne, ammesso che questo sia possibile. L obiettivo è invece valutare l impatto di scelte ben definite, rappresentate da interventi on/off con risultati diretti e indiretti sulle prestazioni dei diversi processi della supply chain. Valutare e confrontare questi interventi è l obiettivo principale dell analisi, se si vuole più modesto rispetto all ottimizzazione di un sistema attraverso la sua simulazione. Riteniamo però che il punto di partenza per questo genere di valutazioni sia rappresentato non da un teorico insieme di variabili da ottimizzare ma dai processi, dalle prestazioni misurabili e dai cambiamenti realisticamente ipotizzabili su questi processi. Il metodo per l analisi basata su SCOR Le sei fasi principali della nostra metodologia per l analisi d impatto di interventi sulla supply chain sono evidenziate in Figura 1.

5 Obiettivi strategici 6 Valutazione impatto leve Confronto tra leve 1 Analisi indicatori di 1 livello Modello SCOR 1 livello Modellazione Supply Chain 2 Definizione Leve Impatto su metriche 1 livello SCOR Modello SCOR 2 e 3 livello 5 Analisi variazioni 1 livello Relazioni tra metriche Analisi variazioni indirette 4 Analisi variazioni dirette Impatto leve su metriche 2 livello 3 Figura 1 Fasi nell analisi d impatto La metodologia fa riferimento al modello rappresentato in Figura 2 che, attraverso il supporto di un apposito software, consente di descrivere la supply chain in base ai processi e alle metriche SCOR, di raccogliere i valori degli indicatori selezionati e di applicare le dipendenze tra metriche per valutare gli impatti sulle prestazioni complessive.

6 LIVELLO 1 I 1 Ι 1x Ι 1y Ι 1k Ι 1z W I1 I 2 Ι 2x Ι 2y Ι 2k Ι 2z W I2 I 3 Ι 3x Ι 3y Ι 3k Ι 3z W I3 Indice Efficacia Indice Efficienza I 13 Ι 13x Ι 13y Ι 13k Ι 13z W I13 Indicatori di 1 livello Pesi i zk i zx Dipendenze tra indicatori Leve L 1 L 2 i x2 i x1 i y2 i k1 Variazioni dirette su indicatori Indicatori di 2 livello i 1 i 2 i 3 i x i y i k i z i max Fornitore del fornitore Fornitore Azienda Cliente LIVELLO 2 Cliente del cliente Figura 2: Schema di funzionamento del modello Di seguito descriviamo le caratteristiche principali delle diverse fasi, e come queste sono supportate dallo strumento software: 1. Analisi indicatori di 1 livello Il primo passo della metodologia consiste nell individuare e misurare un insieme d indicatori condivisi con il top management per la valutazione sul piano strategico delle iniziative SCM. Questi indicatori sono scelti tra le metriche SCOR di primo livello, che comprendono 13 indicatori suddivisi in due categorie: customer-facing (di efficacia) e internal-facing (di efficienza). Rientra in questa fase anche la definizione dei pesi, coefficienti applicati agli indicatori di primo livello selezionati, per indicare l importanza relativa della metrica all interno della categoria di appartenenza. La somma pesata degli indicatori di primo livello si traduce in due indicatori di sintesi: l Indice di Efficacia e l Indice di Efficienza, che insieme determinano il posizionamento strategico della supply chain. Le misurazioni delle metriche di primo e di secondo livello sono normalizzate rispetto all intervallo di variazione definito dai limiti minimo e massimo ammessi per ciascuna metrica. L obiettivo è ottenere valori comparabili, tra zero e uno, per tutte le metriche incluse nel modello, tenendo conto che queste sono rappresentate da attributi negativi, come le metriche di tempo e costo, e positivi come le metriche di guadagno e prestazione. Per quanto riguarda quelli negativi si ha una performance minima dello 0% quando si registra un valore pari al valore massimo, mentre una performance massima del 100% in corrispondenza del valore minimo. A titolo di esempio si riporta la formalizzazione matematica per la valutazione delle metriche caratterizzate da un attributo di performance negativo:

7 Valutazione = 1 ValoreAttuale ValoreMIN ValoreMAX ValoreMIN Il vantaggio principale della normalizzazione consiste nel fatto che le variazioni delle metriche, e quindi l impatto dei cambiamenti sulla supply chain, non sono valutate in termini astratti ma in relazione al margine di miglioramento effettivamente raggiungibile secondo il giudizio degli utenti. 2. Definizione delle leve e modellazione della supply chain Le leve rappresentano cambiamenti coordinati finalizzati a modificare le prestazioni di uno o più processi lungo la supply chain. Ciascuna leva è rappresentata come una serie di variazioni indipendenti su un sottoinsieme di indicatori selezionati tra le metriche SCOR di dettaglio (metriche di secondo livello). Le metriche sono riferite al modello della supply chain, che secondo lo standard SCOR comprende lo schema generale (livello 1) e dettagliato dei processi, e individua le metriche di secondo livello collegate a ciascun processo. A titolo di esempio consideriamo la Figura 3, che mostra una porzione del modello SCOR di Avio Interiors, così come appare nello strumento software da noi sviluppato. Al livello 1 (diagramma in alto a destra), si identificano i macro-processi coinvolti nell analisi utilizzando le categorie SCOR; ad esempio, M3 Make engineer-to-order product è il processo scelto per rappresentare la produzione interna a commessa presso Avio Interiors. In questa fase vengono selezionati solo i processi su cui è ipotizzabile un impatto diretto o indiretto delle leve oggetto dell analisi. Questi processi sono evidenziati in blu dallo strumento software. Ciascun macro-processo sarà successivamente decomposto in processi elementari (M3.1, M3.2, eccetera), per ciascuno dei quali sarà possibile selezionare un insieme di metriche per la misurazione delle prestazioni, dette metriche di secondo livello. LIVELLO 2 MAKE DEL SEGMENTO COMPANY DELLA SUPPLY CHAIN Plan P1 M3 - Produzione Engineer-to-Order (POLTRONE e INTERIORS) P2 P3 P4 SCOR Livello 1 DESCRIZIONE PROCESSO: Processo di produzione di diverse parti, che prendono forma da processi di trasformazione e sono completate dopo la ricezione dell'ordine del cliente. Mentre il Make To Order include solo i prodotti standard o configurati costruiti in seguito ad un ordine del cliente, ETO include prodotti "su misura" che sono progettati, sviluppati e fabbricati a seguito di una specifica richiesta del cliente (poltrone ed interiors). Supplier Source Make Deliver S1 M1dis D1dis S2 M2 D2 S3 M3 D3 Customer M3.1 M3.2 M3.3 M3.4 M3.5 Progettazione della Produzione Schedulazione delle Attività Produttive Arrivo dei Materiali per la Produzione Produzione e Test Montaggio M3.8 M3.7 M3.6 Controllo Magazzino Locazione dei Prodotti Finiti Controllo Qualità Figura 3 Modello SCOR livello 2, esempio 3. Analisi delle variazioni dirette

8 L obiettivo di questa fase è quantificare l impatto delle diverse leve su ciascuna metrica di secondo livello, specificando le variazioni attese rispetto al valore attuale assoluto della metrica. Si tratta di un attività il cui risultato dipende fortemente dalla conoscenza dei dettagli operativi dei singoli processi e da valutazioni soggettive circa l impatto dei previsti interventi sulla supply chain. E lecito attendersi che valutazioni basate sulle dichiarazioni del fornitore di una soluzione intesa come leva siano ottimistiche, mentre gli utenti saranno portati a valutazioni più conservative. Il nostro modello è in grado di recepire le variazioni da strumenti esterni che si pongano come obiettivo una valutazione oggettiva, come ad esempio la simulazione. In questa fase è importante avere come riferimento il campo di variazione delle metriche normalizzate, che consente di valutare l entità dell impatto a prescindere dal valore assoluto. 4. Analisi delle variazioni indirette Le variazioni causate dall impatto reciproco tra metriche non possono essere definite a priori, ma devono essere valutate caso per caso. Questa fase coinvolge manager e consulenti con l obiettivo di determinare le relazioni tra performance di processi collegati. La relazione è espressa attraverso un coefficiente o da una formula, con valori compresi tra zero e uno, indicante l impatto che un cambiamento nella metrica influenzante avrà sulla metrica influenzata. 5. Analisi delle variazioni di primo livello Le variazioni delle metriche di primo livello, il livello più aggregato, sono il risultato della combinazione delle variazioni sulle metriche di livello inferiore. L analisi d impatto a livello strategico si basa quindi sulle dipendenze tra metriche di secondo e primo livello. Anche in questo caso viene utilizzata una matrice di dipendenze per porre in relazione metriche influenzate (di primo livello) con metriche influenzanti (di secondo livello). Le precedenti considerazioni relative alla soggettività nell esprimere le dipendenze valgono anche in questo caso, anche se con grandi differenze in funzione della metrica considerata. Ad esempio, la dipendenza del lead time di evasione ordine (metrica di 1 livello) dal tempo di approvvigionamento (metrica di 2 livello) è evidente e facilmente quantificabile, mentre altre relazioni saranno più difficili da individuare e sostanziare. In Figura 4 mostriamo in forma semplificata i risultati delle varie fasi nel processo sopra descritto, che parte dalla definizione della leva (sistema APS, nel nostro esempio) e dei sui impatti diretti, rappresentati da variazioni ( L1 ) su metriche collegate ai processi che la leva andrà a modificare (P1). Attraverso l analisi delle dipendenze tra metriche viene stimato l impatto indiretto della leva, su tutti i processi non direttamente coinvolti ma comunque influenzati dal cambiamento. In Figura 4 viene evidenziato un impatto sul processo di approvvigionamento, espresso dalla dipendenza tra la metrica numero 26 (% Schedulazioni cambiate entro il Lead Time del fornitore) legata all elemento di processo S2.1 (Schedule Product Deliveries) e la 68 (Accuratezza delle previsione) relativa al processo P2.1 (Identify, Prioritize and Aggregate Product Requirements), relazione plausibile in quanto una migliore previsione della domanda permette una migliore schedulazione delle consegne. Le variazioni complessive vengono poi riportate sugli indicatori strategici, attraverso le relazioni con metriche di primo livello.

9 Relazioni tra metriche Metrica 1 Metrica 26 Metrica 68 Metrica di primo livello Variazione Metrica 1 Metrica 26 K 26->1 Calcolo Variazioni Totali 1 Delivery performance ( L1 * K 68->26 ) * K 26->1 Metrica 68 Metrica di secondo livello 26 % Schedulazioni cambiate entro il Lead Time del fornitore 68 Accuratezza delle previsione Variazioni dirette L1 K 68->26 Calcolo Variazioni Indirette Variazioni indirette L1 * K 68->26 Impatto diretto della leva S2 Approvvigionamento make-to-order P1 Pianificazione della supply chain Impatto indiretto su processi collegati M3 Produzione Engineer-to-order Leva L1: Introduzione di un sistema APS D3 Consegna Engineer-to-order Figura 4: Analisi degli impatti diretti e indiretti 6. Confronto tra Leve La fase conclusiva del processo consiste nel confronto tra le diverse leve di cui si è ipotizzata l applicazione, rappresentate da altrettante configurazioni di impatto sulle metriche di primo e di secondo livello. I risultati vengono presentati in forma grafica e tabellare partendo dagli indici di efficacia ed efficienza, che consentono di valutare l impatto sul posizionamento strategico della supply chain. Valutazioni più dettagliate possono essere effettuate confrontando le variazioni dirette e indirette operate da ciascuna leva sulle metriche di secondo livello. Il caso Avio Interiors Avio Interiors S.p.A, con sede a Latina, è una delle principali aziende specializzate nella produzione di interni per aeromobili, forniti su commessa a compagnie aree in tutto il mondo. La complessità del prodotto, tipicamente one-of-a-kind, si riflette sulla supply chain, che vede le risorse interne ed i fornitori impegnati simultaneamente su più commesse, soggette a forti perturbazioni per rischedulazioni e modifiche tecniche. La direzione ha individuato come obiettivo strategico per l SCM quello di ridurre il tempo di evasione ordine, obiettivo perfettamente coerente con le esigenze del mercato in cui l azienda opera. Partendo dall obiettivo strategico e dall esame dettagliato dell attuale situazione dei tempi, abbiamo individuato due indicatori di prestazioni SCOR di 1 livello, descritti in Tabella 2. Il tempo di reazione della Supply Chain è il tempo che Avio Interiors impiega per formalizzare l ordine del cliente e completare il processo di approvvigionamento dei materiali; le fasi comprese in questo intervallo temporale sono la procedura di emissione del Sales Order (5 giorni) e l approvvigionamento che dura un tempo variabile tra i 90 ed i 150 giorni. Il Lead Time evasione dell ordine misura il tempo che intercorre dalla formalizzazione dell ordine, incluso l approvvigionamento, alla consegna al cliente. Questo tempo comprende le attività svolte internamente da Avio Interiors, rappresentate da un lead time di officina medio di 70 giorni.

10 Tra gli indicatori Customer facing, oltre ai due indicatori di tempo, la nostra analisi ha preso in esame la metrica Performance di consegna, relativa al soddisfacimento degli ordini nei tempi previsti. L unico indicatore Internal facing considerato è invece il costo di gestione della supply chain. Tabella 2 Indicatori di tempo, 1 livello, customer-facing (Avio Interiors) Categorie Performance Peso Min Max Valore Attuale Valore Attuale Normalizzato Valore Medio Normalizzato Pesato Valore Attuale Normalizzato Pesato Responsiveness Flexibility Lead Time evasione dell'ordine Tempo di reazione Supply Chain 0, % 15% 0,27 0, % 25% 0,46 La modellazione SCOR su Avio Interiors ha portato ad individuare 33 metriche di 2 livello significative per la valutazione a livello strategico di iniziative sulla supply chain. I valori attuali di ciascuna metrica sono stati calcolati in base alle misurazioni raccolte nelle valutazioni condotte mensilmente dall azienda nell anno Per ciascuna metrica è stata condotta insieme agli utenti un analisi dell intervallo di variazione, al fine di ottenere indicazioni d impatto significative in termini di miglioramenti effettivi ottenibili. Questa analisi, supportata da tecniche di estrapolazione supportate dagli strumenti di Business Intelligence presenti in azienda, ha permesso ad esempio di concludere che la metrica Ritardo del fornitore sulla data di consegna, di valore medio 10,97 giorni, può variare fino a un massimo di 43 giorni, evidenziando quindi un significativo margine di miglioramento. Passando alla fase 2 del processo descritto in Figura 3, il management aziendale ha individuato come principale intervento sulla supply chain l introduzione di un sistema di Advanced Planning & Scheduling (APS), per il quale sono state ipotizzate quattro diverse modalità di utilizzo, che corrispondono a quattro diverse leve nel nostro modello: 1) APS per simulare la data di consegna, mantenendo l attuale processo di pianificazione della produzione e degli acquisti. 2) APS per simulare e per schedulare la produzione. 3) APS per simulare e per pianificare la produzione e gli acquisti. 4) APS per simulare e pianificare. Collegamento in tempo reale con i fornitori con un sistema di pianificazione collaborativa via web. Le quattro implementazioni hanno effetti differenti per impatto e metriche che modificano; individuare quali siano gli indicatori modificati consente di quantificare nel modello l introduzione di una leva, ed è pertanto fondamentale per uscire dall astrazione che a volte accompagna le scelte di tipo strategico. Questa attività richiede un meccanismo iterativo che parte dalle dichiarazioni, solitamente ottimistiche, del vendor della soluzione, e coinvolge il management operativo e i consulenti per ottenere una valutazione condivisa della variazione ottenibile, in positivo o in negativo, su una certa metrica. Alcuni esempi per il caso Avio Interiors sono riportati nella tabella seguente, dove gli impatti si riferiscono al valore normalizzato rispetto all intervallo di variazione di ciascuna metrica.

11 Tabella 3 Impatto diretto delle leve, esempio (Avio Interiors) Processo P1 P2.4 P4 Metrica Costi di pianificazione domanda / fornitura Performance del subfornitore relativo alle Consegne in Tempo Accuratezza previsioni capacità produttiva APS per data di consegna consegna + produzione APS produzioneacquisti 0,098 0,150 0,200 0,250 APS + Supply Collaboration 0,05 0,150 0,150 0,150 0,150 Il passo successivo ha comportato la definizione delle variazioni indirette, dovute alle dipendenze, sulle metriche di primo e di secondo livello. Un esempio significativo dei risultati ottenuti in questa fase è la dipendenza stabilita tra le metriche % Schedulazioni cambiate entro il Lead Time del fornitore e % righe ordine ricevute entro il fine carrello 2. Quest ultima metrica misura la percentuale di commesse per cui si è riusciti a chiudere il carrello entro la data prevista. Da un analisi sui motivi che inducono ritardi è emerso come circa la metà di essi siano dovuti a cause collegabili ai subfornitori (28 / 53) e come la loro performance migliori se si riducono i cambiamenti sulla pianificazione. Pertanto una diminuzione delle rischedulazioni si riflette su una maggiore puntualità dell officina nel 50% circa dei casi. Attraverso queste dipendenze, gli effetti determinati a livello locale si trasmettono e si moltiplicano in vari punti del modello della supply chain, per essere infine aggregati in macroindicatori di primo livello che consentono una valutazione strategica degli interventi. Nel caso di Avio Interiors il risultato finale è rappresentato dalle variazioni dei quattro indicatori di primo livello, illustrate nelle tabelle e nei grafici seguenti. CUSTOMER FACING consegna consegna + Produzione APS Produzione- Acquisti APS + Web Planning Lead Time dell'evasione dell'ordine (Poltrone) 0,0000-2,1000-2,1000-6,1000 Tempo di reazione della Supply-Chain 0,0000 0,0000 0,0000-4,0000 Performance di Consegna 0,0750 0,2750 0,3200 0,3465 1,0000 0,0000-1,0000-2,0000-3,0000-4,0000 Lead Time dell'evasione dell'ordine (Poltrone) Tempo di reazione della Supply-Chain -5,0000-6,0000-7,0000 consegna consegna + Produzione APS Produzione- Acquisti APS + Web Planning Performance di Consegna Figura 5: Andamento variazioni di 1 livello metriche customer facing (valori assoluti) 2 Fine carrello indica la data di prevista chiusura della commessa nella terminologia dell azienda in esame.

12 INTERNAL FACING Costi gestione della Supply Chain consegna consegna + Produzione APS Produzione- Acquisti APS + Web Planning 0,0980 0,1330 0,2000 0,1416 0,3000 0,2500 0,2000 Costi gestione della Supply Chain 0,1500 0,1000 0,0500 0,0000 APS per data di consegna APS per data di consegna + Produzione APS Produzione- Acquisti APS + Web Planning Figura 6: Andamento variazioni di 1 livello metriche internal facing Conclusioni La metodologia basata su SCOR ha consentito di valutare l impatto di diverse modalità di utilizzo di un sistema APS riferendosi alle caratteristiche specifiche della supply chain del cliente. Le variazioni sugli indicatori di prestazioni di primo livello offrono un quadro sintetico dei benefici e dei costi delle diverse implementazioni, consentendo valutazioni strategiche che nel caso specifico evidenziano l importanza di affiancare all APS un sistema di collaborazione con i fornitori, dal momento che questa soluzione produce non solo maggiore efficacia ma anche un recupero significativo dei costi del progetto. Questa conclusione può apparire ovvia se si considera il peso dell approvvigionamento nel processo di evasione di una commessa in Avio Interiors. L analisi d impatto consente però di sostanziare questa valutazione con dati quantitativi, risultato di un analisi dettagliata dei processi della supply chain e delle relative prestazioni. L esperienza condotta ha portato risultati incoraggianti sul fronte dell applicazione pratica di SCOR, che malgrado l interesse mondiale risulta essere ancora scarsamente utilizzato nelle aziende. Come base del nostro metodo di analisi SCOR si è mostrato assai utile, fornendo il linguaggio comune tra i diversi enti coinvolti nel progetto e una solida base per la definizione degli indicatori di prestazioni. Tra gli sviluppi futuri prevediamo l integrazione con strumenti di simulazione e di supporto alle decisioni, da cui ricavare stime sulle variazioni di singole metriche. Tale supporto non potrà comunque sostituire le valutazioni motivate dall esperienza di esperti e utenti. Il nostro obiettivo è fornire uno strumento per armonizzare queste informazioni e trarne conclusioni basate su uno schema il più fedele possibile del funzionamento della supply chain. Il software e la metodologia, ancora in fase sperimentale, saranno nel 2004 disponibili come strumenti progettuali a corredo dell offerta SCM di Gruppo Formula, basata sul prodotto DNE. Riferimenti [1] Gartner research, Hype cycle for supply chain management, 2003.

13 [2] The Global Enabled Supply and Demand Chain Series: Fulfillment and Logistics, Julie Murphree, isource Business Magazine, June/July [3] Nike blames financial snag on supply-chain project, Marc L. Songini, ComputerWorld, 27/02/2001. [4] CCMI Survey Reveals Wide Gap Between Supply Chain Technology Investments and Results Achieved, Press Release, June 25, 2003, Capital Consulting & Management Inc. [5] SCM Processes Replace Apps: 2003 To 2008, Report, Dicembre 2002, Forrester Research. [6] Logistcs and Supply Chain Management: Strategies for Reducing Cost and Improving Services. Second Edition, Martin Cristopher, Financial Times, Pitman Publishing [7] Supply Chain Operations Reference-model (SCOR) 5.0, Supply-Chain Council Inc. (www.supply-chain.org). [8] Choosing the Best SCM Package, ITToolbox FAQ team, ITToolbox Supply Chain, giugno [9] SCM Value Calculator, SAP AG, [10] How to apply EVA to I.T., John Berry, CIO Magazine, 15 gennaio [11] Wide Range of Solutions for Business Process Management, White Paper, IDS Scheer AG, giugno [12] Dynamic Simulation and Supply-Chain Management, Rick Kossik - GoldSim Technology Group, ITToolbox Supply Chain, agosto 2002.

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering.

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering. Production Engineering Research WorkGROUP IL MODELLO SCOR Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione e Ingegneria Gestionale Università di Palermo Agenda

Dettagli

Il modello SCOR: un aiuto per avviare progetti di Supply Chain

Il modello SCOR: un aiuto per avviare progetti di Supply Chain Articolo n. 6 - Ottobre 2013 Il modello SCOR: un aiuto per avviare progetti di Supply Chain GIUSEPPE LOVECCHIO PREMESSA Oggi si parla tanto di Supply Chain, come se fosse l ultima frontiera per rendere

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Fondata dall'ing. Kirchner nel 1991 Sede principale a Trieste. Filiali a Milano, Bologna, Padova e Udine Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi 1 SISTEMI INFORMATIVI DI INTEGRAZIONE (CENNI)...2 1.1 ERP - ENTERPRISE RESOURCE PLANNING...2 1.2 SCM - SUPPLY-CHAIN MANAGEMENT...4 1.3 KW - KNOWLEDGE MANAGEMENT...5 Pagina 1 di 5 1 Sistemi Informativi

Dettagli

Ridisegno Supply-chain. Esempio di un progetto di Consulenza

Ridisegno Supply-chain. Esempio di un progetto di Consulenza Ridisegno Supply-chain Esempio di un progetto di Consulenza Obiettivo dell intervento 1. Mappare l attuale sistema logistico-produttivo dei tappi mettendo in evidenza le criticità ed i potenziali miglioramenti;

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 L organizzazione della logistica B.M.S.: Nel caso di specie si

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Case study. Risolvere il difficile problema del product mix di ELVAL

Case study. Risolvere il difficile problema del product mix di ELVAL Case study Risolvere il difficile problema del product mix di ELVAL Il cliente In sintesi Il gruppo ELVAL rappresenta la divisione dedicata alla lavorazione e al commercio dell alluminio di VIOHALCO. ELVAL

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Opportunità per le PMI per ottimizzare la gestione della filiera logistico

Dettagli

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA Pagina: 1 di 9 Registro delle modifiche Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 11/03/2010 Emissione formale A ALLEGATI: ---- DISTRIBUZIONE DEL DOCUMENTO: Direttore Generale Dott.

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software

Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software Casale SA.. Utilizzata con concessione dell autore. Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software Partner Nome dell azienda Casale SA Settore EPC

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING)

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) L IMPATTO SULLA GESTIONE LA MISURAZIONE DELL IMPATTO IL SUPPORTO ALLA CREAZIONE DEL VALORE L INTEGRAZIONE ESIGENZE DEL BUSINESS

Dettagli

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto SERVIZI E SUPPORTO PROCESSI E INIZIATIVE SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO PRODOTTI SOFTWARE SOLUZIONI VERTICALI Realizzazione di maggiore valore con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

Appendice 2 Piano di business preliminare

Appendice 2 Piano di business preliminare Appendice 2 Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Un modello collaborativo per la supply chain: il caso FLOS

Un modello collaborativo per la supply chain: il caso FLOS Un modello collaborativo per la supply chain: il caso FLOS Paolo Paganelli, Product Manager Gruppo Formula e-mail: paolo.paganelli@formula.it Valentino Pluda, Direttore Produzione/Logistica, FLOS spa e-mail:

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

Caratteristiche e funzionalità dei sistemi ERP per le Pmi

Caratteristiche e funzionalità dei sistemi ERP per le Pmi ERP: UN MALE NECESSARIO O UN VANTAGGIO PER IL BUSINESS? Caratteristiche e funzionalità dei sistemi ERP per le Pmi Roberto Panizzolo Università di Padova Dipartimento di Innovazione Meccanica e Gestionale

Dettagli

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Rischi 1 Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Un ingegnere del software viene coinvolto direttamente nel processo di identificazione delle aree potenziali

Dettagli

Organizzazione dello studio professionale

Organizzazione dello studio professionale Organizzazione dello studio professionale Roberto Spaggiari Attolini Spaggiari & Associati Studio Legale e Tributario Partner 2014 Pagina 1 Roberto Spaggiari Attolini Spaggiari & Associati Studio Legale

Dettagli

Indice strutturato dello studio di fattibilità

Indice strutturato dello studio di fattibilità Indice strutturato dello studio di fattibilità DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 10 Indice 1 2 SPECIFICITÀ DELLO STUDIO DI FATTIBILITÀ IN UN PROGETTO DI RIUSO... 3 INDICE STRUTTURATO DELLO

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE ing. Michele Boscaro LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo GLOBAL SCORECARD Uno strumento di autovalutazione, linguaggio e concetti comuni Versione base - Entry Level Introduzione Introduzione La Global Scorecard

Dettagli

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE PO FESR PUGLIA 2007-2013 Asse I Linea di Intervento

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

LA LOGISTICA INTEGRATA

LA LOGISTICA INTEGRATA dell Università degli Studi di Parma LA LOGISTICA INTEGRATA Obiettivo: rispondere ad alcuni interrogativi di fondo Come si è sviluppata la logistica in questi ultimi anni? Quali ulteriori sviluppi sono

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica ALLEGATO D.1 BANDO PUBBLICO APERTO RIVOLTO AD IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia Analizzare e gestire il CAMBIAMENTO tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Le aziende sono sempre più di frequente poste di fronte al cambiamento. Oggi ai manager si richiede

Dettagli

Sommario. DOCUMENTO RISERVATO AD USO INTERNO Pagina 2 di 10

Sommario. DOCUMENTO RISERVATO AD USO INTERNO Pagina 2 di 10 Piano di valutazione Horsa Anno 2013 Sommario Perché Horsa introduce un Piano di Valutazione... 3 I destinatari del Piano di Valutazione... 4 I criteri di acquisizione dei Punti... 4 Costi standard di

Dettagli

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte prestazioni e per un'efficace pianificazione della produzione Sede principale a Trieste. Filiali a Milano,

Dettagli

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le ACCENTURE SPA Profilo Azienda Accenture è un'azienda globale di Consulenza Direzionale, Servizi Tecnologici e Outsourcing che conta circa 323 mila professionisti in oltre 120 paesi del mondo. Quello che

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Obiettivi. Affrontare i primi passi della produzione del software: la definizione dei requisiti ed il progetto architetturale che porta alla definizione delle

Dettagli

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP ICI Caldaie Spa. Utilizzata con concessione dell autore. Migliorare il processo produttivo con SAP ERP Partner Nome dell azienda ICI Caldaie Spa Settore Caldaie per uso residenziale e industriale, generatori

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi Indice Prefazione Premessa Introduzione XI XV XIX Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi 5 1.1 L evoluzione

Dettagli

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO DIGITAL TRANSFORMATION Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO AL VOSTRO FIANCO NELLA DIGITAL TRANSFORMATION Le nuove tecnologie, tra cui il cloud computing, i social

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

PORTFOGLIO PER PROCESSI OTTIMALI

PORTFOGLIO PER PROCESSI OTTIMALI Profilo aziendale PORTFOGLIO PER PROCESSI OTTIMALI Consulenza SAP Sviluppo SAP Soluzioni Add-On SAP add IL NOSTRO PORTFOGLIO Servizi di consulenza SAP La gamma di servizi di consulenza offerta da ParCon

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo

Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo LA METODOLOGIA La metodologia OD&M per valutare le risorse umane La metodologia OD&M per valutare le risorse

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

La reingegnerizzazione dei processi aziendali

La reingegnerizzazione dei processi aziendali La reingegnerizzazione dei processi aziendali Le componenti (I/V) L organizzazione per processi: 1. Perché 2. Definizioni 3. Caratteristiche La reingegnerizzazione: 1. Modelli e obiettivi aziendali 2.

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo BSI aiuta le organizzazioni a raggiungere l eccellenza. BSI aiuta a migliorare le organizzazioni per farle crescere e funzionare al meglio.

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11 INDICE Prefazione alla seconda edizione 9 Prefazione alla prima edizione 11 Mappatura, analisi e ottimizzazione dei processi 15 1. Il miglioramento dei processi aziendali 15 1.1. Il Business Process Modelling

Dettagli

Supply Intelligence. Informazioni rapide e approfondite sui fornitori potenziali

Supply Intelligence. Informazioni rapide e approfondite sui fornitori potenziali Supply Intelligence Informazioni rapide e approfondite sui fornitori potenziali Ancora in alto mare? Le forniture, specialmente se effettuate a livello globale, possono rivelarsi un vero e proprio viaggio

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture TRASFORMARE LE COMPAGNIE ASSICURATIVE Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture Costruire la compagnia digitale? L approccio DDway alla trasformazione dell IT Un percorso

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015 GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2014-2015 1 DEFINIZIONE DI QUALITA La norma UNI EN ISO 9000: 2005 definisce la qualità come «l insieme delle caratteristiche intrinseche di un prodotto/ servizio che

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

I KPI: Il punto nave logistico

I KPI: Il punto nave logistico I KPI: Il punto nave logistico Global Logistics & Manufacturing 12 Novembre 2014 Gabriele Costetti Knowledge Manager Stima e realtà: un po di storia 1707 Il disastro delle Isole Scilly: 4 navi da guerra

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli