08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale"

Transcript

1 08LUALAN RELAZIONE 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale La principale caratteristica dell area oggetto di intervento è la forte presenza dell area boscata, è l essere quasi estranea rispetto all ambiente circostante, una sorta di isola o oasi, è proprio da questa caratteristica che il progetto prende spunto per una sua possibile trasformazione. In questo senso il progetto proposto si impegna a riconoscere e esporre le ricchezze esistenti, l area di concorso consente infatti di immaginare un bosco urbano, in grado

2 di svolgere una molteplicità di ruoli, sia alla scala del quartiere di nuova formazione, sia alla scala del territorio. Si parte proprio dal ipotesi di recuperare tale area a verde, prevedendo il recupero dei due fabbricati esistenti posti lungo via I Maggio, prevedendo di realizzare la viabilità di progetto nell area già compromessa e ove vanno previste le demolizioni dei fabbricati esistenti, e infine prevedendo la costruzione dei nuovi edifici in aree con concentrazione quasi urbana, al fine di poter preservare il polmone verde sia in termini quantitativi, sia in termini qualitativi ( forma ellissoidale del bosco urbano che interagisce con la viabilità esistente e gli spazi limitrofi). Se ben si esamina tutte le opere dell uomo, un bel giardino è quella che offre la felicità più immediata ed autentica. Anche il paradiso è immaginato come un giardino. Questo mito è sicuramente profondo e significativo. Proprio partendo da questo assioma il progetto presentato prevede di immaginare una sorta di nuovo grande giardino pubblico, il verde come elemento significante. In ogni ambiente naturale ciascun componente rispetta un equilibrio raggiunto attraverso una lunga storia evolutiva, cosi il nuovo intervento proposto cerca di insediarsi preservando tale equilibrio. Gli interventi in progetto non solo sono pensati per rispondere agli aspetti di integrazione formale, visiva e ambientale, ma utilizzano tecniche costruttive e materiali (il verde come elemento compositivo), che seguono criteri di basso impatto ambientale. 2. illustrazione della proposta progettuale con riferimenti al quadro funzionale e della vita associata, alla storia ed al paesaggio del luogo La proposta suggerisce di realizzare nell area di concorso due differenti tipologie di spazio pubblico: la piazza pavimentata e il grande giardino o bosco urbano pubblico disseminato di percorsi pedonali e ciclabili, percorsi informativi e didattici, capaci di illustrare il raffinato scrigno ecologico conservatosi sino ad oggi. Il bosco urbano si mostra così come uno strumento di rivalutazione dell identità

3 territoriale, come luogo per la descrizione e l osservazione dei meccanismi che regolano l ecologia locale. La proposta progettuale presentata è flessibilmente modificabile in relazione allo sviluppo più dettagliato di un progetto necessariamente partecipato, e pertanto in questa fase serve solo da stimolo per le suggestioni che un nuovo giardino-urbano potrebbe significare per una nuova Rivalta. 3. illustrazione descrittiva della proposta progettuale Il progetto si articola su una sovrapposizione di più elementi geometrici elementari che rispondono a diverse funzioni che possono essere così sinteticamente descritti: a) il bosco urbano a forma elittica che come elemento centrale caratterizza tutto il disegno urbanistico della proposta, un giardino pubblico fruibile e un giardino quale immagine nuova di un infrastruttura quasi invasiva in termine di immagine, questo elemento verde garantirà anche un controllo ambientale degli spazi architettonici, inoltre muterà colore e tessitura con il mutare delle stagioni, venendo cosi a costituire un ulteriore elemento vivo interno al quartiere e al territorio. b) Il disegno semplice della nuova viabilità veicolare, che prevede la realizzazione di nuove rotatorie e che porterà ad un comodo accesso ai parcheggi di superficie e interrati della viabilità interna. c) Le due piazze a pianta ellissoidale e a servizio dell area recuperata dei due edifici esistenti e del nuovo blocco a servizi. d) Ia nuova edificazione a stecche od ali che prevede di realizzare sorti di piastre attrezzate a più livelli. Con piani interrati e a raso destinati a parcheggi di uso pubblico e privato con accesso diretto dalla viabilità principale e volumetrie che liberamente in termini volumetrici ed architettonici si svilupperanno sotto le ampie coperture ad ali,

4 atte ad ospitare sistemi di pannelli solari e fotovoltaici, con una riduzione della sede veicolare a vantaggio di un nuovo parco-giardino di libera fruizione. e) I due nuovi blocchi a servizi organizzati attorno alla piazza, e dotati di parcheggi interrati, una sorta di porta verde di accesso al nuovo quartiere. f) La sistemazione dei due fabbricati esistenti con la realizzazione di un nuovo corpo centrale da destinarsi ai collegamenti e agli accessi ai servizi presenti ( con ipotesi di realizzare un nuovo volume cilindrico atto ad ospitare sale spettacoli). g) La realizzazione di un area mercatale coperta in prossimità della nuova piazza e dei servizi generali, e del parcheggio interrato, che amplieranno la fruibilità della piazza medesima. h) la realizzazione di una fitta rete di percorsi pedonali e ciclabili in attraversamento dell area nel suo complesso. Il progetto presenta indicazioni di massima sull utilizzo degli spazi e vuole costituire una sola suggestione sui suoi possibili utilizzi. 4. illustrazione sintetica, delle azioni proposte in relazione: h) alla loro sostenibilità tecnico-economica-amministrativa contestualizzata con gli strumenti urbanistici e la normativa vigente Si possono su questo settore attivare politiche di sviluppo territoriale pensate in un ottica complessiva dall assetto urbanistico all ecologia, allo sviluppo economico di un tale giardino-quartiere. Le politiche della promozione sociale e culturale di Rivalta, dovranno riorientare le politiche di promozione per recuperare dignità e spazio competitivo a quest area, e

5 valorizzare un patrimonio unico dal punto di vista ambientale e quindi economico. Nel nuovo quartiere oltre alla residenza, occorre promuovere attraverso tipologie architettoniche flessibili, e con decisione, un ambiente che produce conoscenza, che brevetta nuove applicazioni, che sostiene l auto-imprenditorialità, aiutando in particolare la nascita di imprese ad elevato potenziale tecnologico, che sperimenta forme di connessione e reciproco sostegno tra nuova e vecchia economia, che sviluppa inedite modalità di collaborazione tra mondo dell impresa, della ricerca e dei servizi, attrae risorse dalla città e dall esterno. Lo sviluppo economico è il basamento della cultura di un territorio, in tal senso il principio della sostenibilità è connesso, oltre che ai vincoli ambientali alle potenzialità latenti che il territorio custodisce, a quelle caratteristiche uniche dell ambiente sociale, economico e fisico che determinano le peculiarità del territorio di Rivalta. La necessità di dover sviluppare servizi tecnologici avanzati a supporto della produzione, riqualificazione del contesto urbano previsto, attività oltre alla residenza che in generale abbiano un impatto ecosostenibile sul territorio, per favorire la circolazione di idee, di intelligenze, sarebbero senz altro incoraggiate dalla presenza di un progetto di sistemazione urbana sperimentale a struttura leggera ma al tempo stesso solida, nuova ma vecchia, a continuare a valorizzare una cultura locale, con nuovi obbiettivi e nuove ambizioni. Le informazioni seguenti sintetizzano le scelte relative ai parametri urbanistici, la scelta della realizzazione del nuovo bosco urbano, comporta l incremento del carico urbanistico sulle arre limitrofe, attribuendo alle aree su cui si va ad intervenire una densità più urbana, garantendo allo stesso tempo la più ampia ed unitaria disoponibilità di spazi verdi (il bosco urbano), e ottenendo contemporaneamente una quantità e qualità degli spazi pubblici, configurabili come urbani. I Parametri urbanistici, progettuali previsti dal concorso sono ampiamente rispettati, tenendo conto anche della tipologia proposta dei volumi ulteriormente scavabili e ampiamente e liberamente articolabili sia in termini volumetrici che in termini architettonici, sotto le ampie ali di copertura previste in progetto. Il progetto è ampiamente flessibile e ulteriormente sviluppabile anche per quanto riguarda le tipologie architettoniche degli alloggi realizzabili ( alloggi a un piano, duplex sfruttando la strada o corte interna, uffici, piccoli spazi commerciali e di servizio.), ricostruendo una trama tipicamente urbana esistente ad oggi solo nella città storica.

6 i) alla cronologia delle fasi attuative e delle priorità di intervento Il progetto prevede una sua possibile realizzazione per stralci funzionali successivi da gestire come prima detto nel contesto di una progettazione partecipata. j) al rapporto tra investimenti previsti e ritorno economico generato dalle scelte funzionali, operative e progettuali praticate L investimento relativo alla realizzazione del quartiere-giardino sarà senz altro utile ad attrarre nuovi investitori, potrà costituire l elemento catalizzatore di un progetto partecipato. Occorre ed è opportuno il coinvolgimento di risorse pubbliche e private in progetti d investimento, attraverso le molteplici opportunità offerte dalla finanza di progetto, la programmazione territoriale non va intesa però come un processo rigido imposto autoritariamente dall alto, ma deve essere pensato come un processo che si costruisce dal basso, a partire dalle progettualità e dalle opportunità che un territorio custodisce e che trova riscontri di compatibilità con le scelte di scala superiore.

IL CANNOCCHIALE VERDE

IL CANNOCCHIALE VERDE RELAZIONE DI APPROFONDIMENTO TEMATICO IL CANNOCCHIALE VERDE Codice: GOUDRON8 PERCORSO PROGETTUALE Il CANNOCCHIALE VERDE In questa sintetica metafora crediamo di aver racchiuso l intento, gli obiettivi

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 Ricostruzione dell'isolato di via Frigia - via Capelli attraverso la realizzazione di nuova residenza, attività commerciali e un parcheggio pubblico; creazione

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE La ZIP Nord 1.500.000 mq di superficie complessiva Oltre 150 lotti attrezzati Oltre 450 proprietari

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

Il quartiere solare di Linz

Il quartiere solare di Linz Il quartiere solare di Linz di Giordana Castelli La città solare di Linz è un caso di eccellenza dal punto di vista della sostenibilità sociale ed ambientale ed è il risultato della volontà dell amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI SOSTENIBILITA AMBIENTALE

REGOLAMENTO DI SOSTENIBILITA AMBIENTALE Legge regionale 03 gennaio 2005, n. 1 Norme per il governo del territorio. Art. 01 - Oggetto e finalità della legge Comma 2. Ai fini di cui al comma 1, i comuni, le province e la Regione perseguono, nell'esercizio

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

VERSO UNO SVILUPPO SOSTENIBILE

VERSO UNO SVILUPPO SOSTENIBILE VERSO UNO SVILUPPO SOSTENIBILE uno sviluppo che soddisfa le esigenze del presente senza compromettere la possibilità delle future generazioni di soddisfare le proprie Relazione Bruntland Garantire la qualità

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Progetto Cascine Conoscenza e consistenza del patrimonio rurale storico piemontese

Progetto Cascine Conoscenza e consistenza del patrimonio rurale storico piemontese Assessorato Urbanistica Pianificazione Territoriale e dell area metropolitana, Edilizia Residenziale Progetto Cascine Conoscenza e consistenza del patrimonio rurale storico piemontese Progetto Cascine

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

LE AREE OGGETTO DI STUDIO

LE AREE OGGETTO DI STUDIO Comune di SARMATO Provincia di PIACENZA PROGETTO DI RECUPERO E VALORIZZAZIONE AREE EX ZUCCHERIFICIO ERIDANIA REALIZZAZIONE DI UN PARCO FOTOVOLTAICO ALL INTERNO DEL COMPARTO APEA LE AREE OGGETTO DI STUDIO

Dettagli

Studio di pre-fattibilità

Studio di pre-fattibilità Studio di pre-fattibilità Oggetto: Progetto per la realizzazione, in regime di Project Financing, di un parcheggio multipiano in Tricase Piazza Card. Panico. Premessa Il presente studio riguarda la realizzazione,

Dettagli

Il Parco Scientifico e Tecnologico (PST) di Genova. Scienza, Tecnologia e MARKETING

Il Parco Scientifico e Tecnologico (PST) di Genova. Scienza, Tecnologia e MARKETING Il Parco Scientifico e Tecnologico (PST) di Genova Scienza, Tecnologia e MARKETING COS E Il Parco Scientifico Tecnologico di Genova (PST) è il più grande finora concepito in Italia ed è nato per iniziativa

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

ADESSO!PISTOIA QUALI POLITICHE PER IL CENTRO STORICO

ADESSO!PISTOIA QUALI POLITICHE PER IL CENTRO STORICO ADESSO!PISTOIA QUALI POLITICHE PER IL CENTRO STORICO Queste brevi riflessioni vogliono costituire uno stimolo al dibattito su un tema centrale per la vita di Pistoia, vale a dire sulla questione dell assetto

Dettagli

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE IL PROGETTO PILOTA DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA RISOLUZIONE URBANISTICA DELLA MAGLIA 21 ESPANSIONE C2 SCOPRIAMO BARI: STRUMENTI

Dettagli

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE VARIANTE DI PIANO REGOLATORE COMPARTO VALERA NORME DI ATTUAZIONE DEL PR (Estratto) Versione per la prima consultazione Studi Associati sa via Zurigo 19 CP 4046 CH-6904 Lugano tel. +41 091 910 17 30 fax

Dettagli

Complesso di Aule e Servizi presso Ospedale San Luigi

Complesso di Aule e Servizi presso Ospedale San Luigi Complesso di Aule e Servizi presso Ospedale San Luigi Il nuovo complesso di Aule e Servizi agli Studenti della Facoltà di Medicina e il nuovo Istituto di Ricerca Scientifica della Fondazione Cavalieri

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

Situazione attuale degli accessi

Situazione attuale degli accessi Situazione attuale degli accessi Attualmente gli accessi al quartiere fieristico si rivolgono prevalentemente verso la città per il naturale effetto delle dinamiche di traffico fino ad ora esistite nel

Dettagli

Elaborati del Project Work

Elaborati del Project Work Elaborati del Elaborato 6 - Strategie ed indirizzi progettuali L elaborato definisce gli indirizzi e le grandi scelte progettuali per l intero quartiere in relazione al proprio contesto territoriale, oltre

Dettagli

Edilizia popolare. Valore per la città. La casa pubblica a Milano: processi integrati di rigenerazione urbana

Edilizia popolare. Valore per la città. La casa pubblica a Milano: processi integrati di rigenerazione urbana Comune di Milano Direzione Centrale Casa Settore Politiche per la Casa e Valorizzazione Sociale Spazi Servizio Contratti di Quartiere e Rigenerazione Urbana Edilizia popolare. Valore per la città La casa

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana INDICE Considerazioni di base e concetti introduttivi Riferimenti normativi Obiettivi Metodologia di lavoro Elenco dei beni censiti Schedatura degli immobili pubblici o di tipo pubblico Cenni sulle problematicità

Dettagli

PIU Progetti di Innovazione Urbana 3 Dicembre 2015 Teatro del Popolo Colle di Val d Elsa

PIU Progetti di Innovazione Urbana 3 Dicembre 2015 Teatro del Popolo Colle di Val d Elsa Poggibonsi e Colle di Vald Elsa nella Programmazione Europea 2014-2020 PIU Progetti di Innovazione Urbana 3 Dicembre 2015 Teatro del Popolo Colle di Val d Elsa Nuovi fondi europei: opportunitàper il territorio.

Dettagli

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area In questi mesi l Amministrazione ha presentato ai cittadini, nel corso di numerosi incontri pubblici, l ipotesi di riqualificazione

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni Comune di Ghedi Provincia di Brescia Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO A Piani di recupero del centro antico Approvato con delibera C.C. n.17 del

Dettagli

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale COMUNITA' ALTO GARDA E LEDRO PIANO TERRITORIALE DELLA COMUNITA' PIANO STRALCIO IN MATERIA DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE art. 25 bis, comma 1 bis l.p.4 marzo 2008, n.1 NORME TECNICHE

Dettagli

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n PLEOSINVEST SAS DI BARBIERO MARIO BOSELLO LILIANA A VARIANTE AMBITO E DEL PDL DI VIA TREVISO APPROVATO CON DELIBERA G.C. 17/2012 E 64/2012 RELAZIONE DICHIARAZIONI

Dettagli

FILOSOFIA CREA INSIEME A NOI IL TUO SPAZIO!

FILOSOFIA CREA INSIEME A NOI IL TUO SPAZIO! FILOSOFIA Spazio è la nuova filosofia dell abitare sensibile, è una dimensione a misura d uomo che ha come obiettivo una migliore qualità della vita, concentrata sul confort, l innovazione, la sostenibilità

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

Ampliamento del centro sportivo Lakua a Vitoria, Spagna

Ampliamento del centro sportivo Lakua a Vitoria, Spagna Progetti Carmen Murua Planimetria. Nella pagina a fianco: veduta della facciata principale. I Paesi Baschi, una delle regioni del nord della Spagna, costituiscono un territorio di grande bellezza naturale,

Dettagli

Progettiamo e costruiamo per farvi vivere ed abitare...

Progettiamo e costruiamo per farvi vivere ed abitare... EZZOLOMBARDO Una filosofia costruttiva che guarda al futuro Cos è liberi nel verde Progettiamo e costruiamo per farvi vivere ed abitare... È una filosofia d avanguardia, per un abitazione che guarda al

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER Progetto di riqualificazione e riconversione dell edificio Ex-Westinghouse in centro di competenza nel campo dell innovazione energetico-ambientale

Dettagli

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE pag.1 INDICE PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

RELAZIONE GENERALE CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL NUOVO CENTRO CIVICO E SOCIALE NEL COMUNE DI VIGOLZONE

RELAZIONE GENERALE CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL NUOVO CENTRO CIVICO E SOCIALE NEL COMUNE DI VIGOLZONE RELAZIONE GENERALE CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL NUOVO CENTRO CIVICO E SOCIALE NEL COMUNE DI VIGOLZONE SEMPLICITA, COMUNITA, ENERGIA Un Centro Civico e Sociale per Vigolzone L ARCHITETTURA

Dettagli

SARONNO RIGENERAZIONE DELL AREA EX INDUSTRIALE EX POZZI GINORI. via padre luigi sampietro via fratelli cervi via balasso PGT

SARONNO RIGENERAZIONE DELL AREA EX INDUSTRIALE EX POZZI GINORI. via padre luigi sampietro via fratelli cervi via balasso PGT SARONNO RIGENERAZIONE DELL AREA EX INDUSTRIALE EX POZZI GINORI via padre luigi sampietro via fratelli cervi via balasso PGT ATU Ambito di Trasfromazione Urbana DESCRIZIONE DELL AMBITO IL PIANO DEL GOVERNO

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Casa dell Architettura - Roma 24 gennaio 2013 USO PUBBLICO DELLE CASERME progetti di città nelle aree militari in dismissione I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Coordinamento Cittadino Progetto

Dettagli

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE 29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE INTRODUZIONE L idea per la nuova biblioteca di maranello, nasce innanzitutto da due

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

INES LOBO LISBON, PORTOGALLO

INES LOBO LISBON, PORTOGALLO arcvision Prize Women and Architecture 2014 La Vincitrice INES LOBO LISBON, PORTOGALLO Ines Lobo, laureata all Università Tecnica di Lisbona (FAULT,1989), è la vincitrice della seconda edizione dell arcvision

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Comune di Faenza Settore Territorio

Comune di Faenza Settore Territorio Comune di Faenza Settore Territorio La sostenibilità a Faenza Un percorso coerente dalla bioarchitettura alla biourbanistica La sostenibilità a Faenza (le domande a cui rispondere) Perché si possa definire

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

BAGLIONI COSTRUZIONI Una storia concreta. VANTAGGI DA VIVERE Un presente di prestigio. VANTAGGI DA VIVERE Rispettando l ambiente

BAGLIONI COSTRUZIONI Una storia concreta. VANTAGGI DA VIVERE Un presente di prestigio. VANTAGGI DA VIVERE Rispettando l ambiente INDICE: BAGLIONI COSTRUZIONI Una storia concreta PALAZZO 900 Passato e Futuro VANTAGGI DA VIVERE Un presente di prestigio VANTAGGI DA VIVERE Rispettando l ambiente VANTAGGI DA VIVERE In posizione strategica

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

Pianificazione territoriale e sviluppo economico

Pianificazione territoriale e sviluppo economico LIFE AMBIENTE ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE L ENERGIA E L AMBIENTE Pianificazione territoriale e sviluppo economico PROVINCIA DI ROVIGO INIZIATIVE IMMOBILIARI INDUSTRIALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

Il complesso edilizio NEGOZI. Il nuovo segno sul territorio della città di Udine

Il complesso edilizio NEGOZI. Il nuovo segno sul territorio della città di Udine Il complesso edilizio MERIDIANA si compone di 6 piani per un totale di 50 mila metri cubi con tre differenti destinazioni d uso: Spazi commerciali sono disponibili al piano terra e 1 piano Uffici e ambienti

Dettagli

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA ADOTTATO NEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/07/15 IL PIANO ATTUATIVO DELL AREA AT1 (EX MEDASPAN), ADESSO IL PIANO PASSA ALLA FASE DI ANALISI DELLA REGIONE FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata 1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata interessata da profondi fenomeni di trasformazione dell apparato

Dettagli

Il contributo delle Associazioni di Categoria. Prof. Ing. Paolo Rigone

Il contributo delle Associazioni di Categoria. Prof. Ing. Paolo Rigone Il contributo delle Associazioni di Categoria Prof. Ing. Paolo Rigone Uncsaal, l Unione Nazionale Costruttori Serramenti Alluminio Acciaio e Leghe, è l Associazione confindustriale delle imprese italiane

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

materiali didattici per il corso Programmi di Riqualificazione Urbana a.a. 2008-2009, Fabrizio Bottini

materiali didattici per il corso Programmi di Riqualificazione Urbana a.a. 2008-2009, Fabrizio Bottini Un caso di retail-led regeneration britannica inserito in una visione complessiva di sviluppo urbano e coinvolgimento dell impresa privata a fini complessi di carattere economico, sociale, urbanistico

Dettagli

Sardegna. Strategia di valorizzazione per i territori storici. I risultati del bando Biddas

Sardegna. Strategia di valorizzazione per i territori storici. I risultati del bando Biddas Sardegna. Strategia di valorizzazione per i territori storici. I risultati del bando Biddas Marco Melis Direttore Generale Assessorato dell Urbanistica STRATEGIE E PROCESSI DI VALORIZZAZIONE DEI TERRITORI

Dettagli

Prefettura di Roma Comune di Roma Provincia di Roma Regione Lazio PATTO PER ROMA SICURA

Prefettura di Roma Comune di Roma Provincia di Roma Regione Lazio PATTO PER ROMA SICURA PATTO PER ROMA SICURA CONSIDERATO che il diritto alla sicurezza ed alla qualità della vita urbana è una priorità che richiede, a fronte di problematiche complesse, l azione congiunta e sinergica di più

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

INTEGRAZIONE E COMUNITA LOCALE CENTRO PROFESSIONALE COMUNALE CORSI PROPEDEUTICI: FALEGNAMERIA E IMPIANTI ELETTRICI

INTEGRAZIONE E COMUNITA LOCALE CENTRO PROFESSIONALE COMUNALE CORSI PROPEDEUTICI: FALEGNAMERIA E IMPIANTI ELETTRICI INTEGRAZIONE E COMUNITA LOCALE CENTRO PROFESSIONALE COMUNALE CORSI PROPEDEUTICI: FALEGNAMERIA E IMPIANTI ELETTRICI DESCRIZIONE DEL PROGETTO La presenza nel territorio di centri per il recupero scolastico

Dettagli

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO GENERALE Il progetto nasce dalla volontà di riqualificare Piazza Carmelitani attraverso un insieme sistematico di interventi

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA INTRODUZIONE La ZIP di Padova, ha rappresentato e certamente ancora rappresenta una

Dettagli

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola.

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. ALLEGATO 2 Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. Approvate dalla Giunta Provinciale con Deliberazione n. 22 del 18 Febbraio 2014 Palazzo

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

PERCHE. OFFICINA CREATIVA NASCE DALl IDEA DI RIGENERARE E VALORIZZARE AREE URBANE DISMESSE ATTRAVERSO L INSEDIAMENTO DI REALTÀ CREATIVE E CULTURALI.

PERCHE. OFFICINA CREATIVA NASCE DALl IDEA DI RIGENERARE E VALORIZZARE AREE URBANE DISMESSE ATTRAVERSO L INSEDIAMENTO DI REALTÀ CREATIVE E CULTURALI. PERCHE MATADERO_MADRID, SPAGNA OFFICINA CREATIVA NASCE DALl IDEA DI RIGENERARE E VALORIZZARE AREE URBANE DISMESSE ATTRAVERSO L INSEDIAMENTO DI REALTÀ CREATIVE E CULTURALI. UN PROGETTO CHE HA L AMBIZIONE,

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

UBICAZIONE Il Comune di Legnano

UBICAZIONE Il Comune di Legnano Ex Fonderia LEGNANO UBICAZIONE Il Comune di Legnano Il Comune di Legnano ha 60.000 abitanti ed è situato a circa 20 km a nord ovest di Milano. L area della Ex Fonderia, inserita in un contesto prettamente

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

SCHEDA n 5 Perugia, Italia, Percorsi Meccanizzati

SCHEDA n 5 Perugia, Italia, Percorsi Meccanizzati SCHEDA n 5 Perugia, Italia, Percorsi Meccanizzati Luogo Popolazione residente Descrizione Perugia 158.313 abitanti La particolare conformazione planoaltimetrica del centro di Perugia, in cui sono concentrate

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO Committente: Fondazione Fiera Milano Progettisti: Massimiliano Fuksas -Studio Altieri, Lombardi & Associati e altri Soggetto attuatore: Fondazione Fiera Milano Inizio attività: Anno 2002 Ultimazione lavori:

Dettagli

SMART SWAP BUILDING un progetto strategico ASTER. "Riuso, rigenerazione urbana e sostenibilità energetica nelle città"

SMART SWAP BUILDING un progetto strategico ASTER. Riuso, rigenerazione urbana e sostenibilità energetica nelle città UNA MANIFESTAZIONE DI IN CONTEMPORANEA CON SMART SWAP BUILDING un progetto strategico ASTER "Riuso, rigenerazione urbana e sostenibilità energetica nelle città" ASTER ASTER èla società regionale che, dal

Dettagli

Ristrutturazione urbana del complesso della Caserma Demaniale Di Tullio Progetto preliminare

Ristrutturazione urbana del complesso della Caserma Demaniale Di Tullio Progetto preliminare Ristrutturazione urbana del complesso della Caserma Demaniale Di Tullio Progetto preliminare Macerata 2002 Massimo e Gabriella Carmassi L area demaniale Di Tullio di forma rettangolare occupa il margine

Dettagli

Messinscena: relazione programmatica.

Messinscena: relazione programmatica. Messinscena: relazione programmatica. L intervento per la ristrutturazione del Teatro Vittorio Emanuele di Messina si articola seguendo un piano programmatico che, rispettoso della preesistenza, mira a

Dettagli

Insert BiM CONCORSO DI PROGETTAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

Insert BiM CONCORSO DI PROGETTAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE Insert BiM CONCORSO DI PROGETTAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE La cittadinanza è legata al proprio territorio da legàmi memoriali ed affettivi e quando la città si trasforma

Dettagli

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO SPORTELLO EUROPA Comune di Fonte Nuova COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO I nostri uffici si trovano in via Palombarese 225 presso la delegazione del Comune di Fonte Nuova e sede del Centro

Dettagli

GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT

GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT A cura di Giulia Oriani, Franco Beccari Redazione Ciessevi Con la collaborazione di Legambiente Milano Si ringrazia il Comune di Milano per il contributo

Dettagli

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 6 Comparti sottoposti a ristrutturazione edilizia

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO

REGOLAMENTO ATTUATIVO Comune di Marcon Provincia di Venezia Valutazione di Compatibilità Strategica (VCS) REGOLAMENTO ATTUATIVO Ai sensi dell art. 18, commi 8, 9 e 10 delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano di Assetto

Dettagli

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO Comune di Milano Settore Concessioni e Autorizzazioni Edilizie QUADERNI TECNICI SULLA FRUIBILITÀ AMBIENTALE Guida alla progettazione senza barriere architettoniche secondo l applicazione delle prescrizioni

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Prova pratico-grafica (6 ore) 1 Tema Progetto di Villa Urbana

Dettagli

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA Proprietà : COOP. S. GONDA. Progetto : Arch. Alessio Cantini Arch. Marco Benassai Ing. Sirio Chilleri RELAZIONE

Dettagli

Complesso Residenziale Carducci. Viale Carducci 34-36 Abitare la Modernità nel Centro Storico

Complesso Residenziale Carducci. Viale Carducci 34-36 Abitare la Modernità nel Centro Storico Complesso Residenziale Carducci Viale Carducci 34-36 Abitare la Modernità nel Centro Storico Complesso Residenziale Carducci Abitare la Modernità nel Centro storico a Imola il progetto La riqualificazione

Dettagli

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello DEEPER UNDERGROUND RELAZIONE GENERALE Criteri Progettuali L idea progettuale di base, per la realizzazione

Dettagli