Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati"

Transcript

1 Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati Per poter esaminare in modo specifico questi alimenti, occorre effettuare alcune premesse di ordine legislativo. La Direttiva 398/1989/CE ha inizialmente preso in considerazione i prodotti dietetici, cioè gli alimenti destinati ad un alimentazione particolare rimandando a successivi interventi legislativi le disposizioni su ambiti più specifici. Ora, dopo aver subito diverse modifiche, questa Direttiva è stata sostituita dalla Direttiva 39/2009/CE che ne costituisce la versione codificata. La legislazione nazionale ha recepito con il D.lgs. 111/1992 l emanazione della prima Direttiva 89/398/CEE relativamente ai prodotti dietetici; sono poi stati disciplinati gli integratori alimentari con la Direttiva 46/2002/CE, attuata con il D.lgs. 169/2004, e gli alimenti addizionati di vitamine e minerali con il Regolamento CE 1925/2006. L attuale legislazione comunitaria e nazionale, come chiarito nella Circolare 31 del Ministero della Salute del 5 novembre 2009, presenta quindi la seguente suddivisione in tre categorie: prodotti destinati ad un alimentazione particolare integratori alimentari alimenti addizionati di vitamine e minerali. Da sottolineare che il Regolamento CE 1924/2006 (si veda anche il capitolo 9 della guida: L etichettatura dei prodotti alimentari, relativo alle indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite per prodotti alimentari, i cosiddetti claims) si applica a tutti gli alimenti, compresi quelli rientranti nelle categorie specifiche in questione. Per approfondimenti si rimanda alla consultazione del sito del Ministero della Salute: sul quale nella sezione Alimenti sono raggruppati gli alimenti particolari, gli integratori e i novel foods; è inoltre possibile verificare gli aggiornamenti sia legislativi sia di autorizzazione. Prodotti destinati ad un alimentazione particolare (prodotti dietetici o di regime) Come precisato nel D.lgs. 111 del 27 gennaio 1992, che recepisce la Direttiva 89/398/CEE (poi sostituita dalla Direttiva di rifusione 2009/39/CE), la denominazione di prodotto destinato ad un alimentazione particolare è riservata ad alimenti che per composizione o per modalità del processo produttivo mostrano di: distinguersi dagli alimenti di uso corrente presentare un obiettivo nutrizionale preciso. In fase di commercializzazione si deve riportare la conformità all obiettivo prefissato. Come precisato nella Circolare 31 del Ministero della Salute del 5 novembre 2009, la conformità di un alimento alle condizioni previste per un claim sulla salute non è il requisito per inquadrare lo stesso come dietetico, senza un adattamento nutrizionale 1

2 della composizione in funzione di una destinazione particolare. Il prodotto dietetico deve avere una composizione nutritiva adatta alle esigenze di una particolare categoria di consumatori, e potrebbe anche non essere idoneo al consumo da parte dell intera popolazione. Ad esempio rientrano tra i prodotti dietetici i sali dietetici, considerati succedanei del sale per soggetti con particolari esigenze nutrizionali, che comprendono i sali iposodici, con un contenuto in sodio compreso tra 7,8 g e 13,6 g su 100 g di prodotto, e i sali asodici, con quantitativo di sodio al massimo di 120 mg/100 g. I consumatori con esigenze nutrizionali particolari L art. 1 c. 2 del D.lgs. 111/1992 individua le tre categorie di consumatori alle cui particolari esigenze nutrizionali un prodotto alimentare deve rispondere per poter essere inquadrato come prodotto destinato ad un alimentazione particolare e cioè: 1. le persone il cui processo di assimilazione o il cui metabolismo è perturbato 2. le persone in condizioni fisiologiche particolari che possono trarre benefici dall assunzione controllata di talune sostanze presenti negli alimenti 3. i lattanti o i bambini nella prima infanzia in buona salute. L art. 1 c. 3 stabilisce che le diciture dietetico e di regime possono caratterizzare secondo una scelta volontaria del produttore i prodotti destinati alle prime due categorie e possono essere riportate in etichetta (art. 4 c. 3). In pratica, è vietato far uso di queste diciture per i prodotti destinati a lattanti e bambini nella prima infanzia che siano in buona salute. Per i prodotti alimentari destinati al consumo corrente (art. 3, D.lgs. 111/1992) è vietato impiegare: le qualifiche dietetico o di regime, da sole, oppure insieme ad altri termini ogni altra espressione o qualsiasi presentazione che possa far credere che si tratti di prodotto destinato a un alimentazione particolare. Allegato I del D.lgs 111/1992 (sostituito dal DM del Ministero della Sanità del 23 aprile 2001): a) tipologie di prodotti destinati ad alimentazione particolare (previste disposizioni particolari): - alimenti per lattanti e alimenti di proseguimento - alimenti a base di cereali e alimenti destinati ai lattanti e ai bambini - alimenti destinati a diete ipocaloriche volte alla riduzione del peso - alimenti dietetici a fini medici speciali - alimenti adatti ad un intenso sforzo muscolare, soprattutto per gli sportivi b) tipologie di prodotti destinati ad alimentazione particolare (previste disposizioni specifiche): - alimenti destinati a persone che soffrono di un metabolismo glucidico perturbato (diabetici). Il Regolamento CE 953/2009 riporta in allegato l elenco delle sostanze che possono essere aggiunte, per scopi nutrizionali specifici, ai prodotti alimentari destinati 2

3 ad un alimentazione particolare suddivisi per categorie: vitamine, minerali, aminoacidi, carnitina e taurina, nucleotidi, colina e inositolo. Sono esclusi sia gli alimenti a base di cereali e gli alimenti destinati a lattanti e bambini (regolamentati dalla Direttiva 2006/125/CE, sia gli alimenti per lattanti e alimenti di proseguimento, regolamentati dalla Direttiva 2006/141/CE recepita dal DM 82/2009 del Ministero del lavoro. I prodotti destinati ad un alimentazione particolare sono, inoltre, soggetti a disposizioni di etichettatura più specifiche e dettagliate rispetto a quelle degli alimenti di uso corrente. L etichetta di un prodotto rientrante nella categoria in esame deve infatti rispettare, oltre alle disposizioni generali, l art. 4 del D.lgs. 111/1992 che prevede le seguenti indicazioni obbligatorie: 1. la denominazione di vendita, accompagnata dall indicazione delle caratteristiche nutrizionali particolari. Per i prodotti destinati ai lattanti e ai bambini nella prima infanzia in buona salute, la denominazione di vendita è invece accompagnata dall indicazione della loro destinazione 2. gli elementi della composizione qualitativa e quantitativa o il processo speciale di fabbricazione che conferiscono al prodotto le particolari caratteristiche nutrizionali 3. le modalità di conservazione e di utilizzo, qualora occorra adottare particolari accorgimenti 4. le istruzioni d uso, se necessarie per un utilizzo appropriato 5. il tenore di glucidi (carboidrati), protidi (proteine) e lipidi (grassi) per 100 g o 100 ml di prodotto commercializzato o per la quantità proposta da consumare se il prodotto è cosi presentato; le informazioni nutrizionali dichiarate in etichetta sono soggette, in fase di verifica analitica, a limiti di accettabilità, definiti come tolleranze analitiche e riportate nella Circolare 7 del Ministero della Salute, del 30 ottobre l indicazione in kilocalorie (kcal) o in kilojoules (kj) del valore energetico per 100 g o 100 ml di prodotto e, se il prodotto è cosi presentato, per la quantità proposta da consumare. Tale indicazione può essere sostituita dalle dizioni: valore energetico inferiore a 50 kj (12 kcal) per 100 g ovvero valore energetico inferiore a 50 kj (12 kcal) per 100 ml quando il prodotto contenga dei valori energetici inferiori a 50 kj (12 kcal) 7. estremi del provvedimento di autorizzazione (art. 4 c. 2). L etichettatura, la presentazione e la pubblicità del prodotto dietetico non devono comunque attribuire proprietà preventive, curative e di guarigione di malattie umane, mentre è consentito divulgare informazioni destinate a persone qualificate in ambito medico, alimentare e farmaceutico. Al momento della prima commercializzazione di un prodotto destinato ad un alimentazione particolare, occorre inviare al Ministero della Salute il modello dell etichetta (art. 7 come modificato dalla Legge 14/2003). Qualora si tratti di prodotto importato, occorre comunicare al Ministero, se si tratta di importazione da uno Stato membro, l autorità destinataria della prima comunicazione, oppure, nel caso di provenienza extra-ue, occorre trasmettere il modello dell etichetta o l autorità destinataria comunitaria a cui è stata già richiesta l autorizzazione. 3

4 Viene prescritto che la produzione e il confezionamento devono aver luogo in stabilimenti autorizzati dal Ministero della Salute, che verifica le condizioni igienico-sanitarie e i requisiti tecnici. Sul sito del Ministero della Salute, nella sezione dedicata agli Alimenti, area Alimenti particolari, integratori e novel food, alla voce Strumenti sono disponibili gli Elenchi degli stabilimenti autorizzati. Esempio etichettatura omogeneizzato per la prima infanzia Denominazione di vendita e indicazioni per la destinazione OMOGENEIZZATO A base di banana, mela, biscotti e miele. Indicato a partire dai 6 mesi Confezionato sottovuoto per una conservazione naturale Prodotto con FRUTTA e CEREALI Arricchito con VITAMINA C PRODOTTO ALTAMENTE DIGERIBILE Senza residui d aria Per vasetto 120 g Per 100 g Minerali 0.6 g 0.5 g Sodio 21.6 mg 18 mg Vitamina C 72 mg 60 mg Valori nutrizionali medi Per vasetto (120 g) Per 100 g Valore energetico kj 516 kj 430 (kcal 121) (kcal 101) Proteine (Nx6,25) 1,3 g 1,1 g Carboidrati (p.d.) 27,7 g 23,1 g Grassi 0,6 g 0,5 g Elementi particolari della composizione qualitativa e quantitativa Tenore di glucidi, protidi e lipidi per 100 g e per quantità di prodotto commercializzata I prodotti destinati ad un alimentazione particolare devono essere posti in vendita al dettaglio unicamente preconfezionati e completamente avvolti dall imballaggio. Alcuni prodotti sono regolati da specifici decreti; ad esempio, nell ambito degli alimenti per lattanti e degli alimenti di proseguimento esiste il Decreto 82/2009 del Ministero del Lavoro che in attuazione della Direttiva 2006/141/CE prescrive le regole di composizione, produzione ed etichettatura a cui questi prodotti devono conformarsi per potere essere immessi in commercio. In particolare, le denominazioni di vendita alimenti per lattanti (o formule per lattanti o preparati per lattanti ) e alimenti di proseguimento (o formule di proseguimento ) sono da intendersi rispettivamente per i lattanti nei primi 6 mesi di vita e per i lattanti dopo il sesto mese di vita. Se sono prodotti interamente con proteine di latte vaccino le denominazioni di vendita divengono latte per lattanti e latte di proseguimento. É obbligatorio indicare che non sono sostituti del latte materno. In etichetta devono anche essere evidenziate le norme e le precauzioni per una corretta pratica igienica 4

5 in linea con le raccomandazioni dell Organizzazione Mondiale della Sanità. É vietato usare diciture tipo umanizzato, maternizzato o adattato o analoghe. Inoltre sotto il titolo Avvertenza importante è obbligatorio riportare le seguenti indicazioni: dicitura relativa alla superiorità dell allattamento al seno raccomandazione ad utilizzare solo previo parere di professionisti indipendenti. Non è consentito l uso di immagini o altre illustrazioni o diciture che portino a idealizzare l uso del prodotto; possono però essere presenti rappresentazioni grafiche che facilitino l identificazione del prodotto e che illustrino le modalità di preparazione. Altre disposizioni riguardano gli alimenti destinati a diete ipocaloriche volte alla riduzione di peso, che possono sostituire del tutto o in parte la razione alimentare giornaliera: sono disciplinati dalla Direttiva 96/8/CE modificata dalla Direttiva 2007/29/CE, recepite dal DM 519/1998 e dal DM del Ministero della Salute del 31 luglio Tra le indicazioni obbligatorie da riportare in etichetta occorre evidenziare quella che ricorda l importanza di assumere giornalmente un adeguato quantitativo di liquidi, la quantità media di ogni minerale e di ogni vitamina, per i quali sono previsti requisiti obbligatori; occorre inoltre indicare che l alimento può avere effetto lassativo, se il prodotto apporta giornalmente una quantità di polioli, o polialcoli, superiore a 20 g. Gli alimenti dietetici destinati a fini medici speciali, disciplinati dalla Direttiva 1999/21/CE con l aggiornamento della Direttiva 2006/141/CE e recepita dal Dpr 57/2002 e dal DM del Ministero della Salute del 12 novembre 2007, sono i prodotti alimentari utilizzati sotto controllo medico formulati in maniera speciale e destinati ad essere utilizzati da pazienti affetti da patologia specifica. In questo caso è prevista la dicitura Avvertenza importante seguita: dall indicazione che il prodotto deve essere utilizzato sotto controllo medico dall indicazione che il prodotto è adatto o non è adatto per essere utilizzato come unica fonte di nutrimento se del caso, dalla fascia di età a cui il prodotto è destinato se del caso, dalla precisazione che il prodotto se consumato da soggetti che non presentano la malattia o il disturbo specifico può essere dannoso per la salute. Senza glutine Per i prodotti adatti ai consumatori celiaci, il Regolamento CE 41/2009 prescrive le caratteristiche dei prodotti dietetici a loro destinati e pone le condizioni per poter indicare l assenza di glutine anche in alimenti di uso corrente. Se i prodotti alimentari presentano un tenore di glutine inferiore a 20 mg/kg o 20 mg/l possono riportare la dicitura senza glutine; solo i prodotti dietetici, se presentano un valore inferiore a 100 mg/kg o 100 mg/l, possono riportare la dicitura con contenuto di glutine molto basso. Da precisare che unicamente i prodotti dietetici senza glutine possono essere inclusi nel registro nazionale ed essere erogati dal Servizio sanitario nazionale (Circolare 31 del Ministero della Salute del 5 novembre 2009). 5

6 Integratori alimentari Da quanto esposto nel paragrafo precedente consegue che, in tutti i casi in cui non si prospettino delle esigenze nutrizionali particolari, connesse ad uno specifico stato fisiologico, ma per motivi di opportunità o di libera scelta si desideri semplicemente un alimento con un supporto aggiuntivo, si dovrebbe far uso di integratori alimentari, la cui finalità è quella di contribuire ad ottimizzare l apporto dietetico dei nutrienti in essi contenuti. Per quanto riguarda gli integratori alimentari, il D.lgs. 169/2004 che recepisce la Direttiva 2002/46/CE li definisce come prodotti alimentari, commercializzati e presentati come tali in forma preconfezionata. Esulano dal campo di applicazione della normativa i medicinali definiti dalla Direttiva 2001/83/CE, recante un codice comunitario relativo ai medicinali per uso umano. Gli integratori alimentari sono definiti come quei prodotti alimentari destinati ad integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive, quali le vitamine e i minerali, o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, in particolare, ma non in via esclusiva aminoacidi, acidi grassi essenziali, fibre ed estratti di origine vegetale, sia monocomposti che pluricomposti, in forme predosate (art. 2 c. 1 del D.lgs. 169/2004). Si intendono per predosate le forme di commercializzazione quali capsule, pastiglie, compresse, pillole, gomme da masticare e simili, polveri in bustina, liquidi contenuti in fiale, flaconi a contagocce e altre forme simili di liquidi e di polveri destinati a essere assunti in piccoli quantitativi unitari. Come meglio precisato nella Circolare 31 del Ministero della Salute del 5 novembre 2009 gli integratori alimentari sono prodotti concentrati in sostanze nutritive e fisiologiche che essendo presentati per un assunzione in piccoli quantitativi non influiscono in modo significativo sull apporto calorico. Gli integratori alimentari a base di vegetali possono contenere solo gli estratti vegetali autorizzati, riportati in un elenco consultabile sul sito del Ministero della Salute nel quale sono riportate anche le parti delle piante che possono essere utilizzate, gli effetti, ed eventuali note legate all assunzione. Esiste anche un elenco di estratti vegetali che non sono ammessi. Il DM del Ministero della Salute del 9 luglio 2012 reca in allegato le sostanze e i preparati vegetali ammessi all impiego negli integratori alimentari e precisa che devono essere definiti con il nome comune della pianta seguito dal nome botanico (genere, specie, varietà e autore) e dalla parte impiegata; ad esempio nel caso dell impiego delle foglie di edera occorrerà indicare: Edera (Hedera Helix L.) foglia Mentre se viene impiegata la corteccia della quercia da sughero: Quercia da sughero ( Quercus Suber L.) corteccia É possibile consultare l elenco sul sito del Ministero della Salute: nell area tematica Alimenti, alla voce Alimenti particolari, integratori e novel food. 6

7 L art. 6 del D.lgs. 169/2004 dispone le norme generali di etichettatura: tali prodotti sono commercializzati con la denominazione di integratore alimentare o con i sinonimi di complemento alimentare o supplemento alimentare. L etichettatura, la presentazione e la pubblicità non attribuiscono agli integratori alimentari proprietà terapeutiche né capacità di prevenzione o di cura delle malattie umane, né fanno altrimenti riferimento a simili proprietà. Inoltre, nell etichettatura, nella presentazione e nella pubblicità degli integratori alimentari non devono figurare diciture che affermino o sottintendano che una dieta equilibrata e variata non è generalmente in grado di apportare le sostanze nutritive in quantità sufficienti. Tenendo conto delle disposizioni generali sull etichettatura e sulla presentazione dei prodotti, il c. 4 dell art. 6 stabilisce che l etichettatura degli integratori alimentari deve contenere: 1. il termine integratore alimentare o sinonimi sopra indicati 2. il nome delle categorie di sostanze nutritive o delle altre sostanze che caratterizzano il prodotto o un indicazione relativa alla natura di tali sostanze 3. la dose giornaliera consigliata di integratore e un avvertenza sui rischi per la salute in caso di dose eccessiva 4. la quantità delle sostanze nutritive o delle altre sostanze aventi effetto fisiologico o nutritivo riportate in forma numerica e riferite alla dose giornaliera di prodotto raccomandata dal produttore 5. i valori relativi alle vitamine e ai minerali che ove previsto, possono anche essere espressi in percentuale rispetto ai valori di riferimento (RDA) riportati nell allegato al D.lgs. 77/1993 (si possono utilizzare dei grafici) 6. l effetto nutritivo o fisiologico attribuito al prodotto sulla base dei suoi costituenti, in modo da orientare le scelte del consumatore 7. una dichiarazione dalla quale risulti che l integratore non si sostituisce ad un alimentazione variata ed equilibrata e a uno stile di vita sano 8. l indicazione non è un medicinale se la presentazione del prodotto è simile a quella di un medicinale 9. un avvertimento indicante che i prodotti devono essere tenuti fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni di età. 7

8 Esempio etichettatura integratore alimentare Termine integratore alimentare, categoria alimentare o nome e quantità INTEGRATORE ALIMENTARE Un valido aiuto per le funzioni fisiologiche legate alla memoria e alla concentrazione. Contiene 30 opercoli in blister da 500 mg ciascuno. Dose giornaliera consigliata (2 opercoli) Ginkgo (Ginkgo biloba) foglie estratto secco liofilizzato e polvere 583 mg Fosfolipidi 80 mg Schizandra (Schisandra chinensis) frutti estratto secco liofilizzato 60 mg Vitamina B6 cloridrato 1,6 mg Acido folico 200 mcg (100%RDA) Vitamina B12 1 mcg (100%RDA) Modo d uso: si consiglia l assunzione di 2 opercoli al giorno, preferibilmente lontano dai pasti. Non superare le dosi consigliate. Se si stanno assumendo farmaci anticoagulanti o antiaggreganti piastrinici, consultare il Medico prima di assumere il prodotto. Si sconsiglia l uso del prodotto in gravidanza e durante l allattamento. Nome e quantità delle sostanze nutritive Dose giornaliera consigliata ed eventuali avvertenze sui rischi Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Dichiarazione (dieta variata) Dichiarazione (sicurezza bambini) Gli stabilimenti che producono integratori alimentari devono essere autorizzati dal Ministero della Salute che ne accerta le condizioni igienico-sanitarie. L etichetta deve essere inviata e autorizzata dal Ministero secondo le modalità indicate. Sul sito del Ministero è consultabile il registro integratori per prodotto, accompagnato dal nome della ditta autorizzata alla produzione e dal codice identificativo. Alimenti addizionati di vitamine e minerali Il Regolamento CE 1925/2006 (modificato dal Regolamento CE 108/2008) ha fornito indicazioni relativamente agli alimenti a cui sono aggiunti vitamine e minerali e talune sostanze di altro tipo, che presentino comunque un effetto funzionale o fisiologico. L elenco positivo è riportato negli allegati I e II, modificati dal Regolamento CE 1170/

9 È stato inoltre istituito un Registro comunitario in cui figurano: le vitamine e le sostanze minerali che possono essere aggiunte agli alimenti l elenco delle formulazioni le quantità massime e minime di vitamine e di minerali le sostanze per le quali è stato presentato un fascicolo secondo le modalità precisate nel Regolamento UE 307/2012. Anche per questa categoria di prodotti è necessario richiedere l autorizzazione al Ministero della Salute per la commercializzazione. Nell etichettatura è vietato riportare diciture che affermino che una dieta equilibrata e variata non è in grado di fornire le opportune quantità di componenti nutritivi, come pure non si può trarre in inganno o in errore il consumatore. Tra gli obblighi specifici figura l etichettatura nutrizionale da esporre in fase di commercializzazione. A tal proposito il Regolamento UE 1169/2011, in vigore dal 13 dicembre 2011, ma in applicazione dal 13 dicembre 2014, ha modificato l art. 7 del Regolamento CE 1925/2006, specificando che l etichettatura nutrizionale è obbligatoria e deve contenere il valore energetico, la quantità di grassi, acidi grassi saturi, carboidrati, zuccheri, proteine e sale, e, qualora siano aggiunti, le quantità totali di vitamine e minerali. 9

La legislazione sui Nutraceutici, Alimenti funzionali e gli integratori dott. Antonio Verginelli

La legislazione sui Nutraceutici, Alimenti funzionali e gli integratori dott. Antonio Verginelli La legislazione sui Nutraceutici, Alimenti funzionali e gli integratori dott. Antonio Verginelli Definizione di farmaco ogni sostanza o associazione di sostanze presentata come avente proprietà curative

Dettagli

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food E. Monica Russo Integratori alimentari e novel food enza.russo@lab-to.camcom.it Isernia, 2 aprile 2014 1 MINISTERO DELLA SALUTE www.salute.gov.it TEMI E PROFESSIONI ALIMENTI ALIMENTI PARTICOLARI integratori

Dettagli

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Ministero della Salute Direzione generale igiene e sicurezza alimenti e nutrizione Ufficio IV ex DGSAN 1 ALIMENTO Come sono definiti sul piano

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI. Prof. Paola Minghetti Facoltà di Farmacia Università degli Studi di Milano

INTEGRATORI ALIMENTARI. Prof. Paola Minghetti Facoltà di Farmacia Università degli Studi di Milano INTEGRATORI ALIMENTARI Prof. Paola Minghetti Facoltà di Farmacia Università degli Studi di Milano Regolamento Claim Alimento Sicurezza per tradizione Novel Food Integratori alimentari Regolamento Claim

Dettagli

INDICAZIONI NUTRIZIONALI E SULLA SALUTE. REG.CE n. 1924/2006

INDICAZIONI NUTRIZIONALI E SULLA SALUTE. REG.CE n. 1924/2006 INDICAZIONI NUTRIZIONALI E SULLA SALUTE REG.CE n. 1924/2006 1 OBIETTIVI SPECIFICI Integrazione dei principi generali in tema di etichettatura dei prodotti alimentari che impongono un divieto generale di

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

LINEE GUIDA BOTANICALS MAURO SERAFINI SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA

LINEE GUIDA BOTANICALS MAURO SERAFINI SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA LINEE GUIDA BOTANICALS MAURO SERAFINI SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA Il DM 9 luglio 2012, come modificato nell allegato 1 dal decreto 27 marzo 2014, ha definito piante, altre sostanze vegetali e parti relative

Dettagli

ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016

ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016 ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016 Marcella Cabiddu, Ignazio Ibba, Danilo Muggianu Contribuire ad assicurare un livello elevato di

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE Normativa nazionale MINISTERO DELLA SALUTE Decreto 9 agosto 2005, n.199 Regolamento recante recepimento della direttiva 2003/115/CE 1 che modifica la direttiva 94/35/CE sugli edulcoranti destinati ad essere

Dettagli

PROGETTO Regionale di Promozione della Salute. Indicazioni per una corretta etichettatura degli integratori alimentari a base di piante officinali

PROGETTO Regionale di Promozione della Salute. Indicazioni per una corretta etichettatura degli integratori alimentari a base di piante officinali NetWork Servizi Igiene Alimenti e Nutrizione ASL 6-7-15-16-17-18-19 in collaborazione con Università di Torino Facoltà di farmacia cdl tecniche erboristiche PROGETTO Regionale di Promozione della Salute

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 29.6.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 181/35 REGOLAMENTO (UE) N. 609/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 giugno 2013 relativo agli alimenti destinati ai lattanti e ai bambini

Dettagli

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS Avv. Neva Monari Studio Avv.Corte e Andreis Cremona, 1 dicembre 2006 1 DEFINIZIONE (Linee guida Min. Salute

Dettagli

Alimentare Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa

Alimentare Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa Alimentare Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa Roma, 2 marzo 2010 Presidenza Cna Alimentare Circolare n. 5 Consiglio Cna Alimentare Referenti Provinciali e Regionali

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI

INTEGRATORI ALIMENTARI MODENA 02-10-2011 CNA ERBE Giorgio Giorgini INTEGRATORI ALIMENTARI NORMATIVA E POSSIBILI SCENARI FUTURI sullo sfondo : Passiflora incarnata L. fiore 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO LEGISLATIVO n.169

Dettagli

Le etichette alimentari

Le etichette alimentari Le etichette alimentari Le etichette riportate sulle confezioni dei prodotti alimentari aiutano a compiere una scelta informata su ciò che consumeremo L etichettatura dei prodotti alimentari destinati

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

YOGURT DEFILE DELLA CENTRALE

YOGURT DEFILE DELLA CENTRALE YOGURT DEFILE DELLA CENTRALE YOGURT A TASSO RIDOTTO DI ZUCCHERI la riduzione è pari al 30% rispetto alla media degli yogurt alla frutta intero più venduti, che riportano in tabella nutrizionale la percentuale

Dettagli

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014 Bologna, 03 ottobre 2014 Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari Graziella Lasi Resp. Consumer Care, Leg.Alimentare, Nutr, Com. medico-scient. Gruppo GRANAROLO

Dettagli

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali Torino 27 marzo 2013 Laura Bersani L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali REQUISITI OBBLIGATORI PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI PRECONFEZIONATI

Dettagli

Normativa del comparto degli integratori alimentari

Normativa del comparto degli integratori alimentari Normativa del comparto degli integratori alimentari Caterina Strumia Regione Piemonte Direzione Sanità Pubblica Settore Igiene e Sanità Pubblica Circolare 16 aprile 1996, n. 8 (G.U. n. 102 del 3 maggio

Dettagli

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Dr.ssa Simona De Stefano Direzione Generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio V Nutrizione - Ministero della Salute Roma,

Dettagli

LIBRO BIANCO SULL INTEGRAZIONE ALIMENTARE

LIBRO BIANCO SULL INTEGRAZIONE ALIMENTARE LIBRO BIANCO SULL INTEGRAZIONE ALIMENTARE a cura di ASSOCIAZIONE CHIMICA FARMACEUTICA LOMBARDA FRA TITOLARI DI FARMACIA AIIPA (ASSOCIAZIONE ITALIANA INDUSTRIE PRODOTTI ALIMENTARI) GRUPPO INTEGRATORI ALIMENTARI

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA QUADRO NORMATIVO

ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA QUADRO NORMATIVO ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA QUADRO NORMATIVO Bruno Scarpa Ministero della Salute ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA con i PRODOTTI DIETETICI PRODOTTI DESTINATI AD UNA ALIMENTAZIONE PARTICOLARE Direttiva

Dettagli

Ordinanza del DFI sulla caratterizzazione e la pubblicità delle derrate alimentari

Ordinanza del DFI sulla caratterizzazione e la pubblicità delle derrate alimentari Ordinanza del DFI sulla caratterizzazione e la pubblicità delle derrate alimentari (OCDerr) Modifica del 13 ottobre 2010 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina: I L ordinanza del DFI del 23

Dettagli

(pubbl. in Gazz. Uff. delle Comunità Europee n. L 183 del 12 luglio 2002). IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA,

(pubbl. in Gazz. Uff. delle Comunità Europee n. L 183 del 12 luglio 2002). IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA, Direttiva 2002/46/CE del 10 giugno 2002. Direttiva 2002/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 10 giugno 2002 per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli integratori

Dettagli

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità susanna neuhold responsabile nazionale area food il glutine negli alimenti CONOSCERE:

Dettagli

Circolare 5 novembre 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Premessa. Criteri di demarcazione.

Circolare 5 novembre 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Premessa. Criteri di demarcazione. Circolare 5 novembre 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Linee di demarcazione tra integratori alimentari, prodotti destinati ad una alimentazione particolare e alimenti addizionati

Dettagli

5 2009 - G.U. 277 27/11/2009 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

5 2009 - G.U. 277 27/11/2009 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Circolare 5 novembre 2009 - G.U. n. 277 del 27/11/2009 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Circolare 5 novembre 2009. Linee di demarcazione tra integratori alimentari, prodotti

Dettagli

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92 TITOLO DOCUMENTO Etichettatura degli alimenti: le nuove disposizioni del Reg. UE 1169/11 AREA TEMATICA Ambiente ed Energia SETTORE Qualità e Sicurezza alimentare ARGOMENTO SPECIFICO Sicurezza degli alimenti

Dettagli

QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010

QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010 QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010 1) Gli alimenti per la prima infanzia sono disciplinati a livello comunitario:

Dettagli

DIRETTIVA 94/35/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 giugno 1994 sugli edulcoranti destinati ad essere utilizzati nei prodotti alimentari

DIRETTIVA 94/35/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 giugno 1994 sugli edulcoranti destinati ad essere utilizzati nei prodotti alimentari Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 giugno 1994 sugli edulcoranti destinati

Dettagli

7. L etichettatura di alcune categorie di prodotti

7. L etichettatura di alcune categorie di prodotti L ETICHETTATURA DI ALCUNE CATEGORIE DI PRODOTTI. 7. L etichettatura di alcune categorie di prodotti Accanto ad una generale disciplina sull etichettatura, applicabile a tutte le categorie di prodotti alimentari,

Dettagli

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Corso di formazione sugli additivi alimentari 23 gennaio 2013 I edizione 24 gennaio 2013 II edizione Benevento Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Antonella Semeraro

Dettagli

Nutrizione e alimenti a fini medici specializzati

Nutrizione e alimenti a fini medici specializzati I MILLE VOLTI DELLA NUTRIZIONE Università degli Studi di Milano - Bicocca Auditorium Guido Martinotti Angelo Poggi Nutrizione e alimenti a fini medici specializzati www.digitalforacademy.com I MILLE VOLTI

Dettagli

Piante e derivati: tra novel food e integratori alimentari

Piante e derivati: tra novel food e integratori alimentari DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, SICUREZZA ALIMENTARE E ORGANI COLLEGIALI TUTELA SALUTE DIREZIONE GENERALE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Ufficio IV Piante e derivati: tra novel food

Dettagli

3. Morbo celiaco, compresa la variante clinica della dermatite erpetiforme.

3. Morbo celiaco, compresa la variante clinica della dermatite erpetiforme. D.M. 8-6-2001 Assistenza sanitaria integrativa relativa ai prodotti destinati ad una alimentazione particolare. Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 luglio 2001, n. 154. Epigrafe Premessa 1. Ambito di applicazione.

Dettagli

Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento?

Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento? PROGETTO AGRICOLTURA E ALIMENTAZIONE: BIODIVERSITÀ, CULTURA, AMBIENTE, INNOVAZIONE, SICUREZZA Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento? Milena Casali Istituto

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità

Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità Orientamenti ministeriali sull applicazione della nuova normativa sull etichettatura

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunitàeuropee

Gazzetta ufficiale delle Comunitàeuropee 12.7.2002 L 183/51 DIRETTIVA 2002/46/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 10 giugno 2002 per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli integratori alimentari (Testo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, SICUREZZA ALIMENTARE E ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE

Dettagli

DGISAN. Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

DGISAN. Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi

COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi ALLEGATO 2 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi SERVIZIO ATTIVITA EDUCATIVE PER L INFANZIA CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE ED IGIENICO- SANITARIE DI ALCUNI PRODOTTI ALIMENTARI DIETETICI PER LA PRIMA

Dettagli

ALIMENTI FUNZIONALI II Parte

ALIMENTI FUNZIONALI II Parte ALIMENTI FUNZIONALI II Parte Amedeo Schipani Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita Alimenti funzionali In Europa nel 1996, sotto il coordinamento dell ILSI (International Life

Dettagli

Allegato C.5 al Decreto n. 86 del 21 OTT 2015 pag. 1/13

Allegato C.5 al Decreto n. 86 del 21 OTT 2015 pag. 1/13 giunta regionale Allegato C.5 al Decreto n. 86 del 21 OTT 2015 pag. 1/13 Allegato 5 al Disciplinare di Gara REGIONE VENETO Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTI FUNZIONALI NUTRACEUTICA

INTEGRATORI ALIMENTI FUNZIONALI NUTRACEUTICA INTEGRATORI ALIMENTI FUNZIONALI NUTRACEUTICA Dott. Antonio Verginelli Concetto di salute Anni 50: Anni 80: Assenza di malattia Prevenzione 2000: Benessere psico-fisico Assenza di malattia OMS 1948 «La

Dettagli

01/02/2013 LE ETICHETTE ALIMENTARI. Docente Francesca Montuori

01/02/2013 LE ETICHETTE ALIMENTARI. Docente Francesca Montuori LE ETICHETTE ALIMENTARI Docente Francesca Montuori in Italia, la normativa vigente è il D.Lgs109/1992, che definisce l'etichetta di un alimento come "l'insieme delle menzioni, delle indicazioni, delle

Dettagli

CHIMICA DEGLI ALIMENTI

CHIMICA DEGLI ALIMENTI CHIMICA DEGLI ALIMENTI Alimento: sostanza che l organismo può assumere e metabolizzare per produrre l energia ed il calore necessari allo svolgimento delle funzioni vitali. Derrata alimentare (Codex Alimentarius,

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

ETICHETTATURA E CLAIMS NUTRIZIONALI DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA E CLAIMS NUTRIZIONALI DEGLI ALIMENTI ETICHETTATURA E CLAIMS NUTRIZIONALI DEGLI ALIMENTI REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC NOVEMBRE 2009 PREMESSA La ricerca scientifica sugli alimenti ha evidenziato che esiste un ampia gamma

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1301 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FALLICA, BERNARDO, CARLUCCI, CATONE, CICU, COLUCCI, D IPPOLITO VITALE, GERMANÀ, GIAMMANCO,

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele

Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele 22 maggio 2015 Basovizza Incontro informativo con gli apicoltori Dott. A. Fiordelisi Veterinario ufficiale A.A.S. n.1 Triestina Etichettatura

Dettagli

I claim nutrizionali e salutistici

I claim nutrizionali e salutistici I claim nutrizionali e salutistici Dr.ssa Flavia Milan Dirigente medico Referente area Nutrizionale Servizio Igiene degli alimenti e Nutrizione ASL NO NOVARA 27 Febbraio 2014 1 C ERA UNA VOLTA l Art. 2/1

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L

MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L Etichetta del Cacao e Cioccolato uno Novità Normative La normativa che disciplina il

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Le linee guida ministeriali sui probiotici BRUNO SCARPA Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio IV ex DGSAN Roma, 25 novembre 2013 Probiotici

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE STUCCHI, REGUZZONI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE STUCCHI, REGUZZONI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2548 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI STUCCHI, REGUZZONI Disposizioni per assicurare l informazione dei consumatori sul livello

Dettagli

I claims nutrizionali e salutistici

I claims nutrizionali e salutistici Verbania 19 febbraio 2014 I claims nutrizionali e salutistici Laura Bersani laura.bersani@lab-to.camcom.it ETICHETTATURA VOLONTARIA Riportare informazioni non obbligatorie - Tutela consumatore (art.2 del

Dettagli

REG. (CE) n. 1924/2006 Ruolo del Ministero

REG. (CE) n. 1924/2006 Ruolo del Ministero Modena 27 maggio 2009 REG. (CE) n. 1924/2006 Ruolo del Ministero Lucia Guidarelli Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali Regolamento claims campo di applicazione ETICHETTATURA PRESENTAZIONE

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

FOCUS: Test Made in Italy: i laboratori TÜV Italia per vincere sui mercati globali. Etichettatura alimentare e laboratori. TÜV Italia Journal 29

FOCUS: Test Made in Italy: i laboratori TÜV Italia per vincere sui mercati globali. Etichettatura alimentare e laboratori. TÜV Italia Journal 29 Etichettatura alimentare e laboratori TÜV Italia Journal 29 Le etichette alimentari e i controlli analitici indicati. L esperienza dei laboratori ph per scoprire cosa si nasconde dietro l etichettatura

Dettagli

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI.

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI. CARBOIDRATI. I carboidrati rappresentano la principale fonte di energia delle cellule. Essi fungono da combustibile di pronto e facile impiego e di maggior rendimento. I CARBOIDRATI possono essere divisi

Dettagli

Sostanza nutritiva, sostanza, alimento o categoria di alimenti

Sostanza nutritiva, sostanza, alimento o categoria di alimenti Art. 14(1) a e b - Indicazioni sulle salute fornite sui prodotti alimentari riguardanti la riduzione del rischio di malattia e lo sviluppo e la salute dei bambini AUTORIZZATE Sostanza nutritiva, sostanza,

Dettagli

Comunicazione e legislazione degli integratori alimentari

Comunicazione e legislazione degli integratori alimentari Comunicazione e legislazione degli integratori alimentari Monica Sciarroni Foro di Roma e-mail sciarroni.m@libero.it Riassunto Il settore salutistico e del benessere psico-fisico è sempre più proiettato

Dettagli

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana ATTIVITÀ SPORTIVA ENDURANCE ALIMENTAZIONE 2 1 ADEGUATO APPORTO DI TUTTI

Dettagli

Nuovo regolamento europeo CE 41/2009 sulla composizione ed etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine

Nuovo regolamento europeo CE 41/2009 sulla composizione ed etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine Associazione Italiana Celiachia Onlus Area Food Nuovo regolamento europeo CE 41/2009 sulla composizione ed etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine Susanna Neuhold

Dettagli

3. Consigli e strategie

3. Consigli e strategie Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 3. Consigli e strategie Raccomandazioni

Dettagli

SPORTELLO ETICHETTATURA E SICUREZZA ALIMENTARE

SPORTELLO ETICHETTATURA E SICUREZZA ALIMENTARE SPORTELLO ETICHETTATURA E SICUREZZA ALIMENTARE MODULO DI RISPOSTA RISPOSTA AL QUESITO: È possibile avere le indicazioni necessarie ad adattare una etichetta esistente al mercato europeo? In base ai dati

Dettagli

Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per I Assistenza Sanitaria n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE

Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per I Assistenza Sanitaria n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per I Assistenza Sanitaria n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE Marca da bollo MODELLO RIC data: 02.01.2015 Rev: 01 Oggetto:Istanza di

Dettagli

Disciplinare Tecnico di Produzione

Disciplinare Tecnico di Produzione Disciplinare Tecnico di Produzione Disciplinare Tecnico di Produzione di ArtiGelato Gelato Artigianale Tradizionale Garantito Tipo di prodotto Gelato artigianale. Denominazione del prodotto ARTIGELATO

Dettagli

Gli aspetti tecnici e le linee guida per la conformità delle etichette alimentari. Giovanna Rufo Milano, 18 novembre 2013

Gli aspetti tecnici e le linee guida per la conformità delle etichette alimentari. Giovanna Rufo Milano, 18 novembre 2013 Gli aspetti tecnici e le linee guida per la conformità delle etichette alimentari Giovanna Rufo Milano, 18 novembre 2013 CHI SIAMO AIDEPI, Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane,

Dettagli

NOVEL FOOD: QUADRO TECNICO NORMATIVO

NOVEL FOOD: QUADRO TECNICO NORMATIVO Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA SICUREZZA ALIMENTARE E GLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE Direzione Generale dell Igiene e Sicurezza, degli Alimenti

Dettagli

Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D.

Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D. Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D.lvo 109/92 e successivi,a carattere speciale DM 27/03/2002, E comunitaria

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello. Aliquota Iva da applicare alle cessioni di preparazioni alimentari per cani e gatti.

Oggetto: Istanza di interpello. Aliquota Iva da applicare alle cessioni di preparazioni alimentari per cani e gatti. RISOLUZIONE N. 210/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 novembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello. Aliquota Iva da applicare alle cessioni di preparazioni alimentari per cani e gatti.

Dettagli

ANALISI NUTRIZIONALE DI UN FRULLATO DI FRAGOLA, BANANA E GELATO ALLA VANIGLIA

ANALISI NUTRIZIONALE DI UN FRULLATO DI FRAGOLA, BANANA E GELATO ALLA VANIGLIA ANALISI NUTRIZIONALE DI UN FRULLATO DI FRAGOLA, BANANA E GELATO ALLA VANIGLIA Lavoro svolto nella classe 3AB, IIS "S.G.Bosco", sede staccata di Gazoldo degli Ippoliti (MN) - in collaborazione fra i docenti

Dettagli

Pediatria Preventiva e Sociale

Pediatria Preventiva e Sociale allattamento al seno è il modo naturale di alimentare L il lattante ed il bambino. L allattamento al seno esclusivo per i primi sei mesi assicura una crescita, uno sviluppo ed una salute ottimali. Dopo

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA COME

COMMISSIONE EUROPEA COME COMMISSIONE EUROPEA Come leggere Fiocchi di riso e di grano integrale, arricchiti di vitamine (B1, B2, B3, B6, acido folico, B12, C) e ferro Peso netto: DA CONSUMARSI PREFERIBILMENTE ENTRO Cereal Lite

Dettagli

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova.

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del 19 giugno 2006. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. (pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino L etichettatura dei prodotti alimentari Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Milano, 6 marzo 2015 ETICHETTATURA qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale,

Dettagli

del 29 settembre 2003 relativa all'etichettatura nutrizionale dei prodotti alimentari (90/496/CEE) (GU L 276 del 6.10.1990, pag.

del 29 settembre 2003 relativa all'etichettatura nutrizionale dei prodotti alimentari (90/496/CEE) (GU L 276 del 6.10.1990, pag. 1990L0496 IT 09.01.2004 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 24 settembre 1990 relativa all'etichettatura

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

X-TREME - SPORT DI FORZA

X-TREME - SPORT DI FORZA DURANTE E DOPO L ATTIVITA X-TREME FULL MUSCLES Zero Carbs La proteina superlativa : più veloce e più efficace! Grazie ai suoi ingredienti di alta qualità X-TREME FULL MUSCLES Zero Carbs viene assimilata

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Alimenti Funzionali. Convegno Associazione Dossetti I Valori - 23/05/08

Alimenti Funzionali. Convegno Associazione Dossetti I Valori - 23/05/08 Alimenti Funzionali Convegno Associazione Dossetti I Valori - 23/05/08 Background All interno delle società avanzate, siamo giunti ad una nuova frontiera della scienza nutrizionale; Da CONCETTO DI NUTRIZIONE

Dettagli

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa CLORELLA Contenuto 1 8 0 c o m p r e s s e d a 5 0 0 m g d i Chlorella Pyrenoidosa frantumata Clorella Bio con marchio di produzione Biologica della Comunità Europea Indicazioni Disintossicante, stai di

Dettagli

NORME DI PRODUZIONE MANGIMI TRASFORMATI per i prodotti da agricoltura biologica

NORME DI PRODUZIONE MANGIMI TRASFORMATI per i prodotti da agricoltura biologica INDICE Argomento Reg. (CE) n. 834/2007 Reg. (CE) n. 889/2008 Obiettivi della produzione biologica Art. 3 Principi della produzione biologica Art. 4; Art. 6 Divieto di uso di OGM Art. 9 Divieto di utilizzare

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

L etichettatura nutrizionale

L etichettatura nutrizionale Laura Bersani L etichettatura nutrizionale Novara 30 gennaio 2013 ALIMENTAZIONE NUTRIZIONE Consumatore richiede indicazioni sulla salute INFORMAZIONI NUTRIZIONALI Etichettatura nutrizionale volontaria

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

SCHEDA TECNICA RINFORZA-PediaSure

SCHEDA TECNICA RINFORZA-PediaSure SCHEDA TECNICA RINFORZA-PediaSure (gusto cioccolato n lista M990) (gusto vaniglia n lista M 713) Integratore nutrizionale completo, in polvere, per bambini da 1 a 10 anni. INDICAZIONI PRINCIPALI Pediasure

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 80 Informativa OGGETTO: Attività Produttive. Igiene alimenti e bevande.

Dettagli

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento

Dettagli

Alimentazione e sicurezza

Alimentazione e sicurezza Alimentazione e sicurezza I prodotti destinati ad una alimentazione particolare R&D Plada H.J.Heinz I prodotti destinati ad una alimentazione particolare Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

GUIDE AI DIRITTI. Integratori alimentari? Vai sul sicuro.

GUIDE AI DIRITTI. Integratori alimentari? Vai sul sicuro. GUIDE AI DIRITTI Integratori alimentari? Vai sul sicuro. Integratori alimentari? Vai sul sicuro. Camera di commercio industria artigianato e agricoltura di Torino. Tutti i diritti riservati. Vietata la

Dettagli

PRODOTTI DIETETICI: INQUADRAMENTO NORMATIVO E INTERFACCIA CON I NOVEL FOOD

PRODOTTI DIETETICI: INQUADRAMENTO NORMATIVO E INTERFACCIA CON I NOVEL FOOD Roma, 13 settembre 2011 PRODOTTI DIETETICI: INQUADRAMENTO NORMATIVO E INTERFACCIA CON I NOVEL FOOD Bruno Scarpa Ministero della salute DSPVNSA Direzione generale sicurezza alimenti e nutrizione Ufficio

Dettagli